Abbiamo spaventato anche il Milan, per ora mi accontento

Zero punti: la doppia sfida di ferro a Juventus e Milan si chiude così, nel sacco ci sono solo le pive. Amen, non sono queste le partite in cui costruire il nostro cammino salvezza e poi, tutto sommato, resta l’orgoglio di avere visto Bernardeschi prima e Tomori poi restare a terra per svariati minuti nei finali di gara, con il terrore negli occhi e la Corsica dipinta negli slip.

Juve e Milan, dunque, devono essere il punto di partenza della strada verso la conferma in serie A: guai se fossero due vani acuti, devono essere l’esempio con cui si affrontano da qui in avanti tutte le partite. Anche se ovviamente molte cose devono essere aggiustate.

Torno, e temo che non sarà l’ultima volta, sulla difesa: attenzione, ho scritto difesa e non ‘fase difensiva’, ch’era poi il problema dell’anno scorso. Quest’anno l’atteggiamento è diverso, la squadra sa spingere ma anche ripiegare, è meno estrema nell’assalto agli avversari e più armoniosa nei movimenti in campo: però continua a prendere gol con tutte le pedine perfettamente piazzate. Una volta è responsabilità del singolo, altre volte non scattano come dovrebbero i naturali meccanismi: è un problema serio, lo affermo senza nascondermi, perché stiamo prendendo davvero troppi gol. 2 a Cagliari, 6 a Roma, 1 con Udinese e Venezia, 2 con Juve e Milan: 14 gol in 6 partite sono tantissimi, specialmente a fronte di prestazioni (Lazio a parte) assolutamente impeccabili.

Anche l’attacco va registrato, ma questo è forse un problema più sopportabile: da un lato perché ci sono ancora diversi giocatori che devono trovare il giusto spazio, dall’altro perché comunque le occasioni e le alternative non sono mancate. Qui il problema è forse di intesa nel reparto, di gerarchie e ruoli che devono essere ancora ben definiti. Il tempo è dalla nostra parte.

Comunque oggi mi sono piaciute tante cose: la manovra è fluida, le opportunità da rete sono state tante e mentalmente, uno dei problemi che avevo segnalato nel precedente post, la squadra ha retto benissimo al vantaggio del Milan e alla qualità degli avversari. Non possiamo lamentarci.

Ora comincia il nostro campionato: Verona, Salernitana, Genoa e Sampdoria in fila, quattro avversarie diverse ma tutte a loro modo affrontabili con molte ambizioni. Specialmente giocando come stiamo facendo in questa stagione. Sarà allora, dopo queste quattro sfide, che potremo iniziare a intravedere il reale valore della nostra squadra.

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli