UN MESSAGGIO IN BOTTIGLIA

17 Mar 2014 by andrea.lazzara, 80 Commenti »

Cari amici di Samplace, anticipandovi che essendo in ferie questa settimana darò un’occhiata ogni tanto al blog, vi lascio alcuni spunti di riflessione dopo il disastro di Bergamo. Disastro non tanto o non solo per il risultato ma perchè, come giustamente ha detto Mihajlovic, è stato l’atteggiamento a far male. Questa squadra se non va a mille all’ora di gambe ma soprattutto di testa, può essere travolta da chiunque: l’Atalanta ha semplicemente avuto più fame e il risultato, al netto degli episodi, è stato quello che abbiamo visto. La furia di Sinisa negli spogliatoi è emblematica così’ come coraggiosa la sua assunzione di responsabilità(ha fatto fin qui benissimo, banale dirlo, sa perfettamente che la prestazione in campo è stata molto negativa ma sa che anche lui può aver sbagliato qualcosa). Non credo che ci sarà la rivoluzione paventata nel dopo gara ma qualche cambio si(ad esempio Eder, che mi sembra al lumicino di gambe e testa). Ma soprattutto da questa partita arriva un “messaggio in bottiglia” ( o “Message in a bottle” per dirla alla Police) per la società, per il futuro. Se anche quest’anno, una volta raggiunta la virtuale salvezza , la Sampdoria non riuscirà ad alzare un pochino l’asticella(nessuno chiede la Champions, credo), allora in vista della prossima stagione sarà il caso di fare qualche intervento mirato. Niente sconvolgimenti ma un investimento sulla qualità e magari anche sull’esperienza, per assicurare a un gruppo di giovani che, è innegabile, sono interessanti, l’aiuto necessario per superare i momenti difficili e fare quel “salto in alto” auspicato da Mihajlovic e desiderato dai tifosi. Insomma, il Ko di Bergamo(che arriva dopo il primo tempo di Livorno, segnale da non sottovalutare, squadra che ha corso a mille per mesi, la benzina non è finita ma serve…un rabbocco). La classifica aiuta, in questo senso: certo, meglio raccogliere un pò di punti tra Verona, Sassuolo e Fiorentina. Ma non pensare già da ora a come evitare di soffrire la prossima stagione( e quelle successive) sarebbe un delitto.

80 Commenti

  1. Luca Pavia ha detto:

    Per chi pensava che tutti i problemi fossero risolti, che bastasse quel che avevamo in casa e che si preparava ad una nuova campagna acquisti a costo zero, il piatto e’ servito.
    E poi non venite a dire che siamo mugugnoni a prescindere, perché chi ne capisce di calcio sa che di sangue dalle rape non se ne cava. Punto.

    • Kreek ha detto:

      e siamo tredicesimi a 34 punti…non é che ad ogni sconfitta puoi spuntare dal’Oltrepo… 😉 la squadra é migliorabile, ma zeppa di giovani di buona prospettiva e con valori importanti già ora. Punto e a capo!

  2. Crovo ha detto:

    Ivan Zazzaroni, ieri sera, alla Domenica Sportiva, dixit:

    “la Sampdoria è una squadra di una pochezza tecnica impressionante”…

    Lascio a voi i commenti.

    • Robbby70 ha detto:

      Ah be..se lo dice Zazzeroni….Che pensi al suo Bologna che dopo aver perso a Livorno hanno poco da stare allegri…

    • gianfra ha detto:

      una volta c’erano i giornalisti sportivi ora c’è i.z.
      penso che ve ne preoccupate troppo dell’opinione di costui

    • Marco ha detto:

      Lo sostengo da sempre, gli unici che lo negano sono i fedelissimi del presidente!!! Negare l’evidenza d’altronde è uno sport molto praticato!!!!

    • nello ha detto:

      Si aveva anche detto e per due puntate diverse che è stata l’unica squadra a mettere paura alla Juve a Torino .

    • P.Solari ha detto:

      Pensi al “suo” Bologna che qui, pur facendo 1 punto ( regalato da Costa ) dal punto di vista tecnico era stato una pena …. infatti mi pare sia terz’ ultimo, no Zazzaroni ?

    • Kreek ha detto:

      Io credo che Zazzaroni dovrebbe limitarsi a “ballare con le stelle” e non aggiungo altro per non mettere in imbarazzo Andrea Lazzara e costringelo a cestinare il mio post 😉

    • Alfio ha detto:

      In seguito dira’ anche, riferendosi al Bologna:
      ‘Prima sono stato un po’ pesante parlando dell Samp: ecco, rispetto al Bologna e’ di un’altra Categoria.’

    • Marco q ha detto:

      Bè, se lo dice Zazzaroni…

  3. Michele G. ha detto:

    Caro Andrea, ovviamente, non ho nulla da aggiungere a quello che tu hai già detto nel tuo commento. Ciò che più mi preoccupa maggiormente non è la pesante sconfitta di ieri che, al netto degli episodi, come giustamente hai sottolineato, è stata meritata, ma il messaggio che Mihajlovic ha lanciato, neanche troppo velatamente. Sinisa ha testualmente detto ai microfoni della RAI che è stufo di fare queste figure di m…., e, rinnovando dotte citazioni della Divina Commedia (che dimostra di conoscere meglio di tanti Italiani), di collocare la SAMP all’inferno, lui nel girone quinto degli iracondi, i giocatori ed altri (!!!) in quello degli accidiosi (ha testualmente parlato di giocatori senza palle). Più che un messaggio in bottiglia si è trattato di una chiamata in correo per la società, oltre che per i giocatori. Ieri Sinisa non avrebbe potuto essere più chiaro. O gli si mette a disposizione ciò che chiede, o le sirene al di là dell’Appenino Ligure si faranno sentire prepotenti, ed allora l’Ulisse blucerchiato non si farà legare all’albero maestro per resistere alle tentazioni di tuffarsi in altre acque. Meditate gente di Corte Lambruschini, meditate!

  4. Michele G. ha detto:

    Scusa Andrea, dimenticavo. Buone ferie!

  5. MadMick ha detto:

    E’ stata una partita incomprensibile…e non saprei come commentarla!

    Ti chiedo solo una cosa: pensi che il fallo di Benalouane su Regini verrà sanzionato dalla prova TV?

    • andrea.lazzara ha detto:

      Intervengo qui per tutti i commenti. La Sampdoria ha ampiamente meritato la sconfitta e, come ho scritto, deve comunque riflettere. E far riflettere. Però il caso Benalouane è quanto di più vicino all’errore tecnico ci possa essere. Perchè non si tratta di prova tv applicata per sanzionare un comportamento in una zona qualsiasi del campo, ma di un comportamento che ha modificato in modo diretto il risultato: Benalouane colpisce Regini che cade e su di lui frana Palombo che non lo poteva evitare liberando per il gol Bonaventura. E’ un episodio che spariglia le carte dell’equità in modo sostanziale e preoccupante e sul quale la società dovrebbe, a mio giudizio, far riflettere gli organi di competenza. Perchè la Samp ha preso gol ed ha giocato gli altri 45 minuti in parità numerica quando poteva trovarsi 1-0 e in vantaggio numerico. Non sono sottigliezze. Poi, in termini generali, mi devono sempre spiegare perchè la tv viene utilizzata solo quando fa comodo(a Parma, ce ne siamo accorti, è successo qualche volta per tacere del caso Zidane-Materazzi. Il calcio dovrebbe essere uguale a qualsiasi latitudine). A presto

  6. peter ha detto:

    Mi sembra che abbia vinto la squadra che aveva un portiere mentre ha perso la Samp che un portiere non ha perche’ non possiamo ritenerlo tale.
    Nel primo tempo Consigli ha salvato 2 volte il risultato e li la partita si sarebbe messa in salita per loro.
    Al contrario a loro e’ bastato tirare in porta un po’ angolato, prende solo i tiri centrali, ripeto una sagoma di cartone costa meno e rende uguale.
    Reattivita’ da bradipo sul primo gol, rinvii sbilenchi, rinvii corti in particolare sul terzo gol tutto nasce da un suo rinvio corto anche come sottolineato dal Secoloxix, non esce mai e quando ci prova si pente e torna indietro, una sciagura……tra le altre cose si prende dei rischi sui rinvii che prima o poi l attacccante avversario gliela prende.
    Che poi la squadra sia stata tatticamente e tecnicamente umiliata dall atalanta che ha giocatori come moralez, buonaventura, denis e cigarini che noi ci sognamo anche di giorno siamo d accordo ma se partiamo sempre con l handicap del portiere allora….
    Rimango dell idea che mjhailovich ha fatto un miracolo con una squadra modestissima tecnicamente, palombo non si puo’ proprio vedere mamma mia, poi regini, poi kristicic sul terzo gol come in parrocchia.
    O prendono due tre giocatori di qualita o se sperano che basta l allenatore solamente farebbero lo stesso errore che han fatto con rossi.

  7. Daniele da Rapallo ha detto:

    Ottima disamina, come al solito Andrea.
    Aggiungerei solamente alcune ovvietà che comunque rappresentano fatti da tenere presenti per il futuro, nonchè verità assodate.
    Innanzitutto il primo goal : qualcuno mi spieghi come mai ho sempre, da profano, la sensazione che un altro portiere sarebbe arrivato su quella palla….Come affermato da esimi esperti di calcio l’ideale è sempre avere un portiere che faccia in qualche modo la differenza. Pur dando a Da Costa il merito di non essersi abbattuto per le critiche avendo disputato una discreta gara col Torino (belle parte si, miracoli un po meno…) ecco che ieri ha fatto compagnia al resto delle squadra in quanto a rendimento.
    In una domenica che avrebbe potuto regalarci l’aggancio o il sorpasso nei riguardi di altre squadre la Samp ha giocato bene una mezz’ora; pochissime tuttavia le occasioni da Goal contro una formazione ostica dotata di alcuni elementi che danno del tu al pallone, cosa che manca un po a noi. Eder impalpabile in quella posizione, forse dovrebbe giocare più esterno. Arbitraggio pessimo, come già una volta ci aveva rgalato quest’arbitro (se non erro…), tuttavia non mi focalizzerei molto su quello, visto che col Torino siamo andati in vantaggio in fuori gioco.
    Il succo è sempre lo stesso : non eravamo scarpe prima dell’ultimo periodo come non siamo fenomeni ora. Indipendentemente dai risultati che otterrà la squadra di qua alla fine, manca un portiere nonostante il parre di Osti (che tuttavia ho apprezzato ultimamente..) e uno due innesti con piedi un po buoni pur nel rispetto dei recuperi di bilancio 2014.
    Per ora non scomoderei tanto Dante…ieri la squadra era più in filosofia di vita alla Oscar Wilde, non trovi ?

    Ti saluto Daniele

  8. Massimo Pittaluga ha detto:

    ciao andrea, io appena tornato da una settimana fuori e dopo non aver visto il livorno (che risultato importante) e aver invece visto l’atalanta ieri. dico subito che ci sta un calo di tensione perchè squadre giovani e senza alcuni esperti di qualità eccezion fatta per maxi (che ieri ha fatto intravedere buona forma e classe in alcuni spunti) fanno si che se cala la tensione e non si aggredisce si va sotto con squadre di pari livello, più esperte oggi magari meno di prospettiva. concordo con te sulle prospettive della samp. se mantengono il gruppo dei giovani e aggiungono 2 o 3 innesti veri si può fare un campionato diverso. io continuo a pensare che la rosa nel suo complesso oggi abbia solo 5 o 6 squadre inferiori sulla carta non di più ma che il grande lavoro di sinisa ci ha messo sotto anche squadre che sulla carta qualcosina in più avevano come udinese e cagliari. tanto meglio di così la squadra non può fare perchè sempre ai 100 all’ora non possono andare 12 o 14 giocatori. sinceramente nelle prossime partite proverei fiorillo per vedere se a quasi 24 anni si potrà o meno puntare su di lui la prossima stagione da titolare. se dimostrasse affidabilità gli innesti si potrebbero ridurre a 1 centrocampista di qualità e un sinsitro di qualità. avendo la samp da incassare ancora mezzi poli, biabiany e icardi e quindi entreranno buoni soldi credo che non sia una missione impossibile portare quei 2 o 3 innesti veri e riscattare lopez.
    per la salvezza matematica mancano ancora 3 o 4 punti. dobbiamo farli al più presto e benedetta è stata la vittoria sul livorno. non avessero messo a posto quella partita la quota salvezza si sarebbe alzata. oggi continuo a credere che a 37 si sia salvi comunque sotto i 40 sicuro. non farei un dramma di una sconfitta che ci potevamo aspettare ma qualche giocatore come sansone e fiorillo li proverei. sansono dietro alla punta con ai lati soriano e gabbiadini e fiorillo proverei a fargli fare quelle paritte necessarie per valutarlo serenamente di qui alla fine. da costa sappiamo cosa può fare. diciamo che con un portiere di categoria avremmo quei 2 o 3 punti in più sicuri. lui non ci ha fatto danni enormi ma sicuramente in una squadra del ns livello così giovane anche dietro un portiere affidabile farebbe bene a tutto il reparto. ieri vedevo genoa jueve e perin come buffon uscivano spesso a levare le castagne dal fuoco oltre a dare sicurezza al reparto. non pretendo buffon e neppure il bravo perin ma qualcosa più di da costa che terrei come 12esimo serio e pronto in caso di necessità.
    comunque ora sotto con la prossima partita per muovere la classifica e fare quei pochi punti necessari a finire senza patemi.

  9. nello ha detto:

    Forse anche spostare Gabbiadini sulla sinistra non sarebbe male, sulla destra è prevedibile e deve perdere tempo a rientrare e spostare il pallone sul piede buono, ormai lo sanno tutti e comunque perde l’ attimo,col Livorno due imbeccate di Okaka un quasi gol e un gol.

  10. Paolo1966 ha detto:

    Premessa: nel nostro DNA c’e’ di perdere questo tipo di partite nove volte su dieci.

    Partita che mi ha ricordato un po’ quella di Cagliari dell’anno scorso(presi a pallonate dopo un buon ciclo) e quella di Roma di quest’anno (buona mezz’oretta e poi sciolti dopo il gol subito, anche se in questo caso c’e’ l’aggravante del raddoppio viziato dal pugno).

    Alcuno episodi che servono come spunti di riflessione:

    1) primo gol loro: Mustafi sbaglia perche’ da l’appoggio a Denis sullo scarico e si lascia anche fare blocco – errore di inesperienza, segno che la squadra ha buoni giocatori ma devono ancora crescere

    2) primo tempo: occasionissima di Soriano e Regini con Consigli che fa il miracolo – primo gol loro da lontano con Carmona che calcia senza usare appieno il piede d’appoggio e Da Costa che non fa il miracolo – secondo gol colpo di testa da vicino a Da Costa che sviene senza fare il miracolo – Ovvero un portiere che ogni tanto con un miracolo ti fa fare punti non lo abbiamo

    3) primo tempo: contropiedi con rifiniture mal gestite e Kristcic che su un un calcio d’angolo di Palombo fa una mezza veronica inutile anziche’ metterla giu e tirare una sassata – ovvero spesso ci mancano cattiveria e cinismo

    Morale per la futura campagna acquisti : i giovani devono crescere e qualche marpione serve / serve un portiere cazzuto / mancano qualita’ e cattiveria

    E in tutto questo serve una societa’ vigile e presente e un allenatore che sia bravo a tenere sempre tutti sulla corda (ovvero non facciamoci scappare Sinisa)

  11. Lollo ha detto:

    Condivido. A parte il fatto che a questo punto della stagione, con un buon margine di punti sulla zona salvezza, con la squadra che ha corso a mille per parecchi mesi, un po di stanchezza e di rilassamento ci possono stare, penso che in settimana si sia un po’ esagerato, forse anche noi: nel fissare gli obiettivi (se la salvezza è quasi acquisita, se la parte sinistra della classifica e la supremazia cittadina sono obiettivi proponibili e possibili anche se difficili, l’Europa League è una chimera della quale non bisognerebbe nemmeno parlare…..), nel proporre paragoni ( scomodando la Sampdoria di Delneri, ovvero la migliore Sampdoria dopo l’era Mantovani, scomodando addirittura il Sommo poeta e la sua Commedia ) nell’esaltare alcuni dei nostri giovani, promettenti certo ma bisognosi di continui stimoli; per cui in questo senso la batosta di Bergamo dovrà servire a mantenere tutti con i piedi per terra e pedalare fino a salvezza matematica acquisita. D’accordissimo con Andrea sul punto società: a prescindere dalla posizione che verrà raggiunta a fine campionato, la squadra deve essere rinforzata. Un’ultima notazione, sperando di non sollevare un vespaio tra gli amici del blog: se Atalanta – Sampdoria ci ha dimostrato cosa vuol dire avere un portiere forte e non averlo, Milan – Parma ci ha dimostrato, ancora una volta, cosa significa avere un campione , non necessariamente un Cassano, e un paio di giocatori di livello in una squadra sostanzialmente normale. Buone ferie ad Andrea !!!

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      caro lollo d’accordo su tutto. inoltre vedrai che prandelli sarà costretto a protare cassano e se sta bene anche il vecchio totti ai mondiali. sono gli ultimi due fuoriclasse in attività rimasti e in 1 mese di mondiali che i vari buffon(i) and co senatori se li sopportino se non vogliono tornare a casa come in sud africa. cassano a me personalmente sta antipatico ma se stimolato in campo è uno dei migliori giocatori al mondo per tecnica. ci portò col pazzo e storari al quarto posto e sta facendo del parma una squadra difficile da incontrare. mi auguro che gli venga data la possibilità di giocarlo un mondiale. 2 anni fa la finale dell’europeo la raggiungemmo grazie a lui e a qualche sassata di balotelli che però neppure allaccia le scarpe a cassano e totti

  12. Bulgaro ha detto:

    Come detto la volta scorsa, se regali 2 gol al fragile Livorno puoi anche sperare nel recupero, se li regali ad una squadra tosta e tranquilla come l’Atalanta tutto diventa molto piu complicato.
    Il problema e` chiaramente di maturita` del gruppo, se motivati e aggressivi sono ostici per tutti, se sono convinti di essere buoni si afflosciano …
    Io, non 6 o 7, ma ad alcuni una pausa la darei per tenerli un po` sulla corda e (tenere sulla corda anche gli altri).
    La prossima e` la partita giusta per darsi una svegliata, arriva il Verona di Mandorlini che partito a mille ora si e` parecchio arenato, se giochiamo come la ripresa col Livorno non ce ne` per nessuno … se giochiamo come ieri o come il primo tempo col livorno buschiamo sicuro.

    E` veramente un buon portiere Consigli, mi ricorda un po` Antonioli come rendimento, ogni tanto gli scappa una paperona clamorosa, ma per il resto e` uno costante che porta punti.

  13. Pier Milano ha detto:

    La Samp ieri ha fatto schifo. E Sinisa ha sbagliato.Ma ha già capito.
    La cosa pazzesca è che abbiamo creato sullo 0-0 almeno 5 nitide occasioni da gol. E non abbiamo segnato.
    Perchè ? Perchè la qualità è bassa .
    Per il puntare al paradiso che vuole Sinisa e che vorremmo anche noi,ci vogliono giocatori di ben altro livello rispetto ad Eder e Da Costa.
    Lui cita la Samp di Del Neri , ma in quella squadra c’era un giocatore che da solo ne fà 6 dei nostri di oggi.

  14. STEL ha detto:

    Se perdi tre a zero beh……. c’è ben poco da dire, quando ogni tiro in porta è un gol c’è poco da fare. Samp che gioca benino i primi 20-25 minuti del primo tempo, poi Samp non pervenuta. Non si riesce a capire se alcuni giocatori siano entrati in riserva e non ne abbiano più oppure veramente è una questione di testa, l’anno scorso di questi tempi con gli stessi punti la squadra si rilassò. Inutile dire che l’Atalanta aveva più fame e più voglia, che alcuni episodi (vedi pugno dato a Regini, è veramente disgustoso il comportamento di quell’elemento dell’Atalanta) potevano forse cambiare qualcosina, però è anche vero che la difesa sui tre gol ci ha messo del suo, e credo fermamente che in una squadra un portiere con carisma e che dia sicurezza al reparto è necessario; il terzo gol nasce da un intervento sciagurato di Krsticic un pallone lentissimo che poteva e doveva prendere tranquillamente.Non so se sia un campanello d’allarme ma è la seconda volta che chiudiamo il primo tempo sotto di due gol, credo che sia necessaria una riflessione sui due episodi.
    Sinisa era molto arrabbiato, ha chiesto anche se era possibile non fare il recupero, si perchè lui è un uomo orgoglioso e non ci sta a vedere una squadra assente che si arrende.Ormai ce lo siamo detto e ridetto in tutte le salse questa squadra ha una buona base che però va rinforzata con innesti di qualità ed esperienza che facciano la differenza e soprattutto blindando alcuni giocatori ed infine allestire anche una panchina decente e presentabile in serie A.

  15. giovi ha detto:

    Le squadre giocano come si allenano ed in questo posso pensare una responsabilità di Sinisa, forse in allenamento la concentrazione e l’abitudine al furore agonistico che farebbe della Samp una squadra temibile ultimamente sono scomparsi ?
    La Samp non è bollita si è sempliceente seduta,convinta di aver svolto per bene il compitino per mancanza di ambizioni ? Non posso pensare che sia un problema fisico visto il secondo tempo con il Livorno.
    La tendenza a ” sedersi” appena fatto il compitino è questione di carattere ma anche di qualità,perchè a volte è con la qualità che si sopperisce ai cali di tensione, al carattere deve pensare Sinisa, alla qualità il Presidente.

  16. gianni ha detto:

    Purtroppo lo sforzo del secondo tempo contro il Livorno è stato pagato sette giorni dopo, in termini mentali e nervosi; grave che, a mio avviso, i giocatori abbiano letto le legittime frasi della vigilia del mister come se avesse certificato una salvezza molto vicina ma non ancora raggiunta; non credo comunque che sia il caso di farne un dramma; l’Atalanta ha il suo punto di forza, come noi, tra le mura amiche; se domenica vedremo contro il Verona la stessa grinta che i nerazzurri hanno messo contro di noi, questa sconfitta resterà un ricordo sgradevole; prevedo una settimana dura per i giocatori, a giudicare dalle espressioni di Mihajlovic nel dopo gara.

  17. ale ha detto:

    Mamma che botta. Partita molto simile al derby d’andata, ed è tutto dire.
    Secondo me si salvano solo Regini e -in parte-Maxi Lopez.
    Ma cosa è successo a Eder? Non sembra lui!

    Forza ragazzi non mollate proprio adesso!

  18. MARCO ha detto:

    vado come al solito in controtendenza e dico che l’inizio della partita di Bergamo è stato positivo. abbiamo avuto qualche occasione e almeno per una ventina di minuti ce la siamo giocata. la prestazione è diventata pessima perchè subito il gol non abbiamo reagito e anzi siamo andati in apnea.
    D’altro canto l’Atalanta in casa è forte ed e li che ha costruito la propria salvezza, ed è ben più forte del Livorno in trasferta (partita che ci ha illuso un pò troppo).
    per quanto riguarda la società dovrà fare ben di più che alzare l’asticella, perchè quest’anno è andata di lusso che Sinisa ha raddrizzato una situazione tecnicamente disperata e un terzo della rosa è stato defenestrato per manifesta inadeguatezza.
    L’anno prossimo occorre qualche buon difensore, un portiere all’altezza e procurarsi dei centrocampisti e attaccanti pronti perchè i vari Kristicic e Obiang non sono fenomeni e gli Okaka e i Soriano stanno dando molto più di quanto ci si dovrebbe aspettare nella norma.
    Ovviamente deve restare Sinisa e non è detto…. e bisogna non farsi prendere dall’ottimismo di credere che l’allenatore possa trasformare un barillà in un roberto carlos, perchè la realtà dice che un barillà farebbe rimpiangere anche un estigarribia qualsiasi.
    la società poteva permettersi di tirar fuori pochi soldi quando aveva Marotta. ora non più

  19. moussa dembelè ha detto:

    Perfetto commento Andrea.
    La squadra avra’ bisogno di ritocchi perche’ dietro quegli 11 / 13 titolari c’e’ il nulla e gente come Eder, De Silvestri, Gabbiadini stesso che hanno tirato la carretta fino adesso e non ce la fanno piu’ non sai come sostituirli. E meno male che sono arrivati Lopez e Okaka a gennaio che ci hanno fatto fare qualche punto e qualche altro, spero, ci faranno fare, altrimenti poteva essere dura.
    Poi mi piacerebbe sapere cosa c’e’ dietro lo sfogo di Sinisa sull’impegno dei giocatori, chi e’ che vede non impegnarsi e contro chi prendera’ provvedimenti. Vedremo domenica, pero’ credo che la Samp abbia la classifica che si merita per quanto riguarda la squadra titolare piu’ uno o due rincalzi. Poi la stanchezza, gli infortuni, le squalifiche fanno il resto e per affrontare il campionato di serie A l’anno prossimo ci vorra’ qualcosa di piu’, compresa quella qualita’ che non dico il Barcellona, ma perfino l’Atalanta ieri ha mostrato di avere soprattutto a centrocampo (Bonaventura che bel giocatore!)

  20. sergin ha detto:

    Come sempre accade gli episodi hanno influenzato il risultato finale (gran goal di esterno di Carmona ad interrompere un discreto predominio doriano ed il secondo goal chiaramente da annullare) pero’ e’ anche vero che nelle due precedenti vittorie di espisodi a noi favorevoli (arbitrali e non) ce n’erano stati eccome.
    Quindi risultato da accettare, come e’ da accettare che spesso al primo tiro in porta un po’ ben fatto un goal lo prendiamo (a portieri invertiti saremmo andati noi in vantaggio con Soriano o Regini) e che certi giocatori siano in effetti spremuti. Gia’ ai tempi di Delio Rossi i pochi punti erano arrivati con grandi grinta e conseguenza corsa, e secondo me e’ normalissimo che alcuni giocatori (Eder in primis) adesso facciano fatica, in piu’ quando si inizia a parlare di uefa o cose simili, la samp in questi due ultimi anni stecca sempre.
    Come rimedi credo che un 4-3-3 sia piu’ prudente e conservativo (va meno in difficolta
    il centrocampo) qualche cambio serva eccome, soprattutto per la prossima settimana che vedra’ tre impegni molto importanti (il turno infrasettimanale arriva proprio nel momento sbagliato mannaggia) e comunque per l’anno prossimo vorrei sicuramente un portiere che ogni tanto il risultato te lo possa salvare lui, e soprattutto una programmazione seria. Sono due anni (tre compreso quello della B e non parliamo della stagione prima) che si canna la prima parte della stagione e si deve rimediare al volo cambiando sempre allenatore e quandi metodo di lavoro.
    Questo comporta secondo me anche un bel dispendio di energie fisiche e mentali (stagioni sempre a rincorrere, come se fossero 3 anni che partiamo a -5) , e si arriva alla fine scoppiati o quasi.
    Facciamo ancora in tempo ad arrivare alla meta’ di sinistra della classifica e davanti ai cuginastri, pero’ … non sara’ affatto facile, e temo che alla fine la media dei punti che fara’ Sinisa restera’ alta, ma non sara’ affatto da Europa League come si diceva fino a ieri.

  21. giorgio ha detto:

    La Samp perde 3-0 con l’Atalanta: “Da Costa ad leones”! Tutti ce l’hanno con Da Costa. Che è proprio l’unico che con questa sconfitta non c’entra niente. La responsabilità è degli altri e anche un po’(come giustamente dici tu, Andrea) di Mihailovic stesso: il primo gol è sempre del solito lasciato libero, fuori dal mucchio, di tirare; il secondo dovuto alla gomitata che ha messo ko Regini, liberando l’avversario (il solito Bonaventura!); il terzo addirittura un “liscio” clamoroso del nazionale Mustafi che ha liberato Denis davanti alla porta. Mi spiegate cosa c’entra Da Costa in tutto questo? Lasciamolo tranquillo, che il suo dovere lo fa sempre! E sempre Forza Doria!

    • andrea.lazzara ha detto:

      La svirgolata nel rilancio sul primo gol, però…Giorgio…

      • francesq ha detto:

        E sul terzo gol? Quanto ci mette Denis a mettere giù il pallone? Un quarto d’ora? Toh, arriva la palla! Giusto il tempo d’un caffè, di un paio di riflessioni su quanto sbagliato sia il mondo, un paterno ammiccamento al figlio e poi… ma si! Tiriamo! E Da Costa, in tutto questo che fa? Se ne sta fisso immobile con le braccia lungo il corpo a imitare gli spaventapasseri nei campi… Ma esci, esci da quella porta, provaci!

        E sul secondo? Di nuovo fisso sulla linea ad aspettare Godot, o chissà chi altri, glielo chiederemo… E prende gol su tiro loffio e centrale, che vede pure partire…

        Dico: ma per tenere un portiere che sta fisso sulla linea di porta, non possiamo piantare un palo nell’aria piccola e legargli attorno una maglia col numero uno? In epoca di crisi economica sarebbe un bel risparmio… E forse sarebbe un miglioramento dal punto di vista tecnico….

        P.S. Ma lo notate quante volte i difensori lo chiamano all’uscita? “Esci Da Costa, dai, forza che due passi fan bene alla circolazione!” Ma non dovrebbe essere il portiere a comandare la difesa?

        E basta con ‘sto portiere, davvero… E’ una presa per i fondelli. E che Sinisa lo difenda, francamente, m’importa poco. Riesco ancora a pensare col mio cervello…

        Buone ferie Andrea e scusa la perfidia ;)!

    • ale ha detto:

      Il liscio sul terzo gol è di Nenad. Secondo me però Da Costa poteva uscire sui piedi di Denis che ci ha messo un quarto d’ora a sistemarsi il pallone per tirare, almeno gli avrebbe ridotto lo specchio di porta. Invece sta fermo in porta a lasciargli il tempo di scegliere dove metterla. Incomprensibile
      Saluti

    • Marco ha detto:

      In effetti Da Costa fa il suo dovere sempre: il suo contratto prevede che respinga tutti i palloni che gli arrivano addosso e raccolga dentro la rete tutti gli altri. Ma va va!!!

    • Bulgaro ha detto:

      Hai ragione, la colpa e` di Mihajlovic … perche` schiera Da Costa.

      Sul primo gol ha responsabilita` sia per come abbiamo perso palla che per non aver preso l’ennesimo tiro un po` angolato sul suo palo. Da li in poi la partita e` in salita …

  22. Stefano_1970 ha detto:

    @ Andrea Lazzara

    Andare a mille all’ora per 90 minuti è impossibile per qualsiasi squadra in modo continuativo per una stagione. Ci sono e ci saranno sempre dei periodi di flessioni dovuti ai carichi di lavoro ed alle potenzialità delle “macchine” giocatori. A questo punto a fare la differenza sono i cambi e la qualità dei giocatori.

    Personalmente credo che in rosa, tra i titolari, ci siano dei giocatori sopravvalutati e sostituibili in meglio (o comunque in prospettiva) da giocatori adesso in panchina. Giusto per fare degli esempi Fornasier per me vale di più di De Silvestri (ne carne ne pesce… non sa attaccare…non sa difendere… gran fondista, ma se manca il fisico manca un giocatore in campo), Renan vale più di Palombo se non altro dal punto di vista caratteriale, etc. etc.

    L’Atalanta ha adottato il semplice concetto di allargare la difesa della Samp per creare superiorità sulla fascia sinistra (la dx della Samp) o comuqnue una situazione di 1 contro 1 al centro. Senza supporto del centrocampo, impegnato dagli inserimenti in superirità numerica, hanno avuto buon gioco. Eder e Gabbiadini sono rientrati di rado,

    A centrocampo si regala comunque un uomo e sebbene ieri non ci fosse quel “negro” di Obiang (così lo chiamano in molti in gradinata nord superiore….complimenti al pubblico definito educato, bla bla bla…) ma il risultato è stato parimenti ridicolo. E’ un reparto dove intervenire…dimostrando perlomeno di avere un’idea per il futuro. Bidone per bidone meglio in campo un giovane. Continuare a puntare su un giocatore finito non ha senso. Ieri era in ritardo su tutti, è stato, assieme a De Silvestri, uno dei due miss-match sul quale ha giocato l’Atalanta.

    In attacco mi sembra di capire che Eder stia attraversando un periodo di appannamento dal punto di vista fisico. Non riesce ad andare via all’uomo o a buttarsi nel corridoio. E’ anche vero che con l’arrivo di Maxi prima e l’impiego di Okaka dopo ha perso il “suo ruolo” di punta centrale, ma dall’altro ha perso anche degli stimoli. Forse pensava che impegno e vena realizzativa di inizio campionato gli aprissero determinate porte…
    Gabbiadini per me è un bidone che in serie A rappresenterà una cometa. Sulla fascia destra blocca l’azione perchè ormai le difese si organizzano per chiudergli il piede buono (difensore a 45° verso il fondo e centrocampista a chiudergli il corridoio per accentrarsi) e lui in mancanza di dribbling ed accellerazione sembra avere poco da dire. Sulla sinistra, come aveva giocato a Bologna, ha senso solo se “lanciato” nello spazio, come in occasione del goal con il Livorno, perchè altri numeri non ne ha (fatta eccezione dai calci piazzati).
    Okaka ha tanta voglia di fare, ma anche tanta ansia di dimostrare. La mette molto sul lato fisico e l’Atalanta ha preparato la partita per metterlo in cattiva luce. Ci è cascato e che questo gli sia di lezione. Il problema è che i partners in attacco gli danno poco assistenza per giocare di sponda…sono troppo statiti e l’azione va a morire…
    Maxi è entrato con il piglio buono, d’altronde ha sonnecchiato già parecchio e sarebbe l’ora di vedergli fare qualcosa di convincente.
    Soriano è sempre più una sorpresa. Gli manca il tiro questo è vero, ma gli manca anche un compagno a cui fare l’imbucata…nessuno cerca la profondità…

    Sarà dura fino alla fine.

    • francesq ha detto:

      Renan?? Credo sia il centrocampista più scarso della storia del Doria.. Non sa passare un pallone dritto… Calcia solo forte in porta e basta… Scusate, oggi sono terribile… 😉

    • ale ha detto:

      Caro Stefano e caro Andrea,
      lo diranno anche in gradinata (che è comunque diverso dal metterlo nero su bianco in un blog), ma tu lo ripeti paro paro anche se virgolettato.
      Naturalmente non è possibile filtrare tutto ma tra “cambia pusher” di Simo -che certo non è educato- e questa definizione di Pedro non ho dubbi su ciò che è da stigmatizzare maggiormente.
      Opinioni naturalmente
      Buon Forza Doria a tutti

      • andrea.lazzara ha detto:

        Scusate, mi era proprio “scappata” la definizione che qualche mente ottenebrata della gradinata fornisce del buon Pedro. Mi scuso io con lui se qualcuno(ma immagino e spero siano una netta minoranza) lo chiama in questo modo spregevole. Ovvio non ci sono nemmeno paragoni da fare, ma vi invito anche a non riportare neppure citazioni così vergognose. Grazie.

      • Stefano_1970 ha detto:

        @ Ale

        Replico anche a te la stessa risposta postata subito sotto al post del moderatore.

        In ogni caso è triste che ci siano certe affermazioni in gradinata. Ancor più triste che si faccia finta di nulla.

      • simo ha detto:

        Veramente non ho chiesto di cambiare pusher a nessuno… ho solo chiesto se potevo avere il suo numero, ed era una battuta come tante (che più innocua non si può) per far notare scherzosamente che Marco, su cinque situazioni contrattuali ne aveva azzeccata solo una!. Non è stato educato? Come hai già detto è solo la tua opinione, perché senza scomodare la bruttissima definizione usata per pedro, se ne potrebbero trovare molte ma molte altre di frasi estremamente meno “educate” della mia battuta. Ma per lo più sono frasi rivolte a gente che come me la pensa diversamente dagli altri utenti, quindi non fanno scalpore e nessuno si scandalizza mai quando ce le rivolgono.

    • Kreek ha detto:

      Secondo me servirebbero ancora 4 punti…3 se il Sassuolo non fosse terzultimo,ma penultimo o ultimo…

  23. mauro51 ha detto:

    gia’……se non si va a mille…….ma siccome e’ umanamente impossibile una cosa simile ( a meno di non avere una rosa di 16/17 elementi di uniforme qualita’ ), siamo scoppiati. Che finisca presto questo campionato e che la dirigenza pensi seriamente al prossimo.

  24. Emanuele ha detto:

    Ciao Andrea….intanto domenica Maxi in campo dal primo minuto per favore..

  25. ambarabaciccicoco ha detto:

    Nei momenti più difficili e più strani si vedono le vere attitudini di chi ha la leadership ,si tratti di azienda come di associazione o comunque di comunione di intenti, Bene chiusa con questa chiosa (,,,ci ho pensato un po ma mi sembra carina..) in attesa dek pronto e certo riscatto con il Verona ,mentre ancora stanotte facevo fatica a prendere sonno ripensando alla figuraccia di domenica a pranzo mi è saltato in mente di poter dire la mia sulla prossima campagna acquisti . E cosi senza mettermi il wolrich di chi ne sa più di me ho pensato a questo organico alle dipendenze di Mihajlovic e dei suoi collaboratori.
    Parto proprio da li e peno che si debba pensare alla sostituzione dell’attuale preparatore dei portieri. Poi la squadra : Fiorillo o Brignoli o Bardi titolare con Da Costa e un giovane di prima divisione a riempire le caselle dei portieri.
    Gastaldello Mustafi Regini Fornasier più Salamon e Terranova come difensori centrali sarebbero per me un’ottimo reparto centrale di difesa
    Krsticic Obiang Soriano Palombo Renan Bjarnasson e Rizzo o Signori formerebbero una bella cerniera a centrocampo .
    De Silvestri e Brivio o Mensah con Zappacosta o Mbaye e Hysai o Kukoc potrebbero essere i cursori bassi sugli esterni come Eder e Gabbiadini ( o Berardi da Sassuolo via Juve) più Wsolek Fedato e magari Lazaar sarebbero delle belle frecce blucerchiate in avanti, E come attaccanti centrai vedrei benissimo Lopez con Okaka a giocarsi il posto e Beltrame a crescere con un Cassano e/o con Sansone eventualmente confermato come pedina tattca da utilizzare da falso nueve… Con le cessioni di chi già è in prestito e/o comproprietà e di chi non è confermato credo che Braida e Osti potrebbero dare una bella mano a riportare in positivo il bilancio e a costruire ( cosa più importante per il tifoso ) una squadra che potesse giocarsi molte chanches per una partecipazione all’Euopa league… Che ne pensate?

  26. Gipo Samp ha detto:

    Nell’augurarti buone ferie voglio complimentarmi una volta di più per la capacità di centrare i problemi che assillano la Sampdoria, cosa questa che molti giornalisti di Genova tendono a ignorare. Nell’intervallo del pt e alla fine delle partite esterne, seguo le trasmissioni di una TV per verificare se i miei giudizi sono o meno condivisi dal loro panel che commenta la partita. Contro l’Atalanta i voti dati in pagella dai giornalisti/opinionisti erano tutti da insufficienza con un solo 6 assegnato a Maxi. Come di consueto il nostro custode più che portiere, si è preso un 4,5. E’ ormai conosciuto che raggiunge la sufficienza solamente quando gli avversari non riescono a tirare in porta o lo fanno solo centralmente e debolmente. A volte non para neppure quelli perché li respinge sui piedi degli avversari. Di Da Costa ne parlano solo bene gli opinionisti genoani. C’è da pensare male o no? A un opinionista conosciuto genoano che difendeva Da Costa in TV, ha risposto un sampdoriano con una striscia che diceva: se i genoani avessero un Da Costa in porta non lo lascerebbero neppure entrare al PIO. Ma noi siamo noi y loro sono loro, per cui noi gli leggiamo le poesie e battiamo le mani. Il messaggio in bottiglia le correnti non lo porteranno mai a Borgo Pila, poiché le anticipazioni per il prossimo anno sono ancora di lacrime e sangue. Per salvarci non basterà offrire un faraonico contratto a Sinisa come fatto con Rossi. Qui non si tratta di alzare l’asticella ma di eliminare addirittura la specialità del salto, poiché detto da chi capisce di calcio, anche se questo disturberà gli ottimisti del blog che credono che le partite si vincono cantando i cori all’unisono, questa squadra è ASSOLUTAMENTE priva di qualità. E questa materia prima non può essere sopperita dalla corsa come pretende Sinisa, perché quando finisce la benzina i giocatori diventano dei fantasmi. Siamo carenti di qualità in tutti i reparti e non solo in qualcuno. Abbiamo moltissimi giocatori che non sono capaci neppure di stoppare la palla, fare passaggi di pochi metri, centrocampisti che non sanno costruire e calciare a rete e difensori da banda del buco. Aver confermato a gennaio la fiducia in Da Costa, e qui includo anche Sinisa, è stato un qualcosa criminal. Un giornalista commentando in TV l’analogia fatta dal Secolo XIX tra alcuni giocatori di questa Samp e quelli della Sampdoro, ha detto che paragonare Da Costa a Pagliuca è da arresto immediato. Quasi certamente ci salveremo, ma vedere giocare questa Sampdoria che non sa che cosa fare in campo per mancanza di qualità è demoralizzante. Sono deluso e incavolato nero. Forza Samp

    • ROBY LEVANTE ha detto:

      Caro Gipo, hai perfettamente ragione: basta con questo Cassano!
      Vorrei puntualizzare solo una cosa; a quelli che tu chiami VERI TIFOSI , non interessava un pippa il comportamento di Cassano verso Riccardo Garrone bensì le offese verso di LORO che tu hai puntualmente elencato nel tuo post.
      Se dovesse andare ai mondiali con la nostra nazionale e dovesse giocare è probabile che questi tifosi si augurerebbero di perdere.
      Sempre Forza Sampdoria e viva Fantantonio.

  27. matteo84 ha detto:

    mentre noi perdiamo ad “atalanta” , un certo odiatissimo Cassano ne fa 2 al milan, e intanto Ghirardi si gioca l’europa League con l’inter e la fiorentina, ma guarda un po che questo odiatissimo cassano fa sognare e noi lo schifiamo, impara Garrone impara

    • Bulgaro ha detto:

      Non lo ha voluto Mihajlovic … vallo a dire a lui …

    • Gipo Samp ha detto:

      Ma basta con questo Cassano! E’ vero che insieme a Storari e Pazzini ci ha fatto vedere un po’ di buon calcio e portato in CL, ma il suo comportamento extra calcistico era inaccettabile (faccette smile). Pensa allo scompiglio che creava nello spogliatoio quando entrava con l’automobile nel campo di allenamento a Bogliasco mentre gli altri giocatori dovevano posteggiarla all’esterno! Si era rifiutato di andare a ritirare il premio da un club! Aveva osato ricordare ai veri tifosi che lo avevano beccato che si erano abituati troppo bene con la nutella. Adesso questi tifosi, che non criticano mai perché il loro compito è di accettare in silenzio quello che passa il convento è di fare le coreografie, saranno contenti delle sublimi prestazioni da champions della squadra di oggi. I molti tifosi (non quelli veri) che escono a fine partita dallo stadio incarogniti, un po’ meno. E ha anche il coraggio di esternare sempre pubblicamente il suo desiderio di venire a Genova e giocare nella Sampdoria. Forse conosce che i tifosi che lo accoglierebbero a braccia aperte sono la maggioranza. Ricordo ai soliti noti che ho sempre disapprovato la mancanza di rispetto dimostrata da Cassano verso Riccardo Garrone. Ma Cassano è Cassano, prendere o lasciare. E i Garrone finora pare abbiano deciso di lasciare. Forza Samp

      • simo ha detto:

        Tante inesattezze tutte insieme è veramente difficile riuscire a scriverle…

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        se garrone non rivuole cassano si può capire. quello che fece fu grave e non solo gli insulti a riccardo garrone (il fatto più grave) ma anhe altre cose. spero per cassano però che sia maturato e che abbia l’occasione del mondiale. in 1 mese può fare la differenza con totti e pirlo se stanno bene. in una competizione breve servono muscoli ma anche qualità.

  28. adviser ha detto:

    Brutta partita ,giocata all’inizio con sussieguo e prosopopea. Non buono l’arbitraggio con troppi falli fischiati all’inizio a Okaka e rovesciati e abbastanza discutibile che questo arbitro giovane esperto e poco aiutato dai suoi collaborator e colleghi abbia convalidato il primo goal dell’Atalanta nonostante il fallo evidente e questo si degno di espulsione su Regini da parte di Belouane.. Il mio rammarico più grande è però per la prestazione brutta di tutta la squadra come se fossimo stati all’ultima giornata di campionato e il pensiero corresse alle vacanze. E un po di colpa stavolta la do a Mihajlovic, Certi atteggiamenti alla Boskov ( i due giorni di riposo ad inizio settimana) hanno un senso solo se si ha la certezza che la squadra ha un obiettivo e nulla la sposterà dal tentare di raggiungerlo in ogni modo. Così era la Sampdoria di Vierchowod Vialli Cerezo e Mancini e Pari, così era pure la Samp di Gullit e Platt e Mancini e chi volete voi, così è stata per il girone di ritorno la Samp di Del Neri con Pazzini Cassano Palombo e Gastaldello . Non lo è e forse non lo può ancora essere la Samp di Krsticic Mustafi Soriano Gabbiadini e Okaka ma solo se mister Mihajlovic riuscirà a farli crescere infondendo in loro la cattiveria agonistica e sportiva di un risultato che si deve raggiungere… Il Paradiso può attendere, l?E.L. un po meno…

  29. Andrea ha detto:

    Io tutto questo disastro sinceramente non l’ho visto…
    Fino al vantaggio di Carmona avevamo giocato a mio parere meglio di loro peccando però sempre di precisione nell’ultimo passaggio poi è arrivato quell’1-2 che ci ha steso e col terzo gol beccato in avvio di ripresa la gara di fatto è terminata con oltre mezz’ora di anticipo…
    Concordo su Eder che mi è sembrato davvero bollito ma dopo che ha tirato la carretta per oltre metà stagione un calo è più che comprensibile…
    Sul futuro non mi faccio illusioni, il d.s. Osti è stato più che esplicito: per almeno un’altra stagione ci aspettano lacrime e sangue!
    E la mia sensazione è che se non arriverà un segnale forte dalla società il futuro di Mihajlovic non sarà qui a Genova visto che, temo, possa intuire che con un organico su per giù di pari forza a quello di quest’anno non potrà fare di meglio…

  30. giorgio ha detto:

    Scusate: quella che ha messo ko Regini non è stata gomitata ma pugno (Benalouane squalificato per tre turni!) e il “liscio” non è stato di Mustafi ma di Krsticic.

  31. Dorianodoc ha detto:

    Rosa da serie B stop. Sinisa fa miracoli ma non è Gesù stop. Ai nostri (bassissimi ) livelli un portiere che non ti salva un risultato è un dramma stop. Non sempre trovi il Signore addormentato stop. Quello che sarebbe venuto da noi a piedi sta portando uno “squadrone” in E.L. stop. Il resto sono i soliti bla bla bla dei soliti talebani stop. Buone ferie Andrea stop.

    • Dorianodoc ha detto:

      P.s. Un noto “intenditore” di calcio per sputtanare l’odiato Casaano voleva vedere dove arrivava il Parma (sicuramente dopo di noi). Ecco, lo sta vedendo……..

      • gianni ha detto:

        Che strano non aver letto qui rimproveri sul punzecchiare e scambiarsi le mail…

        • andrea.lazzara ha detto:

          Allora: giusto per chiarire poi davvero basta. Il blog scorre dal messaggio più recente a quello più vecchio non moderato e le mie risposte cerco di..inserirle dove abbiano un senso. Ripeto: non c’è “complotto” nei confronti di un utente nè di un altro. Se poi uno si offende perchè ho risposto sotto il messaggio di uno piuttosto che di un altro io non so che farci.

  32. Paolo1968 ha detto:

    Secondo me molti di quelli che si sono affannati a scrivere, avevano il post pronto nei drafts…

  33. gabriele ha detto:

    Ho appena letto che sarebbe saltato il progetto stadio alla fiera……pare che il comune voglio dare tutto in mano ad una societa’ immobiliare per svendere parte delle strutture per un tot di milioni in modo da estinguere i debiti della Fiera….risulta anche a te Andrea?? Se fosse cosi’ che tristezza….

  34. Emanuele ha detto:

    Buongiorno Andrea! Potresti chiarire le notizie dai toni a dir poco “trionfalistici” di un noto quotidiano genovese in cui si parla della fine del sogno stadio per la Samp? Sarebbe l’ennesimo capitolo vergognoso di questa città guidata da maniman, anziani, retrogradi e patiscimili dell’altra sponda!

  35. Lidia Paola ha detto:

    Salivano al cielo i cuoricini blucerchiati su uno sfondo musicale struggente di violini mentre il “piantacasini” di Bari dichiarava ancora i propri sentimenti inalterati, fedele nonostante l’ incetta a tabula rasa di plausi ed onori con la maglia del Parma.

    Basterebbe lui a risolvere la pochezza di certe prestazioni e la samp di Del Neri non regge il confronto per qualita’ tecnica , la ritengo un’eresia e me ne dissocio.

    Ma gia’, dobbiamo per forza sbatterci il naso contro, essere dei muli ed ostinarci con una linea intransigente che avvalora l’operato di ragazzini in erba, deludenti, ma forse la colpa non e’ tutta loro, perche’ si nasce con un talento e l’esperienza te la fai vivendo le partite mentre i requisiti caratteriali (le cosidette palle) e’ un valore aggiunto che si integra con la qualita’.

    Imprescindibile la presenza di elementi “bastardi dentro” che portano nel cuore e negli occhi il deja vu mentre gli anatroccoli imparano a crescere.

    Fatale la citazione di Dante, bruciante il tornaconto, Sinisa ne e’ uscito spiazzato, sconfitto. Si e’ affidato all’arte, al valore intriso nel canto di Ulisse e coloro che lui riteneva i suoi “prodi” lo ridicolizzavano sotto lo sguardo pragmatico di Prandelli.

    Nel silenzio, nell’umilta’ e serieta’ di chi opera bene sul mercato e sopporta i tempi austeri facendo passi avanti fra la noncuranza di chi ti ritiene provinciale, il Parma sta dimostrando e non da quest’anno di meritare l’accesso alla Europe League. Per la sampdoria vedo sempre acque agitate, buchi da sanare, politiche di contenimento che si rivelano sterili e la ripartenza verso qualcosa di nuovo e’ trattenuta dalle zavorre che ti incagliano rallentando il cammino.

    Sinisa e’ permeato di furore, con l’ardore e la forza interiore che traspare, spinge la Samp ad uscire dal limbo e non s’arrendera’ almeno fino a giugno.

    Livorno ed Atalanta. Risultato diverso, eppure c’e’ correita’. Il replay non c’e’ stato perche’ l’Atalanta non si e’ suicidata come il Livorno.

    Non mi aspetto nulla. Lo Stadio nuovo alla fiera e’ tramontato, sulle promesse il Patron e’ stato chiaro, Sinisa ha bisogno di stimoli che soddisfino un’ambizione legittima.

    Mentre Sinisa vuole accedere al Paradiso e strappare lo scettro della squadra rivelazione, c’e’ una tifoseria che sogna e continua a credere nei miracoli.

  36. Gio ha detto:

    X la salvezza sono stratranquillo. Questo finale deve servire x osservare alcuni giovani in rosa e qualche primavera (zigrossi, kraiech, lombardo, manaj, ciccone) . Piu’ che altro mi aspetto di leggere passi avanti sullo stadio e sull’ampliamento e modernamento del mugnaini. In una trasmissione Andrea potresti approfondire queste due tematiche “infrastrutturali” . Grazie e forza samp!

  37. Fabiosamp ha detto:

    Come già ripetuto più volte diventa superfluo focalizzarsi su questo o quel risultato,diciamo che da valutare ė il complesso e il giudizio non può che rimanere quello di sempre…un altra annata buttata dal punto di vista del management,quasi totalmente compromessa a livello tecnico…molti giocatori non utilizzati e calo di rendimento pauroso da parte di obiang, seguito a ruota dagli altri giovani di buone speranze krsticic,regini, e altri che ad oggi è a mio parere non sono stati all’altezza delle aspettative,ed una pochezza a livello tecnico che davvero poche squadre possono vantare…il portiere finto e gente come edere completano il quadro…il brasiliano come molti di questa squadra rientra nei giocatori da 15partite l’anno…peccato se ne giochino 38…quindi andiamo a chiudere tranquillamente credo una annata con all’attivo 2 mister,l’ennesima cacciata del dg,un ds esautorato da ogni compito,insomma uno Yes men,40 giocatori transitati da bogliasco…insomma per me l’ennesima annata da dimentacare…ovviamente l’unico salvagente ė sinisa,vediamo se riescono a tenerlo.
    Quello che spero per la Samp l’ho espresso nella discussione precedente…spero che l’anno prossimo non sia l’ennesimo buttato

  38. marco ha detto:

    Ciao Andrea e ciao a tutti,

    troppe volte ci si aggrappa alla scusa del calo di tensione, quando, a mio modo di vedere le cose, è un problema di scarsa professionalità dei singoli, e nella Sampdoria, tra giovani ed “anziani”, sono la maggioranza..
    Nella squadra manca un vero leader e/o almeno un paio di giocatori che siano un punto di riferimento sul piano di professionalità, della volontà di migliorarsi,di gioco,di comportamento,ecc…
    Purtroppo molti sono recidivi in questi “cali di gioco”, a dimostrazione che non hanno imparato nulla dai propri errori comportamentali, e la società dovrebbe iniziare a sfoltire queste persone.
    Troppo spesso viene usata come scusa la giovane età, inizialmente posso essere d’accordo perchè bisogna indirizzarli nella retta via, ma se loro non hanno intenzione di seguirla e/o fanno finta, è meglio levarseli dai piedi il prima possibile.

  39. Fish65 ha detto:

    X Crovo,

    Zazzaroni forse avrà un pochino esagerato.
    Ma, sostanzialmente, HA DETTO UNA COSA VERA!!! Forse non piacerà a molti di voi ma, guardando con sufficiente distacco le partite della Samp, certe carenze tecniche sono davvero evidenti!
    Abbiamo un po’ di qualità solamente negli attaccanti. Quindi, nella prossima sessione di mercato, Braida dovrà cercare almeno un centrocampista con buone qualità.
    Obiang, Krsticic, Palombo, Renan…chiunque giochi è praticamente ininfluente. Contro l’atalanta, Cigarini(non Pirlo!) ha dato l’impressione di essere di categoria superiore rispetto ai nostri che, tra l’altro, non hanno neanche la capacità di cambiare la velocità di corsa. Hanno tutti lo stesso “passo”.
    In altre parole, sono piuttosto prevedibili. Possono mettere in risalto le loro doti solamente correndo e pressando.
    E a Bergamo lo hanno fatto solo x 20 minuti…

  40. ale ha detto:

    Leggo che Sinisa vorrebbe Stankovic nello staff. Bene, in primis perché mi è sempre piaciuto molto come giocatore. Secondo perché gli slavi sono sempre molto bravi come tecnici negli sport di squadra (volley, pallanuoto, basket).
    Terzo perché significa che Mihajlovic resta con noi. Bene speremmu ben.
    Oggi, primo non prenderle (visto anche i risultati di ieri).
    Saluti

  41. Massimo Pittaluga ha detto:

    siamo salvi ormai. certo non ancora matematicamente. servirebbe una bella vittoria col sassuolo e poi poter vedere alcune seconde linee come fiorillo per 5 o 6 partite di fila per valutarlo e anche vederlo. bisogna fare i complimenti a mihalovic e a garrone per averlo scelto perchè ha fatto onestamente un lavoro incredibile e inaspettato nelle dimensioni. una lancia come ho sempre fatto la spezzo per osti che ricordiamocelo arrivò a gennaio dello scorso anno con una pletora di giocatori invendibili. beh in 1 anno ha preso qualche pacco (ma spendendo zero euro eccetto rodriguez) e dato via tanti giocatori. la samp senza svnarsi avendo ancora da incassare dei gran soldi da icardi poli e biabiany potrà portare a casa uegli elementi che serviranno ad alzare la qualità. spero anche che per 1 anno non si vendano giovani di prospettiva, incluso pedro che è bravo ma che come succede ai giovani ha attraversato una stagione difficile. certo lui meglio in un centrocampo a 3 che a 2 e poi bisogna sapr aspettare, soriano e mustafi docet e non solo. per questo motivo qualhe partita a fiorillo da titolare la vedremo giocare e speriamo sia la volta buona. a 24 anni deve giocarsele bene le sue carte.

IL DERBY SU TUTTO

Schierando la formazione bis a Marassi contro l’Atalanta, Claudio Ranieri ha lanciato un messaggio chiaro alla Sampdoria: stavolta il derby [&hellip

PAPALE PAPALE

La Sampdoria, dopo la visita a Papa Francesco, perde di misura all’Olimpico contro la Lazio al termine di una partita [&hellip

BRUTTI MA BUONI

Una Sampdoria non bella sul piano estetico ma concreta ed efficace su quello realizzativo conquista tre punti con la Fiorentina [&hellip

RIN… VIGORITI DA DAMSGAARD

La Sampdoria torna dalla trasferta di Benevento con un punto, firmato da Keita a dieci minuti dal termine della partita [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta