La sfida di Sheva e la prima mossa pesante degli americani

Dispiace per Ballardini che ha pagato per tutti, ma l’esonero del romagnolo ha aperto le porte alla prima vera mossa degli americani: Andrij Shevcenko. Un asso dal punto di vista mediatico e si spera anche pragmatico. Il Genoa è messo molto male in classifica e con un calendario da brividi per la rosa attuale peraltro falcidiata da infortuni. Il mercato di gennaio purtroppo è ancora lontano e in queste ultime sette partite dj andata Sheva dovrà galleggiare con quello che ha. Per lui (con Tassotti e Maldera) su tratta di una sfida difficile, ma il fatto di aver accettato significa che l’ucraino ha coraggio. Il resto lo hanno fatto i nuovi padroni del Grifone buttando sul piatto un ingaggio triennali di diversi milioni. Questo è il segnale della discontinuità col passato che i tifosi aspettavano. D’altronde col closing alle porte l’aspettativa si stava alzando. Ora ognuno faccia la sua parte ier uscire dai guai: i tifosi rendendo meno gelido lo stadio, l’opinione pubblica che può fare forza visti i nomi accostati al mercato e a quello del futuro direttore sportivo e i giocatori che è ora che abbiano più determinazione anche se, va detto, mai hanno sbragato e lo dimostrano le numerose rimonte collezionate. Piedi per terra, umiltà e serietà. Il Genoa è ad una svolta storica ma difendere la serie A da cui il prossimo anno si potrebbe ripartire con più ambizioni è tutta ancora da difendere. Che sua chiaro perché se non si capisce questo, sarà un disastro. ( foto Genoa Cfc)

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on telegram
Share on email

2 risposte

  1. Io sono contento a metà: sono contento che balla sia andato via perché non ne potevo più, però non sono contento perché aver cambiato adesso significa che Gasperini non potrà ritornare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli