DALLO SCATTO DI DUVAN ALLO SCATTO PER L’EUROPA

25 feb 2018 by andrea.lazzara, 142 Commenti »

La Sampdoria al Ferraris non fallisce quasi mai. E anche contro l’Udinese, con grinta, coraggio e anche un po’ di fortuna porta a casa tre punti essenziali nella corsa per l’Europa. Perché ora, con due trasferte per niente facili (Bergamo e Crotone) potremo davvero capire se questo sesto posto artigliato e tenuto stretto con le unghie e con i denti rappresenterà davvero la posizione finale o se bisognerà sperare nelle altrui vittorie in Coppa per puntare al settimo posto,  a quel punto  valido per l’Europa. La vittoria sotto la neve contro i friulani vale tanto oro quanto pesa: è stata ottenuta contro una buonissima squadra, con ottimi elementi anche se dietro non irresistibile, con un allenatore che li mette bene in campo, con una prestazione diciamo..da 6.5 complessiva e anche con quel pizzico di buona sorte (leggi due pali per i bianconeri) che serve sempre per le piccole grandi conquiste. Felicissimo per il primo gol blucerchiato di Silvestre ( e pazienza per la svirgolata autogol finale), felicissimo più che per il gol (era un cross, lo ha detto lui stesso…) per l’azione personale di Zapata che ha portato al tiro vincente del 2-0. Un coast to coast di Weahiana memoria, come gli hanno subito ricordato, che ha dimostrato come anche fisicamente il ragazzo possa progredire. Mi dà l’impressione che il colombiano sia un gigante buono che abbia bisogno di essere coccolato: al Ferraris ha trovato la sua casa ideale, si è vero, segna anche lontano da qui ma non è la stessa cosa per lui. Deve fare un salto di qualità in termini di personalità per diventare un giocatore davvero importante: basta volerlo… Ora l’Atalanta, ancora incarognita dall’incredibile eliminazione europea, che non ha giocato in campionato a Torino ( e chissà se lo farà in Coppa Italia). Avversario peggiore di così la Samp non poteva trovare ma, attenzione: è in queste partite che devi dimostrare di essere “grande”, devi avere sicurezza, capacità di imporre il tuo gioco. Al Crotone dell’ex con il dente avvelenato Zenga affamato di punti si penserà dopo ma Bergamo è un crocevia essenziale. Dai Duvan, fai e fai fare alla Sampdoria un altro scatto verso l’Europa….

142 Commenti

  1. Francesq scrive:

    Avete notato la crescita?

    Certe partite, contro squadre che al posto del centrocampo hanno una riserva di bisonti, che si chiudono e contrappongono uomo su uomo, che puntano sul contropiede, sono l’anatema per il giampaolismo. Una volta le perdevamo. Ora no. Vittoria contro l’udinese, pareggio col Torino. Quattro punti tra i più significativi dei quarantaquattro in saccoccia, in fila per sei col resto di due. E ci aggiungo anche la vituperata sconfitta contro il Milan, che la Samp ha avuto la maturità di contenere nelle dimensioni, permettendo di poterla ridimensionare ad episodio dopo appena una settimana. Se avessimo perso 4-0 (e ci poteva stare) avremmo avuto oggi l’energia mentale di sopportare le continue rotture di scatole dell’Udinese, e di giustiziarla con cinismo?

    Diciamocelo, anzi, me lo dico da solo, non mi aspettavo tanto dalla gestione Ferrero. Iniziata all’insegna della più totale improvvisazione, ma proseguita all’insegna di un progetto, societario e tecnico. La squadra matura, arroccata sulle sue certezze. I calciatori crescono, si trovano, talvolta si perdono, ma poi si ritrovano, i giovani diventano grandi, i gol aumentano, la classifica sorride. E noi ci divertiamo. Questo il risultato della programmazione.

    Bravi, tutti. Comunque vada. La strada è giusta.

    PS. “Belin, ma Caprari non vedrebbe la porta manco da Mazzitelli”, ha commentato il mio vicino. Mi sono piegato dal ridere. E speriamo che porti bene al nostro numero 9 :)

    • Lollo scrive:

      Ho visto il Milan ieri sera…stanno venendo fuori i valori di questa squadra, a questo punto aver perso solo 1-0 va più che bene.
      Resto convinto che in trasferta dobbiamo e possiamo fare meglio !

      • Francesq scrive:

        Beh, ma migliorare si può e si deve sempre.

        Come del resto questa squadra ha fatto. È tangibile, sia nell’approccio a certe partite “scomode”, sia nel rendimento di alcuni singoli. Murru, per dirne uno, ora in serie A ci può stare. È ancora lontano dall’essere uno da UEFA , ora come ora, ma almeno non è il disastro di inizio campionato.

        Dico solo che questa squadra sta andando oltre il suo effettivo valore, ottenendo risultati straordinari. Grazie anche ad un ambiente che deve mantenersi caldo, affettuoso e anche realista se talvolta l’avversario è più forte e ti batte. Tutto qui.

    • Fra Zena scrive:

      ho visto il secondo tempo del Milan ieri sera. Ha letteralmente triturato la Roma, in trasferta per di più, creando 6/7 nitide occasioni da gol e subendo pochissimo. E’ la squadra più in forma del torneo al momento, eppure in molti hanno aspramente criticato i ns giocatori e il mister per la sconfitta della scorsa settimana. 1-0, in trasferta. Queste sono cose che veramente non capisco. Un po’ di oggettività e di comprensione dei meriti altrui, come quella che dimostri tu nel tuo commento, non guasta mai. Ps Schick mi è parso veramente spaesato…

      • Daniele da Rapallo scrive:

        Teniamo anche presente che la Roma, con una squadra da scudetto, sta facendo veramente schifo.

        • petrino scrive:

          il milan non e’ da scudetto.
          Solo iuve e napoli lo sono
          Ora paragonano Gattuso a nereo rocco.
          Da allenatore Gattuso non ha fatto nulla. Quado paron nereo arrivo’ al Milan era arrivato dal magico Padova che con 4 vecchietti e Hamrin aveva fatto faville.per anni.

      • giovanni scrive:

        ragazzi ribadisco: il milan è una squadra che con noi non ha a che fare, ma che se poi è li ed addirittura ce la giocheremo fino alla fine, questo è un enorme merito nostro e qui non ci sono dubbi ma un pò della colpa va data anche al buon vincenzino, impegnato com’era a verificare, ancora una volta, che meno si corre e più si vincono le partite…detto ciò, pensare di fare sesti la vedo durissima, forse la strada è il settimo posto sperando che o lazio o juve vincano la coppa italia e quindi si acceda all’europa league con il settimo posto, cosa che comunque non cambierebbe di una virgola tutto lo splendido campionato fatto e non mi farebbe modificare il sentito ringraziamento per un anno vissuto ben al di sopra di quanto immaginato all’inizio.
        forza sampdoria sempre!

        • petrino scrive:

          Stenta anche a siviglia. E’ un ballon d’ essai, ossia un cacciaballe

        • Francesq scrive:

          Condivido Giovanni.

          Sai in cosa sto sperando però ? Nel crollo dell’inter… hanno lo spogliatoio spaccato e non combinano più nulla di buono..

      • Francesq scrive:

        Si, sono spaziali al momento. Del resto han tanti campioni o quasi campioni in rosa…

        E faccio pure mea culpa su Gattuso. Altro che grinta, quello allena eccome…

    • Edoardo scrive:

      No, la crescita io non l’ho proprio notata né a livello di gioco né a livello societario, ma il risultato di ieri è ottimo, 2 tiri in porta in 90 minuti contro una squadra che ci è sotto in classifica e di conseguenza 3 punti diretti nel sacco che ci consolidano a 6° posto, questa per me è la notizia buona…

      • Fulvio Vassalli scrive:

        Tu quando senti profumo di fiori ti giri per vedere dove è il carro funebre giusto ?

      • Francesq scrive:

        Con tutto il rispetto per la tua opinione, credo sia impossibile non notare la crescita..

        Sei troppo “cattivo” :)

      • Lollo scrive:

        Edoardo queste per noi sono le partite peggiori… che non di rado abbiamo perso o pareggiato. Ricordo un Sampdoria Udinese di tantissimi anni fa ( 1987 ), con l’Udinese che partiva da -9 e quindi virtualmente retrocessa ..li prendemmo a pallonate ma finì 0-0 e quel punto ci costrinse allo spareggio, poi perso, con il Milan…

  2. marco scrive:

    Atalanta riposata dopo la doppia sfida col borussia e dopo che giocherà in coppa Italia mercoledì (tempo permettendo)contro la Juve?BOH!
    Credo che daranno tutto per andare in finale di coppa Italia.
    La partita di oggi ha dimostrato che anche la buona sorte è dalla nostra parte, quindi bisogna crederci tutti più che mai.
    Alvarez in campo ha quasi vanificato tutto, incomprensibile il suo ingresso, poi un gol da antologia, che voluto o meno, sarà giusto e doveroso ricordare e celebrare a lungo.
    Unico neo , ennesimo fallo di mano contro non dato, ma dopo il fallo di ranocchia da rigore ed espulsione(secondo giallo) dimostra che pure il var non serve a nulla.

    • andrea.lazzara scrive:

      Ops…cambio ora il testo….cavoli, mi sono completamente fumato il match di Coppa (che se tanto mi dà tanto…bisognerà vedere il meteo per sapere se si giocherà). Grazie Marco!

  3. Matte Genovese scrive:

    Ciao Andre, bella analisi, felicissimo per la vittoria e come al solita sofferta, uscito di scena gaston, mi pare che riki nn sia veramente all altezza, ma vorrei farti una domanda riguardante il tifo, siccome sono fuori Genova gia da un po e anche lontanissimo, sono ormai fuori da quello che riguarda l ambiente della grad Sud, vorrei sapere il perche dell assenza ormai perpetua di striscioni in gradinata, trovo sia una cosa squallida, vedere quelle skifose ringhiere rosse al posto di un vecchio striscione kilometrico con scritto ULTRAS TITO CUCCHIARONI………… Se puoi illuminarmi del motivo te ne sarei molto grato. Ciao a tutti e Forza Samp Sempre.

    • LUCA PORZIO scrive:

      Caro Matte genovese te lo spiego io perchè.
      Nel lontano 2006 dopo la morte dell’ ispettore Raciti durante il derby Catania-Palermo il Palazzo decise che gli striscioni potevano entrare alle stadio solo prima dell’autorizzazione delle Autorità competenti, dopo eventuale richiesta.
      Dal momento che gli Ultras Tito C hanno da allora ritenuto che far entrare gli striscioni liberamente fosse un diritto di ogni tifoso, si spiega il rifiuto di richiedere qualsiasi permesso e quindi l’ esposizione degli striscioni in gradinata Sud.
      Chissà se questa decisione è stata giusta, sicuramente da 12 anni la gradinata è scialba ed incolore.
      Recentemente sono ritornati i tamburi solo dai fedelissimi.
      Escluso che gli Ultras facciano marcia indietro, perciò teniamoci questa gradinata
      così com’è, anche con poca gente perchè gli abbonati se ne stanno a casa invece di andare allo stadio.

      • Matte Genovese scrive:

        Ciao luca, e la questione dei permessi gia la sapevo, io sono via da genova mio malgrado gia da piu di tre anni, ma nn riesco allora a capire visto che i fatti stanno cosi perche questa testardaggine da parte dei UTC che seconde me e molti altri tifosi nn ci porta da nessuna parte, anzi la grad come giustamente mi scrivi e veramente sempre peggio…… Questo mi fa molta tristezza perche vedo ogni gradinata o curva che sia sempre a pieno regime. Speriamo cambi qualcosa, io purtropo nn posso fare nulla essendo ormai lontano, ma dopo vent anni passati in gradinata ci patisco davvero tanto per questa situazione di merda. Cmq grazie per avermi risposto caro luca e forza Samp. Ciao e salutami Zena…..

        • ale scrive:

          Sinceramente non so di cosa stai parlando. La gradinata è esaurita in abbonamento e cantano tutta la partita. Prendi le informazioni dalla presenza diretta allo stadio o dal muro del pianto? Perchè sai li scrivono le cose così per bibinaggine è una realtà virtuale fatta di gombloddi e ns gradinata vuota….

          Guardano le immagini del gol di Zapata e dicono “eh ma la Sud è mezza vuota” anche se iul gol l’ha fatto sotto la nord, he he!

          Sarà il freddo

          a – 14

    • marco scrive:

      Il motivo è il seguente.
      E’ fatto divieto introdurre in tutti gli impianti sportivi striscioni e qualsiasi altro materiale ad essi assimilabile, compreso quello per le coreografie, se non espressamente autorizzato.
      Sono altresì vietati i tamburi ed altri mezzi di diffusione sonora (es. megafono).

      Nel limite stabilito dalle società sportive, sarà possibile introdurre ed esporre striscioni contenenti scritte a sostegno della propria squadra per la gara in programma, inoltrando almeno 7 giorni prima dello svolgimento della gara, apposita istanza, anche mediante fax o e-mail, alla società che organizza l’incontro, indicando le proprie generalità complete. A tal fine occorrerà specificare:

      le dimensioni ed il materiale utilizzato per la realizzazione;
      il contenuto e la grafica compendiati in apposita documentazione fotografica;
      il settore in cui verrà esposto

      ERGO COME PER LA BATTAGLIA CONTRO LA TESSERA DEL TIFOSO, ANCHE QUELLA DEGLI STRISCIONI è UNA BATTAGLIA.

      • Matte Genovese scrive:

        Marco , capisco che e un vero schifo questa restrizione, nn ce niente di netto in queste assurde leggi fatte solo per penalizzare le gradinate fiere come la nostra, poi a milano entrano i motorini in curva….. che squallore, pero io dico e questa e la mia modesta opinione , che secondo me ci stiamo auto distruggendo, o meglio grad sempre piu vuota, incolore e mai con un coro che butta giu i muri……. Forsa la gente e stufa di questa situazione ?????? Io nn lo so ma forse sarebbe meglio, per il bene della gradinata e di tutto l ambiente parlarne in modo piu approfondito. Ciao e grazie per avere risposto.

        • marco scrive:

          Matte io mi son tolto in tenera età dagli Ultras , dopo la scissione causata da Enrico Mantovani.

        • Paolo1968 scrive:

          Ciao MAtteo, io non sono e non sono mai stato Ultras, ma coi tamburi, senza tamburi, con gli striscioni o senza io vedo che gli Ultras sono sempre al loro posto, con le loro bellissime bandiere a cantare tutta la partita.
          Non credo che la loro decisione di non portare più gli striscioni abbia tolto anche un solo Ultras alla gradinata. I motivi del calo di persone sono tantissimi e non vengono visti solo dai ciechi che si spartiscono la torta a livello nazionale. Peraltro che la torta potrebbe essee molto più grossa e condivisa da molti più soggetti….
          Ma sono le persone NON Ultras cui bisognerebbe rivolgere le domande. Gli Ultras ci sono sempre, ovunque e tifano 90 minuti + recupero.

          A proposito dei vari motivi: domenica a Torino non si è giocato per neve. 5 cm di neve. Nessuno ha spalato, l’impianto ha le serpentine, a quanto mi dicono. Juve e Atalanta ben contente di non giocare per gli importanti impegni. Rispetto verso i tifosi che sono andati? Z-E-R-O.
          I tifosi sono meno dell’ultima ruota del carro. Facciamoci delle domande. Dovremmo fare sciopero noi per 3 anni, comprese ovviamente pay-tv (che non ho mai avuto…). Poi ne potremmo riparlare, altro che cancelli, quartieri bunker, tornelli, permessi per striscioni e tamburi, VAR e cavolate del genere… ops, Andrea scusa per il termine, ma ci sta tutto.

          • andrea.lazzara scrive:

            L’ho corretto ( ci stava, il termine che hai scritto ma..non si può). Però..concordo :-)

    • Maurizio Arcini scrive:

      Perché per striscioni e tamburi bisogna chiedere il permesso gli ultras sono gli unici coerenti fino all’ultimo, le battaglie per vincerle non bisogna indietreggiare, mai. Ultras Tito fierezza e coerenza

      • Tommy scrive:

        NON sono d’accordo!
        Coerente lo puoi essere una volta con una protesta e con uno striscione come ieri sulla tv. Poi però NON SI DANNEGGIA la Squadra e la Società che si rappresenta, con una ‘coreografia’ penalizzante.
        Almeno mettete delle Bandiere.
        Comunque PER FAVORE:
        RIMETTIAMO GLI STRISCIONI, GEEZ!!
        Senza è squallido!

        • ale scrive:

          Beh! Considerato l’andamento della squadra in casa non mi sembra si possa dire che la gradinata danneggi la squadra. A meno che non si voglia attribuire il merito ai mugugni dei distinti quando entrano Regini o Alvarez.

          Io credo che se tu Tommy vuoi mettere uno striscione e chiedere il permesso in questura nessuno possa impedirlo così come -giustamente- nessuno può costringere gli UTC a farlo se ritengono che la cosa possa ledere la libertà di espressione

          Avanti Sampdoria!

        • Paolo1968 scrive:

          Cioè in sostanza pretendi che gli Ultras facciano quello che vogliono gli altri che sono liberi di fare qualunque cosa (senza farla), vsito che non sposano la “sciocca” coerenza degli Ultras?

      • Matte Genovese scrive:

        Mauri, capisco la fierezza e la coerenza, ma nn sino a questo punto. Per me il danno e maggiore che Il pro che potrebbe derivarne da questa battaglia.

        • Paolo1968 scrive:

          La loro è una battaglia personale e non per la Sampdoria squadra e società.
          La ritengono una battaglia di libertà personale e non di libertà da tifoso.
          E sostanzialemtne, per quanto io sia un pecorone che senza motivo si è adattato a:
          - tessera del tifoso con tutti i miei dati
          - tornelli
          - orari folli
          - quartieri che sembrano usciti da “fuga dal Bronx”
          - biglietti acquistati secondo procedure assurde (mi ricordo alla mattina della domenica, cominciavo a rompere le scatole a mio papà finchè non prendevamo il treno e 1 ora prima della partita avevamo il biglietto in tasca)

          ringrazio il Signore che c’è qualcuno che non accetta sempre ogni cosa supinamente perché non ha più nemmeno voglia di protestare.

  4. Edoardo scrive:

    Ottimo il risultato, un po’ meno la prestazione…

  5. Sand66 scrive:

    Sono felice ma, ho la sensazione, che il sistema di gioco della Samp abbia raggiunto il massimo del suo rendimento. Ormai ci conoscono a menadito e sanno come affrontarci, se le nostre punte non segnano siamo nei guai e il fatto che Caprari non vede proprio la porta potrebbe essere un limite che alla fine peserà.
    Oggi abbiamo fatto la nostra partita ma siamo sempre poco incisivi, meno male che Zapata sbagliando ha insaccato perché il solito golletto lo incassiamo quasi sempre.
    La scelta di Alvarez non la comprendo mai, dicono che in allenamento fa vedere grandi numeri ma, in partita, proprio non si vedono, meglio spostare Caprari e inserire Zapata.
    Siamo sesti e non è un caso, crediamoci fino in fondo.
    Forza Doria sempre e comunque.

  6. Alup scrive:

    Ottima partite con note di merito per Torreira, Sylvestre e Ferrari. Zapata e’ stato molto onesto nel dire che il suo era in cross, non capisco la positiva valutazione di Alvarez che non mi sembra abbia inciso molto sulla partite ma sappiamo la valutazione che ha di lui Giampaolo, vedi Simic che dopo in periodo nel Livorno ora gioca titolare nella Spal segnando oggi un gol mentre alla Samp non ha giocato mai in minuto non essendo ritenuto pronto dal nostri allenatore.
    Ora fuori gli attibuti nelle due prossime trasferte e forza Samp

  7. SANDOIA scrive:

    Vittoria essenziale per proseguire il nostro cammino e anche un pò per vendicare l’andata
    Le partite da non sbagliare sono queste ,ben più ostica era quella con la Fiorentina ..poi in campo risolta molto bene.
    Sinceramente non credo molto nella corsa Europea …non voglio ripetere le solite remore e perplessità ;ma credo sia doveroso anzi indispensabile lottare e perseguire un obiettivo il più a lungo possibile :in primo luogo per evitare il finale di campionato dello scorso anno nel quale la società cercò di aumentare goffamente clausole rescissorie e i migliori giocatori cercarono la aquadra migliore o l’ingaggio più elevato per la stagione futura con i risultati sul campo che conosciamo.
    Per stare tranquillo dobbiamo arrivare a giocarci il 6 posto a Ferrara l’ultima giornata ed in quella occasione non sarei di certo tranquillo ma sicuramente sereno perche avremmo fatto un enorme salto di qualità.

    FORZA SAMPDORIA

  8. Michele G. scrive:

    Ma Zapata non era quello giù di corda per via della pubalgia? D’accordo che sul gol abbia avuto un po’ di sorte (dice che voleva crossare), ma quei 70 metri fatti con una progressione impressionante, credete che possa farli uno con la pubalgia? Non sono un medico, ma mi sembrerebbe alquanto difficile.

  9. petrino scrive:

    il fallo di mano non dato oggi e’ similare a quello concesso invece alla lazio contro il sassuolo.
    Anche il VAR risente della sudditanza.
    Caprari incoccia la porta solo da 50 cm.

    • Michele G. scrive:

      Non è detta Petrino, non è detta! :-) Potrei avere una qualche speranza qualora la palla avesse già passato per il 99% la linea bianca e le manchi giusto un millimetro per farlo del tutto! Scherzo, ovviamente, ma è preoccupante come riesca a buttarla sempre fuori anche da distanza ravvicinata. Quella di San Siro al 91mo grida ancora vendetta!

  10. Paolo scrive:

    Chiaramente ottima prestazione, ci voleva per sperare un pochino nell’Europa, pero’ non capisco come si riesca a prendere sempre gol in quasi tutte le partite. Discreti davanti anche se tiriamo pochissimo in porta, male dietro. Eppure io sono convinto che i difensori della Samp non siano affatto scarsi, penso proprio che Giampaolo non sappia curare la fase difensiva. Marcature a distanza e poca cattiveria. Ogni azione avversaria è un pericolo. Comunque finchè facciamo 2 tiri nello specchio in 90 min. e 2 gol….va bene e forza Samp!

  11. Paolo1968 scrive:

    Il VAR servirebbe se gestito alla luce del sole. Così permette solo agli arbitri di fare maneggi o almeno di farlo pensare ai tifosi. Visto da pochi metri, rigore netto e arbitro che allarga le braccia per 2/3 volte a dire “non ci penso nemmeno di consultare il VAR”.
    All’andata però 3 rigori contro ce li diedero, anche uno ridicolo sul 3-0 nei minuti di recupero.
    Non perfetta la Samp, ma ottima pensando che di fronte aveva una squadra con una forza fisica notevole e disposta molto bene.
    Alvarez ha fatto rimpiangere lo spento Ramirez del primo tempo e ho detto tutto.

    • Tommy scrive:

      Ramirez non era affatto spento. Gastone prova sempre l’incursione, prova a verticalizzare. Prova il tocco, ha fisico, ha personalità, esce lui e la squadra ne risente immediatamente.
      La differenza tra lui e un buon giocatore che vive di tram tram, è simile a quella che (forse ricorderai) tra Brady e Souness. Con Souness, che rischiava sempre la verticalizzazione, iniziammo l’epopea dei grandi successi. Con Brady siamo sempre stati acerbi.
      Dài retta a me. Gaston è un idolo! Potrebbe giocare in qualsiasi squadrone europeo. Non esagero!

      • Paolo1968 scrive:

        ha prestazioni estremamente altalenanti. Ha i colpi, ma non puoi farli 2 partite sì e 3 no. Comunque, quando gioca come sa fare, a me piace moltissimo

    • petrino scrive:

      Rosetti ha detto che prossimamente il VAR sara’ proiettato sui maxi schermi degli stadi .
      Tutti potranno vedere le immagini che hanno visto i VAR al chiuso.

      • andrea.lazzara scrive:

        Sarebbe anche l’ora. Sbaglio o negli States fanno così nel football americano? (Magari dico una cavolata oppure ho visto troppi film americani…)

        • Paolo1968 scrive:

          è quello che continuo a ripetere….. e nel football comunicano a tutti la decisione presa e perché tramite altoparlanti dello stadio

        • petrino scrive:

          LO fanno eccome e anche in certe partite di rugby del 6 nazioni

        • NYC scrive:

          Confermo, Nell ultimo super bowl un touchdown degli Eagles ( decisivo) e stato visto e rivisto da tutti, c’è molta più trasparenza ma non perché sono più onesti ma perché fa più business , infatti avere maggiore incertezza porta più interesse e più soldi.

          Diciamo che sono più furbi, in Italia come anche in Spagna ci sono sempre pizzi da pagare , favori e controfavori ….

      • Lollo scrive:

        con grossi rischi di ordine pubblico secondo me…

  12. Fra Zena scrive:

    nel calcio le annate giuste le vedi anche da queste partite, dove porti a casa i tre punti fortunosamente dopo una prestazione per lunghi tratti sottotono. Sicuramente il campo viscido e l’atmosfera un po’ ovattata non sono le condizioni ideali per noi, ma ieri la squadra mi è parsa in deficit psicofisico, un po’ come accaduto a dicembre. Emblematico in questo senso anche il calo di tensione nel recupero, dove abbiamo rischiato di pareggiare una partita già vinta. Nei 90 minuti per lunghi tratti abbiamo subito troppo, soprattutto a sinistra dove la catena Murru-Linetty non riusciva quasi mai a contenere i friulani. Va comunque detto che, numeri alla mano, da quando Murru e Barreto giocano titolari prendiamo meno gol. Solo 3 nelle ultime 5 partite. Forse è un caso, forse no. Ora ci aspetta un altro ciclo di fuoco, ma dobbiamo urgentemente recuperare energie e lucidità perchè in trasferta ci vorrà un’altra Sampdoria. E magari un altro arbitraggio, siccome ieri c’era un rigore netto per noi…

  13. piero scrive:

    Bella partita. Un po’ di fortuna e parecchio cinismo. Queste sono le partite che possono segnare l’andamento di una stagione. Vedremo dopo Bergamo. Due sole note dolenti a mio avviso: Caprari che non la mette dentro nemmeno a porta vuota (che alla fine il suo ruolo naturale sia da trequartista?) e l’infortunio a Beres… Chi gioca terzino destro a Bergamo visto che pure Sala è infortunato? Andersen non mi pare sia a suo agio lì. Forse che sia la volta buona di provare una difesa a tre? Cmq speriamo che non sia nulla di serio e che recuperi.

    • marco scrive:

      Piuttosto di cambiare modulo, Giampaolo schiera Ferrero come terzino.

    • petrino scrive:

      A tre non giochera’ mai, anche perché non ha gli uomini adatti. Sarebbe un massacro.

      • francesq scrive:

        Esatto. E poi cambia proprio tutto. A 3 giochi a uomo, noi giochiamo a zona (a prescindere dal fatto di stare a 4) da due anni, non è che basta dire “giochiamo a 3″, occorre allenare il modulo…

  14. Daniele da Rapallo scrive:

    Caro Andrea, ottima analisi : le nostre sensazioni negative dovute al tempo e all’umore sono state scongiurate.
    Analizzerò alcuni punti migliorabili in maniera sterile, anche perchè, se venissero nettamente migliorati, come dice il tecnico non sarebbe la nostra dimensione societaria.
    Intanto mi dispiace e sono preoccupato per gli infortuni di Ramirez e Berezinsky….dacci se puoi notizie. Spero nulla di grave perchè, come gli altri titolari, sono praticamente insostituibili (forse piuù Ramirez da Caprari che Berezinsky); spero rientri almeno Praet.
    Squadra fisica, tost, arcigna ma anche tecnica l’udinese che giocava col classico catenaccio volto alle ripartenze.
    Tanti tuttavia gli errori tecnici. Dal Barreto lottatore che ha piedi poco educati al Caprari bravo fino ai nove decimi ma molto impreciso in fase finale. Alvarez non criticato, in onore al Mister, ma eterno incompiuto e lento. Linetty sotto tono in quanto a precisione.
    Certo la Roma, costruita per lo scudetto, non ci aiuta e ci troviamo un Milan in stato di grazia sempre attaccato. Speriamo di rendere un po più omogenee le partite anche fuori casa e che L’Atalanta possa approdare in finale di coppa Italia, visto che noi l’abbiamo (a parermio, e ancora mi brucia) snobbata.

    • Maurizio Arcini scrive:

      Direi anche bello lo schema del secondo goal 70 metri con palla nei piedi .La verità è che caprari e Fabio insieme non sono una coppia bene assortita, infatti fatichiamo sempre con loro due, un goal così caprari se lo sogna, ha un raggio di azione di 15 o 20 metri al massimo, zapata anche non in forma ti crea comunque qualcosa di più .

  15. vincenzo scrive:

    TUTTI A BERGAMO!!!!

    Forza Sampdoria!

  16. marco scrive:

    Se il Milan uscirà con i 3 punti anche dal derby, la corsa dovrà essere fatta proprio su inter e Roma, al momento le 2 squadre più in crisi di quelle in alto. L inter ha derby,Napoli e poi SAMPDORIA a Genova.

    Sulla squadra , sono un paio di partite dove si vede Linetty sottotono, giocatore molto importante, che se viene meno ne risente la squadra tutta.

  17. Tommy scrive:

    BRIGHT SIDE.
    Bel Gioco Propositivo.
    Avere in Squadra Gente Come Torreira, Viviano, Gaston (che adoro), Duvan (che mi fa sballare), Quagliarella e Ci Metto anche Silvestre.
    Capacità di Vincere Partite in Casa, che Sono Difficili o Si Mettono Su un Binario Difficile (l’Udinese Fisicamente era Strabordante).
    DARK SIDE.
    Subiamo un po’ troppo in casa nei primi 10 minuti, dopo il 70° sembra difficile per Giampa capire che è improbo mantenere un gioco di tic-tac. Gli avversari, a caccia affamata del pallone (perché sotto nel punteggio), spezzano il nostro fraseggio (toc). E RIPARTONO pericolosamente. Dove? Sulla sinistra, lì c’è un grosso buco, e costantemente prendiamo delle rumbe.
    Come Vedo la Samp per l’Europa? Posto che a me interessa relativamente (paradossalmente se beccassimo degli squadroni sarei motivato, se venissero squadre cipriote, israeliane, ‘palestinesi’ un po’ meno), dico che…è ardua la faccenda. Dietro ci sono squadre toste. Però essendo più leggerini, in Primavera potremmo uscire alla distanza col nostro gioco fatto di tocchi ubriacanti sotto porta.
    BISOGNA MIGLIORARE in trasferta, togliere la coda fra le gambe, e andare lancia in resta come guerrieri!
    Per finire: pare che Bolt sia stato ingaggiato da una squadra (non si sa ancora il nome).
    NOI CE L’ABBIAMO GIA’, E SAPETE TUTTI CHI E’!!! Miiiii che GOAL!! CHE GOAL!!

  18. P.SOLARI scrive:

    Ottimi 3 punti contro una squadra molto fisica che non ha mollato mai, giustamente, fino al recupero. Un po’ di sorte ( i 2 legni ) non guasta, visto che la Var viene bellamente ignorata in casi eclatanti come quello di ieri …..
    Continuo a pensare che criticare uno dei nostri sempre e comunque, spesso anche prima che scenda in campo, non sia onesto ….. ieri Alvarez almeno l’ impegno lo ha messo, e’ il sostituto naturale di Ramirez , quindi toccava a lui. Ha fatto danni ? Non mi pare …..
    Siamo sempre sesti, da 6 mesi, quindi le scelte del nostro Mister sono vincenti.
    Finalmente il gol di Silvestre, lo meritava dopo tutte queste partite con la Samp, gran professionista che lavora e non si espone.
    Ora due trasferte, la prima durissima, l’ altra di sicuro ( come spesso accade quando arriva la Samp su certi campi …..) ultima spiaggia per i calabresi. Speriamo di recuperare gli infortunati, Praet per primo.

  19. luca scrive:

    Bergamo e Crotone bisognerà fare minimo 2 punti (l’importante sarà non perdere a Bergamo) come stà Ramirez ? se in finale di Coppa Italia dovessero andare Juventus e Lazio e tutte e due di qualificassero per la Champions in E. L andrebbe anche la settima ? e se la finale fosse Milan – Atalanta cosa dovrebbe succedere perchè vada anche la settima in E. L? scusa Andrea ma il regolamento non è semplice da capire.

    • andrea.lazzara scrive:

      Vediamo se ho capito il regolamento. Juve e Lazio in Champions attraverso il campionato, settima in classifica qualificata per l’Europa League. Il regolamento della Coppa Italia per l’Europa League prevede che solo e soltanto la vincitrice della coppa nazionale ha diritto alla qualificazione. Essere finalista in Coppa Italia, infatti, non basta più per qualificarsi in Europa League come avveniva in passato. Ora è necessario vincere la competizione per ottenere il pass. Nel caso la squadra vincitrice della coppa nazionale dovesse avere già assicurata la qualificazione a una delle due coppe europee grazie al piazzamento in campionato l’ultimo posto utile andrebbe alla settima classificata e non alla finalista.

    • marco scrive:

      Se fai 2 punti con Atalanta e Crotone puoi dire addio al 6° Posto. Il Crotone è deprimente.
      Il settimo posto in serie A serve per accedere ai preliminari di Europa League e salta solo se a vincere la Coppa Italia è una squadra che si piazza in campionato dall’ 8° posto in giù.

  20. Alex scrive:

    un solo commento: ci manca Praet come il pane. Menomale che il rientro si avvicina.

  21. gianfra scrive:

    Vittoria sofferta, comunque fondamentale di una squadra che non ha i fenomeni delle strisciate ma che ha ottenuto a oggi più punti di quelli preventivabili all’inizio e se non fosse stato per il calo di dicembre…(soprattutto mentale , a mio avviso).
    Comunque una squadra giovane che deve migliorare l’approccio alle partite lontano da Marassi

  22. marco scrive:

    La cosa sbalorditiva è la differenza di rendimento tra partite casalinghe e partite in trasferta

    In casa abbiamo una marcia che ci farebbe competere per la vittoria dello scudetto
    In trasferta un rendimento che ci farebbe lottare per non retocedere

    In casa media punti a 2,29 in trasferta media punti 1,00

    Un rendimento incomprensibile, dato che Giampaolo ha solo 1 modo di giocare a calcio.

    Quindi forse non è vero che giochiamo sempre allo stesso modo ed in trasferta , pur usando lo stesso modulo, se ne snatura l’essenza portandolo ad essere controproducente.

    • Paolo1968 scrive:

      E se impiegassimo Giampaolo per le partite in casa e un altro allenatore per quelle fuori?
      ;-)

      • giovanni scrive:

        dopo l’accoppiata zenga – cagni per insegnare la fase d’attacco e la fase difensiva, quella giampaolo – mister x per partite in casa e partite in trasferta…..paolo ci mancherebbe anche questa!!! grande!!!

  23. robmerl scrive:

    bella squadra e gioco divertente. Non possiamo che dire grazie ai ragazzi, all’allenatore e al presidente.
    Se vogliamo raggiungere dei traguardi alla nostra portata, dobbiamo “solo” blindare la difesa – murru è scarso ma evidentemente il modulo scricchiola appena la squadra si allunga e i mediani non riescono più ad allargarsi – e smettere di cercare gli scambi stretti davanti alla porta avversaria.

  24. meistro scrive:

    Consiglio per Caprari: Di recente ho visto uno speciale su Ibrahimovic. Capello ha detto che agli inizi Ibra non sapeva calciare e così gli faceva fare degli allenamenti specifici a fine allenamento. I risultati sono stati quelli che tutti sappiamo. Per migliorare i modi ci sono………basta volerlo.

  25. piero scrive:

    Comunque il MIlan ha un organico evidentemente superiore e arrivare sopra sarebbe un miracolo. Continua a vincere in casa e fuori. In questo momento ha una freschezza atletica e mentale che a noi un po’ manca, soprattutto perchè a mio avviso non abbiamo ricambi all’altezza dei titolari. Nel contempo, pensare che Inter, Roma o Lazio perdano così tanti punti da permetterci di agganciarle sarebbe pura follia. Difendiamo il settimo posto e incrociamo le dita, che se ci dicesse bene potrebbe voler dire andare in Europa. E sarebbe già un successo così.

  26. Edoardo scrive:

    Non concordo con l’intervista post-partita di Giampaolo, nemmeno sulle virgole…

  27. Martino Imperia scrive:

    Io francamente non concordo con gli elogi sperticati verso il MILAN.

    Non ci sto.

    Tutto vero, ora giocano con grinta, arrivano sempre primi sul pallone, corrono tutti, si aiutano, compattezza, gruppo e quant’altro……

    Ma stiamo parlando di una squadra che fino a poco tempo fa era semplicemente IMBARAZZANTE.

    Ci credo che corrono……sono stati in montelliane vacanze fino ai ieri!!!!!

    non bisogna averne paura anche se ci hanno battuo (al ritorno).

    Forse non erano quelli di prima, ma non sono nemmeno quelli di adesso (spudoratamente parlano di Champions!!! nemmeno di UEFA)

    Gattuso ha trasmesso cuore e appartenenza, quello di cui avevano bisogno, ma a livello di gioco sono distanti anni luce da quello che ci fa vedere Giampaolo.

    Anche ieri sera contro la Roma ho visto una squadra tonica, ma il cui unico schema era rimanere coperti per poi ripartire. Traducetelo come volete ma sempre di catenaccio si tratta.

    Ricordiamocelo, noi siamo stati bravi tutto l’anno e con un decimo o forse meno di risorse a disposizione

    loro, come a scuola, stanno recuperando tutto alla fine.

    Ce la meritiamo noi.

    (p.s. e restiamo vigili perchè non dobbiamo dimenticarci che a loro è concesso di giocare a pallavolo)

    • Fra Zena scrive:

      Ciao Martino. Non capisco molto il tuo discorso. I campionati durano 38 partite, fare i punti prima o dopo non conta. Il Milan li sta facendo ora è valgono tanto quanto i nostri. Comunque non hanno un calendario facile, hanno l’ Europa, avranno un calo fisico perché ora vanno a mille: possiamo ancora farcela, non siamo battuti

      • francesq scrive:

        Concordo con Fra

        E comunque i valori li hanno sempre avuti, fin da quest’estate. Secondo me erano schiacciati dall’obbligo di vincere tutto e subito. Una volta ripresi fisicamente e liberi di testa, han cominciato a macinare.

        Dal punto di vista del valore tecnico assoluto sono tre volte più forti di noi, non può esserci dubbio.

        E a San Siro si è visto, non ti facevano passare mai, ti facevano ballare la samba ad ogni tocco di palla. Eppure il Doria, ribadisco, non si è disunito, ha tenuto in piedi il risultato e per poco…. Non beffava tutti e portava a casa il pari. Significa restare in partita con la testa, anche in gare “impossibili”. Ed è un ottimo segno secondo me.

      • Martino Imperia scrive:

        Cerco di meglio spiegarmi in un sol post @francesq e @frazena

        Non posso che concordare con Voi che sulla carta il Milan sia più forte di noi.

        Loro hanno speso 200 (duecento) milioni.

        Noi abbiamo venduto per 100 (cento) milioni

        DELTA: 300 (TRECENTO) milioni, 600MILIARDI lire.

        Ingaggi: sorvoliamo…..

        Ma la stagione del Milan va spiegata non solo col punteggio attuale.

        Ci trovavamo fino a ieri davanti ad un vero e proprio FALLIMENTO tecnico e tattico (lasciando a parte I dubbi societari) che ora viene venduto come Miracolo grazie alla cura di un onesto allenatore (una promozione in B e una retrocessione in C col Pisa) che propone un gioco, ripeto per me, INGUARDABILE ma redditizio, basato su ripartenze, ritmo, freschezza e contropiede. Stop.

        Non c’è programmazione, non c’è progetto, non c’è studio. Solo voglia di rivalsa perchè avevano toccata il fondo. E una società che ha messo li un traghettatore che ora si merita la riconferma.

        L’opposto di quello che, con una certa costanza (escluso il dannato periodo pre natlizio/finestra mercato) stiamo proponendo noi con mezzi infinitamente inferiori. GIOCO PROGRAMMAZIONE e unità d’intenti.

        Intendo dire, se c’è una Giustizia nel calico chi MERITA di prevalere?

        Noi formiche o loro cicale?
        Noi Davide o loro Golia?
        Noi che lavoriamo o loro che giocan d’azzardo (e gli va pure bene)?

        p.s. ma se vedessero anche solo una metà di schemi e gioco che proponiamo noi la stampa Milanese cosa scriverebbe? Che sono Galacticos?

        p.s.2 La loro programmazione è Cutrone inamovibile a 0 euro.

    • marco scrive:

      Montella mi sa che è peggio pure di Cavasin.

    • Lollo scrive:

      Checchè se ne dica se non hai Messi Iniesta Suarez e Xavi il catenaccio e il contropiede ( magari rivisitati.. ) sono sempre la tattica migliore…

      • francesq scrive:

        Beh non sono d’accordo. Noi giochiamo offensivi e di palleggio e siamo sesti, con una squadra certamente buona ma non stellare. Come il Bologna, tanto per dire. Che infatti, giocando coperto, vivacchia senza acuti. L’Atalanta, invece, che come noi è buona ma non stellare, col coraggio di provarci sempre sta ottenendo risultati.

        W il calcio offensivo, abbasso il catenaccio!!

        Lasciamolo a Balla il pragmatico :)

  28. Marco - Verona scrive:

    Vittoria da squadra tosta. Se fossimo l’Inter e quel gol l’avesse fatto Icardi sai le lodi che si sprecherebbero, le cifre che inizierebbero a roteare nei dibattiti circa il valore del giocatore ecc., senza contare cosa non si direbbe del Mr. Spalletti. Ma siamo la Samp e al massimo ci invitano Torreira alla domenica sportiva, quattro battute sul cross che finisce dentro e tutto finisce li. Meglio così alla fine. Andiamo avanti a fari spenti, con umiltà come predica Giampaolo. I conti li faremo alla fine. Forza Sampdoria!!!

    • marco scrive:

      Gli elogi glieli hanno fatti, tanto che alla domenica sportiva hanno pure detto il gol più bello della stagione,solo che lui ha ammesso sinceramente che era un cross e non un tiro, Icardi avrebbe detto , ho visto il portiere fuori dai pali e quindi la volevo mettere proprio li.

      • giovanni scrive:

        occhio marco, che vanda e maurito appena parli male di loro querelano…lui la vuole sempre mettere lì…:-)

  29. SANDOIA scrive:

    Sin troppo onesto Duvan Zapata .
    Potrebbe essere multato per eccesso di velocità .
    Possiamo prendercela a ridere nonostante il Var e l’autogol non banale nè frequente sottolinierei ; pomeriggio freddo ma fruttuoso grazie anche ai gemellati dell’Hellas Verona hanno fatto fuori :Milan,Fiorentina e Torino Meritano di essere contraccambiati quando ne avremo l’opportunità ,serata non proprio ok considerato il rinvio ed un Milan che ha approffitato delle difficoltà post Champion della Roma probabilmente non tanto per gli schemi del ringhio piuttosto il timore che le slot machines si blocchino ha destato Bonucci e c.
    Ma questo non ci deve preoccupare più di tanto :il gruppo è coeso ,inutile criticare Caprari,Alvarez ,Murru… questi abbiamo e possono anzi devono migliorare unico problema e non da poco è che ad oggi contiamo quattro infortunati senza contare Praet che speriamo riprenda bene e presto speriamo di recuperare qualcuno e che non ci sia nulla di grave perchè non ci possiamo permettere queste situazioni .
    Per quanro riguarda Strinic :se sta bene e la situazione in campo lo richiede deve entrare a partita in corso poi si valuterà la prestazione più si aspetta e peggio è per me la gamba indietro un pò è nel suo dna ciò nonostante può essere utile l’eventuale partecipazione ai mondiali forse non sarà una priorità ma comunque una vetrina ed un guadagno .

  30. Pier scrive:

    Bella partita della Samp ieri,compatta e convinta.
    Unica pecca evidente Murru a sinistra e una croce che non si può vedere.
    Purtroppo il Milan è immensamente più potente di noi politicamente.Il Sesto posto è già suo come minimo.A costo di cambiare anche i regolamenti come già fatto in passato.A forza di aiuti e aiutini nei momenti topici l’hanno portato lì.Ora gioca anche bene.
    Dobbiamo sperare in qualche Coppa altrui.
    Il settimo posto ( ma anche il sesto) sarebbe cmq. meritatissimo dalla Samp.

  31. Daniele da Rapallo scrive:

    Scusa Andrea una domanda, per la quale forse tu hai le fonti per ottenere la relativa risposta….:
    Sai mica se in allenamento insegnino ai calciatori a tirare ? D’accordo sul fatto che sia una dote più o meno innata del singolo, ma delle sezioni dedicate al tiro (con relativa scuola) non credo facciano male ad una squadra che ha senz’altro da imparare da quel punto di vista…

    • maverick scrive:

      Bella domanda… Mi ricordo quando il buon Balleri che girava in Ferrari non metteva un cross manco a pagarlo oro e mi chiedevo: ma si allenera’ a fare i cross?!?!? Fossi in lui mi fermerei un’ora in piu a fare solo cross….

  32. giovanni scrive:

    scusa andrea e scusa a tutti gli amici del blog vado fuori tema…ma sarà mica davvero l’anno del napoli? se ci nevica pure…

    • Lollo scrive:

      secondo me no…ma o quest’anno o mai più…

    • marco scrive:

      spero di no

    • Fra Zena scrive:

      li fermiamo noi alla penultima. Con rigore al 90′ di Quagliarella :)

      • giovanni scrive:

        fra, sono contento di sapere che c’è ancora qualcuno che pensa nel calcio assolutamente pulito e lindo degli ultimi anni che ci diano un rigore che può essere decisivo al 90° minuto della penultima di campionato contro il napoli che si sta giocando lo scudetto…mi dirai… la forza della juve non è mai da sottovalutare, magari moxxxi ha ancora una scheda telefonica o le chiavi di qualche spogliatoio di marassi…
        spero anch’io che possa capitare…

        • Fra Zena scrive:

          eheh chiaramente la mia era una boutade :) guarda nel dubbio magari il rigore non te lo danno, ma se è netto (vedi Sampdoria – Roma il mani di Kolarov) col VAR non si può più far finta di niente. E se il buon Fabio si presenta sul dischetto…chi lo sa…

          • giovanni scrive:

            secondo me anche con il var e nel caso che un difensore del napoli cominciasse a palleggiare ad uso stephen curry nella loro area di rigore, l’arbitro al var direbbe che non è penalty e che poteva farlo, affrettandosi a cambiare elettronicamente il colore della maglia di quello con la palla in mano con quella del portiere del napoli, così che non sarebbe fallo di mano; e poi reina è praticamente senza capelli, quindi per adeguare elettronicamente il taglio alla pelata non c’è problema!!!
            un abbracco Fra! si scherza tra noi andre!!!

      • petrino scrive:

        Magari.

      • P.SOLARI scrive:

        Dov’ e’ che si deve firmare per questo ? Corro ……. :0))

  33. giovanni scrive:

    ciao andrea, visto che se vinciamo i post sono assai meno della metà che dopo le sconfitte, ti lascio un post che esula da ciò e questo dopo avere visto ieri sera gradinata sud: ma dopo aver per l’ennesima volta visto e sentito parlare enrico mantovani ieri sera mi sono ancora una volta di più convinto di quanto già da tempo non subodorassi quindi chiedo a te: mi puoi mettere mano sul fuoco che non c’entra nulla con l’attuale direzione sampdoria e con le scelte societarie? mi spiego meglio: tu che sei dentro alle cose, mi puoi assicurare che non ha nulla a che fare con le attuali strategie finanziarie, direttive, di impostazione e di direzione societaria? inteso ciò mi sembra sempre (personalmente sia chiaro…) che questa attuale dirigenza assomigli come impostazione tecnico dirigenziale molto alla prima dirigenza post paolo mantovani (1994,95 ecc) quando pescammo l’allora sconosciuto karembeau, jugovic, montella, veron, seedorf, rivendendoli poi a peso d’oro, affidandoci ai giovani chiesa, amoruso, bellucci, pesaresi, ma che aveva come oggi alcuni “vecchi” marpioni come il mancio, gullit, evani… non so con anche allora un avvocato quale braccio destro del presidente, ove si faceva soprattutto conto sulle capacità di comprare per poi vendere sia pure partendo da una base più solida che questa (non me ne voglia ferrero ma direi che ancora oggi è così…) con il recupero di valori antichi (ravano, stadio, alcune concessioni sui biglietti, sulla sampdorianità, ecc…); magari è una mia speranza, perchè sapere che la sampdoria ha sempre un filo legato a quella famiglia, non so, ma mi scalda il cuore…
    detto ciò mi fa sempre piacere ascoltarlo parlare, davvero, è infinitamente bello sentirlo emozionarsi quando parla di sampdoria, ma anche di quello che per lui era semplicemente il suo papà, ma che è stato anche un pò nostro zio per diversi anni, quello che ci ha regalato un meraviglioso giocattolo ogni anno per tutta la nostra infanzia e gioventù e non solo a natale…nonostante poi proprio per la dabbenaggine di pochi facoltosi “tribunisti” abbia preso non proprio applausi…
    non me ne vogliano francesca e ludovica, per quello che voglio bene alle due “ragazze” a mio parere dovrebbero essere protette dalle istituzioni e dalle belle arti come prototipo di sampdoriane d.o.c. e mandate in giro quali ambasciatrici ogni volta che c’è da parlare di sampdoria (filippo fa sempre e comunque il talent scout no guarda caso? sia pure sempre sampdoriano anch’egli rimane appena meno dentro ma chissà) ma davvero, ad enrico riconosco capacità e qualità tali che spero, davvero, che in qualche maniera sia davvero dietro a tutto ciò ancora oggi, forse troppo tifoso non può essere dirigente, forse da dirigente troppo…”mantovani” per i tifosi….
    scusami andre, intanto so già che mi dirai di no, che mi sono solo fatto trascinare dagli eventi…già, tu sei dentro a tutte queste cose e se fosse così ci avresti già avvertito, ragazzi tranquilli dietro a quello scapestrato di presidente che oggi si prende ogni caxxatone che vola in società in realtà c’è sempre la famiglia mantovani, state sereni, figurati, io ci ho solo provato…grazie di averlo portato in trasmissione.
    facci sapere per la neve di domani e per domenica, che si annuncia acqua a catinelle!!! buon lavoro

    • andrea.lazzara scrive:

      Partiamo dal fondo..no acqua a catinelle no, dai…forse ce la scampiamo. Per il resto, beh, a me proprio non risulta un coinvolgimento. Semplicemente credo che, visto a posteriori, il comportamento di Enrico Mantovani fu quello di una persona che aveva intuito sulla sua pelle il cambiamento radicale e per me folle del calcio italiano. Un calcio dove vincono sempre le solite e dove per non affondare devi far di necessità virtù. I tempi sono cambiati e questa società lo fa in modo diverso, per molti motivi. Similitudini, dunque. Ma uguale uguale, secondo me, proprio no.

      • giovanni scrive:

        ok. mi fido di te; ma un pò nessuno mi vieta di continuare a pensarlo.
        grazie anche delle dritte meteorologiche!!!

      • petrino scrive:

        La Famiglia Mantovani ha gia’ dato.
        Paganini non replica.

  34. giovanni scrive:

    un’ultima cosa: domenica duvan mi ha ricordato souness; si, il grande greame souness e ti spiego perchè: ricordi che ai tempi (bei tempi) giocavano lui dietro a copertura e salsano davanti, faustino che greame aveva più o meno adottato come un figlio perchè al primo calcio che davano a fausto, lui ne rendeva almeno due all’autore del fallo così per fare capire chi comandava in campo no? ecco domenica torreira contro fofana, pur disimpegnandosi alla grande comunque e risultando tra i migliori in campo, in due o tre ripartenze non ha potuto obiettivamente farci niente perchè l’ivoriano (o francese vabbè) è due volte il nostro lucas…e lo h sempre lasciato dietro (ciò ben preparato e ben studiato da oddo anche all’andata quando entrò fofana)
    ecco duvan con quella progressione in faccia a fofana sempre di fianco per poi essere piantato negli ultimi otto metri mi ha ricordato il grande greame, perchè ha reso quello che torreira non aveva potuto rendere per fisico allo stesso…; e bravi a sottolineare che il quaglia ha fatto praticamente lo stesso scatto sulla destra per andare a portare via l’uomo e ricevere il cross…che poi cross non è stato!!! :-) ))

  35. Edoardo scrive:

    Un consiglio da tifoso a Giampaolo che è al di là di tutto una persona brava e leale, se vuole vedere come si gioca veramente d’attacco è meglio che lasci perdere i libri di Guardiola e si vada piuttosto a vedere su YouTube i match di Rocky Marciano che in 49 incontri non ha mai indietreggiato nemmeno di 1cm anche contro colossi che erano il doppio di lui, bisogna conoscere bene la Storia per capire il presente e interpretare il futuro…

  36. Marco scrive:

    Praticamente è certo che il 7° posto dara l accesso all europa,a meno di improbabile tracollo del Milan.

  37. luca scrive:

    Buon Freddo a tutti ! ah no forse ho sbagliato blog :-) !!!! Ciao Andrea adesso con la finale Juventus – Milan e con l’attuale situazione di classifica con qualsiasi risultato della finale anche la settima andrebbe in E.L. giusto ? e allora se cosi fosse NON perdiamo a Bergamo !!!!!

  38. Chiara80 scrive:

    Ciao Andrea, grande Zapata domenica, prestazione non perfetta ma teniamoci stretti i tre punti, sperando nell impresa a Bergamo e a Crotone.
    Ti chiedo un parere allo stadio ho la sensazione che i tifosi non credano tutti nella possibilità dell Europa League, non sono tutti coinvolti come si dovrebbe in questo caso……è solo una mia impressione? Tu che dici?
    Per me abbiamo il dovere di crederci e provarci…..
    Forza doria

    Saluti a tutti

    Chiara

    • andrea.lazzara scrive:

      Se ascolti le telefonate a Gradinata Sud o i messaggi c’è anche chi non vorrebbe andarci…

      • Daniele da Rapallo scrive:

        Hai ragione Andrea, tuttavia alcuni fatti vanno considerati.
        E’ ovvio che, andare in Europa, migliori il ranking internazionale nonchè la visibilità ed il prestigio della squadra. Inoltre terminare il campionato nella posizione più alta di classifica sarebbe, coppe a parte, una cosa prestigiosa di per se stessa.
        Ora bisogna tifare juve nella finale, per quanto ho capito, cercando di mantenere la posizione per scongiurare i deleteri preliminari.
        Personalmente avrei preferito arrivare a tale traguardo passando per un “trofeo” tangibile, ovvero la coppa Italia; ma ogni anno, per diversi motivi più o meno contingenti, si tende a farla passare in secondo piano….. io non lo capisco, ma sono calcisticamente ignorante ? Mah…
        Non si può tuttavia non tenere in considerazione la potenzialità della società…Già con la gestione Garrone (e relativa potenza economica) ci trovammo a perdere un preliminare di Champions per avere un Cacciatore terzino e non ancora un Zauri acquistato o in prestito. Questo diede il LA ad una stagione miope (per la spending review) che ci portò in serie B; quando la società (da ciò che mi disse la mia fonte..) puntava unicamente sui milioni provenienti dal passaggio di tale preliminare.

        In tempi più recenti pensiamo al disastro di Zenga, con le problematiche dovute all’anticipo di preparazione (se non si è attrezzati) ed al campionato conseguente.
        La rosa deve poi essere nutrita e minimamente adeguata; riuscirebbe la società a garantirlo ? Nel calcolo costi/benefici non saprei fare un bilancio preciso a parte l’appeal dell’ Europa.

  39. P.SOLARI scrive:

    Tornare in Europa sarebbe bellissimo ma, appunto, sarebbe …… il livello “economico” della Societa’ non da’ l’ impressione di poter allestire una rosa ampia quel tanto che occorre per far si che l’ impegno europeo sia affrontato come si deve e non, come spesso si e’ visto, con formazioni rimaneggiate il giovedi’ per avere i titolari la domenica per il campionato. Perche’, non facciamo finta di non saperlo, se il campionato diventa una “via crucis” so gia’ sugli spalti i mugugni che si leveranno perche’ ” ….il Mister ha fatto giocare i migliori giovedi’ e questi sono i risultati ……..”, sicuro come il sole a mezzogiorno quando il cielo e’ sereno. Certo, puo’ andare come l’ Atalanta quest’ anno che e’ uscita con onore mantenendo un gran rendimento in campionato. Intanto vediamo il piazzamento, poi se ne discutera’ …..

    • Maraschi scrive:

      Ti pongo questa domanda: preferisci un campionato da ottavo decimo posto senza vedere una partita europea oppure arrivare magari dodicesimi o tredicesimi e vedere 6 o 7 partite europee? Io opto per la seconda

    • piero scrive:

      E l’atalanta allora? Ha più possibilità di noi?
      Mahh

  40. Chiara80 scrive:

    Sì lo so per me è un atteggiamento folle, comunque rispetto tutte le opinioni ma io faccio parte di chi sosterrà la squadra per andarci.
    Con questa mentalità autolesionista non andremo mai da nessuna parte……poi non lamentiamoci però

    Grazie

    Ciao

    • Paolo1968 scrive:

      Tanti ragionamenti e raziocinio in una cosa che dovrebbe essere sport e passione non mi vanno giù. Probabilmente la mia indole non è da ragioniere.
      L’unica cosa da fare è cercare di arrivare più in alto possibile e dichiaratamente puntare all’Europa.
      E che i mugugni se ne vadano a quel paese, non hanno mai fatto ottenere nulla a nessuno.

  41. petrino scrive:

    arrivando settimi ci toccano i preliminari ad agosto ?????????????’

  42. Marco scrive:

    «Per Patrik Schick il contratto prevedeva un corrispettivo fisso di 5 milioni di euro per il prestito e l’obbligo, condizionato al verificarsi di determinate situazioni sportive, di trasformare la cessione temporanea in definitiva, per un corrispettivo di 9 milioni di euro. Il contratto prevede altresì il pagamento di un corrispettivo variabile, fino ad un massimo di 8 milioni di euro, per bonus

    Quindi a meno di una futiribile rivendita da Schick prendi 14bmilioni

    • andrea.lazzara scrive:

      Marco, copio dal comunicato del sito ufficiale Roma: “Inoltre, in caso di futuro trasferimento del Calciatore entro il 1 febbraio 2020, la Roma riconoscerà alla UC Sampdoria un importo pari al 50% del prezzo di cessione, con un minimo garantito di 20 milioni di euro, che sarà dovuto anche nel caso in cui il Calciatore risulti ancora tesserato per la Roma a tale data.”. Come dire che se tra due anni esatti Schick non sarà stato veduto ad altri, la Roma verserà alla Sampdoria altri 20 milioni.

      • Marco scrive:

        Si ma x quasi 3 anni becchi solo 14 milioni. poi i 20 nel 2020 potrebbero essere diluiti con contropartite , stile dodo per eder

        • andrea.lazzara scrive:

          La stessa cosa poteva accadere ora…

          • Marco scrive:

            Come facevano a darti una contropartita a calciomercato chiuso? poi 9 milioni è un conto sborsarne 20 un altro.

          • petrino scrive:

            nel contratto non esiste contropartita tecnica, solo cash e pertanto i 20 milioni nel 2020 arriveranno.

          • petrino scrive:

            nel comunicato ci sono oltre ai 14 mln. altri 8 come bonus, piu’ i 20 mln. nel 2020. Per cui il totale e’ 42 mln.
            E meno male che lo hanno venduto. A roma sta in panchina.

  43. Marco scrive:

    Visto che nessuna condizione dei bonus si verificherà, altro che vendita monstre.

  44. Marco scrive:

    Nel 2020 salirà a 34 milioni, visto che a quella data la Roma dovrà garantire un minimo di 20 milioni. Sono soldi che non puoi mettere a bilancio e non è detto che non ci infili qualche contropartita .

  45. luca scrive:

    scusate e scusa Andrea ma non era stato venduto per 42 mln? i milioni in più che prenderemo con la nuova ripartizione dei diritti TV dove andranno a finire ? come saranno investiti ? sono più di 15 e non bruscolini !!!!!!

    • Marco scrive:

      8 milioni erano di bonus. Tipo schick in doppia cifra , roma che vince il campionato, ergo saranno 34 milioni in 4 anni ma i 20 milioni nel 2020 potrebbero venir dimezzati da contropartite

DIFESA SOLIDA, ATTACCO BOOM: E LA SAMP VA

A Frosinone la Sampdoria si conferma. E confermarsi, nel calcio, è sempre più difficile che raggiungere un traguardo. Stadio nuovo

E ADESSO?

Premessa: come ha scritto un telespettatore stasera la Sampdoria non è un disastro (o meglio ,quella del primo tempo si,

PUNTI BUTTATI E FATTI EVIDENTI

Nella domenica calcistica più difficile per i tifosi genovesi, sospesi tra la passione per il pallone che alla fine prende

SI TORNA IN CAMPO, MA CON IL CUORE GONFIO DI DOLORE, RABBIA E ANCHE TANTO ORGOGLIO

Amici di Samplace, non avrei mai pensato, nessuno di noi avrebbe mai pensato di vivere giornate come queste. Avevo scritto