FRENATA PERICOLOSA

18 Apr 2015 by andrea.lazzara, 208 Commenti »

Cari amici di Samplace, il pareggio contro il Cesena lascia l’amaro in bocca. Per 94 minuti la Sampdoria ha sbattuto contro il muro difensivo eretto da Di Carlo e, per fortuna, Obiang è stato glaciale a fermare, nell’ultima azione Defrel altrimenti chissà…. Ha detto bene, Mihajlovic, il pareggio è un po’ come una sconfitta perché la Sampdoria ci ha provato, ci ha provato tanto anche se in modo confuso. E contro una squadra con evidenti limiti tecnici( e che ha avuto, come ha ammesso il tecnico romagnolo conversando “fuori onda” con i giornalisti a fine gara, anche un pò di fortuna) poteva e doveva vincere. Le quattro punte (Mihajlovic si è detto comunque soddisfatto) hanno funzionato pochino: Eto’o encomiabile, geniale a tratti ma poi costretto a fare un lavoro troppo faticoso che gli ha fatto perdere lucidità; Eder defilato e scarico, Okaka che ha cominciato bene poi si è perso, Muriel poco incisivo e troppo pasticcione. Si poteva cambiare qualcosa prima, si poteva, forse inserire Soriano invece di Correa, insomma, stavolta il tecnico per quel che possono essere le mie cognizioni tecniche, poteva fare meglio nella gestione della partita. Che poi la Sampdoria sia una squadra che, contro le compagini molto chiuse, fatichi non è una novità. Verrebbe da dire: “meno male che ora c’è il Napoli”. Già, al San Paolo non ci sarà di fronte una squadra arroccata ma ugualmente la Sampdoria dovrà essere una Samp di personalità, tipo quella di Roma contro i giallorossi per portar via punti preziosi dallo scontro diretto. La classifica, fino a qualche settimana fa, non si guardava(apparentemente): ora si guarda, eccome, e con il bilancino del farmacista. Le frenate sono pericolose e questi 2 punti in 3 partite sono un campanello d’allarme anche se la squadra mi pare, per esempio, da un punto di vista atletico, in salute. Due note, infine: la prima riguarda il tifo, con la Sud e non solo che ha spinto la squadra per tutta la gara. I tifosi sono e saranno fondamentali, importantissimi, in questo finale di stagione. L’altra vittoria riguarda un’amica di tutti noi, Giovanna Romanato: la cifra che il Museo Sampdoria e chi ha dato loro una mano hanno raccolto per aiutare la Gio sarà comunque una vittoria importantissima.

208 Commenti

  1. Paolo1966 ha detto:

    Queste sono quelle partite (capitano sempre in ogni campionato) che puoi giocare centocinquantadue ore che la palla non entra, va gia’ bene se non perdi. Col senno di poi mancano i due punti di Milano, dove hai resuscitato gli zombies

  2. Bulgaro ha detto:

    Abbiamo giocato troppo sottoritm, capisco perche solitamente ripartiamo e non costruiamo, diventiamo troppo lenti e prevedibili… cio nonostante se gli attaccanti sistemavano la mira…
    adesso ci vedo in affanno e a napoli sarà dura, soprattu5ttutto se dovessero far risultato lunedi.

  3. petrino ha detto:

    sinisa ha sbagliato tutto. Formazione, tattica, cambi. Ha sbandierato da martedì che avrebbe giocato con 4 attaccanti, quando con 4 attaccanti non ci gioca nemmeno il real. Ha tenuto fuori il nazionale soriano, inserendolo all’ 80^ e mandando in campo a sostituire okaka, buon pilone per una squadra di rugby, l’ ectoplasma correa, ossia il rodriguez 2. Dove sta la ratio???? Spera di fare il ” cambione” epocale ma lo sbaglia sempre. Eder rende se gioca alla sinistra e si accentra, non se fa altro, come pretende l’ allenatore. E chi li fa i goal?? Aveva paragonato muriel a ronaldo!!!!!!!! Mi faccia il piacere. E’ avulso dal gioco mancando di rendimento. Comunque sinisa ha dimostrato scarsa duttilita’. Doveva all’ inizio del 2^ tempo cambiare schema . Invece non lo ha fatto per non dimostrare che aveva sbagliato schema e gioco. E poi ricordiamo che oltre il 4^ posto, bisogna fare i preliminari, ossia cominciare a giocare a luglio, tipo intertoto, e poi a gennaio sono scoppiati. Se il napoli gioca come ha fatto contro il wolsburg, sara’ una disfatta. Se non ritorna al solito schema siamo fritti. E meno male che aveva detto: se non vinciamo con cesena addio europa. appunto

    • nello ha detto:

      Muriel aspettiamolo in tanti ne parlano benissimo ,è stato fermo tanto ,poi ha ripreso con entusiasmo ( 3 gol in 4 spezzoni di partita),ora risente del fatto di non aver giocato per mesi.Non diamo giudizi affrettati ….

    • ROBY LEVANTE ha detto:

      Muriel deve giocare da attaccante e non da difensore aggiunto come pretende Sinisa.Non è Eder ne tantomeno Okaka, un gigante che di testa non segna mai ,capace solo di fare falli e di inimicarsi gli arbitri con le sue continue proteste.

  4. Silverio ha detto:

    Io ritengo Mihailovic il massimo artefice di questo bel campionato. Ma, oggi, indipendentemente dal risultato, ha effettuato una scelta scarsamente condivisibile. Le 4 punte snaturano qualsiasi squadra. Inoltre, la posizione defilata di Eder penalizza enormemente il potenziale offensivo. Giocare con 4 attaccanti costringendoli ad effettuare anche ruoli dispendiosi ne determina la loro perdita di lucidità. Ripeto, questi pensieri erano in me anche prima dell’incontro. Ora, per la qualificazione Uefa è tutto molto difficile. Sono comunque felicissimo di questo campionato e delle belle vittorie conseguite.

  5. bigrobby ha detto:

    basta la battuta : inserire soriano anziché correa fa capire che fare il “giornalista” commentando una partita di calcio non è una cosa semplice. ma certe battute bisognerebbe studiarle prima. come pensare che con quattro punte sia più facile fare gol che con due o una. il mister ha ceffato le ultime due formazioni; a milano e col cesena ha dimostrato di essere un mister modesto nonostante l’aiuto del tattico. vai pure in una grande sinisa che noi ci accontentiamo di un allenatore mediocre ma che ci faccia divertire ma che soprattutto metta le punte a fare le punte e così faremo qualche gol di più.

  6. roby 66 ha detto:

    Buonasera andrea, continui ad analizzare la partita da giornalista di parte, analisi doveva spiegare xche la squadra x l ennesima volta e stata mal impostata, le squadre che giocano arroccate nn devono essere attaccate con 4 attacanti di ruolo, se ti ri ordi avevo sollevato il problema del nn gioco, avevo preannunciato con antic ipo che questa partita poteva essere risolta con invenzione eto,credo di aver anticipato che il nostro mister grande motivatore, ma sul piano tecnico tattico poca roba, che dire x il futuro, inserire immediatamente acquah, fare giocare muriel punta pura, e se fosse possibile giocarsi la carta berghesio unico centravanti, soprattutto x i movimenti, sa giocare anche senza palla cosa che ohaha gli mancano i fondamentali, ostruisce tutte le fasi offensive, spero che nelle tue trasmissioni riesci a parlare xi cio che si puo migliorare, spero che se hai tempo , di andarti a leggere cio che avevo scritto nel precedente blog, un ultima precisazione, lo sai quanto sono stato ostile verso palombo, ebbene ieri ha giocato la partita migliore degli ultimi 5 anni,,,,; andrea ti chiedo di parlare del miglior centrocampista che possiede la acquah, forza, tecnica , aggressivita, un insulto nn farlo giocare!!!!

  7. Pippo ha detto:

    Con tutte ste storie di mercato…
    Ho l impressione che Sinisa abbia mollato. La squadra va svegliata: milan e cesena sono rimpianti grandi x la fine del campionato!

  8. chicco 78 ha detto:

    Ciao Andrea è sempre forza Gio!!!!!!ascolta Andre sono d’accordo su Muriel che sinceramente comincia veramente un po ‘ a preoccuparmi,ma soprattutto il mister chiede troppo ai nostri attaccanti e i risultati cominciano a vedersi sia su Muriel ma anche su Eder ed Eto’o che cmq tante volte ultimamente mi ricorda un po ‘il Cassano del pre Pazzini un po ‘un predicatore nel deserto non so se mi capisci!ilo cmq Correa l’avrei messo prima dietro a Eder ed eto’o e mettendo acquah al posto di Okaka e soriano di palombo cosa dici sarebbe stato così sbagliato? ?????cmq mi dispiace veramente perché sono altri due punti persi e stasera di Carlo si è trasformato nel mourinho del triplete e Lucchini e volta sembravano thiago Silva e David Luiz con tutto il rispetto!cmq su Eder il Lucca e ‘ entrato diretto e un rigoretto ci poteva anche stare!!!cmq daje raga!!!!

  9. Fish65 ha detto:

    Brutta prestazione.

    Le 4 punte hanno finito per intasare gli spazi. E hanno reso improbabili gli inserimenti dei 2 centrocampisti che, ovviamente, avevano ben altro di cui preoccuparsi.
    E lo hanno comunque fatto benissimo, risultando alla fine i migliori della Samp.
    Ovviamente, contro una squadra che ha già subito 60 gol in questo campionato, qualche palla gol è arrivata. Ma Eder e Muriel, in pessima giornata, sono riusciti a sciuparle.
    Ho l’impressione che Sinisa voglia fare un pò il “fenomeno”, magari per mettersi in mostra. Con formazioni e moduli spettacolari e moderni(?) ma del tipo “tanta apparenza e poca sostanza”.
    E ringraziamo che oggi si giocava contro nessuno. Perchè altrimenti avremmo finito per pagare a caro prezzo la folle sostituzione di Palombo con Soriano.
    Per fortuna Obiang ci ha messo una pezza enorme…

    P.s. Anche oggi abbiamo assistito all’imbarazzante esecuzione di una dozzina di corner che preferisco non commentare…

  10. chicco 78 ha detto:

    Ciao Andrea è buongiorno a tutti! Niente scusami oltre al post di ieri volevo cmq sottolineare il fatto che se a Napoli giochiamo così ovviamente ne prendiamo diciotto di conseguenza sarà cambiato tutto spero!poi sai io non vorrei attirarmi addosso le ire altrui però sinceramente quando si vede che con quattro punte la maggior parte dei tiri che fai sono in gradinata magari è necessario cambiare qualcosina…..sinisa mi sembra veramente con la testa da un’altra parte ultimamente!!!!oh scusate io non la voglio menare con sta cosa che ha deciso già di andare via ma fidatevi che il suo atteggiamento di quest’ultimo periodo sul suo futuro non ci ha giovato per niente!!!p.s.:scusa Andrea ma mi sembra di aver letto che ventura ci avrebbe rifiutato?non perché mi interessi che venga allenare la samp anche perché dice di essere sampdoriani ma con l’atteggiamento che ha sempre avuto nei nostri confronti mi sembra più pericolose dei piccioni stessi cmq addirittura un rifiuto mi pare un pochino troppo!!!va beh cmq scusatemi lo sfogo sul mister ma sono molto risentito nei suoi confronti non riesco a farne a meno speriamo bene per domenica sera perché tra wolfsburg e fiorentina questi han fatto sette goal nelle ultime due partite!!!!!

    • andrea.lazzara ha detto:

      Non mi risulta di un rifiuto vero e proprio da parte di Ventura. Si, ieri direi che Mihajlovic ha commesso qualche errore ma mi domando: buttar via una stagione non sarebbe deleterio anche per lui? Io credo che il primo ad essere arrabbiato possa e debba essere lui.

    • franco ha detto:

      Forse ventura e’ rimasto scottato dalla mancata promozione quando avevamo 12 punti di vantaggio sulla seconda e non ci ha mai spiegato cosa veramente sia successo dopo la partita a Bergamo contro l’atalanta con la serie di sconfitte che seguirono sicché se ne stia buono a Torino che nessuno qui lo vuole!!

  11. Luca ha detto:

    Non dobbiamo strapparci i capelli se il mister andrà via ! Questo secondo me ha detto la partita con il Cesena , penso ( ma spero di no) che l’Europa sia a rischio , cosa ne pensi Andrea?

  12. Paolo1968 ha detto:

    Non sto a far tragedie, ma ieri mi sono arrabbiato e non poco. Fin dall’inizio sembrava che la squadra fosse convinta di segnare per volere divino. Cincischiamenti continui, tanto il gol doveva venire. Poi a 15 minuti dalla fine qualcuno si è accorto che per segnare bisogna fare qualcosa di più che un allenamento. Ed è venuta la bava alla bocca che abbiamo avuto a lungo nei mesi passati, ma che ultimamente ci manca e non poco.
    Questa volta non sono d’accordo con te Andrea sulla salute, mi sembra che non corrano così tanto e soprattutto nessuno si propone, salvo Eto’o, che infatti alla fine è scoppiato. E non sono d’accordo nemmeno su Correa, secondo me si è mosso tanto e abbastanza bene in un momento molto difficile della partita. Non vorrei fargli fare la parte del parafulmine…
    Detto questo rimango felicissimo dell’annata, ma non vorrei buttare l’ennesima occasione d’oro.

    • Lollo ha detto:

      D’accordissimo con te; l’annata è stata al di sopra delle piu rosee aspettative, la incorniceremo comunque vada, però adesso siamo lì a giocarci l’ Europa, sembrava addirittura la Champions, quindi continuare a perdere punti in questa maniera ( 4 solo tra Milan e Cesena ) è veramente deleterio per non dire ” tafazziano “. Ad ogni modo, se ragiono a mente fredda penso che alla fine il campionato dirà ciò che siamo: per come era ed è la classifica andare in Europa dipende solo da noi: se non non centriamo l’obiettivo evidentemente è perchè non siamo ( ancora ) attrezzati; ma visti gli uomini che abbiamo e la caratura delle concorrenti ( che ritengo alla nostra portata ), possiamo veramente farcela

    • Bulgaro ha detto:

      Correa si vede che è bravo e ha pure personalità, ma non può prendere palla e tenerla nei piedi 20 secondi sistematicamente lasciando il tempo agli avversari di schierarsi, può andare bene se stai vincendo non se devi scardinare una difesa arroccata.
      La cosa migliore che gli ho visto fare fino ad ora è il passaggio al volo per Eto’o a bergamo per il gol del 2 a 1 per il resto tanta aria fritta.

      Certamente è giovane e se capisce che muovendosi e facendo girare il pallone rapidamente diventa piu efficace probabilmente scopriremo veramente un campione, altrimenti in Italia strada non ne farà molta.

  13. MatteoB ha detto:

    Eder, come tutti gli anni, in questo periodo inizia ad essere meno lucido, ovviamente é comprensibile. Okaka nn lo vedo impegnarsi come l’anno scorso e questo lo comprendo un po meno. Siamo una squadra con poco gioco che gioca prevalentemente sulle ripartenza, quindi é logico che in partite come ieri faccia fatica. Peccato, perché con Cesena, Verona e Parma avremmo dovuto costruire la sicurezza del posto uefa, ora i primi tre punti sono andati….

    • andrea.lazzara ha detto:

      Non credo sia un problema di impegno, per Okaka. Penso piuttosto che stia affrontando una stagione intera da titolare, o pseudo tale, e i limiti vengano fuori.

      • Max Samp ha detto:

        Certo ..credo che abbia mostrato i suoi limiti ..utile certo in fase di guardare la palla e farsalire la squadra .. ma limitato in fase di construzione e sopratutto sotto porta .

      • nello ha detto:

        Eder non ce la fa più a forza di fare l’attaccante e il difensore….corre ,corre e si sfianca, ha ragione chi dice che gli attaccanti devono fare gli attaccanti,certo nel calcio moderno devono anche difendere,ma quando occorre e non sempre e comunque ,ora grazie a questo bel modulo sono spompati.

  14. doria65 ha detto:

    Di nuovo 2 punti buttati via dal mister.
    Formazione no sense, cambi no sense, e incaponirsi con Okaka è delittuoso anche per Okaka stesso, veramente impresentabile.
    Speriamo di non trovarci a fine campionato con un pugno di mosche e dover pensare ai 2 punti fatti col Cesena… Io in genere sono ottimista e tendo sempre a vedere il bicchiere più che mezzo pieno, ma ieri per la prima volta mi sono davvero arrabbiato

  15. Massimo Pittaluga ha detto:

    lo dicevo prima della gara lo ripeto ora: formazione presuntuosa e cervellotica. lascia fuori gente come soriano e acquah e mette 4 punte spesso a fare altro. muriel è una prima punta al massimo una seconda punta. eder è una seconda punta ma anche una prima che sa fare anche l’esterno ma fa praticamente il terzino. eto è un fuoriclasse che si adatta a tanti ruoli ma di fondo anche lui è una punta prima seconda. okaka sa fare okaka. ieri non esisteva un centrocampo, malgrado un ottimo obajng che ha cantato e portato la croce. con un attacco intasato anche i terzini non potevano scendere. l’unica volta che palombo è salito in pressing c’era un buco tale che abbiamo preso una ripartenza mostruosa perchè ovviamente i 4 non trovavano la poszione. abbiamo giocato tutta la stagione col 433 e ora ogni partita nella fase decisiva cambia. c’è gente come acquah che ha qualità e quantità, duncan e soriano e ci riduciamo a giocare senza centrocampo (tra parantesi qualcuno che di calcio ne sapeva diceva squadra gioca come gioca centrocampo). non ce l’ho col mr ma non capisco perchè in una fase cruciale s’inenta una squadra improponibile, fa esperimenti che neppure il barca o il real fanno. i 2 punti persi ieri sono un poco frutto delle occasioni da gol mancate ma per la maggior parte frutto del mr che ha toppato e alla grande. ogni tanto s’inventa qualcosa come con chievo, toro ma quella di ieri le supera tutte. ora a napoli con le inseguitrici che speriamo non rosicchino oggi troppo. la partita è apertissima ma il mr deve ritornare a fare quello che sa fare. squadra con spirito di sacrificio e uomini ai posti giusti. 433 con muriel o ikaka prime punte eto e eder a svariare dietro e centrocampo con i centrocampisti che ha. a napoli vorrei rivedere acquah che col suo dinamismo e fisicità tanto bene ha fatto. non occorre inventarsi nulla. se devo dire ieri oltre ad aver visto la squadra male tatticamente però fisiamente ci siamo e certi giocatori sono anche in buona forma come i centrali romagnoli specialmente bravissimo, objang in grande condizione. un po giù ma comprensibilmente le punte tutte, ma sono da capire perchè li ha snaturati praticamente tutti. ora non si può più sbagliare e a napoli almeno si deve pareggiare. ci siamo giocati male il jolly del cesena purtroppo e la responsabilità del mr in questo caso sono evidenti. ha ancora molti più meriti che demeriti quest’anno ma deve nelle ultime partite compreso a milano ha fatto esperimenti che sono culminati col cesena in un totale caos. spero non si rovini quanto di buono ha fatto cn un finale cervellotico e si torni al 433 che tanto bene ha fatto. nota positiva correa quando è entrato. testa alta, ottmo palleggio. per la prossima stagione sarà un bell’acquisto.

  16. Stefano_1970 ha detto:

    @ Andrea Lazzara

    Concordo che per gran parte della partita abbiano sbattuto contro il muro (chi? Volta e Lucchini?) del Cesena, ma é anche vero che fatte salve un paio di brevi tratti non ci sia stata intensità nello schiacciarli.
    Per intensità intendo recuperare immediatamente palla sulle loro ripartenze (più pericolose dell’assedio Doriano visto che in porta hanno tirato). Obiang ha iniziato in sordina, poi é cresciuto alla grande. Probabilmente il tecnico (Di Leo?) gli ha dato compito di copertura mentre a Palombo libertà di impostare (ma non si é visto) o comunque agire ad ampio raggio (e qui se l’è cavata bene).
    Sulle corsie laterali mi sono già espresso e siccome rispetto la sensibilità dei tanti lettori non mi esprimo. Ognuno avrà avuto modo di osservare quanti cross ed azioni di sfondamento sono scaturite e trarre le proprie considerazioni.
    Molto bene Eto’o che concordo abbia speso molto ad illuminare il gioco. Muriel ed Eder secondo me giocavano troppo distante da Okaka e Eto’o pertanto scambi sullo stretto non ne hanno creati. Al netto dell’impegno che può metterci Okaka non é il centravanti che ti porta in alti in classifica. Ben contento di essere smentito da prestazioni monte nel finale di campionato… mi limito a riflettere su quanti tiri abbia fatto nelle ultime 10 partite…

    Benvenuto Correa! Anche se per una partita da vincere sia sembrato un pó troppo indolente. Apprezzabile tecnicamente è nei calci d’angolo (per pietà…basta “schemi” che si é ormai al limite del ridicolo).

    La squadra non deve demordere. Se la classifica é questa vuol dire che le altre squadre non sono meglio o molto meglio.

  17. massimo ha detto:

    ciao
    premesso che sfondare un fortino con un11 uomini in difesa è difficile, ieri secondo me il nostro SInisa ha nuovamente sbagliato formazione. Dopo tanti anni di partite viste, sappiamo benissimo che avere più punte in campo non significa essere più pericolosi sotto porta. Ieri siamo partiti con 4 punte in un modo anche un po presentuoso, tutti avanti per far di un sol boccone il Cesena, e i risultati dimostrano il contrario con appena 3 tiri nello specchio della porta. le azioni da gol si costruiscono con il centrocampo… inutile mettere Muriel li sulla fascia a fargli fare brutta figura… meglio Soriano.Nel finale io ho visto anche un discreto Correa..
    Concludo dicendo che, secondo il mio modesto parere Sinisa è un ottimo motivatore e condottiero ma dal punto di vista tattico non è un fenomeno e spesso sbaglia.
    Il tanto bistrattato Di Carlo con la coppia difensiva da “paura” Lucchini-Volta ci ha imbrigliato e il loro portiere è stato impegnato veramente di rado.

  18. Daniele ga Rapallo ha detto:

    Ottima analisi ,Andrea anche se direi che più che l’amaro in bocca ha lasciato proprio il fiele. Contro una squadra che ha praticamente perso con tutti noi quest’anno abbiamo lasciato ben 4 punti (fate un pò i conti di dove saremmo).
    Purtroppo è in queste partite dove si vede la sacrosanta differenza tra noi e le squadre più forti che strapazzano sia le più forti che le più deboli in egual misura. Se l’obiettivo iniziale era la parte sinistra poi l’appetito è venuto mangiando ed io credo che a Gennaio comunque la squadra si sia rinforzata. Ora prendiamo uno zuccherino per levarci l’amaro dalla bocca e cerchiamo di raggiungere almeno quel posto Uefa che direi a questo punto ci spetta.

  19. alup ha detto:

    formazione errata dal dittatore serbo, nessuno gioca con solo due centrocampisti , vorrei chiederti ma Acquah e Duncan perché non vengono più schierati , non ho capito poi l’atteggiamento verso Palombo che non sa battere le punizioni, visto Mesbah penso che Regini rimarrà in panchina sempre, Correa ha portato inventiva e giudico positiva la sua prestazione . A Napoli 4 3 3 con due punte più’ Correa e Acquah e Duncan a centrocampo non possiamo permetterci di perdere se non vogliamo vanificare quanto fatto finora.
    Saluti e forza Samp.

    • mauro sampbolzano ha detto:

      pienamente d’accordo il nostro napoleone ormai non ne azzecca più una,crede di essere un genio ma a volte dovrebbe essere più coerente nel mettere la squadra in campo,se va via buon viaggio basta che la smetta di fare danni

    • nello ha detto:

      Forse ,anche se lo dobbiamo ringraziare per quello che ha fatto (soprattutto per la grinta data) in tanti non lo riteniamo più indispensabile,errori ne ha fatti tanti.

  20. Fede ha detto:

    Si puo` ragionevolmente dire che il ns mister sia un bravissimo motivatore, grandissimo preparatore tecnico, ma limitato tatticamente.In rosa abbiamo due incontristi, Duncan ed Acquah, che possono proporsi in verticale.Ieri dovevano essere schierati con Pedro.Il Cesena non passava il centrocampo.Alla fine i due 33 enni Palombo ( migliore partita neglinultimi 5 anni) ed Etoo ( predica nel deserto) hanno dovuto correre, ripiegare per tutta la partita.ieri era la partita della stagione e il ns mister ha fatto il piccolo chimico con la Samp.Okaka va bene in trasferta per portare su la squadra, ieri era inutile.Non vorrei che questi puntimpersi pesino alla fine.

  21. francescq ha detto:

    Scusate, andiamo alla radice del problema, facciamo i filosofi del giorno dopo.

    E’ vero, avremmo meritato di vincere.

    E’ vero, il Cesena-coraggio (prego colgasi l’ironia) si è schierato con un audace modulo, il “10-zero-nulla”, che non si vedeva dai tempi pionieristici del “Verrou rinforzato” nereorocchiano (o trapattoniano se preferite): marca a uomo, pesta sodo, fai il grugno, alza il dito medio, guai se sali e spera in Dio.

    Ah, la bellezza del calcio italiano! Ah, il culto del gioco sopraffino! Vi immaginate, – che ne so? – se un giorno Guardiola (evidentemente colto da demenza acuta) venisse ad allenare in serie A e si trovasse come avversario una squadra come il Cesena di ieri? Se vedesse Stefano Lucchini terzino sinistro (che di fluidificante può giusto avere il vix vaporub sul comodino nelle fredde notti d’inverno)? O Gaby Mundigay in cabina di regia, coi piedi da mondina e la prossemica da gladiatore di provincia? Io credo che il Pep ne morirebbe, si abbandonerebbe all’oblio. Meglio il silenzioso e perenne nulla che tutto ciò. Non potrebbe – non potrebbe proprio – accettare che a calcio può giocarsi anche così. No, perché a questo punto tanto valeva che il buon Mimmo Di Carlo non schierasse difensori in carne e ossa, ma addobbasse l’area di rigore con sacchi di sabbia, mobili in disuso, due o tre muretti di cinta, le sagome-barriera che si usano per allenarsi sulle punizioni; oppure parcheggiasse direttamente l’automobile, di traverso, all’altezza del dischetto del rigore.

    Ma davvero il Cesena ha giocato a calcio? Ne siamo sicuri?

    Comunque, dicevo: tutto questo è vero. Anzi, è innegabile. Tuttavia restano una serie di “però”…

    Però – appunto – il grande Sinisa ha schierato una squadra priva di logica. Okaka non doveva giocare, non era la sua partita. E’ statico. Lo marcano. Il centravantone alla Gunnar Nordhal serve a far salire la squadra quando sei in sofferenza, nelle partite tritattutto, in cui avversari scorbutici ti sbattono al muro nel tentativo di prenderti contro natura. E’ deleterio, invece, quando gli avversari sono chiusi e inaccessibili come la questione morale. Specie se il centravanti in questione non è esattamente un bomber di razza.

    E poi…

    Altro però. Però Sinisa, che ormai tutti si contendono (riflessione: ma non sarà mica lui stesso ad avere interesse nell’alimentare tutto questo bailame mediatico? Ci arriverò, con calma…), dovrebbe capire che MURIEL NON E’ UN’ALA. E schierarlo nel mezzo, ieri, avrebbe fatto la differenza. Muriel è un meraviglioso scardinatore di spazi stretti. Spazi centrali. Uno da fraseggi raffinati, da “dai e vai”, da triangoli pitagorici coi compagni di reparto. Mettigli vicino un Eder, mettigli dietro un Eto’o, vedi come vinci.

    Ma no. Noi Muriel lo mettiamo all’ala. E’ come tenere un meraviglioso vaso di geranei sul pianale della cucina e non sul terrazzo, dove farebbe la sua figura. E’ come arredare la cantina con mobilio griffato Frau. E’ come presentarsi alla prima della Boheme vestiti da sommozzatori e andare a fare i subacquei in giacca e cravatta. E’ un non senso, è fuori posto, non c’azzecca nulla.

    E qui veniamo a noi. Sinisa ha fatto cose meravigliose (chi lo nega?) e infatti non manca di rimarcarlo. Strizza l’occhio, ammicca, dichiara amore a questo e quello, come una zitella baciosa. Però (terzo “però” di giornata) spesso ha sbagliato, tanto da far sorgere dubbi amletici sulle sue sbandierate qualità.

    Bergessio ala col Torino, tanto per intenderci. Oppure l’uso spesso casuale di Okaka ieri in campo (deleterio) e contro l’Inter in panchina (ricordate? Abbiamo sofferto proprio fino al provvidenziale ingresso di Stefanone, che ci permise di tenere palla più in alto e di respirare).

    Bisogna che questo signore s’innamori un po’ del Doria e che anteponga la squadra a se stesso. Servirebbe che troncasse le voci sul suo futuro, senza ammiccamenti, senza zitellaggini, senza se e senza ma. Perché, lo dico per lui, se si fa riprendere dal Genoa (sogna, stolto Piccione…) o dal Torino, avrà fallito. Vogliamo dirlo o no? Con Romagnoli – Silvestre (migliore coppia di centrali dopo quella della Juve), Muriel, Eto’o, Eder, devi andare in UEFA. Se stai tutto l’anno tra le prime sei, devi andare in UEFA. Il Doria non è scarso come ci vuol far credere, tanto per esaltare un po’ se stesso. E gioca in un campionato di infimo livello, tra i peggiori d’Europa.

    Ma noi, si sa, siamo Sinisa-dipendenti. Del resto la società non esiste. Ferrero, stairway to heaven, percorre un viaggio tutto suo, tra l’altro partendo da Firenze (dove abita) e non da Genova, dove mi pare non venga mai, se non per lucidare e coccolarsi le fondamentali fideiussioni di Garrone… Magari mi sbaglio, eh? Ma non mi lascia totalmente tranquillo… E Osti, galantuomo vero (e chi lo nega?), ha il piglio del curato di campagna, piuttosto che quello del condottiero…

    Diamine, ma volete difendere ‘sta squadra?? Dalle voci di mercato, dalle tracotanze dell’allenatore, perfino dalla sfiga??

    Ci volete credere o no, a questa dannata Europa??

    Francesco

    • fede ha detto:

      Mai così perfetta, l’attuale situazione Samp fu descritta.

    • Andrea ha detto:

      sei il mio mito, penna eccezionale!!!!

    • chicco 78 ha detto:

      Scusami l’ignoranza perché sinceramente non sapevo che Ferrero stia così lontano dalla squadra durante la settimana in generale però sembra che la sofferenza intesa come sportiva ce la metta sempre e anche l’impegno poi potrei anche sbagliarmi ma se mi sbaglio ed è tutto solo spettacolo che fa lui di proposito a sto punto secondo te potrebbe essere un fuoco di paglia?perché secondo me sarebbero grossi problemi per il futuro!poi per il resto hai pienamente centrato il punto per quanto riguarda il presente e inoltre rimarcherei il fatto che sinisa sta diventando un problema secondo me,sotto tutti i punti di vista!!!!!spero di sbagliarmi!!!!

      • andrea.lazzara ha detto:

        In queste settimane oltrechè per l’impegni…internazionali legati anche a nuovi contatti(vedi sponsor) Ferrero è stato molto impegnato sul fronte della promozione del suo ultimo film( e pure i giocatori hanno fatto da testimonal). Uscita il 23, direi che dalla prossima settimana sarà nuovamente più attivo. Dopotutto, come dicono quelli che sanno, è il core business…

      • francescq ha detto:

        Sai, la storia sociale italiana è piena zeppa di saltimbanchi che puntano tutto sull’essere istrioni, sulla pubblicità. sulla simpatia (almeno in alcuni casi), per malcelare il nulla assoluto…

        Purtroppo noi italiani abbiamo sempre bisogno di sentirci dire che va tutto bene, anche se non è così… E di esaltarci per il nulla…

        Non vorrei, insomma, che a sentir parlare di scudetti, coppe, ricchi premi e cotillon ci distraessero e ci soffiassero la nostra amata Samp da sotto il naso. Purtroppo la “sofferenza” sportiva non paga gli stipendi. A quello ci pensa il credito bancario garantito dai Garrone… Senza contare che ormai, in Italia, di ricco non c’è più nessuno……..

        Oh, sono mie paure eh?? Da prendere per quello che sono!

        Invece hai visto Sinisa? Che strano…. Va al Napoli…. Dove c’è già Gabbiadini… E dove vorrà trovare pure Obiang e Soriano…. Ira funesta…

        • chicco 78 ha detto:

          Beh france’ speriamo di no eh

        • nello ha detto:

          Quante sicurezze che hai….beato te….

        • andrea_samp ha detto:

          condivido su ferrero , nn lasciava tranquillo anche me da subito e tutt’ora nn mi sono convinto del contrario , anzi certi segnali nn mi sembrano positivi ,e poi ho saputo da fonte certissima e degna di fede , oltreche coinvolto in pieno nel progetto , e parlo del famigerato e ormai fantomatico Museo Samp Doria .che il signor ferrero ha avuto e ha tutt’ora un comportamento non cristallino per usare una parola “dolce” rispettoa questo progetto che la proecednte proprietà aveva già avallato e portato in dirittura di arrivo con locali già belli e pronti e arredati ai magazzini del cotone …pronti per fare la Samp city con Museo con sampdoria point annesso !! ..bene col cambi di proprietà il tutto è stato passato di mano alla nuova proprietà ” chiavi in mano” !! e guarda un pò col “saltimbanco e guitto ( aggiungo io) si è arenato tutto ..appunto per dei comportamenti non propriamenti virtuosi del soggetto …questo è quanto ..e preoccupa quindi molto sulla serietà e solvibilità e special modo sull’attaccamento alla sampdoria che il signore dice di avere ( er core è blucerchiato ecc. ecc.. )
          Però dico io il tempo e la voglia , ( o anche il premio dei “gettoni ” presenza TV??) , per andare a fare le comparsate e altro nelle varie trasmissioni tv lo trova ….
          Andrea Lazzara , ci siamo visti ieri alla festa del Samp club e premiazione del grande Chiesa, per favore fammi il piacere di portare avanti una campagna pro Museo Sampdoria …perchè era una cosa da fare e già decisa dalla società ..come tutte le grandi e serie società un museo si ha da fare …( ce l’hanno i bibini !!) e fare il portavoce e/o dare la sveglia a TUTTI I VERI SAMPDORIANI ..!!! e chiedere conto al signor Ferrero perchè non finisce un progetto pronto e finito datogli in consegna dai Garrone !! e peraltro SAMPDORIANI SVEGLIATEVI E CERCATE DI AVERE A CUORE LA VOSTRA MEMORIA !! facciamo partire le petizioni per avere il nostro spazio del ricordo e della nostra STORIA !! ok ?’ basta farsi abbindolare dal pifferaio magico !! facciasmogli fare anche le cose serie che sono degne per la nostra amata società : LA SAMPDORIA ( non samp e doria .viperettesco! please!) ……
          scusa Andrea lo sfogo ..ma serebbe ora che si sveglino le coscienze dei sampdoriani tutti su questo problema che il viperetta ha “furbescamente” insabbiato …senza manco dover tirare fuori 1 eur di tasca sua ..già tutto pronto da prima !! ..grazie e FORZA SAMP !!

          • andrea.lazzara ha detto:

            Ne abbiamo più volte parlato anche con Maurizio Medulla, ospite in studio. Anche io credo che il Museo sia un qualcosa di importante(la memoria, come vi sarete accorti, mi è molto cara). Ne riparlerermo. E’ stato un piacere conoscerti anche se…frettolosamente( e incasinato, il ricevitore del microfono che pendeva mi faceva impazzire..:-) )

    • claudio ha detto:

      Analisi fantastica, condivido tutto. vorrei solo essere un po’ più ottimista su Ferrero (peggio di Edoardo Garrone ed il comitato strategico non potrà fare, neppure se facesse fallire la società) e spezzare una lancia per Osti, che mi sembra un’ottima persona. Per il resto tutto perfetto: sinisa ha fatto cose buone, ma da gennaio ha fatto di tutto per rovinare quello che di buono aveva fatto … e se non andiamo in uefa con questa squadra e questo campionato di infimo livello, come dici tu …. non ci voglio neppure pensare.

      L’ho già scritto e lo riscrivo: sinisa vada via dove cavolo gli pare. Forza sampdoria sempre.

  22. Lorenzo ha detto:

    Ciao a tutti. Alcune considerazioni. Parto dalla fine: risultato che vale una sconfitta, 4 punte senza un centrocampo che non si inserisce non servono a molto. Queste partite, contro squadre che si chiudono, si risolvono con gli inserimenti da dietro e ieri si é visto proprio poco da questo lato. Ieri sera ho visto Juve e Lazio e, a parte il risultato, sono due squadre che corrono il doppio della Samp, Napoli e Fiorentina e Roma sono piú forti tecnicamente, soprattutto a centrocampo, ora bisogna guardarsi dietro. Oggi se Genoa e Torino vincono (possibilissimo, giocano contro squadre che non hanno più nulla da chiedere al campionato) si rimette tutto in discussione e sono comunque anch’esse due squadre che corrono molto di più di noi. La scorsa stagione il Parma, che é arrivata sesta, ha fatto 58 punti alla fine, visto il calendario bisognava battere in casa Cesena, Verona e Parma, col Cesena ti sei giá giocato il jolly. A Napoli domenica prossima non la vedo bene, sará molto dura, se non quasi impossibile, portare via punti. Ma non é lì che dovremo recriminare, Cesena (2 punti in due partite) Chievo, Milan, lì bisogna cercare le cause. Dopo Napoli bisognerá per forza non perdere contro Juve e Lazio in casa e vincere contro Verona, Udinese e Parma. La strada é ancora apertissima, ma bisogna che tutti, compreso il mister, smettano di inventarsi cose incredibili e continuare a giocare il calcio che questi giocatori sanno produrre, prendendo il meglio dalle loro caratteristiche. Che sia 433 o 442 bisogna andare sul sicuro. Acquah, Duncan e Palombo o Obiang a centrocampo e davanti Muriel, Etoo e Eder. Che ne dite ?

  23. Silver ha detto:

    Ieri sono andata alla stadio convinta che non saremmo andati oltre il pareggio e dobbiamo ringraziare Viviano e Obiang che non abbiamo perso.
    Dalla ripresa della sosta mi lasciano molto perplessa le scelte dell’allenatore e mi chiedo perché non faccia più giocare Acquah che secondo me è il miglior centrocampista che abbiamo (ad esempio a Firenze su un campo pesantissimo mi sembrava più logico far giocare Acquah che Soriano che tra l’altro aveva giocato in nazionale). Io non ricordo una squadra che abbia mai iniziato una partita con quattro punte, sono scelte che si fanno per disperazione, quando devi recuperare un risultato.
    Un allenatore quando si accorge di aver sbagliato deve avere l’umiltà di rimediare anche dopo mezz’ora perchè ieri tutti se ne sono accorti che era una formazione assurda.
    Mi pare molto strano che un allenatore meticoloso come Mihajlovic improvvisamente fa errori così clamorosi ma ci vogliamo veramente andare nelle coppe europee? Mah.
    Non si sa ancora se va via o no però io penso che morto un Papa se ne fa un altro, tanto se rimanesse il prossimo anno sentiremmo gli stessi discorsi che fa da quando è arrivato: debito di riconoscenza, ambizioni personali ecc. ecc.
    Se va via spero che la società possa sostituirlo degnamente prendendo un allenatore che ci faccia giocare a calcio, la partita più bella che ricordo quest’anno è stata la partita con la Fiorentina all’andata giocata con un modulo che credo non abbia più fatto e in tale partita mancavano Gabbiadini e De Silvestri. Saluti a tutti

    • massimo ha detto:

      molto d’accordo con la tua disamina! anche per me la partita con la Viola all’andata è sta la migliore ed avevamo giocato con i 352 che secondo me è il modulo migliore con i giocatori che abbiamo:

      Viviano
      Munoz silvestre Romagnoli
      De silvestre Soriano Palombo (Acquah) Obijang Mesbah
      Etòo Eder (Muriel)

  24. rolomba ha detto:

    Buongiorno a tutti,
    nel partecipare a questa discussione, anche se la delusione è solo leggermente scemata, non posso esimermi dal non esternare tutto il rammarico possibile per aver “perso” una partita del genere….e sottolineo perso….. appunto perchè, qualsiasi cosa si dica, paradossalmente sarebbe stato meglio perdere realmente, piuttosto che assistere ad una gara affrontata come peggio non si sarebbe potuto, e con ciò non intendo schemi o moduli non corretti ma solo ed esclusivamente atteggiamento sbagliato……senza alcun mordente o voglia di imporsi e prevalere, senza voglia di “mangiarsi” l’erba del ferraris o voglia di far capire ai pur dignitosi avversari che non avrebbero superato la metà campo se non con qualche rilancio…..niente di tutto questo si è visto…….. che peccato….!!!!
    Non importa se si mettono 4 o 5 o 0 attaccanti…stiamo parlando di professionisti, chiunque abbia giocato calcio a qualsiasi livello sa benissimo che quello che conta realmente, aldilà dei tatticismi, sia solo la voglia di giocare al meglio delle possibilità…in undici in campo, e quindi, attesa sia la rosa di cui si dispone, che l’agognato obiettivo che ci si è preposti, AMPIAMENTE MERITATO, per il campionato fatto sinora, si corre il concreto rischio, al netto delle partite odierne, di complicare tutto..e questo sì, sarebbe “peccato mortale” ….!!!
    Non siamo una grande…. ne tanto meno ragioniamo da grande…ma calciatori con esperienza bene o male c’è ne sono, e proprio loro anche con le mani avrebbero dovuto mettere la palla dentro…..ed a zero stanno le giustificazioni del caso come giocarla per due giorni consecutivi senza riuscire a segnare…..è già tanto che non si è perso…..ci hanno fregato 4 punti tra andata e ritorno…….ecc …. ma per favore…!!!!
    Tutti noi odiamo la juve…..ebbene avrete visto la partita con la fiorentina in coppa o quella di ieri sera con la lazio..e non ditemi che hanno dei fuoriclasse in squadra o gli arbitri a favore…..eppure hanno dato dimostrazione a tutti i soloni del calcio come si affrontano e giocano le partite di calcio…con i padoin i bonucci i matri gli sturaro e chi più ne ha ne metta…..normalissimi giocatori di serie a ….che però hanno avuto voglia di giocare ed imporsi sin dal giorno prima della gara, mettendo tutto in campo per vincere….e spiace veramente dover glorificare la squadra più odiata….ma tantè…..!!!
    Per placare le velleità delle inseguitrici …..non saprei proprio chi scegliere…saremo costretti alla prestazione maiuscola contro il napoli, che già ci ha fregato 2 punti all’andata, e data l’aria che si respira tra aiutini e bilanci da risanare …….speriamo nella super prestazione….. altrimenti veramente ci si complicherebbe parecchio il futuro europeo, ripeto strameritato per quanto fatto sinora, ma tutto ancora da consolidare…..
    un caro saluto ad andrea ed a tutti voi rocco lombardo

  25. Giorgio 67 ha detto:

    Solo una domanda: ma perchè insistere su Okaka contro una squadra arroccata quando ti servirebbero velocità e imprevedibilità ? Okaka non ti da niente di tutto questo e, catalizzando il gioco offensivo, rallenta penosamente qualsiasi azione ed obbliga Eder
    e Muriel (n.d.r.: veramente inguardabile ieri sera !) a partire troppo lontani dalla porta.
    Male, molto male contro una squadra scarsissima che in 2 partite ci ha visto segnare solo con un’autorete.

  26. flex ha detto:

    Buongiorno a tutti

    Sono molto deluso dalla partita di ieri e non solo per il risultato.
    Come hanno evidenziato altri blogger, al di là della disposizione in campo ieri (sulla quale preferisco non pronunciarmi), secondo me, ci sono stati limiti nell’atteggiamento con il quale la squadra ha affrontato il cesena: poca intensità e poca concentrazione.
    Avrei tre domande per Andrea e per tutti Voi.
    La mia prima domanda è: dobbiamo considerare la partita di ieri come un semplice incidente di percorso o si inserisce in un trend negativo che si sta manifestando, almeno in termini di prestazioni, da un pò di tempo? magari mi sbaglio, ma a me sembra che ultimamente la squadra abbia un pò mollato, non tanto a livello fisico, ma a livello mentale.
    e quindi la mia seconda domanda è: forse a livello inconscio squadra e mister si sentono già appagati? forse gli ottimi risultati hanno creato l’idea di aver raggiunto l’obiettivo prefissato? forse il piazzamento uefa (che non era tra gli obiettivi prefissati per la stagione) viene considerato come la tipica ciliegina sulla torta per cui se viene siamo contenti ma se non viene non dobbiamo lamentarci troppo?
    la mia terza domanda è: può essere che i continui discorsi sul futuro dell’allenatore abbiano in qualche modo determinato un minore feeling tra squadra e mister? si può parlare fin che si vuole di professionalità ma io domando a chiunque di voi: il vostro rendimento e il vostro impegno sul lavoro rimane lo stesso quando sapete che fra un mese ve ne andrete? percepite allo stesso modo l’autorità del vostro superiore quando sapete che fra un mese se ne andrà?
    Tutti noi siamo sicuri di essere dei professionisti esemplari, tuttavia il nostro rendimento viene fortemente influenzato dalle motivazioni e dall’ambiente che ci circonda. Forse il problema può nascere da qui?

    un’ultimissima domanda per tutti, Andrea compreso se vorrà rispondere: dovessimo non qualificarci per la coppa uefa vi girerebbero un pò le palle oppure no?

    a me si

    • andrea.lazzara ha detto:

      Io rispondo a due domande. Se la Sampdoria, dopo essere rimasta in posizioni tra il terzo e il sesto posto praticamente per tutta la stagione, non entrasse in Europa….girerebbero, eccome se girerebbero. E, comunque, obiettivi di partenza a parte, sarebbe una delusione. Io non credo che la squadra abbia mollato: semplicemente dopo essere stata costante nel girone di andata è andata(come prevedibile) a onde nel girone di ritorno. 2 punti in 3 partite lo testimoniano ma prima la Samp veniva da 4 vittorie di fila..

    • Bulgaro ha detto:

      Visto dove siamo girerebbero parecchio, sarebbe una stagione positiva con una macchia enorme.

      Il problema di “atteggiamento” a parer mio esprime il perchè solitamente ci lasciamo attaccare e ripartiamo, mancano le attitudini per scardinare i bunker, serve palleggio e movimento il tutto con una rapidità che non abbiamo quando dobbiamo fare noi la partita.
      Abbiamo dato il tempo al Cesena di riposizionarsi regolarmente ad ogni palla che provavamo a giocare. Le azioni migliori sono uscite da palle recuperate sulla trequarti loro e ripartendo rapidamente.

      Poi un pò fà anche la testa, da quando si è parlato di champions abbiamo un pò perso il senso della misura e secondo me la scoppola di Firenze su questo ha inciso, assieme al vantaggio che abbiamo sulle inseguitrici che fortunatamente fanno a gara a chi và piu piano.

      Invece credo che centri poco il fatto che il mister probabilmente lasci, questi problemi li avevamo anche manifestati lo scorso anno quando avevamo raggiunto la salvezza e avevamo smesso di mettere la giusta cattiveria in campo.

      In sintesi ritengo che sia per lo piu un problema di maturità e di qualità della rosa, che non è scarsa, ma adatta o abituata a fare un tipo di gioco che fatica molto con chi si chiude.

  27. Remo Rolfi ha detto:

    Questo mister Serbo e’ troppo testardo..non sa leggere le partite in corso.
    Ha voluto partire con le quattro punte in modo molto arrogante e non ha capito che (mettendo fuori ruolo gli interpreti) si ostacolavano a vicenda e a partita in corso non ha avuto l’umilta’ di ammettee la scelta sbagliata..15 tiri dove?diretti ai gabbiani che volavano sopra il Ferraris?Okaka non segna neanche sotto tortura,Eder spremuto come un limone,Eto’o non viene compreso e predica nel deserto.
    Mister..Lei dice :non so se resto?faccia ancora due partite come oggi e poi sara’ Ferrero a spedirla via…Bogliasco non e’m una caserma della milizia Serba..se lo ricordi….prima della Samp Lei ha ottenuto due eoneri(Fiorentina e Bologna) e una risoluzione consensuale(Catania)un po’ poco per pretendere di allenare una big..
    Lei dira’:”ho fatto il Ct della nazionale Serba ed io le rispondo:La nazionale Serba quanti mondiali ha vinto??Lei e’ in un paese che di mondiali ne ha vinti 4..si adegui.

  28. ale ha detto:

    Peccato! Non si può dire che non ci abbiano provato! Leggevo da qualche parte che il Cesena avrebbe posteggiato il pullman davanti alla porta……più o meno è andata così anche se tra rigore non concesso (Eder), occasioni d’oro mangiate (Muriel, Mesbah), gol non gol (Romagnoli) se la rigiochi venti volte gliene fai tre tutte e venti.

    Ho visto bene Mesbah anche se ieri praticamente non ha mai dovuto difendere.

    L’unico appunto che mi sento di fare e un po’ di lentezza nell’ultimo passaggio ma secondo me sono meccanismi che si velocizzano con l’intesa, l’attacco è stato rivoluzionato da poco.
    Non male l’ingresso di Correa, da rivedere con formazioni più attrezzate.

    Adesso non massacriamoci con Sinisa non capisce niente, questo è grammo, quello è scemo. Nel calcio succede di prendere una squadra a pallonate e non riuscire a vincere (la juventus e la lazio ci hanno addirittura perso con i bibini e -secondo me- si stanno ancora chiedendo come è stato possibile dopo averli asfaltati sul piano del gioco).

    Ho visto i ragazzi molto incavolati a fine partita, bene. Forza ragazzi! Testa al napoli e Avanti Sampdoria!

  29. El Cabezon ha detto:

    Inutile far finta di niente, l’amarezza e la delusione per questo imprevisto passo falso sono grandissime, non riuscire ad avere la meglio su un avversario che ha meno della metà dei tuoi punti e che in trasferta credo abbia preso almeno un gol da CHIUNQUE ( vado a memoria, penso solo il Parma sia riuscito a non infilarli…) è avvilente e mortificante!
    Concordo con chi ha scritto di poca intensità e di approccio sbagliato al match, solo nell’ultimo quarto d’ora li abbiamo davvero schiacciati…
    E’facile parlare col senno di poi ma schierare tutte le 4 punte contemporaneamente si è rivelato un errore, mi domando il senso di sperimentare un nuovo modulo a otto giornate dal termine, oltretutto così facendo era davvero difficile da un punto di vista tattico trovare una variazione anche se Correa non mi è dispiaciuto…
    Due punti davvero sprecati, se Napoli e Fiorentina oggi vincono sarà dura riprenderle e dietro dobbiamo sperare che le inseguitrici non si avvicinino ulteriormente…

  30. chicco 78 ha detto:

    Sì sono decisamente d’accordo con alup a questo punto metterei Correa dietro ad eto’o ed Eder e proverei con acquah obiang e soriano a centrocampo e cmq anche io non ho capito perché lazzara sarebbe un giornalista di parte cioè non capisco proprio il senso dell’affermazione boh problema mio!cmq ragazzi a Napoli sarà dura e bisognerebbe dire al mister o a di leo (perché qua non si capisce più chi fa cosa)che il catenaccio con ripartenza sarebbe un suicidio cmq se ne sapessi più di loro allenerei io la samp quindi mi taccio e sempre forza doria

  31. moussa dembele' ha detto:

    Per coerenza, Sinisa dovrebbe convocare se stesso ed il suo staff di tattici, lunedì mattina alle 7.00 a studiare sul tema ” menu musse e ciu’ palanche”, ovvero come si fa a vincere giocando bene con le squadre scarse, dovendo fare la partita invece di subirla.

  32. Stefano ha detto:

    Credo solo una cosa, che in virtù del nostro gemellaggio con il Cesena e forse di una minima partecipazione nelle loro quote societarie, oggi la Samp abbia fatto un regalo al Cesena.
    Siamo tutti sicuri che se segnavamo poi magari il Cesena non pareggiava?
    Potrebbe essere che Sinisa abbia eseguito ordini dall’alto, non si spiega il cantare ai quattro venti del modulo a quattro punte già da martedì, di un Muriel terzino e di un Palombo che non batteva mai punizioni ed angoli!
    Aveva paura di cosa per giocare con quattro punte?
    Ricordate che il Cesena ha recuperato da 3-0 a 3-3 a Verona in dieci minuti…Altra squadra gemellata con noi…Strano!
    Non lo so, magari penso male, ma mi è sembrato tutto un teatrino l’ultima settimana!
    Comunque SE EUROPA DEVE ESSERE, EUROPA SARÀ, PUNTO!

  33. FOREVERSAMP ha detto:

    La disamina di Pittaluga è reale e condivisa da molti amici che hanno decenni di gran tifo Blucerchiato alle spalle non penso: che semmu” tutti di belinuin “.
    Posso aggiungere che ho sempre sostenuto che 3 centrocampisti sono pochi… ,ieri di 4 attaccanti non ce ne stato uno che stazionasse in area di rigore ,diciamo alla Toni “38 Anni se non sbaglio” rientrando a centrocampo solo per non incorrere nel fuorigioco,o in difesa per colpire di testa nella propria area in caso di corner avversario ,Stefanone non lo ha mai fatto una volta in tutto il campionato!.,ieri nel primo tempo ,ha fatto la sua parte egregiamente,ma nella ripresa è calato ed i difensori gli hanno preso le misure .accentrandosi troppo in area senza mai concludere in porta non è servito a niente andava sostituito e con lui Palombo: dentro Soriano ed Acquah ,avremmo avuto più corsa e geometria e più possibilità di vittoria,ma ancora una volta i 3 cambi non sono stati gestiti ed usufruiti al meglio.
    A proposito :pessima la gestione psicologica di Soriano :grande talento ,ma molto introverso e bisognoso di goals e stima per esprimesi al massimo ,incompresibilmente sostituito dopo finalmente aver ritrovato un gran goal a Milano e fuori pure ieri .ora deve ripartire da zero ,speriamo ripartire da Napoli e magari con un gol od un assist vincente.
    Non sono depresso ,anzi penso alle note positive
    Se il Grande tecnico a fine stagione se ne andrà ..”senza di noi eliminato ai mondiali e probabilmente anche agli europei ..forse gli rimaneva la speranza del Catania in serie B” .ce ne faremo una ragione.
    Eder e Muriel difficilmente saranno così imprecisi in futuro e per fortuna sono stati micidiali in occasioni più importanti.
    In altre stagioni quando proprio non vuole entrare alla fine perdi ,e questo vale anche per la partita di Milano .
    Correa è potenzialmente un grande talento ,tirarlo fuori una volta al mese nelle circostanze più difficili non è il massimo ,comunque se lui e la squadra riescono a trovare più cattiveria e convinzione si può fare risultato ovunque ,mi riferisco anche al 99 encomiabile come fonte di gioco ,ma ancora una volta un suo colpo da biliardo è andato fuori di un soffio …a volte ci vuole la classica Stangata con rinpallo o errore del portiere la palla entra!
    Stiamo giocando una lunga partita a tennis ,nelle ultime due partite abbiamo perso dei punti ,ma non il Set ,a Napoli si decide il Set ,e se si pareggiasse si và al Tie Break con la Juve ed avremmo 2 risultati su 3 per vincere il set.

  34. silvano ha detto:

    ciao Andrea, non so se sai rispondermi ma ti chiedo che ne è di acquah, come mai non gioca visto che è l’unico a centrocampo che con la sua forza può saltare l’uomo e creare superiorità. Questo ci voleva altro che 4 punte, ciao

    • andrea.lazzara ha detto:

      E’ una domanda che, sinceramente, ora mi pongo anche io. Posto che(ed è vero) gli allenatori vedono i giocatori da vicino( e con altri occhi) tutta la settimana

  35. Max Samp ha detto:

    Personalmente credo che ieri un po’ la sfiga ..un po’ la mancanza di riuscita che ha giocato contro di noi! alla squadra non penso si possa dir nulla ..! é finita 0-0 avrebbe potuto finire 2/3 a zero e saremo stati tutti contenti e felici !! certo stanno 2 punti persi ma provare le 4 punte insieme se non lo fai con il Cesena a Marassi non lo fai mai ..allora penso che Sinisa abbia voluto innovare ,non gli é andata bene !! Forse davanti stavano in troppi e ci stava il Pulman cesenatico tanta gente x trovare spazi ! x Muriel x mé oltre a le qualita’ che stanno sotto gli occhi di tutti lo trovo personalmente piu’ una punta degli ultimi 20/30 minuti che gioca la sua esplosivita’ ..da inizio e sopratutto ieri il ragasso si é perso un po’ ..x modulo o x mancanza di spazi certo ! comunque Acquah e Duncan mi farebbero piacere vederli al piu presto in campo !!

    ps a Matteo 84 : i sogni stanno il sale della vita !!! Fantasie che volano libere !!!!!!!

    Come dice Andrea l’unica vittoria ieri é stata x Giovanna ..certo!!
    un abraccio a suo padre che mi ha allenato x tanti anni .. 😉

    Forza Doria Sempre !!!!!

  36. ambarabaciccicoco ha detto:

    ….ma un pochino di ottimismo mai? Non e’ andata bene e neppure come ci si poteva aspettare ma buttare il bambino appena nato con l’acqua sporca non e’ da sampdoriani. E qui si innesta il famoso discorso che disturba il moderatore e qualche altro che contesta il mio modo di esprimere i miei pensieri con un modo ben piu aggressivo ed offensivo nei miei confronti. Detto cio’ il mio commento alla partuta e’ di una semplicita’ estrema e come tutte le cose semplici risulta la chiave di lettura piu’ corretta: primo tempo settevpalle goal a zero per la Samp. Secondo tempo: tre palle goal ad una ( a chiusura di tempio quando per vincere la Samp aveva messo in difesa Soriano ed Obiang) . Una partita quindi dove oltre al record negativo e per me irripetibile di Eder ( cinque occasioni zero realizzazione) la Samp ha sentito troppo l’ obbligo di vincere. E ora pensiamo alle prossime due partite : niente vieta di pensare che si possa recuperare i due punti in media inglese e se cio’ accadra’ certa e’ la partecipazione alla E.L. Possibile l’ aggancio alla C.L. Solo dopo la partita in casa con la Juve e ulteriori scontri diretti tra le concorrenti ( Lazio Napoli Fiorentina e basta…) si avra’ un panorama piu’ preciso…
    Ultima annotazione per il signor Marchese, allievo di un mister che piange, con la meritata sconfitta a Palermo ancora una volta ( la sessantesima su sessantotto possibilita’ )riuscirete nell’ impresa di risultare come seconda squadra della citta’ di Genova..Per noi non e’ un ‘ impresa ma solo un’abitudine..Per voi un rosico continuo…

    • andrea.lazzara ha detto:

      Caro amba, io non contesto il tuo pensiero anche se mi lascia perplesso il vedere tifosi genoani in chi non la pensa come te o l’andare, comunque, a inserire sempre in un blog che si occupa di Sampdoria, riferimenti al Genoa. Disturba il modo come, spesso, lo esprimi. O meglio, non disturba me, lo dicessi rivolto a me farei spallucce, ma per come lo esprimi nei confronti degli altri. Questo tuo post, invece, è molto condivisibile e, se non per fosse stato per questa doverosa precisazione, va pubblicato senza colpo ferire.

    • Bulgaro ha detto:

      Pensa che il primo tiro nello specchio a me era sembrata la bella girata di Succi (mi pare) con parata impegnativa di Viviano ….
      Questo non è per dire che se tiravamo un pò meglio probabilmente finiva 10 a 0, ma è per farti notare come non perdi occasione di dire cose non vere per sostenere le tue tesi integraliste … continua cosi mi raccomando.

    • Marcob ha detto:

      …………….. tre civette sul comò!

  37. Fra Zena ha detto:

    siccome tutti parlano delle punte…io vorrei invece sottolineare l’ennesima prestazione ottima di Silvestre e Viviano. Quest’ultimo, soprattutto, mi sta veramente meravigliando per qualità tecnica e voglia di vincere. Molto bene, la Samp ha bisogno di giocatori così. Speriamo di ritrovarlo l’anno prossimo

    • andrea.lazzara ha detto:

      Hai fatto bene a sottolineare la prestazione di questi due giocatori. Su Silvestre si sta lavorando per l’anno prossimo, credo che anche Viviano possa restare e la Sampdoria lavorerà in questo senso forte della volontà del portiere.

  38. claudio ha detto:

    Soriano e Acquah devono giocare sempre in questa samp. Solo Sinisa non l’ha capito. Per me può andare dove e quando vuole, visto che è tanto ambizioso e la sampdoria non è abbastanza per lui. Ce ne faremo una ragione, io me la sono già fatta da tempo …. forza doria sempre.

  39. P.SOLARI ha detto:

    Partita purtroppo pasticciata grazie ( anche ma non solo ) al cambio tattico attuato dal Mister: e’ quasi una legge del calcio “piu’ punte non significa piu’ gol” e con il senno di
    poi si doveva confermare il modulo usato quasi sempre quest’ anno.
    Certo questo non basta a rovinare lo splendido campionato fatto fino ad oggi pero’ un po’ spiace …. perdere punti con una squadra praticamente gia’ in B fa male, complimenti comunque per l’ impegno dei romagnoli.
    Bisognerebbe recuperare questi 2 punti fuori casa, magari non a Napoli, facendo pero’ tutti quelli possibili in casa per provare a restare entro la sesta ( meglio la quinta …. ) posizione.

  40. ale ha detto:

    Caro Andrea,
    sembrerebbe ormai certa la destinazione Napoli per Sinisa (grazie di tutto Mister!) e, anche se la speranza è l’ultima a morire, vorrei sapere la tua opinione -e quella degli altri writer se ne sanno qualcosa- su Paulo Sousa che sembrerebbe il candidato con maggiori possibilità di successo.
    Io lo adoravo quando giocava, un po’ lento ma intelligentissimo e con dei piedi meravigliosi. Anche come persona non mi è mai dispiaciuto. Non ho idea di che tipo di tecnico sia…….Che modulo usa, è un focoso o un pacato, che tipo di staff utilizza……etc

    I risultati con il Basilea sono ottimi anche in Europa, certo il campionato svizzero non è la serie A……

    Tu, voi cosa ne pensate?

    Avanti Sampdoria!

    • andrea.lazzara ha detto:

      A Napoli la danno per fatta, io sarei più prudente per molte ragioni (compresa una sibillina frase di Ferrero post Milan: “potrebbe restare fermo per sua scelta”). Comunque, si penso che Sinisa andrà. Paulo Sousa: 4-3-3, con una mente(Frei) due mediani(li butto li, i Duncan e Acquah di casa Samp con quest’ultimo anche capace di incursioni offensive), e poi due esterni molto mobili. Insomma, qualcosa che vada anche in parte nel solco del lavoro di questi due anni.

      • moussa dembele' ha detto:

        Andrea, scusa l’ ignoranza, chi è Frei?

      • ale ha detto:

        Davvero? Pensi sia possibile che resti fermo un anno? Mah! Ad aspettare il primo esonero della stagione o la chiamata di Mancini?

        Vabbè, vedremo. Tanto se va a quel punto il “dove” mi interessa relativamente.
        Curiosa di vedere che scelta si farà per noi

        Grazie x la risposta

      • Lollo ha detto:

        Andrea, posto che anche a me piaceva molto da giocatore, non c’è il rischio che sia un’altra ” scommessa “, di cui non abbiamo proprio bisogno ?

        • andrea.lazzara ha detto:

          E’ una domanda che mi sono posto anche io, ieri sera, a Gradinata Sud e alla quale Walter Novellino ha risposto: “Meglio l’usato sicuro italiano”. Già, ma chi? Detto sinceramente i Di Francesco, Colantuono non mi convincono per nulla, soprattutto se ci fosse da dover gestire il doppio(triplo)impegno stagionale.

          • claudio ha detto:

            Condivido Andrea … .sinceramente, spero che la scelta non cada su qualche nome “triste” … l’usato sicuro mette già tristezza per definizione. Se prendiamo un allenatore da “salvezza”, da zero a zero, ci torna la depressione stile garrone ultimi tempi

  41. giovanni ha detto:

    andrea ciao, il calcio è bello anche perchè a seconda di chi guarda una partita hai un’analisi totalmente diversa dell’incontro…che ci vuoi fare, noi tifosi spesso di calcio vediamo solo il risultato e quindi da lì si traggono le valutazioni, le pagelle, il senso della partita, se poi pareggi in casa col cesena che domenica ne prenderà serenamente tre dai piccioni (perchè è così loro certe partite le vincono, facci caso, hanno proprio questa caratteristica, un’imprinting che noi non abbiamo mai avuto salvo rare eccezioni e stai sereno che la guarderò la partita per vedere come il cesena metterà di nuovo in campo la ferocia e l’anima per i punti salvezza…), ma poi vai a cercare a fondo i motivi e… la samp è così: con le più forti fa muro, tiene botta, soffre, rischia e poi riparte appena può, magari a volte con lucidità a volte meno, all’inizio dell’anno con ferocia oggi con un pò più di fatica, poi ci sta che con il cesena in casa (come ti avevo detto all’inizio del “ciclo”, non è detto che sia più facile giocare con una che è sul fondo che con il milan in crisi in questo periodo, men che meno se questi arrivano da uno scontro diretto delittuosamente perso in casa e sono all’ultima spiaggia) che si arrocca sui due “perni” volta e lucchini (a proposito, palla sul braccio sotto la nord nemmeno vista da eder ad un metro…) che ancora ora me li ricordo a brema (accidenti brucia…ferita aperta) ed il buon slavo krainc (da tenere d’occhio), ma se poi muriel da dieci metri la mette alta nella sud, mesbah ci arriva (diversamente da vasco è già la terza palla gol davanti al portiere per l’algerino chievo, milan e che la mette regolarmente fuori…) ed il destro si e no lo usa per salire le scale e la mette a dieci metri dalla riga fatale, eder è rimasto all’inter e non la vede più, se de silvesti la mira non è il suo forte e romagnoli la vede cavare fuori con un salvataggio a 30 cm dalla riga…proprio da lucco…o agliardi le mani le usa per una volta nel modo giusto… immaginati un 1-0 al 90′ o giù di lì…tutti qui a magnifìcare il mister per i cambi azzeccati, o l’abnegazione della squadra che alla fine ha trovato il varco giusto, magari la giocata di correa o di eto’o, la voglia della samp di arrivarci di crederci fino in fondo, il giusto premio…e magari invece si pensa al napoli che ora è spettacolare, che vincerà l’europa league, che se ne fa quattro al wolfsburg, a cagliari passeggia quindi a noi ne fa otto……ma ogni partita lo avete capito che è diversa dalle altre? se bastasse fare 1+1 nel calcio la juve perde a parma, il parma perde con il genoa ed il genoa perde a palermo? ma non capiamo che stiamo facendo ben di più di quello che potevamo teoricamente fare? che i ragazzi con miha sembrano davvero tutti dei calciatori veri? che abbiamo l’imbarazzo delle scelte per ogni ruolo e che forse proprio per questo è sempre sbagliato quando le cose non vanno? abbiamo 50 punti, molti fatti proprio con uno spirito battagliero, pochi quelli fatti perchè inventiamo la giocata spettacolare, infatti siamo li con meno gol delle prime 11 (torino a parte dove peraltro ne abbiamo presi 5) con la quarta migliore difesa (31 ed in sole tre partite ne abbiamo preso dieci) a sette gg dalla fine. vero è che ora abbiamo quasi tutti scontri diretti, ma vero è che la samp non può essere quest’anno rimproverata se non per piccole cose, magari qualche calo di concentrazione di singole partite (lazio, chievo, torino…) non certo per sabato dove avevi sei dietro che avevano il compito di bloccare tutto il possibile ed i quattro avevano addirittura una certa libertà di inventare e fare, la giocata nel calcio è libera, ricordiamoci che tanti gol vengono dal singolo genio, dall’intuizione non dalle quattro o sei punte che schieri, se poi non va, se dovevi aggirarli di più o avere più spinta continua o magari non vedere fischiato il fuorigioco ad okaka che magari per una volta avrebbe segnato…; certo che se noi tifosi abbiamo la presunzione, dopo anni in cui abbiamo patito una retrocessione, un anno di b ed un paio di anni a soffrire anche al buio dell’ultimo posto, per il fatto di avere un’ottima classifica e quindi ancora in petto il tricolore o la coccarda per diritto divino…, anch’io vedo che a partita chiusa benzema e ronaldo fanno l’1/2 di tacco al limite dell’area per sbloccare la partita li ha il real, oppure oscar ed hazard la stessa giocata che manda fuori giri la difesa, ma li ha il chelsea, noi in 94 minuti non siamo stati capaci di prendere una punizione dal limite…così metti pressione, poi non hai pirlo e pazienza, ci proveremo con eder ma se gli altri più scarsi di noi si arroccano perchè sanno che difficilmente passi perchè il nostro gioco è questo, fatcichi a farlo, non per questo non ci hai provato dai, io ho visto provare tutto il provabile… e poi le quattro punte se avete bene visto erano teoria pura, ho visto eder rientrare profondamente, eto’o più basso di palombo spesso…anch’io vorrei sapere che fanno in panca acquah, duncan, ma anche soriano, rizzo e correa o…marchionni, ma capisco che non hanno la personalità di angelo e per un mister non è facile privarsene (infatti il contropiede al 94′ non c’era palombo al suo posto, mentre sullo… schema… di muriel sull’angolo sotto la sud ha chiuso proprio angelo sotto la nord) e che pedro ormai sia uno dei più forti centrocampisti europei (o altro sceglierà lui la nazionale) della sua età in giro…mi pare evidente, quindi cosa rimproveriamo e a chi??? rivogliamo mister ferrara che vinto il derby si infila dritto nel tunnel senza nemmeno goderselo un pò? o delio che ci faceva giovare con gavazzi perno del centrocampo perchè era l’unico nello spogliatoio che lo seguiva???
    in tutto ciò peccato, quattro punti persi con i due di milano a questo punto, saresti a 54, a quattro dalla lazio e dalla roma ormai piantata sulle gambe e con il favore dello scontro diretto…champions league, ed anche se siamo un pelo sotto il livello??? voi non vorreste vedere a marassi il real, l’atletico, il mnchester, il bayern??? no???? allora sono io strano, pazienza; mi sa invece che questo sarà il pericolo più grosso di domenica, perchè il napoli è li e come dice valentino “senti l’odore di quello davanti e dai di più, lo metti nel mirino”… va bene…non credo che andremo giù a lasciare fare, anzi penso proprio che il napoli che arriverà carico non avrà vita facile, anzi ne sono sicuro che sarà una grande partita, muriel eto’o eder okaka, difficile scegliere, forse sarà ripartenze e corpo a corpo, dai ragazzi non molliamo, crediamoci, torniamo a casa, la nostra europa. forza samp. ciao andrea, buon lavoro.

  42. Paolo1966 ha detto:

    Magari se una delle occasioni sciupate la avessimo concretizzata oggi si parlerebbe di modulo da perfezionare (belin le occasioni sciupate gridano vendetta).
    E’ pero’ vero che giocare con quattro punte non e’ semplice, ma almeno le quattro punte devono essere ognuna nel suo ruolo, mentre invece i nostri erano un po’ “assemblati”… col paradosso che nessuno stava in area e tutti si pestavano i piedi. Magari era meglio evitare esperimenti proprio ora…
    Sinisa mi sembra sia stato colto dal raptus di sentirsi obbligato a far giocare tutti, posto che i suoi insostituibili sono Eder e Okaka, perche’ si fanno il mazzo, poi Eto’o’ giocoforza con quello che fa deve gioocare e per ultimo Muriel che e’ il prospetto piu’ importante.
    Pero’ mettendoli tutti insieme ha creato anarchia e confusione, oltre tutto in una partita in cui gli spazi erano intasati regalando a Volte e Lucchini (…) dei punti di riferimento.
    Paradossalmente poteva convenire giocare così a Milano col Milan, che di suo fatica a far gioco e dietro e’ imbarazzante.
    La base deve essere il 4 3, poi si puo’ giocare il 4 3 3 o il 4 3 1 2. A mio avviso dovrebbe giocare con Eto’ falso nueve e Eder (che alla lunga a fare il maratoneta perde lucidita’) e Muriel (che non puo’ fare l’ala neanche volendo) a spaziargli vicino, con alle spalle la protezione di un trio di centrocampisti che puo’ essere piu’ (Soriano) o meno (Acquah) offensivo. Ci sarebbero piu’ spazi, imprevediblita’ ma equilibrio.
    Il suo pupillo Okaka serve a far salire la squadra ma per la sua mole e il suo gioco (ferma la palla, si gira aspettando il fallo o facendo perno sui difensori per andarsene) rallenta l’azione e non ha l’istinto del bomber.

    Abbiamo ancora un po’ di margine, ma i due punti di Sabato (che vengono dopo i due sciupati a Milano) restringono notevolmente il margine di errore. Ora siamo costretti a far risultato a Napoli che e’ rientrato in forma e oltretutto ha gia’ chiuso la pratica EL

    Una chiusa X Lollo: da difensore che non ha nel tocco la sua dote migliore… ti sei dimenticato la massima che prevede, ove tu voglia tirare sul secondo palo di mirare il primo…noi coi piedi quadrati dobbiamo fare così, e’ un metodo infallibile…

  43. Kalamazoo ha detto:

    Non è una novità pareggiare in casa con squadre sulla carta più deboli. Contesto però la formazione.Le squadre devono prevedere difensori centrocampisti e attaccanti in giuste proporzioni. Mettere 4 punte e fargli fare i terzini non lo capisco! Quattro difensori, quattro mediani con diverse caratteristiche,e due punte vere….che fanno le punte.
    Raramente ho visto squadre che aumentando il numero delle punte siano riuscite a dare più incisività all’attacco.Anzi a volte per fare questo perdono la partita!
    Se Sinisa se ne va mi dispiace …ma faccia attenzione a scegliere la squadra giusta e la piazza giusta!
    Ferrero ed il suo staff faranno la giusta scelta.
    Siamo sinceri…Sinisa ha fatto miracoli ma bel gioco ne ho visto poco ed a volte atteggiamenti ed errori tattici clamorosi. Vedi con il Chievo o con il Torino.
    Quindi grazie Sinisa ma se vuoi andare vai….a parte che non amo chi dice che desidera una grande squadra da allenare…la Samp è una grande questo è quello che deve dire!
    Ciao a tutti! A,

    • moussa dembele' ha detto:

      Mi hai rubato le parole di bocca. Che faccia attenzione alla piazza che sceglie, perché in certi posti ci hanno dato delle facciate allenatori piu’ preparati di lui, penso a Mazzarri o lo stesso Benitez.
      Comunque, se andasse, non lo biasimerei. La vita dell’allenatore non è semplice. Un anno sei un genio, quello dopo sei un asino e non sempre per tuoi meriti o colpe specifiche. In campo ci vanno i giocatori, le squadre spesso le fanno altri. Quindi questo è il suo momento per provare a misurarsi con il Napoli, il Milan o quello che gli pare a lui. Come minimo si becca il doppio di ingaggio, può correre il rischio.
      Che non si faccia rimontare dai bibini pero’, perché non ha una squadra scarsa, tutt’altro. Le soluzioni che ha lui a disposizione quelle che seguono in classifica non c’è le hanno ed il sesto posto lo deve mantenere.

  44. vincenzo ha detto:

    Malgrado il pareggio con il Cesena sono fiducioso per il futuro.
    Correa ha fatto vedere ottime cose.. e soprattutto: dietro di noi vanno piano quindi si tratta di gestire la situazione (i punti) senza farsi prendere dalla paura e/o dal timore di non farcela, in primis noi tifosi.. . Secondo me non sarà necessario fare tantissimi punti per arrivare sesti (o quinti) e andare in Europa.. .

    Forza Sampdoria

  45. Marco - Verona ha detto:

    Quando Sinisa ha annunciato che avrebbe fatto giocare 4 punte pensavo che fosse una mossa di pretattica. Ed invece lo ha fatto davvero e appena ho visto cosa combinavano in campo, ho subito pensato che stavamo dando un vantaggio a Di Carlo. Il centrocampo è la chiave del successo di una squadra. I migliori stavano altrove e non in campo (Obiang e Palombo a parte). E’ vero che siamo stati oltre che imprecisi anche un po’ sfortunati, tuttavia certe partite in casa non si possono regalare agli avversari. E questa volta Sinisa ci ha messo del suo. Spero solo che a Napoli si faccia tesoro dell’esperienza. Forza Sampdoria sempre!!!

  46. Marcob ha detto:

    Andrea dice giustamente che contro squadre chiuse facciamo fatica. E’ vero ma è vero anche che contro grandi, o presunte tali (Inter e Milan), giochiamo dentro al fortino e normalmente ci prendono a cazzotti, questo vale sia che si vinca (Roma, Inter) o si perda (Lazio, Torino, Fiorentina). Quindi per fare una bella partita, mi viene spontaneo pensare dobbiamo trovare squadre mediocri che giochino aperto (ma se ricordo contro Atalanta, Sassuolo e Udinese, almeno per un tempo, ci hanno massacrato). Dobbiamo renderci conto, una volta per tutte che abbiamo una ottima difesa, un buon centrocampo quando deve contenere, siamo la squadra peggiore del campionato però in quanto a capacità di creare gioco, tant’è vero che nel ruolo di regista siamo costretti a sacrificare Eto’o. Davanti abbiamo buoni giocatori ma che vedono la porta poco (Eder, Muriel) o niente (Okaka, Bergessio), l’unico sarebbe Eto’o ma ho già detto cosa è costretto a fare. Va anche detto che ieri, nello specifico, hanno fischiato un fuorigioco a Okaka solissimo davanti al portiere, inesistente di due metri (poi magari avrebbe sbagliato) e non hanno invece fischiato un rigore di Lucchini su Eder che era da didattica al corso per arbitri!

    • andrea.lazzara ha detto:

      Si, la Sampdoria fa, effettivamente fatica a costruire gioco anche perchè non c’è un vero “creatore”. L’arrivo di un giocatore come Barreto che ha caratteristiche “plausibili” in questo senso, nella prossima stagione dovrebbe sopperire a questa mancanza.

    • gianni ha detto:

      e si, facciamo schifo, ci hanno massacrato atalanta, cagliari,cesena,chievo,empoli, fiorentina, genoa (silvestre salta davanti a perin!!!!) inter,juventus,lazio,milan,napoli,palermo,parma,romasassuolo,torino e udinese; abbiamo limiti strutturali, eder non va mai in doppia cifra, i 50 punti sono scandalosi, l’effetto mihajlovic sta svanendo etc etc…
      e SOPRATUTTO i punti di vantaggio restano sei.

      • Marcob ha detto:

        Ma tu che campionato guardi?

        • gianni ha detto:

          Io guardo la Sampdoria. Tu?

          • Marcob ha detto:

            Io guardo Samp e tanto calcio e mi rendo conto che c’è anche altro, vabbè essere tifosi, ma “tutto va bene sempre a prescindere” credo sia chiedere troppo ad un tifoso ma anche appassionato del gioco del calcio!!!

          • gianni ha detto:

            tra l’altro ti riempi la bocca con il gioco delle altre squadre (tutte danno spettacolo, immagino, a cominciare dai cugini, piccolo barcellona per qualcuno) ma poi il metro di paragone se non ricordo male erano i due gol di cassano al chievo…
            ma si sa che la lingua batte dove fa più male.

      • gianni ha detto:

        invece scrivere che facciamo schifo a prescindere ti rende un grande tifoso; ti stai arrampicando sugli specchi, fai pure.

        • Marcob ha detto:

          La parola “schifo” non mi risulta averla mai usata, ma si sa, non c’è peggior cieco ecc. ecc. ecc.! A proposito una domanda: comprendi bene l’italiano?

          • gianni ha detto:

            e certo, a tuo dire ci massacrano tutti ma la parola “schifo” non l’hai mai usata e quindi va tutto bene; da quanti anni consecutivi sei campione di arrampicata sugli specchi?

    • Paolo1968 ha detto:

      A proposito di arbitraggio, che ci abbia o meno svantaggiato (io non credo, ma su Eder, in effetti…..), faccio una domanda a tutti: può un arbitro fermare un’azione quando il pallone è di una squadra per soccorrere un giocatore della squadra avversaria e alla ripresa del gioco, visto che non si presenta nessuno della squadra con il giocatore a terra, passare direttamente il pallone al portiere di quella squadra con un passaggio di 15 metri, senza rispettare la rimessa in gioco a due (che tra l’altro era nostra…)?????
      O non ho capito niente io?

    • Gipo Samp ha detto:

      Marcob sottoscrivo 100%

      La tua analisi è da incorniciare e da mettere sul comodino di quelli che va sempre tutto bene e per i quali Mihajlovic è un fenomeno. Peccato che il raffronto con lui viene fatto con gli allenatori che sono passati dalla Samp negli ultimi anni e che se non erro molti di loro sono ancora disoccupati e vivono dei maxi ingaggi e premi salvezza loro concessi da presidenze abituate al mecenatismo. Luigi Delneri, Domenico Di Carlo (Cesena subentro) Alberto Cavasin, Gianluca Atzori (Sensibile di lui disse che era destinato a qualche Grande. A Milano tremano ancora oggi); Giuseppe Iachini (l’unico al quale dobbiamo riconoscenza e che per qualcuno non andava bene perché gli mancava il profilo internazionale); Ciro Ferrara; Delio Rossi.

  47. Bobo Vero ha detto:

    per me 2 cause :

    1) la Samp ha perso un po’ di intensita’ / cattiveria nelle ultime uscite ;

    2) i nostri attaccanti sono forti nell’aggredire gli spazi, in velocita’.
    Se giocano in 4, tutti gia’ alti, con la densita’ delle 2 squadre nella trequarti avversaria, partono da fermi, diventano “normali” . . . non molto temibili.

  48. aston ha detto:

    Ma mi domando e vi domando: uno come Marchionni, che un passaggio in profondità sino all’anno scorso era capace a farlo,è pensabile che non sia in grado di giocare UN TEMPO in casa contro una squadra che sulla carta è abbordabile?

    a.

    • Paolo1966 ha detto:

      Marchionni nasce come esterno. Poi a Parma si era costruito una seconda giovinezza giocando interno destro. Sinisa lo ha sempre provato centrale al posto di Palombo ma non ha mai convinto. Sinceramente non lo vedo come uno in gradi di cambiare gli equilibri della squadra

    • Stefano_1970 ha detto:

      Credo che lo abbiano preso solo per tamponare la “svista” nell’acquisto di un tal Campana …tornato nottetempo a Oporto ed attualmente autore di sporadiche apparizioni (nella squadra B ovviamente).

      Per il resto ha risposto bene Paolo 1966

  49. Totò Vullo ha detto:

    Qualcuno può rispondere a questa semplice domanda….
    Acquah è completamente fuori forma (totalmente giustificato, visto che è arrivato in finale in Coppa d’Africa) oppure ha litigato con il nostro?

    Riguardo alla telenovela Sinisa resta, Sinisa va: ciao Sinisa, ciao…..

    Sempre forza Doria

  50. gianni ha detto:

    una vecchia massima del calcio recita “non è detto che mettendo più punte si segnino più gol” e purtroppo è andata proprio cosi’; spazi troppo intasati, zero sfruttamento delle fasce e non si può sempre pretendere di andare in porta con il pallone.

  51. roby 66 ha detto:

    Carissimo andrea, ti devo smentire x cio che hai scritto, barreto e un cursore capace di attaccare gli spazi nel centro sinistra in fase di possesso, catturatore di palloni in fase di nn possesso, discreto giocatore anche di eta, colui che deve costruire con tecnica e rapidita’, va ricercato urgentemente!!!x quanto risposto da un fratello blucerchiato in merito al fatto che sei di parte, voleva dire che il tuo modo di esprimerti cerca di mediare e nn fare una critica piu severa!!

    • andrea.lazzara ha detto:

      Sarò distratto e soprattutto, come tu mi rimproveri spesso, ignorante tecnicamente. Barreto l’ho visto adattato(forse questo si, adattato), spesso anche in un ruolo più costruttivo. Anche qui a Genova dove ha giocato benissimo. Io cerco di mediare per carattere, la critica più severa, nei limiti dell’educazione la lascio a voi. Però una considerazione: se non approvi nulla di quello che scrivo, se sono scarso, ignorante calcisticamente, poco interessante ecc…perchè scrivi? Perchè è una vetrina che ti permette di metterti in mostra visto che è molto seguita? Stai tranquillo, potrai continuare a farlo. Per carattere tendo a mediare, giusto? E allora..mediamo. Se non offendi nessuno, manco me, scrivi pure. Viaggio a una media di 10 post cancellati..al mese. Però, questa cosa, perdonami, mi fa sorridere. Buona serata Roberto.(ps scusate la piccola digressione semi personale, non succederà più)

      • robmerl ha detto:

        barreto l’ho visto contro il milan e mi sembra un onesto pedatore senza colpi di genio. a noi serve un uomo dell’ultimo passaggio, e forse ce l’abbiamo già: correa, se impara a darla di prima e a dribblare solo quando è indispensabile. Per me è un fuoriclasse potenziale

        • andrea.lazzara ha detto:

          Se devo dire, a me Correa non è dispiaciuto troppo sabato. E’ vero, tendenza a tenere palla più del dovuto(imparerà che in Italia così non si fa, speriamo) ma tecnicamente si vede che il giocatore c’è.

  52. ekiko ha detto:

    Buonasera Andrea e a tutti Voi,
    ma siamo così sicuri sulla “convenienza” della partecipazione eruropea ?
    Con quale allenatore ? E quanti giocatori si dovranno acquisire, considerando prestiti, rinnovi, comproprietà ? Questa situazione mi ricorda per certi versi quanto accaduto qualche anno fa: un buon terzo finale di campionato, la quasi qualifica alla Champions,un nuovo allenatore, un nuovo portiere, qualche giovane promessa e …
    Credo che occorra più continuità di personaggi, a cominciare dall’alto .
    Godiamoci quanto stiamo vivendo, lasciamo maturare senza fretta i giovani arbusti e sopratutto continuiamo così, mantenendo posizione e immagine. Ricordiamoci quanti anni ha impiegato il nostro amato Presidente Paolo a creare l’eredità di cui ancor oggi beneficiamo. E un giorno la Gazzetta gli dedicò un articolo: questo presidente farà frande la Samp. E così è stato.

    • Stefano_1970 ha detto:

      @ ekiko

      Conviene partecipare perché il parco giocatori se si esprime bene aumenta il proprio valore e gli investimenti, se azzeccati, aumentano il valore aggiunto (la plusvalenza) in caso di cessione.

      Qualificarsi non significa partecipare ad una competizione per vincere. Ma certamente é un occasione per mettersi in vetrina e fare esperienza (non solo per i giocatori ma anche per chi deve gestirli).

    • Doria65 ha detto:

      Ma si,giochiamo a perderle tutte allora….
      La volpe e l’uva…

  53. El Cabezon ha detto:

    Tra le prime 12 siamo la squadra che ha segnato meno di tutte dopo il Torino, direi che se l’anno prossimo vogliamo provare a migliorare sarà necessario intervenire anche nel ruolo del…delantero, ci vuole un attaccante da almeno 15 gol a stagione, a meno che non ci sia l’intenzione e il progetto di provare Muriel nel ruolo di prima o eventualmente seconda punta a seconda del modulo che sarà adottato…

  54. massimo ha detto:

    scusate ma non mi è ancora chiaro se arrivando sesti abbiamo la matematica certezza della EL. Consideriamo che Juve,Roma e Lazio vadano in CL, Napoli e Fiorentina in EL. rimane il posto che viene assegnato dalla Coppa italia: Juve e Lazio entrambi sono in CL quindi chiunque vinca non va in EL; il posto si libera per chi?? la sesta in classifica??

    c’è poi una ulteriore casistica nel caso in cui il Napoli (o la fiorentina) vinca la EL: in questo caso va in CL, e si libera un ulteriore posto in EL? chi ci va? la settima??

    insomma che rischi abbiamo di non andare in EL? (a parte il caso che le inseguitrici ci raggiungano, ma sarebbe un vero suicidio..)

    • giovanni ha detto:

      Secondo quanto precisato durante una conferenza stampa del segretario UEFA Gianni Infantino, ci sarebbero novità riguardo alle qualificazioni per un posto in Europa nel caso un’italiana vinca l’europa league:

      Caso A (vince un’italiana che in campionato si qualifica in Champions): Rimangono 3 in Champions, 3 in Europa League. Non cambia nulla.

      Caso B (vince un’italiana che in campionato si qualifica in Europa League): La vincitrice va in Champions ma non viene sostituita in Europa League. Quindi 4 in Champions e 2 in Europa League

      Caso C (vince un’italiana che in campionato non si qualifica per nessuna coppa): La vincitrice va in Champions e si aggiunge alle tre del campionato. Le qualificate all’Europa League rimangono tali. Quindi 4 in Champions e 3 in Europa League. Questo è l’unico caso nel quale avremmo 7 italiane nelle coppe l’anno prossimo.

      in finale di coppa italia ci sono juve e lazio che finiranno davanti quindi non esiste il problema della qualificata in più magari 15esima in campionato che toglieva il posto alla sesta.
      L’unica cosa è che a fare sesti cominci davvero prima perchè si parte con due turni di qualificazione per arrivare ai gironi…insomma meglio quinti che sesti, meglio quarti che quinti perchè saresti già ai gironi…

      • andrea.lazzara ha detto:

        Si, il meccanismo è questo. Ed è anche vero che il sesto posto ti obbligherebbe a un primo preliminare a fine luglio e un secondo a fine agosto.

        • giovanni ha detto:

          andrea, guardo la classifica mi rileggo il meccanismo della qualificazione e mi sorge un dubbio da fantacalcio: la fiorentina guardacaso favorita nei quarti di coppa si inceppa, perde con il verona in casa, magari va in “crisi” e finisce settima, ma punta decisa e vince l’europa league (spero in una finale italiana con il napoli magari già terzo, con aiutino, così tanto per ri”mediare” la coppa italia dell’anno scorso scarsamente giocata a roma…) e nemmeno si ricorda la posizione del campionato perchè va in champions…; sesta posizione a sto punto a tiro di una rimonta per l’inter (-7), o il milan (-6) ancor più che per piccioni o granata più vicine in classifica (-5), perchè si sa che le meneghine sono più facilmente aiutate dalla… buona sorte (gol annullati da un arbitro che due settimane prima non aveva visto la stessa trattenuta a metà campo da possibile rosso, rigori (9 fav/3con al milan 5fav/4con all’inter che però ne ha parati 4 con handanovic; samp 2fav/5con) e rigorini anche al 90′, film già visti no?) che così salvano la stagione…, senza pensare che magari una squadra che porta colori sgargianti e solennemente maravigliosi, che notoriamente non è amata a palazzo, magari viene come dire…infastidita… da cervellotiche decisioni arbitrali (trattenute, fuorigioco, rigorini)…per vedere un pò se decide di rientrare nei ranghi che le competono e magari fa passare i due squadroni milanesi… sempre fantacalcio parlando deve restare ci mancherebbe….non so, oggi sono complottista e me la sento colare, ma annuso in giro, sento radio e tele calcio milano, presidenti nuovi, investimenti miliardari, cinesi, stadi da urlo ‘expo…, sarà fantacalcio, ma direi che è bene vigilare…tante volte a pensare male si fa peccato….ma io ricordo ancora lo spareggio uefa a torino dopo che avevamo pettinato il milan 2/2 in campionato al primo anno di berlusconi…perdonami, farei meglio a pensare che come dice il mister è tutto nelle nostre mani e se facciamo punti salutiamo la compagnia… un abbraccio andrea

  55. ale ha detto:

    Grande Hellas!

    Bravi! Grande partita. Alla fine il pareggino col Cesena ci costa poco! Grande Nicolini!

    Avanti Sampdoria!

    • andrea.lazzara ha detto:

      Però dai, un pò di rammarico ti viene. E’ inevitabile…

      • Paolo1968 ha detto:

        Verissimo, Andrea… ma pure a Firenze qualche moccolo sarà sceso….
        Ribadisco che questo è uno dei campionati di serie A più scarsi visti da quando vado allo stadio.
        Qualcuno direbbe livellati: sì, verso il basso.

        • Bulgaro ha detto:

          Può essere, ma i fatti dicono che da anni non portavamo cosi avanti tante squadre in europa, al momento ne abbiamo 3 su 16 ancora in corsa e con tante possibilità di diventare 3 su 8 …
          In realtà secondo me piu che scarso il campionato ci sono realtà che non hanno reso come dovevano (Roma, Napoli per colpa delle coppe e le milanesi) ed altre effettivamente inadeguate (Cesena e Cagliari) o con problemi societari (Parma) che hanno destabilizzato la classifica (cosa di cui noi abbiamo beneficiato).
          Se tutti avessero reso per il valore della rosa noi saremmo probabilmente ottavi o noni dietro alla corazzata Juve, Roma e Napoli, Lazio, Fiorentina, Inter e Milan a discutercela con Toro e quelli di là.

          • Paolo1968 ha detto:

            Se il calcio fosse matematica, dove la somma non cambia con il cambio di posizione degli addendi…..Comunque concordo con la tua analisi, salvo per le milanesi: secondo me la loro rosa è più scarsa della nostra.

          • Fra Zena ha detto:

            concordo in parte! Secondo me il calcio italiano non è così inferiore ad altri tecnicamente, ma soffre di alcuni problemi: 1) mancanza di squadre “top” di livello Europeo (tipo Real-Barcellona-Bayern) che portano campioni e visibilità 2) cultura sportiva che porta a privilegiare il risultato prima del gioco, con conseguente difensivismo, ritmo spezzettato e nervosismo esagerato 3) estetica inaccettabile, soprattutto per via di stadi troppo grossi (Roma, Napoli, Verona…) o che sembrano di categorie inferiori (es. Empoli) 4) eccessiva lunghezza e troppe squadre che non si giocano nulla già a inizio aprile (ma che fine hanno fatto le lotte salvezza da infarto che ricordo negli anni ’90?). Ovviamente sono tutte cose concatenate fra loro, secondo me già ridurre il numero di squadre da 20 a 18, con conseguente concentrazione del talento e riduzione del numero delle partite infrasettimanali, sarebbe un’ottima idea. Vediamo cosa dicono le tv, la vedo male…

          • Bulgaro ha detto:

            @Paolo1968: Anche le loro rose sono superiori alla nostra, hanno reso molto meno, ma Icardi, Palacio, Ranocchia, Handanovic, Shaquiri da un lato, Destro, Cerci, Menez, Honda, Abate o Lopez dall’altro integrati con dei calciatori di valore, ma probabilmente depressi dall’ambiente (Alex si giocava la Champions League con Chelsea e PSG o Rami oppure Rami, nazionale francese e carico di esperienza internazionale, Podolski campione del mondo … …)
            Il valore POTENZIALE della rosa, euro piu o euro meno, lo valuti con il monte ingaggi e le milanesi ci stanno sopra anche di 3 volte.
            La vera differenza, al netto delle ultime belinate, l’ha fatta l’allenatore da una parte e la società dall’altra 2 elementi che a milano sono mancati quest’anno.
            Ovviamente è un opinione la mia, non ho controprove, ma ne sono abbastanza convinto.

            @Fra Zena: i top club sono una conseguenza di un campionato sano e moderno (vedi la rinascita del Bayern assieme a quella delle squadre tedesche dal 2000 ad oggi con una ristrutturazione seria del calcio incidendo su vivai, stadi, finanza hanno ricostruito tutto il movimento in meno di 10 anni) oppure dell’intervento di gente piena di palanche e questo non è un gran bene per il calcio nazionale, ma quei club (finchè durano) se la passano alla grande … tralascerei 2 realtà molto particolari che sono Real e Barcellona che rappresentano un conflitto nazionale che và oltre il calcio.
            Concordo sulla riduzione del campionato a 18 squadre, il problema però non sono le TV, ma la Lega a parer mio che se invece che 1 miliardo e 200 milioni si vede offrire 1miliardo e 100 milioni perchè si gioca di meno, va in fallimento ….
            Però riformare il campionato non è sufficiente, vanno in primis riviste le gestioni dei vivai, il numero massimo di giocatori in rosa e di quelli tesserabili, rivedere tutta la struttura professionistica, insomma meno squadre e piu qualità e magari dei campionati per squadre B in aree geografiche contenute per non dover spendere troppo e permettere ai giocatori di non perdere il ritmo partita. Secondo me gli stadi sono sicuramente un valore aggiunto per le società, ma se li fai senza aver prima rivisto la struttura dell’intero movimento servono solo a nascondere i problemi …
            Comunque non c’è problema perchè sono tutte cose che si scontrano con l’avidita e la poca lungimiranza della lega e della FIGC e quindi non si faranno mai …. il problema per loro è la gol line technology ….

          • Paol1968 ha detto:

            Scusa Bulgaro, ma secondo me Eto’o, Muriel, Eder, Romagnoli, Silvestre e Viviano valgono quelli da te menzionati (tra cui alcuni considero piuttosto pippe, tipo Ranocchia…)

      • ale ha detto:

        Vero vero, Ma preferisco guardare al futuro che rimpiangere un passato che non si può più cambiare.

        Dai ragazzi!

        Avanti Sampdoria!

      • Bulgaro ha detto:

        Vediamo a fine campionato i 4 punti lasciati tra andata e ritorno col Cesena e i 2 di Cagliari (senza fare troppi altri conti, queste erano partite da vincere) cosa ci costeranno … ad oggi saremmo stati quasi matematicamente in coppa e con la possibilità ancora viva di prendere il bersaglio grosso.

        • nello ha detto:

          E pensa al pareggio del napoli al 92esimo……..

          • Bulgaro ha detto:

            Se le pensi tutte finisci quasi a punteggio pieno … però alcuni punti per strada non li puoi perdere proprio se vuoi studiare da grande … e quelli contro cagliari e cesena sono tra quelli.
            Gli altri si compensano con quelle partite dove hai portato via punti e magari non li meritavi (vedi il Palermo ad esempio …)

  56. Michele G. ha detto:

    Il mio commento a questa partita si può riassumere in due parole: delusione e rabbia. Delusione per come è stata preparata la partita e rabbia per i due punti gettati al vento, che si sommano ad altrettanti buttati via a Milano. Con 4 punti in più in saccoccia, a quest’ora la qualificazione in Europa sarebbe già in cassaforte. Ed invece, siamo qui a temere il riaggancio di chi ci segue in classifica. Dovendo affrontare ancora le prime della classifica che, Juventus a parte, si stanno ancora giocando l’Europa che conta, potrebbe rendere complicata la nostra alla competizione europea, sia pure quella minore. Badate che il mio non è pessimismo, ma consapevolezza di una possibile involuzione di squadra ed allenatore, il quale, quest’ultimo, ha già la testa da qualche altra parte; atteggiamento pericoloso per lui stesso. Da quando gli hanno detto di essere ambito dalle cosidette grandi, mi sembra voglia un pochino strafare, sbagliando in tal modo le partite, come quella con il Cesena, appunto. Se proprio volesse stupire i suoi probabili prossimi datori di lavoro, potrebbe provare a fargli lo sgambetto all’ombra del Vesuvio, ma con un atteggiamento più “intelligente” di quello mostrato con i romagnoli Sabato scorso. Nulla è perduto. Avanti Doria!!!

  57. matteo84 ha detto:

    buongiorno
    la mia rabbia dipende solo dal fatto di aver pareggiato con una squadra allenata da di carlo, per il resto la cabala col cesena diceva pareggio e purtroppo cosi è stato e poco importa se abbiamo fatto 18 tiri con 10 occasioni nitide da gol(pari pari all’andata), il calcio è questo c’è poco da fare quando non deve entrare non entra, noi per primi lo sappiamo (vedere roma sampdoria 2010 o 2015), certo per come sono andate le partite di tutte le nostre dirette concorrenti viene da mangiarsi le mani, ma poi vai a vedere la classifica e scopri che il pareggino col cesena ci ha regalato un punto in più sulle inseguitrici non so voi ma a me un piccolo ghigno mi viene……..
    per favore cerchiamo di non cadere nell’ IPER-CRITICA contro l’allenatore, sono d’accordo sul fatto che abbia commesso degli errori, però uno le prove prima o poi le deve fare e col cesena in casa era un ottima opportunità per vedere Eder Eto’o Muriel Okaka insieme non è che ha messo 4 panchinari di fine stagione giusto per farli giocare,certo è finita 0-0 ma non si può dire che non hanno creato e comunque grande dose di sfiga, 9 su 10 partite cosi finiscono 3-0, sicuramente da rivedere i calci d’angolo,comunque alla fine secondo me non è una tragedia e non cestinerei questa formazione, anzi sarò matto ma mi piacerebbe rivederla domenica col napoli……..

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      matteo spesso mi trovi d’accordo con te ma a napoli andiamoci con il 433 collaudato e non senza centrocampo. loro sono veloci e tecnici e già sarà dura se si mette la squadra in modo equilibrato. per parlare di calcio io la metterei cosi ma so che palombo per sinisa è imprescindibile e lo posso anche capire dal suo punto di vista anche se acquah oggi è molto più forte. se poi mi si parla d’esperienza sono d’accordo ma sino ad un certo punto visto che questo ragazzo ha fatto la finale di coppa d’africa ed è stato tra i migliori e qui dopo poco giorni giocò un derby straordinario.

      viviano
      de silvestri silvestre romagnoli regini
      objang acquah (palombo) soriano
      eto muriel eder

      so che metterà palombo, io da tifoso metterei acquah ma va bene lo stesso. l’importante è mettere una squadra che abbia un centrocampo e una difesa solidi e poi sfruttare coi tre davanti la velocità di muriel nei 30 metri e non negli 80! eder un po più coperto e eto che può svariare ma anche lui con un po più di coperture. una squadra così la vedo molto più equilibrata ma anche molto offensiva. hai tre attaccanti e soriano e già andare a napoli così non è poco. per quanto riguarda le critiche al mr anche io credo che lo si possa criticare sulle partite sbagliate e lo faccio ma che il saldo sia ampiamente a suo favore questa stagione. detto questo sapendo ormai la tifoseria che se ne vuole andare e certe dichiarazioni sulla sua ambizione di allenare grandi squadra lascia noi tifosi un po con l’amaro in bocca. va apprezzato per la sincerità e questa è una dote non un difetto ma ovviamente un po di fastidio lo si prova. tuttavia essendo un professionista se e quando passa il treno lo deve prendere e lo capisco. se vai ad allenare oggi il napoli alzi il tuo target e obbiettivi e questo è inngabile. gli arrivasse il manchester ovviamente il napoli sarebbe come ora la samp. è tutto relativo. sinisa deve completare solo l’opera e portarci in europa. così avrebbe fatto una grande stagione. si calasse troppo alla fine tutto verebbe ridimensionato perchè alla fine se fai settimo ottavo fai più o meno quello che sarebbe il reale valore della squadra che è li li col genoa superiore al toro un po inferiore per rosa all’inter e mica tanto al milan. se fai quinto o sesto invece fai di più come è stato fatto fino ad ora. comunque sia la società si è vista valorizzare tanti giocatori questa stagione grazie al mr. e questo è comunque già un risultato che permetterà di fare mercato con una cessione e anche con le scadenze di contratti onerosi come romero, delio rssi etc. si completasse tutto quanto di buono fatto con un quinto sesto posto sarebbe una grande stagione. A me mihalovic lascerà ottimi ricordi da mr, ma a volte i cicli finiscono presto e questo credo sia il caso. basterà ripartire da un mr valido che veda la samp come una tappa importante e non un passaggio (come ha fatto sinisa legittimamente). Sarri mi piacerebbe, Iachini molto e anche Mandorlini che comunque a Verona ha fatto benissimo con squadre non certo fenomenali. anche quest’anno con qualche vecchietto e poco altro si è salvato con anticipo. ha poi allenato all’estero e avrebbe Nicolini cuore samp come secondo. anche lui mi piacerebbe.
      io sono fiducioso e spero in un finale che ci permetta di mantenere le posizioni attuali tra quinto e sesto. un crodiale saluto

      • mauro sampbolzano ha detto:

        Pedro al centro,Duncan a sinistra e Acquah a destra questo per me è il vero centrocampo Samp,due esterni con piedi buoni gran tiro e tanta corsa,con pedro centrale dietro a ,Samuel, cosa ne dite

      • matteo84 ha detto:

        ciao Massimo buongiorno,
        ti dirò, Palombo a mio avviso si è meritatamente conquistato la fiducia di Michajlovic e un posto da titolare inamovibile, la sua presenza è molto importante in campo, io di uno che ci mette anima e corpo come Angelo non mi priverei tanto facilmente, e poi dai ammettiamolo il capitano quest’anno ha fatto una gran stagione non lo puoi tener fuori proprio ora, purtroppo però abbiamo anche il buon Afriyie che in effetti è tanta roba, anche a me piace è un gran bel giocatore(3 milioni da riscattare subito), io a questo punto rinuncerei a Soriano (mi dispiace ma non mi piace come giocatore, tutti ci vedono qualcosa ma io….niente) e metterei Acquah Palombo e Obiang in mezzo con il tridente Eto’o Muriel Eder, ho visto che hai messo Regini non so, Mesbah si sta comportando bene e secondo me ha un gioco più rapido rispetto a Regini, e poi all’andata ha annullato Callejon e Maggio……………..
        comunque dai non cestiniamo il 4231 se non sbaglio è il modulo che predilige Sousa nostro futuro allenatore, la base c’è e pure buona direi, anche se sono convinto che Sinisa in fondo potrebbe rimanere un altro anno, perchè non credo che il suo ciclo sia arrivato alla fine, dopotutto ha creato un gruppo molto motivato che lo segue ciecamente, ha una società che fa mercato e che cerca di accontentarlo al 100%, c’è una buona base su cui lavorare anche il prossimo anno e nel frattempo può crescere anche lui come allenatore, perchè diciamolo se va al napoli ora con il tipo di gioco che ha lo esonerano dopo 3 mesi, quindi se è uomo intelligente continua alla sampdoria un altro annetto, comincia a migliorare la fase offensiva e lo può fare con gente che già conosce e oltretutto sono giocatori di buonissima qualità, lo può fare in un ambiente sereno senza troppe pretese(magari una coppetta italia non mi farebbe schifo ma fa lo stesso), e solo dopo aver fatto un altro anno con la sampdoria da prime 8 posizioni e delle buone coppe allora se ne può anche andare in un altra piazza………..
        la logica secondo me dice che è meglio crescere nel progetto samp e far crescere il progetto samp, perchè è vero che gli offrono di più ma magari pretendono anche di più, e inoltre lui andrebbe in piazze molto poco serene con grandi pretese…….un grande mister secondo me deve sapere quando è davvero il caso e il momento di lasciare una squadra per un’altra e questo secondo me non è il momento di lasciare, comunque vedremo che tipo di uomo è Michajlovic se preferirà i soldi o una sfida che potrebbe essere davvero avvincente………se sei un grande e credi di essere un grande rimanere non sarebbe come perdere un treno, anzi semmai te ne assicuri uno meglio dopo…….
        i nomi alternativi che hai fatto ti prego no, non credo che si possano permettere la nostra squadra a parte Beppe, e comunque ci serve un profilo che sappia gestire bene la squadra specie se deve fare la preparazione anticipata visto che si spera di andare in europa e quindi ci sono i preliminari di EL da fare, a me piacerebbe Villas Boas, ma so che sto sparando alto, Sousa sembra un buon profilo sembra, poi non si sa mai, Di francesco troppo timido, Sarri è un altro da pareggite ma con l’empoli sono come vittorie, però non mi convince, Mandorlini idem, Colantuono no grazie, Mazzarri ahahahah anche no, Del neri NO e non abbiamo giocatori da 442, potremmo puntare su Spalletti, ma penso costi troppo, Donadoni potrebbe essere una scelta, ma non riscuote molto successo, ridendo e scherzando potremmo buttarci su Seedorf chissà magari lui potrebbe essere una sorpresa……..
        comunque credo che prima di pensare al toto-allenatore c’è un campionato da finire e c’è un europa da ritrovare, servono almeno 10-11 punti, come e con chi non importa ma vanno fatti, sarebbero belli 3 punti domenica sera, pura utopia, ma cavolo ci voglio credere…..poi vada come vada l’importante è uscire a testa alta……
        ti saluto Massimo

        • Massimo Pittaluga ha detto:

          ciao matteo, sono d’accordo che ormai si debba andare in fondo con palombo. che ci metta l’anima non ho mai dubitato, che abbia fatto una stagione sufficente anche, che ci possa essere un centrocampo senza di lui più fisico e tecnico anche. pedro nel mezzo acquah soriano mezze ali o duncan senza scordarsi rizzo, credo tutti più dinamici e molti anche più tecnici. comunque non è palombo il problema principale. secondo me torna a un centrocampo a 3 e un tridente difensivo davanti con eder eto e spero muriel con i due che tornano e si sfrutta la velocità di muriel per i contropiedi. su mihalovic rimanesse saei contento ma sinceramente i segnali mi sembrano diversi e lui mi sembra da tempo voler andare. sul profilo sai è tutto relativo. quando è arrivato qui sinisa arrivava da una mancata qualificazione con la serbia e da esoneri in serie. ora è sulla cresta dell’onda e se arriva il napoli con una squadra forte e tanti soldi per lui lo capirei. anche io vorrei un allneatore di alto profilo ma il dicorso che valeva per iachini (gli hanno dato una squadra disceta e ha fatto bene anche in A) vale anche per mandorlini e sarri. credo che l’importante sia avere un bravo allenatore che veda la samp come un traguardo importante e non come un passaggio (come ci vede sinisa legittimamente). sarri fa giocar bene ma se davanti ha attaccanti di 40/45 anni tra un po come me ci vuole mago zurli a fare tanti gol. sul mr non mi fascerei la testa. Abbiamo ancora 7 prtite di cui 3 difficilissime ma abbiamo anche 6 punti sulle settime e anche loro non hanno un calendario agevole. credo che il sesto posto lo si raggiunga con 11/12 punti perchè le altre dovrebbero farne 17/18 su 21. anche il punticino risicato a napoli e con juve e lazio potrebbe fare alla fine la differenza vincendo 2 o 3 gare poi con quelle abbordabili. finale difficile per noi ma non solo per noi. un cordiale saluto e comunque a prescindere stagione ottima.

  58. Daniele da Rapallo ha detto:

    Meno male che anche la Fiorentina ha fatto un signor passo falso, non siamo gli unici; il calci è fatto così. Pe l’eventuale europa league ricordiamoci che a seconda della posizione in cui arrivi cambia la preparazione e la menata estiva che devi fare…

  59. P.SOLARI ha detto:

    Eh si, grazie Hellas ! E pure grazie Iachini, sempre piu’ uno di noi .
    Per l’ Europa con il sesto posto ci sarebbero i preliminari, quelli si da evitare come la peste per problemi di preparazione anticipata.

  60. ale ha detto:

    Caro Andrea,
    leggo di un probabile ingresso in società di Alessandro Ruggeri (ex proprietà Atalanta)
    Cosa ne sapete?

    saluti

  61. Bobo Vero ha detto:

    Andrea,

    gentilmente news su Alessandro Ruggeri ?
    investe direttamente, diventa socio ?
    quali progetti : portare nuovo tecnico ? Riorganizzare settore Giovanile stile Atalanta ?

    grazie, ciao

  62. Gipo Samp ha detto:

    Da tempo critico sul blog la mancanza di un gioco propositivo della squadra provocando nel topic precedente le ire di alcuni blogger maîtres à penser del tifo sampdoriano, i quali non controbattevano le mie motivate critiche ma mi bollavano genericamente come realista, pessimista e di essere negativo. Solo dopo il Cesena leggo con piacere sul blog un aumento consistente di critiche nei riguardi del Mister per i suoi schemi tattici alla Oronzo Canà, per il suo giocatore “fondamentale” Okaka, e per il suo ostracismo verso alcuni ottimi giocatori che tiene in panchina.
    Uno dei miei ricorrenti richiami è sempre stato la distinzione tra i punti classifica conseguiti dalla Samp e la mancanza di gioco. Il calcio è un gioco piacevole a vedersi se espresso in maniera corale tra i vari reparti e se si fanno dei gol, mentre quello di Mihajlovic fa solo punti classifica grazie allo striminzito golletto inventato da singoli giocatori, predilige la fase difensiva e fa spompare gli attaccanti con i rientri per cui finiscono col perdere lucidità in fase di realizzazione.
    Il gioco sparagnino del Mister fa registrare dopo 31 giornate 14 pareggi ed è sulla buona strada per battere il suo record conseguito con la Fiorentina di 15 pareggi nel suo primo anno (fu esonerato dopo due mesi nel secondo). Il PARI come risultato è oggi obsoleto perché andava bene, soprattutto, per le squadre da lotta retrocessione quando la vittoria era premiata con 2 punti, mentre è del tutto inadeguato oggi che la vittoria ne vale 3 e per squadre con ambizioni di coppa.
    Forse col Cesena la palla non sarebbe mai entrata in porta neanche dopo una tre giorni calcistica poiché così stava scritto, ma certamente una gran colpa del pareggio è da addebitare al nostro Mister che schiera 4 attaccanti e per di più uno inutile come Okaka. Un Cesena che viene a Marassi per portare a casa almeno un punto certamente metterà 11 uomini nella propria metà campo puntando sulle ripartenze, e il nostro Mister per fargli un favore mette in campo 4 attaccanti che contribuiscono ad infoltire ancor più gli spazi. Per compiacere Mihajlovic, un certo numero di giornalisti e opinionisti TV, gli hanno confezionato il refrain che Okaka è fondamentale per il suo gioco perché fa salire la squadra e rifiatare la difesa, peccato che Mihajlovic e il suo tattico non abbiano capito che contro il Cesena e in altri casi analoghi precedenti non c’era bisogno di fare salire NESSUNO, ma bisognava cercare di portare degli uomini fuori dalla loro area. Fatto il madornale errore di mandare in campo 4 punte e Okaka, questi andava sostituito subito all’inizio del st poiché come centravanti non possiede: né il colpo di testa, né il guizzo in area, né l’intelligenza tattica (a differenza di Soriano) di capire le invenzioni di Eto’o e non ha assolutamente il senso della rete.
    Leggo con terrore che il Mister potrebbe anche decidere di restare. Spero proprio che ciò non accada e gli auguro per il bene della Sampdoria e delle mie coronarie che possa andare in qualche grande a vincere la CL. Forza Samp non perdiamo l’Europa.

    • Doria65 ha detto:

      Cosa ti dà la certezza che le tue critiche siano motivate? Cioè il tuo ragionamento è: chi non è d’accordo con me non ha motivo per pensarla diversamente da me? E sarebbero gli altri i maître a penser?
      Io credo che ognuno sia libero di pensare come vuole e di controbattere chi non la pensa come lui. Quello che non capisco in tanti di questo blog è la critica a prescindere, e qui pullula di gente che critica a prescindere… Io questa settimana ho criticato perché a mio avviso gli errori di Sinisa sono lampanti, ma se uno la obesa diverso per carità…. Liberissimo…

  63. ambarabaciccicoco ha detto:

    Avrò concessione da parte del moderatore di sorridere ironicamente leggendo molte assurdità (nulla a che spartire con la passione tifoidea ma solo e semplicemente presunzione di capire cose che non sono a portata di esperienza e capacità di qualcuno )?. Partiamo dalla classifica? Bene chi tra i tanti e consetimelo, beceri aruspici di inizio stagione quando il massimo consentito nelle speranze era il quartultimo posto , ha oggi la giusta e corretta posizione di ammettere di aver avuto torto allora e che solo una smodata presunzione consente ancora oggi di criticare? E come fanno quelli che erano pronti a lapidare Ferrero neppure un anno fa se mai avesse venduto Okaka oggi a riempire di contumelie uno che ha davvero poco in comune con Pelè a di certo ha un animus pugnandi che lo fa tenere in considerazione in Premier piuttosto che in Bundes? E che dire di quei pochi o tanti invasati che sabato sera buttavano giù muri a testate convinti di aver perso il treno Europa e che da ieri sera hanno ripreso coraggio nell’esprimere le proprie reiterate idee su un Mihajlovic quando va bene demotivato? Ora mi piacerebbe sapere cosa sta succedendo a Firenze per esempio.. Avevano il colpo in canna ( molto più facile affrontare un Verona
    salvo tranquillo e senza motivazione) piuttosto di un Cesena che si giocava l’ultima fiche , eppure toh siamo nella stessa identica posizione di sabato alle 17,50… Con una partita in meno… E che dire di Roma e Lazio? O quelle squadre sono diverse dalla nostra? Ultima annotazione : possibile che la Samp a parte uno zoccolo duro (fedelissimi, ultras pur con tutte le loro divisioni) abbia a che fare con un tifo criticone quando non supponente e superficiale dove quattro gatti spesso neppure abbonati e comunque di solito accomodati sul divano di casa riescono ad autoproclamarsi veri tifosi blucerchiati?Bene a questi signori sarà bene ricordare gli insegnamenti di Paolo l’immenso ma anche del dott. Mugnaini come del più umile Beppe o del Tamburino… Diversa classe ma stesso amore… Meditate gente meditate…

    • Bulgaro ha detto:

      Veramente, l’unico ad auto-proclamarsi verbo del tifo blucerchiato sei tu ….

      I ti rinnovo l’invito ad aprirti un blog tuo chiamato “Approva il tuo Dio del tifo blucerchiato” ci scrivi i tuoi post e le risposte che non sono: “Solo tu hai ragione o mia luce blucerchiata” li cancelli …

      Secondo me verrebbe bene .. sono certo che ti innamoreresti talmente dei tuoi post da risponderti da solo ….

      un beso e una camomilla

    • chicco 78 ha detto:

      Ascoltami “tre civette sul comò “datti una calmata e scendi dal piedistallo che per quanto tu conosca la samp e il suo tifo e per quanto tu sia dentro la vera essenza del mondo blucerchiato….beh te lo garantisco. ….non sei veramente nessuno ma proprio nessuno per dire niente a nessun altro. …..e dovresti avere un’età per la quale dovresti sapere che in un ambito di discussione sociale con persone che nemmeno conosci ci si dovrebbe mettere sullo stesso piano degli altri …caro il mio primo tifoso sampdoriano che ostenta così pateticamente il suo linguaggio forbito! !!!basta mo hai veramente rotto!!!!

  64. Kreek ha detto:

    @Gipo Samp

    Hai ragione: col Cesena Mihajlovic ha sbagliato.

    Condivido molte delle cose che hai scritto.

    E anche gli attaccanti, i difensori e i centrocampisti 3-4 palle gol nitide se le sono fagocitate. E, onestamente, anche il Cesena ha avuto un paio di occasioni importanti, e meno male che all’ultimo Obiang ci ha messo una pezza…

    Eppure bisogna anche ricordarsi dove eravamo nel novembre 2013, dopo Sassuolo-Sampdoria 3a4 e dove siamo ora.

    Nei 17 mesi con Mihajlovic non è certo tutto da buttare! E chi scrive non è che straveda particolarmente per il “personaggio” Mihajlovic. Ma se dovesse restare non ne farei un dramma. Così come se dovesse partire!

    Tutto qua.

    Ti faccio un esempio per provare a chiarire meglio ciò che voglio dire: Soriano. Gran bel giocatore, non c’è che dire. Se non subisce cali mentali è destinato a diventare un grandissimo. Eppure prima dell’arrivo di Sinisa Mihajlovic era uno dei nostri calciatori meno sopportati dal pubblico…

    Il nostro attuale tecnico, quindi, magari non giocherà un calcio-champagne [mitico Maifredi 😉 ], ma sul piano tattico e motivazionale…Chapeau!!!

    A parte la partita col Cesena (che si sapeva essere difficile e delicata) e qualche altra.

    Ma la Sampdoria, partite come quella di sabato, ne ha sempre “sfornate”. Come coll’Udinese nel 1987 (ultimissima e partita a -9 con i 2 punti a vittoria), Pescara nel 1993 (la partita delle api nella porta SUD), col Verona nel 1997 (scaligeri già in b), col Cagliari nel 2010 (1a1 di Nenè all’ultimo), oppure con l’Ascoli (0a0 in B 3 anni fa…).

    Insomma sono un pò nel nostro DNA che il tecnico si chiami Boskov, Eriksson, Delneri, Iachini, Mihajlovic…ci ricadiamo sempre 😉 E i nomi che ho appema scritto…non mi sembrano tutti da buttare 😉

    AVANTI SAMPDORIA!!!

    ps: ma non è che sei pessimista per cabala??? 😉 Perchè anche quest’estate eri piuttosto preoccupato…e poi abbiamo fatto 50 punti in 31 partite!

    • Paolo1966 ha detto:

      Per tacere delle partite con l’Avellino negli anni ’80…

      • andrea.lazzara ha detto:

        Uuuhhh quelle…..

        • Kreek ha detto:

          Mi ricordo uno 0-2 e un 2-2 casalinghi, con in campo, nell’Avellino un giovane Sandro Tovalieri 🙁

          • andrea.lazzara ha detto:

            A memoria lo 0-2 casalingo fu nell’85-86 con quel satanasso di Ramon Diaz che Vierchowod pativa molto(ma che giocatore era l’argentino). L’anno dopo finì 2-2…

          • Massimo Pittaluga ha detto:

            cavolo Diaz che giocatore me lo ricordo anche io. pensa un po all’avellino uno dei centravanti più forti al mondo dell’epoca. oggi minimo te lo ritroveresti nell’arsenal chelsea psg. titolare dell’argentina mica pizza e fichi

          • andrea.lazzara ha detto:

            Ma se io dico che i tempi sono cambiati mi prendono per scemo…:-))

        • Kreek ha detto:

          Giusto! 85-86 0-2 (ma ero in campagna…) e 86-87 2-2 (presente, con rimonta Avellino). Uno dei difensori era Colantuono già con pochi capelli! Comunque era un buon Avellino con Alessio, Dirceu e altri…E Ramon Diaz ci punì tante volte: a Firenze, quella volta con l’Avellino…e ci fece anche un gol di…sedere (letteralmente!) col Monaco nel Principato, (finì 2a2), semifinale di andata coppa coppe primavera 1990. Il Monaco di un certo Wenger, che in attacco schierava un giovane Weah…e mi fermo qui! 😉 anzi no! Doppietta di Luca Vialli con rigore “alla Panenka”, detto volgarmente cucchiaio…che non è un’invenzione di Totti e degli anni 2000 come molti credono!

        • Paolo1966 ha detto:

          Gia’ che siamo nei ricordi un altro che lo Zar aveva patito era Franco Selvaggi. Vado a memoria: nell’83-84 sotto Natale perdemmo a Torino e quella sconfitta arresto’ un ns buon momento (quell’anno Renzaccio la squadra la faceva giocare bene, ma difettavano di esperienza). Lassu’ Selvaggi aveva irretito Wierchowood che al ritorno lo suono’ come un tamburo. Si racconta che quelli che stavano nei distinti sotto la griglia lo sentissero nitidamente urlare dal dolore ogni volta che Pietro lo steccava…

        • Paolo1968 ha detto:

          Ne ricordo una (non so quando), per la quale si diceva avessero intossicato alla sera qualche nostro giocatore e durante la partita, ad un loro gol, cominciò a girare l’ambulanza con le sirene accese sulla pista di atletica. Ma non giurerei su quanto ho scritto, il ricordo è veramente molto offiuscato…

          • andrea.lazzara ha detto:

            Catania-Sampdoria 1-1 settembre 1983, Mancini e Pedrinho. Cozze avariate, se non ricordo male, che misero ko Francis che, nella prima di campionato, aveva segnato due reti all’Inter a San Siro. L’ambulanza è di Avellino, un anno e mezzo dopo…

          • Paolo1968 ha detto:

            Grazie Andrea

      • flex ha detto:

        mi ricordo ad avellino non so in quale anno 5 minuti di black out verso la fine e quando ricomparvero le immagini charlie champagne souness incazzato come una biscia che si toglieva la maglia

        • andrea.lazzara ha detto:

          C’era sciopero non ricordo se di tecnici o giornalisti Rai

          • Kreek ha detto:

            A Catania fu il pollo avariato a mettere KO il Grande Trevor!

            A proposito di bestie nere…e di Toro…Che mi dite di Tony Polster? Tripletta nel settembre 1987 e Zar in crisi…fiiní 4-1 per loro,ma quell’anno arrivammo quarti e vincemmo coppa Italia, eguagliand, a quel tempo, il nostro miglior risultato di sempre quarti a 37 punti e vincitori di coppa Italia del 1984-85 😉

          • Paolo1966 ha detto:

            Ad Avellino:
            Campionato 1984-85 sconfitti 2-1, arbitro Lo Bello. Sciopero giornalisti RAI, direzione di gara vergognosa, ambulanza che girava con la sirena sula pista d’atletica durante la partita. Sconfitta che, pur non precludendo la qualificazione UEFA (superata poi al rialzo vincendo la Coppa Italia sul Milan con un 4 vittorie su quattro bissato diverse volte in quegli anni e foriero del “d’inverno vi insegnamo a giocare a calcio d’estate vi becciamo le donne…”) ci tolse una minima possibilita’ di andarcela a giocare con Verona e Torino per i gradini piu’ alti del podio

            Quella dell’acido muriatico negli spogliatoi e’ successiva, ma se non sbaglio vincemmo, con incazzatura di Boso, all’epoca magazziniere che aveva dovuto lavare lo spogliatoio per far cambiare i ragazzi, che nel frattempo si erano spogliati nei corridoi

  65. Mauro ha detto:

    Vabbè,abbiamo cozzato contro un muro,ci può stare.Guardate la Juve sconfitta a Parma fallito e retrocesso,la Viola sconfitta in casa dal Verona.Insomma non c’è da scandalizzarsi.Son quelle partite che non segni nemmeno se giochi fino a ferragosto.Eppoi,come ha postato Manolo Strimpelli…”E’ già successo,non è cosa rara,ciò che Di Carlo rompe Iachini ripara”….grande!!!!

  66. Pippo ha detto:

    Proprio contro il Napoli occorre che Okaka giochi, altro che Bergessio: prevedo una notevole pressione dei padroni di casa (e comunque credo che la Samp non si scoprirà più di tanto per evitare le “imbucate” partenopee) e uno che tiene palla e fa salire la squadra ci vuole, anche per permettere ad E’Too ed Eder di scappare in velocità sulle fasce.

    • nello ha detto:

      Certo che con questo fa salire la squadra…….la farà anche salire (mah!) ma poi perde sempre palla ,perché non la sa gestire o perché fa fallo ( anche se lo subisce glielo danno sempre contro) o perché effettivamente lo commette….

  67. vincenzo ha detto:

    Concordo con Ambarabaciccicoco (che fatica..) sullo zoccolo duro e sui criticoni che sono anche allo stadio (ricordo che c’é sempre la zebrata da andare a vedere..); in riferimento alla metà degli anni 80′ mi ricordo di un Avellino Sampdoria con gol su rigore di Francis e alla fine della partita due gol di Diaz (uno in rovesciata) di fronte a 30.000 lupi irpini esultanti, gente in campo e ambulanza a girare per la pista…io c’ero!, però a fine campionato siamo andati in Uefa.. .

    Ce soir seulement pour la gloire.. aussi j’espere mais est beaucoup difficile… .
    3 a 0 e tous a la maison.. .

    • andrea.lazzara ha detto:

      Me la ricordo quella partita, Luca Pellegrini mi raccontò che trovarono nello spogliatoio non ho capito se un odore nauseabondo di disinfettante o cos’altro. Poi, nel finale l’arbitro cacciò se non ricordo male Souness. Particolare all’epoca non secondario: quel giorno c’era sciopero non so se dei giornalisti o dei tecnici Rai e dunque le immagini le abbiamo viste…anni dopo(come la fantastica rovesciata di Vialli a Empoli nell’88)

  68. petrino ha detto:

    guarda caso oggi, prima della partita con il napoli, il corriere dello sport, che si legge molto a napoli e’ uscito affermando che sinisa ha gia’ firmato con il napoli un biennale da 2,4 mln. annui, non si sa se lordi o netti. Inoltre che de silvestri e uno tra obiang e soriano verrebbero ceduti al napoli. E’ stato fatto dalla samp un comunicato ufficiale in cui si smentisce tale trattativa, ma tant’e il casino si e’ ulteriormente creato, come contro il milan , quando la gazzetta affermo’ che siniosa era gia’ passato al milan. Purtroppo questa sara’ una telenovela senza fine. Come l’ altra di cassano oggi sul secolo xix. Ai tempi dell’ immortale fu inibito’ l’ ingresso a Bogliasco dei cronisti del secolo, di cui ricordo il nome ma non lo dico, in quanto i loro articolo erano al fiele contro la squadra. Si potrebbe replicare. saluti

    • andrea.lazzara ha detto:

      Nell’intervista a Cassano non ci vedo niente di sconvolgente: lui vuole venire qui( e ci sono anche molti qui dentro, che lo rivorrebbero subito) e lo ha ripetuto. Lo ha detto oggi, lo ha detto un mese fa, lo ha detto tre mesi, in altri momenti storici del campionato. Diverso è quanto sta accadendo a Napoli. E infatti il comunicato della società è stato puntuale in questo senso.

      • Daniele da Rapallo ha detto:

        Giustissima la tua considerazione Andrea, così come giusta e startegica è la smentita della Sampdoria, credo altresì che la squadra ed il mister si impegneranno seriamente a Napoli.
        Riccordo tuttavia quando l’anno scorso al Sampdoria point il mister disse che le voci sulla Juve erano tutte cavolate (usò in realtà un’ espressione più colorita), prendendo in giro i tifosi. E dico prendendo in giro perchè lui era già in parola con la juve e la cosa non era su carta ma era fatta : lo sapevano anche i sassi. Io stesso ne ebbi conferma da una persona che lavora ad alto livello nello scouting Juve che ho la fortuna di conoscere in quanto compaesani estivi (per altro molto legata ad una persona con un ruolo importante nella Samp…chi conosce il calcio potrebbe capire l’indovinello…).
        Quindi, giuste le smentite per mantenere gli equilibri di piazza e di squadra, ricordando però che la gente non è sprovveduta…..

      • Bulgaro ha detto:

        Il succo del post di petrino è che alla vigiglia di ogni match importante volano giocatori e allenatore verso la squadra che dobbiamo affrontare cercado la destabilizzazione … sinceramente io non sono un amante della dietrologia, ma qualcosa di strano c’è … quanto meno il desidero di creare “sensazione” e mantenere l’attenzione alta sulla notizia … a me non piace molto come modo di fare giornalismo, il tentate di provocare costantemente, il voler mettere in bocca le parole durante le interviste … quando parlano a Sinisa i vari commentatori sportivi iniziano con illazioni sul suo futuro agganciate in modo maldestro ai commenti sulla partita … come per cercare di tirargli fuori cose che oltretutto non può dire ne per motivi professionali ne per motivi disciplinari può dire …
        Secondo me è una grande mancanza di stile e correttezza.

      • Gipo Samp ha detto:

        Dear Lazzara sono uno dei molti che vorrebbero ancora Cassano e vorrei dire che chi è contro Cassano sono solo un certo numero di tifosi che non hanno digerito la nutella e si lasciano influenzare dal tifo ideologizzato del gruppo. Meno male che a gennaio a illuminare il gioco di una Samp da battaglia, ma non sempre da lotta poiché sovente rinuncia a giocare, è arrivato Eto’o a farci vedere un po’ di bel calcio che non avevamo più visto dal 2009/10 quando grazie a Cassano e Pazzini era stato raggiunto l’accesso ai preliminari di CL. Adesso non solo Cassano ma anche Pazzini si è offerto, ma già qualche ideologizzato del pensiero unico l’ha messo nella lista degli infami perché ci lasciò per andare in una squadra da coppe e guadagnare più soldi. Chissà, forse certi tifosi preferiscono continuare a vedere nella Sampdoria il centravanti titolare preferito di Mihajlovic anche nel prossimo campionato, per cui l’unica speranza è che i numerosi osservatori della Bundes e Premier, che leggo sul blog lo stanno seguendo, se lo portino via o che se ne vada Miahjlovic.

        • andrea.lazzara ha detto:

          “Si lasciano influenzare dal tifo ideologizzato del gruppo”. Vorrei capire da te, caro Gipo, e da tutti coloro, che esprimono giudizi netti su chi non la pensa come loro, perchè se è così e solo colpa delle loro menti deboli e facilmente influenzabili. Cioè: “Tu non la pensi come me quindi sei scemo?”. E no, non funziona così.

        • ale ha detto:

          Caro Gipo, può darsi che tu abbia ragione, ciò vuol dire che io sono l’eccezione che conferma la regola.
          Io Cassano non vorrei tornasse eppure all’epoca della Nutella pensavo avesse ragione (nella sostanza, i toni erano in linea con la sua educazione).

          Trovo invece imperdonabile il comportamento tenuto con Garrone e credo che togliere spazio a gente come Correa e Muriel per far giocare Cassano non sarebbe intelligente per il ns. futuro sia tecnico che economico.

          Eppure non faccio parte di nessun Gruppo, ho superato gli anta da un pezzo e sono pure una donna.

          Pazzini non lo vedrei male. Però non oltre un certo ingaggio

          Opinioni

          • Michele G. ha detto:

            Beh! se Cassano venisse gratis (è a parametro zero), io me lo prenderei. Hai visto mai che potrebbe tornare utile? E non penso che toglierebbe spazio a Correa e Muriel, anzi, potrebbe fargli da chioccia. Le questioni morali nel calcio, dopo calciopoli varie, direi che ormai valgano poco. Oltretutto, adesso al timone della Samp non ci sono neanche più i Garrone, i quali avevano, peraltro, ampiamente fatto pace con Cassano. Per Pazzini il discorso è diverso, secondo me ed è tecnico. Non lo vedo bene con l’attuale ossatura della squadra ed, oltretutto, lo vedo un po’ arrugginito. Come Matri, del resto, che con i cuginastri non si è coperto di gloria ed ora è inglobato con Storari nella panchina dei bianconeri torinesi.
            Anch’io non faccio parte di nessun gruppo, non mi ricordo neanche più quando abbia superato gli anta, ma sono un uomo! 🙂
            Ciao Ale con simpatia. Non dimentico come tu abbia smentito qualcuno che in questo blog pretendeva che Maraschi avesse pareggiato al 90’nel derby sotto la nord (dove ti trovavi tu, se non erro), mentre io me l’ero goduta la rovesciata dal parterre della sud!

  69. Vera ha detto:

    Allora..Se Sinisa sara’ il prossimo allenatore del Napoli,normale che il neo mister Partenopeo gradira’ fare la champions con la sua nuova squadra.
    Benissimo..se domenica sera la Samp perdera’ a Napoli e dara’ addio alla qualificazione champions…qualche brutto pensiero si puo’ fare,vero??

  70. petrino ha detto:

    nell’ intervista al secolo cassano, per il dopo serbo, fa il nome di prandelli. Poveri noi. Un perdente di successo. Dopo i turchi e’ andato nel dimenticatoio. Non credo che abbia un futuro in italia. Vera ha ragione. Voglio proprio vedere l’ impegno e il risultato contro il napoli con il nuovo allenatore sinisa. Lo afferma anche gigi cagni in altra intervista su TMW. Non facciamo i finti ingenui!!!!!!!! Un conto e’ fare la Cl , un’ altro l’ EL. saluti

  71. Marco - Verona ha detto:

    A Napoli dipenderà da chi scenderà in campo, e da come il Napoli farà la partita. A Sinisa non piace perdere. Se ricordate come è andata quando è venuto a Genova, con lui che fino all’ultimo ha pensato ai suoi impegni con la Serbia, farà così anche con la Samp, nel caso avesse deciso di andare via. Perciò non credo ci sia da preoccuparsi circa l’impegno del nostro Mister. E’ un professionista serio. Una rarità di questi tempi.

  72. FOREVERSAMP ha detto:

    Gli Amici dell’Hellas Verona vincendo a Firenze hanno raggiunto il loro obiettivo,per i romagnoli come all’andata dopo il grande culo …la grande sfiga :3 goals in un quarto d’ora scarso e così anche per il martello di Carlo obbiettivo raggiunto per le retrocessioni è una garanzia!
    Il Serbo è quello che sta meglio di tutti :se vince il Napoli si avvicina alla champions,se vince la Sampdoria siamo quasi in Europa .
    La cosa veramente importante è che Ferrero continui cosi’:non vogliamo la Luna ,quello che ha fatto a Gennaio è stato grande ,basta confermare questo standard .
    Il Mister conta al massimo come un pilota di formula 1,senza la Macchina vale zero.
    La rosa attuale dei giocatori della Sampdoria mi piace ,ci sono elementi molto seri ed anche bravi ,quando bravi solo col tempo si saprà.
    A proposito ex presidente Atalanta oltre esperienza speriamo porti anche palanche.!

  73. vincenzo ha detto:

    Nell’attesa di Napoli Sampdoria: amarcord: (sono proprio vecchio!):
    1971 Torino Sampdoria 0 a 0 campo neutro di Novara (stadio vecchio) con all’attacco il mitico “Spadetto”.
    1978?: Sampdoria Pescara campo neutro di Massa (interminabile arrivare allo stadio dalla stazione a piedi..) 3 a 2 con il mitico “Chiarugi”.
    Altri tempi, altre ribalte e altri giocatori ma fa sempre piacere ricordare..

    Forza Sampdoria

    • Maraschi ha detto:

      Nell’attesa di Napoli Sampdoria, sempre come amarcord da “vecchi”, speriamo che Viviano segue le orme del mitico Pierone Battara che al San Paolo prendeva anche le mosche…

  74. Gipo Samp ha detto:

    Lazzara, forse complicherò ancor più il discorso e quindi se lo ritieni, puoi pure cestinare questa mia. Ho indirizzato a te la risposta perché nel thread riconoscevi che anche molti del blog rivorrebbero subito Cassano. In merito al giocatore il mio è un semplice punto di vista di un tifoso che apprezza il bel gioco e che vorrebbe vedere una Sampdoria sempre più forte e competitiva, in contrapposizione a qualche altro che scrive sul blog e che dai suoi contenuti si rileva essere un anti Cassano. Sarà un caso ma i PRO che conosco e che si desume seguendo le telefonate alle rubriche sportive TV sportive e leggendo i giornali, sono in prevalenza sampdoriani che non vivono vita di gruppo allo stadio e nel quotidiano, sia per il target d’età che per altri motivi e valutano Cassano solo dal punto di vista calcistico e non per quello comportamentale, mentre i CONTRO (Cassano e Pazzini), sono in prevalenza appartenenti a gruppi. Quindi non si tratta di menti deboli ma di persone che sono influenzate dal contesto sociale in cui vivono, dal target d’età generalmente più giovane e/o altri motivi, diversamente e spesso in contrapposizione a quelli con gli anta che non conducono più vita di gruppo se non fugacemente sul luogo di lavoro e in occasione di quattro chiacchere al bar per il caffè del mattino, mentre la sera e festivi è dedicata alla famiglia o magari extra lavoro come immagino sia il tuo caso per tenere sempre aggiornato il blog. Noto che non è la prima volta che sono frainteso indirizzando a te, per cui cercherò di evitarlo in futuro. Cordialmente, Gipo (in ricordo del mio Mister che mi seguì per tre anni quando militai come centravanti titolare in una delle due squadre ragazzi della Sampdoria)

    • andrea.lazzara ha detto:

      Gipo Poggi? 🙂 Tranquillo, purtroppo è il problema di blog, social network, in generale del “virtuale” rispetto al “de visu”. Però non credo sai che succeda in toto quello che dici tu. Immagino che tra i meno “frequentanti” lo stadio ci siano anche molti che non amerebbero il ritorno di Cassano e viceversa. Insomma, l’assoluto( e il certo) soprattutto nel pallone non esiste, secondo me. Un saluto

      • Kreek ha detto:

        Io non faccio parte di un gruppo, ma Cassano e Pazzini, a mio avviso, non si comportarono bene quando (e per come), lasciarono la Sampdoria.

        All’epoca, da un punto di vista tecnico (soprattutto su Cassano), niente da dire.

        Di Cassano, più che la “nutella” (sparata peraltro rivolta ai tifosi mugugnoni di settori non popolari quali distinti e tribune), io mi ricordo gli insulti all’allora Presidente e l’intervista a “Striscia la Notizia” in cui dichiarò che se avvesse saputo di finire al Milan…quello che aveva fatto lo avrebbe fatto anche prima…(SIC…)

        Di Pazzini ricordo, invece, che si dichiarò infortunato (per almeno 2- 3 settimane), prima della partita di coppa italia contro il Milan, salvo poi scendere in campo 3 giorni dopo (doppietta e rigore procurato), nella rimonta dell’Inter contro il Palermo (3a2 finale).

        Parliamo poi dell’aspetto tecnico, fisico e anagrafico.

        Cassano a luglio compie 33 anni e arriverebbe dopo 6-7 mesi di inattività, in che condizioni?

        Pazzini ad agosto ne compie 31 e nelle ultime 2 stagioni ha totalizzato, fino ad oggi, 37 presenze e 3 reti.

        Okaka, che non è certo un goleador, ha giocato 42 partite e realizzato 9 reti…e ha cinque anni in meno…

        Ne consegue, dal mio punto di vista, che una società professionistica quale è la Sampdoria, deve muoversi nella maniera più tecnicamente ed economicamente vantaggiosa. Proprio come hanno fatto (giustamente secondo alcuni), i professionisti Cassano e Pazzini 5 anni fa, quando erano in auge.

        Vogliono venire? Tecnico e Società saranno d’accordo?

        Bene, ma a determinate condizioni economiche e disposti anche a fare le riserve?

        Magari con un contratto a gettone o ad obiettivi?

        Allora potrei anche essere i d’accordo, perchè sarebbero rincalzi di lusso.

        In caso contrario che se ne stiano stiano pure dove stanno.

      • Gipo Samp ha detto:

        Caro Lazzara è proprio Gipo Poggi, anche se ammettendolo dichiaro pubblicamente la mia età da matusa. Cordialmente sempre forza Sampdoria.

        • andrea.lazzara ha detto:

          Ma vaaa……felice di averci…azzeccato. Scusami se posto in risposta al tuo messaggio una doverosa precisazione. Rivolta al signor ambaraba…e al suo messaggio(cancellato) di oggi, alle 8.53: gli insulti che hai postato nel messaggio cancellato sono inaccettabili. Al prossimo messaggio del genere sei fuori dal blog. Puoi avere tutte le idee che vuoi, ma devi rispettare gli altri. Chiaro? Potresti battere un record, il primo cacciato dal blog di uno che cancella al massimo 10 messaggi in un paio di mesi. Per far perdere la pazienza a uno come me, anche nella vita, credimi, ce ne vuole. E tu ci stai riuscendo.

          • Michele G. ha detto:

            Andrea, tu credi che sia proprio cosi’, o si diverta a provocare, facendolo, schermandosi dietro la tastiera del computer, che, in qualche modo garantisce l’anonimato? Vorrei vedere se sarebbe capace di dirtele (o dirle a noi) faccia a faccia le offese che proferisce sul blog!

    • Bulgaro ha detto:

      Per Pazzini, se torna non mi crea nessun problema; diciamo che quell’anno sono successe molte cose e probabilmente non imputabili solamente ai giocatori … io credo che si sia sottovalutata la situazione di fronte ad una classifica incoraggiante e si sia deciso di tagliare il budget in anticipo rispetto all’estate e da li si è rotto il giocattolo e nessuno è stato in grado di ripararlo.
      Se viene a litigarsi il posto con un altro puntero è comunque uno che in campo si sbatte …

      Cassano è un discorso differente, io credo che il suo meglio lo abbiamo già visto e non si può sperare che possa riproporsi, inoltre sappiamo che l’atletismo non è il suo forte e quindi sarebbe da supportare con giocatori che fanno legna, quando abbiamo già gente come Etoo, Muriel ed Eder … infine non trascurerei il carattere che tende a portare zizzania e ti ricordo che i risultati di questa squadra sono proprio figli del gruppo.

      Boh io guarderei altrove e mi terrei il ricordo del bel calcio che ci ha regalato…

    • ambarabaciccicoco ha detto:

      Gipo,. visto che negli stessi anni nel settore giovanile militava un ragazzo che ..aveva tanto di me… e non mi ricordo il suo cognome ( e non credo sia il caso che tu pubblichi qui il tuo) solo per accertamentamento della verità potresti rispondere a queste domande : :
      a) dove si allenavano i ragazzi delle squadre allievi e de martino sotto la supervisione di Poggi? Chi era l’altro grande mister oltre a Baldini e Comini che ci seguiva fin dal tempo del nagc. e in che anni hai fatto il centravanti titolare e ti ricordi il cognome di qualcuno della tua leva?

  75. Massimo Pittaluga ha detto:

    ciao kreek d’accordo con te su cassano se viene a gettone con un contratto basso di base e gettoni di rendimento bene. contratto annuale. se si mette in condizione e ha voglia allora un anno può fare ancora la differenza. se sgarra fuori dalle scatole e con contratti così il rischio è minimo. sta a lui a 33 anni avere un minimo di sale. pazzini sinceramente non lo prenderei. abbiamo come prime punte muriel che è stato un investimento da valorizzare e bergessio che tranne quest’anno ha sempre segnato e poi dietro eder e etoo con correa che ha sicuro talento e fisico potenziale da grande trequartista o anche esterno. negli scampoli di correa si sono viste qualità tecniche molto molto alte. attenzione a chi boccia la lentezza e il portar palla. dibala 2 anni fa faceva lo stesso. ha avuto bisogno di un anno di ambientamento persino in B e poi lo scorso anno è esploso e quest’anno anche in A. Correa è più giovane ancora e d appena arrivato. diamogli tempo e il prossimo anno vedremo già un giocatore diverso. ora a napoli sarà molto difficile ma la metterei così

    viviano
    de silvestri silvestre romagnoli regini
    acquah objang soriano
    eto muriel eder

    credo però e coerentemente che vedremo palombo e forse soriano o acquah.

    potrebbe addirittura lasciare eder etoo con dietro soriano e inserire acquah. però muriel centrale a prendere in velocità i lenti difensori del napoli lo farei. questa oggi secondo me è la partita più difficili delle restanti perchè la Juve viene da noi giusto prima della semifinale di champions a campionato vinto e la lazio gioca a marassi. domani partita molto difficile perchè il napoli se sta bene a mio modesto parere è superiore alla lazio e non di poco.

  76. flex ha detto:

    Buongiorno a tutti

    apprezzo molto gli interventi di gipo (non solo i suoi ovviamente) e riguardo il caso di cassano condivido il suo punto di vista almeno per quel che riguarda le considerazioni tecniche, sull’analisi dei tifosi pro e contro ho una mia opinione ma me la tengo per me per rispetto di chi non c’è più.
    C’è un punto sul quale vorrei l’opinione di andrea e di chiunque altro voglia intervenire: 1) a distanza di tempo dal fattaccio e del conseguente allontanamento, se non ricordo male, cassano tornò a bogliasco e in quell’occasione pubblicarono foto di lui insieme a edoardo garrone. se quelle foto esistono ( a me sembra di ricordarle ma magari sbaglio) nessuno obbligò edoardo a farle e possono intendersi solo come un segnale di distensione 2) in ogni sessione di mercato si parla di un eventuale ritorno di cassano alla sampdoria senza che da parte della società mai nessuno abbia detto una cosa del tipo: ” a causa delle offese a garrone cassano non tornerà mai più alla sampdoria” 3) in quel periodo successero cose un pò difficili da capire, e ci metto dentro anche la cessione di pazzini, il cambio di allenatore e la retrocessione finale. Specifico immediatamente, a scanso di equivoci, che non intendo fare dietrologia, ma semplicemente dire che in quel particolare periodo in società, forse, non avevano esattamente le idee chiare e qualche errore di strategia venne commesso.
    Detto questo, tralasciando considerazioni tecniche, non volere il ritorno di cassano solo a causa della lite e delle offese a riccardo garrone sarebbe assolutamente legittimo e condivisibile per edoardo e la sua famiglia, un pò meno comprensibile per l’attuale società e molto, ma molto meno comprensibile per un tifoso.
    Cassano ha sempre espresso pensieri positivi nei confronti di genova e della sampdoria e per me è difficile considerare come un fatto personale un episodio che non ha colpito nè me nè la mia famiglia. Non so, mi sembra esagerato. capisco se si parlasse di icardi, ma se andiamo a vedere cassano è stato pessimo in un rapporto personale, non nei confronti dei tifosi.

    Sarò egoista e superficiale ma se penso a cassano mi viene in mente, prima di ogni altra cosa, la sua serpentina in area e il gol di 7maggio nel derby, non certo le sue offese a riccardo garrone.
    E’ un pò come quelli che non tifano valentino rossi per i suoi problemi con il fisco o che non riconoscono il genio assoluto di maradona a causa della sua vita privata.
    Io ho una prospettiva diversa: sono sportivi, non esempi da seguire.

  77. Kalamazoo ha detto:

    Leggo che Sinisa comunicherà a Ferrero martedì che lascerà la Samp.
    Ma non trovate assurdo che Sinisa diriga la squadra contro il Napoli diretta concorrente per l’Europa?
    Cioè in pratica gioca contro il suo futuro. Magari la Samp vince va in Europa ed il Napoli no!?
    Voi direte che in campo vanno i giocatori e non l’allenatore ma se Sinisa mette Bergessio ala ed il “polacco” terzino e altre tre punte forse non vinciamo!
    Se un altro paio di nostri giocatori potrebbe andare al Napoli la prossima stagione anch’essi giocherebbero contro il loro futuro.
    Mi chiedo se le partite non siano già decise prima di giocare; interessi economici o di mercato dei calciatori possano incidere sul risultato finale!?
    A volte sembra che anche l’arbitro sappia come deve finire la partita.
    Purtroppo questo dubbio sulla serietà della partita me lo porto dietro da sempre e qualche volta vi sono state clamorose conferme.Mi ricordo tanti anni fa che in un Genoa -Inter, Bagni segnò! Nessun lo abbracciò …anzi negli spogliatoi vi fu qualche “spintone” tra lui ed i suoi compagni di squadra!
    Oppure la rete di Faccenda a Napoli che salvò il Genoa per non parlare di quando la Samp retrocesse con l’ultima partita a Bologna.Erano tutti risultati prestabiliti?
    Andrea cosa ne pensi? Forse è meglio censurare la mia mail?
    Ma se devo andare allo stadio a vedere una partita con l’allenatore della mia squadra che dopo due giorni diventa l’allenatore della squadra che sta incontrando mi sento un po’ stupido.
    Azzardo un risultato? Con il Napoli è pareggio…come all’andata!!!!!. Ipotizzo un 2-2.
    Ciao. Spero di essere smentito almeno in questa partita su tutto quanto ho scritto e che la Samp vinca!!

  78. chicco 78 ha detto:

    Beh ragazzi cmq un Eto’ Muriel Cassano sarebbe da vedere ovviamente a certe determinate condizioni…..forse potremo farne più di quanto ne prenderemo perché ovviamente con Muriel e Cassano ma chi torna!!!giustissimo però….boh la butto la anche se mi rendo conto de fatto che Cassano l’ho amato come giocatore ma detestato come persona quindi è sarebbe anche difficile riaccettarlo però se dal letame nascono i fiori potrebbe essere anche positivo per la samp! !!

  79. Fish65 ha detto:

    Partita nuova ma sistema di gioco vecchio.

    4-2-3-1 anche contro il Napoli. Che non è esattamente il Cesena.
    Comincio a pensare che la partenza di Sinisa, al netto della capacità di dare forza mentale ai giocatori, non sia un male. Anzi…

  80. Gipo Samp ha detto:

    @ ambarabaciccicoco risposte tuoi quesiti

    Ciao Amba ho giocato centravanti nei ragazzi della Sampdoria tre anni dal 1946/1949 sotto la guida di Gipo Poggi. Ritengo quindi che tu riferisca a un periodo dopo tale data poiché Baldini iniziò la sua carriera da allenatore negli anni 60’. Il NAGC e le suddivisioni in De Martino e allievi e altri settori non esistevano ancora. I tornei delle giovanili erano solo due composti di squadre con target d’età compresa tra 15/16 fino ai 18 anni. La Sampdoria partecipava in entrambi con una squadra. Il campo di allenamento era lo stadio di Cornigliano. Ricordo che, ogni tanto, disputavamo anche delle partite al Ferraris prima dell’incontro di serie A. Approfitto dell’occasione delle tue domande per un amarcord, qualora i miei compagni di squadra di quegli anni fossero ancora presenti, o magari i loro figli o nipoti frequentassero Samplace. L’amaro amarcord che mi porto dietro dal 1949 è la sconfitta subita nell’ultima giornata di campionato sullo sterrato dell’aeroporto di Sampierdarena che ci costò la perdita del campionato. A noi sarebbe bastato il pari per vincerlo, ma il nostro portiere Pegan (Pagan?), peraltro sempre ottimo, prese quel giorno due gol alla Curci. La domenica precedente avevamo battuto sul campo del Ligorna per 4 a 0, gol segnati tutti dallo scrivente, la squadra che in precedenza aveva vinto contro quella dalla quale fummo battuti nell’ultima giornata. Si vede che così stava scritto. Un altro nome che ben ricordo dei miei compagni era un certo Rizzo, un ragazzo di corporatura esile che giocava mezz’ala, veramente bravo per visione di gioco e assist e che per me è stato come un Cassano per Pazzini. Centromediano giocava un certo Gualco, un tipo tosto alla Vierchowod. Comunque pur non ricordando i nomi posso dire che erano tutti bravi. Il nostro accompagnatore che adesso sarebbe chiamato Team Manager e di cui serbo ancora un caro ricordo, era il signor Vigorita. Persona squisita e cortese, sempre presente con pioggia e tramontana siberiana anche quando si doveva scendere in campo alle 9.00 della domenica sugli sterrati di Molassana, Pontecarega, Pontex, ecc. Come puoi ben immaginare allora non c’erano procuratori e il calcio non era multimilionario, tant’è vero che quando superai l’età delle giovanili a 18 anni e nonostante i miei molti gol che avevo segnato la Sampdoria mi lasciò libero, e a 19 anni andai di leva in marina per 26 mesi. Al ritorno appesi le scarpe al chiodo e decisi di varcare i Giovi.
    A Milano e all’estero presso società multinazionali, ho speso la maggior parte della mia vita lavorativa, ma sono rimasto sempre ancorato ai miei scogli di Genova per gli affetti famigliari e per la Sampdoria che continuai a seguire nel periodo d’oro di Paolo Mantovani con faticacce notturne infrasettimanali di coppa e domenicali tra Milano – Genova e perfino pianificando dall’estero una mia venuta in Italia per lavoro, vedere la famiglia e fare un salto a Marassi. Il mio desiderio di vedere una Samp sempre migliore e vincente mi porta, sovente, a criticare sul blog il Mister e qualche giocatore. Chiedo scusa se ho annoiato qualche blogger. Sempre forza Samp.

    • andrea.lazzara ha detto:

      Bellissimo racconto. Grazie Gipo di aver condiviso con noi un pezzo della tua vita.

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      Gipo a me è piaciuto molto non hai annoiato per nulla. anche io nel mio piccolo ho giocato nelle giovanili samp iniziando dai NAGC nel 1978. ci allenava se ricordo bene Mr. Tesoro e l’accompagnatore era il Sig Trucco. giocai sino ai primi 80 quando Mantovani se ricordo bene tenne solo la primavera e levò per alcune stagione le leve più giovani NAGC e Giovanissimi sicuramente. ci spargemmo un po tutti nelle diverse squadre cittadine ma non fu più la stessa cosa. giocare con quella maglietta di lana con quei colori era un altra cosa. infatti dopo un anno in un altra squadra cittadina seppur forte lasciai. ricordo la delusione quando ci comunicarono che il settore giovanile della samp era stato dismesso temporaneamente. ho ancora le magliette di quegli anni e le foto. non sarei mai diventato un giocatore di alto livello anche se me la cavavo bene, ma sarebbe stato bello continuare ancora qualche anno a sognare con quella maglietta addosso. dopo tanti anni penso comunque alla fortuna di aver giocato anche se a livelli da bambino ragazzino con la maglia della mia squadra del cuore. da difensore e al massimo mediano ho segnato ben pochi goal e a differenza tua non sono arrivato così vicino alla prima squadra, ma sono stati lo stesso anni bellissimi, di vera passione che dopo piano piano giocando altrove passò. probabilmente ero più tifoso che giocatore))))) è più facile ehhh

  81. El Cabezon ha detto:

    @ flex
    la lite Cassano-Garrone fu l’inizio della fine, credo che sia inevitabile che una parte della tifoseria ( se sia la maggioranza o meno non saprei…) non gliela perdoni e mal sopporterebbe un suo ritorno, personalmente il mio pensiero è sempre il bene primario della nostra SAMPDORIA e nel caso specifico non penso che rivedere il barese con la nostra maglia possa avere ripercussioni particolarmente positive visto che stiamo parlando ( sempre a mio modesto parere ) di un calciatore che ha inesorabilmente imboccato la via del tramonto…
    Diverso il discorso su Pazzini che credo qualcosa abbia ancora da dare anche se in questi giorni ho letto e sentito sul Pazzo giudizi durissimi, ben peggiori di quelli rivolti a Fantantonio, oserei definirlo un odio per me assurdo ed anche per questo un suo ritorno non so se sarebbe di giovamento…

  82. chicco 78 ha detto:

    Mah scusate ma il Cesena ne ha prese tre dai piccioni? Ma non è quella squadra che non riuscivamo a segnare neanche se c’era Maradona con messi davanti? Ma di nuovo come all’andata che con noi fenomeni e con loro si sono sciolti in m…..?ma c….!!!ma insomma!!!!!ma poi il toro che vince con la Juventus? E l’Inter che adesso comincia a giocare e vincere a manico rotante!!!boh ragazzi qua stasera dobbiamo veramente vincere ma vincere a Napoli che ne sta segnando come la cassa al supermercato mi sembra veramente difficile! Anzi impossibile perché con Roma che ha perso e Lazio che ha pareggiato figurati se si permettono di perdere!!!!poi guarda il Cesena ti giuro lo affonderei direttamente in lega pro con sinisa ad allenarla !!! cmq Andrea so che questo post non ha senso perché ovviamente non lo pubblicherai neanche, postumo alla partita ,ma era solo uno sfogo dopo aver visto sti risultati!allucinante veramente !!!!scusa lo so che dovrei accontentarmi ma dopo aver fatto trenta speravo facessimo trentuno tutto qui!!!!

  83. Daniele da Rapallo ha detto:

    Lo so, il calcio è fatto così……: però per regalare 4 punti al Cesena ci vogliamo veramente noi….

POCA ROBA

La Sampdoria non va oltre lo 0-0 al “Ferraris” contro il Sassuolo nonostante settanta minuti di superiorità numerica, maturata al [&hellip

SAMPDORIA-BRESCIA AL CONTRARIO

Lazio-Sampdoria è durata una ventina di minuti, giusto il tempo per la retroguardia blucerchiata di regalare tre gol agli avversari [&hellip

I MERITI DELL’AGGIUSTATORE

Con la rotonda vittoria sul Brescia, la Sampdoria sotto la guida di Claudio Ranieri ha raccolto 16 punti in dodici [&hellip

ALLA FACCIA DI IBRA

La Sampdoria ha conquistato un meritatissimo punto a San Siro contro il Milan del (ri)debuttante Ibrahimovic e al termine di [&hellip