IL FESTIVAL DEL (NON) GOL

23 ott 2018 by Maurizio.Michieli, 235 Commenti »

Con il Sassuolo ci si aspettava un festival del gol, tra due squadre votate all’offensiva. Invece, Giampaolo e De Zerbi si sono quasi annullati in una noiosa partita a scacchi. Nel primo tempo gli emiliani hanno giocato meglio, ma al netto del palo di Berardi sono stati i blucerchiati a creare più occasioni, non concretizzandole. Audero, di fatto, non si è nemmeno sporcato le mani, grazie ad una retroguardia sempre più bunker (terza in Europa dietro United e Liverpool): merito dell’organizzazione Giampaoliana, ma poiché è la medesima degli ultimi due anni significa che è cresciuta la qualità degli interpreti, Tonelli su tutti. Davanti Quagliarella è a secco da un po’, Caprari è il solito incompiuto, Defrel bravo ma non un cecchino, Kownacki un fantasma. Se la Samp in questo campionato vorrà alzare l’asticella delle ambizioni, a gennaio bisognerà potenziare il reparto offensivo. Altrimenti, va bene così: il quinto posto è tanta roba. Domenica con il Milan sarà un altro test per capire se la Sampdoria sarà in grado di lottare per i quartieri semi alti per l’intera stagione oppure dovrà ridimensionarsi. Certo che con una difesa così tutto è permesso. Saranno contenti soprattutto questi tifosi che rinfacciavano a Giampaolo un eccessivo offensivo: sono stati accontentati.

235 Commenti

  1. petrino scrive:

    una noia mortale.
    Meglio una difesa a doppia mandata, anche se lo spettacolo e’ una chimera.
    Lunga vita a saponara e basta con gaston.
    Ininfluente e dannoso, come il suo gemello caprari.

    • Marco scrive:

      Quasi tutti i trequartisti passati nella SAMPDORIA targata Giampaolo sono fumosi, perchè chiamati al compito del sacrificio nel non possesso.
      E si sa che il trequartista per natura non difende.

      • francesq scrive:

        Non d’accordissimo con te, nel senso che il 3/4 di sarri e giampaolo è quasi una punta aggiunta, che loro chiamano “sottopunta”. Si abbassa ma mica troppo.

        Saponara ha caratteristiche buone per il ruolo, non essendo propriamente un 10 classico come ramirez; speriamo che torni in fretta in piena forma, perché ci serve come il pane.

        Aggiungo che Caprari deve giocare esattamente lì, da “sottopunta”, perché da punta non combina nulla, dopo due anni penso che possiamo dirlo senza timori di sorta.

        • Marco scrive:

          come no, faresti meglio a rivederti la posizione in campo di Ramirez in fase di non possesso, come fu per Alvarez e Bruno Fernandes.

          • Paolo1966 scrive:

            Secondo me avete ragione sia tu che Francesq, da un lato il 3/4 del Mister deve essere una punta aggiunta, ma paradossalmente deve anche aiutare dietro. Questo fa si che la resa dipenda tantissimo dalle caratteristiche specifiche dell’interprete, e dei nostri l’unico con fisico piede e gamba e’ Saponara. Caprari deve capire cosa vuol fare da grande e Ramirez gigioneggia troppo

      • Zaccotenay scrive:

        Ma lui ha detto che ha un solo piano A

  2. Marco scrive:

    Non aver perso contro una squadra statisticamente molto ostica è un bene.
    La partita nel finale sembrava quasi la fotocopia dell’anno scorso , sembrava non ne avessimo più.
    Tonelli è stato il vero valore aggiunto in questo scorcio di campionato, a volte guardare in Italia non guasterebbe , i migliori in campo, secondo mia opinione, Tonelli e Magnani.

    Purtroppo la migliore in Europa non è il Manchester United, con sciagura Mourinho, ma i cuginastri del City.

    La SAMPDORIA per ottenere una difesa bunker ha dovuto giocoforza rinunciare a qualcosa in attacco. Votati al sacrificio gli attaccanti ne risentono e quasi mai supportati dal centrocampo molto sterile.

    Non ho capito il senso dei 3 cambi di Giampaolo, Linetty era infortunato? Jankto che problemi ha che non gioca mai? Forse provare a modificare qualcosa a centrocampo dove nel finale siamo stati sovrastati non era meglio? Kownacki sempre negli ultimi 5 minuti sembra un cambio atto solo a far rifiatare il Quagliarella di turno e non per modificare le sorti di una gara.

    Ora ci saranno 3 partite toste con Milan,Bovini,Roma 3 squadre in crisi di risultato.

    • Michele G. scrive:

      Io mi sono posto la stessa domanda per Jankto, ma ha risposto direttamente Giampaolo, dicendo di fatto che Jankto ha patito molto l’esclusione e la panchina e quindi potrà tornare titolare quando riuscirà a mettere in difficoltà l’allenatore con l’impegno. Sostanzialmente dice che ha problemi di testa che dovrà risolvere da solo.
      Per quanto riguarda Kownacki, e qui rispondo anche al moderatore, non so cosa possa dimostrare in 5 minuti di partita ieri sera. Quello visto all’opera nelle altre partite in cui abbia giocato almeno più di un quarto d’ora, in effetti, è sembrato piuttosto involuto. Chissà che non abbia bisogno di farsi un po’ le ossa in prestito a Gennaio.

      • Michele G. scrive:

        Per amor di correttezza grammaticale, altrimenti giustamente Jetta mi cazzia, “cosa potesse dimostrare….”. Il fatto è che ero partito per scrivere un’altra cosa e non ho rivisto i verbi dopo la modifica della frase.

      • Zaccotenay scrive:

        Fabio a meno che non si faccia male, non lo toglie se non a 5 minuti dalla fine. Mai pericoloso a volte sembra di giocare in 10 ma è l’unico che ha personalità e va a protestare dall’arbitro, vedi fallo evidente su ramirez, gli altri ?come non fosse successo niente magnanelli ,invece, era sempre dall’arbitro a protestare su ogni cosa. Per quanto riguarda il nostro polacchino, secondo me patisce il connazionale capocannoniere. È poi non tiriamo mai in porta, ma è un ordine della panchina? Troppi retropassaggi e così defrel non riesce mai a partire perdiamo i tempi di gioco in fase di recupero palla SAMPDORIA Sopra Tutto

  3. Paolo1966 scrive:

    Partita tattica.

    Nessuno ha avuto la voglia/forza/capacita’ di metterci del suo e lo zero a zero e’ stato inevitabile, in questi casi se non sai vincere meglio non perdere..

    Globalmente la squadra ha giocato da 5,5.

    Secondo me (e magari posso sembrare un pazzo) I tre centrocapisti devono essere Barreto Ekdal e Linetty, tutti piu’ concreti e pragmatici, meno dotati ma piu’ portati a giocare di prima senza troppi ghirigori.

    Saponara serve come il pane.

    Ramirez Praet Caprati sono troppo fumosi (parlo di quelli probabilmente piu’ dotati tecnicamente ma che paradossalmente sono poco incisive in partite in cui serve il guizzo e uno per l’altro perdono sempre almeno un tempo di gioco quando ricevono palla, Ramirez e Caprari penso siano pure il top per palle perse).

    Davanti a Quagliarella non si possono chiedere miracoli, Defrel globalmente ha fatto bene ma potrebbe e dovrebbe fare un pochino di piu’, non fosse altro perche’ dietro di loro c’e’ il nulla.

    La mossa ovvia a Gennaio e’ mi mandare Kownacki a giocare e prendere un usato sicuro che sappia segnare e far rifitatare I due titolari.

    La difesa e’ ottima.

    Paradossale che gli acquisti costosi Colley e Jankto siano costantemente in panca, ma Gianpaolo e’ stato chiaro: soprattutto dal secondo si aspetta che tiri fuori e palle…

    La classifica e’ ottima (anche se I due punti di Cagliari gridano ancora vendetta…) ma pure piuttosto corta, quindi vietato fare passi falsi

    • Marco scrive:

      Praet sembra piu un incontrista, avrà recuperato 30 palloni e persi altrettanti in impostazione, che dovrebbe essere il suo ruolo naturale .
      Bisogna capire i compiti che gli da Giampaolo, che comunque lo ha snaturato.

      Però Barreto no, abbiamo Praet,Linetty,Jankto(oggetto misterioso), che dovrebbero garantire anche dei gol, Barreto sta facendo indubbiamente bene e sembra un altro rispetto ai 2 anni passati, ma serve piu come rincalzo che come titolare.

      L’attacco risente del sacrificio costante richiesto, Quagliarella e Defrel avranno avuto 10 palloni giocabili in tutta la partita, serve un centrocampista che sappia rompere gli schemi, ma Giampaolo vuole? Perchè quasi tutti i giocatori in mediana sembravano incollati in quella zona di campo.

      Grida vendetta anche il punto contro l’Inter, la squadra con più natiche di elettra lamborghini

    • Zaccotenay scrive:

      Fumosi hai detto giusto, se non fumati addirittura

  4. maurosampbolzano scrive:

    lo ripeto il Sassuolo è una signora squadra, con pressing alto e veloce, con ripartenze rapide anche sulle corsie esterne (beati loro che le usano),hanno dei piedi buoni, ci mettono il piedino nei contrasti, ma diciamo che pareggiare pur giocando in 10 per 3/4 di partita (gonzalo) è anche un buon risultato .non ho capito l’impiego di gonzalo dal primo minuto, come la sostituzione di Defrel con Caprari ( a meno di noie muscolari)lasciando dentro sempre gonzalo, quando poteva entrare subito il polacchino e caprari fare i trequartista o Saponara…vabbè così ha scelto e così è andata,,il quinto posto non si discute è buono (compresi i rimpianti di punti lasciati) ora vediamo di migliorarci a milano dove ci aspetta una calda partita che la Samp dovrà giocare diversamente per fare un risultato. avanti Samp

  5. Edoardo scrive:

    Il punto col Sassuolo a me va pure bene per carità, intanto muoviamo la classifica, ma non esaltiamoci troppo perché il 5° posto dopo appena 9 giornate di campionato caro Maurizio vuol dire poco o nulla basti pensare che in 4 punti sono racchiuse ben 9 squadre, io direi piuttosto che la nota positiva è senza dubbio la difesa grazie ai nuovi innesti (Audero e Tonelli su tutti), ma cari miei là davanti se il vecchio Quaglia non accende la lampadina ahimè è notte fonda e comunque vorrei far presente ai cosiddetti “giampaoliani”, non per polemica ma solo per semplice amor di cronaca, che in tutta la partita contro i neroverdi di De Zerbi (in casa!) siamo riusciti a fare 1 solo tiro nello specchio della porta al 40° con Barreto, se questo secondo voi significa giocare bene allora prima di andare avanti nelle discussioni dobbiamo metterci bene d’accordo sul concetto di “bel gioco”, detto questo sempre forza Samp e alla prossima…

  6. Maraschi scrive:

    Kownacki è un fantasma perché gioca solo umilianti spiccioli di partita, il vero fantasma, ieri sera, è stato Quagliarella, con lui abbiamo giocato uno in meno.

    • Stefano_1970 scrive:

      Concordo al 100%

    • Sand66 scrive:

      Dare del fantasma al capitano è ingeneroso, l’unico che assicura un rendimento costante e che riesce ad inventare qualcosa in avanti visto che il 3/4 (il vero fantasma) non crea niente, anche ieri ha fornito due assist che sono stati sprecati malamente (uno dal famoso 3/4) poi, certo, non riesce a ripiegare, attaccare e inventare per tutta la partita, pensate che il polacchino oltre all’attaccante riesca a fare anche il difensore e il 3/4?

    • Marco scrive:

      Reputo vergognoso criticare il nostro capitano

      • Maraschi scrive:

        Oh mamma mia! Mi viene in mente: scherza coi fanti ma lascia stare i santi. Un po’ di misura per favore. Io mi vergogno di altre cose, non di criticare un calciatore anche se il capitano.

        • Marco scrive:

          Mi sono espresso male, dire che Quagliarella sia stato un fantasma è scorretto, 2 assist perfetti non finalizzati dia Ramirez e Barreto parlano da soli.
          Inoltre ha sempre cantato e portato la croce alla SAMPDORIA.
          Sarebbe più corretto dire ” quando ha meno lucidità lui ne risente tutta la squadra”

          Le critiche ci stanno per tutti comunque.

          • giovanni scrive:

            marco, qui da noi si sono criticati mancini, vialli, gullit, platt, jugovic, seedorf, katanec, dossena, lombardo e mille altri quando era il caso…figurati se non trovi chi critica quaglia che gioca da tre/quattro partite solo al 98% e non va oltre il 100% come aveva abituato…

          • Marco scrive:

            Hai ragione Giovanni

      • Heisenberg scrive:

        Hai ragione…il regime di questo blog proibisce severamente critiche a Quagliarella e Giampaolo.

        • Michele G. scrive:

          Non ditemi che ai tempi di Vialli, Mancini e gli altri coevi esistesse già il blog! Questa mi era sfuggita! ;-)

          • giovanni scrive:

            no, figurati michele al tempo ci si limitava ad altri sistemi ma le critiche ti posso assicurare che le sentivi eccome e comunque, sia allo stadio, nei bar, in piazzetta sui giornali ecc; ribadisco che si può fare le critiche a chiunque compresi i mostri sacri e certamente anche al quaglia ci mancherebbe, ma lunedì sera ha messo lui tre volte la palla gol prima a ramirez, poi a barreto e poi a saponara; se vincevi tre a zero con tre suoi assist di cosa si parlerebbe ora? di un giocatore che non conosce età, che migliora come il vino nelle botti di rovere, che ha già sette assist gol…ma come diceva gullit “se mia nonnna avesse avuto les pelotas ora io non sarei qui a parlare”…

          • Michele G. scrive:

            Sì, lo so Giovanni. All’epoca bazzicavo costantemente la Sud ed effettivamente i mugugnoni c’erano sempre. Mi ricordavano un po’ uno spot di Carosello di quella famiglia degli incontentabili che, dovendo acquistare degli elettrodomestici, mettevano a perdere i negozianti e non erano mai soddisfatti.

          • Marco scrive:

            Guarda che tutti gli attaccanti che abbiamo in rosa valgono meno della metà di Quagliarella 35enne.

            Poi che in qualche partita si possa provare a diversificare per sorprendere l’avversario ci può anche stare, ma ad oggi lui è il valore aggiunto della rosa.

        • Marco scrive:

          Produci meno metanfetamina ;)

          Le opinioni sono tutte rispettabili, ma verso Quagliarella sono ingenerose, dopo tutto quello che ha dato ai nostri splendidi colori.

          Poi come ho scritto sopra le critiche ci stanno per tutti.

          • Heisenberg scrive:

            Ma scusa perché? Nessuno nega sia un campione e possa ancora risolvere partite con una giocata. Io mi limito ad osservare come nell’economia della partita sia, sempre a mio personale parere, un lusso che non ti puoi permettere; almeno per 90 minuti. Per me dovrebbe entrare negli ultimi 20; li potrebbe diventare il vero valore aggiunto

    • Edoardo scrive:

      Caro Maraschi, forse Super Fabio Bros. incomincia a sentire un po’ il peso dell’età e poi certo non lo agevola il gioco dell’allenatore che chiede sempre pressing alto e costante per tutta la partita, ma Super Fabio resta comunque l’attaccante più forte che abbiamo a disposizione e secondo me non possiamo permetterci di mandarlo in panchina, piuttosto gli altri devono dare di più, Defrel deve fare più gol e anche i centrocampisti devono osare di più, invece nessuna dribbla, nessuno fa giocate di fantasia, nessuno tira da fuori, tutti si limitano a fare il compitino e basta, Praet non punta mai la porta, Caprari non ci da neanche in una casa, Ramirez ogni tanto ci prova ma predica nel deserto e Kownacki è ingiudicabile perché entra sempre all’85′ a partita virtualmente finita, almeno a Massaro 15′ glieli davano, allora io non getterei tanto la croce su Super Fabio ma anzi dovrebbero gli altri supportarlo di più e offrirgli ogni tanto qualche pallone decente cosa che invece non accade quasi mai…

  7. Stefano_1970 scrive:

    @ Maurizio Micheli

    Segnalo che il fantasma polacco é entrato circa al minuto 86.
    Ha fatto zero come zero ha fatto chi lo ha preceduto. Non sta a me dire se sia colpa degli schemi o del poco minutaggio o altro. Mi auguro solamente che la società abbia valutato i pro ed i contro di puntare su un ultratrentenne senza margine di plusvalenza, eccezionale in alcune situazioni ma anagraficamente non in grado di reggere un campionato intero mantenendo in panchina un giovane credo promettente visto il rendimento della scorsa stagione il cui valore purtroppo non lievita visto che non scende in campo. Poi a fine stagione i conti si fanno su due feonti: continuare con il “vecchio” o puntare sul “nuovo”…. Sempre che il giocatore o il suo procuratore non si siano già mossi in anticipo comprendendo che con la guida tecnica attuale lo spazio è le opportunità di crescita non sussistono. Poi per carità… Sul mercato si può trovare altro… Ma piano piano la favola di una Samp trampolino di lancio va a scemare…. Diminuendo l appeal….

    • Marco scrive:

      Ma tu esisti a i gol della SAMP o alle plusvalenze fammi capire

      • Marco scrive:

        Correttore malefico, esulti ai gol della SAMP o alle plusvalenze

        • Stefano_1970 scrive:

          La Samp attualmente esiste in funzione delle plusvalenze e non della patrimonialità della proprietà. Pertanto é un aspetto da tenere seriamente in considerazione. Mi sembra che i media genovesi lo mettano spesso in risalto per illustrare le dinamiche di mercato e non che ruotano intorno all ambiente.

          Ho segnalato solamente a Maurizio che catrame è piume su un giocatore dal minutaggio di 8 minuti forse é un po’ troppo e che,, parere personale, la gestione del giocatore stesso non abbia senso su molti fronti (Quaglia gli é superiore ma dovrebbe essere alternato, il polacco non mette benzina nelle gambe, etcet)

          Per rispondere alla rua domanda: esulto ai goal della Samp. Per far goal occorre tirare in porta. Per tirare in porta o si vive di episodi o si adottano schemi per portare attaccanti o altri giocatori al tiro. A me sembra che si viva più di episodi che si schemi o perlomeno che l attuale composizione del reparto offensivo non permetta di variarli o di interpretarli correttamente.

          • Faso scrive:

            Come ho già avuto modo di scrivere, Kownacky deve giocare altrove, fare esperienza da titolare piuttosto anche in B per dare modo di capire che giocatore è…
            Serve ben altro giocatore come terza punta per completare un reparto offensivo che già vede presente un profilo come Caprari che non è certo un bomber e lo dimostra il fatto che lo stesso Giampaolo lo avesse già considerato trequartista salvo poi doversi rimangiare il tutto per il “teatrino” della punta non arrivata nell’ultimo giorno di mercato.
            Vorrei inoltre aprire una parentesi su Praet… ma siamo proprio sicuri che sia quel gran giocatore che tanti lodano?
            E’ al terzo campionato con noi e mi sembra un eterno incompiuto, oltretutto non segna mai !!!

          • Marco scrive:

            e tu faresti fuori Quagliarella, che valorizza anche vari bidoni spacciati per fenomeni , capitano che ci ha trascinati fino a un insperato piazzamento uefa , lui che ha fatto 2 gol(uno al Napoli da fenomeno) 4 assist vincenti , per tentare di valorizzare un giovane?????

            Guarda che non funziona cosi di fianco a giocatori da valorizzare serve un giocatore di spessore.

            Vedi Tonelli a fianco di Andersen, le quotazioni del biondo sono salite alle stelle.

          • Stefano_1970 scrive:

            @ Faso

            Inviare il giocatore a fare esperienza altrove é certamente un opzione. Implica/implicava di prendere sul mercato un altro attaccante. A luglio/agosto non sono stati brillantissimi nella gestione del mercato attaccanti arrivando suk filo di lana a dirottati su un trequartista. Probabilmente per il budget che si erano prefissati e le richieste tecniche del mister non avevano una gamma di scelta così vasta. A me sembra un “problema” più complesso

          • Stefano_1970 scrive:

            @ Marco

            Sono scelte strategiche e nel medio termine… Non decisioni di cuore. Capisco l attaccamento al giocatore ma per fare un salto di qualità occorre anche essere razionali.

            Questa é la mia opinione. La tua ha pari valore. Poi il campo da il responso.

          • Marco scrive:

            Stefano

            Mai preteso di aver ragione su tutto x quaglia parlano i numeri recenti della passata stagione

          • Stefano 1970 scrive:

            @ Faso

            I numeri sono sempre importanti. Ad esempio le Aziende si basano sui numeri. Poi ci sono le statistiche ed allora li è un pò più varia la cosa (ad esempio se siamo in due ed io mangio due mele risulta che abbiamo mangiato una mela a testa…questo per semplificare perchè poi ci sono dei calcoli più complessi che correggono questi estremi).

            Quagliarella lo scorso anno ha finalizzato alla grande. E la stagione corrente sta dimostrando di essere al livello realizzativo di stagioni precedenti. Dal punto di vista dinamico però ha perso molto e questo non giova allo sviluppo della manovra offensica che con l’Inter ad esempio è stata completamente incentrata su Defrel (perchè lui operava i movimenti mentre Quaglia no o comunque saltuariamente). L’esperienza probabilmente gli suggerisce quando “investire” energie in un movimento e quando no. Questo non posso discuterlo perchè non mi sono mai trovato in situazioni affini. Detto questo il giocatore forse potrebbe essere gestito diversamente (…quando abbiamo giocato 3 partite in una settimana ad esempio poteva essere sostituito prima per fargli tirare il fiato o messo in panchina per una partita eventualmente mettendolo in campo a partita in corso…).

            Il mio ragionamento andava oltre e partiva da prima. Non è necessario condividerlo. Ma magari andargli contro argomentando in maniera più corposa potrebbe farmi riflettere maggiormente sui contenuti.

          • Stefano 1970 scrive:

            Scusate… ho scritto qui sopra @ Faso ma intendevo @ Marco

          • Marco scrive:

            Stefano

            Quagliarella ha classe e cervello, giocatore che corre per 2 e non ha mai i crampi, ha l’imprevedibilità di saper segnare o mandare in rete i compagni qualità difficile da trovare in una prima punta.
            è un leader, ha fame , ci tiene alla maglia.
            Ha contribuito agli introiti di Muriel e Zapata , tanto per citarne 2 a caso.
            Spalla ideale per l’attacco perchè ti fa segnare, come lo ha sperimentato anche Defrel in parte quest’anno.

            Quando lui ha meno lucidità ne risente tutta la squadra.

            Mi pare che la società si fosse mossa per sostiturlo, Zaza( vera follia di mercato) era il suo sostituto ed abbiamo seriamente rischiato di rimanere senza prima punta, perchè Quagliarella era già promesso all’Udinese, si dice saltato per la compagna di Fabio.

            Il mercato estivo è stato costellato di rifiuti a ripetizione, perfino La Gumina era l’obbiettivo n1 per l’attacco, prima che scegliesse Pecini e l’Empoli.

            Trovare uno come Quagliarella , che è Uomo , Leader , prima ancora che calciatore è impresa ardua. Pensare di sostiturlo con Kownacky in uno schiocco di dita mi pare azzardato.

            La SAMPDORIA quest’anno sta puntando tantissimo sul non prendere gol e il solito rigoroso voto al sacrifico richiesto da Giampaolo rischia di farti arrivare alla fine col fiato corto e la mente offuscata e sta facendo ruotare la rosa ben poco, Colley,Vieira,Tavares,Jankto si son visti poco e ad occhio erano gli acquisti certi da fare i titolari.

            Tonelli e Saponara 2 prestiti per tapullare i vari rifiuti ed invece sono quelli piu incisivi soprattutto Tonelli.

            Questo dimostra che lasciare il certo per l’incerto è un azzardo non da poco.

          • Daniele da Rapallo scrive:

            Quoto Marco al 2000 X 1000

          • Stefano 1970 scrive:

            @ Marco

            Al contrario di te non conosco personalmente Quagliarella pertanto non mi espremo sulla sua intelligenza. Concordo sulla classe.

            Al contrario di te non ho idea se corra/percorra e con quale intensità il doppio degli altri giocatori. Forse riesco a documentarmi sui km percorsi da siti specializzati ma per intensità non credo di poter accedere ai dati gestiti internamente dalla Società. Può essere una riflessione pensare che macini più di altri (più giovani) o comunque macini km con più saggezza.

            Muriel è stato valorizzato economicamente mentre Zapata temo di no. Potrebbe essere una riflessione pensare che il buon lavoro di Quagliarella sia stato vanificato da politiche di mercato insensate. Oppure no.

            Quando ha meno lucidità si sostituisce gestendone le energie e ottimizzando l’intensità di gioco durante la partita della squadra.

            Non conosco l’accezione di “uomo” che conferisci a Quagliarella. Credo che abbia personalità (…lo ha dimostrato…) ma non sono in grado di scendere nel dettaglio complessivo della persona pertanto mi affido al giudizio di uno come te che lo conosce molto bene,

            Non so dirti se sia un leader perchè purtroppo non ho rapporto confidenziale con la rosa della Samp o con ex compagni di squadra di Quagliarella che mi abbiano riportato questa informazione. Di certo, a prima vista, appare come una persione seria .

            Comunque ti ringrazio per il tempo che mi hai dedicato. I tuoi spunti sono genuini e anche condivisibili in alcuni passaggi. Perlomeno stimolano lo scambio di vedute.

    • Sand66 scrive:

      Guarda che sostituire il capitano, plusvalenza o non plusvalenza, non è cosa semplice.
      Quaglia assicura il giusto sacrificio e l’esperienza per inventare qualcosa in avanti, pensi che Kownacki abbia la personalità per sostituirlo? Se non hai un trequattrista forte che assicura rifornimenti (speriamo in Saponara) in avanti sono guai, e il capiatno più di una volta ha fornito assist, a volte fondamentali, ai compagni (anche ieri) sei sicuro che il giovane polacco sia pronto per accollarsi l’attacco sulle spalle? Se poi non riesce, perché non pronto, quale sarà la plusvalenza? Penso che se Saponara inizia a giocare su alti livelli anche kownacki inizierà a vedersi più spesso in campo, magari riservando il Quaglia per i match di cartello.

  8. Michele G. scrive:

    Secondo me, ieri sera il primo che avesse segnato, avrebbe portato a casa la vittoria. Invece, come ha detto Giampaolo e ribadito da Maurizio, è stata giocata una partita a scacchi, nella quale nessuno dei due è riuscito a prevalere. Luca Pellegrini e l’altro commentatore, di cui mi sfugge il nome, hanno detto che la partita era estremamente divertente. Ora, io non sono un addetto ai lavori come i due sopracitati, ma sinceramente, mi sono annoiato un po’. Sarà che preferisco i film d’azione che quelli psicologici, ma avrei preferito vedere una partita meno tattica e più coraggiosa. Alla fin fine, considerato come sono andate le cose, ritengo che sia un buon punto (in questo sono d’accordo con Giampaolo), perché ottenuto contro una squadra rognosa, che non ti permetteva di giocare, mantenendo il prolungato possesso della palla, che di solito è a nostro appannaggio. La difesa si è dimostrata ancora una volta molto solida e non abbiamo corso grossi pericoli, se si eccettua il palo di Berardi, ottenuto, peraltro, in evidente posizione di fuorigioco, che solo l’inesperta terna arbitrale è riuscita a non vedere (penso che il VAR lo avrebbe annullato, qualora avesse segnato il gol). Abbastanza bene il centrocampo, anche se Ramirez, forse ieri sera un po’ più diligente del solito (è riuscito a non perdere tanti palloni, come spesso gli accade), rimane un gradino sotto la media. Forse al di sotto del loro standard ieri sera gli attaccanti, in particolare Quagliarella, per quanto abbia servito a Barreto, oltre che a Ramirez se non erro, un pallone d’oro, che il paraguaiano non è riuscito a convertire in gol, sia per la bravura del portiere, sia perché non ha le caratteristiche tecniche dell’attaccante. Peccato per le altre due occasioni capitate a Ramirez, appunto, ed a Defrel, trovatisi purtroppo a calciare con il loro piede sbagliato. Una cosa che mi lascia ancora insoddisfatto è l’incapacità che dimostriamo nei tiri da lontano, che finiscono invariabilmente in gradinata. Mi domando se li provino in allenamento e con quali risultati. Ripeto, lo considero un buon punto, che muove la classifica ed ottenuto contro una buona squadra, allenata da un bravo tecnico.

  9. Sand66 scrive:

    Premetto che pareggiare con il Sassuolo ci sta in quanto li reputo una buona squadra che gioca bene però, alla fine, li vedo più come due punti persi che uno guadagnato.
    Era una partita in cui si doveva osare un po di più, vuoi perché avevi a disposizione tutti i titolari, vuoi perché contro avevi una formazione senza gli uomini più forti, vuoi perché te la giocavi in casa e vuoi pure perché con due punti in più potevi ammortizzare qualche risultato negativo che nelle prossime tre potrebbe scappare.
    Se giochi con Ramirez (un 3/4 che non inventa, perde palle e non segna) in avanti faticano, difatti Quaglia deve inventare e segnare e Defrel è costretto a ripiegare per tamponare le palle perse sulla tre quarti, poi Caprari (visibilmente smarrito) lo inserisce in attacco, Praet a sinistra per far giocare Barreto a destra e Saponara si vede gli ultimi 15 minuti. Vi giuro non ci ho capito più niente.
    Detto ciò se non si può vincere meglio pareggiare.
    Forza Doria sempre e comunque.

  10. Solosamp1946 scrive:

    Buon punto perché ottenuto contro una buona squadra e organizzata…si poteva vincere come si poteva perdere. Indispensabile ,a mio avviso ,recuperare Saponara perché può essere l uomo che ci fa fare un piccolo salto di qualità. Sinceramente se dovessimo arrivare a gennaio con una buona classifica bisognerebbe provare a rinforzare l attacco con una punta di peso in grado di fare la differenza in partite come quella di ieri sera e magari mandare kownaki in prestito a farsi le ossa perché lo vedo un po’ mollo…si ha pochi minuti a disposizione ma è proprio per questo che deve entrare determinato

  11. Fra Zena scrive:

    Buon pareggio contro una squadra ostica, anche se la prestazione non mi è piaciuta. Dietro siamo ok anche perché giochiamo col baricentro più basso che in passato, ovviamente lo paghiamo con meno fluidità in attacco. Se si fa questo tipo di gioco un po’ spartano inoltre servirebbe un attaccante più fisico secondo me. Infine , ma forse è una mia impressione, spesso mi pare che finiamo le partite in calando fisico o comunque con poca brillantezza. Comunque bene non aver perso, guardiamo avanti con fiducia

    • Marco scrive:

      Ho notato anch io un calo drastico nel finale , facendo tornare i fantasmi dell’anno scorso.

      Togliere Quagliarella ma anche Defrel , per 2 giocatori che di palloni ne perdono a iosa Caprari e kownacky ha influito, oltra al fatto che forse un centrocampista fresco avrebbe dato maggior respiro.

      • Fra Zena scrive:

        È vero. I nostri ricambi in attacco non solo non pungono ma perdono una marea di palloni, cosa molto grave nelle fasi cruciali delle partite

  12. Matte Genovese scrive:

    Non si sa chi ha parlato di bel gioco, se il calcio è questo , be allora va bene cosi, perche fare un tiro in porta in una partita per me nn e bel calcio, va bene la difesa, nn si prendono gol, ma sinceramente fra centrocampo e attacco possiamo lasciare perdere , almeno per ieri sera… La davanti siamo sterili, chi ha pensato che quagliarella poteva ripetere il meraviglioso campionato dell anno scorso per me e un folle, defrel malagrado l ottima partenza pare si sia fermato, il polacco nn si sa bene che tipo di giocatore sia caprari fuori ruolo, e manca comunque un uomo che sappia spaccare certe partite tipo ieri dove nn si trova un barlume di iniziativa per sbloccare il risultato.. quindi per me a Genova contro il sassuolo nessun punto guadagnato ma, tre punti persi !! ciao.

    • Marco scrive:

      Il primo tempo è stato giocato a ritmi molto alti e spesso si dice che la partita perfetta sia 0-0.

      Ovvio che per il tifoso l’assenza del gol in una partita di calcio lascia l’amaro in bocca.

      • Matte Genovese scrive:

        marco, non e solo la questione del gol….

        • giovanni scrive:

          matte scusami ma intento i punti persi non sono tre ma al limite due e poi non abbiamo tirato in porta? sarà anche ma conta che due volte sono stati palloni sbattuti per caso o per s..ga su gambe e ginocchia altrui, ramirez di destro ha abbattuto il solito fagiano ma era più facile prendere la porta, defrel da sette metri ha messo di due a lato del portiere, saponara ha avuto il torto di avere quella palla sotto la nord solo un minuto dopo essere entrato ed andersen di testa ha fallito il gol da pochi passi ancorchè contrastato efficacemente…abbiamo vinto e perso partite con molto meno, peraltro con il sassuolo a genova più di una volta abiamo zuccato tipo l’anno scorso o con delione rossi in panca…per dire.
          chiaro che se pensi che defrel o il quaglia ti facciano venti gol…beh, firmo anch’io ci mancherebbe, centrocampo di ieri ha svolto bene il suo compito, il sassuolo 4° attacco della A non ha praticamente mai tirato in porta e quando l’ha fatto berardi partiva da fuorigioco…ti dirò, la palla l’hai vista muovere quasi sempre raso terra, il gioco non è mancato, forse la temperatura ha influito, per la prima volta si giocava con un leggero freddo?, che può avere influito, ma sono discorsi sterili, verrà più freddo e dovremo fare comunque gol questo si, ma almeno secondo me ieri sera non siamo andati così male, piuttosto purtroppo domenica prox ci aspetta a san siro la triste processoine di aiuti al capezzale del moribondo milan…quello si che mi farà inc….re, perchè dovremo avere il coraggio di lasciare anche un pò stare il bel muoversi sul campo per strappare punti…speriamo fatichino come bestie già giovedì.
          ciao un abbraccio

          • Matte Genovese scrive:

            giovanni io rimango della mia idea…. in casa ste partite devi avere il coraggio di vincerle, anche rischiando…. ieri nn e stato cosi. un abbraccio anche a te…. a milano a viso aperto senza aver paura di aiutini !!!

          • giovanni scrive:

            ci mancherebbe matte, ma il coraggio di provare a vincerla mi pare proprio che lo abbiamo messo, poi non sempre va come vorremmo che andasse… ma questo è il calcio; l’anno scorso per provare a vincerla dopo il rigore parato, ricreato da torreira ma graziato dall’arbitro, avevi finito per perderla…
            (il messaggio è per matte…non mi rispondo da solo eh)

  13. Daniele da Rapallo scrive:

    Partita ostica : muro contro muro tra due squadre che giocavano a specchio e tutto sommato equivalenti. Forse il sassuolo correva di più e (buon per loro se terranno questo ritmo fino a in primavera) e quadruplicava le marcature anche al novantesimo.
    La samp è più quadrata ed ha maggiore equilibrio, speriamo anche psicologico, rispetto allo scorso anno ma già dal finale convulso e bizzarro di mercato si capiva che manca qualcosina in avanti. Manca o un centravanti di peso per cambiare tipo di gioco se necessario o un giovane di talento che possa alla lunga e in futuro sostituire Quagliarella. Il trequartista buono ci voleva, invece, in ogni caso poichè Ramirez e Caprari sono inadatti per motivi diversi : il primo ha i piedi buoni ma è lento ed incostante oltre a patire la velocità degli avversari. Il secondo è un fuori ruolo che tuttavia quest’anno ha anche segnato ma un spesso fumoso. Il giovane polacco sarà anche capocannoniere in under 21 ma il campionato italiano è un po più difficilino.
    Una cosa è certa : non tira nessuno se non da dentro l’area.
    Tardive secondo me le sostituzioni soprattutto quella di Saponara che, insieme a Quagliarella e forse a Praet, è uno dei 3 giocatori di classe superiore rispetto agli altri gregari. Speriamo il cielo ce lo preservi da infortuni frequenti.
    Ottima quindi la tua analisi, Maurizio e bello sarebbe alzare l’asticella (a proposito, scarseggiano ormai i nomi da grandi plusvalenze..)…..ma personalmente lascerei stare questo momentaneo quinto posto non certo destinato a durare. Lo scorso anno fummo sesti per tre quinti di campionato per poi finire undicesimi, quindi : se la squadra manterrà questa quadratura psicofisica, non buttando tutto alle ortiche da Marzo compreso in poi, allora ci sarà stato il vero salto di qualità; se poi a Gennaio corregge qualcosa meglio. Già un ottavo posto sarebbe giusto e dignitoso : un settimo sarebbe bello ma pericoloso mentre scendere sotto l’ottavo sarebbe di fatto un fallimento viste le premesse.

  14. Joe Kidd scrive:

    Partita difficile contro una squadra che generalmente segna molto.
    La nostra difesa ha offerto un’altra ottima prova però anche in avanti abbiamo creato: Ramirez, Defrel e Saponara potevano timbrare ma hanno sbagliato.
    Ancora molto bene Murru, in crescita Gaston.
    Nel calcio moderno i giocatori offensivi DEVONO pressare e aiutare dietro e pure i trequartisti che sono il collegamento tra centrocampo e l’attacco…quindi fa sbellicare anche i sassi l’accusa a Giampaolo che ha preparato ottimamente anche questa partita ostica.
    Consideriamo anche che il mister durante la sosta ha dovuto rinunciare a 12 giocatori convocati.
    Quindi ottimo punto, la squadra c’è e segue l’allenatore: il 5 posto è fantastico e me lo godo.

    • Marco scrive:

      Il quinto posto penso sia gradito a tutti, però concorderai nel fatto che la mancanza di lucidità sottoporta è dovuto anche al lavoro di copertura richiesto dal Mister.

  15. Giuliano Salernitano scrive:

    Ramirez troppo sulla linea degli attaccanti. Quelle poche palle che riceve è anche lui spalle alla porta mentre dovrebbe suggerire di più le soluzioni di gioco. Qunado c’è Caprari è più attivo ma molto impreciso. Di due trequartisti non ne fanno ancora uno, al momento. Saponara è parso più adatto. Per il resto squadra quadrata che sa quello che deve fare con buona tecnica e difesa: dalla cintola in su siamo un poco deboli. Forza SAMP

  16. robmerl scrive:

    sarebbe veramente ingeneroso muovere delle critiche a giampaolo, specie adesso che abbiamo una difesa di ferro e giochiamo sempre un buon calcio (anche ieri, contro una squadra storicamente ostica).
    Mi chiedo solo – e lo chiedo anche a voi, fratelli di tifo – se in certe partite, contro gli squadroni e contro le squadre toste come il sassuolo – non sarebbe il caso di schierare quattro centrocampisti in linea, con un interditore in più (penso ovviamente a linetty ma forse andrebbe bene anche jankto) per chiudere gli spazi di gioco agli avversari. Il trequartista, in questi casi, è più di peso che di aiuto.
    NB: Non crocifiggetemi, è solo il parere personale di uno stratega dilettante!

    • Stefano_1970 scrive:

      “squadra storicamente ostica” ha un peso relativo in un calcio che da oltre un decennio muove in maniera dinamica allenatori e giocatori.

      Circa il centrocampo a 4… Tutto si può fare, ma il mister ha costruito la sua fortuna e carriera sviluppando un sistema di gioco a 3 che non sembra disposto a modificare in corso di partita. Uno dei limiti di cui ogni tanto si parla in questo spazio.

    • Michele G. scrive:

      Temo che il quarto eventuale centrocampista andrebbe a pestare i piedi ad uno degli altri tre, almeno nel gioco di Giampaolo. Giampaolo, il quale lo vedo assai poco disposto a modificare il suo credo calcistico che, almeno quest’anno, sembra dargli ragione.

    • Paolo1966 scrive:

      Guarda, se c’e’ una cosa su cui siamo tutti concordi e’ l’inefficacia dei 3/4sti visti fino ad oggi. Saponara sembra l’unico in grado di fare la differenza. Dubito che il Mister valuti una linea a 4. Ma e’ vero che se il 3/4 non fa la differenza diventa un peso

      • robmerl scrive:

        anche perché, a mio modo di vedere, il trequartista dovrebbe sveltire la manovra e andare al tiro – altrimenti finisce per intasare gli spazi al centro; e siccome è poco portato al contenimento, sulle ripartenze avversarie copre poco o nulla, costringendo i tre che ha dietro a recuperi affannosi.

  17. Tito Marassi scrive:

    Io non lo prenderei con piacere questo punto…giocavamo a casa con il Sassuolo,non dimentichiamolo..non avevamo di fronte la juve o il Napoli,il portiere del Sassuolo poteva portarsi l’amaca da casa ..non ha dovuto parare niente,Quagliarella e Defrel in evidente difficolta’,quest’anno funziona la difesa(a parte traversa Neroverde che trema anxcora) ma l’attacco e’ il problema vero..se non segna quagliarella non segna nessuno,il polacchino e Caprari sono troppo acerbi e non si puo’ contare su di loro,defrel dopo l’inizio scopiettante non si vede piu’ e Quagliarella..ha l’eta’ che lo blocca.Tra Cagliari,Inter e ieri buttati vuia una enormita’ di punti,la Samp sembra sempre una squadra che cerca il pareggio e se giampaolo e’ contento..beh..questo dice tutto delle ambizioni del soggettoi

    • Michele G. scrive:

      Tito, io penso che per certi versi sia più congeniale a noi giocare con squadre del livello del Napoli, che giocano a viso aperto, forti della loro indubbia maggior qualità tecnica, piuttosto che con squadre rognose come il Sassuolo o la Spal, con la quale fortunatamente siamo riusciti a trovare subito il pareggio ed infine il gol della vittoria, ma ci ha messo in difficoltà fino alla fine.

    • Fra Zena scrive:

      Non e’ che ogni partita non vinta equivalga a punti buttati via. In campo ci sono anche gli avversari, in campionato ci stanno i pareggi e le sconfitte al 90′, così come le vittorie un Po’ fortunose (tipo la nostra a Bergamo). Io non credo che Giampaolo non sia ambizioso, anzi quest’ anno il suo realismo mi sta piacendo. L’anno scorso quando andava a giocarsela a viso aperto ovunque e spesso prendeva imbarcate eravamo tutti qui a lamentarci. A volte sembriamo incontentabili

      • Matte Genovese scrive:

        come fai ad essere contento dopo una prestazione del genere…. La noia di ieri sera nn me la sto scrollando di dosso fra zena….. in casa devi giocare per vincere, sopratutto contro le dirette concorrenti tipo il sassuolo….

        • Fra Zena scrive:

          Contento non lo sono, ma sono dell’ idea che ieri il Sassuolo potesse farci male quindi la nostra tattica molto guardinga non mi è dispiaciuta . Un altra squadra dal sassuolo ne ha prese 5 recentemente, mi pare

          • Marco scrive:

            la stessa squadra unica ad aver portato via punti alla Juve….

            quindi non vuol dire niente, ogni partita ha una storia a se.

  18. Tito Marassi scrive:

    Leggo un commento che recita:”il mister ha costruito la sua fortuna e carriera” ma quale carriera?Ha vinto qualcosa il mister?Una coppettina?Niente di niente e quindi quale carriera?

    • Stefano_1970 scrive:

      Non avrà vinto nulla, ma credi che abbia guadagnato sul campo la visibilità per arrivare ad allenare con costanza in serie A mettendo in cascina dei bei soldini. Carriera non significa essere vincente ma avere un percorso di crescita. Lui lo ha avuto.

      • Michele G. scrive:

        Per quanto a me non faccia impazzire per niente (non sono un “giampaoliano”), penso tuttavia che Stefano abbia ragione. Indubbiamente per lui questi anni alla SAMP sono i migliori della sua carriera da allenatore, quelli che gli hanno dato maggior visibilità. Se dovesse rimanere a lungo da noi, gli auguro vivamente di arricchire il suo “scarso” palmares di qualche bel trofeo, magari a cominciare da quella Coppa Italia che sembra aver un pochino snobbato negli anni precedenti.

    • giovanni scrive:

      tito, se nel calcio avessi avuto io la “carriera” di mister giampaolo, sia come calciatore (benchè considerabile modesto) sia come allenatore mi considererei fortunato credimi; gran parte di quelli come me che scrivono sul blog e la maggior parte di chi parla di calcio tutti i giorni a certi livelli non si è nemmeno lontanamente avvicinata.
      un saluto

  19. Moussa Dembele scrive:

    Il Sassuolo ha fatto un pressing ed ha mostrato un aggressività ed un forza fisica per tutti i primi 45′ che non ho visto nemmeno nell’Atalanta di Gasperini, per dire uno che allena i fabbri ferrai.. Nonostante ciò siamo noi ad aver avuto le occasioni da gol migliori, ciabattate da Ramires, Defrel e Barreto. Il Sassuoloha colpito solo un palo su un’azione viziata da evidente fuorigioco, di Berardi stesso che prima di tirare si è passato il pallone colpito dal suo compagno quando era due metri al di là della linea dei nostri difensori. Ciò a dire che abbiamo una gran difesa ed un centrocampo forte. Praet deve crescere, perché il primo tempo ha fatto pochino, probabilmente Linetty è tornato dalla nazionale acciaccato ed il rebus è Jankto che non entra neanche a partita in corso.. Il problema è un po’ l’attacco che mi sembra un po’imballato da qualche partita.
    Se una punta è stata cercata invano a giugno, forse è veramente il caso di cercarne una a gennaio ma in questo caso Kownacki va mandato a giocare con continuità altrimenti lo perdiamo

  20. Tito Marassi scrive:

    x Stefano_1970,
    Forse avrai ragione tu ma io per carriera importante considero Ancellotti,Lippi,Conte,Allegri…uno che a 50 anni ha allenato la Samo come suo massimo senza mai vincere nulla,per me non e’ uno che una carriera..e’ uno che si arrabatta

    • Stefano_1970 scrive:

      Sono opinioni. Io rispetto la tua.
      Credo però che sia riduttiva. Secondo la tua logica Nell ultimo ventennio avremo visto una dozzina di allenatori decenti ed una miriade di “pippe”.,
      Io non sono profeta del qualunquismo ed allo stesso tempo sono profondamente convinto che il lavoro paga e certi risultati professionali si raggiungano/mantengano solamente con il duro lavoro. I tantissimi allenatori professionisti che non hanno raggiunto i vertici assoluti meritano comunque rispetto, stima e riconoscimento del valore.

  21. Tito Marassi scrive:

    Uno che ha carriera e’ Boskov,Sacchi,Ranieri…sinceramente ,secondo me,il mister e’ un allenatore da provinviciale e lo vedremo,come lo abbiamo sempre visto,nel girone di ritorno

    • Michele G. scrive:

      Purtroppo, attualmente questa è la nostra dimensione e questo l’allenatore che possiamo permetterci. All’epoca di Mantovani era Boskov la nostra dimensione, il miglior tecnico non solo in Italia.

    • Solosamp1946 scrive:

      Io penso che il mister possa arrivare a certi livelli, ancora no ,gli manca anche l esperienza a livello europeo però ha grandi doti e qualche limite ma va detto che in questi 3 anni ha saputo valorizzare tanti giocatori…mi basta pensare a murru per vedere che c è un abisso tra il giocatore che era e quello che è stato in queste 9 giornate. Aggiungo che secondo me questa rosa , in particolare il centrocampo, ha dei buoni ricambi quindi sono dell idea che non si ripeteranno i gironi di ritorno degli ultimi due anni…abbiamo più benzina

  22. Pier scrive:

    Qualcuno mi deve spiegare che senso ha mettere Praet fuori ruolo sulla destra per far giocare Barreto e tenere Linetty in panchina? Il solito Giampaolo che quando c’è da fare il salto si blocca.Maurizio sono d’accordo sull’attacco senz’altro da rinforzare ma non sulla difesa : gli interpreti sono molto diversi dall’anno scorso Andersen Tonelli Colley e Audero.
    Regini grazie al cielo non c’è e Sala non gioca mai.Stia tranquillo che se ci sono quei due torniamo a prendere caterve di gol.

  23. Tito Marassi scrive:

    Carriera non significa essere vincente ma avere un percorso di crescita…basta questo e capisco quale e’ la differenza tra perdenti e vincenti……

    • Stefano_1970 scrive:

      Ho parlato di carriera che se vuoi puoi chiamare anche percorso professionale. Essere vincenti o perdenti é all interno di questo percorso arricchendolo o meno. Essere arrivato su questo palcoscenico (serie A) ed aver ottenuto diversi incarichi da allenatore da Società differenti ha un suo valore.

      Poi certo… Quando si alza un po’ il livello della discussione é difficile farsi capire dalla massa….

  24. Pier scrive:

    Praet sulla sinistra volevo dire.

  25. Tito Marassi scrive:

    Come dire che un pilota della Ferrari non si giudica dalle vittoria ma da come tiene lucida la macchina,Giovanni..ovvia..sii serio!

    • giovanni scrive:

      serissimo figurati; confermo; piuttosto non ho capito il richiamo pilota, ferrari, vittorie con la carriera di giampaolo…

      • Marco scrive:

        Giovanni

        il significato è che se migliori solo , esempio dall’undicesimo posto fai decimo, è un miglioramento relativo di quella novera dei perdenti.
        Un vincente è colui che mette in bacheca almeno 1 trofeo o almeno ci lotta ogni tanto per vincerlo.

        Almeno io l’ho capita cosi

        • giovanni scrive:

          grazie marco; fammi ancora un favore e scusa se ti “uso” ma dimmi: sarri (che è un ’59) è quindi un vincente, visto che lotta da anni senza vincere mai o quasi (2 camp promozione una coppa italia di serie D, e quando è stato promosso spesso è arrivato secondo) o un perdente magari di quelli detti prestigio dato che a circa 60 anni non l’ha beccata mai? ti ripondo io è un vincente anche se non ha vinto molto e non ha allenato squadre enormi; più probabilmente è sfortunato o poco pubblicizzato, visto cha altri sono arrivati quasi per volontà divina su panchine importanti, ha trovato anche quelli ben più forti delle sue squadre nel momento sbagliato ove magari non avava uomini e mezzi per opporsi al potere juventino, ma non si può negare che “carriera” ne abbia alle spalle no? è partito nel 1990 (a 31 anni, da ex bancario) ed è arrivato al napoli (al napoli…non al real madrid) nel 2015 alla bell’età di 55 anni…quindi parrebbe che fino a li si sarebbe “barcamenato”…
          scusa, non è rivolto a te, ma a parere mio si fa un pò troppo presto a tranciare giudizi sia sul nostro mister che avrebbe tempo ad arrivare a squadre più importanti con un carattere un pò diverso, ma che ha già però detto che non allenerà fino a 60 anni sia sui calciatori; comunque è vero non si è migliorato megli ultimi anni ha sempre fatto decimo :-) ciao e grazie

          • Marco scrive:

            Non la penso tanto diverso da te, anche se venisse Guardiola non vinceremmo niente lo stesso.

            Giampaolo è un bell’allenatore con dei limiti , forse caratteriali, che gli tarpano le ali.

            Purtroppo i finali di stagione , anche all’Empoli, testimoniano i suoi limiti.

            Sarri mi pare che abbia abbandonato quasi definitivamente l’idea del trequartista e anche nel Chelsea giochi col 4-3-3, l’anno scorso al Napoli col 4-3-3 sfiorò l’impresa di scalzare gli alieni della Juve.

            Magari l’erede di Giampaolo potrebbe essere de Zerbi che ammetto per ignoranza lo credevo una meteora invece al Sassuolo si sta imponendo,ma per la dimensione che si vuole tenere Giampaolo va più che bene.

  26. SANDOIA scrive:

    Buonasera
    Sto seguendo Gradinata Sud
    Su jANKTO O gIAKO che dir si volglia posso solo dire che dopo un buon precampionato si è dissolto ,non integrato o scoraggiato ,ma il suo sopranome era la Jena di Praga ,quindi ha ragione Giampaolo quando chiede una reazione importante del giocatore.
    Detto questo non capisco perchè è stato acquistato e lo spiego bene :non può giocare al posto di Praet perchè il belga deve essere valorizzato e ceduto ,non penso proprio possa giocare al posto di Ekdal mi sembra ovvio ,allora una poltrona per 3 nello scacchiere del mister con Barreto e Lynetty collaudati e ad un costo molto minore ……non esiste ,comunque un errore della Società .

  27. SANDOIA scrive:

    Non mi piace definire :Kownacki un fantasma!
    Per crescere ha bisogno di una bella sgiatta di misterone al pesto bello spesso di quelli che il cucchiaio resta in piedi …invece gli danno il minestrone brodoso nella ciottolina da sushi ed il cucchiaino belin ma come può fare la differenza in 4 minuti a partita.

    • Michele G. scrive:

      Sono assolutamente d’accordo. Non può essere giudicabile giocando solo pochi minuti ed alla fine della partita, quando i compagni non hanno più energie da spendere e non lo possono assistere più di tanto. E’ vero altresì che lui ci ha messo del suo perdendo banalmente dei palloni, ma c’è qualcuno che fa peggio di lui fin dal primo minuto di gioco (ogni riferimento a Gaston Ramirez è del tutto voluto, anche se, a dire il vero, Lunedì ne ha persi un po’ meno).

      • Stefano 1970 scrive:

        Ramirez dallo scorso anno ha avuto un’involuzione incredibile.
        Non credo sia una questione di modulo. Forse gli mancano gli stimoli. Boh!

  28. luigi scrive:

    Contento dell’attuale quinto posto nonostante con il Sassuolo non mi sia divertito troppo,la difesa è sicuramente granitica e solida peccato vederla solo un’anno, il prossimo non sarà sicuramente questa quindi caro Maurizio a Gennaio la società lo sai bene anche tu non alzerà l’asticella perchè non ha obiettivi in quanto manca di solidità finanziaria vive di plusvalenze ormai lo sanno anche i sassi. la realtà è questa ormai ce ne siamo fatti una ragione almeno una parte di noi presente allo stadio il mantenimento della categoria provando a togliersi qualche soddisfazione questi sono gli obiettivi di più non si può.

  29. luigi scrive:

    P.s. quello che non capisco è avere in panchina tra colley e yanko 25 milioni di euro e non avere davanti un’attaccante da 15 gol

    • Marco scrive:

      Perchè il mercato della SAMPDORIA è stato una sciagura e si sono buttati su profili non idonei al progetto.

      Dopo i mille rifiuti che sono da guiness dei primati, il tira e molla con Colley si è rotto perchè si è accettato di strapagarlo, altrimenti non arrivava. Stesso discorso Jankto si temeva potesse saltare cosi come Ekdal, la prima offerta fu 1,5 milioni.

      Purtroppo da noi vige la regola prima vendi e poi compri, cosi se vendi un attaccante, quando bussi dall’acquirente sa che sei all’acqua alla gola.

      Anche quest’anno i colpi piazzati nel finale, che non sono seconde scelte, ma quarte o quinte, si stanno rivelando quelli piu decisivi.

      Pensa riscattare Tonelli e Saponara dopo tutti i soldi spesi per Jankto e Colley.

      Nonostante tutto l’attaccante lo hanno cercato, La Gumina (con dichiarazioni stizzite di Ferrero contro Zamparini) Zaza (con dichiarazioni di guerra contro il procuratore di Zaza) sono quelli più eclatanti e che ricordo a memoria , ma ce ne sono parecchi altri.

  30. massimo scrive:

    Ci manca una punta. e difatti avevano provato a prendere Zaza. Nel momento che rallenta un pò Quagliarella, e ci sta, li davanti è buio. Speriamo cerchino qualcuno a gennaio, magari dando in prestito il polacco che mi sembra si sia un po perso.

    • Marco scrive:

      Ma con tutti gli attaccanti al mondo proprio Zaza dovevono cercare dico io?

      • rexth scrive:

        applausi…
        rifiutati due volte da un ignorante.
        ognuno ha il diritto di fare le proprie scelte ma per rispetto di te stesso una volta che ti scarta non lo devi più considerare.

  31. giovanni scrive:

    certo che il calcio italiano è proprio messo bene ed è sicuro nelle sue fondamenta…ora la B dovrebbe tornare a 22…quando ha iniziato a 19 contro tutti i buoni sensi che potevano essere messi in campo, c’è una squadra che ha iniziato la C e poi l’hanno lasciata ferma per un mese e ci sono le altre cinque che dovrebbero essere ripescate che invece la giocano regolarmente e che per un motivo o per l’altro non saranno tutte “accontentate”…si rinviano così alcune partite programmate e non si sa come andrà…peraltro la discussione del merito è fissata per il 26 marzo prox…
    ma chi se ne f…. c’è ronaldo, la juve vince la champions, la roma l’inter o il napoli arriveranno in semifinale…c’è ronaldo, i signori nara si amano e tubano anche in campo, carletto ha rivitalizzato giocatori che quel poco di buono di sarri non vedeva neanche…a posto così…scusate so che è un blog sulla samp! scusate ancora!

    • Michele G. scrive:

      Ci mancherebbe altro Giovanni! Riguarda il mondo del calcio, nel quale si muove anche la nostra SAMP. Se non fosse giusto per la nostra squadra, visto come sia stato svilito questo sport, diventando terreno di arricchimento di pay-tv e sponsors vari e di pochissimi club in Europa, e visto inoltre chi lo governa il calcio in Italia, avrei smesso di seguirlo da un pezzo! Basterebbe leggere le assurde sentenze emesse recentemente dal cosiddetto tribunale sportivo (l’Entella ne sa qualcosa), sentenze che cozzano contro la logica più elementare, per capire che ormai questo mondo è diventato uno squallore. Ripeto, se non fosse che c’è la SAMP, avrei già smesso di seguirlo da illo tempore.

      • giovanni scrive:

        …con oggi altro giro di ruota, si confermano le 19 squadre fino a metà novembre e si incasina ancora un pò la C, dove ritorna l’entella e così la viterbese non sis può spostare e non ha addirittura ancora iniziato il suo girone…senza contare che le ipoteticamente ripescate hanno giocato 4/5 partite ed ora sono ferme…bah…

  32. P.SOLARI scrive:

    Partita “bloccata”, 2 squadre che giocano praticamente alla stessa maniera, probabilmente chi sbloccava il match lo portava a casa visti i pochissimi spazi lasciati agli attacchi avversari. Grande pressing del Sassuolo ( non so fino a quando potranno “durare” correndo, raddoppiando, triplicando per tutta la partita ….. ), la Samp non ha trovato la zampata per 2/3 errori sull’ ultimo tocco. Bene Murru, Barreto ( quanti palloni ha giocato … ), i due centrali…. poco incisivo purtroppo ancora Ramirez ( Saponara al rientro ha dato 3 palloni davvero interessanti ed ha avuto l’ occasione per segnare, bene ….. spero la sfortuna lo lasci un po’ stare perche’ il titolare e’ lui ), critiche a Quagliarella davvero ingenerose, male i due attaccanti subentrati ( ma possibile che entrino sempre “molli” , se volessero dare un segnale al Mister non e’ il modo migliore, tanta panca li aspetta ). Spero si sveglino ( non e’ discorso del minutaggio, abbiamo visto non molto tempo fa che c’ era chi entrava e faceva vedere mooolto di piu’ sebbene in pochi minuti ).

  33. tITO mARASSI scrive:

    X Giovanni,volevo semplicemente dire che la carriera di Giampaolo e’ una carriera modesta,anzi modestissima,se uno arriva a 51 anni e non ha mai vinto nemmeno la coppa dei circoli dilettanti..una ragione ci sara’,oppure no?Poi ogni opinione e’ rispettabile ed io rispetto la tua ma,se lo paragoni ad altri allenatori conquantenni, come Allegri,Mourinho,Ancellotti..ti renderai conto che funghi nel cesto Giampa ne ha veramente zero

    • Marco scrive:

      Mourinho lascialo stare che se allenava la SAMPDORIA di oggi eravano ultimi.

      Allegri ed Ancelotti hanno dimostrato di essere valori aggiunti ovunque. Ma stai citando i migliori.

    • Solosamp1946 scrive:

      Boh Gasperini non ha vinto nulla ma a livello di gioco è il migliore di tutti quelli che hai citato…vincere con squadre di fenomeni siamo capaci tutti

    • giovanni scrive:

      tito, figurati, ma ad esempio se guardi la carriera di maurizio sarri vedi che alla veneranda età di 59 anni ha vinto poco più di zero ed ad allenare in napoli ci è arrivato nel 2015 a 55 anni compiuti…ancellotti è un ’59 ed è chiaramente un fuoriclasse coosì come allegri ci mancherebbe, ma aspetta un gasperini ad esempio di coppe e campionati importanti ..non ha tutta questa somma eh arrivato allinter poi è durato tre giornate, pioli titoli zero se non giovanili, idem mazzarri che è arrivato all’inter a 53 anni ed è durato una stagione emezza non coprendosi di gloria mi pare di ricordare… ma allora anche un mazzone qualsiasi che vinse solo un campionato di c con l’ascoli e basta non era un signor allenatore? da,i la verità è che oggi a vincere puoi solo sognartelo se sei nelle tre quattro squadre di elite e sono sempre più convinto che si sintetizzi tutto nel discorso che uno solo vince 19 ci sono ma senza di questi non ci sarebbe nemmeno chi vince anche se per giampaolo sono come hai giustamente detto purtroppo zero tituli (richiamavi mourinho eccolo!)
      un abbraccio

  34. tITO mARASSI scrive:

    Volevo aggiungere,che Del Neri ci ha portato in preliminare champions con Castaldello e lucchini..non so se mi spiego!il bravio mister si vede quando ottie risultati con rose modeste come,appunto,Gigi del Neri

  35. Martino Imperia scrive:

    Volevo ricordare che nonostante

    -un mercato fallimentare
    -manchi una punta
    -colley a jankto non giochino
    -l’ambiente non crei ambizione
    -I bravi sappiano già di andare via
    -Ramirez non funzioni
    -il gioco di giampaolo sia dispendioso
    -il portiere non sia nostro nostro
    -Ferrero continui a fare gaffes
    -non sia arrivato Zazzà
    -non sia arrivato Lagumina

    siamo al 5o posto (quinto) in solitaria con la migliore difesa del campionato.

    Chi vuole camomilla nonèilcasodiesaltarsi icontisifanallafine e maniman vari.

    Io me la godo, altro Pommery e ci credo sempre di più

    Forza Samp

    • Marco scrive:

      Mettiamo il caso che i bibini vincano il recupero col Milan, sarebbero loro quinti, quindi godresti lo stesso ad essere sesto?

      I conti si fanno alla fine

      Se poi per te ricevere no da Lovro Majer,Zaza,Berisha,West ham per Obiang,La Gumina,Jandrei(pensa te che portiere avremmo avuto) Destro,Nizic,Cittadini,Pjaca,Mbia.

      Se per te è un mercato fatto bene allora è preoccupante la tua visione.

      Poi Tonelli arriva in prestito perchè si infortunia Regini e si rivela il miglior difensore
      Saponara arriva per i rifiuti last minute Destro e Zaza e si rivela il miglior trequartista
      Audero per Jandrei che aveva rifiutato è il miglior portiere
      (del quale la SAMPDORIA si fidava poco tesserando Rafael e tenendo Belec)

      Quindi al momento i migliori acquisti sono 3 prestiti.

      Te le sei già scordate le invettive del tuo presidente per la Gumina e Zaza?

      Che a non prenderli ci sia andata di lusso è un altro discorso.

      • Martino Imperia scrive:

        ah ho capito.

        abbiamo azzeccato il mercato perchè non abbiamo raggiunto gli obiettivi di mercato.

        In pratica secondo te ci è andata bene perchè ci è andata male.

        Ma lo capisci che è un discorso che non sta tanto in piedi?

    • Matte Genovese scrive:

      ma guarda che le cose che hai elencato sono vere, e si fanno sentire eccome…. ti ho gia detto che il quinto posto dura poco …….

    • Sirbiondo scrive:

      Le classifiche si guardano alla ultima giornata. Non conta niente essere primi per metà campionato e finire ultimi.

    • Martino Imperia scrive:

      Ah ho capito.

      da qui a giugno bisogna essere ZEN. Neutri.

      Se vinci non gioisci.

      Se perdi non ti disperi (anche se è gia’ più concesso vero?).

      Tipo Spock dell’Enterprise.

      Guai a esternare gioia, entusiasmo………

      Casomai un triste perpetuo lamento.

      • Sirbiondo scrive:

        No,ma dato l andazzo recente, anche pre Giampaolo, è di gironi di ritorno disastrosi, invito solo a non entusiasmarsi per un quinto posto dopo poche giornate. L anno scorso, l anno con sinisa, la squadra è stata incensata per un grande campionato e poi ha racimolato delle batoste fallendo i suoi obiettivi. Avevi un mare di punti di vantaggio, te li sei fumati. Colpa di chi, chi lo sa. È presto per dire che siamo meglio dell’anno passato , rammento che anche anno scorso fino alla partita con la juve eravamo una delle difese meno battute… mio pronostico: la squadra vale tra 11 e 13 posto, è più modesta dell’anno scorso. Felice di essere smentito…

        • Edoardo scrive:

          Concordo con te Sirbiondo, va bene gioire ma senza esaltarci troppo come i bambini perché la rosa non è certamente da 5° posto, se poi vinciamo lo scudetto o la Coppa Italia allora andremo tutti quanti giustamente a farci il bagno a De Ferrari…

          • Martino Imperia scrive:

            eh ma non si può nemmeno dire che va tutto male, prefigurare il crollo e poi alla fine, se le cose dovessero andar bene, salire sul carro

          • Matte Genovese scrive:

            il prossimo bagno a deffe lo faremo se per caso quelli la retrocedono… perche di ambizioni sportive nella nostra societa nn se ne vede nemmeno l ombra caro Edo, finche ci sara il buffone da circo a guidare la samp potremo solo gioire per qualche derby vinto, nulla di piu.

          • Sirbiondo scrive:

            X martino
            Cosa vuoi che me ne importi del carro.
            Io sono un tifoso: la squadra vince felice, la squadra perde triste. Siccome questi sentimenti basici sono però traditori, e nascondono una realtà complessa, si cerca di andare oltre il proprio naso. È facile fare i pronostici a fine campionato o buttare li un “parte sinistra” che vuol dire da 1 a 10. Io ho detto che per me quello è il valore della squadra. Molti per non sbagliare non pronosticano neppure.

      • Marco scrive:

        Martino

        Ma cosa vuol dire la tua risposta?

        Nel calcio si provano mille emozioni contrastanti nella stessa azione, figuriamoci nell’arco di un campionato.

        Il mercato è stato fatto malissimo e ripeto che ci sia andata di lusso con i rimpiazzi dell’ultima ora non significa nulla.

        • Fra Zena scrive:

          Martino, te lo dico con simpatia, ma mi piacevano di più i tuoi post degli anni scorsi. Quelli di quest’anno sono estremamente mugugnoni (ebbene sì) e a senso unico.Sembra che l’unico motivo per cui il Doria non fa il salto di qualità siamo noi tifosi. E’ un’opinione che rispetto, ma non riesco a capirla. Se pensi che noi siamo schiavi del mugugno, ti consiglio di fare un giro a Firenze e a Torino granata, dove presidenti come Della Valle e Cairo vengono sistematicamente contestati

          • Martino Imperia scrive:

            mugugno contro il mugugno :)

            p.s. quando le cose andranno male (speriamo mai) sarò disperato e in crisi…e in più mi direte che me lo avevate detto. Giusto così :) )

  36. Tito Marassi scrive:

    Si Giovanni,per carita’..ricambio l’abbraccio,e’ un piacere anche avere opinioni contrarie tra fratelli di tifo.Tra le altre cose,se non erro,Mou fece il Triplete seduto sul divano dell’hotel del ritiro guardando la Samp che vinceva a Roma,toglieva lo scudetto ai Giallorossi e lo consegnava ai nerazzurri

    • Marco scrive:

      Tito Parole sante, oltre alla partita col Barcellona con gol di Milito 3 metri in fuorigioco.

    • giovanni scrive:

      tito, se avessimo tutti lo stesso pensiero su un gioco come il calcio e su cosa ci sta intorno, sarei seriamente preoccupato!; discutere sulle differenze di posizione fa crescere a tutti ed è sempre un’arricchimento personale, a maggiore ragione con un fratello di tifo che per quel che mi riguarda avrà sempre qualcosa di interessante da farmi sapere e che leggerò sempre con piacere; per questo non frequento voliere….
      un saluto

  37. Sirbiondo scrive:

    Cambierei il nome del blog in “Giamplace”. Tanto, si giochi bene o male lui è stato, è e sarà il miglior allenatore possibile, e gode di una difesa da parte di stampa e parte di tifosi quasi inspiegabile, per essere uno che ha una carriera paragonabile a ballardini o del neri…

    • Solosamp1946 scrive:

      Penso che la stima di stampa e gran parte della tifoseria ( anche quella organizzata che raramente si espone su certi temi ma per questo mister si è esposta diverse volte…una forse che gli ha “salvato la panchina “) sia dovuta a due fattori…il.primo che comunque sia per una realtà come la Sampdoria è indiscutibilmente un buon mister in grado di valorizzare anche tanti giovani ( skriniar andersen lo stesso murru di quest anno ) e far rendere al meglio giocatori già affermati ( Muriel per citarne uno ) …il secondo penso per lo stile…a memoria non ricordo uscite strane o polemiche inutili sempre molto educato con stampa e tifosi…rispettoso nei confronti di avversari e arbitri…sono valori anche questi ( a me piace anche ascoltarlo nelle conferenze stampa e ti assicuro che quando era arrivato ero preoccupatissimo non mi piaceva…)

      • P.SOLARI scrive:

        Condivido ogni parola …… davvero faccio fatica a comprendere , pur in un momento positivo, tutte queste critiche o previsoni funeste da Gennaio in poi, se non prima …
        per ora, per la nostra dimensione, Giampaolo e’ il “meglio” che possiamo avere in panchina, certo chi non vorrebbe vedere calcio spettacolo ogni domenica , avversari surclassati, vittorie roboanti …. ovviamente non e’ possibile, quindi questo tecnico che riesce a far rendere al meglio certi giocatori e fa crescere ottimamente i molti giovani in rosa va benissimo.

      • Sirbiondo scrive:

        Chiarisco. Giampaolo è un buon tecnico da fascia media ( dato incontestabile), ma alla fine ti fa raccogliere quanto vale la squadra. Cosiccome probabilmente pioli o Donadoni. Per questo non capisco i tappeti rossi quando passaValorizzazione: se un giocatore è buono si valorizza anche da solo: mustafi e icardi si valorizzarono con delio rossi. I talenti e le individualità emergono quasi sempre quando ci sono.
        Conf. Stampa: educato e gentile, vero, ma occhio che è più lamentoso di quanto non sembri

    • Fulvio scrive:

      ti meriti ballardini e cavasin

    • Marco scrive:

      Effettivamente ci sono degli eccessi quasi paragonabili alla piaggeria verso Giampaolo, ma ci sono anche eccessi negativi quasi autolesionistici.

      Giampaolo ha dei meriti che sarebbe giusto riconoscergli e il ventaglio di sostituti non mi pare che dia certezze aritmetiche che possano fare meglio.

      Anche se venisse Allegri non vinceremmo nulla lo stesso, probabilmente un risultato più nobile si, ma nessun trofeo.

      Ci vuole in primis una società ambiziosa e fin tanto che rimane ferrero rimanere lontani dal fondo classifica è tanta roba.

      • Solosamp1946 scrive:

        Io sono convinto che se metti giampy alla Juve vince lo scudetto…se metti allegri alla Samp fa 10 punti in meno di quelli che fa giampy ( vale per allegri come per spalletti come per Ancellotti per fare esempi)…Sono anche convinto che se mi metto io o te alla Juve vinciamo lo scudetto…questo per dire che per vincere serve la squadra forte e in quel contesto l.allenatore deve avere solo due capacità…tenere il gruppo unito e dosare bene le forze del gruppo stesso …poi al resto pensano i giocatori..alla Samp così come al Genoa o al Cagliari l allenatore deve sapere fare molto di più

  38. Michele G. scrive:

    Leggendo l’articolo di oggi sul Secolo XIX, leggo che Luca Pellegrini fa un elogio sperticato di Giampaolo, per il quale stravede. E fin qui nulla di strano, non è certo l’unico. Premetto di avere un’ammirazione sconfinata per Luca Pellegrini, il capitano dello scudetto, e di dichiararmi una nullità in quanto a conoscenze di calcio di fronte a lui. Ciononostante, non posso nascondere il mio stupore quando dice di rosicare per non aver avuto un maestro simile (Giampaolo) da cui imparare per quanto riguarda la fase difensiva. Ma Luca, scherzi o dici sul serio? Hai forse dimenticato chi ci fosse ad allenarti ai tuoi tempi? C’era un certo Vujadin Boskov, dal quale hanno imparato tutti, da Pagliuca a Dossena, Mannini, Pari, Lanna e Vierchowod (per non dire di Vialli e Mancini, che con lui sono cresciuti enormemente)! E tu lo ritieni inferiore a Giampaolo per quanto riguarda l’insegnamento della fase difensiva? Me tuccu se ghe sun!
    Devo dire che nel giro di pochi giorni, questa è la seconda volta che mi sento di dissentire con Pellegrini. Lunedì sera, infatti, Luca aveva detto in fase di commento di aver assistito ad un primo tempo divertentissimo. Io, sinceramente, mi sono un po’ annoiato e tutto sto gioco spumeggiante francamente non l’ho visto! Comunque, ciò non toglie che Pellegrini metta in evidenza errori o giocate, spiegandone molto bene l’aspetto tecnico, cosa che a me piace molto.

    • Edoardo scrive:

      Concordo con te Michele, adesso va di moda il tiki-taka che si basa essenzialmente sul pressing alto, il fuorigioco e il possesso palla, ma se non sei veloce e non metti un po’ di fantasia negli ultimi 20 metri non serve a niente e anzi secondo me è più controproducente che altro, come abbiamo visto tutti la Samp ha fatto contro il Sassuolo 3 tiri in tutta la partita di cui solo 1 nello specchio della porta e questo è più o meno il canovaccio che vediamo da gennaio, anch’io sono in disaccordo con la valutazione di Luca Pellegrini, io mi divertivo molto di più a vedere i duelli uno contro uno di Vierchowod e Mannini contro Van Basten e Careca, i lanci millimetrici di 40 metri di Tonino Cerezo, le sgroppate a tutto campo di Vialli e Lombardo e i numeri ubriacanti di Mancini (che secondo me in certe cose era pure meglio del Diez!), adesso invece io mi addormento già dopo i primi venti minuti! Ma cosa vuoi che ti dica, è come a tavola, ognuno ha i suoi gusti, c’è chi è vegano e chi invece si mangia di tutto con sommo piacere, sono modi diversi di vedere la vita e comunque per concludere io penso che sono i giocatori alla fine che fanno la differenza e non gli schemi degli allenatori, la tattica può aiutare un po’ ma non è quella la cosa determinante, tutti questi elogi sperticati per Sarri, Giampaolo, Allegri, Ancelotti, Sacchi, Guardiola, ecc. io non li capisco proprio, tanto alla fine vince chi c’ha i fuoriclasse e lo spogliatoio unito, queste sono le cose che fanno la differenza tra vincenti e perdenti, la classe e lo spogliatoio, questa almeno è la mia opinione da semplice tifoso ed ex-sportivo di livello amatoriale…

      • Michele G. scrive:

        Ed io concordo pienamente con te!

        • Edoardo scrive:

          Un’ultima mia considerazione personale: secondo me non esistono gli allenatori vincenti o perdenti perché sono i giocatori che vanno in campo e alla fine sono loro che vincono o perdono le partite! Gli allenatori sì posso dare una mano, ovviamente scelgono la formazione e danno alcune indicazioni, ma niente di più, secondo me pagare 6 milioni di euro all’anno Ancelotti è un’assurdità colossale, io piuttosto mi sarei comprato CR7 o Cavani o mi sarei tenuto Higuain, Carletto non fa certo i gol dalla panchina e anzi sarei proprio curioso di vedere qua a Genova cosa combinerebbe? E poi vogliamo parlare del cambio Juric-Ballardini? Ma cosa penserà Preziosi di fare il calcio-champagne con una rosa da salvezza? Certi presidenti e certi tifosi io fatico proprio a capirli mah…

        • maurosampbolzano scrive:

          ed io con voi parole giuste sensate e reali.sempre Samp

          • Edoardo scrive:

            E poi consideriamo un’altra cosa: l’anno scorso eravamo una delle difese peggiori del campionato e quest’anno invece siamo la migliore, si parla addirittura di difesa-bunker, ma l’allenatore è sempre lo stesso, invece i centrali difensivi e il portiere sono cambiati, allora di chi è il merito, degli schemi del mister o dei giocatori che magari sono più forti e più veloci? Io propendo più per la seconda ipotesi, basta vedere a occhi la fisicità devastante di Andersen, Tonelli e Colley e poi guardi negli occhi Audero e ci vedi la fame di arrivare all’ennesima potenza e così capisci il perché prendiamo meno gol…

      • Fulvio scrive:

        sai che c’è secondo me ? un Boskov col calcio di oggi non so se avrebbe vita facile, come un Giampaolo o che so un Allegri per fare un esempio di allenatore vincente, nel calcio di allora.

        Son cambiati i tempi e i modi di giocare. in più sencondo me Vuja era più un allenatore di uomini che di campo, e in campo mandavamo Vialli, Mancini, Vierchowood etc

        Poi a me, come non ho mai nascosto Giampaolo piace, con i suoi limiti, anche e soprattutto come uomo, ci lamentiamo del Viperetta che ha mandato a frasche lo stile Samp : ecco secondo me il nostro mister ha lo stile Samp, garbato, intelligente, non un leccapiedi.

        • Edoardo scrive:

          Concordo sul fatto che Giampaolo sia un’ottima persona e abbia uno stile sobrio che piace moltissimo anche a me, ma il calcio è una cosa semplice, non è filosofia, non devi prendere gol e devi tirare in porta il più possibile se vuoi segnare e vincere le partite, il gioco è sempre quello…

  39. Edoardo scrive:

    x Martino

    Io non dico che va tutto male, se leggi bene i miei commenti vedrai che io ho sottolineato anche alcune cose positive (il punto che muove la classifica, Audero e Tonelli, Super Mario Bros. nonostante alcune prestazioni un po’ sottotono, ecc.), io la penso così secondo me è giusto gioire quando si vince e fare alcune critiche costruttive quando si perde o si vedono delle prestazioni poco convincenti, poi sul carro come dici tu ci si sta sempre tutti insieme se si è dei veri blucerchiati (anche quando le opinioni qualche volta magari sono diverse), il pensiero unico non è mai una buona cosa credimi, in passato io ho elogiato Giampaolo molte volte e all’inizio ero anche un suo sostenitore (quando tutti gli davano addosso!), ma poi dopo l’assurda sconfitta di Coppa Italia con la Fiorentina e il girone di ritorno disastroso dell’anno scorso ho cambio idea e se potessi non ti nascondo che preferirei un allenatore più semplice e più pragmatico tipo Iachini, credo che questa è un’opinione rispettabilissima e io mi sento in diritto di esprimerla educatamente, per questo forse io devo sentirmi meno sampdoriano di altri? Io non credo proprio scusa e poi se vinceremo qualcosa (non solo un 5° posto alla nona giornata di campionato) allora festeggeremo ben volentieri alla grande tutti insieme a De Ferrari, almeno questa è la mia opinione…

    • Edoardo scrive:

      Volevo dire Super Fabio Bros. ovviamente…

    • Martino Imperia scrive:

      Ci mancherebbe, certamente buone ragioni nel tuo punto di vista che rispetto
      E non voglio certo impedire di esprimerlo a te come ad altri.

      Ma, come dissi la volta scorsa, trovo un pò esagerato il pessimismo perenne che è maggioranza in questo blog (e fra i tifosi in genere?).

      Cioè, il mio punto di vista di fiducia in una squadra che sta stupendo è nettamente in minoranza.

      Tutti siam rimasti scottati, ma possibile?

      Io dico solo questo: e viviamocela e godiamocela sta Samp!!!!

      Quando arriveran le vacche magre allora ci dispereremo, ma solo allora.

      Tanto se dovesse arrivare il solito calo saremmo arrabbiati allo stesso modo: sia credendoci che non credendoci ora.

      non è che non credendoci già adesso ci vacciniamo alla delusione anzi :)

      un saluto.

      • Michele G. scrive:

        In questo Martino non posso che darti ragione. Chi ci dice che faremo di nuovo un girone di ritorno disastroso? Perché fasciarci la testa prima ancora di romperla? Vorrei sottolineare come l’anno scorso di questi tempi, a fronte di un ruolino di marcia fantastico in casa, prendevamo già delle belle imbarcate in trasferta. Quest’anno, al momento, abbiamo una buonissima media in trasferta, se si eccettua la partita di esordio a Udine, dove abbiamo subito l’unico gol fuori casa contro i 3 subiti in casa, ed abbiamo la miglior difesa del campionato.
        Io non voglio neanche pensarci a quello che verrà; mi interessa solo che la SAMP faccia bene partita per partita, e la prossima dice Milan a San Siro. Concentriamoci su quella e vediamo di far bene anche a Milano. Chissà che anche nel girone di ritorno non ci sia un’inversione di tendenza. Se proprio dovessimo ripetere l’andamento negativo delle annate precedenti, ma spero sinceramente di no, beh, allora, non me ne vogliano i sostenitori di Giampaolo, ma vorrebbe dire che questo sia un suo limite strutturale e, quindi, sarebbe da auspicare un suo avvicendamento.
        Per il momento, godiamoci questa bella SAMP di inizio stagione. Al futuro ci penseremo a tempo debito.

        • Martino Imperia scrive:

          Applausi.
          Bravo.
          Concordo su tutto.

          E tutti concentrati al Milan…….Gattuso si gioca la panchina, giocheranno alla morte.

          temo arbitraggio

  40. Mauro scrive:

    Proprio ora a RMC SPORT Sebino Nela ha detto testualmente:”Lunedì sera ho visto la più bella partita della nona giornata.Giuro che non sono sarcastico anche se potrebbe sembrare il contrario.Ho visto cose molto molto interessanti.Complimenti a Gianpaolo e De Zerbi..”

    • Edoardo scrive:

      Ma fare 2.500 passaggi laterali a partita da 5 metri tutti uguali e concludere 1 sola volta in 90′ nello specchio della porta vuol dire giocare bene? Non me me ne voglia il buon Maurizio e neanche il mitico Sebino, ma secondo me tanti opinionisti/telecronisti elogiano più che altro per “vendere” il prodotto, sinceramente io contro il Sassuolo dopo venti minuti mi stavo già quasi addormentando…

      • Matte Genovese scrive:

        bellissima partita….., dopo quattro sbadigli ho dormito come un bambino… Gia detto e ripetuto, Edoardo per me hai pienamente ragione.

        • Michele G. scrive:

          Io non mi sono addormentato, ma ero decisamente annoiato ed ho chiuso il collegamento con la partita un secondo dopo la fine della partita, dirottando su un film comico per riprendermi un attimo dalla situazione di tedio che mi aveva preso per l’ora e mezza precedente. Sono d’accordo anch’io con Edoardo che i commentatori/ex calciatori elogino la bellezza della partita, così che gli spettatori da salotto (forse quelli un po’ più sprovveduti) pensino “se lo dicono loro, allora è vero…”! Io, dopo più di 50 anni in cui seguo la SAMP, penso di poter discernere fra una bella partita ed una noiosa. Sono le mie mandibole sbadiglianti che me lo fanno capire, non c’è bisogno di un parere più o meno interessato dei cosiddetti addetti ai lavori.

          • Matte Genovese scrive:

            addormentato cosi per dire, la sofferenza fino all untimo per la samp nn me lo permette caro Miche !!!!! Cmq daccordo con te per la noia tremenda di questa partita.

    • Solosamp1946 scrive:

      Secondo me la partita dal punto di vista di un tifoso non è stata il massimo…3 occasioni noi una loro ( viziata da fuori gioco secondo me) è basta…ma dal punto di vista tecnico è stata bella

      • Edoardo scrive:

        Per me la partita è bella quando si attacca alla grande con coraggio, classe e fantasia, bei tiri, azioni veloci, acrobazie, dribbling e magari anche qualche gol, ma di tutto questo io non ho visto proprio niente scusa…

        • Solosamp1946 scrive:

          Appunto…dal punto di vista del tifoso è come dici te e come la penso pure io…come , invece , vede la partita un allenatore ad esempio è completamente diverso da come la vediamo noi

          • Edoardo scrive:

            Io sono contento del punto conquistato col Sassuolo (per me -25 al vero obiettivo societario) e aggiungo che la difesa è parecchio migliorata (per merito dei nuovi innesti più che degli schemi), ma là davanti creiamo pochissimo e questo anche quando vinciamo, questa appunto è la mia opinione personale da semplice tifoso non addetto ai lavori, poi se vinceremo la Coppa Italia o andremo in Europa League sarò il primo ad esserne felice e ammetterò di essermi sbagliato…

  41. Michele G. scrive:

    Ho letto dell’intenzione del Santos di riscattare Dodo’. A me sembrerebbe una bella notizia, sia perché ci liberiamo di un giocatore che, francamente, mi sembra del tutto inadatto a ricoprire un qualsiasi ruolo nella nostra squadra, sia perché ci liberiamo di un ingaggio oneroso, che possiamo dirottare verso altri giocatori che facciano alla nostra bisogna ed infine perché possiamo finalmente dimenticare e leccarci le ferite per l’ennesimo pacco propinatoci dall’Inter!

    • robmerl scrive:

      fino al prossimo…
      La cosa che mi fa girare i santissimi è la strafottenza con cui strisciati e zebrati decidono di prendere i nostri giocatori (clausola rescissoria a parte, ovviamente) come si prendono i pannoloni al supermercato.
      Le trattative non si fanno più?

  42. Maurizio.Michieli scrive:

    Per EDOARDO: beh, non è stata certo una partita spettacolare, ma secondo me perché si sono affrontate, quasi annullandosi, due delle squadre più organizzate del campionato. Su Giampaolo, nel riparleremo quando (purtroppo) avremo un altro allenatore… Per ZACCOTENAY: mi sa che hai ragione, Quagliarella e Caprari non sono molto complementari. Per questo penso che, se la Samp stavolta vorrà davvero provare a lottare sino all’ultimo per l’Europa, a gennaio dovrà potenziare l’attacco. P.SOLARI a mio parere ha interpretato bene la situazione circa gli equilibri di questo campionato. GRAZIE a tutti per l’imbeccata su Elettra Lamborghini (che non conoscevo): l’argomento ci ha regalato qualche bel momento a Gradinata Sud, dove ho dato spazio ad alcuni vostri messaggi.

    • Michele G. scrive:

      Grazie Maurizio per i tuoi sintetici, ma chiari commenti. Per quel che riguarda l’allenatore, beh, non sarei così pessimista per un’eventuale partenza di Giampaolo. Almeno finche’ rimarrà Ferrero come presidente, e qui sono io che dico purtroppo, penso proprio che il tecnico non si muoverà da noi. E se dovesse realmente andarsene, non credo che andrebbero a scovare un nuovo Cavasin! Di tecnici bravi che costino poco non è che ce ne siano molti, ma uno che faccia alla nostra bisogna non penso che faremmo fatica a trovarlo. Poi, è anche questione di fortuna. Pensavo che Montella fosse il non plus ultra per noi, e invece, si è rivelato una cocente delusione.

    • Matte Genovese scrive:

      Maurizio, sappiamo gia tutti che l europa L non fa parte dei piani di ferrero…. Rassegnamoci gia da adesso, il campionato della Samp sara di nuovo quello dell anno scorso, magari con un occhio di riguardo stavolta a non farsi scavalcare all ultima giornata dal solito torino di turno…. Scusa il mio non entusiasmo ma credo che la realta dei fatti ad oggi sia questa. …Un saluto.

    • Edoardo scrive:

      Caro Maurizio, se tornasse Iachini io non mi dispererei troppo e comunque alla fine per me sono i giocatori che vincono o perdono le partite, se non c’hai i giocatori forti e lo spogliatoio unito non vai da nessuna parte anche se ti chiami Allegri o Guardiola altro che Giampaolo…

  43. SANDOIA scrive:

    Poteva anzi Doveva essere l’occasione per fare un balzo in avanti sfatare la tradizione sfavorele contro il Sassuolo 1 sola vittoria in casa su 5 ottenuta tra l’altro con un mezzo miracolo i 100 gol di Fq27 ed una doppietta di Muriel in extrarecupero che GODURIA e per riuscire a battere per una volta il nuovo mago de zerbi.
    Non è stato così :non sò se facciamo parte anche noi di quella schiera di squadre importanti ,con molti nazionali che alla ripresa possono avere dei problemi …mah meglio prendercela in ridere per controbilanciare le statistiche abbiamo battuto l’Atalanta di Gaspiangini in una situazione difficile per la 4 volta negli ultimi 5 incontri e l’unica sconfitta è avvenuta perchè Petagna è naufragato come il Titanic per lieve ed involontario tocco di Torreira :il calcio è bello perchè è vario.
    Speravo che durante la sosta si fossero recuperate energie fisiche e psichiche ed il recupero di qualche pedina importante sottoutilizzata ,anche per gli impegni internazionali purtroppo non è successo ho visto il Sassuolo nel 1 tempo molto determinato che ha cercato di fare la partita creando una sola occasione in fuorigioco ma ha lasciato ad una Sampdoria non certo trascendentale 4/5 palle gol di cui un paio imortanti e relativamente semplici da realizzare.
    Sinceramente pensavo con 10/15 min di forcing in attacco nella ripresa di risolverla a nostro favore invece il furbasro de zerbi ha arretrato il baricentro di 10/20 metri sempre cercando di mantenere l’iniziativa perchè visto il primo tempo e la sua difesa con Ferrari numero 1 se avesse lasciato l’iniziativa alla Samp avrebbe perso, una solo occasione molto difficoltosa per Saponara ,ma tanta battaglia a centrocampo e sulle fasce poco spettacolo .
    Non è un dramma ma un passo indietro quello si e generalizzato anche al Presidente ed allenatore non tanto per quello veduto in campo ma fuori : dopo un periodo di normalizzazione dovuto purtroppo solo ad eventi tragici dichiarazioni del pres. Sgradevoli non è il solo quello dell’Atalanta è stato ancora più sgradevole e stralunato se vogliamo prima della sosta ,comunque non ci faremo mai l’abitudine al modo di essere Sgadevole pernso sia l’aggettivo giusto.
    Non cito le dichiarazioni di Gianpaolo perchè lo stimo ,ma non sono adatte per far crescere una squadra ed un ambiente ,nessuno è perfetto è perfettamente consapevole che schierando solo 13/14 elementi non si arriva da nessuna parte ed allora si dia da fare possiamo capire Jankto lo ha spiegato ma Colley ha fatto molto bene a Cagliari e poi zero minuti e Vieira e Tavares e non si può fare cambi solo allo scadere della partita e belin! dagghe na botta.
    ps
    Caprari nullo da quando è rientrato dal lieve infortunio e l’arbitro che fischia la fine mentre gli sta arrivando la palla in buona posizione di tiro …fosse rimasto all’Inter almeno tirava anzi segnava sicuramente !

    • Zaccotenay scrive:

      La penso come te, è come sarri ,gioca con 13 /14 giocatori io mi accontenterei anche, basta che non ci presenti più sala, stravede per lui, forse ha dei santi in paradiso, ma alla fine si è dovuto rendere conto anche lui che uno che fa rispondere sui social dalla madre, (critiche educate), fatte da mio figlio ad esempio, è la palese reazione di un debole sia come persona che come giocatore. Giampaolo è bravo, per noi va bene, ma è troppo cocciuto se sale di livello non regge la pressione e non gli perdonerebbero mai il suo pensiero unico ,si gioca solo centralmente per lui non è un rettangolo il campo ma un triangolo isoscele

  44. Marco scrive:

    Il Milan è caduto rovinosamente anche in europa league, Gattuso sulla graticola, lo voglio cotto e mangiato.

    Forza SAMP credici.

  45. Luigi scrive:

    Una società che ambisce all’Europa non tratta 30 giocatori ogni anno e non arriva sempre all’ultima ora per acquistare giocatori che servono alla rosa perché con gli altri ai preso dei due di picche o forse le offerte non erano congrue dopodiché contento che al momento la cosa vada bene e la squadra dia qualche soddisfazione però pur gioendo concordo con chi ha scritto calma perché è ancora presto per dare giudizi più approfonditi e concordo come sempre con Edo quando dice si applaude e si critica quando è il momento.

  46. Edoardo scrive:

    Bellissima la biografia sul grande Vuja, “Pallone entra quando Dio vuole”, sarebbe un’ottima lettura per certi allenatori moderni che pensano di risolvere tutto coi loro schemi da subbuteo, altro che i libri di Guardiola…

  47. luca scrive:

    senza se e senza ma , Domenica è la partita chiave è quella che ci dirà veramente di che pasta siamo fatti per questa Stagione !

  48. Edoardo scrive:

    x Maurizio

    Forse Marotta potrebbe essere interessato a tornare da noi sotto alla Lanterna? Se non sbaglio ha la famiglia a Genova e declassarsi con l’Inter dopo la carriera stratosferica alla Juve che senso avrebbe? Se io fossi il presidente della Samp una telefonatina gliela farei così tanto per sapere chissà…

    • Edoardo scrive:

      E se Marotta diventasse il nuovo presidente della Samp? Ok sarà pure fantacalcio, ma è un’idea che secondo me ci potrebbe pure stare, magari in cordata con qualche altro imprenditore genovese chissà? Comunque se c’è gente che sogna la Champion’s allora io posso anche sognare Marotta for President che forse ci sono pure più possibilità ehhh…

    • Marco scrive:

      Fantacalcio

    • Faso scrive:

      Secondo me Marotta al nostro attuale presidente butta giù tipo ai call-center del telemarketing…

      • giovanni scrive:

        grande faso! :-)
        te lo immagini ferrero che fa l’accento svedese chino nella pentola con patata in bocca, sciarpa e molletta al naso per non farsi riconoscere!!!! numero uno!

  49. Luigi scrive:

    Ne sarei felice Edoardo se si avverasse quello che sogni credo purtroppo che rimarrà tale Marotta è uomo vincente qui grano non c’è ne a Milano sponda inter si e da parte sua avrebbe più visibilità a livello nazionale. Ciao Edo

    • Edoardo scrive:

      Carissimo Luigi, io credo che nella vita qualche volta bisogna pensare a qualcosa di più che ai soldi e al prestigio e solo così (forse) si riesce davvero ad entrare nella Storia con la “S” maiuscola non trovi? Chi si ricorderà tra 50 anni dei 7 scudetti che la Juve ha (stra)vinto praticamente a tavolino soltanto per mancanza di concorrenza? Però tutti si ricordano ancora oggi lo scudetto della Sampdoro di Paolo Mantovani il cui obiettivo non era appunto fare solo profitto o collezionare trofei bensì raggiungere qualcosa che mai nessuno era riuscito a realizzare prima di lui, capisci quello che voglio dire? Vincere con la Juve o il Real vuol dire poco o niente, chiunque ci riuscirebbe con alle spalle banche e multinazionali che pompano soldi a tonnellate come se fossero carta straccia, ma un altro conto è vincere mettendosi di mezzo solo con le proprie forze e il proprio coraggio, vincere andando contro al sistema e seguendo le proprie idee questa è la vera figata e per questo Maradona resterà per sempre il n.1 mentre Messi e Ronaldo staranno sempre di dietro e rosicheranno tutta la vita nonostante i loro bei palloni d’oro in mostra nelle bacheca di casa, le emozioni che ci hanno dato el Diez, Mancini, Chiorri e Salvi queste non si dimenticano, loro sono delle vere Leggende, invece Agnelli, Ronaldo e Messi non lo saranno mai anche se venderanno 10 miliardi di magliette all’anno e vinceranno 50 palloni d’oro…

      • Marco scrive:

        Della Juve dei record di ricorderanno tutti.

        Non è perché tifi Samp si debbano sminuire imprese altrui.

        Quello che sta facendo la Juventus è mostruoso.

        • Edoardo scrive:

          Vabbé dai Marco io dicevo anche un po’ così per “provocare”, comunque le vittorie della Juve non sono poi così mostruose secondo me perché è facile vincere quando non c’è la concorrenza, la stessa cosa succede in Germania, il Bayern avrà vinto 20 scudetti di fila e allora cosa vuol dire? E’ come se tu ti mettessi a sparare dal tuo bel poggiolo sulla croce rossa bloccata nel traffico nell’ora di punta, bello sforzo eh…

          • Marco scrive:

            Ogni record conquistato è un impresa da ricordare, la concorrenza c è solo che la Juventus è di un altro pianeta, merito va anche ad Allegri , 2 finali Champions in 3 anni non è roba da poco.
            Il Napoli l anno scorso ha fatto il record di punti nella sua storia eppure non è bastato.
            Di avversari ne ha, ma hanno saputo costruire una squadra vincente.
            Il bayern x la cronaca ne ha vinto 6 di fila 1 in meno della Juventus.

            Sarebbe come dire che Lewis Hamilton non è un fenomeno perché non ha rivali ,mentre la risposta è proprio perché è un fenomeno che non ha rivali

        • Edoardo scrive:

          Cosa ben diversa invece han fatto Mancini al Samp e Maradona al Napoli, quelle sì per me sono state imprese davvero leggendarie e mostruose…

          • Marco scrive:

            Mentre Ronaldo e messi son 2 ciucci nonostante abbiano infranto ogni record possibile ed immaginabile

        • Matte Genovese scrive:

          ha i mezzi per farlo……

          • Marco scrive:

            Anche la Inter e il Milan hanno i mezzi ma spendono male, il Manchester United è la squadra più ricca al mondo e quell asino di Mourinho gli fa spendere centinaia di milioni per dei bidoni.

            Vince solo una squadra e la Juventus lo fa quasi sempre.

          • Edoardo scrive:

            Sì ma belin bisogna vedere ‘sti “mezzi” da dove e come arrivano perché i conti a me non tornano mica tanto…

  50. P.SOLARI scrive:

    Ale’ ……. Milan in piena crisi e arriva la Samp ….. vediamo chi mandano a dirigere perche’ certe situazioni le abbiamo viste parecchie volte a scapito di squadre del nostro livello quando incontrano “grandi” in crisi bisognose di punti.

    Se riscattano Dodo’ mi prendo una “ciucca” colossale ….. :0))

  51. Edoardo scrive:

    x Marco

    Mi sembra che tu non hai capito bene il senso generale del mio discorso, io non dico che la Juve o il Bayern abbiano vinto immeritatamente e non mi interessa nemmeno stare lì a contare i loro trofei (quando ho detto che il Bayern ha vinto 20 scudetti lo dicevo in senso lato ovviamente!), ciò che vorrei sottolineare è che questi top club hanno dei mezzi economici tali (trust) che praticamente distruggono la libera concorrenza, ti ripeto le loro vittorie per me sono abbastanza scontate e molto “facili”, pensa che il Napoli che è la seconda forza del nostro campionato gioca praticamente senza fuoriclasse e l’unico che aveva (Higuain) l’ha venduto proprio alla Juve, questo per me significa “scansarsi” come diceva Buffon, cioè nessun è in grado di competere con la Juve per mancanza di mezzi economici e nessuno nemmeno ci prova, l’Inter e il Milan sono piene di debiti e sono lontane anni luce, la Roma ha venduto tutti i pezzi migliori e la Lazio è una buona squadra ma non all’altezza delle migliori, tutte le altre si giocano la A2, se a te piace questo tipo di campionati dove lo scudetto viene praticamente già assegnato a tavolino in estate buon per te, ma sinceramente io questi campionati li vedo molto noiosi e appunto li seguo solo perché c’è la nostra benamata Samp, dunque in conclusione ti ribadisco il mio concetto: per me vale molto di più lo scudetto della Sampdoro che i 7 scudetti della Juve o i 6 del Bayern vinti praticamente senza concorrenza e aggiungo che campioni come Salvi, Mancini e Maradona mi hanno emozionato e divertito 1.000 volte di più di Messi e Ronaldo messi insieme senza nulla togliere alla loro bravura, questa è la mia opinione personale da sportivo e non solo da sampdoriano…

  52. Pier scrive:

    Prevedo un’altra batosta a San Siro.

    • Edoardo scrive:

      Se Super Fabio Bros. è in giornata di buona possiamo giocarcela, il Milan non mi sembra poi così forte e comunque 1 punto a me andrebbe benissimo…

      • Matte Genovese scrive:

        edo un punto a s.siro e sempre buono…. ma con queste squadre nn si sa mai, potrebbe anche uscire il colpaccio, secondo me partita piu semplice di quando nn e stato contro il sassuolo.

        • Edoardo scrive:

          Pare che Tonelli, Ekdal e Andersen siano mezzi rotti, ma come han fatto a farsi male? In allenamento? Comunque dai tra poco incomincia, vediamo…

    • Matte Genovese scrive:

      tu dici ?

  53. SANDOIA scrive:

    Momento migliore ? lo sapremo solo a partita finita .
    IL Betis è una squadra tosta ed abituata a battere squdre più blasonate .
    Il Milan rimane una grande squadra e con risorse extracalcistiche come la “manina di Calabria”
    Il designatore si è mosso in una direzione piuttosto chiara arbitro relativamente inesperto con uno score di
    zero vittorie per Sampdoria e zero sconfitte per il Milan.
    Sono assolutamente d’accordo di non farci condizionare a priori.
    Se ripetiamo la partita col Sassuolo con gli errori sotto porta questa volta al 99% non riusciremo ad essere bravi a non perdere .
    Bisogna cambiare registro loro hanno più motivazioni e giocano con un grande pubblico ,ma a differenza della Sud sono anche pronti a fischiare starà alla Samp creare queste condizioni e trarne vantaggio .
    Una prova fondamentale come fù quella dello scorso anno ,meno importante perchè siamo all’inizio speriamo con esito diverso.

  54. giovanni scrive:

    lo faccio per scacciare i pensieri e riderci sopra lunedi, così per esorcizzare il diavolo…che mai come in questa occasione è da prendere con le pinze…è una/due settimane che siamo la difesa migliore, i secondi in europa…siamo tosti, siamo un bunker…bene di la ci sta il signor gonzalo higuain che a queste cose ha fatto un callo che nemmeno i più grandi senza contare cutrone, che ha voglia di emergere che se ne avesse la metà kownacky…hanno mandato il maresca di turno, noi zero vittorie, loro zero sconfitte, se non bastasse c’è l’amico di tutti noi orsato al var…speriamo che succeda come domenica che non ha funzionato per larghi tratti della partita (o forse no?, magari solo nei momenti giusti speriamo); abate nostro ex o quasi giocherà perchè diversamente avrebbero dovuto coprire le mani di calabria con guanti o fazzoletti azzurri confidando che le immagini var fossero su pellicola ortocromatica dei primi del 900 e che non restava visibile nella stessa (così per non correre pericoli), hanno perso anche in europa league (a proposito ma che giocatore è lo celso???) dopo aver perso il derby al 93′…sono sulla graticola, gattuso in dubbio che certamente domenica ringhierà di suo, donadoni già pronto…riparlano però di minimo 4 posto (e ti credo con i debiti che hanno ed il fondo che non li può tenere in perdita all’infinito devono guadagare…), si è rifatta sentire l’uefa per le sanzioni, sono comunque una squadra che ad agosto tutti noi la consideravamo nelle prime sei del gruppo…bonaventura a noi ci vede grandi come un palazzo…, biglia il signore della regia che sapientemente distribuirà calcio, sento maldini e leonardo che confidano sempre di recuperare il terreno perso, la s…ga è che certamente non giocherà bakayoko rottamato dal centrocampo del betis, certamente daranno spazio a laxalt, suso come al solito giganteggerà con il suo sinistro e donnarumma reduce da una serie di vaccate si esalterà come nelle migliori giornate…a noi ci resterà il terzo anello da dove quasi non riesci a farti sentire…ed infine crudeli è moribondo ed a rischio di estinzione…
    spero di non averne dimenticati, poi domenica sera ci voglio ridere su.
    ma quanto sarebbe bello portargli via i tre punti!!!!

Lascia un commento

SAMPDORIA POVERA, POVERA SAMPDORIA

Anche all’Olimpico con la Roma – terza sconfitta consecutiva, undici gol beccati nelle ultime tre gare, un solo punto raccolto

A BELOTTI INVERTITI…

Non cerco alibi o scuse, il Torino ha vinto meritatamente (anche se in proporzioni eccessive) perché ha fatto meglio della

Sconfitta vecchio stampo, ma l’arbitraggio…

Ho titolato “Sconfitta vecchio stampo” perché a San Siro con il Milan si è rivista una Sampdoria piuttosto sbilanciata in

IL FESTIVAL DEL (NON) GOL

Con il Sassuolo ci si aspettava un festival del gol, tra due squadre votate all’offensiva. Invece, Giampaolo e De Zerbi