STOP AND GO

9 Mar 2020 by Maurizio.Michieli, 138 Commenti »

E adesso? E’ questo l’interrogativo che il mondo del calcio, dirigenti, calciatori, tifosi e giornalisti, si è posto al fischio finale delle partite dell’ultima giornata, che in realtà si conclude oggi con Sassuolo-Brescia. Sabato notte il Governo aveva emesso l’ormai famoso Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri con le prescrizioni sull’emergenza coronavirus in cui è scritto, tra le altre cose, che le partite si possono disputare regolarmente purché a porte chiuse. Da qui la decisione della Lega calcio di dare libero sfogo al campionato ma di non liberalizzare la trasmissione degli incontri sulle tv in chiaro. Nella mattinata di domenica, però, arriva la “minaccia” di sciopero da parte dell’Associazione calciatori e l’intemerata del Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, che smentendo il suo stesso Governo parla di “atto irresponsabile”. “Non condivido la scelta della Lega di serie A di giocare, l’emergenza sanitaria non finirà tra qualche giorno. Il calcio riprenderà come e meglio di prima quando sarà finito tutto”, ha dichiarato Spadafora. Così nasce lo stop di Parma-Spal, poi disputata con un’ora e un quarto di ritardo e un susseguirsi di trattative. In mezzo, la risposta del presidente della Lega di serie A, Paolo Dal Pino, a Spadafora: “Invece di fare demagogia – ha detto Dal Pino – il Ministro sia coerente con le proprie azioni di Governo ed emani un Decreto assumendosi le responsabilità che sta scaricando su altri”. Insomma, il calcio chiede che sia il Governo a fermare tutto per ragioni di salute pubblica, come fatto per altri settori. A questo punto il presidente della Figc, Gabriele Gravina, ha convocato per domani un Consiglio federale straordinario per affrontare la situazione e trovare una via di uscita. I giocatori sono per la linea dura e restano determinati a non voler scendere in campo. La sensazione è che si arriverà allo stop sino al 3 aprile, poi si vedrà. Il futuro dipende da un lato dall’evoluzione del quadro sanitario, dall’altro dalla disputa o meno dei Campionati Europei. In caso di annullamento, si potrebbero dilatare e quindi terminare i campionati nazionali. Non esistono precedenti, è dunque complicato immaginare altri scenari.  

138 Commenti

  1. DavethBrave ha detto:

    Sarebbe l’ennesima decisione insensata , prima si chiudono le scuole,lasciando aperte palestre,cinema,centri commerciali etc, pensando che i bambini e ragazzi andassero a recludersi in un convento sul monte fasce(debitamente a 2 metri di distanza uno dall’altro)poi si chiude tutta la Lombardia, facendo scappare migliaia di possibili contagiati in tutta Italia e lasciando gli aeroporti aperti( i voli sono responsabilità delle compagnie) come sarebbe? Il pub lo posso chiudere i voli non posso cancellarli? Ed ora il calcio, bisogna fermarlo, il virus si annida tra l’erbetta dei campi…… Tutte le misure prese non hanno fatto altro che alimentare il diffondersi del virus…..
    Comico poi l’appello di Toti, tutti in gita al sole della Liguria serve responsabilità, se siete degli incompetenti dimettetevi, grazie.

    • petrino ha detto:

      incapaci e idioti sono quelli che si sono accalcati sulla spiaggia di boccadasse. gomito a gomito.

    • Luca B ha detto:

      per DavethBrave non hai capito affatto l’appello di Toti che era invece una battuta come dire “bravi ci sono le restrizioni e ve ne siete andati in gita”. “Serve responsabilità” nel capire che bisogna stare a casa. Questo intendeva

    • Zaccotenay ha detto:

      In 50 ad aspettare il pulmann della squadra rischiando il daspo, stando a distanza di sicurezza, invece per i lombardi che ci hanno invaso non rischiano nulla, a loro si che bisogna dare un daspo e non farli più entrare, è tutto assurdo. Nel bar in via tortosa a vedere la partita erano almeno 60 persone ammucchiate. Non Siamo un paese serio.

      • petrino ha detto:

        proprio per quello che i bar andrebbero chiusi del tutto fino alla fine di marzo..
        E’ una rottura di scatole beninteso,pero’……………..

  2. giorgio48 ha detto:

    Prendiamoci questi 3 punti che valgono oro senza però sentirci sollevati, Abbiamo disputato un primo tempo allucinante, un primo tempo giocato come se avessimo 35 punti e non 23. Tutti da bocciare con in testa il buon Ranieri che solo dopo aver preso il gol e rischiando di subirne altri 2 (malissimo Tonelli dopo 12 minuti su Di Carmine e decisivo Audero su Amrabat) ha infoltito il centrocampo passando alla difesa a 3 tagliando di fatto i riforimenti a Lazovic che fino a quel momento aveva avuto tutta la libertà possibile sulla nostra fascia destra. Certo, il secondo tempo ci ha visto reagire capendo finalmente che a quel punto la B era scritta grande come una casa sulla nostra strada. San Quagliarella. poi, ha fatto il resto. Abbiamo risalito la china ma il gioco espresso e la scarsa tecnica di molti non ci possono lasciare tranquilli per il futuro.

  3. Stefano_1970 ha detto:

    A me manca un pezzo del ragionamento.
    Intendo dire che fermare il campionato per n settimane non fermerebbe la normale routine delle squadre (palestra, nesercitazioni, fisioterapia, etc). Tre settimane di inattività sarebbero il preludio a guai muscolari importanti. Siccome spazio nel calendario non c è… Credo che se sospendono… Facile aspettarsi anche annullamento e decisioni a tavolino.

  4. ste75 ha detto:

    sarò ripetitivo ,Maurizio , ma sembra di assistere ad un torneo di play station..la passione e il pathos , in me ,sono spariti…é inutile continuare questa pagliacciata . il campionato nn ha un minimo di regolarità..bisognerebbe avere le palle di fermarlo definitivamente…si blocca tt..retrocessioni congelate e serie a cn 22 compagini….abolire eventualmente l’anno prossimo la coppa Italia.. nn riesco nemmeno a gioire x la vittoria di ieri…an preoccupato x la diffusione del virus… eppoi scusa ma nn fanno fare la mano all inizio ma poi si abbracciano dopo un gol

  5. luca ha detto:

    deve fermarsi tutto e basta , ne và della nostra etica della nostra credibilità (come Nazione) !!!!! io non posso andare a lavorare (perchè in una zona rossa) partendo da Ge e ho bisogno di lavorare (come tutti del resto) ho papà assai anziano che non vedo e sento da oltre 15 giorni perchè barricato in una Struttura per anziani (e non ho certezze di quando potrò rincontrarlo !!!!! perdonate ma con tutto il rispetto che ho per il calcio , tutti gli addetti e a cascata tutti quelli che lavorano nel settore (TV , giornali etc) che cavolo volete che mi freghi oggi di cosa abbiamo fatto (risultato della domenica) e/o se andiamo in serie B o ci salviamo ?????????? facciamo passare questo terremoto (perchè questo sarà ) e poi ripartiremo con i soliti discorsi da bar, i soliti sfottò e le solite incazzature ma per favore adesso concentriamoci sulla nostra vita e quella dei nostri famigliari !!!!!!!! scusa lo sfogo Maurizio ma questo è ciò che penso

    • DavethBrave ha detto:

      Se invece di pensare ai nostri familiari alla nostra vista ovvero sempre e solo a noi stessi ma 1 volta anche agli altri non ci troveremmo in questa situazione.

  6. maverick ha detto:

    Perché i giocatori vogliono/dovrebbero fermarsi?

  7. Alup ha detto:

    A parte la situazione legata al virus per cui non dobbiamo dimenticare cosa gira attorno al calcio, per quanto riguarda la partita di domenica e relativa importante vittoria laudato sia il nostro grande capitano mentre dietro la lavagna io metterei Beresinsky, il sempre più indeciso Audero, lo svogliato Erkdal e l’inconcludente Gabbiadini. Mi devi poi spiegare la conferma e rinnovo di Barreto 8 presenze zero gol ed assist ma Osti cosa poteva sperare da un giocatore così e poi prende Bertolacci.
    Quel signore di Ranieri fa quello che può con i giocatori a sua disposizione, però un largo ai giovani ci starebbe bene, manca quella sana fame di vittoria che mi sembra mancare

    • ROBY LEVANTE ha detto:

      Largo ai giovani ? Quali ,forse Bonazzoli , solo tanta buona volontà .Lunga vita a San Quagliarella.

    • robmerl ha detto:

      in A (si spera) o in B (si teme ancora), con (si teme) o senza (SI SPERA) Ferrero, dobbiamo voltare pagina: investire sui giovanii, tenere e promuovere Pecini e trattenere (se si riesce) Ranieri

  8. petrino ha detto:

    per nostra fortuna al VAR c’ era BANTI, che ci ha salvato 2 volte, la prima richiamando il rigore , non concesso dall’ arbitro in campo, e poi richiamando lo stesso arbitro degradando il rosso a Linetty solo in giallo.
    L’ arbitro in campo era l’ efferato Valeri, le cui gesta ben conosciamo.
    Comunque l’ UEFA, gli sponsor faranno fuoco e fiamme perche’ gli Europei si svolgano nel periodo prefissato.
    Troppi interessi in campo e molti soggetti a beneficiarne.
    Il governo e il ministro spadafora e la Lega serie A si palleggiano le responsabilita’ nel fermare il calcio. di serie A, perche’ la Lega B prosegue nelle partite.
    nessuna delle 2 parti vuole prendere l’ iniziativa, essendo misura impopolare se fatta dal governo e antieconomica se fatta dalla lega calcio A.

  9. aldo "io speriamo ha detto:

    effettivamente sembrava che a parma avessero trovato il vacino antivirus…basta posticipare la partita di un ora ed un quarto…il governo chiede alla federazione calcio se è il caso di sospendere il campionato?….ma quando ha chiuso le regioni ha chiesto parere ai presidenti..?

  10. Michele G. ha detto:

    Ieri ho potuto seguire quasi per intero la partita, con il collegamento interrottosi misteriosamente ad un paio di minuti dal 90mo. Comunque, l’animo non era sereno e non solo per le vicende del campo che ci vedevano sotto fino a 10 minuti dalla fine, con la prospettiva di finire nel terzetto di fondo, visti i contemporanei risultati delle concorrenti dirette, specie quello dei cuginastri a Milano.
    Questo virus sta distruggendo le nostre sicurezze e sta creando un panico che non si era mai visto, neanche in occasione di eventi simili, come la Sars nel 2012, che pure ha prodotto danni maggiori in termini di decessi.
    Io, che per lavoro vivo all’estero e devo viaggiare, mi vedo costretto a non muovermi, in quanto Italiano!!! Siamo arrivati all’assurdo che, pur non vivendo in Italia e mancando dall’Italia da qualche mese, mi vedo negato il visto e non posso andare in alcuni paesi semplicemente perché ho passaporto italiano! Altri paesi, in cui non vi è bisogno del visto, mi obbligherebbero ad un periodo di quarantena di non meno di 14 giorni in autoisolamento o, peggio ancora, presso una delle loro strutture ospedaliere (ve lo immaginate se fosse un paese africano?). Tutto ciò sempre perché ho un passaporto italiano!
    C’è anche il rischio che, qualora venissi in Italia, non potrei rientrare per un lungo periodo, quindi, addio lavoro! Potete immaginare con quale stato d’animo abbia seguito la partita!
    Comunque, pur criticando le dichiarazioni del ministro (avrebbe potuto dire di parlare a titolo personale, pur in contrasto con il decreto da lui stesso approvato), comprendo che anch’egli sia stato vittima dello stato di massima confusione che regna in un’Italia dominata dal panico, per questo nemico invisibile che sta distruggendo la vita sociale e l’economia di un paese come il nostro, già in grave difficoltà sotto entrambi i punti di vista.
    Coraggio ragazzi che, come diceva Eduardo de Filippo, “adda passa’ a nuttata”!

  11. Tenente Colombo ha detto:

    Soluzioni oggettive unilaterali credo in natura non esistano. Esistono scelte ponderate che tengano conto di più fattori possibili e che privilegino gli aspetti più delicati. Non è per niente un compito facile e ci sono delle persone atte a identificare quale sia la miglior strada da percorrere. La gente comune dovrebbe fare meno chiacchiere invece di sparare sentenze basate sui quintali di ignoranza raccolti sui social e dovrebbe iniziare a seguire il famoso senso civico e le regole basiche del Decreto aggiungendo poi un minimo di buon senso…invece parlano, commentano, sentenziano e poi affollano Boccadasse e Righi la domenica pomeriggio in stile 1 Maggio.
    Credo ci siano attività ben più importanti e necessarie del calcio che non si possono fermare nemmeno in situazioni particolari come questa e sono d’accordo anche io sulla linea di sospendere temporaneamente il campionato.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Ma quali sono le motivazioni per sospendere il campionato? Solo per capire e discuterne insieme.

      • Tenente Colombo ha detto:

        Contenimento del contagio. Ad oggi in Italia i numeri non sono rassicuranti: circa 6400 positivi (dato relativo a chi ha fatto il tampone….),366 vittime di cui 133 nelle ultime 24 ore. Sicuramente non saranno giovani e atleti ma quasi per la totalità trattasi di persone anziane o immuno depresse ma comunque potenziali Padri, Nonni o semplici amici e conoscenti . Così come sono state sospese scuole cinema musei discoteche ecc ecc per tenere la diffusione del virus il più circoscritta possibile, penso che il meccanismo calcio e lo sport professionistico in generale sia temporaneamente da fermare, tutto qui. I calciatori sono esseri umani che dopo l’allenamento vanno a casa e frequentano familiari e amici che a loro volta sono in contatto con altre persone e via via esponenzialmente si moltiplicano i possibili contatti e quindi i potenziali contagi. In più ogni week end si spostano in un altra città dove affrontano altri ragazzi che hanno a loro volta in dote la possibilità di essere dei portatori magari silenti del virus…
        Attendo il tuo parere autorevole e la tua posizione in merito. Grazie Maurizio

        • maverick ha detto:

          Come i lavoratori che vanno (perché loro ancora lavorano) sul posto di lavoro se ne sarebbero tornati a casa e NON DAGLI AMICI come hai detto perche vedi è proprio nella.tua affermazione il casino in cui siamo… Non si va dagli amici…. si sta a casa!!! E così avrebbero fatto loro …..come tutti gli operai impiegati commercianti che per portare il pane a casa lavorano… certo i calciatori non ne hanno bisogno.

      • ste75 ha detto:

        xché si parla cmq di persone che’ anche se ben pagati o privilegiati,tengono famiglia e corrono il rischio di infettare i loro figli…xché il calcio mi sembra l’ultimo problema che ci si debba occupare ..il basket pallavolo ciclismo tennis …tt si è fermato…la serie c e i dilettanti si sn fermati..gli stessi giocatori giocano distrattamente…il governo deciderà…il coni e la Figc hanno voce in capitolo e la lega dovrà ubbidire…anche l’Europeo subirà uno stop…la salute prima di tt…i posti di lavoro che i precari rischiano di perdere sarà il problema da affrontare …le società di serie a cn i loro presidenti nn fanno pena a nessuno

      • Frank ha detto:

        Ad esempio impedire alle persone di affollare i bar x vedere sky, oppure impedire a quei 500 sfogati interisti di ammassarsi alla pinetina.. Questi sono esempi dell’incapacita’ degli italiani di adeguarsi a qualsiasi Decreto.. Ed allora meglio togliere il giocattolo per un po..

      • Alex ha detto:

        Ad esempio il fatto che le 20 squadre hanno avuto condizioni diverse sia di pubblico e di partite in calendario sovrapposte è fuori da ogni dubbio il fatto che un torneo dove qualcuno parte “davanti” agli altri non è più regolare purtroppo.

      • alan ha detto:

        Grave emergenza sanitaria. Si sospendono cose ben più serie di un campionato di calcio.

      • Zaccotenay ha detto:

        A dire il vero penso che lo sospendano fino al 3 aprile poi se peggiora la situazione prenderanno una decisione difficile ma definitiva, certo egoisticamente parlando se bloccano tutto a noi conviene se proseguiamo rischiamo molto. Ieri i bibini altra porcata con il Milan, addirittura sul goal di ibra invece di prendere la palla decisi e provare a rimontare da una pacca sulle spalle di perin e ridendo torna a centrocampo. Si sono fatti due goal da soli donnarumma i palato peggio di audero, praticamente una soap opera. Non è che qui a marassi sia andata molto diversamente, juric che nel primo tempo sembrava indemoniato accompagnando la, sua, squadra con urla da capo dei visigoti, nel secondo tempo si è miracolosamente calmato. Ma come fai a salvarti con un portiere così scarso il goal preso è una cosa che non si può vedere. Andiamo sempre sotto al primo o al secondo tiro in porta, anzi per me è autogol suo. Gli altri, prendono due difensori seri e un portiere vero ed il campionato cambia improvvisamente, a parte Sassuolo Firenze e Milan partite farsa dove il calcio non c’entra nulla.

      • sillyname ha detto:

        Credo che a questo punto ogni lavoro sia a rischio, così come ogni persona. Non c’è una classifica da fare, ma si può ricordare che i calciatori per definizione lavorano in condizioni particolari. Contrasti, falli, spinte, affanno, sudore, magari anche sputi, involontari o meno. Tutti i santi giorni, in partita e in allenamento. E’ singolare che si discuta il fatto che si abbraccino dopo un gol, visto che difensori e attaccanti lo fanno per 90 minuti in modo senz’altro meno fraterno….
        Nemmeno le 20/30 mila persone sugli spalti che si agitano, gridano, sbuffano e imprecano una attaccata all’altra, e sicuramente non possono fare a meno di abbracciarsi e urlarsi in faccia per il semplice fatto che sono lì per questo, sono esattamente la rappresentazione ideale di quanto è previsto dalle norme igieniche definite non dai cittadini comuni ma da medici e virologi. E tutte queste persone poi ritornano a casa da mariti, mogli, bambini, nonni, zie e cugini. Perchè tutti, calciatori e tifosi, hanno delle famiglie.
        Chiediamo a 60 milioni di persone di non stringersi la mano, di lavorare da casa o di evitare la movida e poi scateniamo l’inferno ogni domenica? Ha senso?
        Di sicuro non si può azzerare tutto: lavoro, infrastrutture, supermercati, ambulatori, trasporti ma si può provare a limitare le situazioni più a rischio. Abbiamo già fermato la scuola e l’università e non si dica che sia una cosa secondaria. Lo sport cosa rappresenta? Sicuramente una grossa industria, quindi socialmente rilevante, ma che ruota intorno a degli eventi di intrattenimento, certo non di importanza vitale. Un nomale lavoratore può iniziare a non stringere la mano al proprio collega, magari limitare spostamenti e interazioni. Sicuramente non ha 20mila persone che tifano per lui mentre svolge il proprio lavoro…
        Non so cosa ne pensino i calciatori ma che avverrebbe se uno di loro fosse (speriamo mai) dichiarato positivo. Non ho idea di cosa si potrebbe fare in quel caso. Fermare lui come un paziente qualunque? O bisognerebbe mettere in quarantena tutta la squadra? E la società? La escludiamo dal campionato e facciamo proseguire gli altri? La mia è proprio una domanda, io sinceramente non lo so. Mi domando solo se sia logico arrivare fino a quel punto, magari scoprendo che il contagio è già esteso, oppure… interrompere tutto già da subito.
        A me non è chiaro esattamente cosa sia il covid19. Ma da quanto ho capito è più aggressivo di una normale influenza e quindi potenzialmente molte più persone possono essere contagiate. Il che vorrebbe dire che se, a esempio, in un normale marzo ci sono in media 1 milione di persone ammalate, in questo caso potenzialmente ce ne potrebbero essere 10 milioni. E se nel primo caso in terapia intensiva ne finiscono 100, con il covid ne finiscono 1000, e nello stesso momento. Cosa facciamo, ne lasciamo 900 fuori ad arrangiarsi da soli perché i reparti di terapia intensiva sono già intasati? Io credo che la vera minaccia, la bomba che abbiamo per le mani sia questa, non il virus in sé. Noi peraltro parliamo dell’Italia, e ce ne è già abbastanza, ma grazie al cielo almeno abbiamo la copertura sanitaria nazionale e viviamo qui. Proviamo però a immaginare cosa potrebbe succedere a livello planetario a iniziare dai paesi dove l’assistenza sanitaria non è un diritto, è strutturalmente inefficiente oppure si deve pagare….

      • NYC ha detto:

        rischio di contagion tra I giocatori ?

      • giorgio48 ha detto:

        Caro Maurizio, io sono tra coloro che non sospenderebbero il campionato ma credo che ciò avvenga per il rischio di un contagio di qualche giocatore. Certo, il contagio difficilmente può avvenire durante i 90 minuti o durante gli allenamenti ma per le attività giornaliere che anche i calciatori svolgono regolarmente al di fuori della loro professione a contatto con chi non si frequenta abitualmente, come noi tutti. Quindi non rimarrebbe che l‘ipotesi di attendere l‘eventuale positività di uno che varrebbe per tutti. Il problema, però, rimane perchè non si può stabilire a priori che dal 4 aprile si può ricominciare in quanto ci vorrà molto più tempo prima che il virus azzeri la sua carica infettiva e quindi, fino a quel momento, siamo tutti , anche se in percentuali sempre minori, a rischio contagio.

      • Martino Imperia ha detto:

        Credo che stiano aspettando solo l’ufficialità di un primo calciatore positivo (ma basta un magazziniere). Ma che la cosa sia già nell’aria…..

        Il problema più che i titoli (non frega più di tanto ai presidenti) sono le assegnazioni dei posti in Europa.

        Per mio conto credo che lo stop definitivo di A e B dovrebbe essere un’occasione per ripensare i format.

      • Fra Zena ha detto:

        Io posso darti alcune motivazioni , che non hanno la pretesa di essere giuste, solo delle idee
        – se in un paese si fermano tutte le attività di svago (cinema teatri palestre piscine ecc.) perché c’è una situazione di reale emergenza, il calcio non deve fare eccezione
        – è vero che i calciatori sono lavoratori dipendenti come molti altri, ma la loro attività comporta molti contatti fisici e spostamenti frequenti in tutta Italia. Pertanto sono obiettivamente soggetti ad alto rischio di contagio, così come tutti quelli che lavorano e viaggiano con loro (massaggiatori, medici e dirigenti ad esempio)
        – il calcio a porte chiuse è penoso
        D’altra parte si poteva argomentare che, in un momento in cui quasi tutti sono costretti in casa, il calcio poteva offrire un passatempo. Io personalmente ritengo che sia stato giusto fermarsi, è un giusto segnale della gravità del momento. Ma ripeto, la mia è solo un’opinione
        Per il futuro, penso che si spingerà per concludere la stagione proponendo un rinvio o una cancellazione degli europei. Intanto a breve penso che i massimi tornei europei si fermeranno

  12. petrino ha detto:

    quanto all’ udienza del 23 marzo sui concordati eleven e l’ altro nominativo di cui ora mi sfugge il nome, un magistrato mi ha detto che – ad oggi – il Tribunale di Roma non e’ soggetto alle normative sulla giustizia inserite nel decreto che comprende le 14 provincie di Lombardia, Emilia, veneto, marche, piemonte, normative che hanno sospeso fino alla meta’ di aprile l’ attivita’ civile.
    Per cui il termine non e’ sospeso e quindi deve essere rispettato da chi chiede i concordati.
    Se invece anche la provincia di Roma dovesse essere dichiarata zona rossa, ricadrebbe nelle normative di cui alle 14 provincie di cui sopra.
    Mi auguro ovviamente che cio’ non accada in quanto vorrebbe dire che la situazione sanitaria sarebbe peggiorata

  13. Frank Tamburo ha detto:

    È uno scenario spaventoso.
    Il calcio dovrebbe divertirci, ma credo sia impossibile farlo in questo momento.
    Ieri i giocatori di Spal e Parma erano stravolti, quelli delle partite successive sono stati costretti ad un triste copione.
    E comunque c’è da elogiarne il coraggio umano e sportivo e la professionalità nel fare il loro lavoro, trattati come scimmiette del circo.
    Di questa triste domenica ricorderò gli occhi di Quagliarella che attraverso una telecamera s’è stretto in un abbraccio virtuale con tutti noi, in un gesto sincero e pieno d’amore degno dell’uomo e del campione.
    Adesso però fermate il baraccone.
    Salviamo la salute e la dignità

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Mi sembra una ricostruzione un po’ troppo favolistica ed epica… Perché bisogna fermare il baraccone? Un taxista, che lavora regolarmente, rischia meno di un calciatore? E se sospendono, significa che i calciatori non si allenano più?

      • petrino ha detto:

        un taxista e’ un lavoratore autonomo, una partita IVA.
        Se non lavora non incassa, anche se , purtroppo per lui, il lavoro sara’ molto diminuito. e il rischio di contagio, visto la vicinanza del cliente, e’ piuttosto alta.

        Un giocatore della reggiana, serie C, e’ risultato positivo. I suoi colleghi di squadra???
        la serie C e’ ferma.
        Un’ infettato ne contagia almeno 2.
        Se succede in A ???
        Vi sono questori, prefetti, generali, presidenti di regione, presentatori Tv infetti.
        Il calcio non e’ un porto franco.
        Purtroppo la sua fermata colpisce le societa’, i giornalisti, gli steward, tutto l’ indotto che gravita.
        Per salvarci bisogna usare l’ accetta, non il temperino da matite.

      • Frank Tamburo ha detto:

        Ma certo Maurizio, sono d’accordo sul fatto che tante categorie di lavoratori corrono rischi quotidiani.
        Non faccio distinzione tra tassisti e calciatori, sarebbe iniquo.
        Ma credo che mandare avanti la serie A in questo modo sia una forzatura.
        In campo c’è contatto fisico diretto tra i giocatori, le misure principali per scongiurare il contagio in realtà non esistono.
        Quali distanze di sicurezza?
        Scivolate, contrasti, faccia a faccia.
        Poi però fanno l’ingresso in campo e non si stringono la mano.
        Dov’è la coerenza?
        Ieri pomeriggio Sampdoria-Verona ha attivato quasi duecento persone: giocatori, arbitri,dirigenti, personale di servizio, giornalisti, personale medico.
        Si parla di esempi concreti verso la popolazione, il calcio manda questo?
        Non prendermi per un moralizzatore sociale, per favore: non lo sono mai stato.
        Ma credo sia arrivato il momento delle decisioni forti, perché così non ci siamo.
        A che serve chiudere scuole, stadi e musei se poi la domenica invadono le spiagge ed i parchi?

      • DavethBrave ha detto:

        I calciatori come altri sono dei lavoratori e quindi devono smetterla di ergersi come privilegiati in tutto.

        la cosa assurda è tenere gli aeroporti aperti.

      • Martino Imperia ha detto:

        Ne discuto da giorni con un amico avvocato che sostiene convintamente che finché si può si debba giocare a porte chiuse

    • belmondo' ha detto:

      Ma che roba hai scritto?? Ahah ma per favore, torniamo sulla terra

    • maverick ha detto:

      “E comunque c’è da elogiarne il coraggio umano e sportivo e la professionalità nel fare il loro lavoro, trattati come scimmiette del circo.”

      Fossi un dottore o infermiere sarei piuttosto inc….o per questa tua affermazione.. In effetti lo sono anche se sono un misero impiegato che DEVE andare a lavorare e deve pure sperare di poterci continuare ad andare e che non si arrivi alla cassaintegrazione se l aziende dovesse chiudere….

    • Michele G. ha detto:

      Ieri qualcuno faceva osservare che i giocatori di calcio sono seguitissimi da un punto di vista sanitario, sicuramente più che qualsiasi altro comune cittadino. Sono continuamente monitorati e perciò eventuali misure restrittive potrebbero essere adottate in tempo in caso di dubbio. Fermare il calcio vorrebbe dire anche niente allenamenti, quindi, inattività completa per un lungo tempo, visto che gli allenamenti non si possono fare individualmente o via Skype.
      Il campionato potrebbe proseguire, disputando le partite a porte chiuse per la salvaguardia del pubblico, non dei giocatori. Se lo si fermasse, allora bisognerebbe invalidare il campionato, perché qualunque decisione fosse presa (non far retrocedere nessuno, Serie A a 23 squadre con 3 neo-promosse, nessuna neo-promossa l’anno prossimo, scudetto non assegnato), farebbe imbestialire tutti coloro che si sentissero danneggiati da tali decisioni.
      Secondo me, una cosa è certa: questo campionato è ormai falsato e sarà difficile raddrizzarlo, qualunque decisione venga presa.

  14. Massimo Pittaluga ha detto:

    ciao Maurizio innanzi tutto un imbocca al lupo a tutti e speriamo che questo momento passi il più velocemente possibile. d’accordo con te sul comment. a fine primo tempo ero basito e pensavo che fosse la fine visto il non gioco della samp con tanti giocatori troppo sotto tono. ho pensato sbagliando siamo fritti andiamo in B. nella ripresa a specchio col verona la samp ha preso campo e i cambi anche di linetty ma anche bonazzoli (che non ha gran piede ma ha messo pressione ai difensori del verona e il 5,5 di rissetto per me è troppo severo perchè allora ad audero 4 e idem a gabbiadini) ha migliorato la stiuazione. ero contento del pari meritato e felicissimo della vittoria non rubata ma concessa da un errore del loro difensore. al var rigore netto così come ne hanno dati due alla fiorentina. 3 punti vitali anche se sarebbe il caso di fermarlo il campionato e probabilmente semmai anticipare la prossima stagione con due di B su dirette campionato a 22 e 4 retrocessioni per tornare poi a 20 l’anno successivo. non credo che la cosa passi veloce e credo ancor meno in germania e francia con stadi pieni e gente che pensa che il virus sia solo qui quando ripeto e riscrivo a francoforte e monaco di baviera che sono due grandi aeroporti hanno girato indisturbati cinesi a decine di migliaia ancora la prima settimana di febbraio quando ero li anche io e pi ho smesso di girare per aeroproti. paesi poi come la turchia che stanno zitti per non parlare degli stati uniti dove a los angeles c’è la più grande comunità cinese del mondo e hanno viaggiato per mesi senza limitazioni. vedere ieri gli stadi della bundesliga pieni con 1000 contagi ufficiali ……e diciamo solo 1000 mi fa pensare che non solo qui ci sia tanta approssimazione oppure che questo virus sia leggero e in alcuni casi non si direbbe proprio anzi semmai aggressivo e pericoloso su una certa percentuale di persone. di una cosa sono sicuro nel mezzo a tutte le mie insicurezze dettate dalla mia ignoranza su virus e pandemie, l’economia italiana ne uscirà con le ossa rotte. le nostre aziende ne usciranno nel migliore dei casi indebolite nel peggiore chiuse. altro che recessione dello -0,5% come dice questo governo fatto dai rocco casalino e gigini vari (questa deve essere una lezione per tutti noi, in quanto le competenze sono fondamentali in ogni campo figuriamoci se si governa….invece in parlamento e al governo abbiamo le minori competenze di sempre e speriamo non ci sia fatale). con la lombardia e tutto il nord semi bloccato avremo un sistema che dovrà ripartire con le ossa rotte con uno stato iper indebitato che ha gettato soldi e continua a farlo e dovrà poi reperirli (prelievo sui conti correnti forzoso…..probabile tra meno di un anno per colpa del virus….). credo che il calcio passi in secondo piano e che una salomonica rigiochiamo la stagione con due squadre in più dalla B sarà la scelta meno contestabile altrimenti passato il virus partiranno le carte bollate dei vari club vista l’etica di questa gente che farebbe rigirare platone e aristotele nella tomba. un caro saluto a tutti. passiamo questa tempesta che piaccia o meno è una tempesta e poi ci sarà da rimboccarsi le maniche tutti per ripartire. questa situazione nel male che fa forse ridarà un senso di realtà ad un paese che in parte l’aveva persa la bussola. a volte in momenti difficili riusciamo a dare il meglio speriamo sia così.

  15. Luca ha detto:

    Buongiorno Maurizio, pensando per un attimo solo al calcio , un precedente ci sarebbe di campionato sospeso e qualcuno se ne vanta pure….. l’ultima giornata completa sarebbe la 24….. chi di sospensione ha gioito non si sa mai che di sospensione…..

  16. Marco ha detto:

    Ciao Maurizio,
    doverosa premessa: devono fermare il campionato, non esiste che vada avanti in una situazione generale così complicata.
    Quanto alle cose futili, ovvero la partita, 3 punti d’oro semmai il campionato dovesse andare avanti un domani.
    Le partite senza pubblico non si possono vedere ed inoltre favoriscono chi gioca in trasferta, esempio lampante la vittoria della spal a parma e soprattutto quella del barcellona a san siro…un conto è giocarci alla prima di Ibra con 80 mila spettatori un conto giocarci così…

  17. Daniele da Rapallo ha detto:

    Io parlerò solo di calcio e della partita sperando, che al di fuori, il mondo si liberi dal Coronavirus e la Sampdoria si liberi da un altro virus che la tiene prigioniera e la sta portando alla rovina.
    La squadra è a larghi tratti veramente inguardabile e ci sono purtroppo semplici punti fermi dai quali non si può prescindere :

    Senza i titolari è poca cosa. Devono giocare i terzini titolari, gli attaccanti titolari ed il centrocampo (punto nevralgico in tutte le squadre), vero tallone d’Achille di questa squadra, non può prescindere da Ekdal e Linetty (non ho detto Vidal e Ramsey). Serve poi la tecnica di Ramirez. Gente come Vieirà sono dei mediocriche potrebbero crescere solo lentamente in una situazione tranquilla, facendo la gavetta in panchina.
    Solo così puoi sperare di fare qualche punto contro quelle alla portata tenendo conto che, dall’altra parte del bisagno, hanno cambiato mezza squadraed hanno un allenatore che in tempi non sospetti io avrei voluto per noi.
    Se sospendessero il campionato tutto sommato….

  18. Alex ha detto:

    Rimanendo solo all’aspetto sportivo credo sia palese e scontato che si vada per mille e più motivi all’annullamento di questo campionato che ripartirà (sperando nella risoluzione del problema)a Settembre con 23 squadre o 20 se verranno bloccate le promozioni dalla b.
    Anche perchè oramai anche giocando è un campionato completamente falsato con squadre che hanno giocato col pubblico altre no, altre che devono recuperare delle partite altre senza impegni in settimana insomma è chiaro che il campionato sia finito con queste partite del week end.

  19. Alex ha detto:

    migliore in campo, banti!
    #ferreroout

  20. solosamp1946 ha detto:

    per me devono fermare tutto per il solo motivo che vedere queste partite senza spettatori mette nausea…per giocare così è meglio uno stop fino al prossimo mese e nel frattempo capire l evoluzione di questo virus

  21. titti ha detto:

    ragioni per fermare il baraccone???? ma di cosa stiamo parlando…..l’orchestra suona sul Titanic che affonda. Tutti gli sport ad alti livelli si sono fermati….la Milano-Sanremo …e non succedeva dall’ultima guerra…. tutto il nord italia chiuso in una morsa di paura e di contagio, con medici che lottano allo stremo delle forze….E chiediamo quali siano le ragioni???? Suvvia….cerchiamo di essere seri

  22. jan ha detto:

    Tre punti importantissimi in mezzo a tanta confusione !

    Sono curioso di conoscere l’esito del Cda odierno e sono purtoppo concorde con quanto ho letto oggi da alcune parti, che questa emergenza regalerà più tempo al pagliaccio con le questioni dei fallimenti.

    FERRERO PAGLIACCIO VATTENE !!!

  23. Klaus Lavagna ha detto:

    Se l’infezione manterrà o come temo aumenterà il trend di diffusione,fra qualche giorno il solo parlare di continuare a giocare sarà pura utopia.Il blocco dei voli,la quarantena obbligata di intere regioni,la paralisi dei reparti di terapia intensiva potrebbero essere lo sbocco di questo stramaledetto periodo e quindi a quale titolo si dovrebbe continuare a giocare?Certamente anche gli Europei sarebbero sospesi, come i campionati in altri paesi.Spero solo di essere considerato un novello Nostradamus e che tutto proceda diversamente da come temo.Dal punto di vista sportivo concordo con l’idea di Pittaluga di un prossi o campionato a 22 squadre con 4 retrocessioni e non assegnerei per quest’anno lo scudetto.

  24. Marco.b ha detto:

    Il calcio e solo una goccia nel mare un dettaglio.
    L unico modo per debellare questo virus alla fine sarà fare come in Cina cioe chiudere tutto. E stato ampiamente dimostrato in questi ultimi giorni che fare affidamento sul senso civico di un paese come l Italia non ha nessun senso .

    Serrata di aereoporti autostrade uffici luoghi di aggregazione . Esercito in strada che sorveglia sul coprifuoco altro che autocertificazione o autodenuncia del lombardo che scappa nella seconda casa e poi va in spiaggia e nei supermercati

    Capirete che l aspetto calcistico diventerà solo una briciola a fronte di questa realtà

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      La Cina è un’economia di Stato e pure una simil dittatura. Impossibile fare come loro, a meno che non ci aiuti l’Europa. Che se ne batte la ciolla, mi pare. Non hanno fatto neanche una task force.

      • petrino ha detto:

        la Commissione Europea e’ un’ entita’ chimerica.
        Con tutto il Continente Europa contagiato, e’ come se fosse un’ istituzione cieca, muta, sorda.
        Come anche la BCE, che essendo ormai quella che una volta veniva definita Zecca , essendo l’ unica a battere moneta, non ha profferito parola.
        Dovremo ulteriormente indebitarci per fare fronte a tutte le spese che ci saranno, debiti che poi ci ritroveremo sul gobbo,i nostri figli e nipoti.
        Non sara’ un’ argomento sportivo, ma in questo momento conta eccome, anche perche’ l’ Italia e’ contributore netto del bilancio UE.

      • Marco.b ha detto:

        Non sono d accordo che serva una dittatura per fare ciò che serve . Qua si sta scherzando col fuoco non so se qualcuno se ne sta rendendo conto.
        Se io domani vado in scooter cado ed ho bisogno di terapia intensiva per salvarmi la ghirba rischio di non avere un posto letto.

        Quindi si fa un decreto che per 15 giorni si chiude e ferma tutto a parte luce gas comunicazioni farmacie generi alimentari.

        Punto.

        E poi vediamo come sono i numeri

  25. luigi ha detto:

    Caro Maurizio bisogna fermare il baraccone come lo chiami tu perchè il calcio è uno sport che richiede un contatto fisico è inutile il divieto di potersi abbracciare qualora si segni un gol mantenere tra giornalisti la distanza di almeno un metro dopodichè durante un calcio d’angolo chi marca strettamente l’attaccante di turno? Capisco la tua preoccupazione e dei tuoi colleghi come emittente qualora si sospenda tutto ma la realtà è preoccupante qualora si diffonda maggiormente il virus non abbiamo le strutture per poter far fronte alla cura di tutti i contagiati in quanto esistono anche esseri umani con altre patologie che non devono diventare malati di serie B. Il calcio in questo momento è lìultimo o dovrebbe essere l’ultimo problema di un paese a forte rischio di mortalità qualora come detto precedentemente per mancanza di strutture preposte a far fronte a un virus che si sta propagando a velocità della luce. Finisco dicendo che l’italiano per forma mentale è refrattario a tutte le regole questo non aiuta detto questo mi piacerebbe un giorno vedere un qualsiasi giornalista fare un passo indietro e ammettere che forse alcune cose dette o scritte potrebbero subire qualche variante non è poi così difficile. Gradirei un tuo pensiero senza doverti ovviamente cospargere il capo di cenere ma per ampliare un dibattito che potrebbe risultare utile nel prosieguo

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Come emittente – purtroppo – facciamo più ascolti col coronavirus. Quindi, la tua “accusa” non regge. Se si fermano le partite, bisogna fermare anche gli allenamenti. E i calciatori non devono essere pagati per il periodo in cui stanno fermi. Come altri lavoratori danneggiati.

      • petrino ha detto:

        Giorni fa Sandro Mazzola ha inviato tutti i giocatori di A a donare una cifra per l’ acquisto di ventilatori polmonari.
        Non vi e’ stato nessun seguito. ad oggi

  26. petrino ha detto:

    Certo che dopo essersi dimesso da vice presidente vicario, il dr Fiorentino ha accettato la carica di consigliere semplice e’ la mossa del cavallo, ossia 1 passo avanti e 2 indietro.
    Mossa inesplicabile e incomprensibile.
    Alla data del 30 aprile sara’ da vedere quanto sara’ successo dei concordati in piedi.

  27. jan ha detto:

    Buongiorno Maurizio,
    ho letto dell Cda della Sampdoria e della riconferma del precedente esecutivo con carica uniformate. Al di la dell’approvazione del bilancio del 30 aprile, può essere che il motivo reale sia che il pagliaccio è ben coscente ormai che i concordati delle sue società non verranno accettati e pertanto la Samp passerà nelle mani del Tribunale ?

  28. Riccio samp ha detto:

    Salve Maurizio, ci tenevo a parlare solo di calcio anche per distrarmi un po’ dalla situazione attuale. Visto il decreto forte (ma giusto) a mio modo di vedere di far diventare l’Italia zona rossa e bloccare il calcio, non pensa che il campionato venga totalmente falsato? Cioè come prenderanno i giocatori questa sosta forzata a livello fisico? E dopo riprendere, magari facendo più partite a settimana? Per me non sarà per nulla semplice e io sono laureato in scienze motorie e osteopata quindi di queste cose me ne indendo più di un tifoso normale… Rischio infortuni ecc molto ma molto probabile… Poi faccio una domanda più leggera… Se si sospendesse definitivamente il campionato e l’ultima giornata fosse la ventiquattresima sarebbe il genoa (volutamente in minuscolo) ad essere retrocesso? Salve saluti

  29. Sand66 ha detto:

    Atteggiamento nevrastenico di tutte le Istituzioni, prima il virus è mortale, poi è un influenza, poi é di nuovo mortale (ma non tanto), insomma una tarantella di opinioni e provvedimenti che stanno collassando il, già poco efficiente, sistema Italia.
    Intorno a noi ci stanno osservando per capire cosa può funzionare e cosa no, siamo le cavie d’Europa in un certo senso, in Francia e Germania non hanno sospeso nessun campionato e nei paesi dell’est sembra che si siano vaccinati visti i pochi casi scoperti, noi nel frattempo siamo zona rossa in tutto il territorio, stiamo in casa, non ci tocchiamo e fuggiamo in campagna. Insomma ritengo che tutte le misure di contenimento possono ritenersi efficaci se adottati da tutti i Paesi che ci stanno vicino altrimenti ogni step favorevole viene vanificato da serbatoi fuori controllo.
    Il paragone con la Cina è improponibile perché trattasi di regime totalitario con ingenti risorse nonché perno centrale di tutta l’Economia mondiale, il nostro sistema sanitario si regge insieme con i cerotti e la nostra economia è alla deriva da anni.
    Vabbè, dopo lo sfogo, parlando della partita mi sento di dire unicamente che i tre punti erano vitali e sono stati ottenuti aggrappandoci alla immensa classe del capitano e alle parate di Audero (e non pensavo che lo avrei detto quest’anno) intorno a loro veramente tanta mediocrità e poca qualità (detto da uno che ha sempre difeso la squadra).
    Anche con la mascherina, forza Doria sempre e comunque.

  30. petrino ha detto:

    In Croazia, Spagna, Portogallo, Germania, Inghilterra le partite di calcio si giocano a porte chiuse,
    In Italia invece si fa solo polemica da pollaio, si invocano fantomatici pathos da tifosi,ma la sostanza e’ sempre la stessa:
    essere sempre la mosca bianca di tutta europa.

    • Fra Zena ha detto:

      Petrino, ma ci godi così tanto (tu come tanti altri) a sputare costantemente fango sul tuo paese e sui tuoi concittadini?
      Ma ti credi tanto superiore alla massa? Ma la difficoltà del momento tu sfugge?
      L’Italia sta sicuramente facendo errori, ma sta lottando da sola mentre altri fanno gli gnorri e ci ridono dietro. Fingono che il problema sia solo nostro. Tra noi e loro non so chi è peggio. Ma intanto l’epidemia arrivera’ anche oltralpe e a breve non rideranno più
      Vediamo quanto i francesi o gli spagnoli, notoriamente popoli perfetti, saranno contenti delle restrizioni che loro verranno imposte

      • Maurizio.Michieli ha detto:

        La penso come te, ho scritto una cosa analogo sotto.

      • petrino ha detto:

        Il teatrino fatto dalla Lega A e’ esemplare nel suo squallore.
        Prima non volevano giocare, poi volevano giocare a porte chiuse, poi erano contrari a lasciar trasmettere le partite in chiaro sul canale 8 o 26, quand’ anche SKY era d’ accordo e difatti i canali 8 e 26 del DGT sono suoi,.
        La Lega ha voluto che il governo avocasse a se la decisione di fermare il campionato perche’ non riescono neppure ad arrivare al numero legale per deliberare, viste le beghe che vi sono tra i presidenti.
        Per concludere il Coni col il presidente malago’ ha deciso per loro de difatti i presidenti di A non hanno votato.
        Ribadisco quanto detto.
        In Croazia, Francia, Spagna, UK,Germania ,Portogallo e ora anche Russia hanno deciso di giocare a porte chiuse da subito, senza tante ” camarille”.
        L’ ultima barzelletta dell’ ultimo Consiglio e ‘ stata l’ idea peregrina dei play off e out. che sara’ bocciata nella culla.
        Per tali decisoni ci vuole l’ unanimita’. e francamente non la vedo.

      • petrino ha detto:

        gli altri stati con il loro governanti sono molto piu’ furbi e politicamente preparati.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Mi pare che gli altri Paesi navighino a vista più di noi. Con tutti i nostri limiti e difetti, specie quelli legati ad un Governo politicamente debolissimo.

    • Maverick ha detto:

      Vedrai tra 5/10 gg come giocheranno… sono in ritardo di 6/10 giorni sulla diffusione…

    • Titti ha detto:

      Come dire??tempo al tempo….stanno purtroppo arrivando tutti…noi colpiti per primi in Europa tra errori e contraddizioni abbiamo lottato da soli….vediamo ora i fenomeni europei e occidentali cosa sapranno fare

  31. Claudio ha detto:

    salute? sanità? senso civico e responsabilità? Italia? Europa? ma soprattutto calcio (?!?!)…….
    alla fine e come sempre è solo questione di business, tutto il resto sono chiacchiere e distintivo……

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Il business è anche posti di lavoro. Sento gente dire con faciloneria “Chiudiamo tutti”. Giusto, se necessario. Sapendo però che il costo sociale sarà altissimo.

      • AleLaSamp ha detto:

        magari non per facinoleria, ma probabilmente perché i Cinesi hanno dimostrato che in due mesi puoi ripartire se chiudi tutto…. se tentenni i mesi di agonia aumentano e potrebbe fare peggio all’economia. Alla fine il mercato premia sempre chi prende decisioni…. non prendere decisioni è la cosa più sbagliata.

      • Claudio ha detto:

        al “chiudiamo tutto” a quanto pare ci stiamo arrivando e i faciloni che lo dicono sembrano essere le istituzioni.
        quelli che pensano (o pensavano) fosse una roba di poche settimane, è probabile provengano da un altro pianeta e mettere in preventivo altissimi costi da pagare, da parte di tutti, era il minimo e fin troppo facile da prevedere, sempre marziani esclusi…..

  32. Zaccotenay ha detto:

    Maurizio Lo dici tu a caressa che la prima squadra esordiente in champion ad arrivare ai quarti è stata la Sampdoria e non l’atalanta?

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      No, perché ha ragione. Quella della Sampdoria non era la Champions League, ma la Coppa dei Campioni.

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        quisquiglie per carità ma credo che quella della samp fosse la prima edizione della champions ligue ma allora avevo 20 anni e ne sono passati quasi 30…..quindi magari ricordo male. ad ogni modo cambia poco grande impresa dell’atalanta come della samp che era stata però costruita per grandi livelli ed aveva una squadra nettamente superiore. bei tempi. da mantovani al viperetta…..speriamo e ritorno non a quei livelli ci mancherebbe di risultati e di presidente ma ad una dignitosa società che già farebbe la differenza.

      • Zaccotenay ha detto:

        Ragion di più, poteva partecipare solo la vincente dello scudetto, quindi ancora più difficile

      • Kreek ha detto:

        Fu l’ultima edizione denominata Coppa Campioni, ma la formula era già stata rinnovata per introdurre, che anticipò il passaggio a Champion’s League

        https://it.wikipedia.org/wiki/Coppa_dei_Campioni_1991-1992

        “…Il torneo vide per la prima volta dopo oltre trent’anni un cambio a livello di formula che farà da apripista al rinnovamento della manifestazione avvenuto nella stagione successiva: per aumentare il numero di gare giocate, i quarti di finale e le semifinali furono rimpiazzati da due gironi all’italiana in cui le prime classificate si sarebbero qualificate in finale…”

        Anche Fiorentina e Roma arrivarono in finale al primo tentativo, perdendo, ma si trattava della formula classica con 4 turni ad elinminazione diretta+finale

  33. Remo (Club Varigotti Cerchiata di Blu ha detto:

    Secondo me questo campionato va porprio annullato,non si assegna scudetto,non retrocede nessuno,nelle coppe vanno le stesse squadre di questa stagione,mi dispiace per la Lazio (poteva vincere lo scudetto)e spiace per il Benevento che domina la B e non potra’ salire..ma..non c’e’ altra soluzione.

  34. paolo63 ha detto:

    Caro Maurizio siamo un popolo incredibile!!!!Ai tempi di Azzurra entravi nei bar e tutti parlavano di vela,e’ morto Kobe Bryant e tutti a parlare di lui solo per aver visto un filmato.Ora con il coronavirus siamo tutti virologi.Ma vi rendete conto che rasentiamo il ridicolo?Perche’ non parliamo del Pescara con 13 giocatori influenzati con il presidente Sebastiani che chiede il tampone e non viene fatto?Perche’ come da me segnalato non compare il defribillatore nel 80/90 per cento delle squadre professionistiche a bordo campo?Perche’ non ci si da la mano prima della partita e poi si aiutano a rialzarsi?Di questo ci dobbaimao preoccupare poi le decisioni le devono prendere gli esperti del settore (non i politici)dei quali mi fido.Per cui se hanno sospeso tutto ci sara’ un motivo.Ma avete sentito per caso casi in Russia?Per quanto riguarda la Samp non ho parole ma i tre punti presi son manna piovuta dal cielo e come dice Yoshida ci salveremo CIANIN CIANIN Grazie

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Siamo un popolo come gli altri, con pregi e difetti. Io questa anti italianità non la condivido. Non esiste il Paese perfetto.

      • AleLaSamp ha detto:

        beh… almeno non siamo dei puffi 🙂

      • Titti ha detto:

        Condivido in pieno….dopo aver visto le foto del raduno dei Puffi in Francia….direi che meritiamo L estinzione….quale razza umana però

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        d’accordo con te maurizio iniziamo noi a comportarci come dobbiamo e a non darci addosso sempre in pieno stile commedia dell’arte che del resto è nata in Italia. abbiamo un governo debole come scrivi e inadeguato e a maggior ragione dobbiamo usare la testa e cercare ognuno nel suo piccolo di fare attenzione a se e agli altri. io questo sport nazionale di cospargerci sempre di guano non lo capisico….l’8 marzo in spagna 100000 a madrid in centro per la festa della donna e li sono furbi e noi deficienti. cerchiamo solo di essere solidali e di imparare qualcosa da questa situazione ovvero che da soli non ce la si fa ma anche che le regole sono importanti sempre e soprattutto ora. supportiamo il governo che abbiamo ora con dei comportamenti giusti e quando sarà il momento ci sarà il modo per cambiarlo e lo scrivo da italiano che ha ben poca fiducia in tanti dilettanti allo sbaraglio che sono in parlamento e governo ma li abbiamo votati. pensiamo a come mitigare con i ns comportamenti questa situazione ognuno nel ns piccolo. non è il tempo delle furbate ma di fare ognuno la propria piccola parte. un abbraccio a tutti e speriamo che le cose cambino in meglio anche se ci vorrà tempo pazienza e per ognuno di noi un po di fortuna

  35. luigi ha detto:

    Premesso che nessuno qui ha la pretesa di insegnare nulla a nessuno, però caro Maurizio hai visto che tutto sommato quando ti scrivevo il campionato andrebbe fermato il mio ” appello ” lo hanno condiviso anche Arnuzzo e il tuo ospite in studio nella trasmissione da te condotta insieme a Rissetto, ciò nonostante libertà di pensiero ovvio e se come dico sempre avessimo tutti la stessa veduta delle cose sai che noia questo blog un’abbraccio ( SIMBOLICO VISTI I TEMPI ) a tutti i sampdoriani.

  36. DavetheBrave ha detto:

    LUCA B. Mi sa che devi rileggerti tutto il mio post, chi governa ha solo creato panico, la responsabilità è di chi governa , chiudere le ecuole e lasciare tutto il resto aperto è stato un boomerang, è normale che la gente esca, colpevoli i giornali di aver diffuso la notizia che la LOMBARDIA diventava tutta zona rossa, la metà ha casa in liguria era ovvio che scappassero prima del decreto. Il virus non si ferma , si può solo rallentare, sai che l epicentro è in lombardia e non controlli gli alberghi ma chiudi le scuole? Invece di fare appelli su facebook alla salvini, servono misure contenitive non repressive. Parcheggi gratuiti in tutta Genova, cosi da non affollare autobus e treni, mascherine a tutto il petsonale di negozi, trasporti , uffici pubblici. Non servono proclami da teenagers.

  37. petrino ha detto:

    qualche ora fa l’ OMS ha dichiarato la pandemia del coronavirus.
    Dopo tale dichiarazione, a mio parere i campionati italiani di calcio sono finiti con la partita dell’8 marzo.
    E stessa sorte avverra’ per gli altri europei.

  38. petrino ha detto:

    la notizia e’ delle 23.25
    Rugani e’ positivo al Covid 19 –
    Iuve e Inter in quarantena.
    Oltre alla pandemia mondiale anche il contagio dei giocatori.
    Il campionato e’ finito l’ 8 marzo 2020.

  39. maverick ha detto:

    Maurizio: Rugani positivo al tampone ma asintomatico…. Perché hanno usato un tampone che poteva essere sfruttato (non credo che abbondino) per una persona asintomatica quando (mi risulta) non lo facciano neppure agli infermieri se non mostrano sintomi?
    Ti prego se anche in questo i ricchi fottono i poveri portalo alla luce per quanto ti è possibile

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Mi sono fatto la stessa domanda, forse la risposta è nel meme che recita: “Anche se state ad un metro, è sempre rigore per la Juve”.

      • Maverick ha detto:

        Negli articoli successivi hanno parlato di una febbricola… comunque è abbastanza probabile che al solito siano più tutelati… che schifo e ovviamente non perché non dovrebbero esserlo ma scippare risorse a chi ne avrebbe davvero bisogno… in farmacia hanno rimesso in vendita mascherine … secondo me dovrebbero sequestrarle tutte e darle solo agli ospedali e portarle ai malati a casa per proteggere i familiari…

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        sono d’accordo ma il tampone lo ha fatto anche gabbiadini con qualche linea di febbre mentre se chiami il medico ti fa aspettare giorni se stai male in attesa……ormai i buoi sono scappati e come dice la capua non una sprovveduta i contagi sono molti di più ovuque. faccio di mestiere export e ci sono ora i nord americani preoccupati di prendere attraverso le ns merci il corona virus dopo 25 giorni di container frigo…….questi non si preoccupano delle migliaia di casi che hanno nel loro paese invulnerabile solo nella propaganda di trump chiude i voli (ci può stare) basta che sia binuivoca. caso strano in usa attori e giocatri dell nba scoprono di essere postivi pagandosi i tamponi e la gente magari sono due mesi che pensa di avere l’influenza oppure che da loro i cinesi atterrati fossero tutti sani soprattutto a los angeles dove risiede la più grande cominuità cinese del mondo e andavano e venivano a dicembre gennaio belli tranquilli. tutto normale ma ne usciremo economicamente con le ossa rotte soprattutto la parte debole di questa società che sono le migliaia e migliaia di autonomi partite iva piccole medie imprese e famiglie. se però l’europa dove i contagiati sono parecchi non inizia a prendere misure e andiamo tutti per proprio conto sarà ancora peggio e piu lunga.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          I tamponi fatti dalla Sampdoria sono pagati privatamente.

        • Maraschi ha detto:

          Ciao Massimo,
          mia sorella, che vive a Charleston S.C. e pur essendo una fervente anti-Trump, mi ha detto che pare i tamponi saranno gratuiti anche per chi non ha l’assicurazione.
          Piuttosto, visto che mi sembri una persona informata e che viaggia, che cosa ne pensi dell”infezione di gregge” di Boris Johnson?
          Anche se sembra di un cinismo incredibile, bisogna ricordarsi che questi sono tremendi, con quattro pecore e due velieri han fottuto mezzo mondo e Churchill. quando, da soli (con la Francia sfondata) hanno resistito alla Germania, non credo abbia chiuso i pub.
          Anche se c’entra poco, Forza Doria!

          P.S. Quanto al futuro, sono un libero professionista di modeste dimensioni (non fisiche…). Per andare allo stadio, torneremo ai biglietti coi peli (qualcuno se li ricorda?) e al panino con la farinata in Via del Piano

  40. ste75 ha detto:

    come volevasi dimostrare rugani positivo al covid19…quando due settimane fa parlavo di pandemia qualcuno nel blog mi dava dell’ esagerato..quando dicevo che il campionato finirà così molti a pensare che ero pessimista…mi spiace x l’umanità ma il peggio deve ancora venire…siamo in guerra…quindi di porte chiuse o aperte x un po nn ne sentiremo parlare

  41. jan ha detto:

    Ciao a tutti gli amici sampdoriani, in un momento così non voglio fare polemica ma dare un grande abbraccio a tutti voi, a Maurizio ed alla redazione di Primocanale.

    STIAMO A CASA

    Un saluto da Rimini

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Grazie caro, contraccambio. Noi siamo qui in trincea con viveri, disinfettanti etc ma siamo consci dei rischi, specie i colleghi più presenti sul territorio. Fa parte del nostro lavoro. Chi può, stia al riparo.

  42. Klaus Lavagna ha detto:

    Maurizio,ti confesso che dopo anni di continuo apprezzamento da parte mia dei tuoi interventi sul blog e in tv,questa volta sono rimasto veramente deluso per i tuoi dubbi circa la necessita’ o meno di fermare tutto e in particolare lo sport in questo momento drammatico al momento solo per noi e poi certamente anche per gli altri paesi.Ci preoccupiamo dei bilanci delle societa’ di calcio,della regolarità dei campionati,ma al momento ,se le decisioni governative non saranno drastiche e i divieti non saranno fatti rispettare un replay della spagnola sarà inevitabile.Chi pensa che il campionato riprenderà il 3 aprile non sa di cosa parla.Mi scuso per lo sfogo e sottolineo che la mia stima nei tuoi confronti e’ovviamente immutata.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Grazie Klaus, mi permetti di chiarire il mio pensiero. Se chiudere il calcio e lo sport era una questione di emergenza sanitaria globale, doverosissimo farlo! La salute dei calciatori non vale meno di quella di chiunque. Infatti, dicevo che era necessario anche interrompere gli allenamenti ed è stato fatto. Diverso era chiudere SOLO il calcio perché i giocatori non volevano giocare mentre altri avrebbero continuare a svolgere le stesse mansioni.

  43. Michele G. ha detto:

    Forse gli USA hanno trovato il modo per non diffondere il virus. Bloccati tutti i collegamenti con l’Europa, tranne la Gran Bretagna. Unita al fatto che il primo ministro britannico ha detto che da loro non c’è alcuna emergenza e che la regina riceve tranquillamente delegazioni, a cui dispensa strette di mano togliendosi persino i guanti, questa notizia mi porta a credere che basti parlare Inglese per non essere attaccati da un virus che è Cinese! Hanno fatto proprio bene a staccarsi dall’Europa, perché quelli sono fuori dal mondo!

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      ciao michele propaganda studiata. ma se sono 10 giorni che prima ricevo da usa chiamate nel rassicurarli che le ns merci via container non possono contagiarli dopo 20 25 giorni di mare, poi questa settimana risolvono i contratti e fermano le commesse per paura e psicosi mentre sono gonfi come dei palloni infatti hanno chi ha i soldi positivo perchè si fa i tamponi e il virus viene dall’europa non dalla cina tra un po il ceppo originale sarà partito dall’italia e l’amico giuseppi starà zitto. siamo alla psicosi invece che alla presa di coscienza ma se un presidente dice che sono fake news sino a pochi giorni fa e poi dice che i contagi americani sono colpa dell’europa e ieri a liverpool c’era uno stadio pieno di inglesi e spagnoli a me viene in mente che siamo senza speranza. nel frattempo mi preparo a mettere a posto i cocci e i danni che questa situazione nel mio piccolo lascerà alla mia impresa cercando di preservarla sana e sperando di tornare quando possibile a produrre lavoro. oggi cerchiamo di sopravvivere perdendo il meno possibile in questo delirio. la mia domanda è come fa un paese come la spagna a permettere certe cose quando sa benissimo che se ci sono casi a migliaia in Italia forse è probabile che sia uguale da loro oppure i pirenei bloccano tutto e i cinesi infetti arrivavano solo dagli altri. siamo di fronte a mesi da economia di guerra speriamo di non uscirne disintegrati

  44. petrino ha detto:

    anche gabbiadini positivo.
    Tutti in quarantena.
    Il campionato e’ sempre piu’ finito all’ 8 marzo

  45. alan ha detto:

    @Michieli. Capito adesso perché bisognava fermare tutto il baraccone?

  46. Vincenzo tarascio ha detto:

    Scusami Maurizio, mi rivolgo a te per segnalare che è inaccettabile è vergognoso, soprattutto in questo momento, dove è chiesto giustamente a tutti di restare a casa, vedere una delle tante risorse che, anche oggi come tutti i giorni rovista nei cassonetti dei rifiuti zona borgoratti e poi sale sul bus.. . A questi la chiediamo la autocerticazione o sono liberi di girare liberamente alla faccia di tutti quelli che si comportano nelle regole per contribuire alla causa comune e soprattutto pensando ai medici, infermieri, ecc. che si trovano al fronte!, perché questa è una guerra lunga e difficile.
    Puoi fare presente quanto scritto anche ai tuoi colleghi, so infatti che non è questa la sede ma sono a casa con sintomi influenzali che non mi lasciano molto tranquillo e assistere a questo paradosso è veramente un pugno negli occhi.

    Grazie è sempre e comunque forza Sampdoria, con la speranza di ritornare presto un giorno alo stadio e sfotterci con le altre tifoserie!… .

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Devono pensarci le forze dell’ordine.

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        basta che giri e vedi ormai solo loro a ravanare. le democrazie sono belle e non farei a cambio ma ai diritti dovrebbero corrispondere dei doveri

    • maurosampbolzano ha detto:

      ciao Vincenzo completamente in sintonia con te, dai stai tranquillo che è solo un inconveniente stagionale. per il resto mi auguro che anche chi di dovere sappia applicare le ordinanze, ma ..appunto anche aiutato dagli organi di stampa che denunciano certe cose, ma sai tante cose sono normali logiche come un paio di mille anni fa….pilato docet

  47. beppe ha detto:

    Ciao Maurizio, io come immagino molti qui dentro apprezzeremmo molto se scrivessi “ ho detto una stupidata sulla sospensione del campionato”. Grazie

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Posso dirlo, ci mancherebbe. E’ evidente, alla luce dei fatti, che fosse un atto obbligato. Ma il mio ragionamento era ben più articolato, ho provato a spiegarlo ma lo riassumo. Se si fermava il calcio – solo il calcio – perché i giocatori avevano paura del virus, non ero d’accordo. Nel momento in cui si ferma tutta la popolazione in casa, i negozi, le banche, gli spettacoli etc. allora è giusto preservare anche i calciatori, che hanno lo stesso diritto degli altri alla salute.

  48. giovanni ha detto:

    …un abbraccio (sia pure virtuale) manolo…torna presto e più forte di prima, benchè quello di prima già due volte abbia purgato i fagiani…

  49. Titti ha detto:

    C è ancora chi si chiede perché fermare tutto???

  50. Fra Zena ha detto:

    auguri al caro Manolo Gabbiadini, sperando che – come sembra – i sintomi del Covid 19 su di lui non siano troppo forti. Torna più forte (e più allegro) di prima!
    Parlando per un attimo di calcio, che d’altronde è il motivo per cui esiste questo blog: penso che la soluzione ricadrà sul rinvio degli Europei, in modo da consentire alle varie Leghe nazionali di terminare i loro campionati fino a luglio (ammesso che si riesca a giocare da metà aprile/fine aprile)
    Ogni altra soluzione lederebbe troppi interessi e si presterebbe a ricorsi. Playoff e (soprattutto) Playout sono impraticabili in quanto non previsti ad inizio anno, e poi quante squadre avrebbero diritto o dovere di partecipare?
    L’annullamento della stagione fa rizzare i capelli, giustamente, a chi sta facendo bene come Lazio e…Benevento.
    Quindi secondo me la stagione verrà portata a termine, in qualche modo
    Saluti a tutti e fate come Audero: NON USCITE!

  51. maurosampbolzano ha detto:

    a questo signore..Mike Fatman

    Serie C…che ha scritto questo sulla pagina Samp di Primocanale.it dopo la notizia di altri 5 contagiati in casa Samp,auguro ogni bene e che stia sempre bene in un mondo suo pieno di felicità.

  52. petrino ha detto:

    tra la Lega A e il ministro Spadafora non saprei chi e’ piu’ tarlucco.
    ” Il campionato verra’ ripreso a crisi finita, all’ incirca a meta’ aprile”. detto da entrambi e’ una barzelletta alla vauro.
    Entro meta’ aprile, forse, avremo superato la fase critica,ma attendo proprio di vedere quanti saranno i giocatori positivi.
    Forse faranno giocare le Primavera o gli Allievi.

  53. Paolo64 ha detto:

    La situazione campionato quest’anno ormai non potrà riprendersi, resterà lo shock di una situazione drammatica.
    Riprendere sarebbe asurdo e ingiusto. Capisco che i play out non li vogliano chi rischia la B. Maurizio, ma secondo te non potrebbero congelare la situazione e il prossimo anno fare un normale campionato ma facendo partire tutte le squadre dalla classifica odierna? Il vantaggio acquisito non verrebbe perso da chi spera in scudetti o promozione dalla B e per chi rischia di retrocedere ci sarà un mercato estivo che potrà fungere da mercatone di riparazione. Non può essere un’idea?

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Decideranno qualcosa quando sarà più o meno chiaro quanto tempo si avrà a disposizione per concludere eventualmente la stagione.

  54. jan ha detto:

    Anche i nostri ragazzi colpiti dal Coronavirus. Esprimo solidarietà alla squadra ed allo staff della Sampdoria.
    Altresì non capisco la scelta del pagliaccio inerente il silenzio stampa relativo a questa situazione……

    FERRERO PAGLIACCIO

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Solidarietà a tutti i tesserati della Sampdoria.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Guarda, meglio il silenzio stampa piuttosto che diffondere notizie non confermate (come la positività di Colley, che invece ha comunicato per conto suo di non esserlo).

  55. Klaus Samp club Monselice ha detto:

    Un grande in bocca al lupo al nostro medico sociale al dottor Amedeo Baldari che e’ stato dimesso dall’ospedale…AVANTI MARINAI!!

  56. loco e 656 fs ha detto:

    sono contentissimo per il dott baldari che io conosco in quanto sono il suo rifornitore ufficiale dei ricettari medici che lui periodicamente ritira da me lavorando io in ambito asl
    faccio a lui tutti gli auguri e lo saluto con simpatia e sempre forza samp.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Amedeo Baldari è un eccellente professionista, una persona perbene e un amico. Lo abbracciamo (virtualmente) tutti.

  57. Stefano64 ha detto:

    Buongiorno a tutti, Buongiorno Maurizio,
    ritengo che le dichiarazioni (di facciata) di Gravina, siano dovute soprattutto al fatto che il problema principale dello stop al campionato è il portafoglio ed in particolare quello delle televisioni (sky e dazn). Probabilmente all’inizio dell’epidemia il problema è stato sottovalutato (è solo un’influenza), ma con il passare del tempo le cose sono peggiorate e si è chiusa la stalla quando i buoi avevano già fatto il giro del mondo…..
    saluti a tutti

  58. luca ha detto:

    chi parla di calcio adesso (parlo dei piani alti) non ha capito nulla , non ha valori ! adesso è il momento di concentrarci sulla nostra salute su quella di un popolo!!! per questo non m’interessa degli Europei, della Samp e di “ferrero” (volutamente minuscolo) adesso c’è qualcosa di più grande da affrontare e grazie anche a voi (giornalisti ) che siete sempre in prima linea potremo debellarlo ! tutti i dottori , gli infermieri e gli addetti alla Sanità sono oggi la nostra SAMPDORIA e grazie anche a te Maurizio per il lavoro che state svolgendo ; poi speriamo di tornare a criticare a esultare a “insultarci civilmente” in questo ed in altri blog ! dai dai avanti tutta!!!!!!!

  59. Beppe62 ha detto:

    Buongiorno Maurizio, mi scuso se la contatto attraverso questo Blog per chiederle delle informazioni inerenti la permanenza in casa per via del Coronavirus. Ho provato a telefonare al 800 640 711 ma mi viene detto che il numero è inesistente, può gentilmente fornirmi numeri utili per informazioni di pubblica utilità. Adesso le espongo il mio problema: ho 57 anni e mia sorella ne ha 70 e lo scorso anno ha avuto la polmonite. Sono circa due settimane che non usciamo di casa ma la spazzatura comincia ad accumularsi…e visto che per la spesa posso utilizzare il servizio onlinee mi chiedevo perché l’AMIU non instaura un servizio di raccolta presso i pianerottoli di tutte le abitazioni. In Sicilia lo fanno da anni e prima che scoppiasse l’emergenza del Coronavirus. Il Governo non potrebbe fare in modo che chi percepisce il Reddito di cittadinanza possa svolgere queste funzioni di servizio di pubblica utilità come fare la spesa e servizi vari… ovviamente tutelandoli con guanti e mascherini laddove siano disponibili. Grazie per l’eventuale risposta.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Può uscire a buttare la spazzatura senza correre rischi, l’importante è non avere contatti con altre persone. Oppure può chiedere ad un vicino se si presta gentilmente a farlo. Per ora il servizio a domicilio non è attivo.

Lascia un commento

UN CALCIO AL VIRUS

Europei rinviati al 2021 e dunque spazio per concludere i campionati nazionali e le coppe internazionali entro giugno. E’ questa [&hellip

STOP AND GO

E adesso? E’ questo l’interrogativo che il mondo del calcio, dirigenti, calciatori, tifosi e giornalisti, si è posto al fischio [&hellip

DECADUTI

Dopo il consiglio di amministrazione, decade anche la squadra. E la Sampdoria si trova a vivere uno dei periodi più [&hellip

LA NEBBIA (DISSOLTA) AGLI IRTI COLLEY

La Sampdoria ha vinto una partita importantissima all’Olimpico contro il Torino, a cui non è bastato il cambio di allenatore [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta