Archivio - giugno, 2014

12 giu
2014

SAMP A UNA SVOLTA, SPERANDO CHE LA STRADA SIA QUELLA GIUSTA

Amici di Samplace, mi scuso se oggi non ho potuto a botta calda commentare gli incredibili accadimenti di casa Sampdoria. Eravamo costantemente in diretta, avevamo il sito da aggiornare e poi anche raccogliere notizie sul nuovo Presidente. Già, mi fa specie parlare di nuovo Presidente perchè il "buco" come lo ha definito Edoardo Garrone in conferenza stampa, la proprietà lo ha dato davvero a tutti. E credo che, comunque, in molti anche nell'entourage blucerchiato siano rimasti sorpresi così come noi quando abbiamo, intorno alle 9.40 ricevuto gli sms di convocazione all'incontro stampa. Che dire? L'entusiasmo, lo avete visto c'è. Nel calcio non basta, servono, purtroppo, i soldi(tanti) s...
3 giu
2014

CALMA E GESSO

Cari amici di Samplace, finito il tormentone Mihajlovic ora è iniziata la fiera dei sogni(o degli incubi): il calciomercato. Una giostra senza soldi e in questo non è che la Sampdoria sia un qualcosa di diverso dalle altre società: vedrete che affari ne faranno pochi anche i grandi club, almeno fino ad agosto e, personalmente, sono rimasto colpito da un'operazione come quella di Immobile, con la Juventus (insieme al Torino) che ha, bene o male, lasciato andare il capocannoniere del campionato( secondo me gran talento). Tornando alle cose di casa nostra credo che a Bardonecchia vedremo una Samp ancora molto "sperimentale". Però le linee guida si intravedono: il riscatto di De Silvestri, l...

FERRERO SHOW E QUOTA 100

Mentre il Massimo Ferrero show toccava picchi inarrivabili – qualcuno ha persino sostenuto che il Viperetta nel 2014 abbia salvato

IL COLPO DIFRA NON RIABILITA FERRERO

Che l’arrivo di Eusebio Di Francesco alla Sampdoria sia da considerarsi un colpo importante è per me fuori discussione. Se

UN UOMO SOLO (NON) AL COMANDO

La Sampdoria ha concluso la stagione con una bella vittoria sulla Juventus – frutto di un secondo tempo virtuoso che

CHE BARBA… CHE NOIA

Non è bastato alla Sampdoria giocare per quasi un’ora in superiorità numerica al “Bentegodi” contro il malcapitato Chievo per tornare