Bicchiere mezzo pieno. Ma ora tre punti obbligatori!

2 Nov 2012 by Luca Pellegrini, 43 Commenti »

Dopo la gara con l’Inter dirò poche cose. Una sorta di commento “simbolo” al quale spero si ispiri la Sampdoria domenica contro l’Atalanta: poche parole, tanti fatti.

Eh già perché al Ferraris serviranno gol, prestazione e risultato. Fatti, appunto, per ottenere tre punti vitali e mettere da parte, almeno per qualche ora, tutte le polemiche dell’ultimo periodo.

In tanti parlano di tante cose in questi giorni. Ferrara rischia, Ferrara non rischia. Sensibile ha sbagliato e va bocciato, Sensibile merita una chance a gennaio. 4-3-3 sì, 4-3-3 no. Torti arbitrali (che speriamo siano terminati!) e quant’altro. Il tutto va cancellato. Non in un colpo solo, perché una vittoria non può diventare l’antidoto a tutti i dolori. Ma intanto quando si ha la febbre alta un medicinale per abbassare la temperatura fa sempre piacere.

Come cancellare tutto? Beh, con l’Atalanta serve solo vincere e la Samp vista a Milano per 50 minuti può senza dubbio farcela. Questo per il momento può bastare eccome, al di là dei problemi (parecchi) che i blucerchiati hanno mostrato in questi 5 ko consecutivi. Problemi legati a colpe proprie e non ma che nell’immediato vanno messi da parte.

Ecco perchè soprattutto da sampdoriano mi sento di suggerire, nel mio piccolo, il “modus operandi” da qui a domenica: calma e spirito positivo. Da qui il mio titolo “bicchiere mezzo pieno”: perché nel bicchiere blucerchiato manca acqua, mancano tante cose sì, ma ad oggi conta più essere concreti che pensare dove si è sbagliato. Tra un mese e mezzo sarà tempo di conti, sarà tempo per pesare le colpe di ognuno ed eventualmente per bocciare o promuovere, ma fin lì servono solo i punti e la posizione in classifica.

E allora i tifosi facciano i tifosi (fin qui impeccabile il pubblico, fin troppo), i giocatori facciano i giocatori e così via. Nessuno (da Ferrara agli altri) si arrabbi per i mugugni (legittimi dopo 5 ko) e pensi solo ed esclusivamente al bene della Samp.

Fare quadrato è l’input, perché con l’Atalanta vincerà la Sampdoria. Tutta. Dagli spalti al campo.

Della coperta corta, degli errori fatti a Milano, delle scelte opinabili di Ferrara in qualche occasione, della necessità di intervenire sul mercato e così via parleremo da lunedì. Sottolineando tutto ciò che non va, come sempre, con grande onestà. Prima però torniamo a vincere a Marassi.

Un saluto a tutti.

 

43 Commenti

  1. matteo 76 ha detto:

    Luca

    Sei un grande !

  2. MadMick ha detto:

    No, Luca almeno tu no: non c’è un bicchiere mezzo pieno ma un un bicchiere vuoto!
    Ho letto sui giornali di una Samp che ha tenuto botta fino all’espulsione di Costa ma io ho visto una Samp senza gioco e con poche idee che è riuscita a fare gol in maniera fortuita.
    Era ovvio che prima o poi sarebbe arrivato il gol…e non solo uno!
    Mandare via Ferrara vorrebbe dire riconoscere che il “progetto” è fallito ancora prima di iniziare e quindi non se ne farà niente: non vorrei mai che se ne dovesse andare anche Sensibile! 🙂

    Speriamo solo che ora si inverta la rotta e che Ciro sappia farsi sentire negli spogliatoi, perchè veder giocare la Samp in maniera così rinunciataria fa male!

    • Michele G. ha detto:

      MadMick, tu hai ragione, ma di fronte c’era la squadra piú in forma del momento, grazie anche ad un Cassano super, e, in questo periodo, probabilmente superiore a quella squadra a strisce bianconere che va a rubare risultati in giro e che Mercoledì ha avuto l’ennesima botta di sedere di segnare un gol a pochi secondi dallo scadere del recupero. Essere riusciti ad inaridire le fonti di gioco nerazzure non era cosa semplice ed esserci riusciti per 50 minuti è stato lodevole a mio modo di vedere. Io ho visto una squadra più determinata rispetto alle sconfitte con Chievo e Cagliari. Spero che abbiano la stessa determinazione con l’Atalanta, partita nella quale dovremmo avere a disposione una squadra molto vicina a quella titolare.

    • Luca Pellegrini ha detto:

      caro madmik, se leggi bene il mio ultimo post puoi notare come io sia d’accordo con te su molti punti.

      tutti gli errori fatti non ho mai smesso di sottolinearli e mai smetterò di farlo.

      però ora ti chiedo: prima di una partita come quella con l’Atalanta non è meglio, per il bene della SAMP, remare tutti dalla stessa parte?

      se arrivasse una brutta sconfitta (e credo che nessuno ci speri, anzi me lo auguro!) di certo non sarò lì a difendere chi ha sbagliato.

      in sostanza: viva le critiche, ma costruttive. se oggi vedessimo il bicchiere mezzo vuoto (e ripeto è anche mezzo vuoto, nessuno vuol cancellare le cose che non vanno) ci incarteremmo su noi stessi senza uscirne.

      ps: sia chiaro, questo è il mio punto di vista che condivido con tutti voi amici del blog, non è un oracolo. solo dico la mia.

      saluti

  3. bisciagoal ha detto:

    Caro Madmick,
    vatti a rileggere quello che TU scrivevi qualche settimana fa, quando si vinceva…..mi ripeto alla nausea..ma molti di noi si stanno genoanizzando!!!
    non mi considero nè un filosocietario, nè un fan accaninto di Sensibile o di Ferrara..ma questa squadra, nelle prime giornate, con organico al completo, ed in particolare con Maresca e Obiang + Poli al 100% aveva dimostrato di valere qualcosa…sia in termini di gioco che di personalità…
    ora non dico che Ferrara sia Guardiola, non dico che Sensibile abbia costruito uno squadrone, ma la Samp vera se non è quella delle prime cinque giornate non è neppure quella delle ultime 4!
    Se vogliamo trovare il difetto è che le riserve non valgono i titolari..ma credo che lì si potrà intervenire a gennaio…per il momento, calma e gesso…tutti a tifare Sampdoria…e a remare nella stessa direzione!!

    • MadMick ha detto:

      Ciao Bisciagol,
      sono il primo a essere felice quando vinciamo e a gioire anche per un pareggio se vedo un bel gioco!
      Il gioco non esiste più ed è sparito alla prima difficoltà: questa è la verità.
      Come nei momenti più felici ho detto che mi piaceva il gioco di Ferrara, adesso visto il non gioco lo critico…e duramente!

  4. carlo 66 ha detto:

    bravo capitano conta solo vincere e abbandonare una classifica che comincia a fare paura.ferrara ultimamente comincia a fare giocatori fuori ruolo e ciò non piace a nessuno estigaribbia terzino su biabiany a parma berardi a sinistra con il cagliari costa che terzino non è cristicic nei 3 davanti così come soriano ec ec .insomma ma è così difficile far giocare ognuno nel propio ruolo?comunque ora faccia ciò che vuole ma almeno eder lo vogliamo vedere sempre vicino a lopez e se dovrà cambiare modulo pazienza ma visto i risultati solo gli ottusi non lo farebbero,dice che non può fare 4 4 2 perchè non ha le ali?estigaribbia è un ala e a destra munari può farla come faceva a volte a firenze oppure desilvestri davanti a berardi,oppure 3 5 2 con costa gasta rossini desilvestri poli maresca pedro estigaribbia lopez eder ,mi sembra di avere messo uno al propio posto senza mai aver frequentato coverciano.un abbraccio da pontex

  5. Gipo Samp ha detto:

    Egregio Pellegrini aspettiamo pure lunedì per lamentarci e per il momento in alto i cuori e abbasso i catastrofisti e via con le scooterate e altre iniziative di sostegno già sperimentate che non ci salvarono dalla B.
    Penso tuttavia che non possiamo nasconderci dietro all’ottimismo e dalle telefonate alle TV l’opinione generale è che tutti i guai di questa Samp partono dal presuntuoso DS. Tra allenatori ciccati e giocatori clamorosamente ceffati, non dico Zamparini, Lotito e altri presidenti, ma qualunque azienda di ogni settore si sarebbe già liberata di un dirigente del genere. Le sue scelte non solo rovinano le giornate ai simpatizzanti della Samp, i veri tifosi sembrano contenti, ma hanno causato milioni di danni al bilancio societario. Bertani, Piovaccari, Renan (3.5 mil), Juan Antonio, Berardi (5 mil), Poulsen e Silvestri mai pronti per giocare. Castellini acquistato perché fa spogliatoio. Romero, quanto pagato e quale costo d’ingaggio, il Toro prende Gilet a prezzi di saldo. L’ammucchiata dei mediocri centrocampisti di cui molti da serie B. Lascio in sospeso il giudizio su Obiang e Kristicic. ROSSINI da campionati minori svizzeri e Costa da Reggina. Lopez ? Pozzi sempre rotto. Biabiany sostituito da Estigarribia. Eder voluto da Jachini. Maresca da Ferrara. A regalare le zavorre al Vicenza pagandogli l’ingaggio non occorre un DS ma basta un contabile.
    Non diamo la colpa di tutto agli arbitri o alla sfortuna e non motiviamo le sconfitte definendole episodi, perché tutto il calcio è fatto di episodi, peccato che i nostri siano sempre negativi. La causa di questo è, soprattutto, la mediocrità delle scelte dei nostri DS, presente e passati. Non arriviamo mai a concludere e a San Siro Il primo tiro in porta è stato fatto al 93’.
    Il Vicepresidente per non farsi del nervoso seguirà le squadre giovanili e dichiara che la conferma di Sensibile è una pura formalità. I tifosi cosa possono fare? D’estate si può andare al mare ma d’inverno? Segramola dice che il piano è quadriennale. Saranno quattro anni di passione?

    • Luca Pellegrini ha detto:

      ciao gipo, d’accordo con te su molti punti. sensibile ha fatto scelte opinabili in diverse circostanze, lo so e lo vedo bene.

      io non posso ragionare troppo da tifoso però. sbaglierei e non assolverei il mio compito.

      quindi dico, anzi ripeto, che a gennaio andrà fatto un nuovo e robusto ritocco a questa squadra come nella scorsa stagione. ho sempre detto che un buon difensore in più e un attaccante andavano presi subito. ho pure sempre detto che il ds e la società sbagliarono con atzori, piovaccari, bertani e compagnia.

      sempre però dirò che in estate ci sono state difficoltà a mio avviso da sottolineare nella creazione della squadra. una su tutti la questione esuberi. e poi, a livello generale, dico che questa samp non è mai stata tutta “a disposizione” del tecnico tra infortuni e squalifiche. e non faccio nè il buonista nè l’istituzionalista. solo osservo.

      e, da ulitmo, dico anche che se domenica arrivasse un altro ko sarà giusto pensare seriamente a cambiare SUBITO qualcosa.

      un abbraccio

      • Gipo Samp ha detto:

        Caro Pellegrini anzitutto ti ringrazio per la tua cortese risposta. A scanso di malintesi ti dirò che non era assolutamente mia intenzione criticare il tuo commento che condivido largamente, perché comprendo benissimo che nella tua posizione non puoi scrivere quello che i tifosi possono esternare grazie al tuo blog. Ti considero un vero sampdoriano per i tuoi trascorsi e ti sono grato delle gioie che tu insieme agli altri ci avete regalato nell’era di Paolo Mantovani, e ti considero uno dei pochi opinionisti delle TV genovesi che ha il coraggio di denunciare, motivandolo tecnicamente e in maniera pacata, le magagne di questa squadra. Ciò significa implicitamente chiamare in causa il DS che da due anni ha il compito di costruire la squadra iniziando dall’allenatore.
        Il mio nick Gipo che ho inaugurato sul tuo blog è in ricordo dell’allenatore blucerchiato che seguiva le due giovanili dei miei tempi di cui ho fatto parte.
        Contraccambio l’abbraccio

  6. blackdragon3 ha detto:

    Bisogno ricordarsi comunque che la SAMPDORIA concluse l’anno scorso al 6° posto in serie B,grazie anche ad un tracollo del Padova nel girone di ritorno.Indubbio fu,che misero cuore,grinta e carattere,raggiungendo una promozione insperata per come si misero le cose,ma rimane comunque un anno costellato di sbagli.Gli errori in copia di Sensibile sono talmente evidenti,che fa rabbia vederlo ancora li al suo posto.Atzori e Ferrara sono sul libro paga SAMP grazie a lui 2 elementi totalmente inadeguati alla nostra causa,entrambi hanno un curriculum nullo,ma tant’e’ s’e’ dovuto fare la doppia scommessa per pompare l’ego di mr. Sensitive.Per non parlare del comparto giocatori.Una serie di valutazioni folli hanno portato Piovaccari,Foggia,Juan Antonio,Renan,Castellini,BetaniEstigarribia etc dei veri fenomi stravalutati e con stipendi da faraoni.Poi ci si meraviglia di come sia difficile il mercato in uscita.Fanno paura le dichiarazioni dei Garrone che incensano l’estro di Ferrara,il quale ha cominciato un progetto quadriennale.Ora le cose sono 2 , o dopo tutti questi anni nel mondo pallonaro continuano a non capirci niente oppure veramente imputano a Iachini l’errore di averci riportati in serie A quando nei progetti originari non c’era.Perche’ sfido chiunque a trovarmi 1 societa’ di calcio che non esenora un allenatore che dopo 7 partite raccoglie la miseria di soli 2 punti.

  7. daddix ha detto:

    Caro Luca, non resta che allinearsi a te a questo punto!
    Bocche cucite, niente polemiche, niente domande, niente dubbi e aspettiamo con ansia questa vittoria con la Dea! Avanti Sampdoria!!!!

  8. Edoardo ha detto:

    Caro Capitano,

    Sai che fin dal primo momento non ho visto di buon occhio Ferrara e certe prese di posizione del DS Sensibile, ma ripeto noi Sampdoriani possiamo passarci anche sopra perchè “Amiamo” la Nostra maglia ma proprio per questo che domenica contro l’Atalanta i giocatori devono dimostrare di Onorarla.
    Speriamo, come dici Tu, in una vittoria perchè altrimenti non ci sono alternative.
    Ciao Edoardo

  9. Stefano_1970 ha detto:

    @ Luca

    A San Siro due tiri in porta…

    • Luca Pellegrini ha detto:

      ciao stefano. giusta osservazione. uno dei problemi che abbiamo spesso sottolineato è questo. è vero.

      non sottovaluto il problema ma rilevo però che fino al rigore pure l’inter non aveva concluso praticamente mai, idem vale per il cagliari domenica scorsa.

      con questo lungi da me il voler sottovalutare problemi. quindi giusto tirare le orecchie alla squadra e al tecnico. serve maggiore manovra, servono idee, serve soprattutto una cosa in questo momento. una cosa preziosa che la samp non deve perdere grazie all’aiuto di tutti: IL CORAGGIO

  10. Ale ha detto:

    Ciao Capitano,
    Ti è mai capitato nella tua nobile cariera che dei tuoi compagni a turno commettessero delle leggerezze plateali dovute certamente a dei cali di tensione? Pensi che indirettamente sia colpa dell’allenatore che carica troppo o allenta in maniera eccessiva la tensione?.. Come te lo spieghi?
    Dico questo perché contro La Dea Bergamasca non si dovranno più commettere errori, ma sinceramente temo il contrario perché i precedenti sui cali di concentrazione sono inquietanti.

    Domenica dovremmo giocare con le tre C ( Cuore, Coraggio, CogXXXXoni insomma hai capito)

    FORZA DORIA OLÉ.. DEVI VINCERE PERCHÉ.. SIAMO SEMPRE CON TE..FORZA DORIA ALÉ

    • Luca Pellegrini ha detto:

      ciao ale. concordo con le tre c.

      sugli errori c’è a mio avviso un mix di inesperienza, capacità (esempio lampante rossini e non me ne voglia, ma i suoi errori reiterati mi portano a rimandarlo, non bocciarlo, in questo avvio) e momento negativo che avvolge il tutto

      saluti

  11. matteo 76 ha detto:

    Ho fatto i complimenti a Luca non per essere il leccac..o di turno ma perche’ la situazione e’ seria e l’atteggiamento suggerito dal capitano e’ molto molto saggio.
    Congelare critiche che sono sacrosante a vari livelli, stringersi intorno alla squadra evitando di “scaldare” l’ambiente: perche’ non fare risultato domenica potrebbe farci entrare in un gorgo da cui sarebbe difficile, molto difficile uscire.
    Partita troppo importante che richiede ogni sforzo da parte di tutti.
    Vincere domenica e basta.
    Poi dopo ci scateniamo 🙂

  12. Daniele da Rapallo ha detto:

    Caro capitano concordo con te su tutto, alcune considerazioni però…..

    Non metterei sulla croce Ferrara in quanto ultimamente tutto sta andando storto e non proprio tutto per colpa sua. A me sembra un discreto mestierante.
    Certo è che da Marotta in poi hanno ciccato quasi tutti gli allenatori e non solo.
    Quando hai in panchina un mestierante alla Delio Rossi (o emergente promessa tipo Montella) ed un DS mestierante vedi Pradè alla Fiorentina o simili, sei già a metà dell’opera.
    Chiaramente poi devi avere dietro una società ben organizzata come sta ritornando ora la Samp. Un mestierante sa che avere la coperta corta è un errore (vedi Pozzi, ottimo giocatore ma di cristallo) anche se a Gennaio può riparare.
    Certamente con L’Inter (viste le assenze e la malasorte stazionante sulla squadra) non potevamo fare meglio.
    Concludo dicendo che Sensibile si farà ! Magari è una promessa nel mondo dei DS ma per ora le ossa se le sta facendo da noi, con tutto quello che può comportare : mosse azzeccate ed errori clamorosi.
    Io son più per le figure già affermate, giovani promesse a parte. E qua c’è da dire che l’unico veramente forte è Obiang, preceduto da un Poli già mezzo affermato ma che ha fama di non segnare mai; gli altri non mi paiono fenomeni.

    Che ne pensi ?

  13. paolo1966 ha detto:

    Concordo con Luca.
    L’unica cosa da fare, ORA, e’ di compattarci.
    Il pubblico come sempre fara’ il pubblico.
    Mi aspetto che il tecnico faccia il tecnico, ovvero che metta in campo piu’ persone possibile nel proprio ruolo e dove possano far male all’avversario,e i calciatori facciano i calciatori, ovvero in mezzo all’idrante di merda che ci stanno tirando addosso per lo meno non commettano piu’ errori o distrazioni evitabili.
    Secondo me, a prescindere dalla pesante zavorra che ci hanno messo gli arbitri, abbiamo commesso troppi errori, cosi secchi mi vengono in mente questi:
    – distrazione col Siena in occasione del rigore (Gastaldello stesso lo ha ammesso)
    – col Toro Costa e Soriano che sono entrati scomposti e fuori tempo sul rigore
    – col Napoli concessa una ripartenza letale che ha portato al fallo al limite dell’area
    trasformato in rigore con rosso), tutti ad indietreggiare e nessuno a bloccare con un
    fallo Inler
    – Chievo, chetelodicoafare…
    – Parma, dopo tre volte che Biabiany prendeva alle spalle Estigarribia, ci siamo fatti
    scavalcare da un lancio, a difese piazzate e gioco quasi fermo, partito dalla Piazza
    del Duomo di Parma…
    – Cagliari, Rossini che sviene due volte in occasione del loro gol
    – con l’Inter Poli e Renan che si fanno portare via la palla come due babbioni
    innescando due contropiedi fatali…
    Qui dentro, a parita’ di tutto il resto, due punti in piu’ ci stavano, ed erano due punti che, in questo momento di carestia trasformavano un buco in galleria

  14. Maraschi ha detto:

    Non ho visto (per fortuna!) le partite con Parma e Cagliari, ma ho visto quella col Chievo e quella con l’Inter. Fra le due prestazioni c’è un abisso, in meglio ovviamente per la seconda.
    Quindi sarei, sottolineo sarei, meno preoccupato se non fosse per le assenze, speriamo bene!

  15. PK ha detto:

    Ciao Luca,
    sei stato fin troppo buono nella tua analisi!
    Perdiamo cinque volte di fila e il presidente elogia Sensibile, Sensibile elogia Ferrara, Ferrara elogia i giocatori, è ora di incazzarsi per davvero invece che fare sempre la società modello, serve tirare fuori le palle una volta per tutte.

    Dico tutto questo dopo aver visto una buona partita della Samp in casa della squadra (attualmente) più forte del campionato, condizionata dai soliti episodi assurdi e anche qui, facciamoci sentire!!

    Un ultima cosa, deplorevole la sostituzione di Renan appena entrato, così si umilia il giocatore e l’allenatore non si prende le proprie responsabilità per un cambio assurdo.
    Saluti!

  16. Dorianodoc ha detto:

    Giusto Luca, compattiamoci e auspichiamo non solo le tre C, aggiungerei anche la quarta C, puoi immaginare quale!!!! Il brutto è che mi sembra di rivivere quanto successo due anni fà, Tutti vicini alla squadra, si deve “solo” vincere, tifosi a Bogliasco a sostenere i ragazzi, qualche scooterata, e abbiamo visto come è andata!!!! Purtroppo i rovi non fanno le banane……………

  17. Fabian ha detto:

    Ciao Luca volevo sapere cosa ne pensi di quel giocatore che domani sara schierato alla sinistra e che si chiama poulsen se non sbaglio ? 🙂

  18. sampdorianamente ha detto:

    Qualunque cosa succeda domenica vi prego, e lo ripeto per l’ennesima volta, NO al ritorno di Iachini………….

  19. Martino Imperia ha detto:

    1) L’Atalanta che stende il Napoli con carattere non è avverasrio facile, quindi ci sarà da soffrire

    2) Da quando seguo la Samp in generale quando c’è una partita da vita o morte va sempre male…quindi mi preparo alla Grande Paura.

    3) una DOMANDA per Pellegrini: Luca, secondo te perchè molti giocatori ex Samp che hanno cambiato aria è che da noi non combinavano un granchè, sono tornati ad essere discreti giocatori? Dessena, Byabiany…una amico toscano mi ha detto che addirittura Maccarone si è ripreso a Empoli….

  20. fulvio1965 ha detto:

    Ciao Luca e un abbraccio a tutti i sampdoriani.

    Siamo di nuovo in un momento difficile. Sulla partita con l’ Atalanta condivido in pieno la tua analisi.
    Vorrei esprimere una mia opinione circa l’operato del DS – Responsabile Area Tecnica Sensibile che già in passato ho più volte criticato sul blog.
    Premetto che non mi interessa per nulla l’aspetto caratteriale per il quale Sensibile ha spesso attiato su di sè critiche e perplessità.
    E’ anche vero che seppur in maniera sofferta siamo tornati in A acciuffando la promozione da sesti in classifica ai play off e in questo qualche merito a Sensibile (io credo molti di più a Iachini) va indubbiamente riconosciuto.
    Credo però che tra i compiti di un ds vi sia quello di portare alla società giocatori che ne arricchiscano non solo il patrimonio tecnico, ma anche quello economico. Di prendere, per semplificare, giocatori “a tre” e poterli eventualmente cedere “a sei”, per intenderci.
    Sotto questo punto di vista io valuto il bilancio di Sensibile molto deficitario.
    Romero, Castellini, Costa, Rispoli, Mustafi, Berardi, Gentzoglu, Bentivoglio, Renan, Munari, Juan Antonio, Bertani, Piovaccari, De Silvestri, Poulsen, Eder, Estigarribia, Maxi Lopez, Maresca oltre ai “rientri” di Tissone e Poli (e al pasticcio Palombo) …. sicuramente ho dimenticato qualcuno, ma quanti di questi giocatori ha acquisito un valore maggiore rispetto alla cifra con cui è stato acquistato? Io credo pochissimi. Cosa ne pensi? Grazie.

  21. Claudio ha detto:

    La partita con l’Inter non era certo la partita per il rilancio, ma non possiamo certo far finta di non vedere quello che il campo ha detto in questo ultime 5 giornate. Questa squadra non ha gioco, non crea occasioni da gol, non tira mai in porta. I pochi gol che ha segnato, sono arrivati solo da calci piazzati. Non so se le colpe siano di Ferrara o di scelte sbagliate della società in sede di calcio mercato, ma nascondere la testa sotto la sabbia con i piagnistei sugli arbitraggi, vuole dire solo fare il male della Sampdoria

  22. giacomo ha detto:

    Quello degli arbitraggi è un problema reale, di cui però Garrone approfitta per nascondere i macroscopici errori commessi anche quest’anno.
    Ed è proprio il ricordo degli errori commessi per presunzione ed imperizia nell’anno della retrocessione e anche lo scorso anno a provocare le critiche attuali, del resto giustificate da cinque sconfitte consecutive con prestazioni preoccupanti.
    E’ giusto chiedere ai tifosi di sostenere la squadra in un passaggio difficile come quello odierno, ma mi sembra anche giusto che chi vuole possa andare a Bogliasco a dire, in modo civile, a ferrara e sensibile di dimettersi, senza che ferrara si inalberi e garrone parli di tifosi “veri” e “finti”.
    Quanto a Iachini, io non voglio e non penso che ritorni, preferisco che la samp vinca le prossime cinque partite; se ciò, come spero, succedesse, continuerò però a pensare che Beppe è stato trattato male e non lo meritasse; se invece la serie negativa dovesse continuare, non mi vergognerò a chiedere un cambiamento, sperando che, anzichè un Cavasin, venga ingaggiato un Delio Rossi.

  23. marco64 ha detto:

    LUCA…da capitano dillo e ridillo Ferrara non è all’altezza per salvarci e oggi dopo la magra figura contro l’Atalanta una volta di più …Urlalo in TV……non si può vedere in panca senza uno straccio di idee per provare a cambiare una partita…Forza Doria

  24. Davide ha detto:

    sono arrivati 3 punti obbligatori, ma per l’Atalanta, caro Luca.

    Ora che si fa? Nulla, Ferrara resta in sella. Io lo avrei defenestrato già da Parma.

    La Samp tornerà in serie B. E’ matematico. Non c’è altro da dire.

  25. bisciagoal ha detto:

    Caro Davide
    e come la fai tragica!! Siamo agli inizi, stiamo per recuperare tutti gli infortunati..e sono sicuro che con Obiang, maresca e Poli ritornerà gioco e risultati.
    Non chiedo affatto la testa del Mister ( anche perchè sono convinto che gli altri due che abbiamo a libro paga non potrebbero far meglio, nè un Delio Rossi con cui si dovrebbe forzatamente rivedere la rosa per adattare la squadra al suo credo calcistico)…..diamoa Ferrara ancora un po’ di tempo, tenuto conto che lo spogliatoio è della sua parte…soprattutto Maresca che è diventato il leader indiscusso della squadra.
    Piuttosto chiederei alla società di verificare l’opportunità di allontanare Pasquale Sensibile, la cui scriteriata campagna acquisti dell’anno scorso e anche di quest’anno ( non dimentichiamo che si sono anche perse almeno 3 settimane di mercato per i tentennamenti sulla scelta del mister…che avrebbe dovuto fare la lista della spesa..) ha prosciugato le casse societarie con davvero poche scelte azzeccate!
    Io credo che con un DS meno chiacchierone e con più esperienza, si sarebbe potuto allestire ( con molti meno esborsi ) una rosa più competitiva, soprattutto nei rincalzi..vero punto debole della squadra.

  26. claudio66 ha detto:

    Diceva Boskov: “Squadra gioca come gioca centrocampo”. Alla Samp attuale vanno applicate un paio di varianti:
    1) Attacco che non offende.
    2) Difesa che non difende.
    Nella rosa attuale si salvano 3-4 giocatori “veri”, gli altri francamente non si riesce a capire come possano giocare a pallone, in qualsiasi categoria sulla faccia della terra….MISTERO!!!!
    Tra l’altro se in campo vengono messe le idee e il carattere trasmessi dall’allenatore ecco spiegati certi risultati.

  27. Maraschi ha detto:

    In questa situazione drammatica, le uniche note di speranza sono Maresca, Obiang e Icardi.
    Speriamo che Ferrara punti su di loro.

  28. Lidia Paola ha detto:

    Se provo a cancellare le immagini della partita, le sensazioni provate, i pensieri che si accavallano a briglia sciolta figli di un disagio e preoccupazioni sul futuro, rimane la figura di un uomo solo con un fardello di responsabilita’ sulle spalle.

    Allora, umanamente, esce dalla rabbia un brandello di comprensione ed il mea culpa assume una valenza determinante.

    Oggi non voglio pensare a come quest’uomo (Ciro) e’ arrivato alla Samp. Ieri sera riflettevo sulle sue parole che rimarcavano il fatto che la squadra e’ la stessa della B come dire che i giocatori sono questi e non si possono pretendere miracoli.
    Lui lavora sul materiale che ha ed il materiale e’ quello che e’.

    Sul profilo giovane della squadra trovo che troppo spesso viene utilizzato come giustificante che avvalorerebbe tra l’altro tempi lunghi. Io penso che se possiedi buoni piedi e doti naturali (Obiang) queste emergano spontaneamente e l’allenatore deve fare solo da collante, conferendo gioco e personalita’ al gruppo.

    Pero’ Ciro ieri e’ caduto in contraddizione quando ha precisato trattasi di gruppo solido per poi confessare dover lavorare sul morale dei ragazzi. Solidita’ per me significa robustezza, fondamenta salde, struttura coesa ma i ragazzi a me sono parsi pulcini impauriti, confusi i e senza adrenalina.

    Mi chiedo perche’ nella Samp ci debbano sempre essere problemi mentali., perdita di autostima, insicurezze varie.

    Di attenuanti non se ne deve piu’ parlare, solo pretendere fatti. Il Maxi Lopex solitario , spalle alla porta, deve correre come Eder, sputare sangue, tornare indietro (vi ricorate Del Neri?) a recuperar palla e perdere peso perche’ ieri sembrava in apnea, senza ossigeno a differenza di chi lo stava marcando.

    Fare cerchio attorno alla squadra sino ad un certo punto. No scouterate, no alibi vedi arbitraggi ed esplusioni (il goal annullato di ieri insegna). Sei sconfitte di seguito sono uno “score” quasi irraggiungibile.
    Mi chiedo se c’e’ un precedente.

    Ferrara, un uomo solo, si sta giocando tutto . La strada spianata non c’e’ piu’. Dovra’ proseguire con le sue forze, partire dalla fiducia riposta in lui ed uscire fuori da questo incubo.

    Senza Sensibile.

  29. MadMick ha detto:

    Purtroppo siamo a 6 sconfitte e ci aspetta il Palermo che ha appena perso in casa e poi il derby: non sarà certo facile fare punti!!!

    Il solo “progetto” a lungo termine che posso intravedere come tifoso è l’allontanamento di Sensibile: ripartiamo per un vero progetto ma non con un DS scommessa che porta a Bogliasco giocatori scommessa allenati da un mister scommessa.
    Non ho più voglia di scommettere: voglio qualche certezza!

    Gli hanno messo in mano un sacco di soldi e li ha usati per comprare giocatori quasi mai utilizzati o per riscattare giocatori scarsi per la B…figuriamoci per la A.
    In ultimo un allenatore che quando viene inquadrato tra primo e secondo tempo ha lo sguardo perso nel vuoto: mi ricorda Di Carlo.

    Così non va bene.

  30. Dorianodoc ha detto:

    Ora la maggior parte dei commenti verte sul Ferrara sì – Ferrara no. Sinceramente penso che il mister cominci a non capirci più il verso e la cosa è di per sè allarmante, però, oggettivamente i miracoli li faceva una persona circa 2000 anni fà. Quello faceva camminare gli storpi e resuscitava i morti, il nostro non riesce a raddrizzare i piedi a chi è scarso, ma proprio scarso! La realtà è che abbiamo una rosa di una povertà tecnica da piangere. Caro Luca ripassati le rose delle altre squadre di medio-bassa classifica e si capisce che la classifica incomincia a rispecchiare la realtà. Il Pescara (dato per molti già in B) ha fatto i nostri punti, il Siena (altro canditato) uno più di noi. Purtroppo molti non vedono la miscela letale che avvolge il Doria: una proprietà incompetente e con le braccine corte e un D.S. incapace e pure presuntuoso. Non era impossibile da prevedere, 20.000 abbonati (quinto pubblico della A) meritano ben altro!!!!!!!!!

  31. claudio ha detto:

    Ferrara cosa ha più di Iachini?la fantasia sicuro visto che parla di un Atalanta con giocatori da più di 100 presenze in A ebbene nella formazione di ieri almanacco alla mano erano solo in 4 e nella Samp in 3 quindi non una grandissima differenza; salvataggi sulla linea?occasioni da goal sprecate?se tra il primo e secondo tempo l’Atalanta le metteva a segno quelle create finiva 7 a 2!!!La presunzione e l’arroganza sicuramente sembra di vedere Sensibile nelle sue interviste (non penso sia un caso).La prego PRESIDENTE metta fine a questa coppia di pseudo dirigente allenatore faccia un passo indietro sulle sue scelte se non altro per rispetto di chi da 2 anni e mezzo nonostante tutto quello accaduto le sta sempre a fianco moralmente ed economicamente!!!

  32. Crovo ha detto:

    Ottimo…

    Abbiamo perso pure Maxy Lopez per almeno due mesi….

    Così adesso siamo totalmente senza attacco…

    Tutto sulle spalle di Eder, che da solo nonostante il grande impegno segna poco o niente e quindi non basta…

    E adesso?

    Sarò disfattista, ma mi chiedo ad esempio chi giocherà nel derby?

    Austoni?

    Hambo?

    Zuloaga?

    Mamma mia….

    Mi preparo già a ricevere cartoline natalizie e a subire almeno 5 mesi di prese per il c…..

  33. giorgio ha detto:

    Il “progetto pluriennale di cui Ferrara è una componente fondamentale” di Edoardo Garrone è forse la SERIE “C”? Se è così andiamo pure avanti con Ferrara verso la SETTIMA sconfitta consecutiva! E allunghiamo pure il contratto a Sensibile, così fa ancora qualche acquisto sballato!
    p.s.: Spero tanto di sbagliare e di rimangiarmi tutto, ma purtroppo la realtà attuale e le cifre sono queste. Se non cambia qualcosa!

QUALE FUTURO

Sto per andare in ferie, l’appuntamento è verso la fine di agosto per una nuova stagione insieme. Speriamo non di [&hellip

DERBY REGALATO

La Sampdoria serve su un piatto d’argento il derby della Lanterna numero 120, il Genoa ringrazia e scarta il regalo [&hellip

IL PM HA CHIESTO L’ARCHIVIAZIONE DELLA QUERELA DI FERRERO: ECCO LE MOTIVAZIONI

Il Pubblico Ministero Giancarlo Vona ha richiesto, al Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Genova, l’archiviazione del procedimento [&hellip

COMMENTIAMO QUI LE PARTITE

Cari amici, poiché il ritmo, soprattutto notturno, delle partite sarà incessante e con Gradinata Sud sarò sempre in diretta per [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta