LA FORZA DELLA SEMPLICITA’

9 Dic 2013 by andrea.lazzara, 152 Commenti »

Cari amici di Samplace, finalmente la Sampdoria sembra aver trovato la sua strada. O almeno questa Sampdoria. Il navigatore satellitare dei blucerchiati si chiama Sinisa Mihajlovic, ed ha scelto come in quelle macchinette che ci semplificano i viaggi, la “strada” più semplice. La strada del sorriso, del coraggio e del motto “ognuno faccia quel che sa fare”. Poco o tanto che sia tutto serve alla causa, in questo momento. La Sampdoria ha battuto una diretta rivale per la salvezza, il Catania, ha fatto due punti con avversari come Lazio e Inter contro i quali si faceva fatica a pensare anche solo di strapparne uno, ha passato con le seconde linee il turno di Coppa contro il Verona. Di più chiedere era quasi impossibile(eppure i 2 punti buttati con la Lazio gridano vendetta). Semplicità, dicevo. Contro i siciliani la Samp ha avuto pazienza ed ha lentamente eroso il muro etneo; si dirà, squadra debole, piena di assenze. Verissimo. Ma alzi la mano chi pensa che solo un mese fa la Sampdoria avrebbe poi vinto. Faccio anche io un mea culpa visto che, per larga parte della prima fase di stagion, e pensavo non fosse la soluzione migliore l’esonero di Rossi: solo alla fine mi ero accorto della piega malinconica presa dell’allenatore romagnolo. E il motto di Sinisa “dobbiamo sempre sorridere perchè facciamo il mestiere più bello del mondo” non è solo uno slogan pubblicitario ma il reale pensiero di un tecnico che, lo vedi in modo chiaro, è ancora molto giocatore. Tutti danno sempre il 101%, corrono, tamponano, rilanciano. La difesa ha incassato solo 2 gol in 3 partite(3 in 4 con la coppa), in attacco sono stati segnati 7 gol in 8 giorni. Tutto bello? Per ora si ma è ovvio che il campionato è lungo, lunghissimo. Magari finisse oggi con la Samp già salva! Tra Chievo e Parma servono altri punti perchè poi il calendario non è magnanimo con Napoli e Juve fuori, Udinese in casa( e dietro l’angolo c’è già il derby). Le parole di Mihajlovic lasciano intendere che con la società si è già parlato di mercato perchè gli interventi servono(la volontà sopperisce alle lacune ma non sempre è così) e vanno fatti in modo oculato sia per le casse del club che per non prendere giocatori inutile in una squadra che, fino a gennaio, avrà la rosa di un plotone dell’esercito. Tutto andrà fatto con raziocinio e semplicità. Ecco, la forza della semplicità  è quella che ha fatto rialzare la testa ad una squadra malinconica e pericolosamente rotolante. Avanti così.

152 Commenti

  1. vincenzo ha detto:

    Naturalmente contento per la Samp e fiducioso per il proseguo del campionato che resta sempre impegnativo, inoltre :
    a) il Catania con il rientro dei 6 titolari può salvarsi (un plauso ai 30 tifosi presenti);
    b) a quelli “non succede ma se succede..” ripeto “state tranquilli non succede”, rivolto anche a quei doriani che scrivono sms sulle televisioni private di carattere pseudocatastrofico..;
    c) Mancio martedì se puoi fammi il regalo di Natale…

    Sempre forza Samp e tutti a Chievo (VERONA): non prende gol e non perde da 5 partite, il tempo é maturo…

  2. Michele G. ha detto:

    Tutto giusto Andrea.
    Per quanto mi riguarda, sono felicissimo che Sinisa abbia smentito il mio scetticismo nei suoi confronti. In effetti, il tecnico serbo ha lavorato molto bene sul carattere. Ieri sia Eder che Gabbiadini sembravano altri giocatori rispetto a quelli visti sino a tre settimane fa, soprattutto Gabbiadini, lentamente intristitosi come l’allenatore Rossi che lo guidava. Recuperare un giocatore dal punto di vista psicologico equivale, secondo me, ad azzeccare un acquisto, che non costa un centesimo di più rispetto a quanto si spende già per il suo ingaggio. E Gabbiadini è uno di questi. D’accordissimo sullo sfoltimento della rosa. Una cosa importante che mi aspetto dalla dirigenza è che si muovano già da adesso sul mercato, senza aspettare il termine dello stesso a fine Gennaio. Devono fare in modo che i nuovi acquisti siano disponibili già ad inizio Gennaio, alla ripresa del campionato. Per affrontare Napoli e Juve servono forze fresche e…robuste.
    Sempre FORZA DORIA!!!
    Michele G.

  3. robmerl ha detto:

    chiederei a sinisa un altro piccolo miracolo; insegnare a obiang a centrare lo specchio della porta con un po’ di allenamenti specifici: ne farebbe uno dei centrocampisti più forti del campionato. Così è dimezzato: quando vedi che tira sai già dove NON andrà la palla.
    Vai sinisa che sei già un grande!

    • Paolo1968 ha detto:

      Quoto completamente. Quando tira Obiang mi ricorda (ahimè quanti anni fa…) Giovanni Guerrini che, a dispetto della mole (sarà stato 1,90 m) tirava più piano e meno preciso di mia figlia di 5 anni….

  4. Crovo ha detto:

    Hai tutte le regioni Andrea!

    E’ stata una rinascita.

    Oserei dire, una palingenesi!

    Ma siccome io a queste cose così repentine non ci credo e, visto che pensando male si farà pur peccato ma spesso ci si azzecca, la butto li.

    Non sarà che (come abbiamo scritto spesso e in molti nei mesi passati) lo spogliatoio nel suo complesso aveva deciso che Delio Rossi doveva andare in ferie anticipate….?

    • andrea.lazzara ha detto:

      Diciamo che, a naso, la gran parte dei giocatori non si trovava al meglio con schemi, preparazione, mentalità di Delio Rossi.

      • sampdorianamente ha detto:

        “…,a naso,….” Cavolo Andrea il tuo humor inglese mi fa sbellicare dalle risate

        😀

      • NYC ha detto:

        Andrea, aggiungi che I vari Gavazzi , Barilla’ sono stati messi in tribuna perche’ quello e’ il loro posto e l’equazione torna.
        Sinisa sta puntanto sui giocatori che possono dargli qualcosa .

        Avanti cosi !

        Purtroppo Delio Rossi non aveva capito molto e con lui altri.

    • Paolo1968 ha detto:

      Premetto: volevo Delio Rossi. Ho applaudito Delio Rossi. Non avrei cambiato Delio Rossi.
      E’ evidente, però, che girare continuamente i giocatori, cambiare schemi 2-3 volte a partita, emarginare completamente certi giocatori non abbia giocato a suo favore.
      Aggiungiamo che dava la precisa idea ogni domenica che il destino ci avrebbe dato addosso ineluttabilmente, soprattutto a causa della povertà tecnica dei giocatori o di qualche destino oscuro e avverso.
      Ora, un conto è che noi tifosi diciamo che i calciatori siano grammi, un conto è percepire che il tuo allenatore ti considera grammo e pronto al macello ogni domenica.
      Chiaramente la “ricostruzione” e la “rincorsa” non possono passare dal solo cambio di allenatore, ma almeno fino a gennaio mettiamoci una pezza così.

  5. Daniele da Rapallo ha detto:

    Caro Andrea, analisi impeccabile. ieri ero allo stadio ed ho visto la partita.
    Direi che le tue parole unite a quelle del tecnico sintetizzano tutto riguardo alla squadra.
    Ci saranno le partite che si perderanno ed i periodi bui, ma sembrerebbe che la squadra abbia un minimo di idee.
    Ciò che un profano come me, che nulla sa di calcio giocato, nota sono alcune cosine :

    1) si vede lontano un miglio che Pozzi può essre una ottima riserva da serie A o un signor attaccante da B. Serve un centravanti con la C maiuscala più di tutto che ti farebbe fare il salto di qualità : Matri, pazzini, Borriello o qualche straniero mestierante…faccio dei nomi solo per rendere l’idea senza considerazioni di tipo economico.
    2) Obiang è un ottimo giocatore ma altrettanto sopravalutato. Secondo me egli è un ottimo mediano che palla al piede ed in fase di rottura fa molto bene il suo, ma sprovvisto di altre qualità tipo il tiro od il lancio preciso. Tirare certe ciabattate in serie A io proprio non lo concepisco. Secondo me, che sono profano, il tiro fa parte dell’ ABC del calcio, ma lo provano in allenamento ? Posso capire che ci siano i tiratori bravi ed esperti, ma un minimo sindacale….

    3) Costa la smetta con i lanci lughi…fateglielo sapere.

    Speriamo che la Befana porti almeno il rinforzo fondamentale….poichè le altre si rinforzeranno un minimo…

    Daniele

  6. Francesco ha detto:

    Io non credevo in Mihaijlovic, lo ammetto…

    Le sue esperienze precedenti raccontavano di un allenatore che, Catania a parte, non aveva combinato granché di buono. Nemmeno aveva centrato il mondiale, pur potendo contare su una nazionale di assoluto rispetto… Certo, dalla sua c’erano gli “endorsment” di due ottimi dirigenti come Lo Monaco e Corvino, che in lui avevano creduto ciecamente. Ad ogni modo ero scettico.

    Invece (e che goduria scrivere questo “invece”)… I fatti parlano chiaro! Sinisa sta facendo cose superbe, davvero, non solo dal punto di vista motivazionale, ma anche sul piano tecnico e tattico.

    Il modulo è perfetto, l’interpretazione dei giocatori è quella giusta, i cambi in partita sono sempre azzeccati, così come le contromosse tattiche. Anche ieri ne ho notata una, ossia l’arretramento di Krsticic e il passaggio – temporaneo – dal 4231 al 433. Mossa tempestiva, corretta, vincente, al pari dell’Eder centravanti a Milano, o del 432 in 10 uomini contro la Lazio.

    I singoli giocatori paiono rigenerati: Eder ieri era un’iradiddio, sembrava il giocatore trascendentale che, in serie B, si faceva gli avversari come lattine di chinotto. Gabbiadini è già lontano parente dell’immalinconito giovanotto che, qualche tempo fa, veniva puntualmente sostituito da Rossi per inconsistenza. Soriano, poi, mi esalta. Finalmente si capisce perché ci abbiano sempre puntato, è un talento recuperato, un giocatore giovane su cui impostare il futuro.

    Dal punto di vista della personalità, poi… Nessuna questione. I giocatori seguono il nuovo allenatore, quasi lo idolatrano. Altro che il Rossi ignorato dai giocatori in festa, a Trieste, dopo la corsa ad esultare coi suoi per il gol di De Silvestri… O il Rossi che, dopo l’esonero, riceve solo dichiarazioni banali e fredde dai suoi ex ragazzi, del tipo “Eh! Nel calcio se non vinci a pagare è l’allenatore, che vuoi farci?”. Altro che malinconia. Altro che fischi. Altro che…

    Ciò detto, l’ambiente Samp dev’essere maturo. A questa fiammata d’orgoglio iniziale potrebbe conseguire qualche passo falso, i limiti della squadra restano, questo è innegabile. Ma è pure innegabile che qualcosa sia finalmente cambiato. Ora tocca alla società….

    A proposito Andrea, ti faccio una domanda: hai riscontri su un possibile approdo di Lo Monaco al Doria? Secondo me servirebbe un dirigente di quel calibro, onnipotente e onnicomprensivo, alla Marotta. Mi piacerebbe pure Marino dell’Atalanta.

    Ciao e grazie!
    Francesco

    • andrea.lazzara ha detto:

      Non ho riscontri su Lo Monaco. E comunque, come dici tu, Marino tutta la vita! Ma l’Atalanta non penso lo molli facilmente..

      • sampdorianamente ha detto:

        E AriedoBraida? Anche se ci sono pareri discordanti sul suo valore?
        Chi dice che lavorando con Galliani sia per forza bravo e chi pensa che invece era solo il suo galoppino. Tu cosa ne pensi e che sensazioni hai?

  7. cri 71 ha detto:

    ottimo commento. aggiungerei un altro titolo “A testa alta”. perchè finalmente si è visto l’orgoglio di voler dimostrare di essere squadra. Si è visto anche qualcosa di più: giocatori che non avrei mai immaginato, come Soriano, dare il massimo e talvolta mostrare sprazzi di tecnica inaspettati. Ciò detto, penso che domenica sia cruciale: se si vince a Verona con il Chievo penso che la crisi sia scacciata e si vada ad affrontare le successive sfide con l’animo leggero…. se va male temo ricadute da una squadra che troppe volte ha mostrato di essere fragile psicologicamente.
    avanti così

  8. Bulgaro ha detto:

    Per ora tutto bello, l’importante e` proseguire su questa strada fino a fine campionato e portare i giusti ritocchi a gennaio.
    Il bello e` che giocando piu alti e con piu giocatori offensivi riusciamo ad esprimerci meglio e soprattutto a trovare coraggio, entusiasmo e voglia di osare esaltando le caratteristiche di chi scende in campo.
    Ora direi che 11 giocatori almeno da presentare in serie A sembra che li abbiamo, ora vanno completate le caratteristiche della rosa (sicuramente una prima punta e non disdegnerei un buon terzino sinistro e un portiere migliore del nostro).

  9. alessandro ha detto:

    ciao andrea ciao a tutti.
    la samp di ieri è stata davvero bella, ha dominato in lungo e in largo. Difficile dire se fosse poca cosa il catania o buona la samp, diciamo tutti e due e come dice andrea chi un mese fa avrebbe immaginato questa partita? punti forti: rinascita del centrocampo, palombo e pedro eccellenti nelle ultime partite. Certo obiang è in crescita ma dovrebbe almeno inquadrare la porta, fa almeno 4 tiri a partita ed ogni volta sono in gradinata. Non dico segnare un gol a partita ma centrare lo specchio..sarebbe oro che cola avere qualche gol sugli inserimenti dei centrocampisti, guardate le altre squadre: strootman, parolo, vidal e tanti altri. Anche noi abbiamo pareggiato a san siro con un gran gol di renan però avere un pochino di qualità nel centrocampo sarebbe oro che cola. Detto questo uno splendido eder ed un grande gabbiadini esterno direi che ieri hanno completato l’opera. Difesa solida, solo costa mi sembra sempre in difficoltà. Lasciando perdere il pur fondamentale discorso sugli innesti (un giocatore in ogni zona del campo in teoria) sembra che oltre al coraggio questa nuova samp abbia anche trovato una migliore quadratura tattica immediatamente. Il modulo di sinisa mi sembra che stia effettivamente rendendo molto anche se dovremo, prima o poi, superare l’inevitabile sconfitta che speriamo arrivi almeno dopo la sosta. Le due partite che seguono sarano ovviamente fondamentali e non so voi ma io ho visto inter parma e devo dire che il parma ha giocato benissimo e sarà una partita difficilissima. Non hanno praticamente punte (se amauri non gioca) ma sono veloci e versatili, il rientro di paletta in difesa si è sentito e mirante sembra rinato, sarà credo molto difficile. Il chievo ha radicalmente cambiato impostazione, io continuo a ritenere il chievo molto molto mediocre ma sarà difficile perché è una squadra che sa benissimo non far giocare gli avversari e con il modo di gioco che abbiamo credo che sinisa dovrà cambiare qualcosa. Forza samp.
    Per gennaio…visto che credo tutti siano d’accordo sul fatto che manchi una punta molto dipenderà anche da quello che sinisa ha in testa come tipo di giocatore ma al momento l’ottimo sembrerebbe riprenderci il pazzo..fanta calcio?
    ciao a tutti
    alessandro

    • Luca Pavia ha detto:

      Io uno che viene da otto mesi di inattività per infortunio ai legamenti del ginocchio, lo lascerei dov’è’, ed il mio e’ un parere medico, non tecnico….

      • Paolo1968 ha detto:

        Non sarebbe il primo che ha fatto bene dopo un grave infortunio. Se ce lo portano gratis e gli pagano 2/3 di stipendio…. 🙂 certo che non sarebbe plug and play

      • peter ha detto:

        pazzini destro e pure lopez sono reduci da infortuni.
        ci manca solo un giocatore da rimettere in piedi a rischio ricaduta e che deve fare la preparazione, sarebbe il colmo.
        manca una punta sana, manca un trequartista, con questi due forse ci si salva ma devono essere di serie a e non del livello di barilla o gavazzi

  10. Renzo ha detto:

    Ieri dopo il primo tempo sembrava di vedere l’ultima volenterosa ma depressa Samp della gestione Delio Rossi. Fortunatamente uno dei due o tre giocatori con un po’ di classe e tecnica che abbiamo in rosa (Eder) ha fatto la differenza e ci siamo trasformati (grazie anche a un avversario obbiettivamente inguradabile) in quello che Sinisa vuole. Quindi bene così. Il calcio è fatto anche di episodi, giocate singole e un po’ di fortuna. Adesso è già domani: cerchiamo di andare a Verona ad affrontare il Chievo col solito spirito positivo, cioè cercando di vincere. Una partita alla volta….. Forza Sampdoria

  11. MARCO ha detto:

    sono d’accordo con te Andrea al 100%. Anche sui mea culpa, infatti anche io pensavo che Delio Rossi fosse il tecnico giusto, ma benchè non se ne possa aver riprova credo che i punti e il cambio di atteggiamento portati da Sinisa dificilmente li avremmo conseguito con Delio in sella.
    Non c’è da esultare perche battere il Catani quest’anno in casa non è una grande impresa, e a dirla tutta per un pò abbiamo faticato pur senza rischiare.
    Ma almeno l’atteggiamento positivo e la voglia di giocarsela sono recuperati. E’ già molto. Sul fatto che la volontà sopperisca alle lacune in effetti credo che ciò non accada mai nel lungo periodo, credo che una sferzata sia stata data da Sinisa che col suo carisma e col suo carattere incute un rispetto che è vicino al timore (almeno per alcuni calciatori), ma a gennaio occorrerà dare al tecnico un materiale umano di qualità un pò superiore.

  12. ste ha detto:

    Ciò che si è visto a Cagliari uccide lo sport, a qualunque squadra accada.

    Gli arbitri non possono rimanere sempre impuniti e non dare mai una spiegazione, sono una casta in tutto e per tutto peggio quasi dei politici.

    Andrea cosa ne pensi?

    • andrea.lazzara ha detto:

      Apro questa parentesi: la decisione su Manfredini è sconcertante. Il peggio è che non è una casta: sono spesso pure permalosi!

      • sergin ha detto:

        Tutto vero comunque quando i bibini vincevano derbies in serie massacrandoci a turno Cassano io non leggevo in giro che questo e’ l’anticalcio o che uccide lo sport. L’arbitro ti danneggia con un’espulsione anzi un’ammonizione esagerata, pero’ ti dannegga a lasciarti massacrare il giocatore piu’ tecnico d’Italia, ed insomma chi di arbitro ferisce (in tutti i sensi visto che i calci fanno anche male, o magari ricordiamoci di kristicic) di arbitro perisce

        • andrea.lazzara ha detto:

          La mia risposta, così chiudiamo la querelle, è solo esclusivamente legata alla considerazione dell’errore arbitrale. E’ giusto che i tifosi facciano le loro riflessioni, i paragoni ecc, ci sia il “menaggio” ecc. Dico solo che i Giacomelli possono capitare anche alla Samp: anzi, sono già capitati(vedi Gervasoni e il suo gol non convalidato a Pozzi. Che infatti è diventato “giurisprudenza” come caso, salvo che la Samp ha pagato quella decisione con forse due punti in meno in saccoccia).

        • ste ha detto:

          assolutamente Sergin hai ragione, come Matuzalem che andava espulso e squalificato minimo 2 giornate.
          ma questa è tutta un’altra storia

    • amicocicciosestri ha detto:

      mi spiace ma io solidarieta’ non ne do….dove eravate anime pie quando per la prima volta nella storia un arbitro ha dato e poi levato un rigore a parma? e dove quando per la prima volta nella storia un arbitro ha fischiato la fine del tempo mentre la palla sulla linea stava entrando in porta (contro il toro)? e dove quando un macellaio ha rotto la caviglia a nenad senza essere espulso e poi ha pure pareggiato ???

    • peter ha detto:

      A me sinceramente di ciò che succede a quelli poco mi importa anzi non nego di aver goduto per la decisione a loro sfavore.

    • Paolo1968 ha detto:

      Non so Andrea, ma io lascerei perdere. Affari loro. Sarà probabilmente un complotto.

      • andrea.lazzara ha detto:

        Ste ha scritto in modo educato e corretto e mi sembra corretto rispondere. Punto.

        • ste ha detto:

          grazie Andrea. ma tolgo il disturbo.
          Scrivo qui per condividere in modo sportivo un’impressione avuta, soprattutto perchè il Signor Porcella ha deciso di non aggiornare piu il suo blog, e soprattutto perchè Andrea mi è sempre parsa una persona pacata umile con cui parlare tranquillamente sia di Genoa che Samp, a differenza del direttorissimo che si è spostato verso altri lidi.

          Il menaggio è una cosa e ci sta tutta da una parte e dall’altra, l’analizzare obiettivamente un fatto, da una parte e dall’altra, è un altro discorso.

          Per fare un esempio, sono rimasto sconcertato quando ho visto il gol annullato al doria col torino a fine primo tempo.

          • andrea.lazzara ha detto:

            Vi chiedo solo un minimo di pazienza per il blog di Giovanni. Siamo in un periodo di cambiamenti e il suo ruolo è un pò più..centrale del mio. Poi ci sarà l’occasione per “menarselo” nei blog delle proprie squadre 🙂 . Difendo la mia scelta di averti risposto: l’educazione e il rispetto non hanno colore, e poi, come ho detto, il Giacomelli di turno è capitato( e ricapiterà, figuriamoci..) anche alla Samp). Grazie a tutti.

          • flex ha detto:

            Sarai anche rimasto sconcertato ma non mi sembra di aver letto un tuo commento qui.

        • Paolo1968 ha detto:

          Assolutamente vero Andrea.
          L’unica perplessità riguarda il motivo perché abbia sentito il dovere di esternare questa convinzione in questo blog.
          Cosa pensava di ottenere in risposta?
          E non ricordo che abbia scritto una parola di solidarietà per Kristicic, malamente azzoppato da un brutto intervento non sanzionato a dovere.

          A chiusura mi sento in dovere di fare i miei sinceri auguri di una buona guarigione a Kucka

    • Bulgaro ha detto:

      Ninin ti senti solo e cerchi conforto qui?

      Andrea ti prego di a Porcella di riaprire la piccionaia, altrimenti finisce che ci toccano le tubate lamentose di tutta la gabbia 😛

      Sull’argomento specifico diro` che ho visto molto di peggio e che preferisco un arbitro grammo a uno in malafede (tipo i tempi di calciopoli). Il calcio e` fatto anche di queste varianti, ti possono girare le balle 10 minuti dopo la partita, ma poi si deve pensare alla successiva senza vittimismi.

    • nello ha detto:

      Anche ciò che si è visto nel derby di ritorno dell’anno scorso uccide il calcio Matuzalem in campo ( strano Orsato ,lo stesso arbitro ddl derby , Krsticic lo ha espulso con rosso diretto contro Lazio) e Costa fuori per doppia ammonizione ,di cui una assurda e nessuno ha scritto che il calcio è morto quella volta….ne ho visti di molto peggio errori arbitrali rispetto a quello di domenica contro il Genoa….

  13. Dorianodoc ha detto:

    Andrea, d’accordissimo con quello che hai scritto. Bisogna, e devo, riconoscere che Sinisa sta portando quello che con Rossi si era perso. Per svariati motivi, che abbiamo ampiamente sviscerato, Delio Rossi appariva demotivato e scarico. Sinisa ha provato ad azzerare tutto e a motivare di più la rosa. Non potendo intervenire più di tanto sul tasso tecnico sta lavorando sull’aspetto caratteriale. La cartina di tornasole sarà domenica prossima. La partita col Chievo potrà far capire se le lezioni di Sinisa possono avere sempre più valore. Un’altra cosa bisogna osservare. Con questi cinque punti siamo rimasti in linea con altre squadre, cosa impensabile un mese fa. Certo ora la palla spetta alla società, e qui sono molto pessimista, anche alla luce di quello che sta succedendo alla Erg. Quello che sta facendo Sinisa non deve far dimenticare i problemi e le carenze di questa rosa. Ho sempre sostenuto che ci sono in ballo cinque squadre per tre posti. Una probabilmente è andata. Ne restano quattro per due posti. Speremmu……

    • doria65 ha detto:

      Un’altra settimana da incubo, eh?

    • Bulgaro ha detto:

      Se ti esprimessi sempre in questo modo, condivisibili o meno le tue opinioni, si potrebbe comunque dialogare senza menarcelo inutilmente.

      Concordo, la partita col Chievo e anche la successiva col Parma sono fondamentali per vedere se la squadra ha capito che temperamento deve mettere in campo nel proseguo del campionato.
      Sugli interventi a gennaio, io credo che almeno una prima punta arrivera` … che poi sia buona e` chiaramente tutto da vedere, ma al contrario tuo sono fiducioso che non vogliano smenarci piu soldi per una nuova retrocessione e saranno motivati ad intervenire.

    • gianni ha detto:

      ma che bel commento equilibrato…chissà come mai ti vengono solo dopo le vittorie; dopo le sconfitte invece non sei cosi’ trattenuto, evidentemente in quelle situazioni sei più “naturale”.

      • Dorianodoc ha detto:

        Perchè se il Doria perde io mi incazzo! A differenza di quelli a cui và tutto bene……..

        • andrea.lazzara ha detto:

          Personalmente credo che si incazzino tutti quando perde il Doria. C’è chi lo esprime in un modo chi in un altro quindi il discriminante non è questo…è il come si vede il “dopo incazzatura”

        • gianni ha detto:

          quando perde ti incazzi ma quando vince mantieni un invidiabile autocontrollo? neanche un piccolo accenno di gioia? non è che a te va tutto male, no? figuriamoci…

          • Dorianodoc ha detto:

            Cosa vuoi farci, alla Pinetina coi ragassi siamo abituati così. Dopo una bella cassoela passa tutto!!!

          • gianni ha detto:

            com’è che nemmeno fare lo spiritoso toglie a tutti la netta sensazione che qualcosa ti sia andato di traverso ultimamente?

    • peter ha detto:

      col chievo basta pareggiare e non perdere poi chiaro che se non comprano una punta almeno da 10 milioni di euro e si illudono che basti sinisa andiamo sparato in b ma non credo vogliano perdere altri milioni.

      • sergin ha detto:

        Anche ad essere superottimisti non credo proprio che tireranno fuori una cifra simile, prenderanno uno i due prestiti (ma di giocatori come pazzini o matri che possono essere ulitissimi, ovviamente una punta e che so un terzino od un portiere) o magari qualche serbo low-cost che sinisa conosce e sa valorizzare, non ci crederei che spendono 10 milioni di euro neanche se li vedessi.

      • gianni ha detto:

        10 milioni al chilo o in totale? se la prendono da 8,5 è uno schifo? cosi’, per sapere.

  14. STEL ha detto:

    “Buongiorno” oggi si che è un buongiorno! Con piccoli passi si possono fare chilometri e la nostra Samp e sulla buona strada.Grande Mihajlovic che ha saputo trasmettere fiducia e carattere ai ragazzi. Questi 3 punti sono importantissimi, finalmente si vede una squadra che gioca e ci crede fino alla fine, adesso non bisogna mollare la presa, domenica sarà diffcile ma ho fiducia perchè credo che la squadra abbia ancora margini di miglioramento,( ieri primo tempo così e così, secondo ottimo) ribadendo però fortemente che a gennaio occorre un solido mercato per poterci salvare con tranquillità.
    La vittoria di ieri è fondamentale sia per la classifica che per il morale, in vista della gara con il Chievo. Bisogna continuare con questa mentalità ed entusiasmo.

  15. gianfra ha detto:

    Onore al merito, speriamo che Sinisa abbia trovato il modo per fare giocare questa squadra, penso non sia una questione tanto di modulo(anche se il fatto che ora si giochi con le tre punte non mi sembra casuale) ma di mentalità bisogna giocare sempre per ottenere il massimo .
    Questo però non deve distogliere dal fatto che la squadra vada completata a gennaio:
    una prima punta, un esterno di difesa, un trequartista e forse un portiere, forse 31 elementi attuali sono troppi e qualcuno dovrà essere ceduto, questo lo valuterà l’allenatore insieme alla società.
    Quanto ai tifosi credo si debba anche criticare quando è necessario società, giocatori tecnico ma anche riconoscere le cose positive, come questo cambio di allenatore, ma la critica deve essere sempre costruttiva mai distruttiva.
    Infine , mancano 26 punti al traguardo della salvezza , speriamo di prenderli il prima possibile e senza ne calcoli ne tabelle.

  16. Alle ha detto:

    Grande Sinisa!
    Ora serve un buon (non chiedo grande) Osti che vada a colmare le due lacune principali della rosa blucerchiata: portiere e centravanti.
    Il centrocampista di qualità a lungo invocato, grazie al nuovo modulo con Soriano o Krsticic sulla trequarti e Palombo in mediana, può non servire.
    Al Milan uno fra Matri e Pazzini potrebbe essere di troppo.
    E poi quel Djordevic in scadenza a Giugno col nantes che il mister conosce benissimo…..

    FORZA SAMPDORIA
    Alle

  17. Flavio da Manchester ha detto:

    Ciao a tutti,
    e’ un po che non scrivo per motivi di lavoro, bello ritornare dopo una vittoria, una sconfitta da ridere e la primavera che gliene fa altri 3!
    La cura Sinisa e’ come un viagra per la nostra Samp, vediamo fino a quando fara’ effetto e cosa arrivera’a Gennaio.
    Sono tornato allo stadio per vedere Verona e Catania dopo tanti anni di assenza, direi ho portato bene.Lascio i commenti tecnici a voi, invece vorrei fare un solo appunto: il tempio. Ma voi questo lo chiamate stadio? sporco, disastrato, vista sui carcerati (mi ha scioccato), campo di patate, non sicuro, i seggiolini sono fatti per persone di altezza massima 130 cm, su da me si dice WTF???!!
    Ragazzi ma che roba e’? lasciamo dire ai genoani che e’ il loro stadio almeno la figuraccia la fanno loro, io non diro’ mai piu’ che e’ il nostro stadio, ma quello dove giochiamo la domenica perche’ non ne abbiamo uno nostro!

    ciao a tutti
    Flavio

  18. ale ha detto:

    Bene bravi ragazzi. Fiuuuu!
    Vorrei esprimere per una volta una critica ai tifosi: ma possibile che mentre si giuoca la partita della vita, si debba fischiare un proprio giocatore perché ceffa un tiro? Aveva ragione Palombo a zittirli. Ma con chi stanno? (Scusate ma quest’anno ho l’abbonamento in tribuna…..mai più, lo giuro)

  19. Paolo1966 ha detto:

    Anche io confidavo in Rossi ed ero perplesso su Sinisa, peraltro arrivato tre giorni prima della partita con la Lazio.
    Invece, e godo anche io a scrivere questo invece, e’ riuscito a strutturare la squadra.
    C’e’ un modulo base, c’e’ una formazione tipo o quasi, c’e’ motivazione, c’e’ convinzione, c’e’ tranquillita’, ogni giocatore sa cosa deve fare, insomma c’e’ meno confusione.
    Avere dei punti di riferimento e’ essenziale sempre, figuriamoci quando le cose non vanno bene.
    La differenza sostanziale e’ che prima c’era una squadra lunga e le punte rischiavano l’arresto per vagabondaggio o avevano crisi di solitudine.
    Oggi attacchiamo perlomeno con quattro uomini, la squadra e’ piu’ corta e tutti partecipano alla manovra.
    Ovvio che ci siano lacune e qualita’ diverse ma, oltre che aver valorizzato alcuni elementi (come ho letto recuperare un elemento equivale giustamente ad un acquisto a costo zero), il merito di Sinisa e’ di aver anche facilitato il compito di chi fa mercato, rendendo evidenti le esigenze dimercato in ordine in priorita’ (in primis centravanti), mentre prima la sensazione e’ che ci fosse da rifare la squadra.
    Il cammino e’ comunque lungo e aspro visto che le squadre che si giocano la salvezza sono tutte sul pezzo (Catania apparentemente a parte) e la classifica e’ corta. Da un lato meglio se azzecchi un filotto, ma peggio perche’ non ci si puo’ permettere di sbagliare piu’ partite.
    Comunque rispetto ad un mese fa siamo tutti preoccupati ma fiduciosi e non disperati e avviliti

  20. gianni ha detto:

    mihajlovic non è un mago e rossi non era una disgrazia ma il serbo ha saputo lavorare sull’orgoglio dei giocatori che evidentemente (stando alle interviste) prima non gradivano l’atteggiamento remissivo del precedente mister; scendere in campo sempre con quattro giocatori offensivi ha aiutato l’autostima, certo questo è un modulo molto dispendioso, bisognerà gestire bene le energie di tutti.
    ammetto che non consideravo una grande idea mettere gabbiadini a destra ma devo fortunatamente ricredermi: libero da marcature asfissianti sta giocando molto meglio; questo però, pur con tutto il bene che voglio a pozzi rende necessaria una punta (datemi del pazzo ma io richiamerei maxi lopez, che ne dici andrea?)

    ps: per ora va bene giocare con due mediani davanti alla difesa ma con un soriano in palla come ora prima o poi mi piacerebbe vedere kirsticic più indietro con obiang.

    • peter ha detto:

      lopez e’ reduce da un brutto infortunio e ora ha anche problemi famigliari…lasciamolo al catania.
      prendano giovinco, floccari, peluso e storari e ci salviamo.

      • gianni ha detto:

        io non capisco che te ne fai di giovinco in prestito (perché può venire solo cosi’ e pure controvoglia) se soriano continua a giocare cosi’.; peluso giocando a quattro non serve, storari si; floccari non è che segni poi tanto; lopez con miha fece faville, magari lo motiva al massimo.

        • peter ha detto:

          Perché soriano vale giovinco ??? Peluso può giocare nella 4 mentre de ceglie no.
          Floccari è un attaccante completo…rispetto a pozzi e petagna è van basten.
          E comunque segna più di maxi

          • gianni ha detto:

            ma capisci qualche volta quello che ti dicono o vai in automatico? soriano per adesso sta giocando bene ed è di nostra proprietà; è meglio valorizzarlo (finchè gioca bene) o rimandarlo in panchina per prendere giovinco in prestito?
            su floccari il punto è che piace a te, perché i numeri dicono altro; ma quando ti fa comodo i numeri non valgono.

          • peter ha detto:

            mi prendo giovinco in prestito e metto soriano in panca tutta la vita.
            negli ultimi 4 anni floccari ne ha segnati quanti maxi.
            e poi sei tu che hai provlemi di comprendonio: se mi arrivano storari, giovinco , peluso a me puo’ anche andare bene uno come floccari che comunque ha una valutazione da 5 milioni.
            se vogliono prenderne uno o due chiaro che un attaccante ben piu’ forte di floccari e maxi deve arrivare…chiaro mister coerenza ? 😉

        • Paolo1968 ha detto:

          Mi sbaglierò, ma il Lopez visto domenica ha il culo che fa provincia…

    • Fabiosamp ha detto:

      Tu vuoi il male della Sampdoria!

  21. Valerio ha detto:

    Nessuno che ha sottolineato la grande prova (e non solo da ieri) di “Gattone” Soriano….
    il simbolo del nuovo corso targato Sinisa è lui…. da desaparecido indisponente a giocatore vero, concentrato, che salta l’uomo…. e lui i mezzi tecnici ce li ha sempre avuti…..

    • Paolo1968 ha detto:

      Anche io apprezzo il suo rendimento attuale, ma con lui non ci ha sbattuto il naso un solo allenatore alla Samp… credo che questo sia il 5°

    • doria65 ha detto:

      Mi associo. Davvero una prestazione superba, e come dici tu non la prima…

  22. danilo ha detto:

    Siamo su un’ottima strada, ci sono ancora margini di miglioramento come Gabbiadini ancora un po’ avulso dal gioco , nel mezzo si sbagliano ancora troppi passaggi, e la prima punta è ancora molto spuntata. Comunque i limiti tecnici li conoscevamo e per il momento va bene cosi’, cè da leccarsi le dita. Se a gennaio arrivano 2 innesti tipo Kovacic in prestito nel mezzo e una punta valida possiamo dormire sonni tranquilli.

  23. max ha detto:

    sono contento che la squadra con sinisa si stia almeno esprimendo a livelli caratteriali ottimi. almeno adesso si cerca il gioco e la mentalità e’ quella giusta per provare a salvarci. certo è che non tutti i problemi sono risolti ma almeno siamo sulla buona strada.
    un paio di rinforzi servono certamente per completare la rosa ma non capisco il pessimismo che si legge in molti. prima allora dovevamo spararci o sparare a qualcuno?
    guardiamo le cose con ottimismo e sono certo che un paio di squadre peggio di noi ci sono certamente.

  24. daddix ha detto:

    Ciao Andrea, con Sinisa è un’altra musica ed è frizzante come la popolare zigana di Goran Bregovic! Mi dispiace per Delio ma non è riuscito a dimostrare il suo valore per tanti fattori ma soprattutto per non essere entrato nella testa dei giocatori. Questa è la dimostrazione che quando la testa funziona non c’è modulo che tenga. Le motivazioni fanno la differenza nello sport e nella vita. E dire che ero un pò scettico quando il presidente scelse Mihajlovic. Contento di ricredermi!
    Forse è riuscito a dare la sua impronta mentale anche Corini a Verona e sono rimasto contento nell’apprendere ieri sera alla domenica sportiva che fu contattato dalla Samp. Domenica sarà una bella sfida e sono sicuro che la nostra Sampdoria darà tutto per noi e per Sinisa!

  25. P.Solari ha detto:

    Finalmente i tre punti, fondamentali per tornare nel gruppone che si giochera’ ( purtroppo ) la salvezza; davvero bravo Sinisa ( avevo, con sincerita’, qualche dubbio sulle sue capacita’ ), devo dire che lo scrollone che ha portato sta dando discreti, se non buoni, frutti.
    Gli uomini che ha a disposizione vengono messi dove meglio si esprimono e cio’ ha portato ad un buon rendimento piu’ di un giocatore ( esempio lampante Soriano, prima da “buttare” ora finalmente gioca ). Obiang, per favore, allenati di piu’ al tiro in porta ( dico in porta ), non ci puoi bombardare cosi’ in gradinata… :0)) Ovvio che 3 acquisti almeno sono indispensabili, proviamo ad arrivare in zona “mercato” con piu’ punti possibile in modo da rendere meno difficoltoso il raggiungimento dell’ obiettivo.
    Concludo stendendo un velo pietoso sull’ arbitro ( gia’ in terza categoria farebbe danni ), e’ stato il peggiore in campo.

  26. Massimo Pittaluga ha detto:

    3 punti fondamentali e domenica col chievo speriamo di dare continuità con almeno un pareggio. ogni punto quando l’obbiettivo è la salvezza è importante. ovvio però che le lcune tecniche e di ruoli ci siano. manca un centrocampista di fantasia che mandi in porte le punte e manca un centravanti di spessore. i nomi di daniele tutti bene, anche se pazzini rinetra da mesi di stop e non è mai facile carburare subito. matri anche lui sarebbe ottimo e borriello secondo me ancora meglio ma credo che non verrà mai alla samp. comunque un centravanti di quel livello cambierebbe già le cose e aggiungo un portiere che ci levi qualche castagna dal fuco. il genoa ad esempio con perin ha trovato un portiere che col torino e a milano ha fatto delle parate incredibili e ha portato punti pesanti come avenne qualche anno fa da noi con storari. serve qualche innesto di qualità pochi ma di serie A. ad ogni modo abbiamo due partite possibili anche se difficili e muovere sempre la classifica sarà importante. la salvezza non sarà facile ma se a gennaio arriva qualche innesto vero alla portata.

  27. Fabrizio ha detto:

    Secondo me questo modulo introdotto da Sinisa ha anche il grande vantaggio di mascherare un pò di più le lacune della rosa.
    Mi spiego meglio: credo che ad oggi i veri interventi importanti sul mercato servano per reperire due pedine di spessore un portiere ed un attaccante ( non me ne vogliano Da Costa e Pozzi, professionisti seri ed ottimi rincalzi ) mi sembra meno importante quello dell’esterno sinistro.
    Andrea, tu cosa ne pensi ?

    • andrea.lazzara ha detto:

      Più che mascherare credo che Mihajlovic, come spiegavo, abbia cercato di mettere i giocatori nei ruoli dove possono rendere di più. Il che non vuol dire che siano i migliori interpreti possibili di quel ruolo, anzi!

  28. Stefano_1970 ha detto:

    Tre punti d’oro, ma il traguardo è sempre lontano…un pò meno lontano.

    Il video “I perdenti trovano sempre una scusa, i vincenti trovano sempre una strada” mi è sembrato un pò fuori luogo per come montato. Perlomeno emerge una mancanza di tatto nei confronti del precedente allenatore.

    • Paolo1968 ha detto:

      Concordo pienamente, come fuori luogo erano stati i filmati celebrativi (di non si sa cosa) prima della partita contro il Torino.
      Va bene caricare l’ambiente, ma un pizzico di stile in più non farebbe male.
      Il responsabile dell’immagine si studi un attimo la storia di Paolo Mantovani….

      • flex ha detto:

        Anche a me ha suscitato la stessa sgradevole sensazione. Il calcio è un alternarsi di vittorie e sconfitte, attaccare etichette di vincenti e perdenti da un lato è sciocco, dall’altro è di cattivo gusto.
        Concordo al 100% con paolo68 sui filmati celebrativi. Ho sempre trovato una pippa incredibile l’interminabile sequenza di “ma se ghe pensu”, “you’ll never walk alone”, “creuza de ma”, le commedie in dialetto di govi, le trenette al pesto e ogni altro luogo comune sulla genovesità con i quali veniamo deliziati dagli amati cugini all’inizio di ogni derby…. come si dice? se la suonano e se la cantano
        Senza polemica, ma le autocelebrazioni mi sembrano cose da sfigati. Io per caricare l’ambiente sparerei a palla Ramones, AC DC, Led Zeppelin, Clash…

        • flex ha detto:

          Se segnasse ancora un paio di gol mica ci starebbero male i Ramones come colonna sonora su un filmato di gabbiadini …
          gabbia gabbia hey … 😉

        • andrea.lazzara ha detto:

          Sulla musica sfondi una porta apertissima, la volta in cui per carica la squadra partisse Janie Jones dei Clash…

          • danilo ha detto:

            LOVE IS LIKE OXIGEN dei SWEET
            gia’ il titolo è storia contemporanea nonostante siano passati piu’ di 40 anni

        • Paolo1968 ha detto:

          Ad una presentazione di qualche anno fa, hanno aperto le danze coi Metallica!

  29. peter ha detto:

    La cura Sinisa sta dando i suoi frutti.
    Molto bene.
    Col Chievo va bene anche un pareggio.
    In attesa di una punta vera.

  30. Gipo Samp ha detto:

    Dear Lazzara, ti fa onore riconoscere che ritenevi l’esonero di Rossi non fosse la soluzione migliore, perché i molti che chiedevano di dargli tempo adesso fanno finta di niente. Per non dire di quelli che sono saliti sul carro del vincitore d’infausta memoria. Posso capire la simpatia per Rossi di quei tifosi che avevano apprezzato il suo saluto nella sconfitta a Roma, ma ciò che fa meraviglia è che persino calciatori diventati poi DS/opinionisti la pensassero come loro influenzando negativamente dal video i tifosi, nonostante avessimo evitato la retrocessione solo grazie al suicidio del Palermo. E’ solo retorica, ma mi piace ricordare che Rossi nelle ultime 11 partite di campionato aveva fatto 7 punti di cui 3 nell’ultima giornata contro la Juve in gita premio Scudetto all’acquario. Quando penso a questo e aggiungo i suoi precedenti di Firenze, mi chiedo come due dirigenti di vertice, Sagramola e Osti, abbiano potuto convincere Garrone a concedere un MAXI contratto di due anni più premio salvezza a Rossi. Adesso tutti s’ingegnano a elencare i molti plus portati da Sinisa quali ordine tattico, scelte tecniche, carattere, autostima dei giocatori e altro. Personalmente ritengo che in aggiunta a tutti questi indiscutibili plus, il merito principale sia da accreditare al diverso approccio mentale alla gara che il Mister ha saputo trasferire ai giocatori: Sinisa gioca sempre per vincere mentre Rossi giocava per non perdere. Miahjlovic è un Mister da campionato con vittoria da tre punti, mentre Rossi è rimasto a quella da due con il pari che faceva muovere la classifica. La conseguenza era che la paura s’impadroniva dei giocatori per cui i pochissimi passabili diventavano mediocri, i moltissimi mediocri da serie B degradavano a Lega Pro, mentre gli scarsi già improponibili per una serie A/B diventavano da tribuna. Sarà perché sono già rimasto bruciato che non posso condividere l’entusiasmo che affiora qua e là, dando l’impressione che il problema salvezza con Sinisa sia risolto, perché non è assolutamente così. La squadra è a corto di qualità in alcuni ruoli essenziali che tutti conosciamo e la vittoria contro un Catania ultimo in classifica e privo per di più di alcuni dei suoi migliori elementi è stata ottenuta disputando un primo tempo estremamente deludente per non dire di peggio, ed un secondo in cui siamo riusciti a sbloccare il risultato grazie a prodezze dei singoli, ma senza costruzione di gioco. D’altra parte con il centrocampo di soli incontristi che ci troviamo non si può pretendere che si veda del gioco, cosa questa che solo i numeri 10, ruolo in via di estinzione per una diversa interpretazione del calcio moderno, sanno inventare. In attesa di un centravanti si può rimediare come ha fatto Sinisa rinforzando il centrocampo e schierando Eder di punta. Con Pozzi, i cui valori calcistici in pagella del Secolo XIX sono individuati nell’essere un rompiballe che si butta su tutto, palle, mezze palle e quarti senza nessuna occasione da rete, è come giocare in 10 uomini. La Samp ha bisogno di un centravanti che la metta dentro ed abbia le altre qualità richieste dal ruolo e non uno che rompa solo le balle ai difensori avversari e solleciti il portiere per accelerare la rimessa in gioco. Forza Samp

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      Gipo perdona ma la samp non si è salvata grazie al palermo perché stto c’era anche qualche altra squadra inclusi i cugini. rossi probabilmente andava cambiato perché è successo qualcosa anche con la dirigenza e quindi non dava la giusta motivazione questaa stagione e non andava d’accordo con alcuni giocatori. però ora dipingerlo come un pirla non lo trovo corretto. da sampdoriano preferisco sinisa ccom e tecnico ma ricordiamoci che rossi lo scorso anno arrivò scelse il 352 e ci salvò con quel modulo già a marzo. non scordiamoci che giocò poi per un erto perido senza punte perché lopez era rotto e icardi pensava all’inter e con la salvezza in tasca. quest’anno ha toppato è vero ma non trovo corretto dare addosso al tecnico e vederlo come unico responsabile. sinisa sta tirando fuori il 100% da questi ragazzi e ci sono dei giovani di ottime qualità he devono crescere ma attenzione che la squadra manca d elementi affermati di serie A come per tanti anni ha avuto. giusto il cambio di allenatore ma non per questo non si può non dire che rossi è un buon allenatore, forse ormai a fine corso per età e stimoli ma non è certo un incompetente. ora speriamo diano alcuni giocatori anche pochi ma validi che vuole il mr e che i giovani che verranno e vengono fuori come mustafi magar se li tegano 2 o 3 anni e non li si venda al primo che li chiede.

    • doria65 ha detto:

      Nel primo tempo non si è praticamente giocato al calcio per colpa dell’atteggiamento assurdamente ostruzionistico dei ragazzi di De Canio, tollerato da un arbitro che non sarebbe degno di allacciare le scarpe nemmeno al Giacomelli di turno…. Nel secondo se facevamo 4 gol non ci sarebbe stato niente da dire, e tu non hai visto il gioco? Incredibile… L’unica cosa che condivido è il problema punta: ser avessimo avuto una punta vera finiva 10 a zero, altro che…

  31. ale ha detto:

    Ciao Andrea,
    il nuovo ordine tattico di Sinisa evidenzia uno dei pochi meriti di Rossi: un’ottima preparazione atletica.
    Mi chiedevo….chi si occupa di questo aspetto nel team di Sinisa? e anche, visto che probabilmente li stiamo pagando…non potrebbero continuare a farlo i preparatori di Rossi? O non è proponibile diciamo…eticamente.
    Ti ringrazio per un’eventuale risposta

  32. Maraschi ha detto:

    Fra i nomi di possibili partenti, sempre che qualcuno li voglia…, che leggevo sul Secolo di oggi, mancava Rodriguez. E’ una dimenticanza, o qualcuno pensa che sia proponibile? Io no.

  33. Lidia ha detto:

    Quando lascio’ Bogliasco in punta di piedi come era arrivato, teneva a tracolla una borsa della Lazio e il suo staff reggeva sacchetti neri di plastica contenenti indumenti.
    Quando lo vidi pensai che l’effetto di decadimento avvertito era sì prodotto dell’azione, ma era anche il simbolo di uno stato malsano dove erano oscure le motivazioni del perche’ e del percome e le parole lapidarie ai tifosi: “ lo sanno come la penso, sono l’uomo giusto per questa squadra”, ci lasciavano con dei punti interrogativi sul futuro. Sulle responsabilita’.

    Allora non lo sapevo, ma andandosene ha spazzato via da Bogliasco l’aria greve che si respirava.

    A noi tifosi e’ bastato poco. Delusi, arrabbiati, confusi, ci siamo aggrappati a quest’uomo che parlava una lingua diversa, fatta di valori, motivazioni, sacrifici. Lo abbiamo amato da subito. Alla squadra, pur con dei limiti gia’ rimarcati, che arrivasse un uomo capace di tenerla in pugno, di guidarla conferendogli una identita’, un’anima.

    Non ho visto il filmato, siamo ancora in rodaggio, incontreremo insidie, cali di tensione, siamo solo all’inizio di questa gestione.. so che lo stile sampdoria non poggia solo su atteggiamenti fondati sulla consapevolezza dei meriti e nel rispetto della dignita’ altrui, esso e’ il marchio di fabbrica che risplende sull’onda dei successi, che ottiene riconoscimenti, che e’ vincente, che e’ rispettato e rifugge il buonismo senza biasimare sulle gaffe delle borse a tracolla.

  34. robmerl ha detto:

    Pozzi dà sempre tutto, ma secondo me davanti dovrebbero schierarsi così, almeno fuori casa:
    Gabbiadini Soriano Renan
    Eder
    Cosa ne pensate, amici?

  35. STEL ha detto:

    Ad attenderci ci sono 2 partite importanti prima di arrivare alla sosta natalizia:Chievo e Parma. Domenica è uno scontro diretto non dobbiamo assolutamente fallire, quindi coltello fra i denti e via, poi si penserà al Parma che gode di ottima salute e non penso proprio che verrà a Genova a chiudersi, si giocherà la sua partita cercando di fare risultato.Ai fini della classifica servono almeno 4 punti, non mi piace fare conti però in questo momento è necessario.Rifletto anche sul fatto che prima o poi spero il più tardi possibile arriverà la sconfitta e quindi mi chiedo se Sinisa riuscirà a mantenere lo spirito battagliero di adesso, perchè non vorrei che la squadra che attualmente psicologicamente sta bene, crollasse come purtroppo è già successo con la gestione Ferrara e Rossi.
    Di positivo a differenza dei suoi due predecessori, Sinisa, sente fortemente cosa significa indossare la maglia blucerchiata e lo ha trasmesso ai ragazzi cosa non di poco conto, ma sa anche leggere le partite in corso e quindi assolutamente in grado di rimettere in sesto qualcosa che non funziona sul momento.
    Io credo che rinforzata la squadra abbiamo buone possibilità di stare dal lato sinistro della classifica.Forza Sinisa Forza ragazzi Forza Samp.

  36. max ha detto:

    grande gino. condivido il tuo commento al 100% ma purtroppo tra opinionisti e giornalisti
    si fanno tutti o quasi condizionare da simpatia e spesso non solo per dire quelle che dicono senza un minimo di conoscenza o meglio senza dire cosa pensano realmente. poi in tutta sincerità credo che molti che scrivono e commentano tanto preparati non lo siano ahimè
    comunque speriamo bene che arrivino almeno due rinforzi degni di nota e che ci si possa salvare in maniera dignitosa

    • andrea.lazzara ha detto:

      Fammi capire: opinionisti e giornalisti dunque non sanno quasi niente di calcio, sono ipocriti e non dicono quello che pensano e sono condizionati da simpatie per questo è quel giocatore? Perchè allora stare ad ascoltarli o leggerli? Detto con simpatia eh!

      • Gipo Samp ha detto:

        Lazzara non per polemica ma avendo avuto occasione di seguire i dibattiti calcistici nelle TV locali di altre grandi città, ho appurato che i giornalisti non erano così benevoli nei riguardi delle Società e giocatori a differenza di Genova. Non per prendere le difese di Max che non ne ha bisogno, ma rilevo anch’io che ci sono dei giornalisti dei media genovesi che non sono molto preparati e in prevalenza inclini ad ascoltare solo i gruppi ideologizzati che vogliono dettare la linea, ignorando il pensiero della maggioranza silenziosa che non scende in piazza. Considerato il potere di convinzione che conferisce il mezzo TV, a volte, ci sono giornalisti che sostengono tesi che non fanno l’interesse dei tifosi. In effetti, non fanno neppure quello della Società come poi evidenziano a posteriore i fatti. Es. l’esonero di Rossi avversato da molti giornalisti/opinionisti fino al comunicato ufficiale. Parlando dei giocatori, sempre per esemplificare, ti posso citare l’ostinata difesa a suo tempo di Curci che fu uno dei principali responsabili della retrocessione. Ben s’intende dopo la Società che fu la prima responsabile. In questi giorni c’è il tema scottante della necessità di un centravanti cosiddetto doppia cifra, e in questo contesto ho sentito dei giornalisti sostenere sul video che la Samp non ha bisogno di un centravanti perché c’è Pozzi, mentre l’anchorman della loro rete li contraddice scrivendo: “Pozzi è un ottimo numero 9 in serie B, e una buonissima riserva in A”. Ovviamente i giornalisti non sono soggetti al pensiero unico, ma guarda caso che la valutazione dell’anchorman sampdoriano è negativa, mentre quella dei giornalisti conosciuti essere di fede genoana è positiva. Stesse considerazioni valgano per Da Costa, per cui c’è chi sostiene che va bene perché para il parabile e non si possono pretendere i miracoli, e dimenticano volutamente che Perin i miracoli li fa ma il merito dei punti classifica lo attribuiscono al Gasperson. Che pensare? Dobbiamo bollare alcuni giornalisti genoani come incompetenti? in malafede? o più semplicemente rilevare che godono delle nostre disgrazie? Che dire poi di Gabbiadini per il quale bastava aver visto le partite precampionato in veste da tifoso qualunque che mastica un po’ di calcio, per capire che non era un centravanti. Perché i giornalisti non l’hanno detto e scritto prima del 2 settembre e solo adesso riconoscono che il suo ruolo non è il centravanti? Lazzara mi scuso per rubarti un po’ di tempo di lettura, ma avendone il tempo come pensionato seguo il mio grande amore per il blucerchiato, anche se da qualche anno mi procura solo grossi dispiaceri e molto nervoso. Sempre forza Samp

        • andrea.lazzara ha detto:

          Caro Gipo, è un piacere invece leggere(chissà se ci arriverò mai io alla pensione…:-)) ) e mi permetto di ribattere con alcune osservazioni. Premesso: io rispondo per me, e per Primocanale (e Primocanale Sport). Non parlo di altri non per snobismo, difesa corporativa ecc ma perchè onestamente e sinceramente non sto proprio a guardare tutto ciò che riguarda il calcio e transita in tv. In altre città non credo sia tanto una questione di “attaccare” o “non attaccare” le società: è proprio un altro stile di curare le trasmissioni(basta vedere le dirette durante le partite) . Sull’esonero di Rossi ho fatto mea culpa: si sbaglia nei giudizi e ben felice che qualcuno ci abbia pensato in tempo per me..:-) Su Pozzi e Da Costa, o meglio sui ruoli su cui sarebbe meglio intervenire, ti invito a rivedere la puntata di Anteprima Calcio di martedì sera nella quale ho preparato una tabella in cui si diceva che serve un portiere e un centravanti. Con tutta la simpatia che ho per Nicola, Pozzi non sarà mai in A un bomber da doppia cifra(anche qui mi auguro di sbagliarmi, comunque..) e la Samp ha bisogno di gol. E ha bisogno anche di punti portati dal portiere: cosa che credo Da Costa non possa garantire. Su Gabbiadini basta scorrere il blog e leggere cosa ho scritto nelle settimane precedenti. Un caro saluto.

          • Gipo Samp ha detto:

            Caro Lazzara, come sai per averlo scritto in precedenza, ti considero insieme a pochi altri un giornalista coraggioso, qualità che per me rappresenta il massimo del riconoscimento giornalistico, in particolare per una città come Genova dominata dal manimanismo. La mia critica ai media, essendomi peraltro limitato a definire benevole la loro azione verso le Società, non richiede maggiore aggressività ma solamente una maggiore incisività da parte loro, cosa che fanno i giornalisti di altre grandi città in video e stampa esercitando un’azione di pungolo nell’interesse dei tifosi e delle stesse Società. Tanto per esemplificare, il sondaggio di gradimento dei tifosi sull’eventuale arrivo di un giocatore alla Juve o Toro trapela prima sempre da fonti giornalistiche, stampa e video, e se il giocatore non è gradito non arriverà mai a Torino. A Genova, invece, i gruppi che hanno la forza d’indirizzo come opinion leader, VIGILANO dopo che i buoi sono scappatati quando la situazione di classifica diventa tragica, i tifosi delle varie tipologie, ultrà, simpatizzanti e da tastiera si sono rovinati il fegato dal nervoso e la Società ha sprecato una montagna di milioni comprando i Barillà & C. (Barillà esemplificativo come arrivo last minute).
            Sono certo che tutti i bloggers assieme ai molti altri sampdoriani che vengono in sola lettura, ti sono grati per l’extra time che dedichi alla conduzione del blog, che da voce al loro pensiero più libero e meno omologato, giusto o sbagliato che sia, di quello dei media.
            Cordialmente, forza Samp

      • nello ha detto:

        Non so se è lo stesso Max che scriveva tempo fa su questo blog,se è lui guarda e’ sempre così , e’ sempre tutto sbagliato, tutto brutto ,non va mai bene niente, ma….forse non è lui !!

    • dario ha detto:

      Ciao Max, hai scritto che pensi che molti che scrivono e commentano tanto preparati non sono.
      Intendi dire che bisognerebbe essere laureati in giornalismo o comunque essere estremamente preparati per esprimere la propria opinione e dibattere di calcio? Io credo invece che lo scopo di questo luogo sia proprio scambiare le proprie opinioni, anche se si fosse “scarsi” in materia, e rendere ancora più piacevole e partecipato quello che molti di noi è il gioco preferito. Se qualcuno dovesse sparare degli strafalcioni “tecnici” e venisse corretto da lettori più esperti piuttosto che da Andrea oppure ancora dovesse cambiare opinione o maturare la propria dopo aver dibattuto, beh, il blog avrebbe raggiunto nel migliore dei modi uno dei suoi scopi…
      Comunque da un punto di vista tecnico anche io credo proprio che due rinforzi siano il minimo indispensabile, una punta che segni e che faccia reparto soprattutto manca come il pane a mio avviso.

  37. Lollo ha detto:

    Si dirà che il Catania è l’ultima della classe, che era in formazione rimaneggiata, e via discorrendo, ma il fatto è che bisognava vincere e si è vinto..molto bene. Condivido il pezzo di Andrea: il merito di Mihailovic è stato quello di fare poche ( o tante dipende dai punti di vista ) cose ma molto semplici: motivare il gruppo ( per quanto credo, con un po’ di malizia, che ce l’abbiano messa tutta per buttare giù Rossi dalla torre… ), e i singoli di spessore ( Gastaldello, Palombo, Gabbiadini ) , reintegrare gli ” epurati ” forse più per dare un segnale che per reale necessità ( non so se , quando e quanto vedremo in campo Maresca, Rodriguez e Poulsen ), battezzare un modulo con un gruppo ristretto di interpreti ( anzichè la girandola di ” campo- panca-tribuna ” cui Delio ci aveva abituato ); il caso lo ha aiutato mettendogli in calendario il match di Coppa Italia: ho apprezzato molto la mossa di schierare le cosidette seconde linee per poter da una parte valutarle meglio dall’altra fare sentire tutti coinvolti in quello che adesso va di moda chiamare progetto ma che per me è e dovrà essere una risalita dall’inferno del penultimo posto. Due considerazioni
    1- come disse il grande Beppe Iachini ( e lo stesso Mihailovic ): non abbiamo ancora fatto niente, testa fredda cuore caldo,a vanti così
    2- il lavoro di Sinisa ha avuto il merito di chiarire quanti e quali rinforzi serviranno a Gennaio ( non sembra che ci sia da rifare la squadra ma la squadra così non va bene….)
    e una domanda per Andrea:
    quanto c’è di vero nella girandola di rumors ( Braida, Quagliarella, Giovinco, Storari, Djordjevic ) ?

  38. ale ha detto:

    Girellando per il web vedo possibile interesse per Storari e Djordjevic. Ecco! Sarebbe proprio quello che ci vuole! Speriamo sia vero….

  39. Giovi ha detto:

    Ora non bisogna mollare, bisogna rimanere sul pezzo, tutti devono crederci, tutti devono pensare che la remontada è appena iniziata, spero soprattutto che il Presidente non faccia l’errore dello scorso anno quando dopo la ripresa dovuta alla cura Rossi decise praticamente di non intervenire nel mercato invernale. Ci sono almeno quattro , cinque squadre al livello Samp, per salvarci sicuro bisogna aumentare la qualità, un centravanti e un portiere da A sarebbero sufficienti ma ne Storari ne Dyordyevic di cui si parla oggi non mi convincono, il primo con tutto rispetto ha 37 anni , il secondo ha fatto bene solo nella B francese.Meglio Agazzi e uno tra Quagliarella e Vucinic ,cosa ne dici ?

    • andrea.lazzara ha detto:

      Vucinic direi che è decisamente fuori dai parametri di una società come la Sampdoria. Giocatore da top club europeo(infatti rischia di finire in Premier League, magari in un Manchester..)

      • Daniele da Rapallo ha detto:

        A meno magari di prestiti con contribuzione all’ingaggio anche nell’ottica di far giocare un calciatore che magari non si vuol vendere. O magari dietro promesse o opzioni….
        Solo per esempio penso ad un Borriello della Roma che non gioca praticamente mai e da noi farebbe reparto da solo, salvandoti : uno ma buono, tralasciando pure di coprire le altre lacune tipo porteiere ecc; uno che da solo grantisca praticamente quei goal pesanti da portarti fuori dalle cattive acque….Queste sono le garanzie.
        Non mi esprimo su quel centravanti serbo del Nantes, magari è il nuovo Klose..

    • doria65 ha detto:

      Io preferirei Casillas e Messi, e Cristiano Ronaldo per la panchina…

  40. Emanuele ha detto:

    Ciao Andrea, che mi dici dei nomi che si leggono sulla carta stampata come prossimi rinforzi dal mercato di gennaio? Storari, Cassano o Giovinco o Quagliarella?

    • andrea.lazzara ha detto:

      I nomi mi sembrano un pò sempre i soliti..e facci caso tre su quattro sono cavalli di ritorno….Per esempio su Storari: ottimo portiere, stagione straordinaria(anzi, 6 mesi alla Samp) ma ha quasi 4 anni in più e in questo periodo ha giocato pochissimo. Che per un portiere è un brutto dato..

  41. Ivan ha detto:

    Ottimo Gipo
    Concordo 100 di quanto scritto!!
    T’invito a cena….e ci mangiamo Osti e Sagramola come antipasto!!:)
    Forza Doria

  42. max ha detto:

    andrea
    non ho detto che tutti non capiscono e si lasciano condizionare ma molti si ahimè.
    e non credo che a parte le risposte di facciata non sia vero. ma è umano che ad una persona piaccia o meno come gioca un calciatore o gli stia più o meno simpatico.
    qualcuno che è obbiettivo c’è ed anche competente ci mancherebbe.
    difatti io non leggo ne sento molto ma solo pochi commenti e ti assicuro che mi bastano. non mi piace sempre l’alea di disfattismo che si sente spesso anche se a volte giustificata.

  43. massi68 ha detto:

    Storari è 4 anni che non gioca, rischiamo di prendere un portiere imbolsito, penso che Sorrentino sia sempre il più adeguato. Poi ci vorrebbe un centravanti affamato e forte e Djordjevic mi sembra quello giusto. Poi ci vorrebbe un Nocerino o un Isla a centrocampo per dare un pò di sostanza. Basta così …

    • Bulgaro ha detto:

      Per curiosita`, Djordjevic (magari e` un campione, viene a Genova e spacca), ma dove si e` affermato?
      Il suo curriculum, a 26 anni, parla per lo piu di serie B francese con un solo anno in doppia cifra e qualche comparsata in nazionale.

      Non dico che e` brocco, ma nemmeno che e` affermato, direi che e` in scadenza che credo sia la cosa che lo rende piu appetibile.

  44. sampdorianamente ha detto:

    In diretta: GRANDEEEEEEEEE MANCIOOOOOOO!!!!!!!!!
    E ora puntiamo tutto sul ritorno di Fabio Quagliarella!!!!!!!!

  45. danilo ha detto:

    PARTENZE A GENNAIO:
    BARILLA’ – CASTELLINI – RODRIGUEZ – ERAMO – BERARDI – TOZZO -FORNASIER

    ARRIVI A GENNAIO: CASSANO – KOVACIC

    VIA SUBITO: OSTI E SAGRAMOLA

  46. Franco ha detto:

    Buongiorno a tutti….
    Esco un attimo dal discorso Sampdoria…
    Sentire i gobbi piangere su SKY non ha prezzo….
    Andrea cosa ne pensi del manto erboso?????
    Xche ne parlate cosi poco?? mentre c’e chi fa assemblee x accaparrarsi le aree della fiera ???
    Grazie…SEMPRE FORZA DORIA

    • andrea.lazzara ha detto:

      Ieri c’è stato un vertice a Milano..tra l’altro l’anno prossimo entrerà in vigore l’obbligo delle serprentine sotterranee che al Ferraris non ci sono(ricordo che quando la Samp giocò a Liegi in Coppa Uefa ormai 5 anni mi raccontarono che l’impianto costava, per l’epoca, un pacco di soldi)e che bisognerà mettere. Su Istanbul obiettivamente l’arbitro Proenca(vado a memoria, era quello di Partizan-Samp proprio in quella Coppa Uefa..)ha secondo me sbagliato: obiettivamente si poteva provare ad andare avanti sul campo innevato, forse meno pericoloso di quello di ieri. Dove il Galatasaray ha spalato la neve con aratri medioevali….Tutto il mondo è paese…

  47. vincenzo ha detto:

    Come richiesto il 9 dicembre su questo blog…Grazie Mancio per avermi fatto il regalo di Natale!!; mi ricorda quella bella canzone degli anni ’60 “5 minuti e poi…”

    Naturalmente oggi più che mai Forza Samp!

  48. Crovo ha detto:

    L’odierna prematura ..dipartita della Juve dalla Champions, con conseguente ridimensionamento della rosa, adesso potrebbe davvero aprire interessanti scenari per lo meno a dei prestiti…

    Che se ne fanno adesso di Giovinco e di De Ceglie?

    • alle ha detto:

      Il talento non si discute, ma Giovinco penso non sia il rinforzo ideale per MIhajlovic.
      Col 4-2-3-1, alternativa il 4-3-3, quello che manca davvero è un centravanti.
      Pozzi, con tutto il “bene” che si può volere all’eroe della promozione, mi pare l’anello debole dei 4 davanti.
      E fare la punta centrale non mi pare la soluzione migliore per Eder.
      Piuttosto, “quel” Quagliarella…..

  49. Dorianodoc ha detto:

    Grazie Mancio………………….

  50. Mauro ha detto:

    Non perdo occasione per ribadire il concetto:Osti e Sagramola a casaaaaa fuori dalle balleeeeee!!!!

  51. FISH65 ha detto:

    Amici,
    ero tra quelli che erano contrari al cambio di allenatore. E’ giusto ammetterlo.
    Ma, anche se la cura Mihajlovic sembra stia dando grandi benefici, credo sia meglio attendere prima di dare sentenze.
    Molti invece non hanno resistito. A questi vorrei ricordare che anche l’avvento di Delio Rossi portò subito a risultati eccellenti. Poi, però, il finale di campionato fu avaro di risultati.
    Meglio usare un po’ di prudenza. Come non esserlo, prendendo in analisi la partita col Catania?
    La prima palla gol è arrivata al 55′, nel primo tempo la Samp sembrava quella di un mese fa. Se non peggio, anche perchè l’avversario era privo di 5 titolari!!
    Detto questo, la squadra sembra comunque più “convinta”.
    Quindi, avanti così!!!

    P.s. A Gennaio servono almeno 2 innesti. Spero che la società non si faccia influenzare dagli ultimi risultati favorevoli…

    • Bulgaro ha detto:

      Corretto, prudenza ed equilibrio.
      Se vogliamo metterle anche nel tuo post si puo` dire che il Catania si difendeva con 11 uomini disperatamente la condizione peggiore per noi di giocare la partita (avendo un tasso tecnico non eccelso le squadre chiuse ci faranno sempre soffrire), pero` non e` mai mancata la determinazione e alla fine il fortino e` stato scardinato e il risultato finale e` pure stretto.

      Io ero per il cambio di allenatore, non mi interessava chi, volevo pero` qualcuno che ci buttasse in avanti perche` ritengo che fosse l’unico modo per sopperire alla poca tecnica e alla depressione che albergava in campo e forse avevo ragione, pero` devo essere sincero, io ero anche per cambiare allenatore l’anno di Del Neri dopo il dicembre nero in cui sembravamo alla deriva e fortunatamente non sono stato esaudito.
      Le dinamiche di una squadra di calcio sono veramente imprevedibili, squadre forti che retrocedono, squadre gramme che si giocano l’europa .. c’e` sicuramente molto di piu di quello che noi riusciamo a vedere, ma prendere posizione fa` parte del nostro essere tifosi ed essere smentiti dai risultati positivi credo che sia un piacere per (quasi) tutti.
      Il succo e` che non conta tanto chi era per cosa, ma il nostro compito e` comunque di entusiasmarci se le cose vanno bene … con realismo ed equilibrio, ma vediamo di godercela almeno un po` 🙂

    • Doria65 ha detto:

      Ma hai visto il tempo effettivo del primo tempo? All’estero finivano il primo tempo in 9 per somma di simulazioni…

      Mi dispiace, ti andrà meglio la prossima o quella dopo o (speriamo) quella dopo ancora…

  52. luca ha detto:

    scusa Andrea una domanda secca : pensi (e nel caso in quale ruolo) che a Gennaio vengano fatti degli acquisti ? che sentore hai dalle porte socchiuse della Società ? parlare di Quagliarella, Floccari, Matri o Pazzini e magari un De Ceglie o un Peluso ritieni sia illusorio oppure potrebbe venire uno di questi ? non vorremmo i soliti mezzi giocatori (sarebbe l’ennesima presa in giro !!!) ho letto “cosa ce ne facciamo di Giovinco in prestito?” ora non conta il futuro del giocatore , adesso conta salvare la pelle, salvare la serie A pertanto se un Giovinco mi assicura i punti per salvarmi e poi ritorna alla base BEN VENGA Giovinco !!!!!! cosa ne pensi Andrea?

  53. max ha detto:

    fish secondo te era meglio delio rossi con quello che stava facendo??? certo sinisa non ha fatto diventare dei fenomeni i giocatori che ha ma almeno corrono e si battano fino alla fine.
    certo che si deve mantenere basso profilo e prudenza ed intervenire sul mercato ma senza il cambio forse adesso saremmo stati ultimi da soli. e non sono d’accordo che per 55 minuti eravamo peggio di prima forse vedi altre partite.
    andrea ti ringrazio per il commento al mio precedente post

  54. marco ha detto:

    Ciao Andrea e ciao a tutti,

    Avrei preferito Zeman, perchè amo vedere il bel calcio, ma Mihajlovic,
    imponendo ai ragazzi 2-3 tocchi massimo, anche se Palombo e Objang continuano spesso a tenere più del dovuto la palla, sta riuscendo a dare un pò di dinamicità alla manovra di gioco.
    La palla gira più velocemnte, i giocatori,anche se spesso ancora non lo fanno, iniziano a darsi una mano,andando incontro al portatore di palla e a farsi trovare smarcati, il pressing è più omogeneo,nel senso che lo fanno tutti insieme, riducendo gli spazi giocabili agli avversari.
    Spero che Sansone riprenda in fretta, perchè Pozzi, pur mettendoci l’anima, non è capace di tenere la palla e far salire la squadra.La forma fisica qui non c’entra nulla.
    Contro il Chievo, a centrocampo ci vorrà molta velocità nel giocare la palla, e per come stanno le cose attulamente,Palombo ed Obiang, non li farei giocare, a meno che non fanno come nel secondo tempo contro il Catania, dopo la strigliata, ma il vizio comunque non l’avevano perso.
    Mihajlovic molto spessoo riprende i due giocatori per l’eccesssiva lentezza nel passare la palla.
    Mi auguro che l’allenatore riesca a levare il bruttissimo vizio dei difensori (Costa e Gastaldello), di fare lanci lunghi,perchè la maggior parte sono palle perse.

    MArco

  55. flex ha detto:

    Ciao a tutti.
    E’ vero che l’inaspettata eliminazione della iuve dalla CL 🙂 ha creato esuberi, ma rimangono i problemi di sempre: 1) ingaggio 2)motivazioni 3)concorrenza delle altre squadre, soprattutto le inglesi.
    Facciamoci due conti:
    1) perchè la iuve (o roma con borriello, o un’altra squadra) dovrebbe contribuire a pagare parte dell’ingaggio ad un giocatore che ci dà in prestito invece di prestarlo a un’altra squadra che l’ingaggio se lo paga tutto?
    2) tolto cassano che ha i suoi motivi famigliari non credo che per tutti gli altri venire da noi o andare da un’altra parte faccia tutta questa differenza. i posti per i mondiali sono quasi tutti più o meno assegnati. temo di prendere un giocatore forte, o presunto tale, che venga qui a fare la vacca.
    3) attenzione anche allo stato di forma, fisico e mentale: siamo affascinati dal ricordo che abbiamo di storari, ma ha i suoi anni e da troppo tempo sta seduto in panchina.
    stesso discorso per pazzini: a noi serve un attaccante pronto per giocare subito, domenica avevo una mezza idea su riprenderci maxi lopez …. prima che entrasse.
    4) Diffido sempre quando devo fare affari con qualcuno che è più forte di me: tanto è più forte, tanto aumenta il rischio di prenderla nel culo. Io mi orienterei su altri interlocutori, magari sul mercato estero.
    Per i prestiti volerei basso, molto più basso dei nomi che sento. De ceglie o peluso potrebbero starci, giovinco o quagliarella no di sicuro. Per l’attaccante, se i vincoli di bilancio ce lo permettono, più del prestito mi intrigherebbe un’operazione simile a quella che facemmo con pazzini. è un rischio: bisogna essere bravi e fortunati e disposti a spendere dei soldi, ma per prendere il macheda di turno (che già lo abbiamo e si chiama petagna) preferisco rimanere come sono.

  56. fabrizio oerfumo ha detto:

    Per FISH 65 : sono d’accordo con Te, caro amico, sulla mecessaria prudenza da usare nel giudizio su Miha e la sua “nuova” Samp. Direi però che un pò di entusiasmo o ottimismo serviva proprio come il pane vista la depressione regnante da inizio campionato. E aggiungo che se la Samp ha avuto molte difficoltà con il Catania è pur vero che ha rischiato praticamente niente, anche nel brutto primo tempo. Il modulo tattico sposta la squadra più avanti e questo espone meno agli avversari – è successo anche con l’Inter a Milano e con la Lazio, derelitta magari ma pur sempre tecnicamente dotata in modo superiore a noi.Sono buone basi oggettive sulle quali fondare la speranza. Siamo passati, in pochi giorni, dall’essere impresentabili per la serie A a giocarcela, almeno, con squadre di diversa caratura.E’ anche vero che Rossi fece bene i primi due mesi per poi preciptare in un abisso di pochezza che è restato costante tra lo scorso e l’attuale campionato. Per lo scorso credo possa aver giocato un ruolo la preparazione fisica lacunosa di Ferrara, rimediata con un richiamo robusto di Rossi nella pausa invernale che ha finito di dispiegare i suoi effetti dopo un paio di mesi,Nell’attuale campionato, invece, le lacune sono state tattiche, in quanto sul piano fisico la squadra ha appalesato comunque una buona preparazione – merito di Rossi – della quale ancora ci gioviamo. A me pare che Rossi – che io ho stimato e stimo – non sia però riuscito ad adattarsi agli uomini che aveva, non certo fenomeni ma neanche quei brocchi che sembravano . Il tutto produce la differenza di poter restare attaccatti, fino a gennaio , al carrettino della salvezza, sperando poi di avere almeno un paio di innesti di qualità superiore in grado di farci virare verso una salvezza magari non all’ultimo respiro. Cosa, invece, accaduta l’anno scorso, perchè, come molti hanno osservato, se il Palermo non fa harahiri in casa con l’Udinese, noi, incapaci di andare oltre il pari con il catania in casa, diventiamo i candidati più “autorevoli” alla retrocessione e in un campionato con squadre penalizzate, alcune in forma pesante. Quindi credo si possa già dire che il trend di Rossi è stato comunque negativo in modo costante, pur con le deficienze e gli errori evidenti di chi seduto a piani molto più alti di lui. Lui però ha fatto prevalere il disappunto per questo e in questo sta il suo errore primordiale. Eccco perchè è stato giusto cambiare, visto che altro non si poteva fare. Ora abbiamo già avuto una piccola continuità nelle tre partite di campionato e in quella di coppa che fanno intuire che qualcosa è cambiato davvero. Sempre nei limiti del passaggio da una squadra in caduta libera nella materia e nello spirito ed una in lotta nella materia e nello spirito. Senza cambiare giocatori mi sembra già un dato apprezzabile e incoraggiante.

  57. ale ha detto:

    Buongiorno, leggo su un quotidiano interesse per Burdisso. Mentre da un lato ritengo che le lacune più grandi siano altrove da un punto di vista tecnico. Dall’altro però un giocatore così grintoso è proprio quello che ci vuole. I bravi ragazzi son bravi ragazzi ma quando il gioco si fa duro (per non andar giù)…etc.
    Poi prendiamo un portiere e un centravanti però!
    Besos

  58. Daniele da Rapallo ha detto:

    Lo stesso mancini ha elogiato Mihajlovich, che era suo discepolo ed amico. Peccato che poi abbia aggiunto in pratica : va bene l’allenatore ma non si possono fare le nozze coi fichi secchi ed io aggiungerei con i ficchi secchi mescolati agli errori. Non dimentichiamo che comunque la società soldi ne spende (spesso male) e che Marotta/paratici le nozze coi fichi secchi puri le hanno sempre fatte…
    Quindi ottimo l’allenatore…..ora però stiamo a vedere se avrà continuità di risultati e soprattutto prestazioni nel tempo (vedi l’inizio di Rossi) e se finalmente prenderanno giocatori pochi ma buoni. L’appeal per un giocatore (magari un centravanti di cui si fanno i nomi) che fa panchina in una grande squadra per venire a salvare noi lo deve creare anche la società ed i dirigenti nel convincerlo che non viene alla propistacci ma in una squadra comunque abbastanza blasonata dove godrebbe di riflettori solo per lui : anche così si riconquistano un eventuale posto in nazionale…Per pagare poi uno in panchina a stare fermo meglio farlo giocare e pagarne magari metà ingaggio; è pur sempre magari un milione di euro risparmiato : buttalo via…!

  59. sampdorianamente ha detto:

    Andrea, questa nomina di Remondini cosa siginifica a livello pratico?
    E’ vero che è uno, se non il principale, fautore dell’avvento di Sinisa alla Samp?

  60. luca ha detto:

    con l’entrata del Dott. Remondini si chiude l’era Sagramola ?

  61. FISH65 ha detto:

    X Doria65:
    all’estero finivano in 11, comunque. Sono felice per i risultati e per l’entusiasmo. Dico solo che, anche lo scorso anno, i primi 3 mesi di D.Rossi furono molto buoni. Poi ci salvammo a 2 giornate dalla fine. Ma, evidentemente, non lo ricordi. E sono quelli come te, con poca memoria storica e ossequiosi con l’attuale dirigenza, che hanno fatto e fanno male alla nostra amata Samp.
    X Max:
    Credo di aver visto bene la partita. 55 min di nulla, eccetto un tiro da 25 metri di Gabbiadini contro una squadra ultima in classifica priva e di 5 titolari!! Una marea di passaggi sbagliati, anche elementari.
    Se si fosse giocata un mese fa, all’intervallo la squadra sarebbe rientrata negli spogliatoi subissata dai fischi. Giustamente. O forse no. Perchè tutto sommato, derby a parte, i ragazzi hanno sempre dato tutto.
    Fanno quello che possono…

  62. ale ha detto:

    Djordjevic sarà anche grammo come dite voi ma Roma (che ha Borriello e Destro) e Lazio (Klose e Floccari) sembrerebbero interessate. Il problema semmai è che queste sono società disposte a pagare ingaggi sopra il milione. Noi no (a parte Pozzi, Sic!)
    Speremmu ben!

  63. francesco ha detto:

    domanda per Andrea Lazzara:secondo te un giocatore come rosina del siena non farebbe comodo alla samp?è sprecato in b con noi sono sicuro che farebbe molto comodo grazie

  64. Aston ha detto:

    Io invece credo che dietro l’ arrivo di sinisa ci sia il mancio!

IL DERBY SU TUTTO

Schierando la formazione bis a Marassi contro l’Atalanta, Claudio Ranieri ha lanciato un messaggio chiaro alla Sampdoria: stavolta il derby [&hellip

PAPALE PAPALE

La Sampdoria, dopo la visita a Papa Francesco, perde di misura all’Olimpico contro la Lazio al termine di una partita [&hellip

BRUTTI MA BUONI

Una Sampdoria non bella sul piano estetico ma concreta ed efficace su quello realizzativo conquista tre punti con la Fiorentina [&hellip

RIN… VIGORITI DA DAMSGAARD

La Sampdoria torna dalla trasferta di Benevento con un punto, firmato da Keita a dieci minuti dal termine della partita [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta