IL PIATTO PIANGE

6 Ott 2013 by andrea.lazzara, 375 Commenti »

Cari amici di Samplace, la Sampdoria non è riuscita a ottenere questa sospirata, prima vittoria stagionale. E il piatto piange. Piange la classifica, piange la cifra di gioco ma piange, purtroppo, anche il rapporto con la classe arbitrale. Premessa: è evidente che i problemi di questa squadra non possono discendere solo ed esclusivamente dai comportamenti dei direttori di gara. Ma quanto accaduto con Gervasoni ha rasentato l’assurdo: sia perchè lo stesso arbitro era stato protagonista, non più tardi di tre anni e mezzo fa, di un episodio interpretato al contrario(Grosseto-Piacenza, 2010), sia perchè i giocatori del Torino apparivano cristianamente rassegnati ad andare negli spogliatoi sotto di due reti, sia perchè il rigore concesso generosamente(lo ha fatto capire anche Delio Rossi) a Eder puzza tanto di coscienza sporca. Però la frittata era fatta comunque, perchè chiudere sul 2-0 la prima frazione e con un gol segnato all’ultimo soffio di tempo sarebbe stato carburante essenziale per una malata come la Samp di oggi. Le Gervasonate(arbitro che, peraltro, ricordo indisponente perfino nella prima ora del match di Coppa Italia contro il Benevento), si sommano ai rigori negati a Gabbiadini a Bologna ed al gol di Wszolek buono, anzi, buonissimo di Trieste contro il Cagliari. In 7 partite 3/4 episodi lampanti sono tanti per una squadra che potrebbe giocarsi tutto sul filo dei punti: un tempo si diceva “che la società si faccia sentire in Lega”. Ecco, che lo faccia, non per aver più di quanto dovuto, ma solo quanto spettante. Detto questo per un’ora la Sampdoria del tridente ha fatto vedere qualcosa di interessante: Sansone finchè regge(questo è il suo limite) è importante, Pozzi può comunque essere un punto di riferimento, ho solo qualche dubbio sulla reale coesistenza con Gabbiadini. Però questa squadra si scioglie una volta in difficoltà: il Torino ha un paio di giocatori davvero di spicco(Cerci, El Kaddouri) ha un allenatore che sa mettere in campo le sue squadre, eppure fino al quarto d’ora della ripresa non dava la sensazione di poter essere così pericolosa. E invece…. e invece la Samp è arrivata ad un passo dall’ennesima, quarta sconfitta casalinga di fila ma soprattutto resta ancorata a una posizione di classifica da brividi. Ora ci sono due settimane per Delio Rossi per cercare di capire quale, di tutti gli esperimenti tattici e di uomini fatti, è quello più consono al gruppo a disposizione. Mi inquieta un pò quella frase del tecnico che dice: “Non sappiamo gestire le situazioni”: che alla squadra, ad esempio, in mezzo manchi qualità è evidente. Ma manca anche l’esperienza, la guida. E senza caricarlo di attese troppo grandi, credo che Maresca, potrebbe, in questo senso essere utile:chissà, magari con qualche calcio piazzato . Ah, domenica saranno 20 anni che Paolo Mantovani ci ha lasciati: ho letto polemiche anche su come la società lo ricorderà( e mi sembrano, invece, iniziative degne e importanti). Lasciamole davvero perdere le polemiche su questo argomento. Ed onoriamo il ricordo di un Presidente che ha reso grande la Sampdoria e fatto felici i sampdoriani. E che, ne sono sicuro, da lassù soffre a vedere i colori blucerchiati li in fondo alla classifica. Ma sa benissimo che il “suo” calcio, fatto di passione ed anche di amicizia(come non ricordare i rapporti con Luzzara che portarono a Genova gente come Vialli e Lombardo?)proprio non esiste più.

375 Commenti

  1. bongo ha detto:

    Glick entra scomposto su eder, lo travolge senza manco sfiorare il pallone, e il rigore è generoso! Vabbè… secondo me tra bologna e torino avremmo meritato 4 punti in più, e la classifica non sarebbe così brutta. Giusto quanto dice Lazzara sulle polemiche sulla giornata per Paolo Mantovani… si rovina pure il ricordo del Presidente solo per menarla che non si è costruita una squadra come si deve… come se non si leggesse già abbastanza in giro.

    • peter ha detto:

      Infatti è Eder che si mette davanti a Glik cercando il fallo, se uno ragionasse con onestà intellettuale evitando di fare il bastian contrario per crearsi un personaggio darebbe un apporto migliore alla discussione: Eder ha il merito di aver cercato il rigore e di aver buggerato l’arbitro.
      Ma questo non cancella il fatto che la partita è stata condizionata a sfavore nostro.

      D’accordo invece sul discorso relativo alla memoria di Mantovani: non merita di essere strumentalizzato contro la dirigenza attuale.

      • gianni ha detto:

        Però scusa, cercare un rigore è ben diverso dal simularne uno; Eder protegge il pallone, Glick, invece di limitarsi a stargli addosso e impedirgli di girarsi, gli dà una ginocchiata sulla schiena; se mi dici che non sarebbe stato scandaloso non fischiarlo ok, se mi dici che non vedeva l’ora di fischiare pure ma che sia un rigore inventato proprio no.

        • bongo ha detto:

          Cosa stai dicendo??? Sono io che non sono intellettualmente onesto e cerco di fare il bastian contrario per crearmi un personaggio!!! Meraviglioso no???

          • peter ha detto:

            2 risposte di cui una a scoppio ritardato…questo è meraviglioso

          • bongo ha detto:

            peter… meraviglioso semmai è che tu non sia riuscito ad immaginarti che magari ho smesso di scrivere per ricominciare a lavorare, e ho ripreso e commentare 5 ore dopo!

      • bongo ha detto:

        Onestà intellettuale… bastian contrario… crearsi un personaggio!!! Ma dai! Oppure, più semplicemente, mi ricordo solo che una volta i dotti del calcio dicevano “è stato bravo a mettersi tra la palla e l’avversario, contatto inevitabile, è fallo”. è cambiato qualcosa nel regolamento e io ne sono all’oscuro?

        • peter ha detto:

          Per Gianni e Bongo: infatti concordo con la definizione di Andrea, “rigore generoso” che come dice Gianni non vedeva l’ora di fischiare…il replay fa vedere che lo ha fischiato immediatamente senza esitazione, quasi una liberazione.
          Simulazione e’ altra roba…invece c’ e’ il contatto cercato in modo scaltro da Eder.
          Io comunque rigori di questo tipo non li fischierei mai, me lo fischiassero contro sarei furibondo, ma bravo Eder a cercarlo.

      • Stefano_1970 ha detto:

        Una piccola sfumatura… Eder é stato antisportivo perché ha simulato, i giocatori del Torino sulla rete annulata non ci hanno messo niente di proprio…

        • bongo ha detto:

          Certo che per dire che un giocatore travolto da una ginocchiata di un avversario abbia simulato ci vuole… ci vuole… non lo so cosa ci vuole, ma di sicuro ci vuole qualche brutto difetto. Che gente…

          • peter ha detto:

            Nessuna simulazione ma rigore generoso; però devi smetterla di apostrofare in modo spregiativo chi la pensa diversamente da te: ognuno ha il diritto di esprimere la propria idea che ha valore e dignità pari alla tua anche se ritiene di parlare dal pulpito.
            Rispetta se vuoi essere rispettato.

          • Stefano_1970 ha detto:

            @ bongo
            Mi tengo “il brutto difetto” e mi permetto anche di elargirti un consiglio:
            Le fette di salame toglile dagli occhi e preparati un buon panino.

          • bongo ha detto:

            peter oltre a cercare qualcosa da ridire anche sull’ora della pubblicazione dei miei commenti, tralasciando ovvie risposte che invalidano le tue allusioni, ti sembra anche il caso di difendere uno che pubblica un commento come quello di stefano? Allora senti questo: se a un mio moderatissimo commento del tutto privo di provocazioni e termini dispregiativi verso chiunque come quello del 07/10 alle 00.33, mi rispondi scrivendo ” …se uno ragionasse con onestà intellettuale evitando di fare il bastian contrario solo per crearsi un personaggio ecc ecc…”, mi stai lasciando il diritto di esprimere le mie idee? A me sembra più che mi stai “apostrofando in modo dispregiativo”. Io alle persone rispondo a tono, se vuoi toni bassi, con me è sufficiente che li tieni bassi. Non predicare rispetto proprio te… è grottesco.

          • peter ha detto:

            “che gente” nella tua forma mentis è un complimento ?
            sei tu che hai alzato i toni, io agisco di conseguenza !
            🙂

          • andrea.lazzara ha detto:

            L’ho già scritto. Smettiamola con beghe personali, ripicche, “sei tu”, “no sei tu”. Capisco che qualcuno, da una parte o dall’altra, in questo momento possa sentirsi offeso, tirato in causa se un “contendente” dell’altra sponda “ideologica” usa certe parole o espressioni. Ma questo non è il terreno di scontro per poche persone: si chiama Samplace, si dovrebbe parlare di Sampdoria tra sampdoriani. O no? Quindi, cerchiamo di mantenere questa linea. Grazie a tutti (ps ho scritto dopo questo messaggio di Peter solo per…comodità di risposta nel sistema del blog)

  2. New York ha detto:

    Meglio che distolgano l’attenzione , festeggiando Mantovani piuttosto di vedere quello che hanno combinato quest’anno.
    IL PESCE PUZZA DALLA TESTA>

    • bongo ha detto:

      Oppure… meglio che si festeggi chi se lo merita, festeggiando come sanno fare i sampdoriani.

  3. peter ha detto:

    Io non mi sento di criticare la Samp ieri: la partita e’ stata completamente viziata da una decisione di una gravita’ inaudita, ci hanno tolto 3 punti.
    Poi che questa squadra sia priva di qualita’ e personalita’ lo sappiamo bene ma ieri ci hanno danneggiato.

    Farsi sentire contro il palazzo ? ma chi deve farsi sentire ? non viene nemmeno allo stadio in una partita delicata come quella di ieri perche” ha altri impegni e ci aspettiamo pure che protesti contro il palazzo ?

    • bongo ha detto:

      Ecco… se c’è una cosa che mi da fastidio della società è il non farsi mai sentire. Ieri ci hanno tolto due punti, ma anche a bologna ce li hanno tolti, e se fossimo a 7 punti ora, il clima e l’ambiente sarebbero di tutt’altro livello. Cmq a pensarci bene, è inutile farsi sentire… braschi ha già messo le mani avanti dicendo che gervasoni ha fatto bene in quell’episodio!!!

      • Lollo ha detto:

        Sono d’accordo con te…. non so quanto serva fare la voce grossa.. il campionato è un marciume senza fine ( adesso non vorrei essere tacciato di disfattismo oppure che saltasse su qualcuno a dire”V fuori le prove ” ) tra sudditanze varie, scommesse, anticipi/posticipi posticipi dei posticipi , di vero c’è ben poco

      • peter ha detto:

        tolti 3 punti: 2 direttamente a noi e uno regalato a una diretta concorrente.

    • bongo ha detto:

      Ps non era allo stadio a causa di ritardi su linee aeree, e cmq era in Romania a curare gli affari che permettono alla Samp di tirare avanti.

      • peter ha detto:

        O meglio che permettono di tirare indietro visti i risultati imbarazzanti che da quando è entrato a gestire la Samp in prima persona sta ottenendo.

      • daves ha detto:

        alla samp di tirare avanti? ahhhhh……..soldi dalla erg ne escono ben pochi mio caro, e qlli che sn stati messi stanno rientrando……

  4. bisciagoal ha detto:

    Hai ragione da vendere, Andrea, nel sostenere che il calcio di una volta ormai non esiste più….se ne è andato con i presidenti come Paolo Mantovani, ma non solo..parliamo di quelli di provincia alla Rozzi, alla Anconetani..gente che con pochi soldi ma tanta PASSIONE e , sottolineo COMPETENZA, riuscirono ad ottenere risutati impensabili per piazze come,e Ascoli e Pisa….
    qui purtroppo ci ritroviamo in una situazione opposta: i soldi ci sono, in qualche misura vengono anche spesi…MALISSIMO..da “figuri” di un’incompetenza mostruosa…di passione vera neppure a parlarne..si parla solo di bilanci, si perde tempo a parlare di uno stadio nuovo che francamente non interessa a nessuno…e si lascia che questa squadra sprofondi negli abissi…con una programmazione o per meglio dire di una non programmazione fatta di assoluta assenza di testa e di cuore…ripeto, esattamente l’opposto di quello che fu il grande e compianto PAOLO MANTOVANI!

  5. Daniele da Rapallo ha detto:

    Caro Andrea, alcune considerazioni.
    Vere le questioni arbitrali : resta da vedere se nel secondo tempo abbiamo preso 2 pere perchè i giocatori giocavano imbufaliti o se hanno avuto il solito calo. Unica cosa positiva che hanno segnato 2 goal in casa.
    Deleterio è per i giocatori cambiare continuamente modulo : speriamo che ci si stabilizzi su questo pur con un centrocampo di scarsa qualità (come gioca centrocampo, gioca squadra).
    Non mi leva dalla testa nessuno che qualcosa sia successo e che la famiglia abbia cambiato i piani di investimento, attendo una risposta da te, Andrea, se per caso ti è giunto qualche rumors.
    Resta da vedere se abbiamo un DS poco capace a prescindere o si rivela poco capace perchè gli hanno ulteriormente ridoto il budget.

  6. Renzo ha detto:

    Ieri è iniziato il campionato della Samp. E’ un inizio ad handicap perché siamo a -10 dal Verona, -6 dal Torino, -5 dal Livorno, -4 dal Cagliari, -2 da Genoa e Catania e -1 dal Chievo; siamo in compagnia di un disastrato Bologna e a +1 da un comunque combattivo Sassuolo. Ho citato le squadre che, secondo me, sulla carta, sarebbero alla nostra portata. Col Toro doveva essere una vittoria, abbiamo rischiato di nuovo di perdere e alla fine è stato un brodino di un punto tanto per muovere la classifica. La prestazione è stata generosa evidenziando i noti limiti; secondo me è inutile stilare un pagellone di chi ha fatto meglio o peggio. Il primo tempo è stato equilibrato e siamo riusciti a fare due goal (assurdo annullare il secondo), ma quello che come al solito, fa cadere le braccia è la mancanza di personalità per come si è gestito il secondo tempo. Si doveva chiudere la partita e invece non c’è stato un solo tiro in porta. Spero che Rossi decida una volta per tutte il modulo e soprattutto una formazione base su cui contare, tanto è inutile che ci incazziamo i giocatori sono questi.

    • danilo ha detto:

      Lascia stare il Cagliari,e il torino che sono di un’altro pianeta. Abbandona pure l’idea catania e genoa perche’ se pur con giocatori d’esperienza o vecchi come li vuoi chiamare pe quest’anno si salvano tranquilli. Il verona è la classica sorpresa per le neo promosse. Delle 3 è quella che si salva sicuro.
      Impensabile che retrocedano tutte e 3. Quindi fatti i conti rimaniamo noi, il livorno, il chievo,il bologna e il sassuolo. 5 per 3 posti.

  7. Fabiosamp ha detto:

    Ciao Andrea,
    D’accordissimo su tutta linea…voglio solo aggiungere un elemento di discussione in più.
    Dopo la vergognosa farsa di gervasoni sul gol di pozzi e stata sbagliata la reazione,ora dico anche con gli amici allo stadio pensavamo appena uno dei nostri cade in area da rigore…( cosa successa poi al 90).
    Il problema e che in area non ci siamo più entrati…manca a questa squadra insieme all’esperienza anche la malizia infatti superata la rabbia per il gol annullato ingiustamente bisognava sfruttare la situazione psicologica Dell’arbitro a nostro favore e cominciare il 2 tempo a testa bassa ed entrare in area il più possibile….
    La poca malizia di questa squadra e poi venuta fuori in maniera disarmante anche dalle parole di palombo che ha quasi ha giustificato l’operatore di gervasoni e gl ha addirittura stretto la mano in camp prima di rientrare negli spogliatoi…
    Detto questo le tre punte a me sono piaciute per lo meno diamo una parvenza di pericolosità per il resto i limiti continuano ad essere evidenti.
    Il nostro vero campionato e cominciato con un punto speriamo che le prossime 4. Vadano diversamente anche perché se no per fare 40 punti c’è ne servono due interi di campionati.

  8. luca ha detto:

    Scusa Andrea ma come non accorgersi che questa squadra oltre ad essere stata costruita male è palesemente abbandonata a se stessa !!!!!! non è mai capitato che dopo 7 giornate si debba già valutare almeno 3 incredibili errori a ns sfavore e SENZA che NESSUNO della Società abbia alzato la voce( ma non sui giornali ma dove c’è da alzarla!!!!!!) del resto se Osti si presenta con la sua solita verve (sembra……lasciamo perdere) o il Dott. Sagramola invece di fare conti su conti su conti pensasse un pò di più alla squadra e come proteggerla (vero DIRETTORE ?) , siamo seriamente candidati a retrocedere , purtroppo è ormai eveidente, cis ono giocatori che sono stati sopravvalutati (Obiang, Kristicic, Gabbiadini ) ed anche noi tifosi abbiamo le nostre colpe ! se ci offrono mln 10 per Obiang ? mandiamolo pure, se ci offrono qualcosa per Kristicic idem a patto che questi soldi vengano reinvestiti SUBITO!!!!! e con Giocatori con la G maiuscola , abbiamo pazientato già troppo noi tifosi e per l’ennesima volta come tutte le volte pazienteremo ancora (per il bene della nostra squadra) ma questa sarà l’ultima volta (sia che si retroceda o ci si salvi) ieri in gradinata MOLTE erano le voci di gente delusa, sosrpresa da un atteggiamento che non ci saremmo mai aspettati da un Presidente che dice di essere Samdoriano , che fà grandi propositi in TV e promesse da marinaio !!!!!!!!! ecco la più grande delusione !!!! lo devi dire in televisione Andrea ! non è tanto la situazione della squadra, la confusione del sig Rossi, l’incompetenza del duo Sagramola/Osti che ha deluso , quanto il non amore del nostro Presidente !!!!!!! e non mi si venga a dire che deve rispettare i conti perchè questo è un alibi, una cosa ridicola che non regge !

    • Marco ha detto:

      Bravo Luca. sei uno dei pochi che trova l’onestà di definire sopravvalutati i nostri giovani tipo kristicic e obiang. Io invece ho anche trovato sottovalutato Poli dato via per 2 euro e un Salamon nemmeno in grado di costituire alternativa a Mustafi.
      L’unica mia remora nel venderli, magari a buon prezzo per la Samp, sarebbe la certezza che la società non investirebbe tutto il ricavato, o peggio che ci proporrebbero contropartite tecniche discutibili.
      La confusione del sig. Rossi, è dovuta al fatto che per accettare certe operazioni sulla squadra s’è fatto raddoppiare lo stipendio. ha passato il precampionato a dire che Regini va bene sulla sinistra e ora è in confusione????ce lo faccia giocare. ad agosto non aveva dubbi. I pochi “cretini “(come me) che si indignavano per una squadra che non ha nemmeno avuto la forza di tenere Munari (mica Pirlo) passavano ad agosto per disfattisti.
      Ora speriamo che anche quest’anno si riesca a far le nozza coi fichi secchi, resta il fatto che il valore della rosa è davvero basso.

  9. Crovo ha detto:

    Su questa partita io sospendo completamente ogni tipo di giudizio su squadra e allenatore.

    E’ stata totalmente falsata dall’arbitro, ai limiti dell’errore tecnico.

    Ritengo quindi che, se non per regolamento, almeno per buon senso andrebbe addirittura rigiocata.

  10. El Cabezon ha detto:

    Ciao Andrea condivido al 100% la tua analisi…
    Alla fine prendiamoci questo punticino che per come arrivato è un mezzo miracolo, una sconfitta sarebbe stata devastante per un ambiente che già dopo sette giornate avverto quasi come sfiduciato e rassegnato, si fanno mille bellicosi proclami in settimana, si va a Bogliasco alla vigilia e poi la domenica quello che dovrebbe essere il 12°uomo in campo latita…mah…
    Sulla partita pesa ovviamente come un macigno la dabbenaggine di Gervasoni…buon senso questo sconosciuto…
    Chiusura su Rossi: ho la bruttissima impressione che il mister stia andando un pò in confusione, troppi moduli e troppi giocatori che cambiano di settimana in settimana, speriamo che la sosta porti un pò di lucidità anche al mister…

  11. Dorianodoc ha detto:

    Caro Andrea per quanto riguarda il fatto di farsi sentire in Lega, è fin troppo evidente la scarsa per non dire nulla considerazione dei garroni in quella sede. Pensi che tutte le pagliacciate fatte all’epoca della vicenda Cassano siano passate come acqua corrente? Pensi che la varie dichiarazione dei garroni non abbiano lasciato strascichi? Non pensi poi che la “politica” garroniana di ridurci al ruolo di un Siena o di un Bari o un Cesena, ci faccia “contare” come quelle società lì? Applaudite garrone quando riduce il Doria a una squadretta di provincia, ma poi non lamentatevi quando in Lega o in Federazione non contiamo una beata cippa. Per quanto riguarda la commemorazione dell’Unico Vero Grande Presidente vorrei che non fosse fatta da questi personaggi. E non voglio aggiungere altro…..

    • andrea.lazzara ha detto:

      E se non fosse fatto nulla, secondo te, cosa si direbbe? E secondo te, qualunque delle società da te citate non dovrebbe essere tutelata esattamente come le altre?

      • Dorianodoc ha detto:

        Andrea, mi sembra ovvio che tutte le società debbano essere trattate nello stesso modo, ma allora cosa si intende “farsi sentire in Lega”? Vogliamo anche parlare del rigore su Eder? Sulla commemorazione di Mantovani vorrei che certi personaggi non ci mettessero sopra il cappello. Paolo era l’Unico, questi sono un………..

        • andrea.lazzara ha detto:

          I tifosi lo ricordano, sempre e da sempre(mi vengono in mente anzi, ve le ricordo, le belle iniziative del Gloriano Mugnaini dell’amico Maurizio Lavagna), quest’anno è un anniversario particolare e la società di cui Paolo Mantovani è stato Presidente ha deciso, doverosamente, di ricordarlo con una serie di iniziative. Ora, va bene contestare perchè la squadra ha dei limiti, perchè i sogni sono in questo frustrati, va bene tutto e liberi tutti. Ma anche su questo, perdonami, ma mi pare fuori luogo.Ciao

          • Dorianodoc ha detto:

            Certo che lo onorano proprio bene!!!!!!! Con una squadra RIDICOLA (anche per la B) e con una retrocessione più che annunciata. Proprio un bel modo di ricordarLo…………

    • gianni ha detto:

      Fantastico come persino l’errore arbitrale che stava per costarci la sconfitta (ma probabilmente è proprio il fatto che sia sfumata all’ultimo ti ha fatto cosi’ imbestialire) venga usata per dare addosso alla società; sintomatico poi l’accenno a Cassano, l’unica ragione che ti abbia spinto a simpatizzare Doria e la cui cacciata (fosse successo solo qui…) ha scatenato le tue ire.

      • Dorianodoc ha detto:

        La cacciata di Cassano, carissimo Gianni, ti ha portato a giocare da Brema a Gubbio. Grazie ai garroni che ti hanno portato Maccarone e Macheda. Ma tu sei un “vero” tifoso e preferisci perdere a Nocera (per giunta Inferiore)!!!!!!!!!!

        • gianni ha detto:

          Ops…Toccato un tasto dolente? Nella tua ricostruzione per niente faziosa Cassano si è comportato sempre in maniera esemplare? E non dico solo qui ma a Roma, Madrid, Milano su entrambi i fronti? Da quelle parti non è stato cacciato a pedate perché non lo sopportava nessuno? Ah no, dimenticavo, a genova è stato vittima di un complotto; a sua insaputa peraltro visto che ha passato le ultime tre estati a cercare di convincere chi lo aveva cacciato e chi aveva offeso a riprenderlo.
          Pensa, voleva tornare con l’odiato Garrone….

        • gianni ha detto:

          Aggiungo; meno male che dici di non essere chi dico io; stesso messaggio, stessa risposta persino nella scelta delle città citate e stessa battuta…

        • bongo ha detto:

          Il vero tifoso non preferisce perdere a Nocera.. al vero tifoso non interessa dove si perda o dove si vinca.

          • Dorianodoc ha detto:

            Ai “veri” tifosi come te e qualche altro fenomeno interessa perdere. Cantare, fare le scooterate, scrollarsi un pò di birre e poi anche se perdi a Nocera chissenefrega. Bravi!!! Garrone è il presidente giusto per voi………..

          • andrea.lazzara ha detto:

            Ma davvero qui dentro c’è qualcuno che pensa che qualcun’altro “goda a perdere”? E lo dico in entrambi i sensi, nel senso di chi è comunque felice perchè è la Samp che gioca, anche se perde(ma sono sicuro che gli gira come non so cosa…) oppure di chi spera che perda per dire che è tutto sbagliato tutto da rifare?

          • Paolo1968 ha detto:

            A parte che trovo ridicola la definizione di “vero tifoso”… ma al “vero tifoso”cosa interessa?

          • gianni ha detto:

            poi, naturalmente, ci sono i veri tifosi di altre squadre e occasionalmente tifosi della Samp ma solo quando c’era un giocatore; cacciato quello, bisogna vendicarlo.

          • bongo ha detto:

            Paolo1968: anche io non uso la definizione “vero tifoso”. Rispondevo solo a Dorianodoc usando il termine che ha usato lui, per fargli capire che se sei un tifoso non dovrebbe preoccuparti così eccessivamente dove si gioca. Rispondendo alla tua domanda, se la definizione di tifoso è questa “il tifo è un fenomeno sociale per cui un individuo o un gruppo di individui si impegnano a sostenere con vivo entusiasmo un concorrente o una squadra in una disciplina sportiva.”, credo che al tifoso la cosa che dovrebbe interessare di più dovrebbe essere sostenere la propria squadra, nel bene e nel male.
            Per Dorianodoc: primo non ho mai detto che mi interessa perdere e non ho mai dato modo di pensarlo, secondo si, mi interessa cantare ma purtroppo vado in tribuna superiore e se canto attiro attenzioni e non mi piace, terzo non ho mai fatto una scooterata, quarto non bevo birra, cinque mai scritto o detto che non mi fregasse di aver perso a nocera, e infine si, Garrone è il presidente giusto per noi, per la Sampdoria aggiungo io.
            Per Peter: Peter dove sei? Dorianodoc mi sta apostrofando in modo dispregiativo, non gli dici niente???

      • doria65 ha detto:

        E naturalmente tira fuori il rigore regalato su Eder: è questo che l’ha fatto realmente imbestialire… Mi stupisco che non dica che a termine di regolamento Gervasoni ha fatto bene (ma magari, anzi sicuramente, lo pensa…)

      • Sergin ha detto:

        Io in questo la penso come lui, e con trent’anni di abbonamento sulla schiena simpatizzante me lo puo’ dire giusto Tirotta.
        Siamo gli zerbini della serie A questa e’ la verita’, neanche alla proprieta’ sembra che interessino i risultati della squadra, figuriamoci come il ‘palazzo’ ci tutela. Questo ieri come a Maggio nella sfida disperata x la salvezza (sempre che in quel periodo si sia ancora in corsa)
        Credimi sono sampdorianissimo, ma ieri sono uscito con un dolor di cuore infinito, questo non e’ un campionato, e’ un’agonia, un accanimento terapeutico, probabilmente rimarremo in corsa solo x la pochezza di altre squadrette come Chievo Bologna e Sassuolo, e se anche ci salvassimo, cosa che comunque li’ x li’ mi farebbe felice, che annata sarebbe la prossima ?? Cosa si vendono ancora i pali della porta ??

        • gianni ha detto:

          Bravo, metti le mani avanti; se ci salveremo sarà perché gli altri sono peggio o perché ci siamo comprati le partite, come diceva qualcuno lo scorso anno.

        • bongo ha detto:

          Quando il nostro obiettivo è la salvezza, e il raggiungimento di tale obiettivo “ti farebbe felice lì per lì”, la dice lunga su come ragioniate. Essere così negativi e catastrofici già è brutto, ed essere abbonato da 30 anni, è solo un’aggravante, perché vuole dire che da Mantovani non hai imparato nulla. Finchè i tifosi della Samp canteranno non ci saranno problemi per il futuro… è un bel casino allora, meglio che mi rimangio tutto. Fai bene a fare il pessimista… infatti i tifosi cantano sempre meno e si preoccupano sempre più di fare striscioni ridicoli e di sostituirsi a dirigenti e allenatori!

          • Sergin ha detto:

            Stai tranquillo che sarei ben contento di salvarci, diciamo che prestazioni come il secondo tempo di Domenica dove in una partita decisiva dentro-fuori ci siamo fatti infilare a ripetizione dal Torino (non dal Real Madrid) inducono al pessimismo ed alla rabbia, per me ben piu’ dell’operato dell’arbitro.
            Poi certo a mente fredda si ragiona, si vede che qualche piccolo miglioramento qua e la’ c’e’, che altre squadre valgono quanto noi e quindi ce la si puo’ quantomeno giocare, che probabilmente il presidente interverra’ a Gennaio x evitare il bagno di sangue del 2011, diciamo che si puo’ provare a sperare, sperare, sperare, sperare, sperare ….

          • bongo ha detto:

            Beh… ben felice è già altra cosa rispetto a felice li per li. Sul secondo tempo di domenica credo abbia influito molto l’errore di gervasoni… ha innervosito e tolto fiducia a una squadra giovane, e ha dato coraggio a una squdra ben più navigata.

    • bongo ha detto:

      Se non organizzavano niente, giù con le critiche… visto che hanno organizzato, allora, giù con le critiche.

      • Paolo1968 ha detto:

        Che la società organizzi la commemorazione del grande Paolo mi va benissimo, anzi fa loro molto onore. Dopotutto i successi straordinari di Paolo erano anche targati ERG.
        Mi intristisce invece ciò che è stato propinato ieri: siam passati dal vedere i gol di Vialli e Mancini al gol di Loris Boni del ’73 che ci ha salvati…. oltrettutto poco “elegante” la carrellata di gol fatti al Toro…
        Una celebrazione di successi da misci…

        • bongo ha detto:

          Anche a me ha dato un po’ fastidio…

          • Paolo1968 ha detto:

            Sfrutto questa per rispondere a quanto hai scritto prima:
            “credo che al tifoso la cosa che dovrebbe interessare di più dovrebbe essere sostenere la propria squadra, nel bene e nel male”.
            Certo, condivido e sottoscrivo.
            Questo non mi impedisce di vedere che il mio più amato bene (calcistico), che sostengo nel bene e nel male, sia molto mal gestito in questo periodo dal presidente e soprattutto dai suoi collaboratori più stretti.
            Facendo un paragone sciocco che spero non offenda nessuno: se io son cattolico credente e praticante non sono tenuto a negare quanto di “sconveniente” si imputa alla Chiesa, no? Lo ha fatto pure il Papa….

  12. Bulgaro ha detto:

    A parer mio la quadra sul modulo e` quella di ieri, ora si tratta di aggiustare gli interpreti, mettere i difensori nel loro ruolo (Gastaldello al centro, Mustafi a destra e Costa a sinistra) togliendo Palombo dietro che a fronte del compitino fa` delle cavolate assurde tipo il rigore che un difensore di ruolo non farebbe e abbinare bene gli attaccanti (vedrei bene Sansone ed Eder ai lati di Gabbiadini o Pozzi) e i centrocampisti (io insisterei su Krsticic e Obiang, anche il greco che e` stato interessante nel primo tempo).

    Sul carattere, beh e` strana la cosa, e` vero che dopo il gol annullato qualcosa e` scattato nelle teste dei giocatori, ma anche la forza di recuperare per la 3a volta dice che tutto sommato qualcosa ce l’hanno da dire …. li e` Delio Rossi a dover lavorare bene sulle teste, togliere i vittimismi e le scuse e farli concentrare solo sul giocare la singola partita.

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      Bulgaro concordo su tutto. la difesa c’è ed è buona. mustafi se lo si lascia credere diventerà un signor difensore, gasta è un centrale da sempre e costa un buon difensore. palombo va bene per le emrgenze dietro. hai poi regini e salamon. secondo me è il reparto migliore messi nei ruoli giusti. anche il greco può crescere. secondo me e credo secondo quasi tutti manca un esterno mancino e un trequarista di qualità. due innesti così e si vedrebbe un altra squadra con i suoi giovani valorizzati. sul resto non scendo più in polemica su nulla eccetto su una dovuta risposta a Bongo. io non contesto Garrone e la squadra o il mr, tantomeno squadra e mr anzi faccio e affermo il contrario ma credo anche che da abbonato da 25 anni e tifoso abbia il diritto ad essere deluso da Edoardo garrone solo per il fatto che alle dichiarazioni ormai più volte non sono seguiti i fatti. ci avesse detto: ragazzi più di una squadra giovane di ragazzi promettenti e scommesse non si può fare o non vogliamo fare. si lotterà con altre 4 o 5 squadre per salvarsi. la delusione sarebbe stata uguale ma il rispetto per le posizioni chiare altrettanto. sinceramente in questo sono deluso come ha deluso la politica di questi 3 anni. credo che bastasse poco di più per fare contenta la maggior parte della tifoseria con due arrivi da discreta serie A. se una società con 20000 abbonati non riesce nemmeno a portare uno o due buoni mestieranti di A permettimi di essere perplesso e critico. non vorrei essere troppo pretenzioso e chiedo scusa se la cosa ti urta.

      • Bulgaro ha detto:

        Certamente i ruoli che hai indicato tu sono sicuramente i piu critici, ma anche cosi, con il tridente, si può fare una figura dignitosa, il problema è che abbiamo già buttato al vento 7 giornate.
        Io sono d’accordo in linea di massima con l’idea che proponeva la societa di investire sui giovani, solo che mi aspettavo dei giovani di grandi prospettive tipo Iturbe o Jorginho del Verona per capirci, non tutti giocatori con buon fisico, buona corsa e piedi pesanti. L’unico giocatore con i piedi buoni che è stato preso è Gabbiadini, che sono certo sia un giocatore destinato a far bene, nonostante sia giovane coi suoi alti e bassi, ma si finisce li.
        Sinceramente non so quanto la colpa sia del presidente e quanto dello staff tecnico, io credo che i giocatori li abbiano concordati, quindi la scelta di calciatori fisici l’ha fatta l’area tecnica probabilmente con una certa idea di gioco che si è rivelata meno adeguata di quello che si sperava, il problema è che se le cose vanno male, un giocatore con i piedi può risolverti i problemi, ma non ne abbiamo pochi.
        Io sono convinto che piu che mettere l’esperienza in campo, a noi servano i piedi buoni e quelli ce li hanno solo Sansone, Gabbiadini ed Eder, per questo è fondamentale giocare con 3 punte, in attesa di porre rimedio a Gennaio con un paio di innesti di qualità.

  13. Daniele da Rapallo ha detto:

    Ma Palombo perchè lo fanno parlare ? Fa delle dichiarazioni veramente tristi.
    Triste la campagna acquisti, triste Osti, tristi Sagramola ed il presidente…..persino lo sponsor sulla maglietta è triste : una scritta brutta e triste di un ente di scommesse, ma non c’ra qualche marca di qualcosa, anche salumi o formaggi o automobili o elettrodomestici….rivoglio la Phonola !
    Ma sto Salomon è così scarso o poco pronto…farò un salto al poggio per vedere se riesco a capirlo di persona…..

    • andrea.lazzara ha detto:

      La Phonola non esiste più da anni credo..:-)) Avevo anche il primo tv a colori della Phonola in casa…:-))))

      • Paolo1966 ha detto:

        Andrea, un aneddoto, mi sembra di ricordare che uno dei dirigenti della Phonola a suo tempo (dopo due anni di A o giu’ di li) avesse detto che la squadra era giovane e simpatica ma non vinceva.
        Pronti via Paolo il Magnifico cambio’ sponsorizzazione puntando sulla ERG. La ERG anche allora dava poco (un miliardo) ma Paolo il Magnifico la manteneva per scaramanzia visto che col marchio ERG cominciammo a vincere pesantemente.
        Ti risulta?

        • andrea.lazzara ha detto:

          ero un pivello però la storiella del dirigente Phonola l’ho sentita anche io. Ma gliene incolse, a posteriori…:-))

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        era una branch della philips. anche io ce l’avevo malgrado madre genoana))))

    • doria65 ha detto:

      Tristi anche i tifosi da tastiera…

  14. Paolo1966 ha detto:

    Ottima analisi.
    Che la squadra sia mediocre’ e’ evidente.
    Che ci sia confusione dirigenziale, gestionale tecnico tattica e motivazionale e’ altrettanto evidente.
    Siamo messi male, sara’ durissima e per salvarci ci vorra’ un miracolo o quasi.
    Pero’ in tutto questo caos deprimente e’ altrattanto vero che con gli arbitri non ne e’ girata una per il verso giusto.
    Se avessimo un paio di punti in piu’ (Bologna in particolare) sarebbe un’altra cosa. Ieri peraltro andare in vantaggio sul due a zero, con un gol di Pozzi, uno dei pochi trascinatori, avrebbe avuto un peso specifico notevole.
    Invece siamo sempre con un piede nell’abisso.
    Dici bene che a questo punto il Mister deve capire, in mezzo a tutti gli esperimenti e alla confusione chi sara’ utile e chi no.
    Peccato avere in questo momento un Pedro in netta difficolta’ e un Nenad tutto da verificare. Peraltro anche ieri il rigore e’ nato da un imbucata centrale di un difensore…

  15. Marco ha detto:

    sulle polemiche su Paolo Mantovani non entro. non sono informato e credo il suo ricordo viva nel cuore di tutti, a prescindere da cosa organizzerà questa pessima società.
    ieri il torto arbitrale è stato evudentissimo e assurdo, e il rigore( a me non pareva toralmente inventato…) non ha riparato un bel niente perchè sul 2-0 la storia avrebbe potuto essere un’altra.
    detto ciò, e nonostante i timidi miglioramenti, la salvezza non passa certo da Gentsoglu e Gavazzi peraltro autori di una buona prova. manca tanta qualità e ad esser sinceri il Toro che è una squadretta ha mostrato d’avere un gioco + armonico e organizzato. Noi abbiamo giocato sui nervi e con grinta, ma comunque a sprazzi. Il Toro ha condotto alcni bei contropiede e ha fatto girare palla meglio.
    veder entrare dalla panca del Toro Pasquale, onesto mestierante della fascia sinistra, mentre noi ci accontentiamo dell’impresentabile Barillà da la cifra di quanto siamo tecnicamente non all’altezza.
    Meno male che c’è Pozzi che ha un cuore grande così, mentre si pone il problema sul ruolo di Gabbiadini, troppi doriani l’hanno già dato per un giocatore fatto e finito mentre ancora si deve capire se è una prima/seconda/terza punta.
    resto dell’opinione che questo anno difficile poteva esser evitato con qualche acquisto all’altezza. vuoi vedere che Osti è come Sensibile solo meno chiacchierone?

  16. ale ha detto:

    Atalanta Sassuolo Lazio Catania Parma Udinese in casa 9-10 punti
    Livorno Verona Fiorentina Inter Chievo Napoli fuori casa 3-4 punti

    12-14 punti + 3 = 15-17 punti

    e non è ancora finito gennaio

    Il problema sarà trovare 3 squadre peggiori

    Poi bisogna fare un girone di ritorno da almeno 23-25 punti per salvarsi.
    Lo scorso campionato di questi tempi 7a giornata le ultime 3 avevano minimo 5 punti perchè il Siena che ne aveva 2 aveva recuperato il -6.

    Degli arbitri piloti è meglio non parlare ci si tappa il naso per la bandiera meglio sarebbe schifarsi del tutto e spegnere i riflettori su un campionato marcio sino al midollo!!

  17. Stefano_1970 ha detto:

    Premesso che Palombo ha fatto la frittata (ancora una volta) e che per non ballare con una difesa a tre é perlomeno auspicabile giocare con tre difensori passiamo alle note positive.

    Si é capito che Gabbiadini non é una punta centrale e si sta cercando un assetto in avanti che possa portare qualche risultato. Si sta capendo (anche x squalifiche/infortuni) che con 3 centrocampisti immobili non si puó giocare…ieri bene il greco.

    Due settimane per preparare la prossima sfida, altra partita determinante. Vediamo cosa si cambia….cosí non si va da nessuna parte….

  18. Alex ha detto:

    Ciao Andrea, d’accordo con te sull’importanza degli episodi arbitrali, ma credo che al netto di essi la squadra esibisca una fragilità psicologica che va di pari passo con la debolezza di quest’ultima. Siamo solo alla settima, ma sembra di rivedere da vicino il girone di ritorno di due anni fa e, se fino a qualche settimana mi rassicuravo di avere Rossi in panchina al posto di Cavasin, ora inizio a pensare che anche Delio non sappia che pesci pigliare.
    Per fortuna le altre in lotta con noi si attestano su livelli simili, ma non so se questo basti per essere ottimisti. Credo urga pensare fin d’ora ad una seria campagna di rafforzamento per gennaio, in modo da avere gli innesti pronti dal 2 gennaio (e non dal 30), e credo anche che si debba pensare di prendere giocatori in grado di aggiungere non solo qualità ma anche carattere.

    • andrea.lazzara ha detto:

      Ciao Alex, ho doverosamente premesso che gli episodi non sono la coperta di Linus di tutto quello che stiamo vedendo( o non vedendo). Però, insomma…. Tra l’altro leggo che Braschi ha sostanzialmente assolto Gervasoni per la decisione presa. Il buon senso nel calcio proprio non esiste più.

      • YumaS2001 ha detto:

        l’avesse fatto contro la juve ….. non arbitrerebbe più
        l’avesse fatto pro juve …. sarebbe una decisione fantastica
        l’ha fatto in sampdoria – torino ….. chissenfrega (dice braschi)

      • Luca Pavia ha detto:

        Coperta di Linus…?

  19. daddix ha detto:

    Ciao Andrea, è proprio vero! non esiste più la passione e non esistono più presidenti tifosi, compreso il nostro, che ha abbandonato lo stadio sull’1-2.
    La società è abulica! Dopo il torto arbitrale subito ieri (che ha del surreale) sarebbe stato giusto vedere Sagramola ai microfoni per dire basta a questi trattamenti vergognosi.
    Ieri ho visto ancora tanti “tifosi” abbandonare lo stadio prima della fine e sono sconcertato da un simile comportamento. Ma che razza di tifosi sono!
    Ormai rassegnamoci a dover lottare tutti i campionati fino all’ultima giornata ma chi non se la sente stia a casa perchè la sua presenza allo stadio è solo controproducente.
    Condivido in pieno lo striscione esposto ieri dai Fedelissimi riguardo Garrone e non mi illudo affatto che a Gennaio arrivino acquisti di qualità. Abbiamo lacune evidenti in tutti i reparti e anche l’allenatore secondo me non è il gotha del calcio come tanti lo dipingono. Sono d’accordo su Maresca perchè potrebbe dare un apporto in termini di qualità che evidentemente manca. Sono solo perplesso per le sue condizioni fisiche.

    • andrea.lazzara ha detto:

      Ieri il Presidente non era allo stadio

      • doria65 ha detto:

        Grande….

        Lo criticano quando fa, quando non fa, quando fa ma non vorre fare e quando non fa ma vorrebbe fare

        Nell’ansia di criticare se lo inventano pure allo stadio quando non c’è e vedono uscire il suo fantasma prima della fine…

        Che tristezza, siamo come quelli là, e non avrei mai pensato di diventarlo…

        • Dorianodoc ha detto:

          Siamo come quelli là perchè ci hanno portato ad essere così. Anzi se li lasciamo lavorare in santa pace ci faranno diventare come quelli del Cesena o del Novara o della Reggina. Con calma……….

        • Fabiosamp ha detto:

          La smettessimo una volta per tutte con sta storia della razza superiore( ricorda tanto il motto di un noto tedesco degli anni 30 e 40), poi in una città dove tutti abbiamo parenti amici fidanzate mogli bibini quindi sveglia si siamo fatti anche noi di carne ossa e sangue cosa pensavi di essere robocop o e.t.?
          Sappiamo tutti che abbiamo un atteggiamento diverso da altre tifoserie che non è per forza ne migliore né peggiore…io ho sempre rispettatato tutte le tifoserie,anzi scusa tutti i gruppi organizzati,ognuno nella proprio modo di interagire con la propria squadra.
          Comunque se può aiutart i genoani dopo 4 anni così avrebbero già fatto delle contestazioni indicibili noi abbiamo signorilmente ingoiato in silenzio tolti pochi e sporadici episodi quindi eccoti la tua tanto agognata diversità se proprio non puoi farne a meno.
          Ricordati però una cosa nessuno mi può imporre di comportarmi nello stesso modo davanti a situazioni e persone diverse.
          Se in passato c’è stato qualcuno che ha dato una linea guida alla tifoseria( a volte esagerando in alcune ingerenze) ben venga ma questo non ci obbliga moralmente a tenere lo stesso comportamento che avevamo con un padre amorevole anche col patrigno.
          Che lo stile Sampdoria ritorni va partire dall’alto.
          Perché sai come si dice…IL PESCE PUZZA SEMPRE DALLA TESTA…

          • Doria65 ha detto:

            Non penso di essere superiore, figurati

            Fino a ieri pensavo di essere un tifoso più equilibrato nei giudizi calcistici della stragrande maggioranza dei tifosi genoani. Leggendo qua, capisco di essere in errore…

            Poi guarda anche io ho una marea di amici genoani, con cui mi sfotto giornalmente (è il bello della rivalità cittadina), ma nulla mi toglie della mete che sino a poco tempo fa la nostra tifoseria era di gran lunga più equilibrata sportivamente parlando. Che non vuol dire essere razzisti o nazisti, è solo un giudizio personale limitato al campo calcistico, tutto qui… Non troppo difficile da capire…

        • Paolo1968 ha detto:

          A parte la svista di Daddix, a parte le critiche pesanti dei fedelissimi e degli ultras tito oltre che quelle molto anonime e destinate all’oblio di noi poveri blogger…… a parte che molti confondono questo che è un blog con lo stadio o con chissà cosa….
          Io qua critico eccome, non vado allo stadio a far contestazione o polemica, per il semplice fatto che troverei più intelligente stare a casa. Ma vado allo stadio e soffro e tifo.
          Tuttavia faccio mia l’osservazione che ormai fanno in molti:
          non si critica ad agosto perché non è ancora finito il calcio mercato; non si critica a ottobre perché i ragazzi devono ingranare e i lamenti, poveri sventurati e sprovveduti, potrebbero intaccare la loro fragile psiche; non si critica a dicembre perchè… vedrai che col mercato di gennaio… non si critica a marzo perché non serve a nulla! Potresti demoralizzare i nuovi arrivati e gli altri che sono tutti fragilissimi!!! non si critica a giugno perché ormai quel che è stato è stato e siamo tutti in attesa di un mercato “frizzante”.
          E da settembre di un anno all’agosto dell’anno seguente sentire sempre qualcuno che mi parla di bilanci, di soldi, di autofinanziamento e che i tifosi devono stare uniti, che devono sostenere, che non devono criticare… Ossia girare la frittata su di noi, che in realtà non contestiamo mai, che non facciamo mai polemica seria (il blog non conta), che siamo sempre davvero uniti, che facciamo sempre 19/20000 abbonati, che applaudiamo quando la squadra retrocede dopo un anno di spettacoli pietosi.
          Devo sentire anche le prediche (mi riferisco alla società) perché mi permetto di dire che il buon Garrone spende molto male i suoi soldi in collaboratori e giocatori? I fatti dicono questo.

          Prenderla in quel posto ed essere felici sempre.

          • Daniele da Rapallo ha detto:

            Concordo in toto con Paolo 1968.
            Certo è vero che non c’è più il calcio a fondo perduto di una volta, ma non si può pretendere che il tifoso ed anche il semplice simpatizzante ragionino come una ditta parlando di bilanci e facendo i ragionieri. E’ anche difficile per il tifoso capire che una famiglia che ha messo tanti soldi ora voglia rientrare rischiando qualcosa, anzi troppo, cercando quell’utopistico (secondo me) pareggio di bilancio che forse potrebbe arrivare solo con uno stadio….forse.
            Se si vuole qualche risultato nel calcio i bilanci, per ora, vanno ancora a farsi benedire : poi sappaimo bene che non ci sono gli Abramovich ad aspettare di comprare la Samp e quidi ci dobbiamo accontentare ingoiando rospi enormi.
            D’altro canto Marotta a fare le nozze coi fichi secchi ci riusciva anche se la società ripianava sempre.
            Vero che i tifosi sampdoriani sono mediamente tranquilli ma non dimentichiamoci i caschi da moto volati in faccia ai giocatori all’areoporto se presi dall’esasperazione. Auguriamoci di non perdere altre partite più del dovuto, altrimenti tra i 20000 praticamente frodati in commercio qualcuno non sarà poi così superiore alle altre piazze. Ricordiamoci sempre che tutto il mondo è paese.

            E veniamo ad Osti :
            Non siamo noi, e nemmeno Delio Rossi, che per tutta l’estate hanno dichiarato che Regini è un’esterno sinistro o che affermavano che per noi Gabbiadini è un centravanti (o punta centrale) fermo poi rimangiarsi tutto. Se poi aggiungiamo questo silenzio assordante da parte della società, non solo per gli scandali arbitrali (che avrebbero in vero portato almeno 2-4 punti in più) ma per l’intera situazione allora …beh : ho paura che la pazienza la perdano anche i santi.

            Una statistica dice che dal 2005 chi è arrivato con 3 punti alla settima giornata non si è mai salvato; ergo speriamo in Gennaio, ma speriamo davvero !

          • Daniele da Rapallo ha detto:

            Concordo in toto con Paolo 1968.
            Certo è vero che non c’è più il calcio a fondo perduto di una volta, ma non si può pretendere che il tifoso ed anche il semplice simpatizzante ragionino come una ditta parlando di bilanci e facendo i ragionieri. E’ anche difficile per il tifoso capire che una famiglia che ha messo tanti soldi ora voglia rientrare rischiando qualcosa, anzi troppo, cercando quell’utopistico (secondo me) pareggio di bilancio che forse potrebbe arrivare solo con uno stadio….forse.
            Se si vuole qualche risultato nel calcio i bilanci, per ora, vanno ancora a farsi benedire : poi sappaimo bene che non ci sono gli Abramovich ad aspettare di comprare la Samp e quidi ci dobbiamo accontentare ingoiando rospi enormi.
            D’altro canto Marotta a fare le nozze coi fichi secchi ci riusciva anche se la società ripianava sempre.
            Vero che i tifosi sampdoriani sono mediamente tranquilli ma non dimentichiamoci i caschi da moto volati in faccia ai giocatori all’areoporto se presi dall’esasperazione. Auguriamoci di non perdere altre partite più del dovuto, altrimenti tra i 20000 che si sentirebbero presi in giro qualcuno non sarà poi così superiore alle altre piazze. Ricordiamoci sempre che tutto il mondo è paese.

            E veniamo ad Osti :
            Non siamo noi, e nemmeno Delio Rossi, che per tutta l’estate hanno dichiarato che Regini è un’esterno sinistro o che affermavano che per noi Gabbiadini è un centravanti (o punta centrale) fermo poi rimangiarsi tutto. Se poi aggiungiamo questo silenzio assordante da parte della società, non solo per gli scandali arbitrali (che avrebbero in vero portato almeno 2-4 punti in più) ma per l’intera situazione allora …beh : ho paura che la pazienza la perdano anche i santi.

            Una statistica dice che dal 2005 chi è arrivato con 3 punti alla settima giornata non si è mai salvato; ergo speriamo in Gennaio, ma speriamo davvero !

      • Fabiosamp ha detto:

        Chissà come mai quando siamo nella bratta sorgono sempre improrogabili impegni di lavoro domenicali,quando va tutto bene sempre li in prima fila a prendersi gli applausi.
        L’unica speranza e che fosse a vendere la Samp.

  20. Renato ha detto:

    Si potrà lottare su ogni palla, si potrà correre per 90 minuti per ogni gara disputata, si potrà mettere tutta la grinta che vuoi, ma in assenza di qualità sarà praticamente tutto inutile per scongiurare una retrocessione che ormai sembra già scritta.
    Può darsi che sul 2-0 ieri si sarebbe vinto, ma non c’è la controprova, anche perché il Torino ha dimostrato di essere migliore della Samp, anzi ho avuto l’impressione che nel I tempo non abbia affondato quanto invece sarebbe stato nelle sue possibilità.
    D’accordo che gli episodi arbitrali al momento ci vedono in credito ma con una squadra migliore si sarebbero ottenuti già altri risultati: molto probabilmente si sarebbe vinto contro il Bologna (per esempio).
    Resto dell’idea che anziché prendere 5 o 6 mezze calzette si sarebbe potuto puntare su un unico giocatore di talento e che per questo si possa già stabilire che la strategia societaria sia da definire fallimentare. Ne conviene?

    • YumaS2001 ha detto:

      se hai visto come era “adirato” ventura alla fine ti accorgi che il torino ha giocato al massimo delle sue possibilità.
      la sampdoria ha limitato le possibilità del torino.
      rossi sta inziando a trovare la quadra

      se gli arbitri favorissero la samp invece che danneggiarla, si vedrebbe un’altra classifica

    • bongo ha detto:

      Una retrocessione ormai scritta? Mamma mia… no comment.

    • Gipo Samp ha detto:

      Alle 5 – 6 mezzecalzette sono da aggiungere le numerose mezze già in rosa che non riescono a disfarsene. E’ la conseguenza della politica societaria del tetto ingaggi alla quale è direttamente proporzionale il costo del cartellino. Con 500mila euro di tetto massimo ingaggio puoi comprare solo gente del costo intorno al milione. Ad esempio De Silvestri uno dei pochi da serie A, è solo in prestito perché la Fiore chiedeva 2 milioni per l’acquisto. Altro esempio Zaza, di cui ho letto che la Juve gli ha fatto un quadriennale da 800 mila. Concordo che sarebbe meglio un giocatore di talento che costerebbe quanto 3 mezzecalze e renderebbe di più, ma la società ha scelto la politica dei giovani dal basso costo d’ingaggio…. e da serie B

  21. vincenzo ha detto:

    Quello che mi é rimasto impresso di ieri ?:
    a) il tabellone luminoso con il 2 a 0;
    b)il silenzio dello stadio e il crollo psicologico della squadra al gol del pareggio, quando ancora c’era tutto il tempo per rimediare e per incitare la squadra;
    c) lo striscione finale della parte sotto della Sud;
    d) Ventura che all’uscita dal campo catechizzava un suo giocatore per il disimpegno sbagliato che ha causato il rigore per la Samp;
    e) toto allenatori (mi auguro sinceramente che non serva): Gautieri
    Detto questo, malgrado tutto, bisogna stare vicini alla squadra e seguirla anche in trasferta oggi più che mai e in casa non abbandonare lo stadio prima che la partita sia finita, vedi derby, e ieri.. .
    Per la B: Catania, Chievo, Livorno, Sassuolo e Bologna.
    Tutti a Livorno e Verona!!

    Forza Samp

  22. peter ha detto:

    Andrea scusa se te lo chiedo, so bene che vi state sobbarcando tanto lavoro: Gradinata Sud e Cartellino giallo riprenderanno ?
    Io ne sento la mancanza.

  23. gianni ha detto:

    Se ieri il 2-0 fosse stato convalidato magari poi il Torino avrebbe recuperato ma magari no e allora si che ci sarebbe stato il crollo nervoso di quelli che tifano per lo sfascio e hanno tirato un mezzo sospiro di sollievo (mezzo perché se glick non fosse entrato come un carro armato su eder avrebbero potuto festeggiare pienamente); nel primo tempo il toro non ci ha capito nulla, nel secondo l’errore è stato quello di non reagire con rabbia al torto subito ma quasi con rassegnazione; d’altra parte se quando si segna i gol vengono annullati non per sviste ma con decisioni ridicole (vedi Trieste e il fuorigioco che non c’era per un paio di metri)…
    ps: quando palombo si accomoderà al centro della panchina sarà sempre tardi.

    • Fabiosamp ha detto:

      Certo Gianni quando hanno fischiato quel MACROSCOPICO rigore mi sono proprio incazzato anzi ci siamo tutti incazzati,gli unici felici erano una piccola élite di illuminati tifosi unti dal signore…le loro stigmate hanno cominciato a sanguinare per la gioia e mentre loro esultando ascendevano al cielo librando grosse ali bianche, noi bruciavamo nel fuoco infernale tra dolori lancinanti.

  24. Maraschi ha detto:

    L’avevo già scritto: gli ultimi venti minuti di Milano, con Petagna, hanno fatto capire che ci vuole una prima punta, meno male che se n’è accorto anche Rossi…Avevo anche scritto che Sansone trequartista non mi sarebbe dispiaciuto, e infatti…
    Quello che mi piacerebbe, visto che abbiamo un centrocampo d’interditori e non di costruttori di gioco, sarebbe una difesa a quattro e un centrocampo a tre, e non viceversa e dentro Petagna! Pozzi, pur essendo stato ieri importante (oltre al goal annullato in maniera assurda) fa casino, si fa ammonire e non dà garanzie dal punto di vista fisico.
    Forza Doria! Sono ottimista.

  25. Enrico ha detto:

    Questa squadra, allenatore incluso, ha vinto una (!) partita delle ultime venti (20!!) giocate,tra l’altro una “quasi-amichevole”.

    Tutto ciò fa pensare, o forse è un caso e occorre essere ottimisti? Vorrei sapere qualer squadra di serie A, ma anche B direi, se esiste, ha fatto peggio….

    Io continuo a sostenere che tutto ciò sia un insulto a tutto il nostro pubblico, che è molto allo stadio (settimi in Italia per abonamenti) ma è molto anche fuori, Genova, Liguria ed Italia comprese.

    Un insulto.

  26. Tifoso inca....to!!!! ha detto:

    ………..GERVA VS SONI 2-2………..

  27. bigrobby ha detto:

    Caro andrea, nelle tue disamine non tocchi mai palombo. Allora lo faccio io.
    Dopo l’anno della retrocessione lui non viene in b, cosa che ha fatto gastardello, e se ne va all’inter. Naturalmente capiscono che è un bidone e gioca venti minuti in sei mesi. Ritorna quando siamo in a ma ferrara, che non sarà un grande tecnico ma capisce di calcio, lo lascia fuori rosa. Arriva rossi e dopo un po’ lo reintegra, lo mette in difesa e per un po’ ci va bene. Nelle ultime partite, nove per l’esattezza, con lui in difesa prendiamo due o tre gol a partita. Quest’anno pur avendo salamon e regini, se non altro sono due difensori, palombo, o meglio angiolino come le nonne e le mamme amano chiamarlo, gioca ancora in difesa e con lui prendiamo due gol a partita, compresi i rigori che ha già causato. Dopo domenica mi auguro di non vederlo più e spero che altri la pensino come me. Il livello delle squadre è mostruosamente basso, ma almeno con una difesa che tiene potremmo avere qualche punto in più. Grazie per l’attenzione. Comunque vada, FORZA SAMP FORVERER

    • Rob from Ren Sen ha detto:

      “Dopo l’anno della retrocessione lui non viene in B, anzi se ne va all’inter”

      ….

      Ma che c***o dici?!! Lui in B ci è venuto, e ci è stato per 6 mesi, dopodichè la samp l’ha spedito all’inter senza neanche interpellarlo (se ti ricordi, ma dubito, nella conferenza stampa di presentazione all’inter aveva detto che non sapeva nulla e non se lo aspettava neanche, nè tantomeno aveva chiesto di essere ceduto)

      Poi, sul fatto che sia o meno uno scarpone, se ne può parlare (e concordo che ora come ora non dovrebbe essere titolare) però da lì a dire implicitamente che lui non sia attaccato alla maglia e che è scappato dalla B come un cannavaro qualsiasi, proprio NO.

    • Fabiosamp ha detto:

      Palombo in b ci è venuto eccome….

  28. Luca Pavia ha detto:

    Buongiorno a tutti.
    Detto in precedenza quel che si doveva dire sulla società, sulla non campagna acquisti e sul fatto che così non si ha futuro, non tornerei più sull’argomento.
    Da qui a Gennaio non cambierà nulla e, probabilmente nemmeno dopo… Quindi la soluzione ideale a lungo termine sarebbe che questa dirigenza cedesse la mano o trovasse qualche partner con un po’ di entusiasmo.
    Essendo quanto detto sopra di difficile realizzazione, parliamo di calcio giocato(?).
    Il tempo per gli esperimenti è finito, Rossi decida una volta per tutte che tipo di schema vuole usare.
    La difesa puo’ anche schierarsi a tre, ma per favore, togliamo Palombo dal campo, ogni percussione centrale, con lui, è un danno.. (vedi Ekdal, Benatia, Birsa e, ieri, Dambrosio).
    Quindi sposare Gasta al centro, Mustafi a destra e Costa/Regini a sinistra.
    Tale disposizione difensiva costringe pero’ De Silvestri a destra e Gavazzi (che un sinistro non è a dover coprire parecchi metri sulla fascia, dovendo spesso chiudere sulle diagonali..
    Secondo me, meglio sarebbe schierare la difesa a quattro con, da destra a sinistra:
    Mustafi, Gastaldello, Costa (Palombo-Salomon) e Regini.
    Quindi, partendo da questo assunto, centrocampo a tre con Maresca vertice basso e Kristicic-Obiang ai lati.
    Pozzi o Gabbiadini punta centrale e, a seconda dei casi, Eder e Sansone dietro o uno dei due tra le linee e l’altro ad agire da seconda punta.
    Mi rendo conto che potremmo essere un po’ sbilanciati in avanti, ma da qui in avanti, con i tre punti in ballo, occorrerà cercare di vincere più partite possibile, rischiando anche di perderle.
    E, naturalmente, Mister, gliel’avevo già detto: più coraggio, che diamine!
    Poi a Gennaio si vedrà.

    • flex ha detto:

      La penso esattamente come te.
      4-3-2-1
      Palombo è inguardabile, ma vogliamo spendere due parole anche su gastaldello, kristcic e obiang? Su maresca sono un pò perplesso e cmq credo che o giochi maresca o giochi kristcic (uno è l’alternativa dell’altro). Gli uomini potranno variare a seconda dello stato di forma e delle squadre che di volta in volta andremo ad affrontare, ma lo schema dovrebbe essere questo. Secondo me, ovviamente…
      Una considerazione su Da Costa: senz’altro non è un fenomeno, ma ieri è stato fondamentale. e cmq non è senz’altro il problema più grosso.

      Non pensiamo a gennaio, che è meglio.

  29. STEL ha detto:

    La Samp ieri nel primo tempo ha giocato abbastanza bene,credo che la decisione dell’arbitro di annullare un gol regolare(è già la seconda volta che ci viene negato un gol ingiustamente vedi partita con il Caglliari) abbia inciso in maniera scioccante sulla squadra. Credo che Delio Rossi stia facendo l’impossibile.Comunque meglio un punto che nulla e poi per come la vedo io pareggiando abbiamo tolto 2 punti al Torino.
    La questione è se vedere il bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno.

    • bongo ha detto:

      Magari sarebbe bene vedere sia quello mezzo pieno sia quello mezzo vuoto… una via di mezzo insomma. Invece no… molto meglio dire che la retrocessione in B è già scritta (con 31 partite da giocare e un mercato di riparazione di mezzo!), che giocatori che ancora non abbiamo visto giocare sono dei brocchi, che altri giocatori che sappiam già essere buoni lo stanno diventando ed è meglio venderli al primo offerente, che l’allenatore è uno a cui piace bere troppo, e che il gruppo di tifosi più rappresentativo della tifoseria, e che della nostra tifoseria ha fatto la storia, sia a libro paga della società oppure un gruppo di rammolliti. Ambiente sereno e risultati garantiti… vedrai…

      • Dorianodoc ha detto:

        Certo, se retrocediamo (cosa per te impossibile, vista la riga di fenomeni che abbiamo in rosa), la colpa sarà dei tifosi cattivoni che impediscono a garrone di costruire lo squadrone. Ma che cattivi, che senza cuore, che irriconoscenti! Cavoli, questo ci vuole riportare a Castellammare e c’è qulacuno che protesta pure!!!!!!!!

        • bongo ha detto:

          Non leggi bene quello che scrive la gente, oltre ad essere infantile nelle risposte. Non ho mai scritto che se retrocederemo la colpa sarà di chi protesta, e non ho mai detto o lasciato modo di credere che secondo me ci salveremo, e di certo non ho voglia di perdere tempo a ripetermi per casi come il tuo.

  30. luca ha detto:

    Scusate una domanda o una provocazione: ma per una Società come la Sampdoria è proprio impossibile scoprire un ITURBE qualsiasi ? e questo per incompetenza dei Responsabili a queste mansioni oppure per volontà decisa di contenimento costi da parte della Società stessa ? io non penso la seconda perchè allora cosa si sono spesi a fare oltre mln 3 per un Rodriguez da calcio dilettantistico ? attendo una tua risposta Andrea

    • Daniele da Rapallo ha detto:

      Mi permetto di risponderti io : per incompetenza e perchè non vogliono spendere i soldi per mettere su una rete di scouting e osservatori come sarebbe auspicabile.

    • NYC ha detto:

      Non e’ tanto scoprire Iturbe , visto che abbiamo scoperto Icardi qualche anno fa oppure Kristicic e Obiang la vera questione secondo me per una squadra come la Samp di avere uno o due elementi di tasso tecnico superiore che ti possano tenere fuori da queste situazioni pericolose.

      Questi invece hanno fatto cassa e speravano che 8000 scommesse di sfangare cosa che e’ molto difficile in una piazza come Genova (tutte e 2 le sponde) rispetto ad una Verona o Bergamo.

      Li sta il punto un po’ come Parma, non faranno niente di particolare quest’anno ma state tranquilli con Amauri / Cassano e Gargano in B non ci finiscono.

    • Lollo ha detto:

      di cosa ti lamenti ? hanno già scoperto Rodriguez…

    • gianni ha detto:

      Avevano scoperto un Icardi qualsiasi, se non sbaglio.

      • peter ha detto:

        che ha giocato solo perchè lopez si era infortunato e che poi hanno “regalato” all’Inter per la metà rateizzata…laddove Cellino o lo paghi cash interamente o ti manda a spigolare e rinnova (vedi naingolaan): incompetenza siderale.

      • Daniele da Rapallo ha detto:

        Quello che ha scoperto Icardi ora è DS del Monaco (montecarlo) ed è figlio del capo degli osservatori dello Zenit San Pietroburgo….peccato che qua era sotto Tosi.

      • Dorianodoc ha detto:

        In effetti quelli che l’hanno scoperto sono stati spediti……….

      • YumaS2001 ha detto:

        è stata anche “fortuna” lo volevano spedire al sud per maturare e poi ha fatto 10 reti in A.
        per non uscire dai parametri, visto che non rinnovava dopo le promesse dell’inter, lo hanno svenduto!!!
        e questo è un vero crimine

    • Fabiosamp ha detto:

      Se posso intanto te la do io in OSTIESE…i turbe e un ottimo giovane in prospettiva ma percependo un ingaggio di un milione non rientra nei parametri imposti dalla società .il tetto degli ingaggi non si può sforare per nessun motivo.
      Siparietto di osti con sagramola:
      O: direttore scusi se mi permetto ma abbiamo 15 giocatori che guadagnano 300 mila euro l’anno e manco giocano non potremmo prenderne 5 da 900000 ma titolari?
      S: carletto non sei certo pagato per pensare…poi al presidente ho promesso il tetto a500000 e lui è contento così quindi non fare ragionamenti complicati tu continua a prendere ravatti a 300 mila così il presidente non si indispettisce…oh poi quando arriveremo a 50 giocatori magari se ne accorgerà…ma chissene frega carletto tanto tu sei doriano?no e io manco un altra squadra la troviamo poi…
      O: Rinaldo sei tremendo ahahahah allora cominciò a lavorarmi due o tre giocatorini da parametro per gennaio.
      S: bravo carletto vedo che hai capito…ora vai che mi chiama il presidente…si presidente salve stavo giusto facendo il punto Della situazione con il nostro osti vedrà che a gennaio aggiustiamo tutto abbiamo le idee chiare e resteremo nei parametri…contento presidente?

      • Lollo ha detto:

        AHAHAHA GRANDE !!!! 🙂

      • YumaS2001 ha detto:

        un triste applauso
        l’applauso perchè è una scenetta simpatica
        il triste prchè credo sia la realtà!!

      • bisciagoal ha detto:

        sei un mito…si, probabilmente le cose vanno così in società….manca solo Cavasin e siamo al completo! 🙂

      • Gipo Samp ha detto:

        Simpatico e quasi veritiero siparietto. Sei riuscito a farmi ridere in un momento di profonda depressione sportiva blucerchiata

    • sillyname ha detto:

      Iturbe? Attenzione, se lo avessimo preso noi sarebbe andato sparato in tribuna:. Ma scherzi? Prima si dovrebbe ambientare, dovrebbe imparare l’italiano, la ricetta delle trofie al pesto, le DOCG del PIemonte a memoria e le arie di Verdi. Forse solo allora…..
      Scusa, Luca, ovviamente non sto prendendo in giro te….. E’ che piu’ ci penso piu’ certe cose mi fanno cascare le braccia.
      Guardi in giro, gli altri scoprono talenti, che si chiamino Udinese, Livorno, Siena o Catania. Li prendono e li buttano dentro. Perche’ evidentemente ci hanno pensato bene prima e poi…. ci credono.
      Noi invece siamo qui a pensarci, dobbiamo farli “ambientare”. Che e’ una cosa scema in un modo assurdo. Se li prendi, prendili per farli giocare, altrimenti davvero “contieni i costi” e lasciali dove sono. Ma che lo pagano a fare lo stipendio di Salamon? (che, per inciso, e’ un nazionale polacco e viene dal Milan, io credo che sia un ottimo giocatore. Ma se non lo consideri adatto, bastava lasciarlo dove era).
      Invece siamo qui a giocare con portiere, difesa e centrocampo della squadra dell’anno scorso (se non quelli della serie B) . Con moduli che cambiano, mancini che giocano a destra, difensori che li metti laterali, centrocampisti in difesa. Giocatori fuori rosa, poi di nuovo in rosa pero’ stanno in tribuna. E intanto prendono Renan, poi Poulsen, poi Rodriguez, ora Salamon, Wszolek, ecc ecc. E tuti stanno fuori.
      Io credo che ognuno di questi giocatori potrebbe stare in molte delle altre squadre di A. Ricordo che lo scorso campionato Renan aveva giocato, e bene, nelle ultime giornate, tanto da meritare gli elogi dell’allenatore e buoni voti in pagella. E adesso e’ nuovamente diventato scarso, peggio di Barilla’ e Regini?
      Non ci capisco piu’ nulla e tutto e’ diventato cosi’ imbarazzante e deprimente….

      • Crovo ha detto:

        🙂

        Quella delle trofie al pesto era forte.

        Leggendo tutte le tue considerazioni, però, mi sorge spontanea una domanda.

        Che giro anche a quanti avranno il piacere di rispondermi.

        Ma Delio Rossi, secondo voi, che ruolo ha avuto nella campagna acquisti?

        Ci ha messo becco?

        Perchè, da un anno in qua, sembra che ogni giocatore che gli comprano non sia di suo gradimento (Gabbiadini escluso, ovviamente).

        Voglio dire: ha paura a parlare?

        Ha paura a dire a DS e DG “ragazzi, per me quello li che state comprando è una autentica pippa e con me non giocherà mai”?

        Perchè se anche lui avesse parlato un pochino prima, forse la società avrebbe risparmiato parecchi soldi e/o investito meglio…

        E pure lui adesso avrebbe le idee un po’ più chiare in fatto di formazione…

    • bisciagoal ha detto:

      Luca, hai assolutamente centrato il problema

      da Paratici in poi non è stato più fatto scouting seriamente e questo non solo a livello di prima squadra ma anche giovanile.

      Ho avuto modo di assistere ad una partita amichevole della nostra Primavera contro una squadra di dilettanti e vi posso garantire che la differenza in campo non l’hanno fatta nè la tecnica nè la tattica, ma unicamente la corsa, la fisicità e il numero di giocatori per le sostituzioni ..se con questi pensiamo di costruirci la rosa del futuro, stiamo freschi…la maggior parte penso stenterebbe a giocare in un campionato di eccellenza….

      La Sampdoria, se la politica è quella del rigore finanziario, aveva davanti a sè tre modelli

      il modello Udinese: scounting a livello mondiale, dove si acquistano decine di giovani in tutto il mondo e alla fine su 100 si riesce sempre a trovare un top player, 2 giocatori buoni , e 5 medi..e così si allestisce sempre una rosa competitiva

      Il modello Catania: dove si stringono rapporti strettissimi con una scuola calcistica straniera, tramite ovviamente collaboratori fidati e competenti e attraverso canali preferenziali ( in questo caso l’Argentina)

      il modello Cagliari: ogni volta che si ha un calciatore di valore si cerca di fidelizzarlo con contratti a lungo termine e nel caso abbia molto richieste lo si cede solo a condizioni dettate da chi vende e non da chi compra.

      Purtroppo dei tre modelli non ne è stato seguito neppure uno…d’altra parte i DG e DS che vengono nominati, davvero non sarebbero in grado di delineare una strategia neppure per il Baiardo in promozione, altro che serie A.

    • sampdorianamente ha detto:

      Anche io mi accodo alla domanda… quest’estate ci sono stati i mondiali Under 20. I ns. dirigenti quante partite hanno visto? Ora c’è la Uefa Youth League (le stesse, o quasi) che fanno la Champions ma con le formazioni primavera…. QUANTE CA..O DI PARTITE DI QUESTA MANIFESTAZIONE HANNO VISTO I NS. DIRIGENTI???? PERCHE’ NON SIA MAI CHE CI SCAPPA UN ALTRO ICARDI NO A NOI FA SCHIFO!!!!!

      • Fabiosamp ha detto:

        E glielo paghi tu. L’aereo l’albero il ristorante a osti e pavone in trasferta? 🙂
        Per altro credo non abbiano mai abbandonato i confini nazionali…

    • MadMick ha detto:

      Non farti ingannare dal nome poco conosciuto: Iturbe è un ex Porto e River Plate.
      Guadagna un milione all’anno, il nostro tetto è più o meno la metà!
      Come puoi scovare un Iturbe se poi non lo paghi e non gli dai un buon ingaggio?

      Gli Icardi sono finiti…restano i fichi secchi!

    • Ste ha detto:

      ti dico una cosa su Iturbe. Non è stato scoperto ora dal Verona, il nome di Iturbe sono anni che gira nel calcio sudamericano e sono anni che si parla di un suo approdo in Europa (qualche anno fa le big europee facevano la coda) ma il suo carattere fumino e un paio di brutti infortuni lo hanno tenuto fino a poco fa in Sudamerica. Ora chi ha provato a scommetterci qualcosa è il Verona. E al momento i risultati sembrano ottimi. Ciao

  31. flex ha detto:

    Questa sosta sarà utilissima.
    Delio Rossi avrà modo di rielaborare le informazioni raccolte dagli esperimenti fatti in queste ultime partite e sintetizzare lo schema più adatto, o come dice lui, “trovare la giusta alchimia”.
    Io alcune idee me le sono fatte:
    1) il 3-5-2 non è più percorribile.
    2) gabbiadini non è una prima punta.
    3) palombo non può giocare in difesa e quest’anno siamo pieni di difensori.
    4) la squadra ha pochissima qualità, ha grandi difficoltà quando prende il gol ma ha anche una forza d’animo straordinaria se è vero che riesce a recuperare partite ormai perse come quelle di ieri o col cagliari.

    Non è tutto da buttare. Sono moderatamente ottimista.

    • Bulgaro ha detto:

      Concordo, Gabbiadini va` messo come seconda punta a Pozzi o Petagna o centrale, ma con uno tra Eder o Sansone a giocare molto vicino e l’altro dei 2 dietro ad aprire spazi e creare superiorita`.
      In ogni caso non possiamo prescindere le 3 punte per motivi lampanti, sono quelli coi piedi piu buoni e soprattutto non avendo supporto dal centrocampo in fase di costruzione per portare uomini in avanti.
      Oltretutto tra le caratteristiche positive di questa squadra, c’e` il fatto che gli attaccanti si sacrificano molto in pressione sugli avversari (forse anche troppo ogni tanto) quindi le 3 punte sono sostenibili.

  32. FISH65 ha detto:

    X Doria 65,
    si, siamo diventati come quelli là.
    Una tifoseria che si abbona a prescindere, proprio come hanno sempre fatto LORO! Si, noi come loro, nonostante anni di nefandezze societarie di cui, ormai, non vorrei più riparlare.. Ritengo giusto lo striscione di ieri. Ma una chiara critica costruttiva andava portata prima! Una critica finalizzata a stimolare la proprietà così determinata ad azzerare gli investimenti.
    L’unico mezzo era non abbonarsi in assenza di investimenti, di quelli alla portata della Samp.
    GERVASONI HA CHIARAMENTE DANNEGGIATO LA SAMP E CI HA NEGATO UN SACROSANTO 2-0!
    Ma il secondo tempo, non appena sono calate le energie, ha messo a nudo tutte le enormi carenze tecniche. Nessuna palla gol nel secondo tempo, nonostante avessimo gli spazi per chiudere la partita.
    Insomma, questa squadra dovrà correre, e tanto, x 95 minuti. Ma non sarà facile…

  33. max ha detto:

    io credo che molte colpe le abbia a questo punto l’allenatore. ieri per esempio se avesse inserito subito un altro difensore passando a 4 e spostando palombo a centrocampo con un 4-4-2 reale e non con quelli in campo avremmo certamente portato a casa il risultato
    lasciare palombo centrle contro un vero centravanti e con ai lati mustafi che esterno sinistro non è e un fatto tecnico importante e che mi lascia pensare che l’allenatore sia in confusione totale. i giocatori li conosce dall’anno scorso alcuni ed i nuovi da qualche mese e non aver ancora capito come giocare mi lasci molto perplesso
    non disperiamo e sempre forza samp!!!

  34. aston ha detto:

    Scusa Luca da Pavia: capisco che Palombo non stia giocando bene però sulla percussione centrale di Benatia non c’entra per nulla. Non ha giocato quella partita.
    Purtroppo il problema non è di un giocatore. Il problema è l’intera rosa che è modestissima come rendimento. Si continua a parlare di quello che non va , quell’altro che non è in condizione, l’altro ancora che non è adeguato. Ciò che mi ha annichilito purtroppo è la consapevolezza , percepita già alla fine del derby, di una rosa di giocatori che non sarebbe in grado di salire dalla serie b alla a. Questo mi ha sgomentato. Dico sgomentato perchè stanno lavorando insieme dai primi di luglio e mi pare veramente strano che un allenatore esperto e bravo come Rossi non lo abbia capito.
    Nel complesso sino ad oggi ilmigliore ( di gran lunga ) è stato Mustafi che pare un buon giocatore; il resto tutti insufficienti.
    A sinistra il meno peggio è stato il Berardi della prima partita; poi desparecido.

    L’ amico Maraschi è ottimista: io no. Ma spero proprio che abbia ragione lui!!!
    a.

    • Luca Pavia ha detto:

      Giusto, su Benatia c’era Gastaldello e allora, a buon peso, cito il fallo al limite su Gilardino nel derby, quando palombo è entrato in ritardo per l’ennesima volta prendendosi il giallo e causando la punizione da cui è scaturito il 3 a 0…

  35. aston ha detto:

    Luca da Pavia. Per precisione Palombo con la penetrazione di Benatia non c’entra perchè non ha giocato quella partita.
    Purtroppo il problema è rappresentato da un ‘intera rosa che dà la sensazione di essere inadeguata. Fatta eccezione per Mustafi non c’è giocatore che abbia giocato sin qui in maniera sufficiente con continuità.
    Ed è proprio ciò che mi lascia sgomento: la consapevolezza avvertita dopo il derby che questa squadra sia inadeguata per un campionato di serie A.
    Ho seri dubbi che questa squadra sarebbe in grado di vincere un campionato di b.
    Eppure lo staff è dai primi di luglio che ha questi giocatori a disposizione e che non siano state avvertite le gravissime lacune e contraddizioni ( gabbiadini non prima punta ad esempio ) da parte di un allenatore esperto come il nostro mi pare quasi incredibile.
    L’amico Maraschi è ottimista: io no ma spero che abbia ragione lui.
    a.

    ps a sinistra per ora il meno peggio è stato Berardi: desparecido

  36. Cristian ha detto:

    Ciao Andrea! Sulla partita di ieri aldilà sell’arbitraggio che ha condizionato la partita si sono finalmente viste delle cose buone e le solite cose meno buone. Le meno buone le conosciamo poca qualità e personalità inesistente ( si chiede il ritorno di Maresca ma Palombo e Gasta e Pozzi non sarebbero i cosiddetti senatori?) le cose buone e’ che finalmente si è vista qualche azione da goal. A mio parere il tridente e’ da riprovare anche se Gabbiadini mi è sembrato spaesato ieri. Poi una considerazione sui giovani. A mio parere alla Samp non si riesce a far uscire il meglio dai giocatori. Anche il bistrattato Cacciatore mi sembra uno dei più positivi della sorpresa Verona. Quindi occhio a bollare come dei brocchi i giocatori. Poi Andrea non pensi che l’ambiente Samp non faccia più rendere i giocatori come una volta. Come ambiente non parlo di tifosi perché il loro apporto e’ encomiabile nonostante le continue delusioni. Forse manca qualcosa anche a livello di staff perché avere dei giovani bisogna anche saperli far crescere. Complimenti per la puntualità nelle risposte. Sei sempre presente!

  37. Sampgabri ha detto:

    Direi più segnali positivi che negativi , considerando l’organizzazione difensiva del toro e la disorganizzazione mentale del direttore di gara .
    Manchiamo ancora in alcuni dettagli fondamentali

    – la spizzicata di Pedro sul primo palo va bene quando siamo noi a battere i calci d’angolo , rispecchia la sua attuale condizione fisica ….molle , la marcatura ballerina sul secondo palo la ciliegina sulla torta .
    – Palombo , se devi intervenire frontalmente sull’avversario , non conviene farlo un metro fuori dall’area ? Le malizie del difensore , che un centrocampista non può avere
    Piccoli errori che fanno la differenza quando i valori sono simili , penso che il nostro campionato lo determineranno questi particolari
    saluti

  38. nughenoque ha detto:

    Mah, io tempo fa, al n.a.g.c,(1974!),chiesi all’arbitro Gambarotta e ci spiego’ che il gol e’ da convalidare se realizzato prima del secondo fischio,(fine 1tempo) o del terzo fischio
    che sancisce il fine match;mah, chissa’ magari e’ cambiato il regolamento.

    • YumaS2001 ha detto:

      il gol è valido se lo segna la juve
      non è valido se glielo segnano contro
      .
      per il resto, si va a caso!!!!

  39. bongo ha detto:

    Se è impossibile scoprire un iturbe qualsiasi??? Tipo un icardi dici? Sempre che iturbe non abbia azzeccato solo un paio di partite e che a fine campionato si dimostri realmente all’altezza di icardi si intende…

  40. bongo ha detto:

    Ps inoltre ho appena letto che iturbe è al verona in prestito con diritto di riscatto fissato a 9 milioni… e che a soli 18 anni fu prelevato dal porto per 4,5 milioni… insomma… bella scoperta! Son buono pure io a fare il talent scout e atrovare giovani talenti spendendo tutti quei soldi!

    • fabiosamp ha detto:

      infatti una società seria che si deve “autofinanziare” li prende a 4 per venderli a 15-20
      ma noi a 3,5 abbiamo preso rodriguez(per chi ancora ci crede) che sicuramente avrà una carriera migliore di iturbe…

    • Bulgaro ha detto:

      Se per questo sembrava che Gasparin lo volesse portare alla Samp a gennaio … solo che a gennaio non c’e` arrivato Gasparin … e Iturbe e` andato al Porto a fine anno dove pero` giocava poco.
      Alcune cose vanno anche a fortuna, mi pare che il presidente di quelli di la` abbia avuto per le mani Messi e Lewandoski e per cause bizzarre li abbia perduti …

      La cosa vera e` che ci sono dei talenti che spesso e` lampante che valgano dei bei soldi perche` te ne faranno guadagnare decisamente di piu in futuro.

  41. robmerl ha detto:

    ragazzi, facciamo due conti: 3 punti in 7 giornate x 38 giornate fa 16 punti. Non ci tira fuori neanche il mago di Acerra!

    • andrea.lazzara ha detto:

      Per fortuna il calcio non è matematica. I numeri aiutano a capire le cose ma così facendo la Roma vincerebbe tutte e 38 le partite…

      • Dorianodoc ha detto:

        Caro Andrea per fortuna il calcio non è matematica! Ma dopo 7 (mica 1 o 2) partite, certi segnali sono più che evidenti. La Roma non vincerà sicuramente tutte le partite, ma stai tranquillo che noi tanti punti in più non li facciamo.

  42. Big Dave ha detto:

    Premessa: se gervasoni (scritto volutamente minuscolo) non avesse assunto funghi allucinogeni prima della partita, ora POTREMMO essere qui a parlare di un altro risultato. Del rigore a Eder me ne impippo, ormai la frittata era fatta: andare a riposo sul 2-0 era un’altra partita. Fra questa, il gol regolare annullato a Wszolek a Trieste, i due rigori non dati a Bologna…in 7 partite il nostro bilancio arbitrale è già pesantemente al passivo. E nessuno in società alza la voce. Me ne frego di quello che dice Braschi, se una cosa simile fosse stata “combinata” a Juve/Milan/Inter se ne parlerebbe per mesi. Ma tant’è, con la Samp si possono anche fare esperimenti.

    Bene. Adesso lasciatemi dire una cosa: se qualcuno di voi pensa che a gennaio questa società metta mano alla squadra per rinforzarla…beh, siete dei poveri illusi. E mi ci metto anch’io, che un po’ ci spero ma non ci conto proprio.
    Al di là dei limiti tecnici imbarazzanti già detti e stradetti, ho troppe domande che mi piacerebbe fare ai “piani alti”.
    Matura in me sempre più la convinzione che Osti sia un totale incapace per i seguenti motivi:
    – Poli, nazionale italiano emergente e con esperienza di categoria, svenduto per Salamon, che finora non ha mai visto il campo.
    – Rodriguez: un uomo, 3 milioni e mezzo, mille perchè.
    – Barillà: Chi è e perchè?
    – Bjarnason: un altro milione buttato per un mediocre interditore da serie B, che per l’appunto è stato pescato dalla B.
    – Eramo, un altro già bocciato a priori, è stato pagato un altro milione.
    – Soriano e Renan, altri due ingaggi buttati. Possibile che non si riuscisse a prestarli in B?
    – Icardi svenduto con la formula più strana che io abbia mai visto, non ho capito la formula, quanto ci danno e come ce li danno.
    Risultato: totale incapacità di questo DS, che avrà un budget misero ma che spende malissimo. Una rosa di 31 elementi, alcuni dei quali non verranno mai utilizzati. Tonnellate di scartine con ingaggi miseri (100/200 mila € annuali) quando se ne potevano prendere pochi ma buoni. D’altronde, la filosofia ostiana è “meglio cinque brocchi da 200.000 € che due buoni a 500.000 €”.
    Secondo me Osti sarebbe da CACCIARE VIA IMMEDIATAMENTE, perchè se gli lasciano fare il mercato anche a gennaio, ci darà il coup de grace.
    Sagramola sarà uno attentissimo al bilancio, ma capisce di calcio quanto io di astrofisica. MANDARE VIA SUBITO ANCHE LUI. Dopotutto, lui ha “altre convinzioni”.

    Dubbi tecnici:
    – Delio Rossi è da tenere (ora come ora avrei preso solo Iachini, almeno è uno che infonde grinta, ma è stato già preso), ma deve cominciare a decidersi su quali uomini schierare e su quali schierare.
    – Anche i muri hanno capito che non puoi giocare senza centravanti. E’ da folli. Avanti con Pozzi, poi quando si romperà (perchè di sicuro non regge) dentro Petagna, senza paura, che almeno ha il fisico. Anzi, proviamo Petagna subito.
    – I nostri “grandiosi giovani” assolutamente sopravvalutati e caricati di responsabilità a 20 anni. Obiang e Kristcic magari avranno pure un grande futuro, ma ora come ora sono mediocrissimi. Tralasciando il secondo, che ha avuto un grave infortunio, il primo è lento e non segna nemmeno a porta vuota perchè è incapace di tirare. E avanti così si svaluterà sempre più.
    – Gabbiadini buon giocatore ma sopravvalutato. Poi, non abbiamo nemmeno capito se sia una prima punta, una seconda punta, un esterno o un portiere.
    – Palombo si accomodi in panca, ci ha stufato: non me ne faccio nulla della sua grinta se mi fa 2/3 errori marchiani a partita. Per fortuna i difensori non mancano, almeno quelli (Salamon, Regini, Mustafi).
    – Dentro Maresca. IMMEDIATAMENTE.

    Riassumendo: in questa rosa di 31 elementi, secondo me ce ne sono solo 5/6 da serie A: Gabbiadini, De Silvestri, Gastaldello, Mustafi, Obiang e Kristcic.
    Spero vivamente di arrivare a gennaio a 15 punti (ci metterei la firma subito).
    Poi: cacciare via Osti, prendere Corvino, mettergli in mano 15 milioni e dirgli: SALVAMI. Questa è l’unica, perchè in caso contrario al 90% l’anno prossimo giochiamo di nuovo col Crotone.
    EG probabilmente avrà altre convinzioni, perciò quando a maggio perderà altri 40 milioni, più un’altra ventina di mancate plusvalenze (perchè a quel punto dovrai svendere i pochi buoni che hai, visto che in B non ci vorranno venire), se con un occhio piangerò con l’altro riderò di gusto.

    • Lollo ha detto:

      mitico !!

    • Cristian ha detto:

      Concordo su tutto! Anche sul nome di Corvino che oltre a comprare sa vendere anche bene. E con i tanti mezzi giocatori che abbiamo sarebbe una vera impresa.

      • Daniele da Rapallo ha detto:

        Salomon ce lo hanno dato rotto. Sto problema alla caviglia se lo porta dietro da Milano…sembrerebbe…

    • Dorianodoc ha detto:

      Caro Big Dave (chissà se questa il buon Andrea la farà passare), non pensi che sia giunto il momento di chiedersi se tutte queste cifre siano “corrette”? Pensi che una società che prende solo scartine in Italia, spenda 3 milioni e passa per un tizio dall’Argentina che non ha mai giocato? Ci siamo già dimenticati i 7 milioni per Juan Antonio e Berardi (guarda caso al Brescia)?E questi sono solo un esempio. Ma possono aprire gli occhi…

      • Bulgaro ha detto:

        Da 5 milioni sono passati a 7 in 1 anno e mezzo … hai calcolato anche gli interessi?

      • Big Dave ha detto:

        Ovvio che me lo sono chiesto anch’io. Mi pare che Juan Antonio e Berardi siano costati 5,5 milioni dal Brescia, una cifra RAGGELANTE se pensi che il primo è un mezzo giocatore sempre rotto da bassa B e il secondo vale il mignolo del piede destro di Mustafi.
        Con 5,5 milioni compri un signor centravanti da A.
        Poi, Rodriguez pagato 3,5 milioni è stato qualcosa di più di un indizio.
        O i prezzi di cui si parla sono volutamente gonfiati da qualcuno (così poi i tifosi pensano che “la società investe”) o c’è qualcosa sotto.

        Di certo le mie critiche alla società restano.
        Adesso il fenomeno Sagramola si è sbilanciato: “se ci sarà bisogno di correggere qualcosa, la correggeremo a gennaio”…e bravo.
        Al di là del fatto che la frase giusta da dire sarebbe “siccome c’è da rifare la squadra, va rifatta da zero perchè questa fa anguscia”, questa dirigenza è una fiera portatrice dell’italica filosofia che vige anche in politica: si rimedia a qualcosa solo quando il danno è fatto.
        Qui se a gennaio arriviamo a 15 punti è manna pura dal cielo, e poi nel girone di ritorno fare 26/27 punti diventa un’impresa improba anche con giocatori nuovi e adatti alla A.
        Lo capivano anche i bambini, quest’estate, che la squadra era inadeguata. Eppure no, loro sono stati con le mani in mano. Si svegliano quando la squadra sta colando a picco. Eppure, con le concorrenti che abbiamo (Chievo, Sassuolo e Bologna mi sembrano francamente forse addirittura più mediocri di noi) salvarsi non sarebbe nemmeno difficile!!!
        A gennaio non vorrei che i giochi fosseri quasi fatti, perchè se continuiamo così non so davvero come saremo messi in classifica.
        Pensarci prima di ritrovarci con l’acqua alla gola no, eh?
        Beh, se davvero hanno intenzione di rimediare, spero sappiano cosa serve. Un esterno sinostro da serie A (non il Barillà di turno), un centrocampista di categoria (riprovare per Nocerino in cambio dell’altra metà di Poli al Milan?), un portiere che non tenga sempre la difesa sulle corde (ma questo è l’ultimo dei problemi) e un centravanti vero da A. A tal proposito mi permetterei di suggerire Pazzini, che al Milan quest’anno non giocherà mai, viene da un infortunio e potrebbe essere un acquisto low cost. Ma forse sogno. Anzi, sogno di sicuro.
        Penso che medioman Osti impiegherà tutto gennaio per capire dove “mandare” Renan, Barillà e Fornasier, sgravando così il monte ingaggi. E chi ha il tempo per pensare anche agli acquisti?

    • bisciagoal ha detto:

      BIG DAVE….forse mi hai letto nella mente..sottoscrivo ogni parola alla lettera!!!!!

    • Nicola ha detto:

      OTTIMA analisi, complimenti.

    • Gipo Samp ha detto:

      Big Dave, ti ho fatto i complimenti in precedenza e condivido sempre in larga parte le tue analisi e giudizi.
      Sono d’accordo sulla modesta valutazione professionale di Osti. Per questo basta analizzare il suo curriculum. Tuttavia quando a un DS imponi un tetto ingaggi di 500mila euro non credo possa reperire della qualità. Con 500mila euro puoi avere solamente gente da B (fonte Gazzetta 2013/14 ) Castellini 0,5 Costa 0,5 Krstcic 0,5 Obiang 0,5 Renan 0,5 Da Costa 0,4 Berardi 0,4 Salomon 0,4 Soriano 0,4 Sansone 0,4 Fornasier 0,3 Bjarnason 0,3 Gentsoglou 0,3 Rodriguez 0,3 Wszolek 0,3 Fiorillo 0,2 Mustafi 0,2 Regini 0,2 Barillà 0,2 Eramo 0,2 Petagna 0,2 Gavazzi 0,2 Tozzo 0,1.

      Osti con 500mila euro di tetto, in molti casi ha fatto notevolmente meglio spendendo meno. Mi chiedo: non credi che Osti sia stato assunto proprio per queste sue qualità di esecutore affidabile dopo essere stati bruciati dai voli pindarici di Sensibile? Pensi che un Corvino si sarebbe rovinato la reputazione accettando i tetti di costo del cartellino e ingaggi imposti dalla Società?
      Per Rossi concordo che al momento non ci siano allenatori in giro per cui è inevitabile tenerlo, considerando anche il costo di esonero di un biennale da 1,2 euro. Tuttavia, ti riporto per facilità di lettura quanto ho scritto a “peter” nel thread 45 di “il bolo”
      Gipo Samp scrive:
      Scusa, ma Rossi dov’era quando Osti e Sagramola compravano in quantità industriali le mediocrità da serie B e i media genovesi ci vendevano Eramo e gli altri con titoli da quasi top player pronti per la A? Perché non ha denunciato cosa sarebbe potuto accadere con tale campagna acquisti anziché intascare un biennale da 1,2 milioni quasi 5 miliardi delle vecchie lire incassabili anche in caso di esonero? Questa è la colpa che imputo a Rossi insieme a non aver saputo dare finora e già dallo scorso anno uno straccio di gioco offensivo alla squadra, anche se umanamente posso capire che non si può sputare su cinque miliardi di lire e si deve solo ringraziare il benefattore.

      • Big Dave ha detto:

        Hai assolutamente ragione, Gipo.
        Ma infatti…ce ne sarebbe da dire. Io mi sono soffermato su Osti perchè i suoi errori sono pacchiani e sotto gli occhi di tutti (gestione del caso Icardi prima e Poli poi, gli acquisti di Rodriguez, Bjarnason e Barillà, etc.), ma ce ne sarebbe anche da dire alla società.
        Difatti, il mio nuovo motto è Garrone vattene…nonostante questo a molti può dar fastidio perchè “dopo di lui chi c’è”?
        Beh, scusatemi ma intanto il dato di fatto è che con questa illuminata società stiamo polverizzando tutti i record negativi della storia della Samp fra peggiori partenze in campionato, retrocessioni assurde e risultati nei derby. Non so chi verrebbe dopo EG, ma mi basterebbe uno con più cuore e competenza anche se con meno soldi. tanto i Garrone i soldi li hanno ma è come se non li avessero, perchè la gestione della società è degna di una famiglia di pescivendoli. Con la differenza che i pescivendoli tirerebbero tutto al risparmio perchè non avrebbero soldi, qui i fondi ci sono ma non li vogliono mettere. Certo, i soldi sono loro, quindi liberissimi. Però si diano da fare per trovare un acquirente, e in fretta.

        Gipo, è difficilissimo fare mercato con un tetto ingaggi imposto di 0,5 milioni e con un budget da pizza margherita…questo lo so bene. Effettivamente uno come Corvino non verrebbe mai a fare figure di fango qui.
        Quel che mi preoccupa di più è che, proprio al di là della mediocrità di Tosi/Sensibile/Osti, nessuno qui potrebbe fare meglio di quanto hanno fatto loro a causa di questi assurdi paletti. Marotta era un fenomeno paranormale, e Gasparin, che ha provato a impostare un lavoro a lungo termine simile a quello dell’Udinese (aveva individuato giovani sudamericani di prospettiva da prendere a poco e rivendere poi a tanto, fra cui pare Iturbe), ha dovuto dare le dimissioni perchè evidentemente non gli andava di fare il pupazzo e di prendersi colpe non sue…evidentemente Osti si fa pagare anche per abbozzare.

        Mi stupisco anch’io di Delio Rossi. Già: dov’era lui durante l’indegno mercato estivo? Lui ci sta mettendo la faccia, se la Samp non ingranerà nelle prossime partite (cosa di cui dubito fortemente) la colpa finirà inevitabilmente anche a lui e non so che credenziali da allenatore potrà avere in futuro. Evidentemente, 1.2 milioni all’anno possono far tacere chiunque e lui, dopo il cazzottone a Liajic, probabilmente non aveva altre offerte.
        Io, al posto suo, avrei detto alla società: “Signori, qui si rischia grosso, mi avete dato via anche Icardi e Poli. Io vi dò cinque nomi, se non me ne prendete almeno tre dò le dimissioni perchè questa squadra non la posso salvare e ci faccio pure una figura da cioccolataio.”
        Già. 1.2 milioni sono serviti a farlo stare zitto di fronte ai vari Barillà, Bjarnason, Eramo (in estate spacciato dalla stampa locale come il nuovo Xavi Alonso e preso dopo un estenuante braccio di ferro di un mese col Crotone, non so se mi spiego…mica pizza e fichi, eh!) e compagnia suonante. Ha accettato tutto per non perdere il suo dorato ingaggio. Secondo me di notte restava sveglio, e di giorno si arrampicava sugli specchi davanti ai microfoni. Magari un altro avrebbe sbottato, ma si sa…i soldi fanno fare di tutto. Impossibile per uno come lui -che ne sa di calcio- non preoccuparsi dopo aver visto la rosa a Bardonecchia.

        • Lollo ha detto:

          ancora una volta sono d’accordo con te: dopo la sberla a Lijaic ( che non è certo uno stinco di santo … ) ma soprattutto dopo il gestaccio a Totti/Derossi ( lesa maestà verso i capitani dell’onnipotente Roma ) e il conseguente massacro mediatico dei perbenisti, credo che le sue quotazioni fossero molto molto al ribasso..una rosa del genere è improponibile in serie A ..

        • YumaS2001 ha detto:

          rossi deve avere una squadra per “n” anni anche per fare dimenticare il passato da pugile.
          quest’anno salva la samp e ….. si ricicla come uomo e come allenatrore.
          poi è di nuovo sulla piazza

          • andrea.lazzara ha detto:

            Caro Yuma, premesse le tue scuse all’inizio del tuo messsaggio precedente, potevi mettere i puntini di sospensione al posto di “quella parola”. La vita vera è una cosa e con gli amici diciamo tutti(pure io) di peggio. Ma qui è una piazza virtuale ma pubblica e certe parole non possono passare. Peccato perchè il tuo concetto (che riassumo Cassano non può essere scusato per quello che disse a Riccardo Garrone solo perchè sa giocare a calcio ma se uno non vuole firmare autografi è libero di farlo) è anche in buona parte condivisibile. Anche se, per esempio, firmare cinque minuti due pezzi di carta con gli ingaggi che hanno mi sembra francamente il minimo.

  43. Dado ha detto:

    Io francamente non ci punterei un euro sulla salvezza… Dal 2005 ad oggi chi si è presentato con 3 punti alla settima giornata è retrocesso.

    Ma a parte la statistica è il campo a dirlo… Siamo di una pochezza imbarazzante con giocatori fuori ruolo, impauriti e un allenatore andato in confusione totale…

    Ieri ho visto Parma Chievo prima della Samp…. C’era un giocatore, uno dei più forti della storia della Samp, che avrebbe fatto carte false per tornare a giocare da noi, che è stato messo da parte per “motivi di spogliatoio'” e di ingaggio…

    Allora dello spogliatoio a me non me ne frega una cippa!! Tanto lo spogliatoio si disfa anche in situazioni come queste… E poi per l’ingaggio bastava rinunciare agli ingaggi di Barillà, Bjarnason, Salomon e Woszelek e stare con quelli che avevi o con qualche primavera, ma avere un certo ANTONIO CASSANO in squadra che fa sembrare gente come Mannini dei fenomeni!! Tranquilli che con lui tra bologna cagliari e torino potevamo fare 7 punti….

    Invece no,… Si spendono soldi per prendere bravi ragazzi con la “fame”…. Ma andate a nascondervi INCOPETENTI!

    Mi auguro solo che una volta in B questi abbiano la decenza arrivati a questo punto di mettere ufficialmente in vendita la Sampdoria.

    Povera ragazza del 46’… Che fine che ti hanno fatto fare…

    • gianni ha detto:

      Non ci sono altri motivi per cui è stato messo da parte no?

      • peter ha detto:

        sicuramente e io non lo rivorrei ma pagare per cederlo è una roba che solo Garrone poteva fare.

      • YumaS2001 ha detto:

        mi sembra insulti al compianto duccio garrone.
        che aveva anche 1000 difetti, non era innamorato del calcio, era freddo, pensava solo allo stadio, etc etc etc
        ma aaveva messo 100 milioni di euro per salvare la samp e non doveva essere insultato a quel modo solo perchè ti aveva inviato a ritare un premio.
        .
        cassano? no grazie

      • Dorianodoc ha detto:

        Certo, non firmava gli autografi a Bogliasco!!!!! Autentico crimine per i tifosi come te!

        • gianni ha detto:

          Appena ti toccano Cassano esplode tutta la tua bile repressa; d’altra parte simpatizzavi Doria solo per lui.
          E pensare che Cassano voleva tornare con il cattivissimo Garrone, se fosse successo a quest’ora staresti scrivendo solo elogi e grazie presidente a nastro.

      • Doria65 ha detto:

        No di sicuro…

        D’altronde credo che anche tu tutti i giorni vada dal tuo capo a dirgli “vecchio di beeeeep fammi un beeeeep”, e lui ti riempia di aumenti perché sei indispensabile all’azienda, no?

    • matteo84 ha detto:

      per averlo detto io sono stato messo in croce per 3 anni…………anche da te Dado

    • bongo ha detto:

      Si certo… sei per caso uno di quelli che nelle fasi finali della serie B di due anni fa si è impegnato fino all’ultimo nel dare addosso a Garrone e alla società dicendo che non saremmo mai stati promossi perché dal 2005 fino ad allora nessuna squadra arrivata sesta aveva mai vinto i playoff??? Mi sembri quell’altro che ha già deciso che avendo fatto 3 punti in 7 partite finiremo il campionato a 18 punti! Come ha già scritto Lazzara, secondo lo stesso ragionamento la Roma finirà il campionato con 114 punti!!!

    • bongo ha detto:

      Ps i 7 punti tra bologna cagliari e torino, li avremmo fatti se non fosse stato per gli arbitraggi osceni. Anzi, visti gli arbitraggi osceni di quelle partite, con cassano in squadra rischiavamo seriamente di giocare tutte e tre le partite in dieci!

  44. Maraschi ha detto:

    Una preghiera per Andrea Lazzara: fra giornalisti credo che vi conosciate, per favore dica a Massimiliano Lussana di smetterla di tirare bordate a Delio Rossi, su Il Giornale, proponendo fra l’altro di sostituirlo con Ballardini, ma siamo matti?
    Volendo scherzare, visto che il mio cuore è per un quarto biancazzurro (sono nato a Roma), mi è pure antipatico perché è romanista, di Bergamo poi…

    • andrea.lazzara ha detto:

      Carissimo, ho letto anche qui critiche anche feroci al mister…

      • bongo ha detto:

        Si vabbè… però un qualsiasi commento di una qualsiasi persona pubblicato qui, non ha certo il risalto che ha un’articolo di Lussana! Comunque Lussana, lavora nel palazzo dove lavoro io… ci penserò io a fargli una visitina!!! Si scherza ovvio.

        • andrea.lazzara ha detto:

          🙂 per come lo conosco, tra l’altro, Massi è persona molto alla mano ed aperta al dialogo ed al confronto

  45. nick ha detto:

    Segnalo per chi se lo fosse perso, che per noi c’era un’altro rigore per fallo di mano di Vives giudicato fuori area dall’ineffabile Gerva.
    Per la moviola di gazzetta.it il fallo era dentro l’area. Non so quanti altri ne abbiano parlato.

    Concordo con chi dice che non e’ certo solo colpa degli arbitri se siamo laggiu’ in fondo, ma datemi i 4 punti che mi spettano e poi possiamo dire tutto quello che vogliamo sulla poca qualita’ della squadra, e sul fatto che dopo mesi e mesi Rossi non ha ancora capito alcuni concetti da terza elementare.

    • Ste ha detto:

      ok allora però ricorda anche le papere di Curci e Agazzi. Se non le avessero fatte la Samp sarebbe ancora a zero?
      Con gli arbitri è un dare e avere che purtroppo ogni anno succede alle squadre medie e medio-piccole.

    • il bolo ha detto:

      il concetto lo ha capito invece , che ha per le mani una squadra di asini da trasformare in cavalli da corsa pensi che ci riuscirà?????? ci vuole un bel coraggio a dare la colpa a rossi quando un allenatore ha per le mani una rosa come quella della samp booooo

      • il bolo ha detto:

        quando manca la qualità a centrocampo e la capacità realizzativa li davanti dove si vuole andare????

      • Gipo Samp ha detto:

        Scusa, ma Rossi dov’era quando Osti e Sagramola compravano in quantità industriali le mediocrità da serie B e i media ci vendevano Eramo e gli altri come giocatori pronti per la A? Perché non ha denunciato cosa avrebbe potuto accadere con tale campagna acquisti anziché intascare un biennale da 1,2 milioni quasi 5 miliardi delle vecchie lire incassabili anche in caso di esonero? Questa è la colpa che imputo a Rossi insieme a non aver saputo dare uno straccio di gioco alla squadra, anche se umanamente posso capire che non si può sputare su cinque miliardi di lire e si deve solo ringraziare il benefattore.

  46. fabiosamp ha detto:

    Beh nick d’accordissimo che ci mancano dei punti…purtroppo però ce ne mancheranno altri andando avanti.
    Visto che noi scriviamo le letterine di protesta alla lega insieme a juve,inter,roma,fiorentina,verona e sassuolo….indovina tra queste quali lo prenderanno nel gnao? e non mi dite che ste cose non contano che ci ricordiamo tutti lo scazzo creato da enrico mantovani sulla questione platt-veneri sappiamo tutti come fini’ allora…
    Per esporsi bisogna avere le spalle grosse…

  47. luca ha detto:

    Signori Cellino è un maestro !!!!!! il giovane MURRU (ma chi è costui poi) era appetito da grossi club Inter e Milan in testa con contratto in scadenza nel 2014, ovviamente il grande Presidente sardo ha allungato il contratto al 2017 cosi adesso chi vorrà questo autentico fuoriclasse (comunque ha soli 18 anni) dovrà sborsare un bel pò di soldini !!!!!!!! vero Osti e Sagramola ? ma perchè non mandiamo i nostri dirigenti quindici giorni in vacanza in Sardegna a cas Cellino ? magari imparano qualcosa !

  48. matteo84 ha detto:

    buongiorno Andrea e a tutti del blog,
    giusto per non dimenticare ci sarebbe da aggiungere alla lista degli errori arbitrali anche il rigore non dato per fallo su Sansone volato in area di rigore della Roma (ed eravamo ancora 0-0)……qundi 2 punti con il bologna, 2 con il cagliari, 1 o 3 con la roma e 2 con il torino, si va da 7 a 10 punti praticamente rubati.
    ora, magari per i valori visti in campo non meriatiamo di avere 10\13 punti, però brutti o non brutti questi punti ci spettavano in modo sacrosanto……se oltre a essere scarsi ci si mettono anche gli arbitri, addio………
    purtroppo però non ci si può attaccare solo alle decisioni arbitrali, perchè va bene che non siamo andati sul 2-0, ma stavamo comunque vincendo 1-0.
    analizzando la partita ho visto un bel primo tempo,mi sono piaciuti un po tutti, Pozzi va fatto giocare, è l’unica punta vera che abbiamo, usiamolo finchè dura poi si vedrà, magari si rompe, magari fa 15 gol (magari a gennaio si da via quello che manca di poli si ridà indietro Salamon e si prende Pazzini,ma è fantascienza:-)), ottimo Sansone anche se nel secondo tempo è sparito, mi è piaciuto Gentsouglu ha dimostrato personalità e buona visione di gioco, buono anche Gavazzi, mi era già piaciuto con la roma, è veloce e prova il dribbling che spesso gli riesce; Gabbiadini mi è sembrato svogliato…..il primo imputato della partita per me è Da Costa, su calcio d’angolo vede che la palla gli arriva in mano e non la chiama, poco importa se è Obiang ad aver sbagliato, lì la deve chiamare il portiere così da farsela lasciare da chi gli è davanti come era Obiang, quindi per me è un altro gol preso per colpa di un portiere scarso al cubo….il secondo imputato ovviamente è Palombo, questo non può stare dentro l’area di rigore a fare ste cose, non è un difensore, mi dispiace per Angelo ma sarebbe meglio se ne tornasse in panchina, poi quando c’è da tirare 2 colpi gli ultimi minuti per mantenere il risultato lo butti in mezzo, ma non deve più stare in difesa……..l’errore dell’arbitro è stato decisivo, ma i gol glieli abbiamo regalati noi………
    secondo me questa squadra ha delle potenzialità, ma servono i piedi buoni, l’altra volta scrissi come esempio Diamanti Di natale etc, ma come esempio, ovviamente qualcuno come al solito ha capito che volevo che venissero spesi 10 milioni per Diamanti, in realtà mi riferivo alla tipologia di giocatore che serve in questa squadra e basta……….
    che dire forza Delio e forza sampdoria

  49. alex57samp ha detto:

    Concordo pienamente con quanto ha scritto Big Dave.
    Chi ha fatto una campagna acquisti così palesemente fallimentare deve essere cacciato al più presto. Via DS e DG prima di gennaio e se il presidente sbaglia di nuovo la scelta dei suoi collaboratori, si faccia da parte e dica chiaramente che vuole vendere la Samp.
    Non concordo con quelli che hanno visto dei sintomi di ripresa nella squadra.
    I pochi gol fatti sono frutto di calci da fermo, cappelle dei portieri avversari (vedi Cagliari) ed azioni personali (vedi Sansone). Secondo me, di gioco, anche col Torino, neanche l’ombra.
    Domenica scorsa era di vitale importanza fare 3 punti e non ci siamo riusciti, aldilà dei torti arbitrali, per la nostra assoluta mediocrità. Il Torino è una squadra quasi scarsa come noi, ma ha un paio di giocatori di qualità (Cerci, D’Ambrosio) che a volte fanno la differenza.
    Obiang è lentissimo e non ha un gran tiro, Palombo come difensore non è proponibile e come centrocampista nemmeno.
    Di decente domenica ho visto i soli Gavazzi, Sansone ed Eder. Di meraviglioso ho visto, come sempre, la gradinata Sud. La società e la squadra questo tifo non se lo meritano.

  50. bongo ha detto:

    Ssshh! Zitto! Vuoi rovinare il momento idilliaco per certa gente che gli permette di dire che la squadra è del tutto da buttare e la dirigenza è comppletamente incapace??? Io dico che se avessimo i 7 punti che ci meritiamo, e visti gli impegni che abbiamo affrontato (juve, roma, milan e derby che è sempre difficile vincerlo), saremmo addirittura in linea con la tabella di marcia che prevede una salvezza tranquilla. Certo… molto meglio darci già per spacciati con ancora 31 partite da giocare, visto che l’ambiente ne trae vantaggi stratosferici!

    • peter ha detto:

      Ti dico di più: se ne avessimo 38 saremmo già salvi e se e se e se e se e se………

      • Gipo Samp ha detto:

        Caro Peter ho sempre sorvolato sui post come quelli bongo ma oggi sono troppo amareggiato, deluso e diciamo pure incavolato nero per ignorarli. Dai suoi numerosi post e dai suoi commenti su Cassano, penso che bongo sia uno di quelli che continuano a cantare e sventolare anche quando questa squadra mediocre e senza gioco esce dal campo sconfitta. A quelli come lui che negano l’evidenza e pensano che le partite le vince il 12°, non importa la Sampdoria, il gioco, i risultati, classifica e la sconfitta nei derby, ma si arrabbiano solamente se i giornali non ne tessono le lodi dicendo che sono ammirevoli perché hanno continuato a cantare e sventolare anche dopo sonore sconfitte e spettacoli calcistici indecorosi della Samp. Bongo penso appartenga anche ai: noi siamo noi y loro sono loro. Peccato siano passati 20 anni da quando Paolo Mantovani ci faceva girare l’Europa e la Sampdoria era sempre in prima pagina della Gazzetta e le TV nazionali gli concedevano ampi spazi, mentre adesso ci dedicano trafiletti da necrologio e ci mandano in onda dopo la mezzanotte prima dei titoli di coda. Lasciamelo dire per tutti quelli come bongo. Se ci troviamo oggi in questa penosa situazione lo dobbiamo anche ai tifosi come bongo. Forza Samp

        • Dorianodoc ha detto:

          Caro Gipo sottoscrivo tutto, anche virgole e punti! In altre piazze quello che stanno facendo questi sarebbe improponibile, altro che lodi ai Garroni!

        • peter ha detto:

          Gipo la penso esattamente come te.

        • YumaS2001 ha detto:

          se bongo non esistesse….
          se bongo la pensasse diversamente….
          se bongo urlasse “garrone vattene”
          ……
          la situazione sarebbe uguale.
          Quello che conta è la dirigenza!!!!!

    • Dorianodoc ha detto:

      Macchè salvezza tranquilla! Sei il solito disfattista! Come minimo E.L. ecchhecavolo!!!!!!!!!!!!! ( poi ti svegli……….)

  51. bongo ha detto:

    Per tutti quelli che ancora hanno voglia di menarla con le svendite dell’anno dell’ultima retrocessione, oggi Di Carlo ha lasciato dichiarazioni interessanati… eccone un esttratto: “Perdiamo Cassano per la famosa lite con Garrone, ma siamo quinti. Le negatività emergono, sempre di più. A gennaio teniamo botta, vinciamo con la Roma, ma poi viene ceduto Pazzini. Lui voleva andar via a tutti i costi, la società pensava che ormai eravamo salvi e lì cambiò tutto. Quella cessione non era nei piani, si decise tutto in tre giorni e non trovammo rimpiazzi pronti. Per giunta si fece male anche Pozzi. Senza Pazzini dovevamo cambiare anche modo di giocare, visto che si andava spesso sul fondo a crossare. I nuovi acquisti andavano aspettati ma non c’era tempo, la situazione iniziò a precipitare e subentrò la paura. Arrivò l’esonero dopo il ko contro il Cesena, ma eravamo ancora salvi. Alla fine è andata pure peggio, con la retrocessione”.

    • peter ha detto:

      Se non trovi i rimpiazzi pronti il signor pazzini lo facevi rimanere a genova come avrebbe fatto cellino

      • gianni ha detto:

        Pazzini era “infortunato” e rifiutava di giocare; ovviamente appena è andato all’Inter è stato miracolato.

        • Fabiosamp ha detto:

          Certo non ha concordato con la società di non giocare visto che doveva andare via dopo 3 giorni…cosa che è successa 1000 volte nella storia del calcio…veramente incredulo….speriamo torni il pazzo per salvare la ghirba

    • Fabiosamp ha detto:

      Per giunta pozzi( e te lo dico per certo) quando è andato via pazzini si sapeva già che sarebbe stato fuori 2 mesi…

    • fabio ha detto:

      Ah ecco Bongo, finalmente mi hai svelato l’arcano.
      La retrocessione fu colpa di Pazzini…, che stupido a non averci mai pensato.

  52. bongo ha detto:

    Naturalmente aspetto il primo scienziato che dica che quella di cassano è stata una montatura (che strano… in tutte le squadra in cui gioca, mettono su dei teatrini per mandarlo via!) e che Di Carlo abbia fatto certe dichiarazioni su Pazzini perché magari sarebbe stato pagato da Garrone per farlo!

    • peter ha detto:

      Pazzini regalato in cambio di biabiany e sostituito con macheda…ma ancora parli ?

      • bongo ha detto:

        Si lo facevi rimanere sono d’accordo, infatti l’errore l’han fatto, si sa già e lo hanno già ammesso. E cmq è facile parlare col senno di poi, perché come ha anche detto Di Carlo si era in una buona posizione ed era impossibile prevedere un crollo di tutto il resto della squadra. Pazzini regalato? Tra tutte le squadre che lo hanno venduto, siamo quelli che ci han guadagnato più di tutti. 12 milioni in contanti più biabiany, per il quale abbiamo già ottenuto 3,5 milioni dal parma per una metà del cartellino, e se vendessimo l’altra metà, viste le quotazioni attuali di biabiany, ricaveremmo altri 5 milioni. Lo abbiamo venduto a più del doppio di quanto lo han venduto la fiorentina a noi e inter al milan, e ci abbiam guadagnato sicuramente di più di quello che potrà mai guadagnarci il milan se lo vendesse!

      • bongo ha detto:

        Parlo perché come dimostrano i numeri hai torto.

    • Dorianodoc ha detto:

      Sono uno scienziato. Quella di Cassano è stata non una montatura, ma una pagliacciata di cui sta ancora ridendo l’Italia pallonara. Cuntent?

  53. Paolo_65 ha detto:

    Ciao a tutti, ieri sera ho partecipato alla riunione in Federclubs con Sagramola e Colantuoni, Delio Rossi era annunciato ma non e’ venuto. E’ stato praticamente un monologo di due ore, la situazione e’ molto buia, siamo usciti veramente depressi e sconcertati, nella malaugurata ipotesi di retrocessione esiste il rischio reale di un tracollo finanziario senza possibilità di ripresa. Neanche la questione stadio appare molto chiara, entro fine mese una società milanese presenterà uno studio di fattibilità che verrà sottoposto al comune ma non se ne conoscono ancora le risultanze.
    Ad ogni modo l’amministratore delegato e’ convinto che ci riprenderemo e’ che sia stata costruita una squadra in grado di salvarsi…speriamo bene.

  54. Gipo Samp ha detto:

    @ Dado 43

    Mi fa piacere che un blogger di lunga militanza, obiettivo, moderato e buon intenditore di calcio, abbia perso la pazienza e scriva verità a rischio di essere marchiato come bibino. In presenza di una squadra senza gioco, figlia di tutti i difetti tecnici derivanti dalla mancanza di giocatori di categoria, e, soprattutto, di un allenatore in confusione, non si può più scopare la polvere sotto il tappeto. Purtroppo i media genovesi con eccezione di qualche giornalista come Lussana e altri che cominciano a fare capolino, sono stati finora latitanti nella critica a Rossi, nonostante l’evidenza dei risultati negativi. Non v’è dubbio che la colpa del disastro è addebitabile in primis all’incapacità dei Garrone di scegliere i DS e allenatori, ma mi chiedo: dov’era Rossi quando Osti faceva arrivare i molti mediocri da serie B e i nostri giornali locali ci vendevano il ritorno di Eramo & C con titoli formato maxi simili a quelli usati da Marca per l’arrivo di Ronaldo o di altri top player? Rossi ha incassato un biennale da 5°stipendio della A ed è stato silente di fronte alla miserabile campagna acquisti che si andava profilando. E c’è chi ancora lo difende utilizzando l’imbeccata che Rossi rappresenta il valore aggiunto del 120% (di ché?) e la colpa è dei giocatori che sono scarsi.
    Devo riconosce il tuo coraggio nel citare Cassano, inviso ai tifosi della nutella e bollato d’infamia, i quali adesso si divertono con i Salomon, Barillà, Bjarnason, Woszelek e altri che hai omesso di elencare penso per brevità, poiché quasi tutta la rosa faticherebbe ad arrivare a giocarsi i play off. Eccezioni pochissime. Cassano da solo tiene in piedi il Parma. Basta vedere i suoi goal e assist e leggere le entusiastiche recensioni dei giornali sportivi. Concordo quando scrivi che avrebbe fatto carte false per tornare e accettato un ingaggio abbordabile, il cui totale esborso per la Società sarebbe stato senz’altro inferiore al costo dei molti mediocri arrivati, che tutti assieme non danno la resa di un Cassano. Qualcuno diceva: squadra gioca come gioca centrocampo. Il nostro è senza regista e fa solo interdizione senza costruire gioco. Persino Gabbiadini usato fuori ruolo come centravanti, e i promettenti Kristcic e il lento Obiang, sono stati risucchiati dal buco nero della nullità della squadra, per cui pur cambiando l’ordine degli schemi il prodotto non cambia, cioè per noi da’ sempre zero. L’ho già scritto ma lo ripeto per quelli che fossero arrivati in ritardo, la B non è l’obiettivo dei Garrone ma è stata certamente messa nel calcolo come ci ha confermato Sagramola con tanto di percentuale. Dopo la dipartita del patron Riccardo e come conferma la campagna acquisti da miseria, i numerosi eredi si sono rifiutati di dover sborsare annualmente qualche decina di milioni per non vincere nulla e solamente per mantenere dignitosamente la Sampdoria in A, per cui hanno deciso l’autofinanziamento. Cioè, non c’è più trippa per i gatti. Solo chi non ha capito questo spera in gennaio. Comunque, sempre forza Samp

    • Crovo ha detto:

      Bravo.

      Concordo.

      E aggiungo che lo stadio vogliono costruirlo solo per realizzare un investimento immobiliare.

      E che su questo fatto sarebbe l’ora che tutti aprissero gli occhi!

  55. luca ha detto:

    E’ vero che ieri sera il D.G. Dott. Sagramola era ad una riunione della Federclub ? Mi auguro abbia ricevuto critiche (non insulti) ma sonore e dure critiche con richiesta di spiegazioni e spero non applausi ! attendo vostre grazie

    • Paolo_65 ha detto:

      Tranquillo, la serata e’ filata liscia come l’olio, solo un normale confronto, d’altra parte il dg sul piano della comunicazione e’ preparato, non si scompone, para i colpi ed alle domande controbatte con altra domande, ha solo ammesso alcuni errori di valutazione ma se pensi che l’incontro si stato un’arena tipo quella di Giletti ti dico subito di no.

  56. bongo ha detto:

    Signor Lazzara che fine fanno i messaggi che invio?

    • andrea.lazzara ha detto:

      Che se mi concede di avere la febbre per qualche giorno….

      • bongo ha detto:

        Beh per carità ci mancherebbe… ma non mi riferivo alla frequenza dell’aggiornamento, che oltre a causa di malattia può rallentare per mille altri motivi, mi riferivo a un paio di messaggi che non son stati pubblicati me che son stati inviati poco prima di uno che invece è stato pubblicato, ma non importa, perché come ho appena scritto a Peter riguardavano solo il calciomercato!

    • peter ha detto:

      che sia un complotto anti Garrone ??

      • Fabiosamp ha detto:

        Lazzare non boicottare bongo ci fa troppo ridere e soprattutto se ti prendi l’influenza vuol dire che non sei un SUPERTIFOSO…i supertifosi non si ammalano mai 🙂

        • andrea.lazzara ha detto:

          In 20 anni di gradinata(la costruzione di una passione, alla mia veneranda età, si può rivelare….)…ho saltato una partita per varicella!

      • bongo ha detto:

        Ritenta… mi riferivo a semplici messaggi sul mercato…

  57. Fabio ha detto:

    Solo alcune considerazioni e riflessioni:
    1) Passivo della società gestione Garrone più di 200 milioni di Euro
    2) Risultati sportivi una retrocessione , serie B , serie A salvezza alle ultime giornate, e oggi virtualmente retrocessi.
    3) cambiati 4 direttori sportivi e 4 allenatori …e un parco giocatori spropositato
    4) Giocatori acquistati negli ultimi anni tutti in panchina , tribuna e fuori rosa .
    Mi chiedo come si può gestire in questo modo una società come la SAMPDORIA
    Teniamoci stretti Delio Rossi in questo momento è l’unico che può portarci alla salvezza
    Io farei giocare la Samp con un 4-3-3
    Da Costa De Silvestri Gastaldello Mustafi Costa Obiang Kristicic Maresca Sansone Eder Pozzi
    Cosa ne pensi Andrea un saluto a tutti
    Fabio
    Saluti Fabio

  58. robmerl ha detto:

    Hai ragione nick, però non è assurdo che salamon e renan non abbiamo mai una chance mentre palombo (che mi è anche simpatico) deve giocare sempre, anche in un ruolo dove non ci sta proprio?
    Quanto a Rodriguez, quest’estate ho sentito Rossi dire testualmente su Telenord: “Spero che sia il fratello bravo di quello che c’era prima”. E Osti, intervistato sulla svendita di Poli, ha risposto stizzito che “il mondo è pieno di bravi giocatori. Bisogna saperli trovare”. Evidentemente lui non lo sa, e sarebbe il caso che lasciasse la poltrona, come hanno fatto signorilmente altri prima di lui.
    Garrone vuole fare le nozze coi fichi secchi, questo è vero, ma un budget lo mette a disposizione: se poi il DS compra delle scamorze, l’ unica colpa del presidente è quello di non cacciarlo a pedate ( senza buonuscita)

  59. Max1964 ha detto:

    Ma signori qui stiamo parlando di scouting, di programmazione ecc. ecc. ma vi rendete conto che è dai tempi in cui prese in mano la Samp RG che questa societa’ non ha una programmazione?L’unico , vero progetto che hanno è quelo di costruire lo stadio, ma attenzione non per autofinanziarsi, come ho letto da piu’ parti, ma per realizzare un ulteriore affare che porterà danari alle casse (non societarie ma familiari).E’ da anni che lo sostengo, si va avanti alla giornata, solo nell’annata della Champions è stato un’anno di grazia in cui oltre ad avere quei due la’ davanti che trasformavano in oro tutto cio’ che toccavano, ci è andato tutto dritto.Giustamente servivano un paio di giocatori e la conferma di Storari per l’anno successivo e sapete bene come ando’ a finire.Vi ricordo, e su questo mi potra’ dare conferma Andrea perchè io la sapevo cosi’, che il signor Gasparin che reputo quasi sullo stesso piano di Marotta, un paio d’anni fa aveva in mano due giovani argentini di sicuro talento che erano ITURBE e FUNES MORI, ma la societa’ ha ritenuto di non investire un paio di milioni e ha spedito a casa il dirigente a favore di un Osti di turno(Doriano TOSI).Ma allora di cosa stiamo parlando per favore?

    • andrea.lazzara ha detto:

      Di Funes Mori lo sapevo anche io, non di Iturbe. Però Gasparin era su Kucka prima che arrivasse il Genoa. Ne approfitto per leggermi piano piano i vostri post….tre giorni ko con la febbre alta e lontano dal pc…devastante..:-)

    • peter ha detto:

      Oddio…Gasparin ha portato Curci…

  60. moussa dembelè ha detto:

    Andrea, vorrei andare un po’ controcorrente rispetto alle opinioni espresse da tanti sul blog e in altri “luoghi”, relativamente alla mancanza di qualita’ della Samp a prescindere, nei confronti di qualsiasi avversario. Per me il Torino non ha piu’ qualita’ della Sampdoria, a parte un giocatore come Cerci. Se leggiamo la formazione di domenica scorsa, presi uno per un, mi sembrano peggio di noi. Allora, se avessi l’opportunita’ di fare una domanda a Rossi, gli chiederei com’e’ possibile disputare un secondo tempo come quello giocato col Torino.
    Avremmo dovuto avere una fame ed una voglia addosso da sbranarli e farli non un gol e mezzo, come alla fine del primo tempo, ma tre o quattro, invece nella ripresa hanno giocato solo loro.
    Non posso credere ad un deficit fisico alla settima giornata, allora dove sta’ il problema??

  61. franco ha detto:

    Il nostro campionato non sara’ nemmeno una lunga e penosa odissea :

    Infatti a GENNAIO sara’ quasi tutto finito: avremo cosi’ pochi punti che non ci
    restera’ neppure la speranza.

    • peter ha detto:

      anche io ho la stessa paura, e lo si dice perchè quello che vediamo sul campo è agghiacciante.

  62. luca ha detto:

    Gente oggi la storia di Salomon è l’ennesima beffa !!!! cosa significa come scritto su molte notizie di commento che il Milan sapeva del grave infortunio patito alla caviglia e che per questo ha dovuto trascurare e 7 o fare male parte della preparazione , mi spiegate che c…..o stà accadendo alla Samp ??????????? ma non siamo nemmeno capaci di valutare le condizioni fisiche di giocatori che stiamo per acquistare ? scusa Andrea è obbligo un tuo commento.

  63. paolo ha detto:

    il fatto e che ladirigenza ha ripianato il deficit di 40 mil di euro trascurando la parte tecnica ma quel deficit e stato causato da loro stessi con la retrocessione del 2011
    ora hanno chiuso i rubinetti e non gliene frega un cavolo se la squadra affonda ,
    si sono circondati di incapaci e senza soldo hanno fatto questo pseudo- mercato con elementi da bassa serie b e questi sono i risultati
    ha senso fare uno stadio come quello che vorrebbero realizzare se si è in serie b e si gioca con il sassuolo e il cittadella?
    se questa dirigenza dimostra questo modus operandi siamo fritti povera samp e poveri tifosi

    • peter ha detto:

      sai che goduria il nuovo stadio con un manto erboso di velluto solcato dai piedi fini di gavazzi e barillà ?

  64. luca ha detto:

    ma siete sicuri che la faccenda stadio non siache un pagliativo per distgliere attenzioni sulla situazione critica della Società ? Ieri sera ho sentito più e più commenti che dichiaravano la difficoltà della fattbilità del progetto (che poi sia per il solito ottuso sistema alla genovese o altro ancora non lo sò) ma reputo che difficilmente sarà costruito lo stadio e forse anche la Dirgenza lo sà già !!!!!!!!

  65. flex ha detto:

    Ciao andrea e ciao a tutti.

    Mi ostino a parlare di calcio.
    Secondo me dobbiamo trovare il giusto equilibrio per giocare con tre uomini davanti: la cosa è fattibile perchè i nostri attaccanti hanno le caratteristiche per rientrare ed essere i primi a fare pressing sulle ripartenze della squadra avversaria. Non avendo un play maker e nemmeno un trequartista di qualità credo che dobbiamo fare di necessità virtù, cercando di spostare il nostro baricentro più in alto, anche perchè in mezzo non c’è nessuno che sappia bene cosa fare con la palla tra i piedi, l’anno scorso cristckic non mi era dispiaciuto, ma quest’anno è in forte difficoltà. In secondo luogo mi sentirei più tranquillo con la difesa schierata a 4.
    I giocatori non saranno dei fenomeni ma non sono nemmeno così tremendi e, nel complesso, la nostra rosa non è inferiore a quella delle nostre concorrenti, la classifica non è compromessa, abbiamo il tempo e i mezzi per recuperare.
    Ci vorrebbe un pò di pazienza ma sembra che tanti di voi siano talmente risentiti con garrone da non essere disposti ad accettare più nulla.

    • Bulgaro ha detto:

      Ciao Flex,
      concordo, lo dico dalle primissime giornate che servono 3 punte, visto che la qualita e` solo nei giocatori offensivi. Concordo anche che le nostre punte sono ottime per partecipazione alla fase difensiva, non si risparmiano.
      Meno d’accordo sono con la difesa a 4 o meglio la difesa e` gia` virtualmente a 4 in alcuni tratti della partita visto che sfruttando la velocita` e la fisicita` di De Silvestri in fase difensiva si ha spesso l’uomo in piu; io mi concentrerei piu sugli interpreti e metterei Gastaldello centrale e Mustafi a centrodestra lasciando fuori Palombo e Costa a centrosinistra pronto ad allargarsi in caso si passi a 4.

      • flex ha detto:

        Ciao Bulgaro
        la tua difesa è come quella che vorrei io. Hai ragione quando dici che gli schemi hanno un’importanza relativa, quello che conta sono gli interpreti. Ad oggi il reparto che più mi ha deluso è il centrocampo: vedo obiang e cristcick in netta difficoltà rispetto all’anno scorso, ma non posso pensare che possa dipendere solo dalla mancanza di poli. Per contro non credo che si possa prescindere da loro, maresca non lo vedo proprio, sulla sinistra sta provando gavazzi, non sarà un fenomeno ma mi sembra un giocatore “onesto”, a me non dispiacerebbe nemmeno renan. mi piacerebbe trovare una collocazione a wsoleck (il polacco) mi intriga, ma non saprei bene dove sistemarlo.
        Tu chi metteresti?

        • Bulgaro ha detto:

          Ciao Flex,
          il centrocampo sta rendendo meno di quello che ci si aspettava, ma non e` raro che i giovani, a una prima annata buona, alternino un periodo opaco piu per motivi psicologici che non fisici. In ogni caso anche a me Maresca non dice molto, ha sicuramente un buon piede ed esperienza, ma non ha una gran rapidita` … per capirci non mi piaceva molto nemmeno a inizio dello scorso anno.
          La fascia mancina e` un bel rebus, forse insisterei su Gavazzi che e` quello che ha fatto meglio, il piede non e` orribile, osa ogni tanto qualcosa e ne viene da un brutto infortunio per cui (spero) non sia nemmeno al 100% altrimenti Costa, ma spostarlo dalla difesa dove e` probabilmente il migliore al momento mi pare un po` un delitto.
          Renan, per ora, non ha mai risposto positivamente in campo quando e` stato chiamato in causa, a tecnica ci starebbe benissimo li, ma per corsa e testa mi sa` che non sia adatto alla serie A. Regini gli definirei un ruolo di vice Costa e da li non lo schioderei piu a meno di emergenze, si rischia di bruciarlo.
          Wszolek io lo vedrei bene come mezza punta a supporto del centravanti (sempre giocando con 3 davanti), un alternativa a Sansone ed Eder, a Trieste col Cagliari a tratti mi era piaciuto, piu avanzato e in partite dove devi coprirti un po` di piu e ripartire; e` veloce e ha un buon tempo di inserimento (gol a parte gli avevano anche fischiato un fuorigioco inesistente in cui era praticamente solo davanti ad Agazzi) solo deve fare l’abitudine al nostro calcio, perche` non e` molto continuo.

          Comunque io cambierei anche Da Costa con Fiorillo, lo scorso anno a Livorno ha cappellato un paio di partite (all’esordio e al rientro dopo l’infortunio), ma per il resto ha fatto una grande stagione. Visto che dobbiamo puntare sui giovani, il portiere che abbiamo giovane non e`, e` mediocre, basso, con pochissimi guizzi e un discreto numero di cappelle sul groppo, almeno proviamo a valorizzare un giovane nostro che si era un po` perso per strada.

  66. gianni ha detto:

    Io ripropongo la solita domanda; in attesa che qualcuno degl illuminati si degni di rispondere: ma se il piano di Garrone è retrocedere per limitare i costi, perché non ha tenuto la Samp in B ed è tornato subito in A con un buco di bilancio peggiorato?

    • Paolo1968 ha detto:

      Ti propongo io una domanda: siccome non ho mai creduto alla volontà dei Garrone di affossare la Samp per limitare i costi, mi permetti di credere che siano fortemente incapaci e che si attornino di incapaci?
      Risultati pessimi + buchi di bilancio sempre peggiori + patrimonio calciatori sempre più povero = INCAPACITA’, almeno credo…

      • gianni ha detto:

        L’incompetenza è una cosa; la malafede che adombra un certo utente milanese tifoso dell’Inter che si è dato la missione di sputare sulla Samp per la vicenda Cassano un’altra.

        • Paolo1968 ha detto:

          Per me la vicenda Cassano è questa: dal punto di vista morale non me ne frega nulla, non ha niente cui spartire con la mia vita. Già poi associare la moralità con quel mondo ritengo sia un errore (Prandelli sta dimostrando con Balotelli il famoso codice etico….).
          Sarebbe stato comodo a noi e alle tasche di Garrone tenerlo e far finta di non aver sentito. Riccardo (che tra l’altro è bene ricordare avesse ben più potere di Edoardo… in sostanza un padre ha più potere, anche economico, di UNO dei suoi figli) s’è giustamente incavolato e l’ha mandato a quel paese. In che modo, a me tifoso, non interessa nulla.
          Cassano mi ha fatto vedere il calcio che da più di un decennio non vedevo.
          Adoravo il calciatore, quello che interessa a me tifoso, odio la persona, ma è un parere di me come uomo.
          Al posto di Garrone – e non ci sono – non l’avrei neppure perdonato.
          Ma come tifoso l’avrei rivoluto in squadra.

          Detto questo smettiamola di scambiarci epiteti fastidiosi se non condividiamo l’opinione degli altri e cerchiamo di ragionare con la mentalità che il grande Paolo dovrebbe averci insegnato.

          In ultimo ti rispondo: a volte mi fa infuriare più l’incapacità (condita qua e là da arroganza e supponenza) che la malafede… ma anche questa è una mia opinione

          • gianni ha detto:

            Quindi quello che ti piace è l’ipocrisia; mi insulta (a meno che “vecchio di…” non sia diventata una gentilezza) dopo che da quella sostanza con cui mi apostrofa io l’ho tirato fuori e dovrei far finta di nulla trovandomelo davanti ogni giorno; va beh ne prendo atto.

          • gianni ha detto:

            ps: secondo te, in base a quello che scrive, colui che si definisce tifoso doc (quindi superiore agli altri) sta ragionando con quella mentalità che ricordi?

          • Paolo1968 ha detto:

            Rispondo qui ai due post di Gianni sotto.
            Evidentemente Gianni non hai letto bene quello che ho scritto.
            1. Come uomo non l’avrei rivoluto in squadra, come tifoso sì
            2. Il tifoso è ipocrita per definizione, o meglio tende a chiudere un occhio sul campione e massacrare lo scarso. Nessuno escluso, oserei dire. Normalmente non cerco nel calciatore l’uomo ideale da far sposare a mia figlia…
            3. Cassano ha insultato Garrone, non me. Tu ne fai una questione religiosa in cui Garrone è il Papa e gli altri sono eretici
            4. Ti prego di prendere atto che hai interpretato le mie parole pro domo tua e che forse le hai interpretate male
            5. Putroppo sono rimasti in pochi quelli che ragionano come avrebbe voluto Mantovani e tra quelli non c’è Dorianodoc, non ci sei tu e nemmeno io
            6. Nonostante ciò non ho mai insultato nessuno

          • gianni ha detto:

            PAOLO: 1) Allora lo riprendano i tifosi con i loro soldi; non pretendano che venga pagato da chi è stato insultato.
            2) idem come sopra.
            3) come sopra, pagalo tu (almeno finchè non ti insulta; sembra che lo abbia fatto solo qui…; chissà come mai nessuna squadra lo ha mai ripreso, anche quando nel frattempo i presidenti erano cambiati.)
            4) io non ho interpretato niente, ho letto quello che hai scritto; se non era quello che intendevi scrivere non è colpa mia.
            5) Mantovani avrebbe cacciato Cassano.
            6) mai detto che tu l’abbia fatto.

        • Dorianodoc ha detto:

          Caro Gianni, quando andavo nella sud (e Garrone non c’era) a tifare Doria, tu ancora riempivi i pannolini……..

          • gianni ha detto:

            Si caro interistadoc, puoi scrivere quello che vuoi su questo forum,anche di essere stato sulla luna il problema è quello che scrivi sugli altri e a ben vedere anche su questo visto che non si ricorda un tuo post pro samp (a parte quando c’era Cassano, l’unica tua ragione di simpatia per questi colori)

        • Dorianodoc ha detto:

          Ah ah ah , dopo bibino pure interista!!!! Belin ma sei un genio!!!!Ma dove vivi? Ma vivi o sei finto………

          • gianni ha detto:

            Che ti abbia dato del bibino te lo sei sognato forse per coda di paglia; io da tempo ho detto chi sei e con quali altri nick scrivi su vari siti, anche nerazzurri; e comunque basta vedere i messaggi su QUESTO forum; dopo Cassano ti sei dato la missinoe di buttare melma sul Doria; basta contare i messaggi che scrivi quando si vince, quando non puoi sfogare la bile.

    • Luca Pavia ha detto:

      Forse perche’ ci si e’ ritrovati in A per colpa di Iachini e l’anno scorso, nonostante ce l’abbiano messa tutta non sono riusciti a retrocedere…

    • Dorianodoc ha detto:

      Mah, Secondo te avevano fatto una squadra per vincere il campionato? Con Atzori? E Iachini? A me risulta che invece di premiarlo, giustamente, e’ stato cacciato. Non è’ che abbia rotto le uova nel paniere?

      • gianni ha detto:

        Certo; hanno preso l’unico allenatore con varie promozioni dalla B alla A per restare in B, gli hanno preso i giocatori che voleva e poi sono stati li’ a guardare mentre riportava la squadra in A senza far nulla.
        Sei un genio; ma toglimi una curiosita; scrivi anche sui siti di tifoseria del Real e del Milan (dell’Inter no) per insultare tutti dato che anche loro hanno cacciato Cassano?

      • Fabiosamp ha detto:

        L’anno dopo entrava in vigore il salary cap….

    • Fabiosamp ha detto:

      La tragedia e che lui pensa di rifarsi dei soldi spesi e restare tranquillo in serie a…

  67. FISH65 ha detto:

    X Bongo,
    devo dedurre che secondo te:
    1) Questa rosa è competitiva e la squadra è attrezzata per una tranquilla salvezza.
    2) Nell’ultima campagna acquisti non sono arrivati giocatori esclusivamente dalla serie B. Eccetto Gabbiadini, peraltro non titolare fisso lo scorso anno a Bologna.
    3) Non è vero che il presidente aveva fatto ben altre promesse su salvezze più tranquille.
    4) Se, come penso e TEMO, quest’anno si retrocederà, sarà la seconda volta negli ultimi 3 campionati. Ti chiedo, ti sembra normale? Con la fam Garrone e 20000 abbonati??
    Insomma, siamo solo feroci contestatori?

  68. Dado ha detto:

    matteo84 scrive:
    8 ottobre 2013 alle 17:08
    per averlo detto io sono stato messo in croce per 3 anni…………anche da te Dado

    Ti rispondo:

    io in croce non ho mai messo nessuno al massimo dissentivo da quelli che dicevano che la scenata di Cassano era una scusa per mandarlo via e che lo hanno fatto sbroccare apposta….

    Vedi MATTEO 84, come ho già risposto a Luca Pavia, le cose cambiano, la realtà si modifica, emergono nuovi eventi e nuove verità, e di conseguenza le persone con senno e intellettualmente oneste cambiano opinione. Non mi ricordo chi, ma qualcuno ha detto la saggia frase che la coerenza è una virtù degli ignoranti.

    Ciò non significa disconoscere quanto detto 3 anni fa: per me ai tempi era corretto cacciare CASSANO!!! Tuttavia è stato fatto nella maniera peggiore e più autolesionista. Quindi “mettevo in croce” chi invece diceva che lo avevano fatto apposta…. Per me, era e rimane una baggianata.

    Archiviato questo, passati 3 anni, alla luce delle scuse pubbliche del giocatore, della riappacificazione in diretta a Bogliasco, della triste morte di Riccardo Garrone, delle manifestazioni di amore per Cassano ecc.. ecc… io, dopo 3 anni, mi permetto di dire senza pensare di essere “incoerente” che quest’anno era l’anno giusto per farlo tornare e mettere in cassaforte una tranquilla permanenza in serie A, visto che questo è l’obiettivo, e visto che bastava prendere Cassano e lasciare a casa i vari Salamon, Barillà, Wzolek, Bjarnason (non so neanche come si scrivono!) e giocare con quelli che già avevi (rossini, eramo, signori, poulsen, maresca, castellini tanto per coprirti gli stessi ruoli…) che ti salvavi facile perchè vicino a quello, anche un brocco come Mannini ha fatto 7 gol e ha giocato alla grande. E’ questo che dico ed esula da quanto pensavo 3 anni fa.

    Comunque, da informazioni di persone molto vicine alla società Sampdoria, ho saputo per certo quanto già in parte si poteva capire.
    Ricordatevi bene queste parole:
    O FANNO FARE LO STADIO ALLA FIERA E ALLORA I GARRONE SONO DISPOSTI AD INVESTIRE QUALCOSA IN PIU’. OPPURE RASSEGNAMOCI A VIVACCHIARE TRA SERIE A e B.

  69. Massimo Pittaluga ha detto:

    leggo dello stadio e non posso che concordare perché l’operazione verrebbe fatta con un altra società della holding e non con la uc sampdoria. i motivi sono ovvi e legittimi ci mancherebbe ma altrettanto ovvia e legittima è sollevare l’obiezione che alla sampdoria intesa come società l’operazione stadio non porterebbe diretti vantaggi come svantaggi. come tutte le grandi aziende la erg vede nello stadio (meglio nell’area) una patrimonializzazione e un investimento che poi ricordiamoci andrebbe ammortizzato e che quindi porterebbe inizialmente rientri di capitali sotto forma di ammortamenti poi semmai profitti. senza entrare troppo nel merito dico che operazioni come queste hanno come paravento il calcio perché lo stadio di proprietà non sarebbe dell’uc sampdoria ma di una società di proprietà dei proprietari di uc sampdoria. tutto legittimo ma profitti ed oneri non sarebbero della uc sampdoria. diciamo che eventualmente per incrementare gente nel nuovo stadio e strutture limitrofe la proprietà potrebbe avere interesse a fare una squadra che porti gente allo stadio, ma ciò può essere anche da vedersi in quanto i ricavi da stadio sarebbero non troppo maggiori di quelli attuali e tutto si giocherebbe sulle strutture di contorno in un mercato saturo. certa invece è la patrimonializzazione di un valore importante che darebbe una proprietà di quel tipo in un area come la foce a cavallo tra il centro e corso italia. insomma se lo stadio rende meglio, se si paga come minimo e si pagherebbe con i ricavi ho comunque un patrimonio. invece fare una squadra forte implica comunque investire i ricavi ed oltre in operazioni volatili come i giocatori. questa è giusta o sbagliata la mentalità di garrone Edoardo e si vede da come si fa mercato in questi anni. osti sarà anche non il massimo, certo marotta e paratici erano un altra cosa come anche Gasparin, però anche Gasparin non portò Funes Mori, kukca e mi risulta pure Do Santos per il dopo cassano perché erano fuori badget e si doveva vendere. Pazzini se ne voleva andare è vero ma si faceva andare a giugno e non a gennaio. ad ogni modo ripeto la mia opinione. con garrone senior abbiamo visto subito allestire una squadra di B fortissima che era buona anche per la A. portò poi giocatori grazie a marotta come campagnaro maggio etc ma pagò anche e tanto pazzini ed un ingaggio importante a cassano. è vero avrebbe potuto fare di più ma la sampdoria durante la sua gestione vide anche arrivare gasparin che era uno stimato dirigente. dalla sua malattia è stato tutto un tracollo che tutt’ora continua forse per errori non voluti ma molto più probabilmente perché a badget da bassa serie A metti assieme squadre da bassa serie A per la salvezza. se va bene ci si salva se va male si retrocede questo ormai è il target. io credo che questa squadra possa galleggiare sino a gennaio perché ci sono 5 o 6 squadre almeno del ns livello e quindi si può rimanere agganciati a posizioni li li con la salvezza ma poi a gennaio devono arrivare almeno 2 elementi veri che facciano la differenza a sinistra e in mezzo al campo. credo che a gennaio non saremo affatto già retrocessi ma probabilmente in piena bagarre retrocessione e speriamo arrivino rinforzi veri. nel mentre dobbiamo remare e spingere la squadra a dare il massimo nelle prossime partite che saranno essenziali per rimanere in corsa. una cosa è essere delusi da questa proprietà ma spingere da tifosi per avere dei miglioramenti e una cosa darsi in serie B dopo 7 giornate. preferisco soffrire ogni partita con questa presidenza che dire anche in B ma senza garrone. certo che vista l’ambizione che sembra nulla o quasi si spera tutti che prima o poi ci picchi addosso qualcuno con le stesse possibilità di Garrone ma con altre ambizioni. nel mentre cerchiamo di mantenere la categoria perché meglio la A con edoardo che la B con altri.

    • Dorianodoc ha detto:

      Ti rinfresco la memoria, in B ci sei già’ andato anche coi Garroni! E ci ritorni pure. Però’ contento……

      • Massimo Pittaluga ha detto:

        non sono contento e non difendo garrone anzi sono critico nei suoi confronti ma il tanto peggio tanto meglio non mi piace perché ritengo che alla settima giornata non si sia ancora retrocessi. che la squadra sia stata fatta male è evidente e semmai leggessi quello che scrivo potrai notare che sono molto critico verso la proprietà, ma prima di sfasciare tutto alla settima giornata ci penserai. concordo che il rischio retrocessione sia grande e per questo motivo spero che rossi tenga assieme la baracca sino al 1 gennaio. li vedremo se garrone Edoardo vuole salvare la sampdoria o meno. questi sono i miei concetti se poi uno vuole mettere in bocca altre cose al prossimo va bene lo stesso. ormai è uno sport nazionale deformare il pensiero altrui. come te e come tutti mi aspettavo qualcosa di diverso da questo giovane presidente. mi sbagliavo ma la contestazione a prescindere la trovo sbagliata. la critica la trovo doverosa. poi ognuno continua a pensarla come crede

        • Dorianodoc ha detto:

          Il problema, caro Massimo, e’ che sono anni che state aspettando chissà’ cosa da questa proprietà’, e sta andando sempre peggio. Te ne sei accorto? Ti sei accorto che dopo tutti questi scempi l’ineffabile Sagramola ti dice pure che rischiamo il fallimento? Cosa ti e vi serve ancora per aprire gli occhi? Qui non si tratta di tanto peggio tanto meglio, con questi la strada e’ segnata. Avremo modo di riparlarne. Tanto questi l’osso non lo mollano……

          • Massimo Pittaluga ha detto:

            Ciao Doriano allora non riesco a spiegarmi e credo sia colpa mia. non sto giustificando garrone, non sto aspettando nulla e non ho gli occhi foderati.
            ho visto bene il depauperamento del parco giocatori, il depauperamento della primavera, il non progetto giovani, perché allora icardi lo avresti tenuto almeno e sostituito poli che era in scadenza (icardi no). se avessi avuto la voglia di leggermi ho anche scritto la mia modesta opinione sul non senso di questa gestione (di mestiere amministro una società di capitali e quindi qualcosina ne capisco). sentire sagramola mi fa pensare almeno a difetti di comunicazione in quanto ripeto la sampdoria malgrado la scellerata retrocessione già lo scorso anno era nona per diritti tv (sopra al genoa squadra con simile bacino, malgrado la retrocessione grz ai successi dal 80 agli anni 90 ovvero grazie a mantovani e in piccola parte alla gestione di garrone/marotta). se non erro è settima per abbonamenti e sembrerebbe avere un proprietà solida. a tutte queste voci positive di contraltare vediamo operare in modo incomprensibile sul mercato andando a pescare diversi giocatori scommessa a due palanche e bassi ingaggi o giovani promesse (unica gabbiadini). non hanno ritenuto di puntellare la squadra invece di indebolirla e quindi qui le questioni sono due:
            1) Edoardo Garrone conta balle ai tifosi (ma sinceramente non credo)
            2) Ci ritroviamo come nel post mantovani paolo ovvero Edoardo non riesce ad imporre la sua volontà d’investimento alla holding (secondo me è questa)

            Soluzioni: 1) Edoardo Garrone riesce ad imporsi oppure si rileva lui la sampdoria
            2) Se non se la sente deve cercare un acquirente perché questa politica come dici tu presto o tardi ci porterà di nuovo in B, spero tardi ma quest’anno il rischio è grosso.

            spero di essere stato chiaro ora e spero anche scusa di non retrocedere malgrado gli errori e la volontà di disinvestire della holding che detiene la sampdoria. A me risulta che eg non riesca ad imporsi al cda ( mezzo genoano che non ha comprato all’epoca neppure il genoa vedasi mondini e quindi figuriamoci che piacere hanno di investire in sampdoria) e quindi le soluzioni che ha sono credo solo due: o si rileva lui la samp come fece paolo mantovani, ma ovviamente poi non si pretenda che si rovini il patrimonio personale, oppure cerchi un acquirente o un socio che lo accompagni in una gestione che con soli capitali personali sarebbe più rischiosa invece che con quelli della erg.
            credo che se si mettesse in quest’avventura dei partner li troverebbe a cominciare da qualche ex presidente, perché comunque in seria A la sampdoria può contare fra tv e incassi e avri un fatturato garantito attorno ai 50 mln e ormai costi di gestione parametrati anche se una squadra modesta ovviamente. però oggi e a gennaio c’è da salvare la stagione e a me ora preme fare punti per ripartire dalla serie A che ritengo sia basilare per ogni progetto futuro. Spero di essermi spiegato non volendo comunque imporre nessuna opinione. saluti

  70. Enrico ha detto:

    Questa squadra andra’, mestamente, in serie B. Ogni domenica sentiremo dire che ci sono ancora n partite, che occorre fiducia etc. etc. Questa squadra, e questa societa’ hanno cancellato ogni entusiasmo, ogni voglia, ogni sogno, ogni illusione. Stanno cancellando il nostro nome e cosi’ facendo anche noi tifosi scompariremo. Io purtroppo dopo tanti ma tanti anni comincio a sentire di non avere piu’ la voglia e la pazienza di arrabbiarmi e di soffrire. Piano piano sento che non me ne importa piu’ nulla. Non avrei mai pensato che un grande, grandissimo amore possa finire cosi’.

  71. reppo ha detto:

    Tenete Delio ,perche la colpa e vostra ridicoli DS ‘direttori ,ridicoli altezzosi e incapaci con la TERZA come da sondaggio gazzetta tifoseria e loro incapaci anche di fare un campionato tranquillo ………. nessuno gli ha chiesto niente di più…… COntinuo ad aspettare una spiegazione qa parte del presidente …… che mesi. Fa prometteva altre cose ,come al solito non mantenute.

  72. Big Dave ha detto:

    Che Sagramola sia così convinto che la squadra sia da salvezza lo sento continuamente anch’io, ma mi sembra di vedere la replica della gloriosa annata 2010/2011, quando tutti continuavano a vivere in un mondo onirico e ad affermare che ci saremmo salvati (d’altronde, col mega attacco Maccarone-Macheda…) salvo poi risvegliarsi un pomeriggio di maggio retrocessi.
    Anche allora Gastaldello e Palombo facevano le dichiarazioni di adesso: “ci salveremo”, “dalla prossima vinciamo”, “è un momento no”, “dobbiamo cambiare rotta”, “dobbiamo avere cattiveria”…ogni partita era la stessa solfa, per cui ora quando sento parlare Gastaldello e Palombo mi tocco gli zebedei.
    Sono sempre stato contro Cassano per ciò che ha fatto, ma a questo punto meglio un piantagrane in una squadra che si salvi piuttosto che una squadra senza sbruffoni che vada sparata in B. Con i soldi con cui abbiamo preso e/o stiamo pagando l’ingaggio ai vari Renan, Eramo, Rodriguez, Bjarnason, Soriano, Poulsen, Barillà e Wszolek, di Cassano ne prendevamo due e ci riprendevamo pure Pazzini.

  73. Paolo1968 ha detto:

    Dimentichi Maresca (con qualche dubbio sulla sua inutilità), Gentsoglou, Fornasier ….. Maccarone, Piovaccari (di cui paghiamo parte dell’ingaggio) …. e sul gobbone avremo anche Romero, Laczko, Juan Antonio, Celijak, Volta….

  74. faido ha detto:

    Scusate …capisco che quello che sto x dire mi farà tacciare di “bibinite” ma, secondo me ,analizzando le partite con Juve,Roma e Milan se fossero finite tutte 0 0 non avremmo rubato nulla
    Non ricordo di difese ad oltranza ,salvataggi sulla linea parate pali traverse ecc ecc
    .Con la juve abbiamo pagato un errore in uscita (Berardi credo) con la Roma una serie di rimpalli tipo subbuteo e con il Milan un tiro neanche troppo convinto…
    X carità facciamo cacciare …sono anche io di questa opinione ma non m i sembra che queste grandi ci abbiamo surclassato
    Derby a parte con il materiale che abbiamo non credo si possa fare tanto di più ma questo disfattismo ad oltranza mi sembra un poco eccessivo

    • Bulgaro ha detto:

      No perche` con le grandi dovevi difenderti e per lo piu e quello lo facevamo con ordine … il problema era costruire, anche se con il Toro siamo sembrati finalmente piu propositivi.
      Aggiungi anche che la situazione e` tesa e i giovani solitamente la patiscono di piu confronto a giocatori esperti.
      E` fondamentale una vittoria, anche casuale, ma che tolga un po` di pressione sull’ambiente per cercare di farli esprimere al meglio.

    • GIORGIO ha detto:

      Ma guarda in effetti non ci hanno surclassato, ma questo non è sempre da vedere positivamente. A me sembra che le altre squadre ci affrontino con il freno a mano tirato, senza tanto sforzo, tanto portano a casa cmq i tre punti. E come se pensassare non stanchiamoci tanto sti qua non segnano manco a porta vuota e alla prima occasione li puniamo.
      La partita con il genua è emblematica, non hanno fatto una cippa per 90 minuti ci hanno aspettato e nelle uniche 3 occasioni che hanno avuto ci hanno fatto goal.
      La cosa davvero preoccupante di questa squadra è che fa possesso palla ma sterile, tantissimi passaggi all’indietro per il portiere. Lanci lunghi dalla difesa. Siamo inguardabili.

  75. Dorianodoc ha detto:

    Big Dave, questa squadra, essendo pure peggio di quella (pare impossibile ma ce l’hanno fatta), non avrà’ neanche bisogno di quella sequenza di frasi fatte, che vanno bene giusto per i Bongo o i Gianni. Il dente se lo toglie prima……..

  76. ale ha detto:

    sicuramente garrone non lascerà lo stesso ricordo di paolo. se a gennaio non rivoluzionano sarà serie b e musse non ce ne sono

    • YumaS2001 ha detto:

      sicuro serva rivoluzionare?
      per me bastano 3 innesti di categoria per una salvezza tranquillissima

  77. ale ha detto:

    Sensibile avrebbe FORSE fatto meglio, ma osti ha ceffato in pieno

  78. gianni ha detto:

    Dunque ricapitolando le risposte alla mia domanda (che ha evidentemente mandato in crisi molta gente): I Garrone, da geni del male, programmano una retrocessione per limitare i costi, poi, quando la promozione immediata sembra impossibile e sarebbe bastato stare immobili, a gennaio prendono Iachini (due promozioni su due), spendono peggiorando il bilancio per prendere i giocatori che chiede e poi stanno a guardare il tecnico che riporta il Doria in A contro la loro volontà; dopodiché, secondo i soloni, Garrone riprogramma una retrocessione ma, con la squadra in cattive acque, prende Delio Rossi e rimane a guardare (immagino sbavando rabbia) mentre quello salva la squadra.
    Insomma geni e fessi allo stesso tempo…

    • YumaS2001 ha detto:

      la tua domanda è “troppo” logica per certe menti che credono al “gomblotto”
      .
      la mia domanda è: chi mette i soldi veramente?
      edoardo garrone o la holding di famiglia?
      .
      e nella holding di famiglia quanti sono i bibini?
      e che voglia hanno di investire nella samp?

    • Cristian ha detto:

      Ciao Gianni! A mio modesto parere la Sampdoria come società negli anni del dopo Marotta ne ha combinate di tutti i colori a livello di gestione tecnica e anche di bilancio. Che poi i Garrone lo facciamo apposta o per incompetenza la solfa non cambia. La squadra e’ una delle più scarse della storia della Samp a mio parere tanto impegno ma pochi valori tecnici. Io credo ancora in Edoardo ma non capisco perché si metta intorno a lui solo gente incompetente. Sensibile ha portato bidoni e discreti giocatori ma innalzando il monte ingaggi all’inverosimile. Osti non ha azzeccato un acquisto da quando e’ qui bruciando anche qualche milione (Rodriguez su tutti). Arrivando al nocciolo i soldi investiti saranno pure pochi ma almeno prendi un fuoriclasse come direttore sportivo. I pochi decenti rimasti sono opera della gestione Paratici/Marotta! Sono passati più di 3 anni e se elenco i giocatori presi e i relativi ingaggi pagati potevi farci su una bella squadretta sicuramente da salvezza tranquilla. Garrone si svegli e scelga il top a livello dirigenziale. I risultati verranno di conseguenza. Se invece continua a prendere gli Osti, i sensibile e i Tosi della situazione non ne usciremo mai.

  79. peter ha detto:

    Ciao Andrea, hai ragione.
    Per parte mia cercherò di rispettare il tuo “richiamo”.

  80. Daniele da Rapallo ha detto:

    Mi sembra chiaro, ormai, caro Andrea che ci siano dei freni da parte della Olding che controlla la squadra ed il nostro presidente abbia dei disaccordi.
    Si torna quindi all’anno in cui quelli che chiamavamo commercialisti frenassero quel mercato che magari Edoardo voleva davvero più frizzante. Credo che il grosso nodo che lui dovrà cercare di risolvere sia proprio questo, ma la vedo dura ed il rischio è grosso anche per gennaio. Sai qualcosa circa questo argomento che è stato ripreso anche da altri tuoi colleghi giornalisti ? Alla tua esperienza il controllo di questo mio messaggio per eventuale censura.
    Ti ringrazio

    Daniele

    • andrea.lazzara ha detto:

      ma per carità, Daniele. Io passo quasi tutto e ti ho spiegato il perchè di quella censura. Io, per ora, ci vedo tanti errori: come ha fatto notare un altro blogger, non ricordo chi, soldi ne sono anche stati spesi. Male. E si è venduto non benissimo. A gennaio ci si deve rinforzare eccome ma per ora, visto che si fa con quello che si ha, bisogna spingere tutti dalla stessa parte. E invece mi sembra che ci sia qualcuno che aspetti la prossima sconfitta per dire ancora una volta “Visto? Ve l’avevo detto!”. Sai che soddisfazione….

    • Gipo Samp ha detto:

      Anch’io, condividendo i tuoi sospetti, l’ho scritto nella mia risposta a Dado post 43.
      “La B non è l’obiettivo dei Garrone, ma è stata certamente messa nel calcolo come ci ha confermato Sagramola con tanto di percentuale. Dopo la dipartita del patron Riccardo e come conferma la campagna acquisti da miseria, i numerosi eredi si sono rifiutati di dover sborsare annualmente qualche decina di milioni per non vincere nulla e solo per mantenere dignitosamente la Sampdoria in A, per cui hanno deciso l’autofinanziamento. Cioè, non c’è più trippa per i gatti. Solo chi non ha capito questo spera in gennaio “
      E’ inspiegabile che Edoardo, un manager che ritengo persona capace e apprezzabile, nonché tifoso, si sia lasciato andare numerose volte a dichiarazioni positive per poi rimangiarsi tutto: Mai più serie B! ; Vogliamo salvarci senza patimenti!; Arriverà un centravanti esperto e di categoria!;Ci toglieremo delle soddisfazioni!; parte sinistra della classifica. (copia incolla preso da un blogger)
      Ciò che scopriremo a gennaio, è se decideranno il salvataggio della Sampdoria sborsando altri 20 milioni per gli acquisti di giocatori di qualità o almeno di categoria, superando il tabù del tetto dei 500mila euro d’ingaggio (investimento che si andrà ad aggiungere ai 20 milioni di copertura del buco di bilancio di cui ho letto). Per salvarsi, ammesso che a gennaio si sia ancora in tempo, occorrono: un portiere, un centrocampista con fosforo e piedi buoni che sappia costruire gioco e rifornire le punte, un centrale difensivo con centimetri e, se Petagna non si rivelerà un Icardi sperando che Rossi voglia farcelo vedere senza attendere che impari il dialetto della sua regione, occorrerà anche un vero centravanti. Con Pozzi e Gabbiadini siamo senza centravanti. Pozzi è simpatico ai tifosi estremi e per questa ragione gode di buona stampa a Genova, ma tolto il tap in del goal annullato col toro, a fine gara dobbiamo sempre rivolgerci alla rubrica TV chi l’ha visto.

      • Bulgaro ha detto:

        A pere mio Pozzi e` un ottimo attaccante e quando e` entrato lui la differenza si e` sempre sentita in campo; ha solo un piccolo immenso problema .. e` di cristallo e tra infortuni e recuperi di condizione e` assolutamente inaffidabile, ma averlo integro per tutta una stagione con un allenatore che ne sfrutti le carateristiche sarebbe tanta manna per la Samp.

  81. Big Dave ha detto:

    Ho letto su un noto quotidiano genovese che la Samp, quest’estate, ha sborsato la bellezza di 14 milioni di euro per il mercato.
    Effettivamente:
    Gabbiadini (metà) – 5 milioni (2 cash più Zaza, che forse ci ha visto lungo)
    Bjarnason – 1 milione per la metà
    Eramo – 1 milione
    Sansone (l’altra metà) – 1 milione e mezzo, se non sbaglio
    Mettiamoci anche gli ingaggi dei nuovi arrivati Salamon, Fornasier (chi è costui?), Barillà, Petagna, Wszolek e i succitati Bjarnason, Eramo e Gabbiadini.
    Va bene che i Garrone vanno sempre col freno a mano tirato, va bene che c’era un tetto ingaggi (stabilito da Sagramola) penoso e da serie B…………ma un altro DS, con 7/8 milioni cash più le “carte” Icardi e Poli da giocarsi con le grandi, avrebbe difficilmente fatto come o peggio di medioman Osti.
    La squadra che l’anno scorso si è salvata di chiappe, anzichè venire rinforzata, è stata penosamente indebolita: non è stato preso un degno giocatore che sostituisse Poli (il motore di centrocampo e l’unico centrocampista in grado di segnare in rosa!) o Icardi (che sarà stato una testa di cavolo ma almeno si buttava negli spazi e teneva sempre in apprensione le difese), per di più abbiamo dato via il portiere titolare (che avrà fatto i suoi errori ma almeno generalmente dava sicurezza).
    Un qualunque DS decente, da serie A, la squadra l’avrebbe rinforzata. Di certo non lo hanno mandato con un sacco di monete d’oro a Milano, ma non si può dire che non abbia speso. Di sicuro i DS delle varie Cagliari, Atalanta e compagnia a questo giro avevano un budget ancora minore.
    Il meglio Osti l’ha dato con Icardi, per cui si doveva MONETIZZARE al massimo (se l’Inter non voleva pagare e il ragazzo “sbuffava”…prego, quella è la tribuna) e si è scelti una formula cervellotica (comproprietà per 5,5 milioni, il resto a rate in tre anni…una formula degna di Einstein) che a noi non porta nessun vantaggio ma all’Inter sì. Poli, poi, è stato il guizzo del genio: data via la metà di un nazionale italiano di 23 anni per la metà di uno che non giocherà mai e che probabilmente a gennaio verrà dato via.
    Vorrei anche far notare che il signor Sagramola (un vero genio) è forse il maggior artefice dello sconquasso: un DG che ammette (perchè l’ha ammesso a più riprese) di non essere riuscito a risanare -almeno in parte- questo maledetto bilancio, dicendosi pure insoddisfatto di ciò, mi fa davvero girare le palle (passamela Andrea). Perchè se ti lamenti di non essere stato in grado di risanare il bilancio ma almeno avessi fatto una squadra degna allora ok, da una parte il piatto piange ma dall’altra ride. Se mi dici di non aver potuto risanare un belino e mi hai pure indebolito la squadra…QUALCOSA NON TORNA.
    Il signor Sagramola, in poche parole, ha le mani bucate.
    Sarebbe ora di sbarazzarsi di questo figuro, ma non lo faranno mai perchè è stato preso per lo stadio…già, lo stadio. La vera priorità, evidentemente. Poi, giocarci con il Milan o con la Spal per EG non fa probabilmente differenza ma per me/noi sì.

    Chiudo dicendo che nelle ultime settimane ho rivalutato Sensibile. I suoi errori li conosciamo tutti: aver fatto contratti fuori parametro salassando la società (ricchi e di tanti anni, vedasi Piovaccari) e aver puntato su allenatori sbagliati (Atzori, Ferrara), ma -anche se mi sto ripetendo- a lui voglio riconoscere il merito di aver CAPITO qual’è la dimensione della Samp. Ha preso il portiere dell’Argentina, poi appena salito in A è andato su:
    Maresca – Centrocampista esperto e di esperienza internazionale, veniva dalla CL;
    Maxi Lopez – Nome di effetto, veniva da belle annate;
    Estigarribia – Nazionale paraguagio, veniva dalla Juve.
    Una bella ossatura.
    Poi, se Romero faceva la papere, Maxi si è rotto il menisco per 4 mesi, Maresca non correva e Esti ha deluso (avercelo adesso!)…beh, questa è stata sfiga.

    • flex ha detto:

      Questione di punti di vista.
      Tu rivaluta sensibile, per me ha fatto più danni della grandine. Senza offesa, ma il chiacchierone ha fatto mercati a sua immagine e somiglianza: tanto fumo e poco arrosto. Allenatori fighetti alla atzori o alla ferrara belli a vedersi ma inesperti e con tutto da dimostrare, giocatori di nome che però, alla prova dei fatti, falliscono. Esattamente come l’ottimo direttore sportivo. Sarà un caso ma abbiamo ottenuto risultati quando ci siamo affidati a persone di sostanza, tipo iachini, che infatti lui non voleva. Tu parli di dimensione della sampdoria, a me sembrano solo acquisti per impressionare gli ingenui. L’immagine che prevale sulla sostanza.
      Sagramola appena è arrivato ha sistemato un pò di problemi: ha fatto saltare “chiacchiere e distintivo” sensibile, ha preso un vero allenatore che probabilmente ci ha fatto rimanere in A. Nemmeno io sono contento della squadra che abbiamo, ma credo che le responsabilità di osti siano da valutare alla luce dei buchi di bilancio che il genio di cui sopra aveva creato: se le direttive sono “prima vendi e poi compra” diventa difficile fare mercato.
      Non è che voglia polemizzare con te, però mi sembra che non usi lo stesso metro di valutazione nel giudicare sagramola e sensibile

    • Lollo ha detto:

      ancora una volta d’accordo, soprattutto su Maxi: era un bel colpo, era partito molto bene, non l’ho visto neanche male al suo rientro anche se l’esplosione di Icardi e l’ansia delle ultime giornate ( quando stavamo colando a picco ) ne hanno probabilmente frenato la ripresa e il rendimento

    • Bulgaro ha detto:

      A pare mio e` un’analisi fatta di pancia, con delle verita`, ma omettendo alcune attenuanti; conclusa col paragone con Sensibile che non ci calza granche` per le differenti condizioni, probabilmente anche a livello di disponibilita`.

      D’accordo sul “si e` speso male”, anche io speravo in qualche giocatore di sicura prospettiva e non in una marea di speranze e scommesse; magari (speriamo) alla fine diventeranno tutti buoni, ma non e` stata una scelta furba radunarli tutti nella stessa annata e senza qualche giocatore di spessore ad aiutarli a crescere.
      Non mi pare pero` che Atalanta, Cagliari o altre societa` abbiano fatto acquistoni, forse esclusi Parma con Cassano e Verona con Toni e Iturbe, piu che altro erano nelle condizioni di poter non vendere i loro gioielli se non alle loro condizioni (infatti non hanno venduto) e questo perche` avevano contratti lunghi in mano.

      Sul vendere devi tenere conto che sia Icardi che Poli erano gia` d’accordo con Inter e Milan e vicini alla scadenza quindi perdibili a 0 (Poli 2014 e Icardi 2015, ma poteva richiamare l’articolo 17 per rescindere, ed e` stato Sensibile a non farlo rinnovare quando c’era tempo) … quindi cerchi di prendere il massimo da una posizione che e` di svantaggio e il massimo alla fine e` quello che ti danno.

      Di Sensibile si puo` dire solo che ha preso Mustafi e Gentsoglu a parametro 0, il primo mi sembra veramente interessante, il secondo e` da vedere, probabilmente doveva andare a giocare di piu. Per il resto sono spesone, traglie e cavolate condite da una lingua lunga insopportabile. Oltretutto, al ritorno in A, la disponibilita` a spendere e` stata sicuramente maggiore e l’idea di squadra che sarebbe dovuta uscire serviva da base per quella di quest’anno …. dello scorso anno si e` salvato solo De Silvestri degli acquisti di Sensibile. Ha cercato dei nomi? preferivo che cercasse giocatori veri e quest’anno probabilmente si potevano fare meno innesti.

      Le responsabilita` sono sicuramente societarie, ma probabilmente vengono da piu lontano degli attuali dirigenti, che purtroppo (per ora) stanno dimostrando di non avere le capacita` o la forza per invertire il trend negativo … anche se la speranza che di qui a poco mi smentiscano e` tanta.

      • Dorianodoc ha detto:

        E certo quelli che hanno mercato, guarda un po’, non li puoi tenere. Se ne vogliono andare tutti, chissà’ perché’….I buoni, mica i Messi o i Ronaldo per piacere, quelli di media fascia sono tutti fuori dai nostri parametri. Poi vanno al Livorno o al Verona ( mica al Manchester o al Bayern), e per te e’ tutto normale.

    • YumaS2001 ha detto:

      e bertani e piovaccari erano, a memoria, i capocannonieri della b della stagione precedente.
      sono stati presi “a furor di popolo” e quindi sensibile è stato preso per la gola dai procuratori.
      .
      ha sicuramente errato nel non cercare alternative, o pseudotali, per combattere i procuratori, ma ha preso quello che, al momenti, sembrava essere il meglio per una immediata risalita.
      impresa che poi, tra mille difficoltà, è anche riuscita

  82. Michele G. ha detto:

    Porca miseria, Dave, fino a che non ho letto il nome di Sensibile, stavo pensando: “Questo lo quoto al 200%”! No, per favore, Sensibile non me lo puoi proprio rivalutare. Quello del famoso “carro dei vincitori”, sul quale non voleva che salissimo noi tifosi, quello proprio no! Ha fatto più danni della grandine. Qualcuno che semmai avrei potuto, non dico rivalutare, ma valutare meglio, avrebbe potuto essere Gasparin, il quale, capito come fosse l’andazzo, prima di doversi addossare delle colpe non sue, ha pensato bene di rinunciare al … prestigioso incarico, lasciandoci, ahinoi, nelle mani di Tosi, con le conseguenze che tutti conosciamo. Io, piuttosto, faccio parte del partito dei sostenitori di Marotta, che se ha già vinto due scudetti con la Juve, tanto fesso non deve esserlo. D’accordo, avrà fatto degli errori anche lui (chi è senza peccato scagli la prima pietra), ma se questi errori li mettiamo su un piatto della bilancia e sull’altro ci mettiamo le cose positive, non ho dubbi che il piatto penderebbe proprio dalla parte di queste ultime.
    Un abbtraccio.
    Michele G.
    FORZA DORIA SEMPRE E COMUNQUE!!!

  83. Luca Pavia ha detto:

    Buongiorno a tutti.
    Vorrei porre una domanda, che è anche uno spunto di riflessione, agli amici bloggers.
    Ammesso e non concesso che ci si salvi per il rotto della cuffia, secondo voi, come pensano di sistemare i vari giocatori in esubero e senza mercato che ci siamo accaparrati con le ultime faraoniche campagne acquisti? Perché, se non sarà retrocessione quest’anno, con questi chiari di luna, lo sarà il prossimo, a meno di non voler mantenere una pletora di elementi inutili ed inutilizzabili, comprando contemporaneamente dei giocatori veri. Ecco, secondo voi, in un ottica di contenimento delle spese e di rientro all’interno di parametri restrittivi per quanto concerne il tetto salariale, la ritenete una situazione realistica?
    Io temo fortemente che questa società, così come viene gestita, sia destinata al default, sempre che le perdite non vengano continuamente tamponate con iniezioni di capitale da parte degli azionisti, cosa che affermano di non essere più intenzionati a fare (ed in questo caso credo che manterranno la promessa…).
    Non oso pensare a quel che succederebbe nel caso dovessimo retrocedere…
    Ora, io credo che nel calcio l’autofinanziamento non possa esistere e che l’operazione stadio sia una speculazione edilizio/commerciale, quindi non mi faccio soverchie illusioni.
    Per me l’unica soluzione sarebbe il passaggio di proprietà, ma credo che questi, finché esisterà un barlume di speranza di costruire lo stadio, non molleranno l’osso.
    Io non ho mai sentito dire: se qualcuno si presentasse con un offerta adeguata, cediamo la Samp. Mi piacerebbe che i Garrone mettessero in vendita la società dichiarando quanto vogliono e solo e soltanto se non ricevessero alcuna offerta dire ai tifosi: qui comandiamo noi, o mangiate sta minestra o saltate…

    • flex ha detto:

      Caro Luca
      Quello che sta succedendo è che cerchiamo di smaltire i giocatori in esubero, ma non riusciamo a comprare giocatori veri, dove per veri intendo adeguati alla categoria.
      La scommessa è smaltire gli esuberi della precedente, scellerata, gestione e mettere assieme una squadra che non retroceda: vincere la scommessa dipende da noi, ma anche dalle dirette concorrenti. La vita è dura per tutti.
      Sono d’accordo con te per quel che riguarda l’autofinanziamento: nel calcio non è un obiettivo realizzabile e la cosa che più ci si avvicina è il contenimento delle perdite.
      Ti sorprenderai, ma io mi tengo ben stretto garrone: dovrebbe ponderare un pò di più le promesse che fa nelle interviste, ma sulla sua serietà non si discute. Nella vita non ci sono certezze, ma sono ragionevolmente sicuro che non ci lascerà mai nella merda.
      Il giorno che dovessero in vendita la società, il più tardi possibile, mi auguro che non facciano come piacerebbe a te: in quel modo non venderei nemmeno il mio scooter vecchio di dieci anni…

  84. sillyname ha detto:

    Anche io ho dato qualche ragione a Sensibile ma in quanto a rivalutarlo, ti prego, proprio no. Piuttosto sembra che da 3 anni non ci sia verso di riprendere in mano la situazione. Come sempre le responsabilita’ sono nel manico, che piaccia o meno. E” ovvio che ci siano mille ragioni e anche mille giustificazioni cosi’ come e’ ovvio che 3 anni non possano essere piu’ solo un caso.
    Proprio in questi giorni ho sentito parlare di Van Basten, Redondo, di Vialli mandato allegramente a stendere, di Mancini che voleva la fascia ecc ecc. Senza voler fare i nostalgici, ripeto che qui si tratta di una questione di “stile” e competenza che forse oggi non sono piu’ applicabili, come in tutti gli altri aspetti della nostra vita.
    Deve essere diventato un mondo terribile e infido quello del calcio, in particolare in Italia. E noi ci mettiamo del nostro per… migliorarlo.
    Mentre celebriamo “Largo U.C. Sampdoria”, che sembra una di quelle iniziative vagamente onaniste e autoreferenziali (sorry, Roberto) per cui siamo particolarmente portati in citta’, c’e’ Agnelli che sta dicendo che Pogba non riusciranno a trattenerlo (la Juve!), e Moratti vende agli Indonesiani. E intanto, appunto, noi abbiamo Largo Sampdoria a Marassi e discutiamo di Barilla’ e Sagramola. C’e’ da domandarsi se davvero le linee guida dei Garrone, discutibili ma legittime, siano sostenibili, pur con tutta la buona volonta’. E che chiunque sia incaricato a implementarle non sia destinato a fallire. Non possiamo permetterci voli pindarici ma non riusciamo nemmeno a mettere insieme una squadra normale. Magari gramma come la poligrina ma senza problemi, senza misteri o eventi inspiegabili.
    Non se ne esce. Se la Juve non puo’ trattenere Pogba, pur essendo la Juve (che solo in Italia ha 12 milioni di tifosi e pure il famoso “stadio di proprieta”) possiamo capire se noi ci possiamo permettere di avere Pazzini o persino… Zaza.
    La realta’ di Garrone ci presenta la prospettiva strategica di diventare la squadra primavera di Juve, Inter, Milan e compagnia bella e questo e’ gia’ abbastanza triste.
    Ma qui siamo addirittura al punto che non riusciamo nemmeno a mettere insieme un gruppo, a individuare un modulo (i pezzi del puzzle sembrano sempre incompatibili uno con l’altro) o a far giocare (decentemente) Gabbiadini, Krsticic e Mustafi.
    Lo ripeto: non stanno ridimensionando una societa’, perche’ purtroppo e’ proprio la nostra dimensione che ci penalizza. Il problema e’ che si sta distruggendo lo spirito. E questo e’ forse peggio.

    • flex ha detto:

      Caro silly
      condivido la tua lucida analisi. Il problema è che si fa una gran fatica ad accettare la realtà che i numeri ci impongono. La nostra dimensione, che non è diversa da quella delle squadre di mezza serie A, è questa: tanti di noi sono rimasti ai tempi di 20 anni fa. C’è una cosa che mi è sempre stata chiara: la sampdoria di Paolo è stata una splendida, irripetibile anomalia. E’ in quell’epoca che eravamo “fuori posto”, non ora.
      Prima e dopo Mantovani la nostra dimensione è cercare di raggiungere salvezze più o meno tranquille. L’anno scorso ci siamo riusciti, quest’anno vedremo …
      La mia opinione su garrone è un pò meno negativa rispetto alla tua: secondo me sta cercando di rimediare alle cazzate fatte gli anni precedenti.L’esempio emblematico è quello del portiere: aver preso romero è stata una cazzata, per rimediare a quella cazzata ora hai in porta da costa, se non avessi fatto la cazzata di prendere romero ora potresti avere in porta un portiere un pò più forte di da costa. Non so se mi sono spiegato. E di casi come romero ne abbiamo tanti in rosa …
      La nostra dimensione migliorerà un pò solo quando saneremo i due grandi, enormi, errori che abbiamo commesso gli ultimi anni: la sciagurata retrocessione e aver preso un ds che in un attimo ha creato un disavanzo pazzesco. Se lentamente, a fatica, lavorando sulla riduzione del monte ingaggi, a scapito della qualità tecnica ma senza retrocedere, riusciremo a superare questa situazione insostenibile di disavanzo di gestione, poi ci aspetteranno tempi migliori.
      Nessuno distruggerà il nostro spirito: in fin dei conti siamo sopravvissuti a traversa, d’aversa, casale, esposito, palmieri, tano vasari ….

      • peter ha detto:

        Ma sopravvivere a una seconda retrocessione ?

      • Dorianodoc ha detto:

        Certo, tu li chiami errori……Sanare una retrocessione con un’altra retrocessione e’ un capolavoro che solo il tuo idolo Garrone può’ tentare! Ti rendi conto di quello che scrivi? Vuoi risanare indebolendo una squadra già’ scarsa, prendi Barilla’, Bjarnason e fenomeni similari e ti vuoi salvare per risanare la società’?

        • flex ha detto:

          Certo Dorianodoc, in linea di massima mi rendo conto di quello che scrivo.
          Il concetto non è nemmeno troppo difficile da capire, potresti riuscirci anche tu. Bisogna distinguere la situazione di bilancio da quella della squadra: era chiaro, parlando di disavanzo, che quando scrivo di risanamento mi riferisco al bilancio. E’ altrettanto evidente (tra l’altro l’ho anche scritto) che questo risanamento va a scapito della qualità tecnica della squadra. Quindi si: il risanamento ha indebolito una squadra già scarsa. Sarà fra le tre più scarse della serie A? Questo non lo sappiamo nè io nè te. Io personalmente sono quasi sicuro che ci salveremo, preferisco fare la figura del fesso piuttosto che portarmi addosso un macigno di pessimismo e negatività come fai tu. Ma è una questione di punti di vista.

      • Cristian ha detto:

        Ciao Flex a proposito di dimensione della Sampdoria non sono propriamente d’accordo con te. Sono un classe 84 l’era di Paolo l’ho solo vagamente conosciuta e non goduta. Ma la Samp ha una dimensione più da semplice salvezza e via. Togliendo le Milanesi, la Juve e le romane che per mille motivi ne hanno più di noi ,chi come tifo e bacino di utenza ci sovrasta? Il Napoli e’ tornato alla ribalta ma ha navigato in acque torbide per anni. La Fiorentina ha un bacino d’utenza simile al nostro eppure ha una gestione più ambiziosa e organizzata della nostra. Idem l’udinese anzi li se parliamo di bacino di utenza li sovrastiamo. Detto questo so bene che il mondo del calcio e’ duro e difficile ma con un oculata organizzazione si possono creare buone cose. Se ci pensiamo bene negli otto anni di Garrone senior la serie B non si è quasi mai rischiata a parte la sciagurata stagione 2011 dove si è sbagliato l’impossibile. Io penso che la dimensione della Samp sia da mezza classifica. L’anno che imbrocchi bene può scapparci l’Europa e l’anno meno buono ti salvi più o meno tranquillamente. Forse sogno ma non mi sembra chiedere la luna. Edoardo Garrone si deve avvalere di dirigenti di spessore che non gli facciano buttare valanghe di soldi come e’ stato fatto negli ultimi 3 anni. Bisogna saper pescare giocatori e rivenderli e rifare la squadra. Come del resto accadeva in passato. Non sono un tifoso dalla bocca buona ho sempre seguito la Samp anche con la Fermana e l’alzano e sempre la seguirò’ però pensare che noi siamo come un Chievo, un Sassuolo e un Livorno no. Con il massimo rispetto di queste tre società citate. Noi siamo la Sampdoria qualcosa di piu’. Non abbandoniamo le ambizioni seppur queste devono seguire una logica del buonsenso.
        un saluto a tutti!

    • Luca Pavia ha detto:

      Quoto al mille per mille

  85. luca ha detto:

    ma il Fossati di ieri sera nella Nazionale under 21 è quello che il Milan proponeva o la Samp inizialmente cercava come contropartita per la cessione di Poli ? COMPLIMENTI !!!!! se fosse vero ! e noi abbiamo insistito per avere Salamon , non ho parole ma ancor più certezze !!!!!!!!!!!!!!!!

  86. FISH65 ha detto:

    Big Dave,
    i giornali genovesi scrivono ciò che le potenti famiglie genovesi vogliono.
    Sborsati 14 milioni???
    Saldo attivo acquisti/cessioni: 5 MILIONI
    Saldo attivo da abbattimento monte ingaggi: 9 MILIONI
    Cifre approssimate probabilmente per difetto sulle quali, comunque, potrai trovare conferma quando verrà reso pubblico il prossimo bilancio.

    • andrea.lazzara ha detto:

      Già. I giornali scrivono( e le televisioni dicono. E i siti scrivono) quello che le potenti famiglie genovesi vogliono. Ma per piacere…. Ps voi conoscete con assoluta certezza, ad esempio, gli ingaggi di ogni componente della rosa o vi affidate ai numeri forniti dalla vituperata “stampa che scrive quello che gli viene detto di scrivere”? Badate…non mi è mai piaciuto essere partigiano con la mia categoria che è strapiena di difetti anche nei suoi meccanismi all’interno(vedi accesso per i giovani, retribuzioni soprattutto per i più giovani ecc…): ma sinceramente queste cose non le capisco

      • Bulgaro ha detto:

        Giustamente non si deve fare di tutta l’erba un fascio, ma se i giornalisti hanno luoghi comuni che li perseguitano e` grazie alle mele marce che abbondano nella categoria. Basta prendere una notizia di politica e leggerla su 5 giornali differenti e ottenere 5 notizie diverse grazie al lavoro di taglia e cuci che ognuno rifa` a proprio uso e consumo … e non sto parlando di opinioni, ma di rivisitazioni … per non parlare di quando le notizie non si danno nemmeno per non darsi le mazzate sugli zebedei.
        Poi capisco che se ci sei dentro e il tuo lavoro lo fai onestamente e con passione ti girino le scatole tanto quanto al dipendente del comune che si fa` un mazzo tanto per lavorare anche per quelli che sono “in pensione anticipata con obbligo di presenza in ufficio”, pero` non si puo` biasimare chi e` scettico … siamo gia` mugugnoni per indole, puoi immaginarti se ci danno i motivi per mugugnare.

        • andrea.lazzara ha detto:

          Vero, però siccome non amo quelli adulano quando le cose vanno bene, non sopporto, personalmente, neppure chi, quando le cose vanno male, caccia tutto nel calderone. Equilibrio. Che è poi quello che serve a tutto l’ambiente Sampdoria per uscire da questo momento difficile.

          • Paolo1968 ha detto:

            Assolutamente condivisibile, ma per uscire dal momento difficile ci vuole qualcosa in più che noi tifosi non possiamo mettere.
            Onestamente ogni volta che vado allo stadio non trovo nulla da rimproverare alla gente sulle gradinate; non ho dubbi nell’affermare che noi tifosi facciamo da sempre il nostro “mestiere”, permettendoci solo il mugugno (qualcuno direbbe che è segno di genovesità). Oltre a quello esiste solo la lobotomizzazione.

          • Bulgaro ha detto:

            Hai ragione, l’equilibrio e` fondamentale in ogni cosa, ma e` complicato mantenerlo quando e` in ballo una passione, sia questa sportiva, politica o amorosa.
            :-)))

      • Marco ha detto:

        Beh caro Andrea, che i media, o almeno parte di essi, siano servi del potere è noto fin dalla notte dei tempi, e oggi tutto questo è ancor più vero. Fior di regimi hanno fatto della stampa uno strumento di potere e governo, non raccontiamoci quella dell’uva. Basta leggere qualcosa di tuoi colleghi famosi, un nome per tutti Oriana Fallaci, per approfondire questi temi, Comprensibile per carità, bisogna pur vivere, ma prendiamone coscienza. Ricorderai anni fa, erano i tempi di Marotta e Novellino, dove non tutto anche allora filava liscio, e dopo alcune critiche all’operato della società, il buon Michieli è stato allontanato da Bogliasco e interdetto ad occuparsi di Sampdoria, lui e Primocanale in toto, con metodi direi da basso medievo, Ebbene, da quel giorno dalla tua emittente non ho più sentito una voce forte sull’operato di questa pessima dirigenza, domande dirette che prevedono risposte univoche e, soprattutto una presa di coscienza di quanto sia stia facendo a livello di società per distruggere i nostri amati colori (altro che inaugurazione del Largo UC Sampdoria!!!).

        • andrea.lazzara ha detto:

          Caro Marco, senza scomodare i regimi dittatoriali che qui c’entrano poco, credo che Primocanale abbia, negli ultimi anni, tenuto una linea molto netta di critica per l’operato(spesso errato della società). Ricordo, ad esempio, il palese imbarazzo di Sensibile, seduto due ore accanto a me in trasmissione nel novembre 2011(Sensibile era, comunque, espressione della società). Da gennaio alla primavera direi che di critiche ne sollevavano poche gli stessi tifosi, visto che era esploso Icardi, visto che la squadra dei giovani sembrava avviata a un luminoso futuro. Poi, ora, le cose sono cambiate e, giustamente, nel calderone ci finisce anche Primocanale che non ha fatto domande scomode. Da fare magari quando Icardi segnava e, dunque, per farci crocifiggere dando, giustamente, degli sfascisti? Si può fare sempre di meglio, noi(io per primo)siamo dei modesti cronistuccoli, ma ti assicuro solo una cosa. Anche per via di quella che è la nostra organizzazione del lavoro, di quello che facciamo ecc, facciamo tutto con grande passione e soprattutto con certa onestà intellettuale. E ti assicuro che, personalmente, mi interessa il bene della Sampdoria. Ciao.

          • fabio ha detto:

            Nulla da eccepire sulla vostra buona fede, e sull’operato professionale, per carità.
            Però Andrea, non scherziamo, la tua emittente non si è mai sognata di criticare nulla che provenisse da Corte Lambruschini; basti tornare con la memoria appena a pochissimi mesi fa.
            Non ricordo di avere MAI sentito una critica od una perplessità sulla rosa scadente, scadentissima che la società stava allestendo.
            Sono un visionario io, oppure ricordo perfettamente i paragoni col genoa, del tipo “le rose si equivalgono, di la c’è qualche numero in più, di qua però c’è maggiore solidità di squadra..” ???? Dai, per piacere

  87. bisciagoal ha detto:

    Una piccola osservazione sulla rimpatriata in occasione della Celebrazione del ventennale della morte del grandissimo Paolo.

    Quanto affetto non solo dai protagonisti della cavalcata scudetto, ma anche da parte di quelli che vissero i tempi bui, penso ai Sartori, ai Micio Orlandi, ai Carlo Bresciani (…il mio Biscia Goal)…e mi chiedo…con tutta questa gente in giro per il mondo, più o meno quasi tutti coinvolti nel business del calcio ( come DG, DS, dirigenti, Mister, Osservatori), come è possibile ritrovarci in società un sacco di gente ( oltretutto incapace) che di sampdorianità ha meno di zero???!!!!!

    Siamo proprio sicuri che Sartori del Chievo è così inarrivabile?

    Forse che Fausto Pari come DS potrebbe fare peggio di Osti?

    Forse che Bresciani ( oggi osservatore per conto del Lanciano..primo in B) non potrebbe essere ingaggiato dalla Samp e fare quantomeno la stessa figura che stanno facendo gli osservatori attuali…che hanno ridotto il settore giovanile ad un livello qualititativo scandaloso??

    Forse che lo stesso Vialli, solo come lavoro part-time e magari a titolo gratuito, non potrebbe essere testimonial Samp in inghilterra, magari inventandosi qualche collaborazione tra Chelsea e Samp, giovani promesse inglesi da lanciare in Italia??

    Forse che Mancini, magari tramite Attilio, non potrebbe darci una mano segnalando anche nel mercato Turco, giocatori a portata di Sampdoria?

    Sto lanciando solo qualche spunto..solo per sottolineare che la differenza nei risultati oltre ai soldi e la competenza la fanno anche la passione e l’attaccamento ad una maglia…penso che uno degli elementi da cui si debba partire è SAMPDORIANIZZARE LA SAMPDORIA e dare il benservito agli incapaci mercenari che la stanno martoriando!

    • Lollo ha detto:

      concordo !! l’unico dubbio è che ci abbiano provato ( specie con Vialli e il Mancio ) e non ci siano riusciti

    • sampdorianamente ha detto:

      E’ quello che sostengo anche io. Come ho scritto in un post sopra. Qualificazioni mondiali quante partite avranno visto i ns. osservatori se ne abbiamo? Iniziano i mondiali Under 17: quante partite vedranno? Idem dei mondiali Under20 della scorsa estate.
      La mia domanda nasce spontantea: ma se queste poche idee vengono a dei semplici tifosi, perchè non le hanno quelli che, buon per loro, vivono del giuoco calcio guadagnandoci anche fior di quattrini?
      Oltretutto ora con Internet le partite le puoi vedere on line neanche da dire devo mandare un dirigente in Norvegia e mi costa una fortuna…. no prima te lo vedi comodamente al pc poi semmai lo visioni dal vivo!!!

  88. peter ha detto:

    Intanto Domenica sarebbe FONDAMENTALE vincere; comunque anche un pareggio esterno eviterebbe ai toscani di distanziarci troppo..
    Con una sconfitta ci sarebbe il caos.

    • YumaS2001 ha detto:

      una sconfitta è sempre possibile, anche la juve può perdere a juve (stabia).
      l’importante è vedere un cambio di atteggiamento in campo.
      con quello, alla lunga si fanni i punti classifica.
      altrimenti, un pareggio o una vittoria rubata (ben vengano sempre), sarebbero solo un rapido squarcio di luce nel buio.

      • peter ha detto:

        No.
        Domenica il campionato della Samp puo’ “cambiare”: se perdi entri in una crisi da cui sarebbe quasi impossibile uscire: esonero di Rossi, sconfitta in uno scontro diretto, 8 partite in campionato senza vittorie, ambiente caldo con tifosi insofferenti.
        Se prendi tre punti avresti almeno una bella iniezione di fiducia, muovi la classifica, togli aria a una diretta concorrente che dopo di noi ha un calendario duro.
        Il pareggio sarebbe il solito brodino ma non tanto indigesto alla fine.
        Francamente di cambiare atteggiamento e prenderlo in saccoccia ancora una volta non vedo quali effetti benefici possa sortire.
        Le ultime due righe del tuo post mi lasciano perplesso: sembra quasi preferiresti una sconfitta…di riffa o di raffa bisogna raccattare punti.

  89. Fra Zena ha detto:

    Sintetizzando: siamo in mezzo, è inutile girarci intorno, a uno dei momenti più difficili della storia della Samp. La proprietà inizia a manifestare stanchezza e disillusione per un “progetto” (?) che, ormai lo hanno capito tutti, non è decollato e non decollerà. Vedi Secolo XIX di stamattina per ulteriore conferma. L’area dirigenziale (Ds e Dg) non si è mai dimostrata all’altezza di gestire la situazione, ne’ sul piano economico nè su quello tecnico. Rossi e i suoi collaboratori appaiono in confusione totale e in 4 mesi di lavoro non sono stati in grado di dare alla squadra un minimo di fisionomia. I giocatori, già mediocri di loro, appaiono un po’ abbandonati a se’ stessi, anche perchè molti ruotano di continuo tra campo, panchina e tribuna senza una logica apparente.In tutto questo macello, domenica a Livorno c’è una partita che potrebbe proiettarci – se persa – a meno 8 dai toscani, scavando un solco difficilissimo da colmare con la zona salvezza. Che dire??? A rigor di logica, purtroppo, il nostro destino appare già scritto. Speriamo in un miracolo, anche se non saprei bene da chi aspettarmelo…

  90. Gipo Samp ha detto:

    @ Stefano 1970 post 17

    Dai tuoi commenti si deduce che sei uno che capisce di calcio. Quando sostieni che Gabbiadini, l’unico nostro acquisto di maggior valore non è una punta centrale, e questo l’ho già scritto anch’io e altri bloggers, non posso fare a meno di chiedermi com’è stato possibile che un Mister col 5° stipendio della categoria, un DS e mettiamoci pure Sagramola, tutti certamente ben retribuiti, abbiano potuto costruire una squadra da lotta salvezza senza un centravanti affidabile da doppia cifra comprovata e hanno tentato di adattare al ruolo una seconda punta. Solo adesso dopo il precampionato e 7 partite si accorgono che non è un centravanti. Senza contare che sono partiti con un secondo come Pozzi conosciuto per essere sovente fermo in riparazione, che segna col contagocce, e la Sampdoria anziché cercare di venderlo come avrebbe fatto qualunque altra società, ha un costo d’ingaggio di 1 milione netto (fonte Gazzetta). In extremis hanno preso Petagna, ma conoscendo i tempi biblici che impiega Rossi nel provare a cambiare, chissà quando ce lo farà vedere in campo. Infatti, Petagna conosce la lingua italiana a differenza di Rodriguez (3,5 mil costo), ma deve ancora imparare la ricetta delle trofie al pesto. (Sillyname). Concludo copiando la tua chiusura: così non si va da nessuna parte…….purtroppo.

  91. Stefano_1970 ha detto:

    Prendo atto con rammarico delle decisione (presumo irreversibile) dei Garrone di cedere la mano non appena di presenterà l’occasione. I numeri parlano chiaro e dopotutto si tratta di un’azienda e benchè il tifoso si senta nel diritto di invocare mosse (acquisti, cessioni, cambi di allenatore, etc.) la verità è che alla fine della fiera pagano i proprietari.
    Finiti i tempi i cui il possesso di una società calcistica apriva le porte a grandi affari (ormai solo ad appannaggio degli amici degli amici) diventa assurdo continuare nel circolo vizioso della perdita di capitale. E questo è il mennanismo decisionale preponderante…perchè a ricavarci un guadagno forse un’azionista se la prende anche a ridere una scritta del tipo “il pesce puzza dalla testa”.

    Spero che chi ha infiammato la polemica, gettatto benzina sul fuoco, accusato senza senso e soprattutto senza mettere il becco di un quattrino sia soddisfatto di aver raggiunto il proprio obbiettivo. Se è vero che i presidenti passano è anche vero che le aziende chiudono.

    • Paolo1968 ha detto:

      Tutto queste parole per mascherare degli errori marchiani della società?
      Spendendo uguale o meno potevano azzeccare qualcosa in più, diciamoci la verità e forse nessuno avrebbe criticato così tanto.

    • Marco ha detto:

      Ma quale film hai visto? Perchè se lo danno ancora vado anche io al cinema!!!

      • Stefano_1970 ha detto:

        Ho solo espresso il mio parere su quello che è il punto di vista “aziendalista” della situazione. Chiedo venia se urto la sensibilità di qualcuno se penso ed esprimo il concetto che la Sampdoria non appartiene ai tifosi, ma agli azionisti.

        Che abbiano sbagliato e che sbaglieranno ancora non ci piove. Però alla fine dei conti rischiano e spendono i loro soldi.
        Che gli incassi delle partite/abbonamenti siano una frazione irrisoria del business questo è un dato a bilancio. Azionariato popolare non ne vedo dunque il tifoso è un semplice spettarore che paga l’ingresso per vedere uno spettacolo (che ahimé non c’è!!!)
        Che la passione ed il supporto della tifoseria possano rappresentare lo stimolo sia per la Dirigenza che per i giocatori non ci piove.
        Che sputare in faccia ai vari Volta, Koman o etichettare il Presidente come indesiderato (il pesce puzza dalla testa non credo sia una definizione benevola) sia un atteggiamento deleterio verso la squadra e la dirigenza non ci piove.

        @ Paolo1968
        Con quel “potevano azzeccare” hai centrato perfettamente il problema. Sono anni che ci si sta affidando alla sorte, al proviamo fare questo, al “è un attaccante esterno, ma può fare anche la punta centrale”…. è come se in un’azienda prendessero un contabile e dicessero “è un contabile, ma può fare anche il saldatore”. Senza soldi (e Marotta, Gasparin, Sensibile, Osti hanno inciso molto…ognuno a modo suo) non si può far mercato.

  92. Big Dave ha detto:

    Eh eh eh…mi rendo conto di aver sollevato un polverone 😀

    Ovviamente le mie parole sono dettate da sconforto e frustrazione.
    Non era mia intenzione rivalutare Sensibile. L’ho detto a chiare lettere che ha fatto più danni di un elefante in una cristalleria. Contratti lunghi e faraonici a Bertani e Piovaccari, le “perle” Bentivoglio, Atzori e Ferrara, e chissà cosa sto scordando.
    E’ sicuramente un bene esserselo tolto dalle scatole, ma quel che cercavo di dire era che…nonostante l’aria di ridimensionamento, aveva forse capito che la Samp meritava giocatori di spessore. Se vogliamo, “nomi altisonanti”.
    Il calcio non è matematica, ovvio che coi nomi non si vince, ma diciamocelo: Romero, Maxi, Estigarribia e Maresca sono nomi di un certo livello…Eramo, Bjarnason, Barillà e Gavazzi no.
    Chi se lo sarebbe immaginato che Romero sarebbe stato un tale flop? Chi se lo immaginava che Maxi si sarebbe rotto per 4 mesi? O che Maresca, fresco di Champions col Malaga, sarebbe stato messo fuori rosa perchè “troppo lento”? O che Esti, fresco di Juve, sarebbe stato un altro mezzo flop?
    Secondo me Sensibile sarà un incompetente, ma ha avuto anche un poco di sfiga.
    Se i suoi acquisti avessero reso perlomeno al 70% di come ci si aspettava, l’anno scorso la Samp si sarebbe salvata in carrozza.
    Inutile comunque negare che dopo Marotta, c’è stato il NULLA TOTALE. Qui non si riesce più a trovare il bandolo, la dirigenza non ci capisce più nulla e non sa come uscirne. Ogni volta che si cambia va come prima o peggio (Tosi–>Sensibile–>Osti). Il problema è che:

    – Quando se ne trova uno buono (e secondo me Gasparin lo era), gli si danno pesanti restrizioni e non lo si lascia lavorare come sa…costringendolo magari a lavorare male o a “scappare” per non beccarsi colpe non sue; peccato, perchè magari riuscirebbero anche a fare buone squadre.
    – Quando se ne trova uno mediocre, che si fa pagare anche per abbozzare, ai Garrone va tutto bene. Osti non fiata, svende, è modesto, non protesta, non si dimette. Peccato che a quel punto le squadre allestite sono da Lega Pro.

    Insomma. O l’una o l’altra. Chiunque arrivi ci sono difficoltà, o a livello di rapporti con la proprietà o a livello tecnico.
    Garrone deve mettersi in testa che non solo deve trovare un DS buono (ma è così difficile??? Basta mettersi lì e vedere i risultati delle varie squadre di A e B, cazzarola!), ma che deve lasciarlo lavorare. Perchè se uno è buono, ti fa spendere 10 milioni per tre giocatori…ma magari ne esce uno davvero forte che rivendi a 30.
    Con questa proprietà si naviga a vista.
    Non mi resta che crepare d’invidia per gli interisti e Thohir (ma uno così da noi mai, eh!).

    • peter ha detto:

      Corvino è libero ad esempio ma se non gli dai carta bianca non verrà mai giustamente.
      Loro cercano modesti signorsi’…quoto tutto comunque compresa l’invidia per Tohir

    • Paolo1966 ha detto:

      Era così difficile prendere Giovanni Sartori?

      • Bulgaro ha detto:

        Si visto che non aveva voluto lasciare Campedelli; poi sei sicuro che i nomi che porterebbe Sartori siano adeguati alla Samp? Il Chievo è un miracolo sportivo anche perchè quando gli presentano in campo un hatemaj un rigoni o un claiton non commentano e aspettano … qui non mi pare che aspettiamo granchè.

    • YumaS2001 ha detto:

      mantovani non era thohir, ma ce ne fossero di mantovani!

  93. Maraschi ha detto:

    Aridaje! Come direbbero nel mio “natio borgo selvaggio”. Su Il Giornale di oggi, dopo un peana ai Garrone, condito di malinconia per il destino segnato: passaggio di mano da parte della famiglia (a chi?), Massimiliano Lussana dà per scontato l’esonero di Delio Rossi, anche in caso di risultato a Livorno, con Ballardini sostituto…Non ce la faccio più, aiutatemi!
    P.S. Non consigliatemi di smettere di leggere Il Giornale, mi piace troppo leggere Marcello Veneziani, Giordano Bruno Guerri, Fiamma Nirenstein ecc.

  94. Daniele da Rapallo ha detto:

    Caro Andrea, siamo così mal presi che per noi anche i giocatori che vanno in nazionale possono costituire un problema che altro :
    1) perchè possono farsi male, vedi Mustafi
    2) perchè dovrebbero stare a fare continui allenamenti cercando di imparare qualcosa da Rossi.

  95. sillyname ha detto:

    Ragazzi, ognuno di voi dice cose interessanti. Come dicevo, 3 anni ormai sono “storia” e la storia giudichera’. Io intanto mi permetto di osservare. Avevamo Marotta e RG improvvisamente lo ha mandato via. Chi dice che non se ne sarebbe mai andato forse esagera (prima o poi sono cose che avvengono….) ma in quel momento era davvero cosi’. Pochi mesi dopo la stessa cosa e’ accaduta a Gasparin. Io vi invito ad andare a risentire, a distanza di anni, la conferenza stampa di annuncio delle dimissioni. Ascoltatela bene, anche fra le righe, perche’ e’ stata molto significativa. Secondo me questo era bravo davvero, semplicemente in sei mesi non ha avuto il tempo. Non gli si possono dare colpe di aver ingaggiato DI Carlo e Curci perche’ era appena arrivato e Roma non si fa in un giorno. Intanto se ne e’ andato 5^ in classifica, a dicembre, 26 punti e girone di andata ancora da finire. Intanto stava lavorando con Pecini (che, guarda un po’, alla fine e’ scappato anche lui…), aveva ingaggiato il miglior osservatore del mercato sudamericano e stava lavorando all’affare Icardi. Comprato a 300K, venduto a piu’ di 10 Milioni. Se li e’ guadagnati i suoi soldi, il Gasparin….
    Marotta, Paratici, Pecini, Gasparin…. Nell’ambiente vedono certe cose e poi per forza qualche deduzione la fanno… A meno che tu sia un Tosi, Sensibile o Pavone (Pavone!….) da un ambiente cosi’ ti tieni lontano. Poi ci sono le vicende strane di Palombo, di Maresca, la fuga (ma guarda un po’..) di Pazzini. Ora se la prendono con Pazzini. Ma se sei uno che punta alla Nazionale, vivi in una societa’ in cui hai appena visto cacciare due DG (di cui il primo e’ quello che ti ha portato li’), scoppia il casino di Cassano, che poi e’ il fenomeno che ti permette di segnare venti gol a campionato e magari e’ la seconda delle ragioni per la quale sei venuto a Genova. Ditemi, assistete a tutto questo e vi cerca l’inter: voi cosa fareste?
    A proposito di Cassano poi, lasciamo stare quella vicenda che forse e’ l’unica cosa, pur tanto dolorosa, per la quale la gente sampdoriana non ha avuto proprio nulla da rimproverare alla dirigenza. Quindi non si venga a dire che siamo una tifoseria troppo esigente.
    Alla fine arriviamo a oggi, quando tutti abbiamo l’impressione che Osti, Sagramola e Rossi non si siano parlati da Giugno a Settembre (oh, dimenticavo il mitico Pavone!). A me sembra una cosa allucinante. Come e’ allucinante che Sagramola abbia appena detto “Interverremo se necessario”. Se fossi io un presidente, lo convocherei subito in sede. “Interverremo” un accidente. Perche’ se mi costringi a intervenire a Gennaio, dopo che hai avuto mesi di tempo in estate, vuol dire che 1) stiamo rischiando un tracollo come la serie B e che 2) a Gennaio la societa’ deve farsi prendere per il collo da chi vende. Ti sbatto fuori, altro che “interverremo”. Poi intervengo, ma con un altro AD.
    Ammiro l’amico Flex per l’ottimismo, ma io temo che la gestione da “azienda” di una squadra di calcio, principio serio e del tutto legittimo, porti alla morte per asfissia. Tanto per rimanere in tema di youtube, andate ad ascoltare Mantovani nella sua prima intervista da Presidente. La squadra era in B. Parla di costruire una squadra forte (molto forte) con l’obbiettivo di creare le condizioni di societa’, ambiente e sostenitori per potersi poi garantire un futuro stabilmente ad alto livello. !!!!!
    D’accordo, i tempi sono cambiati e le stesse cose oggi non le direbbe nemmeno lui. Ma almeno si rendeva conto che una squadra di calcio non e’ e non si puo’ costruire solo basandosi sugli aspetti amministrativi e sul conto economico. Sarebbe come un’industria che pensa di gestirsi solo sugli aspetti finanziari senza tenere conto di quelli industriali.
    Quello che “sostiene” una squadra di calcio sono principalmente i tifosi. I tuoi tifosi ma soprattutto quelli che potranno diventare tuoi tifosi, o almeno tuoi simpatizzanti. Quindi, meglio se vai in CL, ovvio, ma comunque devi puntare a un bel “prodotto”, innovativo e scintillante, che attiri il pubblico. Non deve essere una Ferrari, puo’ andare bene anche una Punto. Pero’ che sia un “prodotto” che incoraggi i tifosi ad andare allo stadio e a mettersi davanti alla TV. Che porti i ragazzini alla partita con il papa’, con gli amici, tutti sorridenti e felici di farlo. Queste cose non le fai parlando di bilanci (quando va bene) ne’ creando frustrazione. Semmai, al contrario, seminando entusiasmo e orgoglio. Cosa che non ha nulla a che fare con la pretesa di vincere gli scudetti, sia ben chiaro.
    Ai tempi di Mantovani si parlava continuamente di Sampdoria, in Italia e nel mondo. In tv, sui giornali, per strada. Ma prima ancora che arrivassero le vittorie, gia’ si parlava di “ambiente Samp”, ve lo ricordate? Non avevamo ancora vinto niente e chi sapeva se avremmo vinto qualcosa. Ma al contrario, tutti sappiamo che le condizioni per vincere si sono create proprio perche’ avevamo qualcuno al timone che per prima cosa ha saputo coltivare un ambiente: identificazione, rispetto, fiducia, spirito di squadra. Se i soldi fossero stati la cosa piu’ importante Vialli, Vierchowod e Mancini e Co. non avrebbero fatto i “patti di sangue”. Sarebbero andati subito a guadagnare meglio e a vincere di piu’ in altre squadre.
    Vedete qualcosa che assomigli allo “spirito di squadra” oggi? Non nella squadra vera e propria, non in societa’ . Poco ma sicuro. Sembra che nemmeno si parlino, figuriamoci che spirito di squadra…. Nessuno pretende che si punti allo scudetto ma se non costruisci su certi valori, finisci in B senza nemmeno accorgertene. Altro che parlare di 4-4-2!….
    Ha ragione Flex, tempi bui ne abbiamo visti. Pazienza se si andava ogni tanto in serie B. C’erano Samp e Genoa e poco altro. Ma oggi gli appassionati di calcio vedono tutti i giorni alla tv Messi e CR, hanno internet e i Social Network, i limiti fisici non esistono, e hanno pure la possibilita’ di vedere tutte le domeniche il Barcellona alla tv. Ma chi glielo fa fare di andare allo stadio a sognare su possibili idoli che sicuro domani indosseranno un’altra maglia, di veder continuamente perdere, di sentire mugugni, fischi e di prospettarsi da soli un futuro da frustrati? Se scegliessero Garrone, che ti bombarda con l’idea di una vita di stenti e di bilanci, sarebbero pazzi. Normale invece scegliere il Bayern di Monaco o la Juve. I tifosi sono tifosi e devono fare i tifosi. Chissene importa dei bilanci. A me importa vedere la giocata di Cassano, e ho tutto il diritto di farlo visto che pago il biglietto per divertirmi. I problemi amministrativi non mi importano e nemmeno mi devono importare. Mica “faccio il tifo” per la Fiat o per la Piaggio o per la Ferrero. Quelle sono industrie. Una squadra di calcio e’ e’ passione. E qui non c’e’ ne’ passione, ne’ orgoglio, ne’ identificazione. Nemmeno allegria (ricordate Boskov e i tempi di “Viali alegre”?). Solo numeri. Zero prospettiva.
    Io ho vissuto l’era di Mantovani e ne sono felice, ma non voglio trovarmi a rimpiangere i bei tempi andati facendomi scendere la lacrimuccia. E mi allarmo decisamente se vedo che nella sala del maggior consiglio l’eta’ media e’ la mia, se non piu’ alta. Vorrei vedere in giro frotte di ragazzini in blucerchiato, contenti di esserlo. E lo vorrei vedere oggi, gli anni di Mantovani purtroppo sono finiti da tempo.
    Lo stadio di proprieta’ e’ una bella cosa. Ma a parte il fatto che qui a Genova non lo costruiremo mai, comunque se continuiamo cosi’ fra qualche anno non ci saranno piu’ i tifosi per riempirlo. Ci saremo estinti. E a quel punto, chiuditi il bilancio in attivo….

  96. Dorianodoc ha detto:

    X Massimo Pittaluga
    mi piace dialogare con persone in gamba come te, anche se, per arrivare (purtroppo) ad un simile finale, la pensiamo in modo diverso. Per te il piccolo garrone non conta palle ai tifosi, ma è, sostanzialmente, “ostaggio” della famiglia che non gli mette a disposizione i mezzi per fare cosa? Uno squadrone, una squadretta, una mezza squadra? Io la penso all’opposto. Il piccolo garrone, a differenza del padre che a sempre sostenuto di non avere nessuna passione calcistica, ha capito che giocarsi la carta del tifoso (la sud l’ho frequentata per anni e non l’ho MAI visto) lo mette al riparo, almeno per un po’ (ma poi qualcosa si studia, stai tranquillo), dalle critiche dei tifosi. Certo almeno da quelli più faciloni, e qui ne scrivono alcuni. Il calcio di oggi non è più quello di una volta. Quello in cui c’erano quelli che, mi sembra da parte di Brera, erano definiti ricchi-scemi. Questi sono ricchi ma per nulla scemi. Ti faccio qualche nome che mi viene in mente: Pozzo con l’Udinese, Pulvirenti col Catania, Campedelli col Chievo, Ghilardi col Parma, ci metto pure quello dell’altra squadra di Genova, lo stesso Zamparini col Palermo ecc. ecc. Ebbene queste persone, secondo te, col calcio ci rimettono milioni su milioni? Io dico di no. Ci guadagnano e pure tanto! Se hai dimestichezza coi bilanci sai bene come si può operare o lo devo spiegare? Detto questo pensi ancora che il piccolo garrone sia il povero tifoso messo nell’angolo dal resto della famiglia? Lui vorrebbe, chessò, Marchisio o Balottelli e invece gli “concedono” Barillà e Bjarnason!

    • Massimo Pittaluga ha detto:

      Ciao Doriano. Credo che il rispetto delle opinioni altrui sia a cosa principale e poi ci mancherebbe essere sempre d’accordo, altrimenti che dialettica ci sarebbe.
      In parte concordo con te sul fatto che Edoardo sia più imbonitore del padre e che abbia cercato di instaurare un rapporto più amichevole coi tifosi per avere più credito e tempo per agire (anche io che sono un quarantenne e vado da 30 anni nella sud non l’ho mai visto ma ciò non significa molto sul fatto che sia sampdoriano).io credo che garrone jr abbia in un certo senso simili problemi a quelli che ebbe mantovani jr. Garrone Sr decideva lui, limitava gli investimenti ma comunque aveva garantito spesso (non sempre) discrete squadre. da quando si ammalò ci siamo ritrovati il cda con guastoni, mondini etc e forse Garrone jr non ha la forza in questo contesto anche se mutato senza guastoni di imporsi e probabilmente perché non vuole rischiare in prima persona. A me da l’idea di non essere un cuor di leone, di non avere la personalità né di mantovani (che era presidente carismatico) né del padre che era un capo (piaccia o meno era lui che comandava). per questi motivi ritengo che a gennaio vedremo se garrone jr tirerà fuori la personalità vera e farà quello che deve fare ovvero comprare in perdita (li avessero presi d’estate due o tre giocatori alla antonini non fenomeni saremo qui a parlare diversamente e lui a perdere meno danari…) oppure avrai definitivamente ragione tu e quelli che la vedono come te. essendo la realtà in divenire ritengo che le evidenze dicano che gli ultimi 3 anni siano stati un tracollo finanziario e tecnico. hanno perso una marea di soldi e i migliori giocatori. questo è sintomo di confusione e di incapacità. potessi dare un modesto consiglio a garrone gli direi: a gennaio se siamo agganciati come spero alla zona salvezza fai arrivare al 2 di gennaio 2 o 3 giocatori veri che facciano la differenza. devi spendere 10 15 mln e tu che li hai spendili e salva la baracca, poi a campionato messo in careggiata concorda cosa fare con la holding perché la politica attuale porterebbe a due conseguenze enormi. possibile retrocessione ma anche in caso di salvezza depauperamentodel valore dei giovani come objang e kristicic e gabbiadini. ora spero che garrone jr dimostri coraggio e prenda la situazione in mano perché è l’unica via d’uscita. se non lo farà e porterà a gennaio un brambilla qualunque come rinforzo allora non ci sarà più nulla da dire. se invece farà dei sacrifici economici per salvare la squadra forse meriterà ancora fiducia anche da chi giustamente critica, tra cui mi ci metto anche io. siamo ormai in una situazione spartiacque. o investe veramente e non in scartine e allora si meriterà fiducia e aiuto dalla tifoseria oppure si adeguerà al profilo attuale che presto o tardi ci riporterà in B perché senza giocatori con tecnica da serie A non basterà rossi o chiunque in panchina. un cordiale saluto e speriamo bene perché credimi vederci a inseguire squadre come Livorno, verona, chievo etc da un grande senso di sconforto e mette questa proprietà in una posizione indifendibile.

    • gianni ha detto:

      Come al solito l’unica cosa che sai fare, da quando ti sei dato la missione di vendicare Cassano, è scrivere frasi da querela, adombrando REATI finanziari a carico della società ( e mi stupisce che ti venga permesso su quello che DOVREBBE essere un sito di tifosi blucerchiati, non interisti frustrati).

  97. gianfra ha detto:

    il problema della Samp oltre a quello di avere una società senza ambizioni e anche quello di avere dei pseudo-tifosi che dicono che bisogna accontentarsi e questi sono i risultati io non mi accontento e allora sono genoano?
    se a qualcuno fà schifo vincere qualcosa si tengano questa società meglio sparire che farci prendere in giro da tutta Italia

    • Marco ha detto:

      D ‘ A C C O R D I S S I M O AL 1000 X 1000!!!

    • YumaS2001 ha detto:

      ma perche “sparire”?
      .
      posso capire lo stato d’animo, ma perchè vorresti che la samp sparisca?
      per non esserne più tifoso?
      .
      la strada cè ed è più rapida: intermilanjuvemanchesterbarcareal.

  98. Gipo Samp ha detto:

    @ flex (84)

    Il calcio è anche bello perchè ognuno può interpretarlo a modo suo. Tuttavia negli ultimi post ho visto che si è aperta una discussione che riguarda la gestione, e allora la cosa non è più così opinabile come esprimere giudizi su giocatori e tecnici. Quando Flex scrive che l’anomalia è stata la Sampdoria di Paolo. Sono d’accordo. Ma l’anomalia per me non è stata quella di sedersi al tavolo assieme alle grandi, quanto aver avuto la fortuna di trovare un presidente che aveva deciso di spendere molti soldi per fare grande una squadra di calcio. Paolo Mantovani ha dimostrato attraverso notevoli investimenti a perdere, capacità d’eccellenza personali e nel saper scegliere i collaboratori di vertice, che si poteva vincere lo scudetto, Coppe e, perfino, una coppa dei campioni. E non vale neppure dire che allora erano altri tempi, perché sarebbe possibile anche oggi ripetere quanto fatto allora. La differenza sta nella differente entità della cifra, oggi notevolmente superiore ad allora, che un presidente deve stanziare per vincere, e, soprattutto, avere le capacità e motivazioni di Paolo Mantovani. Le grandi sono tali perché le loro bacheche le hanno riempite di trofei gli Agnelli, Moratti, Berlusconi e altri presidenti con investimenti a perdere. Non è vero che a Genova non si può, come usano dire gli anziani giornalisti col ritornello del modesto bacino d’utenza, perché i bacini d’utenza si creano, si autoalimentano e s’ingrandiscono con le vittorie. Con questo non voglio criticare i Garrone ai quali sono grato per essere intervenuti nel momento del bisogno. Neppure voglio criticarli per aver deciso di tirare i remi in barca, ma solamente per non cercare un buon acquirente per la Sampdoria, anziché puntare su di un impossibile progetto low cost dei giovani che di concerto con i media genovesi hanno cercato di venderci, illudendo i molti tifosi che ci hanno creduto e che solo adesso si ribellano. Con gli Eramo, Soriano e altri a piacere, cioè con quasi tutta la rosa dei giovanissimi e meno giovani che non si riescono a dare via, si finisce dove siamo oggi in classifica. Sempre forza Samp

  99. robmerl ha detto:

    io penso che per fare una buona squadra, quantomeno in grado di navigare a metà classifica e di togliersi qualche soddisfazione con un gioco dignitoso o meglio ancora divertente (il contrario di quella che abbiamo oggi) bisognerebbe scegliere un allenatore veramente affidabile, fargli fare un programma tecnico con una wishlist di giocatori da acquistare, accontentarlo nei limiti del possibile e poi valutarlo a medio termine sulla base non solo dei risultati ma anche dello “spettacolo”. Mi pare che da noi si faccia esattamente il contrario, comprando dei giocatori mediocri o sopravvalutati, vendendo (male) tutti quelli che hanno un mercato e mettendo il pastone che viene fuori in mano a un allenatore magari bravo ma certamente escluso dal programma (chiamiamolo così) di rafforzamento.
    Magari si salva il bilancio, e non è poco, ma si va verso l’autodistruzione.

  100. flex ha detto:

    @ Gipo Samp (98)

    Abbiamo alcuni esempi: il Manchester City, il PSG, il Monaco.
    In teoria se arriva lo sceicco o il russo carico di soldi abbiamo risolto il problema. Partiamo dal presupposto che acquistare una squadra di calcio è un investimento a perdere, lo sarebbe a maggior ragione per un presidente come quello che vorresti tu perchè possa assomigliare a Mantovani. Non so se è cosi’ semplice trovare qualcuno, ricco da far schifo, disposto a sputtanarsi ogni anno milionate di euris, una volta trovato deve poi anche scegliere la sampdoria, che per noi è la più bella del mondo. Ma solo per noi. Non dico che sia impossibile, ma realisticamente, nel frattempo, mi tengo ben stretto garrone.

  101. sampdorianamente ha detto:

    Gasparin… Gasparin… Gasparin…..Chi ha scelto Di Carlo come allenatore? Chi ha investito 2,5 milioni per la comproprietà di Curci???? Eppoi scusate uno che sta a Udine un anno e poi viene via, va alla Samp e dopo quattro mesi lascia, sta fermo un paio d’anni lo chiama il Catania e neanche a fine stagione lascia….. possibile che sia sempre colpa della società??????????

    • peter ha detto:

      certamente si…dopo marotta non sono riusciti a prendere un dirigente uno competente e capace ergo la colpa e’ della societa’.

  102. flex ha detto:

    @ sillyname (95)

    Abbiamo più o meno la stessa età e, forse anche per questo, mi trovo d’accordo sulla maggior parte delle cose che scrivi. Chiarisco meglio un concetto. Io credo che la gestione “d’azienda” non sia una scelta, ma un obbligo imposto da come funziona oggi il mondo del calcio: se vuoi sopravvivere non puoi fare diversamente. Detto questo sono d’accordo con te che non si può vivere solo facendo riferimento ad entrate ed uscite. Durante la presidenza di riccardo garrone ci sono state almeno due volte dove hanno tarpato le ali al mio entusiasmo di tifoso: l’anno che siamo arrivati quinti con novellino, quando sarebbe bastato prendere a gennaio uno straccio di attaccante al posto di rossini per provare ad arrivare quarti, e l’anno della CL, quando di fronte a un appuntamento più unico che raro non si è voluto fare il minimo sforzo per rinforzare la squadra. E’ stato frustrante e avvilente perchè si è manifestata in modo palese la volontà di non voler migliorare.
    E sono d’accordo con te: se a un tifoso togli l’entusiasmo gli togli tutto.
    Distinguerei fra tifoso e simpatizzante. Il simpatizzante paga il biglietto e ha il diritto di vedere uno spettacolo adeguato, per il tifoso credo che sia diverso. Intendiamoci, anche io riesco a capire la differenza fra mancini e matute morales, ma a prescindere da chi veste la maglia, resta la maglia. Ma anche a queste condizioni non mi si deve negare il diritto a sognare un futuro migliore.
    L’obiettivo è trovare un punto di equilibrio in modo da continuare ad avere ancora una squadra per la quale entusiasmarci, magari con qualche tifoso in più e con tanti simpatizzanti in meno.

  103. matteo84 ha detto:

    caro Dado post(68)

    intanto scusa per larisposta tardiva…..
    passando alla risposta, devi ammettere che dopo 3 anni la cacciata di Cassano puzza ancora di più, visto che MAI è stato fatto qualcosa per prendere un sostituto, ma anzi è stato fatto di tutto per abbattere il tasso tecnico della squadra, perchè dopo Cassano, ogni giocatore che poteva dare un valore anche minimo alla squadra è stato venduto alla velocità della luce, se questo non è farlo apposta vuol dire che siamo messi pure peggio…….
    per il resto, in pratica stai dicendo quello che dico da sempre, che in squadra serve un giocatore dai piedi buoni……e per me questa non è incoerenza anzi, è segno di obbiettività, cosa che purtroppo manca ad alcuni blogger mistificatori………
    comunque anche per me doveva essere l’anno del ritorno di Cassano, e ci speravo in silenzio durante l’affare Icardi, perchè con un po di furbizia oltre ai soldi ci poteva uscire anche un regalo da parte dell’inter, visto che oltre ad averci fregato Icardi hanno preteso anche un opzione su Obiang………purtroppo pare che questo tipo di operazioni non siano per niente contemplate in questa società……….

    detto questo ci tengo ad aggiungere una cosa per tutti quelli che osano dare dei genoani a chi si lamenta con Garrone……..
    tanto per cominciare il sampdoriano del 2013 è esattamente il genoano degli anni 60, cioè un tifoso che ha visto vincere la propria squadra e che si accontenta di vivere di ricordi……..un tifoso morto si può dire……..
    e qui nasce il vero paradosso, perchè quelli che stanno vedendo morire la sampdoria come me e pochi altri e che si arrabbiano e cercano di mettere ambizione nel tifo vengono chiamati genoani, bibini proprio da quelli che vivono di ricordi e che si comportano in primis da genoani……..magari può sembrare una baggianata ma se ci riflettete bene tutti, forse………….

  104. Daniele da Rapallo ha detto:

    Caro Andrea ed amici del blog….:
    purtroppo non ho nulla da aggiungere; tutto è stato detto e tutti hanno un po ragione.. perciò voglio un po sognare guardando glia altri.
    Certamente vedere la Roma giocare ieri sera è stata davvero una gioia per gli occhi.
    Mentre scrivo sto vedendo Cagliari-Catania. Per ora ahinoi sta vincendo il Catania (magari poi non finirà così ma potrebbe essere già sul 3 a zero).
    C’è un certo PLASIL che invece di curare il mal di pancia (come il famoso farmaco) lo fa venire agli avversari….: ma dico, perchè uno così non abbiamo potuto accaparrarcelo noi ? Mah !
    Torna Marotta, torna da noi…dopo di te, e soprattutto Paratici, è buio totale.

  105. El Cabezon ha detto:

    Apprendo ( col beneficio del dubbio visto che la fonte è Tuttosport…) che Delio Rossi in caso di salvezza percepirebbe un premio di 400mila euro ANCHE NEL CASO FOSSE ESONERATO DURANTE LA STAGIONE!!!
    La stessa cosa accadde ( Andrea o qualche altro bloggers correggetemi se sbaglio ) con Atzori: premio promozione anche se FU CACCIATO A NOVEMBRE!!!
    Ora, io comprendo tutto, sono dell’idea che contestare adesso non abbia assolutamente senso e personalmente l’avvento di Edoardo mi aveva ridato un minimo di fiducia ed entusiasmo ma queste cose ( se vere, ripeto ) come si fa ad accettarle senza batter ciglio? Sono inspiegabili, illogiche, oserei dire FOLLI!
    Come minimo a Corte Lambruschini amano complicarsi la vita…mah…

SE TRE INDIZI FANNO UNA PROVA…

Se tre indizi fanno una prova, dopo le vittorie con Fiorentina e Lazio, la Sampdoria ha confermato a Bergamo di [&hellip

PERFETTI

Paradossalmente c’è “poco” da dire sulla rotonda vittoria della Sampdoria contro la Lazio, perché la squadra di Ranieri è stata [&hellip

RINASCIMENTO

Avete ragione, state già pensando che ho esagerato nel titolo. Ed è vero. Ma l’ho fatto consapevolmente. Dopo tanto soffrire [&hellip

DI MALE IN PEGGIO

“Non mi è piaciuto quasi niente, sembravamo una squadra sparring partner, pavida, non ho visto voglia di lottare”. Parole di Claudio [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta