LA VITTORIA DEI REIETTI

2 dic 2018 by Maurizio.Michieli, 144 Commenti »

E’ stata la vittoria dei reietti. Di Marco Giampaolo, della sua coerenza, delle sue idee, del suo gioco, sia pure leggermente rivisitato in attacco: non ve ne sarete accorti – ha scherzato l’allenatore della Sampdoria alla fine della partita con il Bologna – ma davanti abbiamo giocato a tre. Visto che non sono un talebano? Poi, con la solita onestà intellettuale, Giampaolo ha ammesso: “Siamo ancora convalescenti, chi conosce la mia vera Samp sa che possiamo e dobbiamo fare meglio”. Ma è stata anche la vittoria del contestato Caprari, due assist per lui. Ed è stata la vittoria del mai troppo apprezzato Gaston Ramirez, stavolta schierato da esterno più che da trequartista. E’ stata la vittoria di Fabio Quagliarella, autore di una sontuosa doppietta che gli ha permesso di scavalcare anche Roberto Pruzzo nella graduatoria dei bomber italiani di tutti i tempi. Quagliarella, che dieci giorni fa era stato quasi scaricato da Ferrero con una dichiarazione ambigua: “Se vorrà rimanere, resterà con noi; se vorrà andare via, lo lasceremo andare”, aveva detto il presidente della Samp. Pure lui, peraltro, reietto e vittorioso: prima della gara i tifosi della Sud lo avevano contestato, richiedendo spiegazioni, in seguito alle accuse di distrazione di fondi da parte della Procura di Roma. Ferrero non si è presentato, non poteva farlo né per la giustizia sportiva né per quella ordinaria, ma era regolarmente al Ferraris ed ha esultato per questi tre punti che portano la Sampdoria a quota 19, in linea con le sue aspettative ed il valora complessivo dell’organico.Chi invocava Jankto, ha visto nel derby perché non gioca. Chi invocava Vieria, lo ha capito ieri sera. Alla prossima sconfitta i detrattori di Giampaolo evocheranno Junior Tavares e magari pure Jandrei, il portiere fortunamente mai approdato a Genova. Il successo con il Bologna ha decretato il semi fallimento dell’ultima sessione di mercato, non all’altezza delle precedenti. A tenere alta la guardia hanno provveduto ancora i soliti noti appunto da Caprari a Ramirez, sino a Quagliarella passando per Praet e arrivando a Marco Giampaolo. Che non è un maestro, ci mancherebbe, ma uno che, per come si struttura questa sclerotica Sampdoria, rappresenta l’imprescindibile collante.

144 Commenti

  1. NYC scrive:

    Maurizio, il mercato come dici tu non e stato all altezza per questo motivo non facciamo nessun salto di qualità , grazie a dio ci sono squadre scandalose come il Bologna …..
    La Sud ha invocato Gianluca Vialli , speriamo di cuore che Gianluca vinca definitivamente questa partita contro la malattia, lasciamo stare L unico vero reietto che purtroppo dovremo sorbirci ancora per un po’ …. purtroppo aggiungo io.

    Giampaolo che tu Maurizio tanto ami e nella sua giusta dimensione se andasse in una grande dura 3 mesi , da noi va bene fa il suo , ieri contro la difesa a 3 di quelle pippe del Bologna ha giocato con i 3 davanti , sarebbe interessante vedere per una volta i 2 trequartisti ( Saponara e Gaston ) dietro L immenso Quagliarella

    • Jetta scrive:

      E certo…abbiamo vinto perchè erano scarsi.
      Ma che basso livello ha raggiunto la nostra tifoseria?

      • Jetta scrive:

        Scusa mi riferivo a Petrino

        • petrino scrive:

          il bologna e’ terz’ultimo in classifica a 11 punti.
          Piu’ che le tue parole contano i fatti e i numeri. Bla bla bla……………………

      • Bobo90 scrive:

        diciamo che abbiamo vinto ANCHE perchè il Bologna è messo male male.

        • Jetta scrive:

          E noi dove siamo in classifica?
          Capisco che le vittorie per i sedicenti tifosi rappresentino una iattura ma Giampaolo vi ha silurati laddove speravate succedesse a lui.
          Quindi il vostro bla bla di questi ultimi tempi è stato spazzato via in modo inequivocabile.

  2. petrino scrive:

    non illudiamoci. Il Bologna e’ pochissima cosa. Rischia la B.
    Chiisa’ se il testaccino avra’ capito che il migliore e’ ancora Quagliarella e la smettera’ di farel i suoi soliloqui coatti.
    Gia’ lo dissi in settimana che le sue esternazioni sul rinnovo di Quagliarella erano quantomeno farneticanti e il vecio lo ha inchiodato con due goal.
    Impari a stare zitto ..

  3. Jetta scrive:

    Grande e meritata vittoria.
    Secondo risultato positivo dopo il pareggio in trasferta nel derby.
    4 gol alla faccia di chi dice che non si creano occasioni, grande partita di Caprari alla faccia di chi sostiene sia scarso, grande gestione da parte del mister alla faccia di chi sperava di perdere per chiederne l’esonero.
    E classifica in linea con la nostra dimensione.
    Bene così!!

    • Matte Genovese scrive:

      Abbiamo giocato contro il nulla.

    • andrea_samp scrive:

      jetta cosa dici del tuo amato ferrero ? dopo che magistratura e fiamme gialle stanno procedendo praticamente su fatti già noti ma che ora finalmente verranno valutati ? e speriamo per noi senza sconti se ci sarà reato ..nn come la Livingstone air ..ok ?
      poi per quanto riguarda i tuoi trionfalismi bisogna sempre fare il peso su chi incontri dall’altra parte ..il Bologna di questi tempi non sembra proprio un fulmine di guerra ! e ci ha fatto pure un paio di regali ..quindi piedi per terra ! e valuta le cose in base allo spessore dell’avversario di turno … ad es col Napoli avresti avuto ragione ad esultare dopo quel 3-0 vorrai mica metterlo alla pari del bologna ?? scusa eh ma un po’ di equilibrio ..

  4. moussa dembele' scrive:

    Maurizio, non ti starai mica “Jettizzando”… :-)
    Mi sembra una risposta piccata a chi critica Giampaolo.
    Il Doria ha vinto e siamo tutti contenti. Diamo atto a Giampaolo di aver cambiato qualcosa. Intanto Caprari è andato a ricoprire il suo ruolo di esterno sinistro come a Pescara e qualcuno andava a destra per far posto a Ramirez che si inseriva. Per Giampaolo è una rivoluzione copernicana, abbiamo evitato la tattica della mosca che sbatte contro il vetro (leggi perenni attacchi al centro contro la retroguardia schierata) e abbiamo vinto la partita evitando di far fare un figurone ai grammi di turno. Bravo Giampaolo quindi, solo gli imbecilli non cambiano mai idea!

    • maurosampbolzano scrive:

      e ci voleva tanto a capirlo, vediamo la prossima se continua lo sviluppo del cambiamento

    • andrea_samp scrive:

      approvo MOussa dembele !! infatti Caprari rendeva bene nel ruolo di esterno a pescara ..quindi era un problema delle solite “invenzioni” dei cambi ruolo che certi allenatori se non tutti chi più chi meno ha sempre per sembrare dei maghi del pallone ?? cmq vediamo se Giampa continua su tsrada di aggiustamento e meno integralista ..vedremo ..

  5. robmerl scrive:

    GP ha fatto un figurone e ne sono lieto perché mi è simpatico. Ma noi divertiamo e vinciamo con le squadre come il bologna, che non chiudono gli spazi e non spingono sugli esterni – per non parlare, nello specifico, di una difesa colabrodo. Non divertiamo e perdiamo con le squadre – grandi e piccole – che si chiudono in mezzo al campo, spingono sulle ali e magari difendono anche bene. Sono tante, ahimé, e contro di loro il 412122 funziona poco e male. Lì delle alternative servirebbero come il pane!

  6. Luigi scrive:

    Non concordo assolutamente con l’articolo in quanto ora incensi Ramirez che fa una partita bella e 7 no belin che metro di giudizio e vale lo stesso per Ronaldo perché non puoi giudicare un giocatore dopo una partita. È bastata una vittoria “meno male” per continuare a idolatrare ùn’allenatore che anche sabato non ha dato nessun gioco alla squadra. La classifica è un po’ più tranquilla anche perché domenica si va a Roma ed ora siamo sotto la spada di Damocle per quanto riguarda eventuali penalizzazioni.

  7. Edoardo scrive:

    Lunga vita a Quagliarella (che reietto non lo è mai stato), ma adesso andiamoci piano con le riabilitazioni di massa che giocavamo in casa con la terz’ultima in classifica e non certo al Bernabeu col Real Madrid, allora prendiamoci questi benedetti 3 punti e cerchiamo di arrivare il prima possibile a quota 40 senza tante menate che poi a giugno secondo me c’è da rifondare parecchio (se non quasi tutto), poi caro Maurizio spiegami cosa c’entrano Tavares e Jandrei perché questa proprio non l’ho capita scusa, siamo tutti contenti per la vittoria col Bologna, ma le critiche mosse finora a Giampaolo ci stavano tutte eccome, non è che adesso basta azzeccare 1 partita su 10 per essere dei buoni allenatori, comunque faccio notare in conclusione che siamo solo ai primi di dicembre e la Juve ha già più del doppio dei nostri punti il che significa che stiamo qua a disputare letteralmente un campionato di A2, altro che Europa, dunque bravi ragazzi e bravo mister, quando c’è da lodare si loda, ma ricordiamoci di dare sempre ad ogni cosa il suo giusto valore…

    • petrino scrive:

      a giugno non cambiera’ nulla, verra’ venduto il vendibile.
      I vendibili peraltro sono sempre meno di numero e i sostituti al momento ignoti.
      Per intanto bisognera’ vedere gli sviluppi giudiziari.

  8. livio scrive:

    Non capisco lamalcelata polemica che merge dal commento del Moderatore (Giampaoliano ad oltranza?)….
    La vittoria della Samp non rattrista certamente nessuno; nemmeno i critici più severi. Anzi…..
    Ma l’impiego col contagocce di Vieira, Jankto, Ferrari, ecc. a mio parere non danno ragione al Mister e torto a chi conduce la campagna acquisti.
    Nessun giocatore può ben figurare se non ha un minutaggio sufficiente ed un minimo di autostima . L’utilizzo dei soliti 12/13 noti, provoca poi situazioni di rottura o di depressione ( Kownacki) che non fanno bene alla Società.
    In questo modo la rosa si assottiglia ed i sostituti non sono mai’all’altezza de titolari.
    Quanto alla partita, il risultato rotondo ci premia oltre i meriti.
    Io non capirò molto di calcio , ma nessuno dei presenti allo stadio ha provato entusiasmo per il gioco espresso dalla squadra. Resta la grande soddisfazione per il risultato, ottenuto però contro un Bologna agonizzante e sfiduciato. Mi è sembrata la peggiuor compagine apparsa sino ad oggi al Ferraris….E tuttavia per lunghi tratti ci ha messo in seria difficoltà.
    Io penso che la crisi sia ben lungi dall’essere superata e che di fronte a squadre più attrezzate sarà durissima. Sperando di aver torto marcio e di essere solo un gran pessimista , attendo con preoccupazione la controprova contro la Lazio che ha la caratura necessaria per fungere da test del nostro stato di salute.

  9. Dado scrive:

    Io dico che ci è andata bene che il calendario ci ha dato la terz’ultima squadra più scarsa del campionato (peggio solo Frosinone e Spal vedo).
    Troppi passaggi sbagliati, difesa insicura, e centrocampo senza personalità.
    Siamo poca cosa ma possiamo sicuramente fare meglio (vedi Napoli).

  10. Fra Zena scrive:

    Tre punti importantissimi dopo una settimana molto difficile. Ieri si è visto un gioco un po’ diverso dal solito, più verticale, ma la verità è che la partita l’abbiamo vinta per i loro errori e per la maggiore qualità dei nostri attaccanti. Bravo comunque Giampaolo a cui- pur non amandolo come allenatore – riconosco la capacità di tenere la barra dritta nei momenti decisivi delle stagioni. Sul futuro le incognite sono tante, ma intanto godiamoci qualche giorno di tranquillità. Ps ma il biglietto di coppa Italia a 10 euro? Lo scorso anno era incluso nell’ abbonamento. Complimenti!

    • giorgio48 scrive:

      L’ingresso gratuito è già stato applicato nella precedente p
      artita di Coppa Italia. Come l’anno scorso e l’anno precedente ancora, il vaucer valeva solo per la prima partita

      • P.SOLARI scrive:

        Sai, basta criticare anche se a vanvera , tutto e’ lecito secondo certi scriventi …..
        mah …..

  11. Tito Marassi scrive:

    Sono d’accordo che(stavolta) il mister ha sfoderato un po’ di umorismo e ha fatto sarcasmo sul suo presunto integralismo(solitamente e’ un personaggio molto triste)D’accordo con Maurizio sulla vittoria dei reietti ma…..questo Bologna era veramente poca cosa,diciamolo chiaramente…in settimana con la Spal(squadra che gioca molto bene) e a Roma con la Lazio(i biancazzurri non hanno bisogno di referenze) sara’ altra musica,quindi aspetterei a cantare vittoria.Capitolo Quagliarella,che sia un grande,monumentale attaccante non c’e’ dubbio..il fatto certo che lo perderemo perche non accettera’ il rinnovo..il motivo e’ questo:se gli rinnova la Samp lo fa per un anno a 1.200.000 se lui si svincola a giugno puo’ andare a fare un annetto in una grande(Milano o Inter) che,non pagando il suo cartelino nulla,non faranno fatica a dargli un ingaggio perlomeno doppio a quello che prenderebbe da noi.Dobbiamo quindi ricostruire il reparto offensivo in proiezione futura.Caprari ha giocato bene ma non e’ un bomber,piuttosto un asssitman,Kownaski pietoso velo e Defrel ha dimostrato e confermato cio’ che diceva il suo curriculum,ovvero segna poco e si rompe spesso.Ci sara’ tanto lavoro da fare.

    • livio scrive:

      @ Tito Marassi –

      Bravo! Anzi bravissimo!! Le tue tre ultime righe (Relative alle preoccupanti prospettive del nostro attacco ) sono un vero condensato di saggezza ed obiettività.

  12. Marco62 scrive:

    Maurizio, la semifallimentare campagna acquisti è dovuta secondo te alla perdita di Pecini oppure al fatto che Sabatini è entrato in corsa ed ovviamente ha dovuto lavorare di corsa,oltre ad un budget limitato, mi interessa la tua opinione ,grazie

  13. Marziano scrive:

    Ma che partita hai visto!?

  14. Luca scrive:

    Dalla scorsa settimana per me l’unica cosa importante e che commenterò a bocce ferme e a verdetto definitivo sarà per le accuse a Ferrero ,per me capire se abbiamo un presidente ” furgone” per non dire altro o un personaggio istrinico , pazzo e fuori dal comune ma onesto e’ fondamentale , e’ vitale ! Nel primo caso “fuori a calci nel sedere”!!!!

  15. Massimo Pittaluga scrive:

    Ciao a tutti contento dei 3 punti della vittoria, dei gol di qauaglia e soprattutto dei cori per Vialli che mi hanno fatto tornare alla mia adolescenza e gioventù aver visto uno scudetto a 20 anni e la samp di mantovani da bambino ragazzi è stato un privilegio e vialli con mancini indiscussi idoli per la mia generazione che cresceva con loro.
    per il resto non concordo con tante cose con te maurizio.
    Prima vittoria del presidente reietto. in quella posizione ci si è messo da solo con comportamenti e dichiarazioni che ogni anno ci mettono all’attenzione nazionale e non per meriti sportivi
    Vittoria del reietto Gianpaolo. anche qui non sono d’accordo. non mi sembra che ci sia alcuna contestazione verso Gianpaolo. alcuni non apprezzano il suo modo di vedere il calcio altri si, in tanti come me si chiedono perché non possa essere un po più elastico ed ecco che ieri ha messo Ramirez falso 9 quasi in certi momenti giocava spalle alla porta con quaglia e caprari larghi e caprari ne ha giovato.
    Caprari altro reitto non direi. ha giocato spesso male alcune volte bene ha avuto tante occasioni a volte non sfruttate a volte come ieri si. idem per Ramirez che però a mio avviso in questa stagione e mezzo ha fatto abbastanza bene malgrado qualche calo ha anche avuto periodi di buone prestazioni e gol pesanti
    campagna estiva fallimentare da verificare. bocciare viera a 20 anno dopo 60 minuti la trovo un affermazione un po azzardata. ha corsa fisico e buon piede (npon capisco perché certi giocatori si possano aspettare vedi caprari ed altri no vedi viera e jankto che ad udine ha fatto bene e magari gli va dato un po di tempo oppure è grammo e basta solo qui?)
    colley a mio avviso col tempo giocherà deve solo capire la linea di Gianpaolo ma ha mezzi fisici importanti, tonelli il suo lo fa, edkdal anche (se poi si prende ekdal a 2 e vende torreira a 30 forse è ovvio che qualche differenza ci sia). defrel ha fatto 6 gol che proprio pochi non sono. più che campagna fallimentare ha dato l’idea di essere spesso improvvisata ma lo è sembrata anche lo scorso anno presi zapata e strinic al fotofinish. manca una prima punta valida per avere un po di peso davanti. audero mi sembra un ottimo portiere giovane, praet piano piano speriamo entri in forma e linetty e barreto nel mezzo il loro lo faranno. pensavo prima del derby e lo penso oggi che siamo squadra dal 9 al 12 posto così come siamo. se a gennaio mettessero dentro un attacante di categoria magari una metà classifica come lo scorso anno 9 10 posto si potrebbe fare altrimenti auguriamo tanta salute a Quagliarella perché è l’anima e l’esempio per i compagni malgrado non si possa pretendere da lui una stagione intera a questi livelli alla sua età. siamo dove possiamo stare il che vuol dire che Gianpaolo fa il suo lavoro cosi come i giocatori. ieri però ho visto una squadra fragile e con poco gioco anzi a dire il vero molto poco in gestione del gioco con poco possesso e tante giocate individuali in occasione dei gol. il bologna veramente poca cosa e meno male. come crediamo in tanti se non si fanno disastri tra Frosinone chievo blogna spal empoli e qualche altra non dovremmo correre rischi ma a forza di vendere i migliori presto o tardi raschieremo il barile perché questa società sta vivendo con l’infornata di pecini di 3 anni fa inaspettatamente superedditizia e sfido chiunque a dire che si pensava di realizzare certe cifre con schick skrinar torreira etc. tutti presi a poco e rivendti a tanto. ci rimane cosi il solo andresen e forse anche se meno linetty. praet lo hanno pagato abbastanza anche se oggi vale di più. oltre a qusti per ora rimane poco e forse anche nello scouting alcuni punti di forza li abbiamo persi. direi che non siamo messi malissimo ma il futuro è tutto da scrivere. spero come in tanti prima o poi in un cambio societario ma temo che sarà difficile se le cifre che chiede ferrero sono quelle lette qualche mese fa. per ora spero di portare avanti bene la stagione e di stare in posizioni di classifica tranquille. con questo presidente per ora mi va bene così sperando di non ritrovarlo a lungo a capo della sampdoria ma questo è solo un desiderio per ora

    • Edoardo scrive:

      Analisi lucida e perfettamente condivisibile, concordo su tutto…

    • Michele G. scrive:

      Bravo Massimo, mi hai risparmiato un lungo intervento, dicendo praticamente quello che pensavo. Concordo su tutto.

  16. Fabri88 scrive:

    In realtà era il solito 4-3-1-2, solamente che in fase di non possesso Ramirez (esterno quando??) saliva in pressione centralmente sul regista Pulgar o su Danilo e diventava un falso 9 con le due punte più larghe. E proprio dal pressing alto dell’uruguagio sono arrivate le prime due reti. Non ha cambiato niente.

    Prestazione sufficiente, meno efficace di quanto non dica il risultato, troppo ampio per quanto si è visto.
    La difesa balla ad ogni cross, i due terzini spesso presi d’infilata da gente mediocre come Mattiello e Krejci, centrocampo a fasi alterne. E la manovra è stata spesso interrotta da troppa imprecisione e frenesia. Chiaramente non siamo ancora guariti. Non mi illudo per nulla. I 3 punti erano imprescindibili. Ma c’è ancora tanto da migliorare….
    Contro di noi c’era una squadraccia, tecnicamente ruvida e allenata da un mister che farà la fine di altri tipo Ferrara. Non tutti gli ex grandi giocatori diventano buoni allenatori.

  17. Aston scrive:

    Ha dichiarato di non essere talebano!!! No certo è uno che si adatta.

  18. Maraschi scrive:

    Nella desolazione dello scarso pubblico, mi hanno scaldato il cuore i cori per Gianluca Vialli.
    Per il resto che cosa vuoi che ti dica: abbiamo fatto due goal con due palle rubate alla difesa avversaria e due in contropiede, non ho visto belle azioni di attacco.
    Mi pare confermato il fantastico rapporto fra goal e tiri in porta, mi sembra che anche questa volta il portiere avversario non abbia fatto parate.
    Note positive: la freddezza di Quagliarella sotto porta, la vivacità di Caprari e l’ottima vena di Ramirez, ecco quest’ultimo, quando “ne ha voglia” è uno che può spaccare le partite.

  19. Marco scrive:

    Purtroppo ha ragione matte genovese, tieniti pure la tua boria michieli . Non sai neppure gestire un blog , sperando che torni Lazzara, vero Sampdoriano , tieniti pure il tuo blog .

    • P.SOLARI scrive:

      Allora andatevi a guardare la Juve, e’ piu’ facile …..
      Bene fa Michieli ad ignorarvi e non rispondere.
      Per voi se si vince e’ c..o, se si perde il Mister non capisce un c..zo quindi cose che tutto il Blog ormai sa, potete evitare di perdere tempo a scrivere ogni volta , no ?
      Senza acrimonia, ovviamente, qui c’ e’ posto per tutti …..

    • livio scrive:

      @ Marco ;

      Caro Marco……sei stato un po troppo ” ruvido ” con il nostro Michieli che è sicuramente un sampdoriano da antica data, ma…..credo che tu abbia ben rappresentato l’insoddisfazione dei più…..

    • alan scrive:

      Eccolo qua, quello che non insulta MAi nessuno e non si permette MAI di dare del non Doriano a qualcuno.

    • Zaccotenay scrive:

      Come darti torto, impossibile SAMPDORIA Sopra Tutto

      • Zaccotenay scrive:

        Impossibile darti torto é riferito a Marco chiaramente, la censura non cancella la verità, mai SAMPDORIA Sopra Tutto

  20. pier56 scrive:

    Il Bologna è sicuramente una squadra modesta, con una difesa imbarazzante, però vogliamo dirlo? Questa vittoria e stata assai importante per non essere risucchiati nelle zone basse; se il Bologna avesse pareggiato o addirittura vinto adesso la situazione sarebbe difficile. Poi certamente la squadra è stata a tratti irritante con passeggeri assurdamente pericolosi in difesa, poca cattiveria agonistica e numerosi errori a centrocampo fortunatamente non sfruttati per la pochezza dell’avversario. Insomma, Giampaolo non cambia mai. Accontentiamoci in un epoca di vacche magre…

    • Fra Zena scrive:

      Pier non vogliamo dirlo, DOBBIAMO dirlo! Il nostro primo obiettivo stagionale fino a che avremo questa società deve sempre essere il mantenimento della categoria. Non è vergognoso esultare per avere tenuto lontano una possibile concorrente . Ricordiamoci del 2015/ 2016…

  21. Sirbiondo scrive:

    Quindi. Se si vince, il merito è di Giampaolo. Se si perde non è colpa sua. Bah. Con un po’ di onestà intellettuale si potrebbe dire che il modestissimo Bologna ha dominato il gioco fino al 2-1 , poi, fortunatamente, si è sgonfiato. Meglio così, non vincere ieri avrebbe portato ad essere risucchiati in un pericoloso gorgo. Però le fanfare per la vittoria, seppur roboante, contro una delle più scarse della serie A mi sembrano eccessive. Vedremo se saranno giustificate in seguito.

  22. Fabio Gatti scrive:

    Ciao Maurizio. Ottima analisi. Sono convinto però che Jankto esploderà prima o poi.

    • Michele G. scrive:

      Se Jankto lo farà, temo che non sarà con noi. Giampaolo non lo vede bene, pensando per lui un ruolo che non gli è affatto congeniale. Il talento visto con l’Udinese non può essere diventato un brocco improvvisamente. Secondo me è male impiegato e lui ne soffre (ecco, questo potrebbe essere un suo limite). Ma Giampaolo, si sa, non vuole cambiare mai e allora dovremo rassegnarci a vederlo in campo per qualche spicciolo di minuti.

  23. Stefano_1970 scrive:

    Migliorata la forma fisica di qualche elemento. Tanto é bastato per dominare una squadra in difficoltà. Anziché lo scambio con Destro preferirei uno scambio con Santander che nel limite tecnico ha lottato per 95 minuti

  24. Daniele da Rapall scrive:

    La Sampdoria porta a casa una preziosa vittoria contro una squadra assai modesta che, solo nei dintorni del pareggio ha dato impressione di schiacciarci e di ricadere nell’andazzo del derby. Poi è stata brava a capitalizzare le occasioni grazie ad al top player che abbiamo davanti e a piccoli cambiamenti di Giampaolo. Bene così, fieno in cascina.

    Non sono in toto d’accordo con la tua analisi questa volta in quanto, è vero che i fans di Jankto e Vieirà, hanno avuto modo di vedere la loro scarsuccia prestazione, ma è anche vero che, specialmente nel caso di jankto, questo allenatore (come invero altri) cambia il ruolo spesso ai giocatori : Praet nasce trequartista, Jankto e Caprari esterni, non parliamo di Sala.. .Ma soprattutto convalescenti da cosa ? Vero che il suo gioco è dispendioso, ma che atleti sono ? E perchè Quagliarella corre più degli altri ?
    IL vero problema è un mercato fatto malissimo, pur spendendo anche dei soldi, e come dice il buon Rissetto, probabilmente la squadra è proporzionalmente la più scarsa degli ultimi 15 anni ? A mio parere, forse, non come valori assoluti ma come costruzione e assemblamento.

    Ed ora una preghiaera, scusate la maiuscola…..: NON SNOBBINO LA COPPA ITALIA !!!, come da anni a queta parte. Mettesse piuttosto le riserve contro la Lazio (tanto in campionato non ci sono,di fatto, obiettivi). Non si dice di vincerla, ma già arrivare ad una finale darebbe prestigio,senso e speranza ad un campionato altrimenti inevitabilmente anonimo.

    • Fra Zena scrive:

      Daniele, non sono d’accordo quando dici che in campionato non abbiamo obiettivo. Quello lo stabiliremo in primavera eventualmente, e comunque a 40 punti ci dobbiamo arrivare. Quindi dentro chi gioca meno in coppa (jankto saponara kownacki tra gli altri, non proprio dei pipponi) e poi andiamo a Roma coi titolari e col coltello tra i denti. Dobbiamo smetterla di partire battuti , la Lazio ieri col Chievo ha fatto molta fatica.

    • Michele G. scrive:

      In quanto a snobbare la coppa Italia, temo che Giampaolo ti abbia già risposto, dicendo che farà un largo turn over e, mettendo già le mani avanti, ha detto che se andrà male sarà soltanto colpa sua. Se la formazione sarà veramente quella annunciata da Primocanale, alcuni non si possono invero definire riserve, ma quello che temo è che alcuni panchinari di lungo corso non siano amalgamati con gli altri. Spero solo che anche la Spal ricorra al turn over. Se dovessimo uscire, mi dispiacerebbe molto, perché la coppa Italia è una competizione alla quale tengo molto e che ci ha visti protagonisti in diverse occasioni, oltre ad essere il primo trofeo di valore messo in bacheca.

  25. P.SOLARI scrive:

    Sabato sera da segnalare :

    1) il bellissimo coro per il grande Gianluca
    2) il solito ( e meno male …. ) immenso Quaglia
    3) una squadra da B sparata se non mettono qualche pezza a Gennaio ( speriamo di no )
    Noi ancora in piena convalescenza, possesso palla appena al 40%, avendo davanti una
    squadraccia simile, e’ preoccupante …..

  26. Heisenberg scrive:

    Inzaghi è l’unico allenatore al mondo che ci ha messo 62 minuti per capire come mettere in difficoltà Giampaolo… Bene così. 3 punti d’oro. Spero tanto che la coerenza del mister tanto lodata nell’articolo ci porti a fare un partitone all’Olimpico e a non sottovalutare la Spal martedì.

  27. Fulvio scrive:

    Per me Giampaolo è come un figlio ribelle. A volte mi fa incazzare ma poi alla fine gli voglio bene

  28. El Cabezon scrive:

    Ecco qui…
    Vinciamo una partita ( dopo 2 mesi…) e improvvisamente tutti, dal mister in primis all’ultima delle riserve diventano fenomeni, e lo stesso quando si perde automaticamente sono tutti da mandar via e l’allenatore è da esonero…EQUILIBRIO, questo sconosciuto!
    Considerare Ramirez poco apprezzato mi sembra un pò fuorviante, nessuno mette in dubbio le sue doti ma se le mette in mostra per tre partite all’anno la colpa è esclusivamente sua…
    Vittoria importante che speriamo scacci le ansie e le paure delle ultime settimane, anche se chiaramente agevolata dall’avversario, a memoria non ricordo una squadra così sciagurata che in pratica ci regala tre gol!
    Per cui piedi per terra e testa alla Spal e alla Lazio…

  29. Cicciosestri scrive:

    NESSUNA DISAMINA TECNICA, SOLO GRANDE GODURIA! IO STO CON GIAMPAOLO!

  30. giorgio48 scrive:

    Bentornati 3 punti ! Ci siamo appena alzati dal letto dopo una lunga malattia e ci serviva il Bologna per aiutarci a camminare nei primi momenti di ripresa. Abbiamo commesso molti errori ma i nostri avversari ne hanno commessi cento volte tanto (oltre ad essere molto scarsi) ed il risultato è stata una bella vittoria che ci ha portato un pò di serenità. Audero (conferma), Ramirez (rivisitato), Caprari (finalmente) e Quagliarella (eterno !) hanno contribuito fortemente a lasciare il segno in una partita che sembrava incanalarsi nell‘identico copione del deby : 10 minuti con gol e 8 minuti di euforia per il vantaggio prima del pareggio degli ospiti. Fortunatamente non è stato così. Giampaolo ha fatto qualche variazione in attacco rispetto al solito spartito e come per incanto la difesa avversaria (“difesa“è un termine improprio per quello che hanno fatto vedere sabato sera) ha lasciato un pò più liberi quegli spazi centrali che spessissimo non riusciamo a trovare. Ecco, Giampaolo : quando chi come me contesta la sua pervicacia nel non cambiare mai schema, non pretende l‘abbandono a priori delle sue teorie calcistiche ma soltanto che, trovandosi in grande difficoltà contro squadre che sfruttano al meglio le fasce laterali, apportasse quei correttivi in corso d‘opera per non subire passivamente. E‘ pretendere troppo? Tutti riconosciamo che con la rosa che abbiamo non si può puntare ad altro che ad una dignitosa classifica ma vederci incapaci di reagire davanti a chi sa sfruttare benissimo le nostre lacune tattiche, lascia alquanto perplessi molti di noi tifosi.

  31. Bobo90 scrive:

    che poi è proprio quello che chiedono da tempo quelli che voi chiamate “detrattori”, che invece sono solo tifosi che non si mettono le fette di prosciutto sugli occhi e ripetono che va sempre tutto bene, ma per fortuna hanno mantenuto uno spirito critico, libero da dogmi che negli ultimi anni hanno iniziato a strisciare come serpi nel grembo della tifoseria.
    se GP iniziasse a capire che si può anche modificare leggermente il modo di giocare come fatto contro il Bologna (squadra profondamente in difficoltà, meglio per noi), forse le 4 pappine con il Toro non si prendevano. Magari avremmo strappato un punto o se era proprio destino che dovevamo perdere, magari lo avremmo fatto non prendendo un’imbarcata.
    Quindi caro GP, non fare il piccato. sii meno talebano e vedrai che andremo più d’accordo.
    FORZA DORIA SEMPRE

  32. Solosamp1946 scrive:

    Riassumendo se la Sampdoria perde Giampaolo è un brocco e la squadra non è attrezzata ( abbiamo perso 5 partite se non sbaglio contro Inter milan Roma Torino tutte squadre più forti di noi e udinese) ….quando vinciamo sono scarsi gli avversari

  33. Daniele D scrive:

    Jankto non rende perché non ha un ruolo in questo modulo.
    Vieira è giovane, non possiamo pretendere che ogni centrocampista ventenne che acquistiamo sia un “Torreira” (ieri primo goal in premier , bravo Lucas).
    Apprezzo Giampaolo e non credo ci siano allenatori migliori di lui ingaggiabili dalla samp, ma credo anche che questa rosa, come quella dello scorso anno, possa dare di più.

  34. ROBY LEVANTE scrive:

    Mi auguro da tifoso che il suo commento pro Giampaolo verrà ripetuto anche dopo la partita con la Lazio a Roma.

    • Jetta scrive:

      No ma poi si offendono e fanno le vittime quandi li tratti da genoani.
      Uno che sa già, e spera, che la Samp a Roma perderà…
      Ma ci rendiamo conto che qui ci sono persone che dinanzi ad una larga vittoria in casa in una partita delicatissima non gioiscono ma esprimono rabbia e disappunto?

  35. Sand66 scrive:

    Cerchiamo di stare con i piedi per terra, la Samp ha fatto quello che doveva fare contro una delle squadre più mediocri della serie A, per me i problemi non sono risolti anzi, semmai coperti, la prova seria sarà contro la Spal che come compagine è più fisica ed organizzata, poi per come la vedo io abbiamo concesso pure troppo ad una accozzaglia di giocatori messi in campo veramente male.
    Cerchiamo di essere razionali, esaltare la prestazione proprio quando viene cambiato modulo mi sembra avvalorare la tesi che potevamo ottenere di più con il materiale che abbiamo applicando qualche variazione, sui giocatori acquistati che sono scarsi mi mantengo delle riserve dato che giocano con il lanternino e ingabbiarsi nel mono modulo di GP non è semplice (preferisce persino Ramirez a Saponara).
    L’unico che vedo sempre in palla è il nostro capitano, per me si merita di chiudere la carriera il blucerchiato (rinnovo subito).
    Forza Doria sempre e comunque.

  36. paolo scrive:

    Bene e adesso pronti alla prossima imbarcata fuori casa, abbiamo vinto contro nessuno

  37. Maurizio.Michieli scrive:

    Per EDOARDO: Quagliarella, ho scritto, reietto per Ferrero non per i tifosi. Sul rinnovo non tira una buona aria, ma la situazione potrebbe cambiare. Io credo che uno come Fabio, al di là del rendimento in campo (destinato a calare, inevitabilmente, nella prossima stagione), sia fondamentale anche come esempio nello spogliatoio. Così come Barreto. Per MARCO62: domanda molto interessante. Non ho verità in tasca, ma è innegabile che i “colpi” di Sabatini (Vieira, Tavares e quello non riuscito di Jandrei) al momento non abbiano reso. Vieira comunque è giusto aspettarlo, Tavares tornerà in Brasile a gennaio. Perdere Pecini (e Pradé, non dimentichiamolo, due dirigenti in una botta sola) e cambiare dg, tra l’altro con problemi di salute, non ha certo aiutato il mercato. Poi è anche vero che ci può stare di sbagliare qualcosa dopo tante operazioni ben riuscite. Bel commento, FULVIO! Caro LIVIO e MOUSSA’ DEMBELE’, io non polemizzo con nessuno, figurati. Esprimo solo la mia opinione e sono ben lieto di confrontarmi con opinioni contrarie. Magari, da tifoso, sono ancora scottato da tre campionati fa, quando con la squadra più forte della gestione Ferrero abbiamo rischiato di retrocedere per l’incompetenza dei due in panchina (lo dico con rispetto e pure dolore perché sono miei “amici”). Invece con Giampaolo, pur tra alti e bassi (nessuno è dio), a mio parere abbiamo sempre mantenuto un profilo di risultati in linea con il valore tecnico complessivo della rosa, abbiamo prodotto un gioco a tratti divertente, abbiamo realizzato plusvalenze vitali e vinto tre derby senza perderne alcuno. Tutto qui. E sostengo questa mia idea anche e soprattutto quando le cose non girano per il verso giusto perché ho fiducia in lui, quindi lo farò anche dopo l’auspicata (da parte di ROBY LEVANTE) sconfitta all’Olimpico con la Lazio. Liberissimo chiunque di pensare che, con un altro allenatore, si sarebbe fatto e si farebbe meglio. In questo blog c’è spazio per tutti. Per BOBO90: lo spirito critico è una risorsa, ben venga. Resta il fatto che da Paolo Mantovani siamo via via approdati a Massimo Ferrero (che poi, ripeto, ha fatto anche cose buone, in attesa degli sviluppi giudiziari), nonostante le lotte dei cosiddetti spiriti critici.

    • Edoardo scrive:

      Io proporrei a Quagliarella di prolungare il contratto di 2/3 anni e la possibilità magari di diventare giocatore-allenatore o dirigente/addetto allo scouting, la sua esperienza, la sua serietà e il suo carisma possono essere molto utili per il club e anche per far crescere meglio le giovani leve, prendiamo ad esempio alcuni top-club, la Juve ha investito su Nedved, il Milan su Gattuso, Leonardo e Maldini, l’Inter su Zanetti e la Roma su Totti, per me è fondamentale avere in società alcune ex-bandiere capaci di trasmettere esperienza, valori e senso di appartenenza, ad oggi io trovo inspiegabile che neppure un giocatore della Sampdoro di Paolo Mantovani (a parte Invernizzi) sia stato mai ingaggiato come dirigente, allenatore o almeno ambasciatore, secondo me questa è una lacuna che andrebbe colmata, io suggerirei di lasciar perdere i manager foresti e di crearcene invece in casa nostra attingendo fra i tanti ex-campioni che hanno vestito la nostra gloriosa maglia, forse sarà pure fantacalcio ma conclusa l’esperienza azzurra io spererei di rivedere anche Bobby-Gol qua da noi magari in panca con una dirigenza genovese più credibile…

      • Massimo Pittaluga scrive:

        caro edoardo anche a me piacerebbe vedere qualche ex giocatore di carisma qui però ritengo che uno come mancini possa venire alla samp un domani solo con una proprietà diversa dall’attuale e con qualche piccola ambizione. su quaglia cpasico il giocatore che probabile voglia il rinnovo biennale e anche la società che non so ma magari gli propone un annuale vista l’età. sono comprensibili entrambi ma finire qui la carriera con quaglia all’altafini sarebbe una bella cosa prendendo in prospettiva una punta valida perché oggi chi ci porta avanti per qualità e spirito è proprio lui mentre in teoria dovrebbe essere un valore aggiunto alla sua età ma non indispensabile. oggi senza quaglia li davanti saremmo in un altra posizione di classifica

        • Edoardo scrive:

          Sì Massimo concordo con te, Quagliarella è fondamentale per noi prima di tutto perché nonostante l’età è l’unico vero campione che abbiamo in rosa ed è anche quello che corre più di tutti (!) eppoi la sua esperienza e il suo carisma secondo me sono molto importanti anche dentro lo spogliatoio, in futuro io lo vedrei bene anche come dirigente o allenatore (se lui vuole), invece sul discorso di Bobby-Gol mi rendo conto che con questa dirigenza è praticamente “un sogno ad occhi aperti”, però dai il Mancio è stato il nostro più grande campione in assoluto di tutta la nostra Storia e prima o dopo DEVE tornare, non è solo una questione di soldi o di vincere la CL, per me è un cerchio che deve chiudersi o forse lui si sarà già dimenticato di noi? I soldi e la gloria possono anche cambiare di molto le persone, ma ti dico la verità forse mi sbaglierò ma a me piace pensare che il cuore di Roby sia ancora blucerchiato…

    • ROBY LEVANTE scrive:

      @Maurizio Michieli

      Ha sbagliato a scrivere “l’AUSPICATA” sconfitta all’Olimpico con la Lazio.Sono Sampdoriano da una vita e la Samp. è sempre nei miei pensieri e nel mio cuore ; tuttavia sono anche un tifoso critico,molto critico con l’allenatore Giampaolo.Secondo il mio parere il suo unico gioco che conosce non è adatto a molti giocatori che non rendono come dovrebbero e specie la fase difensiva è suicida.I giocatori non marcano stretto,non anticipano,non pressano,non raddoppiano, lasciano completamente sguarnite le fasce e gli avversari ne approfittano sempre.Spero,comunque, che con la Lazio a Roma si riesca a vincere o quantomeno non perdere,ma è solo una speranza.Forza Samp.

  38. Fabrizio scrive:

    Caro Maurizio ho notato in te un pizzico di polemica nei confronti dei detrattori del maestro, se così fosse a me appare ingiustificata, il perché del fatto che ne Viera ne Jankto non sono all altezza Colley? la colpa è sua se li ha voluti avrebbe dovuto come al Polacchino concedere ogni tanto una chance dare un po di fiducia, farli sentire importanti…. poi cmq se tu sei contento dei risultati ottenuti ultimamente e soprattutto delle prestazioni ( pur sapendo benissimo che il nostro valore è quello che dice la classifica) di quest anno se a te diverte vedere una squadra che tira in porta ogni 2 partite che ogni cambio di gioco avversario va in tilt che ogni palla dentro la nostra area è un potenziale pericolo….e anche ieri nonostante la pochezza
    avversaria abbiamo subito 4-5 occasioni da gol contro e addirittura il possesso palla è stato 55 a 45 per i nostri avversari! Se sei contento di tutto questo di cosa parliamo di aria fritta? Un Commovente ABBRACCIO AL SOLO NOSTRO LUCA VIALLI che ci dispiace per voi LUCA VIALLI E’ CON NOI E CONTINUA A FAR GOAL CONTRO il cenua!

    • Fra Zena scrive:

      Però ragazzi sul 3 1 o 4 1 per noi è anche normale lasciare il possesso agli avversari. Avessimo attaccato e preso gol in contropiede, apriti cielo . La verità è che loro hanno tirato verso la porta una sola volta in tutto il secondo tempo. Piu’o meno li abbiamo controllati direi, poi e’ chiaro che le squadre del ns livello difficilmente riescono ad addormentare le partite, qualcosa si concede sempre

    • Michele G. scrive:

      Concordo su tutto Fabrizio! Hai portato avanti le tue (e mie) tesi con garbo ed educazione.

    • ROBY LEVANTE scrive:

      @ Fabrizio

      Sono totalmente d’accordo con te su tutto quello che hai scritto.

  39. aston scrive:

    Solo una precisazione. Giampaolo con la sola eccezione di un secondo tempo a San Sitr non ha mai proposto il 4.3.3.
    Ha questo si schierato tre attaccanti insieme ma mai ricorrendo al 4.3.3. che è uno storico sistema di gioco, interpretato nel tempo in maniera diversa, ma nel quale sempre due degli attaccanti partono o ricevono palla sulle corsie esterne.
    Questo Giampaolo non ce lo ha mai fatto vedere.
    Per inciso Caprari è un attaccante esterno. Può piacere o meno ma quello è il suo ruolo.

    a.

  40. pier56 scrive:

    Io credo che Giampaolo sia l’immagine in cui si specchia questa pseudo-dirigenza, per nulla interessata agli obiettivi sportivi, dunque a migliorarci, come invece falsamente promesso ai tifosi (La famosa “asticella” di Romei…). Giampaolo ha dimostrato di saper valorizzare i giocatori che poi devono essere rivenduti nel supermercato societario. Se lo giudichiamo da ciò possiamo dire che ha fatto un ottimo lavoro. Se guardiamo invece l’aspetto sportivo, é innegabile che non ci sia un progetto e questo i pedatori di passaggio l’hanno capito benissimo. Il suo gioco prevalentemente monotono e scontato è l’espressione dell’immobilismo che si respira e che allontana sempre più i tifosi dalla squadra ( quanti migliaia di spettatori abbonati o paganti sono spariti negli ultimi anni?). Se a tutto ciò aggiungiamo la sua mancanza di autocritica, il fatto che sappia utilizzare un solo modulo, che prediliga giocatori presuntamente tecnici a quelli fisici (vedi Defrel al posto di Zapata…qui prodest?), che faccia prendere assurdi rischi alla difesa con passaggini inconcepibili sul pressing avversario e rinunci a difendere le fasce, o che faccia “marcare la palla” invece degli avversari sui calci piazzati, completa un quadro a tratti imbarazzante. A tutto ciò aggiungiamo che le altre squadre corrono più di noi (anche col modestissimo Bologna non siamo riusciti a tener palla e abbiamo concluso in difesa) e che davanti a fondate obiezioni il nostro maestro se la cava sembre con battutine fuorvianti e imbarazzanti, del tipo : “siamo stati sporchi” o “dobbiamo essere più leggeri”. Maurizio: é possibile che queste metafore approssimative vogliano allontanare la critica dai veri problemi?

  41. NYC scrive:

    Maurizio, la Sampdoria e’ ottava / nona come monte ingaggi pertanto un allenatore “normale” la fa arrivare dall’ottavo al decimo posto uno buono o fortunato sopra l’ottavo uno scarso o sfortunato sotto il decimo.

    Questi sono I cosi detti numeri da fatturato che si tirano fuori solo quando conviene, la verita’ e che GP e’ uno normale che va gia’ bene perche’ un Montella per fare un nome ci stave facendo retrocedere con piu’ o meno gli stessi parametri.

    Delle squadre medie chi riesce a fare di piu’ dei ” suoi parametri” e’ Gasperini che sara’ anche antipatico da far schifo ma porta risultati e non mi sembra che non faccia fare plusvalenze alle squadre che Allena, Pioli e GP sono in linea , Mazzarri che se la tira tanto e sotto fino ad ora De Zerbi ( troppo presto per giudicarlo) e’ leggermente sopra vediamo D’aversa .

    I numeri alla lunga non mentono mai, possono trarre in inganno nel breve period ma non nel lungo, detto cio’ se la societa’ avesse qaulche sorta di ambizione (oltre alle plusvalenze) a gennaio si deve prendere un attaccante buono e non un rincalzo.

  42. Maurizio.Michieli scrive:

    Per DAMIANO: penso che tu abbia ragione (viste anche le tue competenze), non credo esistano presupposti per (eventualmente) perseguire, se non con una multa, la Sampdoria. Per MICHELE: lungi da me ritenere che i vari presidenti non avessero difetti! Le situazioni che tu hai elencato sono state sottolineate spesso anche da me (mi costarono pure un lungo esilio da Bogliasco…).

    Tuttavia, questo mi rafforza nella mia convinzione: il presidente perfetto (così come l’allenatore perfetto) non esiste, la Sampdoria ha avuto la fortuna e il merito di averne uno (Paolo) ma continuare a vivere nell’aspettativa di un altro messia porta solo a peggiorare le cose. Non lo dice il misero Maurizio Michieli, ma lo confermano i dati oggettivi, la cronaca e la storia di questi anni. Prima di Paolo Mantovani tifavamo per Tuttino, Arnuzzo, Re… Oggi, grazie ai diritti tv, le cose vanno meglio sotto il profilo dei risultati, la Sampdoria, in virtù di quanto incassa, può e deve sempre stare tra l’ottavo e l’undicesimo posto, su questo non ci sono dubbi. Ma trovare difetti a qualunque allenatore e a qualunque presidente, a mio parere, non fa bene. Soprattutto al futuro.

    • flex scrive:

      Tutto condivisibile, Maurizio, ma non metterei nella medesima frase presidente e allenatore.
      L’allenatore, per il quale ho sempre evidenziato il mio gradimento, può essere oggetto eventualmente di valutazioni tecniche, il presidente è stato motivo d’imbarazzo dal giorno del suo insediamento in avanti e continuerà ad esserlo fino a quando non andrà via.

    • Michele G. scrive:

      Per carità Maurizio, non si tratta di voler trovare difetti a tutti i costi a presidenti e allenatori. Io a priori non giudico mai nessuno (sono ancora scottato per una volta che mi ero sbilanciato in positivo con Montella), ma mi baso su dati oggettivi. A Riccardo Garrone potevo solo rimproverare la scarsa passione ed il ripetuto refrain del salvataggio che lui non avrebbe voluto fare. Non gli contestavo certo il cosiddetto braccino corto, perché ho sempre detto che i soldi erano i suoi e poteva farne quel che meglio gli pareva. Di Edoardo non posso dire un granché’, se non rimproveragli una cessione inspiegabile ad un personaggio alquanto strano e già conosciuto per vicende finanziare assai dubbie (possibile che non lo sapesse, visto che la vicenda Livingston era di dominio pubblico?). A Ferrero contesto la sua stessa presenza al timone della Samp. Non mi è piaciuto sin dal primo momento e mai mi piacerà, e le ultime vicende, sempre che siano dimostrate, non depongono certo a suo favore. Quanto a Giampaolo, gli rimprovero di non voler cambiare a nessun costo, anche quando l’avversario o le circostanze della partita lo richiederebbero (vedi Torino in casa e Roma all’Olimpico). Questo credo sia il suo limite maggiore. La barzelletta dei Rolling Stones che non potrebbero snaturarsi suonando il liscio, sinceramente la trovo fuori luogo. Piuttosto, se proprio volesse far ricorso ai Rolling Stones, potremmo dire che nessuno dei loro fans gradirebbero sentir suonare ai concerti sempre la stessa canzone per tre ore filate! Penso che chiunque, a parte un paio di bis, vorrebbe ascoltare tutto il repertorio e non un solo brano.

  43. Daniele da Rapall scrive:

    Farà molto turnover in Coppa Italia : speriamo bene. Lui stesso ha ammesso che è importante. Spero solo che la Spal, in vista dell’obiettivo salvezza, ne faccia più di noi.
    Per altro non mi è chiaro cosa succede (e qua chiedo a tutti) se perdi la finale di coppa italia con la Juventus, che ovviamente vince scudetto : ci si va di diritto in EL ?

  44. SANDOIA scrive:

    RELAX
    Se si è obbligati a vincere e si vince 4 -1 và sempre bene.
    Probabilmente è solo una boccata d’aria ,ma comunque di aria buona.
    L’analisi corretta è quella di Pittaluga.
    Sulla campagna aquisti tutto sommato poteva andare anche peggio :ricordo che molti erano disperati perchè il Bologna ci aveva soffiato un gran portiere …beh meglio così.
    Bene Gaston e Praet sbloccati speriamo che ritornino ai livelli del girone d’andata dello scorso anno e che non si fermino a 1 quota fissa del talento belga.
    Il risultato non inganni “attaccanti ispirati e prestazione generale discreta” giuste le parole del mister in considerazione dell’avversario :rilanciare :superpippo,falcinelli palazzio,destro ed ambidestro + difesa e portiere da paura! sarebbe stato come cadere nell’abisso.
    Giampaolo ha cambiato qualcosa siamo contenti ma doveva farlo anche prima ,piccole variazioni a livello tattico e di interpreti nessuno vuole la rivoluzione !
    Ho seguito il prepartita su Primocanale ed anche Stefano Rissetto che non mi sembra un tifoso contestatore ed inesperto si augurava Colley in campo ,anche a partita in corso per tenerlo attivo per non demoralizzarlo ulteriormente dopo aver perso il posto da capitano nella sua nazionale.
    Vieira crescerà se uno che và con i piedi di piombo ha deciso di schierarlo dall’inizio vuol dire che ha delle potenzialità ha ancora difficoltà con la lingua ,forse ha sentito l’esordio a Marassi ed i compagni di squadra gli hanno dato qualche palla onestamente difficile ,certo Torreira l’avrebbe gestiTa meglio a proposito il piccoletto è stato protagonista nel derby con il Tottenham 4 -2 ed è diventato un beniamino dei Gunners.

  45. Ivano scrive:

    Dopo la vittoria sul Bologna(prevista nel mio post della settimana scorsa) nei confronti del mister sono ovviamente tutti piu’ morbidi nei giudizi..tranne pochi detrattori.Come sempre i risultati fanno cambiare idea alle persone.Io l’ho difeso settimana scorsa e lo faro’ nuovamente se dovessimo perdere sabato prossimo a Roma. Ci vuole coerenza nei giudizi.Giampaolo e’ in assoluto l’allenatore piu’ adatto a questo tipo di dirigenza che punta a valorizzare al massimo il proprio parco giocatori per poi spesso e volentieri rivenderli al migliore offerente senza un minimo di progettualita’. A maggior ragione Grazie Mister..

    • Michele G. scrive:

      No Ivano, permettimi di dire che forse hai male interpretato i giudizi su Giampaolo. Coloro come me che non lo stimano come allenatore, si intende, hanno semmai apprezzato il cambiamento che ha operato in attacco, che ha portato buoni frutti (Caprari e Gaston sono apparsi in palla in ruoli a loro più congeniali). Questo mi porta a dire che quella di Sabato sera sia la dimostrazione che la volontà di non cambiare mai sia assolutamente sbagliata e non depone certo a favore di Giampaolo, anzi, mi sembra che ci dia ulteriormente ragione. Questa, almeno, è la mia opinione.

    • P.SOLARI scrive:

      Ivano, concordo in toto ….. :o ))

    • ROBY LEVANTE scrive:

      @Ivano

      Hai perfettamente ragione quando dici che ” Giampaolo è in assoluto l’allenatore più adatto a questo tipo di dirigenza”.Nessuna ambizione,nessun obiettivo da raggiungere,nessun volo pindarico,vincere i derby e battere almeno 1 grande.Con questo presidente dovremo rassegnarsi a questo.

  46. Luigi scrive:

    Caro Maurizio il presidente perfetto sarebbe stato Edoardo Garrone se per risparmiare non avendo avuto obiettivi societari non avesse sperperato 300milioni di euro comprando tanti giocatori senza una logica. Se ne avesse comprati meno ma con più qualità si sarebbero ottenuti risultati migliori e forse non sarebbe sorta quella becera contestazione. GP è ùn’allenatore normale non ha fenomeni da schierare ma neanche scarponi. Direi che la rosa attuale possa valere tra l’ottavo e il decimo posto.

  47. Martino Imperia scrive:

    hahahahahah

    vi leggo e vi piango!!!! e io me la rido :)

    Parliamoci chiaro e fuori dai denti. La partita col Bologna (ora in maniera stumentale e viscidella derubricata a “minimo sindacale vittoria contro squadra scarsissima che non fa testo”) aveva assunto una pesantezza e un’importanza tale che era stata considerata PARTITA SPARTIACQUE.

    La partita del dentro o fuori Giampaolo
    La partita della contestazione a Ferrero e del comunicato un pò così.
    La partita che se fosse andata male era il momento di fare i conti.

    Tutto questo derivante anche (non solo) da una parte di tifosi incapaci di accettare lo status quo.

    Un clima di scontento esagerato, alimentato anche in questo blog, e tuttavia privo di argomentazioni su alternative credibili. Nè dirigenziali nè tecniche.

    E allora NO. E’ tutto stra maledettamente troppo comodo.

    Ieri Giampaolo non ha spazzato via solo il Bologna (che 3 giorni fa “vedrete ci farà soffrire”). Ha spazzato via, coi fatti, anche il blaterare al vento di molti tromboni.

    che ora per decenza dovrbbero chieder scusa o tacere o cospargersi il capo di cenere.

    perchè non ci sarebbe stata pietà in caso di risultato diverso

    Perchè quando le cose giravan storte alcuni sono rimasti sulla barca a remare, altri sono scesi lesti lesti.

    E prevengo L’obiezione: te non vuoi lasciarci esprimere. Falso. Uno è liberissimo di avere posizioni anche ultracritiche verso l’attuale Samp.

    Ma che si arrivi al punto in cui lamentarsi è lecito sempre anche quando si pareggia o vince mentre per godersi la Samp bisogna aspettar giugno ed esser nel mentre al massimo neutri e grigi….bhè è inaccettabile.

    Troppo semplice esporsi in teorie senza rischi. Qualcuno ha perso qualcuno ha vinto. Qualcuno aveva ragione, qualcuno aveva torto.

    Il campo ha parlato.

    • Michele G. scrive:

      “Troppo semplice esporsi in teorie senza rischi”… Allora, secondo te, se uno dice che siamo scarsi è un trombone e dovrebbe chiedere scusa? L’alternativa è solo dire “va tutto bene signora la marchesa”! Scusa Martino, ma mi sembra un po’ una contraddizione con quanto affermi qualche riga sopra, dicendo che uno può avere posizioni ultracritiche. O l’uno o l’altra.
      In quanto al Giampaolo uragano contro il Bologna, vogliamo dire che solo dopo aver finalmente cambiato qualcosa là davanti ha ottenuto dei risultati? Se l’avesse fatto con Torino e Roma, che ci hanno massacrato sulle fasce spedendo gli esterni a prendersi gioco della nostra difesa, chissà che non avremmo visto un’altra partita! Giampaolo, per me, è e rimane un allenatore modesto, incapace di leggere le situazioni della partita ed operare di conseguenza e che si ostina ad impiegare giocatori fuori ruolo, con il risultato di farli intristire. Secondo me, basterebbe un po’ più di flessibilità da parte sua per avere risultati migliori. Io non sono della corrente di pensiero di coloro che vorrebbero un cambio di allenatore subito (sarebbe controproducente fatto adesso e poi, tolto di mezzo Iachini, non vedo alternative valide disponibili subito), ma a Giugno spererei proprio di sì! Ed assieme a lui vorrei veder partire anche il finanziere acrobatico di Testaccio. Se poi vuoi dire che anche il livello generale della squadra e della società è modesto, beh, allora non resta che prenderne atto. Io continuerò a sostenere la squadra indipendentemente da chi giochi o chi la guidi, e continuerò a gioire per ogni vittoria, non mi importa se ottenuta con un avversario scarso com’era il Bologna di Sabato scorso, o con il presuntuoso Napoli, che si giochi bene o male; l’importante è incamerare punti. Ma rivendico il diritto di criticare l’allenatore o i dirigenti, perché le mie critiche non sono per partito preso, ma sempre argomentate. E non sono un trombone (suonavo la chitarra, i fiati li trovo faticosi da suonare)! :-)

      • Martino Imperia scrive:

        “……e continuerò a gioire per ogni vittoria, non mi importa se ottenuta con un avversario scarso…..”

        Trombone è chi vorrebbe impedirti di farlo….

        Chi si gode la samp lo apprezzo sempre……e pure chi suona la chitarra

      • Sirbiondo scrive:

        Concordo con te michele g. ( come spesso mi capita)

    • Fra Zena scrive:

      Io ho perso. Avevo torto. Pensavo col Bologna avremmo sofferto di più, invece mi sono goduto una bella serata allo stadio piuttosto tranquilla
      Ma continuo a dire che Giampaolo,persona serissima, come allenatore non mi piace
      Continuo a dire che quando si vince lo si fa più per merito delle individualità che non dell’organizzazione data dal mister
      Continuo a dire che i doriani meritano più di un presidente che fa il giullare a striscia la notizia
      Continio a dire che, finché ci sarà questa società, ogni salvezza (indipendentemente dal valore dei giocatori) andrà festeggiata perché siamo sempre in bilico e non abbiamo prospettiva
      Sono un ipocrita? Spero di no

    • Jetta scrive:

      Bravo Martino, questa partita era difficilissima.
      Era una prova di maturità e personalità che abbiamo superato alla grande grazie anche al mister.
      Il pareggio poteva tagliarci le gambe, il Bologna ricordo che ha costretto la Fiorentina sullo 0-0, invece c’è stata reazione, coesione e vittoria a dimostrazione anche che la squadra è col mister.
      È deprimente leggere le semplicistiche disamine volte a sottovalutare la vittoria che esprimono la delusione per non aver perso questa partita oltre al derby…tanto arrabbiati per la vittoria da attaccare anche Maurizio, è pazzesco.

    • Sirbiondo scrive:

      Il campo parlerà definitivamente a maggio, al solito.
      Invertire il trend negativo è già qualcosa, vedremo se sarà fuoco di paglia o Fenice che risorge.
      Aldilà del risultato, la prestazione non ha convinto appieno neppure alcuni dei profeti dell’estremismo giampaolista come michieli od Arnuzzo…

    • Kreek scrive:

      @Martino Imperia

      E’ esattamente e maledettamente così.

  48. Matte Genovese scrive:

    GP turn over in coppa, gia vogliamo uscire per puntare al campionato, per arrivare dove ?? NN sopporto piu questo modo di essere, e chi continua a difendere GP, via tutti, vogliamo aria nuova. (michieli se te vai pure tu mi fai un favore).

  49. livio scrive:

    Io credo che il turn over sia opportuno.

    1) Per far giocare chi in campionato non lo può mai fare….
    2) Per vedere se tra i ” trascurati ” c’è qualche risorsa utilizzabile
    3) è del tutto indifferente schierare la formazione migliore/peggiore….La Samp attuale non potrà mai competere per una finale, restando ferma la gestione attuale.
    Ultimo, ma non da ultimo.
    Michieli non sarà un mostro di simpatia ma tiene aperte queste pagine dove tutti noi possiamo scrivere liberamente ( anche bel….ate..) e senza alcun tornaconto. E di questo va solo ringraziato……

  50. Solosamp1946 scrive:

    Stadio vuoto …mai visto così…30 euro per una coppa Italia ( 20 gradinata) …che questa società vergognosa si faccia delle domande

  51. Heisenberg scrive:

    Saponara stasera mi ha riconciliato con il calcio…colpi che non la nostra maglia non si vedevano da cassano ed eto’o.

  52. Jetta scrive:

    Bella vittoria, le seconde linee hanno dato buone indicazioni.
    Anche ieri sera chi auspicava la sconfitta attaccandosi prestestuosamente al turn over è stato “servito”.
    Forza Samp!!!

  53. Maraschi scrive:

    W Kowmacki!

  54. Fra Zena scrive:

    Buona vittoria e buona prestazione ieri. Tutto considerato ho visto una squadra tonica e motivata, passaggio del turno meritato nonostante una sequela di occasioni fallite. Una nota su Jankto: velocissimo ma mi sembra limitato tecnicamente. Non un difetto da poco
    Partita che passerà comunque alla storia come la gara ufficiale della Sampdoria col minor numero di spettatori presenti. Lo scorso anno contro il Pescara eravamo il doppio. D’altronde ieri una sud costava 20 euro (venti euro!). Grazie Ferrero!

  55. Jetta scrive:

    Solo per rendersi conto del livello di alcuni tifosi, fortunatamente una minoranza, segnalo un forum, Bucanieri, in cui lo sport preferito non è il calcio ma lo spalare fango sull’allenatore preso di mira in modo vergognoso tanto, anche in quella sede, da non gioire per le vittorie.
    Per non parlare del giochino sarcastico relativo all’indovinare quanti gol prenderemo dalla Lazio.

  56. Maurizio.Michieli scrive:

    Missione compiuta: dopo avere pareggiato il derby e battuto il Bologna, la Sampdoria due ha regolato la Spal regalandosi gli ottavi di finale di Coppa Italia contro il Milan, una sfida non impossibile, anzi, dunque bisogna crederci sino in fondo. Il passaggio del turno è stato meritato, ancorché non semplice, più che altro perché la squadra di Giampaolo (col solo titolare Defrel) ha sbagliato molte occasioni da rete. Per il resto, il gioco è stato fluido e la partita ha restituito un Kownacki di nuovo entusiasta e un Saponara in ripresa sul piano fisico. Possono essere due risorse importanti da sfruttare. Questo turno di Coppa è stato gestito al meglio, dai giocatori in primis e da Giampaolo, che ha ottenuto il risultato senza spremere la rosa, visto che sabato sera all’Olimpico sarà durissima.

    • Martino Imperia scrive:

      Condivido l’analisi, ma altro che “missione compiuta”.

      Credo che dopo le ultime due partite si possa parlare di “TENTATO GOLPE FALLITO” :)

      Coppa Italia: la nostra squadra 2 composta dai giocatori “frutto di un mercato fallimentare” passa agevomente il turno.

      I giocatori, quasi tutti nuovi, trovano sicurezza, dimestichezza e tranquillità nel “solito modulo di Giampaolo che dovrebbe cambiare”

      Cambiati gli elementi, ma il canovaccio ordinato resta….

      p.s. Mi ci metto dentro anch’io, ci mancherebbe, ho preso delle gran cantonate…..

      ma non è che alla fine ha vermente ragione Kolarov, senza se se senza ma?

  57. Edoardo scrive:

    Bravi ragazzi, come dici tu Maurizio: missione compiuta! Ma occhio a non esagerare troppo col turn-over perché il Milan non è la Spal (spero francamente di non rivedere Sala su Suso!), detto ciò io proverei Kownacki titolare almeno fino a gennaio al posto di Defrel che nonostante i gol (6 in campionato) mi sembra sempre un po’ avulso dal gioco, almeno questa è la mia impressione, invece all’Olimpico la vedo proprio durissima, speriamo bene…

    • Michele G. scrive:

      Beh, a dire il vero anche Defrel, che ricordiamoci ha patito qualche infortunio e non era al top della forma, ieri sera mi è sembrato alquanto tonico, dimostrando freddezza e precisione nel controllare il passaggio di Jankto e collocare la palla dove il portiere non avrebbe potuto arrivare.
      In effetti, anche Kownacki ieri sera mi sembrava decisamente in palla, anche se al momento del tiro non ha mostrato la stessa precisione del compagno di reparto Defrel. Ci è voluto un errore del portiere per centrare la porta avversaria. Comunque, il fatto che si sia mostrato molto attivo è già di per se un ottimo segno, che fa ben sperare e chissà che il gol segnato non gli valga come ricostituente. Come ha detto Giampaolo a fine partita (una delle poche cose che mi sento di condividere con lui), per essere efficaci abbiamo bisogno di molti titolari.
      Saponara monumentale! Quando non è acciaccato è senz’altro un valore aggiunto imprescindibile! Intervistato al termine del primo tempo e su sollecitazione del cronista che gli ha detto che lo consideravano il migliore in campo e che sembrava aver superato gli acciacchi, riacquistando una buona forma, ha detto, non senza una piccola vena polemica, che lui si sentiva pronto già da un po’ e che è stato inspiegabilmente l’allenatore a tenerlo in panchina per tre partite! Non voglio entrare nel merito della questione, perché io non ce l’ho sottocchio durante gli allenamenti, ma Saponara deve stare attento a quel che dice, perché Giampaolo mi sa che sia uno che se la lega al dito e poi finisca per non farlo giocare davvero.

      • Edoardo scrive:

        D’accordo con te su Saponara, ma tra Kownacki e Defrel io scelgo il giovane polacchino, secondo me se Giampaolo lo fa giocare titolare esplode come Piatek o forse anche meglio, Defrel ha fatto alcuni bei gol questo è vero ma per me è inferiore fisicamente e anche come carisma, nei momenti di difficoltà io mi terrei ben stretto Kownacki, poi certo se continui a fargli fare 5 minuti a partita non riuscirà mai a dimostrare nulla, almeno questa è la mia modesta opinione…

  58. Fabrizio scrive:

    Magari se al Polacchino fosse stata concessa qualche manciata di minuti in più e un po di fiducia anche dopo il rigore di cagliari, forse ora non dovremmo sentir circolare nomi assurdi di pseudo attaccanti in coda x venire a svernare sul nostro lungomare dove l inverno non arriva mai….tipo Paloschi, Destro….etc Una Buona giornata a tutti! Ah Maurizio all Olimpico possiamo anche non andarci sai con il turno infrasettimanale di Coppa Italia non so come riusciremo a recuperare energie….

  59. Michele G. scrive:

    Una piccola nota a margine. Gianni de Biasi, che affiancava il telecronista Gianni Cerqueti, fornendo commenti tecnici, non riusciva assolutamente a pronunciare correttamente il nome di Kownacki (che dovrebbe essere Kovnazchi), arrivando a chiamarlo Kowalski, come uno dei quattro pinguini del Madagascar!!! :-)

  60. Matte Genovese scrive:

    A proposito, stavolta siamo riusciti a passare il turno….. prezzi troppo alti per questa partita di coppa italia o forse, forse nn ci credeva nessuno ?? Risultato stadio vergognosamente vuoto, compresa la sud…. Forse ci vorrebbe un pokino di ordine nelle idee, sia di societa, mister e tifosi….

  61. moussa dembele' scrive:

    Bravo Kownacky. Per me il polacco forte è il nostro. Tornerà in Nazionale!

    • Mauro scrive:

      D’accordissimo con te,se gioca sempre con questa intensità e aggiusta un pochino la mira…Tecnicamente molto meglio di Piatek(ma molto meno opportunista)

  62. Sand66 scrive:

    Due considerazioni, la prima è che le seconde linee alla fine tanto scarse non sono (hanno creato il triplo delle occasioni dei titolari), la seconda è che con la Spal non hanno giocato come al solito, meno retropassaggi e possesso e più ripartenze e verticalizzazioni (mi sa che è per questo che Saponara non è il titolare) insomma sembrava più la squadra di De Zerbi anziché la solita di GP.
    Grande Saponara che con me sarebbe titolare fisso, ma al nostro mister non da garanzie in fase di non possesso e quindi mi sa che mi devo rassegnare.
    Forza Doria sempre e comunque.

  63. El Cabezon scrive:

    Vittoria importante e meritata e pure stavolta agevolata dalle leggerezze degli avversari, fossi in Semplici darei di matto per il primo gol preso in contropiede quando erano in vantaggio, pazzesco!
    Sui singoli mi è piaciuto Alex Ferrari, non sarà un fenomeno ma credo sia un giocatore che potrebbe tornarci utile nel corso della stagione eventualmente anche come vice Bereszynski visto che può essere tranquillamente impiegato anche come esterno di difesa, nota di merito anche per Kownacki che è stato un pasticcione ma si è battuto con ritrovata determinazione, il ragazzino che entrava in campo svogliato e col muso forse non c’è più…
    Non sapevo della “nuova” formula della Coppa Italia, ero convinto che avremmo giocato certamente a San Siro e invece apprendo della possibilità di disputarla a Marassi, molto bene!
    Contro i pompatissimi rossoneri in gara secca ce la possiamo giocare, anche da loro, obbligatorio sarà schierare però la migliore formazione possibile…

  64. pier56 scrive:

    Bella vittoria con la spal, soprattutto per la determinazione dimostrata. Sarebbe stato un delitto andare ai supplementari o addirittura ai rigori….le occasioni sono state 7 a 2 per noi. Adesso speriamo di andare avanti in coppa e di crederci. Potremmo anche approdare alla fase finale, chissà.

  65. Ragnar scrive:

    Non voglio più sentire critiche alla squadra e’ al mister dopo ieri sera , ma non per la prestazione che è stata ottima , ma per la presenza allo stadio . Veramente una vergogna 2462 mai vista una roba del genere . Il nostro dovere e fare i tifosi e tifare la Sampdoria sempre quindi dopo ieri sera facciamoci un bagno di umiltà grazie . Sempre forza Sampdoria

    • Fra Zena scrive:

      sicuramente la tifoseria si è raffreddata, ma anche la società se le cerca. Praticare questi prezzi (aumentati di molto rispetto allo scorso anno), tenuto conto dei problemi economici e logistici della città, significa volere lo stadio vuoto. Noi facciamo un bagno di umiltà, però qualcun altro faccia un bagno di buon senso

  66. Edoardo scrive:

    X Maurizio

    Caro Maurizio, tu che sei un giornalista professionista e sei dentro a certe cose sicuramente molto di più di noi semplici tifosi, dimmi ma qua a Genova non esiste un imprenditore genovese o una cordata locale in grado di prendere la Sampdoria e gestirla più o meno come il Viperetta con la politica delle plusvalenze ma dando magari un poco più di credibilità e continuità al progetto sportivo? Lasciamo perdere i Garrone e i Mantovani che hanno già dato e a modo loro hanno fatto il loro tempo con tante cose buone e anche alcune negative, allora adesso nessuno si aspetta più di tornare a vincere lo scudetto coi tempi che corrono, questo è assodato, ma che a Genova non ci siano 2 imprenditori che possano fare più o meno quello che fanno Ferrero e Preziosi a me sembra una cosa davvero assurda e inverosimile, va bene che non siamo a Londra o a Madrid, ma belin con tutto il rispetto non siamo manco a Pontremoli o Poggibonsi, questa domanda la feci già tempo fa anche al buon Lazzara che però non seppe darmi una risposta precisa, resta per me un vero mistero insoluto, Genova checché se ne dica è uno degli scali portuali principali d’Italia e del Mediterraneo, c’abbiamo la Fincantieri e anche un discreto numero di banchieri di un certo rilievo, ma nessuno si fa mai avanti per le squadre cittadine mah…

  67. Maurizio.Michieli scrive:

    Per EDOARDO: per quanto ne so io, non ce ne sono. Aveva fatto un timido tentativo tre anni e mezzo fa Gabriele Volpi ma poi si è trovato addosso la Guardia di Finanza per altre questioni e ha lasciato perdere. Antonio Gozzi è innamorato di Chiavari e dell’Entella. C’era Garrone (peraltro pressato dalla sua famiglia a lasciar perdere) ma la Sud lo ha contestato. Se guardi anche ad altre società, ti rendi conto che le proprietà spesso sono estranee alle rispettive città. Tra l’altro, non è che abbiano portato benissimo i cambi societari: il Cagliari è subito retrocesso in B, il Bologna annaspa con Saputo, Inter, Milan e Roma hanno proprietà straniere e stentano. Gli imprenditori “seri” hanno timore di essere messi alla gogna in caso di risultati negativi. Stava capitando ad Edoardo Garrone, sulla sponda rossoblù capitò a Gianni Scerni. Non voglio assolutamente criminalizzare i tifosi, però sono convinto che se ci fosse più attaccamento ai colori, alla maglia, alle proprie tradizioni e meno ai risultati contingenti (sottolineo: contingenti) forse si potrebbe attrarre qualcuno. Ma è un’utopia, almeno per il momento. Inoltre, non trascurare un aspetto: il calcio assorbe molto, sia a livello di tempo che emotivamente. Quindi, devi anzitutto avere una grandissima (e oggi rara) passione alla Moratti. Oppure affidarti ad un manager capace (ma spesso c’è diffidenza a lasciargli ampio margine di manovra). Oppure devi occupartene in prima persona, diciotto ore al giorno, come fa Ferrero. Questo è ciò che mi sento di risponderti oggi, poi se la situazione dovesse cambiare… Certo io sognerei una Sampdoria guidata dalle famiglie Garrone e Mantovani, con Enrico direttore generale impegnato a gestirla managerialmente con l’aiuto di un grande tecnico (Vialli), alla Ferrero (al netto delle inchieste giudiziarie, sotto questo aspetto va dato atto alla sua gestione di avere fatto bene). Ma senza l’assillo dell’Europa ad ogni costo come accade oggi, laddove un nono posto viene vissuto male dalla maggior parte dei tifosi. Ecco, sinceramente gli unici che potrebbero sostenere questa filosofia sono gli Ultras, quelli della parte di sopra della Sud per intenderci, i quali non hanno soverchie pretese o aspettative. Per tutti gli altri, sarebbe sempre comunque troppo poco e il clima risulterebbe comunque avvelenato. E farebbe allontanare i suddetti che ho citato o altri che potrebbero anche essere stuzzicati. Si fa presto col calcio ad ottenere popolarità, è vero, ma anche a rovinarsi la reputazione (e i soldi, Dalla Costa docet) di una vita. In ogni caso, mai perdere la speranza. E intanto auguriamoci che Ferrero risolva i problemi giudiziari.

    • Jetta scrive:

      Sottoscrivo, post da incorniciare.

    • Sirbiondo scrive:

      Certo, i cattivoni sono sempre i tifosi di distinti e tribuna, che avvelenano il clima. Meglio cantare, soprattutto dopo umiliazioni vergognose tipo lo 0-5 contro l inter, se no società,allenatore e giocatori si indispettiscono. Cantare sempre, anche dopo un girone di ritorno ai limiti del ridicolo, in fondo siamo arrivati decimi, una gioia per gli almanacchi. Ottima la gestione ferrero, senza dubbio, per lui presunzione di non colpevolezza , giusto, fino alla cassazione, giustissimo, io aspetterei anche la CEDU. quando avranno finito di spolpare l uc sampdoria voi non ve ne sarete neppure accorti…

    • Edoardo scrive:

      Grazie Maurizio per la tua risposta molto bella e articolata, condivido tutto quello che tu mi hai scritto. Ma vorrei fare una precisazione. Io non penso che la maggioranza dei tifosi voglia per forza vincere lo scudetto o l’Europa League, quello che vogliamo è vedere una squadra combattiva, con senso di appartenenza e che sia capace di tenere alta la bandiera dei marinai di Genova su tutti i campi d’Italia. Sono le goleade subite che fanno male, è un colpo per l’orgoglio. Se si potesse tornare indietro io firmerei per rivedere la Sampdoria di Salvi e Cristin! Si può perdere e anche spesso. Ma bisogna lottare e credere in quello che si fa. E’ questo che secondo me è mancato un po’ alla nostra Samp negli ultimi anni. Giocatori che vanno e vengono con le porte girevoli. Poco senso di appartenenza. Goleade subite col sorriso sulle labbra come se niente fosse. Ramirez e Torreira che se la ridevano l’anno corso dopo averci fatto fare figure raccapriccianti per mezza Italia nel girone di ritorno. E’ questo che non vogliamo più vedere. Solo questo, nient’altro. Grazie ancora per la tua gentilissima risposta. Ciao.

    • Matte Genovese scrive:

      Maurizio, se qualcuno mi attacca io rispondo…. scusa ma credo che bisognerebbe essere un pochino piu giusti…… cmq se credi che le mie risposte nn vadano bene giusto che tu me le cancelli, forse sono troppo aggressivo ….. o forse no…. ( cmq anche se nn sono sempre d accordo con il tuo modo di moderare, ho sempre rispetto per te, sia per il tuo lavoro, sia come uomo.) . . Credo che siamo tutti dalla stessa parte. …. un saluto da Matte.

  68. vincenzo scrive:

    La domanda che ha posto Edoardo è quella che da molto ci poniamo in tanti….mah, anche a me sembra impossibile che nessuno si faccia avanti, ma se guardo la storia di Genova e della Liguria mi rendo conto che i genovesi hanno sofferto la fame, la carestia, erano messi molto male, e allora anche se i tempi sono cambiati,si può anche comprendere la parsimonia e la ritrosia a mettersi in gioco con i propri denari, fermo restando l’aiuto delle grandi famiglie genovesi dell’epoca verso i meno abbienti…anche per tenerli buoni.
    Poche presenze con la Spal ?, è verò; però secondo me il prezzo del biglietto nel caso della coppa Italia dovrebbe restare ridotto come in prevendita, perchè un buon numero di tifosi in base al lavoro e alle condizioni meteorologiche possano essere invogliati anche all’ultimo minuto..(naturalmente non è una giustificazione);
    comunque rispetto alle altre partite di coppa nelle quali sugli spalti regnava un silenzio quasi assoluto, bisogna dire che il tifo blucerchiato è stato costante e continuo. (naturalmente oggi pomeriggio saremo superati……)
    Regolamento Coppa Italia: dato che alcuni hanno fatto presente che forse non era tanto giusto e corretto che la squadra più in basso nel tabellone giocasse sempre in casa della più forte, non hanno deciso di fare il contrario (sarebbe stato troppo!!) hanno dato il contentino del sorteggio così nessuno può dire niente…come sempre la solita soluzione all’italiana pilotata!.
    Soluzione per noi?: giocare a Milano, vincere e…tutti a casa.
    Caso Ferrero: la Samp sembra che non c’entri nulla?…personalmente non mi interessa, non è questo il problema.

    Forza Sampdoria

  69. Luigi scrive:

    Scusa Maurizio mi potresti leggere se non chiedo troppo un post dove si chiede l’Europa e si critica un nono posto? A me sembra che la maggior parte delle critiche siano per le imbarcate che si prendono spesso e all’atteggiamento del mister nell’essere cocciutamente ripetitivo sul modulo detto questo de gustibus non disputandum est però il dato oggettivo e i numeri non sono quelli che hai descritto.

  70. Martino Imperia scrive:

    Nota a margine sul regolamento di Coppa Italia.

    I geni della lampada hanno sì pensato di modificare il regolamento inserendo il sorteggio, ma solo in caso di squadre appartenenti alla stessa categoria.

    In caso di diversa categoria rimane come prima.

    Quindi può essere Milan – Samp o Samp – Milan.

    Ma sarà sicuramente Inter Benevento, SENZA SORTEGGIO.

    Ci rendiamo conto dell’assurdità? e questa cosa l’hanno pure pensata…..

  71. Solosamp1946 scrive:

    Maurizio condivido ogni singola parola

  72. Aston scrive:

    Ovviamente parlo per me. Non vivo male il nono posto e non vivrei male neppure il dodicesimo. Vivo molto male le ripetute pessime prestazioni collezionate nell’ultimo anno.

  73. SANDOIA scrive:

    Buono il passaggio del turno in Coppa Italia con la Spal ,come abbiamo visto può creare sorprese anche Entella .
    Il mister ha dosato bene il turn over; positivo l’impegno messo in campo da parte di tutti qualche buona individualità ma gioco e difesa ancora convalescenti .
    Cedere in Prestisto Kownacki per prendere Destro o Paloschi è una follia anzi qualcosaltro ma non posso scriverlo spero siano solo voci.
    Negativo le presenze allo stadio che nelle 2 partite non si arriva 20 mila ,incomprensibile la politica di vendita e marketing della società: aumentare di 10 euro una partita cos’ di Martedì non ha senso ne logica con un solo giorno di prevendita e oltretutto nessuna offerta 2 per 1 o per gli abbonati un non sense ,oltetutto gli ottavi col Milan sono importanti e danno ricavi era fondamentale passare il turno e speriamo di giocare in casa ,ma anche fuori con tutti gli impegni del diavolo prima o poi lo battiamo.

  74. Edoardo scrive:

    Complimenti Maurizio per il bel servizio in TV sul mitico Francis! Forse lui potrebbe tornare da noi come dirigente? Io credo che lui tornerebbe molto volentieri qui da noi con la sua famiglia, la Samp ha bisogno dei suoi ex-campioni, uomini veri che hanno fatto la Storia del club col loro cuore e la loro classe, secondo me se vogliamo salire un po’ di livello (almeno un pochino) dobbiamo prima di tutto migliorare la dirigenza, ci vuole gente di campo e di un certo spessore, gente che soprattutto ami i nostri colori e ci metta passione e contenuti veri nel proprio lavoro, basta coi foresti e con chi non c’entra nulla col nostro modo, almeno questa è la mia opinione…

    CIAO TREVOR, SEI UN MITOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!!

  75. SANDOIA scrive:

    Scusate ma più ci penso e più sono alterato per il derby ,abbiamo fatto troppo poco è vero che non eravamo in un buon momento e non lo siamo tuttora; ma siamo comunque andati in goal alla prima occasione contro dei bibini che hanno fatto 3 punti in 8 partite e nemmeno con 3 rigori a favore e molti titolari in squadra
    sono riusciti a vincere stasera.
    Non si vive di solo sfottò però si è mancata la settima vittoria consecutiva in trasferta l’esonero di Juric e la contestazione del joker in Diretta live è mancato qualcosa sia in campo che fuori bastava un tiro da 30/40 metri per favorire la cappella di un portiere esordiente ed inoperoso è molto più facile se sei impegnato spesso mantenere la concentrazione come ha fatto il nostro portiere, oppure far entrare il polacco grammo che proprio cosi grammo forse non lo è al 89° a volte quando non funzionano gli schemi ed i moduli la palla entra comunque entra quando Dio vuole diceva qualcuno ,forse bastava Puggioni in panchina o un dirigente Sampdoriano ed avere tutti più motivazioni e più entusiasmo e meno pensieri e linee che saltano troppo spesso.
    Vedremo la possima per il Cienoa con il ct della nazionale la Spal dovrebbe essere una semplice formalità per noi una delle partite più difficili della stagione e come spesso succede con una situazione particolare e sfavorele ,parentesi tennistiche a parte zero punti di Gianpaolo contro Filippo, una grande partita in realtà in casa la abbiamo fatta ,passati in vantaggio con Zapata a dieci minuti dalla fine poi non certo per colpa del mister andò male anche quella solo con il mitico Montella riuscimmo a vincere giocando non bene ma con lo stadio pieno di tifosi la palla è rotonda ma bisogna aiutare a farla girare .

  76. Edoardo scrive:

    Una piccola digressione sull’esonero di Juric: per me Preziosi ha sbagliato a riprenderlo, ma ritorniamo sempre allo stesso discorso, un bravo allenatore deve adattare gli schemi ai giocatori di cui dispone e a volte modificarli anche in base all’avversario, voler giocare sempre nello stesso modo a prescindere non te lo puoi permettere se hai in rosa dei giocatori come Sala e Caprari tanto per intenderci, per me il guardiolismo sportivamente parlando ha fatto più danni del petrolio, se Guardiola venisse ad allenare sotto alla Lanterna probabilmente andrebbe dritto in B sia con noi che coi cugini, dunque un piccolo consiglio da tifoso sia a Juric che a Giampaolo, cercate di sfruttare al massimo i giocatori che avete a disposizione nei loro ruolo naturali, non incaponitevi con schemi troppo cervellotici e soprattutto non pretendete di andare sempre all’attacco con squadre che sono 3 volte più forti delle vostre!!!!!!!!! Almeno questo è il mio punto di vista, amen…

IL COLPO DIFRA NON RIABILITA FERRERO

Che l’arrivo di Eusebio Di Francesco alla Sampdoria sia da considerarsi un colpo importante è per me fuori discussione. Se

UN UOMO SOLO (NON) AL COMANDO

La Sampdoria ha concluso la stagione con una bella vittoria sulla Juventus – frutto di un secondo tempo virtuoso che

CHE BARBA… CHE NOIA

Non è bastato alla Sampdoria giocare per quasi un’ora in superiorità numerica al “Bentegodi” contro il malcapitato Chievo per tornare

LA RESA

La Sampdoria ha scritto con l’Empoli un’altra bruttissima pagina di questo suo pessimo finale di campionato, l’ennesimo degli ultimi anni.

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta