UOVO MEZZO… PIENO

3 Apr 2021 by Maurizio.Michieli, 215 Commenti »

Poteva essere una Pasqua sontuosa, con una vittoria alla scala del calcio. Ma alla fine la Sampdoria ha dovuto accontentarsi di un pareggio, che però rischiava anche di tramutarsi in sconfitta. Dunque, va bene così, l’uovo va considerato mezzo pieno, anche se sino all’espulsione di Silva e al gol di Hauge se c’era una squadra che meritava i tre punti era quella di Ranieri. Molto più del Milan, che di fatto ha giocato soltanto gli ultimi venti minuti, che per poco tuttavia non gli bastavano a rovinare integralmente la festa alla Samp. Nel primo tempo un quasi totale dominio blucerchiato, con Donnarumma che aveva dovuto disimpegnarsi prima sulla conclusione a giro di Gabbiadini e poi sul colpo di testa di Thorsby. In mezzo, Damsgaard non era stato abbastanza veloce a capitalizzare un delizioso assist dello stesso Gabbiadini. Nella ripresa al 12° la Sampdoria era passata in vantaggio con Quagliarella, abile a sfruttare un clamoroso errore in fase di alleggerimento di Theo Hernandez. Il capitano raggiungeva la doppia cifra in classifica marcatori e festeggiava il virtuale prolungamento del contratto, che sarà firmato quando Ferrero tornerà da un altro viaggio all’estero. Strada spianata verso i tre punti? Macché, Adrien Silva già ammonito commetteva un altro ingenuo fallo da dietro e veniva espulso. Sampdoria in dieci e Milan rivitalizzato. La formazione di Ranieri teneva botta anche in inferiorità numerica, sinché Hauge a tre minuti dalla fine non trovava lo spiraglio giusto per superare Audero. Scattava l’assalto a forte Apache e prima Audero si opponeva ad una forte conclusione da fuori di Chalanoglu poi Kessie veniva stoppato dal palo. Terminava 1-1, con entrambe le squadre che per motivi diversi hanno qualcosa da recriminare ma il risultato è ecumenicamente giusto. Buona Pasqua a tutti.

215 Commenti

  1. Claudio ha detto:

    La Samp ha fatto una gran partita per un’ora.
    Poi ci ha pensato l’arbitro a riequilibrare le forze in campo, espulsione, ammonizioni, falli, il campo negli ultimi 20 minuti era fin troppo in discesa per i rossoneri e mi meraviglio che non si abbia perso.
    In 10 eravamo in palese sofferenza, non mi spiego perché si sia aspettato a prendere l’1-1 per immettere forze fresche.
    “Ottime” le uscite ne carne ne pesce di Audero sul gol del pareggio e quella con mani fuori area alla fine (salvati da un fuorigioco rossonero).
    Siamo salvi, va bene così.
    Buona Pasqua a tutti.

  2. petrino ha detto:

    due punti regalati con il Cagliari, e due punti regalati con il Milan.
    L’ errore di Keita, recidivo in questi errori marchiani, fa il paio con quello di Hernandez .
    E alla fine hanno anche rischiato di buscarle e sarebbe stata l’ ennesima beffa.

    • Fra Zena ha detto:

      Perché ennesima? A parte il cagliari al ritorno, quali grandi beffe abbiamo subito quest’anno?

    • Frank ha detto:

      Ma come si fa ad imputare la colpa di un gol subito per una palla persa in attacco?

      • Fra Zena ha detto:

        Concordo

        • El Cabezon ha detto:

          Ohhh, bravo Frank,
          ben detto!
          Questa cosa non la sopporto proprio!
          Come nel derby di Coppa Italia, quando il gol del pareggio delle rumente,
          in contropiede (!) fu addebitato ad un malinteso tra Bereszynski e Leris sull’out di destra, certo i due sbagliarono, ma tra loro e Audero c’erano 80 metri di campo…

      • Gianluca ha detto:

        Silva come fa a fare un fallo così inutile?

    • Maurizio ha detto:

      beh insomma!!! non puoi paragonare i due errori dai…Keita ora è diventato il capro espiatorio, tutte le colpe sono sue. Sul gol ha sicuramente più responsabilità Audero. Keita non può giocare da solo per tenere palla in avanti, deve giocare lanciato negli spazi in contropiede

      • ROBY LEVANTE ha detto:

        Perfettamente d’accordo con Maurizio.Keità ha bisogno di essere lanciato e non c’e nessuno capace di farIo.Il fatto che abbia perso la palla in attacco e da lì sia nato il goal del Milan è pretestuoso.La Samp.,In 10 uomini, non doveva sbilanciarsi e rischiare,come è successo, di essere buggerata in contropiede.Peccato ,abbiamo perso una sicura occasione e siamo stati puniti.Comunque una bella prestazione e finalmente Ranieri ha messo in campo la giusta formazione.Forza Samp.

  3. Massimiliano ha detto:

    Buonissima prova, peccato per l’ingenuità di Silva, Damsgaard e Gabbiadini hanno dato qualità a questa squadra. Bravi tutti, avanti così fino alla fine.

    • Stefano1970 ha detto:

      Premesso che a me monopiede non piace… Quale qualità avrebbe portato Gabbiadini nella partita con il Milan?

      • El Cabezon ha detto:

        Ha messo Damsgaard solo davanti a Donnarumma con un geniale tocco di prima intenzione, come fece esattamente con Candreva col Toro, certo che però il fatto che il destro non sia a livello del sinistro in effetti è proprio fastidioso…

      • Massimiliano ha detto:

        Qualità vuol dire che è tecnico e scambia sempre bene con quagliarella, si sacrifica e corre molto più di keita, è pericoloso sui calci piazzati e quando riesce a calciare prende quasi sempre la porta, non so se ti basta.

  4. Kreek ha detto:

    Ottimo pareggio, grande Sampdoria per 70 minuti.

    Oggi i Sampdoriani possono essere orgogliosi di questa squadra.

    Buona Pasqua a tutti!

  5. Matteo Genovese ha detto:

    Alla fine un buon punto ??? Ma silva , ranieri (con i soliti cambi tardivi) e anche l arbitro ci hanno messo del loro, incredibile come in dieci e sopra di una rete con un centrocampo folto siamo riusciti a prendere gol su ripartenza dei rossoneri…….. E ancora andata bene cosi perche abbiamo pure rischiato di perderla ……. Per me tre punti persi oggi contro un milan inguardabile !!!! FERRERO VATTENE ———–

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Perché cambi tardivi? Sino all’87° che motivo c’era di spezzare un equilibrio che ci stava premiando? E comunque semmai i punti persi sono due, non tre, mica abbiamo perso.

      • Claudio ha detto:

        Cambi tardivi eccome…..la squadra ha speso tanto già nel primo tempo ed era ovvio nel secondo tempo sarebbe andata in difficoltà e questo aggravato dal fatto di essere rimasti in 10….se hai 5 sostituzioni devi usarle….alla fine avremmo potuto perderla con il Milan che ha fatto 2 tiri in porta

      • Matteo Genovese ha detto:

        ok Mike, ha ragione tu…….. per la partita andava gestita meglio——— Cmq forza samp. Grazie per il commento .

      • Matteo Genovese ha detto:

        Mauri, adesso a boccie ferme ti dico, ieri ero incazzato nero perche cmq ora ti dico , perche ieri la Samp mi è piaciuta parecchio, e dovevamo chiuderla avremmo meritato largamente la vittoria, ma rimango della mia idea, Saluti dalla terra Sarda a tutti . P.S. Quanto mi manca Zena !!!!

      • Maurizio ha detto:

        Beh si vedeva che non ce la facevano più diversi giocatori. Poi ovviamente qui si ragiona col senno di poi, però non capisco l’ostracismo nei confronti di verre e askildsen, ormai giocano solo se non c’è più nessuno disponibile

  6. gio48 ha detto:

    3/4/2021 dopo pareggio 1-1 a Milano con i rossoneri

    La più bella Samp della stagione ridimensiona un Milan che deve ringraziare la dabbenaggine di Adrien Silva che si fa espellere per un inutile fallo lasciando la Samp in 10 per 35 minuti. Oggi ho rivisto la Samp del dopo lockdown dello scorso anno quando la compattezza e la determinazione di ogni singolo hanno fatto la differenza. Tutti, escluso Silva, hanno giocato al meglio delle loro possibilità con punte di altissimo rendimento in Candreva, Beres e Colley. Finalmente abbiamo visto Damsgaard impiegato per tutti i 90 minuti ricevendone in cambio una prestazione che lascia intravvedere le enormi qualità di questo ragazzo. Grandissima partita. Veramente bravi ! Buona Pasqua a tutti

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Concordo su tutto, tranne che sulla prestazione di Damsgaard (che considero un ottimo prospetto).

      • gio48 ha detto:

        Maurizio, è proprio quello che ho detto. Il “finalmente” è riferito al fatto che Damsgaard ha giocato 90 minuti a differenza di quasi tutte le altre volte che Ranieri lo ha schierato. Ha dei “colpi” che difficilmente vedi fare da un ventenne in serie A. Un predestinato per grandi platee. Speriamo che rimanga.

  7. Alberto ha detto:

    Maurizio io vorrei chiederle un parere, a prescindere da oggi che eravamo in 10: il gioco di Ranieri, Dio lo abbia in gloria, gioco che lui stesso definisce dicendosi non amante del possesso, quindi attendista, non dovrebbe basarsi su una difesa granitica?

    E dove sarebbe, parlo in generale, dall’inizio del campionato, considerando anche il centrocampo, questa base solida dalle fondamenta, che autorizzi questa passività? Silva? Jankto? Dove sono poi i difensori forti?

    È chiaro che ci si riferisce a un onesto e triste 14,15mo posto.
    Quindi se arriviamo 12 o 10mi, sarebbe come lo scudetto per Ranieri e quell’altro buffone.

    Che tristezza

  8. maurosampbolzano ha detto:

    BUONA PASQUA A TE MAURIZIO E A TUTTI I FREQUENTATORI DEL BLOG,OGGI NONOSTANTE IL PAREGGIO CI SONO RIMASTO UN PO DELUSO,OVVIO CHE SONO DI PARTE, MA PARLIAMO DEI SE..E QUIDI SE LA SAMP AVESSE SEMPRE GIOCATO CON LA STESSA GRINTA SCIOLTEZZA COME IL PRIMO TEMPO NON SI SAREBBE A 36 PUNTI. 2.SONO ESTEREFATTO DALL’ARBITRAGGIO, DOPO 3 MINUTI DAL CAPOLAVORO DI FABIO ESPELLI IL DORIANO PER SECONDA AMMONIZIONE…OPERAZIONE CHIRURGICA CHE A PARTI INVERTITE ERA UNA SEMPLICE AMMONIZIONE,(VISTI ANCHE NEL PRIMO TEMPO I FALLI DATI AL MILAN E QUELLI SMEMORANDI PER LA SAMP) POI ALLUCINANTE I BEN 5 E DICO 5 MINUTI DI RECUPERO,MA VOGLIAMO SCHERZARE AD OGNI MODO IN ALTO I CUORI CONTINUA COSI SAMP GRAZIE BRAVISSIMI

  9. MatteoB ha detto:

    Ciao Maurizio, buona pasqua anche a te.
    Circa la gara di oggi, probabilmente in 11 avremmo portato a casa il ottimo intero, ma va bene lo stesso, un punto a San Siro vale sempre oro.
    Volevo solo mettere in evidenza il solito doppio metro di giudizio della giacchetta nera in chiaro stato di sudditanza psicologica, cartellini a iosa per noi, e nessuno a loro. Io ho visto almeno un paio di interventi analoghi ai nostri, che nn sono stati sanzionati, ma vabbè, si sa come gira quando giochi a Milano (e nn solo).
    Menzione finale per keita, ti aspetti che entri per dieci minuti e faccia il terzino, il centrocampista e la punta, invece passeggiava…. Che dire, delusione.

  10. maurosampbolzano ha detto:

    VOLEVO DIRE SEMPLICE AMMONIZIONE VERBALE OVVIO

  11. Maraschi ha detto:

    Io penso che il pareggio oggi sia giusto, anche se fa arrabbiare prendere goal all’87’.
    In fin dei conti il nostro goal è stato un regalo del Milan, sfruttato benissimo da Quagliarella.
    Poi se Silva fa una fesseria non è mica colpa del Milan ma sua, quindi bene così.
    L’unica cosa, vorrei rivedere l’azione del goal del Milan perché non ho capito la posizione di Audero in mezzo all’area.

  12. Riccio samp ha detto:

    Samp più bella della stagione, se Silva non faceva quell’idiozia tornavamo da Milano con 3 punti. Quagliarella immenso, gol d’antologia senza neanche stoppare il pallone. Se Ferrero fosse una persona di valore, stasera chiamerebbe mister e Fabio e butterebbe giù una data in settimana per il rinnovo di entrambi. Dove sono tutti quelli che dicevano che la Samp di Ranieri giocava male?

    • El Cabezon ha detto:

      Eccomi qua 🙂
      La SAMPDORIA quest’anno ha giocato QUASI SEMPRE MALE!
      Mentre oggi invece, specie nel primo tempo, ha giocato alla grandissima, delle partite che ho visto di gran lunga la migliore!
      Prestazione agevolata in parte anche da un Milan orribile, hanno sbagliato di tutto e di più, neppure in superiorità numerica sono riusciti a creare pericoli, eccezion fatta per il convulso finale…
      Equilibrio caro amico Riccio, ci vuole equilibrio 🙂

    • Matteo Genovese ha detto:

      Io ci sono, e ribadisco che la Samp non gioca bene (tranne ieri)

    • Ste75 ha detto:

      Eccomi… Se arriviamo a cinque partite giocate bene finora è già tanto… Nn cambio certo idea dopo questa ottima prestazione… Che penso sia dovuta anche al modulo di partenza. Due ali prepositive e due punte di ruolo che fanno movimento.. Forse se fosse. stato proposto più volte quattro cinque in più li avremmo…

  13. Moussa Dembele ha detto:

    Ottima prova oggi, in tutti i reparti. Avessimo giocato sempre così mi sarei risparmiato molte critiche a Ranieri. La squadra mi sembra in forma ed in crescita, nonostante molti siano stati spremuti in settimana dalle nazionali. Candreva e Quaglia sontuosi (chi sa sa), bene Bere, Damsgaard, Thorsby e i due centrali di difesa. Ora sotto col Napoli. Buona Pasqua a tutti

  14. livio ha detto:

    Sono felice per la bella prestazione e quasi felice per il buon punto preso….
    Ma la festa è stata guastata dalla direzione del Sig. Piccinini. Questi emergenti, per accelerare la loro carriera , non trovano di meglio che – anzichè arbitrare bene – facilitare le ” grandi ” , con valutazioni ” casalinghe ” e spesso poco coerenti , a parità di situazioni.
    Tre ammonizioni troppo ” tempestive ” di cui una (Thorsby) del tutto esagerata. Ed un
    ” rosso ” , appioppato quasi con entusiasmo…..Cominciamo ad essere in credito con la classe arbitrale che con alcune decisioni barbine ci stanno sottraendo parecchi punti….
    Proprio all’andata , con il Milan, abbiamo patito una di queste ” sviste “…

    • Mauro ha detto:

      L’hanno sempre chiamata inopinatamente sudditanza psicologica in realtà si tratta di opportunismo bello e buono.Se sbagli contro la Samp e altre 10 non succede nulla.Se sbagli contro le “mammasantissima”ti puoi pregiudicare la carriera.E di questo le “giacchette nere”sono perfettamenteconsapevoli.Storia vecchia purtroppo.

    • Fra Zena ha detto:

      Posso anche essere d’accordo sul giallo a thorsby, ma sulle ammonizioni a silva non c’è nulla da dire. Sacrosante

    • ROBY LEVANTE ha detto:

      Caso strano.Quando giochiamo con le cosiddette grandi e giochiamo in casa loro ecco che vengono mandati ad arbitrare gli ” emergenti “,che,ovviamente,per continuare la loro carriera stanno sempre con i più forti o , quantomeno , più potenti in Lega.

  15. Samp46 ha detto:

    Sei sempre convinto che Ranieri lasci la Samp?
    Buona Pasqua!

  16. Alberto ha detto:

    Si oggi si, dicevo a prescindere da oggi, in generale.

    Comunque se da inizio campionato, avessimo fatto gare con più possesso ecc, poi ci vuole anche gente col fiuto del gol, e siamo senza, a parte il Quagliarella di due anni fa. Che la buttava dentro ogni tiro.
    e Gabbiadini non mi sembra cmq uno da 15,20 goal a campionato. Speriamo sempre e forza Samp.

    Buona Pasqua

  17. Francesco ha detto:

    W il calcio pane e salame e far punti senza tante storie. Molto attenti dietro e pronti a ripartire utilizzando le fasce. Peccato l espulsione di Silva e cmq Keita deve tener palla e Audero, con tutto il rispetto e cmq buon campionato, deve star in porta. Forza Sampdoria dai che ci siamo e Buona Pasqua a tutti. FQ27 immenso.

  18. The Nightmare ha detto:

    Scusate, ma alla Samp Primavera, glielo facciamo un applauso?

    In merito alla prima squadra, immenso Fabio, grazie!!

  19. Marco ha detto:

    Penso che di qui alla fine del campionato vedremo delle belle partite, Ranieri è un pragmatico e dopo la salvezza conquistata con la vittoria col Torino ha messo una squadra più propositiva, due punte e due giocatori di buon talento come Daamsgard e Candreva sulle fasce, ovviamente con età, esperienza, forma fisica diverse, una Samp che mi è piaciuta molto e che è stata penalizzata dalla cavolata di Silva, fallo inutile e in attacco oltretutto, quindi riallacciandomi al discorso del momento Ranieri tutta la vita!

  20. Claudio ha detto:

    Cambi tardivi eccome…..la squadra ha speso tanto già nel primo tempo ed era ovvio nel secondo tempo sarebbe andata in difficoltà e questo aggravato dal fatto di essere rimasti in 10….se hai 5 sostituzioni devi usarle….alla fine avremmo potuto perderla con il Milan che ha fatto 2 tiri in porta

  21. Delta 33 ha detto:

    “Silva già ammonito commetteva un altro ingenuo fallo”.
    Oddio, il primo giallo non m’è sembrato così ingenuo: era su un Theo lanciato come un treno.

  22. Pino ha detto:

    D’accordo con te, Maurizio. Peccato aver dovuto regalare il pareggio per una papera di Keita. Forse quel giocatore è stato sopravvalutato. Entri fresco, hai la possibilità di far male col tuo scatto, e invece, che fai? Sbagli un passaggio fatale. Comunque, sono contento per lo stato di forma (lo vedete che c’è qualcosa in aria a livello psicologico? Oggi giocavano veramente bene!) e mai mi sarei aspettato un punto da Milano. Ferrero in viaggio? Di nuovo? Gatta ci cova.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Sopravvalutato da chi si fa abbindolare, forse… 🙂 Ciao, ottima Samp.

      • El Cabezon ha detto:

        Eccomi qua, tra gli abbindolati…:-)
        L’avventura di Keita immagino sia ai titoli di coda, vuoi per l’alto e credo inarrivabile ( per noi…) riscatto e vuoi perchè il rendimento del ragazzo non ha rispettato le attese…
        Ovviamente non posso sapere come il buon Balde si comporta durante la settimana a Bogliasco, se il suo impegno sia massimale o meno eccetera eccetera…però credo che tra condizione da ritrovare, infortunio di non breve durata e discutibile atteggiamento tattico non consono alle proprie caratteristiche delle attenuanti le abbia…

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Ovviamente, scherzavo con gli “abbindolati”. Io a volte parlo per esperienza, al di là delle opinioni che posso avere. E quando un calciatore scivola da Lazio, Inter, Monaco e Sampdoria, con l’ingaggio pagato, significa (in base all’esperienza, ripeto) che qualche problema c’è. Poi magari si risolve. Ma il tempo passa, intanto.

          • francesq ha detto:

            Concordo, ma -esagerando- non è che Cassano nel 2008 fosse esattamente sulla cresta dell’onda.. Pesava 100 chili e lo avevano scaricato da dove se ne veniva.

            Se arriva al Doria qualche giocatore un pelo più forte un motivo c’è sempre.

            Al netto, penso che quei due o tre ci abbiano permesso di arrivare alla fine senza acqua alla gola, con qualche colpo, qualche gol, quale anelito d’esperienza in più.

            Poi, ci mancherebbe. D’accordissimo sul fatto che essere decimi, con questa rosa, sia grasso che cola.

  23. Pier56 ha detto:

    Abbiamo giocato molto bene, forse la migliore partita in trasferta di quest’anno…però era da vincere. Dunque per me il bicchiere è mezzo vuoto. D’accordo abbiamo giocato 35′ in dieci per “colpa” di Silva che si è fatto espellere ingenuamente, visto che era già ammonito. Ma accidenti, caro Ranieri non potevi sostituirlo prima? Altro appunto al mister: ma quando pensava di fare gli altri cambi? C’erano giocatori ormai stremati. Peccato per il gol preso, i rossoneri non avevano mai tirato in porta, ma il loro contropiede è nato da un errore di Keita, un giocatore da rispedire in Francia, altro che riscatto! Poi Audero è uscito a vanvera e loro hanno potuto segnare. C’è da dire che poco dopo si è riscattato alla grande con una super parata che ha evitato il raddoppio. Purtroppo le uscite rimangono il suo punto debole. Il Milan oggi era poca cosa e abbiamo perso una grossa occasione per rifarci dell’ingiusta sconfitta dell’andata. Forza Samp, sempre!

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Bisognerebbe rileggere i “vostri” commenti su Keita ad agosto, quando mi ero permesso di dire che i peana mi parevano un po’ propagandistici. Fermo restando che alla fine se la Samp ha 36 punti è anche merito suo.

      • Maurizio Achelli ha detto:

        Io però rileggo anche alcuni tuoi su Candreva … non quelli recenti ma quelli di qualche mese fa …

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Rivangane pure uno, accompagnato dalla mia argomentazione di allora e ne discutiamo volentieri.

          • ROBY LEVANTE ha detto:

            Maurizio, è sempre dell’idea che Augello sia un quasi… Regini oppure le sue prestazioni hanno dimostrato che è un ottimo giocatore ? Senza polemica, solo per dare a Cesare quello che è di Cesare.

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Su Augello mi pare di avere sempre detto e scritto che sin dall’inizio aveva evidenziato eccellenti doti dalla metà campo in su mentre nella fase difensiva si faceva preferire Regini. E che per compiere il salto di qualità avrebbe dovuto migliorare in quello. Mi pare lo stia facendo, anche con continuità.

          • Maurizio Achelli ha detto:

            In questo momento non posso andare indietro a carcare tutte le volte in cui hai parlato male, calcisticamente oviiamnete, di Candreva ed Augello.
            Vado a memoria come te quando dici che tutti ci siamo fatti abbindolare … non mi pare che tu abbia portato esempi di ciò che scrivi, perché dovrei farlo io?

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Dunque, appena si va un po’ nello specifico, sei a corto di argomenti. Pazienza.

          • beppe ha detto:

            regini si fa preferire nella fase difensiva rispetto ad augello? regini in qualunque fase si farebbe preferire da uno degli allievi

      • Claudio ha detto:

        Leggiamoli i commenti di agosto settembre e vedete cosa avevo scritto io…….

      • Maurizio Achelli ha detto:

        Anche tu quando si va sullo specifico sei a corto di argomenti, riporto tuo commento del 7 gennaio 2021:
        Augello è questo, così come Colley. Fossero Roberto Carlos e Chiellini giocherebbero da un’altra parte. E’ sbagliato aspettarsi di più. Ci si possono attendere miglioramenti ulteriori da Audero (strepitoso, anche se per quasi tutti i tifosi era un brocco), Damsgaard (Pecini conferma di avere occhio), magari pure Thorsby.
        Bye … ogni tanto potresti ammettere pure tu di aver sbagliato …

        • Maurizio Achelli ha detto:

          Se vuoi andare nello specifico invece su Candreva, riporto, non mi ricordo la data, quando tu dicevi campagna acquisti completamente sbagliata … senza ricordarti che Damsgaard è un ottimo prospetto e Candreva ha fatto 5 goal e 5 assyst … visto che tu risponderai con Silva e Keita, pur chiedendoti anche io di andare a vedere i punti che ci hanno fruttato, dire che, se mai, sarà sbagliata a metà … nessuno è infallibile, ne tu ne i dirigenti della Samp …

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Io sbaglio eccome, figurati. Non mi sento di averlo fatto in questo caso, però. E le mie frasi che riporti – scritte per difendere gli Augello e i Colley dalle critiche dei tifosi che pretendono da loro l’Europa – le ri sottoscrivo in toto, completamente. Forse aggiungerei che nelle ultime cinque, sei partite Augello ha denotato interessanti progressi in fase difensiva e ora vediamo se li confermerà con continuità. Dopodiché, non sarò io a metterlo in croce se sbaglierà ancora, perché so che accadrà. Lo farà qualche tuo sodale. Io penso che questi giocatori stiano rendendo in base al loro valore, chi più chi meno. Quindi, se batteremo il Napoli farò la ola. Se perderemo, non andrò in giro a dire che con Augello e Colley siamo da ottavo posto o da Europa ed è colpa loro o di Ranieri se non ci andiamo. A me va bene così. Poi se la Samp davvero innescasse la quinta e qualcuno mollasse, nel calcio ci sta tutto. Ma la mia analisi complessiva è questa.

  24. Franco T. ha detto:

    Finalmente un punto meritato “contro pronostico”. Peccato per l’espulsione di Silva. Tra pro e contro penso che il Viperetta dovrebbe pensarci bene prima di lasciare andare Ranieri. A patto che qualcuno gli “ricordi” di rinforzare il centrocampo. Lo dico scherzando ovviamente, ma lo dico. Tanti Auguri a Tutti.

  25. Massimo Pittaluga ha detto:

    leggo alcuni commenti un po troppo critici a mio avviso. la samp ha giocato con una delle prime squadre italiane che ha dato filo da torcere al manchester ed è ancora seconda. abbiamo fatto un ottima partita e ci sono state prestazioni solide dietro, ottimi candreva e damsgard ha fatto delle giocate di gran classe e soprattutto gabbiadini ha dato una spalla di qualità a quagliarella che ora gioca anche meglio con lui vicino. deluso dall’ingenuità di silva che però fino ad allora aveva giocato anche lui una buona partita (rovinata dal doppio giallo) e keita entrato un altra volta molle (forse sa che non lo riscatteranno?). credo che la samp abbia fatto un prestazione di qualità e di applicazione. andare a discutere il cambio prima o dopo oggi mi sembra un eccesso di critica verso ranieri. la samp ha oggettivamente giocato una buona partita e il risultato semmai ci va stretto anche se alla fine abbiamo rischiato di perdere. un punto ed e soprattutto una buona partita della squadra.
    Buona pasqua a tutti.

  26. Alviero 66 ha detto:

    Una delle migliori Samp della stagione impatta un pari alla vigilia insperato contro i rossoneri, proiettati verso un piazzamento in CL ed alla ricerca delle residue speranze di aggancio all’Inter.
    Pronti partenza via ed accade quel che non ti aspetti, la Samp che detta i tempi e sfiora per due volte il gol. Determinante Donnarumma sul colpo di testa di Thorsby. Anche il possesso di palla, questa chimera, pare esser dalla nostra.
    L’impressione è che la nostra amata abbia trovato la giusta quadratura con una formazione base (oggi Silva, ahimè, al posto di Ekdal). Determinante il rientro di Gabbiadini.
    Tutti a sbattersi in pieno stile Ranieri (che mi terrei volentieri poiché, aldilà di alcune prestazioni non esaltanti, una scommessa con questa proprietà sarebbe deleterio).
    Oggi sugli scudi Berezinsky, un rinato Candreva, il Gambiano, fenomenale di testa in difesa ed il nostro capitano, oltre a sprazzi di genio di Damsgard ma tutti bravi nel complesso.
    In telecronaca venivano rimarcate le nostre potenzialità. Vorrei far notare che aldilà di alcuni singoli, le carenze sono strutturali laddove non hai un ricambio per Augello, acquisti rivelatisi di spessore esiguo a discapito della nomea che ne ha preceduto gli arrivi (oggi, e non solo, Keita ha giustificato il suo continuo peregrinare da una squadra all’altra), un’alternativa ad Ekdal mancante e, devo dirlo, allo stesso Thorsby, oltre ad un attacco che per buona parte del campionato era composto da Quagliarella (che deve chiudere la stagione con noi per poi rientrare nei quadri dirigenziali) e La Gumina.
    Pari alla fine giusto (dopo il pareggio ho spento perché è subentrata una tachicardia che denota la mia fragilità alle emozioni forti e perché una sconfitta non l’avrei accettata).
    Ci ritroviamo di fatto salvi. Ci si guarda alle spalle e si vedono società che apparivano ben più strutturate, lottare per la salvezza, con Cagliari, Parma e Toro che sarei curioso sapere chi avrebbe ipotizzato stazionare nelle zone roventi.
    Non vorrei sbilanciarmi ma se giochiamo con questa intensità credo ci toglieremo altre soddisfazioni. Per il resto, evito di citare proprietà e giannizzeri al seguito, mi godo la mia amata e con tutte le nefaste ipotesi ventilate sul nostro futuro, mi accontento di esser salvo a poco più di metà campionato, non poco per quel che si prospettava,
    Buona Pasqua a tutti.

  27. Souness ha detto:

    Grande prova e vittoria che si poteva ottenere se Silva non avesse fatto un gesto folle da già ammonito. Pure Ranieri prepara bene la partita e finalmente decide di dare spazio a Damsgaard dall’inizio e lui lo ricambia con un ottima prestazione.
    Molto bene Bere, Colley e Tonelli ma anche Thorsby dimostra ancora una volta di essere insostituibile in questa squadra. Tutta la squadra comunque fa una prestazione più che positiva-
    Uniche note negative l’errore di Audero molto incerto sul goal del pareggio e il solito ritardo nei cambi da parte dell’allenatore. Quagliarella salva la sua prestazione incolore con un goal degno della sua classe.
    Per finire non capisco perché cambiare tre giocatori a tempo scaduto. Spero che qualcuno me lo spieghi.

    • Frank ha detto:

      Non me lo so spiegare nemmeno io…

    • Livio ha detto:

      @ Souness

      Concordo spesso con le tue valutazioni sulle partite, come pure su quella odierna.
      Oggi però mi sembra un po forte definire ” folle ” l’intervento di Silva. L’arbitro è piombato come un falco con il ” rosso ” sulla faccia del nostro giocatore; sembrava volesse dirgli che non dovevamo permetterci di andare in vantaggio a S. Siro e che bisognava rimettere le cose a posto……

      • ROBY LEVANTE ha detto:

        Ribadisco quello che ho detto in un precedente post.Gli arbitri emergenti ,se vogliono fare carriera, devono aiutare le squadre più blasonate , nonostante il VAR che segue lo stesso motivo.

  28. paolo63 ha detto:

    Caro Maurizio gagliarda prestazione di una Samp finalmente godibile nel vedersi.In tempi non sospetti avevi definito Keita un Balotelli e penso che tu abbia ragione perche’ tecnica a parte ha degli atteggiamenti supponenti del su citato Mario che purtroppo gli hanno frenato la carriera.Per quanto riguarda gli altri (a parte bradipo Silva) tutti molto bene.L’ unico negativo e’ sempre ferrero e chissa’ stregatta cosa avra’ da dire dato che non c’era(dice che porta bene).Mi auguro di vedere 9 partite giocate cosi’ aldila’ del risultato.Conta e vorrei sempre la prestazione.Auguroni di Buona Pasqua a te famiglia e atutta la redazione di Primocanale (compreso il mitico Rissetto)

  29. Stregatta ha detto:

    Una grande prestazione della Sampdoria, soprattutto nel primo tempo dove ha dominato l’avversario. Anche il secondo tempo a mio giudizio è stato buono, soprattutto se consideriamo che per buona parte la squadra ha giocato in dieci contro undici, ma nonostante questo non ha sofferto molto. Sono comunque convinta che questa prestazione, contro una squadra forte e organizzata come il Milan, testimonino la grande forza di questo gruppo e della società. Credo che il Milan abbia segnato in una delle pochissime occasioni avute. Peccato per la vittoria sfuggita nei minuti finali, ma rimane una grande prova della squadra e un risultato più che positivo. Focalizzandoci sul piazzamento, una cosa appare chiara. Conquistare il nono o il decimo posto sarebbe un risultato ottimo per la società (anche se ampiamente in linea con gli obiettivi), dato che arriverebbe al termine di una lunga serie di previsioni catastrofiche, che a inizio stagione davano questa squadra in lotta per non retrocedere (o già retrocessi) e prossimi al fallimento. Infine sono strafelice per la squadra primavera che con il successo di oggi è balzata in testa alla classifica. Un settore giovanile, quello blucerchiato, che rappresenta un vero e proprio fiore all’occhiello della società, anche in considerazione del fatto che Ferrero ha puntato molto sui giovani e adesso raccoglie i frutti dei tanti sforzi compiuti per allestire una struttura con tutte le qualità necessarie alla crescita di giovani talenti. Mi pare che stia nascendo un vivaio florido, e questo fa bene al calcio italiano in generale.

    Buona Pasqua a tutti.

    • Andreap ha detto:

      “Ferrero ha puntato molto sui giovani”
      7 anni che prendiamo pallonate da tutte le parti e per una stagione in cui mettiamo 1 vero allenatore in primavera..parliamo di gestione del settore giovanile e puntare sui giovani??

      Anche a questo giro l’hai sparata grossa.
      Quello che si sa in città del settore giovanile è che Ferrero ed i suoi hanno fatto grossi danni gestionali..per fortuna che tufano sia tornato e che abbia seguito dell’under 17 un gruppo di ragazzini valore:poco spazio ai procuratori amici del residente e spazio a chi lavora

      • Maurizio Achelli ha detto:

        Questi i piazzamenti della primavera era Ferrero, da cosa deduci che sono 7 anni che prendiamo pallonate da tutti?
        19/20 7 Marcello Cottafava
        18/19 11 Simone Pavan
        17/18 11 Simone Pavan
        16/17 3 Francesco Pedone
        15/16 6 Francesco Pedone
        14/15 5 Enrico Chiesa
        Altra curiosità, quali sono i grossi danni gestionali? Non sto parlando di palazzine ma di ragazzi.
        Altra curiosità, comprare un ragazzino di 17 anni da un settore giovanile estero lo ritieni lavorare sul settore giovanile? Io preferisco ragazzi che abbiano fatto almeno 7 o 8 anni nel settore giovanile per poi arrivare in primavera e poi giocare stabilmente in A ed in B, ma sono questioni di gusti …
        Ciò non toglie che questa primavera abbia ottimi prospetti e stia facendo ottimi risultati, poi con i ragazzi il futuro è sempre difficile (vedi trattamento riservato a Zaniolo ad esempio …)

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Chi sono i ragazzi prodotti dalla Sampdoria che giocano stabilmente in serie A e B? Lo chiedo senza malizia, riesco a seguire poco la Primavera e mi fai un favore se mi fornisci questa informazione. Grazie.

          • Maurizio Achelli ha detto:

            Non è vero che lo chiedi senza malizia, però ti rispondo lo stesso, per il momento nessuno … per il momento … ma non mi pare che nelle altre gestioni pullulassero … (Soriano e Obiang sono arrivati qui a 17 anni da
            giovanili di sqaudre blasonate …)

          • Fra Zena ha detto:

            Ho fatto una breve ricerca sulla “bibbia” Transfermarkt e ho trovato questi giocatori attualmente attivi tra A e B usciti dalla nostra Primavera dal 2014 in poi:
            Krapikas (spezia)
            Leverbe (Chievo)
            Bahlouli (Cosenza, cartellino ancora nostro)
            Ci sono poi peeters e vrioni nella Juventus under 23, in serie C. Il primo gioca quasi sempre e dovrebbe andare almeno in B la prossima stagione, il secondo non gioca quasi mai
            In passato c’è stato Ivan per un paio di stagioni in B, ma è già uscito dal giro

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Chissà se Domenico Arnuzzo, ex responsabile del settore giovanile della Sampdoria che sfornò Lanna, Bellucci, Amoruso, Chiesa sarà d’accordo. Ah già, ma pure lui è sul taccuino…

          • andreap ha detto:

            fiorillo, poli, soriano, kristicic, obiang, icardi, zaza, regini stesso..tutta gente comprata per la primavera o per gli allievi e che hanno vinto in maglia blucerchiata.
            poi ci sono gli ivan e rizzo che sono cresciuti nel settore giovanile: rizzo è genovese e fece quasi tutta la trafila; ivan arrivò nell’estate 2011.
            ricordo invece i fratelli Zampano, persi alle buste contro l’entella..

            ma è vero, hanno sempre puntato sul settore giovanile

        • andreap ha detto:

          il campionato primavera negli anni ha cambiato format diverse volte:

          girone all’italiana con 3 livelli: primavera 1- primavera 2 – primavera 3:
          le prime due accedevano alle finali per scudetto/promozione; le 3°-4°-5°-6° qualificazioni; 13°-14° playout, 15° e 16° retrocedono.

          19/20 Cottafava: non qualificati–>8°
          18/19 Pavan: non qualificati ->11° a pari punti con il Sassuolo
          17/18 Augusto – Pavan: 1non qualificati ->12° pari punti con il Napoli

          campionati a gironi, senza retrocessioni dove le prime 2 di ogni girone andavano alla fase finale, 3*-4* e le migliore 5* alla fase di qualificazione.

          16/17 allenatore Pedone: 3* classificati, usciti ai quarti di finale
          15/16 allenatore Invernizzi / Masi: non qualificati alle fasi finali
          14/15 allenatore Chiesa: 5* classificati, usciti ai quarti di finale

          denoto alcune cose:
          1. finchè si giocava su 3 gironi non “all’italiana”, ci si qualificava almeno alla fase finale ma ritengo che il livello del girone fosse mediamente più basso. Ora stare in primavera 1 non è un diritto ma lo devi guadagnare: bene a non essere mai retrocessi ma non ci siamo mai qualificati per i play off.
          2. il trend pare quello della prima squadra..
          3. secondo me l’obiettivo del settore giovanile non è vincere il campionato ma formare giocatori per la prima squadra e non mi ricordo grandi exploit nell’era ferrero..almeno non giocatori acquistati dai suoi per il settore giovanile e poi passati in prima squadra con successo.

    • Solosamp1946 ha detto:

      Potrei sbagliarmi ma in 7 anni penso non sia uscito nessuno dal settore giovanile…evidentemente non si è lavorato bene. Non dico che debba uscire un calciatore all.anno ma nella passata gestione ricordo obiang poli soriano kristicic fiorillo ” icardi” e sicuramente altri che ora non ricordo.

    • Pazzoperlasamp ha detto:

      Ma che film hai visto…il residente ha chiesto prestiti e dicono abbia fatto mastrussi per costruire le nuove strutture (palazzine e campi) parti delle quali non ancora terminate ancora dopo anni..fiore all’occhiello : la prima squadra si continua a cambiare in container…unico esempio in serie a…per questo si che eccelliamo
      Il settore giovanile sono anni che non sforna più 1 giocatore che sia 1…se hanno puntato molto sui giovani o sono incompetenti o , come dicono a genova, contano delle gran musse… come sempre…fumo negli occhi e fuffa…
      Saluti

    • Stregatta ha detto:

      Noto un certo entusiasmo per il primo posto della Primavera 😀

      • Andreap ha detto:

        Per la primavera siamo tutti contenti

        Ma a nessuno piacciono i commenti in cui si travisate la realtà con elogi a ferrero perché “ha puntato molto sui giovani”
        Ferrero non ha mai dimostrato di voler puntare sui giovani.

  30. Fra Zena ha detto:

    Ottima prestazione del Doria, rovinata da una sciocchezza di Silva senza la quale probabilmente avremmo vinto. Peccato, ma visto il palo finale di Kessie alla fine il punto mi sta bene, visti anche i risultati sotto di noi
    Col Napoli senza ekdal e silva sarà durissima. Comunque vada, dopo avremo 3 match ball (verona / crotone / Sassuolo) per raggiungere gli agognati 40 punti
    Buona Pasqua a tutti i frequentatori del blog e a tutti i blucerchiati!

  31. Andrep ha detto:

    Bella prestazione
    Grande Ranieri, peccato per i singoli errori (silva e keita); a gennaio pensavo fosse necessario un innesto in mediana..oggi ne ho avuto conferma.

  32. Frank Tamburo ha detto:

    Innanzitutto Buona Pasqua a te Mauri ed a tutti i nostri fratelli blucerchiati.

    Oggi ho visto davvero una Samp ‘gagliarda’, degna del suo grande Mister.
    Il Capitano ha confermato per l’ennesima volta d’essere un diamante inestimabile e di rara bellezza, come il gol dipinto alla Scala del Calcio.

    Ma oggi idealmente vorrei abbracciare Berezynski, Candreva e…Silva.
    Si, hai capito bene.
    I migliori ed il peggiore in campo.
    Perché in questa squadra s’avvertono valori umani e sportivi particolarmente importanti, nonostante tanti problemi gestionali ormai noti.

    Ringrazio questi uomini e professionisti.
    Ed auguro a voi tutti di Primocanale una Pasqua serena, rinnovandovi il ringraziamento sincero per il vostro impegno.

    Alè Doria

  33. GIANNI ha detto:

    Ottima partita
    La migliore prima mezz’ora di campionato
    Grande difesa soprattutto quando siamo rimasti in dieci
    Mi è piaciuta la voglia di giocarsela con il Milan alla pari
    Bravo mister hai saputo caricare bene l’ambiente e la formazione mi è sembrata molto equilibrata
    Ora ci aspettano altre partite in cui mettere in mostra qualche giovane
    (che magari cederemo al più presto al miglior offerente)
    Ma purtroppo capisco che la realtà è questa e bisogna farsene una ragione in attesa di tempi migliori.
    Buona Pasqua a tutto Primocanale e a Maurizio in particolare.
    FORZA SAMP SEMPRE

  34. Andrep ha detto:

    Si fa riferimento ad un nuovo viaggio all’estero di ferrero.
    La voce di un nuovo socio? Qualcuno l’ha sentita..
    Change totale della dirigenza, juric allenatore e nuovi soci a foraggiare il residente.
    Sai qualcosa maurizio?

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Preferisco non pensare neanche a chi possa essere il socio di Ferrero. Vedo e sento tanta gente che la sa lunga sulle vicende societarie della Sampdoria – Moratti, lo sceicco del Monaco, un nuovo socio – io ammetto di non saperne nulla, quello che sapevo l’ho detto a tempo debito.Constato che c’è sempre Ferrero, però. Ed è trascorso più di un anno e mezzo dall’unica, vera trattativa.

  35. Francesq ha detto:

    Bella Samp, davvero.

    E tra Pippo Inzaghi, un Sinisa di ritorno, Gattuso o Gotti, io mi tengo Ranieri tutta la vita.

  36. Max ha detto:

    Dai ragazzi almeno quando giocano una grande partita non andiamo a cercare il pelo nell’uovo,io per 70 minuti mi sono divertito e qualche errore individuale ci sta… Buona Pasqua

  37. Cicciosestri ha detto:

    Per l’occasione scrivo il mio ultimo commento con il mio pseudonimo, ho deciso di mettere nome e cognome dal prossimo commento in poi, mi chiamo Maurizio Achelli. Una grandissima Samp sfiora la vittoria a San Siro. E’ già la quarta partita consecutiva che raccogliamo meno di quello che avremmo meritato. La Samp si dimostra camaleontica a seconda dell’avversario che incontra sfoderando i suoi fuoriclasse che si alternano per essere decisivi di partita in partita. La campagna acquisti, come per tutte le squadre di calcio, si dimostra azzeccata al 50%, visto che Candreva, ieri uno dei migliori in campo, e Damsgaard sono acquisti azzeccati, mentre Keita, decisivo in 4 o 5 partite, si dimostra un prestito da non riscattare, e Silva commette un ingenuità che fa rimpiangere Ekdal. L’ottavo posto, obbiettivo dichiarato della società , e la ripetizione dei punti dell’andata, obbiettivo dichiarato del mister, sono a portata di mano (ad oggi abbiamo un solo punto in meno del girone di andata).
    Sono convinto che continueremo a divertirci perché tutte le partite sono a portata di vittoria. La Samp, come la stragrande maggioranza delle squadre di serie A, è squadra imprevedibile e il prossimo periodo, così come lo scorso anno, sarà quello per noi di miglior forma fisica. Buona Pasqua a tutti e Forza Sampdoria! P.S.: Complimenti alla primavera che, nonostante le previsioni catastrofiche di molti riguardo al settore giovanile, raggiunge la Roma in vetta alla classifica in attesa del Derby.

    • Fra Zena ha detto:

      caro Maurizio, anzitutto complimenti per la scelta di firmare i tuoi messaggi con nome e cognome. Ti fa onore
      Io trovo spesso i tuoi commenti, sempre ben argomentati in ogni caso, esageratamente ottimistici. Questo non fa eccezione. Non credo il Doria voglia / possa puntare all’ottavo posto. Io spero solo di arrivare il prima possibile a 40 punti per passare un mese di maggio tranquillo. Col Napoli andrà come andrà, poi ci sarà un terzetto di partite per chiudere la questione salvezza. In un anno caratterizzato da troppe variabili (focolai Covid, stadi vuoti, preparazione estiva inesistente, ecc.) sarei già contento così.
      Penso ancora, tra l’altro, che il Cagliari sia tutt’altro che morto e che la’ in fondo ci sarà da soffrire per molte squadre (spero non noi!), i sardi non si arrenderanno senza lottare. Vedremo a fine campionato chi avrà ragione
      Sulla Primavera: io sospendo il giudizio, ma non è catastrofismo il mio, anzi ho visto giocare alcune volte la squadra ed è davvero ben messa in campo, si guarda con piacere. Un “bravo” a Tufano e ai ragazzi per la stagione fatta finora. Però vedremo quanti di questi giocatori arriveranno a giocare tra i professionisti nel giro di un anno / due. Su questo si misura il livello di un settore giovanile, non sugli scudetti e le Coppe (che fanno piacere eh, intendiamoci). Ammetterai che la gestione Ferrero su questo aspetto è stata molto deficitaria finora, per cui mi rimane dello scetticismo
      Un saluto!

      • Maurizio Achelli ha detto:

        Caro Fra, io sostengo che possiamo lottare per l’ottavo posto ormai da mesi, di sicuro non c’è nulla quindi potremmo arrivare ottavi come dodicesimi, però sono convinto che lotteremo fino alla fine e che decisivi saranno gli scontri diretti con Verona e Sassuolo. Sul settore giovanile io, per ora, sono contento dei risultati che stanno arrivando, per il fatto di vedere giocatori in serie A adesso non mi posso pronunciare ma chi vivrà vedrà.

  38. Sand66 ha detto:

    Onestamente pareggio giusto, la rete segnata è stata un regalo colossale della difesa rossonera e il goal ha giustificato la presenza del capitano (molto meglio Gabbia), abbiamo giocato una gran partita ma la scarsa vena realizzativa resta comunque un problema.
    Andando in controtendenza, tutti sono convinti che è stata l’espulsione di Silva e i cambi tardivi a determinare il risultato finale (e poteva andare peggio), non considerando che sono stati proprio gli innesti a deludere, Askilsen impalpabile, giovane e fresco avrebbe dovuto pressare per due e Keita lento e abulico, non teneva mezza palla, deleterio nel goal del pareggio e non oso pensare Leris al posto di Candreva.
    In finale mi tengo il punto guadagnato contro la seconda del campionato e mi godo con serenità la prestazione del campo, forza Doria sempre e comunque.

  39. Luigi ha detto:

    Parere personale una squadra con un tasso tecnico leggermente superiore alla nostra avrebbe sicuramente battuto una squadra sfacciatamente aiutata dall’inizio di campionato per avere ai vertici un maggior equilibrio nella lotta allo scudetto, prova ne è che la squadra che ha ottenuto più rigori in assoluto in Europa è il Milan e i più tanti, alquanto dubbi. Altra considerazione, a prescindere dall’espulsione meritata Adrien Silva è un giocatore molto sopravvalutato se si chiamasse Silvano e fosse italiano non godrebbe d così tanto credito, va benissimo il pareggio che rispecchia la posizione di classifica cha abbiamo, detto questo mi fa ridere quando vedo che basta una partita per far cambiare giudizi a certi tifosi su l’allenatore e giocatori. Per Maurosampbolzano: i PC con le minuscole da voi non sono ancora arrivati? Sei l’unico, quindi come direbbe Marzullo fatti una domanda e datti una risposta.

  40. Franco T. ha detto:

    La Samp in attacco ha dei giocatori che sono in grado di sfoderare delle giocate individuali che non hanno moltissime Squadre; anche di media/alta classifica. Keita è uno di questi giocatori. Che poi non abbia trovato una maggiore continuità è un problema legato a molte situazioni che è troppo lungo cercare di elencare adesso. Ma tutto si può migliorare senz’altro. Le possibilità ci sono. Così come Gabbiadini, giocatore che possiede una capacità di tiro non comune nell’intera Serie A. Tanto per dire, sarei soddisfatto se la Samp confermasse per il prossimo Campionato le quattro punte attuali. Gabbiadini, Quagliarella, Keita e Torregrossa. Cordiali Saluti

  41. Giulio ha detto:

    Oggi ho letto da qualche parte che sono in discussione i rinnovi contrattuali di Osti e Pecini. Credo che perdere di nuovo il secondo, soprattutto, sarebbe un errore clamoroso ed imperdonabile. La Sampdoria è sopravvissuta in questi anni con le plusvalenze derivate dalle sue intuizioni. Anche quest’anno perderemo qualcuno dei migliori e sarà quindi necessario scovarne altri. Come si è visto anche domenica, se fai giocare quelli “buoni”, i risultati arrivano. Lapalissiano.

    • ROBY LEVANTE ha detto:

      Sono d’accordissimo con Giulio ma solo per Pecini, l’unico che ci ha portato quei giocatori che ci hanno fatto sopravvivere con le loro plusvalenze.

  42. Alberto ha detto:

    Beh io il tanto criticato keita lo vorrei vedere con un altro allenatore che lio faccia giocare negli spazi rivolto verso la porta ..
    e che non gli chieda di fare la prima punta che non è mai stato….poi così vediamo il vero valore del giocatore…cosa che Sir Ranieri evidentemente non è in grado di fare

    • Franco T. ha detto:

      @Alberto
      Sono d’accordo con Te. Sinceramente penso che Ranieri non possa non saperlo. Evidentemente ci sono delle ragioni, anche tattiche, più di dettaglio. Contro il Napoli vedremo cosa si inventera’ Ranieri senza Ekdal e Silva contemporaneamente, mi sembra, per la prima volta. Sulla carta i due centrali sono i norvegesi. Vedremo se Ranieri li proporrà insieme, non sembra che ci siano alternative, a parte Janko o Candreva interni. Certo che sarà una bella verifica contro il centrocampo del Napoli. Vedremo se quelli come me che vanno dicendo dall’inizio di stagione che alla Samp si sono dimenticati di mettere in rosa i centrocampisti, hanno una qualche piccola ragione. Cordiali Saluti

    • andreap ha detto:

      potrei esere d’accordo..ma pongo questa domanda:
      dopo più di un anno abbiamo trovato un “modulo”, un 442 con due esterni molto alti come candreva e daamsgard/jankto: dove dovrebbe giocare keita in questo modulo?
      l’ideale sarebbe in un attacco a 3: rinunciamo a daamsgard? o candreva?

      il problema è che keita è un prestito, un costo e non un investimento.
      il problema è anche di natura tattica: secondo me da qui a fine stagione non puoi prescindere da questo gabbiadini e da daamsgard.
      keita sarebbe un esterno sx d’attacco..difficilmente lo vedremo in quel ruolo per un intera partita.

      mi chiedo, a salvezza raggiunta, a che pro devi cambiare per mettere un prestito in campo? che si adatti lui o no?

      • Maurizio.Michieli ha detto:

        Anche io l’ho sempre pensata come te, ritenendo Keita un esterno adatto al 4-3-3 ma Nicolini, per esempio, mi ha sempre ribattuto che è una seconda punta o anche un esterno da 4-4-2. Lui se se intende di certo molto più di noi, di me almeno. Tuttavia, non mi ha convinto completamente.

        • andreap ha detto:

          assolutamente Maurizio,
          son d’accordo con Nicolini ma se gioca keita, chi esce?

          opzione1: esterno di centrocampo (dx mi pare)
          esce daasmgard?

          opzione2: seconda punta
          – questo gabbiadini non può uscire;
          – dovremmo togliere fabio, 38anni a 9 partite dalla fine, senza obiettivi particolari da inseguire..per chi?
          un giocatore in prestito?

          sarà una buona riserva per le prossime 9 giornate e se rientra torregrossa..magari sarà la 4 scelta.

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        keita di oggi andrea secondo me fisicamente non è neppure il keita più leggero della lazio. ha un imponente massa muscolare ed è un giocatore che a mio avviso o lo si mette seconda punta nel 442 oppure largo nel 433. secondo me esterno da 442 non ce lo vedo per 90 minuti a fare un lavoro tipo candreva jankto o damsgard ognuno con le sue caratteristiche. keita con quaglia non mi sembra s intendando molto, sarebbe da verificare con gabbiadini perchè anche quaglia ha beneficiato del rientro di gabbiadini. resta il fatto che dopo un rientro ottimo keita si è un po spento e anche a milano mi sembra non sia entrato con la giusta fame. un peccato perche ha potenzialità mica da ridere.
        per il napoli o rischia il ragazzo norvegese con thorsby o mette candreva interno che mi sembra l unico con visione di gioco e piede per farlo in emergenza.

        damgsard candreva thorsby jankto
        gabbiani quagliarella

        • Carlo46 ha detto:

          c’è anche l’opzione Verre che io avrei tentato da tempo al posto di Silva. Ha tecnica e corsa e sa come far girare il pallone con precisione e velocità.

  43. Dino Ravera ha detto:

    Ottima partita e grandissimo primo tempo.Penso che la mossa più azzeccata dal mister sia stata la difesa alta con relativo fuorigioco e pressing continuo sui loro esterni. Cosi ha costretto il loro giocatore più pericoloso Ibra a stare lontano dalla porta. Poi ovviamente le ottime singole prestazioni di tutti i calciatori. Su Silva non dico niente, certo devo ammettere che mi aspettavo un altro giocatore, non dico Volpi ma almeno un VOLPINO.

    • Aston ha detto:

      Al netto di due gravissime ingenuità ( la prima la demenziale punizione calciata nel primo tempo) secondo me Silva ha giocato un’ottima partita. Ha dato sempre i tempi giusti nella gestione del pressing.Convengo peraltro sul fatto che che fin qui non è stato il giocatore del quale avremmo avuto bisogno per migliorare la qualità del centrocampo.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Bella quella del volpino.

  44. pino67 ha detto:

    anche se OT lo posto lo stesso
    vogliamo parlare della primavera di mr Tufano,che che ha in squadra 5/6 prospetti futuri molto interessanti…..invece di andare a prendere nomi esotici.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Chi sono i 6/7 potenziali professionisti? Te lo chiedo perché non riesco a seguire molto la Primavera, Nicolini che lo fa mi ha detto il contrario ma potrebbe sbagliarsi lui. Se mi dai qualche indicazione, gliela sottopongo. Grazie.

      • Dino Ravera ha detto:

        Io la primavera la seguo molto, ho visto tutte le partite da quando è ripreso il campionato e secondo me ci sono alcuni elementi che potrebbero fare il salto nei professionisti
        1) Lo spagnolo Yepes Laut centrocampista centrale alla Toreira non grande fisico ma molto tecnico mobile e intelligente
        2) I due esterni del centrocampo a 5 Ercolano (destro) e Giordano (sin) due ragazzi veloci instancabili con un buon piede…qualche dubbio sulla fase difensiva di Giordano..mentre Ercolano credo possa fare bene anche in una difesa a 4
        3)il centravanti Prelec grande fisico ,buona tecnica ma secondo me un po fragile caratterialmente, e da sempre dubito un po su chi come lui vive fra i ragazzi di prepotenza fisica.
        4) Ci sono poi dei buoni profili come il difensore Obert, il centrocampista Brentan, l’attaccante Di stefano.(velocissimo)
        Mi piacerebbe sapere dagli esperti tipo Nicolini, se veramente ritiene che nessuno di questi abbia possibilità di arrivare in prima squadra.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Dopo Pellegrini, anche Nicolini… Chissà che sarà il prossimo.

          • Dino Ravera ha detto:

            Avrei denigrato Nicolini chiedendo un suo parere…belin che interpretazioni….

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Non intendevo quello, figurati. Ma il solo supporre che Nicolini abbia detto una cosa senza pensarla e quindi l’abbia detta per denigrare qualcuno, mi mette in allarme. Poi, cosa diversa è che abbia ragione o no. Io non lo so, vedremo, ma ha detto quel che pensa su un piano tecnico. Credo ne abbia diritto, tutto qui. Ciao!

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Comunque, ha fatto solo il nome di Prelec.

      • Maurizio Achelli ha detto:

        Giordano, Yepes, Prelec, Trimboli, Distefano, Obert ed Ercolano secondo me, sono quasi tutti leva 2001 e 2002

  45. Solosamp1946 ha detto:

    Miglior prestazione dell anno…propositivi e allo stesso tempo ordinati dietro…peccato per l ingenuità di silva ma va bene così

  46. Daniele da Rapallo ha detto:

    Caro Maurizio, questa volta poco si può aggiungere alla tua analisi.
    Risultato giusto che però, piuttosto che niente, matura per un rosso ingenuo contro una squadra forte che si è svegliata tardi….a volte sembra che la Samp sia allergica ai 3 punti.
    Io ho visto un Candreva monumentale a conferma del fatto che dei 3 “nomi” sia l’unico con un senso. Non so se Silva possa migliorare in condizione e rendimento in futuro, ma non ci metterei la mano sul fuoco. Damsgaard potenziale giocatore di alto livello, per ora un po acerbo ma bisognoso di continuità.
    Ora spero si salvi lo Spezia, derubato a Roma.

  47. Henry ha detto:

    Le coincidenze del sabato di Pasqua.
    Alle 13:30 a Londra un ex milanista, Thiago Silva, che ora gioca nel Chelsea, si fa espellere due minuti dopo che la sua squadra è andata in vantaggio per 1-0.
    Pochi minuti dopo a Milano un altro Silva si fa espellere anche lui due minuti dopo che la sua squadra ha segnato il gol dell’ 1-0.
    Per fortuna poi la Samp se l’è cavata meglio del Chelsea che ha preso una batosta 2-5
    dal WBA penultimo in classifica…

  48. Marco ha detto:

    Ho sentito l’intervista post partita di Quagliarella…dice di non aver sentito nessuno per il rinnovo…tempo un’oretta e primocanale annuncia l’accordo per il rinnovo….mah…siete così sicuri?….Indipendentemente da tutto spero che Fabione faccia l’ennesimo miracolo e segni 6 gol in queste ultime partite per raggiungere quota 100 in maglia Samp,se lo meriterebbe!

  49. Maurizio Achelli ha detto:

    Alcuni pensieri dopo i risultati di domenica scorsa:
    Secondo me Parma, Crotone e Cagliari sono spacciati, oltre che dai risultati anche da alcuni “segnali” negativi. Questa sarebbe un’ottima notizia perché ci sono già 2 retrocesse per il prossimo anno e cioè Benevento e Spezia, che unite alle 3 che arriveranno dalla B mi fanno dire che siamo già salvi anche l’anno prossimo.
    Inoltre faccio alcune mie considerazioni sul prossimo mercato, a mio parere, visto che abbiamo il presidente più miscio della serie A, si devono vendere Audero Colley e Jankto con i quali si possono tirare su circa 40 milioni, che aggiunti ad un’altra ventina, che possiamo racimolare da alcuni prestiti ci consentirebbero di tappare un po’ di buchi sia economici che tecnici.
    Propongo questi nomi per sostituirli:
    Falcone, Cordaz, Zappa, Gagliolo
    Inoltre farei rientrare Vieira e Chabot, prenderei Nwankwo e Man e non riscatterei Keita.
    Via Regini, confermato Silva, Askildsen e Leris in prestito ad una neopromossa che possa dare garanzie di minutaggio.
    Sia per la Samp che per il ragazzo, sarebbe ,meglio se Damsgaard facesse 1 anno da titolare qui da noi, lui maturerebbe e crescerebbe fisicamente, esploderebbe e lo venderemmo in Inghilterra a 40 milioni.
    Ora molti mi diranno che dobbiamo ancora salvarci, ma io faccio questo ragionamento perché penso che siamo già strasalvi da 1 mese,
    Capitolo dirigenti e allenatore, io confermerei per 1 anno tutti e 3, visto che il presidente rimane questo a mio parere loro sono una garanzia di metà classifica quasi sicura.

    • Stefano1970 ha detto:

      20 milioni racimolati dai prestiti onerosi di quali giocatori?
      Chiedo per comprendere meglio il post.

    • andreap ha detto:

      mi fermo alla premessa:
      40 milioni tra audero, colley e jankto
      20 milioni dai prestiti (caprari e???)

      mi confermi queste valutazioni?

      • Mauro ha detto:

        Se non sbaglio per Caprari il Benevento ha l’obbligo di riscatto in caso di salvezza.

      • Maurizio Achelli ha detto:

        Secondo me è verosimile prendere 15 milioni da Audero e Colley e 10 da Jankto.
        I prestiti dai quali potremo tirare su 20 milioni a mio parere sono Caprari, Murru, Depaoli, Bonazzoli, Murillo (è una media di 4 milioni a giocatore, secondo me piuttosto verosimile)

        • andreap ha detto:

          l’ottimismo è il profumo della vita..

        • Stefano1970 ha detto:

          Se da tutte le operazioni qui sopra la società incassa 25 milioni occorrerà fare un monumento al direttore sportivo ed al presidente.

          • Maurizio Achelli ha detto:

            Caro Stefano1970 come già detto a 1946 vedremo chi avrà ragione, ti sfido, bonariamente, a salvare data e testo miei, io farò altrettanto con i tuoi e ci confronteremo a settembre

    • danilo ha detto:

      se vince a crotone è fatta per lo Spezia, considerando anche che 3 punti a fine campionato potremmo anche regalarglieli (se necessari alla causa)
      Come dici tu….con questa dirigenza pensare adesso per il prox anno è d’obbigo.
      Molto meglio Spezia e Benevento in A che Cagliari e Parma.
      Considerando che il prox anno Empoli e Monza ci saranno sicuramente…e non saranno squadre facili da affrontare. Comunque anche il Torino se la fara’ sotto sino a fine campionato

    • jan ha detto:

      Uao……mi piace molto il tuo ottimismo e sarebbe bellissimo se la realtà riprendesse la tua analisi. Sulle retrocesse di quest’anno condivido anche io, sul fatto che per l’anno prossimo siamo già salvi non condivido. Damsgaard sarà il primo a partire, il bisogno di soldi e plusvalenze è troppo, così come Audero se arriverà la giusta offerta. Non mi esprimo per sui possibili calciatori in entrata perchè tutto dipenderà anche da chi saranno i nuovi dirigenti : anche a me piacerebbe la riconferma garanzia in più in ottica salvezza, ma l’allenatore verrà sostituito e gli altri mah…….
      Ogni anno in più con questa proprietà è un anno in più verso il fallimento sportivo ed economico della Samp.

    • Solosamp1946 ha detto:

      Mi sembra fantascienza per il semplice fatto che nel tuo discorso ( che posso anche parzialmente condividire) c è una sottile linea di speranza di programmazione. La realtà è diversa e questa programmazione non esiste …esiste solo la voglia di incassare e prendere se si riesce a poco …e nel prendere non importano ruoli e valori dei giocatori che si vanno a prendere. Per me finirà che tutti quei giocatori che avranno un minimo di mercato partiranno ( i rinnovi contrattuali sono stati fatti in questa direzione…come alcuni precedenti confermano) quindi vedo in uscita oltre a ramirez i vari audero dasmgaard colley jankto e se continua così berenzisky. Su candreva keita e silva boh io ovviamente li terrei tutti e 3 …candreva perché cmq ha dato tanto anche se ha reso meno di quanto si potesse sperare e keita silva perché per me comunque sono giocatori veri ( quest anno per loro fa meno testo ne venivano entrambi da 8 mesi completamente fermi, uno deve adattarsi al calcio italiano dove certi falli non te li concedono e l altro poi è stato anche fermo per infortunio)…però dubito che verranno confermati. Per me prossimo anno sarà durissimo

      • Maurizio Achelli ha detto:

        Caro Solosamp1946 vedremo chi avrà ragione, ti sfido, bonariamente, a salvare data e testo miei, io farò altrettanto con i tuoi e ci confronteremo a settembre

      • Stregatta ha detto:

        Il campionato che sta passando agli archivi, secondo le previsioni fatte da vari tuttologi del web, si sarebbe dovuto rivelare davvero un annus horribilis, ma le previsioni si sono rivelate tutte sbagliate.
        Ogni anno presagite fallimenti sportivi e societari che puntualmente non si avverano. Forse sui motivi ci sarebbe da discutere  più approfonditamente. A questo punto i vostri interventi sono diventati un vero e proprio porta fortuna. Continuate a presagire scenari apocalittici perché tanto so già che accadrà il contrario.

        • Solosamp1946 ha detto:

          Stregatta credo che l unico punto dove non si possa attaccare Ferrero è quello dei ” risultati sportivi ” che sono per certi versi inesistenti ( non ha ottenuto nulla neanche una qualificazione in europa nonostante avesse dichiarato di puntare allo scudetto al suo arrivo…frase che già lasciava intuire a che tipo di personaggio era finita la povera sampdoria) ma allo stesso tempo in linea con la media storica della società e soprattutto al di sopra delle possibilità economiche ( zero) di questa dirigenza quindi grosso modo ci si può ritenere soddisfatti anche se allo stesso tempo non si intravede programmazione e nessuna intenzione di puntare a competere per qualcosa. Fallimento societario boh…tu hai delle certezze evidentemente io non le ho e le sensazioni sono pessime …se poi aggiungiamo i precedenti storici del personaggio ecco penso che 2+2 faccia sempre 4 …quindi magari non è oggi magari non sarà domani ma dopodomani si

        • Andreap ha detto:

          come sostiene stregatta, il calcio romantico è morto e noi spettatori/clienti dobbiamo farcene una ragione, vedere le società come spa e pensare al bilancio..

          altro che 8-9-10 posto..i risultati sono sui bilanci!
          ecco che aspettiamo il 2020..potremmo leggere bene le note integrative e capire come lo avranno “aggiustato” (in parte si può fare ma è solo un procrastinare alcuni costi etc..).
          i risultati economici valuteranno la società, che, al netto del covid e delle agevolazioni fiscali post covid, ci potrà dimostrare la sua “forza”.

          i corsi per analisi di bilancio dove li possiamo trovare?

    • Daniele da Rapallo ha detto:

      Da simpatizzante Spezia, con origini da quelle parti, ma ovviamente sampdoriano sino al midollo mi auguro anche io che lo Spezia Resti in A…sarebbe una cosa ancora più storica della promozione. Teniamo presente che nel caso Spezia, bisognerà vedere cosa vorrà fare l’americano con casa a Lerici socio fondo DELL.
      Si che gli americani non hanno, per ora, fatto particolarmente bene nel calcio italiano, tuttavia bisogna vedere cosa vuol fare questo…: se volesse fare bene, un Ferrero se lo compra come maggiordomo o giullare di corte.

  50. Franco T. ha detto:

    Credo che Luca Gotti come allenatore possa essere sia un “rumors”, che una idea valida. Ringraziando Ranieri per il lavoro svolto, a mio parere Gotti ha tutte le credenziali Umane e Tecnico Sportive per poter intraprendere alla Sampdoria un Lavoro complessivo di Prospettiva. Potrà lavorare sui giovani di talento che la Società, anche con la Sua collaborazione, gli dovrà per forza mettere a disposizione. Il Viperetta, se rimane alla Samp, ha questa unica possibilità, cercare di prendere un Allenatore che riesca a fare maturare i talenti che, si spera, Osti e Pecini riescano a mettergli a disposizione. Se rimane, il Viperetta deve assolutamente cercare di percorrere questa strada. Gotti, anche per il suo curriculum, ha tutte le carte in regola per essere l’Allenatore giusto. Vedremo se sarà solo un auspicio. Cordiali Saluti

    • Mauro ha detto:

      Caro Franco T.il termine “prospettiva ” sta a Ferrero come il doppio passo alla Biavati sta ad Antonio Logozzo.

      • Franco T. ha detto:

        @Mauro
        Divertente battuta, che condivido, complimenti !. Tra l’altro il riferimento a Biavati è da Archeologia Calcistica. Argomento interessante. Forse bisogna intendersi. Nella Samp, l’unico che ha avuto una “Sua” prospettiva coincidente totalmente con quella dei “Tifosi”, è stato Paolo Mantovani. Lo sappiamo tutti. “Tifosi”, che sono fruitori dello Spettacolo Calcistico, non dimentichiamolo. Pagano il biglietto, certo, ma non producono “l’evento” che consumano. Cosa è, a cosa serve, e come viene fatto questo “evento” ?. La questione è lunga, complessa ed esula dal blog. Ma credo si possa dire che il Viperetta ha di sicuro una “Sua” prospettiva, e non sarà l’ultimo ad averla. “Tu, Io, Noi”, abbiamo o abbiamo avuto da mettere in campo un’altra e diversa prospettiva ?. No !!. Siamo realisti, Ferrero non sarà l’ultimo “Imprenditore Capitalistico”, o sedicente tale, che cercherà di fare profitti con la Samp. Ce ne saranno altri, in altre forme anche, ma da un certo punto di vista, molte persone si augureranno che questo avvenga. Perché vuol dire che la Sampdoria avrà ancora delle possibilità di vivere. In caso contrario cosa succederà ?. Mi sembra che siamo ancora molto, molto lontani dal riuscire a porre solo il problema. Siamo solo idealisticamente alla ricerca di un “Imprenditore” che si annulli come tale. Come aveva fatto Paolo Mantovani come Presidente della Sampdoria. Mi sembra di pretendere un po’ troppo. Non sono più i tempi. Cordiali Saluti

        • Massimo Pittaluga ha detto:

          caro franco ottima disamina a cui aggiungerei una mia considerazione. sono anni che sento dire che non sono più i tempi e concordo, ma a forza di non essere più i tempi rilevo quanto segue:
          prima i proprietari che spesso coincidevano coi presidenti non avevano dirtti tv per nulla, poi pochi ora direi nche una samp notevoli, quindi aggiungo per fare un certo tipo di calcio con un programma (più o meno di successo) non serve il mecenate a prescindere ma una persona o un gruppo che abbinino un po di vecchio mecenatismo (poco che fa bene al cuore e non solo) e appunto diritti tv sponsor merchandising. l’Atalanta di questi anni dei percassi ne è una sintesi direi azzeccata, un po meno ma comunque anche il sassuolo (non scordiamoci che sassuolo anche quando gioca per un europa ligue non mette assieme che poche migliaia di tifosi) quindi anche sassuolo è un esempio di successo grazie alla gestione squinzi (parametrat a quello che è). voglio dire che a forza di voler per forza far passare il messaggio che biosgna addattarsi ai tempi (quali?) ci ritroviamo a trangugiare quasi ogni cosa come normalità (e l’attuale non lo è neppure di questi tempi). se torniamo al generale vorrei fare un passo indietro alla prima sampdoria di riccardo garrone (per non scomodare paolo mantovani troppo facile e stare in tempi più vicini).
          ecco quella sampdoria dalla b alla a aveva lo stadio vivo con tanta gente (non dico i pienoni era mantovani) ma la gente andava eccome, c’era un calcio ancora accettabile come insieme (squadre società tifosi ognuno al suo posto ma c’era ancora partecipazione anche se non come il calcio pane salame di 20 30 anni prima ma insomma c’era ancora). negli ultimi anni in generale si è persa la bussola e si vede. a parte qualche squadra importante il resto vede stadi semi vuoti, rapproti squadra ifoseria azzerati o quasi e empatia sempre meno. non credo che questo adeguarsi ai tempi porterà lontano il prodotto calcio se non per poche realtà. a mio parere il sentimento e il trasporto se li metti troppo sotto il tacco poi creano allontanamento e questo nel lungo periodo vuol dire giovani generazioni di tifosi che non andranno allo stadio, che la vivranno come una simpatia ma non una passione etc. il rischio anzi la china è quella. qui da noi accentuata da un personaggio che ha rotto ogni equilibrio in modo traumatico separando sampdoria società e squadra dalla tifoseria. nel breve periodo può reggere nel medio e lungo per me è una sentenza. a quel punto chi non ha respirato certe atmosfere e diventa simpatizzante più che tifoso finirà per simpatizzare per altre squadre alla lunga più che tifare per una squadra. mio figlio simpatizza barca che per carità può starci ma a me dopo berna e wembley quando vedo quei colori e li vedo perdere godo e basta è più forte di me tanto per dire come alla fine le macerie che certi comportamenti e certe gestioni lasceranno le vedremo tra 5 10 anni quando il ricambio potrebbe essere un po diverso rispetto a quanto è accduto negli scorsi decenni. i tempi cambiano vero ma attenzione a spegnere le passioni poi non ti ritrovi più chi lo fa vivere quel prodotto e chiamiamolo cosi. da ragazzo a cavallo tra anni 80 e 90 il solo pensare di identificare la tua squadra come un prodotto sarebbe stato inconcepibile. occhio alle conseguenze che non saranno simpatiche se si continua cosi in generale e qui da noi in modo particolare. un cordiale saluto

          • Franco T. ha detto:

            Caro Massimo, grazie per la lettura. Condivido senz’altro le tesi del Tuo intervento. Se non capisco male sostieni che :
            1) Dato un contesto, c’è sempre la possibilità di fare meglio. Mi trovi d’accordo, figurati, c’era la possibilità “Vialli”, non è andata. Chissà cosa sarebbe potuto succedere. Il modello Atalanta non credo sia perseguibile qui da noi. In Lombardia c’è un’altra realtà sia economica che territoriale, oltre che culturale. Direi un piano di sviluppo con interessi “orizzontali” . Lì è potuto venir fuori un Imprenditore del tutto particolare come Percassi. Qui da noi è molto diverso, intanto siamo una Città in crisi strategica. Il piano rimasto è “verticale”, con Imprese di impatto transnazionale in settori strategici Tecnologici/Scientifici, legati comunque anche al mare, per sua natura attività globale per antonomasia. Ai ricchi Genovesi, a mio parere, non piace o non è piaciuta del tutto la “Società dello Spettacolo”, conoscono l’Etica Protestante e Max Weber. Diverse sono, per differenti ragioni, Milano, Roma e Torino. Quindi..a parte Mantovani e Lolli Ghetti, niente grandi Armatori, l’industria è stata di Stato.. Un po’ Garrone e Spinelli..ma senza grandi ambizioni. Peccato.. perché gli Inglesi qui’ hanno portato il Football. Anche se bisogna dire che la Val Bisagno è stata il grande piccolo bacino per il Calcio Popolare praticato.
            2) Si, il Calcio va perdendo la sua “Aura Magica”, è un processo storico, che va di pari passo con la progressiva assoluta mercificazione di tutte le relazioni umane. Credo che sia un po’ più lungo da spiegarlo. Nel nostro piccolo o grande che sia, ciascuno di noi, forse, lo sta imparando a proprie spese. Grazie Massimo. Grazie Maurizio per la pazienza. Cordiali Saluti a tutti.

          • Massimo Pittaluga ha detto:

            ciao Franco si intendevo quello e tu lo hai spiegato meglio. concordo per averci vissuto 3 anni e mezzo da bambino (ormai qualche decennio fa) in franciacorta quindi non lontano da bergamo che la mentalità di quelle zone è molto diversa e c’è una mentalità più dinamica e meno familistica. c’è anche da dire che cosi è anche facile finire nel circolo vizioso del maniman e del chi si accontenta gode e alla fine non gode proprio per niente (come sta succedendo a me da tifoso negli ultimi anni), ma ciò non vuol dire che io rappresenti la maggioranza. Ecco Vialli col suo modello avrebbe portato qualcosa di diverso, sicuramente qualcosa di dinamico (poi i risultati sul campo se migliori o peggiori chi poteva saperlo) ma sicuramente avrebbe portato un sistema diverso di fare sampdoria (per me un mix di vecchia ma sempre profumata cultura mantovani nelle relazioni con la tifoseria) associata alla gestione ovviamente contemporanea del business societario. ecco credo che purtroppo le famiglie genovesi anche quelle ricche e per ricche intendo con aziende o patrimoni da miliardi non milioni (che nel calcio di oggi sono noccioline) non abbiano alcuna intenzione di entrare. edoardo garrone ne è fuggito (nel peggiore dei modi purtroppo) ed a mio avviso era il meglio che c’era come personaggio locale per modi e anche affetto verso la samp. per fare i proprietari di un club ci vgliono patrimoni aziendali o personali importanti non qualche decina di milioni semmai almeno qualche centinaio di milioni ed ecco qui dove casca l’asino dell attuale sampdoria. non vado oltre intanto credo il concetto sia chiaro. ritengo anche che se non si troverà un modo di riportare la passione al centro del mondo calcio più che di tifosi avremo eserciti di simpatizzanti per le nostre squadre che simpatizzeranno per altre quando andranno di moda. magari sarà pure meglio ma sinceramente non credo.

        • Mauro ha detto:

          Concordo con te su molti aspetti principalmente sul fatto che non ci potrà mai essere un altro Paolo Mantovani.E di questo ne siamo tutti perfettamente consapevoli. La mia battuta si riferiva soltanto all’attuale situazione societaria con un presidente che in tempi di Covid si aumenta lo stipendio di 20.000€ al mese e che allo stesso tempo vuole ridurre i costi abbassando il monte ingaggi.Che è a capo di aziende che rischiano il fallimento.Che se sbaglia una campagna acquisti oltre a rischiare una retrocessione (e fin qui ci sta)si rischia,per una società che punta tutto o quasi sulle plusvalenze,di saltar per aria poiché il principale azionista non sarebbe certamente in grado,a quanto sento e leggo,di risanare un bilancio o effettuare aumenti di capitale.Per questo che abbinare la parola “prospettiva ” all’attuale presidenza mi fa sorridere,anzi ridere,proprio come quando vidi Logozzo tentare il doppio passo sotto i distinti inciampando nel pallone.Cari saluti anche te.

          • Carlo46 ha detto:

            “non ti chieder mai perchè si è rotta quella gamba ma se proprio vuoi saperlo sai perchèèèè???….Logozzo lo saaa, Logozzo lo saa….”

            mitica canzoncina della gradinata ai tempi. Nostalgia canaglia. Scusa Stregatta.

    • Franco T. ha detto:

      Tra i “rumors” c’è anche ovviamente Italiano. Considerando che lo Spezia ha cambiato proprietà…ma qualcuno sa…!!. Per la Samp del Viperetta tra i papabili sicuramente. Spettacolo.. per la prossima stagione.. Cordiali Saluti

  51. jan ha detto:

    Gran partita della Samp anche in 10 però la mia idea é :

    1. Gol su un loro errore e pareggio su un nostro errore, perchè secondo me l’uscita di Audero in quella situazione altro non è che un errore
    2. Vero che la squadra era in palla, ma nel secondo tempo era necessario fare dei cambi prima dell’87°
    3. Keita in quei pochi minuti che è entrato in campo ha fatto “ridere”

    Comunque alla fine un ottimo punto conquistato !

    FORZA SAMP !!!!

  52. Ivano Magna Romagna ha detto:

    Una domanda per Maurizio, ho un dubbio e vorrei chiederti se Keita’ ha un diritto di riscatto oppure un obbligo di riscatto e se,secondo te,vale la pena di pagare 10 milioni (cosi’ ho letto) per riscattarlo,grazie e FORZA SAMP!

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Diritto di riscatto, non obbligo. Per come sta giocando ora, no. Per come aveva fatto intravvedere in qualche partita, sì. Nessuno meglio di Ranieri e Osti conosce la situazione.

      • Frank ha detto:

        Semplice. Keita è stato fumo negli occhi per noi tifosi, per darci un nome importante ,sapendo di non riscattarlo l’anno successivo. E lo si boicotta non facendolo giocare, anche quando,magari in vantaggio,sarebbe utilissimo per le ripartenze. Il giocatore ,quindi ,gioca gli spezzoni di partita ben poco motivato.
        Il prossimo anno punterei Caicedo(spesso accostato alla Samp), oppure Simy.

        • Stefano1970 ha detto:

          Caicedo e Simy sono due giocatori sui quale fondare un progetto e/o creare plusvalenze?

        • Cicciosestri ha detto:

          Avercene fumo negli occhi che ti porta così tanti punti …

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Puoi puntare Caicedo, se hai tre milioni all’anno di ingaggio da offrirgli… 🙂

          • Frank ha detto:

            Boh ,nel tempo sono arrivati Cassano, Eto’o, Caicedo non mi sembra poi così esoso Mi cadono le palle però a parlare sempre di denaro, di strategie economiche,mai di progetto sportivo. Amen, forza Doria.

          • Sand66 ha detto:

            Volendola sparare, oltre Caicedo prenderei anche Messias del Crotone come sostituti di Keita e Ramirez ma la sto sparando simpaticamente.

        • Sand66 ha detto:

          Caicedo pure subito ma Simy anche no, non credo che nell’ottica di abbassamento del monte ingaggi siano questi i prospetti da tenere in considerazione.

  53. Ste75 ha detto:

    Maurizio. Stamane ho letto che la Samp, in sinergia col baiardo, sta mettendo in piedi una polisportiva comprensiva tra l’altro il calcio a 5..come reputi questa iniziativa? E anche sulla squadra femminile qualcosa si è mosso.. Se nn sbaglio domenica prossima inizia il campionato.. Col fatto che il presidente del movimento “rosa” sia Ludovica mantovani nn ritieni che anche le donne stiano acquisendo una importanza rilevante anche nella fifa? Te sai dai miei post che odio ferrero cn tt le mie forze e se fa tt ciò sicuramente ci vedrà in, prospettiva, una fonte di guadagno.. Volevo soltanto un tuo giudizio.. Grazie

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Caro Ste, non so cosa risponderti, se porterà dei guadagni alla SAMPDORIA ben venga. A me il calcio femminile non piace, ma è una questione di gusto e soprattutto nulla c’entra con l’argomento che hai proposto. Osservo con interesse.

  54. Riccio samp ha detto:

    Argomento Quagliarella, è vero che è il nostro fuoriclasse, ma è giusto che s’impunti così sull’ingaggio a 38 anni e con il suo cuore blucerchiato, e un futuro da dirigente? Cosa ne pensate? Maurizio Fabio sarà con noi anche l’anno prossimo, hai sentito qualcosa?

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Non conosco così bene la situazione per dare un parere credibile, per esperienza so che quando una società (non necessariamente la Sampdoria) non vuole rinnovare un contratto (cosa legittima) comincia a far circolare sui media la notizia che il tal dei tali vuole troppi soldi. Non so se sia questo il caso, ma so per certo (essendomici trovato in mezzo) che funziona così. Ferrero è bravissimo in questo tipo di comunicazione. Se Ranieri non arriverà ottavo come lui ha chiesto ripetutamente, avrà un motivo per non riconfermarlo. Fa parte del gioco. A volte lo fanno anche i tesserati nei confronti delle società. Niente di nuovo sotto il sole.

  55. jan ha detto:

    Buongiorno, ho letto della scomparsa del padre di Luca Pellegrini e vorrei porgere le mie più sentite condoglianze a Luca per cui nutro stima e simpatia…..

  56. Carlo46 ha detto:

    Condoglianze a Luca, grande Capitano degli anni d’oro. E giocatore per me quasi unico nella storia calcistica perchè in olrte quarant’anni che seguo il pallone i suoi interventi in scivolata, puliti, decisivi e tempestivi, non li ho visti fare a nessuno

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Mi fa piacere questo riconoscimento a Luca Pellegrini. Al di là del fatto che siamo molto amici, in questi anni ho visto parecchio fango riversato anche addosso a lui. E’ vero, a volte nelle telecronache è puntiglioso, probabilmente sbaglia quando rivanga certi fatti del passato (gliel’ho detto anche in faccia) ma è spinto dal grande amore per la Sampdoria. Che ho potuto toccare con mano, in più occasioni, quelle vere, lontano dalle luci dei riflettori. Una bella persona. Ed è stato un grande giocatore, nel finale di carriera falcidiato dagli infortuni. Non ricordo se sia stato Mannini o Vierchowod, ma uno dei due mi disse che, quando stava bene, Luca era il più rapido di tutti. Anche se lui a me dice sempre che il più veloce di tutti era Mannini, anche più dello Zar. E poi mi racconta tante cose, alcune raccontabili, altre destinate a restare per sempre riservate. P.s. Per STREGATTA & COMPANY: non è un’operazione nostalgia, so benissimo che quella Sampdoria non tornerà mai più e va benissimo Ferrero presidente. Ma ogni tanto credo sia giusto, da parte mia, rivelare qualche aneddoto a chi mi legge. Altrimenti cosa ci sto a fare? Saluti a tutti. E ancora condoglianze a Luca.

      • Franco T. ha detto:

        Mi unisco alle Condoglianze a Luca Pellegrini. Anche per me Luca è stato uno tra i giocatori con maggior stile e classe che abbia visto nella Sampdoria. Complimenti e Grazie Maurizio per tutto e in particolare per quest’ultima nota. Sanguigna il giusto. Cordiali Saluti a tutti.

        • Francesq ha detto:

          All’epoca, quell’epoca, ero un bambino.

          E mi incazzavo quando qualche compagnuccio diceva che il capitano del Doria fosse Mancini (erano anche i tempi di Holly e Benji e l’accostamento numero 10-capitano era facile). No, era Pellegrini, mannaggia a loro. Mancini era (è; sempre sarà) Mancini. Ma il Capitano era Pellegrini.

          La Samp era magia assoluta. Come facevi, da bambino, a non innamorarti di quella squadra?

          • Faso ha detto:

            Infatti per noi doriani Luca Pellegrini è stato e sarà sempre IL CAPITANO, quello arrivato ragazzino e che poi ha alzato a Goteborg la Coppa delle Coppe e issato il tricolore (sebbene in quella stagione avesse giocato forse nemmeno metà delle partite causa infortuni vari).

            FERRERO VATTENE

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      Caro carlo me lo ricordo quando da giovane giocava da terzino velocissimo e pulito come dici tu. ero un bambino all epoca e lui uno dei primi campioni scovati dalle serie minori. non ricordo chi lo spostò a fare il libero ma li divenne un grande giocatore. peccato qualcuno tenda a ricordare le poche cose negative di certi giocatori e non le tante positive che hanno fatto vedere. pellegrini secondo me è stato un campione sottovalutato a livello nazionale sia durante che dopo la carriera. uno dei migliori nella sua epoca

  57. Riccio samp ha detto:

    Maurizio potevi dircelo che come nuovo allenatore arrivava il capo ultras della Stella Rossa ah ah… Ma anche Sinisa cosa gli sta consigliando al viperetta? Comunque anche Dejan di calcio ne sa da vendere, però sinceramente mi inquietano tutti questi casting sia tecnici che dirigenziali del viperetta. Perché usa più la più la pancia che la ragione, come spesso accade… Qualcuno la pensa come me? La prossima stagione sarà fondamentale per noi, e non vedo perché fare rivoluzioni quando le cose vanno bene… Ma mi sa che tutto sta andando nel senso contrario…

  58. Carlo46 ha detto:

    io invece ho una certa fiducia nelle capacità di Ferrero di scegliere l’allenatore. Spero che questo non mi faccia finire di diritto nella schiera dei suoi sostenitori (sorrido). Intendo che l’uomo è tutto fuorchè stupido e ha quel fiuto primordiale nelle scelte che possono tornargli utili. Su un piano di maggior concretezza credo sia perfettamente conscio che aldilà di tutto Ranieri offre garanzie sotto molteplici aspetti; anche a pagargli il doppio dell’ingaggio di altri candidati credo lo riconfermerebbe subito. Il problema è che Ranieri ne vuole il triplo e questo sarebbe troppo anche per me. Vedremo.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Senza voler entrare nel merito del tuo apprezzamento per le capacità di Ferrero di scegliere gli allenatori, i precedenti oggettivamente non sono tanto incoraggianti: Zenga, Montella, Di Francesco (Giampaolo lo prese Osti, che lo aveva avuto a Treviso). L’unico è Ranieri, che peraltro è giunto dopo i “no” di altri tre tecnici e non piace neanche tanto ai tifosi. Insomma, io accetto liberamente che chiunque sostenga Ferrero, non faccio certo censure, tuttavia mi piacerebbe che ciò avvenisse sulla base di argomentazioni reali o dati concreti. Invece a me qui tocca leggere che il settore giovanile è migliore delle gestioni precedenti, che i risultati sono migliori dell’era Garrone, che il bilancio è in ordine, che Keita è più forte di Icardi. Ora anche che Ferrero sa scegliere gli allenatori. Dopodiché, speriamo che sia la volta buona, ci mancherebbe.

      • Carlo46 ha detto:

        More solito, impossibile argomentare su qualsiasi questione inerente Ferrero, si finisce subito schedati fra i suoi sostenitori. Chiunque legga questo blog direi sappia ormai alla noia come io la pensi su Ferrero.
        Nel merito allenatori: a me non interessano le storie a margine (Osti che scelse Giampaolo ad esempio), mi interessa chi ha effettivamente allenato la Sampdoria in questi anni, evidentemente avvallato dal (P)residente. Ed ho l’onestà intellettuale di ammettere a me stesso che ero strafelice quando si prese Montella (come tutti i doriani, tutti!) e piuttosto felice quando si prese Di Francesco (come quasi tutti i doriani). Certo poi si rivelarono due enormi fallimenti, ma all’epoca la scelta non fu certamente al ribasso. Capitolo Ranieri: gli altri tecnici interpellati, m sfugge il terzo, furono Gattuso e Pioli. Due che stanno facendo uno bene ed uno meravigliosamente in squadre di primissima fascia. Non credo di dire eresie nel ritenere che avrebbero fatto ugualmente bene anche qui, quantomeno sui livelli di Ranieri. In definitiva, contestualizzando al momento e non con il comodo senno di poi, l’unica scelta scellerata fu Zenga. Auspico di aver fornito argomentazioni utili a comprendere il mio pensiero. Senza schedarmi.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Mi dispiace che tu te la sia presa, francamente io rispetto le opinioni di tutti, di conseguenza anche le mie dovrebbero essere rispettate. Tutto qui. Carlo 46 sostiene che “Ferrero ha fiuto nel scegliere gli allenatori”. Maurizio Michieli: “Non sono d’accordo, li ha toppati quasi tutti”. Si può discutere su chi abbia ragione, fa parte del blog. Io cerco sempre di sostenere le mie idee, pro o contro Ferrero (qualcosa di buono, molto poco, ha fatto pure lui), con argomenti solidi. Ma è dura farlo quando la “controparte” dei simpatizzanti chiama in causa persino Mihajlovic (preso da Garrone) e dà per scontato che Gattuso e Pioli sarebbero state buone scelte per la Sampdoria (io non lo so, magari sì, magari no). Poi, che tu tifi o meno per Ferrero non importa, non mi riguarda. Ognuno è libero di pensarla come vuole e qui trova sempre ospitalità, anche quando le idee sono totalmente diverse dalle mie.

        • Maurizio Achelli ha detto:

          Caro Carlo46 quanto hai ragione …

        • Sand66 ha detto:

          Che i due allenatori che citi avrebbero fatto bene è tutto da dimostrare (vedi Montella e DiFra), il fare bene con due corrazzate come Napoli e Milan è la normalità ma i veri fuoriclasse fanno bene con squadre meno attrezzate (vedi Gasperini) magari avrebbero fatto bene ma resta il fatto che Ranieri ha fatto il lavoro per cui viene pagato e questa non è una supposizione è un dato oggettivo, poi il gioco è quello che è e la salvezza tranquilla la ottengono tutti (con il materiale a disposizione) meglio per lui che levi le tende, certo mi piacerebbe vedere un giovane allenatore gestire tutte le nostre vecchie glorie come Candreva, Fabio, Tonelli, Keita e Yoshida mi sa che ci vuole esperienza anche per questo.

      • Kreek ha detto:

        Mihajlovic lo ha confermato…lo ha convinto a rimanere…La fata turchina…

        Giampaolo è rimasto per 3 anni (mai successo prima e dopo)…per volere… Del Fato…

        Ranieri è arrivato dopo i sondaggi per Gattuso e Piolo, e cadevi in piedi, direi.

        Zenga sbagliato e sostituito a furor di popolo con Montella, grande delusione

        Difra toppato, non era il momento giusto ed è in fase calante, chiedere a Cagliari

        • Maurizio Achelli ha detto:

          Concordo in toto con le considerazioni di Kreek

        • Daniele da Rapallo ha detto:

          A me risulta che Giampaolo lo abbia fortemente voluto Ferrero a differenza dell’ area tecnica (Pecini ed Osti) che caldeggiavano Pioli. Non avremo mai la controprova di cosa avrebbe fatto Pioli in quel periodo se fosse venuto lui….La discreta riuscita di Giampaolo (che alla fine ha fatto bene solo alla Samp) è anche un po frutto del caso e di coincidenze astrali… : teniamo presente che freschi di cessione gratuita dai Garrone, con Romei e Pecini in grande spolvero e lasciati liberi di agire, la gestione nell’era Giampaolo ha portato talenti e plusvalenze dei quali ha giovato (in parte..) anche il tecnico. Passano poi gli anni e, alle prime difficoltà, vengono fuori i debiti di bilancio ed il fatto che lui sia miscio e non possa ripianare personalmente…anzi ci guadagna.
          Sinisa è un eredità di Garrone ed alle prime sirene ha portato via i Zebedei (per altro fallendo al Milan e anche a Torino) ma già sotto Garrone aveva ceduto alle sirene Juve.
          Gli altri li ha cannati tutti tranne Ranieri, Romano come lui; che lautamente pagato gli sarà stato consigliato. Ora il mercato lo fa lui con i procuratori.
          Pertanto faccio sempre lo stesso esempio : un conto è andare a 10 nodi su una nave, un conto è andarci su una scialuppa di compensato; magari è anche più divertente ma, al primo mare mosso, rischi seriamente di colare a picco. Il tirare a campare non paga a lungo.

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Giampaolo lo ha portato Osti, che lo ebbe a Treviso. Nelle società “normali” l’allenatore lo sceglie il direttore sportivo, giacché il presidente non è (giustamente) tenuto a conoscere gli allenatori, fermo restando che ha diritto di valutarli sul piano umano.

      • marco75 ha detto:

        Domanda che faccio senza polemica: ma non è stato scritto da più parti che è stato Cassano a consigliare Ranieri a Ferrero?

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Non lo so, sinceramente. Nei giorni scorsi mi pare di avere letto una dichiarazione piuttosto negativa di Cassano su Ranieri, ma non sono a conoscenza del fatto o meno che lo avesse consigliato lui a Ferrero. Sarebbe quantomeno contraddittorio, però.

          • El Cabezon ha detto:

            Così ha raccontato Cassano una volta, giusto!
            Poi se sia vero…non è dato sapere…
            “Se vuoi evitare la B prendi Ranieri” avrebbe detto il 99 al tifoso romanista che sogna di rilevare il Palermo…
            Vero anche che qualche settimana fa sempre FantAntonio ha bacchettato Ranieri sostenendo che la Samp non gioca bene…
            Personalmente non vedo contraddizioni Maurizio, io stesso l’anno scorso vidi Ranieri come miglior soluzione possibile per salvarci, ma al tempo stesso oggi mi ritengo decisamente insoddisfatto del gioco messo in mostra, sono due cose ben distinte…

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Come dicevo prima, non so se Cassano abbia consigliato Ranieri, mi fido di te. Ma l’altro giorno ho letto la seguente dichiarazione: “Ranieri è una persona favolosa però se parliamo di allenatori numero uno, allora no. Lui fa star bene i ragazzi, li fa stare tranquilli, ma le sue squadre non giocano un calcio fantastico, la Sampdoria per ultima”. Probabilmente ha solo modificato un po’ la sua idea.

    • flex ha detto:

      Mihajilovic che consiglia Stankovic mi ricorda terribilmente Sabatini che consiglia sensibile.
      Liberi di fare scongiuri.

  59. Nyc ha detto:

    @Maurizio

    Io personalmente ho litigato con molti amici e conoscenti che difendevano Ferrero ma ho imparato che farsi il fegato amaro per quel piccolo ( in tutti i sensi) personaggio che non rappresenta nulla del mondo Sampdoria non ne vale la pena.

    Detto questo negli ultimi 2 campionati La Rosa dell Unione Calcio non è affatto male per come la vedo io , certo non da Europa ( ci sono 7 squadre molto più forti basti vedere la classifica ) ma neanche da retrocessione o rischio retrocessione ( ci e voluto DiFra per fare così pietà da rischiare qualcosa ).

    Quest anno , non ditemi che avevate paura di retrocedere perché e semplicemente falso se avessimo Gabbiadini e Keita ( non sarà Messi ma è comunque un buon giocatore avesse del cervello sarebbe un ottimo giocatore ) dall inizio saremo tranquillamente ottavi con o senza Ranieri .

    La verità sta nel mezzo proprio dove è la Sampdoria

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Io è da settembre che dico che la Sampdoria si salva facile, lo sostenevo anche quando la maggioranza dei tifosi, dopo qualche sconfitta, profetizzava la retrocessione e chiedeva la testa di Ranieri. Detto questo, nulla c’entra col fegato amaro (credo ci siano cose più importanti, eventualmente) né con tutto il resto. Ma non chiedere a me di stare nel mezzo 🙂 Non è neanche nella mia natura assumere posizioni ecumeniche o, peggio, pilatesche. Io credo che Ferrero, al netto di qualsivoglia risultato sportivo, sia un pericolo per la Sampdoria. Ma ho smesso di dirlo perché ormai, come diceva quel tale, non me ne può importare di meno. Rispondo solo a sollecitazioni sul tema. Per me Ferrero “non esiste”.

  60. petrino ha detto:

    Magari fra un po’ cammina anche sull’ acqua !!!!!

  61. beppe ha detto:

    Al netto della vergognosa gestione Ferrero, mi ricordo degli elogi fatti da molti sampdoriani e molti giornalisti sulla società spezia, sul vecchio proprietary, sulla nuova società e sull’avveniristico progetto stadio. Ora, lo stadio non si farà, in città la nuova società non si è mai vista e la squadra è totalmente abbandonata a se stessa e al proprio allenatore. Davvero un grande esempio. Alle volte basterebbe contare fino a 100

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Mi sembra un’analisi un po’ catastrofistica sul “povero” Spezia. Io al momento vedo una società finanziariamente sana, con il bilancio in attivo, due centri sportivi completamente ristrutturati, una squadra in lotta per la salvezza (pur essendo al primo anno di serie A della propria storia). Quindi, credo che complessivamente Gabriele Volpi, che rilevò la società in serie D, abbia svolto un eccellente lavoro, per non dire straordinario. Giudicare invece il lavoro della nuova proprietà dopo appena un mese e mezzo lo ritengo sbagliato. Faranno bene? Faranno male? Lo vedremo, sinora penso non abbiano fatto o potuto fare nulla, né di buono né di male. Il nuovo stadio era un progetto della vecchia proprietà, è normale che la nuova intenda valutarlo e decidere in autonomia. Certo fare meglio di Volpi in effetti sarà difficile, tuttavia le campane a morto suonano un po’ prematuramente. Un primo bilancio, in genere, è fattibile dopo sei mesi di gestione. E’ la mia opinione, sia chiaro. Neutra. Non conosco assolutamente i nuovi proprietari dello Spezia e potrebbero essere benissimo dei “manigoldi” (calcisticamente parlando, intendo). Ma non mi sento di dirlo già ora.

      • beppe ha detto:

        ciao Maurizio, riportavo gli umori della città. questa società non l’ha ancora vista nessuno, forse le campane a morto sono eccessive ma il futuro è quanto meno nebuloso

  62. Fabrizio ha detto:

    Ciao a tutti! Certo che con ancora 9 partite da giocare una salvezza ancora non matematicamente raggiunta, una supremazia cittadina che rimane il Nostro Unico obbiettivo,tutte queste voci non ultima articolo di stamani sulla gazzetta dello sport che Ranieri avrebbe già comunicato l addio. Osti e Pecini già silurati,quell piccolo buffone che continua a cercare altri allenatori…….mi posso immaginare quanti punti faremo da qua alla fine del campionato! Già Domenica con il napoli prevedo una bella goleada di insigne e company!

    • jan ha detto:

      Per quanto riguarda Ranieri penso che oltre ad un problema di ingaggio ci sia anche una questione tecnica. Il Mr che a me piace molto, avrà preteso anche delle garanzie tecniche che il proprietario della nostra amata non gli può dare. Per sopravvivere deve vendere tutti senza tener conto che anche l’area dirigenziale sarà sostituita. Per cui futuro tutt’altro che roseo…..

  63. Faso ha detto:

    Ciao Fabrizio,
    ero in ansia perchè non avevo ancora trovato tra i commenti la classica ventata di ottimismo… ora sono tranquillo!!!
    😉

    ps: Osti come ds è stato silurato da un pezzo e retrocesso nemmeno a team manager, ma a quello che porta i gagliardetti e alza la lavagna luminosa

  64. Emanuele ha detto:

    Ciao Maurizio,
    una domanda ma….Edoardo Garrone che fine ha fatto? Non aveva promesso proprio nei vostri studi che avrebbe vigilato sulla situazione della Sampdoria? Alla fine si è messo al collo la sciarpa regalatagli dai tifosi in Albaro e ci ha lasciati in braghe di tela!!!!
    FERRERO VATTENE

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Ciao Emanuele, aveva garantito che si sarebbe impegnato per la cessione a Vialli – e lo ha fatto – ma l’operazione non è andata in porto. La società è di Ferrero.

  65. Andrea.M ha detto:

    Perché Osti e Pecini (soprattutto l’ultimo) non rientrerebbero più nei piani della società?

  66. Massimo Pittaluga ha detto:

    oggi Mancini ricorda Paolo Mantovani. Passa il tempo ma le persone che hanno lasciato il segno quelle rimangono impresse a tutto un ambiente e a tutta una generazione di tifosi cresciuta con certi valori e certi messaggi. Non è amarcord ma una semplice considerazione di quanto rimane di buono quando si semina bene.

  67. Fabrizio ha detto:

    Ciao Faso hai perfettamente ragione sono un pessimista x natura e il sabato vorrei sparire fino a partita terminata nn so cosa farci è che mi danno così fastidio i Bibini davanti che Gufo talmente tanto che alle volte perdo il controllo! E alle volte la Gufata mi riesce! Un abbraccio e cerca di sopportarmi! Ciao Ragazzi Blucerchiati!

Lascia un commento

UOVO MEZZO… PIENO

Poteva essere una Pasqua sontuosa, con una vittoria alla scala del calcio. Ma alla fine la Sampdoria ha dovuto accontentarsi [&hellip

MISSIONE COMPIUTA (CON FATICA)

Alla faccia dei catastrofisti e dei detrattori di Ranieri, anche quest’anno la Sampdoria archivia con largo anticipo la pratica della [&hellip

GALLERIA DEGLI ERRORI

La Sampdoria torna per l’ennesima volta dallo stadio “Dall’Ara” di Bologna senza la miseria di un punto, al termine di [&hellip

NON BASTA SUPER MANOLO

Dopo il pareggio nel derby, la Sampdoria raccoglie un altro punto a Marassi con il Cagliari ma stavolta viene rimontata [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta