NON ILLUDERSI MA COSTRUIRE

4 Nov 2019 by Maurizio.Michieli, 184 Commenti »

Il tenace cross di De Paoli, l’intelligente spizzata di Ramirez e la decisiva deviazione di Caprari hanno regalato alla Sampdoria tre punti importantissimi a Ferrara, quando ormai la partita con la Spal sembrava incanalata verso un risicato e poco utile per entrambi 0-0. I blucerchiati, come già in occasione del pareggio con il Lecce, hanno avuto il merito di crederci e alla fine hanno raccolto i frutti del loro impegno. Ranieri, che al quarto tentativo ha finalmente centrato la prima vittoria della sua gestione, aveva detto che in questa partita si sarebbe capito se il vento per la Samp è davvero cambiato. Ecco, adesso l’errore che la squadra potrebbe fare sarebbe quello di trasformare questo successo in un’illusione anziché in un punto di partenza, in un trampolino di lancio verso una salvezza che rimane complicata e tutta da costruire. Ma intanto, oltre che sul piano aritmetico, è psicologicamente fondamentale avere abbandonato l’ultimo posto in classifica. E dire che il primo tempo era stato davvero brutto, anche se Audero aveva dovuto compiere una parata delle sue e Gabbiadini ci aveva provato su punizione. Lo stesso Gabbiadini poteva avere miglior sorte nell’azione in cui Igor, difensore della Spal, meritava forse il cartellino rosso per fallo su chiara occasione da rete. La Samp, in compenso soffriva e non poco sulla destra difensiva, dove il tandem De Paoli-Thorsby non funzionava. Ma il pareggio era sembrato sostanzialmente giusto. Nella ripresa era stata la formazione di Semplici a spingere un po’ sull’acceleratore, anche attraverso i cambi, nel tentativo di sbloccare l’incontro: qualche occasione sporca e nulla più in area blucerchiata. Nel finale ecco però venire fuori la Sampdoria, specie a livello fisico, con il tandem dei nuovi entrati Ramirez-Caprari pronti a sfruttare l’occasione buona, non senza un pizzico di fortuna. Ranieri sinora ha impiegato 24 giocatori, forse per cercare la quadra, forse per motivare tutti. Adesso, a cominciare dalla sfida con l’Atalanta, è giunto il momento di tirare le somme e scegliere gli undici su cui puntare principalmente per costruire il tortuoso sentiero verso la permanenza in serie A.

184 Commenti

  1. Max ha detto:

    Sul piano del gioco c’è poco da stare allegri,speriamo che con un po’ di tranquillità arrivi anche quello..

  2. petrino ha detto:

    Non vi e’ controprova, ma sostituire un difensore con un’ attaccante porta male.
    Pur mancando la continuita’, Ramirez deve giocare sempre.
    E’ l’ unico che inventa qualcosa, sempre che giochi nel suo ruolo.
    IL norvegese puo’ servire per asfissiare il Pirlo di turno, perche’ oltre non va, a differenza di Augello che si nota subito che ha i piedi.
    L’ ultima controprova sara’ con il Gasp.; anche senza Ilicic e’ temibile , anche se la benzina per loro sara’ quasi in riserva.
    Murillo e’ meglio stia fuori, meglio un ferrari qualsiasi, che un budego impalato.

  3. rexth ha detto:

    3 punti d’oro, come direbbe Canà!
    Non ho visto la partita e non posso quindi dare un giudizio.
    Bravi ai ragazzi per averci creduto.
    Spero davvero che continuino su questa strada.
    Complimenti a Caprari finalmente decisivo. Speriamo lo diventi più spesso. Per oggi bravo e grazie.
    Complimenti mister Ranieri, spero sia la prima di una serie di vittorie.
    Quest’anno si soffre, dobiamo crederci.
    Forza forza forza U.C. Sampdoria!

  4. Franco ha detto:

    Finalmente un po’ di sorte !!. Ranieri conosce il delicato mestiere di Allenatore. Saprà dare i consigli giusti. Qualche giocatore con maggior classe deve essere recuperato e motivato. Il Campionato continua, e la prossima ci sarà l’Atalanta !. Meglio incrociare le dita !!. Forza Samp !!.

  5. Alup ha detto:

    Vittoria che vale oro sopratutto per la caparbietà con cui è stata ottenuta. Vorrei da te due risposte :
    Sostituzione di Janko :se Ranieri dice che Linetty ha solo 30 di autonomia perché far esordire Augello che giocava in serie B
    Maroni definito da Ranieri un talento nemmeno convocato non capisco la titubanza a farlo giocare visto gli altri giocatori a sua disposizione, se non vado errato ha giocato 17 partite nella serie A Argentina.
    Ora sotto con Gasperson con la stessa determinazione e caparbietà poi
    Udinese in casa il nostro campionato riparte da questa vittoria

    • Alup ha detto:

      Gradirei tua risposta ai miei due quesiti relativi a mancato utilizzo di Linetty e di Maroni grazie

      • Michele G. ha detto:

        Alup, Maroni credo che sia appena rientrato in gruppo dal brutto infortunio rimediato in Coppa Italia a Crotone. Un suo utilizzo immediato penso che fosse e sia tuttora prematuro. Magari potrebbe essere impiegato verso il finale di una delle prossime partite per prendere confidenza col ritmo partita, trattandosi per lui di un esordio assoluto nel nostro campionato.
        Per quanto riguarda Linetty, anche lui è reduce da un infortunio, quindi penso che valga lo stesso discorso di Maroni, anche se, nel suo caso, non si tratterebbe di un esordio assoluto.
        Comunque, penso che Maurizio potrà essere più dettagliato ed esaustivo di me.

      • Nyc ha detto:

        Linetty non ha gamba per fare L esterno sx , su Maroni ti ha risposto il mister , non serve ora un ragazzo talentoso serve gente che faccia legna come il norvegese grammo come il fiele ma tosto e su tutti i palloni ci sarà spazio per i colpi ad effetto quando saremo a centro classifica

      • Maurizio.Michieli ha detto:

        Sono entrambi reduci da due seri e lunghi infortuni.

  6. Nyc ha detto:

    Forza Ragazzi
    3 punti di platino non mollate , grande mister senso pratico ed esperienza per il calcio champagne c è tempo, ora sotto con L Atalanta dobbiamo fare punti anche in quella partita.

  7. giorgio48 ha detto:

    Ossigeno puro ! Vincere una partita dove sinceramente hai fatto ben poco per 75 minuti può significare tantissimo in un campionato così avaro per noi di soddisfazioni come questo. Ebbri di euforia, potremmo dimenticare che abbiamo giocato contro, classifica alla mano, l‘ultima del gruppo e che per lunghi tratti non abbiamo quasi mai manovrato nella metà campo avversaria per affidarci unicamente a lanci lunghi dimenticando che davanti non abbiamo nessuno in grado di far salire la squadra. Potremmo esaltare giustamente De Paoli per l‘azione del gol dimenticandoci delle sofferenze da lui patite in fase difensiva per tutto il primo tempo. Potremmo anche credere che Jankto, Ekdal, Thorsby e Vieira vorino un centrocampo dando tutto sommato garanzia di copertura alla difesa dimenticando che nessuno dei quattro è tecnicamente in grado di fare un passaggio filtrante per le punte. Potremmo credere, dunque, che tutto è adesso a posto. Io credo che Ranieri abbia fatto questa sera la scelta del “primo non prenderle“ senza rischiare e che questa si sia rivelata una mossa sensata e giusta ma che non sempre ti toccherà di giocare con l‘ultima in classifica e quindi qualcosa, anzi tanto, dovrà cambiare. Prima cosa, non puoi in una squadra così avara di talenti, non schierare Ramirez. Fallo giocare da trequartista o da seconda punta ma devi metterlo in campo. Poi, che De Paoli non sia un terzino chedo che lo sappiano tutti. Buon giocatore dalla metà campo in su ma sicuramente non un terzino. Poi Ranieri ha a disposizione due jolly : Linetty e Quagliarella. Il primo non ha mai giocato ma è imprescindibile nel nostro centrocampo, il secondo deve solo sbloccarsi per assomigliare almeno un pò a colui che abbiamo sempre conosciuto e amato (n.d.r.: certo che se avesse al fianco una punta di peso ….). Prendiamoci dunque questi 3 punti che valgono oro e che ci consentono di guardare avanti con ritrovata fiducia ed autostima ma avendo consapevolezza che dobbiamo ancora fare un cammino lunghissimo e pericoloso, un percorso che ci dovrà necessariamente vedere crescere come squadra e come gioco se vogliamo raggiungere quel traguardo vitale per tutti.

  8. Michele G. ha detto:

    Diciamo che ho portato bene, scrivendo nel topic precedente che, vincendo a Ferrara, avremmo in un colpo solo raggiunto la terzultima che, ironia della sorte, è proprio l’innominabile dell’altra sponda cittadina. 😉
    Tornando alla partita, d’accordo che il nostro primo tempo sia stato brutto e con sofferenza sulla catena di destra difensiva, ma il calcio si sa è fatto di episodi che spesso non premiano i più meritevoli.. Alla fine del primo tempo solo l’ineffabile Chiffi ha potuto vedere un giallo per Igor, anziché un sacrosanto rosso, per chiara occasione da rete. Gabbiadini si sarebbe trovato tutto solo davanti al portiere,, con il primo difensore avversario ben distante da lui. Con la Spal in 10 per tutto il secondo tempo, penso che avremmo potuto vedere un’altro tipo di partita. Comunque, è tutto bene ciò che finisce bene. Questi tre punti sono importanti per il morale, soprattutto in vista dell’Atalanta che avrà sì la rabbia per l’inopinata sconfitta casalinga con il Cagliari, ma ne verrà dal l’impegno infrasettimanale con nientemeno che il Manchester City. Quindi, o farà turnover, o avrà giocatori stanchi (dipende anche dal risultato che faranno).
    Comunque, una bella boccata di ossigeno ed un plauso ai 300 encomiabili tifosi che hanno sostenuto la squadra di Lunedì sera!

    • Michele G. ha detto:

      Orrore! Ho scritto un’altro con l’apostrofo. In realtà stavo per scrivere un’altra partita e poi ho cambiato scrivendo “tipo di partita”. Chiedo scusa al sommo padre Dante! 😉

      • sillyname ha detto:

        Bravo Michele! Ma Non ti preoccupare, c’è di peggio e senza rendersene conto.
        A esempio accellerare invece di accelerare e proseguio invece di prosieguo

        • Michele G. ha detto:

          O eccezionale invece di eccezionale, un po’ con l’accento anziché l’apostrofo, e così via. Tuttavia, come dici giustamente tu, l’importante è ciò che si vuole esprimere e non lo stile con cui lo si faccia.

        • Michele G. ha detto:

          O “eccezzionale”, invece di eccezionale, o, ancora, un “po’ ” scritto con l’accento anziché l’apostrofo. Tuttavia, non mi permetto di correggere gli altri, perché ritengo che l’importante in un blog sia ciò che si esprime e non lo stile o la sintassi con cui lo si faccia.
          Grazie per il supporto!

    • Zaccotenay ha detto:

      Onore e rispetto ai 300 al seguito, l’unica cosa bella da vedere. Dopo aver visto la formazione iniziale me ne sarei andato via. Non capisco incaponirsi con jankto…. Impresentabile, tirata d’orecchi ad audero capace si di avere fatto una bella parata (non diciamo che gli ha tirato addosso addosso) ma di avere ancora una volta dimostrato che con i piedi non ci siamo tre rinvii sbagliati da campetto di periferia e angolo concesso dopo un paperone. A me continua a non dare sicurezza. Per il resto un piccolo passo avanti. Ma abbiamo troppa paura con il pallone nei piedi, ramirez sembrava di un altro pianeta rispetto a tutti, è l’unico che riempe l’area e colpisce di testa. Facendo così tanti Cross lui è necessario come l’aria. Le ultime due partite lo dimostrano. Sampdoria Sopra Tutto

  9. Francesq ha detto:

    Era nell’aria, lo sapevo, me lo sentivo.

    Questa è una squadra che lotta. Gramma, ma pugnace. Lo si legge nella sua frenesia e nelle lacrime di quando perde. Antiestetica, antidiluviana, anticalcio. Però anche in lotta con la morte, come il soldato di Samarcanda.

    Tutto nelle parole di Ranieri: ma quale qualità e qualità?! Mi devo salvare! Mi difendo con lo scolapasta in testa. Gli altri attaccano e si stancano. Allora metto la qualità e li frego.

    Ditemi se sintesi fu mai più azzeccata. La Spal è poca cosa ma ci ha provato. Ha arrembato. Ci siamo chiusi. Sulla destra avevamo quella strana sintesi tra Gennaro Sangue Delvecchio, Mamar Djeng e il vichingo Bjarnasson che risponde al nome di morten Thorsby: gambe lunghe e poca grazia; tanto fiato e tante legnate. E resistiamo senza ripartire. Poi la spal cala vistosamente attorno al 75’, col suo cilindro ormai orfano di conigli. E allora dentro Gastone, a recuperare i rilanci sbilenchi della difesa. A metterli giù e a giocarli. Poi tanto “crediamoci” e il miracolo.

    Che poi miracolo non è. I segnali c’erano. E speriamo che valga il vecchio adagio: più vinci è più vinceresti. Perché vincendo passano tante paure, che perdendo diventano spettri nell’armadio.

    PS. Non si molla nulla. Inizia ora il campionato. E sarà tragicamente dura.

  10. Francesco ha detto:

    Però mi perdoni, cerchiamo di vedere il bicchiere mezzo pieno. Sul piano del gioco non ci siamo ancora, ma la squadra da quando c’è Ranieri, lotta, non prende delle imbarcate, è spesso un pugile all’angolo, ma alza i guantoni per parare i colpi, e se riesce, cerca di piazzarne uno. Bisogna che tutti cerchiamo di portare un po’ di serenità perché la strada è ancora molto in salita. Mancano ancora 32 punti anche se forse quest’anno potrebbero bastarne 35 perché c’è meno distacco trala prima e l’ultima.

  11. Fra Zena ha detto:

    Penso che poche cose, sportivamente parlando, facciano godere più di una vittoria in uno scontro salvezza in trasferta, per di più al 90′. A noi non succedeva da una vita (forse a Empoli nel ’99 con gol di Pecchia? La vittoria a Bari del 2011 manco la considero), infatti devo dire che ho esultato come da tempo non mi capitava. Questi sono i tempi e bisogna adattarsi
    Oggi il bicchiere è mezzo pieno, CR70 sembra aver dato una quadra col 4-4-2 (tre gol subiti in 4 partite) e forse gli ultimi 4 punti fortunosi ci daranno un po’ di tranquillità. Il gruppo sembra più coinvolto che con Di Francesco e tutti stanno avendo le loro chances. Tuttavia rimaniamo una squadra con lacune di organico mostruose, alla lunga non basta l’impegno dei Thorsby e dei Bonazzoli per vincere le partite, soprattutto se gli avversari non si chiamano SPAL. Ci vogliono idee e qualità, che a noi mancano completamente. Tuttavia almeno ora abbiamo dignità e non sbraghiamo al primo soffio di vento. Visto l’inizio di stagione drammatico, non è poco. Sarà una stagione da giocare centimetro dopo centimetro, ma almeno non sembriamo più una vittima sacrificale

  12. Solosamp1946 ha detto:

    3 punti pesantissimi per classifica morale e scontri diretti. Finalmente. A questo punto assume anche un peso più importante il pareggio con il Lecce. La squadra mi è piaciuta per determinazione e carattere e secondo me stiamo pian piano iniziando a essere anche un po’ più pericolosi. Ranieri sta facendo secondo me un gran lavoro a livello di testa e penso che l impiego di praticamente tutta la rosa in sole 4 partite sia un segnale per dare importanza e autostima a tutto il gruppo… durante la sosta lavorerà sull 11 titolare.

  13. andreap ha detto:

    brutta sporca e benedetta vittoria!
    ora 15 titolari e ruoli definiti…a prescindere dal risultato!

  14. Stefano_1970 ha detto:

    Un tiro nello specchio della porta in 95 minuti é ancora poco. Molto poco.

    Concordo che Ranieri stia cercando di motivare tutti… Ma 4 formazioni diverse su 4 partite forse non aiutano a trovare una quadra. Vedremo se tra un mese verrà trovata una quadra in attesa della finestra di mercato oppure se preferirà mischiare le carte fino all’acquisto di nuovi giocatori.

    • andreap ha detto:

      un tiro nello specchio è un pò esagerato..dire che abbiamo creato poche palle gol è corretto.
      tieni conto che se contiamo i tiri nello specchio, possiamo dire che la spal non è neanche scesa in campo.
      tanti cross e calci d’angolo, ma audero è stato pressoché inoperoso.

    • Michele G. ha detto:

      Un tiro, un gol a partita? Ci metterei la firma! Se gli avversari non segnassero più di un gol, vorrebbe dire un bel po’ di punti per noi! 😉

  15. Daniele da Rapallo ha detto:

    Ottima analisi, che dire…

    Un gollonzo che ridà un po di speranza; un po di San Culino come dice il nostro grande ed amato presidente. Mi ricorda, se la memoria non mi inganna (e con altra situazione) la vittoria ad Udine di Del Neri che diede il LA alla stagione del riscatto.

    Una brutta partita dove il mister ha avuto l’esperienza di mettere i buoni verso la fine mentre Semplici (a detta di Enrico Nicolini), e condivido, ha fatto l’errore di mettere Jankovic, scoprendosi così indietro. Resto fermamente convinto che in questo campionato il valore della nostra rosa vada dal dodicesimo posto (in caso di miracoli) al quindicesimo (anche sedicesimo) se tutto gira male.

    D’altro canto, Maurizio, lo spettacolo osceno ieri non era tanto in campo quanto in tribuna con quel quartetto esultante, inquadrato dalle telecamere, che mette una tristezza infinita….l’aspetto campo passa ovviamente in secondo piano.

  16. Luigi ha detto:

    Hai detto bene Maurizio di buono abbiamo visto la tenuta fisica per quanto riguarda l’aspetto tecnico ce’ granché ma questo lo sapevamo già. La strada è molto irta per quanto riguarda la salvezza credo dipenderà oltre alle nostre “potenzialità ” anche il mercato di gennaio e i risultati delle dirette concorrenti.

    • Edoardo ha detto:

      Dipenderà soprattutto da Quagliarella e dalle dirette concorrenti, a gennaio secondo me non arriveranno giocatori di valore assoluto in grado di levarci dalle secche…

  17. Edoardo ha detto:

    Concordo con te Maurizio, siamo tutti felicissimi per l’insperata vittoria a Ferrara, ma adesso non dobbiamo illuderci, il gol-flipper di Caprari al 91° non cancella una prestazione comunque assai deficitaria e lacunosa soprattutto negli ultimi 30 metri, ma almeno abbiamo giocato col coltello tra i denti e ci abbiamo creduto fino alla fine, questa è la nota davvero positiva e da qui bisogna ripartire già da domenica prossima contro l’Atalanta, io penso che dobbiamo chiudere il girone d’andata a 20 punti e sperare che nel giorne di ritorno Quagliarella torni sui suoi standard abituali perché senza i suoi gol difficilmente ci salveremo, poi certo se a gennaio arrivasse un ariete alla Petagna che ci facesse qualche golletto in più di testa le speranze di salvarci aumenterebbero, ma si sa le plusvalenze son finite e di altri soldi in cassa mi sa che non ce ne siano, allora andiamo avanti così una partita alla volta e vediamo…

    BRAVI RAGAZZI E SOPRATTUTTO BRAVO MISTER, FORZA DORIAAAAA!!!!!!!!!!!

  18. Paolo1968 ha detto:

    0 gol subiti. 1 Fatto. I sostituti sono entrati bene in partita. Un po’ di tenacia s’è vista. Non siamo più ultimi, ottimo.
    Salvo alcuni, però, la condizione fisica mi sembra davvero precaria. Mettendo da parte i discorsi societari che hanno influito e influiscono da un punto di vista psicologico, si sono allenati finora?
    La partita con l’Atalanta è più difficile che con la Juve, questo il mio parere.

  19. Ehol ha detto:

    Devo dire, che la cosa che mi ha colpito di più è l’atteggiamento di Ranieri. Non sono abituato ad allenatori come Sir Claudio, ma in effetti finora ci ha stupito con effetti speciali. Nel senso che sta facendo, con la flemma che gli è universalmente riconosciuta, quello che ogni allenatore fa nei mesi di giugno-luglio: ritiro con la squadra e allenamenti continui e partitelle di test per capire chi è più in forma e chi è più “buono”. Solo che lui lo fa a campionato iniziato e con la squadra ultima in classifica. Tanto di cappello a quest’uomo che oltre ad avere un progetto ben chiaro in testa e riuscire a infondere ai ragazzi uno spirito di gruppo e di “remare dalla stessa parte”, ha le palle di testare il suo progetto sul campo, senza alibi e senza sbandieramenti inutili. Un uomo di una concretezza unica, che fa esordire gente come Thorsby, Augello e Leris o testa gente fuori dalla prima squadra da mesi come Barreto in partite cruciali come quelle contro Lecce e Spal. Un atteggiamento che avrei definito irriverente e schizoide, se non che è esattamente, o almeno così pare, quello che ci vuole in questo momento alla squadra. Che, pur nella sua scarsezza, sta provando a ripagare l’allenatore con risultati che tutto sommato sono parecchio positivi (in 4 gare 3 gol fatti 3 subiti per un totale di 5 punti. Avessimo fatto così fin dall’inizio ora avremmo 3-4 punti in più almeno e staremo facendo tutti altri discorsi …).
    Detto ciò, sarà dura. Dovranno mantenere questo atteggiamento per parecchie partite prima di provare a “disegnare” come diceva ieri sera il mister ai microfoni di Sky. Speriamo che ce la facciano. La salvezza è possibile.

  20. maverick ha detto:

    In trasmissione alla.domanda “a cosa ci si può aggrappare per sperare nella salvezza?” Maurizio aveva detto qualcosa del tipo “non mi dimenticherei del tanto caro SanCulino di ferrero” …. certo la situazione debitoria non può risolverla così ma in sti 4 punti mi sa che il Santo una manina ce l ha messa..bene così ovviamente

  21. Riccio Samp ha detto:

    Grande vittoria finalmente! Ci voleva un risultato cosi, e finalmente un po’ di fortuna che tanto ci era mancata le partite precedenti ma che si sa, soprattutto nel calcio, aiuta gli audaci. Ora continuità con l’Atalanta partita difficilissima ma importantissima. Avanti Sampdoria!!

  22. Frank ha detto:

    Vinta una partita,speriamo nella salvezza, lottiamo per CACCIARE il caciottaro.

  23. Paolo ha detto:

    Premesso che quando vedo Ferrero in tributa mi vengono conati di vomito , occorre prendere una punta forte a Gennaio che riesca a valorizzare anche Quagliarella. Non so con quali liquidità la prendano , ma va presa per la permanenza in serie A.

  24. ste75 ha detto:

    x me il fatto che il mister dia una chance a tutti è positivo…la dimostrazione è che chiunque entra fa il suo…continuamo.cosi ragazzi

  25. Chicco Sestri Ponente ha detto:

    3 punti fondamentali ma non bisogna illudersi la strada è molto lunga forza Sampdoria!!!

  26. Luca ha detto:

    senza Murillo e Bereszynski la difesa è apparsa più solida. Giocando sempre loro spero possano acquisire quei automatismi che mancano, soprattutto tra Depaoli e Ferrari. A centrocampo l’unica certezza è rappresentata dal solito Ekdal. Vieira per carità sarà anche giovanissimo ma non sembra pronto. Troppi lanci e passaggi regalati, contrasti molli e poche palle recuperate. Jankto solita corsa e abnegazione, ma da un acquisto da 15mil si ci aspetta almeno un cross o un tiro decente. Molto arruffone e scarsa intensa con Murru (che non azzecca mai un cross). Thorsby non giudicabile , sarei curioso di vederlo centrale (finalmente un giocatore che le prende tutte di testa). Augello non giudicabile ma sembrerebbe avere un mancino educato. In attacco sempre la solita storia, manca un centravanti di peso. Abbiamo tutte seconde punte. D’accordo con mister Ranieri nel considerare prioritario l’equilibrio, gli automatismi arriveranno con più certezze a livello mentale, il bel gioco scordiamocelo a meno di acquisti a Gennaio (con quali soldi? Del monopoli?). Finché rimarrà Ferrero, i campionati d’ora in avanti saranno sofferenza e delusione.

  27. Jetta ha detto:

    Molto bene, vittoria in trasferta meritata e fondamentale anche se sicuramente qualcuno si attaccherà alla scarsezza della Spal …che ha fermato il Napoli.
    Era importante levarsi dalle secche e ora vediamo avvicinarsi anche squadre “sponsorizzate” come il Torino.
    La Samp non vale gli ultimi 3 posti e il pragmatico mister Ranieri piano piano riporterà la squadra il acque tranquille.
    Squadra unita con giocatori che lottano, bravo mister.
    Il catastrofismo non paga mai.

  28. Paolo1966 ha detto:

    Siamo brutti. Ma meglio sapere di essere brutti e giocare da brutti (4 4 2 coperto), prendendo tutto quello che viene, che dimenticarselo e far finta di esser belli ( 4 3 3 suicida)… Sarà un campionato durissimo

  29. Giuggy Alimonda ha detto:

    Caro Maurizio e cari Fratelli di tifo,bisogna indubbiamente ammettere che Ranieri (signore di buone maniere,un vero gentleman)ha portato serenita’ nell’ambiente,cerca di dare tranquillita’ e lavorare sulla psiche dei giocatori.Il mister sa bene di non avere uno squadrone a dispsizione ma sta cercando di sistemare la difesa (infatti i gol subiti sono diminuiti notevolmente)io sono certo che Mister Ranieri ci portera’ in salvo a patto che Ferreri ci compri un vero attaccante d’area come lo era Zapata(forse la vendita’ piu’ disastrosa fatta da Ferero)la clasifica e’ corta,credamoci1FORZA SAMP!!

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Giusto, ci vuole una punta forte. Non so con quali soldi, ma speriamo che qualcosa si inventino.

      • Delta 33 ha detto:

        Scusa Maurizio, parlando da tifoso “ignorante” in bilancio, ma con tutte le cessioni a peso d’oro effettuate negli anni scorsi possibile che non ci siano soldi nelle casse blucerchiate? A cosa sono serviti, a coprire solamente buchi di bilancio? E se sì, se quest’anno non si vende nessuno che cosa copriamo il prossimo anno? (sì lo so, sta battuta è un rigore a porta vuota)

        • Michele G. ha detto:

          Delta, anch’io mi ero posto a suo tempo la stessa domanda, ma qualcuno più esperto di me di questioni finanziarie ha spiegato che, secondo le regole italiane, qualora le plusvalenze siano state realizzate all’estero, per la cassa compenso della Lega Calcio Italiana è come se avessi zero euro in cassa e non potresti spendere per acquistare giocatori in Italia. Assurdo, ma è così. A questo punto, però, mi sorge un’altra domanda. Visto che comunque questi soldi ci sono, come vengono contabilizzati? Non è che se li intaschi direttamente il romano di Testaccio? 😉

      • Fra Zena ha detto:

        Maurizio tu lo dicesti tempo fa in trasmissione e io lo condivido in pieno. Questa rosa non è scarsissima in assoluto, ma le mancano due elementi fondamentali: in primis una punta forte (non Bonazzoli) da affiancare a Quagliarella, in secundis un difensore centrale coi piedi migliori di Colley Murillo e Ferrari. Lacune che esistono da inizio estate e a cui la società non ha scelleratamente posto rimedio, preferendo puntare su gente come Rigoni che (al di là del valore del giocatore) non ci serve assolutamente a niente. Con le due pedine sopra dette ci salviamo in carrozza…ma trovarle, a gennaio…

        • Faso ha detto:

          Io aggiungerei anche un portiere di riserva perchè se Audero un giorno non fosse disponibile in panchina abbiamo dei citofoni !!!

  30. andreap ha detto:

    ps sampdoria juventus alle 18.55 di un mercoledì di metà dicembre (18).

    ENNESIMA MANCANZA DI RISPETTO PER I TIFOSI

    capisco che non si possa giocare alla stessa ora del recupero della 7 giornata, ma non si può neanche obbligare sempre i tifosi a questi orari

    • Edoardo ha detto:

      E infatti gli stadi sono mezzi vuoti…

      • solosamp1946 ha detto:

        colpa degli ultras…dicono in tanti…peccato che gli ultras c erano anche 30 40 50 anni fa e gli stadi erano pieni

        • Edoardo ha detto:

          Secondo me la colpa principale è delle TV a pagamento che hanno creato col loro sistema un campionato giocato a spezzatino tutti i giorni e a tutte le ore senza tenere minimamente in considerazione le esigenze della gente che lavora e poi le big si beccano troppi soldi, in Italia è da anni che la Juve vince gli scudetti praticamente già in estate a tavolino e poi mettici i giocatori sempre più strapagati e ormai senza più nessun attaccamento alla maglia, la maggior parte di loro tira la gamba indietro una partita sì e l’altra no e allora noi cosa ci andiamo a fare allo stadio? Questo può ancora definirsi sport? Questo è il calcio per cui dobbiamo sacrificare soldi e tempo? Ognuno è libero di dare la sua risposta e scegliere quello che vuole, ma tutte le passioni se non le alimenti alla fine poi svaniscono e difatti per questo gli stadi al giorno d’oggi, salvo rare eccezioni, sono tutti mezzi vuoti, questa è la mia opinione…

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Hai ragione, è così da anni ormai.

  31. Martino Imperia ha detto:

    Tifare Samp quest’anno significa anche impazzire di gioia per una partita vinta all’ultimo minuto contro la Spal in un tristissimo lunedì bsera. Una vittoria che dal punto di vista psicologico può valere ben più dei 3 punti. quindi mi godo l’oggi senza pensare troppo al domani 🙂

    qualche riflessione a caso:

    1) Ranieri è bravissimo. non solo nell’approccio alle partite, ma nel motivare giocatori col morale sotto i tacchi. Non sbaglia praticamente mai i cambi. ed anche il turn over dei giocatori è stato sì frequente, ma senza mai snaturare i giocatori dal proprio ruolo. li mette dove si trovano a proprio agio, e viene ripagato. e fa sentire tutti importanti.

    2) Ramirez: ha dell’inspiegabile la sua totale emarginazione per 7 partite.

    3) DiFrancesco: sono convinto che sia bravo. Ma a livello di psicologia di gruppo credo dovrà migliorare: quest’anno lamenti che non gli hanno preso i giocatori che voleva. l’anno scorso alla Roma lamenti che gli avevano venduto quelli che voleva. Risultato: quelli che ha avuto a disposizione non si sono impegnati e sacrificati per lui.

    4) DePaoli: è fortissimo. Ha i mezzi per finire in Nazionale. Il recupero e il cross di ieri sono da manuale del calcio per tempismo e precisione. aggiungiamo che in tutte le partite si rende pericoloso con almeno un tiro teso e preciso. E maturo il Gol.

    5) Il Mitico Thor (sby) ha martellato bene gli avversari :). Un cavallone che fa legna che può tornare utile.
    p.s. parla italiano meglio che alcuni italiani.

    6) Augello: uno con la testa giusta. un soldatino su cui puoi contare
    p.s.non ha un tatuaggio, gli mancano pochi esami e si laurea.

    7) ora l’Atalanta dell’odioso Gasperini, che sarà pur uno dei più bravi allenatori d’Italia, ma che ha un difetto per me indigeribile: non sa perdere e non sa comportarsi ( vedi mancata stretta di manio a Maran) mentre qnd vince è tutto un gongolar e sorrisini. Spero continui la fase di ridimensionamento.
    p.s. Zapata e Muriel sono avversari. basta inutili rimpianti.

  32. alan ha detto:

    Ci voleva. Il segnale migliore è che il primo ad essersi calato nel clima da sangue sudore e melma (eufemismo) è il mister.

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Avevo sotto mano il cell di servizio e leggevo i messaggi a dieci minuti dalla fine della partita… Poi ho letto i messaggi a fine gara. Vi lascio immaginare la differenza. E’ il bello e il brutto del calcio.

      • Michele G. ha detto:

        Maurizio, sono d’accordo con te sulla differenza di commenti prima e dopo il gol, che ha rappresentato la discriminante fra un risultato appena appena accettabile ed una vittoria importantissima. Penso che concorderai con me che il gol sia stato fondamentale per i 3 punti, ma che non cancelli una prestazione non certo esaltante, quantunque efficace, soprattutto nel finale, quando gli avversari non ne avevano più e si sono per dipiù scoperti con l’inserimento di Jankovic, che ha sbilanciato gli equilibri della difesa (per nostra fortuna). Non fosse arrivato il gol, come avresti commentato un pareggio a reti inviolate con la penultima in classifica? 😉

      • Kreek ha detto:

        @Maurizio.Michieli

        Basterebbe un pò di equilibrio…

        Mondini
        Grandoni Lanna, Sakic
        Bernini Marcolin (Manighetti) Sanna Vasari (zivkovic)
        Esposito(Luiso) Flachi Possanzini

        Allenatore: Gianfranco Bellotto

        Questa fu la formazione di Cittadella-Sampdoria serie b 2001-2002 a cui ero presente…pareggio Zivkovic verso la fine, Lanna si immolò da ultimo uomo e fu espulso (eterna gratitudine). E alla fine ci salvammo dalla C con gol di Bernini sotto la pioggia (e quanta acqua, il Menti è scoperto…tribuna a parte)

        Ma seriamente vogliamo paragonare queste 2 squadre (allenatori compresi?)

        Ripeto: con tutto l’affetto e la gratitudine per marco Lanna, ma come si fa?

        La vittoria a Ferrara non risolve tutto,sia chiaro, la squadra ha alcune carenze, non abbiamo fatto niente, ma un minimo di equilibrio e positività da parte di tutto il Mondo Sampdoria non guasterebbe.

        Poi un ognuno è libero, ci mancherebbe.

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Sebbene anche io pensi che Marco (Lanna) abbia voluto estremizzare il concetto, ci sono tuttavia almeno sei giocatori di quella rosa che vorrei oggi titolari nella Sampdoria e che quindi reputo più forti di quelli attuali: Grandoni, Lanna, Marcolin, Lombardo e Flachi.

          • Kreek ha detto:

            @Maurizio.Michieli

            Ne hai citato 5

            Flachi e forse Grandoni ci possono stare…

            Lombardo 36 anni e Lanna 34, furono importanti dal punto di vista della personalità e vorrò loro per sempre bene…ma erano a fine carriera.

            Marcolin onestissimo centrocampista, non a caso a 31 annia accettò la Sampdoria in serie B da riserva della Lazio. Ma preferisco, e non di poco, quelli che abbiamo ora.

          • Faso ha detto:

            Ciao Maurizio, sono cinque però…
            😉

            A me cmq basterebbe Flachi, perchè incarna quel tipo di calciatore che un tifoso vorrebbe sempre avere in campo: classe, grinta, attaccamento alla maglia, grande trascinatore e capitano coraggioso !!!
            Seguo il Doria da oltre 40 anni, ho quindi avuto la fortuna di vivere gli anni d’oro e vedere fior di campioni vestire la ns maglia (per me il primo anno Gullit è stato il top), ma se potessi sceglierne uno scelgo Francesco tutta la vita

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Giusto, mi è rimasto nella penna Mirko Conte. Nell’età c’è anche la personalità. E poi se l’età non vale allora bisogna togliere Quagliarella dalla formazione di oggi, eppure l’anno scorso è stato capocannoniere.

          • Kreek ha detto:

            @Maurizio.Michieli

            Non è questione di età, ma di integrità-forma fisica e voglia!!!

            Totti, Vierchowod, Toni e Quagliarella hanno fatto faville alla soglia dei 40 anni.

            Van Basten ha smesso a 30 anni, Platini a 32, Marchisio a 33, Cassano a 33 abbondanti…

            Poi se si vuole “estremizzare il concettoì” si può scrivere tutto e il contrario di tutto…no problem 😉

            ps: grande Mirko Conte!!!

  33. Massimo Pittaluga ha detto:

    tre punti d’oro in una partita che ha visto impegno ma vista la squadra schierata una qualità molto bassa. a me è sembrato un messaggio di ranieri a certi giocatori ma la cosa più importante è che con il 442 malgrado il sacrificio iniziale di Ramirez che mi sembra uno dei più in forma ha almeno reso la difesa meno ballerina. poi il gol allo scadere è stato speriamo l’inizio di una lenta risalita per cominciare a giocare un poco meno con l’acqua alla gola. vista la formazione messa da ranieri ero molto scettico e sinceramente come giocatori lo rimango ma evidentemente almeno questi ci hanno messo il 100% e malgrado la bassa qualità sono stati squadra e avrebbero portato via un pari almeno e poi è andata bene alla fine con la vittoria che ci da ossigeno. come credo da inzio stagione questa squadra se i giocatori migliori salgono di livello si può salvare, certo lottando ogni partita perché i valori sono mediocri ma migliori di 4 5 squadre che possiamo metterci dietro. certo serve almeno un centravanti vero da gol a gennaio ma nel frattempo il mr cerca prima di non prenderle e fa bene. anche i pareggi alla fine si conteranno per la salvezza sul campo. per ora possiamo solo pensare a questo sperando di svegliarci un giorno con ferrero che va lontano da qui.

  34. Matte Genovese ha detto:

    Infatti vietatissimo illudersi, ieri sera è andata in scena una delle partite piu brutte mai viste sin ora, la classifica delle due squadre ci spiega il motivo, comunque tre punti d oro per ricominciare, a gennaio bisognera fare qualcosina in piu a livello di mercato delle altre dirette concorrenti , ci vogliono interventi importanti, in tutti i reparti, perche se no sara davvero dura, vista la pochezza qualitativa della rosa. Ciao.

  35. claudio ha detto:

    3 punti buoni per la classifica e per il morale, nella speranza ci possa essere un’inversione di tendenza per questa stagione fino a ieri allucinante.
    Si sono viste due delle squadre più brutte di questo campionato, per noi tante paure, incertezze, poca qualità, sarà comunque dura venirne fuori.
    Resto perplesso dal continuo avvicendamento di giocatori in formazione, probabilmente Ranieri vuole vedere tutto quello che offre la rosa, ma esperimenti continui all’11ma giornata sono estremamente pericolosi.
    Riguardo i protagonisti, nel complesso non mi è dispiaciuto Thorsby, in una squadra di cadaveri è il toccasana dal punto di vista della dinamicità (mi ricorda il Barreto dei tempi migliori, piedi compresi……).
    Per il resto, davanti restano i problemi a butrarla dentro, gente come Ramirez e Rigoni dovranno ritagliarsi il giusto spazio, una volta che avremo trovato equilibri di squadra.
    Siamo nel mucchio delle 6-7 squadre che dovranno lotrare fino alla fine, importante era ed è esserne consapevoli, specialmente all’interno dello spogliatoio

  36. Fabrizio ha detto:

    3 Punti importantissim! Uno spettacolo avvilente 2 squadre di bassa serie B non si possono vedere certi spettacoli in fascia protetta! E sto Thorsby ? Titolare nel Baiardo in eccellenza!

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Thorsby nel primo tempo ha sofferto come un matto (insieme con De Paoli), peraltro in un ruolo non suo. Ma non si è demoralizzato, questo è positivo. Certo che se uno fosse sceso da Marte e avesse visto la formazione della Sampdoria, mamma mia, così tanti giocatori mediocri tutti assieme non si vedevano da anni… Lanna sostiene che questa squadra sia più debole, tecnicamente e caratterialmente, di quella che si salvò dalla C. Non so se sia un’iperbole o abbia ragione, ma insomma… Però questo è, bisogna stringere i denti e salvarsi. Punto!

      • Stefano_1970 ha detto:

        La Samp é uscita quando Semplici ha chiesto ai suoi di mettersi 4 4 2. A quel punto non sfondavano più sulle ali e restavano schiacciati. Meglio cosi

      • sillyname ha detto:

        Tutto vero e giusto, Maurizio. Aggiungerei qualcosa alle tue considerazioni. Innanzitutto a me sembra che nella testa di Ranieri ci sia molta chiarezza, al di là di quanto possiamo capire noi dalle gradinate. Sta facendo il possibile per coinvolgere tutti i giocatori, anche prendendo dei rischi notevoli che denotano una gran dose di coraggio da parte sua. In fondo se metti sempre Murillo, Bertolacci, Ramirez, Quaglia, ecc chi ti potrebbe dire qualcosa? Invece no. E secondo me lo sta facendo perchè oggi ha bisogno di ricostruire uno spirito di gruppo e una motivazione, ancor prima che degli schemi.
        La seconda osservazione: sembra solo a me oppure c’è qualche problema da un punto di vista fisico? Per usare un giro di parole, sembra come se Di Francesco avesse puntato la preparazione su…. obbietivi a medio/lungo termine. A me sembra impossibile che si siano tutti imbrocchiti di punto in bianco. Non abbiamo dei fenomeni in squadra però, accidenti, giocatori da definire proprio “grammi grammi” non mi sembra che ce ne siano, eppure il rendimento a tratti è scoraggiante. Secondo questa logica vorrei ricordare che la (giustamente) decantata Atalanta gioca con Djimsiti e Masiello. Qualche tempo fa Djmsiti era un’obbiettivo della Samp e tutti indistintamente eravamo come minimo perplessi.
        Per carità, sono d’accordissimo a esempio a criticare Murillo ma credo che in una squadra alla deriva fisica e tecnica sia difficilissimo rendere bene. Se invece sei preparato e organizzato, magari finisci in champions. Anche se sei Masiello.

      • Paolo1966 ha detto:

        Flachi e Luiso davanti…

      • belmondo' ha detto:

        dai Maurizio, non scherziamo…non sono neppure paragonabili le due squadre

      • Matte Genovese ha detto:

        alla faccia dell iperbole !!!!! Cio nn mi cambia l idea che siamo veramente scarsi, come quasi mai è stato…….

      • Fra Zena ha detto:

        Mi spiace ma Lanna dice una cosa non sensata qui. Ieri la qualità la squadra la aveva eccome, in panchina c’erano centinaia di presenze e decine di gol in serie A (Quagliarella, Caprari, Ramirez, Rigoni, lo stesso Murillo). Non paragonerei tutto questo con Martino Traversa, Manighetti, Strada e qualche gran giocatore tipo Lombardo al capolinea della carriera. Se poi l’allenatore decide di far giocare gente più fisica e meno tecnica, tipo i vari Thorsby e Vieira, è per una precisa scelta tattica, ovvero limitare le sfuriate “casalinghe” della Spal (vedere Lazio e Napoli per credere) cercando poi di colpirli al primo errore. So bene che in caso di sconfitta sarebbe stato crocifisso per queste scelte, ma almeno Ranieri ha un piano per ogni partita. Può andargli bene o male (come col Lecce), ma c’è una logica nelle sue scelte. Con Di Francesco non c’era nemmeno il piano A, figuriamoci i piani B e C…

      • fulvio vassalli ha detto:

        Vuoi dire che Martino Traversa e Tricarico siano meglio di Beresinzky e Vieira ? Mi pare più un iperbole

  37. Edoardo ha detto:

    Caro Maurizio,

    consentimi di fare una considerazione attinente più alla cronaca cittadina che alle vicende sportive della nostra beneamata Sampdoria, vorrei fare i complimenti a voi di Primocanale per i lunghi e dettagliati servizi in diretta televisiva in merito alle ultime emergenze meteorologiche, ma vorrei dire che a parer mio si fa ancora troppa poca prevenzione, Il sindaco Bucci e il presidente della regione Toti secondo me dovrebbe apparire di meno in TV e pensare a fare concretamente più prevenzione, il greto del Bisagno e di altri rivi minori sono tuttora in condizioni disastrose tra erbacce, legnami vari e rifiuti di ogni genere e dunque prima ancora di dare gli allarmi bisognerebbe pensare a mettere in sicurezza questi corsi d’acqua e le strade adiacenti, d’accordo che il clima è cambiato e che queste bombe d’acqua autunnali stanno diventando una problema ormai tristemente cronico quanto per certi aspetti imprevedibile, ma se non si fa più manutenzione preventiva dopo è inutile andare in televisione a lanciare gli allarmi 2 giorni su 3, questa è la mia opinione personale da semplice cittadino genovese, grazie Maurizio se vorrai pubblicare questo mio post e ancora complimenti di cuore per il vostro encomiabile lavoro…

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Il fatto è che non ci sono i soldi, temo, per questi interventi.

      • Edoardo ha detto:

        Scusa Maurizio,

        ma con tutte le tasse e le multe a tappeto che stanno dando non riescono prima dell’autunno a pulire neanche una decina di rivi? Ma cosa ne fanno di tutti questi soldi? Tra un po’ qua in Liguria ci fanno pagare anche l’aria che respiriamo, però le strade e i ponti crollano e i fiumi esondano dopo piogge di poche ore, è assurdo e totalmente incivile, però ripeto i soldi per fare le passerelle rosse a Rapallo e a Portofino quelli li hanno trovati subito, guarda io ho vissuto anche all’estero e ti garantisco che nessuno ci crede alla storiella che i comuni italiani non hanno i soldi per fare la manutenzione delle infrastrutture, io stesso non me ne capacito, in giro lo vedrai anche tu è pieno di suv inutili e ultrainquinanti da 50mila Euro cadauno e i ristoranti alla sera son sempre pieni zeppi, però i fiumi, i ponti e le strade nessuno li aggiusta finché non capitano delle disgrazie, per me i conti qua non tornano…

        • andreap ha detto:

          perdonami, non è un’offesa ma il post è un pò generalista e senza senso.
          cosa c’entrano i suv o i ristoranti con le disponibilità dei comuni/città metropolitana/regione?
          anche i ponti autostradali non c’entrano con la pubblica amministrazione.
          mi sembra che a genova, sin dalla giunta precedente a Bucci(quella nel periodo delle morti per alluvioni e condanne non ancora definitive), si siano attivati grossi lavori come la pulizia del bisagno, la costruzione dello scolmatore..ovvio manca l’ordinario che dovrebbe essere garantito.
          nel mio piccolo, in provincia, ho chiesto al comune di poter pulire canaletto che passa sotto casa e che ha portato ad alluvioni in passato: io ed alcuni vicini abbiamo estirpato erbacce, piccola vegetazione selvaggia e detriti per migliorare il decorso dell’acqua. ogni tanto il privato può adoperarsi con i dovuti permessi.

          • Edoardo ha detto:

            Caro Andrea,

            cerca di capire il senso del mio discorso, io dico che è un po’ “strano” vedere una città piena zeppa di suv e ristoranti quasi sempre strapieni e poi invece mancano i servizi primari: strade che cedono e piene di buche, autobus fatiscenti con servizio notturno pressoché assente, ponti pericolanti e rivi in condizioni di abbandono totale. Non mi sembrano affermazioni senza senso. Poi certo le erbacce sottocasa tutti possiamo levarle, ma per fare certi lavori di manutenzione servono macchinari e personale specializzato. Io dico semplicemente che vedo in giro troppa gente con un tenore di vita alto e poi mancano i soldi pubblici per fare i lavori primari e questo è un controsenso o comunque una cosa che non va bene per la collettività. Certo come dici tu il mio discorso è un po’ generalista, ma forse se ci fosse meno evasione fiscale e i politici avessero degli stipendi più congrui magari certi lavori si potrebbero anche fare. Questa è la mia opinione da cittadino comune e ringrazio Maurizio per aver pubblicato qui su Samplace questo mio post anche se non inerente alla vicende sportive della nostra beneamata Samp. Poi ognuno è libero di pensarla come vuole…

          • andreap ha detto:

            caro edoardo,

            la tua è un’opinione che rispetto ma non condivido assolutamente.
            a presto

  38. Luca1969 ha detto:

    Forza Sampdoria………la vittoria di ieri ci fa sperare che il vento sia cambiato . E noi tifosi uniti a sostenere la nostra amata Samp.

  39. Dani ha detto:

    Secondo me la cosa più bella di eri è stato vedere Ramirez esultare come un bambino al gol di Caprari su sua volontaria imbeccata. Vuol dire che ci tengono, che almeno vogliono lottare
    Spal poca cosa, ho letto nomi sulle loro maglie mai sentiti prima
    Forse abbiamo trovato una squadra più scarsa di noi, anche se la caparbietà con cui abbiamo fatto due gol al 90esimo in due partite non la compri sul mercato, quindi bene!

    e pensare che senza var (e senza ramirez) avremmo perso 2a0 con il lecce (rigore) e forse con il morale a terra non avremmo vinto ieri
    ma i se e i ma non contano! è l’inizio di una guerra che se vinta vorrà dire che siamo rimasti in a

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Il vituperato Ramirez, pupillo di Giampaolo…

      • maverick ha detto:

        Dopo quaglia quello coi piedi più buoni… discontinuo si ma anche l unico che può avere il guizzo x risolvere la partita

      • Michele G. ha detto:

        Evidentemente, Maurizio, era Giampaolo a non essere capace a farlo giocare bene, perché di prestazioni come quella di ieri sera ne ricordo poche (eufemismo) da parte del buon Gaston all’epoca del tecnico di Bellinzona (o Giulianova, o di dove caspita sia nato! 😉 ).

      • Paolo1966c ha detto:

        Croce e delizia… sa far la giocata ma quando non ingrana perse un sacco di palle, e altrettante ne fa girare ai tifosi…

      • belmondo' ha detto:

        il pupillo di giampaolo era alvarez…riki meraviglia

      • Heisenberg ha detto:

        E basta con sto Giampaolo…e spero di non vedere più manco Quagliarella. Ieri Colley immenso. Ramirez meglio seconda punta che dietro due attaccanti.

      • rexth ha detto:

        per carità in questo momento ce ne vorrebbero di Ramirez…
        ma se è stato vituperato è perché gigioneggiava in campo, soprattutto quando era in odore di nazionale e la samp (e Giampaolo) passavano in secondo piano…

  40. Paolo67 ha detto:

    Buongiorno a tutti amici blucerchiati;
    Condivido in pieno la tua analisi Maurizio,basta perdersi in discussioni societarie, quello che doveva essere fatto, o quello che si poteva fare…questi siamo e con questo dobbiamo fare argine..quadrato ,per arrivare a vincere il nostro scudetto..SALVARCI tutti assieme…AVANTI SAMPDORIA! FINO ALL’ULTIMO RESPIRO..IN GRADINATA E IN CAMPO!

  41. livio ha detto:

    Non si comprende ancora chi sia titolare e chi no….
    Maurizio…hai centrato appieno il nocciolo della questione….Dopo la disastrosa parentesi di Di Francesco, il povero Ranieri , che non ha potuto fruire della fase indispensabile del ritiro estivo, sta dipanando con fatica una matassa molto intricata.
    La sciagurata campagna acquisti (!?) di Ferrero ha lasciato una squadra senza grandi individualità nè punti di forza.
    La difesa sta forse (dopo una valanga di gol subiti) trovando un assetto plausibile con la probabile esclusione di Murillo.
    Il centrocampo, dove Ekdal si sta riprendendo dalle fatiche con la Nazionale, non ha ancora una sua identità; Bertolacci, Barreto, Leris, lasciano aperti molti interrogativi. Thorsby, troppo velocemente classificato da Serie B, potrebbe invece dare quei centimetri sulle palle alte e quell’atletismo che ci fanno molto difetto.
    Ma il punto più dolente è la mancanza di peso e qualità dell’attacco. Sarebbe ingeneroso criticare Quagliarella, ritornato ” umano ” dopo tre campionati a livelli
    ” sovrumani “. E’ anche troppo evidente che di colpo sente il peso dei suoi 37 anni…
    Encomiabile Bonazzoli per l’impegno ed i progressi innegabili: tuttavia non pare che possa diventare un titolare per questa squadra. Gabbiadini , ormai maturo per età ed esperienza, non riesce ad uscire da questa forma di eterna promessa……Rigoni e Maroni…??? La Società vorrà investire su di loro?? Per ora le premesse sono poco incoraggianti.
    Mi auguro che il buon senso di Ranieri , gradualmente, riesca a risolvere almeno in parte la sequela di problemi che l’incoscienza di Ferrero ci ha saputo lasciare in dote.

  42. ale ha detto:

    Vittoria molto importante. Anche se ottenuta con una delle più scarse della serie A e affrontandola come se fosse il Real ma va bene così. L’esperienza di Ranieri è fondamentale.

    Negli sport di squadra l’aspetto mentale è importantissimo e l’Atalanta mi sembra untest significativo. Vedremo

    Forza Doria Sempre
    FERRERO VATTENE
    Garrone/Mondini VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA

  43. David Rizzi ha detto:

    Vitoria che definire pesante è poco.
    Salviamo il risultato ma tutto sommato, se pensiamo chi siamo davvero, possiamo salvare anche la prestazione, se avessimo guardato spal brescia avremmo visto la stessa partita con la squadra di casa che attacca e l’altra che cerca di difendersi con ordine e ripartire con tanti, tantissimi errori tecnici da una parte e dall’altra. Ma la Samp di oggi vale queste squadre per cui anche la prestazione non è da buttare, del resto degli 11 schierati ieri 7/11 sono giocatori di bassissima serie A o serie B, unici di categoria vera sono Gabbiadini, Ekdal, Murru ed Audero, a questi possiamo aggiungere De Paoli che però ha sempre giocato per non retrocedere e Vieira che anche lui ha sempre giocato in squadre di bassa classifica. Se ragioniamo a mente fredda su questo viene da sè che l’ultimo posto in classifica non è così strano.
    Detto questo possiamo farcela, il mister sa il fatto suo e se il nostro vero fuoriclasse tornerà in forma dovrebbe garantirci quei gol e quel tasso tecnico di differenza rispetto alle altre contendenti per la salvezza.
    Ultima nota e so che sarà oggetto di critica: Bonazzoli non si può guardare, ragazzo volenteroso ma con il killer instinct di Ghandi e con due piedi di ghisa (qualche buona apertura ma cnhe tanti controlli in 3-4 tocchi e stop a 4 metri), per ora possiamo farcelo andar bene ma bisogna cavare qualcosa di più da Gabbiadini e dal Capitano e poi farlo sedere in panchina per farlo rialzare a Maggio se saremo già salvi

  44. GIPO ha detto:

    in caasa ci sono 8 milioni e mezzo di euro del polacchino con quelli ci compri un discreto centravanti da 10 goal

    • andreap ha detto:

      si ma devi coprire 25 milioni di camera di compensazione ed a giugno sei obbligato a riscattare 1-2 pezzi (maroni, rigoni, murillo) circa 10 mln l’uno.
      non puoi spendere in italia, al massimo un prestito: l’unico che può farti qualche gol con caratteristiche diverse dai giocatori in rosa è un kean in prestito. ovviamente poi ci sono i giocatori navigati come matri, paloschi o nestorosky..solo che dubito che la diretta concorrente te li presti..cash cash e tu non ne hai.

  45. Vincenzo ha detto:

    Effettivamente brutta partita ma era importante vincere anche senza convincere.
    Il tipo di gol e il minuto dimostrano che la partita era comunque destinata a finire così.. .
    Come ho già detto l’Atalanta gioca mercoledì e soprattutto è senza Ilicic, quindi un po’ di fiducia in più.. .
    p.s.: ho letto che hanno dato il daspo all’ultras del Verona per 11 anni..e allora perchè non danno il daspo a vita alla luciferina Greta Tin Tin che quasi quotidianamente offende la nostra intelligenza e maturità!

    Forza Sampdoria

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Su Greta, ti quoto 🙂

      • Fra Zena ha detto:

        daspo giusto a un delinquente comune che usa il calcio come cassa di risonanza per le sue idiozie. Il gemellaggio con l’Hellas Verona, tifoseria da sempre omertosa nei riguardi dei razzisti e neofascisti, andrebbe rivisto. E poi cosa c’entra Greta? A me è antipaticissima, ma mi fa sorridere che i giovani vengono sempre attaccati perché parlano solo di scemenze e non hanno valori; poi, per una volta che una giovane parla di cose serie, viene subito appesa al muro da tutti. Paragonarla a un razzista incallito mi sembra davvero troppo

        • Maurizio.Michieli ha detto:

          Era una battuta, giusto il daspo a quell’idiota. Verona è una città civilissima, dove vivono e lavorano moltissimi immigrati. Strumentalizzare qualche imbecille è solo un’operazione politica. Io sono sempre per i giovani, ne ho anche lanciato tanti in questo mestiere. Ma Greta (che non paragona assolutamente al razzista incallito, ci mancherebbe) dice un mucchio di banalità ed è il frutto di un business costruito a tavolino.

          • Edoardo ha detto:

            Caro Maurizio,

            sono d’accordo con te che Verona è una città civilissima e dunque non bisogna generalizzare per colpa di qualche tifoso che spara belinate. Ma non capisco perché ce l’avete così tanto con Greta Thunberg? Dice cose secondo me giuste e sensatissime, per una volta che i giovanissimi creano un movimento subito li attacchiamo e poi quale business ci sarebbe mai dietro a Greta? Non è certo questa la sede per trattare argomenti così delicati e complessi, ma non ci si può nemmeno nascondere dietro alla scusa del sovrapopolamento mondiale (che comunque è un fatto vero e incontrovertibile) per giustificare la china pericolosissima verso cui ci sta portando il capitalismo moderno. Io faccio sempre l’esempio dei suv anche se a molti magari non piace perché ne possiedono uno: sono mezzi di trasporto pericolosi che la maggior parte delle persone non sono nemmeno in grado di guidare correttamente, sono ultrainquinanti e assolutamente inutili nelle città metropolitane e spesso rendono anche difficoltosa la circolazione nelle strade di larghezza ridotta, però tutti li comprano perché fa trendy infischiandosene dei problemi climatici e questa forse è colpa di Greta Thunberg? Se le multinazionali vanno a trasferire le fabbriche nei paesi in via di sviluppo per speculare e non certo per altruismo questa è colpa di Greta Thunberg? Se in America (e non solo) costruiscono ville faraoniche per i vip coi legni rarissimi e pregiati provenienti illegalmente dalla foresta amazzonica questa è colpa di Greta Thunberg? Greta dice cose semplici e se vogliamo banali, ma una buona parte delle cose che lei dice secondo me sono vere e giuste. Io non dico che dobbiamo diventare tutti vegani, ci mancherebbe altro, anzi io non sono nemmeno vegetariano, ma un po’ più di buon senso e senso civico ci vorrebbe da parte di tutti e questo non dipende dalla crescita della popolazione mondiale ma solo dal nostro spirito e dalla nostra buona volontà. Poi certo ognuno è libero di pensarla come vuole…

        • solosamp1946 ha detto:

          un gemellaggio non nasce per questioni politiche , siamo gemellati con i veronesi come con i ternani…quindi non vedo i problemi. Aggiungo che i Veronesi a livello di tifo e attaccamento sono una delle più belle tifoserie d Italia , poi delle loro idee politiche francamente non m interessa.

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        greta poverina è un disco rosso che dice le cose che le dicono di dire…..caro maurizio siamo nati negli anni 70 e c’erano già i verdi e ora sembra che l’ecologismo sia a torto o ragione nato ieri. del resto un paese come il ns con giggino ministro degli esteri sopravviverà anche a greta……forse non a giggino and company

    • maverick ha detto:

      Non ho capito la battuta di Greta….e la tua posizione circa il daspo

      • Maurizio.Michieli ha detto:

        Giusto il daspo all’idiota razzista, Balotelli andava espulso, Verona è una città civilissima, Greta è la piramide di un’operazione commerciale e dice un mucchio di banalità. Ecco le mie opinioni.

        • Jetta ha detto:

          Standing ovation su Greta e Balotelli

        • maverick ha detto:

          “Banalità” che i climatologi dicevano da decenni e nessuno se li cagava… ben venga l operazione commerciale (certamente lo sara) se porta a galla un tema così delicato…no?

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Stiamo divagando, ma ben venga… Non è questione dell’analisi, su cui siamo abbastanza d’accordo, ma sulle soluzioni. Se nell’ottocento su questo pianeta eravamo un miliardo e meno di due secoli dopo siamo sette miliardi e mezzo, è evidente che il problema è il sovrappopolamento. O ammazziamo un po’ di gente (tra cui il sottoscritto) oppure per sfamare più persone possibili, per dar loro una casa, da bere, da vestire, da curarsi, da scaldarsi etc. etc. non si può prescindere da allevamento intensivi, mezzi di trasporto, industrie e quant’altro. Andate a raccontarlo ai Paesi emergenti, tipo India, Brasile, che noi abbiamo potuto svilupparci alla cazzo senza rotture di balle e loro adesso devono tirare la cinghia perché inquinano. I problemi sono molto più complessi, Greta dice (le fanno dire) che le hanno rovinato l’infanzia, allora la soluzione è far morire di fame, di sete, di freddo un sacco di altra gente. Non funziona così. Il problema esiste, ma va affrontato seriamente. Tanto per capirci: fossimo tutti vegani e bio, sarebbe necessario disboscare l’Amazzonia dovendo rinunciare alle attività intensive. Ora però basta, torniamo alla Sampdoria 🙂

          • Maurizio.Michieli ha detto:

            Esistono anche climatologi che sostengono l’ineluttabilità del cambiamento climatico. Dove oggi ci sono le Dolomiti, prima c’era il mare (basta vedere i fossili impressi nelle montagne) e la colpa non fu dell’inquinamento ovviamente. La Terra si modifica di suo. Detto ciò, il problema esiste, la questione è complessa. Come scrive Edoardo, più educazione civica sarebbe importante. Ma, aggiungo io, non basta. La Cina (Paese che peraltro non mi piace perché sa tanto di dittatura silenziosa) ha un senso civico molto spiccato, eppure è uno dei Paesi più inquinanti al mondo. Non è sufficiente bloccare i Suv. Prendete il caso attuale di Arcelor Mittal: che fare? C’è un papà che lotta per salvare il suo posto di lavoro (inquinante) e sua figlia seguace di Greta che lotta per l’ambiente. Questa contraddizione rende bene l’idea di come la questione non possa essere risolta con la battuta “mi avete rovinato l’infanzia”. Andate a dire agli africani che devono tornare a morire di fame e continuare a morire di fame perché non si applicano più le coltivazioni intensive.

    • Michele G. ha detto:

      Non offendere Santa Greta da Stoccolma, per favore! 😉 😉

  46. Giovi ha detto:

    Partita tra due squadre con grossi problemi ed evidenti limiti .
    Alla fine abbiamo vinto perché un minimo di qualità in più l’abbiamo ma poteva anche succedere esattamente il contrario.
    Manca ancora un gioco, e per questo siamo prevedibili … e temo che per quanto bravo, Ranieri avrà grosse difficoltà a dare a questa squadra un organizzazione decente… ma mai dire mai!!! Intanto godiamoci questi tre punti frutto di tanta volontà e vediamo cosa succede domenica prossima con l Atalanta…

    • Ehol ha detto:

      Con l’Atalanta perderemo, perchè quando si gioca in casa bisogna fare gioco e noi questo non siamo (ancora ?) in grado di farlo. Per cui se tanto mi da tanto, prenderemo un paio di gol in contropiede e ciao ciao. Unica possibilità, l’Atalanta venga a fare la partita e noi si giochi di rimessa. Allora il pareggio o anche la vittoria sono possibili. Ma la vedo difficile. In ogni caso, non importerebbe, perché non è contro l’Atalanta che si devono fare punti ma contro l’Udinese, il Brescia e il Cenua (vabbè, contro il Cenua a prescindere …), ovvero le dirette concorrenti …

      • francesq ha detto:

        Condivido.

        Aggiungo che secondo me l’Atalanta viene ad attaccare, e sarà una partita terribile, perché se li becchi in vena ti tritano. E la nostra coperta è ancora corta. se attacchiamo, dietro diventiamo vulnerabili; se difendiamo lo facciamo anche bene, ma poi non sappiamo ancora ripartire con efficacia e alla lunga, se non riparti mai, rischi.

        D’accordissimo sulle considerazioni sul calendario, anche se partiamo – sulla carta – in svantaggio pressoché con tutti, almeno per ora.

        Sul Genoa, confesso che tecnicamente ci è superiore. Ha una rosa interessante. Paga scelte draconiane sugli allenatori, Motta domenica ha fatto davvero uno scempio per quel che ho potuto capire. Schone non è un fenomeno come lo vendono i genoani, è un buon giocatore di eccezionale esperienza, ma avercene… Kouame mi piace molto.. Insomma, per una volta saremo noi a dover recitare la parte degli scorbutici che ci mettono il cuore e loro quella dei raffinati. Magie del calcio.

      • Michele G. ha detto:

        Ehol, a meno che tu non abbia la sfera di cristallo e conosca già i risultati (nel qual caso, potresti rivelarmene qualcuno, così li gioco e si fa a metà della vincita? 😉 ), aspetta Domenica alle 17:00 prima di dire che perderemo sicuramente. Ogni partita fa storia a sé e lo pensavamo pure della Spal che avrebbe perso di brutto a Napoli ed invece…!

  47. Raffo65 ha detto:

    Soffrire, stringere i denti, correre, un po di fortuna. Non ci serve altro, il calcio champagne lasciamolo agli altri. Giocare da provinciale fino al traguardo dei 38-40 punti. Senza disprezzare il pareggio quando è solo quello cui possiamo ambire. Il bistrattato punto con il Lecce ci ha permesso di agganciare i bibins. Ripensando all’anno scorso, l’Empoli ha buttato al vento diversi punti per la foga di voler vincere sempre, quando alla fine sarebbe bastato solo 1 punto. Forza Doria

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Non è questione di calcio champagne, ma per salvarsi bisogna anche vincere qualche partita in casa (tipo quella invece pareggiata col Lecce) e per vincere qualche partita in casa bisogna giocare. Difatti, Ranieri che non è sprovveduto ha detto che ora sta dosando la qualità perché non può permettersi di perdere ma che cercherà di inserirne un po’ via via.

      • Solosamp1946 ha detto:

        Mi sembra atteggiamento giusto e un buon segnale…significa che in fondo questa rosa un po’ di qualità ce l’ ha

      • francesq ha detto:

        Condivido.

        Tra l’altro appena attacchiamo un pelo di più, dietro restiamo con le chiappe all’aria (ops, pardon). Esattamente come successo col Lecce, ci hanno uccellati all’inizio perché siamo partiti per offendere.

        Manca ancora equilibrio. Ma ci sta, siamo in fondo, fenomeni non possiamo certo esserlo.

    • petrino ha detto:

      Oggi Motta ha fatto mea culpa.
      Ma ci ricadra’ senz’ altro.
      Ha la mentalita’ di chi vuol emergere, non di chi deve salvarsi a tutti i costi.
      E’ la differenza che passa tra il nonno e il nipote.

    • Matte Genovese ha detto:

      Vorrei sapere cosa stai dicendo !! Il punticino contro il lecce non vale davvero nulla, semmai i bibini gli abbiamo agguantati con la vittoria e ti ripeto vittoria di ieri sera, con i pareggini in casa senza gioco ne anima con le dirette concorrenti per non retrocedere non si va da nessuna parte tranne la serie B…. Forse nn vi siete resi ancora conto in che situazione ci troviamo……….

  48. Sandro ha detto:

    Finalmente una partita giocata da squadra che lotta per la salvezza e complimenti a noi tifosi che vediamo con obiettività quello che realmente il campo offre in questo momento . AVANTI COSÌ SAMP

  49. Carlo46 ha detto:

    andrò controcorrente. Va bene il risultato finale e massima stima per Ranieri, tanto per sgombrare subito il campo da equivoci. Capisco anche la volontà di coinvolgere tutti e non far sentire nessuno escluso dal gruppo. Ma al netto di tutto ciò rimane una formazione iniziale imbarazzante per qualità, ed invece una panchina che ne strabordava (a quei livelli ovvio). Inoltre cambi tardivi che hanno consentito alla Spal venticinque minuti di dominio incontrastato nel secondo tempo per pura inerzia dovuto allo scoppiamento fisico dei nostri. E’ andata bene ma se segnano in quei momenti finisce uno a zero per loro e lo sappiamo tutti. Non sono neppure d’accordo sul fatto che serve una punta a gennaio, è impensabile con le nostre risorse trovare di meglio dell’attuale Bonazzoli, che deve migliorare sottoporta ma è giocatore vero per fisicità, volontà ed anche tecnica di base. Panchinarlo sarebbe delittuoso. Una punta può arrivare solo se si piazzano, magari a scambio, Caprari o Gabbiadini; ma saremmo così certi di trovarne di migliori in questo caso? Per me la coppia titolare è Quagliarella- Bonazzoli (anche bene assortita a differenza di Bonazzoli e Gabbiadini o Quagliarella e Caprari) con Ramirez (o Rigoni) alle spalle.

  50. Flavio da Manchester ha detto:

    A Manchester ha smesso di piovere…forza ragazzi

  51. Ivano ha detto:

    Grazie mister. Ranieri è stata la migliore scelta possibile. Se ci salveremo meritera’un monumento. E non voglio sentir dire è venuto qui per 2 milioni o belinate simili. Se ne davano 1.8 milioni a Di Francesco possono darne 2 a Ranieri che ha vinto una Premier con il Leicester e da 30 anni allena a grandissimi livelli? Ieri è stata la svolta della stagione. Agganciare il treno salvezza ci darà morale. A Gennaio però non dovranno giocare col fuoco. Prendano una prima punta o saranno dolori. Con quali mezzi non ho idea ma che la prendano. Domenica arriverà la Dea. Atalanta grandissima squadra.E’ quella che mi entusiasma di più in questi anni.Se posso non mi perdo una loro partita in tv. Riconciliano con il calcio.Hanno un fenomeno in panchina ma pure in società e si chiama Sartori che da 20 anni compie miracoli e auspicavo venisse alla Samp dopo Marotta.Una società seria. Avranno un bellissimo stadio. Giocano un calcio intenso.Difesa alta pressano in una maniera esagerata.Centrocampisti bravi in entrambi le fasi.Questa estate tessevo le lodi di Malinovsky adesso la gente inizia a capire quanto è forte.Applicano un vero calcio totale in stile olandese anni 70.Inoltre ho assistito a parecchie gare a Bergamo avendo avuto parenti a Grassobbio dunque nutro grande simpatia per loro e una bellissima tifoseria che si è sempre rispettata con noi.Ma sono fiducioso che faremo una grande partita.Non illudiamoci delle loro assenze seppur fondamentali perché Gasperini a Marassi ci tiene sempre e comunque giocheranno Muriel Gomez Pasalic oppure Barrow.Ma la Sampdoria ha una vecchia volpe in panchina.Giocheremo accorti e di rimessa.Gasperini soffre da sempre le squadre che si chiudono e ripartono.Partita da tripla ma non escludo una clamorosa vittoria Sampdoriana come diceva Enrico Ameri.Ranieri sa come arginarli.Cmq sarà quella con l’Udinese la partita da non sbagliare.

  52. Marco B. ha detto:

    Avevo letto alcuni post con critiche e dubbi sul mister Ranieri . Ma mano male che questo gentleman e voluto venire da noi praticamente a titolo gratuito o poco più a darci una mano…

    Per il resto pensiamo solo al campo e aspettiamo febbraio…arriverà…e vedremo se aprendosi le porte di Marassi ( non stadio ) al nostro presidente cosa ne sarà di noi.

  53. jan ha detto:

    Punti importanti per il morale, partita sofferta ma direi che questo sarà il trend dell’anno. Personalmente sono contento di Ranieri persona giusta in un momento così difficile con la peggior rosa degli ultimi anni…….

    FORZA SAMP !

    FERRERO PAGLIACCIO VATTENE

  54. Sand66 ha detto:

    Ranieri è un vecchio volpone e sa che in questo momento più che vincere bisogna non perdere, aderendo a questo mantra ha giocato per non prenderle e per far questo il centrocampo è bloccato sui raddoppi a difendere e non sale, di conseguenza per far arrivare qualche palla in attacco si usa il lancio lungo, e qui sorgono due problemi.
    Il primo è che non hai uno che lancia come Pirlo e il secondo è che davanti non hai uno come Dzeko che tiene palla e fa salire la squadra.
    Ramirez ha fatto un figurone (circondato da scarponi) ma lo ha inserito verso la fine e sacrificando una punta, e difatti in quella posizione, sgravato da compiti di copertura e con avversari stanchi, è stato letale (pensa se avesse davanti una punta vera).
    Non ho mai amato il gioco di Ranieri ma ammetto che ha una sua logica e ben si adatta al momento attuale della Samp.
    I problemi strutturali restano però prendiamoci i tre punti e rifiatiamo, del domani non vi è certezza ma oggi forza Doria sempre e comunque.

  55. Martino Imperia ha detto:

    Il tema su chi sono o saranno i titolari è giusto.
    In questa fase Ranieri punta a fare gruppo, quindi prova e schiera anche riserve che dimostrano impegno in settimana. Ricordiamo anche che gestire 3 partite in 9 giorni non è facile.
    Cmq per me la risposta lo dice la logica: sono titolari i nazionali e i più esperti a livello internazionale. Pertanto 4312:
    Audero, Berezinsky Murillo Colley Murru, Jankto Ekdal Bertolacci, Ramirez, Quaglia Gabbiadini. (Poi Viera, Rigoni )

    • Martino Imperia ha detto:

      Dimenticavo Linetty.
      Audero
      Berezinsky Colley Murillo Murru
      Linetty Ekdal Bertolacci
      Ramirez
      Quaglia Gabbiadini

      (Ris. Viera, Jankto, Rigoni)

  56. Luigi ha detto:

    Riassumendo: la squadra e ‘ la più scarsa tecnicamente degli ultimi vent’anni in cassa non ce’ cash per riparare nel mercato di gennaio il proprietario è miscio e indagato prospettive future? Sarà meglio adottare la filosofia di Epicuro dopodiché vedremo però la tenuta atletica è eccellente. Scusate se sorrido e non aggiungo altro.

  57. Zaccotenay ha detto:

    Ma il settore giovanile? L ‘under 17 ha perso 1 a 9 in casa dalla Juventus. Neanche le parrocchie….

  58. Giuseppe ha detto:

    Dico io, ma non possiamo giocare con il 4-3-1-2 e i giocatori che l’anno scorso ci hanno portato a metà classifica con la promozione a titolari di Vieira e Ferrari, che comunque avevano già giocato discretamente con Giampaolo?
    Maurizio ti sembra una squadra da retrocessione questa?
    Audero; Bereszynski, Ferrari, Colley, Murru, Linetty, Ekdal, Vieira, Ramirez, Quagliarella, Gabbiadini.

    • andreap ha detto:

      neanche un attacco montella ortega lo era…

    • maurosampbolzano ha detto:

      ciao Giuseppe permettimi di rispondere pure a me, questa non è nel modo più assoluto una squadra da retrocessione, un mio pensiero dopo il capolavoro che ha fatto a Ferrara al 90esimo non si può ignorare De Paoli uno che lotta sempre e non si arrende mai

    • Luigi ha detto:

      Si questa è una squadra da retrocessione non sono bravo come Maurizio però ho la presunzione di pensare che se non fai gol nel calcio non vai da nessuna parte. Quagliarella non può sempre fare più di 20 gol e gabbiadini non è mai stato un goleador. Non parlo di moduli per questo ce’ già un bravo tecnico.

    • giorgio48 ha detto:

      Io toglierei Gabbiadini per fare un 4-4-1-1 inserendo De Paoli

    • belmondo' ha detto:

      questa è una squadra che puo’ tranquillamente retrocedere. guarda che per andare giu basta sbagliare 4 o 5 partite nell’arco di un anno. gli altri anni ci siamo salvati per una decina di punti, cosa vuoi che siano dieci punti in un campionato di 38 partite? questa è una squadra scarsa che se incappa in un periodo negativo, come avvenuto ad inizio anno, rischia seriamente di andare giu. oppure pensi che sia una squadra da champions?

  59. Maraschi ha detto:

    Ho sentito, ieri in trasmissione, Arnuzzo perorare la causa di Quagliarella, dicendo che il capitano non ha segnato perché ha avuto pochi palloni giocabili.
    Non sono d’accordo. Ho visto quasi tutte le partite e ho visto Quagliarella non controllare palloni giocabili, essere spesso in ritardo sugli assist, pressare in maniera molto approssimativa e non sfruttare le occasioni, in sintesi pessime prestazioni.
    Se posso, da ultimo, un appunto: sostenere reiteratamente che Bonazzoli ha scarse qualità (forse vero) non mi sembra produttivo a distanza di due mesi dal mercato di riparazione.

    • Edoardo ha detto:

      Secondo me, come ho già scritto, mi sembra che Fabio si sia un po’ “incupito” visto il mancato rinnovo contrattuale e dunque le sue prestazioni ne risentono a prescindere dagli scarsi rifornimenti che arrivano dal centrocampo (cosa peraltro vera), comunque la salvezza passa dai suoi piedi perché senza un attaccante da doppia cifra retrocedi matematico, speriamo ovviamente di no…

  60. Maurizio 74 ha detto:

    Caro Maurizio, ricordo tempo fa in una vostra trasmissione Arnuzzo dire che i giocatori della samp non erano fenomeni (all’epoca si andava bene..) ma venivano valorizzati dall’organizzazione di gioco di Giampaolo. La squadra è stata indebolita sicuramente, ma penso che oggi in tanti si renderanno conto che per una squadra di medio livello un’organizzazione di gioco è determinante e Giampaolo per la nostra realtà è stato un ottimo allenatore. Lo criticavano per i tanti passaggi “noiosi”, quest’anno è già tanto se riusciamo a vederne 3 di fila..

  61. rexth ha detto:

    ieri sera ho piacevolmente seguito la differita di gradinata sud gustandomi i commenti tecnici del buon Arnuzzo.
    Sentendomi così ispirato, propongo contro l’Atalanta la catena di destra Rigoni-Bere. In un accorto 4-4-2 spero che il primo possa dare un po’ di vivacità e voglia contro il gasp e il secondo più copertura di de paoli.
    Suggestione?
    La partita rimane comunque proibitiva, ma come sempre sarò in gradinata a sostenere la Samp; e cercherò di notare le mosse tattiche 🙂

  62. Tommy ha detto:

    Si deve procedere sapendo che:
    – la squadra ha limiti tecnici, ma le nostre concorrenti ne hanno altrettanti
    – abbiamo un allenatore valido che ha intelligentemente adattato la sua mentalità a siffatta squadra. Cosa che non credevo.
    – Quagliarella presto si potrebbe riprendere da queste prestazioni opache e da un atteggiamento depresso. E allora il tasso tecnico della squadra si alzerebbe improvvisamente.
    – dobbiamo procedere come quei marine che avanzano strisciando sui gomiti sotto i fili spinati, passo dopo passo, accettando anche degli stop senza perdere la pazienza e senza agitarsi.
    – col prossimo avversario c’è un’ amplissima gamma di risultati che possono accadere. Possiamo essere presi a pallonate come riuscire in modo scaltro a imbrigliare la loro fase offensiva (credo che Zapata non sia ancora al massimo della forma mentre Ilicic non giocherà). Anche qui ci vorrà la tenacia mostrata contro Roma, Lecce e Spal.
    – se vogliamo ce la possiamo fare.

  63. Marco75 ha detto:

    Ottimi i tre punti.

    Capitolo punta per Gennaio: ma perchè invece di pensare ad un acquisto di un mediocre, perchè il mercato quello offre, non si punta al prestito di una punta buona che gioca poco in una grande con parte dell’ingaggio pagato?

    Intanto mi devo salvare quest’anno poi a Giugno si vedrà….. magari la punta forte si innamora della Samp e magari resta con ingaggio decurtato e spalmato su più anni, mi sembra di ricordare che è già successo in passato e tutto sommato andò bene 😀

    • giorgio48 ha detto:

      Il problema è trovare un attaccante con le caratteristiche che tu dici (gioca poco in una grande squadra) che voglia venire qua. Io, onestamente, non saprei proprio chi potrebbe essere

  64. alessio .v ha detto:

    ma con quali soldi fa mercato il guitto romano……erano anni che nn vedevo una partita di serie A cosi brutta povera tecnicamente e pensare che in tre anni questo pagliaccio a distrutto gioco credibilita’ ….poi una coa ma perche’ si e’ affrettato a vendere praet e poi nn a venduto la societa’?come mai sabatini e prade’ da quando se ne sono andati buio totale OSTI direttore sportivo da serie c che vergogna

  65. Franco ha detto:

    Festeggiare la Vittoria di Ferrara e’ bello per tutti. Attenzione però, arriva l’Atalanta, sconfitta in casa. Sarà durissima e’ ovvio. Ranieri deciderà la miglior formazione. Mi permetto di rilevare una cosa che reputo molto importante. La catena di destra Thorsby-Depaoli ha faticato un po’. Nessuno dei due e’ un difensore vero. Thorsby ha la falcata da interno. Insieme a Depaoli proporrei un giocatore piu’ scattante, se verrà fatto ancora il 4-4-2. La Squadra Orobica sulle fasce ha giocatori di grande qualità, se sfonda in quella zona sono dolori. Ma di certo contro l’Atalanta ci vuole parecchio di più che a Ferrara. Speriamo nelle motivazioni e nel morale. Ramirez mi sembra su di giri, ci vorrebbero i guizzi di Caprari. Vediamo. Cordialmente.

  66. andreap ha detto:

    stasera andrò alla cena da eataly, per beneficenza e per i miei figli..

    spero di non aver nulla a che fare con mf (anche se ammetto di andarmele a cercare): i bambini sanno di non dover parlare con un omino basso e pazzerello.
    io mi limiterò a girarmi dall’altra parte…

    • Frank ha detto:

      Ma come si fa? Davvero mf si fa vedere in pubblico a Genova? Davvero tu riusciresti a presenziare senza urlargli in faccia che se ne deve andare , a Roma, Palermo, ovunque a lucrare basta che non stia qui. Già dimenticato che lui e il petroliere complice devono essere combattuti?

    • andreap ha detto:

      bellissima serata ieri con i giocatori e ranieri..
      per fortuna ha evitato di presentarsi il proprietario della sampdoria..avrebbe portato solo malumore: penso che io l’assenza dei media nazionali sia la vera motivazione della sua assenza.
      il gaslini ed i media locali non gli fanno molta pubblicità..o forse aveva paura di dover pagare la cena, non tutti sono abituati.

  67. Beppe62 ha detto:

    L’unica nota stonata della Vittoria è stata l’esultanza del viperetta. Mai avrei pensato che mi avrebbe infastidito qualcuno che esultasse per la vittoria della nostra Sampdoria, ma tanto mi sta sui maroni che riesce perfino a guastarmi il piacere della vittoria. Perdonate il francesismo ma la sua esultanza è stato un peto mischiato all’orgasmo.

    • sillyname ha detto:

      Non ti colpevolizzare. Quel personaggio è volgare e inopportuno sempre. Anche quando, come in quel momento, colpisce con una manata il Pecini, che si gira con una faccia che è tutto un programma.
      In quelle stesse immagini, persino Romei che certo non è Mr. Empatia, ha un’espressione come a dire “l’abbiamo sfangata…”, Lui riesce a essere sgradevole anche a distanza e senza sonoro,

  68. Stefano 64 ha detto:

    Buongiorno, d’accordo sul fatto che la squadra lotta fino alla morte ma continuo a notare troppi errori tecnici. Sono però favorevole allo schieramento allineati e compatti, ci fa evitare un sacco di guai. Un saluto a te Maurizio e a tutti gli aficionados del blog. FERRERO DILEGUATI

  69. ste75 ha detto:

    giocherei cn bertolacci.ekdal linetty Ramirez gabbia e Quagliarella…l’Atalanta in difesa nn è imbattibile…vincere cn udinese Parma e Brescia tt partite a Marassi e pareggio cn le rumente

  70. Tommaso Fedelissimi ha detto:

    Nell’anniversario della Morte di BEPPE ANDREOTTI,onore a un grande SAMPDORIANO,per i piu’ giovani Beppe Andreotti fu’ uno storico capotifoso del DORIA,fondatore dei Fedelissimi e titolare per vari anni del bar BEPPE di Via Canevari,ritrovo della tifoseria BLUCERCHIATA ma piu’ volte distrutt dai nemici rossoblu’.ONORE AL GRANDE BEPPE!FORZA DORIA!!

    • Maurizio.Michieli ha detto:

      Mi unisco al ricordo di Beppe Andreotti, che conobbi personalmente. Figure di un tifo che non c’è più. Evviva I Fedelissimi 1961.

Lascia un commento

BUNKER

La Sampdoria ferma il migliore attacco della serie A e conquista contro l’Atalanta a Marassi un altro punto prezioso nella [&hellip

NON ILLUDERSI MA COSTRUIRE

Il tenace cross di De Paoli, l’intelligente spizzata di Ramirez e la decisiva deviazione di Caprari hanno regalato alla Sampdoria [&hellip

SOS

Di buono, c’è soprattutto che il Lecce alla fine non ha raccolto tre punti ma soltanto uno. Come la Sampdoria, [&hellip

CVD

Come volevasi dimostrare, non è bastato cambiare l’allenatore per trasformare la Sampdoria, in caduta libera anche a Bologna dopo il [&hellip