BRUTTI MA BUONI

14 Feb 2021 by Maurizio.Michieli, 233 Commenti »

Una Sampdoria non bella sul piano estetico ma concreta ed efficace su quello realizzativo conquista tre punti con la Fiorentina e stacca il pass verso la salvezza anticipata. Ancora una volta decisivo Fabio Quagliarella, a quota 8 reti in campionato, 172 in serie A e 2° marcatore di sempre nella storia blucerchiata, onorata dai tifosi nel giorno di San Valentino con l’estensione di striscioni in ogni quartiere della città. Primo tempo equilibrato, con il botta e risposta di Keita e Vlahovic. L’attaccante ispano-senegalese è lesto ad anticipare Dragowski in uscita sugli sviluppi di un corner calciato da Ramirez: quinto gol per lui, che si conferma anche il più pericoloso della Samp. Il vantaggio è illusorio: non basta il doppio miracolo di Audero, perché il secondo è oltre la linea bianca. Finisce 1-1, risultato giusto. Nella ripresa la Sampdoria ci prova ma la gara si sblocca solo quando entrano Candreva e Quagliarella, che confezionano il 2-1 con maestria. La squadra di Ranieri potrebbe anche chiudere il conto ma Leris si addormenta sul contropiede in netta superiorità numerica e l’occasione sfuma. Al 95° Milenkovic di testa fa la barba al palo, mettendo i brividi ad Audero. Arriva così un successo pratico, questa Samp non incanta ma 30 punti sono tanta roba e la trasferta di sabato alle 15 all’Olimpico con la Lazio non fa paura.

233 Commenti

  1. Pino ha detto:

    Mettiamoci anche il salvataggio di Colley. La partita è stata giocata come uno che con un paio di monetine riesce a svuotare la Slot Machine. Un paio di tiri al primo tempo, compreso il gol, e un paio di tiri nel secondo, idem col gol. La Fiorentina ha macinato più gioco, ma fortunatamente la difesa ha tenuto botta.. “Lucky” Ranieri anche questa volta ha giocato addirittura a rischio, mettendo dentro un Leris che non si sa perchè abbia scelto di fare il calciatore, con tanti altri mestieri che ci sono. Ben vengano i tre punti. La prossima è la Lazio, una squadra che la Nostra non è riuscita quasi mai a domare nemmeno ai tempi d’oro, figuriamoci ora. Schieri la Primavera, preservando gli uomini per la gara con l’Atalanta, sicuramente più abbordabile.

    • Mino53 ha detto:

      Signor Pino all’andata abbiamo vinto 3-0 con la Lazio. Forse era distratto prima di scrivere si documenti

      • Pino ha detto:

        Ti ringrazio di avermi risposto. Lasciamo perdere il “Sig.” Siamo fratelli di gradinata, col cuore sempre lì. E ho avuto la fortuna di veder vincere qualcosa di importante a questa squadra che tutti definiscono “Femmina” in quanto lascia parecchio giocare gli altri. Anche oggi col possesso di palla, non mi sembra siamo stati molto superiori. Per risponderti, anche tre anni fa rifilammo 3 gol alla Juve, due anni fa al Napoli, ma sono episodi sporadici. Questa squadra è terribilmente discontinua. Quando si è sicuri di aver trovato in qualche modo la quadratura del cerchio, eccola che ricade su dei banali errori. Calo di concentrazione? Scarsità di preparazione? Diatribe “interne” allo spogliatoio? Niente. Non lo sapremo mai. Per il tradizionale attaccamento alla Squadra, questa tifoseria meriterebbe più gratificazioni. Tutto qui. Comunque, accetto le critiche, ci mancherebbe. Forse sono pessimista? Vedo le altre Squadre alla nostra posizione. Vedo il Verona che il tanto bistrattato Juric, quando era qui a Genova, le sta facendo fare dei campionati dignitosi, eppure non hanno giocatori del nostro “calibro”.. Eppoi, ma lo vogliamo elogiare Italiano, che sta facendo fare faville a una squadra matricola? Ma l’avete visti ieri sera i Bianconeri come correvano su tutte le palle? Li abbiamo visti oggi i nostri, sempre secondi sulle palle vaganti, sempre perdenti nei contrasti, sempre a rincorrere lanci mai precisi? Suvvia. Stare in serie A con una squadra che non ci prova nemmeno a tentare l’Europa piccola o piccolissima, snobbando anche la Coppitalia, a me non piace. Salutissimi e Forza Doria.

        • Mauro ha detto:

          Nonostante tutto abbiamo vinto.Pensa se avessimo anche giocato bene.

        • Sand66 ha detto:

          Premesso che anche per me Italiano è bravo, ma onestamente, erano bravi pure i vari Montella, Di Francesco e Giampaolo e che combinano ora?
          Voglio dire che è il tempo e i risultati che determinano la bravura, Lo Spezia ha giocato bene contro la Juve ma male contro di noi, nonostante la vittoria, e Yuric sta imbroccando l’annata buona ma a scapito di tante annate opache.

        • Giuseppe ha detto:

          Condivido ogni singola parola di quanto da te scritto.

      • gianfra ha detto:

        La Lazio è stata x noi una squadra con la quale la tradizione è stata quasi e ribadisco quasi sempre negativa.
        Tu hai giustamente ricordato la vittoria dell’andata io ci aggiungo la vittoria x 1-0 (segnò Supermario Maraschi) contro la Lazio super dello scudetto).
        Poi noi sampdoriani stiamo sempre a litigare su tutto!!! pazienza.
        Concludo: a volte giochi bene e perdi a volte giochi male e vinci, però se giochi bene hai più possibilità x lo meno nel lungo termine. Lo Spezia docet.

    • Pikappa ha detto:

      Schierare la primavera? Atalanta più abbordabile della Lazio? Ma lei che sport guarda?

    • ROBY LEVANTE ha detto:

      Se avessimo pareggiato al 95 ° il calciatore (si fa per dire) LERIS ,tanto apprezzato dal nostro allenatore, probabilmente non avrebbe più giocato per questa stagione, a meno che Ranieri non fosse un autolesionista.

  2. Moussa Dembele ha detto:

    Con tutta la disistima che ho per lui, quest’anno va detto grazie a Ferrero e agli acquisti che ha fatto.
    Nel gioco di Ranieri rivedo molto quello di Riccomini, con qualche influenza di Lamberto Giorgis ed una spruzzata di Toneatto (Genzanoooooooo….)
    Dinosauro

  3. Marco ha detto:

    A dir la verità non mi ricordo una partita vinta con così tanto c…, comunque va bene così, altre volte la sorte ci ha dato contro, reputo Ranieri un ottimo allenatore ma a volte le sue scelte mi lasciano perplesso, Thorsby mi sembra in uno stato confusionale e gli darei un po’ di riposo, la squadra con un trequartista e una punta non gira, soprattutto se non c’è neanche Candreva, nel primo tempo Keita Balde ha fatto la stessa figura di Quagliarella nelle partite in cui giocava da solo in attacco

    • ROBY LEVANTE ha detto:

      Non si può giocare con una solo punta in attacco anche se Keita è bravo e veloce.
      Ranieri non ha ancora dato un gioco e una identità alla squadra.Soffriamo maledettamente in difesa e l’allenatore gioca proprio affidandosi alla difesa.Ogni domenica si cambia formazione e la squadra soffre questa soluzione.Speriamo,prima o poi,che Ranieri riesca a migliorare questa situazione, perchè i giocatori ci sono, eccome.

  4. Claudio ha detto:

    ctrl c ctrl v della partita con la juve,
    ctrl c ctrl v della partita con il benevento,
    ctrl c ctrl v delle rimanenti 16 partite per finire il campionato….
    Gare interpretate a cuor leggero, con poca tensione agonistica e con tanta svaghezza….
    Fortunatamente (ma non è fortuna) adesso abbiamo buona qualità davanti (e cambi) e con poche giocate riusciamo a concretizzare, dietro restiamo poca roba, ma oggi almeno è andata bene.
    L’obiettivo minimo della salvezza è vicino una manciata di punti e siamo “tranquillamente” nel limbo della classifica; se Ranieri non riesce a motivare questa squadra, andiamo a rischio di brutte figure nelle prossime partite.

  5. gio48 ha detto:

    Difficile commentare un risultato di questo tipo. Prendiamoci questi 3 punti che ci avvicinano a Verona e Sassuolo distaccando il gruppone della fascia destra della classifica e dimentichiamo del gioco espresso. Non si tratta di fare gli schizzinosi, guai solo a pensarlo, ma onestamente giochiamo proprio male. Lo stesso Ranieri nel dopo partita ha ammesso che avremmo tranquillamente potuto perdere contro Parma, Benevento ed oggi ma che la qualità dei cambi disponibili ha determinato un risultato diverso.Bene così, finchè dura ….. Chiudo con un grandissimo applauso al Capitano che con il gol di oggi vede solo davanti a sè un irragiungibile Mancini come goleador con la nostra maglia.

  6. Nyc ha detto:

    Napoleone ( stessa altezza fisica di Ferrero) voleva i generali fortunati , visto cosa successe a Waterloo con la pioggia non aveva tutti i torti….

    Ranieri il tecnico più fortunato che abbia mai seduto sulla panchina della Sampdoria…. bene così 30 punti non sono male …

    Trentalange nuovo presidente AIA io c ero a Bologna…..

  7. Dino Ravera ha detto:

    Anche stavolta non lho guardata…bene così non mi faccio del nervoso e facciamo punti.Per quest’anno continuo così il prossimo vedremo…Ah dimenticavo complimenti vivissimi allo spezia non avevo mai visto una neopromossa ridicolizzare la prima in classifica..auguro di tutto cuore la salvezza ,una squadra così da lustro alla serie A

  8. Mino53 ha detto:

    Quando abbiamo un po di buona sorte sembra che dobbiamo vergognarcene mentre quando perdiamo partite in modo sfortunato come con il Bologna o il Milan in casa oppure a Cagliari e’ colpa nostra. Oggi si dimostra plasticamente che se hai una rosa adeguata puoi fare certi cambi e migliorare il rendimento e l’Allenatore e’ li per questo. Infine vorrei menzionare Omar Colley il miglior giocatore assieme a Yoshida della squadra ed è da parecchio tempo ormai che non leggo piu’ commenti sui due, soprattutto il primo. Non mi riferisco al sig Michieli di certo perche’ so che la pensa come me.

  9. petrino ha detto:

    L’ importante e’ avere vinto e turarsi il naso.
    In attesa che la tramontana spazzi via i miasmi puzzolenti.

  10. livio ha detto:

    Dopo 90 minuti di maldistomaco, mi va di fare una battuta: meglio perdere onorevolmente una partita, giocando bene, o viceversa agguantare una vittoria, come abbiamo appena fatto con la Fiorentina!?
    Sinceramente questi tre punti sono d’oro colato e mi fanno un piacere enorme. Il calendario non ci consente di cullare troppe illusioni…. Infatti .poche volte come oggi ho avuto l’impulso di cambiare canale e guardarmi un bel film. Specie nel primo tempo la sagra degli orrori…Thorsby inguardabile. Mai un passaggio oltre i tre metri….gli altri molli e svagati….Mi sono chiesto cento volte : possibile che TUTTI abbiano dimenticato i fondamentali? Una triangolazione conclusa? Merce rara!!.
    Bisogna anche dire che la Viola – duecento/trecento milioni di investimenti- ha mostrato un gioco balbettante più del nostro. Il risultato è quanto dice la classifica. Giuste peraltro le loro recriminazioni a fine gara; solo per caso o per demerito non hanno saputo raggiungere un possibile pareggio. Comunque la Samp appare involuta; anzichè assimilare gli insegnamenti del Mister ( ma ci sono davvero oppure sono solo chiacchiere?), vedo uno scadimento qualitativo generalizzato. In regresso Thorsby, Beres, Silva, Augello….dopo venti partite ti aspetteresti un po più di amalgama; che il gioco fluisca naturale e spontaneo…!? A Bogliasco cosa fanno in settimana?…Fortuna che Audero , Colley e Yoshida sembrano tener duro….Ma divertirsi è un’altra storia!!!! Saluti a tutti e godiamoci questi 30 ……

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      “In regresso Thorsby, Beres, Silva, Augello”… Sei sicuro? In regresso da che?

      • Zaccotenay ha detto:

        Thorsby sicuramente se non è in giornata soffri e da tre quattro partite che non lo vedo più come prima combattivo e con i tempi giusti nel pressing, se non è in giornata cono caxxi amari, oggi ha causato la punizione del pareggio e tanti falli inutili in zone del campo pericolose. Silva non bene, lento anzi lentissimo perde palloni sanguinosi, jankto invece è una speranza per tutti i giovani, infatti se gioca lui in A il sogno di giocarci è per molti per quasi tutti. Ancora 10 punti e l’agonia finalmente potrà finire, giocare peggio di noi è una vera impresa. Candreva deve giocare sempre e Fabio almeno mezz’ora finale deve farla con loro in campo è tutta un’altra storia.

      • ROBY LEVANTE ha detto:

        L’unico in regresso è sempre Jankto che,dopo un breve periodo, ha ripreso solo a correre per il campo,ma mai un passaggio anche di pochi metri ,un tiro in porta e un dribbling.Un po’ poco per uno che è stato pagato 15 milioni di Euro,vero Ferrero ?

  11. petrino ha detto:

    L’ importante e’ avere vinto e turarsi il naso.
    Sperando che la tramontana spazzi via i miasmi puzzolenti.
    Domani e’ un’ altro giorno.

  12. MatteoB ha detto:

    Ciao Maurizio,
    La fortuna va e viene come dici sempre tu…

    Oggi ho visto un centrocampo in affanno, anche a Benevento é stato così. Adrian Silva era scoppiato dopo 40 minuti e il biondo core per 4 ma tecnicamente nn ne azzecca una che sia una. Jankto i regressione…. Insomma urge far rifiatare il centrocampo inserendo le riserve a Roma per poi giocarsi il jolly con tristezza gasperini, che a tre giorni dal real, nn credo verrà con il coltello tra i denti…. E nemmeno con tutti I titolari…

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Quali riserve faresti giocare a Roma?

      • MatteoB ha detto:

        Ciao Maurizio,
        Senza entrare nel merito dei ruoli, le riserve del centrocampo sono tre: Askildsen, Leris e Verre. Tralasciando Thorsby, che atleticamente é una garanzia, devi trovare il modo di far riposare gli altri. Ripeto, farei qualche considerazione su un po’ di turn over con la lazio per investire maggiori energie sulla gara interna con l’atalanta che con ogni probabilità verrà a Genova rimaneggiata e con la testa alla champions. Questo nn significa scendere a Roma sconfitti, ma utilizzare una partita oggettivamente difficilissima per far rifiatare chi é in evidente carenza di benzina (Silva e jankto ad esempio)

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Non sono d’accordo Matteo, non andrei mai a giocare a Roma contro con Lazio con Askildsen, Leris e Verre. La Sampdoria non fa le coppe, i migliori a mio parere devono giocare sempre.

          • MatteoB ha detto:

            Maurizio, ma nn ti sembra che a centro campo abbiano poca benzina? Io ho visto Silva boccheggiare dopo 40 minuti, Candreva con il Benevento arrivare a 60 si è no, il biondo cmq più appannato del solito (e lo escono i limiti), nn vorrei che per nn dare una settimana di riposo a qualcuno, se ne pagassero le conseguenze a livello di punti e di infortuni. Poi ovvio che se l’allenatore li ritiene a posto, si va con i titolari e buonanotte.

          • ROBY LEVANTE ha detto:

            Sono d’accordo .Il problema è che noi ,pur non giocando le coppe, non riusciamo a tenere atleticamente i 90 minuti perchè i giocatori o sono male allenati o non riescono fisicamente a sostenere il ritmo partita,indipendentemente dalla qualità dei giocatori stessi.

    • Stefano1970 ha detto:

      Non smarriamo il concetto che questa è già una squadra di riserve…

  13. francesco papi ha detto:

    Ferrero in casa e Trentalange alla porta …..MAMMA MIA

  14. Franco T. ha detto:

    La Samp di Ranieri verrà ricordata paradossalmente come una tra quelle con “meno gioco” e più punti fatti. Un’arcano mix di antica e magica memoria. Se si pensa quali sforzi ha fatto Giampaolo per riuscire a dare un gioco riconosciuto alla Squadra per poi aver raccolto meno del seminato, Mister Ranieri è riuscito forse a fare l’inverso, mettere in campo le singole individualità e lasciare che il “gioco” si concretizzi nel momento della realizzazione dei goals. Non sarà senz’altro solo così per nessuno dei due allenatori, ma la visione pratica gli assomiglia molto. Comunque quando si fanno punti tutto va bene come la regola del Calcio stabilisce da quando esiste. Certo che se pensiamo a tutto quello che ha costruito l’Atalanta ed è settima in classifica..! almeno fino ad ora. Alle prossime..Cordiali Saluti

  15. Livio ha detto:

    …..scusate se vi importuno ancora….

    Ma vorrei ancora aggiungere al mio post precedente che l’insoddisfazione per il gioco espresso è ancor più cocente dopo aver visto come si sa comportare una squadra di elementi molto mediocri ( il valoroso Spezia che ci ha già meritatamente battuto..) affidata alle mani di un ottimo allenatore….Buonasera Mister Ranieri….

  16. Marcopic ha detto:

    Mamma mia come giochiamo male ! Ieri ho visto lo Spezia e mi son detto che noi così non giochiamo nemmeno quando vinciamo 5 a 0. La classifica è ottima invero ma ritengo che con questi giocatori il gioco debba essere migliore . So, Sig.Michieli, che Lei ritiene questi giocatori di valore medio basso ma sinceramente dopo aver visto i nomi dello Spezia tipo Agudelo etc sinceramente credo che la rosa della Samp sia di molto superiore anche a livello di opzioni a gara in corso . Certo che se si fa giocare Quagliarella ma anche una delle qualsiasi altre punte a nostra disposizione a 40/50 metri dalla porta e non li so accompagna mai con un gioco corale di squadra ma solo con lanci lunghi , anche Ronaldo farebbe delle tristi .

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Ho scritto e detto più volte che questo gioco non mi piace, ma almeno a me piaceva quello di Giampaolo. Invece qui non piace mai nulla, quasi come a dire che questi giocatori fenomenali dovrebbero fare di più. Quanto a Ronaldo, Allegri è stato cacciato dalla Juventus perché, di diceva, giocasse male…

      • Marcopic ha detto:

        Anche a me il gioco di Gianpaolo piaceva quanto meno per l’organizzazione .
        Ritengo infatti che con Gianpaolo questi giocatori forse non tutti giocherebbero meglio . Sui risultati invece sono soddisfatto . Non abbiamo giocatori fenomenali ma ripeto lo Spezia che giocatori fenomenali ha ? Eppure ha un gioco migliore del nostro anche se probabilmente , spero. Ci finirà dietro

      • Marcopic ha detto:

        Anche a me il gioco di Gianpaolo piaceva quanto meno per l’organizzazione .
        Ritengo infatti che con Gianpaolo questi giocatori forse non tutti giocherebbero meglio . Sui risultati invece sono soddisfatto . Non abbiamo giocatori fenomenali ma ripeto lo Spezia che giocatori fenomenali ha ? Eppure ha un gioco migliore del nostro anche se probabilmente , spero. Ci finirà dietro

      • petrino ha detto:

        Allegri vinceva.
        E conta solo quello, non solo alla Iuve, ma in qualsiasi squadra..

      • jan ha detto:

        Caro Maurizio a me questa Samp va bene, benissimo !
        Con una rosa non certo stellare stiamo navigando verso l’obiettivo della salvezza, poi vedremo cosa succede dopo. Negli ultimi anni c’è stato un rilassamento imbarazzante una volta salvi o cmq giunti a fine campionato, per cui sono curioso di vedere se ci sarà una svolta mentale anche sotto questo aspetto.
        Io sono dell’idea che il mix squadra allenatore, con i suoi alti e bassi, sta facendo un ottimo lavoro !

      • Cicciosestri ha detto:

        Questa volta concordo con Maurizio (trano ma vero … 😉 ). Anche a me piaceva molto il gioco di Giampaolo, però sono molto soddisfatto di quello che stiamo facendo quest’anno.

      • steva ha detto:

        Commento da incorniciare. Giampaolo ci ha fatto fare tre stagioni di buon livello dove spesso si vedeva un buon gioco nonostante non ci fossero dei fuoriclasse eppure tutti li a criticarlo perche’ arrivava 9/10. Con Ranieri siamo 9/10 il gioco è diametralmente opposto eppure giù a criticarlo. Ma vogliamo renderci conto che con questa società questa posizione di classifica e’ oro colato!

      • Sand66 ha detto:

        Gioco di Giampaolo parliamone, se funzionava si ma quando non funzionava erano volatili amari, imbarcate paurose e girone di ritorno inesistente.
        Ranieri è nella stessa posizione ma quando gira male puoi perdere di misura, inoltre ora ci sono investimenti nettamente inferiori (vedi monte ingaggi).

  17. Francesco ha detto:

    Fare punti senza tante Musse questo è importante.
    Avanti così- 10 all’obbiettivo.

  18. belmondo' ha detto:

    piu’ che brutti direi orrendi…ma va bene cosi’, la nostra dimensione e’ questa e 30 punti in 21 partite sono un bottino eccellente.
    turiamoci il naso e prendiamoci questi 3 punti d’oro, guardando giocare le squadre che ci sono dietro, ad eccezione dello spezia, non vedo tanto di meglio come gioco

  19. Pier56 ha detto:

    Oggi salvo solo il risultato, perché gioco zero: palla in avanti e pedalare. Il problema è che la Fiorentina correva il doppio di noi e arrivava sempre prima sul pallone. Meno male che la difesa ha retto bene, finalmente. Poi, è vero, la qualità ha fatto la differenza, come ha detto Ranieri, con l’entrata dell’Intramontabile e di Candreva. Diciamo che é andata bene..ma diciamo anche che il gol del pareggio era viziato da un fallo di braccio giudicato involontario (chissà perche quelli che facciamo noi in area sono tutti volontari…) e mi sembrava che su Ramirez ci fosse un rigore. Comunque +15 dalla terzultima é un buon risultato alla 22. Forza Doria, sempre!

    • livio ha detto:

      @ Pier 56

      Hai visto molto bene….l’euforia per la vittoria ci ha fatto dimenticare ogni polemica….Ma l’ineffabile arbitro Manganiello non ha voluto nemmeno consultare il Var ed ha preferito trasformare un chiaro rigore su Ramirez in un cervellotico fallo in attacco…..

  20. alessio ha detto:

    ciao maurizio devo correggere il tuo titolo,ORRENDI E SCULATI,questi siamo ,una roba veramente inguardabile ma la cosa che mi da piu’ fanstidio e’ che qualcuno parlava di europa,giochiamo il peggior calcio della serie A.se di calcio si puo’ parlare,contento dei punti ci mancherebbe ma passare per la squadra piu’ sculata della serie A non mi piace per niente. sinceramente spero ranieri vada via il prossimo anno anche se si rischiasse di retrocedere ma questo 4411 non si puo’ veramnte piu’ vedere detto questo cosa aspettarsi da un ambiente societario del genere FERRERO VATTENE PER FAVORE PAGLIACCIO BUFFONE

  21. Paolo64 ha detto:

    Maurizio, dicendo cosi la Lazio non fa paura è come con la juve di può perdere. va bè un punto con il Benevento è meglio della sconfitta. Ok tutto vero, ma vero anche che siamo una squadra bruttissima. Buoni i punti (quest’anno ci gira bene), ma gioco a mio avviso ben poco. Prendiamo gol da tutti, non vinciamo mai 2 partite di fila, in 10 arroccati dietro e poi palla avanti alla come viene sperando in un episodio, ma è gioco questo? Vedo Spezia, Benevento. Verona,… squadre sulla carta più scarse di noi individualmente giocarsela con tutti, noi se giochiamo, giochiamo solo in tempo sempre in affanno. Penso si potrebbe davvero fare un pò meglio. Certo la posizione in classifica mi smentisce, e sono felice di questo, ma lasciatemi dire che a vederla giocare soffro solo e non mi diverto.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Non so cosa risponderti, più che titolare Brutti ma Buoni non so cosa fare.

    • Cicciosestri ha detto:

      Caro Paolo, io capisco tutto, però quest’anno la Samp ha vinto 3 partite di seguito con Fiorentina, Lazio e Atalanta, con Verona e Crotone e poi con Udinese e Parma 2 di seguito, commentate quello che volete, ci mancherebbe, ma almeno non scrivete cose non vere …

  22. maurosampbolzano ha detto:

    una cosa è certa questa non è una squadra per deboli di cuore,in tutti i sensi,poi va bene così ma Dio mio partire in casa con una punta e metterci una eternità per riavviare l azione dalla tua area mi sembra esagerato SIR, poi si vince ma non è da deboli di cuore, ad ogni modo avanti Samp.

  23. paolo63 ha detto:

    Buona sera Maurizio faccio notare che anche lo scudettato Leicester giocava piu’ o meno cosi’ 36 minuti possesso palla lunga per Vardy che faceva e gli riusciva tutto.Giocatori di classe? Mahrez, Vardy un rubapalloni come Kante’.Seconda punta Okazaki. Dietro due bestioni come Huth e Morgan sulle fasce Fuchs e Chilwell o Simpson. In mezzo Kante’ e Drinkwater a sinistra Albrighton.Non vedete analogie con la nostra squadra?Gioca uguale ma risultati diversi.Ranieri e’ cosi’ dai tempi della Puteolana e Catanzaro.Attende e gioca di rimessa diciamo simil catenaccio.Penso pero’ che fosse l’unico l’anno scorso a tirarci fuori dalla bratta.Ricordo che perse uno scudetto contro di noi xche’ a un certo punto ha abbassato il baricentro avendo paura.(Storari a parte).Certo che qualche volta mi piacerebbe vedere giocare bene anche perdendo, ma per ora va mooooolto bene cosi’

  24. Fra Zena ha detto:

    Ho poco da aggiungere ai commenti già fatti da altri: prendiamoci questi importantissimi tre punti, salutiamo l’ennesimo gol di keita e il ritorno alla rete di Quaglia, e passiamo una bella settimana
    Faccio solo alcune condisiderazioni generali:
    – ho goduto particolarmente a battere la Fiorentina , squadra super pompata e sopravvalutata, e Prandelli che mi è sempre stato antipaticissimo
    – abbiamo un ottimo attacco e una difesa accettabile per i nostri obiettivi. Dove siamo lacunosi secondo me è a centrocampo, per questo non riusciamo mai a controllare le partite. Silva si impegna molto e ha un buon piede, ma soffre maledettamente il pressing e spesso perde palla. Thorsby anche lui grande impegno ma sbaglia tantissimo in entrambe le fasi. Askildsen oggetto misterioso. Resta Ekdal che io farei sempre giocare, ma in generale mi pare il reparto più debole
    – attenzione a bollare squadre come lo Spezia o il Bemevento come “scarse” solo perché hanno giocatori poco conosciuti. Il curriculum nel calcio non è tutto. Ricordo quando prendemmo cigarini nel 2016 eravamo tutti contenti , dopo una settimana Giampaolo disse che il titolare era torreira (sconosciuto a tutti all’epoca) ed ebbe ragione
    – trentalange capo degli arbitri. Mi ribolle il sangue nelle vene
    Mi scuso con i puristi del forum per avere spesso usato la prima persona plurale “noi”, so che ad alcuni la cosa non è gradita

  25. Roberto72 ha detto:

    Buonasera a tutti, è la prima volta che scrivo qui. Pertanto chiarisco subito che il parere è personale e per definizione opinabile.
    La Samp di Ranieri, secondo me, ha mostrato nell’arco di questo campionato due facce efficaci:

    1) in fase di non possesso, pressing alto organizzato con protagonista indiscusso Thorsby, recupero di palla alto e ripartenza fulminea. Le gare di Bergamo, Firenze e quella con l’Inter in casa gli esempi migliori.

    2) in fase di possesso, caratteristica principe del 442, la sovrapposizione ed il relativo controllo sulle fasce, con Augello (soprattutto) e Candreva protagonisti. La mancanza di un giocatore abile nel gioco aereo, prima dell’arrivo di Tottegrossa, ci ha fatto sottovalutare questo aspetto del gioco.

    Io credo che Ranieri un’identita l’abbia data.
    Detto questo, credo che sa uomo di campo sappia quanto sia importante la gestione dello spogliatoio, ergo certe scelte servono anche ad avere sempre giocatori disponibili (oggi forse il più penalizzato è Verre che entra poco nelle rotazioni).

    Quello che forse sottovalutiamo è che alla seconda di ritorno, gli avversari abbiano capito come si possa mettere in difficoltà la Samp e ci pensino due volte prima di affrontare la Samp senza pensare a chi si trovano davanti.
    Inoltre, è sempre possibile che una partita preparata bene, poi trovi un limite negli interpreti: è chiaro, ad esempio, che oggi Ranieri voleva da Ramirez un appoggio a Balde in fase di possesso e un aiuto al centrocampo in fase di non possesso: Ramirez era sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato, ovvero sempre fra centrocampo ed attacco, troppo avanti per aiutare Silva e Thorsby, troppo indietro per aiutare Balde.
    Risultato: dominio viola in mezzo e isolamento di Nalde.

    Lati positivi: Quagliarella e Candreva diabolici nei 20′ che hanno giocato e anche il buon Leris utile nei recuperi su Malcuit e Callejon.

    Insomma, guardiamo Cagliari e Torino e stiamo calmi, molto calmi.

    Un abbraccio a tutti.

  26. gianluca ha detto:

    buona serata
    leggo posts terribili, ma ricordo a tutti che abbiamo vinto, vero , ci stava il pari ma allora ci stava anche con l’inter e con il sassuolo od il milan,, e il calcio, gli episodi cambiano le partite,, ,,
    e con maggior qualita’ e con i cambi gli episodi possono girare a volte male ma piu spesso girano bene
    cmq per me va bene cosi,, una sola nota ho letto nelle pagelle di primocanale 4 a leris,, vero che ha rovinato un contropiede in modo drammatico, ma mi sembra troppo severo,, i pochi minuti che ha giocato ha fatto benino , a parte il contropiede,, sarei stato piu generoso ,, vediamo a Roma,, non si sa mai,,
    buona settumana a tutti

  27. Massimo Pittaluga ha detto:

    sono d’accordo sul gioco che lascia abbastanza a desisderare e soprattutto le squadre avversarie arrivano con troppa facilità vicino alla ns area, però 30 punti e 15 dalla zona retrocessione sono tanta roba dopo la scorsa stagione di sofferenza e visto mi ripeto la proprietà che abbiamo. arriviamo a 40 e poi speriamo che la squadra invece di andare in vacanza provi a giocare meglio. devo dire che audero e i centrali stanno andando bene che kieta fa gol praticamente ogni partita ed è decisivo vista la distanza che c’è tra lui e il resto della squadra, ruolo che quagliarella faticava troppo a ricoprire. invece la mezz ora fresco e per classe è ancora un attaccante di livello. non lamentiamoci troppo anche perchè ci sono ruoli sugli esterni e davanti ben coperti ma ranieri non ha terzini di riserva e spesso vedo i due laterali soprattutto augello in affanno rispetto a qualche patita fa. con la lazio che avrà il bayern e l atalanta giocherei sempre con le squadre migliori possibili ed inoltre coi 5 cambi puoi ruotare bene i giocatori e la samp ha qualche cambio buono. siamo dove possiamo stare al limite e al massimo sopra il verona ma come noi ci sono altre 5 6 squadre sul ns livello più o meno ed una era la fiorentina. io non credo alla fortuna di ranieri ma credo che sia un gioco redditizio. oggi pe carità è andata bene perche potevano pareggiare alla fine ma leris poteva anche chiudere l’azione del 3 1. il gioco non è bello in effetti e i rischi che si corrono dietro spesso sono tanti ma alla fine non fai 30 punti solo con la fortuna. la squadra alla fine ha delle eccellenze davanti che se ben utilizzate come fa ranieri alla fine segnano o fanno assist importanti (damsgard a benevento oggi candreva). dietro portiere e centrali stanno facendo bene e nel mezzo sia silva che ekdal sono affidabili.abbiamo dei punti deboli ma non li avessimo non si sarebbe parlato di salvezza tranquilla. credo che il sassuolo abbia qualcosa in più e le altre davanti siano di un altro livello. con le altre ce la giochiamo e fino ad ora malgardo un gioco un po antico i punti sono arrivati e questo vuol dire che anche se datato il metodo funziona altrimenti tutti gli allenatori innovatori dovrebbero sverniciare ranieri che invece 30 punti li ha messi assieme con ancora tante partite davanti. per il calcio spettacolo aspetto una proprietà diversa per ora già rispetto allo scorso anno è quantomeno un altra classifica.
    non inquadrassero ferrero 3 4 volte a partita sarebbe bello. va bene che tratta i diritti tv e che deve fare il passaggio televisivo però una volta a partita sarebbe sufficiente.

  28. belmondo' ha detto:

    L’ importante e’ avere vinto e turarsi il naso.
    In attesa che la tramontana spazzi via i miasmi puzzolenti.

  29. Flavio da Manchester ha detto:

    Ciao a tutti
    Vittoria sofferta, vittoria più’ bella.
    Che vergogna il campo, che vergogna di stadio.
    Il volo dei cugini ha offerto comunque un bello spettacolo quasi 3D, stile Dumbo quando era gonfio…
    Saluti

  30. Solosamp1946 ha detto:

    Ennesima partita mal giocata da una squadra che , dopo 22 giornate , ancora non ha un 11 titolare…ogni partita c è una rotazione assurda di giocatori e moduli. E per concludere…tentato suicidio di Ranieri che ha inserito leris…da un goal praticamente fatto per noi abbiamo rischiato di prenderlo. Ancora una volta Ranieri baciato dalla fortuna. Meglio così per noi.

  31. simopasto ha detto:

    Non capisco tutte queste critiche al nostro Mr., che per contro sta facendo miracoli, anche con fortuna (ma quella è basilare, se non tutto), col materiale a disposizione. Il Mr giustamente elogia chi è subentrato, ma Quaglia deve essere centellinato e Candreva non mi pare finora ai livelli dei suoi anni migliori alla Lazio e in parte all’Inter. Di Leris lasciamo stare: questo per dire che il nostro parco giocatori non è di caratura europea, bensì tarato esclusivamente per questa classifica, ad oggi onesta. Finché avremo questa iattura come presidente, ci sarà da esultare sia per l’eventuale mancato fallimento/broglio societario sia per la permanenza in A. L’anno scorso – io per primo – ho esultato per Di Francesco: è vero che non gli erano stati dati i giocatori necessari per il suo modulo, ma ben ci ricordiamo qualità ed efficacia di quel gioco!!!!

  32. Marco62 ha detto:

    A tutti gli esteti del calcio , ricordo che abbiamo vinto uno scudetto con questo tipo di gioco, certo gli interpreti erano altri , però il modo di giocare era quello,

  33. Souness ha detto:

    Vittoria sofferta contro una squadra che non si capisce come possa avere così pochi punti.
    Finalmente Ranieri ascolta la piazza e fa entrare Quagliarella nel secondo tempo con le squadre più stanche e si vede la differenza.
    Trovo che la difesa abbia giocato una buona partita ma sinceramente non capisco l’inserimento di Ramirez per 90 minuti.
    Certamente le alternative non mancano e qui vedremo nelle prossime partite come Ranieri saprà cavarsela nel gestire tanti uomini validi in avanti.
    Trenta punti sono un buon bottino che dimostra che la società tanto criticata alla fine abbia operato bene e ricordiamoci sempre che il monte ingaggi della Sampdoria è il 15mo tra le squadre di serie A.

  34. Faso ha detto:

    Leris ieri andava preso per il collo tipo Regini ad opera di Sinisa in un famoso derby… quel due contro uno e palla regalata con conseguente loro ripartenza e gol del pareggio sfiorato al 94′ ha messo a dura prova le coronarie di molti di noi.
    Per il resto concordo con quei (purtroppo) pochi che si tappano il naso e si tengono ben stretti questi tre punti figli della buona sorte, o del “pragmatismo” come si direbbe da altre parti…
    E mi tengo pure stretto Ranieri che lo scorso campionato ha compiuto un “miracolo” di cui forse molti si sono dimenticati.

    FERRERO VATTENE

    PS: complimenti ai Cialtroni per la loro bellissima cover !!!

  35. Daniele da Rapallo ha detto:

    Caro Maurizio, analisi corretta.
    “Vince ma non convince” si sarebbe detto un tempo. La Sampdoria porta a casa tre punti sporchi in una partita brutta, frutto di un maggior cinismo, contro una squadra piena di problemi che, come nomi, non dovrebbe essere certo li dov’è.
    Le gioie e i dolori sono sempre gli stessi : buona squadra da centrocampo in su (anche se Thornsby e Silva forse un po appannati), buono il parco centrali difensivi, a corrente alternata i due terzini senza riserve (pecca che va a inficiare il voto sulla campagna acquisti, al netto delle ovvie considerazioni societarie).
    A mio modesto parere sarebbe il caso di smetterla di parlare di salvezza ma fare piuttosto considerazioni su aggancio a Verona e/o Sassuolo : nella vita darsi un obiettivo e perseguirlo.

    Nel piccolo angolino nel quale porgo i miei complimenti allo Spezia (che vince grazie a 2 prodotti del vivaio), aggiungo la considerazione che il gioco, a volte, paga.
    E qua dico la mia su alcuni post, e tue risposte, inerenti al gioco : in effetti “il gioco” lo abbiamo avuto, e ha dato i suoi frutti, con Giampaolo che a Genova aveva trovato il suo habitat, oltre al punto più alto della sua carriera come risultati. Gioco che si perdeva via, via nel giorone di ritorno. Personalmente non ho mai criticato ne esaltato particolarmente Giampaolo che aveva avuto a disposizione gente come Muriel,Zapata, Torreira, Praet ecc ecc.
    Ranieri, uomo di indubbia esperienza, è più pragmatico : la Sampdoria raramente diverte a vederla giocare (che vinca o che perda) e che forse con la rosa attuale potrebbe osare di più. Bene il fatto che forse abbia capito che Candreva e soprattutto Quagliarella possano essere più devastanti nei secondi tempi, a seconda della partita. Che ne dici ?

    • Sand66 ha detto:

      Ricordo anche grandi imbarcate con il famoso gioco di Giampaolo e gironi di ritorno veramente infimi, ma allora si diceva “colpa dei giocatori” che però erano gli stessi del girone di andata.

  36. Carlo46 ha detto:

    beh vedo che ormai il Mister Ranieri mette tutti d’accordo. D’altronde come avevo previsto dopo Benevento altro giro di giostra, altro modulo, altri interpreti, Thorsby che non esce mai perchè ammettiamolo, nel non gioco assoluto è l’interprete più essenziale. Io davvero non mi capacito della pochezza proprio del lavoro tecnico, settimanale, del mister. Non si vede niente, ma niente che assomigli a qualcosa di preparato, studiato, allenato.
    I piedi buoni del centrocampo (Verre soprrattutto) stanno in panchina a demotivarsi, le punte ruotano di continuo e non c’è una coppia che abbia un minimo di intesa. Per fortuna ci salva la qualità dei singoli, l’ottima stagione del portiere ed un bel livello di ‘paniere’. Tutti elementi essenziali, certo, nel calcio. Per me si il guitto deciderà di risparmiare due terzi dell’ingaggio affidandosi ad un allenatore mestierante qualunque l’anno prossimo andrà bene, quantomeno qualcosa in settimana preparerà.

  37. Sand66 ha detto:

    Che dire, con il Benevento meritavamo di perdere e ieri di pareggiare ma il calcio, in fondo, è questo, paradossalmente dietro siamo messi meglio che in avanti, perennemente in affanno a centrocampo nonostante si schierassero a cinque (Ramirez sostava costantemente in linea) e con il grande Keita (stavolta devo dirlo) a tenere da solo l’attacco (timbrando nuovamente il cartellino).
    Onestamente la viola è sul nostro livello e se ha avuto predominio è essenzialmente per la mollezza di certi nostri elementi, Gaston ne fa una giusta e ne sbaglia dieci mettendo sistematicamente in difficoltà Silva che, invece, dovrebbe poter impostare serenamente, per non parlare di Thorsby sempre in affanno con Vlahovic (no Ibra).
    Ranieri adotta la logica della grande squadra, prima non prenderle poi sfruttare la maggiore qualità dei singoli e fino ad ora i risultati gli danno ragione ma non dispiacerebbe vedere qualche idea di gioco ogni tanto, anche sporadicamente.
    Chiusa finale sulla difesa, ottimo Audero e Yoshida, bene Colley se rientra Ferrari sarebbe tanta roba (fasce escluse naturalmente).
    Forza Doria sempre e comunque.

  38. Giulio ha detto:

    La Samp ha un organico quasi pletorico ma ha alcuni buchi da riparare. Poiché i soldi non ci sono più, dovrà vendere e penso che venderà Audero (finalmente strepitoso, mi ricorda Romero) e Damsgard(spero che rimanga visto che è l’unico che sa dribblare e crea superiorità numerica) . Ma per rifondare la squadra ci vogliono forze fresche e un po’ di tecnica. Basta giocatori stagionati che dopo 60 minuti vanno sostituiti. Quest anno va così, persino bene, nei risultati ma siamo senza futuro..Mi piacerebbe una squadra giovane, senza paura. Credo che non sia necessario rivoluzionare l’organico ma sia sufficiente trovare un regista (alla Torreira), un terzino sinistro e distillare il meglio della attuale rosa. Infine, un allenatore giovane e dinamico, possibilmente un ex centrocampista (è un idea mia ma ho sempre avuto la sensazione che chi ha giocato a centrocampo abbia il senso armonico del gioco di squadra.). Infine mi piacerebbe vedere Askildsen, che sembrerebbe non valere nemmeno Leris( che dieci minuti li fa sempre) visto che non gioca mai.

  39. Matteo Genovese ha detto:

    Una delle partite piu brutte mai viste sin ora, ma questo è quello che passa il convento !! Tre punti in saccoccia la cosa buona di questa domenica…. Il resto gia scritto e riscritto. FORZA DORIA SEMPRE !!!!

  40. Cicciosestri ha detto:

    Io sono veramente basito a leggere i commenti della stragrande maggioranza dei miei compagni di tifo, così come ero basito quando li leggevo durante i 3 anni di Giampaolo. Leggo ora che non va bene perché facciamo punti ma non giochiamo bene, però leggo che molti hanno paura di quelli là che Ballardini ha resuscitato, ma li avete visti giocare? Se noi siamo brutti loro cosa sono? Poi vedo Napoli Juve e vedo una partita obbrobriosa tra 2 serie candidate ai primi 4 posti. Io squadre che giocano male ne conto almeno 15 su 20, ma sarò strano io. Poi gli stessi che dicono che ora non va bene, dicevano che con Giampaolo in molte partite si giocava bene però si perdeva e l’importante era fare punti. Leggo critiche all’operato della società e poi si dice che la rosa a disposizione di Ranieri permetterebbe un gioco migliore, altra contraddizione, o ha fatto bene la società negli acquisti oppure Ranieri, ma tutte e due le cose non è possibile! Poi leggo che i nuovi acquisti non ci fanno fare il salto di qualità, e vedo che Keita ha numeri impressionanti così come Candreva e Damsgaard. Sinceramente molti miei compagni di tifo non li capisco più, sarò io quello strano …
    Con il Benevento abbiamo pareggiato tirando più di loro e avendo più possesso palla e ho letto che meritavano loro, con la Fiorentina succede il contrario (possesso palla circa 50%) e meritavano di nuovo loro. Ma dove abbiamo avuto culo? Hanno preso forse pali e traverse e Audero è stato miracoloso? Se fanno più tiri e non prendono mai la porta i nostri sono grammi, se lo fanno gli altri sono sfortunati, me tastu se ghe sun …
    Anche io non sopporto Ferrero ma cerco di scindere i giudizi sulla squadra dalla personale antipatia, fatelo anche voi!
    P.S.: Siamo al decimo posto, sopra a squadre con proprietà americane che tutti vogliamo, ed in piena corsa per l’ottavo posto, ma si può sapere che cosa volete dalla squadra con il presidente più povero della serie A!?!

  41. Pinzer 76 ha detto:

    Leggendo i commenti mi sembra che si stia un po’ esagerando , vi ricordo sempre in quale contesto societario siamo .. non credo che oltre alla posizione in classifica e all’ obiettivo della salvezza ci possiamo anche permettere il calcio champagne. Mister Ranieri non è poi famoso per il suo gioco da esteti, ma per la sua praticità nel raggiungere gli obiettivi , mi verrebbe la pelle d’oca a immaginare seduti sulla nostra panchina gente come De Zerbi o un Italiano ( che adesso è un fenomeno ma aspettiamo la fine del campionato)senza parlare del fenomenale Di Francesco….
    Io invece credo che probabilmente stiamo vivendo una flessione sul piano fisico ma i risultati continuano ad essere abbastanza positivi .. , L unica cosa che vorrei dire al mister è quella di mettere come obiettivo stagionale una vittoria nel derby con conseguente supremazia cittadina in classifica.

  42. marco Milano ha detto:

    Sento tanti paragoni con Spezia, Verona e Benevento… non si può pensare che Ramirez, Quagliarella, Silva e Candreva, per fare 4 esempi, corrano e si sacrifichino come Agudelo, Schittarella o Dimarco.. Quelle sono squadre costruite diversamente, altra fame, altro pedigree e carriere ancora tutte da costruire. Noi abbiamo puntato sull’usato sicuro ed il gioco che ne consegue è questo Ranieri usa tanto buon senso, dà equilibrio e signorilità ad un ambiente molto carente di queste doti, anche ieri ha azzeccato i cambi, poi non sempre la prestazione è figlia della preparazione ma questo non sposta di una virgola il giudizio sul tecnico, accusato anche di perdere in partenza le gare con le sette sorelle. Le partite con Lazio, Atalanta ed Inter quest’anno hanno smentito anche questa opinione.
    Ballardini gioca peggio di Ranieri piazza il pullman davanti alla porta però nessuno si sogna di criticarlo perchè ha salvato il genoa in un mese, lo spezia ha preso 5 gol al 90esimo in contropiede però siccome ha giocato benissimo con il Milan nessuno se lo ricorda.. E’ il bello del calcio, ogni settimana si dice tutto ed il contrario di tutto.

  43. francesq ha detto:

    Sono le vittorie che fanno la differenza.

    Quelle che apprezzerebbe Allegri e che porterebbero Adani a scavillare sulla proposta di gioco, la garra charrua e affini (tanto per citare una nota boutade televisiva). E’ una fetta di salame dentro il pane, che intanto ti passa la fame.

    E’ la Samp operaia di Ranieri, che la strappa ad una Viola assurdamente nelle retrovie (giocatori ne hanno eccome), grazie ad una buona prestazione difensiva: ieri c’era la versione migliore di Colley (per me da 8 secco; infradito nell’armadio, mazzaferrata in pugno), un buon Yoshida, il consueto Audero dei miracoli.

    Per il resto, Thorsby a uomo su Castrovilli è un remake della zona mista anni ’80, se vogliamo un po’ alla Fausto Pari – mutatis mutandis – che si incollava sul centrocampista “più buono” degli avversari e non lo mollava più.

    Poi poco altro, ma quel che basta. La gestione dei “vecchietti” Candreva e Quaglia, che ci fanno vincere la partita. Keita, che è forte, forse l’unico “elettricista” della truppa, inteso come quello che può accendere la lampadina.

    In Italia funziona così. Abbiamo sempre avuto un campionato “pratico”, dove chi gioca bene, chi fa l’esteta tendenzialmente non vince. Perfino Sacchi, uno che ha cambiato il calcio, ha vinto più in Europa che in Italia, tanto per dire. Senza tacere che la stessa Inter capolista va di contropiede su Hakimi e la LuLa, senza tante balle (mi si conceda).

    Quindi teniamoci questi 4 punti che potevano essere zero. E godiamoci il meraviglioso pragmatismo ranieriano, che sta sostanzialmente tenendo in piedi la baracca; e che funge da punto di riferimento.

    Per gli accattivanti progetti tecnici, le proposte e la garra charrua ci sarà tempo.

  44. Riccio samp ha detto:

    Samp concreta! Il titolo è azzeccatissimo Maurizio… Compatta, quadrata e anche un po’ fortuna la samp ieri mi è piaciuta. Mi aspettavo una presentazione di carattere post Benevento, ed è arrivata. Contro una fiorentina molto più ricca a livello societario, e molto più bisognosa di punti a livello di classifica, non era semplice. Chi adesso parla del gioco non spumeggiante di Ranieri, era lo stesso che si lamentava della poca concretezza Giampaoliana. La classifica è molto bella, e vedere le partite non è più un angoscia come l’anno scorso… Ci sono motivi per cui sorridere. Prevedo una sconfitta onorevole con la Lazio… Di quelle che piacciono tanto al mister… E poi 4 punti tra Atalanta e derby…. Scommettiamo? Buon inizio di settimana a tutti i doriani.

  45. Daniele da Sestri ha detto:

    Rispetto agli anni scorsi, quest’anno abbiamo una Panchina all’altezza di chi scende in campo dal primo minuto….e anche un Mister che raramente (Spezia) sbaglia i tempi e gli uomini da sostituire.

  46. Cicciosestri ha detto:

    Giudizi incoerenti e non capirli:
    se noi becchiamo goal su errore di Audero a Benevento, non va bene, se invece segniamo su errore di Dragowsky siamo fortunati, boh …
    Oltre alle loro occasioni, nel secondo tempo, vorrei far notare 4 errori nell’ultimo passaggio clamorosi in chiusura di 4 contropiedi che avrebbero generato occasioni da goal pulitissime clamorose Damsgaard, Quagliarella, Candreva e Leris. Ah già ma se noi sbagliamo il passaggio decisivo siamo grammi, se invece Colley salva sulla linea, e Bonaventura e Milenkovic non centrano la porta sono sfortunati … strani personaggi i tifosi …
    A proposito, nonostante l’errore sul contropiede, a me l’ingresso di Leris è piaciuto per efficacia e decisione in 3 interventi con recupero palla e ripartenza.
    P.S.: Quando la Sampdoria vince io mi diverto sempre!

    • Fra Zena ha detto:

      condivido in pieno l’ultima frase 🙂
      in generale non si può che concordare con quello che scrivete tu e altri (come Marco qui sotto). Io ammetto di essere molto stupito e molto felice di vedere il Doria a 30 punti dopo 22 giornate. Non me lo aspettavo. Sono contentissimo di non essere per ora coinvolto nella bagarre per non retrocedere, dove ci sono squadre come Fiorentina, Torino e Cagliari che io reputo superiori a noi come rosa (hanno infatti – rispettivamente – il settimo, ottavo e nono monte ingaggi della serie A, mentre la Sampdoria ha il 15esimo). Questo è merito della società, di Ranieri e dei giocatori. La stagione è ancora lunga, ma abbiamo messo delle belle fondamenta per non passare delle serate simili a Lecce- Sampdoria dell’anno scorso, per la quale sto ancora sudando freddo
      Premesso questo, penso sia anche legittimo dire che il nostro calcio molto difensivo presenta molti rischi. Ci difendiamo bassi, bassissimi, aggrediamo solo negli ultimi 25 metri e concediamo sempre parecchie palle gol agli avversari, per quanto spesso poco pulite. Io non penso di contraddirmi se dico che sono molto felice delle vittorie del Doria, ma che secondo me finora abbiamo più punti di quelli che meritiamo

  47. Marco ha detto:

    Noto con sorpresa che quest’anno sul blog siamo diventati tutti esteti del bel calcio….Se si perde perchè si perde, se si vince ma si gioca male….ma bastaaaaa
    30 punti a 16 giornate dalla fine sono tanta roba. Punto.

    • Mauro ha detto:

      D’accordissimo con te Marco,qui c’è gente che non è mai contenta.Giampaolo non piaceva perché giocavi bene ma prendevi le imbarcate e i campionati erano di una noia mortale.Ranieri ci ha preso lo scorso campionato ultimi in classifica con 3 punti dopo 7 partite e ci ha salvato con 4 turni di anticipo.Alzi la mano chi ci avrebbe scommesso.Adesso siamo a 30 punti dopo 22 turni a +15 dalla terzultima eppure gli”esteti” si lamentano perché il calcio di Ranieri non soddisfa i loro palati fini.Se non fosse che ci rimetterei pure io come tifoso,a certa gente auguro Atzori e Cavasin.Oppure auguro,anzi suggerisco,di tifare Real Madrid.

      • Marco ha detto:

        Esatto Mauro, con Giampaolo non andava bene perchè a marzo eravamo già salvi e “ci mollavamo”…qui si è perso il senso della realtà..Ranieri ha preso i cocci lasciati da Di Francesco,ultimi in classifica e ci ha salvato in anticipo…Quest’anno in una situazione così, con la “società” che abbiamo, il solo Quagliarella davanti fino a Natale, senza terzini di riserva, sta facendo un miracolo…eppure non va bene uguale….

  48. Vincenzo ha detto:

    Tanto tuonò che piovve: Trentalange presidente AIA! e noi che l’avevamo criticato perchè incapace e per un rigore inesistente: non sapevamo che sarebbe diventato il n. 1…, dobbiamo fare il mea culpa?
    Meglio brutti con 30 punti che belli con 15/20 punti; vista la sorte abbastanza buona, se fossimo anche belli ci giocheremmo il 2, 3 posto.

    Forza Sampdoria

  49. Paolo60 ha detto:

    Hi folks, lo ZIO VUJA diceva : fortuna va da chi fa un metro di più- Probabilmente la viola quel metro no lo ha fatto !!!! – saluiti

  50. Henry ha detto:

    Leggo qui e in altri blog peste e corna di Thorsby, poi vedo le pagelle della Gazzetta e c’è scritto Sampdoria il migliore Thorsby 6,5. Ohibò!

  51. alex ha detto:

    Caro Maurizio io non sono uno a cui non nvada mai bene niente ma onestamente
    se il nostro gioco si riduce tutto a rubare palla e ripartire , se spesso non riesce, e’ piu
    facile annoiarsi che divertirsi.
    Ma questo non perche RANIERI sia un’incapace, tuttaltro, e’ che secondo me non osa
    mai anche quando la classifica te lo permette.
    Esempio CANDREVA e DAMSGRAAD devono essere sempre in campo e davanti
    Keita e quaglia o Torregrossa., e poi provare a costruire gioco, occasioni, se poi perdi
    salute ma almeno vedi giocare.Invece mi sembra che il nostro allenatore tenda sempre
    a coprirsi e va bene se sei nelle sabbie mobili nella lotta in fondo, ma non siamo messi
    cosi’, quindi che rischi un po dipiu.
    Ciao a tutti e forza SAMP

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      La Sampdoria ha perso partite anche con Candreva e Damsgaard titolari. Non esiste, credo, la formula magica. Il risultato è una somma di valori e questo mi pare accettabile. Ci sono molti modi per ottenerlo, certamente quello di Ranieri non è spettacolare ma non ho la certezza che col calcio champagne si farebbe meglio.

    • Sand66 ha detto:

      A Ranieri perdere le partite per sperimentare non sarebbe consentito, viene criticato pure quando vince figurarsi se perde.

      • beppe ha detto:

        bello che poi i detrattori bastian contrari e vedove varie dicono “eh ma ranieri non si puo’ criticare, non si puo’ dire niente che subito si viene tacciati di non essere sampdoriani”

  52. Luca B ha detto:

    3 punti, di fortuna, ma 3 punti vitali che ci avvicinano ai 40, quindi -10 e soprattutto 3 punti che in casa si DEVONO fare.
    Detto questo; non mi reputo certamente un’allenatore se no farei questo di professione, ma il calcio lo guardo, guardo anche le altre partite e mi vanto di capirci qualcosa.
    Analizzando l’ennesima partita veramente noiosa e giocata alla “spera in Dio”, mi sono convinto che tutto gira intorno all’atteggiamento in campo.
    Mi spiego, se parti sempre e solo per difenderti schierando un 4-4-1-1 che a ben vedere è un 4-5-1, perchè Ramirez ieri per esempio faceva il 5° di centrocampo, e se hai dei giocatori che dietro non sanno assolutamente come gestire le uscite palla, puoi avere anche Hussein Bolt davanti a farti da contropiedista, ma o ti va di fortuna, o la maggior parte delle volte, il “centrometrista” si trova spalle alla porta, solo, con 2 marcatori e non conclude niente.
    Inoltre visto che a parte pochi elementi in rosa che hanno i piedi educati, gli altri sono degli onesti giocatori, se parti sempre difendendo e subisci gli attacchi degli avversari, non puoi pensare che nel secondo tempo ti metti più offensivo riprendendo il risultato o vincendo. Questo perchè l’avversario se va in vantaggio è plausibile che nel secondo tempo si chiuda ed è molto ma molto più di difficile fare punti.
    Sarebbe invece molto meglio partire con un 4-3-1-2, per lo meno in casa, con Keita e Quaglia di coppia e il trequartista dietro, per tutto il primo tempo e parte del secondo.
    Provare a vincerla e poi fare i cambi e chiudersi. E soprattutto non schierare mai quella sciagura che è Leris,
    Io la vedo così e ne sono convinto, piuttosto il Mister potrebbe provare, soprattutto non appena la salvezza sarà matematica.

  53. Ivano ha detto:

    È incredibile leggere ( o sentire anche con gli amici) che il gioco di Ranieri annoia ecc ecc. Ma ragazzi ci rendiamo conto che in un anno e poco più ha preso una Sampdoria ultima lasciata allo sbando da Di Francesco il fenomeno(ultima vittoria del Cagliari proprio contro la Samp.. Non vincono da 14 giornate!) eravamo certamente destinati a retrocedere. Ranieri per magia è arrivato subito 2 pareggi con Roma e Atalanta 0-0 successivamente vittoria a Ferrara 0-1, il derby vinto sempre 0-1.Morale della favola incredibile salvezza con4 turni di anticipo. Ma la cosa del mister che mi ha fatto capire quanto sia bravo, è stata la sua serenità che aveva quando eravamo ultimi. Continuava a professare calma e serenità. Ed ha avuto ragione. Quest’anno diamo atto a Ferrero di aver costruito una Sampdoria competitiva per i nostri obiettivi. Vuoi perché ben consigliato da Ranieri(Silva Candreva) e da procuratori ben pagati che però ogni anno lo consigliano bene(keita) e non ultimi Pecini e Osti (ultima perla Daamsgard a 6 milioni) Vorrei ricordare che a prescindere dalla qualità indubbia di molti calciatori della rosa, molti dimenticano che la Sampdoria ufficialmente fa parte di un piano di rientro del tribunale a causa dei guai del suo non onorabile presidente. Per mesi abbiamo parlato più di Giurisprudenza che di calcio. Ranieri sta facendo miracoli. È un uomo concreto e pratico. 30 punti alla 22esima sono formidabili. Aveva promesso un campionato tranquillo. Giampaolo che personalmente adoravo ed ho sempre difeso, girava spesso alla fine dell’andata con 26 punti. Auspico il rinnovo del mister il prima possibile. È una garanzia, ed il grande Enrico Nicolini aveva pienamente ragione a difenderlo quando gli davano del bollito dopo il derby di coppa Italia Italia perso. Ps il bollito è pure buonissimo.. Bisogna però saper fare la salsa verde. Non dovesse rinnovare sir Claudio mi riprenderei subito Giampaolo. Al mister chiedo solo un regalo. Vincere il derby contro Ballardini. Sarà durissima perché col Balla abbiamo una pessima tradizione.

    • livio ha detto:

      @ Ivano……
      Il tuo commento è pieno di buon senso e di affermazioni condivisibili…..Credo però che le critiche ( tante ) pervenute oggi a Ranieri siano dovute all’impietoso e immediato confronto con il gioco espresso dallo Spezia.
      Possibile, ci chiediamo in molti, che un allenatore con il passato di Ranieri ed i buoni risultati fin qui conseguiti, non riesca a migliorare leggermente l’aspetto estetico delle prestazioni?
      Dopo 20 e più partite spesso sembra che i giocatori si siano appena conosciuti…..Non si ravvisa un miglioramento nell’amalgama e degli automatismi necessari allo sviluppo del gioco.
      Quanto all’ipotetico ritorno di Giampaolo , tocchiamo ferro in molti. E’ ancora troppo vivo il ricordo degli scambi interminabili tra i due centrali ed il lancio prevedibile in una sorta di imbuto , sempre centrale, dove una fitta rete di triangolazioni portava a scontrarci contro difese munitissime. Raramente uno sfogo sulle ali a portare imprevedibiltà e sfogo alla manovra. ( e qui mi aspetto le reprimende di Maurizio che so giampaoliano convinto…)

    • robmerl ha detto:

      a oggi, ranieri me lo terrei strettissimo anche se il suo gioco non entusiasma. Non faccio inutili paragoni con Giampaolo, che piaceva anche a me quando gli avversari gli lasciavano fare il suo gioco ma aveva solo e soltanto un modulo, con una ragnatela di passaggi che se non sei il barça non servono a nulla.
      Finché avremo questo score di gol al passivo, accontentiamoci di un non gioco che assicura punti preziosi. Stando così le cose, a mio modestissimo parere servirebbe – figuratevi un po’ – un interditore di centrocampo in più: magari un 451 nelle partite già perse in partenza! Accetto sportivamente critiche bonarie

    • Sand66 ha detto:

      No Giampaolo no, con gli elementi che abbiamo ora pensare di sviluppare quel tipo di gioco è utopistico, non hai più giovani buoni da far correre, pressare e raddoppiare per novanta minuti (solo Daamsgard e Thorsby), ora la squadra è più tecnica e più lenta (faremmo la fine del Toro), meglio Italiano o Semplici, almeno sarebbe un esperimento.

  54. Franco T. ha detto:

    Intanto ringrazio e faccio i complimenti a Maurizio per la gestione del blog, compresa la possibilità di poter esprimere il proprio parere. Vedo che si dicono diverse opinioni sulla Samp e anche sull’allenatore, come è normale che sia. Qualcuno, non direttamente sul blog, sembra che arrivi anche a consigliare Ranieri a “lasciare” la Samp alla fine del torneo. Il motivo sarebbe una presunta “brutta aria” di opinioni che non vedrebbero bene la conferma del Mister romano. Ora dare “questi consigli a Ranieri” non credo che facciano il bene della Samp. A parte il fatto che Ranieri, e la Samp, non hanno certo bisogno di consigli da parte di nessuno. A queste persone, mi sembra così “permalose”, ricordo che esprimere pareri anche parzialmente diversi, non mette assolutamente in discussione la stima e la simpatia che si può avere verso il Mister, almeno da parte mia. È evidente che un conto è fare l’allenatore e un’altro vedere le partite e commentarle. Con tutte le enormi differenze del caso. Quindi, per quello che conta, dico forza Mister, la Squadra va più che bene, si può migliorare ora e in futuro, e, se può, rimanga alla Samp per farla più bella e più forte. Forza Samp. Cordiali Saluti a Tutti.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Penso che il tuo riferimento sia ad Enrico Nicolini. Si può essere d’accordo o meno ma lui faceva un ragionamento per il bene della Sampdoria, per quello che lui reputa il bene della Sampdoria. Anche Giampaolo quando capì che oltre non avrebbe potuto portare la Sampdoria se ne andò. Io credo che Ranieri più di così non possa fare, se si pretende di più (società in primis), si danneggia la Sampdoria.

      • Cicciosestri ha detto:

        Io invece penso, e l’ho scritto in tempi non sospetti, che possiamo arrivare ottavi o almeno lottare fino all’ultimo per questo traguardo. Visto che ci sono 7 squadre che sono nettamente più forti di noi, e altre 4 o 5 al nostro livello, con l’ottavo posto avremmo vinto il nostro scudetto. Inoltre, sia per questioni di ranking che per questioni economiche, non è la stessa cosa arrivare ottavi o decimi.

      • Moussa Dembele ha detto:

        Turna. L’altra volta si e’ tirato in ballo l’Europa. Nessuno la chiede e nessuno chiede di più alla società.
        Ma si può dire che giochiamo male o no? Noi siamo solo tifosi e ce ne capiamo meno di Nicolini che ha giocato e allenato in A.
        Ma se anziché leggere giudizi sul blog andiamo alla bocciofila, sentiamo dire: “ti l’ae vistu u’ Doia vei? Belin che anguscia pa’ de vedde zoega’ u Zena d’ou Ballardini…”
        Tutto lì.
        E meno male che c’è questo blog per parlarne

      • Nyc ha detto:

        Maurizio, si può pretendere di giocare un po’ meglio ?

        Ogni settimana gli allenatori avversari recriminano ciò mi fa godere ma il ns gioco fa anguscia

  55. Pikappa ha detto:

    Bene anzi benissimo la classifica e il risultato, io non capisco però perchè pur avendo un fuoriclasse come Keita la davanti, non lo si sfrutti a dovere. In tutto il primo tempo non ha ricevuto un pallone, anzi era lui che doveva correre a destra e sinistra a pressare gli avversari. Per carità Ranieri ne saprà giusto un pochino più di me, ma da fuori quello che si vede è una squadra che gioca dieci minuti a calcio su novanta e il resto della partita si basa sulle invenzioni dei singoli. La cosa certa è che pur giocando male siamo nella posizione giusta per questa rosa.

  56. Kreek ha detto:

    Importante vittoria che ci proietta a 30 punti, a +15 dalla terzultima.

    Guai ad abbassare la guardia, bene fa Ranieri a parlare di 40 punti il prima possibile.

    Ieri il mister ha fatto ottime scelte, come iniziare con Ramirez.

    Ottimi Keita,Colley, Audero,Quagliarella e Candreva.

    Avanti così: appena raggiunti i 40 punti potremo anche pensare all’estetica.

    Ultimo rilievo:vendicati 1a2 e 1a5 (frutto anche di alcune scelte arbitrali opinabili) dello scorso anno, con un doppio successo.
    I viola hanno davvero ben poco da lamentarsi!!!

    • gianfra ha detto:

      Si se giochi bene ci arrivi prima, comunque sono d’accordo con te sul non abbassare la guardia, e poi la viola non ha da lamentarsi : errori clamorosi del loro portiere e gol sbagliati, in maniera clamorosa.

  57. Vincenzo ha detto:

    A proposito di derby, mettetevi il cuore in pace: arriveremo con un vantaggio di 2 punti e “loro” sorretti dal popolo “non virtuale”(sono onnipotenti e superano anche le barriere del virtuale) con il loro fido condottiero Balla ci asfalteranno inesorabilmente, per andare trionfalmente verso la luce dell’ Europa League.
    Nessuno li può fermare, dobbiamo riconoscerlo, fanno veramente paura!! io sono terrorizzato. Come si fa a competere con squadra di siffatto valore?… .
    p.s. pregasi affittare una poltrona ad hoc per il loro fido condottiero, oltre lui l’abisso… .

    Forza Sampdoria

  58. ANDREA ha detto:

    Caro Maurizio
    non sono d’accordo sul tuo evidenziare un doppio miracolo do audero sul goal viola .

    quella e’ una palla centrale da alzare sopra la traversa e non da respingere goffamente davanti alla linea di porta.

  59. gianfra ha detto:

    Da noi non aveva fatto male e…Con il senno di poi, ha fatto un errore.a cambiare. Anche lui è un allenatore che può aspirare al max a un decimo posto della serie non era da Milan….. Poi a Torino ha trovato una situazione tutta particolare con una squadra , quella granata che non girava.e alla quale non è stato in grado di trasmettere le sue idee il prof. Poi voleva mezza Sampdoria e poi? li tiene in panchina? Voleva anche gli ex tipo Torreira (nisba) e Aderseen (poteva provarci con quello delle fabe?)

    • beppe ha detto:

      ha fallito ovunque tranne che a empoli e qui, ci sarà un motivo no? per altro credo che debba molto alla città di Genova, anche se ha tanti stupidi detrattori. Genova è l’unica città in cui non viene sbertucciato

    • andreap ha detto:

      empoli e genova sono due realtà dove è arrivato, ha chiesto un regista ed un trequartista in primis, poi ha lavorato sul resto.
      ricordo che dopo circa 10 giornate era sulla graticola, vinse il derby e non si fermò più.
      a milano non aveva registri e comunque la società era un pò traballante (metà dirigenza lo voleva cacciare dal ritiro, metà ha spinto su di lui): avesse avuto bennacer (non torreira) al 100% dall’inizio, avrebbe potuto far bene (per non dire ibra).
      a torino il regista era rincon..per dire: lo hanno cacciato ed hanno preso mandragora, che secondo me è fortissimo nel suo ruolo.

      forse la sua dimensione è la sampdoria ma torino non è più grande..quel milan faceva fatica contro di noi..
      giampaolo è andato via per volere della proprietà, lasciamolo in pace

      • beppe ha detto:

        a milano faceva stare in panchina theo hernandez, è stato disastroso. allenatori geografici, grande preparazione tecnico tattica ma zero personalità. ne è piena la storia

        • andreap ha detto:

          theo hernandez ha 33 presenze lo scorso campionato: le prime due le ha saltate per infortunio e la terza in panchina (post infortunio); la quarta sostituito al 62simo(ci sta per uno rientrato dall’infortunio); poi titolare per le altre due restanti a mr giampaolo.
          più che altro non lo ha mai avuto a disposizione.

          (dati transfertmark)

  60. Mino53 ha detto:

    tutti questi discorsi intorno a Ranieri sono privi di senso, lui qui sta bene ed è stracontento della rosa che ha a disposizione per raggiungere gli obbiettivi della Società: non soffrire come lo scorso anno e mi pare ci stia riuscendo per la gioia di tutti ; poi dati i rapporti tra lui e Ferrero non credo sarà un problema proseguire o salutarsi con reciproca stima ed affetto

    • Marziano ha detto:

      Un giorno a Bogliasco il santone disse “se uomo preferisce donna a finale coppa campioni forse e’ bravo fidanzato ma non vero uomo.”

      Nessuna paura, con i beagle boys ed il tinkerman al limite andiamo a Frosinone!
      Per buona pace dei farisei della magliana.

      #salvateilmarinaiobaciccia

    • beppe ha detto:

      in realtà a molti da fastidio che la samp abbia trenta punti e sia decima in classifica. fanno i sorrisini di circostanza ma sono distrutti dentro, godrebbero nel vedere fallire miseramente ranieri

      • Pippo65 ha detto:

        Sono quelli che per vent’anni hanno indossato la maglia del Barcellona allo stadio. Quelli che dicono di aver fatto al storia. Sì, la storia dei poveracci.

    • andreap ha detto:

      beato te che sei certo del rapporto tra ranieri e ferrero..
      in questi anni, tutti gli allenatori che hanno chiesto qualcosa, sono stati accompagnati alla porta..non mi stupirebbe che si trovassero a trattare per la riduzione e che al mr venisse offerto la metà.

      di fronte ad un presidente così, inizio a capire i “giocatori mercenari”..

  61. David Rizzi ha detto:

    Leggo che giochiamo male, che il mister non ha un 11 titolare base, che sbaglia i cambi (in questo concordo in parte, soprattutto sul fatto che a volte i suoi cambi sono un pò tardivi) ma qualcuno è in grado di dirmi cosa significa giocare bene? Giocare bene vuol dire fare due triangolazioni di seguito e lanciare l’uomo in corridoio oppure vuol dire ripartire in contropiede spezzando in due la difesa avversaria o altro ancora? Il bel gioco è molto oggettivo e francamente in Italia non vedo squadre che giocano bene anche Spezia, Benevento e Verona che vedo tanto citare alternano buone partite d altre imbarazzanti, hanno un impianto di gioco e nulla più così come lo abbiamo noi, il nostro impianto di gioco è cercare di difendere compatti con le due linee vicine e ripartire veloci una volta conquistata palla, stessa cosa che fa l’inter capolista giusto per citarne una o il milan che appena recupera palla va di scarico su Ibra che tanto qualcosa poi succede. E attenzione il nostro modo di giocare è proprio il più funzionale agli uomini che abbiamo in rosa, non dei fenomeni ma alcuni buoni giocatori e una serie di onesti mestieranti, gli unici due sopra la media sono Keità e Damsgaard che beneficiano enormemente di questo impianto di gioco; Keità soprattutto ha bisogno di essere lanciato in campo aperto dove è oggettivamente devastante così come la ripartenza di Damsgaard è spesso bruciante.
    Leggo anche di una fortuna sfacciata ma di preciso in quali episodi? Il salvataggio sulla linea di Colley è un intervento di gioco, l’errore di Milenkovic alla fine è un errore suo, così come il contropiede sbagliato da Leris è un errore da matita rossa. seguendo il filo dei commenti che leggo sembra che Leris sia scarso per aver perso palla (cosa verissima) mentre Milenkovic sia stato sfortunatissimo a non centrare la porta (se ha la testa quadrata la colpa è sua e non della sfortuna).
    Ci vuole più equilibrio e bisogna pensare ad una classifica decisamente soddisfacente oltre che pregare che il mister possa restare a vita perchè la cosa che non va dimenticata è che sta tenendo il timone di una squadra priva di società merito questo che vale anche più dei 30 punti conquistati.
    Scusate per la lunghezza del post ma era un pò che non scrivevo.
    Ultima cosa, abbiamo 30 punti, siamo vicini all’ottavo posto ma finchè ci sarà il nano non ci sarà mai vera gioia

    • Solosamp1946 ha detto:

      Secondo me non possiamo giocare come milan e Inter. Il milan scarica su ibra che per caratteristiche fisiche gioca facilmente spalle alla porta. L inter fa uguale con lukaku che ha una forza fisica devastante. Nel nostro attacco non c è un giocatore con quelle caratteristiche…infatti quagliarella ha passato mezzo campionato isolato in attacco. Keita rispetto a Quagliarella lo può fare un po’ meglio ma anche lui rischia di rimanere isolato ( come domenica con la viola) .

    • Solosamp1946 ha detto:

      Giocar bene giocar male è tutto relativo…l udinese non gioca bene ma fa un gioco funzionale alle caratteristiche dei propri giocatori. Per.me , poi non sono nessuno e men che meno un allenatore , la Sampdoria dovrebbe sfruttare maggiormente la profondità verticalizzando così da poter sfruttare al meglio le qualità dei suoi elementi migliori…keita dasmgard ci.metto anche jankto…invece vedo una manovra lenta prevedibile e spesso portata a passaggi orizzontali con tentativo di andare al cross quando in mezzo all area di rigore non hai nessuno un grado di darci di testa

    • Fra Zena ha detto:

      post condivisibile, anche se – come ho già scritto altrove – non ritengo offensivo affermare che la Sampdoria quest’anno finora forse ha qualche punto in più di quelli che meriterebbe; mi sembra siano state più le partite “girate bene” che quelle “girate male”. E’ una sensazione che ho, non è suffragata da dati oggettivi, ma il calcio è fatto molto di episodi e a volte le annate girano bene, altre no. Vedremo comunque dove saremo alla fine. Finora è presto per dare giudizi

  62. Alup ha detto:

    Partita sofferta ma vinta grazie ai cambi.
    Quello che non capisco è la discontinuità di rendimento che a mio avviso è dovuta a Ranieri che cambia troppo spesso modulo di gioco non si può giocare con 1 punta ed 1 trequartista il modulo deve essere un 4 4 2 con due attaccanti due centrali di centrocampo due sulle fascie e 4 dietro in linea.
    Come vedi non ho fatto nomi sta a Ranieri decidere ma se vogliamo agganciare Verona e Sassuolo sempre la stessa squadra e cerchiamo un buon terzino destro perché Berezinsky non raggiunge mai la sufficienza

  63. Gianni ha detto:

    Non scherziamo
    Ho visto l’intervista a Nicolini riguardo il rapporto di Ranieri con la nostra tifoseria che non sarebbe idilliaca.
    Per me è un tecnico molto preparato e ricordiamoci cosa combinavamo l’anno scorso prima che lui arrivasse.
    Qualche partita non l’ha interpretata bene ma l’uomo c’è tutto
    E poi diciamo è l’unico in società che ha classe e compensa un po la figura del presidente che quanto a comportamento ci fa sempre fare delle figure barbine

  64. Franco ha detto:

    Lei con i suoi titoli invoglia tutti ad essere pessimisti. E se avessimo perso o avessimo i punti del Torino che messaggi lascereste ? Non godete quando vinciamo e allora quando ve la date un’emozione??..

  65. Martino Imperia ha detto:

    la mia riflessione è questa.

    se chiedi ai sampdoriani qual è l’obiettivo, e quindi la forza, di questa squadra il 99% ti risponderà SALVEZZA.

    eppure ci stiamo giocando l’8vo posto.

    Follia collettiva? solito maniman? pessimismo cronico blucerchiato? forse un pò di tutto questo c’è, è vero.

    ma la risposta che mi do io è questa: in un campionato assolutamente mediocre, dove chi predica gioco rischia di fare una brutta fine, basta poco per fare la differenza. o meglio, bastano 2-3 giocatori che siano in grado di far la differenza e un allenatore “normale”.
    quest’anno noi abbiamo campioni in grado di risolvertela (keita, il duo candreva quaglia, ma anche gabbia verre ramirez, damsgaard). metti 2 o 3 di questi in una Fiorentina, in un Torino o in una Udinese per es e forse avremmo situazione di classifica diverso.

    ben in teso, non è solo una cosa che capita. bisogna essere in grado di veder lungo, e fare un ottimo mercato. ma visto che tutte queste squadre che ho citato in genere il mercato di fatto lo subiscono, bhe un pò la componete fortuna centra

    pertanto, non so se siamo forti noi o se sono mal mese le altre, però godiamoci sta Samp. e puntiamo a 10 per portare a casa un bel 7

    che ne pensate?

    • andreap ha detto:

      sposo appieno la tua tesi: già che siamo qui, giochiamocela.

      devono accadere 2 cose fondamentali, o meglio 1 in primis: bisogna che la difesa inizi a giocare con sicurezza ed attenzione.

      altri fattori: trovare una quadra a centrocampo dove pare che silva thorsby ed ekdal debbano giocare tutti..ovviamente non è possibile.

      davanti siamo a posto, abbiamo le punte, gli esterni d’attacco ed eventualmente i trequartisti..non sono preoccupato.

      ora bisogna fare 40 e poi sognare.

  66. Massimo Pittaluga ha detto:

    secondo me non dobbiamo scordarci che ranieri ha a dsiposizione keita a posto da poche partite che ha avuto delle carenze sui terzini e zero ricambi per diverse partite. davanti quagliarella non ha avuto compagni di reparto per molte partite e ci sono stati i problemi di rinnovo con ramirez. ora con keita a disposizione, il rientro a breve di gabbiadini, quagliarella e gli esterni ha diverse soluzioni davanti. rientra anche ferrari che da delle alternative dietro. se qualche giocatore importante trova continuità credo portremo anche vedere qualche buona partita. per ora però mi accontento dei punti di arrivare presto a quota 40 e vedere e possibilmente fare un buon derby dopo le ultime prestazioni. capisco che il genoa in risalita metta pepe ma consideriamo che hanno speso anche molto a livello mentale con ballardini per levarsi dalle zone calde e pensare che tangano un ritmo cosi la vedo dura. se lo faranno complimenti a loro ma per ora la samp ha fatto 30 punti e loro 25 e per averli visti col toro ed altre partite posso dire che si sono ordinati, difendono bene ma che tutto questo gran gioco non l’ho visto. se poi guardiamo anche altre squadre tipo il toro lasciamo stare il bel gioco. non mi sembra che neppure udienese e bologna facciano calcio bailado. questo è un campionato difficile perchè non scordiamoci che cagliari e toro in fondo sono mine vaganti. possono fare un filotto da un momento all’altro come no e quindi bene fa ranieri prima a mettere fieno in cascina e poi si vedrà. arriviamo a 40 41 e poi lamentiamoci del gioco, il cagliari che è terz ultimo ha una squadra per nulla inferiore a genoa sampdoria e bologna udinese e superiore a spezia benevento e non di poco.quindi ben vengano i punti senza un gran gioco perchè ci sono squadre che non si pensava in situazione difficile e ranieri ha tenuto la samp fuori dalla zona rischio sino ad ora. anche a me vedere certe partite non piace ma come noi se ne vedono tante di partite cosi e anche peggio. io ranieri non lo cambierei con nessun italiano di turno. attenzione che il mr non fa solo lavoro sul campo ma con la sua personalità ed esperienza tiene bene anche tutto l’ambiente e con questo presidente a mio avviso Ranieri serve da compensazione (questo lo sa lui e lo sa anche ferrero e per me è un ingaggio ben speso) perchè va oltre la figura del mr che ti deve salvare. poi ognuno la vede a modo proprio ma ad oggi i pro di ranieri sono molti di più dei contro che sono ben pochi nella ns situazione. per il bel calcio aspettiamo una società che programmi un pochino e tenga magari i giovani bravi 2 3 anni prima di rivenderli. questa non può più permetterselo

  67. jan ha detto:

    Maurizio conosci il sito “Dao.eu” che in questi giorni è citato da diverse fonti, tra cui il SecoloXIX, riportando notizie su una ormai imminente uscita di scena del Sig. Ferrero ?
    Scusa il disturbo ma come ben sai quando si leggono queste cose, pur sapendo che la realtà è che ce lo dovremo tenere ancora un gran bel pò, la fantasia ed i sogni ripartono…..

    FERRERO VATTENE !!!

  68. Wax68 ha detto:

    A me piacerebbe vedere il centrocampo a 3 con Silva centrale e i 2 “nordici” ai lati!
    In avanti torregrossa nel primo tempo con keita e candreva.Nel secondo tempo tutta la vita il capitano con damsgaard…

  69. Riccio samp ha detto:

    Concordo pienamente con Nicolini. Persona che stimo, sempre schietto e senza fronzoli. Gli pseudo tifosi che vogliono che Ranieri non rinnovi, sono gli stessi che non sopportavano il gioco di Giampaolo. Entrambi, insieme a Sinisa, i migliori allenatori della Samp degli ultimi 10 anni. 26 punti nel girone d’andata sono una marea, la Samp di Mazzarri il primo anno di Cassano ne fece 25. Io terrei Ranieri non solo l’anno prossimo, ma gli proporrei subito un biennale. Piuttosto Maurizio, pensi che lui si possa impermalosire per queste continue critiche e decida di togliere le tende già a fine anno? Hai notizie in merito?

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      E’ uno abituato a Roma… però se Nicolini ha detto così posso presumere che abbia fiutato qualcosa. Ma non so nulla. Peraltro, pur essendo io dalla parte di Ranieri, non mi sono mai strappato le vesti per un allenatore e mai lo farò. Se resta, bene. Se va via, bisognerà trovare un valido sostituto. Certo è che con Ferrero solo due allenatori hanno fatto bene, Giampaolo e Ranieri (Sinisa era stato scelto da Garrone). Gli altri da Zenga a Montella a Di Francesco un disastro.

      • Cicciosestri ha detto:

        Sui tre allenatori citati concordo che hanno fatto male con Ferrero, ma occorrerebbe anche precisare che dopo hanno fatto male anche in altre società, e che Mihailovic dopo la Samp ha fatto più male che bene, compreso quest’anno.
        Inoltre Giampaolo dopo la Samp ha fatto sempre male.
        P.S.: Non difendo nessuno, mi piace leggere e scrivere le cose in maniera completa.

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      io credo che il ruolo dei social media ormai faccia anche apparire la critica che c’è sempre stata maggiore di quanto in realtà sia. sino a non tanti anni fa se un allenatore non andava alla maggioranza della piazza si avvertiva allo stadio, nella chiacchera da bar o nei club, oggi che commentiamo sui social media, blog etc credo che chi critica tendenzialmente lo faccia molto di più di chi invece è soddisfatto. ritengo che la maggior parte di noi doriani sia soddisfatta di quanto sta facendo la samp e della persona che è ranieri. credo che quanto detto da nicolini non corrisponda al sentimento più diffuso verso il mr che è di stima e apprezzamento. anche chi lo apprezza poi ha diritto di critica ed apprezzarlo non vuol dire dover ritenere che tutto ciò che fa sia senza errore. a mio avviso nicolini a questo giro ha un po ecceduto nel interpretare i sentimenti di una tifoseria. poi se si pensa che si debba avere un apprezzamento bulgaro altrimenti non va bene è un altra cosa. a me che il consenso bulgaro non piace penso che la critica e una parte di tifoseria insoddisfatta faccia parte del gioco. del resto ranieri è stato in piazze ben più difficili da roma a torino all inter. suvvia come se li non ti criticassero molto di più. questa volta non concordo con nicolini. se poi ci sono altri motivi per carità mi taccio ma non credo proprio la tifoseria non apprezzi ranieri come persona e in molti anche per come sta gestendo questa fase non facile della sampdoria perchè decontestulizzare e scordarsi di chi possiede la samp e di quanti puffi e casini ha è un esercizio se vogliamo facile se si vincono le partite ma poi la realtà ritorna a farsi sentire.

      • andreap ha detto:

        introduci un tema particolare..il ruolo del social media manager: oramai la comunicazione aziendale passa da lì..che sia una società di beni o servizi, che sia una società di calcio.
        la genesi della comunicazione con i tifosi?
        i clubs e la federclubs: era più facile incontrare i dirigenti, la squadra..c’era un rapporto diretto. forse quelle cene, quei momenti di condivisione appagavano le curiosità dei tifosi e “umanizzavano” l’idolo.
        questo è stato possibile fino a qualche anno fa..in epoca garroniana abbiamo avuto tanti bravi professionisti in questo settore; erano tanti i momenti d’incontro vecchi e nuovi (samp village, samp tv e le feste a cui la società partecipava).
        intanto sono cresciuti i social: youtube, facebook, Instagram e tutti gli altri.
        la società al proprio canale, i giocatori hanno il proprio canale..esistono i diritti d’immagine sui calciatori, sui loghi e gli eventi.
        la linea della sampdoria oggi è monetizzare: comparsate a senso unico (solo il residente), 0 rapporti con i clubs o federclubs; allontanamento dei tifosi da bogliasco; 0 eventi con i tifosi.
        il bimbo scarso e viziato che scende in piazza con il pallone della serie a(trovato/regalato casualmente) al grido: “la palla è mia e decido io: pagare per giocare”.

        oggi abbiamo un team social media: regole diverse, contatti diversi..persone esterne alla società pagate per far post, metter like, difendere le scelte “aziendali”, tentare d’imporre il pensiero della società(o del residente) come “dominante”: anche nei blog dei tifosi, anche sulle pagine social dei tifosi..
        compaiono nick strani, con commenti superficiale che poco hanno a che fare con la sampdoria: ripetono che tutto è bello, o che lui è grande, o che quello è vecchio e costa troppo, che non è spettacolo è vecchio e costa troppo..

        c’è qualcosa di buono nei social? può fare qualcosa di buono il social media manager?
        per me si, per me si può fare un passo indietro ed uno verso il tifoso: si può tornare in parte alle origini, si può accettare la critica e mettersi in discussione.

        il residente non mi piace, non mi è mai piaciuto: c’è da dire che non ha mai fatto nulla per farsi piacere e non ha mai fatto nulla affinchè la società andasse incontro ai tifosi.
        eppure durante la pandemia i social potevano essere un’occasione per far “sentire” la squadra ai tifosi, già orfani della loro sede principale, ovvero lo stadio.
        la società ha perso anche questa occasione ma in questo il proprietario ne è massimo esperto.

    • aston ha detto:

      Perdonami ..per quale ragione uno che non apprezza il lavoro di un tecnico deve essere definito uno pseudo tifoso?
      Non può essere che una persona possa avere delle opinioni diverse?

      Io mi ritengo molto tifoso ma non ho mai apprezzato Giampaolo pur riconoscendo che i risultati sono stati in linea con le attese.
      Sarei , al contrario, contento se Ranieri rinnovasse: penso tuttavia che chi abbia una diversa opinione non sia un pseudotifoso.

      Esiste, per fortuna, il fenomeno delle differenti opinioni e valutazioni.

      a.

    • sillyname ha detto:

      Credo di aver scritto fin troppe volte che a me Ranieri piace, che sono felice che sia il nostro allenatore e che vorrei che lo rimanesse ancora a lungo. E’ anche possibile che dobbiamo ringraziare lui e la sua credibilità a livello internazionale se gente come Keità, Silva o nel suo piccolo lo stesso Damsgaard abbiano pensato che la Samp fosse un’ipotesi appetibile. Però devo dire che guardare giocare la Samp è spesso mortificante. E questo non ha nulla a che vedere con il fatto che sono grato a Ranieri di averci tenuto fuori dalle secche della lotta per non retrocedere.
      Nicolini ha ragione ma forse la prende troppo sul serio. Se scrivo in un blog o se faccio il tifoso allora non me ne voglia nessuno se dico che una partita della Samp ti mette a dura prova: 1) la palla mediamente ce l’hanno sempre gli altri 2) le seconde palle vanno regolarmente agli altri 3) solo a tratti si riesce a mettere insieme qualche passaggio di fila. Poi per carità, ogni tanto vedi anche qualcosa di bello come il gol di Quaglia con la Fiorentina oppure la giocata di Damsgaard per l’assist a Keita con il Benevento.
      Insomma, 30 punti sono un bel bottino e la differenza reti pari a 0 è un indicatore molto significativo dopo tante giornate di campionato. Ma questo non toglie che vivere sereni guardando una partita sia roba rara (figuriamoci “divertirsi”) e che qualunque avversario si incontri, che sia il Crotone o la Juventus, sembra sempre che gli altri abbiano più voglia e più determinazione. Al di là dei risultati, che indubbiamente ci sono, forse il problema è solo questo, e non credo si possa parlare di lesa maestà se qualcuno sbuffa. In fondo questo blog è sul pallone, mica di filosofia, scrivere qui è un pò come menarsela fra amici e lamentarsi fa parte del gioco. Altrimenti che demùa sarebbe?

  70. Alessandro Storace ha detto:

    Ma perché quando vinciamo (ultimo caso Prandelli) gli avversari non digeriscono mai la sconfitta ma dicono sempre che avrebbero meritato di più anche nel caso che Audero non faccia una parata una ? Forse si aspettano sempre da noi un gioco “eccezionalmente bello” anche se con i giocatori che abbiamo bisogna pensare a fare punti ! La cosa incomincia a seccarmi vista la ripetitività di questi commenti .

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      me lo chiedo anche io come se la fiorentina ci avesse dominati. ha avuto le sue occasioni e noi le ns. il pareggio ci stava ma poteva anche finire 3-1 sul contropiede di leris. A benevento pareggio giusto, si poteva anche perdere per carità ma anche passare in vantaggio. la fortuna ci può stare una volta o due ma se alla fine alcune partite tirate si portano spesso a casa forse è perchè questo allenatore quantomeno alla squadra ha insegnato a non mollare sino alla fine, anche se si parla di squadra femmina da parte di qualcuno.
      lo fosse a benevento e con la fiorentina portavi a casa 1 punto. sono del parere che ranieri se non un gran gioco almeno la mentalità la sta portando. 30 punti tutti con la fortuna non li fai. a me non sembra che le squadre della ns fascia facciano un gioco da ricordare anzi. ci sono le ecceszioni di verona e spezia squadre oggettivamente più scarse che hanno un gioco più piacevole ma attenzione a non decontestualizzare perchè ranieri oltre a portare punti è anche un bravo gestore di una situazione che va al di la del campo ammenochè non si pensi che ferrero sia l’imprneditore dell’anno nella samp e un campo minato fuori viste le società a bagno maria che si contano sulle dita di due mani e non di una

  71. Carlo46 ha detto:

    vi segnalo con piacere sul profilo facebook di Enzo Tirotta una stupenda e struggente canzone d’amore, affetto, stima incondizionata e gratitudine per il nostro adorato (p)residente in occasione di San Valentino.
    Che dire ? Ragazzi siete meravigliosi. Forza Sampdoria. Sempre.

  72. Luigi ha detto:

    Io mi domando e dico, ma come si fa a criticare un’allenatore che ha fatto un mezzo miracolo l’anno scorso salvandoci da una sicura retrocessione e che quest’anno veleggia a centroclassifica? Che la Samp non abbia un gioco spumeggiante ne siamo tutti consapevoli, ma da qui a invitare Ranieri a non rinnovare ce ne passa, infatti sono in totale disaccordo con Nicolini in quanto questa deve rimanere solo una sua opinione che avrebbe dovuto esprimere in camera caritatis con l’attuale tecnico, dopodichè ho l’impressione che le percentuali che il prossimo anno alleni ancora a Bogliasco non siano molte.Non dimentichiamo tutti noi che con l’attuale proprietario, la squadra ogni anno qualora non riesca a fare plusvalenze, per mancanza di liquidità rimane sempre in linea di galleggiamento.

  73. NYC ha detto:

    Ranieri come risultati e in linea con la qualita della squadra , 10 posto.
    Potrebbe ambire al nono ma anche sivolare al 12… non vedo grosse differenze il nodo della questione e il gioco molto brutto e prevedibile ma in questo caso la “colpa” e da dividere con i giocatori che non sempre sono attenti , non credo che l’allenatore gli dica di giocare cosi male.

    Quando acceleriamo 10-15 minuti a partita abbiamo sempre delle ottime opportunita’ di segnare ….

  74. Maurizio.Michieli ha detto:

    Scrivo due righe sulla “questione Ranieri” sollevata da Enrico Nicolini a Primocanale. La premessa è che chiunque può e “deve” essere criticato, persino il Papa non è immune da critiche. Ma le critiche devono essere argomentate, fondate. E poi c’è modo e modo di esternarle. La sensazione è che molti non si siano resi conto che la risonanza dei social ormai è paragonabile a quella di numerosi media. In alcuni casi li hanno persino sorpassati o sopravanzati. Quindi, hanno un peso a livello di opinione pubblica, un rilievo sociale. Ed essendo accessibili a tutti possono anche fare breccia, arrivare ai destinatari. Se io sostengo, per esempio, che “la Sampdoria non ha una manovra brillante e basa il suo gioco su quello dell’avversario, risultando poco divertente”. E poi aggiungo che, però, “i risultati sono eccellenti, ci sono diverse strade per raggiungere lo stesso obiettivo, la Sampdoria sta ottenendo risultati importanti, proporzionati al valore dell’organico e non esiste controprova che giocando in maniera diversa si farebbe meglio”, ecco, ho mosso qualche critica ad alcune prerogative di Ranieri ma sono rimasto in un perimetro di civiltà e buon senso. Viceversa, capita di leggere “Ranieri bollito, da cacciare, fa schifo, siamo penosi, ruba lo stipendio etc. etc”. Tutto questo può avere dei riflessi, delle conseguenze. Sulle persone, prima ancora che sui professionisti. Anche lo sfogo di Enrico Nicolini è stato fatto dall’uomo, il professionista sa che certe cose fanno parte del gioco. Ma ci sono dei limiti che, oggi, sui social vengono costantemente trascesi. Ne so qualcosa anche io, per questo non scrivo mai o quasi mai. Io credo che Ranieri meriti rispetto. Poi, come ho più volte ribadito, anche io prediligo un altro tipo di calcio, più organizzato e riconoscibile, ma penso che Ranieri alla Sampdoria abbia fatto e stia facendo del gran bene ed insultarlo è barbaro e squallido. Soprattutto perché non ha basi. Da tempo la Sampdoria non ha più Vialli, Mancini, Gullit, Platt… Tra Platt e Thorsby (detto con rispetto) c’è la stessa differenza che c’è tra un astrofisico ed un astrologo. Accettiamolo. Anche per Thorsby.

    • Mauro ha detto:

      Condivido Maurizio….brutta razza i leoni da tastiera.Facile nascondersi dietro un nickname e sparare fango su tutto e tutti.Un modo (deprecabile)come un altro per sfogare le proprie frustrazioni e i propri fallimenti senza metterci la faccia.

    • belmondo' ha detto:

      anche da voi in trasmissione c’è chi non ci va leggero con Ranieri. eppure ricordo che si diceva che Ranieri invece era considerato un intoccabile perchè ha vinto lo scudetto col leicester (cosa che penserà lo 0,1% di sampdoriani ma vabbè) e che altri al suo posto sarebbero stati crocifissi per molto meno.
      a me il gioco di ranieri non piace, credo non piaccia anche a lui ma credo anche che sia un allenatore eccellente, ben voluto dai giocatori.(non ho mai sentito un addetto ai lavori parlare male di ranieri, ne in italia ne all’estero) e che cosa piu’ importante, compensa la volgarità del nostro presidente che una signorilità che, personalmente, adoro (ma questi sono gusti personali).
      Fa quello che puo’ con quello che ha, gli hanno chiesto di salvarsi e ci sta riuscendo alla grande, virtualmente saremmo gia salvi visto che abbiamo il doppio dei punti della terzultima a meno di metà partite dalla fine.
      eppure ultimamente le critiche sono tante, molte condivisibile, altre, permettimi di dirlo, ridicole! quella che hai descritto tu è una critica intelligente e condivisibile credo da ogni tifoso sampdoriano. parlare di sconfitte vergognose, imbarazzanti, che resteranno nella storia, non sono critiche, sono polemiche a mio avviso inutili

    • Marco ha detto:

      Uno dice che i social in tempi come questi sono un niente per uno come Ranieri lei dice che i social hanno risonanza come i media, probabilmente avete ragione tutti nicolini rissetto e lei però avere 30 punti e criticare mi sembra poco sensato vista la società che abbiamo d altro canto se pensate che questa squadra possa fare di più continuate pure

  75. Carlo46 ha detto:

    Maurizio però ad onor del vero qui dentro, unico social che frequento, non ho mai letto nessunissimo insulto, nè critica alla persona. Zero di zero, per essere chiari. Anzi è ben evidente e documentata una stima assolutamente condivisa fra tutti gli utenti per l’uomo Ranieri. Affermare il contrario, non mi riferisco a te, è falso e pretestuoso. Dopodichè ci sono le critiche al professionista, che mi sono parse sempre espresse in modo civile ed anche argomentato. Creare ad arte, ed ancora non mi riferisco a te, polemiche nel concreto inesistenti è un’altra delle prerogative orbitanti al mondo social da esecrare.
    Dire che Ranieri è un’ottima persona ma che in campo si vede ben poco del suo lavoro settimanale non è insultarlo.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Certo Carlo, ma né io né Nicolini abbiamo fatto riferimento al blog Samplace che, anzi, viene letto anche dagli addetti ai lavori con interesse. Parlo di social in generale. E talvolta pure di altri media, dove mi è capitato di sentire cose che, se a dirle fossimo noi, verrebbe giù la Luna. Abbraccione.

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        l’unico blog dove scrivo è questo…….l’unico social che uso se si può definire cosi ma non lo definirei cosi è è what up per lavoro e per fare due chiacchiere con gli amici. il resto l’ho lasciato perdere da molto tempo perchè malgrado la maggioranza delle persone si relazioni in modo civile anche sui social ci sono travasi di bile in quantità da anni. del resto maurizio se pensiamo che siamo 60 mln di persone in Italia e che magari solo alcuni milioni usano regolarmente i social puoi capire che delirio ne viene fuori di continuo. sarebbe successo anche all epoca di mantovani ci fossero stati i social di vedere insultato da qualcuno pure Paolo Mantovani. ricordo che gli scontenti c’erano persino a quell’epoca allo stadio soprattutto nei famosi distinti. se noi sampdoriani siamo quotati tra tifosi e simpatizzanti a 250 300 mila unità cosa ci vuole tra queste ad avere 2 3000 personaggi border line che rovesciano guano su mr giocatori etc……..nicolini che è persona stimabile dovrebbe comprendere questo. purtroppo poche migliaia di beline fanno più rumore di tante persone per bene che hanno diritto di critica comunque. ricordo ai tempi dell’università certi attivisti fare più casino di una massa che andava per studiare prima e semmai contestare quello che non andava poi (quelli facevano il contrario). credo anche che oggi si sia poco elastici alla critica e che in un mondo in cui si va molto a pensiero unico anche se in forma soft anche la critica urbana venga mal sopportata da troppi. per me la critica anche tosta fa bene basta che non diventi accanimento. ma ci ricordiamo cosa erano gli stadi e le stazioni negli anni 80 e chi è potuto andarci prima negli anni 70 (io li ho veramente ricordi vaghi essendo nato nei 70) ma negli 80 ricordo botte da orbi, contestazioni che oggi certe cose sembrano acqua di rose. ecco chi magari in certe epoche sfogava in quei luoghi oggi sfoga sui social ma in fondo sono le stesse cose con sistemi diversi anzi il social è meno pericoloso della testata al giocatore o al dirigente o le sprangate ad altri tifosi (cose successe purtroppo). credo si dovrebbero usare i social in modo diverso ma non tutta la società è fatta di gente raziocinante e quindi purtroppo bisogna farci i conti. direi che possono dare fastidio però è anche vero che si può con certe professioni vivere anche senza social o nel caso li si voglia usare non dico accettare ma digerire una certa fetta di inciviltà che non credo in paesi democratici sia eliminabile con le sole querele o condanne di qualcuno di questi nel breve periodo. voglio credere che le decisioni di mr ranieri non siano influenzate da questo come quelle di qualsiasi professionista. del resto tu non cambi mestiere perchè ci sono personaggi che insultano e minacciano anche te proprio perchè fai un mestiere esposto. da questo punto di vista col mio mestiere sono fortunato perchè i social mi servono al limite a livello professionale. difficilmente su certe piattaforme hai il cliente di hong kong o toronto che ti ingiuria per una fornitura al limite ti chiede degli sconti ehhh e tu lo vorresti ingiuriare ma non puoi….a parte gli scherzi credo che le decisioni di un professionista non abbiano nulla a che fare coi social e credo men che meno per un uomo come ranieri che farà delle valutazioni diverse non basate su qualche belina che ingiuria in modo seriale. poi sicuramente nicolini ne sa cento volte più di me su cosa pensa ranieri o qualsasi personaggio nel calcio ma se sono gli insulti social a far abbandonare un luogo ed un occupazione. fosse cosi ingiurierei i 2/3 dei parlamentari ma scommetto che nessuno per questo andrebbe a fare altro ma si limiterebbe a denunciarmi.

    • gianfra ha detto:

      Purtroppo quello che dice Maurizio è vero , non cito il blog x non fargli pubblicità.
      Ora stò provando a scrivere su Samplace, dove mi son trovato sempre bene, anche in passato.

      • Fra Zena ha detto:

        Io saro’ all’antica ma penso che l’unico luogo dove davvero si possono capire gli umori di una tifoseria sia lo stadio
        I social sono fuorvianti. Conosco gente che su internet è ultra critica e poi in gradinata canta 90 minuti, altri che sembrano tifosissimi al pc e poi alla domenica nemmeno si informano sul risultato..
        Al momento con le partite a porte chiuse capire cosa pensi una tifoseria dell’allenatore è quasi impossibile

        • gianfra ha detto:

          Pure io la penso così, dietro una tastiera pretendono di dare lezioni di sampdorianità e non ti lasciano parlare , poi non sanno nulla della nostra Storia….Ora purtroppo è così , auspichiamo che questa situazione possa finire quanto prima.

  76. andreap ha detto:

    io un periodo storico dove la società è avulsa dalla tifoseria, dove lo stadio è una chimera, dove regna l’incertezza rispetto alle sorti societarie intorno alla sampdoria..
    solo Ranieri può tenere la barra dritta, gestire i calciatori e dar dei laschi a tutti: fare gruppo e portare a casa il risultato, in qualsiasi modo.

    lunga vita a Sir Claudio!

  77. Luca ha detto:

    Domenica quanto vorrei che ci schierassimo con la Samp scudettata o azzeccassimo una giornata di grazia ! Un 2/3 a 0 e Lazio umiliata con tanto di lamentele , anzi più bella de con un 1 a 0 ” rubato” !!!! Deferiti Lotito e i medici sociali per violazione dei controlli covid!!!! Capite questibfacevano giocare probabilmente giocatori positivi e se la sono cavata con un deferimento e poi hanno il coraggio tutt’e le domeniche di lamentarsi per gli arbitraggi 🤦‍♂️😤! Vergognosi !!!queste sono le regole fatte su misura dal calcio Italiano e i suoi vertici !

  78. petrino ha detto:

    il menaggio dell’ aria fritta va di moda, ma la concretezza la fa da padrona.
    ” La botte da ‘ il vino che ha ” diceva Eraldo Monzeglio , allenatore del 4^ posto nel 1961 e campione del Mondo 1934 e 38.
    E aveva in squadra Ocwirk, il faro del Prater, Tito Cucchiaroni, Skoglund,che gioco’ 2 campionati del mondo del 54 e 58, Bruno Mora, che era il nostro Garrinchia.
    Il vino che ha Ranieri lo vediamo tutte le domeniche.
    Lo mischia ma non diventa mai Barolo o Barbaresco.ma rimane una Bianchetta. sempre.
    I nostri giocatori, per mentalita’ ed eta’ non potranno mai praticare un gioco alla Vincenzo Italiano, fatto di difesa altissima e pressing asfissiante.
    Per cui Ranieri alla sostanza li fa giocare nella maniera piu’ utilitaristica possibile, che giocoforza non prevede gioco spumeggiante tipo quello che Galeone, Zeman, Italiano propugnano.
    Pero’ 30 punti li hanno messi in saccoccia.
    La banda Boskov era composta di 11 solisti il cui tasso di classe andava dall’ eccelso al discreto , con maggioranza di eccelso.
    Se all’ epoca vi fosse stato allenatore Ranieri, quanti peana a suo favore.
    A volte fa dichiarazioni post partita alla Catalano che possono indisporre per la loro banalita’, o cambi non proprio tempistici, pero’ se vedessimo gli altri non sarebbero esenti da critiche..
    Per cui. prendiamo quello che Ranieri ci apparecchia augurandoci che rinnovi il contratto, come la stampa riporta.

  79. Paolo64 ha detto:

    Devo dire che mi ha dato molto fastidio sentire Nicolini consigliare a Ranieri di andarsene per qualche ‘mugugnu’.
    Penso che la maggior parte dei tifosi gradisca moltissimo Ranieri, poi ci sarà sempre qualcuno che non concorda. Io sono tra quelli a cui il gioco Samp di oggi non piace, e che gradirebbe vedere maggior iniziativa, ma non vorrei assolutamente cambiare allenatore, perchè lo ritengo persona capace. di stile ed assolutamente in grado di far crescere il gioco. Mi fa specie che una persona di calcio come Nicolini cada in valutazioni così banali che non rispecchiano di certo il volere della tifoseria

  80. Marziano ha detto:

    giusto per capirci, gli stadi sono vuoti e tifosi in giro a Bogliasco non ne vedo. Sembrano gratuite ed ingenerose le critiche dell’illustre Nicolini.
    Se il calcio gazosa costa 4 M lordi, allora quanto costa il calcio champagne?

  81. Luigi ha detto:

    Ciao Maurizio anche il sottoscritto scrive ultimamente solo extrema ratio, ovvero quando si supera il limite, però anche a questo si può porre rimedio, come? Non pubblicando commenti sgradevoli vista la cassa di risonanza dei vari social e così facendo si evitano inutili e sterili polemiche che non portano da nessuna parte, mentre pubblicando giudizi civili si possono aprire dibattiti positivi che potrebbero servire per migliorare e migliorarsi. Chiosa su Nicolini persona rispettabile ed educata che nell’esternazione fatta su Ranieri ( consiglio di prendere altri lidi ) mi trova in disaccordo in quanto dirlo pubblicamente non è diplomatico e tanti tifosi come me vorrebbero che ciò non accadesse. Un’abbraccio a tutta la redazione.

  82. andreap ha detto:

    trentalange, che ha fatto mea culpa, viene eletto presidente dell’aia: per molti sampdoriani è un pò uno smacco..

    ferrero, ovviamente ha detto la sua: “non lo conosco ma so essere una persona di spessore”: taci, per carità..taci perchè non perdi occasione di farci sentire insultati.

  83. Vincenzo ha detto:

    Alla Lazio ad oggi, oltre i deferimenti… mancheranno sicuramente: Hoedt. Luis Felipe, Radu e Lazzari e hanno la coppa con il Bayern, quindi anche mentalmente qualcosa perdono; si può giocare a viso aperto e tranquillamente senza patemi di classifica. Almeno 1 gol lo facciamo… .
    p.s.:Lazio e prima la zebrata con l’esame farlocco: purtroppo finirà tutto con una tirata d’orecchie e forse qualche sanzione pecuniaria ma nulla più. AVANTI UN’ALTRO!

    Forza Sampdoria

  84. Fabrizio ha detto:

    Ciao a tutti che dire! Purtroppo ogni giorno che passa per me è sempre peggio,nel senso che patisco come una bestia e non riesco a guardar la Samp e nemmeno voglio sapere cosa stanno facendo durante….mi isolo faccio qualcosa che mi distragga poi dopo 1000 cabale sento il risultato finale e se è andata bene me la riguardo, ma è un brutto vivere a soli 54 anni essere già cosi se arriverò a 70 chissà come me la caverò? Partita brutta un po fortunati ma ci stà tutti sappiamo che siamo questi e di qua alla fine alterneremo buone prestazioni ad altre opache, è il DNA della squadra, ma non mi lamento, anzi…..chiedo solo 2 cose ( oltre al rimpatrio del caciottarro) Grande prestazione nel derby (non si può sbagliare) e Supremazia Cittadina! Ciao A tutti e Veri Complimenti agli interpreti di Lettera ad un galushow! Gustosa! Ma tanto non l ha capita!

  85. Fabrizio ha detto:

    Ah! Scusate ho dimenticato una cosa, nel corso della trasmissione Liguria in A ho avuto veramente modo di apprezzare quanto il Netzer di Quezzi sia veramente come tanti di noi un Anti bibini, quando Maurizio scorreva le immagini del servizio sui tifosi della Samp a De ferrari con i vari striscioni zona per zona un dirimpettaio presente in studio dell altra sponda che spesso cerca di fare il simpaticone buonista non faccio il nome, non è cmq Porcella, ma la simpatia e la sportività non abita a casa sua, ha commentato in modo ironico che era un iniziativa che qualcuno aveva già fatto, e che gli piaceva la frase Angolo della Città perchè noi dobbiamo stare in un Angolo secondo lui. Poi la trasmissione è andata avanti e quando si è cambiato argomento e si parlava se le altre 2 liguri (Spezia e genoa) potessero raggiungere e superare la Samp mentre questo simpaticone senza nome stava argomentando tutti i suoi se ma forse zio balla etc il Grande Enrico, l ha stoppato dicendogli si si potete superarci ma per ora siete dietro l Angolo! Ah ah Grande Nico, sintomo di Grande Sampdorianetà e Anti……Saluti!

  86. gianfra ha detto:

    Mi ricordo il suo primo derby anni 70, entrò cacciarono Corradi poi Mario Maraschi (che Dio lo abbia in gloria) rimediò all’ultimo e finì 1-1.
    Vorrei 11 Nicolini e Iachini in panca, nella partita con i volatili inglesi, mai dei debosciati.

  87. Matteo Genovese ha detto:

    ferrero che elogia trentalange………… L ultima sparata del giullare…. E ancora c è chi lo difende…..

    • Pippo65 ha detto:

      Sinceramente mi sembra non ci sia più nessuno che lo difende, semplicemente alcuni sostengono che la gestione della società a livello puramente sportivo almeno quest’anno non è da buttare.

      • Maurizio.Michieli ha detto:

        E’ proprio questo il punto: sinché ci saranno sampdoriani disposti a barattare onestà, dignità e sicurezza con un decimo posto, la Sampdoria continuerà a rischiare di non avere futuro o di avere un futuro greve. Il peso dell’opinione pubblica, da sempre, è fortunatamente importante. Anche nel calcio. Da tempo, a parte piccole ed isolate sacche di “resistenza”, nell’ambiente Sampdoria questo peso è sparito. E se le sorti non interessano al “popolo”, figuriamoci ad un pennivendolo come me. Difatti, mi sono “ritirato” in buon ordine. Osservo e racconto, come un testimone silenzioso.

        • belmondo' ha detto:

          sono molti anche quelli che avrebbero barattato ferrero con volpi, altro esempio di fulgida onestà

          • Massimo Pittaluga ha detto:

            ciao Belmondo, su questo io e te abbiamo due punti di vista diversi come era già emerso. ovvio che se potessi scegliere avrei voluto tutta la vita vialli presidente (con gli investitori da lui portati) magari chissà non saranno degli stinchi di santo neppure loro (non ne ho idea). tuttavia tra volpi e ferrero sceglierei se dovessi fare il gioco della torre volpi tutta la vita per due motivi. 1 è una persona che indipendentemente dal giudizio morale ha costruito un impero economico (sul come non entro nel merito non sono il giudice di nessuno). Ferrero non ha costruito nessun impero economico ma una sequela di società fallite o a bagno maria. secondo volpi ha dimostrato di investire in progetti in cui credeva (per motivi suoi) magari per la pro recco affettivi per lo spezia più d’affari sembrerebbe. ad ogni modo lo spezia dai dilettanti è venuto in A per la prima volta. ecco se dovessi scegliere sceglierei volpi non fosse altro perchè economicamente la società sarebbe in mani solide. una pecca è meglio di due a casa mia. poi si potesse ripeto scegliere vorrei vialli e magari per tornare a tempi recenti Riccardo Garrone. più indietro nel tempo non torno perchè è ovvio che quelli cresciuti con Paolo Mantovani come me non lo mettono nemmeno nel concorso. senza polemica ci mancherebbe ma essendo in un mondo imperfetto ed essendo sia volpi che ferrero due liberi cittadini in questo momento, credo che quantomeno volpi garantirebbe una solidità diversa oltre che magari presentarsi un attimo meglio ed anche questo scusa sarà secondario ma non del tutto. di sciarpe in testa e battute alla bombolo dopo 7 anni non riesco ancora a farmene una ragione oltre a tutto il resto. tra un piatto di lenticchie e la pancia vuota (scusa il francesismo) meglio un piatto di lenticchie.

        • Solosamp1946 ha detto:

          Io penso siano in pochi a barattare un decimo posto.in cambio di onestà dignità e sicurezza…semplicemente non si ha il potere di cambiare le cose. Fosse per me Ferrero lo prenderei a calci e come me penso tanti altri…ma alla fine non ci guadagnerei nulla se non una denuncia…quindi non lo faccio. Si potrebbero farei cortei o striscioni di protesta ma molto probabilmente tanti verrebbero denunciati/diffidati…quindi bisogna tapparsi bocca e naso stringere culo e denti e sperare che prima o poi se ne vada ( possibilmente con meno danni possibili per la Sampdoria)….e ovviamente ringraziare eternamente Filtri

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Certamente ciò che scrivi è giusto. E condivisibile. Ma ci sono persone che, per mestiere, possono e dovrebbero farlo (non prendere a calci, ovviamente, ma fare luce, pressare per il cambiamento etc etc). Io l’ho fatto, ma quando la Sampdoria postò sui social la notizia che Ferrero mi aveva querelato fioccarono a migliaia i Mi piace. Ecco perché, oggi, faccio esattamente come i tifosi: assisto. E benché persino dalla Calabria giungano gli echi inquietanti di notizie riguardanti gli “affari” di Ferrero, io mi taccio. Perché ho capito che non ne vale la pena. Chi ha dato, ha dato. Ciao.

          • Solosamp1946 ha detto:

            Maurizio capisco e condivido quello che dici. Tu in prima persona e primocanale , avete fatto il possibile e forse anche oltre ed è per questo che l unico blog che seguo e dove scrivo è il tuo. Ti ritengo uno dei giornalisti più competenti e sampdoriano di Genova . L’ unica cosa dove non mi sono trovato in sintonia con te e primocanale è sulla questione Garrone/cessione Sampdoria dove a mio avviso siete stati un po’ troppo “morbidi” ma ovviamente è un parere personale. Comunque Genova è questa…non ho mai visto persone disposte a salvare o difendere la Sampdoria se non i suoi stessi tifosi ( ma anche qui non tutti)…anzi mi correggo uno c è stato…poi il figlio ha distrutto tutto

        • Kreek ha detto:

          @Maurizio Michieli

          Io non sono disposto a barattare onestà, dignità e sicurezza con un decimo posto.

          Non sono amico di Massimo Ferrero, nè sono pagato da Massimo Ferrero.

          Nulla ricevo nè ho mai ricevuto dalla Società Sampdoria passata e presente, nè lavoro per la Sampdoria , grazie alla Società Sampdoria passata e presente o con la Sampdoria passata e presente.

          Sono Sampdoriano, abbonato da più di 30 anni, e non mi sento di ricevere, nè di dare (non mi permetterei mai) lezioni o patenti di Sampdorianità a nessuno.

          Ti ho dato atto in passato e ti riconosco nuovamente ora di esserti molto esposto in passato e questo ti fa onore perchè non credo sia sempre stato facile e sempre rifletto su quanto scrivi perchè per forma mentis cerco sempre di tenere in considerazione le opinioni di chi la pensa diversamente da me.

          Non ho certezze, ma non credo che la Sampdoria stia “rischiando di non avere un futuro”, lo penso sinceramente e lo ribadisco.

          Che la Sampdoria stia “rischiando di non avere un futuro” lo sento ripetere da 7 anni come un mantra, questa per molti sembra diventata una certezza…io non la penso così…tutto qui.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Per SOLOSAMP1946: può darsi che tu abbia ragione sulla presunta morbidezza nei confronti di Garrone, ma intanto Ferrero venne fuori a giochi fatti e poi, all’inizio, poteva essere accusato “solo” di folklorismi esteriori. Diverso quando si parla di patteggiamento con la Figc per l’accusa di avere sottratto soldi alla Sampdoria col rischio di penalizzazioni. Molti, come l’amico Kreek, accettano tutto, anche questo. Io personalmente no e, puoi crederci o meno, l’ho rinfacciato eccome a Garrone. Che non è meno “terrorizzato” dai possibili esiti di questa gestione. Viceversa, quando venne ospite l’ultima volta a Gradinata Sud, fummo relativamente morbidi perché in quel momento lui era l’unico che poteva, forse, indurre Ferrero a passare la mano al gruppo Vialli. Cosa che sarebbe successa, casualmente ma fondamentalmente, prima dei concordati, prima del covid, prima dei prestiti chiesti allo Stato, prima della crescita del debito, prima dei paradiso fiscale etc etc. Tutto qui. Adesso non resta che aspettare, sperare e pregare laicamente (stiamo parlando solo di calcio). Un caro abbraccio.

    • belmondo' ha detto:

      mi mostri qualche commento su questo blog di qualcuno che difende ferrero (a parte quel mino che abbiamo capito a che gioco stia giocando)? grazie

  88. Vincenzo ha detto:

    In merito al 16 maggio 1999, una giornata calda e afosa dove eravamo ammassati in 4000 senza lo spazio per uno spillo, mentre la curva centrale era completamente vuota, a un saluto nel derby e alle esternazioni richiamate…posso solo dire:
    SOTTO LA CURVA TRENTALANGE SOTTO LA CURVA!, ti dobbiamo applaudire per la nuova carica e chiedere qual’ è il tuo parrucchiere!, più sportivi di così.. .

    Forza Sampdoria

  89. Mino53 ha detto:

    dopo cosi’ tanti anni , una ventina, adesso vogliamo addebitare a Ferrero anche dietrologie malvagie ad una frase di circostanza ? Mi pare esagerato ed oltremodo forzato associare l’arrivo di Ferrero alla Sampdoria a fatti avvenuti 22 anni fa. Ci vorrebbe un po’ piu’ di equilibrio nel giudicare frasi che sono di circostanza. Io c’ero a Bologna quel giorno e la retrocessione della Sampdoria non e’ stata causata da Trentalange ma da da une sequela di errori che quel giorno trovarono l’epilogo. Avremo a che fare con Trentalange come abbiamo avuto a che fare con Nicchi ( quello che causo’ la lunga squalifica di Mancini) quindi uno vale l’altro e tanto vale non insultarlo a priori.

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      mi trovi d’accordo sul discorso trentalange. a mio avviso ferrero non ne sa nulla di quella retrocessione se non magari che siamo retrocessi nel 99 (forse lo sa o forse no).ovviamente essendo in una posizione importante ha detto una frase di circostanza che ci sta. fossero questi i problemi in cui ferrero ha ficcato e ficcherà la sampdoria non avrei nulla da dire. anche se ci fosse stato vialli presidente non credo avrebbe dichiarato che nel 99 la samp è stata mandata in B da un rigore (ultimo di una serie di errori societari (in buona fede) e arbitrali e ambientali (ricordarsi di moggi sarebbe un giusto esercizio). detto ciò è tutto il resto della gestione ferrero che deve preoccupare e non poco. come si fa a ragionare a compartimenti stagni mi viene difficile da comprendere. la samp va benino (diciamo in linea con la storia della samp al di fuori dell era mantovani e riccardo garrone) e ci si tappa gli occhi sul campo minato in cui le imprese di ferrero sono, sul groviglio di società ad hoc fatte (spesso a bagno maria), delle varie società fallite negli scorsi anni, di quelle in concordato, dei comportamenti del presidente con addosso i colori della sampdoria (prima chi lo consioceva? in quanti almeno?). siamo seduti sulla cima di un vulcano che sotto il tappo ha un mare di lava. non voler vedere che non solo ferrero è il presidente di serie A peggio messo con le sue aziende (chiamiamole cosi per gentilezza alcune di queste sono delle scatole vuote) e che la samp è l’unica sua scialuppa di salvataggio e che sulla sampdoria gioca la sua partita. se non si vuole vedere questo mi arrendo alla vittoria del voglio vedere quel che mi fa piacere ed il reto non conta. io continuo a sperare in epilogo positivo per la sampdoria (cessione voluta od obbligata) non mi auguro nulla di male per ferrero, solo che se ne vada e che dopo 7 anni ci liberi delle sua presenza. certo non è colpa sua se gli hanno dato in mano un giochino che sa di superenalotto anzi dirò di più vale di più del supernalotto perchè il suo caso è un unicum. ha fatto bingo supernalotto e lotteria di capodanno assieme. credo che la maggiroanza di noi tifosi sia consapevole di quanto ferrero possa essere un grande problema per la sampdoria e che il fatto che gli stadi siano vuoti sia per lui un enorme vantaggio (intanto gli incassi da stadio per la samp non spostano di molto un a gestione come questa e il merchandising neppure). contano per lui diritti tv i primis per tirare a campare più che può. se ci fosse la gente allo stadio la contestazione sarebbe significativa nell ultimo anno ma cosi non è. ferrero è un uomo fortunato molto fortunato a volte sembra persino troppo fortunato, ma la troppa fortuna non dura in eterno, speriamo abbastanza per il bene della sampdoria. un cordiale saluto

    • andreap ha detto:

      no, non puoi aver confrontato una squalifica con la retrocessione..
      trentalange si è inventato un rigore, si vinceva 2-1 ed era il 90simo.

      garrone edoardo, con tutti i suoi limiti e le sue colpe, avrebbe risposto: “preferisco non commentare, sono il presidente della Sampdoria”, perchè conosce la nostra storia e la rispetta (nonostante aver introdotto il cancro nella sampdoria).

      ferrero non ci rispetta, non rispetta i tifosi, non rispetta la federclubs..ferrero rispetta solo i soldi e la società sampdoria è il suo pollo da spennare.

    • jan ha detto:

      Sai qual’è il reale “problema” ?….che non un’idea di quello che fa e delle “conseguenze” che ne possono derivare in termini di rispetto della storia della squadra di calcio di sua poprietà, proprio perchè non gliene frega niente ! Prima di fare certe dichiarazioni o sparate basterebbe che si informasse, se solo avesse piacere di farlo……

    • Faso ha detto:

      Ciao Mino, perchè una volta tanto non ammetti che Ferrero ha perso l’ennesima occasione per starsene zitto?
      Difenderlo davanti a certi “svarioni” è inconcepibile, soprattutto per chi come me a Bologna c’era.
      Condivido che la retrocessione nacque da diverse situazioni: un mercato allucinante (Ficini, Catè, Cordoba, Lassissi…), scelte discutibili (Platt-Veneri) ed altro, ma Trentalange è stato il boia di quella sofferta stagione.

      FERRERO VATTENE

    • Cicciosestri ha detto:

      Come al solito Mino53 concordo con te

    • gianfra ha detto:

      quella retrocessione è stata causata da Trentalange ,e da chi se no?? punto, poi se vogliamo negare l’evidenza punto. Poi la chiude lì e ci rinuncio a discutere con i sampdoriani, sui bog non ci lasciano parlare e ci bannano se non siamo d’accordo.
      Volete Ferrero ?? tenetevelo , uno che offende l’inno e la nostra storia, che elogia un uomo di palazzo che ha rischiato di farci sparire.
      Il calcio odierno i mano a gente come ferrero, preziosi, lotito

      • belmondo' ha detto:

        lungi da me difendere un pregiudicato, ma sono sicuro al cento per cento che ferrero non avesse la minima idee di chi fosse trentalange nè di quello che combino’ piu’ di 20 anni fa. questo non sa manco in quanti si gioca a pallone…in compenso sa molto bene come guadagnarci dal calcio

  90. Luigi ha detto:

    Ciao Mino pensa un po’tu offriresti anche i pasticcini a trentalange io lo porterei personalmente in un’isola deserta circondata da squali. De gustibus ma rappresenti benissimo un popolo senza anima i soliti buonisti. Ecco perché rispettando la tua idea prendo le distanze da sampdoriano umiliato e ferito da un’arbitro in malafede.

  91. Vincenzo ha detto:

    Mino53, hai ragione, in particolare la retrocessione è stata il frutto di una annata completamente negativa in tutti i sensi e Trentalange è stato la ciliegina sulla torta; il mio intervento era per ironizzare e sdrammatizzare un po’; rimane il fatto però, se non ricordo male, che senza il rigore si andava a fare lo spareggio con il Perugia che era in fase nettamente calante rispetto a noi e quindi con ottima probabilità di vittoria e di salvezza.

    Forza Sampdoria

    p.s.: peccato, ieri sera ho bevuto solo “mezzo” bicchiere di Porto, avrei voluto berlo intero.

    • Pier56 ha detto:

      Aggiungerei anche che il finto pentimento di quell’individuo, che qualcuno continua ancora a chiamare arbitro, fa ancora più rabbia perché fuorviante e insincero. Ma qualcuno pensa davvero che l’innominabile si sia documentato su di lui? Ne ha parlato bene perché sono geneticamente compatibili e in quanto deve apparire vivendo sulle spalle della Sampdoria, facendosi pubblicità. Così ogni tanto fa prendere un po di aria alla bocca.

  92. Fabrizio ha detto:

    Per parlare di qualcosa d altro, non ha prezzo la faccia grassa molto grassa e triste molto triste di quella Belina che siede sulla panchina del Barca quanto ho goduto…….. quando martedi sera il Psg gli ha rifilato 4 uova.Ogni volta che mi appare davanti non riesco che ad augurargli altro che TANTA ENTEROGERMINA………………..

    • Federico ha detto:

      Magari mi sbaglio, ma non ricordo di frasi irrispettose di Koeman nei nostri confronti (intendo dire la Samp, non i tifosi). Ha fatto quello che doveva, l’ha buttata dentro.
      Possiamo prendercela con l’arbitro che fischiò il fallo, o con Pagliuca che non coprì il suo palo (macchiando una prestazione fino a quel momento gigantesca)…Ma prendersela con lui…
      Non è venne a esultare sotto i tifosi della Samp…

  93. gianfra ha detto:

    Per amor di verità, aggiungo questo post, poi se sbaglio correggetemi!!!
    Allora la Samp del ’99 aveva in squadra Vincenzo Montella e Ortega, Ferron in porta e Spalletti in panca.(non Cavasin).
    Perse 2-3 a Milano al 94 min , su autorete , in 10 uomini sfiorò la vittoria con Catè (buon anima), nelle ultime partite ci furono diverse decisioni arbitrali contrarie ( contro Lazio e Parma) e la cilegina di A.T (solo combinazioni???).Quella squadra on meritava di retrocedere (e in seguito a quella retrocessione rischiammo di sparire).
    Moggi non vi ricorda nulla, l’internazionale de Santis e Calciopoli nemmeno?
    Ferrero ha perso l’ennesima occasione x tacere….
    Su queste cose la tifoseria dovrebbe essere unita, almeno su questo, poi uno puà essere x Ranieri contro Ranieri questo si sta….

    • Fra Zena ha detto:

      Vero, Gianfra, va però detto che i calciatori e gli allenatori non vanno giudicati sulla carta, ma contestualizzati: Spalletti era giovanissimo e praticamente alla prima esperienza fuori dalla Toscana; Montella saltò molte partite per infortunio; Ortega ebbe alti e bassi per i noti motivi extracalcistici.
      La società sbagliò molto e quella super competitiva serie A con 18 squadre / 4 retrocessioni dava poco margine di errore. Le nefandezze arbitrali dell’ultima parte di stagione fecero il resto
      Ricordo il 16/5/99, la partita alla radio, il rigore ascoltato pregando, le feste dei bibini a San Fruttuoso, le prese in giro dei compagni a scuola il giorno dopo (facevo le medie), gli idranti in gradinata la domenica dopo in casa col Bari…ma che ne sa ferrero…

  94. Faso ha detto:

    E mentre noi stavamo qui a discutere su quanto fosse o meno colpevole Trentalange, ecco che per sabato ci spunta a dirigere Massa… ohu belin !!!

    FERRERO VATTENE

  95. klaus lavagna ha detto:

    Trentalange….uno di noi,Bernardis ..uno di noi(rigore negato a Cristin con la Lazio che ci costò la B nel 66,)Ferrero….uno di voi(tenetevelo pure,lo regaliamo a chiunque passi come fece Garrone con la Samp).Fuori da Genova chi non conosce la storia ma che può sempre andare da Giggino Di Maio ad imparare almeno la geografia.

  96. Marziano ha detto:

    Nessun SampDOCriano condona l’infame. Partita pazzesca di VM, peccato!
    “we may not live in the past, but the past live in us.”

  97. Vincenzo ha detto:

    Udite, udite: oggi 19/02/2021 leggo “Concordato Eleven Finance, parere positivo da parte dei commissari. Attesa la pronuncia del giudice delegato Cardinali” e sempre oggi dal Papa, visti i buoni rapporti con la Santa Sede. Una benedizione al giorno leva la Lazio di torno.. .
    Più di così cosa vogliamo? splende la luce dell’avvenire. Entusiasmo olè! entusiasmo olè!

    Forza Sampdoria

  98. maurosampbolzano ha detto:

    UN PENSIERO A MAURO BELLUGI GRANDE SPORTIVO ANCHE DI SIMPATIA E SIGNORILITA’ R.I.P. CAMPIONE

Lascia un commento

IL DERBY SU TUTTO

Schierando la formazione bis a Marassi contro l’Atalanta, Claudio Ranieri ha lanciato un messaggio chiaro alla Sampdoria: stavolta il derby [&hellip

PAPALE PAPALE

La Sampdoria, dopo la visita a Papa Francesco, perde di misura all’Olimpico contro la Lazio al termine di una partita [&hellip

BRUTTI MA BUONI

Una Sampdoria non bella sul piano estetico ma concreta ed efficace su quello realizzativo conquista tre punti con la Fiorentina [&hellip

RIN… VIGORITI DA DAMSGAARD

La Sampdoria torna dalla trasferta di Benevento con un punto, firmato da Keita a dieci minuti dal termine della partita [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta