DELITTO E CASTIGO

23 Nov 2014 by andrea.lazzara, 77 Commenti »

Cari amici di Samplace, la Sampdoria vista a Cesena ha fatto provare ai tifosi tutte le sensazioni possibili. Una quasi stupita noia per un’ora, quando in campo c’era la solita Samp da trasferta, rabbia e incredulità dopo il gol di Lucchini( a proposito, belle le parole di rispetto  per i supporters blucerchiati in ricordo del suo passato. Ma io non capirò mai i giocatori che non esultano se segnano contro la loro vecchia squadra. Hanno esultato tutti gli ex…del mondo per decenni e non è quasi mai successo nulla! In fondo, basta non fare come il centravanti dell’Inter lo scorso anno…), sollievo all’autogol, di nuovo rabbia e rimpianto a fine gara. Tutto e il contrario di tutto. Ma il più, passatemi il termine, incazzato  era Sinisa Mihajlovic che anche questa volta, ai suoi, non le ha mandate a dire. “Due punti buttati, come a Cagliari, un primo tempo regalato, nella ripresa tante occasioni e niente gol”. Tutto giustissimo. Credo, comunque, che questa partita, che per me come sapete, rappresentava un tassello molto importante della stagione blucerchiata, abbia confermato che la Samp è una squadra che deve giocare sempre al 100% dell’attenzione per non perdere la bussola. Il Cesena si è dimostrato modesto, era un avversario alla portata e, senza creare chissà che, ha comunque messo ardore e corsa. La Samp ha dovuto, invece, attendere due schiaffi: prima quelli urlati da Mihajlovic nell’intervallo e poi quello rappresentato dal gol del Cesena. Una situazione figlia di un dato inequivocabile: il vero condottiero sta seduto in panchina. Di uomini con un carisma tale da poter ribaltare la partita a favore della Samp da un punto di vista dell’inerzia psicologica, in campo, mi pare di non vederne. O meglio, Okaka è uno che fa paura solo a guardarlo e forse Soriano è il vero faro che, accendendosi, illumina e ribalta le situazioni più difficili. Ma il classico “uomo di personalità” latita. Comunque il “peso” di questo punto lo capiremo forse tra 1-2 partite. Però il “delitto” è stato sprecare 45 minuti e le occasioni nel finale: il castigo, evidentemente, è stato quello di non aver portato a casa 3 punti che avrebbero di nuovo portato la Samp al terzo posto. Un flash sui singoli: Romero così così, Silvestre male, Palombo un pò in affanno, bene Soriano, Obiang e Okaka, abulico Gabbiadini. Meravigliosi i tifosi! Due note a margine. Il Presidente Ferrero ha parlato di scudetto, non in questa stagione ma in un futuro: ovvio, ce lo auguriamo, ma Mihajlovic ha fatto bene a riportare tutti con i piedi per terra. E’ bello galvanizzare l’ambiente, caricarlo, non bisogna però creare aspettative che sono, al momento, di realizzazione molto complicata. E sulle voci di mercato..eh, amici miei, ci sono sempre state. Questa settimana è stata la volta di Pazzini-Okaka magari la prossima toccherà a Soriano, poi a Gabbiadini ecc. E’ la legge del mercato globale, aperto 4 mesi l’anno, dell’era web, dei siti specializzati, di internet e via discorrendo. Quante volte Mancini e Vialli sono stati venduti secondo i quotidiani nazionali? Però è anche bello. Vuol dire che questa Samp piace ed è solida. Certo, la buttasse qualche volta in più dentro….Perchè è questo, per me, il vero peccato originale. Una squadra bella ma un pò..incompiuta là davanti. Sinisa, prendi la tua bacchetta magica e aggiusta un pò le cose, dai….:-)

77 Commenti

  1. gianni ha detto:

    Di voci di mercato messe in giro ad arte per destabilizzare l’ambiente di una inattesa concorrente delle cosiddette big per i posti dopo il terzo ne abbiamo lette a bizzeffe (non solo noi, basti pensare alla Fiorentina qualche anno fa ,quando lottava con il Milan per il quarto posto); niente di nuovo sotto il sole.
    A Cesena è successo quello che temevo: la sosta ha spezzato il ritmo, il Cesena non dava gli stessi stimoli delle quattro partite precedenti o del Napoli domenica prossima e la nazionale al solito ci ha fatto più male che bene; primo tempo regalato; il secondo meglio ma dopo il gol di Lucchini, perché se sconfitti i giocatori avrebbero dovuto fare i conti con il mister; dopodiché va detto che Leali ha fatto il fenomeno.
    PS: lungi da me criticare troppo Romero che il suo lo ha fatto ma al solito quando non ha il posto assicurato (Viviano è pronto) si deconcentra.

  2. Luca ha detto:

    Verissimo non possiamo regalare un tempo ma soprattutto avere 4/5 palle goal incredibili e sbagliare sistematicamente ma allo stesso tempo stiamo a discutere per una mancata vittoria in trasferta e da quarti in classifica !!!! Se penso a dove eravamo circa un anno fa mi vergogno a dover criticare questi giocatori e questo mister , dobbiamo essere più cinici ma andiamo avanti così e Lunedi tutti a Marassi a spingere la squadra , e’ l’ora di abbattere il “ciucio” , cosa me pensi Andrea?

  3. Doria65 ha detto:

    Preghiamo che Viviano sia guarito, e bene… E che magari ogni tanto riusciamo a buttarla dentro quando siamo soli davanti al portiere…

  4. Massimo Pittaluga ha detto:

    ciao andrea sono d’accordo su tutto ma è anche vero che i punti persi non sono per sfortuna ma per demerito o meglio per non essere stati decisi abbastanza. ieri si poteva vincere e con 2 o 3 gol di scarto ma nel primo tempo giocavano bene ma senza grinta. si vedeva la differenza nettamente. nel secondo tempo mi sentivo il gol del cesena solo per il fatto che avevamo sprecato troppo ed eravamo troppo sicuri. poi bravo il portiere del cesena in diverse occasioni e anche fortunato sui pali e sulle deviazioni. ho contato almeno 5 occasioni per la samp chiare e 1 per il cesena gol a parte. sono punti che alla fine si sentiranno non tanto per un buon campionato quanto magari se si ha l’ambizione di stare nelle prime 6. anche le altre vanno a strappi, persino il napoli e la lazio che sono sulla carta più forti specialmente il napoli, ma sono tante le squadre nel mucchio con le milanesi il genoa la fiorentina e udinese un po staccata. sarà un campionato equilibrato e certi punti lasciati per strada si faranno sentire. Le frasi di ferrero neppure le commento. va bene l’entusismo ma qui siamo alla fantascienza. sarei già felice di vedere una squadra mantenuta nell’ossatura e magari rinforzata con un giocatore di carisma nel mezzo a far girare la squadra e investimenti sui giovani. di più non si potrebbe pretendere. Abbiamo tanti giovani bravi che con mihalvoic sono esplosi o rinati. senza sembrare severo spero rientri viviano in porta, non tanto per le prestaioni di romero che sono state buone quasi tutte e alcune ottime (ieri incerto ma può succedere), ma perchè viviano a mio avviso dirige bene la difesa. spero anche nel rientro di romagnoli a dare vigore e velocità alla difesa. gasta e silvestre sono bravi ma entrambi non velocissimi e col napoli romagnoli lo vedrei bene su iguain. la partita col napoli è un crocevia importante. ci dirà se possiamo contunuare a stare tra il quarto e il quinto posto ma soprattutto spero che si riesca a fare fnalmente un colpaccio. il napoli giovedì ha l’ueropa ligue. anche se la giocheranno tante riserve non potranno essere in 11 riserve a farlo e questo è un vantaggio. poi spero sinisa faccia il resto.

  5. Paolo1966 ha detto:

    Ieri li abbiamo presi a pallonate e nonostante tutto potevamo pure perdere e siamo riusciti a segnare solo un un autorete rocambolesca.
    La difficolta’ a segnare e’ l’unico neo (anche se non da poco) di questo bellissimo avvio di stagione.
    Fino al primo tempo di Cagliari eravamo altamente cinici, costruivamo poche palle gol e subivamo zero.
    Dal secondo tempo di Cagliari abbiamo cominciato a subire qualcosa in piu’ a fronte di un gioco offensivo che si alzava di livello.
    Al migliorare del gioco a all’aumentare delle occasioni non si sono accompagnate pero’ freddezza e soprattutto cattiveria sotto rete.
    Mi vengono in mente un sacco di occasioni che se non fossero state mancate ci avrebero portato ancora piu’ in alto.
    Peccato.
    Peraltro dentro di me speravo in Berghessio che sottoporta e’ sempre stato un castigo e invece ieri l’occasione piu’ ghiotta la ha proprio sprecata lui (bellissima azione con Okaka nella costruzione pero’).
    Sono sicuro che Sinisa studiera’ qualcosa in avanti per sfruttare meglio la velocita’ di Eder, il gioco di Okaka, le caratteristiche da uomo d’area di Bergessio e sapra’ rendere Gabbiadini piu’ presente in partita.
    Ah, Sansone in carriera ha piu’ pali e traverse che gol…

  6. Stefano_1970 ha detto:

    Purtroppo non sono riuscito a vedere la partita….mi astengo dal commentare.
    Visti gli highlights resta l’amaro in bocca.

  7. Claudio ha detto:

    La differenza di rendimento fra le partite a Marassi e quelle in trasferta comincia ad essere evidente. Se nelle 5 partitre fuori sono arrivati 4 pareggi (Palermo, Sassuolo, Cagliari, Cesena) e 1 sconfitta (Inter), non può essere soltanto un caso. Fino ad oggi Sinisa ha fatto miracoli, ma se l’obiettivo è l’Europa credo che a gennaio il presidente dovrebbe intervenire sul mercato. Per poter competere fino alla fine del campionato con le migliori ci vorrebbe un centrocampista di qualità e un attaccante magari meno generoso di quelli attuali ma che veda la porta un po’ meglio

    • Bulgaro ha detto:

      La risposta è che manca il carattere. In casa, spinti anche dai tifosi, si scende in campo con la carogna fin dal primo minuto; in trasferta molto meno. È la differenza tra buoni/ottimi calciatori e i campioni che danno il meglio a prescindere dal contesto in cui si trovano.

    • Lollo ha detto:

      d’accordo con te

  8. Stefano ha detto:

    Io lascerei un po’ Gabbiadini in panca.. ha sempre lo scazzo.. è triste.. ha un piede solo.. è il calciatore più triste che abbia mai visto in 38 anni che seguo il calcio.. e credo renda decisamente meno di quanto potrebbe..

    Scusate lo sfogo.. non attacco mai un simbolo.. ma SCAZZO11 è un po’ che ce l’ho li…

  9. Dorianodoc ha detto:

    Andrea, non riesco ad aggiungere nulla. Hai scritto il post che avrei voluto scrivere io. Bravissimo.

  10. FOREVERSAMP ha detto:

    La sosta campionato ha fatto esplodere il calciomercato :vero o presunto che sia ,complice il decadimento delle prestazioni e dell’interesse della nazionale ,non ricordo in casa una giostra interminabile di 20 minuti ,interrotta da un doppio intervento di Soriano che nessun giornalista ha notato.
    Questo per la Samp può essere un anno importante :non siamo fortunati ,ma neanche sfortunati ,in passato ho visto dominare incontri come a Cesena per la quasi totalità dell’incontro ed uscire sconfitti .
    Un primo tempo non esaltante per una squadra in evoluzione ci può stare ,nel 2 tempo abbiamo iniziato con il piglio giusto , creato e messo in difficoltà l’avversario ,in questo frangente è mancato l’apporto di Manolo ,tutti possono avere una giornata storta ,l’ingresso di Sansone è stato tardivo.
    Provo a descrivere il gol di Lucchini ,non con gli occhi da tifoso o da giornalista sportivo ,ma con quelli di un appassionato del gioco Calcio che ha disputato centinaia di partite anche se solo per divertimento ed a livello dilettantistico :quando sbuca una palla così è praticamente impossibile bloccarla l’esperienza la concentrazione e l’istinto ti danno la possibilità di intuire un attimo prima del contatto con la palla la direzione del rimbalzo ,devi intervenire coprendo con un tuffo la palla ;il rischio di prenderti un calcione è proporzionale a quello di prenderti una punizione a favore ,poi le dinamiche possono essere tantissime la palla può entrare comunque ,ma nessuno potrà imputarti niente .
    Ho rivissuto l’atmosfera più che la prestazione del post -ritorno nazionale del portiere.
    Dopo il regalo del Cesena ,abbiamo creato tante occasioni ,riguardo Berghessio penso che più che la condizione atletica sia mancata la voglia che hanno avuto per esempio Okaka e Sansone .
    Ho visto sopratutto Obiang ,ma anche Soriano a tratti :troppo precipitosi ,imprecisi e nervosi con poco uso della testa pur fornendo una prestazione sufficiente.
    Un passo indietro anche per i centrali,Regini ha giocato troppo poco finora deve recuperare condizione e convinzione, Palombo non all’altezza della ultime prestazioni poteva essere sostituito .
    In futuro vorrei non sentire le frasi :partite abbordabili ,ciclo terribile ,grandi squadre .
    Contano solo i punti ogni partita vale 3 punti ,con Ferrara e Rossi abbiamo vinto contro Milan e Juve ,non penso sia servito a tanto ,capita anche che senza neanche tirare in porta basta inciamparsi sulla palla e vinci con una grande ….ma non alla Samp purtroppo …e allora non pensiamo agli avversari ma a migliorare le nostre prestazioni .
    Nella nostra condizione sarebbe fondamentale girare con oltre 30 punti e non è facile ,non bisogna fare la corsa alla Lazio ,al Napoli o demoralizzarci se qualche squadra momentaneamente ci superasse cè un grande livellamento verso il basso nel campionato il compito dei giocatori è quello di mantenere la concentrazione,avere sempre voglia di continuare a crescere poi quello che succederà si vedra ?.
    A proposito di grandi squadre lo è stata la Sampdoria :quando in 4 anni ha disputato 3 finali di coppe europee ,se non sbaglio record eguagliato solo dal Milan in Italia.

    Sempre Forza Sampdoria ,forza ragazzi e forza : Vasco,Manolo,Gonzalo,Emiliano e Sergio,nessuno è indispensabile tutti sono importanti ,un vero tifoso può essere critico ,ma deve supportare anche chi è in difficoltà.

  11. Max ha detto:

    Andrea, provo a spiegartelo perchè un “vero” ex non esulta. Facciamo finta che io (sampd.issimo) giocassi nel Cesena e segnassi alla Samp … non mi sognerei minimamente di esultare: da una parte sarei contento per il gol, ma dall’altra sarei mortificato perchè l’ho fatto alla mia squadra del cuore. Oltre a questo c’è anche una questione di rispetto e buon gusto: è come se ti baciassi davanti alla tua ex … Lucchini in nazionale!

    • andrea.lazzara ha detto:

      A me sembra, scusate l’espressione, una “paracul..” dell’era moderna. Perchè fino a metà degli anni 2000 non esistevano ex che segnavano alla loro vecchia squadra? Su dai…con tutto questo l’affetto(ricambiato)di Lucchini per la Sampdoria è assolutamente un dato non trascurabile, anzi! Ma a me, se permetti, queste cose fanno sorridere.

  12. max64 ha detto:

    Buongiorno a tutti, aldilà del fatto che si siano persi 2 punti e questo è assodato ho comunque visto una squadra che ha dominato in lungo e largo una squadra come il cesena che con tutti i limiti tecnici pero’ sta disputando un campionato volto a non retrocedere e sappiamo tutti cosa vuol dire.Io invece farei un’altra considerazione ossia che, stabilito che Sinisa è il solo ed unico mister che possa tirar fuori il massimo da questi giocatori che comunque non sono dei fuoriclasse (i limiti si vedono in queste partite), sono curioso di capire se è il caso alla domenica di giocare in undici.Mi spiego:è ormai da 4/5 partite che ci camalliamo uno come Gabbiadini (ora mi spiego perchè la Juve nicchia a riprenderselo) che grazie a 4 gol fatti dei quali 2 su punizione sta vivendo di rendita, Lollo ha perso lo smalto dello scorso anno e forse avrebbe bisogno di rifiatare un attimino e Gasta (grande attaccamento alla maglia gli ho voluto un bene dell’anima soprattutto nella semifinale play off)è ormai alla frutta. Senza voler fare il mister (che in Italia ce ne sono gia’ milioni)io suggerirei al mister, visto che quest’anno la rosa è piu’ ampia ed omogenea, di fare qualche cambio in fondo Sansone quando è entrato ha portato verve in attacco ed ha sfiorato anche il gol….stenderei un velo pietoso su Bergessio (un’involuzione talmente negativa quanto inaspettata)

    • Doria65 ha detto:

      In linea di massima concordo con te, però facci onorare che Sansone in passato, schierato da titolare, ha quasi sempre fallito. Per me è un giocatore da ultimi 20 minuti, quanto gli avversari sono stanchi…

      • Doria65 ha detto:

        Faccio notare…

      • Lollo ha detto:

        quoto

      • nello ha detto:

        Proprio sempre fallito non direi ,io ricordo Samp /Torino della stagione scorsa ,Sansone dentro dal primo minuto e gran gol suo per l’uno a zero (la partita in cui il sig gervasoni ha annullato il gol di Pozzi perché fuori tempo massimo ….)poi contro il Verona gran partita con gol e anche
        stupendo gol contro il Sassuolo, ricordo che Chiesa aveva detto. ” gol da grande ,solo chi è buono fa un gol cosi “. Poi ognuno la pensa come vuole.A me Gabbiadini non fa impazzire ,forse non gioca nel suo ruolo preferito. ,quest’estate diceva che non avrebbe voluto giocare esterno e invece…..e forse è per questo che ha sempre quella faccia triste che ti deprime solo al vederlo…mi sembra che giochi sempre senza voglia,magari è il suo carattere ,mah ,io so che non mi strapperei i capelli se andasse via

  13. Fra Zena ha detto:

    Le difficoltà incontrate ieri non mi hanno stupito: la Samp tradizionalmente ha sempre sofferto moltissimo questo tipo di partite, soprattutto quando è abbastanza in alto in classifica e si presenta per questo più “rilassata”. Ricordo stagioni dove si conseguivano grandissimi risultati e poi ci si buttava via perdendo punti magari ad Ascoli, a Piacenza o a Cremona. Comunque, la cosa che mi fa più rabbia non sono tanto le occasioni fallite, ma aver preso un gol veramente assurdo, roba da campionati minori. E’ vero che la difesa era ferma, ma un portiere come Romero non può essere così poco reattivo, anche sulla punizione di Cascione è sembrato calcolare male la traiettoria. Peccato, peccato davvero. Se vogliamo considerare l’Europa come l’obiettivo della Samp, sono due punti persi che peseranno (secondo me) molto

  14. ambarabaciccicoco ha detto:

    A differenza di altri ( molti …) che scrivono qui o che fanno commenti non sono deluso nè tantomeno preoccupato…Andiamo per ordine se volete:
    primo tempo da squadra che cercava il colpo finale del torero senza alzare troppo il tiro… Non è da Sampdoria di Mihajlovic ma ci sta per tanti motivi e primo fra tutti la paura di farsi male (infortuni) su un campo sintetico non agevole per chi lo conosce poco ( mi domando non avendone avuto notizia se Miha avesse fatto disputare anche solo una partitella sul tre campanili), Secondo tempo tutto avanti con qualche sbavatura ( compreso il goal del Cesena a mio parere sempre e comunque imputabile al rimbalzo falso del pallone e non solo all’intervento maldestro di Romero) . Un Grande Leali e un piccolo Bergessio con un Sansone da sei e mezzo ed un Okaka che deve stare un po più in piedi… Buon Soriano discreti Palombo e Obiang ,sfortunato Eder sufficenti Gastaldello De Silvestri Regini e Silvestre… In più metteteci anche un arbitro “particolare” .Se era nella lista nera dei commentatori qui immaginate anche un po voi come doveva essere gradita la designazione a chi dei nostri è sceso in campo…. Concludo ringraziando i media genovesi per la continua immarcescibile assoluta attenzione data al Bibin Club sui quotidiani di oggi ma altrettanto nelle trasmissioni di ieri sulle tv locali: mai vista tanta attenzione al terzo posto come da oggi… e mi giunge strano visto che Genova grazie a noi ha fluttuat e fluttua tra il terzo e il quinto da inizio campionato… Sarà solo una stranezza… Comunque vi lascio anche con un altro quesito… Ma se il Napoli pareggia in casa subendo tre reti dal Cagliari ( e ci poteva pure stare la sconfitta…) e per tutti è una grande , la Samp che ha preso a pallonate il Cagliari in casa sua, che cos’è?

    • andrea.lazzara ha detto:

      Da noi si è parlato soprattutto di Sampdoria. Tra l’altro con spazio alla bellissima iniziativa editoriale dell’amico Luca Ghiglione dedicato alle maglie della storia Samp…Per altri non parlo e non giudico. Ma da noi quando una gioca la domenica e l’altra il lunedì è sempre così.

  15. Giorgio ha detto:

    A questa Samp, ora, manca solo Cassano! Con lui i gol di Okaka e di Eder pioverebbero a grappoli! Cosa ne pensi Andrea?

  16. giovi ha detto:

    Premesso che il bicchiere lo si deve assolutamente vedere mezzo pieno, io sono con Sinisa,,se si buttano al vento certe opportunità, alla fine si rischia di fare il conto con tanti rimpianti , in una stagione come questa dove il livello delle squadre è tendenzialmente mediocre non approfittarne è veramente un peccato …grave, ma forse il percorso nella costruzione di una squadra è lungo e tortuoso e non dobbiamo dimenticarci mai dove eravamo tre anni fa..

  17. NYC ha detto:

    Peccato per le occasini di Berghessio e Sansone sono 2 ragazzi che meritavano il Goal>

    Quest’anno siamo forti lo devono capire I giocatori perche’ con un pizzico di determinazione in piu’ si possono raggiungere risultati insperati ad inizio campionato.

  18. moussa dembele' ha detto:

    Andrea, la tua disamina è lucida e condivisibile.
    Premesso che dovremmo leccarci i gomiti per la rosa a disposizione di Sinisa quest’anno è per la posizione di classifica occupata seppure in un campionato di livello medio – basso, un po’ di rincrescimento per i due punti buttati al vento contro un Cesena di una pochezza imbarazzante ci sono eccome, ha ragione il mister ad incazzarsi! Se fossimo entrati in campo con la stessa determinazione del secondo tempo fin dall’inizio la vittoria non ci sarebbe sfuggita.
    Però qualcosa da discutere ci sarebbe. La sosta ha fatto accumulare qualche granello di polvere sulla difesa che sarà meglio togliere in fretta perche’ Callejon, Higuain e compagnia sono di un altro pianeta rispetto agli avversari di ieri. Forse davvero non si può prescindere dal ragazzino (Romagnoli) e se così fosse, speriamo sia in grado di rientrare lunedì sera. La Samp gira quando qualcuno è in grado di far decollare la manovra a centrocampo e, in questo momento, gli unici in grado sembrano Soriano (quando decide di mettersi in moto) e Eder quando parte da dietro (ma quanto diventa distante per lui la porta). Voi che forse lo vedete in allenamento, Marchionni potrebbe essere una soluzione per prendere per mano la squadra in fase di impostazione? Infine Gabbiadini. Se riesce a tirare è devastante ma non mi sembra un esterno fatto per il gioco di Mihajlovic, bensì una seconda punta da affiancare ad un centravanti alla Okaka in un 4-2-2

  19. eraldoca ha detto:

    Io condivido pienamente lo sfogo di Stefano.
    Continuiamo a giocare in 10; non capisco come possa Sinisa non accorgersi che Gabbiadini è nullo, non corre, non contrasta, ha sempre una faccia da funerale che spaventa. Quello è un calciatore nel giro della nazionale? E’ bastato inserire al suo posto Sansone e si è vista un’altra Samp. D’altronde quale è stata la miglior partita quest’anno? Io penso quella con la Fiorentina, tre goals, bel gioco, ecc., e Gabbiadini dove era?
    Gradirei sapere da Andrea se sto dicendo delle grosse fregnacce oppure se Sinisa dovrebbe avere il coraggio di dargli un po’ di riposo. Grazie.

    • andrea.lazzara ha detto:

      Devo dire che anche io vedo Gabbiadini in fase…non proprio positiva. Credo che in parte sia un atteggiamento figlio del suo carattere ma deve stare attento, perchè può diventare un limite per la sua carriera. Vero è che a 23 anni può sicuramente…lavorare su questi aspetti. Ma la Sampdoria ha bisogno di un combattente e, invece, lui a volte sembra un pò estraniarsi anche se l’impegno (come l’anno scorso quando si faceva anche tutta la fascia) non manca mai.

      • danilo ha detto:

        A mio parere Gabbiadini ad oggi sara’ il primo giocatore da sacrificare nel prox. mercato estivo se necessario. Poco incisivo e spesso fuori dal gioco. Non conosco bene la situazione contrattuale di Regini, peraltro con lo stesso agente di Okaka, ma a mio parere lo trovo parecchio goffo sulla fascia sx. Quindi secondo giocatore da sacrificare in estate. Terza ed ultima cosa riguarda Bergessio. Per quello che ci è costato non è sufficiente battersi come un torello in mezzo al’area. La devi buttare dentro e basta. Cercherei di rifarci i soldi di quanto lo abbiamo pagato e mi riprenderei un Pazzini a parametro zero con lo stesso ingaggio se possibile. Fatti 2 conti con queste operazioni dovresti avere gia’ un buon gruzzoletto per evitare cessioni importanti.

  20. robmerl ha detto:

    Abbiamo giocato male, e con irritante supponenza, nel primo tempo, con quei lanci lunghi che mandano in bestia chiunque capisca un minimo di calcio. Bene il secondo tempo ( e ci mancherebbe, visto il divario tecnico col cesena!) Obiang, bello a vedersi e anche bravo, non sa proprio tirare: o impara o meglio che lasci perdere. Gabbiadini, ieri inesistente, mi sembra strutturalmente limitato dal fatto diA vere un piede solo. Non sarebbe meglio farlo giocare stabilmente a sinistra, con Eder a destra, per vedergli fare almeno qualche cross? (adesso il movimento a rientrare verso il centro è l’unica alternatìiva alla corsa lungo l’out con appoggio all’interno).
    Continuo a pensare che Bergessio sia un buon acquisto, ma non lo vedo proprio se non in un 4312. IO LO TERREI COMUNQUE

  21. El Cabezon ha detto:

    Alla fine, seppur a denti stretti, mi tengo questo punticino sperando che possa venirci utile in futuro, perchè quella di ieri mi sembrava la classica gara che se la giochi 10 volte 9 la vinci e una ahimè rimani fregato…
    Ma Romero è tornato in versione 1.0?
    Poco reattivo sul gol cesenate e tra un pò lo prende su punizione lenta e battuta da distanza siderale…mah…
    A me va bene così, ci può stare un primo tempo non giocato a livelli super e comunque a Cesena non è facilissmo giocare, pure le milanesi hanno sofferto…
    P.S: a me un giocatore che esulti o non esulti frega veramente poco, l’importante è che faccia il suo dovere, Lucchini è stato qui 4 anni ( tempo fa lessi una sua intervista, è rimasto legatissimo ai nostri colori e quando avrà appeso le scarpe al chiodo vivrà a Genova, almeno così disse…) e non ci trovo niente di strano che, in generale, se uno purga la sua ex squadra non si lasci andare ad esultanze alla Inzaghi, che facciano un pò quello che si sentono di fare…

  22. petrino ha detto:

    sansone non vede l’ ora di giocare. E che lo metta in campo dal primo minuto!!!!!!!!. La spocchia di gabbiadini sta stufando

  23. Marcob ha detto:

    Qualcuno mi ha tacciato di tafazzismo quando ho parlato di problemi “strutturali” della Samp. Vorrei che qualcuno facesse ammenda di ciò o magari vada a dire a Sinisa che dice cavolate. La Samp devo ammettere sta crescendo sul piano del gioco e ieri mi sono divertito per tutto il secondo tempo (scusa Andrea non sono d’accordo che ci siamo svegliati al goal del Cesena, ma dal rientro in campo la Samp ha fatto la partita!!!). Però, un grande però, abbiamo degli attaccanti, diciamolo, veramente poveri di qualità relativamente alla loro funzione primaria, cioè mettere la palla in rete! Non è questione di cattiveria ma di piede e di tecnica! Okaka a me piace da matti ma se arriverà a cinque goals sarà un successo. E poi per favore, Gabbiadini mi ha stufato lui, le sue presunte qualità tecniche e quel cavolo di procuratore. Che vada alla Juve, o come dice lui a quale altra squadra forte, pur che si tolga(no) dalle scatole!!! Grazie!!!

    • gianni ha detto:

      Ormai non aspetti nemmeno più le sconfitte, ti bastano i pareggi per tornare a parlare di limiti strutturali (siamo ancora quarti ma è solo fortuna e questione di tempo vero?; per di più prima i limiti erano di squadra, adesso sono dei singoli;nelle due partite precedenti, dopo cinque gol segnati, avevi cambiato idea ma il tafazzismo prende sempre il sopravvento.

  24. Federico ha detto:

    Scusate, ma non ho parole…. belin, proprio vero che i tifosi non sono mai contenti… siamo quarti in classifica, abbiamo perso una partita sola dall’inizio del campionato, vinto il derby e visto anche qualche discreta partita (ieri nel secondo tempo una sola squadra in campo). E sento gente che critica Romero chi Gabbiadini. L’anno scorso vi faccio notare che con questa squadra (Silvestre e Romero in più) ci siamo salvati e nulla piu. Cosa volete di più?? Volete lo scudetto? Ma godiamoci il momento…. Forza Sampdoria Sempre…

    • andrea.lazzara ha detto:

      Non c’entra niente con il messaggio di Federico(con il quale mi scuso per lo…sfruttamento del messaggio). Era solo per tornare alla diatriba Dorianodoc-Giovanni. Ho riflettuto (credo sia doveroso), ed effettivamente ammetto che non avrei dovuto accettare il messaggio di Dorianodoc. Chiedo ad entrambi un passo indietro, io cancello i messaggi e (spero) facciamo finta che nessuno abbia scritto certe cose. Ma alcune riflessioni mi vengono. Ci sono persone che non hanno ancora capito che sul web c’è ormai una ricca giurisprudenza in fatto di “reati”: insultare o diffamare qualcuno è passibile di punizione e, se non altro, doversi rivolgere per difendersi a un legale è una bella menata. I toni, questo è per Giovanni, su questo blog sono sempre stati improntati all’educazione e mi dispiace che tu mi parli di etica: un errore capita anche a chi, come me, magari in questo periodo sta svolgendo molto lavoro anche su fronti che non sono quelli calcistico ma che cerca, come tutti, di svolgere la propria missione che è quella di offrire un dialogo ai tifosi della Sampdoria. Che, a leggere il numero di messaggi, sembrano apprezzare. I problemi personali di Dorianodoc, l’ho detto, mi colpiscono molto perchè ho vissuto “in diretta” tutti i drammi di queste alluvioni( e ho anche io amici che hanno perso tutto): capisco il nervosismo, meno i toni offensivi. Ripartiamo, e ve ne prego, da 0-0. Questa vuole essere una piazza con il sorriso: se però il primo a cui passa il sorriso sono io, non è un bel segno. Grazie a tutti.

      • Dorianodoc ha detto:

        Per me è ok, Andrea. Speriamo di ripartire con meno danni possibili (difficile…), e che almeno il Doria ci dia quelle gioie per dimenticare per qualche ora i problemi più difficili. Non l’ho fatto prima, ma approfitto ora per ringraziare te e tutto Primocanale per il fantastico lavoro svolto, anche nelle condizioni in cui operavate.

        • andrea.lazzara ha detto:

          Grazie. Spero davvero che anche l’amico Giovanni sia d’accordo. Vigilerò di più, meglio, a volte, ripeto qualcosa scappa. Vi prego di automoderarvi anche voi: siete maggiorenni vaccinati e, ve lo ripete(esperienza personale e di colleghi e amici anche in altri social network) non pensiate mai che una parola..mal scritta qui sia meno pesante che dal vivo. Anzi, visti i tempi, è peggio qui che altrove….

          • gianni ha detto:

            Vedo che non vengo citato nella diatriba ma vorrei chiarire un paio di punti dato che la cosa è partita da un mio messaggio.
            1) a dispetto del nome simile una persona sono io e un’altra è giovanni (Andrea se vuole può controllare gli indirizzi IP)
            2) non rispondo di quello che scrive giovanni
            3) personalmente, al di là dei toni accesi, non ho mai insultato nessuno.
            4) a proposito di reati come la diffamazione mi sono limitato a chiedere conto di messaggi di un utente sedicente tifoso doriano che infangava il doria tutto (e non venitemi a parlare di distinzione tra società e proprietà) parlando di reati compiuti dal suo presidente. sempre solo e comunque per mezzo di insinuazioni.

  25. luca ha detto:

    d’accordo con Federico , godiamoci il momento nell’attesa del Napoli (deve essere una bolgia Marassi) e poi lasciamo stare il vecchio Presidente (il passato è passato ora basta ) vedremo come andrà a finire la Samp e se realmente c’è qualcuno alle sue spalle (onestamente me lo auguro) ma viviamoci ” l’adesso” , un tuo parere Andrea ciao

  26. ambarabaciccicoco ha detto:

    Calma e gesso… ( e per chi scrive qui per fomentare o stuzzicare tanto fissan visto che ieri non è andata come sperava…del resto come succede di solito…) Ricorderò a tutti che Cesena è stato finora un campo ostico per tutti e che la beneamata Inter di Mazzarri ha espugnato quel campo solo per un rigore che fece il paio la giornata successiva con quello che ci costò il pareggio a Milano… Ricorderò a tutti che tra primo e secondo tempo una solo squadra ha avuto nove occasioni limpide da goal e il non averne concretizzate neppue una è sintomo di una strana congiunzione astrale e null’altro. Ricoderò a tutti che diciotto squadre di serie A sarebbero liete di avere nel loro organico Gabbiadin e che contestare un giocatore per una partita sottotono è sintomo di un malvezzo che non è critica costruttiva ma semplicemente stupidità allo stato puro. Se proprio si volesse cercare il pelo nell’uovo allora bisognerebbe fare un appunto ad Okaka , sulla strada di essere presto se manterrà le promesse e le premesse un top player . La ricerca continua del fallo a proprio favore non sempre risulta redditizia e qualche volta anzi risulta negativa nei confronti dell’arbitro, comportando le ovvie proteste ma di più alla lunga scarica energie psicofisiche e i risultati si denotano sotto porta con risultati mediocri nel conto delle realizzazioni ( il sale della vita per un attaccante). Questo pensiero non risuti perchè davvero non lo è una critica ad Okaka ma solo una modesta valutazione dell’operato dello stesso e la speranza di vederlo presto anche in cima alla classifica dei marcatori oltre a quella del rendimento pro squadra dove già è ai primi posti. Chiudo con il sorriso sulle labbra anche perchè ieri sera (lunedi) ho ammirato un futuro grandissimo giocatore che alla prima di campionato ci ha punito . Ricordo allora critiche furiose alla nostra difesa per aver subito scacco da uno sconociuto… Passati tre mesi quello sconosciuto ha bella mente preso in giro la difesa rossoblu e s parla di un giocatore di livello internazionale,….ma sempre cos’ deve andare? Resta poi il fatto che l’agognato sorpasso non c’e’ stato ma questa è un’altra storia anche se ha il sapore di una storia che qualcuno nela nostra città vive dal 1946…..

  27. Paolo1968 ha detto:

    La difficoltà realizzativa mi ricorda (MAGARI!!!) quella che avevano i nostri eroi nell’era Bersellini e poco dopo. Facile che i giovani, anche in gamba, siano poco cinici e non vedano la porta larga quanto la vede Di Natale (bè, pr lui è larga 15 metri…).
    In aggiunta il lavoro sfiancante cui li sottopone Sinisa non depone a favore della lucidità sotto porta, anzi la porta rimane piuttosto lontana per questo motivo.
    E Sinisa si arrabbia, ma sa che questa è la principale causa della nostra pseudo-sterilità. D’altronde inserire un buon goleador togliendo un uomo di fatica a questa squadra (sono 11 gli uomini di fatica) potrebbe alterare l’equilibrio.
    La cosa migliore sarebbe far crescere insieme il nucleo dei migliori giovani come fu fatto a suo tempo.
    Questo è il mio parere

    Detto questo non storcerò il naso davanti ad un pareggio col Cesena in casa loro: ho la memoria che un po’ funziona ancora. Margini di miglioramento ci sono, non enormi, ma ci sono (non inteso come classifica, ma come rendimento).

  28. Luca Pavia ha detto:

    Aggiungerei che Okaka dovrebbe giocare dieci venti metri più avanti, quando riceve palla in area e’ devastante, se deve allargare il gioco sulle fasce a centrocampo, dopo aver fatto salire la squadra, perde molto.

  29. ale ha detto:

    Caro Andrea,
    non riesco a postare il link e allora……mi permetto di trascrivere questa toccante testimonianza del nostro immenso Mister sulla guerra. Da far leggere nelle scuole secondo me:
    “Allora ti racconto: 9 ottobre1999, la mia Serbia si chiamava ancora Jugoslavia, era la prima e finora unica volta, dopo la guerra, che incontravamo la Croazia. Ultima gara, decisiva, per la qualificazione agli Europei. Dentro o fuori. lo stadio di Zagabria era un vulcano. Polizia ovunque. Avevamo ancora la guerra sulla pelle. In campo c’erano tanti ex compagni della vecchia Nazionale. Stavolta uno contro l’altro. Io ero uno di loro. Entriamo in campo, una bolgia: guardo verso la curva croata, c’è uno striscione: “Vukovar 1991″; la città simbolo della guerra. La città dove io, figlio di madre croata e padre serbo, sono nato e cresciuto. Mi avvicino, mi inginocchio e mi faccio il segno della croce per ricordare i serbi caduti. Lo stadio per poco non viene giù. Mi urlano di tutto. Ma ogni volta che batto una punizione o un calcio d’angolo non vola una mosca per timore. Prendo un palo, una traversa e faccio due assist per i gol di Mijatovic e Stankovic: 2 a 2, qualificazione ed eliminazione della Croazia. Sui giornali serbi prendo 10 in pagella. Quella resta la partita più sentita della mia carriera, non la dimenticherò mai.
    Le guerre, tutte le guerre, fanno schifo. Ma una guerra civile come la nostra è peggio. Ragazzi cresciuti insieme che si sparavano contro, famiglie disgregate. Io ho visto la mia gente cadere, le nostre città rase al suolo, bombe su ospedali, scuole, civili: tutto spazzato via. Il mio migliore amico ha devastato la mia casa. Quando i miei genitori hanno lasciato Vukovar per Belgrado, mio zio, croato e fratello di mia madre, le ha telefonato:”Perchè sei scappata? Dovevi rimanere qui, così ammazzavamo tuo marito, quel porco serbo di m……”. Mesi dopo mio zio fu catturato da Arkan, stava per essere ucciso, ma gli trovarono addosso il mio numero di cellulare. Mi chiamarono e riuscii a salvargli la vita. Da fuori, seduti in poltrona, è stato facile puntare il dito. Ma Arkan era un mio amico da quando, ragazzo, giocavo nella Stella Rossa e lui era il capo dei tifosi. E Arkan ha difeso serbi in Croazia che stavano per essere massacrati, Per quei serbi Arkan è stato un eroe. Non rinnego quel necrologio, ma non difendo i suoi crimini. Quelli restano. Sono orribili. E li condanno: Come tutti i crimini commessi, da una parte e dall’altra. In una guerra civile non esistono i buoni e i cattivi. Non c’è il bianco e il nero. E il colore predominante alla fine è sempre il rosso. Del sangue degli innocenti.
    La guerra in Jugoslavia ha tanti colpevoli. Tanti.
    Durante il conflitto io non compravo armi, ma medicine, abiti, cibo. A Novi Sad mi hanno dato la cittadinanza onoraria per questo. Nella mia Vukovar ci sono andato l’ultima volta nel 1991. Era rasa al suolo, non riuscivo neanche a orientarmi. Solo scheletri di palazzi e macchine ammassate per creare trincee. Non volava un uccello, non c’era un cane. Spettrale. Ricordo lo sguardo di due ragazzini di 10 anni, imbracciavano i mitra. Avevano occhi da uomini in corpi da bambini. Occhi tristi che avevano già visto tutto, tranne l’infanzia. Non sono più tornato a Vukovar. Non ci riesco. Ma quello che ho provato io, può raccontartelo anche un croato.
    Abbiamo vissuto un impazzimento della Storia. E abbiamo pianto e perso tutti. Ora dopo i corpi è arrivato anche il momento di seppellire anche odii e rancori. Serbi e croati non torneranno mai insieme, ma hanno il dovere di andare avanti rispettandosi”.

    Spero non sia troppo OT.

    Massimo rispetto

    saluti

  30. bisciagoal ha detto:

    Vorrei andare un po’ contro corrente.
    Questa squadra sta davvero facendo il massimo. Prendiamoli uno ad uno e giudichiamo il tasso tecnico individuale, paragoniamolo a quello di 10 squadre che ci stanno sotto e ditemi se sono meglio i nostri o i loro giocatori..
    il segreto di questo quarto posto sta in due parole: tattica e sacrificio.
    abbiano due esterni di attacco che fanno i difensori e il segreto..pregi e difetti sta tutto lì..perdiamo pochissimo e vinciamo poco…perchè questo è il modulo…e forse questo è il solo modulo con questi giocatori per fare bene.
    a oggi firmerei per un decimo posto…che a mio avviso è il target per una rosa di questo tipo.

  31. daddix ha detto:

    Ciao Andrea, temo che la sterilità sotto porta sia frutto di un’ estenuante fase difensiva dei nostri attaccanti che, inevitabilmente, arrivano al momento di buttarla dentro con scarsa lucidità. E’ anche vero che se i nostri attaccanti non fossero i nostri primi difensori, sarebbe stato difficile prendere così pochi goal. Quindi è un cane che si morde la coda. Io sono d’accordo con te quando dici che ci vorrebbe un uomo di personalità che prenda per mano la squadra e sappia ribaltare le sorti di una partita. A questo proposito chi pensi che possa essere utile in questo senso nel mercato di Gennaio?

  32. andrea_samp ha detto:

    mamma mia ale , da …brividi…nel senso buono emotivamente parlando.
    grazie per questa testimonianza e pensiero del mister…ma direi meglio dell’Uomo Mihajlovic ..se scrive con questo stile veramente ..è un grande di cultura anche …e mica da ridere.
    Si capiscono tante cose ..per quelllo che ha dato in campo e che fa dare ai suoi uomini che allena …
    cmq grazie ancora ale del tuo post su questa testimoninza toccante …e FORZA DORIA SEMPRE !!!

  33. vincenzo ha detto:

    vedi Napoli e poi….Verona (lunedì 8 dicembre ore 21.00 (!!)…io ci sarò comunque) e nell’attesa del ciuccio: bevo e canto per il Doria bevo e canto per la Samp!!… .

    Forza Sampdoria

  34. PAOLO1966 ha detto:

    Interessanti i diversi punti di vista sugli attaccanti.
    Premesso che essendo maturo ho visto crescere Y Mancini Y Vialli Y Lombardo e anche loro di gol ne hanno sbagliati, provo a dire la mia:

    – Okaka fisicamente e’ uno dei piu’ dotati, tanto e’ vero che crea sempre un mismatch col marcatore, io lo vedo crescere di partita in partita, deve limare un po’ la platealita’ (ma il fisico e l’apparenza non lo aiutano) e giocare piu’ vicino alla porta, doppia cifra alla portata

    – Eder, sull’allungo e’ un crack, se gioca vicino alla porta la butta dentro (ricordiamoci che l’anno scorso i punti chiave li abbiamo fatti con lui punta centrale), al momento deve coprire quindi e’ lontano dalla porta, anche in questo caso studierei come avvicinarlo (v. sopra)

    – Bergessio, e’ un uomo d’area, si e’ un po’ arruginito ma secondo me, dovesse avere piu’ continuita’ si puo’ sbloccare

    – Sansone, ha tanto un bel tiro quanta sfiga, come succedaneo di Eder o Gabbiadini sulle fasce secondo me e’ troppo debole, se parte nel mezzo da dietro puo’ rompere gli equilibri, e’ un po’ leggerino pero’

    – Gabbiadini: e’ il mio punto interrogativo, ha una buona fisicita’ e un gran tiro oltre che spirito di sacrificio, ma lo vedo poco inserito nella manovra. Giocare un piede solo spesso non lo aiuta e largo sulla fascia soffre un po’ di piu’ avendo in pratica solo la chance di rientrare. Secondo me un po’ patisce di non giocare dove vorrebbe. Non lo vedo prima punta, al limite seconda. E’ pure vero che grazie ai calci piazzati e’ uno che la butta dentro, quindi, e infatti e’ capitato, puo’ risolvere situazioni bloccate.

    Globalmente abbiamo ottimi giocatori, dei quali l’unico andato stabilmente in doppia cifra e’ Bergessio, che al momento pero’ e’ quello piu’ indietro nella forma. Il prossimo miracolo di SInisa, come ho gia’ detto, e’ quello di creare punte che segnano. Io proverei il 4 3 1 2, anche se non mi era spiaciuto il 352 con la Fiorentina

  35. bisciagoal ha detto:

    Ciao Paolo1966
    se Sinisa cambia con un 4-3-1-2 allora potrebbe ipotizzarsi il rientro di Cassano..ad affiancare Okaka, con Soriano a supporto…ma reggerà la parte difensiva? perchè si sa che Cassano te lo “camalli” per 90 minuti nella fase passiva.

    • PAOLO1966 ha detto:

      Io francamente Cassano non lo vedrei proprio.
      Il suo meglio lo aveva dato il primo anno di Mazzarri che praticamente faceva un 3 6 1 con lui unica punta e Bellucci che si spolmonava per lui…
      Nel frattempo sono passati 7 anni e dovendo impostare una squadra sui giovani…

    • ambarabaciccicoco ha detto:

      Per favore basta Biscia… non se ne può più… Francamente Cassano era un crack ma mai dico mai neppure nella fantastica annata del 2010 ha dimostrato di essere anche solo un mezzo Aguero… ora ha trentadue anni suonati e non riesce neppure a giocare ai livelli richiesti ad un buon giocatore di serie A ( vedi l’ultima di campionato)… Peccato per lui e per noi… Avesse avuto un po più di testa e consentini anche un po più di cuore ( se preferisci palle) avrebbe avuto una carriera da Rooney..Non c’è riuscito e allora perchè dovercelo sorbire ormai sul viale del tramonto senza stimoli e magari con qualche strana idea nella testa?..

  36. Massimo Pittaluga ha detto:

    Paolo 66 sono d’accordo con te Cassano per quanto di classe superiore lo vedrei un po rompere gli equilibri. sono d’accordo con chi scrive che la posizione che occupiamo non è la nostra per rosa perchè sulla carta saremmo da metà classifica. resta però anche da considerare l’età dei calciatori che ora fanno la differenza: Romagnoli che quando gioca sposta la qualità verso l’alto giovanissimo, silvestre che quando in forma si è visto, objang che è giovane e può solo crescere dopo la scorsa stagione, soriano che ha grande tecnica e ora sta anche dando continuità e a 23 anni è in fase di crescita anche lui, gabbidini un po troppo criticato in alcuni casi anche da me, non per il suo impegno sul campo ma per dre l’impressione di sentirsi di passaggio (grazie al suo procuratore). aggiungiamo viviano e romero per da costa regini che deve trovare la forma mesbah e cacciatore duncan e rizzo e allora se i giovani crescono e qualcuno esplode dire quale può essere la posizione della samp è difficile. aggiungiamo okaka esploso eder e sansone. non siamo da quarto posto per carità ma finire sopra la decima posizione è posibile e sarebbe un gran risultato. detto questo dal mio punto di vista a questa squadra manca un elemento nel mezzo come cigarini dell’atalanta. insomma il regista che però ha anche corsa e contrasto. insomma un giocatore alla volpi. palombo sta facendo bene e non c’è nulla da criticare ma un giocatore con geometria superiore farebbe fare il salto di qualità senza cambiare il resto della squadra.

    • PAOLO1966 ha detto:

      Vero’ e’ che questanno, per ora, il livello e’ basso e quindi tutto puo’ succedere. Secondo me, gia’ con i giocatori che abbiamo quest’anno possiamo migliorare, sia perche’ in diversi stanno crescendo sia perche’ SInisa mi sembra in grado di perfezionare gli aggiustamenti tattici necessari. Mi piacerebbe veder crescere un Fedato da alternare a Gabbiadini per mettere Okaka e ai suoi fianchi due incursori che viaggiano palla al piede…

      • ambarabaciccicoco ha detto:

        ….sarà anche basso il livello ma neppure le due titolatissime stanno facendo il vuoto…. Io al contrario tuo sono convinto he il livello si sia alzato senza attivare decisamente ai livello degli anni 90 o 2000. Un po’ di tempo ancora ,con il bagno obbligatorio di umiltà ed attenzione ai soldi, qualche straniero papocchio di meno e qualche ragazzo iyaliano in più e vedrai che anche la cartina tornasole della nazionale dimostrerà che il nostro ritorna ad essere un campionato importante in Europa…

  37. NYC ha detto:

    Sento gente che vorrebbe sacrificare Gabbiadini ? per me e’ il piu’ buono di tutti (Okaka compreso) un talent naturale chiaro che se fosse sempre sempre determinante giocherebbe a 23 anni nel Real Madrid.

    Questo e’ un ragazzo che tra un paio d’anni fa la Champions league regolarmente deve solo capire che’ e’ un predestinato.

    A Gennaio il giocattolo non si deve toccare anzi se si potesse mettere un centrocampista buono preso in prestito ci giochiamo il terzo posto o almeno l’europa league.

    • robmerl ha detto:

      servirebbe un mancini degli anni migliori….

    • Stefano_1970 ha detto:

      @ NYC

      Quando la Società riuscirà a prendere indietro i soldi (cash e non giocatori) che ha investito ne riparliamo. Contento per lui se giocherà in Champions…

  38. piero ha detto:

    Secondo me servirebbe a gennaio un trequartista decente per fare il 4-3-1-2.
    A meno di non provare Soriano in quella posizione.
    Gabbiadini e/o Eder più vicini alla porta e con meno compiti di copertura potrebbero essere devastanti.
    Anche un regista classico ci servirebbe come il pane, posto che Palombo sta facendo un campionato eccellente.

    • PAOLO1966 ha detto:

      Io come trequartista mi giocherei Soriano, Sansone o addirittura Eder.
      Posto che un’idea sulla liquidita’ di Ferrero non ce l’ho, sarei dell’idea di evitare spese a Gennaio (salvo occasioni).

      Valuterei invece il discorso su Gabbiadini. Su di ci sono pareri tecnici diversi (il bello del blog peraltro e’ proprio quello di ragionare su valutazioni diverse dalle proprie) ma essendo una comproprieta’, e una comproprieta’ con la Juventus, in caso di offerta cash seria valuterei la cessione.
      Arrivare a giugno col punto interrogativo potrebbe creare spiacevoli sorprese.

      In quel caso avremmo una plusvalenza e del cash

      • piero ha detto:

        D’accordissimo con te su Soriano. Meno su sansone.
        Pare comunque che lunedì sera il Gabbia si accomoderà in panca almeno all’inizio.
        Un indizio nemmeno tanto velato sul fatto che debba darsi una svegliata.
        Probabilmente le voci di mercato lo destabilizzano un po’.

  39. P.SOLARI ha detto:

    Vado un po’ fuori tema: e’ di ieri la notizia della condanna dei vertici del Lecce per la combine nel derby maggio 2011 con i Bari che diede i tre punti salvezza ai salentini.
    Probabilmente non cambiava nulla per noi ( avendo perso con il Palermo in casa all’ ultima ) pero’ …… siamo sicuri che il Lecce non abbia comprato qualche altro punto ?
    Che schifo ….

  40. luca ha detto:

    due riflessioni Andrea chiedendo la tua opinione:
    Gabbiadini , d’accordo è svogliato a volte sembra fuori partita però corre , segna ed è sempre un pericolo con il suo sinistro, cederlo non potrebbe essere dannoso ? e soprattutto secondo te sarà ceduto e sostituito a dovere ? sarebbe assurdo buttare via una stagione come questa (tra squadre mediocri e grandi incompiute) non si potrebbe rischiare di giocarsela per l’Europa e pertanto con un’entrata di soldi certa ?
    Capitolo Bari-Lecce , se non sbaglio costò la B alla Samp , non potrebbe la stessa chiedere un risarcimento danni (causa serie B con tutto quello che ne consegue) alle due Società in questione per aver alterato il campionato ?
    A te e grazie

    • andrea.lazzara ha detto:

      Su Gabbiadini: il fatto che ieri Mihajlovic abbia provato un cambio schema senza di lui mi sembra indicativo del fatto che il ragazzo sia un pò smarrito e debba avere una..scossa. Su Bari-Lecce non credo sinceramente…

      • gianni ha detto:

        A me sembra indicativo del fatto che, a differenza di Okaka, su di lui le voci di mercato hanno un effetto distraente.

  41. Mauro ha detto:

    Gabbiadini lo venderei domani.Uno che a 22 anni si permette di fare “lo svogliato”è uno che secondo me non arriverà da nessuna parte.Non si può avere la pancia piena a 22 anni!!!!!Calciatori con molta meno classe di lui ma con una fame da lupi hanno avuto una luminosissima carriera.Rischia di diventare un altro Foti,cioè uno con un grande futuro…dietro le spalle.

  42. Luca ha detto:

    Non scherziamo Mauro , perdona d’accordo con te per la svogliatezza del giocatore ma paragonato a Foti e’ un’eresia !!!! Questo ha i numeri che Foti ahimè non aveva , questo ha già giocato 3 anni di serie A e fatto dei goal , Foti per favore avrà’ giocato dieci partite nella massima serie e fatto quanti goal ? Concordi? ‘

  43. Massimo Pittaluga ha detto:

    Si deve sempre trovare quello da scaricare….gabbiadini è giovane ed ha un procuratore che secondo me è di quelli alla raiola in piccolo. sempre a soffiare ed ovviamente un ragazzo giovane e talentuoso può distrasri anche involontariamente. infatti anche a me da l’impressione di sentirsi di passaggio ma dire che non s’impegna è sbagliato. intanto è quello che ha segnato di più e te lo trovi in fase offensiva e difensiva e nel suo ruolo oggi non ha un sostituto. se levi gabbiadini cambi modulo e passi al 4312. non dico che si andrà peggio anzi magari si andrà pure meglio ma io lo terrei fino almeno a fine stagione e poi perdonatemi non lo cambierei con cassano oggi. magari fai pure meglio perchè cassano è di un altro pianeta se ne ha voglia ma rischi di far saltare la coesione della squadra. il leader c’è ed è mihalovick e spero che non tocchino la squadra a gennaio. certo capisco che cassano in 4312 al massimo farebbe la differenza ma bisognerebbe vedere la squadra e mr cosa ne pensano ed ad oggi non cambierei gli equlibri

  44. Mauro ha detto:

    Rigore per i bibini sbagliato da Matri.Così,almeno per oggi,Gasperini non andrà a piangere dalla mamma.

  45. Mauro ha detto:

    Si Luca,concordo.Però ricordo che Foti era nel mirino di squadre tipo Chelsea e Manchester UTD…poi è finito in lega pro.

  46. ambarabaciccicoco ha detto:

    Scrivo a tre ore circa dal match di stasera e non so neppure se la partita sarà giocata. E un po mi disturba questo dubbio perchè ancora una volta il Comune e Stadium brillano per la loro assenza non solo per lo stato abominevole in cui versa tutto lo stadio ma se si può ancor di più il prato ma anche nella comunicazione… E grazie alla Lega che ci ha fatto l’omaggio di un mancato incasso,… Detto questo passo al motivo primo per cui scrivo: leggo di una più probabile che possibile partenza addirittura a Gennaio di Gabbiadini e a parte il discorso economico ( l’investimento della Samp maturerebbe solo un misero 20% a fronte di due ingaggi che azzererebbero comunque l’introito quindi avremmo utilizzato il giocatore come un prestito secco e senza neppure un diritto di valutazione) e non avendo ahimè più vent’anni una cessione del genere mi ricorderebbe un’altra tristissima cessione datata
    campionato 60/61 quando in lotta per lo scudetto cedemmo Mora alla Juve per un tal Lojodice che fece figure barbine fino alla fine del torneo. Ora non so se a fine marzo saremmo ancora lì a giocarcela ma pensare di rinunciare a priori mi fa male… E se il sostituto fosse Cassano ( che non verrebbe comunque a titolo gratuito…) mi sa che sarebbe il remake di allora… Io il signor Cassano e magari anche il signor Pazzini non li rivorrei a Genova neppure per una cena tra amici…. Sia chiaro riconosco loro risultati quasi straordinari nella Samp di Mazzarri e di DelNeri ma oltre alla riconoscenza non vado.. E siccome sono passati quattro/ cinque anni da allora (per un giocatore l’equivalente di una carriera al tramonto) credo che non ci sarebbe motivo per riaccoglierli. Oggi la Samp è di Gastaldello e DeSilvestri, di Silvestre e magari di Regini e Romagnoli di Palombo di Obiang di Soriano di Krsticic di Eder di Okaka e di Gabbiadini come pure di Rizzo Bergessio e Sansone di Viviano e di Da Costa e magari anche di Romero e Djoprdjevic e Lulic quindi giusto cedere alcuni giocatori per permettere loro di maturare (sempre comunque se sostituiti da elementi
    di buon valore da utilizzare in caso di bisogno) ma mai dico mai Pandev Pazzini Cassano e/o chi per essi chiacchierati e ormai alla frutta…
    Forza Sampdoria e forza Sampdoria ( e magari anche grazie alla Famiglia Mantovani che si è presa il peso dell’organizzazione del Ravano e mai notizia è stata più confortante).

SE TRE INDIZI FANNO UNA PROVA…

Se tre indizi fanno una prova, dopo le vittorie con Fiorentina e Lazio, la Sampdoria ha confermato a Bergamo di [&hellip

PERFETTI

Paradossalmente c’è “poco” da dire sulla rotonda vittoria della Sampdoria contro la Lazio, perché la squadra di Ranieri è stata [&hellip

RINASCIMENTO

Avete ragione, state già pensando che ho esagerato nel titolo. Ed è vero. Ma l’ho fatto consapevolmente. Dopo tanto soffrire [&hellip

DI MALE IN PEGGIO

“Non mi è piaciuto quasi niente, sembravamo una squadra sparring partner, pavida, non ho visto voglia di lottare”. Parole di Claudio [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta