VORREI MA NON POSSO(ALMENO PER ORA)

2 Nov 2015 by andrea.lazzara, 180 Commenti »

Cari amici di Samplace, ho lasciato un..sospeso tra parentesi nel titolo di questo pezzo. Perché la sensazione che mi ha dato la Sampdoria vista contro il Chievo è quella di una squadra alla quale manca sempre qualcosa. L’almeno per ora è una speranza, in ottica di un miglioramento da qui a Natale o, chissà, dopo il mercato di gennaio. In trasferta si chiama, immagino, personalità perché contro un avversario che mi è sembrato tutt’altro che  irresistibile la Sampdoria ha remato, soprattutto nel finale di primo tempo e in alcuni momenti del secondo quando invece una squadra con certe caratteristiche gestisce e…affonda. Poi il gol, preso praticamente in contropiede, con la Samp sbilanciata in avanti secondo un copione già visto altre volte. Il solito, immenso Eder (che ci manca vada in porta al posto di Viviano e poi fa tutto), non è bastato ma, quantomeno, stavolta il punticino è stato portato a casa. Nel secondo tempo, complice l’ingresso di Palombo e per via delle sue caratteristiche, i blucerchiati si sono abbassati tanto, troppo anche se Muriel e Barreto hanno avuto due occasioni, due lampi. Ma nel finale Viviano(che poco prima aveva fatto venire un infarto a Domenico Arnuzzo seduto vicino a me, con quel disimpegno di tacco) ha salvato su Paloschi e va bene così. Difesa abbastanza rocciosa anche se ogni tanto svagata (quel liscio di Zukanovic al 90’…), centrocampo poco incisivo(malino Barreto stavolta, ma ha l’attenuante delle 3 partite in 8 giorni dopo un problema fisico), con Ivan che non ho ancora capito dove possa e voglia giocare e Muriel( di Eder ho già detto) che mi fa rabbia per le immense doti che ha ma che troppo spesso non le sfrutta(stavolta complice anche un certo isolamento tattico). La Sampdoria aveva a disposizione 4 partite sulla carta “alla portata” per incamerare punti pesanti: chiude con portandone a casa 5. Pesa il ko di Frosinone ma ora la testa va alla capolista Fiorentina. Domenica sera servirà una Sampdoria formato Inter, per intenderci. E servirà, come sempre, San Eder.

180 Commenti

  1. THE BEST ha detto:

    Pima di ieri avevo sempre difeso Zenga. Poi dopo che è entrato palombo ho spento la TV e sono andato al cinema. Fammene un’altra così e mi schiero con quelli che ti fischiano.

  2. poncharello ha detto:

    Prestazione agghiacciante: squadra senza gioco, lunga, disorganizzata che vive delle invenzioni di un solo giocatore.
    Dopo il gol il baricentro si e’ abbassato e dopo il pareggio siamo spariti fornendo la solita
    prestazione vergognosa con i consueti lanci nel nulla del portiere.
    Qualcuno mi spieghi Ivan nel tridente, l’accantonamento di Pereira per l’ex giocatore Cassani, l’ingresso di Palombo e l’uscita delle due punte che ha fatto perdere profondita’ e pericolosit’…aveva paura di perdere e se non era per Viviano, anche lui evitasse belinate di tacco, sarebbe successo.
    Dopo una serie di partite non impossibili da cui usciamo con pochi punti in saccoccia arriva il ciclo vero che inizia con la Fiorentina a Marassi per passare da Udine eMilano fuori, Sassuolo in casa e Lazio fuori.
    In casa abbiamo vinto con Carpi, Bologna e Verona, squadre scarsissime, immeritatamente con la Roma grazie a Manolas ma appena incontriamo una squadra un po’ piu’ organizzata ci fermiamo anche in casa come contro l’Empoli.
    Atalanta, Torino, Frosinone e oggi il Chievo ci hanno surclassato tatticamente in modo imbarazzante.

    Alla Samp manca un allenatore: vedere questa rosa in mano a Zenga e’ un delitto.
    Quello che si e’ visto stasera e’ inaccettabile, nulla ha avuto senso nella preparazione della gara.

  3. gianni ha detto:

    Oggi come a Frosinone buon approccio alla partita, anzi anche meglio visto che facciamo gol presto (gran giocata di Carbonero) però poi, invece di continuare ad attaccare, ci disponiamo solo ed esclusivamente per giocare in contropiede contro una squadra che non dà mai profondità e tiene i difensori ben bloccati, senza contare che l’azione parte dalla difesa, quindi 70 metri di pallone per aria…
    La formazione iniziale aveva un senso, i cambi meno: al solito precedenza ai veterani quando Cassani non ne aveva più (perché Pereira sta fuori da tanto?) e niente Rodriguez uno abituato da una vita a sputare sangue sui campi di periferia.

  4. petrino ha detto:

    se fosse vivo gianni brera direbbe che e’ una squadra di conigli.Dopo il gol di eder hanno smesso di giocare. E tale comportamento e’ ricorrente ogni volta che giochiamo in trasferta. Dopo 10 giornate quello che viene definito allenatore non e’ ancora riuscito a trasmettere la convinzione che debbono essere una squadra di leoni, che ne hanno i numeri e le capacita’ fisiche e atletiche.. E qui ritorno sul concetto che porto avanti dall’ inizio. La sampdoria non ha un’ allenatore. Ha un selezionatore che mette in campo 11 uomini, molte volte scelti male, ma che non ha dato né un gioco , né una convinzione mentale sulle proprie capacita’. Ci si affida alle azioni isolate di eder, che andrebbe pagato per 2, nella totale mancanza di collettivo e convinzione del risultato positivo. Zenga alla fine ha dichiarato che in campo hanno avuto paura. La paura deve cancellarla lui, ma non ne ha le capacita’. Non e’ credibile. Il bologna con rossi era morto, Arrivato Donadoni hanno fatto 3 gol. Ed erano gli stessi uomini. Il conducator conta eccome. Avevamo 12 punti a disposizione. Ne abbiamo fatti 5 . Meditate amici.

  5. Doria65 ha detto:

    A me ha dato tanto ma tanto fastidio vedere tutte quelle facce sorridenti per tutti i 90 minuti. A partire da Muriel, che in panca si sbellicava dalle risate… Ci spiega il signor Muriel cosa ha visto di così divertente?
    E Viviano? Meno colpi di tacco, più uscite nell’area piccola, grazie…

  6. roby 66 ha detto:

    Buonasera andrea, credo che stasera ci sia poco da commentare hai ragione quando dici vorrei ma nn posso ma direi che sarebbe ancora meglio dire vorrei ma nn sono capace, il perche te lo spiego, avevo inizialmente la presunzione che zenga con il tempo trovasse la quadratura trovando una squadra piu equilibrata, purtroppo penso che la squadra tecnicamente sia buona ma manca sia l aspetto tecnico che fisico, l allenatore nn esiste si creano azione x l alta qualita dei giocatori , purtroppo saremo destinati ad un campionato piatto!!!un ultimo appunto nn si puo mettere ivan sulla fascia e ancor peggio mettere palombo, spostare fernando, con un colpo giochi con 2 giocatori in meno, una situazione tattica assurda, nn ci siamo spero che qualcuno abbia il coraggio nella prossima conferenza gli possa domandare il perche? Fisicamente siamo con le gomme sgonfie, spero che la squadra nella prossima partita mi smentisca!!!

  7. LINUS ha detto:

    La samp non ha nessun schema di gioco, se Zenga avesse copiato il modulo di Maran, di sicuro avremmo qualche punto in più.

  8. Giorgio 67 ha detto:

    Ancora una volta una partita in trasferta che lascia attoniti e sconfortati. L’unica differenza con il Frosinone è che Eder dopo 8 minuti qui ha segnato e là dopo 7 Muriel aveva colpito il palo e che qui il Chievo ha segnato solo un gol sbagliandone 3 o 4 mentre il Frosinone 2 palle le aveva messe dentro. Per il resto abbiamo assistito alla solita insulsa partita senza mai fare un tiro in porta dopo i primi 10 minuti. Tatticamente siamo stati sistematicamente messi sotto in qualsiasi parte del campo e solo la limitata tecnica dei ns avversari ci ha salvato da un’altra bruciante sconfitta. Ringraziamo San Eder per quella giocata in apertura (ndr.: un bravo a Carbonero) e San Viviano per quel mezzo miracolo al 90° ma di altro da salvare c’è ben poco. Un Muriel come al solito in trasferta troppo lezioso ed inconcludente, un Cassani che non si capisce il perchè abbia preso il posto di Pereira, un Barreto che a forza di correre per 3 ha perso lucidità, un Ivan che non si capisce dove debba giocare per rendere al meglio (leggi : messo sulla fascia da Zenga per contrastare le avanzate di Gobbi manco questi fosse Dialma Santos !!). Sentire poi Zenga che rivendica i meriti per l’alto numero di segnature di Eder e dire che quest’ultimo segna perchè ha la squadra che gioca per lui, è veramente la barzelletta migliore della serata ! Ma se Eder lo trovi da tutte le parti a dare lui una mano ai compagni e poi lo trovi nell’area avversaria a far gol nell’unica palla giocabile per una punta di tutta la partita !!!! Sono veramente deluso. Ormai dopo 11 partite non c’è più da sperare niente da questo pseudo allenatore : vada ad imparare da qualcuno su come mettere una squadra in campo che ha dei notevoli valori tecnici ma si esprime troppo spesso senza mostrare personalità e determinazione. Solo l’ultimo Delio Rossi ed il mitico (!) Cavasin ci avevano fatto vedere spettacoli così deprimenti avendo per altro rose di giocatori molto meno competitive.

  9. Bulgaro ha detto:

    Dovessi dire per la prima volta mi prende un po di pessimismo. Andati in vantaggio anche bene con una squadra in crisi mi sarei aspettato tutt’altro tipo di partita.. invece ci siamo impauriti, abbiamo preso gol e pure rischiato di perdere nel finale.
    Anche sta gestione della rosa in cui tutti devono giocare per forza…Palumbo andava bene per difendere il risultato, Soriano per Muriel è un messaggio di accontentarsi e Cassano è oggettivamente in difficoltà al momento…praticamente abbiamo regalato 30 metri e possesso palla al Chievo rischiando pure grosso all’ultimo.
    Questi punti li rimpiangeremo, troppa discontinuità per ottenere traguardi interessanti e senza motivazioni rischiamo un campionato grigio…

    • chicco 78 ha detto:

      Bulgaro scusami io sono sempre d’accordo con quello che dici però secondo me non possiamo continuare a dire che Cassano è in difficoltà se gioca (quando gioca)sempre dieci minuti a partita o perché quando gioca di più non segna sempre o non fa sempre assist!ho capito che è solo questo che ci si aspetta da lui ma allora se Cassano è in difficoltà Muriel con dieci anni di meno e con molte più qualità allora cos’è? E come mai gioca praticamente sempre?poi sicuramente Cassano non è la soluzione ma nel nostro reparto avanzato mi pare che l’unico che non è in difficoltà è il buon Martin che speriamo stia sempre bene se no te lo dico io che fine che facciamo…

      • andrea.lazzara ha detto:

        Io, Chicco, il problema è che lo vedo in difficoltà sempre. Dal 90′, se gioca nel finale. Siamo a novembre, è arrivato ad agosto, è vero doveva togliersi la polvere di 6 mesi di inattività ma…boh, non so, sarò tarato io ma non credo possa incidere particolarmente. E comunque ricondurre tutto a Cassano si, Cassano no, credo sia riduttivo.

      • Bulgaro ha detto:

        Intendevo che un giocatore in difficoltà non lo metti nel finale di una partita tirata. Nulla di più. ☺

        • chicco 78 ha detto:

          E infatti io bulgaro intendevo che non so come possa uscire dalla difficoltà se non gioca o cmq se gioca sempre in tempi ridotti cmq è vero ed effettivamente hai ragione uno in difficoltà non puoi di certo metterlo in quelle situazioni…e poi Andrea io non vorrei ridurre tutto a Cassano si o Cassano no ma se guardiamo in panca mi sembra che la situazione sia riduca automaticamente a Cassano si o no!capisci cosa intendo?poi Andrea per carità desidero sbagliarmi del tutto anzi per me se convinciamo (no se vinciamo attenzione dico se CONVINCIAMO che è diverso )per me Cassano può anche stare direttamente a casa…ma non mi sembra sia così…tutto qui…un mio parere ecco…

          .

  10. sillyname ha detto:

    La partita era iniziata decisamente bene e sembrava finalmente il preludio a una prestazione convincente. Trascorsi venti minuti, siamo tornati alla routine. Buonissima squadra il Chievo ma anche stavolta abbiamo concesso a qualcuno di fare il figurone. Non dico che meggiorini sia scarso ma accidenti a sinistra sembrava un fenomeno…..
    Fra i nostri non ho visto brillare nessuno in particolare, nemmeno Eder. Mi è piaciuto Fernando ma solo nel primo tempo e mi è piaciuto Palombo ai quale darei la palma del migliore dei nostri. E vero che ci siamo abbassati ma io credo che sia proprio perché tendevamo a subire troppo (e da troppi minuti) che Zenga ha inserito Palombo, non il contrario. E davanti alla difesa serviva un pò di esperienza e di solidità. Sarebbe stato un brutto colpo perdere questa partita. Semmai il problema collaterale è che Fernando spostato venti metri più avanti non rende al meglio. Insomma, il punto va bene ed è il risultato giusto, peccato perché all’inizio sembrava che finalmente ci fossero le condizioni per la prima vittoria in trasferta.

  11. Alfredo ha detto:

    Caro Andrea,
    guardo la Samp e non mi diverto, mai.
    Tattica fatta di rilanci alla “Viva il Parroco” e prevedibilita’ imbarazzante. Al minimo pressing andiamo in confusione totale, eppure TUTTE le squadre del Mondo (a parte NOI) iniziano a mordere dalla trequarti avversaria… E’ il calcio moderno.
    La classifica premia oltremodo la “qualita’” del nostro gioco.
    Non apprezzo il lavoro di Zenga: raramente si vede un briciolo di schema, la squadra si schiaccia troppo ed i reparti sono molto disuniti in fase di possesso palla.
    Dal 0 a 4 col Vojvodina ad oggi non siamo migliorati sensibilmente, piuttosto andiamo avanti a strattoni. A tal proposito ti chiedo: come avrebbe potuto questa squadra disputare anche l’Europa League? Dove sarebbe ora in Campionato? Ma soprattutto quali sono le reali ambizioni di questa Societa’? Io non ne vedo (almeno per ora).

    A te i miei complimenti per la rubrica.
    Alfredo

  12. Stefano_1970 ha detto:

    Secondo tempo con Fernando avanzato per dare un po’ di inventiva, ma ance lui é naufragato. Esperimento de rivedere.
    Staffetta Ivan-Palombo incomprensibile, ma il primo almeno ha corso…
    Caniggia, Raducioiu e altri storici contropiedisti erano lanciati n modo diverso da Muriel…
    SEnza superiorita numerica sulla fascia i due attaccanti Devono sfondare un muro. De Silvestri non sarà la soluzione… Regini, Mesbah e Cassani (in questa forma) non lo sono nemmeno.

    Due note a margine:
    Alla prima di campionato guardando il tabellone avevo pensato “toh, a questo giro panchina lunga”….poi sul campo vedi che già i titolari fanno fatica. Babbo Natale si spera sia particolarmente generoso…

    Ieri all’ingresso di Palombo metà delle persone presenti si sono alzate, hanno pagato il conto e se ne sono andate via…

  13. Fra Zena ha detto:

    Mah…solita Samp da trasferta. Buona partenza, per fortuna stavolta con gol, poi pian piano gli avversari ci prendono le misure e finiscono col metterci sotto sul piano fisico, del carattere e dell’organizzazione. E un gol stupido intanto lo si prende sempre, quello di ieri sera quasi da oratorio. Estenderei il tuo ragionamento su Ivan (“non ho ancora capito dove possa e voglia giocare”) e Muriel (“isolamento tattico”) a tutta la squadra, che secondo me non ha ancora capito bene che tipo di gioco vuole proporre. Difesa e contropiede? Possesso palla? Aggressività a tutto campo? Boh! Moduli e interpreti si alternano, a volte anche in modo cervellotico (Ivan trequartista?), ma l’impressione è sempre quella di una fragilità di fondo. Rimaniamo aggrappati alla buona vena dei singoli, Viviano, Silvestre, Eder in particolare. Ieri invece maluccio Fernando e Barreto, con molti errori, ma macinano chilometri ogni partita, quindi può capitare. Resta, comunque, il buon punto preso in trasferta, in un ambiente tremendamente ostile, contro una squadra modesta ma aggressiva che non vinceva da un mese. Ora sarà necessario fare tre punti con la Fiorentina per dare un senso alla nostra stagione. Difficile, ma non impossibile, secondo me

    • Stefano_1970 ha detto:

      La squadra può eventualmente proporre un gioco se ne ha le capacità tecnico/atletiche. Se non le ha vive sulla estemporaneitá delle giocate, sul lancio lungo e sulle mischie. Nulla di perverso…ci sono molte altre squadre che hanno lo stesso “problema”.

  14. claudio ha detto:

    Che dire, una prestazione abbastanza penosa. Ci manca eccome qualcosa, temo di dovermi rassegnare all’ennesimo anno così, che sembra si possa fare e, invece, non si fa ….. Non ho pregiudizi verso Zenga, che trovo sia troppo criticato in generale, ma vista l’assenza di attributi (e di gioco), temo qualche colpa importante l’abbia anche lui. Amen.

  15. Luca Pavia ha detto:

    Buongiorno a tutti.
    Personalmente, a parte il risultato, non ho visto grosse differenze tra la partita di ieri sera e le altre giocate in trasferta. Il gioco non c’e’, la squadra è sempre troppo lunga e, sul pressing avversario tendiamo a rinculare finché non perdiamo palla, con passaggi orizzontali fra difensori dai piedi ineducati. Altrimenti parte il lancio lungo per le punte che, per poro caratteristiche, non sono adatte a fare a sportellate, difendere palla e far salire la squadra. In sostanza non abbiamo una punta centrale per fare quel tipo di gioco. Muriel ed Eder, ma più il primo, devono essere serviti palla a terra ed in velocità, cosa che avviene di rado, perché prima di arrivare a loro, il pallone staziona in maniera stucchevole dalle parti di Viviano per vari minuti… Inoltre se utilizzi Eder per coprire anche la fascia e dall’altro lato metti Ivan che è tutto tranne che un laterale, mi vien subito da pensar male… Qualcuno nel Topic precedente chiedeva se fosse stato meglio acquistare un terzino sinistro oppure un centravanti. Beh, direi un centravanti tutta la vita.. Anche perché i cross del terzino a chi sarebbero diretti?
    Mi ripeterò, questa squadra è strutturata male ma il gioco manca a prescindere.. Nemmeno l’Empoli ha un centravanti, ma il gioco ce l’ha eccome.. Eppure se ci avessero proposto come allenatore Pasquale, avremmo storto il naso, lo ammetto…

  16. danilo ha detto:

    Quando i pilastri del centrocampo non girano a dovere ne risente tremendamente tutta la squadra. Barreto e fernando sotto tono, Carbonero ..sprazzi di luce e di buio. Cassani inguardabile. Credo che con un De silvestri formato nazionale ed un Nagatomo a sx potremo avere piu’ personalita’ anche in transferta. Per assurdo giochiamo meglio con le grandi che con le piccole e questo mi fa ben pensare per domenica sera.

  17. Maraschi ha detto:

    Concordo, soprattutto sul discorso tattico su Muriel: sicuramente non ci mette molto del suo, ma palloni per le sue caratteristiche (lancio raso terra, non per aria…) ne riceve davvero pochi.
    In generale, anche se ogni partita fa storia a sé, mi sembra che la Sampdoria abbia la classifica in linea con le sue possibilità (dall’ottavo al dodicesimo posto), l’anno scorso, di questi tempi, anche per le assenze delle milanesi, avevamo più possibilità e Gabbiadini.

  18. poncharello ha detto:

    Una cosa che non riesco a comprendere dall’inizio della stagione: la difesa e’ bassa, bassissima e il centrocampo e’ distante dalla difesa di almeno 20 metri lasciando un buco tra difesa e centrocampo pericolosissimo che spiega come spesso gli avversari si trovino uno contro uno col difensore nostro, e abbiamo centrali lentissimi, creando pericoli non indifferenti…e spiega il gol che sempre subiamo oltre a quelli su piazzato per le marcature allegre che pratichiamo.

  19. eraldoca ha detto:

    Buongiorno Andrea, buongiorno a tutti,
    questa volta mi sembra che tu sia stato abbastanza magnanimo nel giudizio sulla squadra, aldilà del punto conquistato in trasferta.
    Mi spiego: io ho visto tanta confusione e tanta improvvisazione nella gestione della palla, non c’è una trama di gioco che caratterizzi questa Sampdoria, non c’è ordine, ci affidiamo a San Eder e basta in quanto Muriel con le sue enormi potenzialità è il simbolo della pigrizia, va incontro alla palla invece di scattare in profondità, non rientra mai, per gran parte della partita è fermo e non aiuta la squadra.
    Tutto questo io lo imputo a Zenga che secondo me non ha le capacità tecniche e l’esperienza per gestire un gruppo con potenziali capacità abbastanza alte.
    Con l’improvvisazione purtroppo si va generalmente poco lontano. Gradirei sapere da tutti voi se la mia è una visione pessimistica della situazione oppure no. grazie.

  20. Luca ha detto:

    Come al solito non capisco certe scelte (Ivan con Soriano fuori) e la mancanza di cattiveria , personalità ! Eppure la partita si era messa bene dopo neppure 10 minuti , insomma mi adeguo ma Zenga non mi sta certamente esaltando , sembra non trasmetta nulla alla squadra ora ennesimo grande banco di prova contro la viola e come dici tu speriamo in San Eder ! Scusa Andrea quanto attualmente potrebbe essere la sua valutazione? Secondo me sui 20 milioni come minimo!!!!

    • andrea.lazzara ha detto:

      Visto il panorama, visto quanto può essere decisivo…20-22 milioni. Contro di lui gioca un po’ l’età ma ditemi quanti sono in grado di far tutto(anche il difensore volendo…).

  21. Daniele da Rapallo ha detto:

    Evidenzierei tre punti principali per una squadra che, in base a rosa e potenzialità dovrebbe, secondo me, avere almeno 4 punti in più..(ma sicuramente io non sono esperto di calcio) :

    1) Fase difensiva piuttosto imbarazzante.
    2) Carattere e gioco latitanti.
    3) Allenatore piuttosto in confusione.

    Non so se tu sia d’accordo Andrea.

    • andrea.lazzara ha detto:

      Sinceramente non ho capito la mossa di Ivan messo in quella posizione. Il carattere è abbastanza preoccupante, la fase difensiva non sarebbe neppure male ma ci sono troppe “svagatezze”

      • Stefano_1970 ha detto:

        Credo che Zenga volesse recuperare palla “alta” sul play basso del Chievo (Gobbi) e confidava che Ivan con la sua freschezza e dinamicità potesse fare al caso.

  22. Alfio ha detto:

    Caro Andrea,penso che dovremo abituarci..quest’anno sara’ cosi’ con alti e bassi continui.
    Mister Zenga si affida ad un solo schema..lancio lungo sperando che Eder o Muriel tirino fuori il coniglio dal cilindro..mi sembra davvero poco.
    non si vede gioco sulle fasce,ogni calcio d’angolo a nostro fabore diventa una ripartenza pericoosa del’avversario.
    Muriel irritante con que sorridere sempre e bearsi dei suoi tacchetti e delle sue veroniche(quasi sempre fini a se stesse)abbiamo un Eder in forma splendente e gli si danno i palloni con il contagoccie,mel gioco aereo siamo zero ma si continua a rinviare alto..il bilancio delle trasferte e’ sconfortante,non riusciamo mai a tenere (almeno una partia) la porta inviolata.
    Dopo il gol di Edere(grande lui) non c’e’ stato il minimo desiderio di segnare ancora,solo una gestione dello 0-1 sperando d arrivare a fine partita cosi..davvero stuucchevole
    considerato che eravamo nei primi minuti del primo tempo.
    Penso che ci toglieremo poche soddisfazioni quest’anno……

  23. robmerl ha detto:

    Abbiamo giocato – direi bene- il primo tempo. Nel secondo siamo spariti dal campo. E meno male che abbiamo fatto un gol, se no era il solito copione. Quando finisce la benzina (al 45′) la squadra si allunga paurosamente , i centrocampisti non coprono più e si aprono praterie per gli avversari. Ivan è un mediano e non può fare l’esterno, e buttar dentro cassano alla fine quando la squadra è in apnea e sta chiusa nella sua metà campo – chiedendogli in pratica di fare il difensore aggiunto – è un delitto di leso calcio

  24. francesq ha detto:

    Solitamente difendo Zenga. Mi è simpatico, non lo nego. E sebbene non lo abbia mai ritenuto la scelta giusta per una squadra che voleva (e doveva) entrare in Europa, ho sempre cercato di vedere il lato positivo della sua squadra. Non sarà nel gioco, mi dico sempre, ma nella gestione del gruppo. Sarà in un Eder stratosferico. O nello spogliatoio indubbiamente coeso.

    E via discorrendo…

    Ma la partita di ieri mi lascia davvero l’amaro in bocca. Anzi, mi fa proprio incapperare, specie dopo aver sentito le dichiarazioni del dopo-gara. “Buona partita, dai, abbiamo fatto bene”. Oppure “Vabbè, perlomeno abbiamo interrotto la serie di sconfitte in trasferta”. Sottinteso: “Volemose bene (come direbbe il Presidente)”.

    Allucinazioni.

    In riva all’Adige si è tenuta, con grande partecipazione di pubblico, la sagra della Zengata. Dicesi “Zengata”, la mossa tattica un po’ naif, volta più a provocare stupore che a ricercare benefici nella gestione dell’avversario e della partita. Ebbene:

    1) Ivan all’ala? Signori, Ivan è un regista. Già piazzarlo a fare l’intermedio è un azzardo (che ci sta, come fu per Obiang a suo tempo). Ma metterlo all’ala è proprio una sparata a salve. Il ragazzo non ha il dribbling, non ha il cross, non ha lo spunto per fare l’ala. E non conosce neppure i meccanismi di copertura. Infatti Gobbi sembrava posseduto dallo spirito di Roberto Carlos, ieri sera. Arava la fascia, si proponeva. Indisturbato e felice. Gobbi. Lo ripeto: Gobbi.

    2) Strettamente connesso al punto precedente. Ma sto 4-3-3 è proprio obbligatorio? Tutti questi cugini d’acquisto di Zeman che abbiamo in Italia, lo capiranno mai che per fare i tridenti SERVONO ALI DI RUOLO? Sono due anni che il Doria fa ‘sto 4-3-3, adattando chiunque sulla fascia. Eto’o, Muriel, Soriano, il povero Eder (ricordiamoci che non nasce ala; ma proprio per nulla…), Carbonero, Ivan, ignari e malcapitati passanti, soldati di leva e volontari… Il 4-3-3, nel Doria, è un’aberrazione tattica. NON ABBIAMO ALI DI RUOLO. Se l’allenatore vuole fare i tridenti, che punti i piedi e chieda che ne vengano acquistate almeno un paio. Punto.

    3) Continuo su questa strada. ieri sera la Samp ha battuto il record nazionale di giocatori fuori ruolo. Ivan, come dicevamo, e vabbé… Ma mica solo lui. Penso a Muriel, ebbene si, che non è un centravanti-pilone, tutto gomiti e spalle larghe, ossia un centravanti da 4-3-3. Deve giocare vicino ad una seconda punta, con cui possa cercare il fraseggio e lanciarsi nello spazio… Mai che succeda! E’ inutile criticarlo. Fin qui è stato sfruttato proprio male. Sinisa gli faceva fare l’ala (ossia il terzino, visto che gli si chiedevano rinculi di centinaia di metri). Zenga gli fa fare il pivot. E così lui riceve sempre palla spalle alla porta, subendo il pressing e non riuscendo a far salire la squadra…
    Altri fuori ruolo? Mi vengono in mente Soriano esterno, nel finale; oppure Fernando mezz’ala… Dai, siamo al paradosso.

    4) Ecco, parliamo di Fernando mezz’ala. Dico una banalità. Ne hai uno buono, in mezzo. E questo “uno buono” che hai, gioca centromediano. Ora, me lo spieghi per quale diamine di motivo lo devi spostare a fare l’intermedio? Mossa difensiva? Forse solo nelle intenzioni… I movimenti di Barreto e di Carbonero, nel primo tempo, aiutavano a tenere basso il Chievo… Mettendo in mezz’ala un uomo privo di spunto, un centrocampista palesemente centrale, di contenimento e organizzazione, incapace degli “strappi” richiesti dal ruolo, il Chievo ha potuto subire meno in difesa, vedendo neutralizzato il rischio di subire il contropiede e ha potuto concentrarsi solo sull’attacco. Risultando infatti parecchio pericoloso…

    5) Abbiamo preso un gol da dilettanti. La squadra difetta di rimedi difensivi (e offensivi) alle situazioni di gioco. E’ una questione di (poca) organizzazione. Un difetto abbastanza lampante nel Doria di quest’anno. Lo ripeto: penso che Zenga sposi – per scelta – uno stile manageriale leggero, per evitare di appesantire i giocatori con schemi coreografici, ripetitivi e sovente mal digeriti dai calciatori. Rispetto la scelta dell’allenatore, che ha portato anche degli indubbi benefici (Eder capocannoniere, tanto per dire). Ma credo che, alla lunga, la filosofiadel coach si possa rivelare sbagliata. L’Italia è il paese della tattica. Non siamo in Inghilterra. Qui le piccole squadre ti puniscono, se non sai perfettamente come affrontarle…. Infatti prendere un gol come quello di ieri sera è inaccettabile.

    Zenga ha del buono. Non voglio criticarlo a priori. Ma deve pensare semplice. Essere lineare. Che ci liberi da ‘sti esperimenti tattici assai poco gradevoli e retribuiti. E che curi il particolare. La difesa. Gli schemi offensivi.

    Se a Eder o a Viviano viene l’influenza, che ne sarà di noi?

    • Bulgaro ha detto:

      Eder nasceva attaccante esterno ala; poi tra Frosinone ed empoli si è messo a timbrare di brutto ed è diventato seconda punta o anche prima per necessità.
      Secondo me rende bene ovunque, ma concordo con te che va tenuto piu vicino possibile alla porta visto che è il piu prolifico che abbiamo.

      • Francesco ha detto:

        Sinceramente non mi risulta, ma posso sbagliare… Mi pareva che in Brasile fosse centravanti.

        Comunque so è che è venuto da noi, quel benedetto gennaio, perché a Cesena gli facevano fare l’ala..

  25. ale ha detto:

    Buoni primi venti minuti. pessimi dal pareggio in poi (abbiamo preso un gol ridicolo). Troppo lunghi, troppa distanza tra i reparti. Un po’ meglio dopo l’ingresso di Palombo (!).

    Speriamo di ripetere con la Fiorentina la prestazione con l’Inter. A proposito ma noi non giochiamo MAI la domenica alle tre?

    Avanti Sampdoria!

  26. Martino Imperia ha detto:

    Quando si facevan I punti ( 3 ogni 2 partite, vittoria in casa e sconfitta fuori) si diceva che mancava la continuità.

    Ora finalmente c’è un pò di continuità ( da 3 partite non perdiamo) e si dice che mancano diversi punti.

    Ah no, forse ho capito, per molti tifosi ci vuole continuità e punti contemporaneamente, 3 punti in casa e 3 in trasferta,sempre, punteggio pieno.

    Forse, ma forse, a quel punto le cose andrebbero discretamente.

    Ma come si fa a ragionare cosi?

    Analizzando obiettivamente la partita io penso che il pareggio sia giusto. Con un pò di fortuna si poteva pure vincere (con Barreto e Muriel), ma anche perdere.

    Complessivamente, piu che il gioco (che manca ad un buon 90% delle squadre di serie A), mi sembra manchi la capacità di tenere la tensione e giocare in modo omogeneo per tutti I 90 minuti. Alterniamo momenti ottimi e momenti pessimi all’interno della stessa partita.

    Di fondo non credo siamo una squadra di fenomeni. Sicuramente non più forti dell’anno scorso con Gabbiadini o Eto’o, Romagnoli, Obiang, Dunkan o Aquah.

    Eder è esploso per fortuna (e potrebbe esser merito di Zenga), Muriel non ancora.

    Una buona notizia è il ritorno di deSilvestri che in queste giornate ci è mancato molto.

    Con la Fiorentina sarà durissima, il rischio di sconfitta è alto. Mi auguro che tutti ne sian consapevoli. dovremmo giocare al 120%.

    • Bulgaro ha detto:

      La discontinuità tra casa e trasferta è troppo marcata e una squadra nella condizione del Chievo che è sotto dopo 10 minuti và TERMINATA, non lasciata giocare.
      Di questi punti ci pentiremo alla lunga perché sono quelli che devi portare a casa, se perdi a milano o torino nessuno li chiama punti persi, il ragionamento è semplice.
      Detto ciò non concordo nemmeno sulla qualità; quest’anno la rosa è complessivamente piu forte Eder e Soriano son cresciuti, Fernando e Barreto sono signori giocatori, e a parte il terzino sinistro la rosa è abbastanza ben assortita. Confronto allo scorso anno manca il carattere e si evidenzia in trasferta, mentre in casa mettiamo su prestazioni tipo inter e verona che evidenziano grandi mezzi purtroppo non sfruttati a pieno. Al momento direi che è Zenga che deve riuscire a dare equilibrio tra le prestazioni, ma non c’è ancora riuscito.

    • poncharello ha detto:

      Continuita’ perche’ non perdiamo? Me tasto…
      Frosinone, Verona, Empoli e Chievo, ciclo alla portata: due partite in casa, 4 punti.
      Frosinone e Chievo fuori: 1 punto.
      Ci sta anche perdere fuori ma e’ come si perde o si pareggia come ieri che fa venire l’orticaria.
      Su 12 punti in palio contro avversari abbordabili 5 punti, al di sotto di quanto ci si aspettava.
      Dovevamo fare legna in vista delle partite che da adesso saranno particolarmente dure con due gare consecutive in trasferta.
      L’unica continuita’ che rilevo e’ quella dei gol presi…
      Con la Fiorentina, che giochera’ giovedi’ all’estero, devi fare di tutto per vincere perche’ hai pareggiato in casa con l’Empoli e fuori col Chievo e dopo la Fiorentina vai ad Udine e poi a Milano.
      Cpnsapevoli che e’ dura ma anche che se non si fanno punti si fara’ presto a scendere.

      Due parole su Eder: non cadiamo nella mistificazione della realta’ per favore…Eder sono almeno 3 anni che “esplode” e che segna continuativamente e ora il merito sarebbe di Zenga?!?!?

      • Martino Imperia ha detto:

        Saran tre anni che esplode , ma il problema che tutti evidenziavate l’anno scorso era che mancava il bomber. Quest’anno il problema non sembra porsi no? Ci sarà un motivo?

        e poi, Zenga che colpa ha se Correa e Muriel coll’Empoli, e Barreto e Muriel col Chievo si divoran gol già fatti?

    • fioretta ha detto:

      Bravo !

  27. robin12 ha detto:

    Ieri è stata un prestazione triste. Come a Frosinone siamo partiti bene, 15 minuti di calcio come questa samp sa fare e come non ne vediamo da almeno 15 anni a genova. Infatti così tanti giocatori coi piedi delicati, soprattutto a centrocampo, non si vedevono da parecchio (forse da veron..). Ma poi si spegne la luce e rimaniamo lì in balia dell’avversario.
    Andrea un’obiezione: secondo me Ivan non deve capire dove giocare, è l’allenatore che dovrebbe dirglielo con precisione, ma prima dovrebbe saperlo lui. Schierare un incontrista come Ivan esterno alto non mi sembra una grande idea.
    Poi in una partita così l’apatico Muriel l’avrei lasciato fino al 90esimo, magari con Cassano vicino. E’ uno che ti può trovare il colpo anche all’ultimo minuto e poi di certo non era stanco visto che ha riposato giovedì e che non corre granchè durante il match.
    Continuo a dirlo: aspettiamo con pazienza la fine dell’anno…

  28. Paolo1966 ha detto:

    La partita’ e’ iniziata malamente e in modo inaspettato, subito in vantaggio con l’avversario che non ci capiva niente e il loro allenatore ammutolito.
    Poi piano piano con pazienza e senza perdere la calma cercando di dare il colpo del ko abbiamo cominciato a sbagliare passaggi, perdere tutti i contrasti, farci trovare sempre mal posizionati e piano piano siamo riusciti a ridare fiducia all’avversario.
    Con un’azzeccatissimo schema da calcio d’angolo siamo riusciti a farli pareggiare, concedendo un contropiede che nemmeno con un fallo laterale abbiamo voluto rallentare.
    A quel punto abbiamo finalmente giocato come sappiamo fare in trasferta, totalmente in balia dell’avversario e rischiando piu’ volte di capitolare.
    Fortunatamente le due occasioni capitate nel finale le abbiamo sbagliate e solo una gran parata di Viviano non ha fatto andare in vantaggio il Chievo

    Chissa’ se la pratica per dichiarare Eder patrimonio dell’UNESCO e’ stata avviata

  29. steva ha detto:

    hai detto giusto, questa squadra e’ un’incompiuta. Non capisco perche’ giochiamo solo 20 minuti scarsi a partita. In quella frazione e’ spettacolo puro e ci illudiamo, poi si spegne la luce, ma perche’? Dopo 20 minuti non puo’ essere un problema fisico ma mentale. Gli avversari arrivano sempre prima sul pallone, sono piu’ cattivi e questo nel calcio di oggi conta piu’ dei piedi buoni e delle improvvisazioni di Muriel e Correa.
    E’ una squadra senza carattere ma con delle potenzialita’ incredibili, a parte in difesa dove Zukanonic e’ imbazzante e non abbiamo molte alternative.
    Ecco perche’ la responsabilita’ e’ di Zenga. E poi ma come si puo’ pensare di sfruttare le caratteristiche di Muriel se lo metti a fare l’Okaka. Al primo contrasto, sparisce. Dainelli ieri sera gli ha fatto sentire i tacchetti un paio di volte e noi abbiamo giocato in dieci.

  30. aston ha detto:

    Su Zenga mi pare si sia tutti d’accordo.
    in molti eravamo scettici già dall’ingaggio, in tantissimi dopo la disfatta in coppa , quasi tutti ormai dopo avere visto undici giornate di campionato ed una squadra che non solo non gioca pur essendo attrezzata benino sotto il profilo tecnico , ma subisce moltissimo il gioco altrui.

    Detto questo io sollevo anche un ulteriore aspetto tattico: Barreto.
    Per me è un signor mediano ma della mezzala non ha le caratteristiche.

    a.

  31. mauro sampbolzano ha detto:

    ciao Andrea,credo che mister Z quando ha detto buon punto a Verona si riferisse alla canzone non è Francesca,…no non può essere lei,difatti il cercare a tutti costi la non verità che appare a tutti tranne a lui,mi fanno capire tante cose,
    1) come ho già detto questa squadra dopo un po’ sparisce dal campo diventa una nebulosa
    2) non ci sono anima e cuore ne gioco
    3) dipendiamo dalle giocate dei singoli quando ne hanno voglia
    4) il tasso tecnico è molto alto ma sprecato senza un qualsiasi schema
    5) prendiamo sempre almeno una rete ..allucinante ps quando vinceremo 1 a 0 farò un lungo prosit ma lungo
    6)non siamo mai propositivi mai osare sempre titubanti
    7)se lui è contento di questo e vede un bel gioco e risultati (con la squadra che ha) forse è meglio ..non dico altro
    8) Ferrero Ferrero perché risparmiare proprio sull’allenatore anzi sugli allenatori,al posto di 2 ne bastava uno decente
    ora basta altrimenti mi incavolo ancora di più

  32. rocco lombardo ha detto:

    bentrovati a tutti, buongiorno andrea,
    sarebbe stato bello riprendere il filo del discorso interrotto la scorsa stagione con maggiore entusiasmo e qualche certezza in più, mentre la sensazione che emerge in modo preminente nel vedere le partite di questa samp è un inizio di stagione per certi versi sconfortante, come se ci fosse già stanchezza nell’affrontare un campionato ancora agli inizi.
    Vivo lontano la realtà di genova, probabilmente qualcosa mi sfugge, ma vorrei capirne le cause, in fondo abbiamo una buona squadra ben assortita, forse pochi ricambi validi dietro, ma tutto sommato un bel gruppo che per le note vicende di mercato si ritrova calciatori di primo piano sia avanti che a centrocampo, fernando fantastico non ricordavo un centrocampista cosi concreto e di ottimi piedi da anni, eppure manca lo spirito di squadra, la voglia di andare oltre l’ostacolo, la caparbietà nell’aiutarsi l’un con l’altro, è troppo comodo e facile gettare le responsabilità su zenga, che personalmente ritengo comunque inadeguato, credo che ci sia qualcosa di altro al netto delle lacune tecnico-tattiche lampanti.
    Spero di essere smentito quanto prima, ma senza entrare nello specifico dell’impiego o meno dei giocatori formanti l’intera rosa, rimarcando comunque come si sia voluto finalmente scommettere su degli ottimi giovani in prospettiva, ma vorrei fin dalle prossime prestazioni sentire a pelle e vedere quella voglia di superare gli avversari mettendo in campo tutto quanto si ha dentro, in fondo l’essenza del giuoco del calcio è proprio questa………..non possiamo avere timore di frosinone, chievo, atalanta ecc ecc…..giocheranno pure in serie a….ma noi siamo la samp………
    un caro saluto rocco lombardo

  33. vincenzo ha detto:

    Flash:
    1)Un plauso ai sampdoriani presenti al Bentegodi;
    2) la Sampdoria è questa con pregi e difetti se no sarebbe prima in classifica;
    3)io non stravedo per il Presidente, anzi, però queste voci di cordate, prezzo di vendita, grandi nomi destabilizzano comunque la società e non è corretto verso il Presidente della Sampdoria;
    4)Muriel sarà sempre estemporaneo e a corrente alternata;
    5)Sono sempre più convinto che fino ad oggi l’Empoli è la squadra che ha fatto vedere il miglior calcio a Genova e se avesse uno stoccatore davanti…;
    6) a gennaio qualcuno andrà via: Soriano?…
    7))Domenica con la Fiorentina sugli spalti dobbiamo essere assatanati e non fargli capire nulla!, così a Firenze invece di portargli un bacione..gli portano qualche gol blucerchiato!

    Sempre Forza Sampdoria

  34. fabrizio perfumo ha detto:

    Manca sempre qualcosa. Questa espressione usata da ANDREA LAZZARA mi pare sintesi perfetta della Samp di questo primo quarto di campionato.
    Andando all’analisi, della partita e di quanto scritto finora dagli altri amici – utenti, dico la mia.
    Primi venti – venticinque minuti buoni e coronati dal goal. Poi inspiegabile ammosciarsi e ritirarsi della squadra quando si sarebbe dovuto lucrare sullo stato psicologico del Chievo che, venendo da tre sconfitte, percepiva la paura di una quarta incombente.
    Invece no. Ci facciamo riprendere campo pur non rischiando moltissimo ma cedendo il comando della partita ridando ossigeno alla fiducia clivense.
    Il goal subìto è un obbrobrio di posizionamento: non solo contropiede,caro ANDREA, ma contropiede su corner a favore, con i nostri due centrali che vanno entrambi a saltare in area ( ma perchè? siamo in vantaggio e nel primo tempo, che bisogno c’è di scoprirsi così sciaguratamente?) e rientrano con lentezza imbarazzante nonostante Ivan metta in fallo laterale il primo assalto avversario – peraltro imperfetto l’intervento di Ivan che deve ostacolare la rimessa laterale e non consentirle quella velocità che fa di fatto proseguire il contropiede – Ad opporsi al cross per Inglese arriva il solo e solito Barreto che però non ce la fa.
    Tutto allucinante. Responsabilità da dividersi tra allenatore ( se non prepara queste situazioni) e giocatori ( che sono professionisti e che anche senza nessuno in panca dovrebbero difendere meglio).
    Secondo tempo piatto e zeppo di errori. L’entrata di Palombo – non lo vedo più ma ieri fa il suo e guadagna la sufficienza per me – sposta avanti di venti metri Fernando ( come giustamente coglie SILLYNAME) . Questa mossa ha il “pregio” di far giocare male anche il brasiliano e di non far ripartire più la Samp. Difendendo molto bassi noi possiamo ripartire solo con la qualità del centromediano ex Shaktar. Con un mediano di sola rottura come Palombo non riusciamo più a farlo e la palla da Fernando manco ci arriva. Nonostante la nostra inquietante bruttezza della ripresa costruiamo due nitide palle goal ( con Muriel prima, Barreto poi). La prima di queste due è il segnale evidente che Muriel quando lanciato palla a terra è devastante. Purtroppo noi lo trattiamo da Okaka, spesso servendolo con campanili improponibili. Lui avrà dei limiti sicuramente ma vedo maggiori quelli di un gioco che non lo sfrutta a dovere.
    Solita nullità di spinta sulle fasce da parte di Cassani e Mesbsh. Il primo autore anche di errori gratuiti gravi nell’appoggio. La situazione non migliorerà con Lollo, che adoro: anche lui non sovrappone e non ha piede caldo per il cross o la palla nel mezzo.
    Concordo con PONCHARELLO : vedere questa rosa in mano a Zenga fa male. E la distanza tra i reparti , sempre osservata da PONCHARELLO è uno dei segnali che fa partorire la prima osservazione.
    Sia chiaro: rispetto Zenga, non lo fischierei, non avevo /ho pregiudizi negativi nei suoi confronti : ma, davvero, è un selezionatore ( PETRINO) più che un allenatore e questo lo paghiamo perchè siamo un club e non una nazionale e nemmeno una prima della classe che, forse, anche con un selezionatore potrebbe andare. Contro allenatori/ squadre tatticamente organizzate andiamo in confusione ( Ventura toro, reja atalanta, stellone frosinone, giampaolo empoli, maran chievo) mentre ce la caviamo contro squadre magari più blasonate ma non così accorte tatticamente e legate all’estemporaneità delle giocate dei singoli( roma e inter per es.) o nettamente inferiori ( carpi bologna verona…..ma ricordo che carpi nel secondo tempo e bologna nel primo ci mettono in difficoltà).
    Trovo interessanti le osservazioni di FRANCESQ su zenga coach leggero ma questo approccio può produrre solo qualche bella partita e un posto tra il decimo e il dodicesimo con la valorizzazione dei giovani.Sempre che la dea bendata ci dia una mano che se si mettesse male, bah, non saprei.
    Da tifoso non mi ritengo soddisfatto.
    Temo però sia proprio quello che la società sampdoria ha chiesto al Mister. Che patisce le critiche o giudica le prestazioni con metro a noi non intellegibile proprio perchè si sente in linea con quanto richiestogli.

  35. ale ha detto:

    Se posso vorrei fare una considerazione che non c’entra con l’aspetto tecnico.

    Ieri sera ho seguito la partita in streaming e -forse anche a causa della poca qualità dell’immagine- vedendo una squadra con la maglia dell’Andrea Doria e una con la maglia gialla (ho un vuoto quali sono i colori della prima maglia del Chievo?) ci ho messo un’attimo a capire chi fossimo noi.

    Lo so che sono belinate, lo sponsor tecnico deve vendere maglie, etc.

    Ma io sono un po’ antica……non mi piace

    Avanti Sampdoria!

  36. fabrizio perfumo ha detto:

    Dimenticavo: il finale con Muriel ed Eder fuori e Soriano e Cassano dentro è un non senso spaventoso vista la nostra incapacità di portare azioni “alla mano”, affidandoci invece ai lanci. Aggiungo che Carbonero – bravo nella fase iniziale della partita – era progressivamente sparito e scaduto nel livello di ogni giocata anche la più elementare e meritava di essere avvicendato. Con un attacco così nullo ci siamo consegnati ad un finale di passione dal quale ci ha salvato Viviano con ottima reattività su Paloschi liberato da uno sciagurato Zukanovic che non ha voluto essere solo comprimario nelle brutture mostrate dai suoi compagni nella ripresa.

  37. ONLY YOU ha detto:

    ieri sera all’entrata di palombo abbiamo fatto gli scongiuri e siamo usciti di corsa dal bar di nervi . con la fiorentina rientrerà de silvestri che pesa attualmente 98 kg e sai che gioia con i viola. ma i pivelli fatti fuori che sono quelli che corrono,……mai più? che brutta fine!!!

  38. Marco sommariva ha detto:

    Buongiorno Andrea e buongiorno a tutti i commentatori Blucerchiati.
    Quello che mi ha personalmente dato piu’ fastidio e’ stato vedere una Zegna sorridente che ci dice che e’ un punto prezioso..ma ci prende per i fondelli?Il chievo veniva da tre sconfitte consexcutive e con noi sembrava il Real …Ma hai fatto 5 trasferte raccogliendo 2 punti su 15 disponibili,non riusciamo a mantenere mai la porta inviolata con l’Empoli abbiamo “steccato anche in casa”…c’e’ poco da essere contenti secondo me.
    Il problema che quando guardi le parite della Samp in trasferta non ti diverti mai…solo lanci lungi per le punte,nessuno schema,nessun gioco sulle fasce,i calci d’angolo dati a noi ,oltre a non produrre nulla,diventano occasioni in ripartenza per gli avversari(vedi gol di Inglese)..insomma..veramente noioso il non gioco di zenga.Penso che avendo Muriel,Eder,Soriano e Cassano..del Neri farebbe molto meglio.
    il sorrisino strafottente di Zenga mi ha sinceramente stufato,non c’e’ feeling con il pubblico..si avverte a pelle.
    Dal famoso 0-4 a favore dei serbi si doveva capire tanto,la societa’ puntava molto sull’Europa per prestigio,per Denaro e invece…tutto gettato alle ortiche..cosa ne pensi Andrea,sono troppo estremista?

  39. moussa dembele' ha detto:

    A me sembra che facciamo abbastanza “anguscia”, questa squadra gioca peggio di quella di Mihailovic, il che e’t utto dire ma almeno quella dell’anno scorso sapeva difendersi. Qui arrancano i terzini (Mesbah ha fatto fare un figurone a Cacciatore..) e Zukanovic non ha i tempi del centrale, mettiamocelo in testa, una cappella a partita la fa e prendiamo gol, urge metterlo a sinistra e, a gennaio, comprare un centrale di ruolo. Contro squadre abbordabili, partiamo bene, sembriamo imporre il nostro gioco, poi loro cambiano, si sistemano e noi iniziamo a giocare palla indietro, con Viviano che fa il “libero” e fa lui i lanci. Dal Vojvodina ad oggi non si e’ vista una fisionomia di gioco, una personalita’ di squadra. C’e’ qualita’ nei singoli, e grazie a giocate sporadiche stiamo a galla ma non andremo da nessuna parte cosi’, pur non correndo pericoli di retrocessione. Rimpiango Del Neri, l’ultimo che mi ha fatto vedere un po’ di gioco.

  40. Paolo1968 ha detto:

    Leziosi, lenti e inclini alle belinate.
    Non sono un giustizialista, ma occorre una sterzata decisa (e non è una questione di punti). Almeno non vedrò la gente ridere in panchina, mentre la partita a me fa venire il mal di fegato.

  41. The Nightmare ha detto:

    Difendo Zenga!
    A mio modo di vedere, bravo e’ l’allenatore che riesce a tenere lo spogliatoio saldo ed in questo caso lui ci riesce (da quel che vedo). Chiaro, penso che anche a lui girino parecchio le scatole a vedere le varie indolenze in campo, ma otterrebbe un miglior effetto se lui esordisse in conferenza stampa e dicesse “XYZ stasera ha giocato troppo male!”?
    Ricordo la sgrammata di Viviano lo scorso anno, con Mihajlovic che in conferenza stampa disse “non giudico mai l’errore tecnico!”, infatti Viviano si e’ ripreso ed alla grande.
    Viva il leader che difende il suo team davanti a tutti.

    Secondo me:
    Viviano, affidabile, sebbene ogni tanto i passaggetti corti di piede siano da infarto;
    Cassani, senza infamia e senza lode, la maglietta l’ha sudata, forse avrei tenuto Pereira titolare;
    Mesbah, tra i difensori mi e’ parso quello meno adatto, a volte e’ parso spingersi eccessivamente in avanti (e mi e’ venuto in mente quello che Mazzone disse a Carboni…..), provvidenziale il suo corpo in traiettoria su un tiro del Chievo nel secondo tempo;
    Silvestre, una garanzia;
    Zukanovic, visto ben poco (tra l’altro su certi calci d’angolo ci si aspetterebbe miglior disimpegno e marcatura);
    Ivan, Fernando e Barreto, ieri sera visti molto poco;
    Palombo, al di la’ dell’evidente propensione a farlo entrare per conservare il risultato, non ha affatto demeritato;
    Soriano, ci si sarebbe aspettato di piu’;
    Carbonero, secondo me mette parecchia paura agli avversari, lo terrei sempre in campo;
    Eder, indiscutibile, incommensurabile;
    Muriel, se non gli arrivano palle a terra….. pero’ e’ l’unico che si porta via costantemente uno o due difensori, francamente lo vedo funzionale al gioco della squadra;
    Cassano, evidentemente entrato per tenere palla e inventare qualcosa, non lo vedo funzionale al progetto.

    Personalmente mi piacerebbe vedere un tridente “fantasia” in attacco con Eder a sx, Carbonero a dx e Muriel al centro, coi tre che si scambiano le posizioni. I maggiori dubbi li ho a centrocampo dove non saprei chi mettere come terzo oltre a Barreto e Fernando (sparatemi, ma Soriano non mi convince al 100%), per i 4 dietro mi sa che la soluzione sia obbligatoria….. Ovvio, il mio modulo sarebbe un 433. Saluti.

    • The Nightmare ha detto:

      Nota parecchio a margine: sbaglio o l’esposizione mediatica, cosi’ come l’entusiasmo, del presidente stanno sfumando un pochino?

  42. Sammy ha detto:

    La sampdoria non ha un gioco almeno dall’anno scorso. Il Sig. Mihajlovic aveva basato tutta la sua teoria sulla grinta, il Sig. Zenga non si capisce cosa abbia insegnato a questi giocatori a parte i soliti schemi ridicoli su punizione a favore. Non può un solo giocatore come Eder tenere su la baracca per un anno intero.
    La rosa non mi sembra di tutta questa qualità come sento da più parti ma da onesto centro classifica sicuro, il problema è che con Zenga si rischia di andare a giocarsi la permanenza in A.
    Un’ultima cosa intollerabile: tra Zenga e alcuni giocatori a metà del secondo tempo cosa avevano tutti da ridere? Sono in campo per cercare di vincere o per fare uno scapoli vs ammogliati? Mandarlo via finchè si è in tempo, allenatore di una mediocrità spaventosa.

    • fioretta ha detto:

      Va bene ,hai ragione,però dimmi chi si può prendere eventualmente? Montella e Spalletti sono inavvicinabili per la Sampdoria e allora chi? Del Neri….ah anche Cavasin è disoccupato,ma a parte gli scherzi ,davvero ,chi ?

  43. danilo ha detto:

    Comunque sia, ieri sera è stata una prestazione da ennesima sconfitta con la differenza di aver portato a casa 1 punto. Qualunque altra squadra di seria A ed alcune di serie B avrebbero vinto contro la solita samp da trasferta.
    Un allenatore a fine ottobre deve avere in testa l’11 titolare ciascuno nel proprio ruolo.
    noi siamo ancora a provare ivan esterno di attacco, a frosinone regini centrale e zukanovic a sx, palombo davanti alla difesa con fernando al suo fianco. BASTAAAAA
    Zenga deve capire che l’ossatura della squadra è questa:
    VIVIANO DE SILVESTRI (PEREIRA) SILVESTRE ZUKANOVIC REGINI(MESBAH)
    BARRETO FERNANDO CARBONERO
    SORIANO EDER MURIEL

  44. federico 10 ha detto:

    Buonasera a tutti gli amici e naturalmente al padrone di casa. Purtroppo è brutto dirlo perchè è l’allenatore della squadra che tutti amiamo ma proprio per questo bisogna ammettere senza tanti giri di parole che W.Z. è assolutamente inadeguato e pensare che abbiamo una rosa di tutto rispettto,ma nessun tipo di gioco di schema di situazioni studiate in settimana,vedere dei professionisti che corrono dietro a lanci lunghi di 70 metri del nostro immenso Viviano come i bambini della scuola calcio leva 2010 è davvero deprimente.

  45. roberto schiano ha detto:

    Caro Andrea,sono convinto che molti di noi la pensino allo stesso modo.Buona rosa,qualche ottima individualita’ ed un mister che non e’ riuscito a darci uno straccio di gioco dopo 11 giornate.Oltre tutto,alcune sue scelte scellerate a partita in corso(e’ riuscitoieri a far giocar male perfino Fernando spostandolo in una posizione non sua ed a tenere in campo un Cassani disastroso)ci sono costate ieri i 3 punti ed in altre sconfitte ingiustificate.Viviano,lancio lungo a Eder o Muriel,sperando inventino qualcosa,questa e’ la sua tattica.Con un allenatore pragmatico potremmo avere 4/5 punti in piu’ e non sto parlando di Mancini o Guardiola.A parte qualche buon primo o secondo tempo qua’ e la’,ci mettono sotto quasi tutti,e’ veramente disarmante vedere un secondo tempo come quello di Verona.Complimenti alla tua rubrica ed un saluto dalla fredda Inghilterra.

  46. Martino Imperia ha detto:

    Io veramente comincio a chiedermi se sto impazzendo io o se sto blog è popolato solo da disfattisti grigi e contestatori.

    Onestamente, ma qualcuno pensa realmente che la Sampdoria con 16 punti, il capocannoniere del campionato, una classifica tutto sommato dignitosa e giusta, possa trarre un qualche beneficio con il cambio di allenatore? in questo momento?

    intendo dire un allenatore che farebbe sicuramente meglio? Ma chi avete in mente? No perchè Montella o Ancelotti o Mourino se si libera non penso abbiano in mente Genova.

    Volete un Ballardini? un DelNeri? un Pippinzaghi?

    Poi mi calmo, respiro, leggo che il problema della samp è che I giocatori ridono e sono contenti, che gli occhiali e le bretelle di Zenga non van bene, che Palombo e Regini andrebbero emarginati, che Mihailovic aveva un gioco, e mi do la risposta.

    Bene, domenica avrò un motivo in più per tifare Samp in una partita quasi impossibile contro la capolista fiorentina: sperare di poter leggere qualcuno che si arrampica sugli specchi.

    Il fuoco amico non lo sopporto.

    Le critiche per me hanno senso solo se costruttive

    • poncharello ha detto:

      Invece sarebbe costruttivo nascondere la testa sotto la sabbia e Ignorare che in casa abbiamo fatto punteggio pieno con Bologna, Carpi e Verona?
      Che il calendario sino ad oggi era molto favorevole?
      Che anche in casa appena incontriamo una squadra organizzata (Empoli)andiamo in difficolta’?
      Che abbiamo vinto, e meno male, contro la Roma immeritatamente grazie ad un autogol e ai miracoli di Viviano?
      Che siamo Eder dipendenti?
      Che con due punte come Eder e Muriel si cerca sempre il lancio lungo spesso dal portiere e i difensori avversari ringraziano?
      Che col Bologna siamo usciti dopo l’espulsione di Rizzo?
      Che non abbiamo vinto una partita in trasferta neppure col Frosinone o col Chievo che era reduce da tre sconfitte consecutive?
      Che prendiamo sistematicamente gol?
      Che dalla famigerata partita di coppa non ci sono stati miglioramenti nel gioco e nell’organizzazione?
      Che non riusciamo a fare mai un fuorigioco, a marcare decentemente sui piazzati?
      Che la difesa e’ schiacciata e distante 20 metri dal centrocampo?

      Sono assolutamente favorevole a sostituire un allenatore che da anni allenava in Arabia con un altro, anche Ballardini o Del Neri sarebbero in grado di dare un minimo di organizzazione a 11 uomini che domenicalmente sono lasciati in campo al caso e alle giocate dei singoli.

      • Martino Imperia ha detto:

        Se sei sicuro al 100% che con Ballardini o DelNeri avremmo più punti e un gioco armonioso il tuo ragionamento è corretto. Io ne dubito fortemente.

        Ma è evidente che essendo in minoranza sbaglio io.

      • YumaS2001 ha detto:

        e per fortuna che non siamo in fondo alla classifica!!!!
        tutto vero quello che dici, ma ……. guarda la classifica!!!!

    • moussa dembele' ha detto:

      Scusa Martino, nel pieno rispetto delle tue opinioni ma tu di cosa sei contento, dei 16 punti? Ma ti diverti a veder giocare il Doria? A Napoli e Torino ci hanno preso a pallonate nel primo tempo, a Bergamo per tutta la partita, col Frosinone abbiamo giocato mezz’ora, idem con l’Empoli e ieri e alla fine se non ci fosse stato Viviano buscavamo di nuovo.
      La cosa che fa più arrabbiare è che la rosa è forte ma il gioco è peggio di quello di Mihajlovic che basava tutto sulla grinta e zero sulla manovra (palla lunga a Okaka e speriamo in dio).
      Poi scusa, mi fai un esempio di critica costruttiva? Siamo “solo” tifosi le idee tecniche le deve mettere qualcun’altro. Però sappiamo distinguere una squadra che ha una sua idea di gioco da una che si affida alle giocate estemporanee dei singoli. Il mio non vuole essere un attacco frontale nei tuoi confronti, ma non va neanche bene che chi non la pensa come te sia un disfattista o uno che non aspetta altro che l’occasione per criticare.
      Qui vogliamo tutti un solo bene quello del Doria

      • Martino Imperia ha detto:

        Critica costruttiva: la squadra si schiaccia troppo in difesa.

        Critica distruttiva: I giocatori ridono troppo e gli occhiali di Zenga non van bene.

        Critica sadomasochista: fischiamo palombo e regini e zenga prima della partita

        Critica taciuta: che Mihailovic ha fatto un girone di ritorno ver go gno so e ha perso l’uefa, lui per primo.

        Citica suicida: speriam che il Doria perda così cambiam allenatore.

        Onestamente, dimmi se non hai letto anche tu le suddette cose.

        Cmq, come ho già detto, mi rendo conto di esser in minoranza, quindi sicuramente sbaglierò io. Tuttavia anch’io devo aver il diritto di non omologarmi al pensiero unico anti-zenga.

        Con il Massimo rispetto per tutti ovviamente.

        P.S. se battiamo la fiorentina (missione impossibile mi rendo conto) ve la meno all’infinito 😛

        • fioretta ha detto:

          No caro Martino ,ti diranno che si è vinto per fortuna,come continuano a dire per la vittoria contro la Roma,che poi la Roma ne vale cento di noi e quindi si doveva giocare così ……poi la fortuna ci ha aiutato d’accordo ,però dire che è solo fortuna……..nessuno parla della gran partita contro l’inter ,li ,come dici tu ,che colpa ne ha Zenga se Correa fa un errore stratosferico?…. Quindi ,non vinceremo mai con la Fiorentina ,ma se per un miracolo accadesse sarebbe per san culino ,se perdiamo è sicuramente colpa di Zenga. Anche a me non piace sto allenatore ,ma il fatto che lo si critichi sempre a prescindere,mi fa venire il nervoso

        • moussa dembele' ha detto:

          Non ho nulla di personale contro Zenga e se facciamo la stessa prestazione dell’anno scorso con la viola sarò lieto di accettare il tuo menaggio. Non amavo Mihajlovic ed il suo gioco che ha consentito al Barcellona de noantri di mangiarci 11 punti di distacco e darcene altri 4.. quindi prima di indignarmi a posteriori mi lamento prima.

      • doria65 ha detto:

        Molte delle cose che dici sono condivisibili o almeno comprensibii, ma che la Samp giocava meglio con Mihailovic questo proprio no. L’anno scorso il gioco della samp era PE-NO-SO, facevamo il 10-0-0 anche col Poggibonsi…

        Poi che Zenga abbia dei seri problem condivido, ma che sia tutta colpa sua no. La sua colpa piu` grande e` quella di prendersela con Muriel (stile Delio Rossi) quando lo sostituisce e questo si piega dal ridere in panchina… O a Viviano quando si mette a fare I colpi di tacco in area. O a Soriano quando entra in campo e per mezzora cammina anziche’ correre… O a Ivan che mette la palla in fallo laterale e poi si ferma peche’ poverino e` stanco… Insomma; anche I giocatori che vanno in campo ci mettono del loro, e non e` (solo) colpa di Zenga…

    • roberto schiano ha detto:

      Mi sai che sei proprio l’unico

    • fioretta ha detto:

      Si vede che sono tutti arrabbiati perché non vinceremo lo scudetto…..così tanto per sdrammatizzare

    • El Cabezon ha detto:

      Spiegami tu invece: quali elementi concreti hai, a 4 mesi dall’inizio della preparazione e passato il giro di boa del girone d’andata, per difendere l’operato di Zenga?
      Senza polemica, solo per provare a cercare di comprendere punti di vista altrui, però non mi portare come esempi le goleade con le ultime della classe o i 60, buonissimi minuti disputati contro l’Inter:-)

      • Martino Imperia ha detto:

        Ecco alla radice il modo di ragionare sbagliato.

        Quello che di buono c’è stato non lo si può dire. Anzi va minimizzato, o ridotto a culo, demerto degli avversari etc.

        Ribadisco, non siamo certo una squadra perfetta e Zenga non è certo Mourino.

        Però nemmeno da meritar critiche così feroci vista la calssifica.

        (secondo me non siam così forti come molti sostengono).

        Tutto lì.

        • El Cabezon ha detto:

          Martino, si può dire tutto, ci mancherebbe altro!:-)
          E’ che vorrei leggere/sentire qualcosa di più concreto in favore di Zenga, invece ci si ferma alla prima ora di gioco contro l’Inter ( ottima, nulla da dire ) e alle goleade con le ultime in classifica che sono belle e divertenti ma che, almeno a me, lasciano sempre il tarlo del dubbio se sono più i tuoi meriti o i demeriti delle avversarie…
          A me Zenga non convince ( eufemismo…) ma non avrò il benchè minimo problema a rivedere le mie idee se tra uno/due/tre mesi o a fine campionato si vedranno i frutti del suo lavoro…

      • doria65 ha detto:

        Perche’ non dovrebbe portare ad esempio le cose buone?

        Ti sei risposto da solo…

    • robmerl ha detto:

      dire che zenga dovrebbe decidersi a fare delle scelte e a definire uno schema di gioco accettabile se no rischia il posto – anche perché ha in mano una rosa di tutto rispetto costruita con un budget limitato – non mi sembra né critica distruttiva né disfattismo

      • Martino Imperia ha detto:

        infatti questa non la è.

        Ma dire che nella squadra tipo deve esserci deSilvestri ( che fino a ieri era distrutto speriam torni lui!) significa pretendere l’impossibile. Se uno è indisponibile, non può giocare.

        Stesso discorso per la sciagurata partita di Frosinone: Silvestre, Barreto, Fernando assenti e Eder post Nazionale. Come facevano a giocare…se non potevano giocare?

  47. Paolo1968 ha detto:

    Io non credo si tratti di fuoco amico. Vado allo stadio e la voce c’è solo per incitare, ma gli occhi vedono quello che vedono. E quando finisce la partita e ripenso a freddo a ciò che ho visto non riesco ad essere così contento.
    Vedo un ritmo sempre basso, vedo che spesso gli altri corrono molto di più (perlomeno per un tempo più lungo…), vedo che la nostra manovra è spesso molto macchinosa a partire dalle rimesse di Viviano (quel giochetto con Silvestre proprio non riesco a capirlo e a digerirlo.
    No, non sono contento di veder ridere i giocatori in panchina, mentre una partita, che si poteva e si doveva vincere, stava diventando difficile da gestire e stava riservando vari pericoli….
    Poi vedo anche un attacco che a sprazzi è micidiale, un centrocampo che Fernando e Barreto hanno portato a livelli ottimi, un portiere che rappresenta una sicurezza
    .Certo, abbiamo una sufficiente dote di punti, ma onestamente io ho visto giocare bene la Samp solo a sprazzi… a memoria ricordo 50 minuti col Carpi, 20 col Napoli, 50 con l’Inter e poco più.
    Non so se le mie critiche siano costruttive, ma ritengo che si possa fare di più, a partire dall’essere più attenti e più determinati nel conseguire gli obbiettivi di partita.
    E magari giocando con qualche schema meno nebuloso

    • Martino Imperia ha detto:

      Ritengo il non tenere per 90 minuti un ritmo omogeneo ed alternar momenti buonissimi a momenti pessimi nel corso della stessa partita una critica ragionevole anch’io. su questo bisogna migliorare.

  48. Giorgio ha detto:

    Come già nei precedenti blog ho fatto rilevare, Zenga ha sbagliato tutto già dalla scelta delle amichevoli in preparazione all’ingresso in Europa League: possibile solo partite con infimi dilettanti per preparare una coppa europea? Poi la sconfitta per ben 4-0 subito la prima partita giocata e ora, dopo tante partite, sempre assoluta mancanza di gioco! Senza il grandissimo Eder saremmo ultimi in classifica. Solo adesso tutti si accorgono (speriamo ora anche la Società!) che Zenga non è un allenatore da Sampdoria? Questo è il momento più adatto per sostituirlo! Direte: ma con chi? A mio giudizio basterebbe un Pedone per fare meglio! Cosa ne dici, Andrea?

    • chicco 78 ha detto:

      Eh beh Giorgio si è vero potrebbe anche essere però pedone e per dire anche Bellucci mi pare ci siano anche già ma non mi sembra diano consigli così giusti…a me sembrano a volte spaesati tanto quanto zenga…per quel poco che effettivamente si può vedere ecco…con tutto il rispetto parlando….

  49. fabrizio perfumo ha detto:

    per MARTINO IMPERIA
    A me pare, Martino, che di critiche costruttive ce ne siano parecchie e molto sensate nel blog.
    Ritenere Zenga inadeguato o criticarne semplicemente l’operato sulla scorta di osservazioni obiettive ci fa annoverare, per Te, tra il fuoco amico?
    Mi dispiace ma è una tua non corretta interpretazione.
    Mi pare riduttivo e fuorviante voler far passare critiche molto motivate alla stregua di battute sulle bretelle o sugli occhiali di zenga o sui giocatori che ridono in panchina.
    In molti di noi diciamo ben altro e se leggi te ne rendi conto.
    Se poi per te dovremmo essere contenti di certi spettacoli indecenti che forse tu non sei in grado di cogliere, e ti invidio per questo, beh, semplicemente non ci sto.
    Siccome critico Zenga divento uno che vuole Ballardini o Del Neri ?
    Fatta questa premessa ti dico e dico coram populo che per me Ballardini e Del Neri sono signori allenatori rispetto a Zenga. Questa mia considerazione non mi ha mai condotto ad offendere o semplicemente non rispettare Zenga. Che rispetto, che non fischio ma che critico. Perchè amo la Samp e vedo, da luglio, una squadra ricca di qualità ma con poche idee e confuse. E mi piange il cuore per questo.

    • Martino Imperia ha detto:

      mi infervoro un pò perchè sono in minoranza.

      ma c…o, ma la critica che Zenga ha dei brutti occhiali e delle bretelle impresentabili l’ho sentita solo io?

      I fischi a inizio partita ci sono stati oppure no?

      e poi, ma Fernando chi l’ha portato a Genova? Ballardini?

      Ribadisco che le critiche costruttive mi van benissimo.

      • ale ha detto:

        Caro Martino,

        io la penso come te. Cerco di articolare meglio il mio pensiero.
        Tutte le critiche tecnico\tattiche secondo me sono accettabili e si possono catalogare come costruttive.

        Quello che è -secondo me, ma non solo, Vi assicuro- è inaccettabile sono i continui toni di scherno e dileggio, i fischi prima del match, o durante (grande Viviano che ha le palle per mandarli a……..), quando non proprio le offese (cui ha fatto riferimento WZ durante una trasmissione nazionale).

        Tutto questo non ha niente a che fare con la nostra storia di tifoseria e temo sia una deriva inarrestabile del modo in cui si vivono certe cose al giorno d’oggi.

        Io non fischierò MAI un nostro tesserato durante o prima di una partita.
        Non sciverò MAI offese e prese per i fondelli del mio allenatore in uno spazio pubblico.

        Un conto è dire “Non capisco Ivan in quella posizione”, un conto è dire “WZ non è un allenatore”.
        Nella prima c’è rispetto, nella seconda no. Poi si è tutti Doriani, è evidente. Ma, certamente, si è persone diverse.

        Saluti

      • Fra Zena ha detto:

        Io ho scritto sugli occhiali di Zenga, ma era chiaramente una battuta dai 🙂 peraltro sono contrarissimo a fischiarlo, perchè sta lavorando sodo e merita rispetto, e non vorrei neppure il suo esonero; semplicemente, la squadra mi sembra sempre fragile mentalmente, sfilacciata e confusa, sarà anche un po’ responsabilità sua o no?

  50. Marx ha detto:

    Voglio Del Neri, subito! Squadra corta, compatta!

    • andrea.lazzara ha detto:

      Una domanda, così, per chiedere a te e a tutti: ma visto che si contesta e contestava a Zenga il fatto di non allenare in Italia da qualche anno…si vuole un tecnico come Del Neri che non allena da quasi 3 anni e che nell’ultima esperienza, su sponda Genoa, è stato esonerato dopo poche giornate? Tre anni!!

      • Bulgaro ha detto:

        No, per questo motivo, perché ci ha mollato e perché non abbiamo giocatori adatti ai suoi schemi.
        Sinceramente di adatti a noi non ne vedo molti in giro per ora.

        • piero ha detto:

          Iachini, tanto dura ancora poco a palermo.
          Se non fosse che secondo me aspetta una chiamata dalla nazionale vedrei bene anche Montella.
          Poi a spasso c’è anche Spalletti. Non si sa mai…
          Di Matteo, Prandelli…
          Insomma, volendo c’è di meglio di WZ in giro… O no?

        • lollo ha detto:

          poteva esserci Donadoni, ma è andato…

        • poncharello ha detto:

          Il curriculum dei 2 non è paragonabile.

      • marx ha detto:

        io mi riferisco a Del Neri perche secondo me è il meglio che propone la piazza considerato che Montella è fuori mercato
        io non so se Del Neri sia bollito o no. mi ricordo però come giocava la squadra che è arrivata ai preliminari CL. giocavamo alti compatti e anche sul fuorigioco. la squadra aveva un gioco. l’esperienza con il Genoa, non la considero.. anche Donadoni al Genoa aveva fatto male ma non si può considerare sia un cattivo allenatore.
        vorrei ricordare a tutti che la squadra di del neri a parte Pazz/Cass aveva giocatori veramente mediocri soprattutto se messi a confronto con la rosa attuale; infatti, andati via i due attaccanti siamo andati in B! ma vi ricordate chi c’era? Mannini.. Guberti…Semioli… Gastaldello e Rossi (??!!) Sammarco, Tissone!! ma che squadraccia era??
        eppure con un buon impianto di gioco abbiamo fatto un grande campionato in cui si subiva pochissimo

        ora abbiamo una rosa molto buona ma senza alcun acume tattico.. squadra lunga, sfilacciata e con una difesa che prende sempre Gol.

        mi sbaglierò, ma Zenga, come era Miha, sarà anche un buon motivatore e avrà fatto un buon gruppo, ma di tattica proprio non ne capisce

        ciao!

      • El Cabezon ha detto:

        Bè Andrea permettimi una mezza battuta: tra un Del Neri inattivo da tre anni e uno Zenga che da sei allena in Dubai non c’è poi tanta differenza:-)
        Tornando seri io dico no a Del Neri, vuoi perchè, a meno che non si sia evoluto, mancano i giocatori per il suo amato 4-4-2 e soprattutto perchè credo che ormai possa entrare di diritto nella categoria dei…bolliti….

      • chicco 78 ha detto:

        No infatti Andrea bravissimo quotazzo ma anche solo perché è stato al Genoa che ho ritenuto fosse stata una cosa veramente obrobriosa a suo tempo e non per faziosità ma su ste cose sono un pochino all’antica mi dispiace…troppo facile venirci adesso adesso la samp per lui….lo troverei ingiusto ecco…..

    • fioretta ha detto:

      Come ha fatto col genoa…7 partite cinque sconfitte…e poi ciao ,ciao..Persino noi eravamo riusciti a vincere tre a uno…….

  51. flex ha detto:

    Ho ancora negli occhi la partita contro l’empoli e, almeno per me, è evidente la differenza fra una squadra ben allenata e una che va avanti affidandosi a eder.
    Rispondo a Martino Imperia @46: si, penso realmente che la sampdoria trarrebbe beneficio dal cambio dell’allenatore. e penso che sia il momento giusto: alla prossima sconfitta del palermo ci riprendiamo iachini.

    • sillyname ha detto:

      Ciao Flex e ben ritrovato.
      Rispondo a te ma vorrei rispondere tutti gli amici che hanno scritto sopra, e vorrei anche sostenere Martino che, a suo modo accecato come tutti noi dalla passione, interpreta in modo positivo il suo contributo alla causa.
      Credo che fossero in pochi a tifare per l’arrivo di Zenga a giugno e se devo essere sincero io ho vissuto il suo ingaggio con una certa delusione e scetticismo. Non voglio però dimenticare che WZ è stato un nostro giocatore, che ha sempre (in tempi non sospetti visto che parliamo di 25 anni fa) manifestato simpatia e attaccamento ai nostri colori e che il suo modo che a volte sembra arrogante secondo me nasconde un certo disagio di fondo che me lo rende più simpatico. Proviamo a dargli un po’ di credito, se non altro perché con questa media si arriverebbe a fine anno con quasi 60 punti. Anche altri stanno allenatori stanno facendo fatica e vedrete che, a esempio,anche Sousa, dopo il tradizionale avvio positivo di un rookie, inizierà ad avere i suoi problemi tattici perché presto gli avversari inizieranno a raffinare le contromisure.
      Non posso essere contento di aver visto partite come Empoli o Atalanta. Però sono stato contento della gara con l’Inter, molto. Ed ero impressionato nei primi venti minuti dell’incontro con il Chievo. Si, ho visto manovre veloci, palleggio, giocate di prima e quell’inizio partita mi è piaciuto tanto. Allora quale è il problema? Con l’Inter e con l’Atalanta ha giocato sempre la Samp, eppure che differenza…. Il problema è tattico? Io non capisco del tutto certe scelte, tipo i continui rilanci di Viviano, ma ho il sospetto che mi piacerebbe ancor meno vedere giocare la palla dalla nostra metà campo, visto che dietro non abbiamo dei fini palleggiatori e visto che tutte le squadre aggrediscono alte per metterci in difficoltà proprio in quella zona. Pensa(te) cosa diremmo a Zenga se prendessimo dei gol su ripartenze improvvise degli avversari che rubano palla sulla nostra tre quarti….
      Inoltre il rilancio dal portiere non dovrebbe essere visto necessariamente come il modo di incocciare il centroboa (che non abbiamo) di Sinisiana memoria, io immagino che sia pensato, se va male, per aggredire sulla seconda palla di rinvio e avere l’occasione di lanciare velocemente il gioco sugli attaccanti. Giusto o sbagliato che sia, è una scelta e talvolta funziona.
      Ce la prendiamo qualche volta con Muriel per quella che interpretiamo come indolenza (ed è spesso vero) però io non vorrei rivedere i miei attaccanti (compreso un mostro di attaccante come Eto’o!!!), ridursi a terzini e non vorrei rivedere partite da 0-0 oppure con il golletto fatto dopo una fatica estenuante come negli anni scorsi. Non possiamo chiedere a Muriel di pressare e tornare in difesa se poi vogliamo contemporaneamente che sia mantenuta la pressione sui difensori avversari o se vogliamo che ci sia l’occasione di sfruttare le doti tecniche e la corsa di Muriel appena torniamo in possesso palla… Io sono convinto che questa sia una precisa scelta tattica, e se permettete la sostengo. Ha dei punti deboli, ma preferisco così che veder giocare come l’anno scorso.
      Insomma, con tutti i difetti del caso, oggi abbiamo Eder capocannoniere con 9 (!!!) reti, Muriel con 4 reti e Soriano con 3 dopo 11 partite. Ma ce la prendiamo perché non abbiamo un gioco. Magari è anche vero ma non esageriamo troppo… Piuttosto, io mi domando perché non riusciamo a vedere con continuità lo stessa qualità della gara con l’Inter, o dei primi minuti con il Chievo. E questa non può essere “solo” colpa di Zenga.

      Una parentesi: nessuno di noi discute il buon Beppe Iachini. Ma ricordo che ha appena perso in casa con l’Empoli, non con il Barcellona…. Se Atene piange…..

    • Martino Imperia ha detto:

      Cosa impossibile perchè un allenatore esonerato non può esser ingaggiato fino al prossimo anno.

      Quindi probabile un traghettatore (da NOVEMBRE) alla Bellotto.

      Critica distruttiva.

      ( Beppe è un grande)

      • flex ha detto:

        @ Martino Imperia

        Ignoravo questa regola e quindi su Iachini ho detto una belinata (a parte che era anche un pò una provocazione). Tuttavia ti domando per quale motivo l’eventuale sostituto deve essere necessariamente un traghettatore: siamo a novembre e c’è tutto il tempo per dare un senso a questo campionato.
        In società ci sono persone pagate apposta per fare valutazioni di questo tipo: donadoni, ad esempio, sarebbe stato meglio di zenga, altri potrebbero essercene, di certo il riferimento a cavasin non mi è sembrato un esempio di costruttività.

        @ sillyname

        E’ sempre un piacere interloquire con te.
        Su zenga non ne faccio una questione personale, nemmeno mourinho o cappello sono mostri di simpatia, poco mi importa delle sue bretelle o delle sue interviste. Il problema non è lui ma come gioca la sampdoria.
        Tu sei stato contento di come ha giocato contro l’inter, anche io, ma è stata un’eccezione, la regola è che subiamo il gioco del nostro avversario, che sia la roma o il frosinone, e quando abbiamo la palla noi non sappiamo cosa farne. Io capisco la strategia di impostare il nostro gioco sulle ripartenze per esaltare le doti di eder e muriel (una volta si sarebbe detto difesa e contropiede), ma sono perplesso su come lo facciamo. Abbiamo grandi problemi sulle fasce, soprattutto a sinistra, ripieghiamo troppo su noi stessi e in questo modo la difesa è troppo sotto pressione, abbiamo problemi nei disimpegni e in fase di impostazione, da qui i famosi rinvii di viviano. Con questo modo di giocare alle volte ci va bene, come con il carpi e il verona, ma molto più spesso siamo in sofferenza.
        Non condivido l’utilizzo di certi giocatori: cassano per me dovrebbe entrare al massimo l’ultimo quarto d’ora, se proprio ne abbiamo bisogno, mai da inizio partita, correa è un lusso che non possiamo permetterci.
        Ho l’impressione che abbiamo una squadra molto forte, molto di più rispetto agli anni passati, ma temo che sia un potenziale non completamente sfruttato. E come tutti i liguri odio gli sprechi 😉
        Ad oggi la classifica non è ancora preoccupante, ma ad eccezione della roma (e ci è andata di culo), abbiamo vinto contro le ultime in classifica. Io sono un pò preoccupato per il futuro.

        • andrea.lazzara ha detto:

          In qualche paese (credo Inghilterra e Germania) un allenatore può anche allenare due squadre nella stessa stagione. O almeno poteva, fino a qualche anno fa. Ora non so, sinceramente…

        • marx ha detto:

          sono d’accordo sulla preoccupazione per il futuro.

          proviamo a fare una proiezione delle prossime partite sulla base di come ha giocato la squadra fino ad ora. il calendario non è bello ora, dopo aver sprecato l’occasione di allungare in classifica con Frosinone Empoli e Chievo

          FIORENTINA 0 punti
          udinese 1 punto
          milan 0 punti
          SASSUOLO 1 punto
          lazio 0 punti
          PALERMO: 3 punti
          derby:?
          JUVE 0 punti

          rischiamo di girare a 21-22 giusto i punti per salvarci e dobbiamo ringraziare Manolas per i 3 punti con la ROMA.

          adesso ditemi che sono pessimista!

          • andrea.lazzara ha detto:

            5 punti in 8 partite mi sembrano davvero pochini. Se così fosse ci sarebbe da preoccuparsi: non voglio fare tabelle, credo che, per molte ragioni, la Sampdoria debba andare avanti, soprattutto ora, di partita in partita. Sei convinto di perdere domenica prossima? Certo è difficile, ma partire mettendo 0 nella casella dei punti incamerati(a due giorni dalla gara) non mi sembra, senza offesa, il massimo come approccio

          • Max Samp ha detto:

            Dopo Oronzo con il 5-5-5 …abbiamo pure Crisantemo…un po’ di positivita’ dai ragazzi..!!! Forza Doria Sempre !!!!!

          • Paolo1968 ha detto:

            Sei pessimista.
            Quasi catastrofico.
            Ma mi lasci interdetto con quei tre punti nella casella Palermo e il punto interrogativo nel derby.
            Metti 1 e 0 così concludi la tua analisi NON pessimista

          • Doria65 ha detto:

            Ma no, cosa dici… Sprizzi ottimismo e positività da ogni sillaba….

            A fine girone ne riparliamo (se ancora avrai il coraggio di scrivere…)

  52. chicco 78 ha detto:

    Intanto buon giorno a tutti e a te Andrea!intanto noto che abbiamo ricominciato Andrea giocare sempre a parte che la domenica pomeriggio cosa che negli ultimi anni succede sovente e,al di là degli impegni europei delle varie squadre avversarie,non mi spiego il perché e se qlcn è in grado di delucidazioni mi farebbe piacere….poi vorrei chiedere,se qlcn ritiene sia una domanda al cui rispondere, come facciamo se il buon Martin si rompe la ciolla e se la vuole battere(con tutte le squadre che lo richiederanno ovviamente)e poi insomma Andrea ci hai proprio azzeccato sul fatto che avevamo la possibilità di portare a casa punti pesanti ma non li abbiamo fatti nella maniera più assurda possibile poi si sa se si vuole una salvezza tranquilla e una stagione da comoda centro classifica allora va benissimo ma sinceramente con questa squadra speravo di riuscire almeno ad arrivare come l’anno scorso a fine stagione ma non tanto perché pretenda tanto di più o perché non mi accontento,ma semplicemente perché abbiamo perso dei punti che potevamo tranquillamente fare tutto qui,poi sedici punti vanno anche benissimo ma ragazzi domenica c’è la viola e se si gioca così potremo anche rischiare di prendere una bella imbarcata che a livello psicologico potrebbe pesare….poi scusate ma Ivan attaccante esterno?ingresso di palombo in campo?soriano alla fine?ma soprattutto Muriel in campo ancora nel secondo tempo? E cosa serviva Cassano gli ultimi dieci minuti? Ma scusate ma zenga cosa scriveva sul blok notes?cioè veramente fatemi capire cosa scriveva?

    • andrea.lazzara ha detto:

      Su cosa scrivesse Zenga sul suo block notes non lo so, lo fanno molti allenatori( Sarri, ad esempio), quindi non farei le pulci al mister anche su questo. Di Ivan, come ho detto, non ho capito, per quanto riguarda Soriano credo(immagino)che lo abbia visto stanco e gli abbia fatto tirare il fiato. Sul no alla domenica pomeriggio non me ne capacito: o meglio, posso capire un Sampdoria-Fiorentina la domenica sera, ma l’utilità anche televisiva di Chievo-Sampdoria lunedì alle 19, in uno stadio già di per se sovradimensionato per la tifoseria di casa, mi sfugge…

      • ale ha detto:

        Quella della domenica pomeriggio per me è una iattura! (problemi di baby-sitter). A parte Sampdoria Carpi, abbbiamo maigiocato alle tre di domenica a Marassi?

        • El Cabezon ha detto:

          Contro l’Inter, e col Carpi si giocò di sera:-)

        • fioretta ha detto:

          Si, col verona mi sembra.E sampdoria Carpi è stata giocata alla sera ,come tutti gli anni le prime partite che sono ad agosto.

        • chicco 78 ha detto:

          Esatto ale la mia era un’osservazione meno plausibile della tua dal momento che figli non ne ho ma vedi anche tu mi confermi che cmq può essere anche un disagio maggiore per certe situazioni…anche l’anno scorso mi sa che se abbiamo giocato cinque o sei volte di domenica pomeriggio è già tanto(beh magari adesso esagero,però così mi sembra)!!!

      • chicco 78 ha detto:

        Sì è vero saranno fatti suoi quello che scriveva sul blocco zenga non volevo criticarlo anche su quello…. è che viste poi le sostituzioni ho pensato stesse scrivendo a babbo natale…magari un pochino in anticipo anche…sempre senza offesa per nessuno è chiaro….

  53. Robbby70 ha detto:

    La cosa triste è che finalmente abbiamo per me una squadra forte con gli 11 titolari da Europa League (forse solo per quest’anno visto che sicuramente venderemo i più buoni) e buttiamo via la stagione per non aver un allenatore.Un vero peccato

    • marx ha detto:

      sono perfettamente d’accordo!!! purtroppo già a Gennaio Eder e/o Soriano se ne andranno! 🙁

      • Paolo1968 ha detto:

        Mi piacciono le certezze. Dimentichi che anche Fernando e Barretto andranno altrove, sempre se la società non fallisce prima….
        Viva l’ottimisimo!

      • YumaS2001 ha detto:

        vendono anche viviano, correa, le panchine degli spogliatoi e gli scarpini dei giocatori della primavera

  54. Luca ha detto:

    Buongiorno Luca vorrei una tua considerazione alla luce dell’imminente approvazione del bilancio Samp con una perdita stimata in euro 25 mln circa, visto che uno dei gioielli probabilmente già a Gennaio farà le valigie ( o a Giugno ma con accordo a Gennaio) e mi riferisco a Soriano ( ultimamente non a caso lasciato spesso a riposo) cosa aspetta il Dott Ferrero a cedere la Società ( ormai e’ chiaro e lampante che le sue potenzialità economiche sono da Monopoli ) o l’illustro “tifoso da Recco” a formulare una valida proposta di acquisizione che giunga in salvataggio della nostra gloriosa storia? Forse c’è già qualcosa d’imminente e concreto secondo te? Grazie ti /vi auguro una buona giornata

  55. Paolo1968 ha detto:

    Cosa aspettano? Mah, a volte per comprare una società di calcio bisogna cacciare un po’ di grano….
    E io non vedo così certo l’arrivo di Volpi.

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      ciao Paolo io però credo che Edoardo garrone dopo aver ripianato decine di milioni e dato la società a ferrero a zero con un parco giocatori che valeva alcune decine di milioni e lasciato fidejussioni non lo abbia fatto alla cieca. ricordo che se ferrero che ha capacità economiche evidentemente irrisorie per il calcio attuale fosse arrivato così ad acquistare veramente la società Edoardo ne avrebbe trovati di più facoltosi a prendersela a gratis in quel modo. inoltre ricordo anche che se ferrero dovesse cominciare a vendere i migliori per stare in piedi tutto il castello cadrebbe in quattro e quatrotto e il volpi di turno arriverebbe a prendere la sampdoria a quattro spiccioli. questo non converrebbe ne a garrone, né a ferrero che mi sembra anche spinto verso l’uscita da un certo estabishment genovese e non. Ferrero è al caploinea della sua salita ora può solo scendere quindi mi sbilancio e prevedo entro la fine della stagione la sua uscita di scena. io non credo che garrone abbia speso decine di milioni per uscire dalla samp e ritrovarsi tra sei mesi un anno un casino più grosso di quello che ha lasciato. se ferrero vende i gioielli questo succederà in fretta e non credo sia questo l’obbiettivo.

      • Paolo1968 ha detto:

        Sono sicuro che Garrone non abbia fatto alla cieca, ma continua a sfuggirmi il giro del fumo.
        Riassumo: Garrone da a Ferrero a zero una società che vale dei soldi e spiana i debiti. A quelle condizioni avrebbe potuto darla a molti imprenditori meno “spiantati” (perchè non l’ha fatto?). Se Ferrero vende i pezzi, Volpi può prendere la Samp a pochi spiccioli (perché non l’ha fatto lo scorso anno, costava zero e società senza debiti…).
        Garrone vende, ma se Ferrero smonta la società, il casino è di Garrone (perché?).
        Il giro sarebbe che Garrone cede virtualmente al primo che capita, perché la Samp è una patata bollente che lui e la sua famiglia non vogliono più gestire, ma in realtà la tiene in mano pur col paravento di Ferrero, in modo da poter rivedendere poi a un terzo (Volpi) per fare qualche soldo? Cioè spende 50 mln per recuperarne 20-30?
        Io veramente non ho mai capito questa operazione, ti prego spiegamela .
        PS: non c’è vena polemica, ti chiedo davvero di spiegarmi se tu hai capito qualcosa e ti ringrazio in anticipo.

        • ale ha detto:

          Può darsi che tutto il giro di valzer attuale (compreso il cambio alla Presidenza della Regione) che riguarda anche l’altra sponda conduca a grossi investimenti immobiliari che comprendono lo stadio.

          Non lo so, la butto lì non so niente. Ipotizzo

          saluti

        • Massimo Pittaluga ha detto:

          Paolo il perché lo sanno Edoardo garrone e volpi, ma che ferrero sia pro tempore lo dicono i fatti
          1) Edoardo Garrone ha la patata bollente in mano se ferrero andasse male per il semplice fatto che è lagato al territorio e perché vive la realtà genovese e ligure da generazioni.
          2) Se garrone avesse ceduto a un imprenditore non dico di pari livello ma conosciuto quel giorno sarebbe finito il suo problema ma non lo ha fatto ed anzi ha dato la samp a un cineasta che ha dato si visibilità alla samp (e non sempre in modo positivo) ma soprattutto ne ha dato a se stesso. ferrero ne ha giovato e tanto (ma chi avrebbe comprato il suo libro, chi lo avrebbe invitato a san remo etc…senza la samp)
          3) Ferrero mi sembra un presidente esecutivo con mandato di abbassare costi e fare da ponte per il semplice fatto che non ha risorse tali da poter acquistare e mantenere una società di serie A. basta verificare i fatturati e utili delle sue aziende. questa è matematica.sono piccole imprese.
          4) Garrone per quanto possa essere ricco avrebbe trovato gente che a zero si prendeva la samp con debiti ripianati ma in più ha anche lasciato fidejussioni. nel mio piccolo faccio impresa da 15 anni e questo tipo di passaggi societari sono ponte, con accordi parasociali che garantiscono la vecchia e la futura proprietà. Si chiamano teste di legno. e quando il vero acquirente deciderà si farà il passaggio.
          5) Se quanto sopra non fosse vero la sampdoria nel giro di un anno dovrebbe essere smontata per sopravvivere perché anche nel 2015 ha bilancio ancora in passivo e fidejussioni in scadenza. si troverebbe un buco che ferrero non sarebbe in grado di chiudere se non vendendo eder soriano se bastano.
          6) se questo accadesse Garrone si troverebbe a spiegare come mai ha ceduto una squadra a qualcuno di poco solvibile.

          Garrone avrebbe tutto da perdere se non fosse così. Poi facendo impresa a volte è meglio ripianare le perdite se puoi e spendere 50 per recuperare 25 che accumulare debito ogni anno e ripianare sempre.

          Ti dico la mia. se non fosse come sopra dovremmo iniziare a preoccuparci e tanto perché un impresa si sostiene se fa utile e se accantona denaro per investire. A ferrero manca la materia prima per fare impresa nel calcio. Ha portato un po di allegria ma spero che la sua esperienza alla samp sia alla fine entro questa stagione sia per noi che per lui. Poi tutto è opinabile ma quando Volpi deciderà di entrare entrerà e il prezzo non lo farà l’attuale presidente. e ripeto se così non fosse sarebbe stato tutto un suicidio per Garrone e Ferrero.

  56. LINUS ha detto:

    .. andremo in serie D oppure il terza categoria?

  57. aston ha detto:

    Ciao Martino.
    Tutti vogliamo bene alla Sampdoria e credo che tutti si abbia il diritto di esprimere le proprie idee ed impressioni con l’evidente limite di non offendere.
    Ciò premesso e premesso che rispetto Walter Zenga , mi limito ad osservare che la Samp non mi convince per nulla , che mi pare priva di organizzazione , che non mi convince neppure sotto il profilo dell’intensità e della aggressività .
    Penso che quella di Zenga sia stata una scelta poco felice e che i risultati abbiano in parte mascherato le qualità espresse sul terreno di gioco.
    E questa sensazione e le critiche conseguenti discendono dalla mia idea che quest’anno la rosa della Samp sia migliore di quella degli ultimi dieci anni.
    Non riesco veramente a vedere il valore aggiunto dato dall’allenatore e in prospettiva sono preoccupato perché siamo una squadra che subisce quasi sempre e che non da l’impressione di solidità.
    Tutte le partite gli attaccanti avversari ricevono palla in area o al limite e riescono a girarsi: a livello professionistico è veramente strano.
    Solo nelle ultime due partite ricordo Pucciarelli ( goal subito ) e due volte Inglese nel primo tempo ( fuori di poco ); tra l’altro a Verona ho visto una pessima prestazione difensiva con una serie di rinvii veramente ingiustificabili.
    Vorrei veramente potere tessere le lodi di Zenga e non sono assolutamente interessato al suo abbigliamento; mi interessa solo quello che riesce a trasmettere alla squadra.
    Mi pare gravemente insufficiente.
    siamo l’unica squadra che difende in 60 metri e riusciamo rarissimamente a rubare palla con i tempi giusti per servire gli attaccanti.
    Con il Chievo abbiamo giocato bene i primo 20 minuti sino a quando gli avversari non hanno alzato i ritmi; poi male , molto male.

    Un caro saluto.

    a.

    • Martino Imperia ha detto:

      E’ forse il giudizio complessivo sulla squadra inteso come organico che di conseguenza porta ad evere un giudizio diverso sull’operato di Zenga.

      La samp per me ha 5 giocatori forti forti:

      Viviano, Silvestre, Fernando (volute da Z), Soriano, Eder.

      3 giocatori discreti: DeSilvestri, Barreto, Muriel.

      4 giovani promettentissimi, ma con tutti I limiti connessi all’età (che cmq Zenga fa giocare, altri allenatori chissà):
      Correa, Ivan, Carbonero, Pereira.

      Il resto sono normali ( cassano è un discorso a sè).

      Una discrete-buona squadra, ma più debole purtroppo di Roma, Napoli, Fiorentina, Juventus, Milan, Inter, Lazio..

      però è un mio punto di vista.

      • Stefano_1970 ha detto:

        Questo é un post interessante.

        Io De Silvestri lo avrei messo tra i “normali”, per il resto mi trovi completamente d’accordo.

      • Paolo1968 ha detto:

        Concordo con te, ma resto dell’idea che, fissando punti e posizione in classifica, tutt’altro che negative, mi rimane una squadra con un bel gioco al 20% sul totale giocato.
        In molti si sforzano di dire che quello che conta sono i risultati e i punti.
        Personalmente, se arrivi in Europa, tutto bene, anche se per me andare allo stadio vuol dire andare a vedere prima di tutto uno spettacolo, interpretato dalla squadra del cuore.
        Per le altre posizioni mi importa poco, 7° o 13° non cambia nulla. Vorrei divertirmi. E i giocatori per divertirti (non dico da posizioni in vetta alla classifica) ci sono.

      • marx ha detto:

        Carbonero non è piu un giovane promettente, ha 25 anni!
        Lollo lo metterei fra quelli forti

  58. Mazzu ha detto:

    Ma che del neri!!!non diciamo delle belinate!!
    Ricordatevi come ci ha lasciato e che brutta squadra ha allenato dopo,e poi non abbiamo i giocatori per attuare il 4-4-2 di del neri.
    Comunque riguardo alla partita di lunedì sono rimasto parecchio male.. Fai gol subito,contro una squadra che nelle ultime 5 partite aveva fatto 1 punto se non sbaglio,anche se è una buona squadra e maran (lui si che è un allenatore!!!) li fa giocare alla grande..e cosa fai?arretri la squadra di 30 metri,cominci a giocare con lanci lunghi alla spera in dio (davanti avevamo 2/3 giocatori che uno sopra l’altro arrivano a 4 metri forse) che non prenderai mai e lasci completamente la partita in mano agli altri..
    Poi quando vedo che ci schieriamo col 4-3-3,per di più con Ivan che è tutto tranne che un terzo alto,vedo che fai entrare palombo,che non perché è palombo,ma perchè così ti abbassi troppo e sposti fernando (giocatore fortissimo tra l’altro!!) in una posizione dove ti rende meno di zero e vedo che togli le punte x mettere soriano (che mi devono ancora spiegare perché non fosse titolare) e Cassano a 10 minuti dalla fine allora lì mi sale parecchio il nervoso e comincio davvero a pensare che il signore che abbiamo seduto in panchina ci capisce veramente poco di calcio!!!!
    Quando usiamo il 4-3-3 eder si allontana dalla porta,muriel rimane solo davanti e comunque ci manca un terzo alto..perché è inutile che ci provi a mettere Correa,soriano,carbonero o Ivan..quelli sono centrocampisti e trequartisti,e pure buoni se li fai giocare nel loro ruolo!! Perché si è fissato con sto maledetto 4-3-3??
    Soriano quest’anno non sbaglia una partita,da trequartista non lo prendono mai..e lui cosa fa?non lo fa giocare o lo mette alto a destra.. Zenga,ti prego,smettila di inventare ruoli ai giocatori!!
    Abbiamo una squadra che potenzialmente può arrivare in Europa league perché è più forte dell’anno scorso secondo me..cerchiamo da valorizzarla come si deve,diamola in mano a un allenatore come si deve che capisce come funziona il calcio italiano per favore!!
    Non mi sono mai lamentato di zenga quest’anno,speravo sempre che arrivasse la scossa giusta,ma davvero lunedì siamo stati brutti brutti brutti!!
    Riguardatevi la partita e contate quanti passaggi corti e lanci lunghi abbiamo fatto..stravincono i lanci lunghi…. Mai preso uno tra l’altro!!!
    Ciao a tutti e sempre e comunque forza Doria!!!

    • Luca Pavia ha detto:

      Straquoto!!!
      Qui non si critica a prescindere, ma con dati di fatto alla mano… E uno di questi fatti, tanto per rimanere sul pezzo, è che la Samp è andata in rete con il minor numero di uomini (Eder 9, Muriel 4, Soriano 3, Fernando e Zukanovic 1).
      Questo significa che porti al tiro pochi uomini, non crei azioni in area perchè non hi avuto neanche un rigore a favore e punizioni dal limite pochissime. Certo, se la palla staziona per ore davanti alla tua difesa…
      Poi se il simpatico Martino di Imperia, che pare abbia preso il posto di moderatore del blog, sostituendo Andrea (che sarà in vacanza ai Caraibi, beato lui..), non se ne fa una ragione, poco importa.

      • andrea.lazzara ha detto:

        Manco a Pentema riesco ad andare….

        • El Cabezon ha detto:

          Non disperare Andrea, tra poco è Natale e a Pentema ci sarà il Presepe, tra i candidati per un servizio ci sarai sicuramente anche tu:-)))

        • moussa dembele' ha detto:

          peccato c’e’ un bel presepe 🙂

      • Martino Imperia ha detto:

        Non potrei mai per incompetenza conclamata!! 🙂

        Pero’ caro Luca vorrei ricordarti che seppur pochi 2 rigori a favore li abbiam avuti e che ad oggi con 19 gol siamo il quarto miglior attacco del campionato dopo Roma 25 Fiorentina 22 Napoli 21.

        qualcosa vorrà pur dire.

        Francamente che non segni cassani o regini poco mi importa. (mentre se continua a non segnare correa in quel modo potrebbe costarmi le coronarie!!).

        Cmq, per parlar di cose più serie speriamo tutti che stasera la Fiorentina abbia una partitaccia di quelle da sfinimento atletico in Coppa Uefa con annesso un bel numero di acciaccati e indisponibili per domenica. Così, tanto per partir ad armi pari.

        poi vada come vada.

        (Certo se andrà bene ve la menerò all’infinito!!! 🙂 e dovrete pure esser contenti)

      • fioretta ha detto:

        Veramente due rigori a favore .

  59. Francesco ha detto:

    Quanto a delneri… Aggiungo che non puoi prenderlo in corsa.. Ci mette minimo tre mesi a far vedere i suoi schemi, è un allenatore complicato e senza mezzi termini. O la squadra lo capisce, e allora ti diverti. Oppure non lo capisce, e son dolori cronici de panza…

  60. Massimo Pittaluga ha detto:

    Dopo 10 partite di campionato si possono dare credo un po di giudizi. premetto che fischiare zenga è sbagliato come lo fu dare la croce a di carlo (lui è invece un allenatore vero comunque). tuttavia la sampdoria entra spesso bene in campo perché le difese impiegano un po di tempo a prendere le misure a eder e muriel e soriano ma poi con una squadra lunga e le altre corte durante le partite si vedono le differenze tattiche. con l ‘empoli era imbarazzante la buona disposizione loro e la pessima nostra. col chievo idem. zero pressing e squadra lunga. poi ivan largo e infine palombo a fare da diga fuori muriel ed eder e dentro cassano. cassano andrea secondo me andrebbe visto con degli esterni che vanno nello spazio quindi con un de silvestri o un perreira che hanno gamba. cassani tiene sempre la posizione mentre mesbah non ha proprio i tempi di inserimento. non sto difendendo cassano ma i giocatori che ha a disposizione zenga permetterebbero cambi e posizionamento in campo molto migliori. la difesa è bassa e centrocampo e attacco non salgono mai a pressare anzi appena prende palla il difensore avversario si ritirano verso il centrocampo. è quindi un modo voluto di ripiegare e ripartire ma fatto male e senza moviementi di squadra.

    credo che una squadra con in mediana fernando carbonero barreto e soriano tra le linee o carbonero e muriel ed eder davanti abbia tasso tencnico talmente più elevato di chievo empoli e Frosinone da poter pretendere di vedere gioco di squadra. ritengo che dopo dieci partite zenga ad oggi stia deludendo e molto. la classifica ci può stare ma per il gioco visto no.
    spero si raddrizzi un attimo perché subire sempre tatticamente ti porta poco lontano. con la fiorentina sarà durissima ma magari con una squadra che fa tanto gioco muriel ed eder possono essere un arma importante a patto che abbiano dei terzini con gamba e sincermanete se non sta ancora bene de silvestri dentro perreira che almeno spinge

    • Stefano_1970 ha detto:

      Domanda retorica…. ma le altre squadre come fanno a restare corte per 70-80 minuti?

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        non ho capito scusa? io ritengo che la samp sia lunga troppo lunga e pressi poco. l’empoli il chievo etc sono aggressive e corte. il genoa stesso si muove in modo organizzato sul campo. Io ho l’impressione che lo schema unico sia fare arrivare la palla a eder o muriel e speriamo che inventino qualcosa. ad oggi vedo la samp fare punti su invenzioni dei singoli. poi sulle sostituzioni e su come vengono messi in campo gli uomini (ivan largo sulla fascia) e poi palombo come diga a portarceli sui ns 25 30 metri tutto il secondo tempo boh.

  61. aston ha detto:

    Due rigori a favore: Carpi e Napoli.

    Ribadisco: se fossimo poco spettacolari ma solidi non sarei preoccupato.
    Il fatto è che non mi pare si abbia la sensazione di una squadra solida.

    a.

  62. Daniele da Rapallo ha detto:

    A questo punto penso si possa dire con sicurezza che trattasi di allenatore che non porta un particolare valore aggiunto. Contrariamente ad alcuni giornalisti che continuano a collocare il valore teorico della rosa intorno al decimo posto più o meno, io credo che questa rosa, se ben allenata (fisicamente,tatticamente e mentalmente) possa aspirare anche ad un sesto, settimo posto e riconquistare la E.L. con più sicurezza rispetto all’anno passato, visto anche il (per ora…) campionato un po livellato. Mi sa che invece saremo destinati ad avere un andamento altalenante con picchi di eccellenza e fasi alla Frosinone.
    Non vi è la controprova di cosa sarebbe successo se fossimo partiti con un altro mister (fate voi i nomi…), ma credo si potesse far di meglio.

  63. ROBY LEVANTE ha detto:

    Dopo 5/6 passaggi orizzontali in difesa, per 28 (dico ventotto) volte palla al portiere che calcia il pallone nel ……..nulla.Questo è il gioco che il nostro allenatore ha inventato per la nostra Samp ! Siamo l’unica squadra di Serie A che non pressa,non aggredisce mai l’uomo,lascia spazi dove i buoni giocatori avversari vanno a nozze,mentre i nostri Eder e Muriel vengono marcati stretti a uomo, molte volte anticipati e seguiti in ogni parte del campo.Quando si gioca fuori casa il contropiede è essenziale e noi abbiamo i giocatori in grado di applicarlo, ma non certo con stucchevoli passaggi laterali e al portiere.Credo che lo abbiano capito tutti tranne il nostro” Coach Z “che però è soddisfatto e se la ride mentre noi tifosi ci facciamo un fegato così.Ferrero deve esonerare subito Zenga,anzi lo avrebbe dovuto allontanare dopo la vergognosa sconfitta con il Voivodina.Sempre Forza Sampdoria.

    • Gipo Samp ha detto:

      Concordo 100% su tutto il commento.
      Andava esonerato subito dopo il disastro di Torino e il non averlo fatto ci costringe adesso ad un campionato anonimo nonostante la Sampdoria abbia la migliore rosa degli ultimi 10 anni. Con Zenga è come aver affidato la guida di una Ferrari da formula 1 ad un autista di Filobus.

  64. fabrizio perfumo ha detto:

    Caro MARTINO, a volte mi sembri un pò Tafazzi ( te lo ricordi? il personaggio di mai dire goal ( interpretato da Giovanni di Aldo Giovanni e Giacomo) che si dava le martellate sulle palle da solo. Lo dico simpaticamente.
    Per difendere Zenga o sostenerlo invochi una valutazione in tono minore della squadra.
    Come fai a non inserire tra i giocatori forti forti BARRETO e MURIEL che, invece annoveri tra i normali? BARRETO ha una quantità e una qualità che hanno pochi centrocampisti in Italia e la sta dimostrando.
    Quanto a MURIEL sarà pur vero che il suo talento non è stato ancora espresso al massimo ma che sia un ottimo giocatore non credo ci siano dubbi.
    A chi hai visto fare i tocchi, gli stop o i tiri in corsa che fa lui? – passaggio a eder per il 4-0 al verona, traversa col napoli, fuga di 50 metri tiro e palo e poi goal a roma con la roma lo scorso campionato ? ( Ti ho portato solo qualche esempio se non dovrei intasare il blog).Certo se poi lo serve con pallacce alte non lo metti in condizione di spiccare.
    Come fai a non mettere tra i forti anche Zukanovic centrale e Carbonero ( da interno o sulla fascia – anche lui qualità e quantità e, attenzione, facendole vedere subito, appena entrato in prima squadra).
    E non sono normali ma buoni eccome de silvestri, ivan ( non si esordisce con quella personalità in serie a se non si hanno valori solidi) nonchè l’attuale cassano ( in grado di entrare pochi minuti con la roma e far partire il contropiede da cui il raddoppio nostro)
    Certamente il calcio è opinabile ma la rosa della samp – specie a confronto con quelle delle altre attuali squadre della serie A è da SETTIMO POSTO.
    Non inferiore al Milan e al Sassuolo e all’Atalanta che pure ci precedono, ora, in classifica.
    E sul piano dei giocatori – non dell’organizzazione – anche la fiorentina non è distante a parer mio.
    L’organizzazione poi, che a noi, purtroppo, manca, o quanto meno latita, è il dodicesimo in campo ( solo tredicesimo il magnifico pubblico blucerchiato).
    Senza si riducono i potenziali apporti individuali.
    Non dico questo volendo caricare Zenga di chissà quali responsabilità ma solo per affermare che non sono giustificabili certe nostre partitacce ancor prima dei risultati.
    E in questo io vedo la “non mano” dell’allenatore , probabilmente capace di fare gruppo ma non, finora, di far esprimere al meglio o tendenzialmente al meglio la rosa a disposizione.
    Io poi spero che impari dai suoi errori e migliori ( tutti possono farlo). Finora tale speranza, però , è restata vana.
    Mi colpisce molto anche che Zenga non parli quasi mai di tattica o modo di stare in campo, in questo ricordandomi tragicamente il PIPPO INZAGHI dell’anno scorso o il CIRO FERRARA della breve ( per fortuna) esperienza blucerchiata.
    Non pretendo di farTi cambiare idea e la Tua idea rispetto. Ti fornisco elementi di dubbio disseminati a fin di bene e, quindi, costruttivamente.

  65. mauro sampbolzano ha detto:

    ciao a tutti come già riportato al commento ..31.. vedo che nella stragrande maggioranza il “popolo blucerchiato” è unito nell’affermare che la SAMP potenzialmente è una buona macchina da corsa, ma spesso dipende dal “pilota” nel stabilire in quale posizione della griglia si deve sistemare.capisco e non capisco il “presidente” che afferma che abbiamo 11 fenomeni..si forse un paio ci sono altri buoni e molto buoni,poi altri ancora che aiutano la squadra a potenzialmente essere competitiva,(licenza poetica) ma se il tutto non ha uno schema di gioco,non ha ad esempio un pressing mirato a contenere lo sviluppo dell’azione avversaria,non ha un gioco sulle nostre costruzioni ,allora casca l’asino, e siamo meno che mediocri.possibile che tutti lo sanno tranne chi dovrebbe intervenire per fermare questo “degrado” ormai dilagante..perché dobbiamo “soffrire” sempre cosi.Ferrero basta parole e goliardie al vento,se come dici hai 11 fenomeni perché si perde con tantissime squadre con le quali potenzialmente un pareggio ci stava stretto, svegliati grazie e sempre forza SAMP

  66. Martino Imperia ha detto:

    Ieri sera ho visto la Fiorentina in Europa Ligue.

    C’è poco da dire, sono fortissimi. E pure consapevoli di esserlo.

    La vedo veramente durissima. il rischio che possan spazzarci via c’è.

    prevedo questa formazione

    Viviano

    deSilvestri Silvestre zukanovic Regini

    Fernando Barreto Soriano Carbonero (o addirittura Cassano, ma penso di no)

    Muriel Eder

    • chicco 78 ha detto:

      Scusami Martino con questo post mi sa che stai mettendo un pochino le mani avanti….

      • Martino Imperia ha detto:

        E stai a vedere che dopo 175 commenti negativi su squadra, zenga e società il problema sono io che temo la fiorentina.

        Secondo te è una partita facile no?

        • chicco 78 ha detto:

          No Martino intendevo solo che appunto dopo tutti i commenti che hai scatenato (e hai fatto benissimo perché se no non avrebbe senso il blog)con quel commento mi sembrava stessi mettendo un pochino le mani avanti soprattutto perché sarà sicuro che la partita sarà difficilissima ma secondo me se i giocatori entrano decisi ad assumersi le proprie responsabilità,come fa Eder, e zenga non sbaglia soprattutto con il non gioco,come peraltro ha fatto fino ad adesso, possiamo anche farcela a non fare brutte figure!!ATTENZIONE ripeto a non fare brutte figure non per forza a vincere,che è diverso!cmq se qlcn ha visto la conferenza di zenga potrebbe dirmi cosa ne pensa?così in generale ….

          • ale ha detto:

            Ok. Inizia a piacermi il modo in cui si pone. Sempre molto rispettoso della tifoseria e diretto e sicuro di sé con la stampa. Vedremo in campo.

            A me, che speravo ardentemente che Sinisa rimanesse, sembra che sia un allenatore un po’ particolare ma non so ancora cosa pensarne veramente. Nel frattempo lo sostengo, come tutta la Sampdoria. Come tutti i ns tesserati. Da Eder a Regini.

            Di una cosa sono certa: noi tifosi ci innamoriamo delle nostre opinioni (anche io eh!) e le sosteniamo anche a dispetto dei fatti. Per esempio le ultime prestazioni di Palombo e Regini secondo me sono state buone. Naturalmente buone per quello che i giocatori possono dare.

            L’esempio più lampante è Delio Rossi (guardate un po’ il Bologna da quando c’è Donadoni che cambio di rotta). La stessa squadra con lui e con Sinisa sembrava avere due rose diverse eppure Sinisa ha ricevuto molte più critiche di lui. Quando c’era Delio la colpa era della Società e degli acquisti.

            Vabbè oggi si gioca

            Avanti Sampdoria!

            PS Mi dispiace motlo per Correa. Forza ragazzo! Siamo tutti con te

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      secondo me de silvestri lo mette in panca. la fiorentina gioca proprio bene ma le partite vanno giocate e con roma e inter in fondo non abbiamo fatto male
      io la vedrei più così
      viviano
      perreira (ma gioca cassani) silvestre sukanovik regini
      barreto fernando soriano
      carbonero muriel eder

      non siamo cosi male anche noi.

SE TRE INDIZI FANNO UNA PROVA…

Se tre indizi fanno una prova, dopo le vittorie con Fiorentina e Lazio, la Sampdoria ha confermato a Bergamo di [&hellip

PERFETTI

Paradossalmente c’è “poco” da dire sulla rotonda vittoria della Sampdoria contro la Lazio, perché la squadra di Ranieri è stata [&hellip

RINASCIMENTO

Avete ragione, state già pensando che ho esagerato nel titolo. Ed è vero. Ma l’ho fatto consapevolmente. Dopo tanto soffrire [&hellip

DI MALE IN PEGGIO

“Non mi è piaciuto quasi niente, sembravamo una squadra sparring partner, pavida, non ho visto voglia di lottare”. Parole di Claudio [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta