RIN… VIGORITI DA DAMSGAARD

7 Feb 2021 by Maurizio.Michieli, 261 Commenti »

La Sampdoria torna dalla trasferta di Benevento con un punto, firmato da Keita a dieci minuti dal termine della partita su eccellente assist del neo entrato Damsgaard, decisamente più ispirato del titolare Candreva, tra i bocciati del lunch match insieme con l’insipido Torregrossa. In precedenza la Samp era andata sotto, all’inizio della ripresa, per un gol dell’ex Caprari, sui cui Audero si era fatto sorprendere. Il portiere blucerchiato, però, sapeva poi riscattarsi, compiendo almeno tre interventi decisivi. Nel finale era ancora la Sampdoria a premere, schiacciando gli avversari nella propria area e collezionando calcio d’angolo in sequenza. Ma il risultato non cambiava e l’1-1 conclusivo finiva tutto sommato per accontentare tutti. Al “Vigorito” è andata in scena la classica gara che la Samp poteva vincere, ma anche tranquillamente perdere. Nel primo tempo la squadra di Ranieri si era fatta preferire, ma Keita, pur vivacissimo, non era riuscito a sbloccare lo 0-0. Nel secondo l’inerzia si era invertita e la formazione di Inzaghi aveva dominato per larghi tratti. Poi, la svolta per la Samp, trascinata dal guizzante Damsgaard, capace di rin… vigorire i compagni. E’ mancata la svolta, d’accordo, le ambizioni restano circoscritte. A me personalmente non sorprende, continuo a credere nella salvezza tranquilla o poco più. Ma va bene così. Ventisette punti alla seconda giornata del girone di ritorno sono un bottino accettabile e domenica prossima alle 15 al Ferraris arriva la Fiorentina, un’altra occasione per provare ad accelerare un po’.

261 Commenti

  1. Nyc ha detto:

    Si poteva fare molto meglio , Benevento squadra modestissima , Inzaghi ha giustamente fatto notare i cambi chi è entrato da noi e chi nel Benevento……

  2. Claudio ha detto:

    Sarò sintetico.
    – un punto tutto sommato va bene.
    – siamo una squadla di melda.
    La classifica “tranquilla” che siamo riusciti a costruirci (con merito), porta giocoforza a fare prestazioni con poca tensione agonistica, poca garra, né carne né pesce, come con la juve e oggi.

    Ne mancano ancora 11-12 (punti), poi tutti in “vacanza”.
    Tristezza con salvezza

  3. Franco T. ha detto:

    Candreva clamoroso errore di mercato. Con tutte le conseguenze del caso. Cambi tardivi, come al solito. Dirigenza e allenatore non all’altezza di costruire una squadra di valore Europeo. Peccato perché certi giocatori sono di ottimo livello. Ma costruire qualcosa di importante e bello sarà impossibile. Cordiali Saluti

    • Lapo ha detto:

      Ottima sintesi.

    • Cicciosestri ha detto:

      Candreva acquisto sbagliato? 4 goal e 4 assyst, non mi pare poi così sbagliato … fosse ancora continuo non sarebbe qui.
      Riporto questi dati trovati su internet:
      Otto delle ultime nove reti della Sampdoria in Serie A sono state realizzate da nuovi acquisti di questa stagione: 4 da Keita, 3 da Candreva e 1 da Torregrossa.

  4. Tenente Colombo ha detto:

    Premetto che mi metto in tasca volentieri il punto e pure il -13 al traguardo con ancora 17 partite da giocare sono un bottino più che rassicurante. Ma io ho visto un’altra partita che se fosse finita 2-0 per loro ci sarebbe stato ben poco da dire…
    Mamma mia…. solo a pensare che forse dovrò sorbirmi un altro anno così…brrrrrrrrr… mi viene l’ulcera perforante psicosomatica.
    Come si fa a commentare una partita dove…non stai giocando contro il Manchester United…e dopo pochi minuti ti rendi conto che Silva era arretrato a quasi centrale difensivo… l’alpinista in marcatura a uomo (in stile anni 80) su CR..Schiattarella, Torregrossa a fare la semi mezza punta di copertura…ma ci rendiamo conto?? Poi a fine partita il Sir dice che dovevamo essere più ambiziosi… ma io mi tocco se ci sono!! Doveva dire “…grazie Audero se non andiamo a casa con 3 pere…”
    Ultima e non meno importante considerazione : al 55º svantaggio Samp e al 77° l’ingresso di un trequartista e contestuale cambio modulo…belin… ci son voluti 22 minuti per capirlo… a colazione pane e volpe!! Concludo citando una riflessione indovinata di Stefano Rissetto quando dice che la Samp sembra una via di mezzo tra il “vorrei ma non posso” e il “potrei ma non voglio”…ed una domandona alla Gigi Marzullo improvvisamente sorge spontanea…ma se dite che Ranieri fa le nozze coi fichi secchi… Inzaghi cosa farebbe invece? Un saluto

    • Stefano64 ha detto:

      Buonasera,
      completamente d’accordo sul “vorrei ma non posso” e potrei ma non voglio”, concedetemi il paragone, mi sembra di vedere un uomo che desidera fortemente una bella donna ma sul piu bello si frena.
      facciamo questi 12-13 punti e poi saltelliamo qua e la tra prestazioni mediocri o meno.
      Un saluto a tutti………FERRERO VATTENE

    • Luca B ha detto:

      Tenente Colombo commento del 7 febbrario ore 15.58…per te 90 minuti di applausi

  5. gio48 ha detto:

    Una prova poco edificante ha portato ad un pareggio dopo che due disperate uscite di Audero, successive al gol assurdo subito e altre due nitide occasioni non sfruttate dagli avanti campani, ci hanno salvato da una sconfitta certa. Con un Tonelli inguardabile e con Candreva, Jankto e Thorsby ben al di sotto della sufficienza, solo uno spunto di Damsgaard, scrificato in panchina ancora una volta da Ranieri per 70 minuti, si è elevato a giocata calcistica di notevole capacità tecnica. Per il resto abbiamo assistito ad un inutile susseguirsi di cross che avevano soltanto il compito di esaltare le qualità aeree di Glick. Ancora una volta abbiamo dimostrato di non avere alcuna identità di gioco. Ci affidiamo agli spunti di giornata del singolo e subiamo sistematicamente il contropiede visto la scarsa qualità tecnica che dimostriamo ampiamente nei numerosissimi errori d‘impostazione. Oggi, secondo me, sopra la sufficienza solo Damsgaard, Colley, Augello e Keita lezioso a volte ma unico ad aver creato problemi ad una difesa scarsissima (14 gol subiti nelle ultime 4 partite prima di oggi) e prontissimo nell‘occasione del gol. Brutta, proprio brutta prestazione.

  6. pier ha detto:

    Ranieri è soltanto un allenatore fortunato tecnicamente non pervenuto.
    Ci siamo salvati l’anno scorso grazie al blocco del campionato dovuto al covid altrimenti saremmo retrocessi.Le altre squadre non stavano in piedi.
    Allenatore in confusione totale ogni domenica una formazione diversa.
    Throsby deve giocare CENTRALE DI DIFESA non può giocare in nessuna altra zona del campo.Non è capace non ha nessuna tecnica.
    Verre non gioca più ??? Jankto in forma strabiliante è stato messo fuori 3 partite.
    Yoshida migliore nostro difensore fuori … fuori e gioca lo scarso Tonelli.
    ERESIA DAMAGARD FUORI.
    IL NOSTRO SISTEMA DI GIOCO è SPIOVENTI DA 40 METRI SENZA SENSO.
    Giocatori tutti distanti… centrocampo inesistente , proprio non c’è, non vengono schierati i centrocampisti.
    Ranieri alla Samp sta come Maran al Genoa.
    RISCHIAMO LA B.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Quindi, chi vedresti bene per portare la Sampdoria in zona Uefa?

      • Moussa Dembele ha detto:

        E chi parla di Europa?
        Con questa rosa la Sampdoria dovrebbe stare sopra Verona e Sassuolo e non farci vedere la schifezza che ci propina Ranieri. Questo va detto.
        Ranieri prende 1.8 all’anno. Senza parlare di Europa per vedere un tiro in porta in 45′ contro una squadra di scappati di casa, va bene anche un Ballardini qualunque.
        L’unico lato positivo e che controbilanciata in serietà e credibilità il nostro amatissimo presidente, che però quest’anno la squadra l’ha fatta

      • alan ha detto:

        Non è evidente? Vorrebbe Ballardini, quello dei 79 punti.

      • pier ha detto:

        Penso basterebbe Mazzarri per superare tranquillamente Verona a Sassuolo.
        Poi per la Uefa non lo sò ma ci andremmo vicino.E’ solo il mio pensiero.
        Sicuramente mi sbaglio e spero vivamente di sbagliarmi e con Ranieri vinceremo le prossime 4 partite derby compreso.

    • Sand66 ha detto:

      Maran al Genoa non ha fatto 27 punti, altrimenti sarebbe ancora li.

      • pier ha detto:

        Purtroppo penso che ce ne accorgeremo tutti al Derby della differenza tra Ranieri e Ballardini.

        • ROBY LEVANTE ha detto:

          Sono d’accordo.Se i cuginastri continuano a correre e pressare come fanno ora difficilmente riusciremo ad imporre il nostro NON gioco e la poca voglia di vincere o quantomeno di metterli in difficoltà.Nessuno,credo, pensa o spera di andare in Europa ma almeno Ranieri riuscirà a far giocare la squadra per 90 minuti o chiediamo troppo ?

        • Sand66 ha detto:

          Si e magari dopo averlo dimostrato verrà chiamato ad allenare Juve, Roma, Inter, Chelsea, Valencia e Atletico Madrid, vincerà una premier e seppellirà il povero Ranieri, ti pare che si lasceranno scappare un Mister così?

  7. petrino ha detto:

    In altre occasioni partite di questo tipo si perdevano.
    Il Quaglia ha buona stampa, ma sono sempre 38 a gennaio, e di Ibra ne e’ nato solo uno.

  8. Matteo Genovese ha detto:

    Come di consueto le dichiarazioni di ranieri sia nel pre partita e nel dopo partita lasciano il tempo che trovano, si doveva dare tutto per vincere questa partita (alla portata ) e invecie si è vista la solita Samp , incredibile come nn si riesca a giocare una partita per 90 min … Ora, io nn riesco ancora a capire se molti hanno gia la pancia piena ( e questo sarebbe inaccettabile all inizio del girone di ritorno) o che non sono in forma, oggi candreva inguardabile, silva oggetto misterioso, keita e torregrossa (oggi da serie B) il primo troppo fumo e sostanza poca, il secondo nn riesco ancora ad inquadrarlo, e una difesa ancora una volta imbarazzante contro una squadra di medio bassa classifica…. Per il resto sono d accordo con te caro Maurizio che la squadra è questa e di piu non si puo chiedere, la bassa mediocrita di questa societa è sotto l occhio di tutti, salvezza tranquilla e niente di piu….. Comunque per me il mister continua a nn trasmettere la giusta cattiveria agonistica e la voglia di strapazzare l avversario……. E questo è un grosso limite suo personale !!!!! FERRERO VATTENE ———–

  9. maurosampbolzano ha detto:

    giusta analisi Maurizio,si poteva vincere o anche perdere,ma se loro sinceramente tecnicamente inferiori corrono il doppio e noi camminiamo il risultato può essere un pari per fortuna e grazie ad Audero che si è brillantemente riscattato.ad ogni modo questa era una partita da vincere,vabbè accontentiamoci ma così dimostri che sei adagiato.ps ho letto una intervista a Pandev che parlando del miracolo genoa diceva che il merito è del Balla che parla con i giocatori, dai sdrammatizziamo e scherziamoci su, il merito visto ieri sera è come si dice.. a ..ecco quella canzone che fa “però ci vuole orecchio per metterla nel….”

  10. Dino Ravera ha detto:

    Non ho guardato la partita perché già sapevo che tipo di prestazione avrebbe fatto la samp. L’unico dubbio era se avrebbe giocato il primo o il secondo tempo e per quanti minuti.15,20 mah. L,ho seguita su un blog ed i commenti non erano certo positivi. Ho notato una stanchezza cronica nei tifosi di continuare a guardare la partita.Ti aspetti sempre una prestazione gagliarda ed invece sempre la stessa mollezza.
    Per il resto va benissimo il punto e spero tanto che prima della fine di questo campionato sia l’allenatore avversario a fare i complimenti a Ranieri, e non sempre Lui a doversi complimentare con quello avversario.

  11. Luca ha detto:

    Solita squadra senza cattiveria sportiva , senza un briciolo di ambizione ( e qui perdona l’allenatore ha le sue colpe!) ogni Domenica post partita il commento del mister e’ lo stesso ” non sono soddisfatto dall’atteggiamento” che forse secondo lui dovremmo trasmettere noi tifosi 🤔🤷🏻‍♂️😤? e non lui ovviamente che li prepara in settimana e nello spogliatoio prima di entrare in campo per la partita , boh! Comunque va bene così dal punto di vista numerico ( e solo quello) io non ho e non avevo pretese , l’unica mia preoccupazione e’ che se giochiamo così al prossimo derby e gli altri ci arrivano con la determinazione , la sfrontatezza e il c…o negli episodi a favore di oggi ( poi ditemi che parole usa Ballardini per caricarli a mille , mentre Ranieri riesce a malapena a pungolarli) per noi sarà una ” Caporetto” !

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Io non ho mai creduto tanto agli allenatori che danno ambizione e cattiveria ad una squadra, altrimenti Mazzone avrebbe vinto tutto ed Eriksson nulla. Io penso che nel bagaglio di un calciatore e quindi del suo livello qualitativo sia compreso (o non compreso) anche il temperamento. I giocatori della Samp, anche se qualcuno li considera di fascia superiore, sono di valore medio, in tutto: per tecnica, fisico e carattere. La classifica li rispecchia. Ovviamente è il mio parere e non devi giustificarti se accusi Ranieri, non è mio parente 🙂 Ciao!

      • marcello ha detto:

        Mi sembra che Ballardini stia dando qualcosa in più al Genoa che non mi sembrano giocatori di alta fascia…quindi secondo me gli allenatori incidono…la Samp obbiettivamente gioca male

        • francesq ha detto:

          Aspetta…

          Il Genoa non meritava l’ultimo posto, Ballardini ha solo riequilibrato il cosmo, rimesso le cose in ordine e il Genoa in una posizione di classifica consona. Credo insomma che il Genoa possa e debba stare a braccetto con noi, punto più punto meno.

          Detto ciò, se col Napoli avesse perso 4-0 (un po’ come noi con l’Inter, non voglio parlare male del Genoa), non ci sarebbe stato nulla da ridire. Ma quando vinci ci prendi gusto e ti riesce anche qualche impresa… finché appunto non perdi e ti ricordi della tua dimensione.

          A mio modo di vedere un allenatore sbagliato può far danni (Maran, Thiago per loro, Difra per noi). Quello giusto può darti qualcosa in più, ma non può trasformare gente normale in campioni. Ranieri lo scorso anno ha preso la squadra in poppa alla classifica e l’ha salvata (com’era giusto per valori assoluti). Giampaolo ha valorizzato tanti giocatori e ha messo la squadra spesso, almeno per alcuni periodi, alle porte della zona nobile; e non venitemi a dire che non è vero, perché i vari “fenomeni” Beres, Schick, Torreira, Linetty, per cui secondo molti avremmo dovuto giocarci la champions, non mi sembra che facciano i titolari nel Real…

          Unica eccezione, in questi anni: Gasperini. Penso che la Dea, in mano ad altri, arriverebbe tra il settimo e il decimo posto. Ma è, appunto, un unicum.

          • pier ha detto:

            Maurizio concordo pienamente con te su Gasperini : è un allenatore fantastico.
            Se allenasse la Juve avrebbe già vinto 2 Champions secondo me.

        • Fra Zena ha detto:

          secondo me – lo dico da tempo- il genoa ha una rosa superiore alla nostra e ci passerà avanti
          Non è un discorso di tifoseria, è un discorso puramente tecnico
          Non avranno giocatori di fascia alta, ma noi? Perin non vale Audero? Zappacosta non è meglio di Bereszinsky? Strootman non è meglio di Thorsby? Criscito e Masiello non valgono Tonelli e Zapata?
          D’altronde il monte ingaggi parla chiaro, quello dei bibini è NETTAMENTE superiore al nostro (cosa che nessuno dice mai). Qualcosa vorrà pur dire no?
          Bisogna smetterla di considerarci superiori per grazia divina
          Detto ciò al derby bisognerà fare una super partita perchè ora sono in forma e gli gira tutto bene, a differenza del girone d’andata

      • Livio ha detto:

        @ Maurizio…..

        divertente ed azzeccato il richiamo ad Eriksson e Mazzone. Ma allora come spieghi l’innegabile ” effetto Ballardini ” ?!
        Sir Ranieri ci ha messo mezz’ora di troppo ad inserire Damsgaard.
        Di questo passo prevedo pessimisticamente sanguinosi sorpassi….

        P.S. Nel mio precedente commento ho omesso di commentare la prova di Jankto…..Non mi sono accorto che fosse in campo….

        • Fra Zena ha detto:

          sanguinosi se ci costassero la permanenza in serie A…
          E’ dal 2015 / 16 che non ci arrivano davanti, ogni tanto può anche succedere
          Come ho scritto sopra mi pare abbiano una rosa superiore alla nostra in molti ruoli
          Comunque vediamo, il campionato è lungo

      • Sand66 ha detto:

        Ritengo che siano le Società a dettare le ambizioni, con la programmazione e gli investimenti, se siamo aggrappati alla sopravvivenza anche chi gioca, abituati magari ad altri contesti, non si sente facente parte di qualcosa (ed ora senza tifosi ancora peggio) e non si danna l’anima.

        • Fra Zena ha detto:

          giusto

        • El Cabezon ha detto:

          Quando il tuo presidente dichiara pubblicamente che “basta vincere il derby ed arrivare tra i primi dieci e siamo tutti felici e contenti” ( pensieri tra l’altro condivisi da parecchi tifosi blucerchiati…) cosa ti aspetti?
          Al calciatore/dipendente non sembra vero!
          Inevitabilmente si “sbatteranno” meno, sia in allenamento che durante la partita,
          è fisiologico e per certi versi anche umano e comprensibile…

  12. bieffe61 ha detto:

    Un’altra occasione perduta, dobbiamo essere contenti per non aver perso,ma questa era una partita da vincere vista la pochezza dimostrata dal Benevento.Ancora una volta viene evidenziato come nel calcio moderno sia importante avere un giocatore che salta l’uomo creando le condizioni per scardinare le difese anche quelle meglio strutturate,noi abbiamo Damsgaard e io mi auguro di vederlo ancora il prossimo campionato.Anche oggi ho sentito commenti non proprio lusinghieri sull’allenatore con i quali mi trovo purtroppo d’accordo,io lo stimo anche come persona ma mi sembra che non sia riuscito ancora a dare un’anima a questa squadra forse cambiare formazione tutte le domeniche non è la strada giusta,tu come la pensi Maurizio?

  13. Darth ha detto:

    Presi a pallonate a tratti pure dal Benevento al quale doniamo la bellezza di 4 punti tra andata e ritorno.
    Audero ha fatto una paperaccia ma ha salvato un risultato che poteva essere ancora peggiore.
    Non abbiamo l’alibi Juventus stavolta.
    Allenatore inadeguato per una rosa che può esprimere un calcio nettamente migliore.

    • Zaccotenay ha detto:

      Il centrocampo è fra i più scarsi in serie A, se il centrocampo non ha tecnica e aggressività fai fatica con chiunque. La strategia di tenere il risultato per poi cambiare la partita fa gli innesti(tardivi)

  14. livio ha detto:

    Buono il punto, meno la prestazione.
    Alcuni giocatori decisamente fuori condizione o forse fuori posizione.
    Scialbo l’apporto di Thorsby, che si trova meglio quando deve ostacolare il play avversario; spesso troppo avanzato alla ricerca di un colpo di testa vincente, improbabile per la poca qualità dei cross.
    ” Insipido ” ,come suggerito da Maurizio ,il contributo di Torregrossa; forse il gol alla prima apparizione ci ha un po illuso sulle sue qualità.
    Sorvoliamo su Tonelli; 4 lanci consecutivi nei primi minuti alla b…..di cane, danno la sensazione di quello che sarà la sua partita. E non c’è mai occasione per cui riesca ad evitare l’ammonizione, ormai sistematica! Lo stesso Keita, che pur ci ha salvato da una cocente sconfitta, si muove a scatti, tra errori tecnici e falli in attacco; dà sempre l’impressione di poter essere decisivo ma risulta invece piuttosto fumoso.
    Candreva impreciso; Augello spesso al cross , ma con traiettorie arcuate e lente ; forse risente dell’infortunio subito nello scontro con Quadrado…..Insomma , si salva Damsgaard , che è l’unico a mostrare vivacità, cambio di passo e voglia di vincere. A questo punto mi chiedo: non poteva entrare ad inizio ripresa? Vero. Sig. Ranieri!?
    Gli agogniati 40 punti, con queste prestazioni, non saranno facili da raggiungere. E prevedo con un pizzico di pessimistico realismo, alcuni dolorosi e spiacevoli sorpassi…..

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Ha illuso te, magari. Per Torregrossa parla il curriculum… Per il resto, mi sembri troppo pessimista ma vediamo, magari arai ragione tu e ci salveremo a stento.

      • Zaccotenay ha detto:

        Torregrossa a me piace molto se i cross arrivano molli e prevedibili e non tesi e forti non hai possibilità di segnare. Nel primo tempo se keita lasciava colpire torregrossa che aveva preso il tempo al difensore, eravamo a commentare un altra partita. Merita fiducia torregrossa.

        • Fra Zena ha detto:

          a me ieri non è così dispiaciuto, qualcosa di buono ha fatto

        • El Cabezon ha detto:

          Giusto Zaccotenay,
          condivido!
          Torregrossa era alla prima partita da titolare, ci sta che possa non aver fatto bene anche perchè da quel che leggo e sento ( non ho visto la partita ) non è che gli altri suoi 10 compagni si siano ricoperti di gloria, certo che se poi a ogni cross ci si aspetta che la incorni in rete siamo un pò fuori strada…
          Il vero Ernesto lo vedremo la prossima stagione…

  15. Marco ha detto:

    Buongiorno Sig.Michieli,

    Ieri ho visto gli altri , penso che l’allenatore conti eccome perché la grinta e la determinazione messa in campo ieri per esempio non l’ho vista quando hanno giocato a Benevento ed hanno preso due pappine senza reagire; eppure i giocatori erano pressoché gli stessi. Quanto sopra per sostenere che forse Ranieri , ottimo allenatore e persona, mi sembra che alleni come qualcuno già arrivato , un po’ come Candreva, da qui la mollezza caratteriale della squadra . Visto che intanto con questa società non si hanno ambizioni magari un allenatore con più fame esempio Italiano forse sarebbe da considerare . Che ne pensa ?

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Della presunta e magari vera mollezza caratteriale della Sampdoria sento parlare dai tempi dello scudetto, persino. Poi, però, gli stessi tifosi, appena la stampa prova a mettere un po’ di pepe e a dare un pizzico di stimolo con qualche critica, saltano fuori con la storia dei disfattisti, per non dire genoani etc etc. La Sampdoria è questa, il suo ambiente è questo, con pregi e difetti, nel bene e nel male. Talvolta la tranquillità è una risorsa, altre volte a mio parere porta all’appiattimento. Ma questo è. Quanto ad Italiano, è certamente un valido tecnico emergente ma io parto sempre dai calciatori, non sono uno che si entusiasma troppo per gli allenatori. L’unico che altera veramente gli equilibri è Gasperini, gli altri si arrabattano tra alti e bassi.

      • Fra Zena ha detto:

        A me sembra – ma forse è solo una sensazione- che Ranieri sia “sopportato” e non molto amato da alcuni elementi del gruppo
        Uno è certamente Candreva, ma non è il solo
        Non è la prima volta che le sue interviste del dopo gara, tra le righe, fanno trasparire una certa insoddisfazione verso l’atteggiamento della squadra
        Magari sbaglio io eh

        • El Cabezon ha detto:

          Le interviste di Ranieri nel post gara sono drammaticamente sempre le stesse, quella di ieri era un copia incolla di quelle che rilasciò dopo la prima giornata contro la Juve, se dopo cinque mesi siamo punto e a capo mi sa che tra mister e squadra c’è qualche problemino di comunicazione/apprendimento…

          • Ste75 ha detto:

            Ranieri è il calcio antico.. Quello fatto senza schemi e idee di gioco, ma basato esclusivamente su il colpo di classe di qualche singolo.. Sarei curioso di vedere che tipo di allenamenti svolgono 8n settimana.. X me l’allenatore incide in un 40 per cento.. Che può sembrare poco ma averne uno seduto in panchina che capisce al volo delle sostituzioni da fare e nn impiegare 70 minuti.. Un allenatore che nn lascia 8n panchina verre o ramirez o damsgaard (gli unici che possono dare un po di fantasia) x impuntarsi sempre cn thorsby che ricorda Forrest Gump.. Corre corre e poco altro. Che cambia ogni domenica formazione…. Vorrei italiano de zerbi o juric….

          • steva ha detto:

            pero’ in mezzo ci sono 27 punti… che non sono proprio da buttare via. Invito sempre a guardare chi c’è dietro. Squadre blasonate (Torino, Cagliari, Fiorentina, Bologna…), che spesso hanno anche fatto campagne acquisti decisamente piu’ importarti di noi eppure sono li con l’acqua alla gola. Ranieri avra’ mille difetti, il gioco non ci esalta e sembra senza mordente ma per piacere abbiamo pur sempre 27 punti e siamo decimi. Poi se qualcuno pensa che la Sampd’oro possa tornare mi spiace dirlo ma forse e’ meglio che torni con i piedi per terra.

      • gio48 ha detto:

        Maurizio, non si tratta di “entusiasmarsi” per un allenatore ma di vedere se un allenatore riesce a far giocare una squadra bene o no. Noi stiamo giocando veramente male. Se togliamo la partita con la Lazio ed alcuni spezzoni di altre gare, subiamo sistematicamente il gioco degli avversari regalando loro troppe occasioni da rete. Ieri così come con Parma e l’Udinese, solo per citare 3 squadre che certo non credo ci siano superiori come organico, abbiamo rischiato l’imbarcata e nel dopo partita sentiamo il mister ripetere che qualcosa non ha funzionato perchè subiamo troppo. Quasi mai,poi, riusciamo a creare superiorità numerica per l’estrema lentezza dei ns centrocampisti. In tutta onestà credo che abbiamo fin troppi punti per il gioco prodotto. Ed il gioco di una squadra, non i punti in classifica, dipende dall’allenatore.

      • samp75 ha detto:

        Buongiorno, Maurizio. Se mi permetti una battuta sono completamente d’accordo a metà con te.
        L’allenatore non ha questo potere taumaturgico che tu dici, è vero, ma è questione di alchimia: infatti quando sbagli allenatore, nel caso della Samp, poi ti tocca patire le pene dell’inferno o peggio (vedi Di Francesco, Montella, Di Carlo ecc.). Poi sicuramente in campo ci vanno i giocatori e se una squadra è costruita male non ci fa nulla neanche un mago ( ricordo a tutti il caso ormai antico a Cagliari di Trapattoni). Per chiudere il concetto Ranieri, con tutti i suoi difetti, nel panorama calcistico attuale, me lo terrei ancora un anno. In giro non vedo profili appetibili per il nostro livello, parere strettamente personale. Italiano aspetterei ancora un po’ a capire se può fare al caso nostro.
        In quanto alla presunta mollezza della Samp andiamo ancora indietro di più al citato periodo, se non sbaglio fu Gianni Brera a paralre della mollezza di Bogliasco. E nei miei ricordi di gioventù ci sono i ricordi delle sconfitte interene con Ascoli, Como e Avellino.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Concordo pienamente sull’alchimia, tant’è che lo stesso allenatore magari fa bene in un posto e male o meno bene altrove. Ranieri trasformò in vincenti i provincialotti del Leicester, quindi in teoria sa motivare. Ma qui non riesce a trasformare pietre grezze in pietre preziose, sul piano del temperamento intendo. Sono i misteri del calcio. Fermo restando che poi la differenza, quella vera, la fanno i valori tecnici e non quelli caratteriali.

          • gianfra ha detto:

            Quello del Leicester, fu un miracolo sportivo , a mio avviso, irripetibile e inspiegabile con una squadra super provinciale.
            Del resto precedente il buon sir Claudio , era stato duramente contestato al Chelsea dai media inglesi, che gli appiccicarono un appellativo non proprio simpatico. (dopo elimaz. in Champions 2003-04 da parte del Monaco).

          • Massimiliano ha detto:

            Secondo me qua, aldilà di quello che dice, Ranieri non ha grosse motivazioni, ed è anche quello che trasmette al gruppo, dopo la salvezza raggiunta l’anno scorso quest’anno sa di avere una rosa più forte che, a meno di disastri, si salverà tranquillamente, lui si limita a mettere i giocatori in campo, non ha dato un’idea di gioco, cambia tutte le volte formazione e spesso modulo, tanto il suo bello stipendio a fine mese se lo acchiappa ed è tranquillo così. Della Sampdoria non gliene frega niente.

      • GIANNI ha detto:

        Maurizio Brera diceva “sarà la maccaia per quello che a Genova i calciatori si ammosciano!!!”

        • steva ha detto:

          Ci sono tanti calciatori che hanno fatto benissimo a Genova e poi si sono ammosciati a Milano, la lista e’ lunghissima sia dalla ns parte che da quell’altra, i primi due che mi vengono in mente sono Schick da noi Piontek da loro venduti a 40 ml cad e adesso spariti

  16. Max ha detto:

    Certo che fa’ un po’ strano avere in squadra giocatori che hanno fatto la Champions, nazionali polacchi ,giapponesi ecc ecc e vederli messi sotto da Impronta,schiattarella,Caprari, ovviamente con tutto il rispetto x loro che se giocano in A se lo meritano…

    • Sand66 ha detto:

      In effetti, hai ragione.

    • Lapo ha detto:

      Pensavo la stessa cosa ieri: tutti a dire che i nostri sono giocatori mediocri a malapena accettabili per la serie A, però abbiamo gente che ha vestito la maglia della Nazionale italiana o che sta vestendo quella delle rispettive Nazionali e sfiguriamo o addirittura ne buschiamo ignobilmente contro squadre che di nazionali non ne hanno neanche l’ombra… Ma guai a parlar male dell’allenatore!

  17. Maraschi ha detto:

    Partita piuttosto brutta, secondo me, condizionata da due episodi: l’errore di Torregrossa sotto porta e la papera di Audero.
    Lo so che con i se non si va da nessuna parte ma se Torregrossa avesse segnato, la partita sarebbe andata in discesa, visto che nel primo tempo, pur non facendo niente di eccezionale, il pallino in mano l’avevamo noi.
    Se Audero non avesse preso un goal assurdo, ci saremmo evitati i contropiede del Benevento (meno male che lì il portiere si è riscattato altrimenti ciao).
    In generale comunque è un campionato equilibrato: il Sassuolo che perde in casa dallo Spezia, l’osannato Verona che ne prende 2 a Udine.

  18. Pino ha detto:

    Innanzitutto grazie a te Grande Maurizio, che hai la voglia di commentare e che grazie al tuo blog dài la possibilità a tutti noi, fratelli blucerchiati, di esprimere un parere. Oggi fossi stato in te, avrei pensato a ben altro piuttosto di impegnarmi per una situazione che fa cadere le braccia. Copioincollo la dichiarazione di Mr. Ranieri. “Nel primo tempo abbiamo tenuto in mano le redini della gara, Caprari ha avuto un’occasione ma anche noi siamo stati pericolosi.” Meno male che la pensa così. Ci dica quanti tiri nello specchio della porta abbiamo fatto. Un bello Zero tondo. Nel secondo tempo, Caprari (a parte il gol incredibile di uno che non centrava e non centra nemmeno una porta di Rugby, oggi è riuscito in un tiro che nemmeno il grande Pelè sarebbe riuscito ad effettuare), ha portato in vantaggio la Squadra giallorossa. E ringraziamo Audero perchè ha salvato tra gol sicuri se i palloni fossero stati affidati a pedatori diversi. A cosa abbiamo assistito nel secondo tempo? A un amarcord di Zenga. Lanci lunghi dalla difesa per saltare il centrocampo, ma che nonostante la volontà di Augello e Berezy non sortivano effetto alcuno. Il primo vero tiro in porta ha portato al pareggio. Fine della storia. Ma a me quel che ha impressionato è il sistematico ritardo sulle palle vaganti, sempre preda degli avversari. Oggi quel punto ci sta largo. Ma come sostengo, “Lucky Ranieri se la svanga sempre per il rotto della cuffia. Da Primocanale copioincollo : “A Benevento parte un ciclo di cinque partite per dire chi siamo” Questo sosteneva il trainer, e puntualmente, all’indomani dei suoi proclami, la conferma : Chi siamo ? Dei poveri pellegrini che hanno la Dea Bendata a far da 12esima. Ier sera mi son dilettato a vedere sia i cugini spezzini che quelli rossoblù. Mamma mia : che grinta! Tutte e due le squadre han voglia di lavorare. Possibile che noi si debba sempre vivere in questo limbo dove non c’è una dico una partita che si vinca e si convinca? Penso che questo appiattimento sia dovuto alla pancia troppo piena. Forse fan bene a Roma dove se i signori milionari non fanno il loro dovere, rischiano parecchio nei giorni degli allenamenti. Mi sa che siam troppo signori :Ma un bambino viziato se non lo si corregge in tempo, con le buone o le cattive, ti può rovinare.

  19. petrino ha detto:

    Escludendo la Iuve, sempre, il Milan quest’ anno con Ibra, e l’ Inter ogni tanto, in tutte le altre squadre non esiste continuita’ nel rendimento.
    Escluso queste tre, tutte le altre hanno alti e bassi., che sembrano inspiegabili, ma i risultati certificano questa altalena.
    A ferrero va bene questa posizione in classifica.
    10^ / 11^ posto senza rischio
    E i calciatori queste cose le conoscono benissimo, specie i marpioni.
    Difatti il danese, giovane e voglioso, quando entra di solito fa ottime partite, perche’ ha delle prospettive. future.e tecnicamente e’ valido.
    A fine partita Ranieri , quando non vince, dovendo dire qualcosa, punta sulla scarsa vis pugnandi in campo , ma se non riesce a dargliela lui, chi gliela da ‘ ai giocatori. ???? Sembra il gioco delle parti.
    Cosi’ e se vi pare.

  20. frankye ha detto:

    mi piacerebbe sapere se nello staff di Ranieri è compreso un nutrizionista il quale probabilmente ha una passione per le mele Cosi soffriamo della sindrome di Biancaneve e due partite si una no ci addormentiamo regolarmente. Potrebbe provare con le …..pere : Chissà mai

  21. Moussa Dembele ha detto:

    Non colpevolizzerei troppo Audero. In quel frangente il portiere un passo a sinistra lo deve fare, perché 99 volte su cento da li parte un cross. Caprari ha azzeccato il tiro della domenica

  22. Moussa Dembele ha detto:

    E chi parla di Europa?
    Con questa rosa la Sampdoria dovrebbe stare sopra Verona e Sassuolo e non farci vedere la schifezza che ci propina Ranieri. Questo va detto.
    Ranieri prende 1.8 all’anno. Senza parlare di Europa per vedere un tiro in porta in 45′ contro una squadra di scappati di casa, va bene anche un Ballardini qualunque.
    L’unico lato positivo e che controbilanciata in serietà e credibilità il nostro amatissimo presidente, che però quest’anno la squadra l’ha fatta

  23. Dino Ravera ha detto:

    Scusa Maurizio ma se l’allenatore conta poco nel motivare i calciatori, come spieghi il cambiamento di atteggiamento per es della samp di delio rossi con quella di Mihailovic,.il genoa di Maran con quello di Ballardini, non credo che sia tutto casuale

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Mihajlovic è lo stesso anche a Bologna e (per ora) sono dietro di noi. Questione di alchimie, non di pugni sul tavolo.

  24. Giulio ha detto:

    Temo che la quota salvezza si stia alzando e mi sembrerebbe strano che Cagliari e Torino rimanessero ancorati al fondo ancora per molto. Spero che rientri Ferrari al più presto, che Damsgard faccia coppia con keita, che jankto e Thorsby corra no per tre e Silva faccia il regista. Il resto è un contorno e va utilizzato sulla base della forma fisica. Mi piacerebbe vedere per una partita intera Askildsen che si diceva fosse un altro Ekdal

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      La sai lunga, Giulio.

    • Fra Zena ha detto:

      il Torino non vince da inizio gennaio, il Cagliari da novembre (!), il Parma da inizio dicembre
      Come si può dire che si sta alzando la quota salvezza?
      Ciò detto, i 40 punti serviranno perchè nelle ultime 10 partite come al solito abbonderanno i risultati “strani” e le squadre demotivate

  25. Massimiliano ha detto:

    Qualcuno sa dirmi qualcosa sul rapporto tra Ranieri e Tonelli? Sono amici?

  26. Sand66 ha detto:

    Sinceramente avremmo meritato di perdere, il divario tecnico era imbarazzante eppure, non si sa perchè, in campo proprio non si percepiva, e non è un problema di mezzi ma di come li usi, sembra che i nostri avanzino senza sapere bene cosa fare, se parti di rimessa sbagli le aperture e i filtranti, se lanci da dietro non ne becchi una, se fraseggi ti anticipano e se crossi non la pigli mai, la sensazione è che siamo aggrappati al gesto individuale (Daamsgard oggi) senza la minima idea di gioco.
    Consideriamolo un punto guadagnato, all’andata era andata peggio, certo mi piacerebbe divertirmi qualche volta, almeno con squadre nettamente inferiori.
    Forza Doria sempre e comunque.

  27. Luigi ha detto:

    Grande Maurizio questo è parlare ma sono parole nel vuoto se critichi per provare a dare un po’di verve all’ambiente sei un pessimista un disfattista o peggio ancora uno che rema contro se parli bene e sei ottimista non va bene perché sei apertamente schierato e lacchè verso alcuni giocatori insomma cari tifosi cosa vorreste di più da una società che ha come unico scopo remunerare profumatamente il proprietario che quasi tutti vorremmo rispedire al mittente? L’unico mio dubbio è se c’è né un’allenatore che percepisce uno stipendio inferiore potresti ottenere gli stessi risultati. Un’ultima considerazione quanto acquisti giocatori datati che hanno indossato casacche prestigiose e lottato per altri traguardi ( vedi Candreva) è difficile che diano l’anima quando non hanno nessuno stimolo anche se il concetto è sbagliato perché pagati profumatamente.

  28. Stefano1970 ha detto:

    Quando le squadre sono entrate in campo e durante la “sigla” della SERIE A ho visto Augello e Torregrossa spiegarsi cosa dovevano fare…. Beh… Ho capito che sarebbe stata una partita confusa.

    Male torregrossa e Jankto. Ma ad essere sinceri non ho capito come era preparata la partita. La squadra ha delle qualità… Ma non riesce ad esprimerle. E non c è continuità nella disposizione in campo.

  29. Baoluo ha detto:

    Una domanda, ma perché ce l’avete tutti con Candreva? E’ un giocatore di 34 anni che con i suoi alti e bassi sta dando il suo contributo. Io non mi aspettavo vincesse le partite da solo.

  30. Fra Zena ha detto:

    Per come è andata la partita ritengo sia un punto guadagnato, che ci mantiene in piena media salvezza in una giornata in cui tutte dietro hanno mosso la classifica
    Non mi sembra ci abbiano presi a pallate per 90 minuti, chi lo dice non ha visto la partita. Nel primo tempo la avevamo in mano. Dovevamo sbloccarla, le occasioni le abbiamo avute. Ci è mancato il cinismo. Dopo il gol subito invece abbiamo ballato , per fortuna nel finale siamo riusciti a raddrizzarla
    Non capisco la titolarità di tonelli , perennemente in ritardo e sempre ammonito (già 10 cartellini quest’anno!)
    Ovviamente a leggere i commenti di tutti sembra che giocassimo contro nessuno. Il Benevento ha battuto genoa, Udinese fiorentina e bologna. In casa hanno pareggiato contro lazio , juventus, torino. Tanto per citare qualche risultato. È una squadra onestissima per la serie A, per questa Sampdoria pareggiare la’ è un risultato accettabile. Mi sembra che molti sopravvalutino non poco la nostra rosa, che ha buone individualità ma anche tanti buchi

    • Stefano64 ha detto:

      Buonasera,
      mi trovo in sintonia con il tuo dettagliato commento, ma forse qualcuno su questo blog pensa di poter vedere giocare la Samp stile Barca di un paio di anni orsono. Nessuno ricorda comunque che nel girone di andata un allenatore che da molti viene definito scarso o comunque non all’altezza è riuscito nell’impresa di farci battere Lazio, Atalanta ed Inter, magari con un pizzico di fortuna ma quella spesso ci vuole (Genoa Napoli docet). Concordo anche con Giulio sul fatto che la quota salvezza è destinata ad alzarsi anche se mi sembra molto difficile che Cagliari e Parma riescano a fare 27 punti da qui alla fine del campionato.
      Buon proseguimento a tutti…ciao Mauri….FERRERO VATTENE

  31. Massimo Pittaluga ha detto:

    Partita che temevo di alti a basi. si inizia benino poi si rientra nel secondo tempo completamente senza concentrazione ed in grossa difficoltà poi con alcuni cambi (a mio avviso con 5 cambi disponibili trovo che il mr a volte ritardi un po troppo certi cambi ma saprà sicuramente meglio lui la mia è un opinione da fuori) la samp raddrizza la partita e quasi la ribalta. pareggio alla fine giusto ma pareggio è stato a causa dell’atteggiamento spesso fuori dalla partita. a mio avviso non è neppure vero che non ci sono giocatori di livello o che hanno giocato a certi livelli ma qui gente come candreva dovrebbe portare mentalità e trascinare di più ad esempio invece sebbene non giochi mai male spesso mi sembra farlo con un po di sufficienza. tonelli secondo me va bene come riserva ma tutta la vita yoshida giocatore con piedi migliori e migliore posizione (se parliamo di carriera lo dice anche la carriera). audero rimedia ad un errore con due ottime parate. keita che alcuni dicono tanto fumo faccio rilevare che timbra quasi sempre quando gioca quindi proprio tanto fumo non direi. il problema è che non c’è a mio avviso la mentalità di andare oltre al compitino perchè siamo in zona tranquilla ma con vicine molto vicine verona e sassuolo e siamo in mezzo ad un mucchio di squadre che tutte possono arrivare ottave o none dal genoa all’udinese noi e anche fiorentina ma fai presto a diventare quattordicesimo. la zona retrocessione è per ora lontana ma credo che questa squadra dovrebbe dare di più e se parliamo di carriera ci sono giocatori che in certe squadre hanno giocato e che hanno fatto anche diverse presenze in certe nazionali di buon livello. a mio avviso oggi con un certo atteggiamento si poteva vincere e andare vicino al verona e sassuolo e mettere una pietra sulla salvezza. ha ragione inzaghi guardiamo i cambi ns e del benevento e i titolari. con tutto il rispetto caprari da noi era spesso in panca e lapadula idem al genoa cosi come altri giocatori. i cambi poi non parliamone la samp ha messo damsgard qagliarella verre yoshida ekdal e aveva anche ramirez che a mio avviso in una partita cosi 30 minuti poteva romperla. un po più di ambizione e voglia la vorrei vedere da tifoso ma alla fine va bene anche cosi siamo a distanza dalla zona retrocessione anche se sinceramente questa mentalità a me non piace perchè si potrebbe vedere qualcosa di più per le potenzialità di alcuni giocatori. spero con la fiorentina che ci sia un atteggiamento diverso oltre magari ai cambi un po prima. con 5 cambi è un altro sport e a mio parere con i rientri di gabbiadini e ferrari il mr avrà altre opzioni e non poche e mi piacerebbe vedere una squadra che sta dentro le partite e non solo dei 15 venti minuti per tempo.

  32. Francesq ha detto:

    Ho appena sentito il commento di Ranieri. Significativo. Ha alzato l’asticella, vuole di più. E lo si capisce non solo ascoltandolo, ma anche vedendo come sta la squadra in campo: giochiamo di più, la teniamo di più, prendiamo caterve di contropiedi… ecco, leggasi l’ultima come conseguenza delle prime.

    Però ci sta, occorre provare a costruire, ad aggrapparsi a quel gruppo di squadre “sopra”; sopra per monte ingaggi, per qualità della rosa (e qui ci puoi far poco); sopra come cifra di gioco (ecco: su questo magari qualcosina si può arrabbattare).

    Ranieri onesto. Primo tempo anche buono, nel secondo non ci capivamo nulla, prendevamo sempre la stessa ripartenza, costantemente, sempre alla stessa maniera; e meno male che gli altri son grammi (perché son grammi), altrimenti si finiva crivellati come santo corleone.

    Proseguiamo sulla strada dell’onestà. Ce l’ha regalata Inzaghi, possiamo dirlo? È passato a 5 dietro senza che ne avesse bisogno, così, d’improvviso; quando dominava e la sua squadra godeva di eccellenti equilibri. Ha fatto la frittata, il Benevento ha perso distanze, ha faticato a riorganizzarsi; damsgard ha trovato spazi che non aveva ancora assaggiato. Così l’abbiamo ripresa.

    Comunque buon punto. Il vecchio adagio “pareggia se non puoi vincere” sembra un adagio da vecchi pescatori, ma è intriso di verità.

  33. Paolo1966 ha detto:

    La cosa che non ci scrolliamo da dosso e l’incapacità a stare dentro la partita per 95 minuti. Abbiamo la costanza di lunghi passaggi a vuoto che rischiano di costare cari. A questo si aggiungono grandi discontinuità nelle prestazioni dei singoli. L’allenatore deve essere bravo a capire chi è in giornata e chi no, e sfruttare i cambi. Mancano 13 punti. Prima li facciamo e meglio è

  34. Simo porto ha detto:

    Buonasera a tutti,

    Commenti meravigliosi come sempre in questo blog.Vedo gente che attacca Ranieri, che è passato da eroe ad incapace in 5 anni, che dice che ci salveremo a fatica, pur avendo 27 punti e 51 disponibili, che Candreva è un cesso(che meno di 8 mesi fa giocava una finale di Europa League, ma sempre cesso è) … Ma perché mi chiedo io non fate tutti il corso a Coverciano e provate ad allenare la squadra? O cercate di fare una disamina tattica e tecnica che sia minimamente sensata? Siete gli stessi che l’hanno scorso hanno linciato audero e che ora invece gli mandano bacini e carezze… Forse è per questo che ho smesso di andare allo stadio, perché non ne posso più di sentir gente che parla a caso

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Vabbé, allora secondo il tuo ragionamento devo chiudere il blog… Ognuno dice la sua, non mi pare disdicevole.

      • gianfra ha detto:

        Dico la mia, la tifoseria Samp, la ritengo nella media piuttosto pessimista anzi molto, peggio delle cassandre talvolta. Ciò detto la squadra ha lacune, coperta corta in difesa e discontinuità in alcuni elementi (Ramirez, Candreva etc….). Poi non si deve abbassare la guardia fino a obiettivo ottenuto.
        Poi se il derby lo affrontiamo con lo spirito di certi tifosi….dato che loro saranno carichi a mille, e poi loro nei derby sono sempre convinti di batterci anche fossero ultimi…. a differenza nostra.

  35. Chicco Sestri Ponente ha detto:

    Prendiamoci un ottimo punto che ci avvicina ai 40 il vero ed unico grande obiettivo della nostra amata Sampdoria
    Peccato per i punti buttati via all’andata proprio col benevento e col bologna comunque sempre forza Sampdoria.

  36. Pier56 ha detto:

    Partita grigia della Samp nel 2 tempo, prendendo meritatamente il gol. Nel 1 t però ci siamo letteralmente mangiati 3-4 occasioni. La squadra si é dimostrata carente in cattiveria agonistica, qualità di cui invece ha abbondato il Benevento. Per fortuna l’entrata di Damsgaard e le parate di Audero, dopo l’incredibile errore (sul gol subito ha avuto un riflesso da bradipo…), hanno riequilibrato il risultato. Vorrei fare due domande a Ranieri che ha strigliato la squadra per la prestazione: perché tutte le domeniche cambia sempre formazione e modulo? E poi: perché il tuttofare Thorsby ha giocato dietro alle punte, pur avendo piedi di marmo, o addirittura da centravanti, facendo muovere in continuazione Torregrossa ? Ritengo quest’ultimo un discreto attaccante ma dev’essere servito a dovere dai compagni. Insomma un gioco confusionario nella ripresa che non mi è piaciuto. Dunque alla fine un punto guadagnato, non due persi…

  37. Pippo Katanec ha detto:

    La verità è una e sono d’accordo con Maurizio. La Samp è una squadra di valore medio per tecnica, fisico e caratteriale. Tecnica per l’infinita’ di passaggi sbagliati. Fisico per gli anticipi subiti e le famose seconde palle sempre conquistate dagli avversari. Caratteriale perché raramente la si vede prendere per il collo l’avversario. Valore medio e classifica media.

  38. MAURIZIO MONTOGGIO ha detto:

    POSSIAMO ARRABBIARCI DELLA PRESTAZIONE DELLA SQUADRA…DELLA SOLITA DIFESA…DELLA CARICA AGONISTICA…..PRENDIAMOCI IL PUNTICINO….ARRIVIAMO A 40 PUNTI (DAVANTI AL CENUA)….E ABBIAMO VINTO IL CAMPIONATO (AVER EVITATO LA B).
    …IL SOLITO FERREROVATTENE

    FORZADORIASEMPRE

    🔵⚪🔴⚫⚪🔵

    • andreap ha detto:

      d’accordo tranne che per il “davanti al cenua”.. io non li guardo proprio, non so se siano già davanti o ancora dietro..io punto ai 40 punti e basta.
      sono già abbastanza demoralizzato per quello che vedo e per quello che la gestione di mf ci sta regalando oggi ed in prospettiva: mosci per anni..

  39. Solosamp1946 ha detto:

    La partita di ieri è lo specchio di quello che sono società e allenatore. Zero ambizione. Ribadisco che con una squadra a mio avviso discretamente forte a livello tecnico dopo 21 giornate non ho ancora capito quale sia il nostro gioco. Per fortuna la classifica resta comunque buona.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Non credo sia solo fortuna la classifica buona.

      • solosamp1946 ha detto:

        sicuramente no , ma se devo ripensare a tutto il campionato faccio fatica a ricordare partite girate storte (il bologna poi non me ne vengono in mente altre) . Anche ieri con un modestissimo Benevento abbiamo rischiato di finire sotto di 3 reti e alla fine invece l abbiamo pareggiata.

        • belmondo' ha detto:

          col bologna abbiamo fatto schifo, l’unica partita a mio avviso dove meritavamo di piu’ e’ stata col sassuolo e forse col milan con quell’occasione all’ultimo di ekdal, per il resto quest’anno non si puo’ proprio parlare di cattiva sorte

          • El Cabezon ha detto:

            Non concordo,
            col Bologna fino allo sfortunato autogol di Regini non facemmo male, col Milan molli come la panna cotta ad eccezione di un paio di fiammate, col Sassuolo ci mettemmo a giocare solo dopo il loro doppio vantaggio perchè loro un pò mollarono la presa…

          • solosamp1946 ha detto:

            si si non parlo di prestazione con il Bologna , ma di episodi. Senza l autorete di Regini andavi all’intervallo in vantaggio e probabilmente l inerzia della gara sarebbe stata diversa

  40. Daniele da Rapallo ha detto:

    Caro Maurizio, questa volta concordo con te sull’analisi del match ma non sulle considerazioni.
    Questa partita per me “persa”mi ha lasciato deluso come non mai.

    Io vorrei sapere se a Bogliasco c’è il FANTASMA formaggino in mezzo alla maccaia che attraversa tutte le epoche, i presidenti, le formazioni e i decenni ed infonde la mollezza tutte le volte che puoi fare il salto di qualità, raggiungere un traguardo o migliorarti quando ne avresti le possibilità.
    La Sampdoria attuale ne fa tre di Benevento, e vincendo poteva quasi agganciare Verona e Sassuolo. Invece cosa fa? Va la e fa una partita pistola.
    Con un allenatore che sproloquia di mancanza di grinta, condizione e cattiveria io mi chiedo veramente cosa, anche lui, sappia infondere come motivazione alla squadra…ora lo aspetto al derby.
    Sono veramente inviperito ed amareggiato per cotanta superficialità.
    Non so voi ma, sinceramente, io non trovo scusanti.

    Per chi afferma che la Sampdoria è così e “tanto doveva solo salvarsi” io dico che l’appetito vien mangiando…..: un campionato può nascere male e finire bene o viceversa. Se una campagna acquisti, anche criticata, ma da prendere con le molle porta alla fine dei frutti non vedo perchè non farli “fruttare” ed approfittare della nuova condizione con grinta e personalità. Il confine tra salvezza tranquilla e parte sinistra con qualche soddisfazione di classifica è labile… Non voglio fare paragoni blasfemi per rosa e proporzioni ma neanche l’anno del quarto posto era previsto di arrivarci.
    Se la classifica è buona sta anche ad allenatore, squadra ed ahinoi società dare quei piccoli obiettivi e motivazioni che ti servono per andare avanti anche in un ottica di onore ai valori sportivi nonchè ai tifosi, pur non presenti allo stadio.

    • Fra Zena ha detto:

      Daniele, non è vero che il fantasma della scarsa ambizione attraversa tutte le epoche. Implicitamente lo scrivi anche tu: “neanche l’anno del quarto posto era previsto di arrivarci”…ma l’anno del quarto posto chi c’era? Garrone e Marotta, o mi sbaglio?
      Ti cito anche il 2004/ 2005, quando partimmo per salvarci, perdemmo le prime tre e poi arrivammo quasi in Champions League colpendo 6 pali nelle ultime 2 partite. Anche lì c’erano Garrone e Marotta, non Ferrero e Osti
      Il fantasma della scarsa ambizione attraversa questa epoca e questa società, che ha allestito una rosa per fare 40 punti e non chiede di più. Ricordo che abbiamo il 15esimo monte ingaggi della serie A. Abbiamo abbondanza di punte e mezzepunte, ma se si fa male Augello gioca Regini. Non possiamo ignorare queste cose quando parliamo di scarsa ambizione
      Poi c’ è il discorso che probabilmente tra rosa e allenatore non si sta creando una grande chimica, i fatti di dicembre lo dimostrano. Anche questo certamente incide
      Ieri secondo me se avessimo segnato nel primo tempo – e potevamo farlo – avremmo vinto. Alla fine però il punto mi sta più che bene per come si era messa, non lo considero affatto una mezza sconfitta nell’ottica di arrivare a 40 il prima possibile

    • El Cabezon ha detto:

      Daniele
      le tue considerazioni possono essere condivisibili,
      ma per come la vedo io sono un pò…utopiche!
      Per dirla tutta: io credo che la squadra sia ben conscia di non poter lottare per l’Europa e, al tempo stesso, di avere tutti i mezzi per centrare l’obiettivo dichiarato di una tranquilla salvezza per cui, alla fin fine, va bene così e si vivacchia!
      Ma voi sognate grinta, motivazioni e quant’altro per cosa, per ottenere un insignificante ottavo posto?
      Si pensa davvero che una squadra possa scendere in campo col coltello tra i denti per…il nulla?
      Già di norma dà fastidio il settimo posto che comporta i preliminari di Europa League e di conseguenza la riduzione delle agognate vacanze estive, figuriamoci se ci si può sbattere per il pensiero che allora l’ottavo posto ti farà saltare due turni di Coppa Italia, impensabile!
      Forse solo un premio in denaro potrebbe incentivare i giocatori a dare veramente il 100%, ma non credo che in società possano permettersi tali atti di generosità…

      • Daniele da Rapallo ha detto:

        Considerazioni vere ed Iteressanti Cabezon e Fra Zena.
        L’ottavo posto non sarebbe malaccio per ndiverse cose….certamente l’idea dei premi partita e posizione in classifica dovrebbero essere rimessi.
        Per quanto riguarda l’inconcludenza della Samp nelle partite che contano…beh . questra è una teoria di molti…certamente se una squadra è forte, è forte.
        A me da fastidio la mancanza di grinta e identità di una squadra. Il tradire i valori sportivi, il non porsi obiettivi. Ripeto, non so se questo tocchi all’allenatore, come non sono convinto che, in cuor suo, questa pessima società si sia programmata solo la salvezza con l’attuale rosa pur deficitaria di ricambi in difesa.
        Valide e veritiere, tuttavia, tutte le considerazioni da noi fatte.

  41. Mino53 ha detto:

    Leggo commenti di gente che da giudizi definitivi bocciando questo e quello frettolosamente per un pari a Benevento dove comunque abbiamo avuto il 64% di possesso (sterile fino a che e’ entrato Daamsgard) di palla con 10 – 2 nel conteggio dei corners ed allora dico: non e’ che forse la gente non e’ piu’ abituata ai pareggi , le partite di mezzogiorno per squadre di metà classifica con stadi vuoti possono riservare insidie e quindi è un esercizio senza senso quello di attaccare Ranieri o qualche giocatore . prendiamo il punto e guardiamo avanti come dice Michieli ricordandoci che quelli che attaccano Ranieri poi magari se non verrà confermato attaccherano Ferrero per esserselo fatto scappare. La Sampdoria e’ questa qui una buona squadra di media classifica con difetti e pregi ma a me hanno insegnato che un pari fuori casa non e’ da buttare contro una squadra che ha tre quattro punti di meno in classifica e che ha fatto pari con la Juventus recentemente 1-1 in casa e lo stesso con la Lazio 1-1.

  42. aldo campi io speriamo che me la cavo ha detto:

    Visto che con il primo punto scatta l’obbligo di riscatto di alcuni giocatori con conseguente esborso di denaro, ammesso che ce ne sia secondo dichiarazioni dell’azienda, mi aspetto una dichiarazione della società di questo tenore : il signor balde è stato multato per aver segnato la rete del pareggio con il benevento.

  43. belmondo' ha detto:

    ho letto un post che diceva piu’ o meno “punto inutile di un anno inutile di anni inutili”.
    sottoscrivo in pieno! qui non si tratta piu’ di parlare di calcio, di tattica, di ranieri o giampaolo, se sia meglio quagliarella dall’inizio o nell’ultima mezz’ora.
    la realta’ e’ che siamo una squadra (societa’) triste, senza nessun obiettivo se non quello di vivacchiare a meta’ classifica, con un presidente senza una lira e con ancora meno ambizioni se non quella di guadagnare il piu’ possibile dalla sua gallina dalle uova d’oro e di avere una esposizione mediatica che altro non potrebbe avere (al massimo potrebbe apparire ad “un giorno in pretura”).
    sono triste, questa societa’ mi sta allontanando dalla mia squadra del cuore e so di non essere l’unico

  44. Alessio Chiappe ha detto:

    Buongiorno a tutti,
    io continuo a dire che l’anno scorso Ranieri ha fatto un mezzo miracolo salvando con anticipo una squadra che era ultima e senza veri acquisti a gennaio (escluso yoshida, tonelli sostituiva murillo). Quest’anno paradossalmente l’abbondanza gli sta portando confusione. Credo che ha fine le strade si separeranno per ragioni non tecniche (siamo nella posizione di classifica che meritiamo) ma economiche. Non credo abbasserà ingaggio e la società punterà su un profilo meno costoso e magari parimenti redditizio.
    Infine due considerazioni sul mercato: nessun terzino preso, almeno uno tra de paoli e murru potevamo farli rientrare; La Gumina con preso obbligo di riscatto per cedere caprari in prestito senza obbligo a gennaio scorso e quest’anno cedi bonazzoli in prestito con obbligo condizionato, poi a gennaio cerchi qualunque acquirente, per prendere poi Torregrossa con obbligo secco, tanto vale far rientrare e non prendere Torregrossa.

    • Carlo46 ha detto:

      concordo, anche perchè Bonazzoli è molto più forte di Torregrossa. Certo che se da centravanti puro qual’è lo mandi a valorizzarsi dove gioca Belotti….mi ricorda Caprari mandato al Parma con davanti Gervinho, Inglese, Kulusevky e Corneliusson l’anno scorso. Scelte oculate, indubbiamente.

    • Sand66 ha detto:

      Secondo me stiamo sottovalutando Torregrossa, chissa…

  45. jan ha detto:

    Vincere questa partita poteva fare la differenza, intanto Udinese e Genoa sono arrivati li alle spalle……
    Questa volta non ho ben capito perchè non mettere dietro alle punte Ramirez o Verre sicuramente più indicati, così come avrei optato per Quagliarella ed eventualmente dopo far subentrare Torregrossa.
    Ma a noi italiani piace molto fare gli allenatori, per cui mi tengo questo punto prezioso e spero in qualcosa di meglio contro la Fiorentina.

  46. andreap ha detto:

    le soluzioni adottate dal mister possono essere limitate, forse bisogna essere spregiudicati etc etc etc..
    il reparto debole è dietro e su quello nessuno ha fatto nulla: i difensori hanno diversi limiti ma il peggiore è la concentrazione.
    secondo me per “giocare” non puoi fare a meno di gente di qualità come daamsgard, ramirez, silva e keita.
    gli altri puoi farli girare..questi devono stare in campo.

  47. Alberto ha detto:

    Strano sottolineare tanto un errore del portiere …

    E quando succede che prendono gol sotto le gambe, oltre
    alla gogna mediatica bisognerebbe metterli fuori rosa?

    Lo stesso varrebbe per chi si mangia gol fatti quindi.

    La realtà è un po’ nelle ultime parole di Ranieri che diceva
    che se i giocatori scendono senza fame, cosa giocano
    a fare? Già, quella o ce l’hai o non ce l’hai. E qui la Samp come dice Maurizio è cronicamente a corrente alternata.
    Se giocasse sempre con il sangue agli occhi chissà, forse 2 3 punti in più ci sarebbero, non credo oltre, comunque.

    Siamo senza un vero e forte difensore, coi piedi buoni.
    E chi ce l’ha se lo tiene.

    Arrivare ottavi, ora, è impossibile, troppo discontinui.

    Decimi ci metterei la firma. Basta che “qualcun’altra” innominabile squadra sia sotto. E lo Spezia si salvi.

    Di questi tempi è il brodino.

    Riassumendo

    Via i vari Regini, Leris Murru La Gumina ecc e MAI PIÙ
    Dentro un difensore vero
    Dentro un interditore con più tecnica di Thorsby
    Un attaccante da 16-20 gol
    Via Ferrero, mi basterebbe questo
    Ranieri meglio di niente. Grande persona, come carisma umano,
    come gioco lasciamo magari perdere. Se gli dai Ronaldo non serve gioco cmq ….
    Ecco….

    Se si deve spararle, meglio spararle grosse.

  48. Giulio ha detto:

    Aggiungo, in apparente controtendenza su quanto ho scritto prima, che ogni personale idea di formazione in realtà cade giustamente nel vuoto non avendo nessuno di noi titolo per convincere o influenzare la. conduzione tecnica della squadra. È un gioco anche questo nel quale confrontiamo opinioni personali che talvolta collimano altre volte no e che dimostra, se mai ce ne fosse bisogno, come il calcio sia materia fluida. Penso che la Samp non potrà fare altro che continuare così fino alla fine, con un comportamento agonistico schizofrenico, sperando solo che non infili certi pericolosi filotti negativi di cui è peraltro stata pericolosamente capace nel passato. Per il futuro spero in una maggiore organizzazione della squadra, nella politica di utilizzare giocatori giovani ma di qualità (molti ci sono già e sono in prestito) resistendo alla tentazione di rivitalizzare vecchi campioni sul viale del tramonto.

  49. Paolo92 ha detto:

    Vi invidio. Dove trovate questo entusiasmo nel seguire il doria? Io finché ci sarà questo residente mi informo solo del risultato. Ormai noto un livellamento verso il basso anche della tifoseria.
    Ancora qualche anno e faremo i bagni in piazza de ferrari x la salvezza raggiunta.

    VIA FERRERO DALLA SAMP

    • Zaccotenay ha detto:

      Magari, che belli i tempi dei festeggiamenti per la salvezza, ora invece se non vai almeno in Europa i così detti… pseudotifosi da poltrine&sofà si lamentano senza un vero senso logico. Io la Samp la amo, la seguo, posso anche criticare le scelte tecniche, ma quando leggo di gente che si è stufata di una cosa che pensava di amare, non è vero amore. Ne facciamo volentieri a meno dei tifosi umorali a gettone. SAMPDORIA SOPRATUTTO

    • Fra Zena ha detto:

      Chi ama il Doria davvero, lo segue sempre
      Mi chiedo poi come dovrebbe comportarsi la tifoseria per non “livellarsi verso il basso”…mah…

    • solosamp1946 ha detto:

      sicuramente il residente non lo voglio neanche io , spero sparisca al più presto dalla Sampdoria , ma l entusiasmo nel seguire la Samp ci deve essere a prescindere. Sopratutto per i più giovani o quelli come me di “mezza età” che ereditiamo gli sforzi di chi era Sampdoriano quando essere Sampdoriani non era una cosa “facile” .

  50. Romildo ha detto:

    Va bene si. La salvezza è alla nostra portata anche giocando così. Però è davvero una misera soddisfazione. Niente grinta. Niente cuore. Poco gioco. Fossimo nuovamente allo stadio, prestazioni così (come tante altre precedenti) sarebbero sonoramente fischiate al termine dell’incontro. Fischiare davanti alla tv mi sembra davvero da idioti …. ma ciò non significa che non ci sia delusione.

  51. Luca B ha detto:

    A me personalmente la partita non è piaciuta affatto fino all’ingresso di Damsgaard, Ekdal e Quagliarella. Per giunta trovo che Keita sia tanto fumo e poca sostanza…è molto poco concreto, quando stoppa il pallone gli va sempre a 2 metri dal corpo, la maggior parte delle volte che riceve palla, si gira e parte gliela rubano e lo mettono giù vanificando ogni possibile azione. Certo è che se fosse già concreto non giocherebbe nella Samp, comunque visto fino ad ora, 12 milioni di riscatto sono una follia.

    Primo tempo solito atteggiamento, tutti dietro e infiniti passaggetti in orizzontale o palla avanti-palla indietro per poi lanciare in avanti per Keita sperando nel contropiede. Abbiamo avuto delle occasioni, segnato un gol in fuorigioco, ma non si riesce ad avere un gioco convinto, spumeggiante, positivo e all’attacco. Sempre e solo giocate estemporanee ed è 1 anno che si va avanti così. Noia mortale tanto da faticare a vedere giocare la Samp

    Formazione ancora una volta sbagliata in partenza. Perchè ogni partita non si vede una formazione base? Ci vuole poco visto che dietro siamo contati, ma a centrocampo i titolari dovrebbero essere Silva Ekdal e Damsgaard e davanti Quagliarella lo metterei sempre dall’inizio con un compagno che gli gira intorno, come la coppia Quagliarella Defrel e poi contro le squadre come il Benevento si dovrebbe giocare con il trequartista e non 4-4-2 da catenaccio

    Singoli: Candreva si deve dare una svegliata, ma di brutto proprio, passeggia per il campo e ad un campione come lui basterebbe poco per essere determinante. Jankto ieri ha corso e corso ma senza costrutto, così come Keita che di certo, fino ad ora, non spacca le partite, ma dribla, corre, fa sponda a nessuno (perchè i compagni non lo seguono) ma in sostanza è poco concreto. Tonelli, gli voglio bene e lo sostengo, ma ogni partita un giallo e qualche belinata. Thorsby, sarà il caso che lo facciano riposare, è evidente che deve rifiatare. Ranieri, sempre difeso e ringrazio il cielo ci sia, ma è arrivato il momento di tacere con i proclami per partita e con le scuse post partita. La grinta, la convinzione, la determinazione, l’ambizione (tutte sue parole) deve trasmetterle lui, altrimenti sono buono anch’io a fare l’allenatore. E che per una volta giochi con un trequartista e 2 punte dall’inizio.

    La partita era veramente alla portata. Il Benevento non è il Real Madrid ma una formazione piena di mezzi giocatori (Lapadula, Sau, Caprari, Depaoli, Improta, Ionita, Insigne) con un allenatore di molto sopravvalutato. I 3 punti erano d’obbligo e invece ti ritrovi a dire grazie alla fantastca giocata di MIkkel che è un 2000! 1 punto è veramente troppo poco!

    • belmondo' ha detto:

      quagliarella in venti minuti non ha toccato un pallone e aveva la lingua di fuori dopo due minuti. keita non piace neppure a me ma e’ di gran lunga il nostro attaccante migliore

    • Massimiliano ha detto:

      Dare del poco concreto a uno che ha fatto ammonire 3 giocatori del Benevento e segnato il gol del pareggio mi sembra un po’ esagerato, si sbaglia qualcosa ma è l’unico in grado di fare la differenza

      • Luca B ha detto:

        per Massimiliano: non mi risulta che dopo 3 avversari ammoniti ti diano un punto.
        Keita ha segnato il gol per la giocata magica di Mikkel e sinceramente se non avesse buttato dentro quel pallone, che bastava spingere in porta, sarebbe stato da prendere a calci nel sedere.

        Quindi tu la concretezza la vedi in quanti avversari fa ammonire un giocatore? O la concretezza richiesta a chi fa l’attaccante è quella di puntare la porta e tirare piuttosto che scartare anche i piccioni sul prato, incartarsi, farsi rubare palla o farsi buttare giù (neanche avessimo Mihalojvic che poi tira le punizioni)? Ripeto, è anche vero che se anche fosse un giocatore concreto oltre i mezzi che ha, sicuramente, ahinoi, non giocherebbe di certo nella Samp

        • Massimo Pittaluga ha detto:

          a me sembra che keita abbia timbrato 3 volte in 4 partite che porti via sempre due difensori e che sia di gran lunga l attaccante più incisivo che abbiamo questa stagione per minuti giocati gol fatti e lavoro fatto. ha 25 anni e magari ancora margine di maturazione e quella forza fisica che mi sembra non abbiano gli altri attaccanti della samp. poi per carità non è magari quello che era alla lazio per ora.
          però sino a che ci dovremo sorbettare ferrero e spero ancora non troppo perchè ho continui travasi di bile ogni partita quando lo inquadrano ci metto la firma pr 27 punti a poco più di metà stagione. per sperare in altro servirebbe una società seria, con dei capitali da investire (non da gettare ci mancherebbe) ma da investire in giocatori e staff. la samp ha un ottimo scouting ancora ora e se ci fosse una società con un minimo di possibilità e un po di ambizione magari il damsgard o il torreira di turno lo tiene un annetto o due in più e lo vendi a 23 24 anni e magari anche a qualche soldo in più. ma questo può accadere quando ferrero non sarà più nelle condizioni di tenere la samp. nel mentre e tristemente mi accontento di vincere o non perdere i derby e di mantenere senza attacchi alle coronarie la categoria. poi il giorno che ferrero se ne andrà sarà il giorno migliore da tifoso degli ultimi 10 anni perchè è da quella qualificazione ai preliminari di champions che è stato un crescendo rossiniano al contrario.

        • Sand66 ha detto:

          Keita ha praticamente segnato sempre quando ha giocato, il passaggio di Daamsgard è stato illuminante ma poi ti devi trovare nel posto giusto e al momento giusto, e non mi sembra che davanti alla porta tutti gli altri non sbaglino mai (vero Torregrossa?) poi se vogliamo discutere uno che percepisce quattro milioni (pagati da altri) e che alzerà velocemente le tende a fine stagione facciamolo pure poi mi dici pure chi abbiamo di meglio (Quaglia ha 38 anni).

        • Fra Zena ha detto:

          ma che discorsi sono, è ovvio che non ti danno un punto per far ammonire gli avversari…ma se hai mai giocato a calcio, saprai che per un difensore giocare con un giallo sulle spalle condiziona molto
          Nel primo tempo Keita ha puntato la porta e tirato due volte, con altrettante difficili (non impossibili) parate di Montipò
          il gol è merito di Damsgaard al 70%, ma Keita brucia il difensore e si fa trovare al posto giusto
          Tutti i giornali gli hanno dato minimo 6,5 domenica
          La nostra media punti con lui in campo è quasi doppia che senza
          Non è un fenomeno, ma è con distacco il miglior attaccante che abbiamo. Teniamocelo stretto e auguriamogli tanta salute, altro che musse

        • Massimiliano ha detto:

          Leggiti le risposte che ti hanno dato gli altri e datti una risposta. Buona giornata

    • Sand66 ha detto:

      Meglio di Keita, al momento, non ne abbiamo, considera che ha sempre segnato quando ha giocato e una punta questo deve fare, Quaglia mi sembra rassegnato e depresso, credo patisca di non essere più l’unica stella in squadra.

  52. Riccio samp ha detto:

    Buon punto in un campo difficile, in una partita che da super tranquilla, si era messa malissimo. Rimane un po’ di perplessità su Ranieri, l’aggressività e la voglia di vincere chi la deve dare alla propria squadra se non il tecnico? Non si poteva mettere in campo una formazione come col Parma, con il trequartista per intenderci, Gaston o Verre (che tra l’altro giocano sempre meno) o Damsgard dall’inizio… Provare a vincerla è cosi rischioso? Sbaglio Maurizio? Siamo la Sampdoria e con una classifica buona come abbiamo, e una panchina qualitativa, si doveva osare di più dall’inizio per me… Poi il punto ci sta e onore al Benevento però qualcosa in più me l’aspettavo, invece il mister è andato in Campania per il punto e stop.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      La formazione iniziale della Samp non era certo poco offensiva con due punte più Candreva e lo stesso Jankto. In altre partite Damsgaard aveva giocato dall’inizio e non aveva fatto bene. Insomma, io credo che di volta in volta attribuire poteri taumaturgici a questo o a quel giocatore che è fuori sia un esercizio sterile. Non vedo elementi in grado di far fare il salto di qualità. Ramirez, Verre, Damsgaard… hanno giocato tutti. Io credo che la rosa complessiva della Sampdoria valga l’attuale classifica e girare la stessa polenta nel paiolo non ne accresce la qualità, rimane pur sempre polenta.

  53. Souness ha detto:

    Ieri Torregrossa non ha fatto bene però si è visto come Keita con un centravanti vero abbia la possibilità di rendere al massimo e poi non lo si può giudicare alla prima partita Quagliarella ne ha giocate almeno una quindicina da titolare ed abbiamo visto i risultati.
    Il punto debole è sempre la difesa che in ogni partita riesce a prendere ripartenze. Mi chiedo se sia una questione di modulo o di uomini.
    Con il rientro di Gabbiadini avremo poi sovrabbondanza in avanti e non sarà facile per Ranieri gestire tutti 4+1 attaccanti + 2 trequartisti e 3 ali.
    Comunque il Verona è alla nostra portata basta non steccare con la Fiorentina

  54. beppe ha detto:

    sconsolato, partita vergognosa. cerchiamo di fare 13 punti alla svelta che dietro tolti parma e crotone vedo squadre piu’ in salute di noi. il torino senza mr esonero torna su, spezia e bologna idem…

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      mr esonero però non è che ha fatto tanti punti in meno di nicola suvvia. il toro se tiene la media di nicola ad oggi di 1 punto a partita arriverebbe poco sopra 30 punti. il cagliari indubbiamente ha una squadra con dei giocatori di qualità ma abbiamo un certo distacco. le altre dietro sono alcune come il genoa in un buon momento e cosi l udinese ma a me sembra che tutte avranno i loro alti e bassi almeno che non si creda che adesso il genoa le vinca tutte oppure l’udinese e il toro che deve ancora vincere tra l’altro. non dico che udinese o genoa non ci possano passare sopra può essere ma a me le squadre di cui parliamo sembrano tutte su livelli simili e avere oggi 27 punti è un buon tesoretto. per sognare un pochino come dovremmo fare da tifosi aspetto un altra proprietà. questa già mi farebbe piacere non porti la samp coi libri in tribunale prima o poi

      • beppe ha detto:

        col pluri fallito giampaolo subivano sempre rimonte, con Nicola hanno invertito la rotta, hanno recuperato tre gol contro l’atalanta ed e’ un risultato pazzesco.
        io dico che verranno su, di sicuro non andranno in uefa ma piu’ punti ci mettiamo in mezzo meglio e’

    • Sand66 ha detto:

      Mi sa che sei un “tantino” catastrofico.

  55. Fra Zena ha detto:

    su alcune cose sono d’accordo, su altre meno
    Keita poco concreto? finora 10 presenze,4 gol e un assist a referto. Ieri, oltre al gol, ha fatto ammonire due giocatori del Benevento e costretto Montipo’ a due difficili parate nel primo tempo. Media punti nelle partite in cui ha giocato: 1,7 a partita. Media punti nelle partite in cui non ha giocato: 0.9 a partita. Non sarà un campione, ma nella Sampdoria “sposta” eccome…
    Sull’ultimo capoverso: siamo sempre lì, il Benevento ha solo mezzi giocatori sopravvalutati, ma in casa ha pareggiato contro Juve e Lazio e ha battuto genoa e Bologna. In trasferta, ha vinto a Udine e Cagliari, campi non facilissimi. La Sampdoria invece con Augello, Thorsby e Jankto deve andare lì a dominare la partita e vincere con facilità…quando ci metteremo in testa che in campo ci sono anche gli altri e che non siamo più forti degli altri per diritto divino?
    Poi se parliamo del fatto che giochiamo male e che molti elementi (Candreva in primis) sembrano poco motivati, sono d’accordo. Ma per una squadra che punta a fare 40 punti il prima possibile un punto a Benevento a mio avviso può essere considerato accettabile. La fatica enorme che stanno facendo Parma, Cagliari e Torino, oltre al genoa di Maran, mostra che non esistono partite scontate

    • Sand66 ha detto:

      In effetti quando sento le critiche su Keita mi viene da sorridere, come se li davanti avessimo da scegliere tra Lukaku e Dzeko, nella nostra formazione una punta come lui è un lusso e, difatti, al termine della stagione tornerà rivalutato da dove è venuto, ha una media minuti giocati e realizzazioni paurosa ed è l’unico che riesce veramente ad impensierire le difese avversarie.

  56. Vincenzo ha detto:

    Secondo me a 37 punti si è salvi: quindi 10 punti possono bastare. Il solo nome non basta: tutti o quasi pensano che Torino e Cagliari in un modo o nell’altro faranno punti e risaliranno presto ma non è così scontato anche se le rose non sono da serie B.
    Fiorentina, Lazio e Atalanta: per me la più difficile è quella con la viola, a meno che non giochino Milinkovic e Ribery oltre Amrabat squalificato; Lazio e Atalanta infatti le incontriamo nelle settimane delle coppe e questo influisce non poco, soprattutto a livello mentale e faranno turnover.; è sicuramente più facile fare punti.
    Il 10 posto è la nostra collocazione naturale: ne più ne meno.

    Forza Sampdoria

  57. Marco62 ha detto:

    Leggo quasi tutti i post con critiche al nostro mister per il non gioco prodotto che comunque finora ha portato 27 punti , considerando il nostro obiettivo minimo e cioè i 40 mancherebbero 5 vittorie in 17 partite , a meno di crolli imprevedibili direi che siamo sulla buona strada.
    Rispetto ci mancherebbe per tutte lo opinioni , il blog serve a questo, ma vi chiedo vi rendete conto che Ranieri ha preso una squadra morta dopo il disastro Di Francesco (x chi lo rimpiange si guardi la classifica del Cagliari ) e praticamente senza innesti l’ha salvata , quest’anno sta rispettando tranquillamente gli obiettivi e sento parlare di Ballardini , dico Ballardini uno che è stato sbeffeggiato da un presidente cacciato e ricacciato più volte , dignità meno di zero.
    Ragazzi non scherziamo Ranieri non avrà idee di stampo guardiola, klopp, però è una persona seria,onestà ed io con lui mi sento tranquillo, magari non vedrò lo spettacolo offerto dalla banda di Ballardini , ma guardatevi le partite e ditemi chi gioca bene in questo campionato.
    Forza Samp

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Peraltro, Guardiola ha vinto con Iniesta, Xavi, Mascherano, Messi, Neymar, Suarez etc. etc. al culmine della carriera, poi non ha vinto più nulla (a parte gli scudetti, vinti da chiunque sieda sulle panchina di City e Bayern). Klopp, invece, è uno che sposta gli equilibri: ha preso Dortmund e Liverpool, a terra da anni, li ha riportati in alto. Ranieri, che come gioco anche a me non esalta, ha vinto uno scudetto col Leicester. Non puoi essere scarso o bollito se arrivi a tanto. Poi, si può discutere su questa o quella scelta, ci mancherebbe. Ciao!

      • El Cabezon ha detto:

        Belin Maurizio Guardiola proprio non ti piace eh?:-)))
        Comunque concordo abbastanza, per me un allenatore non è praticamente giudicabile quando nella sua carriera ha allenato solo top club e di conseguenza top player, la sua vera bravura e abilità le si possono cogliere quando guida formazioni per così’ dire di seconda fascia…
        Prendiamo ad esempio Ancelotti: idolatrato da tutti e considerato tra i migliori al mondo, appena sbarcato in una non big come il Napoli ha fatto disastri…
        E Mourinho?
        Lo Special One che tanto piace ai mass media dopo i fasti del triplete con l’Inter ( anno 2010 ) credo non ne abbia più azzeccata una, ha vinto solo un campionato nel Real Madrid, cosa che probabilmente potrebbe riuscire anche ad Atzori…

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Ad Atzori, insomma… 🙂 Comunque Mourinho portò in alto anche il Porto. Ma è vero che dall’Inter in poi è andato molto in calando. Ancelotti portò in A dalla B la modesta Reggiana. Pure lui è in fase involutiva.

        • Emme67 ha detto:

          Non per difendere Mou ma dopo il triplete ha vinto due scudetti, un’Europa league e almeno quattro coppe nazionali ( che, specie in Inghilterra, contano eccome), un palmares in 10 anni che molti allenatori non riescono ad accumulare in una carriera, per dire il consideratissimo Van Gaal dal 2010 ad oggi ha vinto una coppa d’Inghilterra.

          • El Cabezon ha detto:

            Emme67,
            ho controllato, hai pienamente ragione!
            Mou ha vinto un altro scudetto con il Chelsea
            ed un’Europa League col Manchester United,
            più dei trofei nazionali,
            palmares davvero eccezionale,
            nulla da eccepire…

      • NYC ha detto:

        In Italia l’unico che sposta gli equilibri e Gasperini antipatico o no e l’unico .
        Poi 2-3 giovani interessanti tipo Italiano / Inzaghi / De Zerbi
        Una marea di onesti lavoratori alla Ballardini / Ranieri / Nicola / Gotti/ Prandelli / Maran / Poli ect ect e poi quelli che fanno i danni tipo DiFra .

        • Sand66 ha detto:

          Per me Ranieri non andrebbe messo insieme ad una masnada di allenatori di belle speranze e nessuna certezza, parla il suo curriculum, al momento il nostro onesto lavoratore si trova decimo con una squadra da decimo posto e il suo lo fa, poi sulla qualità del gioco ci sarebbe da ridire.

      • Jep ha detto:

        Beh sminuire così la carriera di Guardiola mi sembra francamente azzardato. A parte che nel suo Barcelona Neymar e Suarez non c’erano, i titoli vinti con Bayern e con il City in particolare sono stati ottenuti con un gioco superiore. Paragonare allenatori come lui e Klopp al buon Ranieri non si può davvero sentire.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Non ho sminuito la carriera né tantomeno sostenuto che Guardiola non sia bravo né ho fatto paragoni con Ranieri. Ho solo scritto che non sposta gli equilibri come li sposta Klopp. O Gasperini. Liberissimo di pensarla diversamente.

        • Sand66 ha detto:

          Invece paragonare il buon Ranieri ai vari Italiano, Pippo Inzaghi e Yuric è molto sensato.

      • Marco62 ha detto:

        Esatto, giusta osservazione, andiamo ad analizzare gli allenatori vincenti ci metto Conte , ma il suo gioco e criticatissimo eppure ha una rosa nettamente superiore , poi a tutti quelli che criticano Ranieri, mi indichino un allenatore migliore x noi

      • matteop ha detto:

        Scusami ma il giudizio su Guardiola mi sembra abbastanza spregiudicato ed approssimativo; per esempio non ha mai allenato nè Suarez nè Neymar ma quello che più colpisce è che tu lo giudichi come un allenatore che “non sposta gli equilibri”. A parere di molti se non moltissimi ha rivoluzionato il modo di giocare, sicuramente aiutato da una rosa di altissimo livello.
        Guardiola e Klopp viaggiano una manciata di categorie sopra a Ranieri dal punto di vista tattico e di approccio al gioco. Sicuramente sono molto più accumunabili dal punto di vista umano.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Hai ragione, volevo scrivere Eto’o ed Henry. Sul resto, ognuno può restare della propria idea. Io preferisco Klopp. E, pur non paragonando Ranieri a Guardiola, penso che vincere uno scudetto col Leicester valga più che vincerlo col Barcellona. Sul gioco, è questione di gusti personali. A me piace più il gioco con i tagli di Gasperini, rispetto al Tiki Taka esasperato. Ma è bello avere idee e gusti diversi.

        • Sand66 ha detto:

          Stranamente non si può accumunare Guardiola a Ranieri però lo si può fare paragonando Ranieri ai vari Italiano, Inzaghi o, addirittura, Ballardini, gente che non ha ancora dimostrato nulla, anche il tanto osannato De Zerbi ancora non si è misurato alla guida di una big eppure, per molti, è meglio di Ranieri che ha allenato tutte le nostre “grandi” e qualcuna anche europea (vabbè ha pure vinto una premier ma che sarà), avere grandi idee e saperle esprimere sono due cose diverse a tal proposito ricordo le genuflessioni mediatiche ai vari Montella, Giampaolo e Di Francesco per poi, alla resa dei conti, risultare dei flop nel tempo.

    • Pippo65 ha detto:

      Finalmente un commento sensato

    • Ste75 ha detto:

      X me lo Spezia, il Sassuolo. Latalanta, Verona.. Hanno degli allenatori che cercano sempre il predominio,le verticalizzazioni, la superiorità a centrocampo.. Poi possono perdere xche, a parte i bergamaschi, la rosa nn è eccelsa.. Ma gli aquilotti giocano sempre cn tre davanti.. Sassuolo con Berardi Caputo boga e djuricic. Verona cn kalinic lasagna zaccagni.. Vai a rivedere la formazione iniziale nostra contro lo Spezia.. Zero tiri in porta.. O col Bologna.. Con l’Udinese x 65 minuti inguardabili poi ha inserito un trequartista e una seconda punta e lhai ribaltata. A Benevento verre ramirez damsgaard in panca.. Massimo rispetto x il nostro mister ma lo vorrei un po più spregiudicato, per lo meno cn le squadre alla nostra portata partendo dal presupposto che un gol lo prendi sempre

  58. Luca B ha detto:

    No, no e no. Scusate non ci sto nel sentire parole come “campo difficile”, “il Benevento ha pareggiato contro Juve e Lazio e ha battuto genoa e Bologna, mentre in trasferta, ha vinto a Udine e Cagliari”.
    Ma davvero dite? I colpi di c..o ce li hanno tutti prima o poi, quindi pareggiare con la Juve ci può stare (a noi non capita mai, i bibini ci vincono ogni volta), addiritutta noi abbiamo battuto 3 a 0 la lazio e 2 a 1 L’inter, quindi siamo un campo difficile?
    Mi viene da ridere.
    Ha battuto il genoa e il Bologna che sono alla portata e comunque alla pari? L’Udinese è scarsa allo stesso modo e il Cagliari ha 15 punti. Quindi?
    Ma lo saete che hanno subito 41 goal e ne hanno fatti 24 (4 a noi per giunta)
    Ho anche sentito dire da più parti, ieri, “campo storicamente ostico per la Samp”. Storicamente cosa? Sono stato in coma o il Benevento ha giocato 2 stagioni in A, una in B e poi solo C e interregionale? Abbiamo disputato solo 4 incontri, per altro 2 persi Quindi quale campo storicamente ostico?
    Non vi rendete conto dell’appiattimento al quale vi siete abituati.
    Io contro il Benevento pretendo i 3 punti perchè se non li fai con loro con chi li fai? Con l’inter, Atalanta e Lazio? Capita una volta ogni tanto la botta di c..o
    Perchè nonostante tutto sulla carta noi abbiamo una Rosa di giocatori superiori alla loro che hanno mezze figure come Ionita, Caprari (che non vede la porta neanche vuota, ma trova, guarda un po’, il gol di culo con noi), Lapadula, Depaoli, Improta, Insigne, Tuia e Glik, oltre al sopravvalutatissimo Inzaghi.
    Perchè erano 3 punti fondamentali per staccarsi ancora di più dal gruppone che ti sta attaccato ora al culo
    Perche, possiamo andare avanti all’infinito
    Ricordate che “chi si accontenta gode…e perderà”

    • Fra Zena ha detto:

      caro Luca, in parte hai anche ragione, ma mi sembra che parli del Benevento come se avesse 0 punti e della Sampdoria come se fosse infarcita di campioni e avesse fatto pazzeschi investimenti per entrare in zona Europa. Forse ti è sfuggito che il nostro unico obiettivo fare 40 punti e poi andare al mare
      A me per primo avrebbe fatto piacere vincere ieri, è ovvio, ma in campo ci sono anche gli altri e fare un punto in trasferta dopo essere andati sotto per me non è poi una cosa così negativa, non è certo questa la partita che rimpiangerò a fine stagione. All’andata abbiamo buttato via una partita, ieri per me è un buon punto che ci avvicina alla salvezza
      Se speri di andare su questi campi a dettare legge, forse stai tifando la squadra sbagliata nel momento sbagliato. La Sampdoria è una squadra mediocre sul livello di Bologna, Genoa, Udinese e Cagliari che tu giustamente citi e che col Benevento hanno buscato. I campani non avranno dei campioni, ma a differenza nostra sono una squadra costruita bene, con tutti i ruoli coperti. Noi abbiamo 4 punte e 2 trequartisti, ma in difesa e a centrocampo giocano sempre gli stessi. Abbiamo qualche “figurina” di prestigio ma non siamo squadra, lo diciamo da inizio stagione. In quest’ottica un punto preso lì in trasferta non lo vedo male. Detto per inciso, poi, uno come Glik in rosa lo vorrei volentieri, altro che Tonelli…
      Ah tra l’altro lo sai che i bibini “che con la Juve ci vincono ogni volta” l’ultima volta li hanno battuti nel marzo 2019, mentre noi nel maggio 2019? Lo sai che le ultime 3 contro la Juve le hanno perse, più un’altra in Coppa Italia di recente? Ma bestia nera di chi? Socia in affari, se mai. Solite leggende metropolitane

      • Luca B ha detto:

        @Fra Zena… il BEnevento non ha 0 punti in classifica ma in compenso ha segnato 24 gol (4 a noi) e ne ha subito 41. decisamente tantissimi che dicono la cifra di quanto sono grammi, ma noi gli abbiamo “regalato” 4 punti in un campionato. Dici che sono costruiti bene e ti ribadisco i numeri 24 gol (4 a noi) fatti e 41 subiti. Chiudo dicendo con livore che non accetto la frase “forse stai tifando la squadra sbagliata nel momento sbagliato”, se permetti vado allo stadio dal ’77 continuativamente e se permetti mi girano le balle sentirmi dire certe cose. Io non manco mai di rispetto a nessun utente di questo blog. Detto ciò ti saluto ribadendo che era imperativo vincere, tanto che se giocavamo con gli stessi che Ranieri ha messo dentro gli ultimi 20 minuti, saremmo qui a parlare di una partita stravinta e stradominata

        • Fra Zena ha detto:

          Scusa non volevo mancarti di rispetto, non era mia intenzione
          Anche io sono un tifoso sanguigno e magari a volte scrivo cose un po’ forti, se l’hai presa male mi scuso
          Sul lato tecnico, secondo me continui a sopravvalutare molti dei giocatori della nostra rosa. Il fatto che abbiano avuto buone stagioni in passato o che militino attualmente in nazionali come Gambia, Polonia e Giappone non li rende automaticamente migliori di quelli del Benevento o dello Spezia. Che sono, secondo me, almeno al momento meglio organizzate di noi e hanno anche più entusiasmo. Pure questo conta. Il calcio è fatto di tante sfumature , il Cv dei giocatori e dell’allenatore e il blasone della società non garantiscono punti
          Noi ormai siamo appiattiti, su questo sono d’accordo, e ci accontentiamo di poco; ma non è colpa nostra, bensì del presidente (minuscolo) e di chi ce l’ha messo
          Un saluto e forza Doria

      • Pippo65 ha detto:

        Al mare ci vai tu, se permetti. Io mi guardo le partite.
        Ti avevo già chiesto la cortesia di parlare a titolo personale senza usare il “noi”. Grazie.

        • Fra Zena ha detto:

          se non ti piace quel che scrivo, cosa ti costa non leggermi?
          Con “nostro” obiettivo si intendeva a livello societario, non di tifoseria ovviamente. Se poi pensi che Ferrero punti alla Champions League, attento a quando ti risveglierai dal sogno, potrebbe farti male

    • El Cabezon ha detto:

      Caro Luca B
      se PRETENDI che la SAMPDORIA, decima in classifica, debba PER FORZA VINCERE sul campo dell’undicesima, distante solo quattro punti e che all’andata ti ha già battuto sei fuori strada, almeno dal mio punto di vista…
      Leggo di mezzi giocatori che infarcirebbero le rose altrui, ma la nostra è per caso invece composta da Palloni d’Oro?
      Ma tolti Quagliarella e Candreva che potranno giustamente fregiarsi delle loro carriere una volta appese le scarpe al chiodo, chi abbiamo di così forte e decisivo in organico?
      Bisogna che alcuni tifosi scendano sulla Terra, detto col massimo rispetto per le opinioni altrui…

      • Luca B ha detto:

        @El Cabezon…abbi pazienza io sono stato preciso e non generico. I mezzi giocatori di cui ho parlato sono nella rosa del Benevento; e lo sono dei mezzi giocatori, su. Non ho assolutamente detto che la nostra è da pallone d’oro, non sogno Europa o Champion, ma sono sicuro che i 3 punti erano alla nostra portata tranquillamente. Di forte e decisivo in organico abbiamo oltre a quelli citati da te Ramirez, Keita (che il 90% ritiene ottimo giocatore), Yoshida, Bereszinski, Ekdal, Jakto, Colley, Gabbiadini, Audero, Silva, Damsgaard (alcuni di loro sono anche Nazionali). Io sulla terra ci sono sceso nello stesso momento in cui Garrone presentava il testaccino. Siete voi che dovete svegliarvi dal piattume, dal bicchiere sempre mezzo pieno, dalla classifica a chi fa più plus valenze; detto con il massimo rispetto altrui

  59. andreap ha detto:

    non so voi ma io per primo mi pento di tutti sti commenti, analisi tecnico-tattiche..ci stanno ma da un anno a questa parte sono solo una parvenza di sampdorianità.
    con questo non voglio dire che qualcuno sia più o meno sampdoriano..anzi.. è un tentativo per ognuno di noi di rimanere legato a qualcosa che ci ricorda la nostra fede, la nostra squadra.

    mi manca viverla però questa fede, mi manca lo stadio, la tensione condivisa, la birra con gli amici, un saluto, un cenno a quel volto che vedi da anni in gradinata..quello abbracciato per caso ad un gol, quello che ti ha passato lo striscione o la bandiera..

    mi manca il popolo della sud, la gente, i vecchi duri e puri come i ragazzini dei selfie..

    mi manca sfogare il tutto nei cori..nel battimani.
    mi manca lo stadio, ne ho nostalgia..
    non mi basta più il confronto da tastiera.

    Maurizio, bisognerebbe fare una discussione su questi 12 mesi senza lo stadio..ognuno scriva un pensiero sullo stadio

    • livio ha detto:

      @ Andrea P…….
      Bravo..! Bravo..! e ancora bravo!!

      Ci stiamo lambiccando il cervello con disquisizioni tecnico-tattiche su questi campionati tele-virtuali che ci hanno proprio stufato! Sfoghiamo la nostra voglia di calcio ed il nostro attaccamento alla Samp sulla tastiera ( grazie Maurizio, almeno per questo), in mancanza delle vere emozioni che si provano solo sul campo, con l’odore dell’erba del prato ed il rumore dello stadio. E siamo pure tutti un po avviliti e depressi da questa presidenza che non sta facendo poi così male ma che,
      – sotto sotto – tutti temiamo che possa fare molto peggio….Speriamo che tutto ciò finisca presto!!!
      Saluti ed auguri

  60. go69 ha detto:

    ciao Maurizio
    boh non mi stanco di dare ancora una volta la stessa identica opinione: se entri in campo per non prenderle, le prendi.
    e stavolta dai è andata anche bene, e si perchè anche stavolta tiri in porta…2!
    Del resto come altri fanno notare non si può vedere lo sciatore ad uomo su SCHIATTARELLA…ma dai su. ancora una volta mi chiedo perchè non devono essere gli altri a schierarsi per non buscare….infatti appena Inzaghi (un altro genio) si mette a 5 per proteggersi, prende gol. Ci stavano prendendo a pallonate e lui ci ha fatto un , regalo! Perchè alla fine parte tutto dall’atteggiamento, da dove porti il baricentro, da come sei o non sei determinato ….e non non lo siamo mai abbastanza. dicevi che li ha provati tutti ma alla fine non cambia molto il valore della squadra con uno piuttosto che l’altro ed io sono d’accordo. Ma con qualcuno sei comunque più portato ad attaccare e con altri a non farlo. Io preferisco i primi, preferisco provare a vincere piuttosto che a non perdere. sai cosa penso: secondo me il nostro mister non si fida dei suoi giocatori. Senno’ non si spiegherebbe sta paura di giocare a calcio. Che ne pensi?

  61. go69 ha detto:

    per marco 62
    io le partite le guardo tutte e giocano bene (se per bene intendiamo divertenti) atalanta sempre, Roma spesso tranne le ultime ma i casini li sono tanti, Spezia molto spesso, Udinese molto spesso, Sassuolo sovente, Milan, la lazio spesso….poi se parliamo di risultati beh li le cose sono diverse

  62. Andrea Albenga ha detto:

    Punto d’oro, la squadra è questa personalmente non pretendo di piu , lasciamo stare i paragoni con altre squadre, Ranieri per quello che
    Siamo va bene , testa bassa e lavorare

  63. Fabrizio ha detto:

    Che dire? Mi marco il punticino cpme avevo precedentemente detto venerdi, siamo questi da qui alla fine e firmerei per finire in questa posizione, sperando di non perdere l ennesimo derby, e di finire davanti ai bibini ( di cui sento il fiato sul collo e tutto ciò mi infastidisce) volente o nolente altri obbiettivi non esistono! Credo purtroppo che la supremazia cittadina quest anno cambierà padrone e tutto questo credo perchè loro di là hanno uno che secondo me è molto scarso nn lo vuole nessuno tranne il popolo ma ha trovato il modo di farli andare a 200 all ora x ora, e noi pur ringraziando sempre Ranieri per il miracolo salvezza dell anno scorso giochiamo invece come una squadra di pensionati venuti a godersi gli ultimi attimi di sole in Riviera! Anche ieri che in conferenza stampa dice va anche bene un punto a benevento ma non va bene come l abbiamo preso… senza gioco senza grinta senza voglia di lottare 90 minuti, ma scusate in campo questi chi ce li manda???? Purtroppo in questo caso la colpa è al 70% sua! Poi dico che x noi Sampdoriani questa classifica andrebbe benissimo se i bibini fossero sotto di 10 punti, ma comincio a sentire dire in giro che c è odore di sorpasso….a parlare di derby….se lo giocassero domani non oso pensare come finirebbe!! NO nonli sopporto…Non ce la posso fare!!!

  64. Franco T. ha detto:

    Personalmente vedo il calcio come un gioco di squadra dove i singoli interpreti possono e devono mettere in rilievo le loro capacità personali, i loro “talenti” ; non il contrario. La squadra non deve sorgere in maniera automatica dal “libero” talento dei singoli giocatori. Bisogna costruirla una squadra. Cioè un qualcosa che vada al “di là” della somma delle singole individualità. Ecco, tutto questo per dire che la Samp non è una Squadra. L’alchimia non riesce ad esprimersi . Perché ?. Perché il mosaico è stato costruito male. I pezzi del puzzle non si incastrano alla fine della composizione. Per restare alla storia della Samp, bisogna dare merito a Giampaolo di aver tentato, e anche di essere riuscito, almeno in parte, a costruirla una Squadra. Quello che non mi piaceva era il soporifero palleggio fine a se stesso. Secondo me, bisogna riconoscere che tante sue idee erano buone, e ora, vedendo troppe volte il “non gioco” della Samp attuale, forse ce ne accorgiamo. In soldoni, ci sono troppi giocatori nella Samp che si sovrappongono e si elidono a vicenda, la Squadra; qualunque scelta di giocatori venga fatta; non può essere costruita. Almeno a me sembra così. Cordiali Saluti

    • Carlo46 ha detto:

      in parte hai ragione Franco sulla composizione disomogenea del parco giocatori. Ma va detto che se vuoi creare una squadra, i movimenti corali, le coperture, gli smarcamenti senza palla, le sovrapposizioni etc non puoi cambiare ogni domenica modulo ed interpreti. Solo la Juventus poteva permetterselo nel periodo di Allegri, ma infatti giocava spesso remissiva e male per il suo livello, e risolveva comunque le partite in campionato con le individualità troppo più forti delle altre. Quando trovava gli squadroni europei, a parità di talenti, soccombeva alla loro organizzazione. Tornando a noi c’è poi un fattore tecnico di base che se fossi l’allenatore tenterei di risolvere, ovvero che i due centrocampisti centrali devono saper far girare la palla con precisione e velocità, e pertanto devono essere Silva e Verre, o tuttalpiù Ekdal. Il buon Thorsby non può giocare titolare fisso in un squadra che voglia proporre una sua identità di gioco.
      Ora vediamo domenica, scommetto sin d’ora su Quagliarella titolare, mentre dovrebbe essere confermato per dargli continuità Torregrossa, Damsgaard titolare, e ci sta, Yoshida titolare e forse anche Gaston (che sarà sempre un ex giocatore sino a giugno) o Verre negli undici. Ennesimo giro di giostra che disorienterebbe e demotiverebbe i nostri strapagati eroi. Termino con una considerazione. Risulta anche a voi che Ranieri non abbia a staff un match analyst? Se così fosse non sarebbe la prova provata che non è un allenatore al passo con i tempi, visto che tutte le squadre a livello di A e B lo hanno?

      • El Cabezon ha detto:

        *Carlo46
        Guardando lo staff tecnico sul sito della società
        compare la figura del video analyst,
        penso che sia la stessa cosa del match analyst…

      • Franco T. ha detto:

        @Carlo46
        Hai senz’altro ragione Carlo. Dalla tua competenza si evince che sai meglio di me che nell’impostare la tattica la coperta è sempre corta. Io penso che il centrocampo debba giocare sempre a tre. Il 4-3-1-2 di Giampaolo non mi dispiaceva. Solo che, come dico sempre, il gioco deve essere più ficcante, meno portato al mero possesso palla fine a se stesso, anche perché la fase difensiva avversaria chiude gli spazi e il gioco diventa noioso, senza sbocco. Quindi, che dire, contro la Juve Ranieri ha giocato con i tre centrocampisti, ma senza il “rifinitore”, giocando con Candreva, Quaglia e Keita. E non ha funzionato. Per quello che dico che l’acquisto di Candreva non l’ho capito. Proprio dal punto di vista tattico. A prescindere ovviamente dalle qualità del giocatore. Paradossalmente il 4-4-2 di Ranieri mi sembra troppo sbilanciato in attacco. E poi con le sostituzioni succede quello che dici tu. È difficile avere una intesa tra i giocatori, e quindi niente Squadra. Beh ! mi sembra che il Mister sia ben pagato per poterci pensare un po’ !!. Di sicuro per la prossima stagione, secondo me, dovrebbero cercare di costruire una Squadra più omogenea. Ma sinceramente dubito che arriveranno a farlo. I problemi economici e di mercato hanno la priorità su quelli tecnici. Comunque Grazie e Cordiali Saluti.

      • Sand66 ha detto:

        Carlo, appurato che Ranieri non è al passo coi tempi, con o senza match analyst (figura moderna di dubbia utilità) si trova al decimo posto con una squadra da decimo posto, non sarà che certe figure nello staff siano troppo sopravvalutate?

  65. Cicciosestri ha detto:

    Buonasera a tutti, commento un po’ più a freddo la partita con il Benevento, il primo tempo poteva finire 3a0 per noi e il secondo 3a0 per loro quindi sostanzialmente pareggio giusto. Storicamente queste partite le abbiamo sempre perse quindi mi prendo il pareggino. Se all’andata avessimo pareggiato con Bologna, Sassuolo e Benevento, partite in cui lo avremmo meritato saremmo ottavi, quindi sono soddisfatto di come stanno lavorando società e mister. Anche a me il gioco di Ranieri non piace molto però per gli obiettivi che abbiamo può andare bene. Alcuni dei nostri giocatori sono spesso poco continui ma anche spesso decisivi, mi riferisco a Candreva, Quagliarella, Damsgaard (secondo me centellinato nel modo giusto) e Jankto.
    Vorrei inoltre fare un plauso alla società perché negli ultimi 5 anni è stata quella che dopo l’Atalanta ha guadagnato di più dalla vendita dei giocatori e questo per una società che ha il presidente più povero della serie A è ottimo. Voglio inoltre applaudire il fatto che pur con il quindicesimo monte ingaggi, che dal prossimo anno sarà più basso perché non avremo più gli stipendi di Ramirez e di Ranieri e Quagliarella se lo abbasserà, siamo al decimo posto ed in corsa per l’ottavo fino alla fine.

    • Faso ha detto:

      Si, certo… facciamo un bell’applauso e gloriamoci per questo piazzamento da “Champions league delle plusvalenze”.
      E magari anche un bagno a De Ferrari se vincono gli e-gamer ingaggiati da Corte Lambruschini.

      FERRERO VATTENE

      • El Cabezon ha detto:

        Un tempo quando si cedevano i migliori erano pugnalate al cuore,
        e magari si versava pure qualche lacrima,
        oggi si è felici e ci si complimenta con la società…CHE PAZIENZA!

      • Maurizio Achelli ha detto:

        Non fa ridere…

        • Cicciosestri ha detto:

          Purtroppo essendo annebbiati dall’odio non capite quindi vi spiego.
          La Sampdoria ha il presidente più povero della serie A, la Sampdoria ha i dodicesimi ricavi della Serie A, la Sampdoria sopravvive grazie alle cessioni dei migliori, quindi il lavoro fatto dalla dirigenza (di Ferrero me ne fotto) sul piano dei guadagni da cessioni è ottimo. Anche io vorrei Abramovich presidente ma purtroppo c’è Ferrero (grazie ai filtri di Garrone) quindi non mi posso martellare gli zebedei a vita ma devo analizzare la situazione e questa è la mia opinione. CHIARO ADESSO?
          P.S.: Non fa ridere era riferito a Faso.

          • Massimo Pittaluga ha detto:

            visto tutte le premesse che fai ciccio sono d’accordo con te per quel che vale. sino a che ci sarà ferrero la sopravvivenza mantenendo la categoria è il traguardo principale. c’è però una differenza di vedute tra noi. di ferrero a me importa eccome sino a che è alla sampdoria perchè un personaggio cosi (guardare il cv) fa paura. d’accordo anche sui filtri ma ormai quelli finiranno in prescrizione

  66. Cicciosestri ha detto:

    Scusate dimenticavo le statistiche della partita:
    Benevento: tiri totali 12 in porta 3 possesso palla 36%
    Sampdoria: tiri totali 13 in porta 5 possesso palla 64%
    Questo per chi ha visto un dominio del Benevento e nessun tiro in porta della Samp
    P,S.: Inzaghi catenacciaro mi ha deluso, preferivo il gioco del Benevento all’andata.

  67. Ivano Magna Romagna ha detto:

    Ciao Maurizio e un saluto a tutti i fratelli di tifo!Sono strafelice che torni Manolo Gabbiadini..un giocatore che ci servira’ molto in futuro e quidi do il bentornato al “Gabbia”
    Per il resto e’ un campionato senza infamia e senza lode,gradirei molto finiire sopra ai cugini perlomeno e per ilrinnovo di Ranieri dico che 1.800.000 euro netti annuali e’ molto,per fare un campiobato cosi basterebbe un Iachini da 600.000 euro annuali..poi vedete voi!

    • Sand66 ha detto:

      Iachini non è allenatore da serie A, mi sembra che per lui parlino i risultati, la differenza di ingaggio ci sta tutta poi se vogliamo salvarci all’ultima giornata allora va bene pure lui ma spero, per le mie coronarie, che ciò non accada.
      Ci sono Mister che non si imporranno mai come Ferrara, Zenga, Liverani e ci metto pure Yuric (che tutti scoprono quest’anno ma è in campo da svariati anni) e Iachini è uno di questi (potevo dire pure Mandorlini se qualcuno se lo ricorda), in serie B fanno la differenza ma in A non spostano niente, se devi rischiartela meglio un Italiano o un Semplici che almeno sono sperimentatori o andare sul sicuro con delle vecchie Volpi.

  68. Stefano1970 ha detto:

    Monopiede Gabbiadini non sposta gli equilibri… E con l abbondanza di punte in rosa si rischia anche che non si trovi la quadra e si cambi di continuo.
    Iachini ha dimostrato tanta passione… La piazza é grata… Ma un campionato intero non lo porterebbe a casa…

    • El Cabezon ha detto:

      Ecco,
      mi mancava la critica a Gabbiadini che,
      mannaggia a lui, HA UN SOLO PIEDE!
      Ma il Cielo volesse che anche il resto della rosa avesse un solo piede…

      • Maurizio.Michieli ha detto:

        Chissà perché “ha un solo piede” si dice esclusivamente dei mancini, come se i destri avessero invece un sinistro vellutato… Mah, criticare Gabbiadini ed esaltare Torregrossa (per non dire… Fornaroli) mi fa davvero pensare che alcuni sampdoriani stiano subendo una processo di….. zzazione.

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      beh stefano gabbiadinisecondo e non sarà da top team ma in squadre da media serie a ci sta eccome. se guardiamo i suoi numeri tra gol assist e capacità balistiche per me può dare una grossa mano e può giocare con tutti gli altri attaccanti per caratteristiche. maurizio su torregrossa aspettiamo a giudicare. il curriculum dice che non è un attaccante da prima fascia però per caratteristiche potrebbe venire utile anche se 7 mln a gennaio su un attaccante ci si poteva portare a casa bonazzoli…..per me se serviva una punta in più. a me sembrava servisse più un terzino e un centrocampista ma sapranno meglio in società

    • Moussa Dembele ha detto:

      Monopiede Gabbiadini è quello che fa i 10 gol che se servono ti fanno salvare

  69. Luigi ha detto:

    Bravo CICCIO tieniti stretto Ferrero e i suoi conti in ordine io da sampdoriano preoccupato mi tengo i debiti e i processi futuri.” Cogito ergo sum”

  70. The Nightmare ha detto:

    Non c’entra con l’argomento di questo post.
    Ma, il primo anno, non si sa come, la Samp riuscì a tesserare Eto’o. Mi diede subito, sinceramente, l’impressione di un presidente che un botto all’anno ce l’avrebbe fatto vedere.
    Il secondo anno, il botto fu Cassano “il ritorno”.
    Dopodichè i botti son finiti.

    Mi ricorda come quando il nuovo nominato amnministratore delegato entra in azienda, regali, benefit, aumenti per tutti. Poi dal secondo anno licenziamenti….

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      “Botti” fallimentari: Eto’o ruppe lo spogliatoio e i rapporti tra Mihajlovoc e la società, senza portare alcun vantaggio tecnico; con Cassano (quel Cassano, ben diverso dal primo) rischiammo la serie B e ci fu l’inevitabile lite con i dirigenti (Romei, che lo licenziò pure dopo un derby perso con un telegramma, poi ritirato). Insomma, io credo che per una Sampdoria come questa – mercantile, affaristica, senza rapporti con la tifoseria né ambizioni, se non quella di restare in A per avere una vetrina con cui fare mercato (nulla di disdicevole, intendiamoci) – certi cosiddetti colpi siano deleteri. Quindi, a mio parere, meglio così. Erano solo specchietti per le allodole.

  71. Vincenzo ha detto:

    In riferimento a Andreap e i pensieri sullo stadio:
    dall’età di 5 anni sono diventato “stadiodipendente” e dal febbraio 2020 la dipendenza è diventata totale senza ritorno: è passato 1 anno; ho provato a disintossicarmi con le partite in tv, la radio, streaming. gli opinionisti nazionali, regionali ma non riesco a uscire dal tunnel, mi mancano tutte le cose che ha indicato Andreap e in più lo sfottò ai tifosi ospiti di turno o gli applausi ai gemellati; in ultimo, perchè no, mi mancano i pipistrelli che svolazzano dalle torri allegramente nelle partite serali! e sono convinto che anche loro in fondo provano nostalgia per i tempi andati e maledicono la Cina per averli sbattuti in prima pagina come imputati di una tragedia epocale!.

    Forza Sampdoria

  72. Vincenzo ha detto:

    Integrazione:
    “io non sono cinese”

    Forza Sampdoria

  73. Kreek ha detto:

    Buon punto in trasferta, si affrontavano la 10° e la 13° in classifica.

    Rimaniamo concentrati sull’obiettivo.

    Squadra e allenatore hanno ampiamnete i mezzi per raggiungere una salvezza tranquilla e anche qualcosa di più.

    Raggiunta la salvezza virtuale, si potrà vedere dove saremo in classifica e se sarà possibile ambire a quel “qualcosa di più”…

  74. Alberto ha detto:

    Io parto dal presupposto che se non hai veramente un talento superiore alla media, i cali caratteriali non li sopperisci con niente. Un allenatore che può fare? Motivare sì, ma non dare continuità a chi non ce l’ha dentro.

    Un allenatore può azzeccare i cambi, capire chi è più in forma, fare giocare al meglio ognuno, ma cavare il sangue dalle rape no. Ci può riuscire 2 3 volte, non 38.

    Sono sicuro che giovani come Damsgaard quando dovessero essere messi sotto pressione dal primo minuto, sempre titolari, non farebbero i figuroni che fanno invece se centellinati come col Benevento. Anche loro allora verrebbero criticati come discontinui e si chiederebbe all’allenatore di gestirli meglio, cosa che fortunatamente invece il buon Ranieri fa.

    Chi ha continuità? Rendimento? Pochi. Veramente gente che prima di essere i campioni che sono, sono anche gente con le strapalle. Guarda cosa ha detto Sinner dopo aver perso al quinto set con uno più esperto di lui, ma più fresco (lui aveva giocato 3 partite in 4 giorni, tiratissime, 3 ore a match, poteva giustamente essere stanco e fare valere questa scusa).
    Invece ha elogiato l’avversario dicendo che ha servito meglio nei momenti cruciali, cosa che io (Sinner) non ho fatto e in cui devo migliorare. Non cerca scuse, gli interessa migliorare e basta. Palle quadrate. Questi vanno avanti.

  75. Jump ha detto:

    Sono giunto alla conclusione che siamo una squadra metafisica. I limiti e le possibilità di questa squadra possono  essere compresi solo andando oltre l’esperienza sensibile in quanto i cinque sensi non sono in grado di fornire una spiegazione in grado di coglierne l’essenza.

  76. aston ha detto:

    Cosa ne pensate del comportamento di ieri delle dirigenze delle due squadre viste, malauguratamente, ieri sera su Rai uno ?

    Per me indecente.

    a.

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      che entrambi sono simpatici come dita in un occhio. c’è da dire però che conte litiga e ha avuto anche contenziosi dove è andato (magari a volte pure a ragione) ma è sempre a protestare a lamentarsi e a dare colpa agli altri quando perde. per carità è stato un ottimo giocatore e un allentaore vincente che ha strappato ingaggi stellari ma sinceramente a me persone di quel tipo non piacciono per nulla poi però ha vinto a volte campionati con squadre che magari non erano sempre le più forti. trovo però che sia un mr che il suo apice lo abbia avuto e che nei comportamenti sia andato troppe volte oltre. la juve poi è simpatica come 3 dita negli occhi però c’è da dire che tensioni come con conte non le ho notate come con gli altri ex. e conte mi sembra tensioni le abbia ovunque vada.

      • aston ha detto:

        Ciao. Non mi riferisco alla simpatia ( sulla quale peraltro sono allineato a quanto da Te scritto ).
        Riferisco ai comportamenti . Veramente se la procura federale non si muoverà allora.. . Per i simpaticoni della Juve si aggiungono al caso Suarez…

        a.

        • Massimo Pittaluga ha detto:

          ti rispondo diranno che sono cose personali tra conte e dirigenti juve…..sul caso suarez è uno scandalo con paratici che ha pure detto che lo rifarebbe e di non aver raccomandato nessuno ma preso informazioni. poi per caso suarez ha avuto un esame agevolato ma sono coincidenze

  77. Emanuele ha detto:

    Buon pomeriggio Maurizio,
    hai novità sui concordati relativi il proprietario della Sampdoria? Pensi che realisticamente i creditori possano “obbligarlo” alla cessione al miglior offerente?
    Intanto si legge di un Palermo novamente in vendita…..
    FERRERO VATTENE
    LA SAMPDORIA AI SAMPDORIANI

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      No, come sostengo da parecchi mesi credo stiano maturando le condizioni perché Ferrero rimanga ancora abbastanza a lungo alla Sampdoria.

      • Faso ha detto:

        Che agonia…

        FERRERO VATTENE

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        intendi che i creditori accetterebbero un piano di rientro con la uc sampdoria a garanzia la quale nel mentre chiede prestiti per tirare avanti. che dire potrà andare avanti ancora un po cosi 1 2 3 anni ma mica in eterno. sarà ma le aziende e i soci di queste piene di debiti prima o dopo o falliscono o ristrutturano se riescono. cos’è solo ferrero può vivere a debito a vita? se la risposta è si chiamiamolo al posto di Draghi

  78. mino53 ha detto:

    mi ricordo di recente ho visto una foto di un plastico con il nuovo stadio Picco sui vostri post e letto anche dichiarazioni che il modello sarebbe stata l’Atalanta per Volpi e C. ma leggo invece ora che cede tutto in fretta e furia. Allora mi viene da pensare che se uno come Volpi sparisce dal calcio cercando di monetizzare il piu’ possibile allora il nostro Ferrero che cerca di tenere la squadra in una onorevole Serie A non sia il ”peggiore dei mali” almeno si circonda di collaboratori capaci che gli consentono di garantire una competitività nella categoria. In tempi di covid vedo che pure l’Inter non ha la liquidità necessaria a pagare gli stipendi e mi faccio e vi faccio una domanda: credete che ci sia la fila di gente seria per comprare squadre o piuttosto solo e’ roba per fondi speculativi ?

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      “Tuo” Ferrero, non “nostro”, almeno di certo non “mio”, uno che ha patteggiato con la Federcalcio la distrazione di fondi dalla “mia” Sampdoria.

      • Cicciosestri ha detto:

        A parte il “nostro” che non condivido neppure io, concordo in toto con quello scritto da mino53.

      • Mino53 ha detto:

        La lingua batte dove il dente duole ; lei lo sa bene perché ha patteggiato visto come è finita in giustizia ordinaria . Comunque a suo tempo Ferrero disse a proposito di Volpi ‘le volpi finiscono in pellicceria ‘ cioè all’incasso ed aveva ragione

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Duole eccome! Volpi lascia lo Spezia, preso in serie D, strasalvo in serie A, col bilancio in attivo, con due centri sportivi ristrutturati, con un progetto di restilyng del Picco già avviato. Inoltre, lascia in cambio di poco più di una buonuscita. E lascia non nelle mani di un bancarottiere con le aziende in odore di concordati preventivi ma nelle mani di uno sufficientemente solido. Vediamo, tra due o tre anni, se le situazioni saranno paragonabili.

          • Cicciosestri ha detto:

            Sullo strasalvo in serie A, me lo auguro, ma non ne sarei così sicuro …
            Quello che ha lasciato nella mani di un bancarottiere comunque è Garrone …

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Cioé in questo momento lo Spezia non è strasalvo??? Ora, pur di difendere l’indifendibile, si stravolge anche la classifica??? E su Garrone io non ho scritto proprio quello??? Mi arrendo.

      • Pier56 ha detto:

        Bravo Michieli, questo “nostro” è un insulto alla Samp e ai suoi tifosi e può venire solo da due parti: da un genoano o da uno che cura gli interessi di quell’individuo…🤗

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      Senza polemica la vediamo totalmente in modo diverso
      i cinesi poi stanno seguendo ordini di uno stato dittatoriale che sta imponendo il disimpegno ma vorrei solo che si guardasse come i proprietari cinesi si sono relazionati con rispetto alla storia dell’inter rispetto a quanto ci siamo sorbiti con ferrero il quale se suning non ha liquidità la proporzione è che lui non sa neppure cosa sia il concetto di liquidità. volpi ha ceduto di sua volontà sembrerebbe a un finanziere americano e con lui lo spezia è passato dalla c alla A dove non era mai stata.
      sono di parte e ferrero non lo trovo ne simpatico e neppure un presidente accettabile e solo in un paese dove si possono regalare società in questo modo come è accaduto alla samp si poteva avere una proprietà come l’attuale. in inghilterra ma anche germania non ti puoi neppure avvicinare ad un club professionstico se non hai il patrimonio per farlo. quindi w ferrero che del resto con lotito e preziosi tratta con le pay tv. insomma come non essere soddisfatti

      • petrino ha detto:

        se non era per le intuizioni del fu Ten Tsiao Ping, l’ economia cinese sarebbe rimasta al livello della Corea del Nord.
        Un’ insulto e’ stato pagare 15 milioni all’ anno a uno come Pelle’, per 3 anni.

    • andreap ha detto:

      ferrero è solo l’amministratore delegato/presidente di una società di calcio di genova, non è il presidente dei sampdoriani.
      solo chi è serve può definirlo il proprio presidente.

    • andreap ha detto:

      volpi non è un amante del calcio bensì della pallanuoto ed ha deciso di vendere al massimo storico dello spezia per concentrarsi sulla pro recco.
      sicuramente quando ha investito a spezia aveva interessi di sviluppo immobiliare, che ha potuto sfruttare in parte.
      l’inter non può essere un esempio visto le vicissitudini societarie, quindi può essere un paragone ma in negativo.
      ferrero non ha fatto sviluppo immobiliare (se non markette ad eleven finance o altre società per suo tornaconto), non ha investito, ha preso una società con 0 debiti e ne ha fatti 176mln (da bilancio 2019).
      penso che vi siano diversi imprenditori, anche in gruppo, che possono avere gli stessi risultati di ferrero ma con più serietà e meno “magnate”.
      leggendo tutti i blog, pagine social ed altro, salta subito all’occhio il danno più grosso fatto da ferrero: aver allontanato la società dai tifosi. nel calcio è il peggior male che uno possa fare (altre agli insulti verso storia, tifoseria, club di tifosi, sceneggiate barbine, amicizie scomode e comparsate televisive di basso livello).

      il tifoso chiede di essere coinvolto nella vita della società, chiede che la stessa sia coinvolta con la tifoseria..i giocatori, i dirigenti etc..
      ricordo l’ultimo anno di B, dove nonostante la rabbia dei tifosi per i primi mesi scandalosi, ci furono confronti con squadra e dirigenza: patti chiari ed amicizia lunga.
      verso la fine del campionato, marassi era una bolgia, in trasferta erano esodi..nonostante l’annata, c’era un filo che ci legava..teso, ma c’era.

      ora il filo è legato alla passione dei tifosi, alla voglia di aggregazione ed all’amore per la maglia.
      società, squadra e dirigenza sono lontane da tutto questo.

      • Fra Zena ha detto:

        sono d’accordo
        il danno maggiore che sta facendo Ferrero è quello di allontanare i tifosi. Ha creato un’enorme spaccatura tra la Sampdoria “reale” (la società e la squadra) e quella che esiste come patrimonio storico e affettivo della città e della tifoseria
        Gli effetti di tutto ciò nelle nuove generazioni si vedranno sempre di più, temo
        Questo è il danno più grande per adesso. In futuro, vista la nostra situazione patrimoniale e finanziaria, potrebbero esserci problemi ancora peggiori e molto più pratici, ma è presto per parlarne

    • Ste75 ha detto:

      Quell’individuo nn mi rappresenta cm tifoso e nn ci rappresenta cm presidente. È solo un pagliaccio messo da una persona che anni fa aveva promesso che sarebbe intervenuto nel salvare la samp.. Ci ha provato cn vialli e poi è tornato nel suo silenzio fatto di filtri e controfiltri… Io nn plaudo a quel scappato di casa romano.. E a settembre mi auguro che l’accoglienza della gradinata sia chiara e inequivocabile.. Cn lui nessuno ci vuole niente e che fare

    • petrino ha detto:

      dalle cronache la ristrutturazione del “Picco” e’ stata pagata dall’ Amministrazione Comunale di La Spezia, essendo lo stadio di sua proprieta’.
      L’ hobby di Volpi e’ la Pro Recco, non il calcio.
      Se non erro, Volpi aveva interessi a Porto Lotti, maxi porticciolo turistico dello spezzino e spesso tali iniziative vanno di pari passo con l’ acquisto di societa’ di calcio locali.

  79. andreap ha detto:

    qui come in altri blog o pagine social, appaiono diversi personaggi che con argomentazioni political correct, elogiano la gestione ferrero, della squadra, della società..risultati, solidità e rispetto.

    qualcuno in questi blog ha fatto nomi e cognomi, anche di persone che sono qui: si tratta di una cerchia di genova legata non al presidente ma alle persone a lui legate in società (anche qui sono stati fatti i nomi).
    da alcuni mesi è stato attuato un piano di pubblicità del residente: fate pure, siete i soliti 4 gatti che pranzate a spese della società, amichetti degli amichetti..
    gente che non ha mai messo piede in gradinata o allo stadio..politicanti opportunisti..

    “Venite pure avanti, voi con il naso corto
    Signori imbellettati, io più non vi sopporto”

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Clap clap. Il bello è che non sanno che io so chi loro sono 🙂

      • andreap ha detto:

        i nomi li hanno fatti loro..

      • Mino53 ha detto:

        lo so bene che sai chi sono ma almeno vedo che non mi blocchi in nome del pensiero unico, almeno avere due o tre ”rompicoglioni” infervora la discussione; quanto a pranzi o cene o giochetti o politicanti sappiate che almeno nel mio caso non e’ cosi’ e vado allo stadio dai tempi dello spareggio Sampdoria Modena a San Siro …..sono solo realista non interessato alla dietrologia: il calcio oggi e’ questo purtroppo

        • andreap ha detto:

          come politicante, intendevo te..che vanti un ruolo di rappresentanza politica in italia.
          che poi tu sia amico o meno di persone vicine alla società, non voglio saperlo ma chi si loda di conoscerti, fa pubblicità di questa rete di rapporti.
          se non fosse così, se sei solo un libero pensatore critico, mi spiace ma sono altri che ti tirano nel calderone..non io.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Ci mancherebbe altro. Ma quanto tu spesso definisci “dietrologia” sono semplicemente fatti oggettivi.

  80. Vincenzo ha detto:

    Le volpi finiscono in pellicceria, i traffichini finiscono al fresco (si fa per dire) e io, molto avanti negli anni, in tutta la mia vita non ho avuto neanche un misero patteggiamento!…., inizio a essere invidioso e a sentirmi emarginato!.
    In fondo…”un fondo” non si nega a nessuno, basta che non sia cinese!.
    Nell’attesa di domenica, viva il festival di Sanremo, tutti a Sanremo con una scooterata, perchè ricordiamoci che “un festival è per sempre”…o forse no?.

    Forza Sampdoria

  81. Vincenzo ha detto:

    Maurizio, molto bello il botta e risposta tra te e Matteo sulla vicenda dello Spezia: si potrebbe parlare per ore: “gioie e dolori, amore e tradimenti, passione e finanze, sacro e profano, passato e futuro e infine “essere o non essere…” in poche parole la vita.

    Forza Sampdoria

  82. jan ha detto:

    Buongiorno Maurizoi,
    ho letto su Primocanale la lettera con risposta a Matteo Cantile, veramente molto bello ! Tutti noi che in fondo sappiamo che il calcio è cambiato, abbiamo dentro il fuoco vero della passione per i nostri colori. Siamo anche consci del fatto che i proprietari delle sqaudre di calcio cercano business e visibilità, comunque di non lasciarci le penne, ma ormai nessuno ha più la vera passione quale motivo principe, passione che invece tiene vivi e sognatori noi TIFOSI !!!!!!

    Forza Samp !!!!

  83. belmondo' ha detto:

    che bella stoccata di Volpi al nostro caro ex presidente. prendi e porta a casa

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      son d’accordo……un conto è cedere a chi ha capacità e patrimonio e un conto lo scempio fatto nel 2014. la storia che non ci fosse nessuno e che l’unico fosse ferrero dovevano almeno evitare di dirla. a quelle condizioni trovavano gente diversa eccome. volpi all’epoca gratis probabile, gozzi idem e anche la gente che hanno cercato dopo tipo zanetti e chissà quanti. del resto edoardo garrone assunse braida poco prima e in un paio di mesi ci fu una giravolta a 180 gradi. per me e credo non solo questa è stata e resta la pagina più brutta della storia della sampdoria. il resto solo conseguenze.

      • Maurizio.Michieli ha detto:

        Lungi da me voler sminuire lo scempio del 2014, anzi. Ma posso assicurare che né Volpi né Gozzi né Zanetti all’epoca erano interessati ad acquisire la Sampdoria. Ve lo dico perché io stesso, per esempio, sapendo che i Garrone volevano/dovevano liberarsi della società feci alcuni sondaggi con costoro e pure con altri soggetti (il compianto Squinzi, ad esempio, che in quel periodo stava ridimensionando il Sassuolo e poi si ritrovò in serie A senza averlo programmato). Dopodiché, qualcuno meglio di Ferrero sicuramente potevano e dovevano trovarlo.

        • belmondo' ha detto:

          bah, gratis con fidejussioni garantite sono sicuro che l’avrebbe presa chiunque

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Ovvio, infatti l’ha presa Ferrero. Ma allora, se si scrive questo, non si è ancora capito molto di quella operazione… Lasciamo perdere, tanto parliamo di sette anni fa e Ferrero è già il terzo presidente più longevo nella storia della Sampdoria.

        • Massimo Pittaluga ha detto:

          non metto in dubbio quello che dici maurizio, ricordo però che lo stesso gozzi disse che alle condizioni di ferrero nessuno l’aveva mai offerta a lui per esempio. sicuramente tu hai informazioni che io ovviamente non ho ma credo che a certe condizioni (anche meno vantaggiose tipo senza fidejussioni) avrebbero trovato di meglio e continuo a ritenere che se nessuno a tirare fuori dei soldi ci fosse come scrivi tu e non ho alcun motivo di dubitarne, gratis sarebbe stato diverso. comunque il mio è un esercizio inutile visto che siamo con ferrero e con lui da tifosi ci dobbiamo convivere anche perchè si può cambiare casa fidanzata moglie e marito ma la squadra non la cambi….

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Certo Massimo, ma è evidente che Garrone non avrebbe mai potuto offrire la Sampdoria ad un Gozzi alle condizioni di Ferrero… Semmai gli avrà chiesto di acquistarla.

          • Massimo Pittaluga ha detto:

            grazie per la precisazione maurizio e concordo purtroppo quelle condizioni le hanno fatte a chi meno dovevano farle. amen

          • robmerl ha detto:

            il mio amico paolo ravano (nipote del grande presidente) e io l’avremmo presa per amore alle stesse condizioni di ferrero, cioè gratis, accettando uno stipendio poco più che simbolico (la società avrebbe risparmiato 1,1 milioni all’anno) . Ma nessuno l’ha interpellato…

    • Ste75 ha detto:

      Il problema che gli entra da una parte e gli esce dalla altra.. Secondo te a. garrone resta scalfito ciò che ha detto volpi?

  84. Fabrizio ha detto:

    Ragazzi che dire! Speriamo di fare un punticino con la Viola……..e che Nicola li faccia Neri!!!!! Buona giornata a tutti i Tifosi Blucerchiati!

    • Faso ha detto:

      Ciao Fabrizio,
      se speri nel punticino però è meglio augurarsi che anche a torino ci esca un pareggio, tanto da lasciare i granata nella bratta e quellilà cmq a distanza invariata

  85. ROBY LEVANTE ha detto:

    Tanto per cambiare discorso.Come avrete letto o sentito dalle notizie sportive delle TV.
    Tolto un turno di squalifica a Milenkovic ,il più forte difensore della Fiorentina.Sarebbe stato lo stesso se la Fiorentina avesse dovuto giocare contro la Juve,Inter,Milan,Napoli,Roma,Lazio e forse anche l’Atalanta.Evidentemente,purtroppo,non contiamo proprio nulla.

    • Fra Zena ha detto:

      quello che scrivi può anche avere una logica, anche se non credo che il peso politico della Sampdoria c’entri con questa vicenda
      Al di là degli effetti su di noi, secondo me è stato giusto togliere una giornata a Milenkovic. Non era una testata, si è appena appoggiato e poi Belotti come suo solito ha fatto una sceneggiata immonda con tanto di borsa del ghiaccio…giallo a tutti e due e finiva lì…

  86. luca ha detto:

    direi che questa volta noi tifosi non c’entriamo nulla e non abbiamo colpe ! quanto dichiarato dal Sig. Volpi direi che sintetizza al meglio lo stato d’animo di noi Sampdoriani e di quello che è stato fatto con la nostra “fede” !!!!!! ora mi aspetterei la risposta di chi è stato volutamente e palesemente chiamato in causa !!! il nostro ex .

  87. Mino53 ha detto:

    Volpi e Fiorani (Antonveneta ) avrebbero fatto meglio ad uscire di scena senza mettere in piazza altre squadre per giustificare la cessione dello Spezia. Excusatio non petita accusatio manifesta. Auguri alla Pro Recco comunque che si occupino di Pallanuoto grazie

    • andreap ha detto:

      volpi e fiorani valgono 100 volte il tuo presidente ferrero (livingston). almeno nel calcio loro hanno fatto qualcosa (dalla D alla serie A), con uno degli allenatori più interessanti.
      non mantenimento della categorie con i soldi dei diritti tv, 76mln di plusvalenze e 176mln di debiti…
      ancora a lamentarsi delle dichiarazioni di volpi?

    • petrino ha detto:

      per la cronaca Fiorani non c’ entra nulla con Antonveneta.
      Era Ad della Popolare di Lodi qualche decennio fa.

  88. Pier56 ha detto:

    Ciao Michieli, te lo ricordi un certo Trentalange? A volte tornano questi individui…è candidato a diventare presidente dell’ AIA e da pure lezioni di moralità . Se tanto mi da tanto non oso pensare cosa farà alla Sampdoria se verrà eletto… ci farà retrocedere in terza categoria…

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Certo che lo ricordo, fu “complice” di quella retrocessione ma non certo “artefice”. Era l’ultima giornata di campionato. Smettiamola con la caccia alle streghe. da Trentalange a Pellegrini il passo è breve. Ritroviamo la nostra identità.

      • Pier56 ha detto:

        La mia voleva essere una estremizzazione sulle retrocessioni. Però non ricordo solo Bologna ma anche altri rigori inesistenti fischiati contro da Trentalange, che poi l’hanno dopo salutò i genoani che gli facevano il coro. Lo ricordo solo io? Saluti

  89. Duilio ha detto:

    Ferrero non e’ mai retrocesso ma Garrone si

  90. Andrep ha detto:

    Un anno senza stadio.. neanche se in coma ci avrei pensato..
    Ho riflettuto molto su quello che sta succedendo, ferrero, garrone, tribunali etc etc.
    Chi “difende” la gestione (buona/normale) della società, è inattaccabile..è vero, balliamo tra il 16simo ed il 10 posto..ok, questa è la nostra dimensione.
    Bla bla bla

    Io in questi giorni ho pensato alle gioie degli ultimi 7 anni..ho pensato ai boati ed alle emozioni vissute allo stadio..le ultime che ricordo come “epiche”:
    -il gol di pozzi sotto la sud in Samp sassuolo playoff;
    -il gol del pazzo contro il napoli, champions;
    -il go del pazzo contro il milan, champions;
    -la finale di coppa italia a roma.

    In 7 anni non mi ricordo un’emozione che si avvicini..ok grandi partite, derby vinti..ma il boato della sud, ruggente, come il gol del 2-1 contro il milan..
    No in questi 7 anni è mancato il pathos, è mancato un quid in più: sarò io che avrò il pregiudizio ma non mi manca qualcosa.

    Un es. La serie b: eravamo incazzati veri: muso a muso con i giocatori, son volate parole e schiaffi..poi tutti assieme, un obiettivo comune..una bolgia marassi!
    Oggi la tifoseria è fedele alla maglia, vicina ad alcuni calciatori..ma manca un quid che ci lega a lei.

Lascia un commento

IL DERBY SU TUTTO

Schierando la formazione bis a Marassi contro l’Atalanta, Claudio Ranieri ha lanciato un messaggio chiaro alla Sampdoria: stavolta il derby [&hellip

PAPALE PAPALE

La Sampdoria, dopo la visita a Papa Francesco, perde di misura all’Olimpico contro la Lazio al termine di una partita [&hellip

BRUTTI MA BUONI

Una Sampdoria non bella sul piano estetico ma concreta ed efficace su quello realizzativo conquista tre punti con la Fiorentina [&hellip

RIN… VIGORITI DA DAMSGAARD

La Sampdoria torna dalla trasferta di Benevento con un punto, firmato da Keita a dieci minuti dal termine della partita [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta