SI RIPARTE. VERSO DOVE…

18 Giu 2020 by Maurizio.Michieli, 21 Commenti »

La Sampdoria riparte dalla doppia trasferta, a Milano e Roma. Di peggio, per una squadra che deve salvarsi, non poteva esserci. Ma è inutile piangersi addosso, l’importante è raggiungere l’obiettivo della salvezza e in questo senso credo che il doppio confronto con Bologna e Lecce potrà dire molto. Sui blucerchiati grava l’incognita Covid: tanti giocatori sono stati colpiti e Ranieri ha detto a chiare lettere che alcuni di loro faticano a recuperare dopo l’allenamento. Speriamo che alla lunga questo non incida. Purtroppo la rosa è assai risicata, al massimo tredici elementi su cui fare affidamento. Pensiamo che il portiere di riserva è Seculin, la prima alternativa ai difensori titolari è Chabot e dietro a Quagliarella (acciaccato) e Gabbiadini (reduce dal virus) ci sono La Gumina e Bonazzoli, spesso riserve anche in serie B. E’ altrettanto vero che si riparte da zero o quasi e non è che il Lecce, per non dire Brescia e Spal, abbia un organico superiore, anzi. Il Genoa, invece, ha operato bene sul mercato di gennaio e con Perin, Soumaouro, Masiello e Berhami si è un po’ aggiustato. Ma per ora resta comunque dietro. La Sampdoria dovrà vivere le partite con Inter e Roma come bonus, senza farsi prendere dall’ansia in caso di possibile risultati negativi. Poi, si vedrà. Sarei stato più tranquillo se la società avesse già raggiunto l’accordo sugli stipendi. Invece sembra che Ferrero abbia fatto come Totò con il maggiordomo: “Domani ti pago” (ripetuto ogni giorno). Confidiamo sulla professionalità e sulla lealtà dei giocatori. Indubbiamente un calcio senza tifosi è un altro calcio, oltre che surreale. La finale di Coppa Italia è stata agghiacciante, ben oltre l’aspetto tecnico: un cantante piovuto da Marte che non conosceva l’Inno di Mameli e messo lì solo in nome del politicamente corretto (umiliante, se uno è bravo e adeguato lo è indipendentemente dal colore della pelle), una coreografia virtuale e soprattutto sponsorizzata che ha avuto come risultato quello di rovinare gli occhi ai telespettatori, feste di piazza in barba a qualunque norma di sicurezza. Insomma, il pallone italiano continua a dare il peggio di sé. Ma questo lo sapevamo già. Non a caso uno come Ferrero ci sguazza dentro senza problemi e qui mi pongo il secondo problema: ripartiamo, sì. Ma verso dove? Non lo so, sinceramente. Tralascio un attimo le questioni giudiziarie, anche perché a breve ve ne comunicherò ufficialmente una che mi riguarda nel confronto con l’amato presidente della Sampdoria. Sicuramente in questa fase nessuno sano di mente (e di palanche) comprerebbe la società senza conoscerne il destino sportivo. Al quale è in parte legato anche quello di Ferrero. Di conseguenza non andrei dietro a voci assortite. Che io sappia, lui attraverso il commercialista Vidal e magari anche il potenziale nuovo membro del cda Panconi (ci credo quando lo vedo che Romei è uscito), sta tentando una via di uscita per conto proprio. E qualcun altro (uno dall’estero ed uno in Italia) segue il corso degli eventi della Sampdoria (in gergo si dice che sta alla finestra). Mentre Garrone, per quanto sia il “peccatore originale”, non ci pensa proprio a rimettersi in gioco. Vale la pena, si fa per dire, concentrarsi sul campo, almeno per adesso. Tanto non scappa nessuno. Forse. In bocca al lupo a Ranieri, Quagliarella ed Audero: la salvezza passa soprattutto attraverso di loro, non sparate sul portiere al primo errore. Tanto non serve a nulla, il mercato ci sarà a settembre. Vi abbraccio (virtualmente) e forza Sampdoria sempre.

21 Commenti

  1. luigi ha detto:

    Caro Maurizio purtroppo per colpa di tante vicissitudini dal covid al vituperato proprietario tante persone si stanno allontanando dal pianeta calcio, e questo non è sicuramente un bel segnale anzi è un campanello d’allarme che già in passato abbiamo segnalato come voce presenze in netto calo allo stadio, ora, capire il futuro o meglio ancora il destino di questa società è assai arduo sicuramente come hai scritto giustamente tu la rosa è assai deficitaria e la permanenza in serie A molto ardua, ora detto ciò il quesito che mi frulla in testa non conoscendo le dinamiche di acquisto di una società di calcio potrebbe e sottolineo potrebbe la caduta in serie cadetta accelerare il processo di vendita a basso costo pur di ragranellare qualcosa dal quel “signore” sempre protetto da San culino? Sicuramente tanti entusiasmi sopiti potrebbero ritornare in auge.Troppi condizionali Maurizio? Et posteris judicas

  2. Grendel ha detto:

    Ragionando su quanto ho appena letto, prendo atto con enorme sollievo che garrone dovrebbe essere definitivamente fiori dai coglioni. Bene così.

    • Klaus Lavagna ha detto:

      E bravo furbo!Mi sembri un alpinista che taglia la corda di sicurezza che lo lega alla parete per essere più libero.Complimenti!

  3. Vincenzo ha detto:

    Tutto è possibile, nel bene e nel male; in questo momento, nessuno può dire se una squadra è più allenata, preparata o motivata più di un’altra; sicuramente una rosa ristretta incide. Comunque la squadra più motivata mi sembra il Lecce per il significativo patto giocatori società: ho letto che i primi hanno rinunciato a 2 mesi di stipendio per lo stop, mentre a tutto il personale della società, magazzinieri, autisti, ecc. è stato mantenuto pensando alle famiglie..; se la squadra si salva percepirà gli stipendi non avuti.. . (il senso è questo)
    Concordo sulla tua disamina generale della situazione blucerchiata: è tutto in divenire ma malgrado tutto, per prima cosa pensiamo a salvarci.

    Forza Sampdoria sempre e comunque

    P.S.:”…coreografia virtuale e soprattutto sponsorizzata che ha avuto come risultato quello di rovinare gli occhi ai telespettatori,..”: VERGOGNOSO, si può sapere il nome o i nomi di coloro che hanno avuto questo colpo di genio!!…

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Lega calcio, Dal Pino e De Siervo.

      • giovanni ha detto:

        ciao maurizio; ricorderai anni fa che nel 95 in una partita di coppa il parma fece “colorare” l’erba del tardini con la scritta logo dell’azienda di latte che le faceva da sponsor e proprietà in sostanza, per avere uno spot di 90 e passa minuti per milioni di spettatori dal ritorno commerciale enorme in diretta televisiva ed allora si disse…”mai più”…finchè la torta non diventò sempre più appetitosa…e la spartizione necessaria….ma, ci siamo resi conto del Truman show a cui stiamo assistendo o no?
        un abbraccio a tutti e forza Sampdoria! sempre e comunque!

  4. trevor ha detto:

    i miei complimenti ai gruppi organizzati della sud che hanno deciso di radunarsi sotto la sud…geniali come sempre

    • Fra Zena ha detto:

      Domenica alle ore 18 diamo appuntamento alla Tifoseria Sampdoriana sotto la Gradinata Sud, la nostra casa. In una situazione particolare come questa, è nostro dovere, nel luogo simbolo per noi, rimarcare la linea intrapresa e riportarla di persona nella maniera più limpida e trasparente ai Sampdoriani, nel giorno in cui la squadra tornerà in campo, informandoli sulle decisioni che faranno parte del nostro futuro. Il tutto nel rispetto delle precauzioni dovute all’emergenza COVID-19.

      Qualcuno mi spieghi cosa c’è di male in questa iniziativa e in questa comunicazione. Sarò lieto di ricredermi, io non ci vedo nulla di male

      • Maurizio.Michieli ha detto:

        Chi ha detto che c’è qualcosa di male? Per me, sacrosanta.

      • fra83 ha detto:

        tanto ci saranno due gatti come sempre per queste manifestazioni senza senso

        • Bono50 ha detto:

          @fra83: E invece no. C’era un bel numero di persone (visto anche il periodo). Peccato non abbiano detto nulla sul cancro che da 6 anni affligge la Sampdoria (se non qualche epiteto colorato). Insomma, pensano a combattere contro i mulini a vento invece di pensare al NOSTRO più grande problema. Un problema a cui se non ci pensiamo noi non ci pensa nessuno.

  5. Massimo Pittaluga ha detto:

    Ciao Maurizio e ciao a tutti gli amici di Samplace. Concordo con te su tutto questa volta, strano ma vero 🙂
    Ho visto un pezzo di finale di Coppa Italia e la computer grafica era qualcosa di agghiacciante. quando gioco a Fifa con mio figlio sembra più realistico. gli spalti vuoti sono tristi ma questo ancora di più.
    sulla samp affidiamoci a ranieri come dici tu a quaglia a 37 anni suonati e ad audero che si spera torni ai livelli della scorsa stagione e aggiungo però all’esperienza di tonelli e yoshida (neofita in serie A ma esperto) a linetty ekdhal nel mezzo e ramirez che è l’unico che può mettere in porta gli attaccanti. confido che l’unico acquisto buono di questa stagione de paoli regga un po di partite senza rompersi. concordo con te che il genoa ha messo dentro giocatori di classe come perin ed esperti come sturaro e berami e nel complesso come rosa sono più completi ora e visti gli impegni ravvicinati avere 2 3 giocatori in più possibili titolari voglia dire eccome. ce la giochiamo a mio avviso e siamo superiori alle ultime 3 nel complesso secondo me alla pari dell’udinese come rosa, oggi un po inferiori al genoa e bisogna vedere come il toro in caduta libera stile samp 2011 si ripresenta. la rosa del toro è superiore ma prima dell’interruzione erano alla deriva e a loro sicuramente ha giovato la sospensione. ce la giochiamo sapendo di rischiare di essere una delle tre ma anche di poterci salvare.
    sul lato societario chiunque sia interessato aspetta come dici tu gli eventi ed in primis vedere se si mantiene o meno la categoria.
    Su Romei la vedo come te e su Garrone che dire se lascerà affondare la samp commetterà il secondo capolavoro dopo la cessione a ferrero. con ferrero se rimane si va a fondo e su questo ci sono pochi dubbi è solo una questione di tempo. se garrone non interverrà speriamo lo faccia qualcun’altro. capsico che garrone si sia stufato del comportamento di ferrero ma lo ha scelto lui e finanziato. avesse scelto te me o qualcun altro qui dentro ( e sarebbe stato uguale economicamente visto che i soldi erano loro e non di ferrero) almeno al momento opportuno ce ne saremmo andati ringraziando e consegnando la samp nelle mani di vialli. qui invece il personaggio ha rilanciato contravvenendo chiaramente agli accordi verbali (che c’erano al 99,9% nella cessione più assurda della storia. un unicum e sfido chiunque a trovarne una simile). Da tifoso e sostenitore di edoardo garrone (quando era presidente) mi auguro che se la samp dovesse trovarsi coi libri in tribunale intervenga un minuto prima di vederla saltare. se la lasciasse alla deriva sarebbe un comportamento pessimo (visto anche le dichiarazioni rilasciate presso di voi). allo stesso tempo da tifoso piuttosto che andare avanti con ferrero che spolpa l’osso e riduce la samp a brandelli preferisco bruciare subito che morire lentamente (Jim Morrison o Higlander citazione del Kurgan prima di essere decapitato da Conner Mc Leod ::))))
    Intanto se ferrero rimane ci piaccia o meno spolperà quello che rimane c’è poco da farsi illusioni.
    Una società che non paga gli stipendi ad una squadra in bilico sfruttando le circostanze è indecorosa. I soldi delle tv e degli abbinamenti li ha in cassa il buon ferrero e le pay TV non hanno mica rimborsato un centesimo agli abbonati cosi come la samp agli abbonati. questo signore è la distruzione dei valori di Paolo Mantovani e aggiungo anche di Riccardo Garrone che sono i presidenti che ricordo. Su Edoardo Garrone sono ancora convinto che prima del crollo totale societario se non ci fossero altri interverrebbe a salvare la samp magari in tribunale e non certo trattando con ferrero. con ferrero e con persoanggi così non ci si dovrebbe mai mettere ad un tavolo a trattare e tanto meno gentile Dott Garrone cedere una società che ha in decine di migliaia di tifosi grandi e piccoli il suo patrimonio. penso a mio figlio che è cresciuto con ferrero presidente e io con Paolo Mantovani. Altri commenti sono superflui. Sulla tua vicenda con Ferrero caro Maurizio probabilmente col tempo diventerà una medaglia al valore per esserti distinto in battaglia. Il tempo è galantuomo e i nodi vengono al pettine e la samp non è mai stata così in pericolo. non credo che reggeremo un altro anno con ferrero al timone. credo che qualsiasi giocatore con mercato e richieste tenderà a scapparr e ferrero a vendere per incassare. a mio avviso siamo in un imbuto nelle mani di un personaggio che non sarebbe mai dovuto essere messo al timone della samp. ci piaccia o meno ne vedremo delle belle e ripeto basta che almeno non sia una lunga agonia che temo ancora di più del patatrac

    • robmerl ha detto:

      ferrero è rimasto col cerino acceso in mano e adesso batte tutte le strade per trovare un compratore, anche a 10 mn + ripianamento delle perdite + debiti. Fanno in tutto 53 mn, che nessuno dei potenziali interessati ci metterà mai.
      Se ci salviamo, vedrai che finirà come la Lancia quando fu acquisita dalla Fiat: la pagheranno un euro simbolico più i debiti, cioé 30 mn a cui andranno sommati i 13 di perdite a bilancio e gli indispensabili investimenti. Mica poco, se non c’è di mezzo un emiro un fondo internazionale.
      Serve gente con gli schei, una passione vera e la voglia di investire. Non sarà per niente facile
      Vi assicuro che in un’altra città, un po’ meno tollerante, l’ominide sarebbe già stato messo alla porta dal popolo giustamente inferocito..

      • Bobo50 ha detto:

        Ferrero non venderà perché da nessun’altra parte potrà mettersi in tasca uno stipendio di un milione e passa di euro (più tutti gli altri che fa confluire nelle casse delle sue aziende farlocche) che gli permette di fare la bella vita.

  6. luigi ha detto:

    Ciao Fra Zena vorrei solo esprimere la mia opinione sulla vostra iniziativa sicuramente lodevole che dimostra attaccamento ai nostri colori, ma che non porterrà da nessuna parte, con un proprietario che se dovessi definirlo in questo blog rischierei la querela dopodichè sono poco fiducioso, la rosa è scarsa, tanti tifosi stanno prendendo le distanze tradotto vedo un futuro poco roseo per questa società come tutte quelle gestite dal romano comunque vedremo chi vivrà vedrà sicuramente saranno più le pene che le soddisfazioni in proiezione futura.

  7. Daniele da Rapallo ha detto:

    Caro Maurizio, purtroppo la vedo molto dura causa infortuni e rosa risicata. Speriamo ci siano squadre che partano anche peggio come stato psico-fisico, che sembrerebbe non essere al top.
    Una domanda……: ma gli eventuali soggetti alla finestra sarebbero soggetti di eventuale spessore o così così….?

    Grazie

    Daniele

  8. Pier56 ha detto:

    Ma avete letto l’ultima intervista dello scellerato? I tifosi gli dovrebbero pure riconoscenza…Arriverà un giorno in cui ci libereremo di questa zecca? A questo punto bisogna sperare nell’imponderabile, oppure nel ponderabile: la sua totale rovina. Vabbè sentiamoci sulla riva del fiume e aspettiamo!

    • Bobo50 ha detto:

      Continuando a non fare nulla e sperando che svanisca come per magia, quello resterà qua fino al giorno del fallimento (che per chi non lo avesse ancora capito o preferisce mettere la stesta sotto la sabbia, è l’unico futuro che aspetta alla Sampdoria targata viperetta).

  9. matte genovese ha detto:

    Cerchiamo di salvarci, tutto il resto è roba gia scritta. FERRERO VATTENE VIA.

  10. Bobo50 ha detto:

    Dico solo che questi 6 anni di ferrero sono bastati per cancellare tutti gli anni precedenti. Qualche vecchietto si ricorderà cos’era la Samp pre-ferrero, mentre tutte le alte generazioni sentendo nominare Sampdoria la assoceranno inevitabilmente al romano. Siamo gli zimbelli di tutti. Una macchia indelebile della nostra storia che vi ha marchiati a vita.

POCO O NIENTE DI NUOVO SOTTO LE… NUVOLE

Per prima cosa, un festoso saluto a TUTTI, per dirla come il comico di Zelig. E’ un piacere ritrovarvi e [&hellip

QUALE FUTURO

Sto per andare in ferie, l’appuntamento è verso la fine di agosto per una nuova stagione insieme. Speriamo non di [&hellip

DERBY REGALATO

La Sampdoria serve su un piatto d’argento il derby della Lanterna numero 120, il Genoa ringrazia e scarta il regalo [&hellip

IL PM HA CHIESTO L’ARCHIVIAZIONE DELLA QUERELA DI FERRERO: ECCO LE MOTIVAZIONI

Il Pubblico Ministero Giancarlo Vona ha richiesto, al Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Genova, l’archiviazione del procedimento [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta