RIFLESSIONI…

21 gen 2015 by andrea.lazzara, 114 Commenti »

Cari amici di Samplace, faccio una piccola riflessione a margine della partita di Coppa Italia. Sampdoria, comunque, coraggiosa che ha retto per un’ora dopo la decisione, secondo me sbagliata, di Tagliavento di cacciare Krsticic. In attacco ha combinato poco, è vero, ma ho visto un Okaka combattivo e un Djordjevic che ha personalità(al suo attivo, 3 minuti a Parma, non dimentichiamolo). Certo, dispiace non giocare mai la Coppa Italia( e se ci fosse Vujadin direbbe che “Sampdoria è squadra copetera”)con l’obiettivo di andare avanti, di fare strada. Ma così è se vi pare. La riflessione è che, comunque, una Samp rimaneggiata e incerottata ha tenuto testa in 10 a una squadra con campioni celebrati per ore in ogni trasmissione del globo terracqueo e che in panchina, aveva si, Handanovic, Vidic, Palacio, Hernanes, ma in campo non aveva precisamente scartini. Ed ha fatto una fatica boia. E allora questo testimonia la bontà della stagione Samp, la qualità degli uomini a disposizione di Mihajlovic ma soprattutto la grande abnegazione di tutto il gruppo. Non dimentichiamolo quando ci lamentiamo di una squadra terza in classifica…

114 Commenti

  1. matteo84 scrive:

    hai ragione Andrea vedere l’inter totalmente schierata con i propri “gioielli” fare fatica in 11 contro 10 contro i nostri panchinari mi fa pensar bene da una parte, ma dall’altra mi viene rabbia per aver REGALATO la qualificazione all’inter quando bastava avere Duncan al posto di Marchionni(inguardabile) e Eder al posto del troppo acerbo Djordjevic e gli avremmo dato il bianco a sti poveracci interisti aiutati dall’arbitro………
    comuque grande Romero per me dev’essere lui il titolare mi sbaglierò ma a me Viviano non piace……..
    io seguo l’allenatore, mi piace come allenatore, sono convinto che se se ne va lui andiamo nella bratta, ma stasera la colpa in primis la do a Sinisa che ha preso alla leggera in questo modo la coppa italia contro un inter davvero battibile con poco in più, certo poi l’arbitro ha fatto il suo………cosi come hanno fatto il loro gli arbitri di roma-empoli e fiorentina-atalanta……….diciamolo in coppa italia devono passare sempre le solite……

    • Michele G. scrive:

      Hai assolutamente ragione Matteo. Teniamo poi in considerazione che, avendo gia giocato il Milan in casa la sua partita di coppa, l’altra squadra di Milano avrebbe dovuto andare in trasferta. E se non ricordo male, noi, nelle passate edizioni della coppa Italia, quando abbiamo incontrato l’Inter, abbiamo nuovamente giocato a San Siro. Non esiste l’alternanza in questi casi? So che il regolamento in proposito sia alquanto contort, ma mi sembra che quando era stata confermata la sede della partita, ci fosse stata piu’ di una perplessita’. Chi ha buona memoria mi potrebbe confermare quando sia stato l’ultimo incontro a Marassi (finito 3 a 0 per noi, se non erro)? Sai, se la partita l’avessimo disputata a Marassi, qualche chance in piu’ l’avremmo avuta di vincerla, io penso.

    • Lollo scrive:

      esatto…

    • trevor scrive:

      Ragazzi, mettetevelo tutti in testa, ieri sera e ufficialmente iniziata la vergogna stagionale. Prepariamoci a tanta rabbia. Avete forse dimenticato cosa ci hanno fatto l’ultima volta che eravamo li per mandare il milan in champions e noi al preliminare (cito solo un episodio, il cazzotto in faccia a pazzini all’olimpico contro la lazio con zigomo fratturato, no rigore,no rosso), ma tra la 10a e la 18a giornata ne capitarono di tutti i colori. Ma vogliamo andare ancora piu indietro? A quell’altra volta con Novellino in panca e dei rapporti morbosi tra milan e udinese e del “guardalinee galeotto”, funziona cosi da sempre e continuera a esserlo finche non diventeremo “provinciali”, di queli che alla prima mezza fregatura piantano un bel casino mediatico. Bisogna stargli addosso fin da subito, non quando e gia troppo tardi….siete sempre troppo teneri!
      Scusate

  2. Michele G. scrive:

    Andrea, io sono orgogliosissimo della squadra e di questi ragazzi, molti dei quali hanno disputato scampoli di gare o non hanno mai calcato il terreno di gioco o lo hanno fatto per pochi minuti da subentranti. Come giustamente dici tu, ciò significa che Mihajlovic, prevalentemente, è riuscito a creare un gruppo, un amalgama che dà uno spirito tale da affrontare qualunque avversario senza timori reverenziali, tenendo alta la testa. Io non voglio entrare nel merito della correttezza o meno della decisione di Tagliavento (che evidentemente nelle partite Inter-Samp a San Siro è solito mettere frequentemente mano al cartellino rosso). Resta il fatto che abbiamo dovuto giocare il 90% della partita con un uomo in meno e la gara completamente stravolta. Non si poteva certo pensare di attendere gli interisti per poi partire in rapidi contropiedi. Tutti hanno dovuto dare una mano in fase di contenimento. Comunque, bravi davvero. Fossi in Mancini, avrei molto da riflettere, perché’ se si fa una fatica boia contro una squadra che schiera le seconde line e rimane in dieci dall’inizio della partita, vuol dire che c’è qualcosa che non va. Ma questi sono affari suoi; che se li sfanghi lui.
    Come ho già detto in un precedente post, bisognerebbe invogliare Mihajlovic a rimanere per molto tempo ancora, magari assegnandogli un compito, pur con tutta la prudenza per il paragone, alla Alex Ferguson. Un compito che vada oltre quello del semplice allenatore, che pure svolge alla grande. Sarebbe un vero peccato quando si iniziano a vedere I frutti di uno splendido lavoro. Affidarlo nelle mani di qualcun altro significherebbe, secondo me, vederlo svanire, perché’ ogni allenatore ha, e giustamente, I propri metodi e dovrebbe ripartire da zero.
    Ancora grazie ragazzi! Siete usciti a testa alta e sono altri che devono preoccuparsi per il loro futuro immediato.

    Michele G.

  3. Stefano_1970 scrive:

    A me Okaka mi é sembrato impegnarsi molto, ma é risultato inconcludente. Ha una sola giocata/movimento ed ormai é prevedibile. Sarebbe il momento di venderlo e monetizzare. O magari, ancora meglio, proporre uno scambio Okaka-Duncan.

    Cacciatore non ha qualche parente che gestisce un’officina meccanica a cui chiedere lavoro?

    Molto bene il montenegrino. Si é fatto le due fasi x 70 minuti buoni.
    Benissimo Romero, quasi incredibile, speriamo apra le porte alla cessione immediata e faccia risparmiare dei soldi da reinvestiti x rinforzare la squadra.
    Benissimo anche Romagnoli. Nel prossimo campionato mancherà, ma fino a giugno fare la differenza.

    • Marcob scrive:

      Sul “benissimo Romagnoli” ho più di un dubbio, soprattutto se rivedo l’azione del primo goal: Shakiri era suo e lo molla completamente prima di entrare in area! E non è l’unica volta che ha perso la marcatura.

  4. Mauro scrive:

    Si, pero’ stavolta secondo me Sinisa ha sbagliato.Ha sbagliato a non far giocare i titolari perché contro questa Inter balbettante si sarebbe anche potuto vincere,e ha sbagliato,a mio avviso,a non far entrare Eder che un po’ d’apprensione alla difesa dell’Inter l’avrebbe certamente creata.Il ragazzino ha numeri e personalità ma ancora acerbo (e un po’ leggerino). Non capisco perché la coppa Italia la snobbiamo sempre, ci fa così schifo una coppa in bacheca????? Nell’albo d’oro non ci finiscono i piazzamenti in campionato ma solo chi alza un trofeo.Per dirla come il grande Enzo Ferrari: il secondo e’ il primo degli ultimi.

    Un saluto a tutti.

    • andrea.lazzara scrive:

      Ragazzi, chi con toni accesi e anche un pò pesanti, chi meno, in molti state scrivendo che l’errore è stato di Mihajlovic a giocare con questa squadra. Io invece non condivido questo pensiero: di giocatori davvero ai margini quanti ce n’erano? Wszolek, Marchionni, Krsticic e Djordjevic. Romero è come fosse un titolare( e ha parato un rigore a quello li), Gastaldello e Romagnoli hanno giocato spesso insieme( e poi è entrato Silvestre così come De Silvestri), Cacciatore quando ha giocato lo ha quasi sempre fatto a sinistra(Regini squalificato e Mesbah in Coppa d’Africa), Rizzo è un titolare aggiunto, Okaka e Soriano sono titolarissimi. Vi giro la domanda: se magari avessero giocato i vari Obiang, Palombo, Eder, De Silvestri, e qualcuno si fosse fatto male? Cosa avreste detto? Oppure si fosse andati ai supplementari domenica sera la frase pronta sarebbe stata “eh ma 120 minuti nelle gambe mercoledì”. E’ chiaro si deve SEMPRE cercare di vincere: sono convinto che in 11 contro 11 la Sampdoria se la sarebbe giocata anche così, ieri sera, contro un’Inter che ha messo in campo quasi tutte le sue bocche di fuoco per passare il turno.

      • Dorianodoc scrive:

        È giusto in parte,Andrea. Premesso che quello che decide Sinisa mi sta bene, è chiaro che Marchionni è ormai un (quasi) ex giocatore e Cacciatore e il polacco a questi livelli sono impresentabili. In tutta sincerità io avrei provato a giocarmela con la formazione migliore. Se passavi eri pur sempre in semifinale di una Coppa che a noi ha sempre detto bene! Con Eder e Okaka in avanti a questa Inter avresti potuto fare molto male. Pazienza.

        • Dorianodoc scrive:

          P.s. A parole dicono che vogliono valorizzare la Coppa nazionale, ma finché ci sarà questo assurdo regolamento su chi gioca in casa la partita secca, fatto solo per favorire le cosiddette grandi, ci sarà sempre meno interesse. Prendere esempio dall’Inghilterra no???

          • andrea.lazzara scrive:

            E’ pericoloso! Della Coppa Italia frega poco a tutti. Ma quando in semifinale si ritrova qualcuna della grandi che ha fallito altrove ecco che improvvisamente diventa obiettivo di grande prestigio. Si. Salva stagione

      • danilo scrive:

        Bastava non mettere quello scarpone di polacco e la partita la vincevi.L’errore grosso di sinisa è stato mettere Wzolek a dx nei 4 di difesa. Una follia non perdonabile. Cacciatore a dx e romagnoli a sx. e la partita era tua.
        Una domanda …Ma sansone al bologna lo abbiamo venduto o dato in prestito? E se venduto quanto lo hanno pagato? Grazie

      • matteo84 scrive:

        Andrea perdonami ma si arriva da una sosta natalizia e sono già cosi stanchi da dover cambiare tutta la squadra per giocare con l’inter ????

  5. vincenzo scrive:

    Uscire dalla Coppa Italia mi dispiace, ma ieri sera ero ancora più dispiaciuto per il gol regalato a quel ragazzo… .
    Tralascio l’errore arbitrale sull’espulsione di Kristic (riportato anche sulla Gazzetta dello Sport) comunque la Samp ha dimostrato anche ieri di che pasta é fatta.
    Adesso testa al Palermo di Mister Iachini che domenica merita un grosso saluto ed una grande ovazione da tutto lo stadio in segno di riconoscenza per quello che ha fatto per la Samp.

    Forza Sampdoria

    • francesco scrive:

      Si, peccato che dal tenore dell’articolo sulla “Gazza” sembra che un Inter cannibale e irresistibile abbia prima malmenato e poi divorato un gattino arruffato di nome Sampdoria….

      Ma basta… Odio le grandi, sono tutte uguali…

      L’Inter è atroce, gioca malissimo (domenica ridicolizzata dall’Empoli) e non meritava un regalo come l’espulsione.

      Vorrei un calcio dove si gioca alla pari, dove Cagliari, Sampdoria o Hellas Verona possono vincere lo scudetto se giocano meglio degli altri… Invece, puntualmente, arrivano aggiustamenti, spintarelle, aiutini, relativi insabbiamenti per i soliti noti…. Sempre al momento giusto, sempre quando serve…

      Stucchevoli i commenti trionfalistici sull’Inter della stampa nazionale di stamattina.

      Sono furioso.

      • Michele G. scrive:

        Francesco e Vincenzo, avete ragione entrambi. A me quell ragazzo che, giustamente Vincenzo non vuole neanche nominare, fa venire letteralmente il voltastomaco come persona. Ma come si dice, Dio li fa e poi li accoppia. La signora con cui si e’ messo (chiedo scusa alle signore) non e’ che sia da meno! A proposito, avete visto con chi e’ andato in gol il buon Maxi Lopez (non sto parlando della rete del 3-2 che il Maxi ha segnato Domenica scorsa, ma di quello schianto di ragazza che lo sta…consolando)?!
        Per quanto riguarda gli aiutini (si’, chiamiamoli aiutini) concessi alle presunte grandi, siamo ormai abituati a prenderli come normali, anche se e’ uno schifo. Ma, secondo me, c’e’ una forma ancora piu’ subdola attuata dale “grandi” societa’ nei confronti di quelle cosiddette piccolo, ed e’ il saccheggio dei talenti migliori. Non appena un giocatore che gioca in una squadra normale si segnala alla ribalta, ecco che arrivano subito le varie juve, Inter, Milan, Napoli o Roma che fanno valere il loro strapotere economico, strappando il giocatore a suon di milioni. Cosi’ si ottiene anche un altro scopo: impedire ad una societa’ normale (non voglio usare il termine “minore”) di poter ambire all’empireo, dove devono sedere solo i soliti noti. Che se poi andiamo ad analizzare un po’ piu’ a fondo la faccenda, vorrei capire come mai siano tollerati bilanci in rosso per le grandi societa’ (si parla di centinaia di milioni di debiti), 10 o 20 volte maggiori dei deficit di societa’ per le quali e’ stato dichiarato il fallimento. D’accordo, non tutti si chiamano Lotito (i miracoli economici che e’ in grado di fare lui, nessuno e’ assolutamente capace di fare), ma perche’ loro se li possono permettere per anni ed un’altra no? Gli intriti per diritti televisivi, pur essendo faraonici per le solite societa’, rappresentano una sorta di buco nero, che ingurgita tutto, ma non basta mai. Ma non doveva esserci il cosiddetto “fairplay” finanziario. Quanto entrera’ in vigore? Mah?!

        • giovi scrive:

          Mi domando, e se il fallo …..da espulsione ….dopo pochi minuti lo avesse fatto un qualsiasi giocatore dell’Inter , Tagliavento avrebbe estratto a San Siro il cartellino Rosso ?

      • Lollo scrive:

        infatti..per non parlare della telecronaca sulla Rai; non voglio passare per complottista ma penso che nel girone di ritorno faranno di tutto per spingere Lazio, Napoli e le milanesi, fortunatamente noi siamo un’ottima squadra: nettamente superiori a Inter e MIlan, possiamo giocarcela anche con le altre big…ne vedremo delle belle

  6. MadMick scrive:

    Io vorrei capire il perchè non abbia voluto mettere in campo una squadra più competitiva.
    Qualche cambio ci poteva stare, ma proporre tutti insieme Wszolek, Djorgevic, Marchionni, Kristicic, Cacciatore…insomma tutta gente che ha giocato pochissimo è stato un suicidio.
    Perchè non provare a giocarsela?
    Andrea è vero che abbiamo tenuto testa all’Inter, ma è anche vero che non abbiamo mai dato l’impressione di poterla vincere, questo non solo a partire dal primo minuto del primo tempo, ma già dalla lettura delle formazioni.

    Ripeto, mi spiace non averci provato…tutto qui!

    • Bulgaro scrive:

      Ti ricordo che eravamo in 10 dal 12esimo minuto.
      Personalmente ritengo che abbiano giocato proprio male solo wzolek fuori ruolo e Marchionni veramente troppo impreciso e poi infortunato. Gli altri ci potevano stare e soprattutto non abbiamo ancora una rosa adeguata per 2 partite in pochi giorni, soprattutto in difesa avevamo giocatori che erano rientrati giusto prima di Parma ed è chiaro che il campionato è l’obiettivo principale, ma a me non pare che sia stata presa sotto gamba.

  7. Lollo scrive:

    Tutto giusto, veramente ottima Sampdoria al cospetto di una piccola Inter, e il rammarico, grande, è , appunto, quello di non essercela giocata come meritava. Mi dispiace molto scriverlo ma Krsticic, Marchionni e Wszolek sono giocatori al momento non all’altezza. Si può discutere molto sull’espulsione, vero, però sta di fatto che è stato deciso un forte turn over, evidentemente per preservare i titolari in vista del Palermo. Condivisibile, ma attenzione: viste le ( strane ) dinamiche del calcio italiano, se è difficile arrivare in fondo in Coppa Italia è altrettanto difficile arrivare tra le prime quattro in campionato…
    Infine un plauso a Okaka e Romero per la prestazione e per il carattere dimostrato

  8. Daniele da Rapallo scrive:

    Andrea, prima di tutto una domanda alla quale spero tu possa rispondermi poichè sicuramente più informato : ma su Duncan abbiamo il diritto di riscatto ? No perchè sta diventando un signor centrocampista…..
    Sulla partita hai detto tutto tu anche se io non capisco fino in fondo le ragioni di snobbare la coppa Italia che è pur sempre un trofeo ed anche se magari in finale ti trovi una Juve, ti fa accedere direttamente in europa. Tutto questo poi in un ottica di rafforzamento della squadra. Mah, sono contento ma un po perplesso…

    • andrea.lazzara scrive:

      Prestito biennale(quindi resta anche l’anno prossimo) poi l’Inter dovrebbe avere un controriscatto fissato per una cifra abbastanza importante

  9. Pino scrive:

    Salve. Ieri sera la partita, giocata da quasi tutte le riserve, è stata persa perchè la si voleva perdere. Oddio, quei ragazzi ci hanno messo l’anima e si sono fatti onore ed a loro non va nessuna accusa. Ma stavolta si deve processare Miha. Era una partita da vincere assolutamente, per il fatto che quasi sicuramente ci avrebbe portato sicuramente in Europa. Guardate chi sono le altre finaliste e capirete il perchè. Boskov, in coppa schierava quasi tutti i titolari. Questo qui ha fatto il contrario, quasi a voler solo onorare l’impegno. Una sorta di favore all’Inter. Ed allora quando Romero ha parato il rigore, credo che Sinisa non abbia esultato. Incredibile la formazione messa in campo. Allora caro Mihajlovic non venire a raccontarci che vuoi sempre vincere.Questa partita l’hai voluta perdere. E non mi sembri abbastanza scaltro come qualcuno vorrebbe far intendere che sei.

    • andrea.lazzara scrive:

      Scusami, sai che io rispetto tutti, ma il tuo messaggio è allucinante. E’ che tu dica che Mihajlovic ha voluto perdere è gravissimo. Andavi ai quarti di finale ed eri sicuro di andare in Europa? Spiegaci come Pino…

      • Pino scrive:

        Rispondo eccome.
        Il non voler accettare l’idea che ce la si potesse fare, denota la mentalità perdente non solo della SampDoria, ma anche dei suoi cari tifosi. Guardatevi il tabellone delle eliminatorie. Anche andando in finale ed ammesso che non la si fosse vinta, si avrebbe avuto comunque un posto in E.L., visto che se ce la si dovessimo dovuta giocare con la Juve, essendo essa già in C.L., (a menoche non abbiano cambiato le regole) avremmo avuto il posto libero. E comunque sia dovevamo provarci. E cosa vuol dire “Battere in trasferta” come dice qui sotto l’amico Bulgaro? Dalla prossima manche ci sarebbe stato il doppio turno! Vale anche qui il discorso del “Se non han cambiato le regole”. Grazie di avermi letto.

        • silly scrive:

          eh si fenomeno le regole sono cambiate. Se vince la Coppa la Juve in EL ci va la sesta in campionato. Informati prima di parlare Cavasin.. E il prossimo turno (o manche come a giochi senza frontiere) è ancora in partita secca e sono i quarti…. dalle semifinali inizia andata e ritorno..Ciao Cavasin…

    • Bulgaro scrive:

      Giusto, era l’autostrada che ti portava direttamente in finale di Europa league, In fondo è scontato che avremmo fatto fuori in trasferta squadre come Napoli, udinese, fiorentina o Roma….

    • Daniele scrive:

      Pino, gente come te dovrebbe avere l’abbonamento alla Nord, bibino che non sei altro. Mi trattengo a dire quello che veramente penso perche’ verrei bannato, ma gente come te sono il brutto del calcio itagliano…..pulisciti la bocca quando parli di Sinisa.

      • Pino scrive:

        Guarda che ti rispondo anche se davvero non lo meriti. Le offese non mi scalfiscono nemmeno, e probabilmente tu non eri nemmeno a livello di spermatozoo quando io inneggiavo a Bernasconi, Monzeglio & Co. e la Samp si veniva ad allenare al campo dell’ANPI Casassa alla Ligorna. Sappi che la libertà di critica, se usata in maniera educata e civile, senza scadere nel volgare denota la consapevolezza dell’accettare le opinioni altrui anche diverse. Pensi tu che se fossi un tifoso Genoano perderei tempo qui a parlare? Vatti a rileggere i miei scritti di altri post e vedrai che sei o siete in errore. E soprattutto vedi come ho sempre scritto senza usare parole offensive per chichessia. E grazie per avermi letto.

        • andrea.lazzara scrive:

          La risposta di Pino è nel recinto dell’educazione. Colgo l’occasione per ricordare a tutti di moderare sempre i toni. E non solo nei confronti degli altri bloggers ma anche di società, dirigenti, giocatori, anche di altre squadre. La giurisprudenza è ormai ampia in materia di diffamazioni, calunnie ecc(non è questo il caso eh). Il blog, i social newtork non sono un faccia a faccia al bar.

        • Michele G. scrive:

          Pino, noi siamo di un’altra generazione e sviluppato un diverso approccio nei confronti dei nostril tifosi e persino nei confronti di quelli di alter squadre. Mi ricordo che io andavo tranquillamente alle trasferte con mio fratello maggiore, persino quelle in cui adesso sia necessaria la scorta della polizia dalla stazione allo stadio o dal parcheggio dei bus. Persino a Napoli si correva al Massimo il rischio di qualche sfotto’, ma nulla piu’. Anzi, avevamo pure ricevuto utili indicazioni su dove andare a gustare un’ottima pizza. Poi, tutto si e’ “inselvatichito” ed andare allo stadio, specie in trasferta, e’ diventato anche persino un po’ rischioso. Io non ricordo negli anni passati di rise fra tifosi Doriani. Potevano esserci discussioni fra chi, pur vedendo la stessa partita, sembrava assistessero a due diversi incontri. Ma non si scadeva mai nella maleducazione. Forse perche’ l’interlocutore ce l’avevi ad un metro da te e non si nascondeva nell’anonimato (o quasi) di un PC.
          La tua risposta, estremamente civile ed educate, ti fa veramente onore. Bravo!

  10. P.SOLARI scrive:

    La squadra messa in campo, con l’ uomo in meno per 75 minuti, ha fatto sin troppo.
    D’ altra parte la situazione buonissima di classifica ha evidentemente portato a privilegiare il campionato ( altri escono al primo turno ….. ). Spiace solo aver dato la possibilita’ di segnare a quella sottospecie d’ uomo con il numero 9 ( e bravissimo Romero sul rigore ).

    • nello scrive:

      Tra l’altro il regalo all’Inter lo ha fatto l’arbitro e non Sinisa ; mi ricordo che Orsato non aveva espulso Matuzalem per un fallaccio ben più grave ,proprio su Krsticic, perché eravamo all’inizio della partita e il sig ballardini aveva detto che era giusto perché si sarebbe compromessa troppo presto una partita e che l’arbitro aveva avuto buon senso (Krsticic fuori per due mesi con caviglia rovinata) ieri invece l’arbitro non ha pensato fosse troppo presto……fanno sempre due pesi e sue misure .

      • silly scrive:

        non c’entra niente quello che dici (anche se matuzalem era da espulsione) qui il discorso è che non era chiara occasione da gol, ma fallo da ammonizione

        • maverick scrive:

          se leggi meglio il suo post vedrai che centra… e il fatto che tu abbia scritto che matuzalem era da espulsione mi sa che era per proteggerti dalle accuse di bibinismo ma si sa, come direbbe Lotito, excusatio non petita accusatio manifesta.. ;)

        • nello scrive:

          E allora? Mi stai dando ragione non doveva essere espulso, io con Matuzalem ho solo voluto fare un esempio di come gli arbitri facciano due pesi e due misure,là non hanno espulso Matuzalem che era da espellere ( lo.dici anche tu ) e qui ha espulso Krsticic che non era da espellere,quindi l’arbitro h a fatto un regalo all’Inter! Io non volevo dire che è lo stesso fallo ,ma che ci sono disparità di giudizio,perciò scusa ,ma c’entra eccome!

  11. Massimo Pittaluga scrive:

    conordo con le tue riflessioni e anche sull espulsione di kristicic aveva di fianco un difensore ed era quindi giallo, ma tagliavento ha abituato al cartellino facile in generale non solo con noi sia chiaro. il resto ci stava come il rigore che ci poteva stare anche se dodo appena lo sfiora cade. ad ogni modo quando ho visto la formazione ho pensato che mihalovic proprio non voleva andare avanti e se sono felice anzi di più per il campionato sinceramente una formazione del genere per me non doveva farla. una squadra come la samp poteva ieri mettere i migliori e giocarsela magari con 2 o 3 innesti di quelle riserve che sono poi titolari spesso e viceversa. poi per oltre 1 ora hanno fatto il 100% incluso wzoleck che è stato anche impiegato in un ruolo non suo e ha dato tutto. bravissimo romero bravissimo romagnoli nei recuperi, benino secondo me marchionni che con rizzo hanno fatto quello che potevano in inferiorità e bene anche okaka e dojrogevic per la voglia e la personalità. però questa volta, anche se avrà i suoi motivi e punterà tutto sul campionato, mi è piaciuto poco mihlovick. Lo dico senza polemica e senza alcuna acredine, avercelo per 10 anni, ma secondo me una competizione che con altre 3 partite al massimo vai in finale andava provata a giocare. è andata così e speriamo che i titolari col palermo facciano bene. ad ogni modo anche le riserve e in 10 hanno dato veramente il massimo e si sono difesi bene.però rimane il rammarico. la samp di boskov come dicevi tu giocava la coppa italia al massimo e nell’ 84 85 l’ha vinta con una squadra che stava cominciano il suo ciclo vincente. ricordo che quella stessa squadra giocava campionato e coppe quindi non è che avesse pochi impegni con rosa quantitativamente più limitata. probabilmente mihalovic avrà avuto i suoi buoni motivi ma a san siro contro un inter praticamente titolare doveva andarsela a giocare. l’inter tra le altre cose ha anche EL che sono molte partite e non capisco questa rinuncia a priori. è andata così avanti.

    • andrea.lazzara scrive:

      Altri tempi Massimo, serie A a 16 squadre(30 partite)….Ora la A ne ha 38(quelle che aveva all’epoca la B che veniva definito un “torneo eterno”)

      • Massimo Pittaluga scrive:

        vero andrea i numeri sono indiscutibili però le rose erano di 11 titolari e 6/7 panchinari e i primavera. poi per carità tutto vero altri tempi. sono rammaricato solo per non averci voluto provare sino in fondo ma è anche vero che mihalovic avrà avuto i suoi buoni motivi. probabilmente sa che certi giocatori perno non hanno nelle gambe 3 partite alla settimana. comunque mi avessero detto l’estate scorsa che si era terzi dopo mezzo campionato e agli ottavi con l’inter avrei messo firma. le mie sono critiche da tifoso. di la abbiamo un grande allenatore che sa quello che fa e sa come sono le condizioni della squadra e speriamo rimanga a lungo.

      • Bulgaro scrive:

        Soprattutto formula fatta per far vincere sempre le grandi squadre.

  12. silly scrive:

    Peccato per non aver giocato con la miglior squadra possibile, questa Inter si poteva battere, è davvero poca cosa. E’ anche vero che l’espulsione è assurda, non può essere chiara occasione da gol, Icardi ha stoppato male il pallone che sarebbe finito molto probabilmente tra le braccia di Romero, quindi fallo si ma giallo.
    Il problema come si è visto a Roma e Firenze in questo turno di Coppa Italia è che erano già decise le squadre che dovevano passare il turno. E le vittime sacrificali erano le solite provinciali. Fino a che non si ammetterà che gli arbitri sono scarsi, vero, ma alcuni sono anche in malafede, questi continueranno a fare ciò che vogliono alle spalle di noi stupidi tifosi che continuiamo a seguire le nostre squadre solo per passione e fede. Perchè dicono che in un campionato gli errori si compensano sempre. Ma il problema è diverso, il problema è che se giochi contro una nobile del calcio l’errore è sempre a tuo sfavore. Se giochi contro una piccola è un 50 e 50, oggi a me domani a te, ecco come si compensano gli errori. Se gioco contro la Juve e mi danno un rigore scandalosamente inesistente a favore, mi sta bene allora la compensazione. Ma il problema è che non succede MAI così, e nessuno fa nulla per fare cambiare questo marciume (non andare più allo stadio, non comprare più abbonamenti TV ecc ecc..), purtroppo in questo noi tifosi siamo “complici” di questo sistema marcio e schifoso.

    Per concludere Andrea hai ragione, se una Samp con cosi tante riserve mette in difficoltà in 10 l’Inter a casa propria significa che l’Inter quest’anno è proprio scarsa (giusto il Genoa poteva perderci..) e la Samp invece (grazie a Miha) quest’anno può dire la sua fino in fondo nelle alte sfere della classifica.

  13. Emanuele scrive:

    Che strano nessuno della stampa regionale che parli dell’arbitraggio SCANDALOSO di Tagliavento. Siamo alle solite…….la gestione delle partite di Milan Roma ed Inter in questo turno è sotto gli occhi di tutti …..ah si dimenticavo non facciamo i vittimisti ed i complottisti va tutto bene cosi d’altronde in campo non c’era la squadra inglese di Genova. Saluti

    • Stefano_1970 scrive:

      Arbitro “pollo”… ma Nenad ancora di più. La stessa giocata (far finta di essere sgambetto da dietro) Icardi l’ha fatta all’andata ed anche 1 volta in B ed 1 volta in A quando era blucerchiato. I furbetti si conoscono… Nenad doveva approfittare del rientro del compagno ed allargarsi a dx non concedendo il contorno perfetto alla giocata dell’Argentino.

      Sul rigore non vedo grossi dubbi se non come sia possibile arrivare a giovare jn serie A e farsi saltare da Dodó

  14. ale scrive:

    Caro Andrea,
    concordo con te. Anche io approvo le sue scelte.
    Mi piace come abbiamo giocato (facendo anche buon calcio a tratti). Bene su tutti Romero, Okaka e Duncan. Maluccio Gasta e Ciolek.

    Premesso che non credo che sicuramente avremmo passato il turno (il divario tecnico tra le due formazioni era notevole). Ritengo comunque incredibili gli arbitraggi di questo turno. Con noi è stato solo un po’ più furbo e meno appariscente dell’allucinante arbitro di Roma, mai visto un rigore così. E pure Fiorentina Atalanta…..
    Già fanno giocare in casa le più forti (il contrario di quanto accade in Inghilterra, per dire). Poi pilotano a sto modo.

    Roma Empoli e Inter Samp sono quel genere di cose che ti fanno passare la voglia

    saluti

  15. massimo scrive:

    andata come è andata.. ma al ritorno con l’Inter a Marassi voglio vincere a tutti far capire a shaquiri e a tutti gli altri fenomeni chi sta davanti quest’anno!

  16. max scrive:

    ottimo commento andrea
    hai ragione la squadra non era male e poi comunque dopo inter ci toccava il napoli e non era proprio facile passare il turno. forse qualcuno se lo scorda
    hanno fatto il massimo e forse in 11 contro 11 avremmo potuto anche giocarcela alla pari
    ma ahime ci hanno tagliato le gambe subito senza darci la possibilità di giocare
    e poi domenica è una partita difficilissima come forse qualcuno ha dimenticato e quindi serve la miglior sampdoria per sperare di fare i 3 punti

  17. Paolo1966 scrive:

    Se il fallo di Krsitcic e’ una chiara occasione da gol la bionda gnocca che stamattina al Bar mi ha chiesto se poteva prendere una bustina di zucchero senza guardarmi in faccia me la vuole dare a tutti i costi

    Detto questo:

    - effettivamente anche io me la sarei giocata, tanto e’ un campionato che aspetta tutti

    - povero Nenad, quando le cose non devono girare non c’e’ propio verso

  18. moussa dembele' scrive:

    Concordo con chi dice che, a parità di squadre titolari saremmo passati noi. Al momento la Samp-1 merita di stare sopra l’Inter in campionato.
    POteva comunque essere logico risparmiare qualche giocatore e valutare cosa potesse dare il sostituto: qualcuno ha dimostrato di esserci e qualcun’altra no, Mihajlovic trarrà le conseguenze.

    Una riflessione che non ho ancora letto da nessuna parte sulla vicenda Eto ‘ o. Cosa succede se l’Everton allunga il brodo finché il mercato invernale finisce, salta tutto e la Samp deve rinunciare all’affare vero?

  19. Bulgaro scrive:

    Gli arbitri che cominciano con la T di 11 lettere ci portano sfiga, o la portiamo noi a loro….
    Di tutto quello che ha fatto di sbagliato, quello che mi ha infastidito sono stati i cartelli gialli. Ai nostri tutti a termini di regolamento, ad Andreolli, al primo avviso, al secondo giallo.
    Comunque è stata una partita sfigata, anche per gli infortuni, era dai tempi di Berna che non ricordavo una moria simile di giocatori.

    • andrea.lazzara scrive:

      Andreolli che, peraltro, dopo il giallo ha fatto una sceneggiata come se gli avessero rubato in casa( e meritava il giallo prima)

      • Matteo B scrive:

        Ecco Andrea, appunto, il primo fallo di Andreolli era da giallo, ma l’arbitro caccia gastaldello che chiede il giusto cartellino come fosse un pazzo in preda alle visioni. 5 minuti dopo, stessa scena stesso fallo e ammonisce l’interista. Allora mo dico sarà un arbitro che vuole dosare i cartellini(Ahahahaha). Poi verso fine partita dopo aver tirato fuori il cartellino a wzolek in occasione del rigore (non bastava il rigore, o moderato e riflessivo arbitro?) , lo espelle per un fallo a centrocampo per una evidente entrata in ritardo, ma cmq nn cattivo. In questi due episodi c’é tutto lo squallore dei “due pesi e due misure”(che alcuni chiamano sudditanza) che viene puntualmente applicato dagli arbitri, specie quando si tratta di avere dei quarti di finale” allettanti” dall’audience garantito. Fosse per me, la coppa la giocherei con la primavera altro che prime linee. Anche in questo Sinisa l’ha vista lunga

  20. El Cabezon scrive:

    Premesso che i ragazzi hanno dato tutto e vanno elogiati non ho condiviso per nulla la scelta di Mihajlovic di NON giocarsi in partenza questa partita: era una sfida secca nella quale è risaputo può succedere di tutto, faceva così schifo provarci?
    Ok fare qualche cambiamento, ma stravolgere l’undici base quasi per intero…perchè?
    Penso a Bergessio, santa pazienza questo ragazzo avrà collezionato una manciata di partite, mica sarà stanco, perchè escluderlo?
    Si poteva proporre il tandem pesante Okaka-Bergessio come fatto contro Chievo e Fiorentina, e poi magari nella ripresa provarci con Eder…chissà…
    Ovviamente sono solo congetture, non voglio di certo sostituirmi a Sinisa, però questa mentalità proprio non la concepisco…paura degli infortuni?
    L’infortunio può capitare anche nella partitella a Bogliasco, mi domando se già in una competizione dove sei agli ottavi in partita secca non te la provi a giocare cosa faremo se l’anno prossimo saremo in Europa League, giocheremo con gli Allievi?
    E se disgraziatamente stasera l’Udinese facesse il colpaccio a Napoli?
    Saremmo costretti a mangiarci le dita, pure quelle dei piedi…
    Chiudo con una stoccata ai tuoi colleghi ( perdonami Andrea ): l’allucinante Antinelli della Rai che ha il coraggio di elogiare Shaqiri dopo che questi ha tentato il più vigliacco dei gesti antisportivi ( la simulazione ) e il delirante pezzo che compare su gazzetta.it nel quale pare che l’Inter ci abbia surclassato dall’inizio alla fine, vomitevole!

    • andrea.lazzara scrive:

      Il pezzo della Gazzetta non l’ho letto, definire sportivissimo uno che ha cercato di “truffare” l’arbitro è assurdo!

  21. Mauro scrive:

    Ma non siamo buoni a menarlo come si deve l’omuncolo tatuato neopadre?Mater certa….

    • Michele G. scrive:

      Mauro, ho delegato alcuni miei amici della Sud (io purtroppo sono in permanenza all’estero e non potro’ presenziare) a far scoppiare le orecchie dai fischi all’omuncolo vomitevole quando verra’ a Marassi. Dovrebbe uscire dal campo piangendo! Avrei anche pronti una serie di sfotto’, che non sono purtroppo pubblicabili su questo blog. Fossi in lui, mi augurerei di non essere disponibile quel giorno!

    • piero scrive:

      E’ quello che ho pensato anche io.
      L’unico che ha avuto le palle di farlo è stato Costa (quanto mi manca…) in Inter-Parma questo campionato.
      MI ha fatto male anche vedere come è stato salutato cordialmente da alcuni dei nostri a fine partita…
      Comunque ha ragione l’allenatore dell’Empoli. Così come è concepita la Coppa Italia non ha senso.

      • Crovo scrive:

        Ecco.

        Finalmente qualcuno che evidenzia la realtà dei fatti!

        Lo hanno salutato tutti cordialmente, e non solo a fine partita.

        Obiang ad esempio lo ha abbracciato fraternamente anche a inizio secondo tempo.

        Credo che gli ex compagni, al di la delle dichiarazioni di facciata, gli vogliano tutti bene.

        Non fosse altro che per il fatto che quando era qui era il cucciolo della compagnia…

        Quindi, scordatevi la caccia all’uomo, almeno da parte di quelli che c’erano quando c’era lui…

  22. Michele G. scrive:

    Supermercato SAMP.
    Cosi’ potrebbe definirsi la Samp per il Napoli. Nel corso degli ultimi anni i partenopei sono venuti a prelevare a mani basse dal nostro parco giocatori e financo l’allenatore.
    Se ricordate, Mazzarri, che comunque aveva gia’ rotto il rapporto con la societa’ dopo l’improvvida conferenza stampa, nella quale lamentava il mancato rafforzamento della squadra (per carita’, aveva pure ragione), poi Campagnaro, Maggio, Gabbiadini. Ed ora vorrebbero portarci via anche Sinisa Mihajlovic. Non che I giocatori se li siano presi gratis, ma l’allenatore non ce lo pagano di sicuro. E per noi sarebbe un danno doppio, un po’ come la perdita di Gabbiadini: ci tolgono una risorsa fondamentale (mi riferisco a Sinisa), indebolendoci, e si rafforzano loro, che sono una nostra diretta concorrente. Ho sentito circolare voci sul possibile arrivo di Di Francesco, allenatore del Sassuolo. Mah! Sara’ bravo, ma a me lascia molto perplesso. Mi pare che la fase difensiva non sia la parte migliore del suo repertorio (che dire delle due volte consecutive che ha beccato 7-0 dall’Inter?). La’ davanti hanno il miglior Zaza da quando ha esordito in A e Berardi, la cui verve, tuttavia, e’ andata un po’ spegnendosi.
    Tuttavia, anche se prendessimo un allenatore con le palle, questi dovrebbe ricominciare tutto da capo e cambiare tutti i metodi del suo predecessore. Ricordiamoci che Mihajlovic aveva fatto bene da subito. Non so se la cosa riuscirebbe anche ad un altro.

    • maverick scrive:

      Ciao,
      su mihajlovic concordo al di la di prendere uno scarso medio bravo bravissimo il problema di ricambiare allenatore dopo un anno e riniziare da capo potrebbe essere devastante… Non sono pero’ cosi scettico sul suo rinnovo.. Vediamo come ci aiuteranno Etoo e Muriel… Vediamo se per caso riusciremo a stare davanti al Napoli e poi ci preoccuperemo dell’allenatore(credo cmq Ferrero abbia una opzione sul rinnovo o roba simile…se non sbaglio..).. Circa Maggio e Camapagnaro direi che quelli che se li sono goduti nelle loro stagioni migliori siamo cmq stati noi per cui col senno di poi tutto sommato non e’ stato cosi male venderli… Probablemnte all’epoca mi ero lamentato delle loro cessioni :)

      • Michele G. scrive:

        Sì Maverick, anch’io sono speranzoso sul fatto che Mihajlovic rimanga, non fosse altro perché ha ancora un anno di contratto con noi. Il primo “però” è già il fatto che abbia un solo anno ancora di contratto. Ma ciò che mi dà massimamente fastidio è che il de Laurentiis abbia già sondato il terreno con il nostro allenatore, magari prospettandogli un pingue ingaggio, che da noi non potrebbe mai avere. Ci scommetto che sarebbe disposto anche a pagare una penale salatissima pur di svincolarlo ed averlo già a Giugno a Napoli. Ferrero, poi, ha affermato che se Sinisa volesse andarsene, non lo tratterrebbe, e questo mi dispiace molto.
        Come ho detto in un mio post precedente, Mihajlovic lo vedrei bene a fare qualcosa di più dell’allenatore. Mi ero spinto a fare un paragone con il grande Alex Ferguson, fidelizzato dal Manchester United per più di 25 anni, con i risultati che tutti noi conosciamo. Lui stesso ha detto di parlare direttamente con i giocatori in procinto di vestire la nostra maglia e di essere consultato prima di sondare il terreno con qualche potenziale candidato. Staremo a vedere. Certo, se se ne andasse, mi dispiacerebbe moltissimo. È stato, secondo me, il miglior allenatore che abbiamo avuto dopo il mitico Boskov, e direi più di Eriksson, che comunque ha fatto bene con noi.

  23. silly scrive:

    Shaqiri (è il sosia di Topo Gigio) simula, l’arbitro va ad ammonirlo, lui si scusa e il bordocampista RAI “Shaqiri sportivissimo…” Fantastico.

    • Michele G. scrive:

      AH! AH! Questa me l’ero persa! Sportivissimo uno che aveva appena simulato. Incredibile!

  24. gianfra scrive:

    praticamente dopo 12′ la partita era finita, non vorrei fare polemiche sul discorso del turn-over domenica c’è una partita tosta e delicata, si potevano rischiare infortuni di giocatori in questo momento insostituibili, in particolare in avanti vista l’indisponibilità di Muriel, ma anche in difesa data l’assenza di Mesbah.
    Il Palermo è squadra da prendere con le molle e bisognerà essere al meglio per metterli in difficoltà e ottenere punti. Dunque non me la sento di biasimare il mister e poi Tagliavento ha arbitrato a senso unico, forse voleva farsi perdonare di quella volta contro di noi che lì lasciò in 9, dopo il p.t.? questa volta ci ha lasciato a noi in 9.
    Icardi non lo sopporto , purtroppo ci segna sempre contro, speriamo che se ne vada all’estero, comunque complimenti Romero per avergli parato il rigore.

  25. FOREVERSAMP scrive:

    CHE AMAREZZA.
    Tutto quello che non vorresti mai vedere in una partita di calcio; è diventata una COSTANTE quando sia gioca contro Lazio ed Inter.
    Ho letto il post di Andrea ,nel quale si cita Boskov e subito mi è ritornato il sorriso.
    Vujadin ci ha lasciato un ricordo positivo ed indelebile .

    “Dopo pioggia viene Sole”.

    Se io sciolgo il mio cane, lui gioca meglio di Perdomo
    [Rettifica successiva] Io non dire che Perdomo giocare come mio cane. Io dire che lui potere giocare a calcio solo in parco di mia villa con mio cane.

    Quando arrivò a Genova: Vialli y Mancini avevano grandi potenzialità sia tecniche che atletiche ma in campionato non andavano oltre 5/6 goal a stagione ,segnavano di più in coppa Italia.
    Organizzo un’amichevole con il Real Madrid in cui giocavano grandi campioni fra cui Michel e Butragueno punti fermi della nazionale Spagnola .
    Ricordo benissimo il Vuja disse” noi avere Mancini y Viali “non sono inferiori giochiamo partita senza temere”.
    Noi della Samp fummo sorpresi ed un pò increduli ,i bibini si lasciarono andare in battute e risate ,fu un riso amaro.
    Se il Vuja avesse detto :Il Real si che è una grande squadra…meglio perdere con loro…sono rimasto legato al Real ed ancora suo tifoso…spero di far bene alla Samp ,così tra un anno o 2 posso tornare a Madrid.
    Non avremmo vinto niente ,non si sarebbe potuta creare la mentalità vincente in campo”non a parole” e neanche il senso di appartenenza alla SAMPDORIA che ha tenuto tutti uniti fino a raggiungere lo Scudetto,anche perchè Mantovani lo avrebbe cacciato a calci in culo!.
    Nessuno oggi ricorderebbe Boskov ,sarebbe stato solo un tecnico che passa e va come gli altri.
    Questa riflessione è molto più importante rispetto alle pur condivisibili note tecniche e critiche apparse nel blog.
    ps.
    Se neanche uno trugno come Duncan ,che ha giocato 3 partite da titolare ,può giocare dal primo minuto il mercoledì ,come si può immaginare di gestire una remota ,ma sempre possibile Europa League?

  26. Alberto scrive:

    Alla luce di quanto visto ieri sera (ossia schieramento delle seconde linee) io mi auguro che un eventuale accesso ( e qui tocchiamoci il toccabile) ad una competizione europea, non comporti anche il prossimo anno una assidua e controproducente abitudine tutta italiana di schierare le riserve nelle coppe!
    Non vorrei che quest anno facessimo di tutto e di più per arrivare in Europa per poi fare giocare i vari Wszolek, Marchionni, Krsticic e Djordjevic, con tutto il rispetto per loro, ma che rappresentano modesti giocatori.
    Spero che si costruisca una squadra con riserve e seconde linee all’altezza.

  27. dolcevita scrive:

    Ci va bene anche uscire dalla coppa Italia e concentrare le forze su un campionato che potrebbe anche entrare nella leggenda della samp. Avanti Doria!

  28. NYC scrive:

    Dico solo una cosa, sarebbe bello se riuscissimo ad arrivare in EL perche’ tanti nostri giovani potrebbero trovare piu’ spazio ed essere ancora di piu’ valorizzati.

    ieri ci siamo battuti con onore in una competizione assolutamente antisportiva dove tutto e’ fatto per avvantaggiare le solite note, veramente all’italiana.

  29. fabrizio perfumo scrive:

    Sono, in primo luogo, orgoglioso della prova della Samp di ieri: in dieci per settanta minuti, in nove per oltre dieci, ha tenuto botta con spirito di sacrificio e tanta organizzazione nonostante una formazione inedita. Non fosse stato per la cappella di De Silvestri sarebbe finita uno a zero contro un avversario comunque infarcito di ottimi giocatori. Il rischio di sbragare era elevato e non è stato così. La partita è restata in equilibrio fino al 70esimo.
    Dopo questa premessa va evidenziato lo scippo perpetrato a livello arbitrale: ingiusta l’espulsione di Kristicic, generoso a dir poco il rigore, generosa la mancata doppia ammonizione di Andreolli, costantemente contrario ad equanimità l’arbitraggio anche sulle piccole cose. Avrebbe dovuto essere detto a chiare lettere dalla stampa nazionale e locale: non è stato così e ne sono indignato. Se non dici che qualcosa è ingiusto finisce col non esserlo più.
    Aggiungo che schierare qualche titolare in più ci avrebbe consentito comunque di superare il turno,il che avrebbe contribuito ad “ammazzare” un’Inter già mezza morta, fiaccandone pure la convinzione di rincorsa al terzo posto. Con innegabile vantaggio per noi. Ora, visti anche i peana mediatici su Shaquiri e Podolskj, con silenziatore sulla condotta arbitrale, l’Inter si rianima e crede a se stessa, convinzione fondamentale sopratutto quando non si hanno reali elementi obiettivi di speranza sportiva. E’ un giochino fatto anche con il Milan fino a poco tempo fa. Non si sopporta un calcio italiano in cui a soffrire sono le milanesi. Non dimentico che la Samp di Paolo Mantovani ha dovuto meritare tre scudetti per ottenerne uno e che da questo destino, non potendolo sfuggire, bisogna ribellarsi con la cattiveria. Che non è mancata alla Samp che è scesa in campo ieri ma che è mancata prima di scendere in campo quando si è deciso di schierare una formazione altamente sperimentale. Che non può giustificarsi – mi rivolgo ad Andrea Lazzara – con il timore di infortuni da evitarsi per rincorrere il terzo posto. Credo che per noi fosse più agevole arrivare in finale di Coppa Italia che arrivare terzi – viste le differenti ripercussioni economiche delle due vicende che condizioneranno arbitri e arbitraggi di qui alla fine del campionato. Ieri c’era da dire vergogna e basta. Lo ha fatto il corriere dello sport titolando ” L’arbitro da una mano alla Roma” dopo la partita Roma – Empoli. Perchè non lo ha fatto il Secolo XIX, per esempio? A dire il vero non mi interessa questo perchè. Sono nauseato dal fatto che non lo abbia fatto.

    • Michele G. scrive:

      Lo stesso Corriere dello Sport, inaspettatamente obiettivo, nonostante sia proprio di Roma, ha anche titolato a proposito di Inter-Samp: “L’Inter va Avanti grazie a Shaqiri e Tagliavento!”

  30. DANI.FORLÍ.BLUCERCHIATO scrive:

    Grazie ragazzi x l’impegno messo in campo ieri sera.
    Credo che il mister abbia fatto la scelta giusta nel far riposare i titolari per tre motivi.1 il Palermo è in gran forma quindi serviranno tutte le energie per non ciccare i tre punti.2 Ha dimostrato per l’ennesima volta che non siamo terzi x caso e che anche con le “riserve” la mentalità è quella giusta e solita,inoltre ha fatto giocare giovani al debutto senza timore alla scala del calcio,3 e ultimo motivo non meno importante secondo me lui crede fortemente nel terzo posto e trovandoci li a lottare ha scelto cosa conveniva lasciare visto anche che questa è una stagione particolare dove si è giocato il mondiale…chissà che i campioni tirino un po’ il fiato così ne potremmo approfittare. È solo una mia impressione……

  31. Gianni scrive:

    Caro Andrea condivido completamente quanto da te asserito e faccio solo due osservazioni:
    - da inizio campionato 3 sconfitte con inter 2 e lazio, non è che Sinisa patisce inconsciamente le sue ex squadre?
    - Tagliavento che io ormai chiamo taglialange o trentavento con noi o è particolarmente sfortunato o ci porta una sfiga tremenda!!! spero non sia condizionato.
    Buon lavoro salutoni.

    • Michele G. scrive:

      Gianni, questo pensiero aveva sfiorato anche la mia mente, ma solo da un punto di vista statistic, perche’, andando a rivedere la sconfitta con l’Inter in campionato, vedo che questa era arrivata al 90′, su rigore mooolto generoso, dopo che Duncan aveva colpito una traversa che sta ancora tremando e giusto qualche momento prima del loro furto, avevamo mancato noi il colpo del KO. Con la Lazio non siamo praticamente scesi in campo! Anche se, pure in questo caso, ci sarebbe da obiettare che Eder, sullo 0-0, fosse stato fermato per un inesistente fuorigioco, mentre sul 2-0 Okaka veniva fatto accomodare in terra in area, per quello che sembrava il prototipo dei rigori. Fossero stati valutati diversamente quegli episodi, probabilmente saremmo qui a parlare di altre partite e non di sconfitte.

  32. Andrea82 scrive:

    Mi spiace molto non essere andati avanti in coppa, ho memoria solo di una delle 4 finali vinte, e una amarissima del 2009 … Ci speravo davvero peccato.
    Comunque mi sarebbe piaciuto almeno vedere una sfida alla pari, e Tagliavento ha pensato bene di rompere gli equilibri dopo 11 minuti. Peccato di nuovo.
    Sono dell’idea che Sinisa abbia fatto bene a far giocare i meno utilizzati, anche perché in caso contrario non sarebbe coerente con quello che afferma sul gruppo che ha a disposizione.
    Testa solo al campionato dunque e sopratutto alla importantissima partita con il Palermo …
    Dai Doria!

  33. petrino scrive:

    la rai, avendo l’ esclusiva di coppa italia, fa voti………. affinche’ vadano avanti iuve roma inter milan, ossia le grandi squadre che fanno schaare e cosi’ puo’ intriotare maggiori proventi pubblicitari.
    Detto cio’, l’ espulsione di Kristicic e’ stato un regalone all’ inter. e un regalone alla rai.
    Criticare il serbo per la formazione e’ sbagliato da parte nostra che siamo in poltrona. Lui conosce i singoli giocatori, le aspettative e i traguardi della societa’. Inutile recriminare. Cosi’ e’.

  34. Michele G. scrive:

    Scusate la malignita’: non e’ che Tagliavento volesse farsi perdonare dagli interisti per quella doppia espulsione di qualche anno fa? Ricordate? Quella partita in cui Mourinho fece il gesto delle manette? A dire il vero, a noi aveva anche espulso Pazzini, tanto per non gravare troppo sui nerazzurri. Mah! Come diceva sempre quell noto politico che ha dominato la scena politica italiana per diversi lustri: “A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca”!

  35. NYC scrive:

    Coppa italia pagliacciata assurda, come prendere in giro gli spettatori.
    Vergogna tutta italiana.

  36. Enrico scrive:

    Anche stasera arbitraggio scandaloso a senso unico per il Napoli. Ma quello che da piu fastidio e’ la telecronaca da tifosi dei cronisti RAI: cosi’ servili da apparire grotteschi. Tutto questo sommato alla vergogna di ieri sera fa davvero passare la voglia, meglio lasciar perdere tanto non e ne sport ne una competizione equa.

  37. P.SOLARI scrive:

    Si e’ visto ieri sera con Napoli Udinese: non sono bastati i 2 rigori ai partenopei + espulsione per passare, sono dovuti arrivare ai rigori ….. mai che accada a rovescia, a favore delle cosiddette “piccole” , possibile ?
    Comunque meglio voltare pagina e pensare a domenica, una partita delicata con una formazione in palla e pericolosa in contropiede.

  38. maverick scrive:

    Ciao ho letto e riletto tutti i post.. Si puoi indubbiamente essere del partito “tanto non saremmo andati molto avanti” ” non ci avrebbero fatto andare avanti” o del partito “dovevamo provarci davvero con tutti gli uomini migliori” .. difficile scegliere… Aggiungo pero’ una rifelssione partendo dalla differenza tra Roma e Juve detta, credo, da Capello: la juve e’ abituata a vincere e ha la mentalita’ della vincente cosa che manca alla Roma. Non siamo la Roma e neppure la Juve ma credo che la squadra debba cercare di fare un salto di mentalita, abituarsi davvero a pensare che tutte le partite si possano vincere che e’ qualcosa di piu che “dare tutto” senza pero’ realmente credere nella vittoria (non sto dicendo che non ci credono..non sono nella loro testa)… E allora forse occorerebbe smetterla di non schierare la formazione migliore (sempre che sinisa lo abbia fatto SOLO per tutelare la squadra per il campionato) in certe partite altrimenti non dovremmo neppure puntare alla CL o EL perche di certo Ferrero potrebbe fare uno sforzo e comprare qualche giocatore ma non credo potra’ comprare tutta una seconda rosa come la squadra titolare…E allora rischiamo… Giochiamoci tutte le partite e se server il turn over facciamolo di uno o due giocatori e non cambiando 4 o 5 elementi lasciando via libera agli avversari… Ero giovane, forse non piccolo ma giovane ai tempi delle coppe delle coppe ma non credo si giocasse pensando va beh non arriviamo in fondo.. ca@@arola siamo arrivati in finale di coppa campioni alla prima occasione..chi ci avrebbe creduto all’inizio della competizione? Insomma l’appetito vien mangiando..stare a digiuno restringe lo stomaco e alla fine si perde la fame… Detto questo ho e continuero’ avere fiducia nel mister!!!

    • Michele G. scrive:

      Ah, maverick. La saggezza dei “capelli bianchi” (non so se tu li abbia sul serio, ma io mi riferisco alla metalita’)! Hai detto delle cose veramente sensate che uno come me che i capelli bianchi (quei pochi rimasti, a dire il vero) ce li ha sul serio. Io a quei tempi ero un po’ piu’ grande di te e mi sarebbe dispiaciuto vedere snobbate le varie coppe, specie la coppa Italia, pensando “tanto non la potremmo mai vincere”. La prima l’abbiamo vinta battendo un signor Milan, sia a Milano che a Genova. Ne abbiamo vinte altre tre ed abbiamo partecipato con successo all’allora coppa delle coppe, arrivando in finale a Berna con il Barcellona, e vincendola al secondo tentativo, nella magica notte di Goteborg. In tutte le cose bisogna crederci fortemente, altrimenti si e’ battuti in partenza.

  39. silly scrive:

    Andrea fate cagnara per fare cambiare la formula della Coppa Italia stile FA CUP inglese.
    Partite secche in casa della peggio piazzata l’anno prima e vedi che ci si diverte davvero.
    Così è una buffonata fatta apposta solo per le solite note

    • andrea.lazzara scrive:

      Ah, guarda…fosse per me sai quanta cagnara farei? Ma secondo te ascoltano? Domandati perchè il calcio italiano è precipitato a livello economico e di risultati.E non è solo colpa della crisi…

  40. giovanni scrive:

    Sono profondamente riconoscente ed ammirato per l’impegno messo dalla nostra Squadra in una partita arbitrariamente segnata da subito; quando si parla di avere la memoria buona direi infatti che a tagliavento non pareva vero di potere in qualche modo “rimediare” ai due rossi di qualche anno fa con annesse manette tanto per fare capire che lui espelle chiunque lo meriti…in realtà la coppa si capisce che è fatta in modo da permettere alle grandi (che entrano al 5° turno come in nessuna parte del mondo) di entrare agilmente nelle prime otto e quindi giocarsela in caso di “carestie” di trionfi e da quando c’è la juve in queste condizioni…; il sorteggio dei numeri da abbinare alle prime otto, alle seconde otto e via di seguito quali formare le teste di serie per giocarla in casa poi è…divertente… nel suo insieme se sei l’ottava delle prime ma sei sorteggiata con il n. 1, giochi in casa sempre fino alle semifinali…; il parma ora infatti giocherà in casa con la juve perchè, se sportivamente è indietro, è stata sorteggiata con n. minore; in inghilterra a proposito di campionati intasati e di affollamento pallonaro, di coppe ce ne sono due e con sorteggio sostanzialmente libero e così il Man Utd esce al terzo turno appena entrato contro una di seconda divisione, magari anche xchè si è trovato a giocare fuori casa; così nella sua storia ci sarà “lo scalpo” appeso in sede che rendono fantastico questo sistema e di queste storie come sai è piena la leggenda degli albionici, forse proprio perchè le Grandi entrano comunque al terzo turno non al quinto e col pari vai comunque al ritorno in campo avverso, non fai t.s. e rigori a casetta tua (napoli ieri); in spagna coppa del rey succede che agli ottavi nel sorteggio libero l’atletico madrid affronta il real madrid andata e ritorno, lo elimina ed ai quarti gioca col barcellona…senza grossi problemi…niente di che…; poi da noi l’aiutino dell’arbitro (sei rigori su otto partite a favore delle grandi… dubbi sui gol annullati e decisioni cervellotiche…controlla pure anche se lo sai già) è sempre ben accetto e nel caso allora “ha visto bene, noi accettiamo sempre le decisioni”.
    Lasciamo stare Andrea, piuttosto un’ultima cosa: ho visto che con la samp già in dieci per due volte (rivedi se vuoi il filmato, fine primo tempo marchionni fuori su un calcio d’angolo e quindi ridotti in 9 e di nuovo nel secondo al cambio di rizzo per de silvestri, ti dirò che mi è parso (…) che l’inter ha fatto di tutto per tenere palla in gioco, attaccare e segnare lo stesso, nel senso che non ho visto tutta quella cavalleria sbandierata e richiesta per fermare il gioco spesso e volentieri vista sui nostri campetti; e sappi che io sono uno che se siamo 11/11 mi inc..avolo quando si butta fuori la palla per uno che lo capisci palesemente da mille metri che non abbia nulla e che al massimo sia stato colpito da un attacco di artrite giovanile e che quindi puoi soccorrere a fine azione a palla ferma, intanto alla sua patologia espressa non ci potrà fare nulla di diverso… boh, ecco mi è apparsa ancora un pò…meno squadra di quel che sapevo l’inter…., del mio Mancio mnnaggia; forse dovevano farci così pagare la nostra presidenziale esuberanza filofilippina (!!!!).
    Infine ho anche sentito podolsky (che peraltro ha il merito di avere creato il primo gol dell’inter, sia pure in parte complici gasta e roma) dire, con teutonica simpatia, che “accidenti, sull’1-0 per noi pensavo che la sampdoria avrebbe provato a pareggiare ed invece ha rinunciato ad attaccarci e non si è scoperta e quindi non ho potuto segnare altri gol…”; quando si dice tutti d’un pezzo…
    Detto ciò penso che da qui alla fine del campionato ci sarà purtoppo la gara a fare favori per fare entrare le grandi nella posizione europea (vedo già le prime mosse sui giornali importanti.. e dichiarazioni in questo senso….occhio) e figurati poi che cagnara ci sarà per arrivare entro i primi tre e temo che di torti più o meno grandi ne dovremo contare più di uno perchè davvero noi siamo li a dispetto di tutto e di tutti, con la nostra meravigliosa voglia di esserci e se davvero chi arriva ci darà quanto meritiamo, allora daremo filo da torcere a tutti, compreso l’inter al ritorno in campionato… (intanto domenica mi auguro che maxi porti un regalino alla bimba…); ciao andrea scusami, dovevo sfogarmi e sei sempre ottima sponda blucerchiata.
    “….chi si contenta gode e vincerààà….” grazie Sampdoria

    • andrea.lazzara scrive:

      Ho letto le dichiarazioni di Podolsky. Lui deve pensare a trascinare un ambiente spento, comunque: ripeto, l’altra sera la Samp in 10 e con molte riserve ha resistito 70 minuti contro la corazzata quasi al completo. Il segnale mi sembra chiaro..

  41. Michele G. scrive:

    Ci siamo, finalmente! Eto’o è un giocatore della Samp! Peccato che gli intoppi creati dall’Everton ne abbiano fatto ritardare l’arrivo, così che lo avremo solo in tribuna Domenica, invece di poterlo vedere almeno seduto in panchina e, magari, qualche minuto in campo. Visto che comunque si era regolarmente allenato con gli Inglesi, direi che non ci siano problemi per un suo inserimento immediato nell’11 titolare. Certo, dovrà amalgamarsi con i nuovi compagni, ma c’è il vantaggio di aver avuto già Mihajlovic nel team di Mancini ai tempi dell’Inter. I due, quindi, si conoscono bene. Giocatori come lui sono quasi sempre decisivi, in grado di risolvere una partita con un solo guizzo in 90 minuti. Con una singola giocata possono disorientare la difesa avversaria e colpirla. Tanto per fare un esempio, nella partita fra Lazio e Napoli Higuain si è inventato una fuga, un dribbling ed un gol, che sono stati l’unica opportunità di tutta la partita ed hanno consentito al Napoli di fare bottino pieno a casa dei laziali.
    Giocatori come Eto’o sono importanti anche e soprattutto a livello di immagine. Ti portano ad avere maggior rispetto da parte di tutti gli altri, oltre che mettere in ambasce gli avversari che si devono aspettare da un momento all’altro un’invenzione che li stende.
    Che dire? Sono estremamente soddisfatto di questo mercato di Gennaio. L’ultimo positivo per i risultati che aveva prodotto era stato quello dell’arrivo di Pazzini. Poi il buio!
    Forza SAMP!!!
    Michele G.

    • matteo84 scrive:

      siamo sinceri ha fatto più Ferrero in 6 mesi che i Garroni in 12 anni……qualcosa è cambiato

      • Michele G. scrive:

        Hai ragione Matteo. Io ho sempre ringraziato i Garrone per quello che hanno fatto e per averci salvati dall’inferno del fallimento. Tuttavia, mi mettevano una tristezza infinita, con quelle continue dichiarazioni di austerità, oltre a ricordarcelo ad ogni piè sospinto ciò che avevano fatto per noi. Probabilmente, anzi, sicuramente, hanno speso e messo nelle anemiche casse della società un pozzo di soldi, ma alle volte, secondo me, è stata proprio questa mentalità sparagnina a causare perdite consistenti. L’esempio lampante è stato l’anno dei preliminari di champions giocati con saponetta Curci in porta, quando con poco si poteva confermare Storari, uno degli artefici principali del fantastico quarto posto. Per non parlare poi degli “inesperti” Volta e Cacciatore in difesa. Serviva un difensore discreto come il pane, e invece… Risultato, eliminati ai preliminari, con perdita secca di 17 milioni di euro, per il mancato passaggio del turno. Quello che è seguito lo sappiamo tutti! La cacciata onerosa di Cassano, la svendita a prezzo di saldo di Pazzini (il non certo brillante Matri era passato contemporaneamente dal Cagliari ai bianconeri torinesi per una volta e mezza il costo del Pazzo), la discesa in B, costata un bagno di sangue economico, e questo non riesco proprio a dimenticarlo e, secondo me, la delusione compensa ampiamente la riconoscenza nei confronti dei Garrone. Per questo ho salutato con piacere il passaggio di mano, anche se speravo che Ferrero fosse quello della Nutella. Comunque, anche questo, al di là della goliardia e, diciamo, il conflitto perenne con la lingua italiana, ci ha portato benefici, con visibilità mediatica e giocatori prestigiosi. Checchè ne dicano le varie gazzette colorate, che celebrano i colpi milionari dell’Inter, la vera protagonista del mercato di Gennaio è proprio la Samp, e grazie a Ferrero. Er viperetta, parlando da tifoso, e scrutando all’interno del fegato dei cugini, ha sottolineato come al momento siamo 4-1, che si trasformerà in un 5-1!
        Forza Samp e viva Ferrero!

        • matteo84 scrive:

          e se è vero che abbiamo riscattato la metà di Duncan, anche 6-1 per me…….comunque finirà, che si arrivi terzi o noni, non si potrà dire he la società non ci abbia provato quest’anno……quindi solo applausi a Ferrero Osti e Romei…

        • Di Tominho scrive:

          Ciao a tutti. Avevo già scritto qua sopra per poco tempo, ma con un altro nick che manco ricordo, quindi ne uso un altro! Mi chiamo Simone, 30 anni, disoccupato! Vorrei rispondere a Michele G., che ha scritto qualche inesattezza. Storari avevamo provato a prenderlo eccome, ma il Milan non voleva darcelo, perché probabilmente avevano già qualche accordo con la juve… è l’unica spiegazione, dal momento che avevamo offerto 4 milioni, e dopo che ci dissero “No”, la juve alla fine lo prese per la stessa cifra. Su Volta e Cacciatore… beh… fosse per loro due saremmo passati, e se proprio bisogna dare la colpa a qualche difensore, io direi Ziegler! Poi parli della cacciata di Cassano come se non fosse stata la soluzione migliore. Se un ignorante di quel calibro si permettesse di nuovo di insultare il mio presidente e di mettergli addirittura le mani addosso, dopo che suddetto presidente ha tolto l’asino dal dimenticatoio facendolo tornare ad esser considerato un calciatore, lo caccerei in quel modo altre dieci volte, anche se significasse retrocedere altrettante volte! Capitolo Pazzini – Matri: ricordi male. Pazzini è stato venduto a 19 milioni di euro, 12 subito + bibiany valutato 7 milioni, che effettivamente è quello che ci abbiamo ricavato successivamente dalla sua cessione al parma, mentre Matri è stato preso dalla Juve a 2,5 milioni di prestito oneroso, più un riscatto di 15,5 milioni pagabile in 4, dico quattro anni! Altro che una volta e mezzo il pazzo… Matri 18, Pazzini 19. Poi riguardo alla discesa in B e al bagno di sangue economico, credo che i Garrone a dimenticarlo avranno qualche problemino in più di te! Di sbagliare capita a tutti, e di certo i Garrone erano in buona fede, se non altro perché a rimetterci sono stati proprio loro. Dire che la delusione compensa ampiamente la riconoscenza, a fronte di due sole stagioni ceffate su dodici, è davvero ingeneroso e irriconoscente. Oltre tutto, e qua non mi rivolgo a te, vorrei sapere dove sono finite tutte quelle persone che affermavano che i Garrone, vendendoci a Ferrero ci avevano fatto l’ultimo “regalino”… no comment.

  42. Massimo Pittaluga scrive:

    ora che eto è praticamente in arrivo credo che la samp si sia rinforzata parecchio sulla carta. gli arrivi di eto e muriel fanno passare sotto quasi silenzio l’arrivo di correa che è un investimento e che avrà tempo di crescere con poca attenzione mediatica che ora si riverserà tutta su eto e un po su muriel. l’attacco della samp è ora ben assortito con la classe di eto giocatore di livello superiore a tutti alla samp e a praticamente quasi tutti in Italia oggi, da eder, bergessio, okaka e muriel. ognuno è diverso dall’altro e tutti sono dal buono al fuoriclasse. questo secondo me non vuol dire che ora la samp ha una rosa da terzo posto ma che non ha nulla da perdere e ci deve provare. poi sappiamo tutti che ci sono squadre dal napoli alla lazio più aiutate e la fiorentina più forte come organico. però chissà. ad ogni modo siamo dove non credevamo di poter essere e con gli arrivi se rendono si potranno vedere delle belle partite.
    Ieri ho visto il secondo tempo di Napoli-Udinese. stesso stile di arbitraggio di Inter-Sampdoria e Roma-Empoli. 3 indizi a casa mia…….telecronaca della RAI stile Istituto Luce all’epoca del Fascio o stile Film Fuga per la Vittoria. Insomma partissero dai quarti e se per sbaglio una delle grandi rimanesse fuori dalle prime 8 gli diano una wild card come si faceva a tennis.
    Domenica partita difficilissima contro il palermo in gran forma e con un attacco forte. Speriamo in una samp grintosa. Un ben tornato virtuale a Mr Iachini grande motivatore e condottiero della promozione maltrattato dall’allora dirigenza e che sono contento stia dimostrando di essere un bravo allenatore in serie A, alla faccia degli stereotipi dell’allenatore di categoria. Se uno è bravo è bravo come Sarri ma deve avere anche l’opportunità. Spero solo si fermi domenica come è successo a Mihalovic contro la sua ex Lazio. Dai beppe per una domenica ritorna uno di noi…….

  43. ROBY LEVANTE scrive:

    C’è chi incolpa Mihajlovic di aver schierato le seconde linee in coppa, mentre avrebbe potuto vincere se avesse messo in campo la formazione migliore. Questa osservazione non tiene conto della realtà del circo mediatico, carta stampata e TV, e in particolare la RAI che trasmette la Coppa Italia, più il supporto virtuale di larga parte del mondo pallonaro compresi molti arbitri influenzabili per svariate ragioni, che hanno più interesse di fare andare avanti o raggiungere piazzamenti di Coppa in campionato alle conosciute grandi squadre. Vedi il rigore inesistente concesso alla Roma, denunciato e irriso sui social perfino dai propri tifosi e quello concesso al Napoli. Anche alla Sampdoria di Paolo Mantovani, pur godendo di molte simpatie, molti gli remavano contro, ma la squadra era così forte che andò a conquistare lo scudetto addirittura a Milano proprio contro l’Inter diretta concorrente, alla quale nella partita fu concesso perfino un rigore.

  44. luca scrive:

    due riflessioni Andrea anzi una ed una certezza:
    premetto non ho visto la partita ma ho letto che Gabbiadini è sempre più serio (forse ancor più che a Genova !) e che è stato sostituito e già criticato, direi che come inizio non c’è male 3 partite 2 in panca 1 con sostituzione e critiche , che si sia già pentito ???????
    domenica tutti a Marassi ma davvero questa volta, ci sarebbero 3 motivi per esserci:
    Samuel Eto’o , forse (con lui non ci sono mai certezze)
    la partita (il Palermo è un’ottima squadra e che gioca bene)
    e Beppe Iachini (come non ringraziarlo per quello che ha fatto, ha detto e continua a dire sulla Samp!)
    che ne pensi Andrea?

    • andrea.lazzara scrive:

      Gabbiadini contestato no, ma la concorrenza è tanta e Napoli non aspetta nemmeno gli “scugnizzi” (vedi Insigne). Eto’o dovrebbe(anche io uso i condizionali del caso) esserci, la partita è bella e difficile ed è giusto salutare il protagonista della promozione. Ma è giusto anche perchè la Sampdoria andrà in campo da terza in classifica alla prima di ritorno. Non è un motivo sufficiente per riempire lo stadio? A proposito di stadi, riprendo la risposta di un altro blogger che parlava di Juve che fa il tutto esaurito quasi sempre. Vero. Ma anche loro hanno qualche problemino economico: insomma, lo stadio di proprietà non è la panacea di tutti i mali. Ma temo che sia proprio il sistema calcio italiano che è malato alla radice.

    • matteo84 scrive:

      sinceramente, una volta che mi hanno preso Muriel Eto’o(forse) Coda Correa, il caro Gabbiadini può starsene a napoli a lustrare gli scarpini di Callejon visto che il titolare in quella posizione è lo spagnolo……Gabbia avrebbe potuto fare bene alla samp ma credo che nel napoli si brucerà parecchio

  45. matteo84 scrive:

    Andrea una domanda pare che abbiamo riscattato a 3 milioni Duncan dall’inter…….ne sai qualcosa?…perchè in ottica futura sarebbe un altro gran colpo…

  46. Mauro scrive:

    Beh, son d’accordo con te non è solo colpa della crisi Andrea se il calcio in Italia sta andando a rotoli.Basta vedere gli abbonati Sky e Mediaset.Il problema sono anche gli stadi da terzo mondo.Guarda caso l’unica squadra che fa sempre il tutto esaurito e’ la Juventus che ha uno stadio tutto suo.E poi non dimentichiamo: il calcio italiano è in mano a due come Lotito e Tavecchio dei quali abbiamo già avuto modo di constatarne lo spessore morale.Tralasciamo poi il discorso arbitraggi poiché sento moltissima gente nauseata da un modus operandi della classe arbitrale che non può non saltare agli occhi.In parole povere la fanno davvero sporca.Inter, Roma e Fiorentina dovevano passare.E sono passate.Come l’ha visto tutta Italia.Ci sono quattro/cinque squadre che devono a tutti i costi primeggiare le altre solo comprimarie o, se preferiamo,sparring partner.In fondo il calcio non fa altro che rispecchiare la vita di tutti i giorni in un paese disastrato come il nostro: in molti ci si fa un mazzo tanto per i privilegi e la felicità di pochi.Che schifo….

  47. El Cabezon scrive:

    Eto’o Mihajlovic l’avrà forse visto da avversario, non certo come vice allenatore visto che quando approdò all’Inter sulla panchina dell’Atalanta di Milano c’era Mourinho…
    Fatta questa precisazione stavolta sembra davvero quella buona anche se finchè non lo vedo in carne e ossa a Marassi o a Bogliasco non ci credo…

    • Michele G. scrive:

      Scusa, hai ragione tu. Mi sono confuso. Grazie della precisazione.
      Bella la definizione dell’Atalanta di Milano. Evidentemente non ti piacciono I colori dei cugini dei rossoneri!

  48. Maraschi scrive:

    Vorrei tornare sulla formazione messa in campo in Coppa Italia (evidentemente non la migliore possibile).
    E’ vero che andare avanti sarebbe stato molto difficile però forse si sarebbe comunque giocata una partita in più, fra l’altro dall’esito non scontato (vedi Udinese), quindi un altro spettacolo per i tifosi, altri introiti e altra reclame per la Sampdoria.
    Che cosa ne pensate?

    • moussa dembele' scrive:

      Forse i piani dei nostri tecnici erano diversi. .. forse se fossimo rimasti in undici nel secondo tempo ci sarebbe stato spazio per Eder per schiantarli in contropiede. Forse semplicemente la partita programmata da Sinisa era un’altra e Tagliavento ci ha rotto le uova nel paniere

  49. sillyname scrive:

    Saluti a tutti. E’ da qualche tempo che non scrivo, una scelta che ho fatto perché confesso di non sentirmi più “a casa” in questo blog in cui troppo spesso si deve assistere al gioco di chi lo ha più lungo, al “benaltrismo”, alle dietrologie. Dovremmo tutti scusarci con Lazzara, con il suo equilibrio e il suo impegno, ma tant’è non si riesce a uscirne.
    Quindi perché torno adesso a disturbare in casa d’altri? Intanto perché qualche volta torno a leggere. E poi per un senso di… responsabilità. Come tutti ben sanno qui (e per favore non prendetevela con il/la mio quasi omonimo silly per colpe che non ha) io sono la prima “vittima” di quella fremdschämen che suscita Ferrero con i suoi comportamenti. Non so come interpretare gli ultimi accidenti che riguardano le trattative di Muriel e Eto’o, con una e l’altra squadra che a un certo punto hanno mostrato non poco fastidio, mettendo in discussione le trattative fino a manifestare quasi semplici ragioni di ripicca (e l’unico fattore comune alle due storie è la Sampdoria). Ho il sospetto che una persona così genuina (o non troppo elegante) come Ferrero abbia per lo meno qualcosa da imparare in quanto a comportamento, a semplici questioni di protocollo. Mi ha molto, molto sorpreso aver sentito Osti dire che dei rapporti con l’Everton si occupava l’agente del giocatore. Forse sono rimasto a Enrico Toti ma mai avrei pensato che l’etica consentisse di contattare direttamente un giocatore e trattare con lui prima di aver parlato e raggiunto un accordo di massima con il club che lo ha sotto contratto. Questo era un principio fondamentale di un certo P.M. e, d’altra parte, pensiamo a quanto sarebbe fastidioso se sapessimo che certi comportamenti li subiamo dalle Juve, Inter o Napoli di turno. E’ anche vero che non stiamo parlando di un mondo di orsoline, tantomeno al giorno d’oggi, e quindi forse funziona in modo diverso. Ma allora non lamentiamoci quando saremo noi a subire lo stesso trattamento…
    Però per onestà devo dire che avevo tanto criticato Garrone per il modo autolesionista (per quanto cristallino e sincero) di condurre un’azienda che non vende petrolio ma passione. E la passione si può solo coltivare con l’ottimismo, l’ambizione e l’orgoglio. Non con i numeri e i messaggi depressivi. Mi facevano ridere le iniziative di marketing verso la Cina fatte da una società che a casa propria predicava sangue e sudore, comprava seconde linee l’ultimo giorno di mercato e minacciava corde che si spezzano. Ma quale cinese e, direi di più, quale albarino, marassino o pegliese di 12 anni avrebbe indossato orgogliosamente dei colori per i quali non avrebbe mai avuto la possibilità di sognare? Vista più in grande, per anni abbiamo avuto problemi con la sponsorizzazione principale. Quale società avrebbe avuto interesse a dare soldi per associare il proprio brand a una società con una “strategia” così deprimente e minimalista?
    Io non so dove voglia andare Ferrero. Non so da dove arrivi, anche se certe informazioni (vedi un articolo di Panorama di qualche tempo fa) non portano certo a vivere sereni. Però so che è un uomo con una vitalità e un’energia sorprendenti. Sceglie modalità e stili agghiaccianti (a proposito, la mia squadra si chiama Sampdoria da 70 anni, per favore) ma sembra non avere limiti alla propria ambizione e alla propria capacità di sognare. Improvvisamente sui giornali, da Crozza, nelle televisioni, il viperetta (sic!) è una macchietta richiesta e ricercata. Il nome Sampdoria (Sampdoria, ribadisco) è sempre presente, attivo, vivace. Domenica arriva Eto’o e sono sicuro che a breve sulle maglie blucerchiate inizieranno a comparire dei marchi famosi. In fondo un conto è vedere il proprio marchio esposto sotto la faccia di Eto’o, un altro (con tutto il rispetto) sotto quella di Barillà. Probabilmente lo stipendio di Eto’o arriverà proprio attraverso questa strada e la soluzione sembra l’uovo di Colombo. Vedremo.
    La strategia di Ferrero sembra proprio l’opposto di quella di Garrone che, comunque sia, era una (non-)strategia inevitabilmente di lento ma inesorabile declino. Quindi non possiamo che sperare. Visto come andava fino al giugno scorso, in fondo era proprio quello che desideravamo.

    • andrea.lazzara scrive:

      Mi fa piacere che tu sia tornato a scrivere. E non dovete scusarvi di nulla anche se, qualche volta, anche a me…girano a leggere certe cose(poi se qualcuno non ha capito che cerco di..difendere tutti, affari suoi)

    • Michele G. scrive:

      Caro “sillyname”, mi sembrava che già ai tempi in cui il blog era moderato da Michieli, io avessi notato che tu, a dispetto del nickname che ti sei scelto, manifestassi saggezza, oltre che estrema civiltà, cosa che porta a rispettare te e le idee che esponi, che si possa essere d’accordo o meno. Detto questo e nel rinnovarti anche da parte mia il bentornato, vorrei dirti che, qualora ci sia stata poca diplomazia da parte di Ferrero ed altre persone della Samp nella trattativa per portare Eto’o da noi, anche la Samp ha subito analogo trattamento in passato. Per restare in ambito internazionale, ricordi la vicenda Karembeu? Molti mesi prima dell’apertura ufficiale delle trattative per i trasferimenti, il Real Madrid, non solo contattò privatamente e segretamente il giocatore, tentandolo con un ingaggio favoloso, ma firmò con lui già un contratto. La cosa fu gestita pessimamente da Enrico Mantovani che, per ripicca, lo cedette ai nemici storici dei madrileni e si fece imporre una clausola che impediva a Karembeu di trasferirsi a qualsiasi altra squadra della Liga spagnola, con il risultato che, di fronte al rifiuto del giocatore di andare a giocare con I blaugrana, la Samp non poté’ accettare l’ottima offerta di oltre 15 miliardi delle vecchie lire, che nel frattempo il Real aveva offerto per rimediare alla clamorosa gaffe internazionale. Poiché a Giugno Karembeu sarebbe stato in scadenza di contratto ed una volta avuto il via libera del Barcellona, il francese venne ceduto al Real a meno della metà di quanto inizialmente offerto. Come vedi anche noi abbiamo subito la prepotenza dei grandi club, venendo by-passati. E di Pazzini che ne dici? Non pensi che sia stato tentato dall’Inter a suon di sonanti euro, prima che l’ineffabile Guastoni facesse in modo che passasse ai milanesi?
      Ancora bentornato e torna a scrivere. La mia attenzione, per quanto possa valere, l’avrai sempre.
      Un abbraccio Blucerchiato.
      Michele G.

  50. Claudio61 scrive:

    Buonasera.
    Ho sentito le dichiarazioni di Sinisa in merito all’arrivo di Eto’o. Ha ragione che non bisogna distrarsi col Palermo, ha ragione perché la squadra l’ha costruita lui e se siamo li’ e’ soprattutto per merito suo, pero’ dire”non ce ne frega niente e non c’e’ nulla da festeggiare (per l’arrivo del Camerunense)”, mi sembra un po’ eccessivo e non mi sembra rispettoso nei confronti della societa’ , del giocatore e anche un po’ di noi tifosi che comunque mi sembra possiamo festeggiare , o no ?? – se poi si riferiva solo ai giocatori , allora certamente ha ragione, loro potranno festeggiare domani se vinciamo … Saluti.

  51. petrino scrive:

    sinisa ha detto ” senza gabbiadini ci siamo indeboliti e muriel non e’ ancora disponibile”. Speriamo di mantenerci su fino al suo ingresso e che poi sia trionfale. Con il palermo e’ andata bene.La squadra deve marciare sempre come se fosse zero a zero.. Non sono capaci a gestire né a difendere. E non e’ la prima volta che ci facciamo uccellare. Vedi cagliari, cesena, etc. etc.Penso che eto’o con la sua classe riesca anche a gestire certe situazioni e soprattutto dia coraggio a certo tremebondi che abbiamo in squadra.

DIFESA SOLIDA, ATTACCO BOOM: E LA SAMP VA

A Frosinone la Sampdoria si conferma. E confermarsi, nel calcio, è sempre più difficile che raggiungere un traguardo. Stadio nuovo

E ADESSO?

Premessa: come ha scritto un telespettatore stasera la Sampdoria non è un disastro (o meglio ,quella del primo tempo si,

PUNTI BUTTATI E FATTI EVIDENTI

Nella domenica calcistica più difficile per i tifosi genovesi, sospesi tra la passione per il pallone che alla fine prende

SI TORNA IN CAMPO, MA CON IL CUORE GONFIO DI DOLORE, RABBIA E ANCHE TANTO ORGOGLIO

Amici di Samplace, non avrei mai pensato, nessuno di noi avrebbe mai pensato di vivere giornate come queste. Avevo scritto