Archivio - dicembre, 2015

20 dic
2015

FINALMENTE!

Cari amici di Samplace, la Sampdoria si è tolta un peso e con lei i suoi tifosi. Io credo che le cose importanti, quando le cose vanno male, siano due: la prima è rompere l'assedio psicologico che finisce per avvolgere la testa e i muscoli di tutti vincendo una partita, la seconda è fare tesoro del successo e non pensare che, puff, tutti i mali siano scomparsi improvvisamente. Bene, la Samp che ha battuto il Palermo è proprio così: il gol di Soriano, su assist di un buon Cassano, ha dato l'impressione di essere stata una sorta di chiave infilata in una serratura incrostata. Dietro la serratura, dietro quella porta, ci sono tanti problemi. Ma il tempo e il mercato dovranno aiutare un Mo...
14 dic
2015

UN PICCOLO SEGNALE

Cari amici di Samplace, a caldo, la partita di Roma mi porta soprattutto a riflettere sul segnale dato, nel finale, dalla squadra. Questa Sampdoria ha dei limiti che non risiedono soltanto nella paura di sbagliare, evidentissima nella sfida contro la Lazio, e acuiti forse ancor di più dal fatto di trovarsi di fronte una squadra nella stessa identica situa,zione psicologica, ma anche, ad esempio, nella mancanza di giocatori di personalità. Però, in quei 10 minuti finali il cuore l'ho visto, in una squadra che peraltro, era stata comunque attenta per 75 minuti, aveva fatto la sua onesta partita di contenimento, e un paio di volte si era affacciata nell'area laziale. Poi la solita buccia di ...
6 dic
2015

DISASTRO

Cari amici di Samplace, sarà che scrivo a caldo ma ho poche altre espressioni che possano certificare i miei pensieri. Disastro e preoccupazione. Perché quando temevo che ci fosse da guardarsi alle spalle, beh, forse non mi sbagliavo( e vi garantisco che avrei voluto sbagliarmi). Il Sassuolo ha passeggiato contro una squadra costruita male in estate dal Presidente Ferrero, con l'allenatore sbagliato, nella stagione più sbagliata in cui fare certi errori( quella con l'Europa League a fine luglio) e ha messo nudo anche altri difetti: condizione fisica approssimativa, nerbo zero o quasi, giocatori che, nonostante un palmares anche importante(per me Fernando resta un mistero) passeggiano. Com...

Adios, caro Schick

Schick alla Juventus. Nulla di nuovo sotto il sole. Del resto, pur avendone intuito la grandissima classe, il caro patrik

Una stagione da applausi

Che poi, diciamolo, alla fine il risultato contava poco. Sugli spalti si tifava soprattutto il secondo posto della Roma ai

Breve storia triste: Muriel salta il Napoli

Ma ve lo ricordate Icardi dopo Samp Inter, oppure Palladino dopo un derby sotto la Gradinata Sud? Non amo parlare

Riscatto a metà

“So e conosco la forza e la potenziale della mia squadra, non mi sono illuso quando giocavano bene e non