MISSIONE COMPIUTA (CON FATICA)

21 Mar 2021 by Maurizio.Michieli, 560 Commenti »

Alla faccia dei catastrofisti e dei detrattori di Ranieri, anche quest’anno la Sampdoria archivia con largo anticipo la pratica della salvezza. Che non è ancora matematica, ovviamente, ma virtuale sì, visti i 35 punti in classifica dopo la vittoria sul Torino. Ottenuta con molta fatica, è vero, senza lo straccio di un gioco autentico, ma la sfida con i granata ha confermato proprio questo: tra le squadre di quello che io personalmente chiamo il calderone di mezzo, gli equilibri sono molto labili e sottili. Tra Samp e Torino non c’è una gran differenza di valori, dunque non trovarsi oggi al loro posto – e non essercisi mai trovati – ha un peso ed un valore. La Sampdoria ha disputato un primo tempo accettabile, il bel gol di Candreva (bravissimi prima Augello e poi Gabbiadini a propiziarlo) e il palo di Quagliarella hanno legittimato il vantaggio dei blucerchiati. Nella ripresa è stata tutta un’altra musica, con la Samp che si è rintanata abbassando il baricentro e senza mai ripartire. D’accordo il merito degli avversari, con l’acqua alla gol e costretti a venire fuori, ma si poteva e si doveva fare meglio. C’era quasi l’impressione che si aspettasse il Torino, in procinto di pareggiare da un momento all’altro. Ma un po’ la bravura dei difensori della Samp (specie i centrali), un po’ l’imprecisione degli avanti granata hanno mantenuto il risultato sull’1-0 sino al termine. Audero non ha dovuto compiere miracoli, pur essendo costantemente sotto pressione. Alla fine la vittoria ci sta e ci stanno i tre punti, che risarciscono anche un po’ la Sampdoria della beffa subìta con il Cagliari. Ora serve davvero poco per arrivare alla meta. La partita ha anche ribadito l’eclissi di Silva e l’immalinconimento di Keita, rilanciando invece Candreva che, pur a strappi, sta facendo il suo. La prossima sarà col Milan, una trasferta che può essere affrontata senza l’acqua alla gola. Non è certo una Samp che entusiasma, che può mirare all’Europa, ma non avere mai patito e non patire in classifica le pene sofferte nel corso della stagione da concorrenti similari (Genoa, Udinese, Fiorentina, Cagliari, Bologna, Torino stesso) è un biglietto da visita che Ranieri può esibire senza falsi pudori. E in barba a coloro che lo hanno fatto passare per un pensionato di lusso, dai vertici societari a molti tifosi ultra esigenti e nostalgici di una Sampdoria che non esiste più da tanto tempo.

560 Commenti

  1. Ivano magna Romagna ha detto:

    “Alla faccia dei detrattori di Ranieri” mi sembra pesante e non rispettoso di coloro che commentano con critiche costruttive l’allenatore,D’altronde chi gestisce il blog ha sempre l’ultima vittoria e allora hai ragione tu,il secondo tempo sembrava forte Apache circondato da orde di granata infuriati e quindi credo che abbiamo ripreso quello che abbiamo perso con il Cagliari,nonostante tutto (il nostro e’ un piccolo club In Romagna ma abbiamo 52 iscritti)vedo che il parere e’ condiviso dagli altri che hanno visto la partita con me..direi che Ranieri santo subito non e’ il motto piu” in voga.La Samp ha giocato sino al 27esimo del primo tempo e poi solo bunker..i tre punti ce li prendiamo e ci lecchiamo le dita ma,sinceramente,sono un rubacchiati.Comunque FORZA SAMP sempre!O con Ranieri o senza.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Caro Ivano, non esagerare. Le critiche sono legittime, anche io ne faccio a Ranieri perché in un anno e mezzo non ha battezzato un modulo ed una formazione titolari e non ha dato un’organizzazione riconoscibile alla squadra. Ma in tanti, a mio parere troppi, sostengono e hanno sostenuto che il real squadrone allestito dalla società avrebbe meritato e meriterebbe miglior sorte in questo campionato. Ecco, io su tal argomento sono molto deciso, sì, senza con questo però pretendere di avere l’ultima parola, che è sempre la vostra, di voi che scrivete e di cui vi ringrazio. Quindi, massima libertà di opinioni e di pensiero. Saluto te e il tuo bel club con affetto.

    • Moussa Dembele ha detto:

      Ivano, rispetto il tuo parere ma perché i 3 punti sarebbero rubacchiati? Il non ho visto una sola occasione dei bovini, mentre noi abbiamo segnato, preso un palo e avuto, nel finale, un paio di contropiedi per chiuderla.
      Non ho risparmiato nel recente Passato, critiche a Ranieri ma fire che oggi il risultato non sia giusto mi sembra un po’ da Tafazzi.
      Con simpatia verso chi sostiene i nostri colori anche da lontano

    • Fra Zena ha detto:

      Granata infuriati? Solo passaggi laterali, zero tiri in porta, una serie infinita di cross presi dai nostri centrali o da Audero
      Forse ho visto un’altra partita
      PS ho amici tifosi del toro infuriati (loro sì) per la mollezza con cui la loro squadra ha approcciato la partita, pensa un po’ …

    • Frank ha detto:

      Concordo pienamente. Qui. se critichi un mister che fa giocare la squadra da schifo, significa che sei a favore di Ferrero. Ritengo che invece si possa sperare in un cambio di proprietà ed un cambio di sistema di gioco della squadra. Chissà perché questo atteggiamento così ostile nei confronti di chi si aspetterebbe un calcio migliore. Bah…..
      Ma che cavolo di formazioni schiera poi? ….Uuuuhhh , l’ho detto ….

    • Sand66 ha detto:

      Se Ranieri è riuscito a “rubacchiare” 35 punti onore a lui, il “professore” della “casa di carta” gli fa un baffo, è stato preso prima per la salvezza e poi per assicurarla in tranquillità, ha fatto il suo, e questo non è sempre scontato (vedi Torino e Fiorentina).

  2. fb ha detto:

    Una tappa fondamentale per centrare l’obiettivo minimo stagionale, il nono posto non è così lontano ma il non gioco visto nel secondo tempo non fa sperare in ipotetici exploit. Ranieri indubbiamente porterà a compimento la missione , per quanto riguarda la prossima stagione penso che se accetterà una cospicua riduzione dell’ingaggio potrebbe anche rimanere. Non so quanti sarebbero contenti ma sposo la tua tesi, Maurizio da questa società non possiamo aspettarci di più, lasciamo in pace la Samp degli anni d’oro e caliamoci anche noi tifosi nella realtà attuale ben consci che potrebbe andarci anche peggio, vero Parma Torino Fiorentina Cagliari ? Un salutone

  3. Francesco ha detto:

    Chi comanda en calcio? resultato .
    Sacrosanta la massima di Boskov. Il mister fa un calcio pane e salame ma porta la barca in porto ed è questo quello che conta.

    • Andreap ha detto:

      3 punti, 3 tiri, 1 gol.
      Il toro non ha mai tirato in porta e questo dimostra che a parte lo spezia,dietro nessuno ha un’identità di gioco..

      Bene ranieri che ci ha salvato anche questa stagione.

      Ferrero vattene

      • Maurizio.Michieli ha detto:

        Beh, anche l’Atalanta e a tratti il Sassuolo. Il resto in effetti, tatticamente parlando, è brodaglia dallo stesso sapore.

        • Andreap ha detto:

          Maurizio mi riferivo q quelle dietro..

        • Fra Zena ha detto:

          metterei anche il Verona, che con una rosa fatta di ragazzini e scarti di altre squadre si salverà comodo anche quest’anno

          • andreap ha detto:

            ripeto, “Il toro non ha mai tirato in porta e questo dimostra che a parte lo spezia,dietro nessuno ha un’identità di gioco..”

            mi riferisco alle squadre dietro: io penso che atalanta, sassuolo, spezia, verona ed in parte la roma abbiamo un’identità ed un bel gioco.
            l’inter ha identità ma non mi piace..salvo l’intensità e la corsa.
            il benevento ad inizio anno aveva un’identità, salvo poi cedere all’adattarsi e portare punti in cascina.

            le altre sono poca roba..quest’anno la mancata preparazione non ha dato tempo di costruire ai mr nuovi..per cui capisco parma cagliari, fiorentina e toro in quella posizione. spezia e benevento hanno mantenuto l’assetto e giocato come lo scorso anno..

    • Roberto ha detto:

      Per favore non paragoniamo il calcio di Boskov e della Sampd’Oro a quello di oggi. Allora chi vinceva prendeva due punti e pareggiare era una mezza vittoria, e pareggiare in trasferta era praticamente una vittoria!
      Oggi pareggiare è una mezza sconfitta e pareggiare in casa è praticamente una sconfitta. Bisogna giocare per vincere sempre. Come faceva Giampaolo. Io non amavo il suo gioco e a fine campionato il nostro piazzamento era sempre a centro classifica, ma in ogni partita si cercava di imporre il nostro gioco e questo ci veniva riconosciuto da tutti. Non mi piaceva il gioco di Gianpaolo ma quella Samp mi rendeva orgoglioso anche quando si perdeva.

  4. Attilio Recco ha detto:

    Pero ferrero porta buono!Quando viene vinciamo,era un po’ di domeniche che senza la sua presenza si perdeva..almeno teniamolo come nano portafortuna!

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      e mi dici poco. come dice ormai la ns guru stregatta meno male che è tornato.
      Ferrero vattene e stregatta se proprio non riesci a farne a meno puoi anche accompagnarlo. non so come faremo ma ci proveremo senza di voi.

      • aston ha detto:

        Ma… non Ti pare un pò eccessivo. Se uno la vede diversamente da quello che pensi lo mandi in esilio… ma dai….

        a.

        • Massimo Pittaluga ha detto:

          caro aston non mando in esilio nessuno e non lo farei nemmeno potessi. ho solo scritto che se ferrero andasse via ne sarei felice e se chi lo ama lo segue vada pure. dietro ai tuoi modi soft si nasconde ben poca tolleranza….e dai

          • aston ha detto:

            … lascio valutare ad altri se da quanto scrivo si intuisce la scarsezza di tolleranza.

            Tuttavia pensa che, nella vita, mi trovo in grandissimo disagio:

            – con gli intolleranti, spesso ma non sempre, anche ineducati;
            – con chi pensa di avere la verità in tasca e si interfaccia con il prossimo con sarcasmo , sufficienza , senza rispetto;
            – con chi parla senza avere conoscenza degli argomenti trattati assumendo toni categorici salvo cambiare versione sistematicamente;

            Con tutto il resto del mondo ho vissuto e vivo in grande armonia e serenità.

            a.

          • Massimo Pittaluga ha detto:

            caro aston mi fa piacere per te e per quanto mi riguarda ho tanti difetti ma non quello di credere di avere la verità in tasca. ritengo di avere il diritto di esprimere le mie opinioni in libertà visto che non offendo nessuno.
            se poi non ti piacciono lo comprendo e lo capisco e non credo di mettere a disagio nessuno. se cosi fosse mi dispiacerebbe visto che in fondo si parla di calcio e di sampdoria e il disagio mi sembra eccessivo nel caso. un cordiale saluto

          • aston ha detto:

            Caro MP non è che i tuoi commenti non mi piacciano. I commenti sono commenti!
            A volte non li condivido . Ma non mi pare il problema tra persone civili.
            Permettimi solo di dirTi, essendone informato ( e su questo Ti chiedo di fare un atto di fede ) che su determinati temi ( i.e le fideiussioni ) le cose stanno un pò diversamente.

            Un cordiale saluto.

            a

  5. Jordan ha detto:

    L’unica cosa che conta è il risultato del campo. Sono le sagge parole del grande Paolo Mantovani che ha insegnato ad una tifoseria quanto siano inutili certi commenti polemici quando una vittoria non è frutto di un dominio incontrastato. E quindi onore e merito ad un grande signore che dopo il bel lavoro fatto in questi 2 campionati si trova a chiedersi se la piazza sia contenta del suo operato in queste difficili condizioni. Tranquilli, Guardiola non arriva 😃

    • Ste75 ha detto:

      Qui nessuno chiede guardiola. Klopp o allegri… Ma un allenatore che dopo 60 partite dia in gioco e una squadra fissa da cui partire… Si è improvvisato in questo campionato grazie ai solisti… L’azione col toro dimostra che i piedi buoni in squadra ci sono.. Nn penso che juric o de zerbi o italiano abbiano la bacchetta magica.. Probabilmente l’ insistere nel provare in allenamento certe giocate aiuterebbe molto.. Sembra che dire su Ranieri che nn è riuscito a dare un gioco sia peccato… Bielsa, è diventato famoso nn certo x i trofei vinti ma x una parvenza di gioco che le sue squadre hanno. Eppure allena il leeds… Non il Manchester. Zeman di rambaudi signori baiano, o il suo Pescara di immobile verratti insigne… 100e passa gol… Se si vuole qualcosa si crea… Secondo te cn il pubblico nn sarebbero mai usciti sotto i fischi? Vai a rivederti le partite cn Benevento Spezia Bologna.. E altre

  6. Stregatta ha detto:

    Dopo settimane nelle quali si aveva paura a dire che la salvezza era ormai stata raggiunta, ci ha pensato la squadra a dare le risposte che cercavamo. Questa vittoria infatti ci permette di affrontare il resto del campionato con maggiore serenità e sicurezza perché abbiamo aumentato il divario dalle squadre che ci sono dietro. A questo punto l’ottavo o nono posto sono decisamente alla nostra portata.
    E non stiamo parlando di qualcosa di puramente utopistico: la Sampdoria è una squadra capace di vincere o perdere contro avversari di diverso valore e alternare ottime prestazioni a gare decisamente negative. Dobbiamo assolutamente provarci anche se solo per una questione puramente economica e legata ai diritti televisivi. Nel mirino si potrebbe mettere anche il Sassuolo, che sembra aver perso lo smalto della prima parte del campionato. Comunque ci troviamo nella parte sinistra della classica e questo dimostra che la squadra e la società sono ampiamente in linea con gli obiettivi di inizio stagione. P.S Finalmente Ferrero è tornato allo stadio.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Concordo, se ne sentiva la mancanza di Ferrero allo stadio. Un bel valore aggiunto.

      • Pier56 ha detto:

        Bellissima questa, si proprio un “valore” aggiunto….Però è vero che il residente, finora, è stato fortunato. Speriamo non lo sia nei concordati e sia costretto a mollare la Samp a 0 euro, così pagherà la sua ingordigia nel fallimento della vendita a Vialli e Knaster.

      • Lino ha detto:

        Per un Sampdocriano del 51, Sentire qualcuno a cui sta bene il beneficiario di azioni societarie buttate dalla finestra, fa tanto male al cuore… che tempi!

    • Andreap ha detto:

      Già che ti paga per scrivere su tutti i blog, perché non gli scrivi anche i testi da leggere delle conferenze stampa??
      Poi magari lo fai già ed allora è lui che ripete male..
      Tomba in confronto è premio Nobel per la letteratura!

      (Ipse dixit docet)

      Sarebbe bello trascrivere le parole esatte usate dal nano da giardino ai microfoni di samp tv..

      • Stregatta ha detto:

        Scusa, ma che cosa significa Ipse dixit docet? Ahahahahah E’ una locuzione idiomatica?
        Ci sono due verbi nella stessa proposizione, che insieme non hanno senso logico. Intendevi forse Ipse dixit? 🙂 Mi sa che il premio Nobel per la letteratura quest’anno lo vinci ancora tu. Sei unico e inarrivabile anche dal punto di vista sintattico 😀
        Un caro saluto. Di cuore 🙂

        • andreap ha detto:

          no è un semplice richiamo alla rubrica “ipse dixit” di mai dire gol, in cui alberto tomba era leader indiscusso per discorsi indecifrabili.

          per essere precisi e puntigliosi, potevo scrivere “ipse dixit” docet..

    • Solosamp1946 ha detto:

      Finalmente ?

  7. Samp46 ha detto:

    Ciao. Secondo te ci sono possibilità che il prossimo allenatore della Samp sia Pippo Inzaghi?

  8. Paolo ha detto:

    Qui per ricordarti ancora una volta che il tuo tanto criticato candreva , il vecchio , quello che è venuto qui a svernare , ti ha fatto prendere il 15 esimo punto grazie ad un suo gol decisivo…aspetto con ansia il tuo solito arrampicarsi sugli specchi dicendo che tu non l hai mai criticato e siamo noi che non capiamo cosa intendi dire…sarebbe bello e nobile per una volta cospargersi il capo di cenere e ammettere di avere sbagliato …altro tema intoccabile a primocanale il signor Ranieri, in questo articolo come al solito idolatrato…è pura follia…la sampdoria gioca il calcio più brutto della serie a…schemi da terza categoria…palla al lungagnone di turno dietro e spazzata alla viva il parroco davanti…una vergogna…rendiamo grazie come ripeto ai gol di candreva e dell altra tua ossessione keita balde ,praticamente mai titolare e mai gli è stata data fiducia dal tuo mourinho personale…chiunque sappia di calcio sa quanto è importante avere la fiducia del mister…senza loro due saremmo penultimi…carta canta

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Io ho sempre sostenuto che Candreva, Silva e Keita sono serviti e sarebbero serviti a non farci soffrire in questo campionato e così è stato ed è. Ho anche sempre sostenuto che non sarebbero bastati a portarci in Europa o alle soglie dell’Europa. Se ci andremo, mi cospargerò volentieri il capo di cenere. Per inciso, Candreva è di gran lunga il più giocatore di tutti rispetto a Silva e Keita, purtroppo è verso fine carriera ma aveighene.

    • Sand66 ha detto:

      Candreva ha solo tradotto in goal il gran lavoro di fabio, Augello e Gabbia che lo hanno messo solo soletto davanti alla porta, certo ci fosse stato Thorsby…

  9. petrino ha detto:

    Le vittorie per uno a zero con davanti ancora 3/4 di partita dal gol , sono sempre un patema.
    Il merito del gol al 90% e’ comunque di Augello e Gabbiadini, che con due tocchi magici hanno dato la palla a Candreva.
    I tre punti sono arrivati e va bene cosi.’
    Turiamoci il naso e andiamo avanti.

  10. Ivano ha detto:

    Grazie di tutto Claudio.. auspico il tuo rinnovo ma sento che follemente non arriverà.

  11. MatteoB ha detto:

    Ciao Maurizio,
    Prendiamo il risultato, la partita lasciamola stare. Primo tempo brutto e secondo bruttissimo. A Bologna avevamo giocato molto meglio e perso 3 a 1,oggi, facendo una partita che da spettatore ho trovato oscena, facciamo i 3 punti, ci salviamo virtualmente… E va bene così, punto.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Concordo Matteo, come gioco meglio a Bologna. A testimonianza del fatto che gli equilibri lì in mezzo alla classifica sono volatili.

  12. Maraschi ha detto:

    Non sono d’accordo sull’immalinconimento di Keita. Secondo me, quando è entrato, si è sentito

  13. gianfra ha detto:

    Ranieri si porta appresso l’appellativo di tinkerman, che gli avevano affibbiato in Inghilterra, forse un pò di ragione ci può essere (anche se poi il tinkerman vinse uno scudetto con il Leicester). Credo sia giusto rispettare il parere di tutti, da noi ha fatto cose buone ma ha sbagliato l’approccio nei derbies e in alcune partite di cartello. Attenuante la rosa da classifica medio bassa che il guitto romano gli ha messo a disposizione.
    Infine cè sicuramente di meglio ma anche di molto peggio.(Nel campionato italiano)-

  14. Alberto ha detto:

    Oggi decimi, domani 12, dopodomani chissà.

    La classifica davanti per me è con l’inchiostro simpatico.
    Guardo solo dietro, che siamo tutti attaccati, come negli autoscontri…..

    A sto punto speriamo che lo Spezia si salvi così siamo
    tre liguri in A. O 2 ?….. No impossibile ….. Alludo agli innominabili.

    Rimasugli di orgoglio ….. Perché di motivazioni a seguire con un fine che non sia la sola passione per la Samp e il calcio francamente non ce ne sono mai state molte prima , figuriamoci ora. E ben venga salvarci, beninteso…..

    Speriamo che giochino non x finta e fino all’ultimo, mi farebbe un po’ ricredere su di loro: va bene non avere talenti, a parte 3 o 4, ma almeno gli attributi.
    E il rispetto x i tifosi, anche se non presenti.

    • ROBY LEVANTE ha detto:

      Vorrei capire perchè Damsgaard giochi 10 minuti mentre Jankto giochi le intere ( o quasi) partite.Non mi venite a dire che Jankto corra sempre (a vuoto) e aiuti la squadra. Questo giocatore valutato 15 milioni (grazie Osti) non riesce a fare un passaggio di 10 metri,passa sempre la palla all’indietro (gestione Giampaolo), non riesce a dribblare neppure un paletto e segna con il contagocce.Ritornando a Damsgaard penso che faccia la (bella) fine di Schik : spezzoni di partite e a fine stagione vendita al miglior offerente.Grazie Ferrero e Ranieri.

      • andreap ha detto:

        eh però sei crudele con osti..ti ricordo che nessun giocatore ha ringraziato il ds nella conferenza stampa…è tutto merito di ferrero il mercato!
        è lui che ha tirato fuori i soldi..avrà ben avvallato uno degli acquisti più cari della storia!
        diamo a cesare quello che è di cesare

      • petrino ha detto:

        veramente Jankto lo ha voluto e preso chi e’ attualmente DS della Fiorentina, di cui ora mi sfugge il nome, che se non erro, lo aveva preso e valorizzato nell’ Udinese.

      • Stefano1970 ha detto:

        In assenza di soldi nel portafoglio probabilmente salvaguardano le gambe del giocatore con cui fare cassa. Avranno certamente in tasca un accordo con un compratore.

      • Zaccotenay ha detto:

        Che giochi jankto in serie A è un mistero, non solo perché giochi dall’inizio. Sembra un barboncino che corre a vuoto nei giardini di un parco. Corre a vuoto, non recupera un pallone ,non vince un contrasto,palla sempre indietro, non punta mai l’avversario, impreciso nei passaggi e nel tiro,non ci da mai di testa ,sui tiri avversari si gira, grinta sottozero, col toro stavo impazzendo, ma possibile che non ci sia di meglio da mettere in campo?

      • Luca B ha detto:

        Roby Levante me lo sono chiesto anch’io e la risposta è che Jankto fa anche la fase difensiva dando una mano e coprendo Augello quando va in avanti per i cross.
        Damsgaard potrebbe fare lo stesso ma sarebbe sprecato e forse meno adatto.

        La vera domanda è un’altra. Ma com’è che fino a qualche domenica fa in campo ci andava quasi sempre, anche se per spezzoni, Leris?

  15. Pino ha detto:

    Si, Maurizio, la tua opinione sulla partita di oggi è anche la mia e di molti altri. Ma il collega della Romagna non ha torto. I tifosi vorrebbero qualche soddisfazione “piena”, e non solo un continuo ansimare per ottenere qualche vittoria che ci porterà alla salvezza, per disputare il prossimo campionato giocando per la salvezza, che ci porterà al campionato ’22-23 alla salvezza… e così via. Siamo tornati ai tempi degli anni più bui. Ma almeno quei ragazzi correvano. Chi si dimentica le sgroppate di Cucchiaroni, di Toschi, ecc.? Questi NON corrono, sembra che non ne abbiano voglia, mai una palla vagante arpionata per primi, mai un contrasto vinto. Che pena. Avete visto il Benevento? La volontà a volte premia. Mi sono gustato anche le partite di entrambi i cugini. Volenterosi e caparbi gli spezzini, pragmatici e organizzati quegli altri. Noi invece abbiamo una banda di bravi ragazzi, ma se togliamo “Settepolmoni” Thorsby e Augello e i mezzi miracoli di Audero, facciamo poca strada. Non capisco perchè ci si debba accontentare di vivacchiare in questo limbo, senza mai avere la speranza di una prospettiva di miglioramento, di mettere almeno mezzo piede in Europa, mica per niente, ma per far vedere che esiste ancora la Sampdoria.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Se “non capisci perché”… insomma. Pensaci.

    • Fra Zena ha detto:

      Non sono d’accordo, secondo me ieri la squadra ha combattuto e – coi suoi limiti- ha lottato su ogni pallone
      I cross erano tutti dei nostri difensori centrali, thorsby al 90′ era ancora lì che si arrabattava su ogni palla sporca
      A Bologna e col Cagliari abbiamo giocato leggerini, oggi no secondo me. Volevamo vincere e si è visto. Il Torino faceva paura a tutti ma ha fatto zero (zero!) tiri in porta, eppure aveva 4 giocatori in campo convocati dall’Italia
      Il Benevento che ha vinto a Torino la domenica prima ne aveva prese 4 in casa il genoa non vinceva dal 6 febbraio e ha fior di giocatori, almeno pari ai nostri…non si può per una volta dare merito ai nostri, anziché denigrare?

    • Sand66 ha detto:

      Forse perchè ci vorrebbe programmazione e investimenti?

  16. Riccio samp ha detto:

    Bravissimo Maurizio, concordo al 100%. A 10 giornate dalla fine siamo praticamente salvi, a inizio campionato ci avremmo tutti messo la firma. Partita tosta, maschia e Samp molto compatta,che ha vinto con merito. Personalmente una delle partite che mi sono piaciute di più quest’anno, per tenacia e voglia dei 3 punti. Ora teniamoci Ranieri anche la prossima stagione e dormiamo tra 2 cuscini… Potrei fare un pensiero solo su mihajlovic (che non viene) e Mazzarri…. Inzaghi, Italiano ecc personalmente mi fanno venire i brividi.

    • petrino ha detto:

      Mazzarri e’ fuori dal giro.
      Italiano ha bisogno di giocatori giovani, vogliosi e affamati, categorie inesistenti nella samp.
      Sinisa costa piu’ di ranieri.
      Inzaghi potrebbe essere.

    • Sand66 ha detto:

      L’unico con cui rischierei è Italiano, ha cazzimma e ambizione (quello che manca alla Società) e, inoltre, è uno dei pochi che cerca di proporre una idea di calcio piacevole, gli altri suggeriti mi sembrano scommesse ormai perse (sul piano del gioco).

      • massimo ha detto:

        occhio ai pelati!

        • andrea55 ha detto:

          si okkio ai pelati specie prossima stagione che cade nel 2022….anno coi numeri gemelli…di infausta memoria
          quindi attenzione al prossimo anno ( vedi 2011 e prima 1966 1977 ecc…) io mi tocco già da adesso per il prossimo anno !!

  17. Claudio ha detto:

    partita bruttarella, ma 3 punti troppo importanti.
    noi 2 tiri in porta, un palo e un gol (più o meno come ha fatto domenica scorsa il Bologna).
    oggi non abbiamo preso gol, perché il toro (anche x merito dei nostri difensori) non ha mai tirato in porta.
    secondo tempo siamo stati docili come agnellini a farci assediare da una squadra con acqua alla gola e che aveva giocato mercoledì una partita tirata, mah…..
    per la salvezza, il terzultimo posto potrebbe ridursi ad una lotta tra toro e cagliari, a 10 partite dalla fine dovranno fare salti mortali ad arrivare a 38-39, ma questi per quest’anno non sono più (e non sono mai stati) nostri problemi

    • Fra Zena ha detto:

      Docili? i palloni vaganti erano tutti nostri e il torino in area non ne ha presa una
      Ah ma loro hanno il cuore toro, dimenticavo …
      Ieri abbiamo giocato tutto fuorché molli. Che poi coi due nordici a centrocampo ci sia poca qualità nelle ripartenze, questo è un altro discorso

  18. Pikappa ha detto:

    Lasciando stare il discorso salvezza (già acquisita da un po’) e la classifica, che rispecchia i valori della rosa, la verità è che guardare la Sampdoria ultimamente è una sofferenza. Non c’è uno schema offensivo, sembra che giochino assieme da una settimana, e puntualmente quando vinci ti chiudi dietro ad aspettare che gli avversari ti facciano gol, e oggi per caso non te l’hanno fatto. Eppure nel girone d’andata uno straccio di gioco lo vedevo, e in contropiede a volte eravamo letali.

    Inoltre continuo a non capire i cambi di Ranieri: perché Quagliarella continua a giocare quasi sempre 90 minuti quando ne regge 45? Primo tempo bene, secondo tempo chi l’ha visto, anzi l’ha visto Keita che è stato sgambettato palla al piede a tutta velocità. Damsgaard quando gioca sempre uno dei migliori, oggi è entrato all’88esimo. Jankto anche oggi 90 minuti nonostante una partita insufficiente. Verre invece ultimissimo nelle gerarchie e non si è mai capito bene perché. Lasciando stare Torregrossa che si è infortunato ma alla prima partita sbagliata (Benevento) era stato subito bocciato e messo ai margini. Fabione invece di partite ne può sbagliare quattro o cinque ma nessuno gli dirà mai nulla, anzi nei commenti tutti ad elogiarlo per l’impegno profuso. E grazie, allora gioco anche io 😀
    Ovviamente, prima di essere subito frainteso, non ce l’ho col Quagliarella calciatore, ma ogni tanto un po’ di riposo gioverebbe anche a lui.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Lo so che sono stucchevole, ma il tuo io lo chiamo il discorso della polenta. Quagliarella è stato spesso in panchina, abbiamo perso e giocato anche con Keita e Damsgaard. Io capisco che per attribuire a questo organico un valore superiore al reale si faccia sempre questo giochino di chiamare in causa chi è fuori, salvo poi riappellarsi a chi non ha giocato. Ma non regge. Hanno giocato tutti, a ruota. E i risultati sono questi: gioco poco brillante e fluido, salvezza anticipata, qualche soddisfazione parziale (abbiamo battuto l’Inter), qualche delusione eclatante (la sconfitta in casa col Benevento). La Samp è questa: polenta. Puoi girarla quanto vuoi, ma rimane polenta. Un piatto accettabile, mai una prelibatezza. Nemmeno se oggi dici che con Ramirez sarebbe stata un’altra musica, tanto era squalificato… Ciao!

      • Pikappa ha detto:

        Ma no Mauri io non attribuisco a questo organico un valore superiore a quello reale. Dico solo che con qualche schema offensivo e una gestione più sensata dei cambi si eviterebbero partite da mani nei capelli come sta succedendo ormai da due o tre mesi. L’impressione è che da qualche parte si siano tirati un po’ i remi in barca, aspettando sempre e solo la giocata del singolo che per fortuna ogni tanto arriva (oggi assist geniale di Gabbiadini).
        Ciao anche te!

    • petrino ha detto:

      nel secondo tempo hanno fatto un 5/4/1 per salvare la ghirba.
      Finche’ va.

    • Claudio ha detto:

      Secondo me oggi Quaglia ha fatto una partita importante, sotto l’aspetto di tenacia e sacrificio, keita & co hanno tanto da imparare da lui

    • Luca B ha detto:

      Pikappa aggiungo al commento di Maurizio che Fabio gioca sempre e merita di farlo perchè se non te ne sei accorto ha un palmares da campione e ha fatto e dato (e da ancora) tantissimo alla Samp. Hai forse dimenticato le stagioni sempre in doppia cifra? La classifica cannonieri vinta? E che quest’anno con tutti gli acciacchi che ha, la mancanza di serenità mentale ecc. è a 9 goals e sicuramente riandrà in doppia cifra?
      Sono daccordo su Jankto ma non su Keita che, ribadisco alla nausea, è più un blogger in pantaloncini che un ottimo calciatore. E’ quello che in genere nella vita di tutti i giorni si sa vendere bene, ma a fronte del valore e degli ingaggi percepiti non ha mai combinato niente. Ma lo vedo solo io che corre guardando la palla, che sbaglia tutti gli stop e di testa non ci da mai una volta?
      Su Verre ho la mia idea che ho già esposto e che credo Maurizio in parte condivida. E cioè che è molto discontinuo nelle prestazioni. E’ un giocatore che ti fa una partita suntuosa e 4 sottotono. Nell’ultima intervista fatta, lui stesso ha ammesso di dover migliore sotto questo aspetto. Quindi magari il Mister che lo vede ogni giorno della settimana, sa quando è meglio mandarlo in campo e quando è meglio faccia la riserva. Mettici poi che in questa rosa, quando gioca, magari per esigenze tattiche non possa esprimersi al meglio nel suo ruolo

  19. Alviero 66 ha detto:

    Caro Maurizio, non amo allinearmi pedissequamente a quello che vien dettato da chi gestisce un luogo di ritrovo, e reputo che questo lo sia (e, ahimè, i vari forum blucerchiati sfoderano sovente il meglio del peggio), tuttavia condivido pienamente il concetto espresso.
    Ranieri Santo subito forse qualcuno l’ha declamato l’anno scorso, con una salvezza che sembrava insperata. Ranieri è stato preso per salvarsi e la barca la sta conducendo in porto con mano sicura. Spettacolari? No, direi proprio che non lo siamo ma probabilmente qualcuno rimpiange un centrocampo con i vari Platt, Jugovic Veron … e che allo stato dell’arte è composto da onesti mestieranti.
    La squadra è quella che è. Poteva avere qualche punto in più? Forse si. O forse no.
    Le ben più quotate Fiorentina, Toro e Cagliari non navigano in acque tranquille.
    La società la conosciamo ed esprimersi appare superfluo, non fosse altro per prospettive future che nessuno intravede.
    Potremmo eventualmente disquisire sul gioco. Ed a dirla tutta mi diverte di più vedere Lo Spezia di Italiano che non la nostra amata, segno che forse una vera identità di gioco non l’abbiamo, ed anche oggi c’è stato da soffrire, ma i tre punti erano determinanti. Salvezza acquisita? Se non del tutto, quasi.
    Per il futuro non saprei in chi riporre le speranze. Forse in capacità gestionali che non intravedo, auspicando che questo supplizio, partendo da una pandemia che ha ridotti gli stadi a cattedrali nel deserto, abbia fine. Perchè in fondo meritiamo di più del viperetta, perchè il nostro stile è sempre stato un altro. Perchè siamo la Sampdoria e pazienza se i fenomeni che abbiamo preso, fenomeni non sono. Se non lo sono con Ranieri non lo sarebbero stati neppure con Guardiola. Non si spiega altrimenti un peregrinare continuo di Keita ed una panchina perennemente riscaldata da Silva.
    Il tanto vituperato Audero oggi ha mostrato una maggiore sicurezza e non dimenticando che è un classe ’97, credo diverrà uomo mercato al pari di Damsgard. La nostra società, con questa proprietà, vivrà solo se proventi derivanti dalle cessioni illustri e che consentiranno di mantenere una linea di galleggiamento. Questa perlomeno è la speranza. Per il resto si viva alla giornata.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Forse Santo Subito è un po’ troppo, io credo che la rosa della Samp sia da salvezza tranquilla, dunque è in linea.

  20. Pier56 ha detto:

    Personalmente ritengo che nel primo tempo la squadra abbia giocato in modo accorto ed essenziale e ho visto più scambi rispetto alle ultime partite, dove vigeva il palla lunga e pedalare. Benissimo Augello (non comprendo perché Mancini non lo abbia convocato é uno dei pochissimi difensori di fascia italiani che sa saltare l’uomo) e Colley, ma anche Gabbiadini, ottima , e si sapeva, l’intesa con Quaglia e Candreva che ha fatto il suo. Non mi è piaciuto invece il s. t. perché la squadra è stata troppo rinunciatarie e si è solo difesa. È vero che oggi il risultato era troppo importante e lasciare i “simpatici” ottimisti a 12 punti si è dimostrato fondamentale. Per fortuna una volta tanto la difesa ha retto bene, ma si è sofferto sino alla fine perché non siamo stati in grado di raddoppiare. A mio modesto parere Damsgaard doveva entrare ben prima al posto di Quagliarella che si vedeva che non ce la faceva più. Non capisco proprio le dichiarazioni di Nicolino che ha detto che meritavano almeno un pareggio. Ma che partita ha visto? Se non sono stati capaci di fare un solo tiro in porta! Ripeto: oggi contava solo il risultato e i fatti, per fortuna hanno dato ragione a Ranieri. Forza Doria, sempre!

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Forse la Nazionale è troppo, ma sono d’accordo con te che Augello è cresciuto anche nella fase difensiva, che era il suo punto debole. In fase di spinta ha sempre fatto vedere cose eccellenti, ora è più applicato anche dietro.

  21. Pier56 ha detto:

    Ovviamente non era “ottimisti”, ma torinisti…

  22. Marziano ha detto:

    @stefano Rissetto. Sarebbe bello leggerti sul blog.
    Quando scrivi, sei emozionante!
    Saluti dai tropici.

    #salvateilmarinaiobaciccia

  23. Franco T. ha detto:

    Beh oggi è andata bene.. In altre occasioni simili è stato pari. Di sicuro sappiamo che non rimarrà Ranieri. Maurizio docet. Quindi un allenatore che allena ora in serie A. Chi ?. Pippo?, se salva il Benevento difficile che rischi il terzo anno. Un amico di Pastorello e Osti ?, quasi sicuro, sarebbe normale. Decide da solo il Viperetta?, difficile.. Gattuso ?, l’anno scorso ha detto no.. sembra. Bell’enigma. Mazzarri, Micha, Giampaolo, De Zerbi.. Noo. Italiano o Juric ?, sarebbero un bel colpo. Maurizio ha detto che lo sa con una certa “soddisfazione”. Buon segno. Ho capito.. Non sarà D’Aversa.. Che tra l’altro a me non dispiacerebbe. Comunque sia il nuovo allenatore avrà di che divertirsi, non sarà una passeggiata allenare la Samp il prossimo campionato. A meno che non entrino dei capitali… Nuovi. Mister Ranieri lo saluteremo calorosamente, questo sarà fuori dubbio. Lo scorso Campionato la situazione era brutta. Sono sincero però , quest’anno mi aspettavo di più. Ma non da questa Squadra. L’ho già detto, mi aspettavo che Ranieri desse delle indicazioni a inizio Mercato sugli acquisti da fare, che prevedessero l’inserimento soprattutto di centrocampisti di qualità. Almeno due. il Grande Boskov diceva che Squadra gioca come gioca il centrocampo. Non dimentichiamolo. Grazie Maurizio, Cordiali Saluti a tutti.

    • Franco T. ha detto:

      Mi sono dimenticato Iachini e Fonseca.. Mah.. Ci starebbe Fonseca.. Chissà.. Saluti

    • Sand66 ha detto:

      Franco, mi sa che non ti sei accorto che per fare un minimo di programmazione ci vogliono investimenti e un minimo di potere economico, i centrocampisti che chiedi costano e di soldi in cassa non ce ne sono, inoltre Silva sembrava uno di qualità ma poi non ha la quantità e allora meglio Ekdall idem per Keita, l’unico che è stato funzionale è Candreva ma ritengo che sia arrivato per contingenze fortuite più che per programmazione.

      • Franco T. ha detto:

        @Sand66
        Ci sta quello che dici. Però resto convinto che, volendo, dei buoni centrocampisti non super valutati si possono trovare. Altre Squadre li hanno trovati, vedrai che il nuovo Mister aiuterà ad individuarli. Poi, ma ovviamente è solo una mia non fondata impressione, non sono tanto sicuro che rimarrà Osti. Per cui, se ci fosse anche un nuovo direttore sportivo, cambierebbero molte cose. Dico questo, anche perché, se non è stato un refuso, in una dichiarazione, sembra che Ranieri abbia detto che parlerà, per l’eventuale rinnovo di contratto, con “chi sarà” il direttore sportivo. Per cui se tanto mi dà tanto.. e comunque per me non è assolutamente detto che rimanga lo stesso Viperetta. Non credo che rimarrà per molto. Comunque la situazione Samp in effetti è una bella piccola telenovela, tutto è possibile. Anche il nome del nuovo allenatore dovrebbe e potrebbe essere un ” indicatore strategico”, se ci fosse una nuova proprietà alla finestra, il nome del nuovo Tecnico dovrebbe essere di suo gradimento. Comunque Maurizio, conoscendo già il Tecnico, in seguito, spero che saprà anche dirci qualcosa di più. Grazie Cordiali Saluti

        • petrino ha detto:

          a mio parere, il riferimento al nuovo o attuale direttore sportivo,si interfaccia con il livello della futura campagna acquisti e vendite.

  24. Souness ha detto:

    Tre punti che ci danno tranquillità nonostante una partita non certo esaltante contro un Torino assai modesto.
    Il pesce bollito in panchina ancora una volta viene salvato dai singoli e non da un gioco che non esiste. Difesa ad oltranza a proteggere un goal peraltro di pregevole fattura. Keita quando entra dimostra le sue qualità di contropiedista, Gabbiadini la sua tecnica sopraffina ma tutta la squadra almeno sull’aspetto caratteriale fa una partita sufficiente.
    Cambi sbagliati e ancora in ritardo concludono la domenica. Solo a pensare che Quagliarella e Candreva escono all’ 88′ ! Il primo che avrebbe dovuto uscire al posto di Gabbiadini rimane in campo facendo più danni che giocate utili. Buffo quando stende Keita lanciato a rete.
    Mi dispiace dirlo ma il capitano non merita a 38 anni di fare figure del genere e lasciare in panchina Dandgard che poteva essere utile nelle ripartenze non trova giustificazioni.
    Al contrario di chi esalta Ranieri e denigra la società la rosa è più che valida anche se sfruttata male incomprensibilmente da un allenatore pagato troppo per quanto mostrato.
    Ferrero non lo confermerà non solo per l’alto ingaggio ma anche perché non ha valorizzato alcun giovane anzi dando poco spazio ai vari Dansgard, Verre ne ha impedito la loro valorizzazione.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Passi per Dansgard come lo chiami tu, ma Verre proprio giovane non è: i prossimi sono 28. A quanto si arriva pur di mistificare la realtà ed esaltare il re Mida di Corte.

      • petrino ha detto:

        Considero Verre una buona riserva per la serie A.
        Sarebbe titolare fisso in serie B, non certo in serie A.,

      • Souness ha detto:

        Mi vergogno di condividere la sampdorianetà con tifosi che non hanno il coraggio di esprimere critiche su cose evidenti e che sono vassalli del nostro esimio editorialista .
        Per i giovani mi permetto di segnalare sia Rocha classe 2001 sia Askildsen anche lui classe 2001 non pervenuti.
        Quanto a DAMSGAARD classe 2000 magari giocasse di più se il pesce bollito in panchina , che non è un offesa alla persona e non mi permetterei mai, ma all’allenatore non preferisse fare morire sul campo uno di 38 anni , si è guadagnato tutto da solo negli scampoli di gioco concessi.
        Verre 27 compiuti è vero ma se non gli dai spazio ora quando lo valorizzi
        Aprite gli occhi invece di parlare solo di Ferrero !

        • Massimo Pittaluga ha detto:

          guarda vassallo dillo a qualcun altro perchè ho le miei opinioni giuste o sbagliate che siano e che a volte mi trovano in disaccordo con quelle del moderatore al quale però esprimo il mio pensiero come opinione non come diktat o verità assoluta. mi sembra invece che qualcuno qui stia sempre di più alzando i toni come a fare una contro campagna pro attuale presidenza tutto legittimo ma occhio ai termini che usi . io e te non condividiamo nulla stai tranquillo quindi non vergognarti se ci sono sampdoriani come me che non vedono giocatori ventenni bruciati da ranieri o non valorizzati quantità e non amano ferrero vedendone questi grandi pregi e questa ottima gestione.
          Per quanto mi riguarda parlo di ferrero quanto mi pare senza insultarlo o mancare di rispetto alla persona e ci mancherebbe (dalla mia penna non escono le parole vassallo vergogna ma opinioni sulla pericolosità di questa gestione dettate da eventi). esprimendo la mia opinione e ripeto siamo ancora in un paese libero e senza offendere nessuno le mie opinioni le esprimo che ti piaccia o meno.
          a te piace ferrero bene mi fa piacere per te. noto un certo aumento dei toni come se la cosa non fosse poi cosi casuale. la trovo divertente questa escalation pro ferrero delle ultime settimane che dire santo subito.

          • Souness ha detto:

            Caro Pittaluga mi fa piacere che ti offenda e ciò conferma che quanto esprimo su questo sito dia fastidio ma per fortuna sta crescendo la linea di quanti apprezzano e non la pensano come te e tutti i filo Michieliani.
            Io non sono affatto a favore di Ferrero ma non posso che giudicare che bene l’operato di Osti e Pecini che hanno messo a disposizione del pesce bollito una rosa più che valida che lui non sta sfruttando.
            Poi se vuoi parlare di calcio , di tecnica , di moduli ecc. parliamone ma per quelli come te mi sembra esista solo Ferrero.
            “Legere et non intellegere neglegere est “

          • Massimo Pittaluga ha detto:

            non mi offendo per quello che dici semplicemente la vedo diversamente da te……per offendermi ci vorrebbe altro….stai tranquillo. non cerco proseliti esprimo opinioni. quindi che tu la veda diversamente ci sta è un tuo diritto. lasciami i miei se ti riesce

            ripeto vassallo dillo a qualcun altro. non mi offendo ma sono tutto tranne che vassallo di qualcuno nella vita e nella professione.

            non ho bisogno di fare il vassallo di nessuno.

            se poi vuoi continuare a scriverlo libero di farlo problema tuo e ripeto degli intolleranti come te. tu vuoi fare proseliti a me non interessa.

            w i troll

        • andreap ha detto:

          io ho visto attentamente rocha anche in primavera lo scorso anno oltre che in coppa italia e non penso abbia le caratteristiche per giocare in serie a (forse in una bassa serie b).
          askildsen mi piace un pò di più ma l’ho trovato un pò fermo, poco dinamico..poi sinceramente spero di rivederlo con calma.

        • Cicciosestri ha detto:

          Concordo con quanto scritto da Souness

        • Luca B ha detto:

          Caro Souness, intanto permettimi di dirti che leggere ogni tuo post sotto un nome così importante per la nostra storia, mi fa venire il “crescentin” per non dire di peggio. Segnali Rocha. Ma chi cacchio è questo Rocha? Ma per favore! L’unica volta che è stato messo in campo per fattori contingenti ha dimostrato di non essere pronto a stare con i “grandi”. Magari si farà, ma per giocare in A, deve iniziare a fare la gavetta. Inoltre se non sei un Primavera di Juve, Milan, Inter, Atalanta e Roma, in genere, nonostante l’ottima annata che puoi fare (vedi la nostra attuale Primavera), difficilmente passi in A in pianta stabile, anzi la percetuale di quelli che si “perdono” è altissima rispetto a chi riesce ad affermarsi nella massima serie.
          Askildsen è un po’ più “avanti” di Rocha, può stare in prima squadra ma onestamente in questa rosa di centrocampo è superiore solo all’inutile Leris, quindi capisci da solo che nelle gerarchie è parecchio indietro.
          Verre buonissimo giocatore, tecnica sopraffina, ma come lui stesso ha ammesso nell’ultima intervista relativa al rinnovo del contratto, deve migliorare parecchio sul piano della continuità. Il suo rendimento è molto discontinuo e nell’impianto di gioco attuale, ricoprire un ruolo non suo con un gioco fatto di rilanci che non lo aiutano affatto.
          Infine, abbracciati il tuo presidente e andate a farvi una bella mangiata a Testaccio accompagnata dagli storici stornelli romani

          • Souness ha detto:

            Grande analisi da vero tecnico ti faccio i complimenti .
            Ti ricordo solo che Verre ha collezionato 32 presenze nel campionato scorso a Verona, non ancora pronto, ma !
            io sono sempre con la società che ripeto con Osti e Pecini ha lavorato più che bene tu stai pure con Ranieri e continua a fare il portaborse del nostro saccente editorialista .
            Peccato che ad ogni partita siete sempre di meno !

          • andreap ha detto:

            caro souness,

            dove hai letto che verre non è ancora pronto?
            io leggo che è discontinuo e nell’impianto di gioco dell’attuale sampdoria ricopre un ruolo non completamente suo.
            nessuno ha detto che non sia pronto ma si deve adattare al ruolo.
            poi secondo me è un’ottima alternativa per cambiare il 442..in alcune partite serve avere uno tra le linee o un centrocampista in più con il senso dell’inserimento.

            ripeto, lucab non ha detto che verre non sia pronto

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      caro souness non sono neppure io un amante del gioco di ranieri ma due cose non riesco a digerirle:
      1 pesce bollito a un signore di quasi 70 anni che a 10 dalla fine ha messo la firma sulla salvezza anticipata direi è una frase diciamo che ti qualitfica
      2 nel periodo dopo dire che il presidente (cobran) ferrero non lo confermerà perchè non da gioco e non valorizza i giovani è la seconda topica in 3 righe. damsgard vale 3 volte di quando lo hai preso. quindi lo ha valorizzato. il ragazzo ha grandi colpi ma non ancora la continuità e bene fa ranieri a gestirlo. ora che siamo quasi salvi vedrai che con milan e napoli lo vedrai per più minuti. audero quest’ano ha avuto una crescita fiisca e tecnica importante e sono 2 di 2 che ha la samp. altri giovani in rosa? quali sono? magari ne dimentico 1 ma dove sono tutti i giovani in rosa da valorizzare a parte questi che comunque si stanno valorizzando?
      verre ha 26 anni e ha fatto una stagione discreta con alcuni colpi importanti ed altre partite dove ha inciso poco. buona tecnica ma giocatore atipico.
      poi in questi 2 anni la samp ha preso giocatori dai 30 in su per pararsi yoshida tonelli silva candreva e un prestito sperando di rilanciarlo kieta.
      concludo che se si potesse l’unico che non riconfermerei per cominciare sarebbe proprio ferrero. spero nell esonero da parte del tribunale di roma e che chi lo ama si possa ricongiungere con lui in altra piazza dove gli auguro ogni bene ma lontano da qui.
      Da parte mia un grazie a ranieri costato sicuramente un bell ingaggio ma molto meno di una possibile retrocessione lo scorso anno. a parte i giovani (pochi) che ha comunque valorizzato direi che gli manca la valorizzazione delle palazzine e per questo non verrà riconfermato

    • Sand66 ha detto:

      Secondo me un vero blucerchiato non definirebbe il proprio allenatore, che ci ha salvati dalla B per due anni consecutivi “bollito”, espressione denigratoria e che rasenta l’insulto.
      Mi sa che il tuo risentimento nasce dai risultati dei tuoi “amichetti” che magari vorresti vedere sopra o dalle critiche fatte all’ “amico” presidente, delle due non capisco quale è peggio.

      • aston ha detto:

        .. oppure ha le sue idee che non condividi ma che non Ti dovrebbero permettere di scrivere di uno, che non conosci, che è amico del presidente..
        Sarebbe l’ora di smetterla con queste maniere che lasciano sempre intendere che uno che la pensa diversamente abbia degli interessi.

  25. Aston ha detto:

    … I due nostri ex allenatori con Torino e Cagliari hanno fatto un buon lavoro…

  26. Massimiliano ha detto:

    Oggi contava solo vincere, va bene così.
    Spero vivamente l’anno prossimo di non vedere più Ranieri in panchina ma soprattutto di non vedere mai più Ferrero, ci credo poco ma ci spero sempre.
    Buona serata sampdoriani!

  27. Cristiano ha detto:

    Anche io so chi sarà il prossimo allenatore della Sampdoria, ma per non posso dirlo.

  28. gio48 ha detto:

    Un grande “bentornato“ ai 3 punti ! Non è stata una gran partita perchè non riusciamo a tenere tra i piedi la palla più di pochi secondi concedendo quindi agli avversari di tenerci in ansia fino al 90°. Oggi il Torino ha dimostrato ampiamente di meritare la classifica che occupa non tirando mai in porta e senza sviluppare una degna manovra d‘attaccco. Personalmente lodo tantissimo la prestazione di Colley e Tonelli che non hanno avute amnesie sui palloni gettati disperatamente da Ansaldi nel mezzo della nostra area in cerca di fortuna. Ho rivisto Quagliarella lottare su ogni pallone e tornare anche a difendere segno che, oltre una ritrovata forma atletica, la presenza di Gabbiadini (splendido il tocco per liberare Candreva in occasione del gol) giova e molto. Giochiamoci ora le due prossime partite con Milan e Napoli sapendo che abbiamo tutto da guadagnare.

  29. marcos ha detto:

    Keita,Quagliarella mi sembrava il film allenatore nel pallone
    Con Lino Banfi.

  30. livio ha detto:

    Gioia e sollievo; di questi tempi non sono sensazioni da poco. Dopo una partita sofferta e faticata è bello guardare la classifica e la distanza tra noi e Cagliari/ Toro….
    Certo oggi ( ma anche ieri e l’altro ieri e….) non mi sono divertito , tranne che nel breve attimo in cui si è concretizzato il nostro gol, di magnifica fattura….
    Possiamo già cominciare a sognare come sarà il prossimo campionato; ci saranno molte sorprese? La maggior novità potrebbe essere il cambio della guida tecnica….La partenza di Ranieri, simpatico e signorile, non ci lascerà in lacrime…..Dovrebbero partire alcuni ” pezzi forti “. Damsgard, Audero…..IL bilancio non conosce deroghe; non credo che potrà arrivare liquidità dai numerosi prestiti in giro per il mondo. Hanno fatti quasi tutti male o maluccio… tranne forse Caprari……Ma se si dovesse verificare quella difficile, ipotetica, magnifica, ipotesi…….?! Se Ferrero dovesse lasciare…..si aprirebbero scenari rosei , che lascio a tutti il piacere di immaginare…..

    • petrino ha detto:

      Premesso che – da genovese da 6 generazioni – ho sempre aborrito personaggi come ferrero, che sembra uscito da un film con Alvaro Vitali, Bombolo, e tutto il generone romano , a cui vanno aggiunte le sentenze penali passate in giudicato e le traversie societarie dei vari concordati.
      Per cui, quando dovesse andarsene brinderei, ma farei anche grandi scongiuri dopo avere visto quanto sta capitando a Fiorentina e Parma, le cui tifoserie si vedevano gia’ in alto nella classifica con l’ arrivo del 7^ cavalleggeri.
      L’ area tecnica e’ importantissima e se sbagli la campagna acquisti vai a per cartoni.
      Per cui lunga vita a Pecini e Osti e anche ai procuratori che li supportano.

  31. Frank Tamburo ha detto:

    Vittoria fondamentale.
    Ora la pausa e poi trittico strong contro Milan, Napoli e Verona.
    Da affrontare con serenità.
    Anch’io Mauri ho due nomi per la panchina.
    Non faccio il giornalista, né il veggente.
    Ma ho in testa due nomi.
    Suggeriti dai ‘rumors’, quelli insistenti che odorarano di verità.
    E dalla politica societaria attuale, decisamente pratica e poco incline alla fantasia.
    Due identikit precisi.
    Uno è un cavallo di ritorno.
    L’altro si sta facendo valere in serie B.
    Naturalmente so che non ti sbottonerai, giustamente.
    Però chissà…potrei aver azzeccato quel nome!

  32. pier ha detto:

    Bene sono certo che questa squadra con questa rosa dovrebbe avere almeno 10 punti in più.
    Ieri ad esempio ho assistito ad uno spettacolo sportivo di bassissimo livello al cui interno c’è stato un gol di rara bellezza per il solo merito degli unici 4 giocatori di classe schierati e casualmente coinvolti.
    Il resto è stato lancione dei nostri difensori verso il nulla e ripartenza dl toro oppure passaggio dei nostri centrocampisti ai nostri difensori che lanciavano verso il nulla..
    Ultima cosa invertire i ruoli di Augello e Jankto è così difficile ?????

  33. Fra Zena ha detto:

    Vittoria fondamentale alla luce dei tre punti del Benevento a Torino. Ora manca davvero poco alla meta. Se avessimo perso, vorrei vedere quanti sul blog si sarebbero definiti ancora “tranquilli”, con milan e napoli alle porte..anche quagliarella nell’intervista post partita ha ammesso che un po’ di preoccupazione c’era
    A me la squadra oggi è piaciuta. Non il gioco ovviamente, ma l’atteggiamento. Ho visto grinta, aiuti difensivi, e tanta concentrazione (che ad esempio a Bologna era mancata). Zero tiri in porta subiti, tanta roba. Preferisco quando giochiamo così che quando proviamo cose strane come domenica scorsa o contro l’ Atalanta e immancabilmente buschiamo perché i ns difensori- se non protetti dal centrocampo- vanno alle corde contro chiunque o quasi
    Anche io mi sarei aspettato una migliore gestione nel secondo tempo, ma con i due nordici in mezzo al campo chi accende la luce? Doveva essere il ruolo di silva, ma purtroppo sta deludendo
    Comunque godiamoci questi tre punti e pensiamo alle prossime con più serenità. 40 punti prima possibile deve essere il mantra

  34. Gianni ha detto:

    Caro Maurizio
    Ti seguo sempre e spesso sono d’accordo con te sulle valutazioni.
    Ho 63 anni da 57 tifo samp.
    Merito di mio padre che ha trasmesso a noi figli questa grande passione ed io nel mio piccolo ho fatto diventare sampdoriani tanti miei amici magari un po tiepidi ma che hanno generato figli molto più entusiasti dei nostri magici colori. Per non parlare dei miei figli che sono tifosissimi e che hanno anche contagiato le loro dolci metà.
    Il più grande dei miei figli ha due bellissimi bimbi
    Il maschio, Antonio, ha 5 anni e da super nonno dovrei non vedere l’ora di portarlo allo stadio.
    Invece sono titubante
    Questo presidente mi indispone troppo non riesco proprio ad accettarlo.
    Secondo te il mio è un atteggiamento esagerato e comunque ci può essere qualche speranza che unaltranno possa andare via?
    Sono convinto che senza di lui anche la nostra tifoseria si ricompatterebbe

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Io credo che al di là di tutto l’amore per una maglia, una squadra, una società vada oltre i risultati e i dirigenti. Se hai 63 anni, ti sarai innamorato di una Samp non certo stellare, per quanto dignitosa. Vale sempre la pena amarla, i presidenti vanno e vengono.

  35. Cicciosestri ha detto:

    Colgo fior da fiore:
    l’80% delle compagini di serie A ha rose migliori della nostra. Parma, Cagliari e Torino incluse. Prima lo capiamo, meglio è
    Come si poteva pensare toro e Cagliari salgono ovviamente e la corsa va fatta su Benevento e spezia (cit.)
    Era ovvio che Cagliari, Parma e Torino non si sarebbero arrese senza lottare (cit.)
    Poi abbiamo Torino e Parma che non vincevano da tempo immemore e ora hanno vinto una partita e tutti pensano che le vincano tutte (cit.)
    Sampdoria 1 goal, 1 palo e due parate di Sirigu su Yankto e Keita, Audero zero parate
    Mi pare evidente che la strigliata promessa dal nostro attuale presidente abbia dato i suoi frutti
    3 punti dall’ottavo e 4 punti dal non posto – 13 punti sopra alla serie B, mi pare evidente che avessi ragione io nel dire che possiamo puntare all’ottavo posto e che siamo strasalvi
    Silva e Keita scontano la lontananza dai campi da gioco, come spesso succede appena si rientra si giocano buone partite e poi si ha un calo di forma, ci saranno ancora molto utili e saranno decisivi da qui alla fine (peraltro Keita spesso lo è già stato), e i giudizi li daremo a campionato finito.
    Candreva 5 goal e 6 assyst, miglior crossatore della serie A nella squadra terza in classifica per goal segnati di testa dopo Inter e Juve e a pari del Toro, mi pare evidente che Candreva sia spesso decisivo, e mi pare altrettanto evidente che chi sosteneva che i crossatori come lui ed Augello nella nostra squadra non sarebbero serviti aveva torto.
    Ultimi dati sull’Atalanta per ribattere a chi mi diceva che non era vero quello che ho scritto:
    Piazzamenti Atalanta prima e dopo Gasperini:
    20/21 – 3 – Gian Piero Gasperini – 10 – Claudio Ranieri
    19/20 – 3 – Gian Piero Gasperini – 15 – Claudio Ranieri
    18/19 – 3 – Gian Piero Gasperini – 9 – Marco Giampaolo
    17/18 – 7 – Gian Piero Gasperini – 9 – Marco Giampaolo
    16/17 – 4 – Gian Piero Gasperini – 10 – Marco Giampaolo
    15/16 – 13 – Edoardo Reja – 15 – Vincenzo Montella
    14/15 – 17 – Edoardo Reja – 7 – Sinisa Mihajlovic
    13/14 – 11 – Stefano Colantuono – 12 – Sinisa Mihajlovic
    12/13 – 15 – Stefano Colantuono – 14 – Delio Rossi
    11/12 – 12 – Stefano Colantuono – noi in B
    Ho deciso di scrivere questo post utilizzando solo numeri e non pareri, i numeri non sono opinabili, i pareri, dettati dall’odio personale, lo sono.
    Sono stanco di avere sempre ragione … Bye
    P.S.: E fatevela una risata siamo decimi! L’odio per Ferrero vi sta togliendo la gioia di vedere la Samp, per me tifare Samp è gioia a prescindere!

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Tranquillo, non sei l’unico a gioire per le vittorie della Sampdoria. L’unica differenza tra te e noi è che, quello che tu chiami “odio per Ferrero”, per noi è amore per la Sampdoria, per il suo passato, il suo presente e, soprattutto, il suo futuro.

      • Cicciosestri ha detto:

        La differenza tra me e voi invece è che io parlo con i fatti, il futuro lo vedremo solo vivendo …
        Odio non fa parte del mio vocabolario

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Anche io parlo con i fatti. La differenza è che tu non prendi posizione come Ponzio Pilato – e per riuscirci arrivi persino a sostenere che vuoi Ferrero fuori dalla scatole malgrado stia facendo benissimo – mentre io mi assumo una responsabilità. Potrei fare anche io come te, per il quieto vivere, per opportunismo, convenienza etc. Potrei dire “Ferrero magnifico, eccezionale etc ma spero che se ne vada”, così un domani potrei sempre dire che avevo auspicato che se ne andasse, pur difendendolo sino alla morte. Ma nella mia etica non funziona così, non riuscirei a guardarmi allo specchio. Con ciò, ognuno è fatto a modo suo e nessuno è meglio degli altri.

          • Cicciosestri ha detto:

            Non hai capito, come spesso ti succede, ma fa lo stesso, ognuno è fatto a modo suo e nessuno è meglio degli altri …

          • Cicciosestri ha detto:

            Sei tu che continui a dire che io scrivo Ferrero magnifico, etc. Io non lo penso, ne lo scrivo, giudico le partite e quello che viene fatto dalla società il resto non mi interessa.

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      io non odio ferrero lo giudico una sciagura per la sampdoria. ferrero è il peggior presidnete della storia della sampdoria e lo è perchè distrugge i valori della sampdoria. la samp la vedo e giosco quando vince con la differenza che non mi dimentico con una vittoria o due quello che c’è fuori dal campo. si tifa la propria squadra e si può apprezzare o meno una proprietà. ecco questa se l’apprezzi non ami la sampdoria l’odio è un altra cosa. credo che in pochi odino ferrero e se lo fanno non mi trovano d’accordo. altra cosa caro ciccio e non voler vedere l’acqua in mare proprio tu che ti avvali dei numeri. vai a vedere i fallimenti e i concordati del sig massimo ferrero e famiglia. le cose se le guardi a compartimenti stagni allora troverai sempre quello che ti conviene vedere

      • Cicciosestri ha detto:

        Mai scritto che apprezzo questa società, date interpretazioni non corrette a quello che scrivo, solo solo fatti, risultati numeri, e ho scritto più volte che spero che Ferrero si allontani presto dalla Samp ma questo non mi impedisce di essere obbiettivo … a differenza di molti …

        • Massimo Pittaluga ha detto:

          i fatti sono che ferrero non ha investito 1 euro di suo nella samp e che da quando non è garantito fa debito anche alla sampdoria (bilanci quindi fatti numeri non dietrologia), che abbiamo giocatori comprati con pagherò e una proprietà che è impelagata con fallimenti e ristrutturazioni (fatti anche questi). ma va bene tu sei obbiettivo e io no perche lo dici tu. i numeri dicono che la samp sta per finire l’ossigeno ne riparliamo in un paio di anni dei numeri. poi la cosa magnifica è che prendi un esempio che ci calza al contrario. gasperini qui a farsi vendere i giocatori a mazzi non ci starebbe e ti manca il resto della frase. bravissimo gasperini in un ambiente e con una proprietà che lo fa lavorare bene e che si può permettere di comprare zapata in vece di venderlo scontato. ripeto dietrologia un tubo se si guarda solo una faccia della medaglia. nella moneta c’è testa e croce. magari ogni tanto voltalo il lato della moneta

        • aston ha detto:

          per quello che conta caro Ciccio… la penso esattamente come te.

          a.

        • Ste75 ha detto:

          Attendo cn ansia il giorno che avverrà il cambio presidenziale.. Nn so il xche ma penso che avverrà prima della estate.. E vedrai la reazione della, piazza… L’ONU lo indicherà come il giorno della felicità.. Ferrero via… Nn ti vogliamo piu

          • aston ha detto:

            Anche io. Fino a quel momento però spero chela Samp vada nel miglior modo possibile.

            a.

    • Fra Zena ha detto:

      touché, Cicciosestri…ieri abbiamo vinto e quindi vengo (volentierissimo) nel tuo caruggio, la salvezza ora è davvero vicina – mancano 3/4 punti, vediamo di non farli a maggio
      Penso che la settimana scorsa qualcuno in rosa avesse sentito un po’ il fiato sul collo di chi stava risalendo (lo stesso capitano lo ha ammesso), quindi ieri sono scesi in campo con una concentrazione maggiore del solito. E si è visto. Continuare a dire ai 4 venti che a 32 punti “eravamo strasalvi” secondo me non faceva il bene della squadra, un po’ di pressione ogni tanto fa bene. La vittoria del Benevento a Torino mostra che le sorprese sono all’ordine del giorno, mai mollare la presa
      Quanto al Parma, confermo che mi aspettavo di più, dopo la sconfitta coi bibini sono praticamente retrocessi. Su Cagliari e Torino aspetterei a dare sentenze, vediamo se alla 38ma giornata sono così distanti da noi, io non penso. Tra laltro i granata avranno al 99.99% tre punti a tavolino a seguito del “Processo tamponi” alla Lazio e quindi vanno considerati a 26, con una gara in meno
      Se dovessi avere torto sarò felice di venire, nuovamente, nel tuo caruggio
      Un saluto

      • Cicciosestri ha detto:

        Bravo Fra Zena, finalmente un commento tecnico senza dietrologia come gli altri scritti qui sopra.

      • solosamp1946 ha detto:

        sul parma retrocesso non ne sono convinto. Sicuramente rischia e in caso di vittoria del torino nel recupero con la Lazio (cosa difficile) sarebbe quasi condannato…ma al momento ha soli 4 punti dal toro e deve ancora giocare con torino benevento cagliari e crotone (senza contare che nelle ultime due giornate avrà sassuolo e noi in ferie già da un mese minimo)…tutto ancora aperto fino alla fiorentina. E se proprio potessi scegliere…crotone cagliari e torino.

        • Fra Zena ha detto:

          Per Solosamp 46: il Parma per me è spacciato, potrebbe avere qualche piccola chance vincendo a Benevento, ma credo che fare 17/18 punti nelle ultime 10 partite sia davvero al di fuori delle loro possibilità.
          I granata, come noti giustamente tu, hanno una partita in meno e molto probabilmente avranno 3 punti in più dalla Procura per il caso tamponi della Lazio. Se la sfangheranno anche quest’anno, credo.
          Dopo Parma e Crotone, la terza retrocessa quest’anno è un bel rebus. Inciderà molto il calendario, chi incontrerà squadre “tranquille” o con la pancia piena potrà fare molti punti nelle ultime partite. Noi dobbiamo farne ancora 4/5, spero il prima possibile, per evitare patemi di tarda primavera: Milan e Napoli sono due jolly, poi il trittico Verona / Crotone / Sassuolo in cui dovremo vincerne almeno una

    • andreap ha detto:

      c’è sempre un fattore che tu non consideri: il tifoso.
      perchè sei tifoso? per i numeri? per il risultato? per la classifica?
      perchè ti piace fare il leone da tastiera con i numeri?

      io sono tifoso perchè mio padre mi ha fatto innamorare della sampdoria, perchè paolo mantovani ha camminato al mio fianco mentre andavamo al poggio, perchè potevo vedere i miei idoli da vicino..certo eravamo all’apice della ns storia..
      ma son rimasto sampdoriano al gol di conte contro il messina, lo ero con i garrone, flachi e bazzani, maccarone e macheda..pozzi eder icardi e la serie a.
      lo ero prima in champions, la finale di roma..

      sono rimasto sempre sampdoria perchè ero e sono innamorato: vado allo stadio con gli amici, mi bevo due birre, un saluto, soffro, canto e grido.
      la sampdoria è sempre stata una compagna di vita a tutto tondo: oltre allo stadio, nel rapporto umano che legava i tifosi con squadra, dirigenza e proprietà.
      nonostante skyfo, nonostante la tessera, nonostante si cercasse di limitare il tifoso ad un cliente.

      ora siamo “4 scappati di casa”, siamo numeri, clienti a cui rifilare un prodotto: ieri il tuo amato presidente ha detto che il bello del calcio è la “visione” intesa come trasmessa in tv.
      i tifosi non sono più al centro del progetto sampdoria: al centro c’è la classifica tra l’8 ed il 10 posto, mai il 7 perchè sono costi..mai la coppa italia perchè è una distrazione..
      8-10 posto per i diritti tv: questo importa veramente..
      la proprietà non ha soldi e dipende dai diritti tv: è tutto lecito ed in parte condivisibile.

      ma, c’è sempre un ma: la nostra storia è fatta anche di altro, di quel “filo che mi porta dritto a lei” dicui il marketing sampdoria si riempie la bocca ma che non fa nulla per ricrearlo o mantenerlo.

      i tifosi fanno i tifosi e lo faranno sempre ma a noi sarebbe bastato poco: non sputare sulla ns storia per farsi belli, non essere insultati ed aver mantenuto le tradizioni (esempio inno e ravano).

      sai la motivazione vera del ravano? non è economico, è un costo.
      sai perché non abbiamo più gli abbonamenti rosa? sconti eccessivi.
      samp tv? un costo
      le tv locali? non servono all’immagine…solo tv nazionali che incensino il residente; ma io, mio padre e mio nonno abbiamo sempre cercato primocanale per avere news sulla sampdoria, non sky che ci dedica 5 minuti a settimana per avere info sul fantacalcio.

      ai tuoi numeri manca l’umano e questo fa la differenza tra un tifoso ed uno spettatore, tra un numero ed una persona, tra te e me.

      la squadra rispecchia l’idea di sampdoria del residente..quindi non c’è tanto da gioire secondo me.

      ps la pandemia ha reso famosi tanti leoni da tastiera e salvato la faccia al residente.
      mi manca lo stadio, gli amici e la sofferenza, la gioia e quell’odore del prato nella prima serale di campionato..

      • Cicciosestri ha detto:

        Andreap non ti permetto di dire a me che sono meno tifoso di te. Sono abbonato alla gradinata Sud dal 1982 consecutivamente, negli ultimi 10 anni in famiglia abbiamo 4 abbonamenti di gradinata Sud. Io analizzo e sto analizzando i numeri del campionato perché è così che si verifica se la squadra sta andando bene o no. Io allo stadio sono andato, vado e andrò a prescindere e sinceramente di quello che dice Ferrero non me ne frega niente, come non mi fregava niente di quello che dicevano tutti gli altri Presidenti, io sono Sampdoriano e quando la Samp è retrocessa nel 1977 sono andato con mio papà a vedere tutte le partite in gradinata nord perché secondo lui per un bambino di 10 anni c’era troppo casino nella Sud. A 5 anni sapevo a memoria tutti i giocatori della Samp panchina compresa. Dopo la certezza della retrocessione ho pianto una giornata intera e mio padre ha detto che ero troppo malato e non mi ha più permesso di andare allo Stadio. A 15 anni, al ritorno in serie A, e quando potevo andare da solo, ho fatto il mio primo abbonamento di gradinata Sud e l’ultimo devo ancora farlo perché ci sarà sempre un prossimo. Io non permetto ne’ a te ne’ a nessuno di darmi patenti di falso tifoso . PUNTO!

        • andreap ha detto:

          non intendevo dire che tu vali meno..ho detto che la tua posizone, quindi la tua analisi non tiene conto del fattore umano.
          è giusto guardare i numeri ma tra i numeri e la realtà esiste altro che può fare la differenza.
          al tifoso, non potendo vincere la champions, interessa l’altro..non i numeri.

        • Moussa Dembele ha detto:

          Visto il tuo curriculum di sampdoriano di tutto rispetto come penso per la maggior parte di noi, mi chiedo veramente come tu faccia a valutare Ferrero solo dal punto di vista di certi numeri. Che questo signore il primo anno abbia scommesso sulla nostra pelle te ne sei dimenticato? Si è venduto Eder e stava per vendersi Soriano che alla fine fece 8 gol, se De Lurentis non si fosse rimangiato la parola. Ci siamo salvati all’ultima grazie ad un rigore sbagliato dal Carpi. Dove saremmo adesso? Forse ci avrebbe pensato ancora una volta Garrone a salvarci, forse no. Che la fortuna che assiste questo signore non smetta mail di brillare, a me girerebbero molto se facessimo la fine del Parma di Ghirardi per causa sua

      • Stregatta ha detto:

        Sono commossa 🙁 Comunque hai ragione, Ferrero è un triste figuro, che ci mercifica e aliena.
        Sampdoriani di tutto il mondo, unitevi!
        Una contestazione cosmica porterà alla palingenesi auspicata da tutti i “veri” sampdoriani.

        • andreap ha detto:

          tu hai ampiamente dimostrato di centrare poco con la tifoseria sampdoriana..magari con la sampdoria ed il suo residente si.. c’entri eccome! €€€€€

          • Massimo Pittaluga ha detto:

            andrea sono d’accordo con te e non ne faccio neppure una question ciccio di chi sia più o meno sampdoriano. tu sei sicuramente tanto tifoso quanto o più di me. caspisco anche che tu dica mi godo quello che mi posso godere e separo ferrero dalla sampdoria. guarda lo faccio anche io ma c’è una differenza. tu pensi che ferrero che non ti piace agisca nell’nteresse anche della sampdoria io ritengo che agisca solo nel suo e soprattutto che abbia creato non una frattura ma un cratere tra molti tifosi della sampdoria e la samp squadra società. detto ciò credo anche che ognuno abbia il diritto di vederla come vuole e non credo sia giusto trascendere tra tifosi quelli veri come me e te andrea ed altri tifosi ripeto non troll da tastiera provocatori di professione. da quello che scrivi traspare il tuo tifo e passione a differenza di altri in cui traspare altro

          • andreap ha detto:

            caro Massimo,

            secondo me mf agisce nel suo interesse e questo è legato alle sorti della squadra sampdoria: l’ottavo posto è fondamentale per i diritti tv (non tanto per il preliminare di coppa italia).
            sono d’accordo sul cratere tra la società e la tifoseria: ha fatto tutto quello che poteva per ergersi su un piedistallo sperando di essere elogiato. fa mille selfie con tifosi avversari che lo prendono in giro; comparsate televisive nel programmi più trash e degni del suo personaggio.
            un giorno non sarà più residente della sampdoria e lo vedremo all’isola dei famosi o al grande fratello vip: questo sarà l’apice della sua storia.

      • belmondo' ha detto:

        che noia ste patenti di sampdorianita’ mamma mia, poi vi credete tanto speciali e dite sempre le stesse cose ognuno di voi.
        sei sampdoriano perche’ mantovani ha camminato vicino a te al poggio…boh.
        Guarda che non sei speciale eh, conosci qualcuno che ti ha detto ” ero sampdoriano quando eravamo forti ma al gol di conte col messina non lo ero piu'” ? io no, tutti i sampdoriani che conosco lo erano ai tempi d’oro e lo sono ancora oggi nei tempi bui. quindi non dare (tu e molti altri) patenti di sampdorianita’, non sei speciale, sei un tifoso come tutti noi qui dentro.
        grazie

        • andreap ha detto:

          impariamo a leggere:

          nessuno ha detto di essere più sampdoriano di un altro..
          il mio essere sampdoriano non dipende da mantovani al mio fianco o meno, ma da quello che certi gesti significano.
          ho elencato alcuni fatti che hanno portato emozioni sia positive che negative: momenti belli o più difficili.
          emozioni

          e questo discorso voleva contrastare una mera valutazione numerica.

          i tifosi non sono ragionieri ed i freddi numeri non cambiano una valutazione fatta spesso con i sentimenti; tanti lamentano in questo blog che il peccato originale di mf non è l’essere cafone ma l’aver separato inesorabilmente la sua gestione dalla storia della sampdoria e dalla sua gente.

          i tifosi sono “quei 4 scappati di casa” o nella migliore dell ipotesi: “clienti”.

          i numeri riportati da cicciosestri sono freddi e non considerano il fattore umano, i sentimenti e le emozioni che vive ogni tifoso.

          sono certo che tu, cicciosestri e tanti altri siate tifosi come me: io non sono migliore..solamente non baso le mie analisi sui numeri ma considero il fattore umano.

          • belmondo' ha detto:

            io posso anche essere d’accordo con te almeno in parte, ma bisogna rendersi conto che il calcio e’ cambiato. ma non solo alla sampdoria ma in tutto il mondo, anzi ci sono esempi ben peggiori del distaccamento operato dalle societa’ nei confronti dei tifosi, fatti un giro in qualche centro di allenamento o stadio inglese e parlane con i loro tifosi e capirai.
            purtroppo questa e’ la direzione che ha preso il calcio e noi non possiamo farci nulla. siamo tutti un po’ romantici dentro ma questo sentimento non ha piu’ spazio nel 2020

        • andreap ha detto:

          quindi dici che nel 2021 solo perchè il calcio è mero business i tifosi devo diventare per forza clienti/spettatori?

          il calcio è spettacolo, intrattenimento ed oggi più che mai è un “prodotto”.
          chi sono i clienti?

          i tifosi e gli appassionati dal vivo, i telespettatori sul divano e la app del fantacalcio in mano.

          noi tutti siamo sempre andati allo stadio, mi sembra di capire, e siamo legati alla sampdoria per le emozioni che ci ha dato e ci dà tuttora (anche se lontani).
          il calcio è cambiato a livello societario ma non per la clientela: l’attenzione delle società verso le tv è un fatto vecchio di 25 anni e non del 2021.
          il calcio non è cambiato nella sua natura: sport, spettacolo, intrattenimento (cito pure la controllante della smapdoria).
          i suoi “clienti” vivono di emozioni e quelle sono invariate.

          il calcio inglese è sempre stato diverso da quello italiano: ad inizio anni novanta il calcio inglese è stato rivoluzionato..
          MA nonostante i fondi esteri proprietari dei club (grande scandalo lo fece lo united ed i tifosi più accaniti lasciarono old trafford), nonostante diritti tv(distribuiti in maniera equa e non come in italia), nonostante le limitazioni agli spettatori (tessere, biglietti nominativi etc)..nonostante tutto il tifoso è sempre al centro dei progetti.
          la cultura è diversa: i tifosi comprano da sempre merchandising, vanno sempre allo stadio, la gente tifa la squadra della propria città/quartiere e difficilmente le “solite grandi”.
          la gestione della lega è diversa: fanno un check e devo autorizzare anche i proprietari delle società, perchè se hai bancarotte e poca solidità finanziaria, non puoi entrare in premier league e non puoi proprio acquisire una società di premier. loro i manenti e ghirardi non li vogliono neanche vedere…

          tornando ai tifosi, i sentimenti che muovono le persone verso una squadra sono gli stessi in italia come in inghilterra o germania o spagna(anzi in spagna per alcune compagini i tifosi eleggono il presidente in quanto soci stessi delle società es. madrid e barcelona).

          la domanda è e ce la dovremo porre tutti quando riapriranno gli stadi: cosa mi spinge a tornare sugli spalti? cosa mi lega alla sampdoria (nel ns caso)?
          mi legano i numeri snocciolati ed i confronti garrone/ferrero?
          mi lega sapere di aver rinnovato 6 contratti per migliorare il bilancio?
          mi lega che cosa?

          oggi ti rispondo che a me legano i ricordi, le emozioni vissute, i rapporti e la compagnia degli amici di gradinata oltre all’insana speranza di “vincere qualcosa”..la speranza di emozionarmi come sempre la sampdoria ha fatto in questi 40 anni (per me, per altri di più).
          quando sei lì che devi prendere la sciarpa è partire dai quartieri, dalla provincia o da fuori regione (eh sì qualcuno anche oltre recco..), in quell’istante, cosa ti muove?
          è il fattore umano di cui parlo nei post sopra e questo non ci sarà residente, bilancio o altro che tenga.

          il peccato originale di ferrero, oltre a non infondere alcuna fiducia finanziaria e umana, è quello di non aver mai considerato questo fattore ed averlo calpestato con i fatti e con le parole.
          poteva essere un pò più ruffiano, più furbo e gestire meglio molte situazioni.
          si è dimostrato incapace di essere presidente ma solo residente in una posizione che prima o poi perderà.
          il calcio sarà pure cambiato ma i tifosi no..quelli sono innamorati a prescindere

      • Luca B ha detto:

        adreap citando Fantozzi “90 minuti applausi”.
        Io sono così e la penso così, proprio come te

        Ferrero potrebbe farmi vincero lo scudetto, ma in quel giorno in cui quella barba finta di Edoardo l’ha presentato, nello stesso momento che ha aperto bocca e si è atteggiato, mi sono vergognato di avere un presidente così.

        Ferrero vattene!

    • solosamp1946 ha detto:

      penso che per tutti sia una gioia vedere la Samp , se poi questo potesse combaciare con il vederla in mani sicure e non in quelle del romano penso che sarebbe meglio per me per te per tutti i Sampdoriani e per la Sampdoria stessa

      • Cicciosestri ha detto:

        Concordo solosamp1946. Io ho la capacità di scindere le analisi tecniche da quelle economiche a prescindere da chi, in questo momento è il proprietario perché i proprietari sono sempre i tifosi.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Questa l’ho già sentita. Bene, allora sarai convocato in caso di necessità di ricapitalizzazioni.

          • Cicciosestri ha detto:

            Caro Michieli, io ricapitalizzo da almeno 40 anni, abbonamenti, maglie, sciarpe, indotto (solo con quello che ho speso di birre mi ci sarei comprato un terzino destro molto forte). Io, a differenza tua, pago per vedere la Samp, mentre tu vieni pagato per farlo, e devi seguire la linea editoriale che ti impone un certo tipo di atteggiamento contro Ferrero. Cerca quindi almeno di portare un po’ di rispetto, grazie.

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Il fatto che pubblico ogni tua dissertazione mi pare di per sé una forma di grande rispetto, quindi su questo fronte non accetto lezioni. L’accetterei volentieri sulle birre, essendo pure io un grande appassionato, conoscitore e scialacquatore di soldi in questa bevanda (magari io poteri metterci un mediano). Quanto all’essere pagato, fa parte del mio mestiere, che permette anche a te di esprimerti liberamente. Se poi non ti piace o magari ti sarebbe piaciuto farlo al mio posto, è un altro discorso. Io non la metterei mai sul personale, men che meno mi permetto di giudicare te nel tuo lavoro in questo contesto. Comunque, come vedi sono di estrazione liberale, continua pure ad intervenire, per me è sempre un piacere pubblicarvi. E lo dico senza malizia.

    • Massimiliano ha detto:

      Parma, Cagliari e Torino non hanno rose migliori della nostra, abbiamo 8 squadre superiori a noi e ci sono tutte davanti, più il Verona che come rosa è inferiore

  36. Frank ha detto:

    Ho letto l’articolo di Rissetto sul gol di Chiorri a San Siro. Ecco, io c’ero. Avevo 16 anni e, anche in quell’epoca,fare trasferte non era per niente sicuro,anzi,era un po più “pericoloso” di adesso.Treno speciale.
    Grazie, questi ricordi esaltano il mito del marziano, e certificano il fatto che si sono susseguiti amori, affetti, legami, ma l’unico ad essere sempre presente, è quello della Sampdoria.

    • Franco T. ha detto:

      @Frank
      Caro Frank, partecipo molto volentieri a quanto dici. I Sentimenti, nessuno li vede, ma sono i tessuti connettivi che uniscono le relazioni che si vogliono chiamare ancora umane. L’articolo di Rissetto è bellissimo. Bravo. Il “Marziano” Chiorri aveva un talento enorme, tanto da far dire ad alcuni Tecnici, addirittura superiore a quello di Mancini. Secondo me Mancini è stato il più grande giocatore della Sampdoria in assoluto. Non credo che se ne vedrà uno uguale. Nessuno con la sua classe. Nessuno con il suo stile. Nessuno con il suo ottimale rapporto tra tecnica/potenza/dimensioni fisiche. Per ragioni di altra natura, non del tutto razionali e mondane, forse non è nazionalmente considerato uno dei primi cinque calciatori Italiani di tutti i tempi. A parer mio, la Nazionale Italiana dei Mondiali ’90, aveva in tasca il titolo di Campioni del Mondo. Wierchowod in difesa, Ancelotti a centrocampo, Mancini, Vialli e Baggio in attacco, la Squadra era fatta. Per stile complessivo, In ordine alfabetico. Antognoni, Baggio, Bettega, Mancini, Rivera. Grazie Cordiali Saluti

      • Sand66 ha detto:

        Per me Baggio una spanna su tutti, se non fosse stato per il Trap che vedeva tutto in bianco e nero sarebbe stato titolare pure in Francia e avrebbe fatto sicuramente meglio dell’ectoplasma Del Piero.

  37. Massimo Pittaluga ha detto:

    Ranieri e la squadra hanno vinto una partita fondamentale. ieri il gioco contava poco, contavano i punti e avrei firmato per 1 prima e ne sono arrivati 3. la pratica salvezza è praticamente archiviata anche perchè la sconfitta del cagliari a spezia e quella del toro con la samp le metteno a -12 reali il toro ma in realtà dorebbe farne 13 e noi 0 e idem il cagliari. la vittoria di spezia e soprattutto benevento mettono in crisi toro e cagliari e rilanciano le residue speranze del parma. prima di questa giornata mi sarei aspettato il cagliari ridurre su spezia e benevento invece hanno messo 7 punti che non sono definitivi ma che mettono pressione al cagliari e il toro ne a 6. insomma una delle due potrebbe veramente rischaire la retrocessione cosa che prima di ieri non avrei detto.
    la samp guidata da ranieri di cui obbiettivamente non mi esalta il gioco ha fatto quello doveva fare. ranieri l’ha sempre tenuta fuori dalle secche con una rosa simile a tutte quelle che sono li con noi o dietro. solo il verona per ora ha fatto meglio ma è recuperabile in classifica come a noi possono superare 3 4 squadre dietro. insomma c’è un grande calderone e fortunatamente 2 squadre del ns livello hanno steccato la stagione altrimenti la quota salvezza guardando spezia benevento sarebbe diversa. le prossime due con milan e napoli le possiamo giocare al massimo senza patemi ma provando a fare qualcosa di buono senza timori di classifica. soprattutto il napoli sembra tornato in spolvero. dopo arvemo partite possibli per fare quei punti per avere la matematica salvezza e magari risucchiare il verona. possiamo finire da noni a quattordicesimi vita la classifica quindi ad oggi ranieri e la squadra hanno fatto il loro.
    stregatta meno male che è tornato ferrero col suo carisma ha cambiato le cose e la squadra ha risposto alla grande. fortunatamente tra tante difficoltà abbiamo una proporietà solida e un presidente che vuole vincere. sei proprio simpatica come ferrero

  38. belmondo' ha detto:

    partita a mio avviso orrenda, come spesso e’ capitato quest’anno ma come dice giustamente Maurizio, bastava davvero poco per essere immischiati nella lotta per non retrocedere (reputo le rose di cagliari e torino assolutamente non inferiori alla nostra). mancano i due punti di cagliari, oggi saremmo a due punti dall’ottavo posto e sarebbe davvero un miracolo sportivo.
    non sono d’accordo con chi dice non vedo l’ora finisca il campionato e ripartire con slancio l’anno prossimo. non so da dove nasca questa pia illusione, l’anno prossimo sara’ come questo se non peggio

    • petrino ha detto:

      L’ importante e’ non sbagliare gli acquisti che andranno a rimpiazzare le cessioni.
      Mi auguro che il prossimo anno sia come questo, anche senza slancio.
      Piedi per terra.

  39. Daniele da Rapallo ha detto:

    Caro Maurizio la tua analisi è precisa la 100%, punto. Io farò qualche considerazione sparsa, come al solito, ed esternerò le mie perplessità.
    Il mondo è bello perchè è vario, anche nelle impressioni su una partita, per cui io ritorno a quelle che sono le mie prime impressioni (che alla lunga si confermano sempre). Ci ritorno nel dire per esempio che io, ieri, ho visto una partita brutta tra 2 squadre brutte, vinta di misura e va bene così.
    Come dici tu ci sono diverse squadre nella terra di mezzo che valgono più o meno la Sampdoria e che hanno fatto un campionato assai più sofferto. Il Torino è una di queste ed avvalla molto la mia teoria, ovvero quella di “saper costruire le squadre”. Cairo ha i soldi ed è una potenza e, non si può certo dire che non abbia investisto sulla squadra anzi, tutt’altro….eppure il Torino non è il primo anno che fa campionati brutti, cambiando anche diversi allenatori : avessero un ambiente pesante come quello degli altri dall’altra sponda del bisagno ? Forse, tuttavia è assemblato male.
    E’ chiaro che, soprattutto per la Sampdoria, il pesce puzza più che mai dalla testa e questa testa ha pensato bene anche di ridurre il monte ingaggi, cosa che non va esattamente di pari passo col valore della rosa : se vuoi ridurre il monte ingaggi devi indovinare ed assemblare una squadra di giovani talentuosi e scoperte mixati con qualche anziano ed un allenatore che dia un gioco….non mi sembra questo il caso nostro e non credo Osti e Viperetta siano in grado di farlo, PECINI ovviamente si.
    Dei tre Biga, alla fine come all’inizio, sta giocando solo un Candreva sulla via del tramonte; gli altri 2 ci hanno messo mezzo campionato ad entrare in forma ed i risultati sono quantomeno altalenanti per non dire deficitari (Keità 5 goal li ha fatti).
    Importantissimo il rientro di un giocatore forte ma dal ruolo indecifrabile come Gabbiadini che ha portato nuova linfa come usato sicuro di ottima qualità.
    Infine un mio augurio allo Spezia (esendo io originario di quelle parti….ed un po simpatizzante) che spero si salvi. Sicuramente vedendolo giocare mi diverte molto più della mia Samp anche come atteggiamento.
    Capitolo allenatore….se la squadra la fai bene può andar bene anche Ranieri ma, siccome sembra arriverà un nuovo, allora non saprei…Io vorrei Juric anche se qua avrebbe troppo peso psicologico. Ho dubbi su Inzaghi mentro quello dell’ Empoli è una scommessa. Anche Italiano mi piacerebbe, ma ce lo vedi a far coprrere i nostri giocatori ? E poi cosa vorrà fare l’americano dei Computer ? Spero non come gli altri americani.

  40. jan ha detto:

    Ciao ragazzi,
    ho letto tante cose interessanti, io sono dell’idea che considerati i valori generali anche provenienti dall’ambiente societario, questo campionato rispecchia in pieno quello che è la Sampdoria : una squadra ed una società che al massimo pukò ambire ad una buona salvezza, questo doveva essere e Ranieri, come si dice, sta gudiando la nave in porto in acque sicure.
    Con questa proprietà e l’attuale situazione economica della Società i prossimi anni potrebbero essere anche peggio.
    Ultima conisderazione Maurizio : Ranieri ieri ha detto che parlerà del suo futuro al momento opportuno con chi sarà il direttore sportivo. Quindi Osti è già fuori ?

  41. Marco ha detto:

    “Eh ma ora il parma con D’aversa….” ….sotto di 16 punti….
    “Eh ma ora il cagliari con Semplici….” ….sotto di 13 punti….
    “Eh ma ora il toro con Nicola….”…..sotto di 12 punti (grazie al recupero da ufficio indagini col sassuolo)…
    Quello bollito….quello da pensione….quello che deve dimettersi…..35 punti a 10 giornate dalla fine….
    Stranezze del calcio….

  42. Klaus Lavagna ha detto:

    Maurizio,ti faccio una domanda un po’ impertinente:il nostro nuovo allenatore di cui giustamente non vuoi e non puoi fare il nome,è di tuo gradimento?

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Ciao, nessun allenatore, a prescindere, è di mio gradimento sinché non lo vedo lavorare. Chi allena in serie A è mediamente preparato, tant’è che a volte lo stesso allenatore fa bene da una parte e male dall’altra. Ce ne sono alcuni che, conoscendoli, preferirei scansare, ma questo è un altro discorso.

  43. Matteo Genovese ha detto:

    Bisogna vincere…… e vinceremo. Cosi è scritto !! Il bel gioco raramente si vede e quello che conta ormai , o di riffa o di raffa è vincere queste partite con queste squadre. Forza Doria sempre !!!

  44. Luca B ha detto:

    3 punti importantissimi per la classifica e perchè, sono di vecchia generazione, il toro lo odio.
    Partita giocata bene nel primo tempo, mentre nel secondo si è aspettato il torino ed era un chiaro intento preparato dal mister come peraltro ha spiegato in conferenza stampa.
    Devo dire che la formazione di partenza è la migliore in assoluto che la nostra Rosa può offrire, magari con Damsgaard al posto di Jankto, ma in un centrocampo con Ekdal e Candreva, oltre all’incontrista Thorsby, un altro elemento che faccia a sportellate lì in mezzo, serve, quindi forse Jankto ha ragione di coesistere visto che da anche una grossa mano in difesa ad Augello.
    Pagelle: per me tutti sopra la sufficienza con menzione particolare a Audero che pur non facendo una parata mi è piaciuto in tutte le uscite, anche al limite dell’aria. Augello per il costante apporto in attacco e la partecipazione all’azione del gol, Candreva perchè ci ha messo carattere (i piedi ce li ha sempre avuti), Thorsby perchè era ovunque, Colley perchè tutti i palloni in area erano i suoi, sembrava una calamita e infine Fabio che ha fatto un partitone di sacrificio e di concretezza e Gabbiadini che in campo ha fatto vedere di che pasta è fatto a differenza di qualcuno che non ha le palle.
    Come dico da 28 giornate, Silva e Ekdal non posso giocare insieme, oltre al fatto che Silva è di una lentezza esasperante. Ieri si è visto quanto è più utile Ekdal.
    Capitolo Keita che mi farà attirare tante critiche: è grammo!
    Lo era nella Lazio, nell’Inter e due volte nel Monaco. Da l’idea di essere un giocatore importante, ma è solo un blogger in pantaloncini. Anche ieri non ha tenuto un pallone per far salire la squadra, perde tutti i contrasti, fa un mare di falli ogni volta che riceve la palla, corre guardando il pallone non alzando mai la testa, non riesce neanche ad andare via in velocità (ieri in 2 occasioni è stato facilmente ripreso), ad ogni stop la palla gli va a 2 metri dal corpo, di testa non ci da mai, neanche per sbaglio. Non è assolutamente un valore aggiunto e ogni volta che viene messo in campo con la speranza che possa dar fastidio alla difesa avversaria e creare un pericolo sulla ripartenza, la speranza si scioglie come neve al sole. Giocatore inutile che spero non venga assolutamente riscattato. Ieri addirittura imbarazzante

    Chiudo con risate di scherno su quel fenomeno di Murru (fenomeno per Giampaolo e per chi di calcio capisce poco) che oltre a confermarsi grammo come la peste, deve avere anche il dente avvelenato con noi, vista la pantomima che ha tirato su con il guardalinee e che è stata sedata subito da Nicola. Giocatore mediocre e con la personalità di un pagliaccio

  45. Luigi ha detto:

    Ciao Maurizio concordo sulla disamina che hai fatto su Ranieri un po’meno sulle qualità delle due squadre in quanto la classifica abbiamo sempre detto che è lo specchio dei valori tecnici dei giocatori può anche darsi che non sia sempre così sentite le parole di Quagliarella dopo la vittoria sul Toro confermando una tranquillità maggiore di classifica. Hai proprio ragione quando affermi sulla Samp qualcosa da disquisire lo troviamo sempre. Un saluto a tutta la redazione di Primocanale.

  46. steva ha detto:

    Non ho capito cos’abbiamo rubato ieri. Il Torino ha attaccato ma mai tirato in porta. Col Cagliari avremmo meritato di perdere anche se per come e’ andata la partita ci mangiamo le mani per non aver vinto. Col Bologna invece avremmo meritato di stravincere e siamo tornati a casa con 3 gol in saccoccia. Questo e’ il calcio signori ed e’ il motivo per il quale e’ così popolare. Perche’ e’ uno dei pochi sport dove davide puo’ battere golia, vedi benevento.

    Tornando alla Samp, abbiamo 35 punti tutti conquistati col sudore perche’ questa e’ una squadra che se non suda, non lotta e non sta concentrata puo’ perdere con chiunque ma al contrario puo’ darti qualche soddisfazione come stare nella parte sinistra della classifica, che e’ il massimo che si possa chiedere anche se non ci esaltiamo per il gioco

  47. Vincenzo ha detto:

    Per Frank Tamburo: uno è il ” serbo” e l’altro è Dionisi. Ho azzeccato?
    Ho visto l’Empoli più volte gioca benissimo: veloci e con due/tre passaggi sono sotto porta.

    Forza Sampdoria

    p.s. dopo una bottiglia di Porto ieri mi sono fatto una bottiglia di Strega…per festeggiare una salvezza scontata e aver avuto conferma che il “maestro” quest’anno lo abbiamo avuto noi… .

  48. Cicciosestri ha detto:

    Pippo Inzaghi (Benevento) o Paolo Zanetti (Venezia)

  49. Carlo46 ha detto:

    per quanto mi riguarda ho deciso che giudicherò Ranieri da come concluderemo da adesso in avanti la stagione. Mi spiego. Per me sinora ha fatto il suo, niente di più, con una rosa a sprazzi talentuosa, piuttosto indolente e demotivata in taluni, male assortita ma con un discreto numero di elementi comunque spesso decisivi (attenzione, l’ultima è una fondamentale differenza con le altre squadre che ci equivalgono, per dire se solo l’Udinese avesse un altro mezzo De Paul avrebbe otto punti in più..). Ora che siamo quasi, quasi!, salvi vorrei vedere un gioco più spigliato e volitivo, direi serenamente spensierato ma comunque attuato con la dovuta determinazione. Vorrei giocare qualche brutto scherzo a qualche squadra di rango, andandomela a giocare con loro apertamente e senza barricate. Vorrei il definitivo lancio di Damsgaard e Verre ed il recupero di Askildsen. Vorrei soprattutto finire la stagione andando sempre sino all’ultimo in campo con le scarpette bullonate e non le pantofole o infradito. Ecco se tutto, o parte di questo avverrà, il mio giudizio finale su Ranieri dal neutro neutralissimo attuale potrà virare sul positivo. E lo stesso mister avrebbe qualche carta in più per pretendere lo spropositato ingaggio che percepisce in sede di rinnovo. Andassero diversamente le cose ben venga un motivato, affamato sostituto con tanta voglia di crescere. E io sarei felice fosse Dionisi.

    • Sand66 ha detto:

      Ti ricordo che neanche Giampaolo riusciva ad esaudire questo tuo desiderio penso che, come al solito, a salvezza raggiunta, si tireranno i remi in barca e ci faremo cullare dolcemente dallo sciabordio delle onde, sull’ingaggio potremo anche essere d’accordo ma pensa a quelli che, per salvarsi, hanno due allenatori a busta paga e non sono ancora sicuri, penso che la salvezza e gli obbiettivi societari hanno un proprio valore resta da vedere se è adeguato, e non sono tra quelli che credono che chiunque con questa squadra avrebbe fatto lo stesso (vedi Di Francesco).

  50. Vincenzo ha detto:

    Oltre il campionato: quest’anno a maggio trentennale dello scudetto, sono passati 30 anni mi sembra impossibile! eravamo tutti più giovani e non c’era questo “maledetto e subdolo virus”.
    Però scrivo perchè mi è sorto un dubbio: noi a festeggiare e ricordare lo scudetto, mentre qualcuno ha festeggiato il venticinquennale di una impresa storica e prestigiosa che tutto il mondo conosce e che sicuramente è entrata nelle pagine epiche del calcio internazionale da raccontare e tramandare ai posteri. (stile: Centurato Pirelli: una pagina del calcio italiano; qualcuno dei più vecchi ricorderà questa pubblicità del mitico Carosello)
    MAH!

    p.s.: le tappe diminuiscono e il distacco aumenta….

    Forza Sampdoria

  51. Giuseppe ha detto:

    Ma se le due squadre si equivalgono a livello tecnico, perché il Toro del Maestro Giampaolo, da qualche settimana passato a Nicola, è in zona B? Non si tiri fuori l’aspetto societario perché Cairo è un imprenditore di livello, quindi se mai in quell’ambito dovrebbero essere davanti a noi.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Perché il calcio non è una scienza esatta.

    • steva ha detto:

      La proprieta’ del Toro è certamente una delle piu’ solide in Italia. Ma forse il presidente è mal consigliato o non si vuole far consigliare. Ha preso un allenatore come Giampaolo in una stagione dove non potevi prepare niente e neppure gli ha comprato i giocatori… l’anno scorso ha esonerato Mazzarri e ha messo la squadra in mano a un ragazzo che fra un po’ li far retrocedere… chi ha il pane non ha i denti

    • belmondo' ha detto:

      detto in pochissime parole, giampaolo e nicola insieme non valgono la meta’ di Ranieri

    • Fra Zena ha detto:

      Il toro è zeppo di calciatori sopravvalutatissimi
      È una di quelle squadre pompate dalla stampa molto al di là dei loro meriti, un po’ come la Fiorentina

    • Sand66 ha detto:

      Mi sa che ti sei risposto da solo.

      • El Cabezon ha detto:

        Bè dai,
        due stagioni fa, non dieci, il Toro, con una squadra non troppo diversa da questa
        è arrivato settimo, qualificandosi per i preliminari di Europa League…
        E’ che l’ambiente granata è veramente tossico, altro che noi ancora legati all’epoca di Paolo Mantovani, loro sono tuttora immersi nella leggenda del Grande Torino!!!
        L’anno scorso, al termine del girone d’andata erano ottavi o giù di lì, eppure continuavano a contestare Cairo e Mazzarri, col risultato che alla fine il giocattolino si è rotto e da 12 mesi a questa parte non ne hanno più azzeccata mezza…

  52. Gabibbo_70 ha detto:

    Caro Maurizio e cari fratelli di tifo,vorrei lanciare una freccia con un po’ di veleno,voglio dire non e’ colpa di Ferrero che ha Preso la Samp a Zero ma e’ colpa di chi ha messo la nostra SAMP nelle mani di Ferrero..mi spiego meglio,se arriva uno e ti dice:”guarda ti regalo una ferrari seminuova e tu devi solo pagare il trasferimentio di proprieta’ e te la intesti integralmente,voi cosa fate?

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Certamente la famiglia Garrone/Mondini ha una responsabilità enorme, poiché chi fosse Ferrero imprenditorialmente lo si sapeva bene. Tuttavia, sono trascorsi sette anni ed è pur vero che il calcio italiano pullula di soggetti alla Ferrero. Quindi, ciò che di buono o di cattivo ha fatto Ferrero dal giugno 2014 è riconducibile a lui.

      • Solosamp1946 ha detto:

        Per me sarà sempre riconducibile a chi ce lo ha messo garantendo da imprenditore e tifoso sampdoriano ( così dice no ?)la serietà e affidabilità ( li ha chiamati filtri giusto ?) del successore.
        Ma l articolo su Vialli che senso ha? Non ha detto nulla in relazione alla Sampdoria e passa come notizia …non capisco . Domanda senza polemica è solo per capire

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Molti, anche qui, sostengono da tempo che Vialli a breve (è così dall’agosto scorso…peraltro), lasci la Nazionali e diventi presidente della Sampdoria. Quella dichiarazione di Vialli in Nazionale ha un senso di smentita in quell’ottica lì, ma noi personalmente da oltre un anno e mezzo diciamo che resta Ferrero. E, intanto, per un anno e mezzo è rimasto. E rimarrà ancora.

          • Solosamp1946 ha detto:

            Penso sia il sogno di tutti i sampdoriani e forse ancora il sogno di Vialli ma questo non lo posso sapere. Credo anche che se in futuro ci sarà occasione lui ci riproverà nonostante la nazionale e per ultimo credo che i concordati porteranno a qualcosa ( cessione spero , fallimento insieme a tutta la galassia ( ahahah) Ferrero temo)

    • Franco T. ha detto:

      Caro Gabibbo_70, scusami, ma io non me la potrei permettere lo stesso , solo per bolli, benzina e mantenimento non mi basterebbe lo stipendio o pensione…! Ciao.

    • Sand66 ha detto:

      Gabibbo, il problema è che poi ci devi mettere la benzina, e costa cara, magari all’inizio fai pure il gaggio girando in città ma a lungo andare vedendo che ciuccia ti limiterai a tenerla in garage e alla fine salterai il pagamento dei tagliandi, del bollo e dell’assicurazione, ti resterà una bella auto che svaluta di anno in anno senza levarti nessuna soddisfazione.

  53. Paolo92 ha detto:

    Mauri dici che sarà ancora buono il vino? È dal 28 marzo 2019 che è pronto per essere stappato. Aspetto solo l’ufficialità che quel personaggio diventi solo un ricordo (incubo) non mi frega altro riguardo la samp. 8° 9° 13° posto? zero interesse.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Mi sa che dovrai lasciarlo in cantina ancora parecchio. E, comunque, io non “spingo” mai per cambi societari se non so chi ci sia dopo. Anche se l’attuale è Ferrero, perché non è escluso che possa essercene anche uno peggiore dopo di lui. Quando la maggior parte dei tifosi sampdoriani contestava i Garrone, io, pur non condividendo certo tutto della loro gestione, invitavo comunque a stare attenti, alla calma, alla prudenza. Quando mi sono esposto per Vialli e gli americani è perché sapevo cosa quell’operazione avrebbe potuto rappresentare per la Sampdoria e soprattutto per il suo futuro. Ma conoscevo bene la situazione. Quindi, calma e gesso. Per quanto possa valere il mio parere. Se poi verrò a conoscenza di opportunità valide, potrò tornare a parlarne, fermo restando però che la Sampdoria, si è visto con Vialli, non è in vendita, se non a condizioni che nessuno acquirente di senno potrebbe accettare.

      • Franco T. ha detto:

        Beh a questo punto se Maurizio conferma quello che sostanzialmente ha sempre detto, bisogna dargliene atto, Ferrero rimarrà. Per cui, Ranieri non ancora fuori, direttore sportivo in scadenza.. Vedremo.. Tanto per tirare ad indovinare.. Faggiano/D’Aversa. Vinciamo a Milano. Stop. Poi Basta. Grazie Maurizio, Cordiali Saluti a tutti.

      • Pier56 ha detto:

        Peggiore di Ferrero? Ci vuole molta fantasia a immaginare uno, forse il fantomatico Pane, ma il residente ne sintetizza l’essenza: panem, circenses, mimi e buffoni😂😂

    • Emanuele ha detto:

      Bravo Paolo92, come si fa ad appasionarsi nel seguire una squadra con ZERO ambizioni sportive con il solo mero interesse di fare ingrassare il RESIDENTE a suon di PLUSVALENZE e cene al Sangiorgio??
      Dovrei sentirmi rappresentato da un personaggio che in piena pandemia mondiale se n’è andato ad abbronzarsi in Kenya mentre la gente si ammala e muore?
      FERRERO VATTENE

  54. Cicciosestri ha detto:

    So che ho già scritto troppo oggi ma vorrei aggiungere che sono molto contento che la Sampdoria primavera sia al secondo posto. Posso oppure visto che non hanno finito i lavori a Bogliasco non devo essere contento?

    • maurosampbolzano ha detto:

      ciao Ciccio ne sono strafelice pure io

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      non solo tu e sono contento che la samp si sia slavata con tranquillità e si possa vedere napoli e milan senza amleti sul televisore dopo la scorsa stagione. sul resto la vediamo diversamente

    • aston ha detto:

      Non saprei Ciccio… consiglio di tergiversare….

    • Solosamp1946 ha detto:

      Tutti siamo felici se la Sampdoria va bene che sia prima squadra o primavera…poi da qui ad accettare di essere rappresentati da un cialtrone che va in giro a fare il pagliaccio , che non ha nessun rispetto e o amore per la Sampdoria e i suoi tifosi, che quando apre bocca non riesce a dire una frase di senso compiuto , che insulta donne presidenti di altre squadre ecc ecc… potrei andare avanti e non ho messo nel mezzo i suoi precedenti e quello che sta combinando attualmente…ecco…ce ne passa prima di accettare tutto questo.

  55. andreap ha detto:

    sul tema ranieri si o ranieri no..tanto dipenderà dalla linea societaria:
    se accetti di pagarlo un pò meno ma sempre più di mf..lui accetta il tuo mercato al risparmio e faremo un altro campionato come questo.
    se invece salta il banco, il residente dovrà cercare un allenatore aziendalista che si accontenti di rosa e stipendio.
    i numeri del bilancio sono gli unici che non mentono (o quasi)..

  56. Paolo ha detto:

    Walter Mazzarri?

    • El Cabezon ha detto:

      Se tornasse con la testa giusta io ne sarei felicissimo!
      La più bella SAMPDORIA degli ultimi 20 anni per me è quella ammirata sotto la sua gestione, specie quella del girone di ritorno della prima stagione dove, se non ricordo male, conquistammo una quarantina di punti o giù di lì…

  57. flex ha detto:

    Caro Cicciosestri
    senza fare gara a chi ce l’ha più lungo (il pedigree di tifoso ovviamente) ti esprimo il mio punto di vista. Il tuo ragionamento è assolutamente condivisibile: la gestione è senz’altro migliore rispetto a quella di chi lo ha preceduto e il risultato sportivo è in linea con le aspettative. Non è nemmeno un problema di mancanza di un progetto ambizioso: d’altro canto la limitatezza di mezzi non può essere una colpa; quanto meno non per lui che l’ha presa, al limite per chi gliel’ha regalata. Del resto, rifacendomi all’emozionante articolo di Rissetto, avendo attorno ai 50 anni, non sono diventato tifoso della Sampdoria perchè immaginavo di vincere lo scudetto.
    Il punto è proprio questo
    Domandati per quale motivo sei diventato un tifoso della Sampdoria, perchè sei sempre stato orgoglioso di esserlo, la soddisfazione di essere riconosciuto all’estero perchè indossi la maglia con i colori più belli del mondo. Prova a pensare a come ti sei sempre sentito e domandati se questo presidente rispecchia i valori che ti hanno reso fiero e felice di essere un tifoso sampdoriano.
    Io sono flessibile di natura e accomodante per mestiere, ma non accetto compromessi per quel che riguarda il tifo. Questo presidente, che rappresenta la Sampdoria, non mi rappresenta. Al contrario è fonte di continuo imbarazzo e non c’è nulla di più lontano dall’idea del Presidente della Sampdoria che ho sempre avuto da quando sono tifoso, ossia negli ultimi 40 anni. Non riesco e non voglio scindere l’aspetto tecnico, i risultati sportivi, che non sono niente altro che accettabili, dalla sua immagine pubblica di presidente della sampdoria (assolutamente nulla di personale, nemmeno lo conosco).
    Perchè dovrei?
    Per quale motivo dovrei farmi andare bene un personaggio così sgradevole?
    Mi è capitato, ringrazio chi me l’ho ha mandato e i suoi filtri, aspetto pazientemente che se ne vada, ma non sono disponibile a riconoscergli eventuali meriti, che potrebbe anche avere, perchè sono in ogni caso cancellati dal suo modo di porsi e di essere.
    C’ero prima di lui, ci sarò dopo di lui.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Se questa gestione societaria è migliore di quella che lo ha preceduto, o non siamo andati quattro volte in Europa prima o ci siamo andati cinque volte adesso. Al netto della retrocessione, il ciclo della Samp dei Garrone si chiuse con l’addio di Marotta, che aveva in mano tutto. Edoardo con l’immediato ritorno in A rimediò solo, a suon di milioni (40), alla tragedia sportiva della serie B autoinflitta. Mi spieghi quale delle due cose è vera? Solo per capire, senza polemica. E lascio stare i casini di Bogliasco, i 110 milioni di debito, le figuracce etc, quello “non mi interessa”. Parlo di risultati sportivi.

      • Kreek ha detto:

        @Maurizio.Michieli

        Credo che la gestione Garrone sia stata nel complesso migliore, se prendiamo tutto il periodo.

        Se invece iniziamo a valutare dall’avvento di Edoardo, le cose cambiano:

        2010-2011 18°in A con retrocessione
        2011-12 6° in b, promossi ai playoff
        2012-2013 14° in A
        2013-14 12° in A

        2014, arriva Ferrero, ma allenatore e gran parte della rosa sono ereditatemi dai Garrone
        2014-15 7°in A (stagione che considero in coabitazione Garrone/Ferrero )

        2015-16 15°
        2016-2017 10°
        2017-18 10°
        2018-19 9°
        2019-20 15°
        2020-21? (attualmente 10°)

        Dal punto di vista sportivo meglio gli ultimi 5 anni che i primi 4 con Garrone.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Mi pareva di avere specificato che per ciclo Garrone intendevo quello sino al 2010, prima che Riccardo Garrone si ammalasse, Marotta andasse via, Duccio poi morisse, le famiglie Garrone/Mondini imponessero l’ultimatum ad Edoardo e suo genero con Romei gli portassero Ferrero. Insomma, prima del casino. Ma constato (non ce n’era bisogno) che pur di nobilitare Ferrero si ricorre ad ogni mezzo, anche a non tenere conto delle parole (scritte) altrui. Il fatto è che voi ritenete di fare un torto a me e questo vi fa godere ed invece lo fate a voi stessi. Povera Sampdoria, non povero Michieli. Che era e resta povero, peraltro.

          • flex ha detto:

            Scusa Maurizio (e poi la chiudo qui) ma che piacere potrebbe darmi farti un torto? Se ti sembra che la mia risposta a Cicciosestri sia un tentativo di nobilitare ferrero siamo al limite del paradossale.
            Se permetti, per fare un’analisi che abbia un minimo di fondamento, non puoi mischiare il periodo Riccardo e il periodo Edoardo. Che senso ha? Sono due gestioni completamente diverse.
            Massimo rispetto per Riccardo, tante ma tante perplessità (per usare un eufemismo) per l’operato del figlio. Di gran lunga il peggior presidente, fra quelli che ricordo, della Sampdoria, peggio di quello che abbiamo tuttora.

          • Carlo46 ha detto:

            emblematico del clima attuale del forum, davvero poco gradevole ormai.

            Frase di Flex che scatena la reazione di Maurizio :

            ” la gestione è senz’altro migliore rispetto a quella di chi lo ha preceduto e il risultato sportivo è in linea con le aspettative”. Testuale, virgolettato.
            Reazione con solite accuse a vanvera di pro Ferrero per arrivare a sentenziare che Duccio, che guarda caso non è chi ha preceduto il pagliaccio, aveva fatto meglio.
            Non se ne può più. Evito di scrivere che detesto Ferrero, tanto ormai a che serve più qui dentro?

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Carlo, se io leggo che la “gestione” di Ferrero è migliore di quella di Garrone, reagisco così, mi dispiace. Puoi non essere d’accordo e io lo rispetto molto. Per me la gestione implica molte cose e penso e soprattutto temo che gli effetti della desertificazione economica, sociale, pubblica etc etc di questa gestione la sconteremo, come Sampdoria e come sampdoriani, per molti anni. Ma spero con tutto il cuore di prendere una cantonata e mi rallegro invece che siate contenti in tanti di questa gestione.

          • Solosamp1946 ha detto:

            E aggiungo che nonostante io stesso ce l abbia a ” morte” con Edoardo per quello che ha fatto ( e sarà così fino a quando non farà qualcosa per rimediare) , preferisco di gran lunga anche la gestione Edoardo piuttosto che l attuale.

          • Kreek ha detto:

            @Maurizio.Michieli

            Con spartiacque 2010, allora siamo d’accordo…ma leggendo gestione Garrone, mi è venuto il dubbio…non è che si possa cancellare il lustro (o quasi) di Edoardo Garrone.

            Nobilitare? ma de che??? 😉

            Solo che sotto scrivi: “…Per me la gestione implica molte cose e penso e soprattutto temo che gli effetti della desertificazione economica, sociale, pubblica etc etc di questa gestione la sconteremo, come Sampdoria e come sampdoriani, per molti anni….”

            Io mi ero fermato al discorso sportivo/piazzamenti…

          • Kreek ha detto:

            @Maurizio.Michieli

            Poi mi taccio… scusami, ma ognuno ha la sua vita, il suo lavoro.. Io non scrivo per darti addosso,se mai per confrontarmi, per esprimere un punto di vista diverso da quello della maggioranza dei Sampdoriani.

            Ma ho un punto di vista e delle opinioni che difendo e non mi piacciono paternalismo e vittimismo.

            Ti do atto del fatto che non ti sottrai al confronto.

            Ma tu sai di avere una certa risonanza, molti ti ascoltano, fosse solo per il tuo non sempre facile mestiere.

            E vederti scrivere “Povera Sampdoria” in riferimento a un mio post, come se io cagionassi danni a quella che per me non è una squadra, ma un ideale e uno stile di vita… Solo perché la penso diversamente… Questo davvero non mi piace e anche se non ci conosciamo di persona mi sento comunque di dirtelo, anche se non ti cambia nulla (giustamente, peraltro…)

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Scusa KREEK, non era mia intenzione schernire alcuno. E’ un discorso un po’ più ampio, complesso e di natura generale. Magari un giorno proverò a scrivere un post per spiegare il mio pensiero, se a qualcuno interessa, circa gli effetti collaterali della gestione Ferrero. Di quelli che io reputo effetti collaterali dannosi, senza con ciò pretendere di avere ragione. Anzi. Magari avrete ragione voi e questa sarà solo una delle tante gestioni della Sampdoria e nemmeno la peggiore, visto che la peggiore è considerata quella di Edoardo Garrone e chissà forse anche altre precedenti. Anche io considero la Sampdoria come tu l’hai ben descritta e se mi accaloro è soltanto per questo. Ti ringrazio delle tue opinioni, per me preziose, giacché, anche se può apparire diversamente, io sono molto attento al pensiero altrui, sul quale cerco di ragionare. Grazie e un saluto.

      • flex ha detto:

        Mi spiego meglio
        Quando ho scritto di gestione non mi riferivo ai risultati sportivi, ma di gestione imprenditoriale.
        Distinguiamo innanzi tutto il periodo di Riccardo Garrone che aveva a disposizione, sebbene non lo avesse scelto (lui avrebbe preferito Tosi che fortunatamente non accettò) il miglior manager a disposizione, ossia Beppe Marotta, dal periodo di Edoardo Filtri.
        Chi ha preceduto Ferrero è stato Edoardo, non il padre, e la gestione di Edoardo è stata, letteralmente, un bagno di sangue. Per quanto mi sia sgradito il personaggio devo riconoscergli, per onestà intellettuale, che fino a quando ha avuto alle spalle il paracadute delle fidejussioni è stato capace di portare avanti squadre dignitose senza deficit enormi. Il problema è che la sua solidità patrimoniale, inesistente, non perdona errori: al primo acquisto sbagliato sei del gatto. Ma se ci limitiamo alla stretta gestione imprenditoriale e “non ci facciamo interessare” il resto, che per me è fondamentale, fra lui ed Edoardo non c’è paragone.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Gestione imprenditoriale????????????????????????????????????

          In ogni caso, io avevo specificato di considerare la gestione Garrone quella conclusa con la morte di Duccio. Poi sono deflagrate le vicende famigliari interne ed è stato uno stillicidio che ha portato al trasferimento della società a Ferrero. Edoardo di suo ci ha messo i 40 milioni che sono serviti a farci risalire subito in A dopo quel terremoto.

          • Carlo46 ha detto:

            Maurizio, te lo chiedo un’ultima volta. Non mi mettere in bocca o nella tastiera frasi e concetti che non mi appartengono. Se vuoi leggere bene, se vuoi solo trovare spunti per la tua battaglia anche meglio. Ma non stravolgere pretestuosamente il pensiero altrui. Ho scritto in ogni post che detesto Ferrero e tu mi citi nelle legioni, peraltro di tua pura invenzione da anni, di ferreriani? Ma vogliamo scherzare? Questo giochino ha stufato.

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Veramente è il contrario, il mio pensiero sulla gestione Garrone non è stato riportato per intero. Comunque, se tu ritieni che questa gestione sia meglio della precedente non vedo perché tu te ne debba tanto vergognare affrettandoti a ribadire che detesti Ferrero. Perché? Non è tanto facile avere una gestione migliore di questa che garantisce risultati ottimi, bilanci in ordine, belle partite, stadio di proprietà, settore giovanile florido con palazzine annesse, visibilità televisiva, immagine eccellente, buon posizionamento nel Palazzo etc etc.

          • Carlo46 ha detto:

            ok ok, basta così, ne ho abbastanza

        • andreap ha detto:

          quindi finchè edoardo garrone gli ha permesso di fare mercato ed agire a debito con la copertura delle sue fideiussioni è stato molto bravo dal punto di vista imprenditoriale…nel momento in cui ha dovuto usare le proprie forze, ha fatto errori ed è precipitato in un vortice di indebitamento.

          parafrasando, sono tutti buoni, con i soldi degli altri!

          • flex ha detto:

            esattamente andreap
            fino a quando aveva le spalle coperte si è barcamenato abbastanza bene, quando ha dovuto fare con i suoi mezzi (che non ha) sono iniziati i problemi.
            E’ quello che ho scritto. ti può sembrare poco, ma è molto più di quello che ha fatto edoardo, che con gli stessi mezzi prendeva bagni colossali.

          • El Cabezon ha detto:

            Ma infatti andreap!
            Per il solo e semplice fatto che il parassita di suo non ci ha messo 1 solo euro per me ogni confronto con i predecessori è assolutamente inutile, oltre che da un punto di vista morale davvero ingeneroso e ingiusto, e lo scrive uno che non ha mai risparmiato critiche a Garrone padre e figlio…

          • Andreap ha detto:

            Se ti ricordi bene per “barcamenarsi abbastanza bene” ha chiuso samp tv, cambiato tutta la struttura sampdoria( marketing,comunicazione etc). Via tutte le teste pensanti..
            Via il ravano
            Via i progetti tipo samp village
            Siamo anche arrivati a non fare il ritiro..

            Via tutto e gestione ai minimi termini..
            Non ci vedo nessuna capacità imprenditoriale quando non rischi nulla,tanto garantisce papà garrone.
            La tua valutazione inoltre non è corretta perché garrone (sia padre che figlio) delegavano la gestione in primis a Marotta poi ai malaugurato sagramola etc etc..
            Il confronto lo dovresti fare con queste figure.

            Detto questo ora che è senza stampelle ci sta portando nel baratro..ha guadagnato tempo con le agevolazioni post covid ma la benzina finisce

    • Sand66 ha detto:

      Migliore gestione? Davvero? Ma i piazzamenti Europei e la finale di coppa Italia vale niente? Per non contare l’emorragia economica inflitta per riportarci subito in A (sono state allestite due rose praticamente) mi sa che siamo di memoria corta e ci meritiamo il massimo ottavo posto, atto a non infastidire quelle sopra e mantenere qualche soldino in cassa.

      • Stregatta ha detto:

        Per me non valgono nulla se non si allestiscono rose in grado di competere su entrambi i fronti. Nessuno si ricorda della partecipazione della Sampdoria alle coppe europee dai tempi della semifinale persa ai rigori contro l’Arsenal. Il resto sono state solo figuracce. Molto meglio l’ottavo posto che giocare i preliminari e/o la fase a gironi, rischiando di retrocedere in campionato. Tanti sono i fattori che incidono negativamente sul rendimento della squadra in campionato:
        la preparazione atletica anticipata, che può causare cali fisici a metà e a fine stagione – logorio fisico e mentale – minori tempi per preparare tatticamente le partite. Solo le grandi squadre che dispongono di rose lunghe, possono permetterselo. Una squadra come la Sampdoria deve massimizzare il risultato sportivo con le risorse che si hanno a disposizione. L’ottavo posto va benissimo per la nostra dimensione.

        • andreap ha detto:

          ho la presunzione di dire che questo è il commento di uno spettatore non di un tifoso.
          i tifosi sampdoriani vogliono sperare nell’europa, vogliono la coppa italia, vogliono sognare qualcosa..anche solo la speranza in qualcosa.
          non il piattume dei 40 punti e l’ottavo posto per riempirsi le tasche dei diritti tv.

          • El Cabezon ha detto:

            Mi piacerebbe sapere chi stabilisce che se si fanno i preliminari di Europa League poi si rischia di retrocedere…
            Poi, che per la SAMPDORIA attuale, per come è strutturata a livello societario, non andare in Europa sia probabilmente meglio posso concordare…

        • Solosamp1946 ha detto:

          Ma magari non te le ricordi te stregatta. Io ricordo ancora con immenso piacere e goduria le trasferte a Brema eindhoven e Liegi. Nonostante i risultati perché il calcio non è solo il risultato sul campo. Poi su tutto il resto che dici …boh allora chiudiamo tutto e andiamocene a casa…e facciamo giocare le solite 6 7 squadre. Certo sicuramente finché saremo guidati da presidenti ricchi ma con scarsa ambizione sportiva ( e.g.) o ladruncoli romani sicuramente non si potrà ambire a nulla

      • robmerl ha detto:

        ma di cosa stiamo parlando? dii una finanziaria che ogni anno produce risultati operativi mediocri ma ha il bilancio in passivo (si fa per dire) moderato e paga un ricco stipendio al – sic- proprietario, o di una società sportiva il cui obiettivo istituzionale è raggiungere dei buoni risultati al di là della salvezza, e di divertire il pubblico? (siamo pur sempre nel business dell’intrattenimento). Mi sembra che molti stiano facendo confusione tra le due cose. Se non abbiamo soldi per comprare buoni giocatori e dobbiamo vendere due o tre elementi all’anno per fare cassa con le plusvalenze, perché non proviamo a inserire due o tre giovani della primavere in prima squadra? Prelec ed Ercolano, per esempio, sono bravi – e Falcone sta facendo miracoli al Cosenza. Il calcio è uno sport da ventenni!

  58. FIORI PER TUTTI ha detto:

    Grande mister lo scorso anno…
    Assolutamente negativo quest’anno, con questa rosa si può tranquillamente fare meglio del Sassuolo sia in termini di punti che di gioco.
    Fallimento anche perché ancora non abbiamo capito modulo e interpreti base.
    Lasciare Dam in panca per 87 minuti da ricovero!!!
    Se vogliamo adeguarci a salvezza e plusvalenze da far sparire allora basta una rosa di livello inferiore e un mister di caratura inferiore….
    Spero tanto di vedere Italiano sulla nostra panca il
    Prox anno…

  59. Alessandro Storace ha detto:

    Ripeto quanto ho detto in altra occasione: sono veramente stufo di sentire giocatori e allenatori delle squadre sconfitte dalla Samp rilasciare dichiarazioni contrastanti con l’andamento della ; a parole sono tutti arcisicuri che la squadra che avrebbe meritato la vittoria fosse la loro (Audero non mi risulta che come altre volte abbia fatto grandi parate o sbaglio ?)..non sarebbe il caso che si cominciasse a rilasciare dichiarazioni dopo qualche giorno dalla gara e a mente fredda ? Perché non prendere esempio dalla sportività di Ranieri che è veramente un signore molto obiettivo ? Mah !
    Un caro saluto a Michieli

  60. frankye ha detto:

    Gentile Maurizio
    io sono nuovo per partecipazione a questo blog lungi da me ogni spirito polemico
    ma davvero non comprendo il suo “lo so ma non lo dico” in questo modo potrei indovinarlo anche io Basta attendere che il nome venga ufficializzato e poi dire lo sapevo già: Immagino che qualcosa mi sia sfuggito:: colgo l occasione per augurarle buon lavoro e una buona Pasqua.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Benvenuto, Frankye. Evidentemente – e nulla te lo vieta – hai una pessima opinione di me se pensi che farei questo “giochino”. Due anni fa, in questo blog, anticipai parecchi mesi prima dell’ufficialità che Eusebio Di Francesco sarebbe stato il nuovo allenatore della Sampdoria. Oggi, la stessa fonte, mi ha detto chi sarà il prossimo, ma di non rivelarlo, poiché esiste ancora un margine (20%) che resti Ranieri. Dunque, non sarebbe corretto tradire la mia fonte per dare tra l’altro una notizia che poi potrebbe saltare, se resta sir Claudio. Io sono fatto così, in 30 anni e più di carriera non ho mai tradito alcuno per bruciare la concorrenza. Detto questo, ho scritto su un foglietto che ho consegnato in diretta a Graziano Cesari durante Calcio & Pepe il nome del nuovo tecnico, se andrà via Ranieri. Graziano mi sbugiarderà o applaudirà in diretta al momento opportuno. Se non ti fidi di me, fidati almeno di lui. Ad ogni modo, ti garantisco che non giocherei mai sulla pelle di chi mi segue per farmi “bello”, alla lunga gli inganni, i falsi scoop, le prese in giro non funzionano. E sono pure deontologicamente ed eticamente scrorrette, Ti saluto con simpatia.

      • andreap ha detto:

        i nomi che si fanno sono gotti ed italiano..oltre alle soluzioni interne palombo o tufano..
        siamo vicini o lontano?

      • Frankye ha detto:

        Gentile Michele
        Avendo scoperto da poco L esistenza di questo blog e vivendo in un altra città non ero al corrente dei fatti che esponi e non essendo del mestiere pensavo che la promulgazione di una notizia fosse prioritària non ho pensato ai rapporti di correttezza che si hanno con lè proprie fonti. Non ho alcuna pessima opinione su di te e ti presento le mie scuse più sincere se ti ho dato questa impressione Con si,
        Mpatia ti rinnovo i miei auguri di buon lavoro

      • Frankye ha detto:

        Ovviamente MICHIELI e non Michele
        Sono una frana cn la tastiera

  61. Giulio ha detto:

    La Samp ora può pensare alla campagna acquisti e vendite e dovrà barattare qualche big (Audero) per un paio di centrocampisti che giochini a testa alta, che non perdano la palla a centrocampo, che abbiano fiato per tutta la partita e che sappiano giocare la palla per più di dieci secondi. La Samp ha fatto 35 punti contando solo su performance individuali. Questo comunque significa che ci sono qualità in questa squadra e che quindi con una buona regia, non si può che migliorare. E non è escluso che certe individualità in parte già ci siano in casa (Palumbo, Askildsen). Poi ci vuole uno staff tecnico che ci lavori sopra cercando una formazione base, senza improvvisazioni. Mi pare che sia legittimo tendere a migliorare.

  62. Fra Zena ha detto:

    Ho letto ieri sul sito del Doria degli impegni dei nazionali…
    Ci sono viaggi pazzeschi. Yoshida va in Mongolia se ho capito bene, Colley in trasferta in Congo , Keita in Senegal per giocare contro l’eSwatini(!). Ma era proprio necessario tutto questo nel momento di pandemia che stiamo vivendo? Non si poteva almeno aspettare la fine della stagione agonistica europea, dove giocano quasi tutti?
    Speriamo che sia loro che i loro colleghi “europei” tornino tutti interi

  63. Riccio samp ha detto:

    Da quanto dice la gazzetta dello sport, sembra che Ferrero sia convinto a riconfermare Ranieri. Si vede che sa, oppure gli hanno consigliato più probabilmente, che facendo mercati al risparmio, e puntando su giovani per fare future plusvalenze, se non si ha una guida tecnica con le spalle larghe e navigata si rischia grosso. Io sarei felicissimo restasse Sir Claudio, da prestigio alla nostra squadra, è una bella persona e ci fa avere appeal internazionale sul mercato. Vedremo come evolverà la situazione… Sul giornale dicono Gotti e Italiano come possibili sostituti… Il primo non è male il secondo sarebbe un suicidio per me…. Ti torna tutta la faccenda Maurizio? Senza fare nomi ovviamente perché so che non puoi farli…

    • Luca B ha detto:

      Riccio, perdonami tu ritieni Gotti meglio di Italiano? Mah, è proprio vero che il mondo è bello perchè è vario

      • Riccio samp ha detto:

        Luca sinceramente si penso che Gotti sia meglio di Italiano, non tanto per la questione tattica ma per l’esperienza che ha… Gotti a quanto ne so ha fatto il secondo al Chelsea. È quindi più abituato a gestire le pressioni pur avendo fatto solo 2 anni da primo allenatore, dove comunque non mi sembra stia facendo male. I vari Italiano, Inzaghi, Dionigi ecc mi preoccupano molto per la poca esperienza in squadra blasonate come la nostra, con una tifoseria storica e quindi più pretenziosa…. La mia preoccupazione è più per il lato caratteriale.

    • Sand66 ha detto:

      Italiano tutta la vita.

  64. fiori per tutti ha detto:

    Grande salvezza lo scorso anno
    Quest’anno un disastro caro mister
    Rosa ben superiore a quelle degli ultimi anni con la quale si salvava pure Cavasin
    Non abbiamo ancora capito modulo e interpreti
    Gioco molto scadente
    Derby affrontati in maniera vergognosa
    Fatto perdere 1 anno ad Askilsen (hanno giocato un po’ Leris e Lagumina e non lui)
    Gestione Dam demenziale….
    Abbiamo capito che si vuole solo salvarsi e fare plusvalenze
    ma non ci serve un mister da 2 mln all’anno..
    ADDIO…

  65. Cicciosestri ha detto:

    Anche Gabbiadini rinnova, posso dire che sono contento oppure mi dite che difendo Ferrero?

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Vedi, non è tanto la cosa in sé: ottimo se un giocatore come Gabbiadini resta alla Sampdoria sino al 2026, ma il fatto che abbia rinnovato il contratto sino al 2026 non significa questo in automatico. Tranne per chi cavalca ogni cosa per sostenere Ferrero. Invece la notizia è neutra, Gabbiadini prolunga sino al 2026 e questo è importante perché mal che vada non andrà via a parametro zero, come Ramirez. Oppure resterà qui a vita. Sono considerazioni che varrebbero per qualunque proprietà, anche se ci fosse Vialli con gli americani, perché il calcio di oggi è fatto di vai e vieni, persino l’Atalanta lo fa. Invece qui, pur di alimentare il culto di Ferrero da parte di molti tifosi come te, si vendono queste notizie come sintomo di programmazione, di rafforzamento. E’ un atteggiamento, per me, disgustoso. E molto dannoso per la Sampdoria.

      • Kreek ha detto:

        @Maurizio.Michieli

        Quindi, sinteticamente, è positivo o negativo, per la Sampdoria e per il giocatore, che Gabbiadini abbia rinnovato il contratto?

        • David Rizzi ha detto:

          E’ completamente neutro, o meglio se vogliamo positivo per la società che se vuole può venderlo partendo da una posizione di forza

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Molto positivo, guai a perdere i giocatori a parametro zero. Ancora meglio se, quelli buoni come Gabbia, restano e non vengono ceduti.

          • Roby66 ha detto:

            Buongiorno, forse è l’unica cosa positiva di questa società che almeno rinnova i contratti a giocatori per non perderli a parametro zero vedi in passato Icardi praticamente regalato all’Inter oppure lo stesso Zaza che se anche non è un fenomeno al Sassuolo aveva fatto bene
            Un saluto e sempre forza samp

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Non è l’unica cosa buona, anche lo scouting è molto valido, Pecini (portato dai Garrone e poi richiamato anche da Ferrero) nel suo ruolo è un fuoriclasse.

      • petrino ha detto:

        la sfilza di rinnovi e tutti almeno di 5 anni sono una mossa legittima di rafforzamento del bilancio, senz’ altro suggerita dai commercialisti e consulenti.
        Vado a mente, ma sono almeno 7/8 i rinnovi di tale durata.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          L’hai detto tu, se lo facevo io, apriti cielo: Voglio il MALE della Sampdoria.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Giusta osservazione, è il motivo per cui Edoardo Garrone ha sempre sostenuto che Massimo Ferrero, su questo piano, avrebbe fatto meglio di lui. Poi, è anche vero che può capitare a chiunque di perdere un giocatore svincolato (sarà così per Ramirez).

  66. David Rizzi ha detto:

    Leggo che abbiamo una rosa ben al di sopra della media, che dovremmo essere sopra al sassuolo, che l’europa è l’obiettivo minimo, che quasi quasi come valore della rosa ce la giochiamo con l’atalanta con solo le milanesi, le romane e la juve sopra di noi…..Siamo seri oppure siamo vittime di uno scherzo di cattivo gusto?
    Come diceva il buon Trapattoni (e molti altri dopo di lui) “le partite si vincono a centrocampo” e proprio in mezzo al campo siamo di una povertà imbarazzante: lungi da me criticare l’impegno di Thorsby ed Ekdal ma una coppia così lenta e coi piedi così quadrati non si vede nemmeno in serie B, Silva un fantasma, Verre discreto ma discontinuo come pochi altri, sugli esterni va leggermente meglio ma giusto leggermente perchè candreva riesce a tirar fuori ancora degli sprazzi di classe ma alla sua età non possiamo pensare possa fare una stagione sempre ad alto livello, per il resto tanto ciarpame ed un diamante grezzo (Damsgaard) che però, in quanto grezzo, sparisce dal campo per molti minuti e non è sempre in partita nell’applicazione difensiva e nello scegliere la giocata migliore. Passando alla difesa abbiamo 2 terzini che hanno ripreso un pò brio, Augello è cresciuto molto, ha colmato alcune lacune difensive ma ha ancora molto da fare, sicuramente però positivo, dall’altra parte Bere è il solito giocatore, personalmente lo amo perchè si danna fino all’ultimo secondo ma conosciamo i suoi pregi e i suoi difetti, comunque un giocatore di media classifica. Il capitolo centrali è delicato tanto quanto quello dei centrali di centrocampo, abbiamo 3 centrali identici, Yoshida, Colley e Ferrari ed uno con caratteristiche un pò differenti, Tonelli, ma che insieme non riescono minimamente ad amalgamarsi e va bene l’esperienza del capitano nipponico, a cui sono legato perchè mi ricorda gli anni del bambino che guardava Holly e Benji, la rocciosità di Colley, l’abnegazione di Ferrari ma parliamo di giocatori di fascia medio bassa, più bassa che media sia in fase difensica che, Dio ce ne scampi, in quella di impostazione dove se avessero dei badili al posto dei piedi colpirebbero meglio la palla.
    Davanti ci aggrappiamo sempre all’immenso Fabio, sì perchè sarà vecchio, non potrà essere continuo e giocare 90 minuti tutte le partite ma è l’uomo più pericoloso, quello che impegna sempre il marcatore, quello che gli altri temono e che è capace in qualsiasi momento di fare il gol risolutivo (e chi critica Fabio meriterebbe di avere La Gumina titolare tutte le partite). Oltre Fabio il vuoto o meglio, un Gabbiadini che si eleva sopra la media ma è frenato dagli infortuni, un Keita che sulla carta avrebbe dovuto fare la differenza ma che se tanti hanno sempre scartato evidentemente, e lo abbiamo potuto vedere anche noi, un motivo ci sarà, l’innominabile La Gumina e Torregrossa che è un onesto giocatore di bassa classifica.
    In porta un giocatore che ho anche criticato in passato ma che sta facendo un campionato decisamente sopra la media per cui un valore aggiunto di questa stagione.
    Detto tutto ciò veramente pensiamo di avere una rosa da minimo ottavo posto? Come dice Maurizio siamo nel gruppone con altre squadre e l’essere sopra Bologna, Torino, Fiorentina, Cagliari, Udinese e Genoa è merito in parte della fortuna ed in parte di quel signore che con grande professionalità telecomanda ogni domenica i suoi uomini in campo (sì perché senza le sue urla ad esempio un Thorsby non saprebbe dove andare in campo), ma si sa , il tifoso si fa abbindolare dalle chiacchiere e il nano in questo è bravo, è un imbonitore e purtroppo ha convinto molti che avremmo dovuto andare in europa e la cola è di Sir Claudio.
    Inutile aggiungere altro se non FERRERO VATTENE

  67. Massimo Pittaluga ha detto:

    Caro Maurizio sebbene in alcuni anni che scrivo qui a volte ci siamo anche scontrati come opinione ed è accaduto spesso con te ed altri negli anni, rilevo che ultimamente anche qui la dose d’intolleranza da parte di alcuni personaggi è salita e che se la si vede diversamente sale anche l’aggressione verbale sotto forma di falsa tolleranza rasentando l’insulto. a me la cosa personalmente tocca poco perchè i personaggi in questione che attaccano a livello personale si qualificano da soli. trovo un peccato che certi modi alla grande fratello si stiano diffondendo sempre di più anche dove si riusciva a parlarsi con rispetto reciproco (come ad es riesco con ciccio anche se la vediamo diversamente e si capisce essere un tifoso vero in carne ed ossa non un infiltrato di parte). qualche altro sembra mandato a fare l’arma di disturbo e la cosa puzza di bruciato. contenti questi personaggi contenti tutti, viviamo bene lo stesso ma che peccato che la tendenza ovunque ormai sia quella di prevaricare le opinioni altrui e la libertà di esprimere delle opinioni usando metodi patetici. premesso che non di rado la vedo diversamente da te e da altri credo che un livello come quello raggiunto da alcuni sia poco attinente al confronto che qui storicamente c’è sempre stato. I toni al limite dell aggressione verbale sembrano pilotati ad arte. amen temo che anche questo spazio ormai stia subendo un “attacco” per far scricchiolare uno spazio libero ed educato di confronto. credo sia un peccato ma evidentemente qualcuno si diverte cosi e in pochi riescono a fare tanti rumore. ottima tecnica ma ormai vecchiotta e un po logora. visto che siamo salvi per un po leggerò senza scrivere aspettando le prossime mirabolanti mosse della proprietà. a creare un bell’ambiente ci vuole tempo a rovinarlo poco e certi personaggi si stanno impegnando (povere stelle bisogna riconoscerlo che ce la mettono tutta). un cordiale saluto e a risentirci la prossima stagione. tieni duro

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Caro Massimo, ti apprezzo sempre, sia che siamo d’accordo oppure no. Ciò di cui parli, purtroppo, è un fenomeno evidente, alimentato ad arte, talvolta persino in maniera “istituzionale”, fa parte del ferrerismo. Ma va accettato. E contrastato, con i fatti, l’ironia, talvolta le opinioni. Tu sei una risorsa preziosa. Io non mi soffermo mai se chi scrive è d’accordo o non è d’accordo con me, anzi, amo il dibattito, quindi meglio più voci. Ma so distinguere tra il dissenso genuino e quello peloso. Se molli anche tu, la parte sana dell’assenso o del dissenso perde una fetta importante. E fa il gioco di chi ama assistere allo scempio.

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        caro maurizio non intendo mollare solo prendermi una pausa dal rispondere a certi personaggi. il blog continuo a leggerlo volentieri e a seguire i tuoi ed altri commenti con piacere periodicamente. credimi la maggior parte di noi tifosi ha ben chiara la situazione peccato che ormai ci sia un bel gruppo di troll addestrati. io lo accetto ci mancherebbe altro e neppure mi danno fastidio a livello personale. mi rattrista però vedere la piega che ha preso la ns sampdoria a livello societario e in certi ambienti di contorno. siamo quasi salvi e le mie opinioni su ferrero sono chiare (giuste o meno che siano). aspettiamo gli eventi io sono ancora convinto che il tempo sia galantuomo. un cordiale saluto

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Anche a me rattrista, perché constato quanto ci sta costando e soprattutto ci costerà nel futuro delle nuove generazioni.

        • Aston ha detto:

          … Scusa MP per chiarezza chi sarebbero quelli che simpaticamente definisci “certi personaggi” . Grazie.

          • Massimo Pittaluga ha detto:

            rispondere è cortesia anche se alcune volte uno sforzo e con te lo faccio volentieri.

            la prendi sempre male caro Aston e ti senti chiamato in causa a sproposito.

            comunque, scherzi a parte, tra questi non c’eri tu a cui rispondo volentieri dal momento che non sei offensivo anche se io e te abbiamo opinioni palesemente diverse. qui a qualcuno ultimamente piace provocare ad arte e quindi concludo a certi personaggi evito di rispondere da ora in poi. spero di aver espresso decentemente il concetto.

            certi personaggi sono coloro che attaccano le persone perchè esprimono delle opinioni asserendo che le loro invece sono delle verità e come se non bastasse mettendola sul personale. A quel punto definirli personaggi (che non è neppure dispregiativo come termine tra l’altro) mi sembra legittimo e tantomeno offensivo. spero di aver chiarito.

            Certamente Aston io e te in comune abbiamo proprio poco. tu ne sarei felice ed io anche quindi tutti contenti

            un cordiale saluto

      • Carlo46 ha detto:

        mi sbaglierò ma qui l’aggressione è anche , o maggiormente, a carico di coloro che che vengono tacciati di pro Ferrero anche, talvolta, senza il minimo riscontro in quello che scrivono. E’ successo più e più volte, spesso stravolgendo totalmente il senso delle loro affermazioni.
        PS detesto Ferrero, così son chiaro.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Non mi pare, visto che pur essendo io critico con la gestione Ferrero non lesino spazio a chi lo appoggia. E lo stravolgimento è solo nelle intenzioni di chi vuole vederlo. Semplicemente non si può affermare una cosa e poi anche il suo esatto contrario, come fa chi scrive di “meravigliosa gestione Ferrero ma non vedo l’ora che vada via”. Onestamente, democratico sì, ma con l’anello al naso no.

          • flex ha detto:

            Ringrazio Carlo46 non tanto per l’appoggio, ma perchè ha capito il senso della mia risposta a Cicciosestri, rassicurandomi così sul fatto che non ho perso la capacità di scrivere in italiano.
            Mi occupo fra le altre cose di analisi di bilancio. Il risultato della gestione si traduce in quel numerino che vedi alla fine del conto economico: quello che se davanti ha un segno meno significa che hai una perdita e se hai un segno più un utile. Confronta quel numerino nei bilanci presentati nel periodo in cui era presidente Edoardo. Di questo si parlava in quelle due righe, di tutto il resto ho scritto nel resto del mio intervento.
            Non riesco davvero a comprendere come si faccia a considerare un’esaltazione di ferrero quel mio commento, nemmeno estrapolando una frase dal contesto. E’ esattamente il contrario e basta leggerlo per capirlo.
            Se non lo si capisce o si è ottusi o si vuole pretestuosamente andare avanti per tesi preconcette. Problema tuo: nemmeno io ho l’anello al naso e, per mia fortuna, non devo difendere l’operato di nessun presidente o ex presidente.

          • andreap ha detto:

            caro flex,
            se fai analisi di bilancio sai benissimo che non basta analizzare il + o il – dell’economico; bisogna valutare lo stato di salute patrimoniale di una società, come si finanzia, se è sostenibile e chi c’è dietro.
            garrone si poteva permettere di ricoprire le perdite ricapitalizzando (quando necessario): si è potuto permettere di retrocedere e risalire (rimettendoci i soldi).
            a parte la gestione, a parte la struttura patrimoniale ed i livelli di indebitamento, c’è una proprietà che ha un peso specifico nella soliditià di un’azienda.
            se guardi gli ultimi tre bilanci della sampdoria, vedi un netto peggioramento su tutti i parametri: attualmente non vedo pericolo imminente ma nel giro di 2-3 esercizi temo che la proprietà (questa) non si possa permettere la sampdoria.

        • Stregatta ha detto:

          Ormai dovrebbe essere chiaro che si tratta di un giochino retorico per stigmatizzare le opinioni di chi difende l’operato della società. Da quello che leggo le uniche offese – mi riferisco a questa discussione – sono state scritte dagli anti-Ferrero. Offese alle quali non ho nemmeno replicato.

          • andreap ha detto:

            nel mio caso, risposte alle provocazioni tue.

          • Carlo46 ha detto:

            casomai ti riferissi anche a me, ma sono confidente del contrario, fai il sacrosanto piacere di non annoverarmi fra coloro che difendono l’operato della società. Già ci pensa Maurizio a stravolgere il mio pensiero ed il mio italiano, Grazie.

          • Stregatta ha detto:

            Ma quale provocazione? Ho scritto semplicemente che sono felice del ritorno di Massimo Ferrero allo stadio. Vuoi stabilire tu per me le ragioni per le quali devo essere felice o infelice? Ferrero ha 110000 followers su Twitter, tra di essi almeno il 30 % lo stima e apprezza (nel conto ci sono anche io). Fattene una ragione e regolati di conseguenza.
            Un caro saluto.

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Ti ringrazio per avere confermato che moltissimi sampdoriani sono, legittimamente, seguaci di Ferrero.

          • Stregatta ha detto:

            “casomai ti riferissi anche a me, ma sono confidente del contrario, fai il sacrosanto piacere di non annoverarmi fra coloro che difendono l’operato della società”

            Assolutamente no. Il mio intento era di postare il commento in coda. Scusa ma non sono ancora pratica di questo blog. Non ricordo i nomi dei nick e non leggo tutti i commenti.

          • andreap ha detto:

            valutare l’apprezzamento di un personaggio dai followers fa capire molte cose

            i likes, followers etc..si possono comprare così come i commenti a proprio favore, i voti da televoto etc. paghi un call center ed ottieni quello che vuoi..
            per i followers paghi e ne hai quanti ne vuoi..

            ferrero personaggio ha usato la sampdoria per andare alla ribalta, prima era un perfetto sconosciuto al grande pubblico: chi di voi lo conosceva prima di quella dannata conferenza stampa?
            pochi o nessuno..

            la sua fama e le sue sparate ironiche (ad opinione personale, grottesche, trash, di cattivo gusto e vergognose per un tifoso che dovrebbe essere rappresentato da lui) lo hanno portato ad avere molta popolarità a livello nazionale e tanti lo seguono..tanti lo insultano in ogni suo post e su twitter i commenti di apprezzamento sono 1 su 10.
            io lo seguo ma per schernirlo..si mi piace leggere i commenti fantasiosi dei sampdoriani..alcuni lo insultano, altri lo deridono con molto umorismo.

            avere 110000 followers e 1099999 haters non è un bel traguardo, che dici?

          • Stregatta ha detto:

            @andreap Grazie per questa lectio magistralis sul mondo della comunicazione e le sue dinamiche 🙂 Mi mancava 🙂
            A me risulta (ma posso sbagliare 🙂 ) che sono sempre i soliti 10/15 haters (non potevi usare termine migliore per definirli 😀 ) che si scagliano contro di lui. Continuate così, anche perché non fate altro che creare spettacolo e super-spettacolo intorno alla sua figura. E’ l’altra faccia della medaglia o per meglio dire… del consenso 🙂 Gli articoli e le trasmissioni contro Ferrero – al pari delle contestazioni dei gruppi di tifosi organizzati – non fanno altro che creare le condizioni ideali per accrescere la sua popolarità e anche il gradimento della gente nei suoi confronti (tifosi e non).
            Non la considero una logica comunicativa negativa per Ferrero: anzi si è rivelata utile per raggiungere certi obiettivi in tempi più rapidi.
            Chiudo i miei interventi in questa discussione, anche perché sono intervenuta molto più di quanto avrei voluto. Alla prossima.
            Cordialità

          • andreap ha detto:

            108k followers..

            meno di 100 likes ogni post..non sono fake, tranquilla..

          • Solosamp1946 ha detto:

            Stregatta credo che il consenso o meno di Ferrero si possa misurare allo stadio non per i followers…e finché si andava allo stadio a giudicare dai cori e fischi il consenso era pari quasi a 0

        • andrea55 ha detto:

          si okkio ai pelati specie prossima stagione che cade nel 2022….anno coi numeri gemelli…di infausta memoria
          quindi attenzione al prossimo anno ( vedi 2011 e prima 1966 1977 ecc…) io mi tocco già da adesso per il prossimo anno !!

      • Pino ha detto:

        Infatti, Maurizio. Le polemiche, o meglio le discussioni, se esercitate nei limiti del bon ton, sono il “Sale” della socialità. Se la pensassimo tutti in maiera uguale, sai che noia!. Questo Blog è un prezioso strumento di confronto. E poi tra noi Sampdoriani, scusate la presunzione, c’è molto rispetto e fa nienyte se q

  68. petrino ha detto:

    Prandelli si e’ dimesso da allenatore .
    Ricordo quando disse all’ epoca della nomina” tra 3 mesi m diranno di rimanere anche nel prossimo anno”.
    Non ha capito che la sua strada era finita dopo il flop della Nazionale, come peraltro successo ad Edmondo Fabbri e a Ventura.,Valcareggi.
    Quanti palloni gonfiati in circolazione

    • Franco T. ha detto:

      Penso che, come Persona, la scelta motivata e rara di Prandelli vada profondamente rispettata. Oltre che a poter diventare anche spunto di ulteriori riflessioni più generali. Circa le considerazioni sul “Tecnico”, ciascuno ha i propri punti di vista. Grazie. Cordiali Saluti

  69. Fabio ha detto:

    Ho 52 anni, e caro Maurizio sono stato amico e compagno anche del tuo fratellino che ricordo sempre con grande piacere, ho la fortuna di essere “cresciuto” con: la Sud, Enzo, Paolo, Enrico, Francesca, Vujadin, Roberto, Gianluca, Attilio ecc ecc (mi devo per forza fermare per motivi di spazio) insomma una Grande Famiglia, la Nostra Famiglia Blucerchiata.
    E’ da un po’ che seguo questo blog, e sono davvero amareggiato per i tanti e gratuiti attacchi a te ed alla nostra amata Samp.
    Non mi importa della serie A o B, di Ranieri o Giampaolo, di rinnovi o mancati rinnovi insomma questa non è la mia Samp non è la nostra Samp ….un tempo nella Sud si cantava “un Presidente …abbiamo un Presidente” oggi non esiste traccia dovremmo tutti remare in una sola direzione e qui mi taccio.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Un caro saluto, grazie. Purtroppo sono in tanti disposti a barattare la propria identità con un rinnovo di contratto.

    • jan ha detto:

      Caro Fabio,
      anche io ero un abbonato della Sud in quei tempi, pertanto non mi posso che unire a Te ed sottoscrivere il tuo post !

  70. Pino ha detto:

    Scusate, ma mi è partito il “Rinvio” e non si può far niente per tornare indietro!… Dunque dicevo: E poi tra noi Sampdoriani, scusate la presunzione, c’è molto rispetto e fa niente se qualcuno ogni tanto esce un pò fuori dai binari della massima correttezza. Quello che non riesco a credere è che tra noi ci siano persone che pensino che abbiamo i “troll”, cioè antidoriani che vengono qui a perder il loro tempo solo per farci dispetto. Se ci fossero, farebbero come quello del famoso marito nei confronti della consorte. Penso invece siano colleghi di gradinata (“virtuale”) che vanno un po’ oltre nel discernere un argomento. Se poi, anche incalzati dagli altri blogger, limeranno il loro modo di esporre gli argomenti, i primi a guadagnarci saranno loro. Saluti Blucerchiati.

  71. Freak 70 ha detto:

    Ciao Maurizio prendo spunto dal tuo post di prima sui danni alle future generazioni in fatto di tifoseria ….siamo destinati all estinzione purtroppo….i bambini, su cui la società non lavora più da anni faranno altro piuttosto che andare allo stadio per vari motivi(tv,ferrero,garrone,covid)
    E anche io onestamente alla soglia dei 50 anni dopo 36 anni di abbonamento sono prossimo a dire basta
    Non mi piace più questo calcio e sopratutto lo dico con dolore il passaggio garrone Ferrero e successive gestioni sono state la goccia che fa traboccare il vaso
    Ci saranno 4 abbonamenti liberi in più per sostenere secondo tanti tifosi le plusvalenze le gestioni mirabolanti di un faccendiere messo a capo di un pezzo di cuore e di storia della città
    Mi limiterò a seguire con sempre più distacco
    La vita e troppo corta per perdere tempo dietro a queste persone esaltate da tuoi colleghi e tifosi illuminati
    Cordialmente ti saluto

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Confesso che anche io nutro un certo senso di distacco, forse anche a causa del covid. Ma quando sento miei colleghi che fanno telecronache e definiscono “lo strappo di Rog” un passaggio da qui a lì mi cadono le braccia. Fermo restando che io al loro posto farei la stessa cosa perché dovrei farla, quindi non hanno colpe. Speriamo di tornare ad appassionarci, può capitare nonostante tutto.

      • Fra Zena ha detto:

        mi ricordo quando, tra la fine degli anni ’90 e i primi anni ’00, a scuola prendevamo in giro Sandrone Piccinini per le sue telecronache infarcite di esagerazioni (clamoroso, incredibile, eccezionale, proprio lui, sciabolata disperata, ecc.). Oggi persino lui sembrerebbe moderato!

  72. Marco ha detto:

    Buonasera Maurizio,

    so che non puoi rivelare il nome del probabile futuro allenatore.
    Ti chiedo solo se puoi dirci se, a rosa più o meno simile a questa, punterebbe più sull’organizzazione di gioco o sulle individualità ?

    Grazie

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Sei commovente, ti offrirei una birra! Comunque, direi organizzazione. Fermo restando che se l’organizzazione è basata su buone individualità è indubbiamente meglio… Ciao.

  73. Rubba ha detto:

    L’allenatore nuovo?Dionisi dell’Empoli,scommettiamo?

  74. Renzo Montoliso ex lo squalo clubclub) ha detto:

    Sicuramente Ferrero (per la maggiorparte) e Covid (pedr una buona parte)hanno creato un disaffezione per i colori siociali e penso che (in caso di riapertura) non si andra’ oltre i 10.000 abbonati–la gente ormai e’ abituata a guardare il calcio in tv,niente problemi di parcheggio,niente perquisizioni e code ai tornelli,niente divieti e comnodita’0 del sofa’..il calcio di una volta e’ definitivamente tramontato cosi’ come i treni speciali per le trasferte e le carovane di pulman,e’ finito quel calcio li..rassegnamoci!

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Grande club Lo Squalo.

      • Dino Ravera ha detto:

        Club lo squalo…quanti ricordi…erano gli anni 1966/67, studiavo al Don Bosco di Sampierdarena.,avevo 14 anni e alla domenica tramite il ns.assistente sig Grasso il club per le partite interne ci forniva 10 biglietti ridotti di gradinata a 350 lire cad.piu.100 lire per il viaggio andata ritorno con il loro pullman..
        Io piemontese di nascita, simpatizzavo per il milan per via di Gianni Rivera alessandrino come me, ma in poco tempo guardando la samp ,trascinato dai miei compagni di allora, tutti blucerchiatissimi, mi innamorai di quei colori .

    • Ste75 ha detto:

      È voluta questa disaffezione.allo stato conviene xche risparmia cn polizia, carabinieri e altre divise. Gli incassi sono una piccola percentuale x i bilanci societari.. Ormai le partite sono a orari che, per quei pochi che lavorano, si è impossibilitati a presenziare… Aggiungiamoci i tornelli. I divieti dei megafoni. Delle bandiere, dei fumogeni.. Sembra di essere al Carlo felice.. E anche le pay TV stanno dando colpo di grazia..ditemi voi dazn come potrà garantire un servizio efficiente.. E almeno una partita in chiaro sarebbe stata gradita visto che nn tt possono spendere soldi x Sky dazn, Amazon, infinity, Netflix e altre diavolerie… Ma la RAI, a parte la nazionale, che cosa ci sta a, fare?

  75. Maraschi ha detto:

    Per Carlo 46.
    Rassegnati, è una battaglia persa.
    Pur non essendo un granché nei temi, ho comunque fatto il liceo classico, quindi credo di essere in grado di scrivere in un italiano decente, eppure…
    Ti cito, fra gli altri, due esempi nei quali il senso di quello che ho scritto è stato stravolto dal gestore del blog.
    Nel primo caso (in occasione del quale hai preso le mie difese e ti ho ringraziato) scrivevo che mi dispiaceva che Torregrossa fosse indisponibile perché, coi cross di Augello e Candreva, poteva essere utile.
    “Traduzione”: ecco un altro che dice che, con Torregrossa, andiamo in Europa League.
    Secondo caso. Scrivo che, fra le cose che mi hanno fatto incavolare della partita di Bologna, c’è stata l’ingiusta ammonizione di Ramirez, stile “ciliegina sulla torta”.
    “Traduzione”: questa mi mancava, come scusa.
    Scusa di che cosa?
    Quella volta ho scritto, spiegando il “malinteso”, ovviamente nessuna risposta.
    In conclusione: lascia perdere.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Guarda, non mi fai arrabbiare. E’ logico che hai estrapolato la frase dal contesto del ragionamento. Ahimé, parola caduta in disuso ormai. Comunque, ci riprovo: se ad ogni partita troviamo il pelo nell’uovo della prestazione per spiegare una sconfitta significa che dovremmo avere una classifica diversa da questa perché la squadra è più forte ed è colpa dell’allenatore che non la fa rendere. Tutto qui. Comunque, no problem.

      • Maraschi ha detto:

        A parte il fatto che il tuo “ragionamento” era, in entrambi i casi, lapidario e quindi non consentiva di entrare nel suo contesto, nel caso di Torregrossa, era un commento generico, quindi nessun pelo nell’uovo di una partita.
        L’ammonizione ingiusta di Ramirez è stata paragonabile a quando esci dallo stadio, dopo che la Samp ha perso, e ti trovi una multa infilata nella leva del freno della Vespa.
        Da ultimo, nessuna intenzione di farti arrabbiare.
        Ciao

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Bella quella della multa, buona serata 🙂

          • maurosampbolzano ha detto:

            è già e vissero tutti felici e contenti,ma scusate se cambio argomento vorrei dei pareri su quello che sta succedendo in queste ore,anche oggi un rimando alla prossima riunione, sulla visione del calcio per i prossimi 3 anni,DAZON SKY io ovviamente non essendo proprio alla periferia di Genova ed essendo abbonato a SKY da decenni sono leggermente preoccupato di questa possibile rivoluzione televisiva ,per ovvi motivi, come credo milioni di abbonati attuali, ma perchè questo casino perchè certe squadre,vogliono cambiare non pensando ai loro tifosi lontani, dammi se puoi una spiegazione logica MAURIZIO grazie un abbraccio blucerchiato da Bolzano

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Caro Mauro, posso salutarti con affetto e simpatia ma su queste cose non sono molto preparato, ahimé!

  76. petrino ha detto:

    Il calcio non morira’ mai.
    Causa Covid, ora siamo tutti anestetizzati e provati psicologicamente, ma una volta che l’ ondata sara’ passata, come passo’ cent’ anni fa la febbre spagnola, e non c’era ne’ vaccino, ne’ penicillina, le passioni riprenderanno come prima.
    L’ era di ferrero passera’ come passo’ quella di dalla costa al genoa., non essendov i nella storia della Samp un’ omologo di tal fatta. cui fare riferimento.
    La cosa importante al momento e’ non rischiare scivoloni in classifica e mantenere le posizioni attuali.
    Negli anni 60′ , finita l’ era Ravano, arrivo’ Glauco Lolli Ghetti e tutti fecero festa, considerando la potenza economico navale della sua flotta, ma furono solo patemi e retrocessioni ed escludendo la cavalcata dalla B alla A con Bernardini allenatore nel 1967, fu uno ” stridor di denti” fino all’ avvento nel 1979 dell’ Immortale .
    Pero’ l’ Immortale voleva vincere e tanto, non si prefiggeva come traguardo massimo l’ ottavo, il nono posto, il decimo, che e’ ragionevolmente quanto possiamo aspirare. oggi.
    Senza andare a rinvangare sempre il passato, non essendo i bibini con i loro 9 scudetti vinti in campionati bimensili, le forze nostre consentono i risultati che l’ attuale classifica testimonia e pensare di andare oltre e’ mera illusione.

  77. Cicciosestri ha detto:

    Purtroppo da stamattina e fino a giovedì sera sarò molto impegnato sul lavoro, ma non vi preoccupate, risponderò a tutta questa valanga di fango che mi è stata gettata addosso in maniera del tutto ingiustificata, a causa di un odio per Ferrero che posso anche capire ma che non vi fa onore. Spiegherò tutto anche a chi, come il capo popolo di questo blog, fa finta di travisare

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Mi sembra che stai un po’ esagerando, io ho provato a sdrammatizzare. Siamo pur sempre tutti sampdoriani. Comunque, vedi tu. Il “bello” è che io e Ferrero, ad esempio, a livello personale ci siamo persino simpatici, quindi l’odio non è proprio contemplato in questo rapporto conflittuale.

  78. Giuseppe ha detto:

    1999, 2011 e…2022…già tremo per questa maledizione. Se poi arriva l’allenatore pelato (Italiano) stiamo a cavallo.

    • Faso ha detto:

      Ed anche a ‘sto giro non ci facciamo mancare un pò di sano ottimismo, visto che per questa stagione il discorso è chiuso… vai con la “profezia” sul 2022 !!!

      FERRERO VATTENE

    • Maraschi ha detto:

      Per tranquillizzarti (scherzo!) ti ricordo anche 1966 e 1977…però nell’88 abbiamo vinto la Coppa Italia!

  79. Frank ha detto:

    Sono anni che scrivo e urlo “Ferrero vattene”. Ciononostante, migliore la sua gestione rispetto quella di Edoardo, di gran lunga il peggior presidente della storia della Samp.

  80. flex ha detto:

    @andreap
    ti devo una risposta

    le tue considerazioni sono assolutamente condivisibili e mai mi sognerei di fare valutazioni basandomi esclusivamente sul risultato economico. Tuttavia nel caso specifico ho banalmente fatto notare che è preferibile una gestione che chiude (o meglio, chiudeva) bilanci in sostanziale equilibrio piuttosto che una che impone ai soci di ripianare perdite per oltre 40 mln. in una singola stagione. Purtroppo l’intera questione è nata da questa mia considerazione che, pur non piacendo al moderatore, è difficilmente contestabile per quanto è banale. Fino a quando ha avuto le spalle coperte dalle garanzie, ferrero, o chi per lui, ha saputo amministrare meglio di edoardo, o chi per lui, la Sampdoria. Questo non sposta il giudizio sul personaggio e non è nemmeno un attestato di stima, è semplicemente un dato oggettivo. Non ho fatto riferimento ai risultati sportivi, nè alla solidità patrimoniale, ho semplicemente dato ragione a Cicciosestri su questo singolo punto non considerandolo, per altro, motivo sufficiente per apprezzare ferrero.
    Se hai voglia di leggerlo ti renderai conto di come il mio intervento esprimi in modo inequivocabile il mio pensiero sull’attuale presidente e non è colpa mia se si è voluto estrapolare un singolo concetto (comunque vero) da un ragionamento molto più articolato, e lo si è decontestualizzato al solo fine di alimentare una sterile polemica che si sintetizza nel solito infondato assioma per cui qualunque critica o voce di dissenso sull’attuale o passata società, si trasforma automaticamente in un’esaltazione di ferrero.

    • Andreap ha detto:

      Non discuto il singolo soggetto..
      Edoardo ha affidato la gestione a persone che hanno ottenuto risultati discreti (male con la retrocessione ed ottimi con la sudata promozione).
      La differenza che ferrero dovesse fare un buco di 40mln(e pare che nel 2020 ci riesca ma sia salvato dai decreti covid), non è in grado di ricapitalizzare e salvare la sampdoria.
      Garrone se li poteva permettere i buchi, ferrero no..non se li può permettere,non se li può più permettere!!

      La paura di tutti è questa! Oltre allo schifo del personaggio

  81. Carlo Rolandi ha detto:

    Un augurio al Buon Beppe Iachini che si risiede sulla panca Viola,questo dimostra che nel calcio i grandi nomi servono a poco..Prandelli e’ stato esanorato con una media di 1 punto a partita,Beppe fu esonerato con una media di 1,12 punti a partita..capite i controsensi di questi prsuidenti?

    • Fra Zena ha detto:

      sono l’unico a cui la lettera di Prandelli è sembrata uno sbrodolamento retorico per “salvare la faccia” e indorare la pillola ai tifosi?
      Io sono una persona molto concreta, ma non sono un cinico. Mi piacciono i sentimenti forti, ma solo se autentici. Lungi da me voler giudicare Prandelli come persona, ma in questo specifico frangente c’è qualcosa che non mi convince. Non è che la proprietà volesse esonerarlo per il fallimentare rendimento della squadra, e si siano messi d’accordo per queste dimissioni “al miele” in modo da evitare strappi con una piazza già imbufalita? Mah…vedo che tutti i giornalisti stanno incensando Prandelli per questa scelta, quindi forse sbaglio io che sono troppo fedele all’andreottiano “pensare male”…

    • Faso ha detto:

      Mi associo all’augurio al mitico Beppe, colui che con noi compì un capolavoro e che venne trattato in una maniera a dir poco scandalosa.
      Avrebbe meritato ampiamente di guidare il Doria in quella serie A invece negatagli… ed a favore di chi?
      Mourinho? Guardiola? Klopp? nooooooooo…. Ciro Ferrara, uno dei tanti “colpi” del Sig. Sensibile!!!
      E cmq contro chi ritorna in panca il mitico Beppe con il suo cappellino? E’ il loro incubo dai tempi di Ravenna insieme al WAN!!!

  82. Vincenzo ha detto:

    Nell’attesa di Sky o Dazn…un saluto particolare a MaurodaBolzano; è dal luglio scorso che non riesco ad andare più in Alto Adige causa covid e a vedere una partita del SudTirol al vecchio Druso, che peraltro stanno ricostruendo dopo aver costruito negli ultimi anni un centro sportivo a Maso Ronco che è un gioiello, tanto che ci va la nazionale tedesca a fare degli stage. Se passate da quelle parti andate a vederlo. (Altro che Bogliasco)
    Spero che finalmente l’Alto Adige venga promosso in B e/o magari incontri la Samp in Coppa Italia così, dopo una corsetta lungo il Talvera… birra wurstel e crauti a volontà e, per i più esigenti la rosticciata con patate saltate!!

    Scusate l’intrusione extra blucerchiata

    Forza Sampdoria e a Milano..un gol alla Alviero così tanto per remember!!

  83. Enrico ha detto:

    Ciao Maurizio,volevo chiederti se secondo te,in caso di accoglimento sui concordati da parte dei creditori e quindi del tribunale,sia giusto pensare che ci sia una vendita imminente della società?
    Perché in qualche sito circolano questi possibili scenari….anche perché se non fosse così,su che basi e garanzie i creditori potrebbero accettare i concordati?
    Cosa ne pensi tu e quando si avrà una risposta sui concordati?
    Ciao grazie

    • Stefano64 ha detto:

      Ciao Maurizio,
      mi associo alle domande di Enrico, quando si saprà qualcosa di questi benedetti concordati, io sinceramente non riesco a pensare ad un lungo periodo con la presenza dello sgorbio romano.
      Un abbraccio a tutti amici blucerchiati

  84. SAMPDIPENDENTE ha detto:

    Echi incontra Beppe dopo la sosta?FORZA BEPPE!!Distruggi il cenua distruggilo per NOI!!

  85. Vincenzo ha detto:

    Hai ragione Faso su Beppe Iachini (uno di noi!), non aveva il look.. .
    Comunque è rimasto l’incubo “Ravenna”: ne ho avuto la prova due giorni fa: casualmente mi sono sintonizzato su una tv privata e proprio in quel momento, un giornalista notoriamente cuginastrissimo ricordava come ogni volta che chiedeva al mitico Beppe il perchè di “Ravenna” lui rispondeva: ma lei mi fa sempre la stessa domanda…; per questo motivo il giornalista non contento e offeso continuerà a fare la stessa domanda al prossimo turno!..
    Comunque aveva ancora l’astio dipinto nel viso, d’altra parte lo comprendo e lo giustifico sportivamente: “Un Ravenna è per sempre”.

    Forza Sampdoria e Beppe, se puoi facci un regalo o mezzo di Pasqua!

  86. flex ha detto:

    @andreap e @elcabezon
    come ho già scritto non si tratta di giudizi morali. io ho semplicemente parlato di gestione, o meglio, in che modo amministrare la società
    Ho ribadito più volte il mio pensiero su ferrero, basta leggere il mio primo intervento in risposta a cicciosestri, ma sono due cose diverse.
    parlando di gestione che amministri il presidente in prima persona o che deleghi a collaboratori è del tutto ininfluente: non critico le persone ma i risultati. fortunato riccardo ad aver trovato marotta, sfortunato edoardo con sensibile.
    Però cerchiamo anche di essere obiettivi: la chiusura del ravano, di samp tv e la pessima gestione del rapporto con i tifosi sono senza ombra di dubbio tra i motivi per cui vorrei che ferrero sparisse il più presto possibile, ma da un punto di vista del contenimento dei costi non credo che abbiano inciso più di tanto
    almeno fra di noi non raccontiamoci musse:
    adesso non si lasciano scadere i contratti in scadenza, in passato ci siamo fumati icardi e zaza (ad esempio)
    l’anno della B è stato un bagno di sangue perchè nell’ordine hai 1) scelto un ds (sensibile) che ha fatto più danni della grandine 2) preso un allenatore (atzori) che hai dovuto mandare via dalla disperazione 3) sbagliato completamente la campagna acquisti estiva facendo contratti pluriennali a cifre assurde a gente che aveva indovinato una stagione (piovaccari e bertani ad esempio) 4) prendere un nuovo allenatore a gennaio e rifare ex novo una seconda campagna acquisti e, per inciso, come ringraziamento per la serie A non hai rinnovato il contratto a beppe, pur avendoglielo promesso. Posso sintetizzare dicendo che tutto quello che poteva sbagliare lo ha sbagliato? davvero vogliamo dire che il deficit di edoardo era per colpa del ravano o di samp tv?
    Detto questo ti ribadisco quello che penso su ferrero, sul fatto che senza le garanzie di garrone ci porterà nel baratro non posso che essere d’accordo con te, ma non posso fargliene una colpa, d’altro canto lui aveva superato tutti i filtri ….

    • andreap ha detto:

      beh l’anno della serie b l’errore è stato 1 solo: sensibile.
      lui ha portato atzori, lui ha sbagliato il mercato, lui non ha rinnovato zaza ed icardi..
      non travisiamo la storia ed i fatti.

      • flex ha detto:

        C’è ben poco da travisare: io ti ho elencato una serie di errori, tu hai confermato che questi errori esistono, ma sono causa di un errore precedente. E quindi? Il fatto che derivino da un errore originale li rende meno errori?
        sensibile non è sceso dal cielo ma è stato assunto, averlo assunto non ti manleva dalle responsabilità, al contrario, le certifica.
        facendo tutti gli scongiuri del caso non vorrei, tra un pò di tempo, leggere a un mio intervento la tua obiezione
        “beh l’anno dei libri in tribunale l’errore è stato 1 solo: ferrero”
        hai presente la storiella del dito e la luna?

        • Andreap ha detto:

          Travisi le mie parole..gli errori li ha fatti sensibile non garrone..perché come Marotta,sensibile aveva piena autonomia gestionale.
          Quindi l’errore è stato quello di scegliere sensibile..
          I mancati rinnovi di Icardi zaza atzori ed il mercato..sojo scelte gestionali fatte da un direttore sportivo con pieni poteri.

          Edoardo Garrone non ha mai fatto scelte riguardanti i giocatori o l’allenatore

          • El Cabezon ha detto:

            Credo che Edoardo Garrone solo una volta abbia “scavalcato” l’area tecnica decidendo di testa sua, e fu quando fu scelto Mihajlovic al posto di Delio Rossi, Osti invece avrebbe voluto Zeman o Corini…
            Così a me risulta, non so se Maurizio può confermare…

      • El Cabezon ha detto:

        Esattamente!
        Edoardo Garrone ricalcò in toto la strategia di suo padre: non capendone nulla di calcio delegò tutte le questioni tecniche al direttore sportivo: Duccio per sua fortuna si poteva avvalere di quello che ancora oggi è miglior dirigente sportivo italiano per distacco, Edoardo suo malgrado a Pasquale Sensibile…
        Che poi, se proprio vogliamo essere intellettualmente onesti, i due grandi peccati del Sensibile furono la scelta degli allenatori: Atzori e Ferrara!
        Come un professionista abbia potuto scegliere due personaggi così inadeguati ( e purtroppo le loro carriere lo hanno ampiamente dimostrato…) è per me incredibile, due fallimenti annunciati, peccato perchè invece come scelta dei giocatori non era poi così malvagio, vedi la chicca Mustafi…

        • Fra Zena ha detto:

          hai ragione, El Cabezon, sugli allenatori. Ed è vero che Mustafi fu un ottimo colpo. Però lui ed Eder, pagato comunque profumatamente, non bilanciano una serie di pacchi che neanche un deposito di Amazon: Berardi, Juan Antonio, Poulsen, Bentivoglio, Castellini, Gentsoglu, Piovaccari, Estigarribia, ci metto dentro anche Romero (forte, ma serviva?) e me ne dimentico sicuramente qualcuno. E’ stata una gestione scriteriata da molti punti di vista, chi è venuto dopo di lui ha trovato macerie
          Lo “assolvo” invece su Bertani, che secondo me era un buon giocatore per la serie B e infatti il suo contributo lo diede, prima della vicenda scommesse

        • Faso ha detto:

          Mustafi fu l’eccezione che conferma la regola di un ds scarso anche nella scelta dei giocatori e la carriera di Sensibile lo ha dimostrato.
          Basta ricordare: Piovaccari, Bertani, Bentivoglio, Gentzoglu…

          FERRERO VATTENE

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Confermo, Mihajlovic fu una scelta di Edoardo. Che, per sua stessa ammissione, non capiva e non capisce nulla delle dinamiche calcistiche, del calciomercato, degli intrecci di palazzo. E neppure gli piace questo “gioco”, pur essendo grande tifoso della Sampdoria. Però aveva anche preso Walter Sabatini, che non potendosi liberare dalla Roma gli mandò Sensibile (una sciagura) al suo posto. Questo non per assolvere Garrone, le cui responsabilità restano indelebili. Ma la buona fede anche, giacché come famiglia i Garrone hanno rimesso nella Sampdoria molti soldi. Come accadde su sponda Genoa al “povero” Dalla Costa, che ci rimise l’intero patrimonio. Mentre Ferrero, abile in questo giuoco, ci guadagna (per sua stessa ed onesta ammissione). E’ altresì vero che, sul piano sportivo, Ferrero per poterci guadagnare garantisce solo salvezze e al massimo decimi posti, mentre con i Garrone (parlo della gestione precedente alla fine del ciclo) si andava ripetutamente in Europa. Comunque, acqua passata. Garrone tuttalpiù poteva tornare come sponda di Vialli e degli americani, magari con un posto in consiglio di amministrazione e come sponsor di maglia. E nulla più. Ora anche quella eventualità è scemata. “Meno male”, diranno legittimamente in molti.

          • petrino ha detto:

            vi e’ da dire che Dalla Costa aveva fatto grossi investimenti sul Nasdaq in azioni tecnologiche, che sgonfiatasi la bolla , non aveva provveduto a smobilizzare per tempo.
            Era stato senz’ altro male consigliato in materia.
            Le profumerie Douglas altresi’ tiravano in tutta Italia.

          • Daniele da Rapallo ha detto:

            Scusa, Maurizio, a rafforzare ciò che dico aggiungerei che Edoardo, al netto del peccato capitale della improvvisa e forzata (dalla famiglia ed eredi..) cessione della Samp a questo qua, aveva preso Pecini e niente di meno che Braida..Oltretutto la squadra da lui lasciata disputò (per goduriose disgrazie altrui) anche un preliminare di EL che se fosse rimasto magari sarebbe andato meglio.
            Questo solo per dire che lui stava “aggiustando il tiro” e cominciando anche a “spendere meglio” (perchè speso ha sempre speso…), quindi l’intenzione di fare bene c’era prima del l’errore di tutti gli errori, seppur forzato.
            Chi non riconosce che la famiglia Garrone, complessivamente, è stata la miglior gestione (anche per piazzamenti vari) dopo Mantovani ha gli occhi foderati di prosciutto e soprattutto non capisce, anche a parità di risultati, la differenza che ci sia ad andare a 10 nodi su una nave o andare alla stessa velocità (o poco più) su una barchetta di carta pesta e compensato.
            Non capire che, anche aprità di risultati (e comunque non era così), paragonare l’essere in mano ad una delle più grandi famiglie di industriali italiana ad essere in mano al nulla (pur se scaltro nella gestione) è assurdo….ciò al netto della cessione di cui lo stesso Garrone si è pentito.
            Ricordiamoci che questo, appena arrivato, oltre a far scappare Braida inorridito ha lasciato a casa un sacco di gente fra società e Samp TV.

        • petrino ha detto:

          sta di fatto che Sensibile e’ sparito dai radar, a testimonianza che non era ” una cima”.
          Come peraltro Doriano Tosi, altro DS dell’ era Garrone , se non erro, che al momento e’ alla Reggiana . ora in B, lo scorso anno in C.
          I collaboratori nei ruoli chiave sono importanti, vedi Marotta, ineguagliabile nel ruolo.

        • petrino ha detto:

          E’ vero Osti propendeva per Corini

        • petrino ha detto:

          leggo su wikipedia che Sensibile e’ diventato agente sportivo e collabora con Pastorello.

    • andreap ha detto:

      garrone ha commesso degli errori, i filtri, sensibile, sagramola etc…
      ma resta 10,100,1000 volte meglio di massimo ferrero ed i numeri non cambiano la realtà.

      • flex ha detto:

        Guarda, non dimenticherò mai la presentazione …
        Rispetto la tua opinione ma è diametralmente opposta alla mia: garrone ha regalato la sampdoria a ferrero e, per quel che mi riguarda, un’azione così irresponsabile lo rende automaticamente peggio di lui.

        • andreap ha detto:

          secca, domani cambia la proprietà: da ferrero a garrone..accetti?

          • flex ha detto:

            accetto al volo senza nemmeno pensarci
            sperando che nel frattempo abbia migliorato il “reparto filtri” 😉

          • andreap ha detto:

            eh allora vieni nel caruggio di tutti..

            nonostante tutte le colpe che ha (filtri, regali etc..) meglio garrone di ferrero.
            poi personalmente vorrei che edoardo garrone spiegasse molte cose sulla cessione; la mia idea è che la decisione sia stata presa in seno alla holding san quirico di cui lui era membro assieme a tutta la famiglia, in primis i Mondini.
            Opinione personale, lui ha subito al decisione della maggioranza per il bene della famiglia: i filtri non erano suoi..ma di altri che guardavano al soldo (giustamente).
            non penso che sia ancora dietro alla sampdoria (es. attraverso la famosa fiduciaria) ma penso che sia pronto (come dimostrò in passato) di rimediare a quello che lui stesso considera un errore ed una grave perdita d’immagine.

            ps prima di riprendermelo gli tirerei le orecchie e poi lo abbraccerei.

          • carlo46 ha detto:

            semplicemente…grazie Flex, il blog ha bisogno di persone come te.

        • Solosamp1946 ha detto:

          Verissimo…ma tu oggi la Sampdoria la vorresti in mano a E. G. o Ferrero?

          • flex ha detto:

            era già in mano garrone che, legittimamente, non era più nelle condizioni di tenerla e l’ha ceduta, anzi regalata, anzi regalata con garanzie.
            Ma caspita, sono l’unico a pensare che, usando un eufemismo, sia stata una cessione leggermente avventata?
            E’ andata così, amen …
            ma almeno non venitemi a dire che è stato un buon presidente.
            Sono stato ripreso dal moderatore semplicemente perchè ho osato scrivere, in un ragionamento ben più articolato, che la sua gestione è stata migliore di chi lo ha preceduto, ossia edoardo e non riccardo garrone, quasi fosse un atto di lesa maestà.
            Mi è stato detto che gli errori non sono i suoi ma dei collaboratori da lui nominati, come se non fosse un errore scegliere collaboratori inadeguati.
            Indietro non si torna e, cmq, non sto chiedendo che venga messo al rogo e giustiziato in pubblica piazza, ma almeno un filo di onestà intellettuale, quella si

            “grandi poteri implicano grandi responsabilità” cit.

  87. Vincenzo ha detto:

    Maurizio, ho visto che hai intervistato il prof. Henriquet: per motivi diversi molti anni fa ho avuto l’occasione di conoscerlo e anche se è risaputo…: una persona unica per competenza, professionalità e soprattutto passione e dedizione verso coloro che soffrono nel silenzio e spesso nella solitudine: tanto di cappello, oggi più che mai.
    Persone così sono rare.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Il prof ieri a 91 anni è arrivato in Vespa… Una vita per gli altri. Tempo fa Enzo Tirotta propose di intitolargli subito una strada, ma lui disse che semmai era meglio intitolarla all’associazione Gigi Ghirotti. Un grande professionista e un grande uomo, che ha fatto anche i conti con il grave incidente occorso a suo figlio, mio compagno di Università. Ce ne fossero.

  88. Cicciosestri ha detto:

    Eccomi di ritorno per spiegare un po’ di cose, ammesso che a qualcuno interessi.
    E’ stucchevole tacciare tutti quelli che parlano di buoni risultati di essere ferreriani, sarebbe meglio scindere le cose, Ferrero c’è e dobbiamo tenercelo e i risultati sportivi comparati alle sue possibilità sono più che sufficienti. Tra l’altro è anche un ovvietà dire che non è qui per noi o per la Samp, è romano e romanista …
    Mi chiedo ma voi al suo posto non fareste uguale? Sapete perché io non continuo con la litania del Ferrero vattene? Intanto perché che lo dica io non serve a niente, e poi perché non è colpa sua se sta dove sta ma di chi ce lo ha messo (Edo).
    Poi penso anche che sia suo interesse per guadagnare restare in A e stare in una posizione tranquilla di classifica, ed inoltre per una società del nostro livello è normale puntare al massimo all’ottavo posto basta vedere fatturato, numero di tifosi e tradizione.
    Mi si chiede, allora perché tu dici che saresti contento se se ne andasse? Non lo vorrei più perché mi è antipatico, quasi tutti i romani a me non sono simpatici, perché ha fatto fare troppe brutte figure alla mia squadra del cuore e perché se ci fosse un anno di difficoltà non potrebbe ripianare perché miscio, e non potrebbe fare ciò che fatto Grarone figlio perdendo soldi per riportarci in A.
    Qualcuno chiedeva, tu vorresti che ritornasse Garrone o che restasse Ferrero? Visto che è una domanda assurda rispondo in maniera assurda, vorrei Edoardo Garrone per i soldi e Ferrero per le capacità.
    Il problema di una visione sempre meno romantica della tifoseria e del puntare sempre di più al marketing senza dare spazio ai tifosi è comune a tutte le squadre; anzi è proprio un problema del tipo di società in cui siamo finiti in questo mondo, quindi perché imputare ad una sola persona un trend che purtroppo è assai comune? I tempi cambiano ed il calcio pure e nessuna squadra ha più presidenti mecenati come una volta.
    Spero di essermi spiegato e che più nessuno me lo meni col ferrerriano o no, io sono Sampdoriano, ho 53 anni e sono legato ad un calcio che non esiste più, un calcio che purtroppo non esiste più neanche a livelli molto più bassi e posso dirvelo perché ho due figli che giocano o hanno giocato in società minori anche prestigiose.
    Il mio spirito è provocatorio per natura ed alle volte esagero con le iperboli però noto che sulle mie esternazioni scrivono in parecchi, sia pro che contro, quindi sono contento di farlo perché credo arricchisca questo blog e spero che il capo me ne dia ancora la possibilità.
    Scusate la lungaggine.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Premetto che ho molto apprezzato il tuo intervento e ti ringrazio di averlo scritto, per quanto mi riguarda è oggetto di riflessione. D’istinto, mi verrebbe da rispondere con una parabola che ho già utilizzato: quella di un marito (o una moglie) che ha una moglie (o un marito) che tradisce a destra e a manca, però cucina, stira e pulisce bene. Dunque, il matrimonio va avanti. Potresti (giustamente) obiettare che un marito o una moglie si possono cambiare volontariamente, un presidente di società di calcio no. E potresti avere ragione. Io penso, tuttavia, che un atteggiamento più risoluto e meno incline a barattare l’acquiescenza in cambio di un decimo posto, meno disposto ad esaltare quel (poco) di buono che viene fatto, uno spirito ed un’osservazione più critici potrebbero invece rendere meno facile l’opera (scabrosa) di determinate persone. Potresti ulteriormente obiettare che servono più “prove” per dimostrare che la gestione Ferrero sta facendo del male, in diversi ambiti, alla Sampdoria. Questione soggettiva, di punti di vista. Io personalmente ne ho a sufficienza. Mi spiego ancora: non sto incitando alla ribellione, alla rivoluzione, alla protesta di piazza. Ci mancherebbe altro. Ma dentro di me cova, a torto o a ragione, la convinzione che se la vigilanza dei sampdoriani fosse più attiva le cose andrebbero diversamente. Qui mi fermo, perché dovrei entrare nei dettagli del perché c’è stato un proscioglimento da un’accusa infamante (avere derubato la Sampdoria dall’interno, cosa per cui c’è stato un patteggiamento in sede di giustiziasportiva): leggendo le carte, si può comunque capirlo lo stesso. Dovrei entrare nei dettagli del perché l’entourage di Vialli (sei libero di non credermi) si è interrogato sul perché i sampdoriani non abbiano mosso un dito durante la trattativa con gli americani. Ma, ripeto, qui mi fermo. Io spero con tutto il cuore che non accada nulla di brutto alla Sampdoria, ma se accadrà non avrò il rimpianto di averlo lasciato accadere senza fare qualcosa (ciò che di piccolo è nelle mia facoltà). Non so se tutti i sampdoriani potranno dire la stessa cosa. Ma non è un’accusa. Un caro saluto e grazie ancora del tuo interessante post. Maurizio.

      • Cicciosestri ha detto:

        Raramente mi capita di farti i complimenti per i toni e i modi, quello che hai scritto è ciò a cui mi riferisco quando chiedo di non tacciare di ferreriani quelli che la pensano diversamente. Tu dalla tua posizione puoi sicuramente fare di più di me che non ho nessun tipo di pubblico. Sul fatto che forse si potrebbe fare di più probabilmente hai ragione, ma noi sampdoriani siamo fatti così, poche volte siamo trascesi e io non ho apprezzato (sputi a Enrico e striscione del pesce). Noi siamo differenti da quelli di là … da sempre, nel bene e nel male Grazie per lo spazio e alla prossima.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Però mi dispiace che hai interpretato le mie parole come un invito a sputare a Ferrero. E, almeno stavolta, non mi sembra di avere stravolto il tuo pensiero (lo hai scritto tu nero su bianco). Vedo che è difficile dialogare, forse è colpa della distanza. Quanto a quelli là, anche io sinceramente la pensavo come te. Ora che anche noi abbiamo un presidente come numerosi che hanno avuto loro comincio invece a pensare che se quelli là non fossero stati come sono e fossero stati distaccati come siamo noi sarebbero spariti già da un pezzo. Il loro essere così è ciò che li ha preservati. Vedremo alla distanza se mi sarò sbagliato, la cartina di tornasole sarà come usciremo noi da questa gestione (che tu consideri, al netto dell’antipatia per Ferrero, sufficientemente illuminata). Ciao.

          • Fra Zena ha detto:

            Perdonate l’intromissione, ma mi amareggia molto leggere questi apprezzamenti per il modo di fare dei genoani. Non capisco cosa voglia dire che il loro atteggiamento li ha preservati, che altrimenti sarebbero spariti (cosa a cui peraltro sono arrivati vicinissimi nel 2002, se Preziosi non li avesse rilevati dal tribunale)…ma perchè avrebbero dovuto sparire? Tutti rischiano di sparire a questo mondo, loro non certo più di altri, anzi. La verità è che si descrivono come poveri reietti quando di recente hanno sempre avuto (a parte Dalla Costa) presidenze straricche (Spinelli, Scerni, Preziosi). Tra l’altro hanno dalla loro, da sempre, quasi tutto l’establishment politico/ economico genovese. Questa è la loro vera forza, non le contestazioni o la mentalità. E ci mancherebbe, non è mica un problema. Ognuno ha la sua storia e il suo modo di fare, io non mi cambierei mai con loro. Se poi pensiamo che la loro spocchia e le loro manipolazioni storiche li abbiano protetti dal fallimento, secondo me siamo sulla strada sbagliata.

          • Cicciosestri ha detto:

            Maurizio questa volta mi sa che non avevo capito il senso io di quello che intendevi, non è facile scrivendosi solamente.

      • flex ha detto:

        abbi pazienza maurizio ma su alcune tue frasi avrei bisogno di ulteriori chiarimenti

        “Io penso, tuttavia, che un atteggiamento più risoluto e meno incline a barattare l’acquiescenza in cambio di un decimo posto, meno disposto ad esaltare quel (poco) di buono che viene fatto, uno spirito ed un’osservazione più critici potrebbero invece rendere meno facile l’opera (scabrosa) di determinate persone.”
        facciamo finta, anche se non so bene cosa intendi, di avere uno spirito di osservazione più critico, in che modo potrei rendere meno facile l’opera di determinate persone? o sono a conoscenza di fatti e/o comportamenti illeciti (mi sembra difficile) e li denuncio, oppure che altro potrei fare?

        ” Ma dentro di me cova, a torto o a ragione, la convinzione che se la vigilanza dei sampdoriani fosse più attiva le cose andrebbero diversamente.”

        tradotto in fatti concreti cosa ti aspetteresti? una maggiore contestazione allo stadio? sui social? in che modo il tifoso sampdoriano sarebbe dovuto essere più vigile? io, a differenza di cicciosestri (che cmq rispetto), a prescindere dai risultati sportivi e di gestione, ho scritto chiaramente di non sopportarlo, in gradinata fino a quando si è potuto ho partecipato a cori per vialli e ho inveito contro ferrero, pur sapendo perfettamente che l’utilità pratica di queste iniziative è zero. cosa avremmo dovuto fare in più o di diverso io e i miei amici che la pensano come me? te lo chiedo senza polemica, magari siamo ancora in tempo.

        io credo che a ferrero del consenso non gliene freghi niente: non ne ha bisogno, il disprezzo e l’ostilità del tifoso sampdoriano non gli creano nè danno nè disagio. non si deve presentare alle elezioni, quando va a fare il coglione sulle televisioni nazionali nessuno gli ha mai chiesto o gli chiederà mai di eventuali contestazioni. è di roma, non ha empatia con genova, non c’entra niente con la sampdoria (a parte esserne il presidente 🙂 ) e nemmeno gli interessa.

        te lo chiedo senza acrimonia: esattamente dove vuoi andare a parare? chi lo stima ha tutto il diritto di farlo, ma chi, come me, non lo sopporta, cosa dovrebbe fare?

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Solo un semplice, banalissimo esempio: se alla notizia postata sui social dal sito della Sampdoria della querela di Ferrero al sottoscritto e a Primocanale, anziché inondarla di migliaia di Like la si fosse inondata di prese di distanza e magari di attestati di solidarietà, la posizione di Ferrero si sarebbe indebolita anziché rafforzata. E’ soltanto un esempio e casualmente riguarda il sottoscritto. Potrei farne a bizzeffe. Ma, te lo dico col cuore, non ne ho voglia. Mi sembra veramente di trovarmi di fronte a chi non vede (non vuole vedere) neanche l’acqua in mare.

      • sillyname ha detto:

        Se l’entourage di Vialli si domanda il perché i sampdoriani non si siano fatti sentire allora mi verrebbe da dire che Vialli, che è il più sampdoriano di tutti, dovrebbe spiegare meglio al suo entourage quale è la mentalità dei sampdoriani. E la situazione nella quale vivevano e tuttora vivono.
        Proprio come è avvenuto 30 anni fa quando per la prima volta ho avuto la sensazione che quello fosse l’anno buono e sono entrato (sportivamente) in una specie di tranche catatonica che è poi finita in lacrime nella giornata contro il Lecce, lo stesso è avvenuto il giorno in cui è venuto fuori il nome di Vialli. Era dicembre 2018. Da quel momento hanno iniziato a insegnarci graziosamente che le uniche trattative serie sono quelle di cui non si viene a sapere nulla (e Garrone ce ne aveva regalato una disgraziata prova vivente), quindi il fatto stesso che fosse venuto fuori il nome, e che nome!, aveva fatto iniziare alla sampdorianità un esercizio continuo di iperventilazione e apnea, a nastro. Oltre che di dita incrociate e riti scaramantici.
        Da quel giorno nessuna parola, nessuna smentita. Silenzio assoluto. Sarà vero? Se GV non parla allora vuol dire che non c’è nulla di vero oppure, come insegnava Mantovani, non si deve mai smentire perché sennò si sarà costretti a smentire per sempre? La consegna era il silenzio, per tutti. Silenzio assoluto. Come in preghiera. O ancora di più, per scaramanzia. “Non succede, ma se succede…. Però non succede….”.
        In compenso tante parole da milioni di direzioni diverse. Non le vedevi manco partire. La maggior parte a vanvera. Una calda, una fredda. Una calda e poi due fredde. E così via. Rinvii di settimane, poi di mesi. Mese dopo mese. Prima marzo, poi bisogna aspettare che Marte vada in allineamento con Giunone. Ipotesi di prezzo, valore della società. Americani, mezzi russi, ma ce li vogliono mettere i soldi? Ma perchè proprio la Samp? E Garrone? Ma c’è anche Garrone? 40 milioni, 150 milioni. Le fidejussioni, Ernst&Young, la due diligence. E il CdA, Romei? Ma che è successo con Romei? Ma vende? Deve vendere? Poi si perde in casa con l’Empoli. Va via Giampaolo? E Praet? Andersen? Giugno: la contestazione a Ferrero, la “goliardata” di Bosotin, la processione sotto casa di Garrone, le partecipazioni alle trasmissioni televisive. Cialtrone e buffone. Se Ferrero non vende è un pazzo. E tutti a trattenere il respiro. Poi rinvio dopo la fine del campionato. Ma sicuramente si conclude tutto a fine giugno perché deve partire la programmazione della nuova stagione. Poi invece no, salta a metà luglio. “Rimpatriata a Cremona con Mancini e i compagni della Sampd’oro”!!!” Oh belin ma cosa vuol dire? Vuol dire che è fatta oppure che non si farà mai? Ma è un messaggio? Sta facendo pressione su Ferrero? Tutti zitti che lui sa! Dobbiamo avere fiducia…
        E poi a fine luglio. E poi agosto. Pronta l’offerta, manca solo la firma. Altra iperventilazione prima dell’apnea….. Però silenzio, non disturbiamo il manovratore. E poi non bisogna menarglielo, non a lui, non adesso. Ma sta bene? Oh belin l’ho visto stanco. Ma sta bene davvero? Titoli: E’ FATTA. MANCA SOLO LA FIRMA.
        Fine Agosto: Vialli e Dinan a Boccadasse!!!!. Ma come a Boccadasse, ma chi? Gianluca? Ma come? Ma chi lo ha detto? Ma qualcuno lo sapeva? NO? Meglio!! Allora è fatta. Zitto che è fatta! Ma dov’è Ferrero?
        “O belin, vorrai mica dire che succede…..” Silenzio!!!!!
        E poi 7 ottobre. “Calcioinvest annuncia di ritirarsi dalla trattativa. Troppo elevate le richieste economiche. Grazie alla San Quirico”. Tombale.
        Quella notizia è arrivata al cuore come la fucilata di Koeman al 112^. Quasi un anno di illusione. Di silenzio. Di speranza. Crollati in un istante. Vialli avrebbe potuto andare in giro a testa in giù, avrebbe potuto dire e fare quello che voleva. Tutti i sampdoriani non aspettavano altro che un gesto, un cenno, una parola. Ma se la consegna era il silenzio, e lui non ha mai alzato nemmeno un sopracciglio, allora silenzio doveva essere. Non c’è stato altro che rispetto, fiducia e infinito affetto nel comportamento dei sampdoriani. Forse sbagliato, forse molto “genovese”, forse troppo interiore e poco espansivo. Ma tutto vero. E la delusione è stata infinita. Ci avevamo creduto tutti e non ci poteva essere una favola con un finale più lieto. Troppo bella per essere vera.
        Grazie Gianluca Vialli, anche solo per averci provato.

    • andreap ha detto:

      rispondo perchè abbiamo discusso spesso e mi piace esprimere anche continuare a farlo.
      i risultati di ferrero per me non sono buoni o per lo meno non lo sono per merito uso; mi spiego, è acclarato ed innegabile che le prime stagioni (quelle delle grandi plusvalenze, del grande mercato e buoni utili) siano figlie di quello che Edoardo Garrone, o meglio la holding San Quirico, ha messo a disposizione del viperetta (inutile ripetere tutte le agevolazioni ricevute).
      venute a mancare questo, è iniziato un lento declino anche amministrativo che sta portando e porterà ancora pesanti negatività di gestione.
      il calcio è cambiato, i tifosi sono clienti e devono essere gestiti dal marketing: però i “clienti” sono i sampdoriani, partendo dai 18mila abbonati a tutti gli altri..e la maggior parte ce l’hai in casa (Liguria).
      mi chiedo cosa e quanto possa mai costare alla società sampdoria rimanere legati a piccole cose:
      – il ravano;
      – i rapporti con i clubs e/o federclubs, a cui è stata negata la presenza dei tesserati nei raduni;
      – il rapporto con la tifoseria;
      – il rapporto con i media locali, voce ed orecchio del tifoso comune.

      perchè non si riesce ad avere un profilo “glocal”: guardare all’ambito nazionale (ed oltre, quindi Globale) curando i rapporti “locali”.
      queste cose sono sempre state gestite in maniera “familiare” da una società delle dimensioni della sampdoria.
      perchè in 7 anni si è sempre puntato allo strappo?
      perchè la posizione è sempre stata: “la palla è mia e comando io?”

      questa è secondo me la più grave mancanza e la differenza abissale tra ferrero ed edoardo garrone(o tutti i suoi predecessori): le società di calcio sono oramai società di capitali ma sono anomale e devono tenere conto anche di fattori esterni ai bilanci: i tifosi, nel bene e nel male.
      le tifoseria danno molto alle squadra, determinano l’ambiente e descrivono l’umore del “cliente”: devi accettare le contestazioni come prenderti gli applausi..
      ferrero ha sempre “preteso” applausi e non ha mai accettato le contestazioni, insultando e denigrando tifoseria e storia della sampdoria.

      in un settore come il calcio, dove oramai contano i bilanci ma anche altri fattori, non potrò mai dire che massimo ferrero sia stato un buon presidente: pur volendo escludere il fattore umano, i numeri dei bilanci sono evidenti ed il trend è altamente negativo.
      caro cicciosestri,
      questa è la mia posizione..perdonerai la mia insistenza nel risponderti ma non riesco proprio a prescindere da una visione completa di quello che è una società di calcio.

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        concordo e tra un paio d’anni in molti verranno in questo cariuggio. la maggior parte c’è già. il problema è che le conseguenze arrivano sempre dopo le azioni…….inoltre di solito chi è poi difensore strenuo dell’indifendibile quando l’indifendibile cade ne diventa il peggiore censore……e la storia ne conta a migliaia di finali del genere…..non credo si dovranno attendere altri 7 anni per vedere il finale della storia.

        • Cicciosestri ha detto:

          Credo di aver spiegato sufficientemente che io non sono il difensore di nessuno tantomeno di Ferrero.

          • Massimo Pittaluga ha detto:

            ciccio se rispondi a me e chi lo ha mai scritto di te? anzi ho scritto il contrario ovvero che si vede che sei un tifoso vero anche se su alcune cose la vediamo diversamente, ma ripeto quando ho scritto che difendi ferrero.
            la differenza è che tu provi a vedere e trovare dei lati positivi di questa gestione (che magari ci sono) mentre io vedo solo un lento ed inesorabile declino sia societario e uno scollamento tra società squadra sampdoria e tifoseria fatto forse ancora più grave nel lungo periodo. come persona ho mille difetti ma mi firmo nome e cognome e se devo dire qualcosa la dico e non capisco dove mi sia riferito a te

          • Cicciosestri ha detto:

            Massimo Pittaluga allora mi scuso perché ho frainteso, io per carattere vedo sempre il bicchiere mezzo pieno … 😉

  89. Fabrizio ha detto:

    Ciao Maury senti ti chiedo una cosa, riguardo al pezzo di cui sopra scrivi che l entourage di VIALLI si è interrogato sul perchè i tifosi Blucerchiati non abbiano mosso un dito durante la trattativa con gli Americani secondo te è vero? Ma davvero? Rispondimi in tutta sincerità perchè questo è un pensiero che mi affiora in testa molto spesso e mi riempe di tristezza! Uno dei Nostri Eroi che ci ha regalato gioie indescrivibili che nessuno di noi avrebbe mai sperato, ci ha Amato e detto fuori dai denti quello che pensava di noi senza ipocrisie ( io ho chiamato uno dei miei figli come lui,non avrebbe mai potuto avere altro nome) e non ha mai rinnegato la sua Fede Blucerchiata il suo Attaccamento ai nostri colori, se penso che siamo rimasti a casa ( io per primo , ma non mi rendevo conto di cosa stava per accadere, e se ci fosse un altra occasione andrei a prenderlo a Londra in Bicicletta ) allora ci meritiamo veramente questo buffone e ci meritiamo queste (alle volte) conversazioni di basso livello quando nominiamo ferrero e garrone…..Veramente se così UNA GRANDE TRISTEZZA!!

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Se l’ho scritto e detto, è perché mi risulta. Poi, come dico sempre, ognuno è libero di credermi o meno.

      • Giuseppe ha detto:

        I tifosi della Sampdoria hanno espresso allo stadio, con cori e striscioni, il loro pensiero negativo su Ferrero e il loro amore per Vialli, anche in tempi recenti.
        Se davvero qualcuno dell’entourage dei potenziali acquirenti ha fatto questo ragionamento, evidentemente non seguiva con attenzione quanto avveniva al Ferraris.

    • petrino ha detto:

      Mi sembra di essere al libro Cuore 2.
      Se tutta questa preparazione fosse vera, Vialli, per supportare la sua iniziativa, avrebbe dovuto contattare, e penso che ne avrebbe avuto i modi, Titotta, Bosotin, gli organi direttivi della Federclub della sua venuta a Genova con Dinan e Knaster.
      Invece, a quanto si e’ saputo, sembravano tanti carbonari.e solo un tifoso qualsiasi avviso’ della loro venuta, sempre che tutto quello che le cronache riportano sia vero.
      Tutto per dire che a questo punto siamo a livello di narrazione favolistica..
      Le cose si preparano per tempo, non si lasciano all’ improvvisazione.
      Poi possono andare bene o male, ma non debbono esservi rimpianti sulla loro mancata preparazione. .

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        sono d’accordo su quanto dici petrino. c’ero nella sud quando si cantava il nome di vialli e lo si è fatto per 2 mesi e contestava ferrero anche. lo stesso vialli durante la trattativa fece arrivare il messaggio di abbassare i toni (maurizio credo tu ricordi anche questo). lungi da me dire e asserire che il cuore della ns tifoseria (la gradinata sud) sia il meglio che ci sia. ci sono state cadute divisioni tutto quel che vogliamo ma credo che in tutta la trattativa durata mesi e mesi per i 2/3 del tempo neppure si sapeva nulla poi ferrero la fece saltare poi volò in america poi questi volarono qui senza riceversi a vicenda sembra. suvvia che cosa cavolo ci poteva fare la ns tifoseria. vialli è stato acclamato per settimane ferrero contestato ovunque e non è serrvito a nulla perchè voleva più grano punto e basta

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Massimo, la trattativa con Vialli emerse alla luce del sole il 24 dicembre del 2018 (grazie ad una rivelazione de Il Secolo XIX) e gli americani vennero a Genova a fine agosto 2019. Poi la vicenda ebbe una coda ulteriore e Vialli accettò la nazionale solo nel novembre del 2019. Nel mezzo ci furono la partecipazione di Edoardo Garrone a Gradinata Sud (giugno 2019), endorsement ripetuti di Enrico Mantovani (stiamo parlando di due ex presidenti della Sampdoria), notizie di stampa molto dettagliate (anche sulla difficile situazione finanziaria in divenire di Ferrero). Io non dico assolutamente né che la tifoseria organizzata dovesse fare qualcosa né che se lo avesse fatto le cose sarebbero andate diversamente. Dico solo, ma non devo dirlo io, è un dato oggettivo, che fece assolutamente nulla. Tutto qui. Gioco, partita, incontro e vicenda chiusa.

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            P.s. Aggiungo: il fatto che non sia stato fatto nulla, venne poi rilevato da uno degli attori di quella operazione, ovviamente attore dei potenziali acquirenti, che me lo fece presente, chiedendomi persino se ne sapevo il perché, il come mai. Dopodiché, ribadisco: pietra sopra. Non ci sono colpevoli. Doveva andare così e così è andata.

      • Maurizio.Michieli ha detto:

        Una cosa simile Vialli non l’avrebbe mai fatta. Dopodiché, come sto ribadendo, ognuno è libero di credermi oppure di ritenere che racconto fandonie. Penso, in 30 anni di carriera, di essermi guadagnato una certa credibilità. Ma non importa.

        • Massimo Pittaluga ha detto:

          maurizio non ho mai messo in dubbio la tua credibilità semmai il contrario…….mi sono preso del vassallo ahhh cosa distante anni luce da quello che sono caratterialmente. : ) a parte gli scherzi non capisco cosa intendi con una cosa simile vialli non l’avrebbe mai fatta? lo chiedo perchè da quando arrivò a genova vialli fu uno dei miei preferiti di sempre e lo è tutt’ora e mi sembra chiaro questo

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Tranquillo! Intendevo che Vialli non avrebbe mai telefonato ad alcuno per sobillare la piazza, come suggeriva qualcuno. Ciao!

      • carlo46 ha detto:

        l’attesa per la conclusione positiva della trattativa era spasmodica, ogni Sampdoriano non parlava e non sognava altro. Ricordo un’estate di telefonate, battute, discussioni e birre con un solo, unico argomento fra di noi. Per tacere dei cori d’amore continui allo stadio per Luca e contro Ferrero. Ma di cosa stiamo parlando…Non c’è mai stata una potenziale acquisizione di società calcistica durata così a lungo e così partecipata dalla tifoseria.

        • andreap ha detto:

          dal 29 marzo non volevo più saltare una partita perchè poteva essere “la prima”..
          ho rischiato il divorzio perchè volevo mandare a monte il weekend fuori porta perchè c’era samp-milan (defrel)
          il giorno degli americani non riuscivo a lavorare, non sapevo se cercarli per la città oppure da buon genovese, lasciare fare..
          la sera a casa avevo pure pensato di andare a boccadasse ma…checcifaccio?
          quanti hanno pensato come me?

          sarebbe cambiato qualcosa? non penso, perchè se non vuoi vendere..non vendi a prescindere dalla cifra.
          ha cacciato pure romei, suo braccio destro e braccio armato dei mondini.

          c’ero in corte lambruschini a ricordargli cosa la maggior parte di sampdoriani pensano di lui..l’ho fischiato quando ha fatto il buffone sotto la sud durante samp-napoli..sono sempre uscito dallo stadio ogni volta che barcolla sotto la sud per “festeggiare”. ero sotto l’albergo quando siamo andati a dirgli cosa pensiamo di lui..
          appena potrò, tornerò allo stadio e perderò la voce per la sampdoria e contro di lui.

  90. Ivano ha detto:

    Qui qualcuno è felice di vedere Ferrero allo stadio. Mi vengono i brividi e un tuffo di nostalgia. Scusami Maurizio se sarò romantico. La mia prima partita allo stadio fu un Sampdoria Juventus del dicembre 1986 primo anno di Boskov, avevo 2 anni e mezzo essendo di Marzo 84. Ovviamente non ricordo tutto perché ero troppo piccolo per farlo. Ma ho dei flash indelebili nella mente. Il primo ricordo è il rumore del pubblico.Ci saranno stati 50.000 spettatori. La Samp vinse 4-1 e probabilmente è stata la vittoria più netta di sempre con i gobbi. Il primo goal nasce da una strepitosa azione di Mancini in posizione di ala destra. In prossimità del corner mette al centro un cross altissimo a uscire verso il secondo paolo, dove Vialli di testa in controtempo mise la palla sul secondo palo fulminando Tacconi. La sud esplose. Io ero nei distinti. Ho una foto dove piansi dalla gioia per questo gol. A fine gara fu trionfo e dopo il rigore di Mancini, il 2-1 di Serena, in contropiede Briegel e Vialli sancirono il 4-1 finale. Per chi fosse interessato su youtube si trova la telecronaca di quel pomeriggio di Sandro Ciotti per tutto il minuto per minuto. Qualcuno è contento di vedere Ferrero allo stadio..Io invece la seconda volta che piansi quella domenica(potete capire a quasi 3 anni..) fu a fine gara. Essendo la gara che precedeva Natale Il grande ed nostro unico presidente Paolo Mantovani venne in passarella per tutto il campo a godersi la gioia di un Sampdoria Juventus 4-1 indimenticabile. Lo stadio gli riservo’ un ovazione incredibile. Lui era contento come quel bambino di quasi 3 anni che aveva appena assistito alla prima partita della sua vita. Impossibile dimenticare quello sguardo. Quella gioia negli occhi che nemmeno i suoi grandi successi in ambito petrolifero potevano dargli. Lo stesso sguardo di Paolo l’ho rivisto in Riccardo Garrone il giorno della promozione nel 2003 a fine gara dopo Sampdoria Cagliari. Voglio sperare che la ballerina come diceva Duccio, torni ad essere presieduta da un uomo degno dei nostri colori e soprattutto della nostra storia.

    • maurosampbolzano ha detto:

      GIA ERA QUASI NATALE CHE BEL REGALO

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      ricordo bene quella partita ed altre di quell epoca prima e dopo. te ne racconto una visto che la samp è sentimento soprattutto. 1988 finale di ritorno di coppa italia col toro a torino. pioggia esagerata al comunale bagnati come pulcini con mezzo metro d’acqua in fondo alla curva filadelfia pozze di acqua sporca di scolo. eravamo in tanti e tanti di noi ragazzini di seconda terza superiore (mio figlio a 15 16 17 anni col cavolo gli farei prendere il treno di notte ahhh ma noi lo facevamo ehhh). partita che si mise male con anche il giovane pagliuca tra i pali che usciva spesso in modo spericolato. sembrava mettersi male ma ad un certo punto fausto salsano ti inventa un tiro a scendere e vediamo gonfiarsi la rete. stanchi bagnati saltammo da tutte le parti con gente che si tuffava nelle pozze a torso nudo ragazzetti come me ma anche gente adulta. mi vedo poi arrivare il mio migliore amico con un pallone in mano urlando l ho preso l ho preso. era il pallone del gol…..viaggio di ritorno marci bagnaticci arriviamo a principe ed invece di andare a casa andiamo ai giardinetti di corso firenze e ci spariamo un olandese sino alle 5 del mattino. arrivo a casa e mia madre me ne dice quattro (aveva ragione non c erano i cellulari). quel pallone lo abbiamo usato per anni come un trofeo e per sfide all’olandese. poi ho un ricordo sbiadito su chi tirò il pallone in curva ma se non sbaglio ma posso sbagliare fu luca vialli ma io ero in quel momento in pieno delirio da gol di salsano mentre il mio amico si prendeva il trofeo. ecco mi piacerebbe che i ragazzi potessero non dico oggi provare una vittoria in coppa italia ma un sentimento diverso quello che hanno vissuto generazioni di tifosi nelle partite salvezza come nella vittoria con la juve che descrivi tu. perchè quello che oggi succede alla samp e non solo ma alla samp parecchio di più che in altre realtà è triste. cavolo ero un uomo fatto nel 2009 quando andammo a milano e roma per la coppa italia e le sensazioni erano ancora quelle per i ragazzi e per noi adulti ormai ma gari meno forti ma sempre intense come quando facemmo quarti con del neri. chi sottovaluta quello che una presidenza ed un certo modo di operare comportano non capsice o non vuol capire che saranno cambiate anche le cose ma qui sono cambiate molto di più ed in peggio e tanto in peggio. mantovanie garrone rappresentavano eccome un intera tifoseria con voci critiche e vorrei vedere ma erano dei Presidenti della Sampdoria e dei sampdoriani. ora di cosa stiamo parlando.

      • carlo46 ha detto:

        epica ed indimenticabile partita. Fu anche quella della famosa fuga di Vialli negli spogliatoi per impellenti bisogni fisiologici, con pronto rientro in campo e sorriso ad Agnolin che sornione gli chiedeva “fatto tutto?”
        Mentre in quel Samp Juve citato da Ivano ricordo la sud in delirio che li scherniva urlando “cinqueee…cinqueee…”. Se chiudo gli occhi sono ancora là adesso e godo come allora

      • Sergin ha detto:

        In quella storica finale di coppa Italia che mi ero visto in tv (ero appena tornato a casa dalla naja fatta a… Torino) ricordo la famosa risposta di Vialli al cronista: per chi hai firmato? “Per noi!!”. In quel noi c’era molto dentro un senso di appartenenza che andava oltre ad un semplice ingaggio in una squadra di calcio, c’era un sentire comune dal presidente ai giocatori fino all’ultimo dei tifosi. Che bei momenti che abbiamo vissuto ma cosa ne sa uno come Ferrero. Vinto visto vissuto mai frase può esprimere meglio quella meravigliosa epopea.

      • Frank ha detto:

        C’ero anche io. Quando Salassino fece pallonetto a Lorieri, venne giù la Filadelfia….

  91. eddie74 ha detto:

    Caro Ivano il problema non è che qualcuno è felice di vedere l’attuale proprietario (non lo nomino volutamente).
    Ogni persona è libera di pensare ed agire come vuole.
    Personalmente mi lascia basito notare come tutti i media e la stampa siano allineati a questa situazione a partire dalla conferenza del 2014.
    Andate a vedervi la presentazione di Manenti a Parma con le domande incalzanti di un giornalista del Corriere della Sera.
    Qui si fa finta di niente, invece che aprire i servizi (carta stampata e TV) su scadenze concordati, sampdoria messa a garanzia etc etc. parliamo di calciomercato, allenatore, tattica.
    Argomenti certamente interessanti per ogni appassionato di calcio, ma oggettivamente di secondo piano allo stato attuale.
    Addirittura ad ogni parola di Vialli, un pretesto per allontanarlo.
    Vialli non verrà? E quindi perché rimarcarlo sempre e comunque?
    Veramente non capisco, rispetto e stimo il lavoro e parere di tutti.
    Ma questo situazione, dal mio punto di vista, è assurda.
    Ha avuto, nel tempo più critiche Duccio che l’attuale residente.
    Addirittura ieri ho sentito una dichiarazione dove si dice che Ferrero sarebbe il primo a voler vendere la società….
    Amarezza

  92. Vincenzo ha detto:

    A leggere il commento di Massimo Pittaluga mi viene il magone: altri tempi, eravamo tutti più giovani e poi…i treni speciali erano proprio “speciali”: ci sentivamo i paladini di una bandiera; si partiva sempre per una avventura con un finale non scritto ed ogni trasferta era sempre unica e diversa dalle altre; spesso ammassati negli scompartimenti e mischiati ai tamburi come a Bologna nel 1977; gli slogan non sempre benevoli quando si arrivava in una stazione di transito tipo Pisa facendo esplodere ogni tanto qualche mortaretto e soprattutto come non ricordare la frenesia quando si arrivava nella stazione finale e scendendo tra cori, slogan, tamburi, piatti e le mitiche trombe, rendersi conto che “c..zo” siamo veramente tanti e gasati!!, non vedendo l’ora di salire i gradoni dello stadio della contesa per sventolare i nostri unici e magnifici vessilli e affermare la nostra fede al mondo intero!…
    Che nostalgia…

    Forza Sampdoria

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      hai reso il sentimento che si provava molto meglio di me. non era la finale di coppa italia poteva essere la partita salvezza ma anche appunto andare a torino a sventolare le ns bandiere. io ho iniziato a viverlo ad inizi anni 80 tu un po prima altri un po dopo ma che cavolo questo è apassionarsi ad una squadra sia essa sampdoria genoa pisa (la juve troppo facile ahhh) toro verona e che cavolo. questo si è vissuto per generazioni non per pochi anni in modi diversi ma con la stessa passione. poi per carità io ed altri bambini e ragazzi abbiamo avuto la fortuna di crescere con paolo mantovani e quella sampdoria che dalla b venne su e fece parlare di se in europa ma anche prima e dopo c’era un sentimento diverso. cavolo anche in B con enrico mantovni nella tristezza del declino c’era passione e quando arrivvo duccio garrone e ci salvammo per il rrotto della cuffia con bellotto in panchina (grande affetto per lui) sentivi in lui in flachi nel vecchio lanna incerottato scorrere sangue blucerchiato. ricordo quel sampdoria como quando nappi al 90 piazzo uno scatto sul 2-1 e oliveira aveva il paollone. grande lulu si girò e passo il pallone indietro con nappi che rimase, li sangue rossoblu a guardare. quella partita c erano 30000 persone e non parilamo di preistoria, la tensione si tagliava col coltello e la spinta era talmente tanta che oliveria lo passò indietro quel pallone. quella società quella squadra quella storia non meritavano un passaggio in profondità e un possibile pareggio. questo quello che voglio dire e tu hai detto molto meglio di me. un abbraccio

  93. Stregatta ha detto:

    Nemmeno i film diretti da Steven Spielberg presentano un sentimentalismo patinato e mieloso come quello che ho letto negli ultimi commenti. Questa tendenza a glorificare il ricordo del bel tempo che fu esalta il sentimento irrazionale, svaluta la ragione e infantilizza il tifo.
    Niente può essere più dannoso per il nostro club del ritorno al passato, dell’amato effetto nostalgia, e di quanto i tifosi lo rimpiangono. Bisogna dire che questo meccanismo generalmente non funziona per la maggior parte dei fenomeni sociali (compresi quelli dello sport). Quando si resuscita il passato, si corre il rischio che possa tornare diverso. Esistono pagine della storia di questo club che è giusto rimangano soltanto nella memoria, tra i ricordi indelebili e che, se fatte rivivere forzatamente, possono portare agli effetti nefasti degli anacronismi, di qualcosa che un tempo, forse, poteva funzionare ma oggi, non più.
    Bisogna stare attenti dunque: non tutto merita di riprendere il proprio posto nella storia. Oggi il calcio è business, non poesia. Ferrero ci ha saputo fare e si è destreggiato al meglio in un ambiente consono alla sua personalità e alle sue qualità. Vialli è stato un grandissimo calciatore, ma lo avete mai visto a capo di una società di calcio?
    Se ci si sforzasse di capire questo punto, prima di risuscitare vecchie glorie del passato – evidentemente in mancanza di idee migliori – forse finalmente questo club saprebbe guardare al futuro, invece che impantanarsi in inutili quanto dannose operazioni amarcord.
    Anche se rischio di essere impopolare, mi considero una persona realista e presente al mio tempo (non a quello dei miei antenati) e sono strafelice che il club di cui faccio il tifo sia rappresentato (oggi) da Massimo Ferrero.
    Cordialità

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      ed è proprio qui che ti sbagli. chi non ha coscienza del proprio passato, della sua storia, da dove viene dove cavolo vuoi che vada. tu sei strafelice di avere massimo ferrero, mi fa piacere per te. non credo siate in tanti ad esserne strafelici. il passato ovvio che non ritorna e non possa tornare ma i principi a cui ci si ispira vengono dalla tua storia e ferrero con questa storia non c’entra un tubo cosi come tu sembri non conoscerla o ignorarla. se ci sono i sampdoriani tanti sampdoriani lo si deve a chi l’ha fondata a chi l’ha cresciuta ed amata a presidenti, dirigenti allenatori calciatori che hanno appassionato generazioni di persone e che questa passione hanno trasmesso. la sampdoria come il genoa nelle loro diversità sono aggregazione di sentimenti quelli che chi li ha vissuti per decenni ha trasmesso ai figli ai nipoti agli amici per 3 generazioni. il ns non è sentimento patinato sono esperienze aggreganti vissute dai successi alle sconfitte. non sono ricordi di vecchietti rivisti e migliorati ma quello che fa tifare prima un bambino poi un ragazzo e poi un adulto per la propria squadra che è ripeto aggregazione di esseri umani non sentimenti patinati alla spielger, che anche fossero sono di gran lunga preferibili rispetto alla mancanza totale di questi o al dispregio. se fosse come dici tu non esisterebbe tifo, tifosi, aggregazione, sentimento tante cose irrazionali che ci portano a vedere in una squadra un condesanto di tutti questi sentimenti appunto irrazionali ma che hanno un punto di partenza (il papà il nonno l’amico più grande quelli con cui condividi qualcosa ti hanno trasmesso quella passione e la sua storia). se tu vuoi guardare al futuro con ferrero libera di farlo ma credo che in molti vedano la sampdoria un po diversamente cosi come un genoano il genoa etc…poi se per te tifare sampdoria è qualcosa d’altro anche questo è legittimo ma per cortesia vialli non è resuscitare una vecchia gloria è molto di più come tanti altri. speriamo che il moderno condottiero non termini la sua opera di distruzione. guardare al futuro con un presidente che ha più fallimenti e concordati che non bastano le dita delle mani a contarli mi sembra uno sforzo fideistico da parte tua più commovente del sentimento patinato alla spilberg, questa si che è fede allo stato puro. almeno la vecchia gloria vialli le sue società le fa funzionare e sa di cosa parla quando parla di sampdoria e sampdoriani. cordialità anche a te

      • Carlo46 ha detto:

        da paladino della libertà di espressione sono d’accordo che si dia spazio a quanto ha scritto Stregatta, che registro con ‘simpatia’ come unica vera ferreriana convinta del blog. Quanto meno ci permette di registrare una sorta di percentuale statistica. Non sono invece d’accordo sul vostro produrre argomentazioni per confutare quanto va affermando. E’ palesemente chiaro che o non ha vissuto quei tempi e non ha ricevuto quegli insegnamenti morali, etici, sportivi, umani , oppure è talmente infatuata di Ferrero che la realtà non la riguarda.
        In entrambe i casi non ha idea di cosa sia l’UC Sampdoria.

      • Stregatta ha detto:

        Io non ho negato la coscienza del passato, ma i danni derivanti dalla sua riproposizione “nostalgica” per i motivi sopra esposti. Aggiungo che è un fatto che i tifosi che invocano il nome di Vialli, si lamentano anche dell’appiattimento emotivo causato dal navigare a centro classica senza ambizioni. Più o meno gli stessi concetti che venivano espressi ai tempi di Giampaolo. Gli stessi tifosi che sognavano lo stadio e l’euro-squadra che avrebbero costruito Dinan e Kanster, con tanti elogi alle dimensioni del fatturato dei fondi da loro gestiti e del loro patrimonio personale (Knaster nel frattempo ha acquistato il Pisa). Quasi come s se esistesse una relazione tra la ricchezza del presidente e il fatturato del club.
        Non vendiamo sogni per screditare l’operato di una società che ha sempre raggiunto gli obiettivi e i piazzamenti che rispecchiano fedelmente il volume d’affari della società, oltre il quale non si può andare. Il calcio di oggi è questo e Ferrero – nello scenario attuale – si è dimostrato un ottimo presidente.
        Le critiche allo “stile Ferrero” sono soltanto sciocchezze alle quali si è voluto dare un peso significativo solo quando è iniziata la trattativa con il gruppo Vialli e non avranno fine sino a quando Ferrero non avrà ceduto la società.
        Il più grande male per la Sampdoria – in questo momento – non è Ferrero, ma l’allucinazione collettiva di riabbracciare Vialli in qualità di presidente. Non se ne esce più. Questa allucinazione sta facendo del male all’ambiente e alla società.

    • sillyname ha detto:

      Stregatta, hai ragione da vendere. No, non ho mai visto Vialli guidare una squadra di calcio. Almeno non in sede. Perchè l’ho visto guidare una squadra di calcio in campo. Gli ho visto vincere uno scudetto, perdere una coppa dei campioni. VIncere una Coppa delle Coppe e perderne un’altra. Gli ho anche visto vincere qualche Coppa Italia, guidando una squadra di calcio. L’ho anche visto diverse volte nella Nazionale Italiana. Forse di business non capisce molto (anche se evidentemente è credibile in ambienti con giri di affari miliardari) ma credo che ne sappia abbastanza sia di calcio che di ambiente calcistico. E che abbia una certa reputazione a livello mondiale. Tornando alla nostalgia l’ho visto girare per la liguria con la bici blucerchiata ma, se questi sono episodi ormai paleolitici, però dopo 30 anni lo vedo ancora andare in giro con borse e mazze blucerchiate.
      Invece di meno anacronistico e più attuale ho visto uno che nel curriculum porta una condanna per bancarotta fraudolenta e un patteggiamento per distrazione di fondi. E sai, questa cosa non si chiama “business”, si chiama rubare e probabimente mandare all’aria con disinvoltura investimenti e stipendi di intere famiglie. Non si chiama nemmeno “competenza” perchè quelli bravi nel business non devono ricorrere a mezzi illeciti, sono solo bravi. Tutto questo è realtà odierna e non sentimentalismo mieloso e anacronistico. Sono felice che tu sia strafelice. Ognuno è libero di scegliersi i propri modelli.

      • Maurizio.Michieli ha detto:

        Probabilmente hai ragione, ma penso che Vialli avrebbe eventualmente interpretato il ruolo di presidente alla Boniperti o alla Bettega (anche se era vicepresidente), lasciando spazio per i conti ad altri. Quando uno è intelligente, sa riconoscere anche quali sono i suoi limiti.

        • sillyname ha detto:

          Maurizio, la frase in questione era preceduta da un “Forse”. Ma il centro del mio post era da tutt’altra parte.
          Io credo che non stia nè in cielo nè in terra un sampdoriano che non preferirebbe Vialli a MF, punto e basta. Anche su una gamba sola. Anzi, mi domando come si possa solo giustapporre i due nomi nella stessa frase. Ma se questa è un’opinione, il senso del post era invece: ANCHE SE Vialli fosse un somaro in business management, non mi è chiaro come si possa preferirgli chiunque utilizzi le bancarotte fraudolente come modello di gestione. Su quest’ultimo punto non esprimevo un’opinione, ma riportavo la sentenza di un tribunale.
          Sul concetto che invece hai espresso tu: sono perfettamente d’accordo.

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Non arrabbiarti, avevo capito, la mia era solo un’integrazione al tuo ragionamento, perché lo condivido: non è scontato che Vialli sappia fare il presidente. Ma conoscendo l’intelligenza di Vialli so che avrebbe saputo farlo con intelligenza, quindi rinunciando a prerogative non sue.

          • sillyname ha detto:

            Se ho dato l’impressione di arabbiarmi mi dispiace perchè non lo ero affatto e non era mia intenzione. Semmai mi piace discutere con te e con molti altri nel blog

    • flex ha detto:

      Complimenti Stregatta
      non ho mai letto un commento più insensato del tuo.

      In estrema sintesi il tuo post è semplicemente la negazione dell’essenza di essere tifosi. Se a un tifoso togli i ricordi, la memoria, le tradizioni, il senso di appartenenza, cosa gli resta? Il passato non ha bisogno di essere resuscitato, è dentro ognuno di noi. I tifosi ricordano a memoria formazioni, giocatori, gol, episodi, trasferte, coreografie dei derby, ancora adesso sorrido ripensando al mio primo deby in gradinata sud: il mitico boso con la scimmia e agli undici culi (ma cosa te lo dico a fare, tu non hai nemmeno la più pallida idea di cosa scrivendo …) . Sai che c’è gente che conserva sciarpe, magliette, biglietti, riviste, album di figurine? Probabilmente per te è tutto ciarpame
      Toglimi una curiosità, ma tu applichi la medesima filosofia solo al calcio o a ogni accadimento umano?
      Voglio puntualizzare solo due cose
      1) “Oggi il calcio è business, non poesia”
      Il calcio sarà sempre poesia. Poesia ed emozione. Ci nutriamo di emozioni e sentimenti, viviamo di quello, non di punti in classifica, trofei o utili in bilancio.
      Siamo tifosi, non spettatori, non abbonati sky, non clienti. TIFOSI.
      2) Se vuoi spacciarti per tifoso sampdoriano evita per il futuro di mettere nella stessa frase i nomi di vialli e/o mantovani insieme a quello di ferrero. Non sono paragonabili, non per un Sampdoriano.
      Ti mancano proprio le basi…

      Nessuna cordialità.

      • Stregatta ha detto:

        Non ho capito se il secondo punto è una regola del blog – di cui evidentemente non ho preso visione – o una minaccia… Io esprimo le mie opinioni rispettando tutti e metto insieme i nomi di chi mi pare se lo ritengo opportuno. Non devo renderne conto a te.
        Se non ti piacciono i miei commenti sei libero di non leggerli e/o commentarli.

        Cordialità

        • flex ha detto:

          Scusa
          a volte vengo frainteso.

          Nessuna minaccia, era un semplice consiglio tipo:
          “se sei a brignole e vuoi andare allo stadio evita per il futuro di prendere il bus, arriveresti in ritardo”
          oppure
          “se vuoi discutere di calcio con un tifoso sampdoriano evita di parlargli in romanesco”
          ma anche
          “se vuoi accattivarti la sua benevolenza evita di dirgli che l’inno fa cagare”

          cose così, semplici consigli. non richiesti, è vero, ma se non ci si aiuta fra sampdoriani 😉

          Perchè dovrei minacciarti?
          la vita è dura e tu fai semplicemente il tuo lavoro.

          • Stregatta ha detto:

            Chissà se Paolo Mantovani – oltre a tifare la Lazio – ha mai parlato in romanesco 😀 Prenderò atto di questo decalogo e lo seguirò alla lettera.

            Un salutone

          • andreap ha detto:

            paolo mantovani potrebbe anche essere stato simpatizzante laziale in gioventù..ma da presidente della sampdoria non si è mai permesso di rinnegarla o tradirla pubblicamente.
            parlava in perfetto italiano ed in nessuna intervista si è mai lasciato andare al dialetto.
            non paragoniamo, velatamente, la seta con la carta igienica.

            ps non avevi smesso di commentare?

      • Carlo46 ha detto:

        Flex numero uno. Applausi scroscianti.

    • Klaus Lavagna ha detto:

      Finalmente posso toccare con mano che anche in questo periodo terribile per tutto il mondo esiste qualcuno strafelice!Anch’io mi sento tale e mi andrei a bere una birra con Maurizio per gioire insieme di questa meravigliosa parentesi della storia blucerchiata gentilmente offertaci da Garrone jr.Grazie Stregatta,non ho parole per ringraziarti,mi hai illuminato di immenso.

    • Faso ha detto:

      “sono strafelice che il club di cui faccio il tifo sia rappresentato (oggi) da Massimo Ferrero”….. fai quasi tenerezza Stregatta !!!

      FERRERO VATTENE

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      Stregatta un po te le cerchi però e lo scrivo amichevolmente. scomodare spielberg (collega meno fortunato del ns presidente) che ha fatto filmetti mielosi ed ancorati a reliquie del passato ormai superate come l’arca perduta e che diamine. a proposito di vecchie glorie l’altra sera vedere vialli e mancini in panchina mi ha fatto emozionare (un pezzo di sampodoria di successo anche oggi…..le vecchie glorie hanno portato l’italia all europeo e arrivati alle fasi finali di nation ligue dalle macerire dell’eliminazione mondiale di due anni prima). mi succede invece quando vedo ferrero il contrario e non è proprio quel sentimento mieloso e patinato di spielberg. più un qualcosa che si può sintetizzare in genovese: me gïa u belin (mi scuso non voglio offendere nessuno solo esprimere il mio sentimento patinato anche perchè gira a me e non pretendo giri ad altri e sono sincero). io sarò strafelice quando la sampdoria tornerà in mani sicure e diverse. evivva spielberg allora che tra l’altro ha sempre offerto un prodotto di successo forse un di pelino di maggior successo e qualità rispetto ai filmoni incompresi ai più del ns presidente sicuramente più vicino ad un neo realismo post moderno che al sentimentalismo patinato e mieloso del regista da cassetta spielberg che invece di offrire un prodotto di qualità che guarda al futuro ci ha propinato due effetti speciali e quattro attori scalza cani. in effetti ET è una cagata pazzesca (come direbbe un vecchio sampdoriano anche lui un po più di successo del ns produttore presidente). ti confesso da bambino e ragazzino vedevo più volentieri indiana jones di ultrà, ma comprendo che ultrà sia un capolavoro per pochi palati fini e indiana jones un arma di distrazione di massa per gente mielosa e ancorata al passato poco critica e con un basso QI. del resto si parla di antiche relique e relitti come la sampdoria del passato che così gloriosamente oggi grazie a questa fantastica gestione ci sta portando in un florido futuro fatto di gestione creativa da molti incompresa (da me sicuramente). del resto i geni spesso vengono compresi 20 30 anni dopo perchè sono troppo avanti. che ci vuoi fare utilizzando la parola belin ed aggiungendoci a ci sono quelli come me appunto beline che non capiscono che fortuna che abbiamo. comunque meno male che ET mieloso com era non sia finito a recitare in ultrà magari invece che accompagnarlo in bici volando verso casa finiva preso a legnate a roma termini perchè essere realisti è meglio che essere mielosi.

      per concludere

      Classifica

      Primo Ferrero per distacco. non ho compreso che fortuna che abbiamo ma lo capirò.

      Poi Mancini perchè in fondo ancora qualcosa combina. è una vecchia gloria ma chissà forse un domani potrebbe allenare la samp (se spielberg diventa presidente)

      poi vialli perchè combina poco ma gli vogliamo bene (gianluca occhio non capisci un belino di società stai dove sei che qui siamo a posto così)

      ultimo spielberg. ma che cavolo ha mai fatto questo qui il vero produttore regista è qui basta aprire gli occhi. et ci sta pure sul belino sin da bambini

      comunque consiglio a vialli di contattare geroge lucas magari fanno una cordata con spielberg e dopo sin city sulle magliette ci mettiamo Luke Skywalker.

      che la forza sia con noi

      • Stregatta ha detto:

        Ahahhahahhahahahahahhahahahaahhahahhahahah 🙂 🙂 🙂 🙂
        Sei simpatico 🙂 Davvero 🙂
        Comunque io non ho fatto altro che frequentare sale come il De Amicis, Spazio Oberdan e poi il cinema Gnomo nel quartiere dove sono cresciuta. Il fatto che io ami film come Ultras mi fa letteralmente sbellicare dalle risate 🙂
        Grazie del commento comunque. E’ davvero simpatico e divertente 🙂

        • Massimo Pittaluga ha detto:

          ho provato a sdrammatizzare visto che trovi i ns ricordi di tifosi (noi) che sono poi quelli che costruiscono negli anni e nelle generazioni una tradizione, vecchi e fuori tempo. per essere meno simpatico e più diretto. io non sarò mai un cliente ma sicuramente sempre un tifoso. ergo ferrero non mi rappresenta. spero di essere stato chiaro

    • Moussa Dembele ha detto:

      Ho visto la mia prima partita nel 1968 ed ero molto piccolo.ho visto una riga di presidenti poveri, di giocatori scarsi, di salvezza all’ultima giornata, di derby persi con menaggio in settimana e tutto il resto. Ma uno come Ferrero non l’avevo mai visto.
      Uno che arriva e calpesta la memoria di Paolo Mantovani con la storia della Ravano o dice che prima di lui ci conoscevano solo fino a Zoagli… questo lo accetterei da un genoano (ho amici genoani) non posso accettarlo da lui. Tu sei felice di Ferrero io non vedo l’ora che si tolga dai piedi. Non mi rappresenta. Quando lo incontro in aereo e si atteggia.. come si atteggia e si comporta come si comporta mi vergogno come sampdoriano. Quando Enzo Tirotta lo ha visto (e mi scuso se lo tiro in ballo direttamente)

      • Moussa Dembele ha detto:

        Per la prima volta in Corte Lambruschini alla presentazione con Gsrrone, è uscito quasi piangendo. Si è capito subito in quel momento cosa ci stava apettando.
        Con rispetto per il tuo modo di pensare che però è opposto al mio

        • Massimo Pittaluga ha detto:

          noi tutti abbiamo anche risposto a stregatta con garbo diciamo ben sapendo che è forse più sampdoriano ferrero di stregatta ed è tutto dire

          • Stregatta ha detto:

            Non ho un pugile al mio ring. Se il mio punta di vista suscita reazioni così contrastanti -e non mi riferisco solo a te- preferisco non commentare più. Non ho alcuna intenzione di rendere sgradevole uno spazio di discussione rivolto ai tifosi della Sampdoria. Il problema semmai è che qui il pensiero dominante è “Ferrero Vattene”. Non posso che prenderne atto e mi scuso se le mie idee suscitano un tale sdegno nei tifosi. Chiudo i commenti.

            Grazie per il confronto

            Un caro saluto

          • andreap ha detto:

            ferrero vattene è il pensiero dei sampdoriani della maggior parte dei sampdoriani.. non di questo blog.
            quindi quando si parla di sampdoria, del campo come della società..purtroppo il nervo scoperto è quello: con questa società dobbiamo sperare sempre che vada bene..
            che le tv paghino, che le banche diano tanti piccoli finanziamenti per..la prossima scadenza, la rata di quell’altro..sperare che i 1000 prestiti vengano riscattati…

    • Sand66 ha detto:

      Cara Stregatta l’ambiente in cui Ferrero si è destreggiato al meglio si chiama “bancarotta” e, bisogna ammetterlo, di quell’ambiente è un vero esperto, ringrazio come essere umano di poter attingere alla mia memoria e, da questo, trarre giovamento, andare oltre non significa dimenticare ma, anzi, beneficiare dei ricordi.
      Certo poi devi avere dei ricordi blucerchiati da evocare cosa che, nel tuo caso, dubito fortemente.

    • Stefano Rissetto ha detto:

      Mi segnala un amico, titolare di un altro blog sulla Sampdoria, che da tempo di regola i commenti che qui compaiono a firma “Stregatta” vengono pubblicati copincollati pari pari sul suo blog, in quel caso a firma “Snop”. Fine del discorso. Quando uno si nasconde ha qualcosa da nascondere, tutto questo entusiasmo è difficile che sia disinteressato e spontaneo.

      • Maurizio.Michieli ha detto:

        Caro Stefano, SNOP scriveva anche qui. Una potenza di fuoco mai vista 🙂 🙂

        • Stregatta ha detto:

          Quale potenza di fuoco? 80% dei commenti non superava la censura 🙁 Prendo atto che sei diventato un liberale 🙂

      • Stregatta ha detto:

        Non è vero. I commenti presenti in questa discussione (missione compiuta con fatica) non li ho pubblicati altrove. Solitamente copio e incollo i miei commenti generici sulla partita. Lo fanno in molti qui, non solo io.
        E quindi? Ha scoperto il segreto di Pulcinella? Lo sanno tutti che pubblico i commenti anche come snop. Lei pensava davvero che non volessi farmi riconoscere?
        le riporto una discussione avvenuta circa un mese fa proprio qui su samplace:

        • andreap ha detto:
        1 Marzo 2021 alle 14:52
        il mio gatto si chiama snop

        ◦ Stregatta ha detto:
        1 Marzo 2021 alle 15:35
        Avevo previsto questa risposta. Non si può certo dire che ti muovi in
        direzione contraria alle mie aspettative 

        ▪ andreap ha detto:
        1 Marzo 2021 alle 16:22
        ECCOLA SVELATA..Stregatta o snop,

      • Andrep ha detto:

        Come sotto sergin o il vecchio caro mio dall’Africa, amici dei compagni di merende di ferrero.
        Inutile tentativo di riqualificare la figura del residente,elogiandone presunte doti manageriali (ottima campagna quella dei diritti tv) e chiedendo ai blog di tifosi di non essere tifosi perché il calcio è business.
        Questa non so se sia mai entrata a marassi prima del 2014 ma chiedere ai sampdoriani di vedere il calcio come business..a noi che abbiamo boicottato le pay tv la tessera dei tifosi fatto scioperi per gli orari delle partite etc..
        Beh mi sembra geniale.

        Riprovare in altri lidi

    • El Cabezon ha detto:

      Stregatta,
      sei imbarazzante!
      Voglio sperare/pensare che tu sia un fake, un genoano o un’entità proveniente da una galassia sperduta perchè pensare di condividere la passione per la SAMPDORIA con personaggi come te mi mette i brividi, arrivi a denigrare compagni di tifo (???) che rievocano nostalgicamente i bei tempi come se si macchiassero di chissà quale colpa, sbeffeggi la nostra bandiera e inneggi a mf decantandone qualità e personalità, VERGOGNATI!

      • Stregatta ha detto:

        Io non ho denigrato nessuno. Non attribuirmi frasi mai scritte solo per darti ragione per contrasto. E’ un vecchio giochino che nei blog funziona spesso, ma non con me.
        Per quello che mi riguarda frasi come “Essendo la gara che precedeva Natale (…) Lui era contento come quel bambino di quasi 3 anni che aveva appena assistito alla prima partita della sua vita. Impossibile dimenticare quello sguardo” Quella gioia negli occhi che nemmeno i suoi grandi successi in ambito petrolifero potevano dargli. (…) Lo stesso sguardo di Paolo l’ho rivisto in Riccardo Garrone il giorno della promozione”
        evocano il finale (nei toni) di Schindler’s List, i flashback e la sequenza finale di Saving Private Ryan e anche it’s wonderful life di Frank Capra. Scusa ma le associazioni mentali sono soggettive. Ognuno ha le sue 🙂 Il punto semmai è che le reminiscenze traggono in inganno perché sono edulcorate dai ricordi del presente.
        Cordailità

        • Carlo46 ha detto:

          ” Il punto semmai è che le reminiscenze traggono in inganno perché sono edulcorate dai ricordi del presente”.

          oh l’ho letta e riletta parecchie volte eppure non capisco ancora. I ricordi del presente edulcoranti le riminiscenze passate…che poi i ricordi del presente è un ossimoro…mah sti ferreriani sono profondissimi.

          • Stregatta ha detto:

            Intendevo dire dagli accadimenti (non ricordi) del presente. Errata corrige. Chiedo venia 🙂 Non tutti sono profondi come te 😀

    • Solosamp1946 ha detto:

      Contenta di essere rappresentata da Ferrero per quale motivo ? Cosi giusto per capire . Non parliamo di risultati sportivi perché non ci sono o cmq sono nella media della storia della Sampdoria…altre motivazioni?

    • Mauro ha detto:

      Sarai sicuramente l’unico.
      Ti senti rappresentato da un personaggio (non lo definisco presidente perché non ci riesco)che ha più volte infangato la nostra storia e ci ha fatto e ci fa ancora arrossire di vergogna ogni qualvolta gli mettono un microfono davanti alla faccia?Allora sarai sicuramente l’unico che non si vergogna ma io,permettimi,mi vergogno per te.

  94. Paul ha detto:

    Ciao Maurizio, voglio ringraziarti, perchè penso che tu sia stato forse l unico giornalista di Genova che hai cercato di mettere in luce questa grandissima porcata che 7 anni fa è stata fatta ai danni della Sampdoria, noi tifosi cosa possiamo fare, ci vogliono fare credere che è stata regalata una squadra di calcio di serie A con il pieno di benzina a Ferrero? Ma cosa dobbiamo fare? In altre piazze hai una vaga idea di cosa sarebbe successo? Noi Sampdoriani stiamo aspettando semplicemente che questa enorme grande pagliacciata finisca e che si ritorni alla normalità, che sia Vialli,che siano i Russi, Volpi, e chi più ne ha più ne metta, io credo che noi tifosi oggi siamo forse un pò stanchi di questa situazione, un pò come voi giornalisti o per lo meno la maggior parte di voi, perchè non puoi dire che su questa vicenda si sia fatto del vero giornalismo! Non punto il dito contro nessuno ci mancherebbe ma se vogliamo risolvere il problema Ferrero convincendoci che la abbia avuta in regalo da Garrone siamo fuori dal mondo completamente. Poi a oggi tutto si è placato non se ne parla più, Ferrero va avanti con i rinnovi anche se la situazione economica della Sampdoria non è così rosea, la sua personale non parliamone neanche che è meglio, e i giocatori rinnovano tutti con il sorriso stampato sulla faccia! Ma che roba è? io non riesco a crederci a tutto questo. Ferrero va a discutere della questione Sky Dazn, dicendo che non bisogna dimenticare sostanzialmente Sky e chi ci lavora dopo che lui da imprenditore lungimirante… Bo! forse sono io che non riesco a capire o ad accettare cose che almeno per me non hanno spiegazione, ciao e grazie

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Grazie Paul, ho cercato di fare il mio lavoro. A volte bene, a volte meno bene. Ma quello che potevo e dovevo fare l’ho fatto.

  95. Fabrizio ha detto:

    Maurizio la mia non voleva essere assolutamente polemica credo assolutamente in quello che scrivi e ti leggo assolutamente sempre con piacere la mia era solo, l ennesima presa di coscienza di quello che giustamente come dici tu doveva andar fatto e invece 2 coretti nella sud durante l intervallo e questa sarebbe stata la nostra Manifestazione d affetto……Per UNO dei NOSTRI EROI …..personalmente il NUMERO 1 e ieri sera vederlo in panchina dietro al Mancio mi ha fatto passare l ennesima serata del C……avolo! Mi spiace Maurizio se tu hai frainteso, tieni duro che con Stefano siete 2 perle rare di questi tempi! Un abbraccio e Forza Baiardo!!!

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Ma no figurati, nemmeno io ho fatto polemica, ci mancherebbe. Ma capita spesso di scrivere o dire una cosa e sentirsi chiedere “ma è vera?” 🙂

    • belmondo' ha detto:

      ma come si puo’ pensare che i tifosi avrebbero potuto fare qualcosa per agevolare la cessione? ma se ferrero non ha mai avuto nessuna intenzione di vendere il giocattolo che gli rende quasi un milione di mezzo all’anno e una visibilita’ (che forse ama ancora piu’ dei soldi) che nessun altro potrebbe garantirgli? credo che non avrebbe venduto neppure al doppio del prezzo ufficialmente richiesto, altro che manifestazioni di affetto.
      se uno non vuol vendere non vende, c’e’ poco da fare

  96. petrino ha detto:

    Mi sa che Nassi si prende meriti non suoi,
    Anche perche’ chi puo’ controbattere non c’ e piu’.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Ti sa male, molto male. La famiglia Mantovani c’è e può confermare tutto dalla prima all’ultima riga.

      • petrino ha detto:

        Veramente Nassi fu’ dimissionato da Paolo Mantovani e fu assunto come DS Paolo Borea.
        Per cui la squadra vincente fu costruita da Paolo Mantovani e Borea.
        Lei all’ epoca era molto giovane, a differenza mia, e forse non ricorda questi fatti.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Lei, scusi se glielo dico, non sa assolutamente nulla. Se le capita di incontrare Francesca Mantovani, le chieda riscontro delle cose raccontate da Nassi.

          • petrino ha detto:

            Borea fu messo a contratto nel 1982 .
            Mancini fu contrattualizzato nel 1982, Pari nel 1983,Mannini nel 1984,Pagliuca nel 1987, Branca nel 1987,Lanna nel 1987, Cerezo nel 1986, Lombardo nel 1989,, Dossena nel 1988.

        • Mauro ha detto:

          Mancini e Vierchowood vennero acquistati nel periodo “Nassiano”,tanto per citarne due….

  97. Vincenzo ha detto:

    A Stregatta: di solito intervengo in questo blog per sdrammatizzare, fare battute, ecc.ma, in questo caso, ho letto il tuo post con particolare attenzione, perchè parli di “fenomeni sociali” ed io ho una laurea in Sociologia e un master in sociologia dello sport (fermo restando che uno può possedere mille titoli di studio e valere meno dell’ultimo della fila.. e che non voglio dare lezioni a nessuno, ci mancherebbe…)
    A scanso di equivoci, non sei “impopolare” nessuno è impopolare, ognuno di noi ragiona, e decide per sé (in questo senso invito a leggere la definizione di “cultura” data da Max Weber, secondo me unica..).
    La tua riflessione meriterebbe ore di discussione ma giustamente mi limito a delle considerazioni flash:
    “Nemmeno i film diretti da Steven Spielberg presentano un sentimentalismo patinato e mieloso come quello che ho letto negli ultimi commenti. Questa tendenza a glorificare il ricordo del bel tempo che fu esalta il sentimento irrazionale, svaluta la ragione e infantilizza il tifo. Niente può esser più dannoso per il nostro club del ritorno al passato..”. Sentimentalismo e ragione fondamentalmente vanno di pari in passo: vale per l’individuo e vale per i fenomeni sociali: naturalmente il contesto, le circostanze e la tipologia di contenuti, fanno propendere verso una parte o l’altra; concordo, peraltro, come nel caso della Samp, come dici tu, “pagine della storia del club devono rimanere soltanto nella memoria altrimenti si rischia di rimanere colpevolmente indietro”. (il tifo comunque permettimi deve essere e rimanere “infantile” è l’essenza del nostro cuore, del nostro animo e non potrà mai essere “rinchiuso” nella fredda ragione, e il sentimento, è di per sé stesso “irrazionale”. Quello che voglio dire è che non si può ridurre tutto in ottica “ragione” e soprattutto che una cosa non esclude l’altra, se si è attenti e si attribuisce il giusto peso alle cose, agli accadimenti.
    “Oggi il calcio è business non poesia”: è brutalmente vero e non possiamo fare nulla ma abbiamo comunque un’arma di difesa non letale ma gentile e innocua “l’amarcord” che, come dici tu “è dannoso, non risolve nulla..”, anzi, ma qualche volta ci permette di estranearci dal reale: la società in generale si è evoluta in tal senso, profitto e business, ed in questo Ferrero ha saputo e sa destreggiarsi abilmente come altri in altri settori (Vialli non so se sarebbe in grado) ma il punto non è tanto o, solo quello di vedere chi è più bravo in tale ambito (probabilmente Ferrero), ma di mettere in dubbio questo processo ineluttabile che alcuni chiamano progresso, e come tale positivo per il solo fatto che esiste, senza chiedersi se questa modalità di evoluzione si può chiamare veramente progresso.. .(Personalmente ho in mente la definizione di progresso di Rosseau)
    Passato, presente, futuro: ragione e sentimento mieloso: una cosa non esclude l’altra, negarlo significherebbe negare l’essenza stessa dei fenomeni sociali spesso complessi e imperscrutabili.
    In ultimo dato che citi Spielberg, ti/vi invito a vedere il film del mio regista preferito: “Lo Zoo di Venere” di Peter Greenway, non so se vi piacerà, ma c’è ragione e sentimento, razionale e irrazionale.
    Cordialmente

    Forza Sampdoria

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Bel post, da sociologo mancato (io, intendo).

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      da scienziato politco a sociologo mi tolgo il cappello……..lectio magistralis

    • maurosampbolzano ha detto:

      scusa DOTT. Vincenzo nulla è più bello in questo periodo di quarantene varie e tanti addiiii, e sofferenze di parlare tra, dico si e ripeto, si AMICI SMPDORIANI dei bei tempi, leggendo questo blog mi dimentico della situazione di merda attuale e mi ricordo delle felicità sportive passate, dialogo tra amici tifosi lasciaci almeno questo grazie,parlare aiuta a sfogarsi, aiuta a lenire le tensioni che credo siano in tanti di noi ,non ho lauree, ma mi piace dialogare e parlare del passato felice, perchè questo aiuta a vivere e sorridere.

  98. Luca ha detto:

    Buongiorno Maurizio e buongiorno a tutti. Innanzitutto mi complimento per il livello culturale raggiunto da questo Blog, è l’unico merito di Ferrero! Non disperdiamolo, mentre speriamo di disperdere lui, molto presto!
    Pongo un quesito di ‘sampdorianita’ (per i meno giovani):
    Se dico ‘schitta pescio’ cosa mi dite?
    Per favore senza usare internet…

  99. Sergin ha detto:

    Non tutto quello che hai scritto, Stregatta, è sbagliato e più che altro è la presa d’atto di cosa è diventato il mondo del calcio. Ma il calcio di adesso non è solo Ferrero ci sono anche altri modelli tipo l’Atalanta, assolutamente virtuosi. Insomma ok i tempi di Mantovani non torneranno più ma da da lui a Ferrero ce ne sono di vie di mezzo accettabilissime in una piazza come la nostra.
    E soprattutto accostare i concetti futuro e Massimo Ferrero è assolutamente impossibile, nel mondo Samp si potrà parlare di futuro solo quando quel signore se ne sarà andato a fare il pagliaccio da un’altra parte.
    Il primo a sapere che Ferrero non ha futuro a Genova è lui.

  100. Stregatta ha detto:

    Greenaway piace molto anche a me, anche se preferisco – rispetto al film che hai citato – i misteri del giardino di Compton House e Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante. Direi soprattutto per una questione estetico-formale. Adoro anche le installazioni. Sono andata 3 volte a rivedere L’Ultima Cena di Leonardo a Palazzo Reale

    Cordialità

    P.S. grazie per il commento

  101. Luca ha detto:

    Su Rissetto nessun dubbio!!!😀👍

  102. Carlo46 ha detto:

    ho una preghiera, di più quasi quasi scongiuro Maurizio. Adesso non andare in tv a dire che tantissimi tifosi Sampdoriani la pensano come Stregatta eh…

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Tranquillo, io di Ferrero parlo il meno possibile, rispondo solo (per cortesia) se mi viene rivolta una domanda. Quello che dovevo dire e fare l’ho fatto, compreso anticiparvi che, dopo la fine della trattativa con Vialli, sarebbe rimasto ancora a lungo. Mi pare che i fatti lo stiano confermando (concordati a settembre, quando saranno trascorsi due anni dalla conclusione del tentativo di Vialli & company). Per il resto osservo. Ed è vero che non sono tantissimi, ma nemmeno pochi, è giusto riconoscerlo anche per onestà intellettuale nei confronti di Ferrero.

      • Pippo65 ha detto:

        Tutti questi “non pochi” sampdoriani che la penserebbero come Stregatta, tu li conosci di persona? Hai avuto occasione di parlare con loro? Oppure sono solo (anonime) voci al telefono o (anonimi) avventori del blog?

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Sono, quantomeno, tutti quelli (migliaia) che hanno messo Mi Piace alla notizia delle querela di Ferrero al sottoscritto (querela poi conclusasi con l’archiviazione, perché quanto da me sostenuto era corretto). Oltre a tutti quelli che scrivono messaggi e telefonano. Non pochi, fidati. Sarei scorretto se non lo riconoscessi.

          • andreap ha detto:

            Maurizio, capisco che l’episodio ti può aver dato molto fastidio..ma non penso che oggi possa capitare di nuovo..
            almeno non penso che possa capitare con profili reali e non fake di cui si riempie l’entourage del residente.

            sono pochi, molto poco e si sentirà la voce dei sampdoriani appena sarà possibile.

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            No Andreap, su FB erano tutti con nomi e cognomi. Ma non importa. E oggi non avrebbe lo stesso valore stare dalla mia parte, che poi non è la “mia” in senso personale ma quella di chi ha a cuore il futuro della Sampdoria. Detto questo, ribadisco: il presente adesso è Massimo Ferrero, che, come a Primocanale avevamo sostenuto un anno e mezzo fa quando si era conclusa la trattativa con Vialli, è e resta il presidente della Sampdoria. Quindi, per il bene della Sampdoria, va augurato ogni bene anche a lui, visto che ha appena acceso mutui per 41 milioni di euro per conto di Sampdoria spa.

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            P.s. Perdonami l’aggiunta: le “battaglie” ha senso farle quando si ha la possibilità di vincerle. Altrimenti sono lotte contro i mulini a vento e pure un po’ pretestuose. Come si dice con le donne: un uomo può anche anticipare leggermente i tempi, ma non sbagliarli. Ecco, lo stesso vale per la Samp. Il dado è tratto e dobbiamo augurarci che non torni indietro.

          • Massimo Pittaluga ha detto:

            maurizio mutuo di 41 mln con a garanzia azioni di sampdoria spa? non credo abbia altro da dare a garanzia. di bene in meglio.

            altro giro altro regalo.

            aspettiamo la prossima

      • Emanuele ha detto:

        Come i concordati a settembre???? Ti prego,,ti prego dimmi che è un refuso…. non me lo posso più vedere davanti….

  103. Faso ha detto:

    Ieri sera, facendo zapping mi sono soffermato qualche minuto sulla partita della nazionale non tanto per la partita in sè (nonostante la nutrita presenza blucerchiata nello staff non riesco ad appassionarmi alla maglia azzurra), ma perchè ho rivisto uno stadio, sebbene rimodernato, che mi ha portato a ripensare ad una serata epica in quel di Sofia di quasi 30 anni fà…
    Propongo un pò di sdolcinato amarcord…. in onore di Stregatta
    😉

    ps: eroici i duemila presenti sugli spalti; chi c’era?

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Partecipo, raccontando questo (forse l’ho già fatto, nel caso scusatemi), Ero in Tribuna Stampa per il Corriere Mercantile, protetto (insieme con gli altri colleghi) dall’esercito, perché i tifosi serbi dopo avere aggredito per le vie di Sofia i numerosi “colleghi” blucerchiati stavano prendendo di mira anche i giornalisti. Accanto a me avevo un collega serbo, che parlava un po’ di italiano. Quando Mihajlovic (che militava nella Stella Rossa) mise a terra il pallone per la punizione, lui mi disse: “Da lì può fare gol”. Detto, fatto. E il collega mi esultò in faccia smodatamente. Stella Rossa-Sampdoria 1-0. Trascorrono i minuti. Pareggia Katanec, io impassibile. Autogol della Stella Rossa, io impassibile. Mancini timbra l’1-3, io mi alzo, faccio il gesto dell’ombrello al collega serbo e gli urlo: “Ora potete tornare a casa” (forse gli ho pure detto di andare a fanc…). Lui, annichilito, mi tende la mano: “Avete vinto meritatamente, complimenti”.
      P.s. Per Stregatta & company: non sono un nostalgico, so che non accadrà più una cosa simile e, come tifoso della Sampdoria, mi sarei stra accontentato della Coppa Italia del 1985. Quello che è venuto dopo è stato un incredibile e maestoso di più, che mai avrei immaginato quando scelsi la Samp di Arnuzzo, Tuttino, Re e Chiorri. Ho aderito all’invito di Faso, tutto qui.E a distanza di tanti anni mi complimento con i tifosi della Sampdoria, molti dei quali vennero colpiti dai serbi con le mazze ha hockey, per il loro comportamento coraggioso e straordinario.

      • maurosampbolzano ha detto:

        ciao Maurizio la mattina dopo quella partita Vladimiro Caminiti iniziò così il suo articolo su Tuttosport “SOFIA–Grazie,Sampdoria Lo diciamo senza enfasi e senza retorica e non per aggiungerci ai cori dello stadio; ma di questa squadra si può andare davvero orgogliosi.”era la pura sacrosanta verità in alto i cuori.

        • carlo46 ha detto:

          Aldilà del doveroso riconoscimento in occasione della partita che segnò la vetta più alta nella storia europea dell’UC Sampdoria, Vladimiro Caminiti era una penna sicuramente ispirata e felice. Tuttavia, asservito al potere ed al sistema bianconero, anche grazie al quale era diventato famoso come giornalista, detestava piuttosto apertamente la Sampd’oro. Non perdeva occasione, nelle non frequenti sconfitte, per fare sarcasmo ed ironizzare sul fatto che non avremmo vinto mai nulla. Lo stesso Mantovani era piuttosto irritato da questo atteggiamento. La nostra gradinata, in occasione di alcuni rapimenti svoltisi in Sardegna (allora usava..), sfoggiò la consueta ironia per irriderlo con lo striscione “diamo in cambio dei rapiti Vladimiro Caminiti”. Per fortuna il suo odio non ci impedì di vincere tantissimo, sia pace all’anima sua. PS a proposito di striscioni ironici e degli immaturi che non avrebbero mai vinto niente ….chi ricorda in occasione della partita scudetto lo striscione irridente per la stampa posto nei distinti “stampa immaturi te salutant!”? Lo facemmo la notte precedente io e mio fratello in garage con i pennarelli!
          Ne parlò compiaciuto Sandro Ciotti alla Domenica Sportiva la sera. Mi fermo qui altrimenti Stregatta si inquieta.

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Tendenzialmente non avrei pubblicato questo commento, perché chiama in causa una persona che non c’è più. Tuttavia, quanto scrivi è verosimile e, soprattutto, l’aneddoto dello striscione preparato da te e da tuo fratello meritava di essere divulgato. Striscione che ricordo benissimo e, sotto sotto, pensai anche che fosse giusto. Avevo visto tanti, troppi colleghi – nazionali e non solo – soffrire perché al posto della Juventus o del Milan c’era la Sampdoria.

          • carlo46 ha detto:

            Maurizio, io avevo grande stima come giornalista di Caminiti e l’ho scritto. Il fatto che detestasse la Sampdoria era noto e lo palesava con ostentazione. Ricordarlo non offusca la sua memoria nè il suo valore di giornalista.

  104. paolo63 ha detto:

    Caro Maurizio eccomi ancora volentieri qui.La sig,ra stregatta alias snop e’ una persona secondo me che e’ all’interno della societa’ o molto vicino.Ammiro e condivido il tuo pubblicare i suoi post in quanto noi tutti sampdoriani non abbiamo l’anello al naso.Parla di film quando penso che ULTRA’ sia il suo preferito dove l’interpretazione di ferrero alla stazione con il bambino in braccio sia da premio oscar.A Norrkoeping ho fatto 5600 km. in 5 su una citroen per perdere al 91 gol di Hellstrom.Al ritorno per andare a Cremona ho sfasciato la macchina,ma sedendomi sopre il cifno e senza luci l’unico mio pensieri era andare allo stadio Zini di Cremona percheì i TESISAMP erano ovunque.Per cui cara stregatta….Maurizio un annetto fa ti chiesi sui defribillatori che a me risulta che fra serie A a scendere non siano presenti.Sai se le ns.squadre lo hanno?Per non piangere in futuro.Grazie un abbraccio blucerchiato

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Purtroppo sui fibrillatori non ti so rispondere, chiederò. Sul resto, hai scoperto l’acqua calda, detto con affetto. Mi lusinga sapere che questo blog è molto ben osservato dai piani alti di Corte 🙂 🙂 Sentitevi onorati anche voi.

      • andreap ha detto:

        visto che è già capitato in passato per dei like o dei commenti…rischiamo delle querele?
        belin ci sono sampdoriani sul lastrico per un commento alla foto di una macchina di roma con un finestrino rotto..
        non vorrei mai aver dissentito troppo o risultar polemico: posso continuare la campagna per la “via massimo ferrero da genova”

  105. El Cabezon ha detto:

    Maurizio due domande:

    – venerdì sera su Sportitalia hanno detto che ci abbiamo riprovato per Gattuso ma il buon Ringhio, per la seconda volta, ci avrebbe rimbalzato…tu hai notizie in merito?

    – Poco sopra hai scritto che l’esito dei concordati si avrà a settembre: volevo capire se è una tua ipotesi oppure se hai realmente saputo che andrà così, grazie 🙂

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Io so chi sarà il prossimo allenatore della Sampdoria, ma non posso dirlo. In effetti, mi sono sbagliato di un mese, probabilmente ottobre.

      • danilo ha detto:

        Lo dico io…..quello che da un po’ di tempo sta a casa ad ascoltare le adulazioni del Dott.Rissetto….solo alla Samp lavora a tempo pieno.

        • Maraschi ha detto:

          Cioè Giampaolo? Che noia! Come diceva? “ci vogliono le conoscenze”
          Mi sa che Milan e Toro hanno “conosciuto” lui ed è loro bastato

          • Solosamp1946 ha detto:

            Ma magari Giampaolo…possiamo dire che negli ultimi 10 anni è stato il migliore allenatore della Sampdoria? Giusto per parlare…ferrara pietoso , di zenga ricordo solo la sconfitta dei preliminari di europa League, delio rossi , montella , di Francesco ( forse il peggiore perché anche leggermente arrogante) e infine Ranieri che a me non esalta per niente ( grazie eterno per la scorsa stagione ) . L.unico che si salva è Sinisa per il personaggio e per quello che ci ha fatto vedere anche lui con dei limiti. Giampaolo nel bene o nel male ha sempre dato un identità alla squadra e ci ha fatto fare delle buone stagioni ( oltre a delle ottime plusvalenze ma di quello da tifoso e non da commercialista mi interessa meno ). Poi ovvio c è di meglio di Giampaolo ma vorrei sapere alla nostra portata chi . Inzaghi ? Spero di no. De Zerbi non mi dispiacerebbe. Gotti ? Teniamo ranieri allora. Italiano ? Profilo interessante ma nel 2022 non rischierei con un allenatore pelato. Altri nomi alla nostra portata non me ne vengono se non i vari maran iachini semplici ma direi anche no…parere personale ovviamente

        • Stefano Rissetto ha detto:

          Parlare di “adulazioni” è offensivo, si riguardi i ruolini dei tre anni doriani di quell’allenatore, con cui ho parlato una sola volta ad Ascoli una quindicina di anni fa dopo una partita in cui allenava gli altri. E’ così dispiaciuto che negli ultimi dieci anni solo Mihajlovic, con una squadra ben più forte, abbia fatto meglio?

  106. paolo63 ha detto:

    Un’ultima cosa per stregatta.Se non bisogna vivere di ricordi sappi che io ricordero’ sempre il mio amico Italo morto al cimitero di Bogliasco per il cedimento di una barriera solo perche’ anche lui che viveva di ricordi,voleva portare un fiore sulla tomba di Mantovani,Tieniti pure ferrero.

  107. Maraschi ha detto:

    Per Stregatta.
    Non fare la permalosa e non comportarti neanche come Pittaluga che dice che non scrive più e poi inonda il blog di commenti.
    Scrivi quello che ti pare.
    Grazie a Michieli, basta non insultare personalmente nessuno, e si può scrivere quello che si vuole, è anche divertente polemizzare.
    Coraggio!

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      ti chiedo scusa ma in effetti è più forte di me non starmene degli amanti del presidente. scrivo senza pretendere di essere letto del resto ed accetto le critiche. prova a farlo anche tu
      un cordiale saluto

  108. Cicciosestri ha detto:

    Solamente due squadre, nell’intera Serie A 2020 2021, fanno registrare maggiori ricavi rispetto ai costi, Atalanta e Brescia.
    Tra le medie saltano all’occhio la Sampdoria con -51,1 milioni, il Genoa, -50 tondi tondi, ma anche la Fiorentina, con -42,7. La capofila, in queste situazioni, è il Bologna: fatturato da 55,2 milioni, uscite per 108,6, quasi il doppio: -53,4.
    Tutte squadre in questo momento sotto di noi in classifica, per rimanere in tema di mutui.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Riesci sempre a lasciarmi senza parole. Sei contento per questo? Tu ti rendi conto che tra noi e gli altri c’è una “piccolissima” differenza? Se ti rendi conto, mi arrendo definitivamente. Se non ti rendi conto, beh, è un “problema” tuo. E quindi mi arrendo comunque. Anzi, mi arrendo proprio. Spazio libero, io non interverrò più, se non su questioni tecniche.

      • Cicciosestri ha detto:

        Caro Michieli, il giorno 25 marzo scrivevo:
        Mi si chiede, allora perché tu dici che saresti contento se se ne andasse? Non lo vorrei più perché mi è antipatico, quasi tutti i romani a me non sono simpatici, perché ha fatto fare troppe brutte figure alla mia squadra del cuore e perché se ci fosse un anno di difficoltà non potrebbe ripianare perché miscio, e non potrebbe fare ciò che fatto Grarone figlio perdendo soldi per riportarci in A.
        Non devo aggiungere altro …

    • andreap ha detto:

      bologna:
      fatturato 55,2 mln
      costi 108,6
      differenza – 53,4

      se la samp ha fatto -51,1…la differenza è minima e non mi esalterei..

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      ciao ciccio se maraschi permette:

      commisso ha un patrimonio tale che può ripianare stagioni negative e così altre proprietà

      non risulta (spero di sbagliare) che ferrero possa ripianare perdite di tasca propria o attraverso società del suo gruppo

    • Andreap ha detto:

      Altro appunto, i dati riportati da diverse testate si basano su un articolo della gazzetta.
      Nella descrizione della tabella viene riportato che si tratta dei dati al 30/06/2020 tranne che per le squadre come la Sampdoria che chiudono il bilancio al 31/12/2020 secondo l’anno fiscale normale e non quello sportivo.
      I dati sulla samp sono presenti e poco attendibili: potrebbero essere corretti in parte ma il bilancio non è ancora ufficiale: in aprile dovrebbero approvarlo in coda e renderlo pubblico tra fine maggio/giugno.

      Es. Tra i vari articoli dedotti, alcuni parlano di perdita di 13,1 mln e pn di 31mln.
      La perdita è uguale a quella del bilancio 2019 ed il valore di pn anche: nel primo caso potrebbe essere un caso, nel secondo è impossibile in quando il pn dovrebbe essere pari al valore del 2019 +- il risultato di esercizio ( in questo caso -13mln).
      Inoltre è fuorviante in quando nel 2020 le società godranno di alcuni benefici causa covid,come la possibilità di spalmare gli ammortamenti e quindi limitare le perdite.

  109. Cicciosestri ha detto:

    Alcuni raffronti con l’anno precedente, Sassuolo 1 partita in meno
    Sassuolo 39 (+5)
    Hellas Verona 38 (-1)
    Sampdoria 35 (+9)
    Bologna 34 (-3)
    Udinese 33 (+5)
    Genoa 31 (+5)
    Fiorentina 29 (-2)

    • Carlo46 ha detto:

      a volte, neanche troppo raramente scrivi cose sensate e condivisibili, inoltre non è mio stile canzonare o schernire le opinioni altrui. Prendila quindi come una battuta di fronte ad una birretta artigianale (virtuale purtroppo). Ci vorresti pubblicare anche la classifica della credibilità/onestà/presentabilità/carisma/fedina penale/classe/autorevolezza/patrimonio personale dei presidenti di serie A?
      Così tanto per capire dove si colloca Ferrero rispetto a Percassi & C.
      Io nel mio piccolo so dove si colloca rispetto a tutti, compreso persino Edoardo, di gran lunga il peggiore lui escluso, i presidenti della storia dell’UC Sampdoria.
      L’unico, risultati a prescindere, capace di infangarne e ridicolizzarne l’immagine, nonchè di scavare un solco insanabile con la tifoseria.

      • Cicciosestri ha detto:

        Caro Carlo46 in questo caso la penso esattamente come te, anche su Edoardo. Infatti ho riportato un raffronto tra classifiche dello scorso anno e di quest’anno, evitando di parlare di Ferrero.

  110. ROBY LEVANTE ha detto:

    A Rebic del Milan è stata condonata 1 giornata di squalifica per cui Sabato potrà giocare contro di noi.Non avevo dubbi in merito,ma se invece di giocare contro la Samp avessero giocato contro Juve,Inter,Roma,Lazio Napoli etc.state sicuri che Rebic sarebbe ancora squalificato.Vergogna.

  111. Ivano ha detto:

    Maurizio ti reputo un ottimo giornalista da sempre. Un bravo giornalista se ha una notizia deve divulgarla o sbaglio?
    Dai.. non tenerci sulle spine per il prossimo mister..

    Con affetto

  112. Giuseppe ha detto:

    Il prossimo allenatore della Sampdoria a mio avviso sarà Gotti.

  113. Ste75 ha detto:

    Ma se si è certi che Ranieri nn sarà più l’allenatore il prossimo anno xche nn dirlo già? L’intervista fiume del mister sul secolo a chi giova? Lui aspetta una chiamata che nn arriverà…. e poi Maurizio scusa ma te credi quando dice che lui nel firmare un contratto non guarda neanche la cifra?

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Io ho detto 20% di permanenza di Ranieri. Che, come chi lo ha preceduto, non è tanto contento di vedersi costruire una squadra da salvezza comoda per poi sentirsi chiedere dalla società l’ottavo posto in corso d’opera.

      • Daniele da Rapallo ha detto:

        Purtroppo, caro Maurizio, la Sampdoria è diventata “uno squallido porto di mare fatto solo per far stare a galla l’imbarcazione e far disamorare la gente”.
        Questa poetica frase virgolettata mi è uscita al netto della condizione contingente che, in verità, investe tutto il calcio. Tuttavia l’unica società veramente miscia l’abbiamo noi.

  114. Franco T. ha detto:

    Maurizio ha detto che sa chi sarà l’allenatore. In più pensa che Ranieri abbia ancora un 20% di possibilità di rimanere. Non c’è da dubitare di quello che dice. Quindi..Maurizio ci tiene un po’ sulle spine.. concordo che non può dire il nome.. Si “diverte” un pochino, e fa bene. Ci sta. Se Osti rimane, non escluderei l’arrivo di Gotti. Così a “sentimento”, mi pare un un ottimo allenatore. L’Udinese non è una Squadra trascendentale, eppure si sta confermando bene. Non pensavo che facesse gli ultimi risultati. Ci sono ancora diverse gare, ma è una Squadra tosta, ben impostata tatticamente e caratterialmente. Potrebbe essere una “scommessa” ben ponderata. Sinceramente Gattuso lo vedo abituato a rose di giocatori di qualità superiore. Ma comunque mai dire mai. Ripeto quello che ho già detto, perché per me è qualificante. Ranieri oggettivamente non si discute, certo fa dei cambi, ma ci stanno nella logica di rosa di Squadra che ha la Samp. Quello che non mi convince è il fatto di avere in sostanza solo tre centrocampisti impiegabili. Il quel settore bisognava fare meglio già dall’inizio del torneo. E forse si sarebbe potuto vedere anche un’altra variante di gioco. Cordiali Saluti

  115. Emanuele ha detto:

    Buongiorno Maurizio,
    una domanda…si continua a leggere del RESIDENTE interessato al Palermo, vuole emulare De Laurentis e Lotito…ma con
    quale denaro pensa di acquistarlo? Quello di cioccolata? O gli regalano anche questa società?
    FERRERO VATTENE

  116. Pazzoperlasamp ha detto:

    Forse qualcuno può aiutarmi…
    Mi risulta che il residente sia il presidente con stipendio più alto in serie A …e probabilmente anche dei 3 campionati maggiori… mi confermate questa indiscrezione?
    Mi sembra giusto chiedere 40 milioni di prestito anche per poter continuare a percepire il medesimo compenso…e forse incrementarlo come ha fatto nel 2021 rispetto all’anno precedente

  117. Cicciosestri ha detto:

    Alcuni guadagni in migliaia di € dei massimi dirigenti della serie A da varie fonti trovate in rete:
    Ivan Gazidis – Milan – Ceo – 3.150
    Maurizio Setti – Verona – Presidente – 3.061
    Fabio Paratici – Juve – Managing Director Football Area – 2.884
    Massimo Ferrero – 1.000 (20 mila come presidente e 960mila come amministratore delegato)
    Guido Fienga – Roma – Ceo – 750
    Mauro Baldissoni – Roma – Dg – 714
    Claudio Lotito – Lazio – Presidente – 600
    Paolo Scaroni – Milan – Presidente – 600
    Andrea Agnelli – Juve – Presidente – 502
    Pavel Nedved – Juve – Vicepresidente – 475

  118. Stregatta ha detto:

    Se non sbaglio – e posso sbagliarmi – la Sampdoria è una società a scopo di lucro. Mi confermi questa indiscrezione? Se non sbaglio – e posso sbagliarmi – Ferrero sta a capo legittimamente di una SPA. Mi confermi questa indiscrezione? Se non ti sta bene puoi dare il tuo contributo e attivarti per trasformare la Sampdoria in una cooperativa, cosí benefici e rischi saranno condivisi. Ed avrai pure agevolazioni fiscali. Che dici?

    • Pazzoperlasamp ha detto:

      Ciccio leggi bene …sto parlando di presidenti (proprietari) non ceo o direttori sportivi pagati dalle proprietà che a fronte di risulati sportivi non congrui verrebbero cacciati a calci

      Inoltre mi risulta che il residente percepisca 1,4 milioni di euro e non mi sta bene che sia richiesto una diminuzione degli stipendi collettiva (giocatori, allenatore) tranne il suo che è anche aumentato rispetto all’anno scorso a fronte di risultati sportivi mediocri e conti disastrosi. Ulteriore presa x il culo sono le sue butade a tiki taka quando afferma di non percepire nulla …
      Non mi sta bene che a fronte di guadagni, come dice lui, dimezzati dalla pandemia chiede prestiti per 40 milioni e si aumenta lo stipendio…in una SPA con dipendenti a cui si chiede una diminuzione degli emolumenti non mi sembra un bell’esempio …ma in effetti non mi posso aspettare di meglio da uno che ha tutte le societa’ fallite in attesa concordato.
      Stregatta non so come mai ma sembra che la Samp venga utilizzata SOLO a scopo di lucro PERSONALE dimenticando che le squadre di calcio sono SPA particolari…ma lo so che è difficile da capireanche x voi…

      • Cicciosestri ha detto:

        Ho letto bene infatti in quella classifica ci sono dei proprietari come Setti e dirigenti di squadre con conti molto peggiori dei nostri

        • Pazzoperlasamp ha detto:

          dirigenti e ceo e dg – dipendenti ..se fanno male a casa..
          Propietari che prelevano denari dalle casse societarie per autofinanziarsi lo stipendio senza tirare mai fuori un euro solo il residente…se poi i risulati sono mediocri e i conti allarmanti mi sembra giusto aumentarsi lo stipendio per l’ottimo lavoro svolto…
          Setti per lo meno spende di tasca propria..
          Questi sono fatti che si possono leggere ovunque..

    • andreap ha detto:

      intervieni ancora? ovviamente sei libera..
      ma avevo capito che non ti interessasse più questo blog..

      • Cicciosestri ha detto:

        Beh Andreap scritto da uno che aveva garantito di non scrivere più la tua critica a Stregatta perde credibilità

        • andreap ha detto:

          scusa, ma quando lo avrei fatto?
          non ricordo di averlo mai fatto, anzi ho sempre sostenuto di voler rispondere a quelle che considero provocazioni da parte di chi scrive a nome di qualcuno e non “per la sampdoria”.
          anche nel commento sopra scrivo “ovviamente sei libera” e non gliene faccio una colpa, anzi! io penso che la coerenza assoluta sia utopia e forse anche segno di poca intelligenza: se non si ha la libertà di culturale di cambiare opinione, ci sono dei blocchi mentali

        • Massimo Pittaluga ha detto:

          ero stato io ciccio per quanto riguarda la stagione e non ho mantenuto la parola. non era andreap. cordiali saluti

    • jan ha detto:

      Tutto vero quello che dici, ma sai qual’è il problema ? Che la cosidetta “galassia Ferrero” nella migliore delle ipotesi è in attesa di Concordato per cercare di evitare il fallimento, l’altra parte è fallita ed attualmente l’unico ramo ancora più o meno sano è la Sampdoria.
      Potrai pertanto concordare che la situazione è preoccupante e le prospettive per il futuro altrettanto preoccupanti nelle mani di questa proprietà.

    • Lino ha detto:

      Più che stregatta dalla luna la signoria vostra pare più stregata da preziosi…

  119. Riccio samp ha detto:

    Ciao Maurizio, non so se hai visto ma su sky sta impazzando la serie su Francesco Totti. L’ho guardata l’altra sera, e mi sono chiesto cosa sarebbe successo se fosse arrivato alla Samp nel 97/98… La trattativa saltò all’ultimo, perché lui fece il fenomeno in un amichevole e Sensi si impuntò. Era la Samp di Montella, Signori, Veron, Klinsmann ecc…. Insomma già una signora squadra… Secondo me con totti in rosa potevamo ambire se non allo scudetto alle primissime posizioni. Facendo poi una maxi plusvalenza vendendolo dopo un paio d’anni. Invece noi dopo un anno siamo retrocessi, e la Roma forse l’anno dopo ha vinto lo scudetto con Montella e totti insieme!! A volte basta poco per cambiare la storia.. Per noi poteva continuare la gloria dei primi anni novanta, e Francesco avrebbe vinto coppa campioni e pallone d’oro magari al Real Madrid. Non lo sapremo mai, però mi sembra doveroso fare un plauso a Enrico Mantovani, presidente troppo criticato che per la Samp ha fatto cose importanti secondo me…. E per poco non portava a Genova uno dei più grandi campioni italiani…. Te cosa ne pensi Maurizio?

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Guarda, con me sfondi una porta aperta su Enrico Mantovani, di cui mi onoro di essere amico. Purtroppo il suo problema è essere succeduto al più grande presidente della storia della Sampdoria, quindi sapeva in partenza che avrebbe potuto fare soltanto peggio. Ha dovuto fronteggiare la guerra di gran parte della stampa, soprattutto locale, oltre che dei tifosi. Eppure è riuscito a fare cose egregie. Penso che con un clima migliore avrebbe potuto resistere a lungo, perché da lì a poco sarebbero decollati i diritti tv. Il tutto, ovviamente, non senza difetti. Ma nessuno è perfetto.

      • Mauro ha detto:

        Bisogna anche tenere presente che all’epoca Enrico aveva poco più di trent’anni ed a quell’età trovarsi a gestire una squadra di campioni senza un briciolo di esperienza è molto difficile.Per chiunque.Comunque lo vorrei eccome al posto di quello là non solo per il cognome che porta,ma anche perché ha classe e stile come tutti i Mantovani, è blucerchiato fino al midollo e oggi con quasi trent’anni in più avrebbe la maturità e l’esperienza per non ripetere certi errori.Ora Maurizio sinceramente non ricordo se la frase “A quelle condizioni più di un pensierino ce l’avrei fatto”l’abbia pronunciata Enrico o Gozzi riferendosi al “dono”fatto da Garrone a Ferrero.So che uno dei due ne ha sicuramente la paternità.Mah,forse nessuno dei due ha passato indenne il rigorosissimo sistema di filtraggio della premiata ditta Garrone/Mondini.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Ciao Mauro, non so risponderti con certezza, non ricordo quella frase, potrebbe essere Enrico ma non ci giurerei. In tutta sincerità, però, credo che nell’attuale serie A italiana sarebbe difficile anche per Enrico barcamenarsi. Se la situazione migliorasse e le regole del gioco fossero più trasparenti, lo vedrei bene. Ma penso non stia assolutamente pensando.

    • Cicciosestri ha detto:

      Ritengo Enrico il secondo miglior presidente della Samp oltre che grande tifoso, uno dei punti più bassi della storia della nostra tifoseria fu la giornata degli sputi

      • flex ha detto:

        Concordo su tutto (una volta tanto 🙂 )

        come recitava un vecchio striscione è “questione di cuore”

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        d’accordo che fu un buon presidente e che fu trattato male da parte della tifoseria. una parte lo difese giustamente e le scorie in gradinata si sono sentite per anni tra chi lo difese (per me giustamente) e chi contestò e non solo purtroppo. fece ottime cose ed ebbe la sfiga nel post mancini (che tentò di trattenere contro voglia…..unica nota stonata nella carriera del mancio lasciare cosi la samp secondo me) di non trovare un sostituto all’altezza anche se portò un certo ortega che era potenzialmente fortissimo. ricordo che oltre ad un ortega non sempre presente quell’anno si ruppe montella per oltre mezzo campionato ed inoltre si mise contro moggi (giustamente ma devi avere le spalle larghe) e ci furono diversi arbitraggi diciamo pessimi. l’altro errore sostituire spalletti con plat veneri (per me con spalletti non si andava giù a prescindere). sfiga vuole che l’anno dopo allestì uno squadrone per risalire ma la squadrà gettò alle ortiche un campionato vinto e da li si perse la bussola. ebbe il cuore di passare la mano a riccardo garrone che ci rilanciò cin marotta e lasciò la samp avendo speso parecchio e gratis (si con debiti ma gratis). sull’attualità conosci la mia opinione quindi inutile entrare nel merito. buona pasqua a tutti

      • Frank ha detto:

        Enrico fu un disastro di presidente. Per poco non riuscivamo nemmeno ad iscriverci al campionato di B. Con l’amico Salvezza fecero delle porcherie indicibili.

  120. Marziano ha detto:

    Lettura consigliata a tutti, sampdoriani e non.

    Pescecani – Libro di Mario Giordano – Quelli che si arricchiscono ingiustamente mentre il paese affonda.

    Di diritto, il residente ha un capitolo “tutto per se”.

    #salvateilmarinaiobaciccia

  121. Fabrizio ha detto:

    Approfitto x far gli Auguri di Buona Pasqua a voi tutti Giornalisti e tifosi! Per sabato speriamo di non subire una goleada e confidiamo nell anti genoanità del Beppe per tenerli ancora sotto per qualche settimana!!!!

  122. Mauro ha detto:

    Buona Pasqua a tutti,amici del blog.

  123. jan ha detto:

    Buongiorno Maurizio,
    hai informazioni sullo stato di salute di Luca Vialli risultato positivo al Covid dopo le trasferte con la Nazionale ?

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Buongiorno Jan, ti chiedo scusa ma (non per scortesia) evito sempre di diffondere notizie (se le ho) sullo stato di salute delle persone, a meno che non sia autorizzato. Un caro saluto, forza Gianluca sempre!

  124. Riccio samp ha detto:

    Ciao Maurizio visto che non puoi divulgare il nome del prossimo allenatore, almeno puoi dirci se rimarranno Osti e Pecini? Ti è arrivata qualche notizia a riguardo? Mi sa tanto di un anno di smobilitazione tra dirigenti ed allenatore, speriamo di non fare errori perché sarebbe molto pericoloso…. A Ferrero secondo me Foggia e Faggiano non dispiacciono affatto…. Buona pasqua!

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Sono sincero, sulla situazione di Osti e Pecini so poco. In effetti, da quello che si legge e si sente, sembra come la descrivi tu. E’ possibile che, se i conti della Sampdoria sono quelli divulgati dalla Gazzetta dello Sport, un ulteriore ridimensionamento dei costi sia necessario, considerato che al di là di plusavalenze e prestiti non c’è da parte dell’azionista di riferimento la possibilità di ricapitalizzare in proprio. Vediamo. E’ altresì vero che la Samp è inserita in un buon giro di mercato, quindi alla fine qualche giocatore discreto arriverà comunque per potersi salvare anche l’anno prossimo. Io sono preoccupato, sì, ma da tempo, non da oggi. Non rimane che vivere alla giornata.

  125. luca ha detto:

    buongiorno Maurizio ho deciso di non scrivere più da parecchio tempo 8e non certo per colpa tua! anzi…) ma proprio perchè non voglio più illudermi e ho ormai capito che il nostro destino (assai in declino) perdurerà ancora per molto tempo (nonostante concordati, “spifferi” di imminenti cambiamenti o altro ….) non ho più fiducia 🙁 vorrei augurare a tutti una Buona e Serena Pasqua (che è la cosa più importante!!!) ,

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Grazie, contraccambio. Mi dispiace se non scrivi più, ricordati comunque che la maglia viene prima di tutto! AUGURI, a presto.

  126. jan ha detto:

    Auguro a Maurizio e a tutti voi amici del blog una Felice Pasqua !!!!!……sperando sia l’ultima con il Covid perchè chi come me abita lontano dai propri affetti ( la mia famiglia è a Genova ) possa presto riabbracciare i propri cari…..

    FORZA SAMP….!

Lascia un commento

UOVO MEZZO… PIENO

Poteva essere una Pasqua sontuosa, con una vittoria alla scala del calcio. Ma alla fine la Sampdoria ha dovuto accontentarsi [&hellip

MISSIONE COMPIUTA (CON FATICA)

Alla faccia dei catastrofisti e dei detrattori di Ranieri, anche quest’anno la Sampdoria archivia con largo anticipo la pratica della [&hellip

GALLERIA DEGLI ERRORI

La Sampdoria torna per l’ennesima volta dallo stadio “Dall’Ara” di Bologna senza la miseria di un punto, al termine di [&hellip

NON BASTA SUPER MANOLO

Dopo il pareggio nel derby, la Sampdoria raccoglie un altro punto a Marassi con il Cagliari ma stavolta viene rimontata [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta