Tutto storto, ma niente allarmismi

7 Ott 2012 by Luca Pellegrini, 142 Commenti »

Brutto stop a Verona col Chievo. Passo indietro per una Sampdoria fiacca, lenta e poco cattiva, irriconoscibile dopo un avvio di campionato eccellente.

Brutto quasi tutto al Bentegodi, eccezion fatta per la perla di Maresca su punizione in occasione del provvisorio pari. Segnali su cui Ferrara dovrà lavorare e da cui dovrà trarre spunti per ripartire, in questo senso la pausa arriva nel momento giusto.

Ero stato il primo ad applaudire la squadra in molte occasioni, sono il primo ora a predicare attenzione: senza allarmismi, sia chiaro, ma l’interpretazione della gara da parte del gruppo col Chievo non mi è affatto piaciuta. La serie A insegna che in un attimo, se non si gioca col coltello tra i denti, ci si può trovare risucchiati in cattive acque. La Samp ha qualità e carattere tali da non doversi trovare nel pantano ed è dunque utile che lavori per ritrovare se stessa dopo l’ultimo scivolone.

Dicevo di tante cose brutte. Brutto Romero: la papera sul gol è frutto di una leggerezza e di una sufficienza non nuove all’argentino. Brutto esordio per Poulsen: ancora indietro l’ex Az, su di lui pesa in buona parte il peso del primo gol di Thereau. Brutto ancora Estigarribia, fin qui spremuto e in costante discesa seppur l’impegno dell’ex Juve non manchi mai. Brutto, e mi ripeto, il collettivo a cui Ferrara stavolta non è riuscito a trasmettere la carica giusta. Stanchezza? Troppi riflettori addosso? Coperta corta in alcuni ruoli chiave? Di certo Gastaldello ed Eder sono insostituibili e le loro assenze non possono essere tamponate da una rosa un po’ cortina (cose già dette). Ma nonostante tutto io continuo a credere che quello di Verona sia uno scivolone da cui ci si può rialzare. Botta forte, questo sì, non tanto per la sconfitta in sé quanto per la prestazione, ma il prezzo da pagare quando si hanno gruppi giovani a volte è anche questo.

Ferrara nel post partita mi è di nuovo piaciuto: onesto, lucido e assolutamente non polemico nei confronti degli ennesimi dubbi sulla direzione di gara. Perché sul gol di Di Michele condanno Romero, questo sì, ma l’azione parte da un netto fallo di Frey su Obiang a centrocampo (sarebbe stato secondo giallo per il francese). Ma tutto sommato è giusto così, la Samp resta in credito con la buona sorte e intanto impara sempre di più a non piangersi addosso: l’autocritica di Ferrara insomma mi convince e io mi fido del tecnico blucerchiato.

La pausa andrà sfruttata al meglio, la trasferta di Parma è dura e per ripartire servirà la Sampdoria vista fino alla gara col Napoli. Una Samp che torni Samp, per dimostrare che quello del Bentegodi è stato davvero solo un brutto passo falso.

 

142 Commenti

  1. roby ha detto:

    ciao capitano,ieri ero molto arrabbiato dopo la partita,preferisco essere preso a pallonate che perdere per un’errore del nostro portiere preceduto da un’errore arbitrale.Ho notato che ,nelle ultime 4 partite,abbiamo un credito per quanto riguarda le famose “sviste”…..ho paura che sarà difficile ,se si continua così,compensare……

  2. matteo 76 ha detto:

    Ciao Luca.
    Una sconfitta non puo’ cancellare quanto di buono fatto sino ad oggi ma ti sottopongo alcune considerazioni.
    Non pensi che anche in questa partita Ferrara abbia ritardato i cambi( ok che Icardi e’ un giovane che deve dimostrare tutto ma ieri serviva alzare il baricentro) ? Anche sull’uno a zero non si muoveva foglia in panchina, l ‘ingresso di Tissone poi non l’ho capito.
    Non pensi che l’atteggiamento tattico sia stato troppo rinunciatario ? Va bene con le grandi ma se ti chiudi col Chievo che ne veniva da 5 sconfitte rimango perplesso.
    Non pensi che mancando Eder, unico raccordo ad oggi tra centrocampo ed attacco (Lopez e’ come non averlo se gioca da solo in mezzo a 4) fosse opportuno cambiare modulo ? Magari un rombo con un vertice basso e uno alto rispettivamente Pedro e Maresca ?
    Poulsen mi ha fatto rimpiangere Castellini.
    Credo anche che l’entusiasmo e i paragoni assurdi con la Samp di Del Neri non abbiano giovato all’ambiente che deve lavorare con umilta’.
    A gennaio bisogna intervenire sugli esterni alti e pure in difesa: se alla Samp manca un titolare sono guai.
    Grazie Luca e scusa se approfitto 🙂

  3. Lollo ha detto:

    Concordo con il post del Capitano ; soprattutto su di un aspetto: 2 punti in 4 partite ( impegnative , certo, ma non trascendentali ) devono fare molto riflettere: ferme restando le qualità del collettivo ( mix di giovani in prospettiva molto forti, e giocatori esperti e quotati; buona propensione al bel gioco, carattere ) stanno emergendo le criticità: rosa troppo risicata, giocatori così così ( a me Berardi ed Estigarribia continuano a non piacere ), mancanza di bocche da fuoco ( Maxi è l’unico, Pozzi è forte ma di cristallo, Eder non è un cecchino ) e una mentalità ancora da plasmare. La sconfitta di Verona parla chiaro: il calcio è fatto di episodi e gli episodi spesso ci condannano, è vero, ma il Chievo veniva da 5 ko di fila bisognava andare a Verona per fare la partita, con piglio e testa e invece non è stato così …

  4. pie ha detto:

    Ciao Luca,

    sabato ho visto la piu’ brutta partita disputata dalla Samp, ma non posso negare che se non ci fosse stato l’ ennesimo errore arbitrale a quest’ ora avremmo un punto in piu’ che avrebbe comunque mosso la classifica.
    Ora capisco perche’ Ferrara non puntava su Poulsen pero’ la totale considerazione su Renan mi lascia perplesso,
    Senza Eder siamo troppo prevedibili mi auguro a gennaio di vedere scambi tra i nostri esuberi a centrocampo con giocatori di fascia.
    grazie

  5. pie ha detto:

    Ciao Luca,

    sabato ho visto la piu’ brutta partita disputata dalla Samp, ma non posso negare che se non ci fosse stato l’ ennesimo errore arbitrale a quest’ ora avremmo un punto in piu’ che avrebbe comunque mosso la classifica.
    Ora capisco perche’ Ferrara non puntava su Poulsen pero’ mi piacerebbe vedere Renan tra gli 11.
    Senza Eder siamo troppo prevedibili mi auguro a gennaio di vedere scambi tra i nostri esuberi a centrocampo con giocatori di fascia.
    grazie

  6. Sandro B ha detto:

    La rosa è complessivamente buona, la campagna acquisti decorosa.
    Però si crea una enorme falla quando vengono a mancare Eder o Esti: in rosa mancano i sostituti. Non solo qualitativamente, anche numericamente!!
    Tanto che, x sopperire a queste eventuali carenze, i sostituti sono Krsticic(un centrocampista), oppure Icardi(una prima punta). Non mi sembra una cosa tanto normale: è come se, assenti Gasta o Rossini, fossimo costretti a schierare un centrocampista!
    Inoltre sembra ormai del tutto evidente come questa squadra non possa prescindere da Eder, l’UNICO con un passo diverso da tutti gli altri. Una corsa ed una progressione, unite ad una buona tecnica, tali da farne un’arma fondamentale x la Samp.
    Ed ieri a Verona, la sua assenza si è davvero sentita…

  7. orlando ha detto:

    2 punti su 12… e secondo voi non c’è da preoccuparsi?

  8. Ivan ha detto:

    Icardi…capitano lo deve fare giocare un po’ di più!
    Ma con Soriano ci sono problemi,o è solo un gioco al rialzo x un eventuale ritocco di contratto?
    Come al solito nn buttiamo via quanto OTTIMO fatto fino a oggi,la classifica la si deve guardare fino ad un certo punto…concordi Pelle??
    Ciao Grande Luca
    Forza Samp!!

  9. PAOLO60 ha detto:

    Un saluto a Luca. Credo che la partita di sabato abbia dimostrato che qualcuno in questa squadra abbia bisogno di un bagnetto di umilta’ , vista la prova scialba e molla specialmente nel primo tempo. Seconda considerazione: possibile che in questa squadra non ci sia mai posto per un giocatore come RENAN che non sara’ uno fenomeno ( ma qui fenomeni non ce ne sono) ma in quanto a grinta e corsa non e’ secondo a nessuno ( io avrei fatto entrare lui e non Soriano che non e’ mai entrato in partita , anzi con il suo passaggio facilissimo sbagliato su Obiang ha innescato l’azione del secondo gol) . Speriamo di riprenderci presto visto che wuesto campionato e’ estremamente equilibrato e si rischia di passare dalle stelle alle stalle in poco tempo. Sempre forza Samp

  10. bisciagoal ha detto:

    Buongiorno Luca
    concordo pienamente con la tua analisi..una sconfitta del genere ci sta tenendo conto che la squadra è molto giovane e mancava di tre giocatori fondamentali : Gastaldello, Eder e aggiungo Poli…sarà un caso ma da quando è assente non abbiamo più vinto.
    Una grande nota di biasimo a Romero, non solo per l’episodio di Verona, ma in genere sull’atteggiamento da “giggione” che tiene costantemente..queste sue “gaffes” non sono casuali ma il frutto del suo narcisismo ( uscite ad un solo pugno stile superman, o due mani come si fa solo a volley, controlli di piede dentro l’area piccola, palloni passati per far ripartire l’azione al difensore marcato e pressato dall’attaccante avversario).
    A mio avviso, se Romero inizia ad essere essenziale nel modo di parare può diventare la nostra arma vincente, al contrario aspettiamoci di perderne altre per suoi errori clamorosi!!
    Il portiere ideale non è quello che ogni tanto para l’imparabile, ma è quello che tutto le domeniche para tuttò ciò che ci si aspetti che pari.

    • MadMick ha detto:

      Concordo in pieno: è un buon portiere ma deve essere più umile e deciso negli interventi!
      Il suo atteggiamento di sufficienza ci era già costato qualche punto l’anno scorso…

  11. MadMick ha detto:

    OK, niente allarmismi…ma Poulsen!?!?

  12. Daniele da Rapallo ha detto:

    Certamente siamo molto Eder dipendenti, più che Gastaldello.
    Purtroppo negli ultimi anni la samp ci ha abituati (anche in annate buone) ad avere sempre gli uomini contanti, con poche riserve all’ altezza, e quindi con la copertina un po corta. Discorsi triti e ritriti, è vero, ma pur sempre reali. Speriamo che a Gennaio si levino delle zavorre e prendano almeno qualcuno per cercare di sostituire Eder che spesso si rompe…..

  13. ROBBYNHO - RIO DE JANEIRO ha detto:

    Ciao Luca, ottimo resoconto anche se su Estigarria sei stato un pò severo tenuto conto che preso per essere un uomo d’attacco ha finito per fare il terzino. Ma la cosa preoccupante è che ho rivisto di nuovo i lanci, chiamiamoli così, della difesa in particolare di Costa alla punta, unica, che non ne prendeva uno. Perchè al secondo o terzo, ne ho contati dodici, il mister non dice adesso basta giochiamo la palla a terra, come abbiamo cercato di fare in altre partite. Grazie e in ogni caso SAMP TE AMO

  14. vincenzo ha detto:

    Al di là degli episodi indubbiamente una prestazione sottotono da analizzare per migliorare.. .
    E’ andata così non cerchiamo alibi, cerchiamo di essere sportivi anche se viviamo in un mondo antisportivo a tutti i livelli.
    I colori rimangono sempre quelli comunque.

    p.s.: ciò non toglie che ieri in Siena Juve é stato veramente vergognoso vedere cosa é stato permesso di fare a Chiellini già ammonito!.

    Forza Sampdoria

  15. robmerl ha detto:

    Dipo la figuraccia di Verona, non varrebbe la pena di provare Renan nel ruolo di terzino (si dice ancora?) sinistro, al posto dell’inguardabile Poulsen? Se non altro è un lottatore? Cosa ne pensi, caro Luca?

  16. jeko ha detto:

    Fermo restando l’errato approccio mentale, mi domando se, in partite contro avversari “modesti” (poca cosa il chievo visto sabato), non possa essere congeniale e di maggior efficacia, l’utilizzo di due attacanti.
    Altra considerazione riguarda il mancato impiego di Renan, utile soprattutto in sostituzione di Eder o per far rifiatare Esti senza modificare l’assetto tattico.

  17. GipoSamp ha detto:

    I punti arrivati in precedenza hanno illuso molti tifosi che non hanno analizzato se questi erano frutto del gioco o di episodi fortuiti. Un goal su calcio d’angolo a Milano, rigore col Toro, papera del portiere a Roma, Maxi che non fallisce le poche palle che gli arrivano (Siena e Pescara) e poi tutti a difendere. L’entusiasmo dei tifosi era tale che il VPV ne era stato coinvolto arrivando a dichiarare che questa squadra gioca meglio di quella del 4° posto. Dimenticando che Cassano e Pazzini facevano divertire e da soli valevano il costo dell’abbonamento. Paglieri su Secolo XIX risponde scrivendo: “Forse un giorno sarà così, ma oggi il paragone suona improponibile”.
    Sicuramente qualche tecnico opinionista ha visto, ma non poteva smorzare gli entusiasmi dei tifosi per non essere tacciato di bibinismo, come lo sarò io. Il mantra che “la squadra è giovane e deve crescere” mi preoccupa, perché dopo la prestazione di ieri e quelle precedenti, ci sarà da remare per raggiungere i 40 punti. Il 4-5-1 di Ferrara è uno schema da timoroso allenatore difensivista che punta tutto sul contropiede e sulle invenzioni di Maxi, Eder e Gasta. Ci sono sempre 8/10 nostri giocatori posizionati nella nostra metà campo, salvo poi perdere l’uomo e farci bucare come panetti di burro. Raramente si arriva al tiro e in confronto ad altre squadre che giocano sull’anticipo, marcano l’uomo mordendogli i garretti, corrono e verticalizzano, molti dei nostri sono dei lenti tanghisti che fanno circolare la palla a centrocampo. Alcuni, poi, per rinforzare la fase difensiva sono impiegati fuori ruolo. Più che il calcio champagne richiesto da Edoardo, mi pare quello di Novellino. Iachini al confronto praticava un calcio da Zeman.

  18. Luca Pavia ha detto:

    Caro Luca,
    innanzitutto benvenuto, avevo già scritto all’inizio ma vi erano problemi nella gestione del blog, pertanto il post è andato perso.
    Concordo al 100 per 100 con quanto affermi, ma ci terrei a fare alcune considerazioni personali.
    Ho atteso qualche giornata per potermi fare un’idea più completa sulla squadra e non sparare giudizi dettati dall’euforia iniziale.
    La squadra c’è, a scanso di qualsiasi fraintendimento. L’allenatore è una persona capace ed intelligente, solo qualche volta eccessivamente timorosa. Per esempio, se al Bentegodi avesse schierato Icardi sin dal primo minuto e avesse inserito Renan o Soriano al posto di uno spento Munari, avrebbe dato proprio l’impressione di volerla vincere, la partita… Se poi al sessantesimo sei ancora in parità, fai sempre in tempo a difendere il pari. Questa partita inoltre ci ha spiegato, semmai ce ne fosse stato bisogno, perchè il buon Ciro non schieri nè Poulsen, nè (imaginiamo) De Silvestri: a questi livelli non sono presentabili. E qui cade il discorso sugli esterni: Berardi sta facendo bene, ero un suo denigratore, mi sto ricredendo. Costa è un terzino adattato, meglio lui di Poulsen, ma sempre adattato è…
    Manca una seconda punta di ruolo, Pozzi è il vice Maxi ed è sempre rotto, Eder non può disputare tutte le partite, anche lui ha problemi fisici.. Icardi è ancora acerbo ed Estigarribia è un ala tattica.
    Penso che Sensibile se ne sia accorto e sicuramente lavorerà in questo senso.
    Piccola postilla su Maresca: è vero che rallenta il gioco, ma contro i clivensi, movimenti là davanti, a dettare la verticalizzazione, non se ne sono visti…
    Quindi, vediamo la prossima partita, sono sicuro che non la sbaglieremo…
    Ciao, grande capitano!

  19. Pippo ha detto:

    A volte mi sembra – e forse sbaglio – che Romero scenda in campo con suffiecienza o troppa sicurezza dei propri mezzi: errore fatale per un professionista.

    Per il resto mi accontenterei di un pareggio a Parma.

  20. Paolo Esbjerg ha detto:

    Ciao Luca! Sono assolutamente d´accordo col tuo giudizio. Una squadra giovane come quella della Samp puo´ incappare in giornate storte e questo assolutamente ci sta visto che lóbiettivo di quest´anno e´ quello di salvarsi con una relativa tranquilita´. Detto questo credo pero´ che la societa´ farebbe meglio a farsi valere nelle sedi opportune per quanto riguarda gli arbitraggi. Io non credo che qualche potere strano possa voler spingere la Samp verso il basso ma adesso pare proprio che tutti gli errori ricadano a nostro sfavore. Quello su Obiang era un fallo da arancione e non e´stato nemmeno fischiato..l´arbitro era a 5 metri..proprio non riesco a capire!

  21. francesco ha detto:

    Ciao Capitano!

    A me Estigarribia non è dispiaciuto, devo essere sincero… Mi ha solo colpito il fatto che il buon Chelo abbia reso molto di più una volta spostato venti metri più indietro al posto di Poulsen (ora capisco perché non giocava mai… Bravo cmq Ferrara a non condannarlo dopo la cappella sul primo gol e a fargli fare quasi tutta la gara).

    Ho la sensazione che, oggi, troppi elementi giochino fuori ruolo.. Ad un certo punto il “tridente” era formato da Munari, Maxi e Soriano… E comunque anche lo stesso Estigarribia mi sembra più avezzo a partire da lontano piuttosto che a fare l’ala pura.
    Mi chiedo se sia corretto insistere sul 4-3-3, almeno fino a gennaio quando -spero- arriveranno esterni d’attacco (almeno un paio, quando non gioca Eder è una tragedia).

    La butto, secondo me, allo stato attuale, un 3-5-2 sarebbe più adatto alla rosa.

    Romero (ricordiamoci che a Roma e Milano ha portato punti..); Berardi, Gasta, Rossini (Costa); De Silvestri, Pedro, Maresca (alla Pirlo), Poli (Munari), Estigarribia (Poulsen); MAxi (Pozzi), Eder (Pozzi).

    I benefici sarebbero:

    – Berardi per me è un terzo di destra, anche di buone prospettive, non un terzino puro ruolo in cui mi pare adattato. Cmq a Verona mi è piaciuto;
    -Estigarribia parte più arretrato, riuscendo magari a portare di più il pallone;
    – Eder torna a fare la seconda punta, ruolo che ha sempre prediletto, facendo l'”interlocutore diretto” di Maxi con cui -mi pare- si trovi benissimo;
    – Pozzi si trova molto più a suo agio in un attacco a due. Le coppie Pozzi-Maxi e Pozzi-Eder mi sembrano ben assortite e molto pericolose entrambe. A far la prima punta del tridente non è granché…
    – Poulsen parte più avanti (dietro non mi sembra una cima);
    – il centrocampo potrebbe attuare più o meno gli stessi meccanismi che si utilizzano nel 4-3-3;
    – usare tre difensori ci permetterebbe di “risparmiare” uno tra Costa e Rossini, mantenedoci un’alternativa di qualità in panchina.

    Che ne pensi Capitano?
    Ciao, grazie e buona settimana!

    Francesco

  22. daddix ha detto:

    Ciao Luca, purtroppo non ho visto la partita e mi fido ciecamente del tuo commento sempre prezioso e lucido.
    Ho visto solo gli highlights e sono rimasto colpito dalla lentezza sul primo goal della nostra difesa e in particolar modo di Poulsen. Spero solo che il danese abbia solo problemi di condizione fisica e non sia un giocatore mediocre, quello che purtoppo temo!
    Sono d’accordo con te Luca, Romero è troppo spesso molto disinvolto e l’errore di Verona lo dimostra in pieno.
    Stimo Ciro Ferrara perchè non cerca mai alibi (alla Mazzarri) e si rimbocca le maniche per rimediare!
    Ora sotto col Parma che è un avversario ostico, soprattutto in casa propria.

  23. francesco ha detto:

    Ah dimenticavo… Anche Kristcic trarebbe giovamento dal cambio di modulo.. Per me è una mezzala, ma potrebbe sostituire Maresca in mezzo, oppure partire dietro le punte in un 3-4-1-2, facile variante del 3-5-2. Ala non si può guardare….

  24. Fabrizio ha detto:

    Verissimo tutto , trovo comunque inconcepibile che giocatori professionisti scendano in campo tutti scarichi. posso capire il singolo o i singoli che beccano la giornata storta ( Romero e Poulsen ), ma che tutti i giocatori giochino al rallentatore non mi stà bene.

  25. francesca ha detto:

    Ciao Luca, hai, come al solito, chiarito benissimo tutti gli aspetti della partita di sabato. Condivido al 100%! Anche per quel che riguarda Ferrara, ho apprezzato moltissimo la sua obiettività, la sua umiltà e il suo buonsenso a non gettare la colpa interamente all’arbitraggio( perchè le responsabilità sono almeno al 65% della squadra!). Dopo qualche minuto di gioco, ho capito subito che la partita sarebbe stata differente dalle altre, si è visto subito che qualcosa non girava come ormai eravamo abituati a vedere. Il centrocampo non mi è piaciuto, ho visto sottotono anche Maresca (nonostante la splendida punizione), e Maxi Lopez troppo solo! E qui ti volevo chiedere… non sarebbe stato opportuno provare a giocare la carta Icardi, magari all’inizio del secondo tempo?

  26. Marco - Verona ha detto:

    Hai detto quasi tutto quello che c’era da dire s questa partita. Un piccolo appunto su Ferrara: perché non schiera mai Renan? Forse qualcosa si poteva fare per raddrizzare la partita, ma i cambi secondo me non sono stati adeguati. Tu cosa ne pensi?

    • Luca Pellegrini ha detto:

      su Renan non sei l’unico Marco, io credo che se Ferrara l’ha accantonato un motivo c’è. sui cambi non credo, con l’approccio sbagliato neppure maradona avrebbe riadrizzato il match

  27. Lidia Paola ha detto:

    Che sberla! Corini non ha scoperto l’acqua calda, ha semplicemente battuto la Samp dando alla sua squadra le peculiarita’ che fino a sabato avevano contraddistinto il gioco della nostra squadra: velocita’, cattiveria agonistica, pressing asfissiante.
    La Samp, con un centrocampo di qualita’ ma intasato non riesce a fornire all’ingabbiato e solitario Maxi Lopex palle utili, Estigarribia corre, si impegna ma sempre poco efficace e mai determinante. Reparto offensivo pressoche’ inesistente, l’assenza di Eder scavo un vuoto simile ad un cratere.
    Aveva ragione Arnuzzo a chiedere al vice presidente, reiteratamente, una figura gemella ad Eder, con le identiche caratteristiche per il mercato di gennaio.
    Sui due goal, che mi hanno fatto un po’ vergognare, c’e’ da fare sopra alcune riflessioni: il primo goal di Thereau (?) (non stiamo parlando di Ibra) si beve l’esordiente Poulsen e procede bello bello verso Romero indisturbato: un goal cosi’ l’ho visto fare al Serra Ricco’. Sul secondo… che dire! Romero ha la testa altrove. La dinamica ti dimostra come il portiere sia poco concentrato e non e’ la prima volta. Da prendere in considerazione questo aspetto perche’ l’essere il portiere della Nazionale Argentina non giustifica fiducia ad oltranza. Mi faccio il segno della croce tutte le volte che non blocca il pallone e gli rimbalza davanti. Mi chiedo se gli interessa davvero giocare nella Samp….
    Questo stop e’ salutare. Permettera’ a Ferrara, apparso deluso ma capace di resettare tutto, di lavorare sulla tenuta del gruppo perche’ il Chievo insegna alle altre squadre, come affrontarci. E poi, facciamo giocare il ragazzino: vederlo entrare al 43’ mi ha fatto infuriare!
    Sugli errori arbitrali non commento. Il fallo su Obiang indiscutibile ma la Sampdoria e’ stata brutta dal primo minuto all’ultimo contro un Chievo veramente modesto ma che ci ha creduto dimostrando, purtroppo, che per costruire un bell’edificio ci vogliono fondamenta robuste.

  28. albe ha detto:

    Ciao! concordo con quanto da te detto precedentemente..Comunque noi tifosi siamo bruciati dall’acqua calda e abbiamo paura anche della fredda adesso..Ci sta tutto nel calcio..Ma attenzione..Dura ripartire dopo due sconfitte consecutive maturate per motivi diversi .con la sosta nazionale..Mi auguro che il mister faccia un bel lavoro coi i calciatori e che li rimetta in sesto e pronti a dare il massimo sempre!!

  29. tytty ha detto:

    ciao luca in tanto complimenti per essere entrato a far parte di primocanale.. poi spero proprio che la partita fatta con il chievo sia l’unica. bruttissima…. xò è anke vero che a noi gli arbitri ci fanno sempre torti. speriamo finisca questa storia!!
    senti poi ti volevo chiedere una informazione sicuramente tu lo sai..
    io sono abbonata a premium mi sai dire xkè quest’anno le partite fuori casa nn le fanno vedere? ti ringrazio e ti mando un grosso bacione con simpatia tytty

  30. massimo ha detto:

    secondo te luca un bel 3-5-2 no?
    con estigarribia portato nel suo ruolo naturale di esterno sinisto perchè mi sembra che quando parte troppo avanti faccia un po fatica…
    in piu secondo me anche eder si troverebbe meglio a fare la punta al fianco di maxi.
    Grazie ciao

  31. dani63 ha detto:

    Intanto un caloroso saluto al Capitano e a tutti gli amici del Blog.
    Sabato sera l’unica cosa positiva è che mi sono risparmiato il viaggio fino a Verona. Evidentemente mi sono perso uno spettacolo a dir poco sconcertante. Di partite giocate male dalla Samp ne ho viste tante anche ai tuoi tempi con Boskov e i gemelli la davanti è capitato, può succedere, l’importante è analizzare il perchè e trovare soluzioni perchè non succedano più. Adesso sarebbe fin troppo facile dare la colpa a Romero, il quale sarà il piu incazzato di tutti per la sua colossale papera, le motivazioni in vece di questa sconfitta nascono dall’incapacità di Ferrara di gestire certe situazioni. Lo vedo troppo conservativo, incapace di rischiare qualcosa, sempre e solo preoccupato di gestire gli equilibri che evidentemente stanno solo nella sua testa. Quando si va a giocare contro una squadra in profonda crisi di risultati, quasi alla disperazione, e si approccia la partita cercando di non perderla, spesso si finisce con il perderla sul serio. Quella di ieri era una squadra lenta senza idee e senza carattere, è vero che mancava Eder che è l’unico insieme a Estigarribia a dare velocità, ma se mandi in campo una formazione spuntata dai gia un vantaggio al chievo di preoccuparsi meno di dietro e di concentrarsi di piu sulla fase d’attacco.Squadra lenta dicevo prima e Ferrara che fa? Fa entrare Tissone che non è mai stato famoso per la velocita di manovra, e siccome in campo cera gia uno che camminava, mi riferisco a Munari, mi vien da pensare che forse Ferrara sia un po confuso.Il probblema vero è che purtroppo non abbiamo tanti giocatori con queste caratteristiche per cui bisognerebbe giocare comunque con due punte la davanti per cercare di dare un minimo di profondita. Altra cosa che non capisco è perchè si ostina a far giocare Krssticic o come cavolo scrive, in quel ruolo che è evidente a tutti che non è il suo. Fortuna che ora ci sono due settimane per recuperare sperando sempre che nel frattempo non venga il raffreddore a qualcuno la davanti se no stiamo freschi
    Ciao a tutti Danilo

  32. pier58 ha detto:

    Prima delusione di questo campionato. Non tanto per la sconfitta, anche se dispiace, ma per la prestazione. Squadra involuta e senza la solita grinta che ha caratterizzato la Samp fino a questo momento. La partita di sabato poteva essere lo spartiacque per capire quale fosse la vera Samp. Secondo me non è nè quella delle prime giornate, nè quella di sabato. E’ una discreta squadra al completo di tutti i suoi effettivi che deve lottare su ogni pallone. Certo se manca qualche titolare (e sabato ne mancavano Gastaldello, Eder e Poli) allora ti accorgi che la coperta è cortina. Però sentendo in Presidente Edoardo Garrone l’altra sera nella vostra trasmissione sono sicuro che a gennaio interverrà. Avevi ragione tu caro Luca Estigarribia è forse più adatto al 4-4-2 e l’altra sera è andato forse meglio da terzino andandosi a guadagnare parecchi falli in fase propositiva. Un caro saluto e grazie della tua cortesia e disponibilità a rispondere ai nostri messaggi.

  33. ste ha detto:

    Ciao capitano, solita perfetta disamina.
    Anche io ho fiducia in Ferrara e spero e credo che ricompatterà la squadra per fare almeno 4 punti tra Parma e Cagliari in casa.
    Come ce ne rendiamo conto noi tifosi, lo sa benissimo la dirigenza dove la coperta è corta.
    E appunto parlando di esterni d’attacco, l’unica cosa chemi lascia perplesso è proprio questa. Hai due esterni (di cui unoEder è adattato) che devono coprire una marea dimetri di campo per accorciare sulla punta.Succede sia in casa che, a maggior ragione fuori. Peraltro sono contati.
    Quel discorso del 4-5-1 insomma.
    Cosa si potrebbe fare per porvi rimedio?
    Sono lontani anni luce dalla porta, troppo. E devono fare 90 minuti. In caso contrario, la squadra viene snaturata nel modo di attaccare. E questo è successo in tutte le partite perchè reggere 90 minuti a quel ritmo con tutto quel campo da coprire è dura e le sostituzioni sono naturali…. Arrivare a Gennaio è lunga.. ci potremmo purtroppo privare di quei 4-5 punti che ci permetterebbero di fare un campionato da parte sinistra dellaclassifica…

  34. Claudio ha detto:

    Il Chievo aveva appena cambiato l’allenatore e veniva da una lunga serie di sconfitte: c’era da aspettarsi una partita complicata contro un avversario motivatissimo. La sconfitta di per sè non è certo un dramma. La cosa più preoccupante è che nelle ultime 4 partite, dei tre gol segnati, due sono venuti da calcio piazzato e uno è stato un gentile omaggio del portiere della Roma. In fase offensiva bisogna fare sicuramente di più: un attaccante forte come Maxi Lopez deve essere sfruttato meglio

  35. mario ha detto:

    Ciao Luca
    I tuoi commenti sono sempre improntati all’oggettività degni di un grande campione,quale sei stato. Ferrara sta plasmando i giovani che gli sono stati affidati in ottimo modo dal punto di vista agonistico, non vorrei che però qualcuno si fosse montato la testa per i troppi complimenti (gara di Verona docet), e quindi pensare che la serie A sia una passeggiata,ma in ogni partita occorre per dirla alla Boskov “occhi di tigre” qualunque sia l’avversario,poi naturalmente ci pensano gli arbitri a dirigere bene ” le loro partite” e questo è da mettere in preventivo purtroppo,ma la squadra a mio avviso deve sempre dare il massimo,e qui condivido l’opinione di quanti hanno ritenuto il comportamento del nostro portiere un po’ “gigionesco” . Per quanto riguarda il gioco non vedo cross dal fondo,forse la davanti ci manca un buon colpitore di testa, tu che ne pensi?
    un cordiale Saluto.

  36. rosario ha detto:

    maggio 1991,fezzano,la spezia-cena col samp club la spezia,ospiti lei e giovanni invernizzi—altri tempi,godurie calcistiche che forse mai riproveremo—venendo a oggi,non crede che romero migliorera’ il suo distratto rendimento quando avra’ la concorrenza(anche se debole) di dacosta?e’ troppo sicuro della titolarita’…la ringrazio e solo per info io ero quello che alla suddetta cena gridavo : NO ALLO SLAVO,VOGLIAMO IL CAPITANO….. 🙂

  37. Vasc80 ha detto:

    Ho visto le immagini dagli spogliatoi del Chievo e poi quelle dal nostro…nel primo caso ho visto delle facce pronte a lottare,nel secondo sembrava un postpartita.

  38. alessandro ha detto:

    Speriamo che IACHINI non firmi per nessuno perchè entro NATALE ho paura che possa esserci bisogno di Lui….FERRARA è privo di idee offensive Lui gioca ala Scoglio ma i 2 punti non ci sono più… gioca praticamente un 4.5 1
    il CHIEVO è una squadra mediocre e non abbiamo avuto il coraggio di fare la partita…poi un allenatore che sà leggere una partita non può lasciare in campo per un ora un MARZIANO come POULSEN ora capisco perchè è arrivato a parametro zero la Samp dovrebbe avere il coraggio di giocare un 4-3-1-2- con Tissone o Palombo davanti alla difesa e Maresca dietro le punte anche perchè credo dei centrocampisti che abbiamo sia l’unico che vede la porta e non possiamo neanche sperare che a segnare siano sempre le punte…chiedo al Dott. Pellegrini ex capitano della Samp cosa ne pensa…GRAZIE Saluti Alessandro

  39. Ale ha detto:

    Luca: io col Parma giocherei così
    3-5-2
    Romero
    Berardi Rossini Costa
    De Silvestri Obiang Maresca Renan Estigarribia
    Maxi Eder.

    Berardi secondo me ,anche se non sia il ruolo prediletto, , potrebbe fare il difensore destro nella difesa a 3; mentre per Costa a sinistra si tratterebbe del suo ruolo naturale.
    Poi penso sia giunto il momento di De Silvestri.., la Samp ha bisogno della freschezza ed della sua corsa.
    Estigarribia secondo me può essere devastante se parte da dietro ma non come terzino in una difesa 4 ma esterno sinistro in un centrocampo a 5, come lo utilizzava un certo Conte l’anno scorso.
    2 esterni in grado di coprire tutta la fascia come De Silvestri ed Estigarribia poche squadre li hanno.,. (Il Milan schiera Antonini e De Sciglio; la Roma Taddei o Piris e Balzaretti; l’ Inter Nagatomo e Zanetti).. Quindi secondo il mio modesto parere dobbiamo far crescere questi giocatori; che lo possono fare solo giocando con continuità e non fuori ruolo.

    Cosa ne pensi Capitano?

    • Luca Pellegrini ha detto:

      caro ale, il 3-5-2 personalmente non mi convince e credo non convinca neppure Ferrara. poi sarebbe speculare al Parma e con Berardi non adatto a ricoprire quel ruolo

  40. Daniele da Rapallo ha detto:

    Diamo tempo a Poulsen..

  41. iidoro ha detto:

    Votiamo la squadra più merdosa del campionato: Inizio io, il CHIEVO

  42. ambarabaciccicoco ha detto:

    stavo pensando ….ma come mai nn ci sono ancora i corvi in giro? E’ bastata una brutta prestazione e finalmente eccoli qui… magari solo per allontanare la mente dai grossi guai in cui versa il tremebondo bibino che senza il furto con scasso di roma sarebbe giàimpantanato nella ricorsa alla salvezza… E’ semplicemente andata male anche perchè mancavano tre /quattro titolari ( Eder Gasta Poli e Pozzi ) ed era la prima in assoluto di Poulsen ancora nn completamente entrato negli schemi… Forse anche sabato abbiamo avuto un trattamento di tutto riguardo (al negativo) da parte delll’arbitro ma nn iimporta… Forse l’abbiamo presa (romero in primis9 un po sottogamba e nn è nè bello nè giusto ma ci sta… e siccome è la prima volta dopo dieci partite ufficiali giocate ( si perchè lo Schalke e il Barcellona come la Juve stabia sono state gare ufficiali ) io mi accontenetrei d questo trend per questa stagione… Se se ne sbaglia una ogni dieci si va ben oltre ai traguardi prefissati…Io consiglio a tutti ( compresi quelli che da gennaio dell’anno scorso hanno cambiato anche modo di esprimersi qui pur di arrivare a far festa a Piazzale kennedy o a casa) di fidarsi della Società dell’Allenatore e della Squadra… I nostri fino alla fine della stagione almeno sono più forti di tutto e di tutti… Forza magica Samp111111111

  43. Paolo1966 ha detto:

    Facendo il buonista posso dire che una giornata storta puo’ capitare a tutte le squadre, specialmente ad una giovane e specialmente ad una con formazione rimaneggiata. Vero e’ che se in qualsiasi campionato non giochi con la bava alla bocca fai poca strada.
    Purtroppo la prima giornata storta nostra ha coinciso con la quarta consecutiva di chi ci ha arbitrato.
    A Parma, dove spesso abbiamo buscato, bisognera’ reagire anche se non sara’ facile.
    L’idea del 3 5 2 (di moda in questo periodo) era gia’ venuta anche a me, ma il sentore di Luca e’ che Ferrara non lo veda granche’ come modulo

  44. Renato Birsa ha detto:

    Prestazione davvero brutta,sinceramente(infortunio di Romero a parte) il pareggio non era meritato…Sorrentino non ha fatto una paratadegna di questo nome.
    Ferrara deve capire che un Maxi cosi’ isolato e’ assolutamente sprecato e regalato all’avversario…a Verona serviva un atteggiamento meno pavido,3 punti persi con il chievo e 2 con il Toro devono allarmare…sono dirette concorrenti.
    Sergio Romero deve capire che la concentrazione deve essere Massima sempre..sia che giochi in un piccolo stadio che in uno enorme..lui si concentra nelle grandi partite e nei grandi palcoscenici…in provincia si perde e si comporta con troppa disinvoltura.
    Angelo Peruzzi(ce e’ stato un grande portiere) gli parli e lo aiuti a trovare l’equilibrio.
    Se Estigarribia continua cosi’..a gennaio bisogna sostituirlo e pensare seriamente ad un’altro attaccante perche’ Pozzi(bravissimo) e’ molto fragile e non da’ garanzie di tenuta fisica.
    Cosa ne pensi Luca di questa mia disamina?

    • Luca Pellegrini ha detto:

      ciao renato, concordo in quasi tutto anche se in generale sarei meno pessimista. non scorderei in un’analisi complessiva i tanti torti arbitrali subiti. sarebbero punti in più, non bel gioco né spettacolo questo sì ma i punti la samp li avrebbe

  45. fabiosamp ha detto:

    Intanto un saluto a biscia,d’accordissimo con te su Romero.
    Per quanto riguarda la partita è stata francamente brutta troppo brutta.
    Certo si puo dire che sul campo abbiamo conquistato 11 punti e saremmo quindi quinti a questo punto del campionato e dunque tutto alla grande.
    Però purtroppo dopo l’avvio alla grande sta venendo fuori qualche magagna…
    1) la coperta risulta corta soprattutto nei centrali di difesa e negli esterni d’attacco
    2)sui terzini de silvestri non lo abbiamo ancora visto e penso che a questo punto ci siano serie motivazioni mentre poulsen se è quello di sabato aiuto ma spero proprio di no quindi il problema si pone anche in questi due ruoli
    3)su ferrara avevo detto che avrei aspettato qualche partita per dare un giudizio tecnico e credo di poter dire che ha commesso degli errori visto che si ostina a schierare il 433(o 451?) pur non avendo i giusti interpreti e nonostante i primi nove punti che avrebbero dovuto darci tranquillita ha schierato ultimamente formazioni troppo bloccate sbagliando secondo me anche i cambi(vedi tissone sabato).Questo a me non piace perchè nel calcio di oggi se giochi con 9 uomini che poco sanno offendere è dura fare risultati soprattutto con squadre inferiori sulla carta.
    4)un capitolo a parte per icardi perchè quando uno è la terza punta di una squadra e non gioca quando mancano le prime due sorge un problema a questo punto lo si poteva mandare a maturare in serie b invece di tenerlo li a fare 5 minuti anche quando siamo spuntatissimi.Non è certo un fenomeno ma perlomeno a verona si poteva mettere di fianco a maxi se non altro si sarebbero divisi le botte.
    In conclusione credo che ferrara debba all’occorrenza saper cambiare modulo,che la società debba a gennaio rimpolpare un po la rosa nei ruoli dove siamo carenti,non si pretendono top player ma giocatori almeno in grado di sostituire i titolari.
    Ritornando alla premessa la classifica per ora ci sorride quindi si ha tutto il tempo per fare i giusti accorgimenti per non ripetere partite come quella di sabato.
    Un saluto al capitano e FORZA SAMPDORIA

  46. GRIGNA ha detto:

    D,accordissimo sulla tua analisi della partita e sulla autocritica di Ferrara
    avrei pero visto volentieri un paio di cambi prima per dare un senso alla
    partita vedi renan x munari e Icardi X Poulsen
    cercando di dimenticare la papera di Romero ricordando cosa a salvato a Roma e Milano ultima cosa hai visto Allegri nel derby con l,arbitro non merita di essere squalificato come Lopez
    certi striscioni visti a milano su Cassano non meritano una sanzione x il Milan

  47. carlo 66 ha detto:

    ciao capitano ho una domanda secca da farti,quando, manca eder in trasferta non può giocare desilvestri davanti a berardi?per lo meno lui è uomo di fascia e sa spingere + di kristicic ,finchè la società non provvederà a comprare un esterno alto.grazie per la risposta.un saluto da pontex

  48. cinzia ha detto:

    ciao luca,anche se nel complesso sono contenta della squadra noto dei limiti strutturali: in attacco l’unico che vede la porta è maxi,gli altr due se segnano è un evento,a centrocampo l’unico che segna è maresca, ogni tanto segnano i difensori.fortunatamente, e romero si distrae troppo spesso.tutto questo è preoccupante,la classifica è corta e si fa presto a trovarsi in difficoltà.cinzia.salutoni.

  49. Federico ha detto:

    Giocato male e meritato di perdere. Anche se il Chievo non è che abbia dominato, almeno ci ha messo voglia e grinta. Purtroppo abbiamo capito come mai poulsen non ha ancora giocato e penso che in questa occasione anche Ferrara abbia messo del suo. Maxi Lopez è stato troppo abbandonato in mezzo ad almeno tre difensori …. troppo attendisti troppo poco movimento senza palla. Eder da più imprevedibilità davanti perche punta sempre l’uomo e anche se non segna molto crea spazi per chi arriva da dietro.. non si può chiedere a Kristicic e a Soriano di fare le stesse cose. Se poi ci aggiungiamo la scarsa vena di Estigarribbia ecco che il conto torna. Speriamo per la prossima.. Ciao a tutti

  50. Stefano_1970 ha detto:

    Caro Luca,

    diciamo che dopo 7 partite si può inquadrare meglio la squadra, sia dal punto di vista del gioco che degli uomini.
    Ferrara gioca con un 4-5-1 che in fase offensiva, lentamente, si trasforma in un 4-3-3. Chi gioca sugli esterni d’attacco sono, salvo infortuni o squalifiche, Eder ed Estigarribia. Il primo partendo largo non incide ed accentua ancor di più
    la sua nota sterilità, mentre il secondo corre, corre, ma cross o palle in mezzo non ne mette. QUalità dalle eventuali sovrapposizioni non ce n’è. Sia la catena Berardi (o De Silvestri) – Munari (o Soriano) a destra che quella a sinistra formata da Costa (o Castellini o Poulsen) e Nenad (o Obiang) non sono utili alla causa. Obiang il piede lo avrebbe, ma attenzione che in fase offensiva ha il compito di accentrarsi fino a ricoprire quasi la posizione più avanzata di un tringolo composto da Maresca vertice basso, Munari, leggermente più avanzato sulla destra e Pedro. Dalla fase difensiva o
    usciamo con un lancio lungo (Maxi contro due, scontro fisico perchè Maxi non ha velocità e quindi gioco in profondità) oppure proviamo a lavorare sulle catene degli esterni, ma troppo lentamente (e questo non da ieri, ma dalla prima di campionato) con la difesa ed il centrocampo avversari che si sono già compattati. Inoltre non creiamo densità in area. Quando va bene ci sono due giocatori. Qualcosa è cambiato quando c’è stato Eder al posto di Maxi perchè con la sua velocità attaccava gli spazi e metteva in difficoltà le difese. Da notare comunque che nei suoi contropiede agiva praticamente da solo perchè la squadra ripartiva da una posizione schiacciata (10 dietro alla linea della palla) e gli uomini a disposizione della rosa sono tutti molto lenti. Questo è quanto concerne il gioco, ora passiamo a come è stata costruita la squadra. Sensibile dopo 3 sessioni di calciomercato è riuscito a disfarsi (pro tempore in alcuni casi, a titolo definitivo in altri) di alcuni monumentali “pacchi” ereditati (ma anche farina del suo sacco). Serviva un faro a centrocampo e Maresca, benchè lento e macchinoso nelle giocate (non gli ho ancora visto un
    passaggio di prima), ha portato geometria ed esperienza. Gli altri centrocampisti non sono dei fulmini di guerra. Munari, Nenad, Obiang, Tissone, Renan, etc. hanno altre doti. L’unico che ha un minimo di accellerazione e doti fisiche per proporsi anche sotto rete è Soriano. Se il cambio di velocità non lo crei a centrocampo devi per
    forza crearlo in attacco, ma abbian già visto che per disposizione in campo e rosa questo è molto difficile. Insomma, per un 4-3-3, probabilmente occorrevano ed occorrono almeno una paio di giocatori (un esterno di attacco ed uno di centrocampo) in grado di offrire quel cambio di marcia che attualmente manca.
    Per quanto concerne la difesa lo scorso anno si diceva, e concordavo, che il punto debole o meglio palesemente più debole era rappresentato dai due esterni, Rispoli e Costa. Berardi, in quando giocatore da nazionale dilettanti veniva unicamente menzionato, ironicamente, come uno dei grandi colpi di mercato di Sensibile. In effetti dopo poche apparizioni Iachini lo aveva messo in disparte. Tanta grinta, ma piede quadrato e tendenza a fare tonnellate di falli. La scorsa estate per rinforzare la squadra sono stati acquistati due giocatori, uno fuori dal progetto del neo
    allenatore (MOntella) e l’altro praticamente svincolato e proveniente da un campionato di livello risibile e da una squadra che già ci aveva “regalato” alcuni “campioni” del calibro di Romero e Pellè. Ora qui nessuno si aspetta Dani Alves, Maicon, Marcelo, Angloma, Babayaro, etc. tanto per fare dei nomi di giocatori degli ultimi 20 anni, ma altrettanto non ci si aspetta che qualcuno dissipi le risorse economiche a disposizione acquistando dei graziosi soprammobili quando alla Società occorrono giocatori di calcio. Se De Silvestri e Poulsen (davvero scandaloso per impegno, grinta e piede) fanno fatica a prendere il posto a due giocatori, Berardi (riserva di Rispoli nello scorso campionato) e Costa (che in B non ha dato nessuna garanzia e che in A colleziona solo falli e cartellini), qualcosa non va o a livello di conoscenza del mercato o capacità da parte del responsabile oppure il budget a
    disposizione non gli permette operazioni di livello qualitativamente superiore. In entrambi i casi “sbaglia” il vertice alto della Società. Sul portiere potremmo parlare per ore ed ore. Se veniva preso Manninger e non Berni probabilmente Romero avrebbe fatto il secondo per tutto il campionato, ma qualcuno in Società è ancora convinto che questo sia un giocatore che possa essere valorizzato ed ottenerne un valore aggiunto. QUesta estate non mi risulta che qualcuno si sia fatto avanti…e il giocatore costa circa 3 milioni cioè non una cifra impossibile nemmeno per la serie B… guardate quanto sono stati pagati i ben più anonimi Frison e compagnia bella… un motivo pur ci sarà! Le due “pere” prese ieri sono state tutta farina del suo sacco.
    Sul primo goal il solito rinvio di piede rasoterra (o quasi) che dall’inizio del campionato (ma anche lo scorso) ha creato non pochi grattacapi mentre il secondo è stato uno dei tanti e già visti “momenti cabaret” che probabilmente divertiranno moltissimo giocatori e tifosi avversari.

    Sia chiaro che non c’è da fare del disfattismo. Da neo promossa la squadra ha il solo compito di salvarsi prima possibile. Chiaro che con un attacco sterile come quello attuale è più facile fare 1 punto alla volta che 3 in un sol colpo, ma qualche vittoria arriverà sicuramente. Poi c’è la finestra di calciomercato a Gennaio che può dare impulso alla squadra. Giocatori cedibili dai quali recuperare risorse (derivanti da un ridotto monte ingggi perchè i giocatori li per se stessi non valgono nulla o perlomeno portano tutti a minusvalenze) ci sono. Faccio i nomi di Munari, Renan (che purtroppo non è stato provato nemmeno una volta nel ruolo di terzino sinistro
    dove secondo me qualcosa poteva dire, certo non faceva peggio di Costa…), Palombo, Castellini…e forse mi dimentico di qualche altro paracarro, ma il senso si è capito.

    • Pino ha detto:

      Ottima disamina. Sono sostanialmente d’accordo. E sono convinto che se avessimo Da Costa (purtroppo ora in “Purgatorio”) la Squadra avrebbe qualche punto di più. Romero sara anche il portiere della Naz. Argentina, ma il suo carattere un pò troppo Guascone (si dice così, vero?) ci porta ad avere delle difficoltà gratuite. Inutile che mi fai il fenomeno su alcuni tiri (col beneficio d’inventario, se così si può dire, che altri avrebbero fatto altrettanto) se poi per faciloneria mi fai dei lanci pressapochisti che impegnano i compagni a a faticosi recuperi.
      Forza S.D. comunque e sempre.

      • Stefano_1970 ha detto:

        Sul fatto che con Da Costa al posto di Romero si potessero avere punti in più o in meno non ci sarà mai risposta. Di fatto dall’inizio del campionato Romero ha fatto due parate…il resto erano tiri fiacchi e pressochè centrali (che comunque in alcuni casi è riuscito a trasformare in pericoli). Il problema di questo portiere è generale. In ogni caso la Società crede di poterlo valorizzare e magari registrare una plusvalenza. A me sembra una chimera…ma quando scrivevo che alla fine Poli per quella cifra li (7 milioni) non sarebbe mai partito perchè un giocatore simile non ne vale la metà mi davano del matto… Per il momento il mercato ha dato ragione a me… vediamo a Gennaio la fila degli acquirenti disposti ad investire un un “talento” che si rompe ogni tre per due e che fa fatica a gestire 90 minuti….

    • Gino50 ha detto:

      Ottima analisi dalla quale emergono i punti critici che i soliti talebani del tifo sul blog, pochi per fortuna, non vedono. La lentezza della manovra da te evidenziata è dovuta agli schemi dell’ultra difensivista Ferrara, ma anche dalla lentezza congenita dei nostri centrocampisti e difensori, che venendo anticipati o saltati debbono ricorrere sovente al fallo e sono causa dei goal che subiamo. (Costa in primis più altri). Tolto Gastaldello e Berardi, quest’ultimo portato al fallo per motivi oppostì ovvero per la sua irruenza, gli altri sono lenti e macchinosi. Sono d’accordo con Garrone circa i programmi della Società, ad eccezione delle lodi a Sensibile per il quale il mio giudizio come DS rimane negativo. La squadra che ha messo assieme è a livello di piccola provincia. Disfarsi delle zavorre regalandole e/o pagandogli parte dell’ingaggio sarebbe stato capace qualunque tuttofare delle serie inferiori. Inoltre se ha insistito con Garrone per disfarsi di Iachini mi sarei aspettato un allenatore che desse un gioco che potesse divertire, e non uno che schiera dieci giocatori dietro la linea della palla.

    • Luca Pellegrini ha detto:

      caro stefano, hai detto tutto e in tutto o quasi mi trovi d’accordo. un saluto

  51. mary ha detto:

    Ciao Luca, ottima analisi della partita. Per la prima volt abbiamo giocato poco convinti e siamo stati puniti da un Chievo probabilmente galvanizzato anche dal cambio di allenatore. Ferrara deve motivare nuovamente il gruppo perchè quanto mostrato a inizio del campionato non può già essere perduto. Romero purtroppo alterna grandissime parate a errori mostruosi, ma spero che anche con l’aiuto di Peruzzi possa maturare. Adesso dopo la sosta affrontiamo il Parma sempre senza Gasta però spero con la determinazione di fare bene ed iniziare di nuovo una striscia positiva.

  52. PanzerBlucerchiato ha detto:

    Ciao Capitano,
    vado controcorrente e da Verona torno con un bicchiere mezzo pieno.
    Al netto della papera di Romero saremmo tornati a casa con un punto contro una squadra modesta ma che si giocava già molto per invertire un campionato decisamente in salita. I nostri giovani, in una partita oggettivamente giocata male dalla squadra, non si sono persi alla prima difficoltà e hanno cercato di tenere il pallino del gioco, mostrando una buona prova di carattere. Da neopromossi salvarci (possibilmente senza troppi patemi), veder maturare i nostri giovani talenti ed asfaltare i bibini è tutto quello che chiedo alla nostra Samp e finora sono stato accontentato…vedremo a novembre.
    Let’s go marine!

  53. ivano ha detto:

    Questa squadra ha evidenti lacune di organico.Trovo assurdo giocare un 4-3-3 con i mediani che giocano sull’esterno.

  54. amico cicciosestri ha detto:

    ricordo a tutti coloro che adesso, come al solito, spuntano come funghi per criticare Romero(che ora e’ diventato sborone, arrogante, presuntuoso….)che se nei primi sei mesi del campionato scorso non ci metteva una pezza piu’ e piu’ volte per rimediare alla scarsa voglia e alla grammezza dei suoi compagni di squadra (palombo in primis) non avremmo mai raggiunto i play off…inoltre ricordo che questo “GRAMMONE” di portiere ogni tanto torna in patria per giocare con Messi, Tevez, Di maria, Higuain….contro gente come Falcao, Neymar, Pizarro, ecc,ecc….

    A volte ci vorrebbe un po’ piu’ di calma nel tranciare giudizi: Milano super parata su yepes, su boateng e robinho; con siena e napoli per 1 millimetro non para i rigori di Calaio’ e Cavani; a Roma super parata su Balzaretti al 90° e parate e uscite in serie su Destro e Lamela….addirittura qui c’e’ gente che dice che con Manninger starebbe in panca!!!

    • ahfone ha detto:

      che ci vuoi fare? qui ci sono ancora vedove di cassano e palombo, gente che gufava per non tornare in a…

      • Paolo1968 ha detto:

        Sono d’accordo con voi, ma con l’arrivo del Capitano potremmo fare tutti uno sforzo di voltare pagina o no….. oppure continuiamo con le tiritere degli anni scorsi?
        Perlomeno non ci sarò più nessuno ad accusare il moderatore di essere interista…

        Per il resto io credo che davanti la coperta sia semplicemente corta. E credo pure che, con una squadra giovanissima, se vogliamo risultati dobbiamo mantenere un’atmosfera ultrapositiva ed entusiasta. In caso contrario, seppur bravi, rischiano di perdersi durante gli inevitabili periodi bui.

  55. fabri ha detto:

    Feerrara dovrebbe però capire che quando non hai Eder disponibile non puoi giocare con i MEDIANI sulla fascia. Krsticic, Soriano, Munari… il prossimo chi sarà?
    E’ inguardabile una squadra con 5 MEDIANI CENTRALI in linea con nel 2° tempo di Chievo.
    Non è possibile un ritorno al 4-3-1-2 di Iachini o il passaggio (secondo me arriveremo a questo) al 3-5-2 con De Silvestri ed Estigarribia sulle fasce, Rossini (o Berardi), Gasta e Costa centrali, Poli (Munari), Maresca (Krsticic) e Obiang o Renan (a proposito, cosa ha fatto a Ferrara il brasiliano per non essere preso MAI in considerazione???) a centrocampo, davanti Maxi-Eder con Pozzi ed Icardi riserve. Non sarebbe la soluzione migliore, Luca?

  56. fabrizio perfumo ha detto:

    Qualche osservazione e domanda per il Capitano. A Verona la squadra ha sbagliato l’atteggiamento – è sembrata scarica, pigra, lenta, priva di furore – e da qui discende tutto il resto. Però credo che impostazione tattica e uomini impiegati possano incidere anche sull’atteggiamento. Condividendo molto di quanto dice Stefano 1970, aggiungo che mi preoccupa un allenatore che sa giocare in un solo modo, quando questo modo pretende due esterni che non hanno alternative. In secondo luogo: continuare ad adattare sull’esterno giocatori centrali ( Kristicic) mi sembra più perverso rispetto a mettere giù un modulo che si adatti meglio alle caratteristiche di chi a disposizione.Ancora : lasciare per sette partite fuori dai giochi De Silvestri e Renan mi sembra delittuoso: non sono fenomeni ma potevano dare qualcosa. Renan, per es., è molto abile nel battere i corner e mi pare ne abbiamo bisogno – un disatro i corner di domenica – oltre ad essere più dinamico ( un pò di più) di Munari. De Silvestri è un giocatore di fascia e forse può occuparla anche un pò più avanti piuttosto che indietro e sarebbe un miglior compromesso rispetto ad adattare sulla fascia o in prossimità un centrale. tenerli fuori così a lungo potrebbe significare perderli, perchè non si sentono mai considerati.A mio modo di vedere servirebbe, per gennaio, anche un centrale difensivo. Quando manca Gasta si vede molto, troppo. Romero: ha già fatto cazzate di queste genere, spesso sfoggia una presunzione che è, insieme, la sua forza e la sua debolezza. Ma domenica ci ha fatto perdere un punto e , sopratutto ne ha regalati due al Chievo che era e poteva restare morto. Una colpa molto grave anche perchè figlia di questa presunzione: qualcuno dovrebbe svegliarlo un pò. Se fosse già disponibile Da Costa lo farei giocare e farei accomodare in panchina questo gaucho che deve imparare l’umiltà ( chissà che avrà pensato Peruzzi quando ha visto quella papera!).Davanti: se manca Eder sono dolori e lui di botte ne prende tante ed è soggetto, quindi, ad infortuni.Bisogna pensare a qualcosa per ovviare e e per non lasciare Maxi isolatissimo. Da Ferrara mi attendo più creatività e la capacità di cambiare modulo di gioco e interpreti.

  57. federico ha detto:

    Uno dei più grandi giocatori che ha vestito la maglia blucerchiata non perde occasione per andare al campo, al nostro campo, a salutare compagni e dirigenti … come si fa ogni volta a lasciarlo uscire da quei cancelli senza avergli fatto un contratto a vita!?!?!?!?!?
    Dai presidente facci l’ennesimo regalo!!!

    Sono pazzo di Fantantonio!!!

  58. Marco ha detto:

    Ciao Capitano,
    la squadra non mi è piaciuta: ritmo basso, non c’era movimento.
    La cosa che mi fa rabbia è che la Samp delle giornate precedenti avrebbe asfaltato questo Chievo (squadra mediocre).
    Concludo il commento dicendo che un altro errore dell’arbitro ha deciso la partita; voglio vedere se al posto della samp ci fosse stato l’inter o la roma?
    Un saluto

  59. robmerl ha detto:

    Mi sembra evidente a questo punto l’insostituibilità di Poli per il gioco di Ferrara: con la sua aggressività “accorcia” enormemente, tenendo molto più compatta la squadra. Anche per questo è bollito dopo 60′, ma la difesa è molto più coperta e i compagni del centrocampo possono sostenere un po’ di più gli attaccanti.
    Mi sembra francamente ingeneroso tacciare Ferrara di codardia e difensivismo a oltranza: in realtà, a organicio pieno, il suo 4-5-1 (con Poli) può trasformarsi agevolmente in un 4-3-3. Visto che manca chiaramente un’alternativa a Estigarribia sulla destra (Eder insostituibile sulla sinistra), cosa ne pensi di fare arrivare Gavazzi dal Vicenza a gennaio invece che a giugno?
    P.S. Siamo tutti grati a Iachini per il miracolo dell’anno scorso, ma per carità, non rimpiangiamo il suo inguardabile non-gioco!

  60. Michele G. ha detto:

    Capitano, vorrei il tuo parere su un paio di giocatori. Berardi: l’anno scorso in Serie B, a parte l’infortunio che l’aveva tenuto lontano dal campo per un lungo periodo, anche quando era tornato disponibile non aveva trovato posto in squadra. Possibile che adesso sia diventato un giocatore da Serie A? Non era meglio confermare “ruspa” Rispoli?
    Romero: lo vedo un po’ su di peso e giù di forma. A cosa pensi sia dovuta la negativa prestazione di Sabato, con altre incertezze manifestate, a parte quella clamorosa del secondo gol subìto?
    SEMPRE FORZA DORIA!
    Michele G.

    • amico cicciosestri ha detto:

      E te pareva che ora non usciva qualcuno a dire che e’ sovrappeso….fino a 2 settimane prima con la Roma invece si era tenuto a stecchetto….

      • Michele G. ha detto:

        Caro amico ecc. ecc., innanzitutto ho detto che mi è parso un po’ su di peso, è una mia impressione, per la quale chiedevo il conforto del capitano.Iio posso solo basarmi sulle immagini televisive e la partita con la Roma non ho potuto vederla, perchè ero impegnato a svolazzare fra uno stato e l’altro dell’Africa, dove vivo per lavoro. Non ho la fortuna che hai tu di poter assistere alle partite dal vivo. Comunque, facendo il raffronto con immagini di qualche mese fa, trasmesse alla TV, mi sembra evidente che almeno in viso Romero sia un po’ più tondo. Da qui l’impressione che abbia messo su qualche chilo. Se così fosse, chiedevo al capitano se questo abbia potuto incidere sul suo rendimento. Io pongo domande; non sono depositario della veritá assoluta come te.

        • amico cicciosestri ha detto:

          Direi che Luca ti ha risposto adeguatamente riguardo a Romero…se al primo errore si comincia a dire che “mi sembra evidente che almeno in viso sia un po’ tondo”, a casa mia vuol dire che vuoi rovistare nel torbido…
          Ora aspetto di sentir dire che va a ballare, che mangia tanta carne argentina, ecc ecc….
          a me sembra invece che abbia dimostrato tanta umilta’ nel rivedersi e nel chiedere scusa ai tifosi…cosa che peraltro per me non era dovuta…
          D’altronde c’era gente che contestava Mancini…

    • Luca Pellegrini ha detto:

      berardi sta migliorando, certo non è il top ma mi fido di Ferrara. Romero ha avuto un calo di concentrazione e un approccio sbagliato alla gara (come tutta la squadra); criticarlo in modo forte però per me è follia. ciao michele!

  61. sergio w. ha detto:

    se ci siamo tutti, per questo calcio italiano attuale, siamo forti……
    purtroppo siamo una coperta corta , troppi centrocampisti e pochi attaccanti e manca anche almeno un difensore centrale tosto, magari anzianotto ma di esperienza e disposto a fare la riserva quando c’è il titolare Gastaldello……
    diciamo la verità il vice Eder e perlomeno un altro attaccante di fascia non sono stati acquistati perchè non si è riuscito a vendere Poli e Palombo……
    speriamo che a Gennaio si possa correre ai ripari, perchè questa squadra può fare molto bene……..
    non dimentichiamo i tanti e vergognosi torti arbitrali, una squadra può anche andare per un certo tempo in depressione e non riuscire più ad esprimere il proprio gioco, quando si rende conto che gli arbitraggi girano sempre contro…..inoltre, un plauso anche al Giudice Sportivo(????) che ha squalificato per due turni mister fair play Gastaldello dopo solo sei giornate di campionato(comportati bene che in Italia verrai sicuramente premiato!!!!!!!)…………….
    e concludendo, a proposito di fair play, gli altri picchiano e negano di avere picchiato, quando un loro giocatore subisce un fallo tutti alzano le braccia(in campo ed in panchina) facendo sembrare il fallo dieci volte più duro della sua vera entità, appena li sfiori si buttano per terra e così via……noi siamo sempre a chiedere scusa all’avversario per ogni falletto commesso involontario, segnalare che abbiamo toccato la palla uscita per ultimi, dare la mano all’arbitro che concede un rigore per fallo fuori area e ti espelle come ultimo uomo quando dietro di te c’erano due tuoi compagni, fermare il gioco perchè c’è un avversario a terra e così avanti;
    va bene lo stile Sampdoria(richiamato anche da Garrone) ma così si esagera e si ci predispone a subire nuove ingiustizie, che tante volte danno più fastidio di una partita giocata male(nel calcio è normale, è impossibile giocare bene 38 partite!!!!)…..

  62. Martino Imperia ha detto:

    Quanto baccano per una papera di Romero.

    E’ il classico errore di gioventù di un portiere, niente di che. Solo un portiere maturo (dai 30 anni in su) non fa ste cose. Non ricordo in seie A un portiere che non abbia fatto una cosa simile….

    Criticarlo non ha senso. E’ il nostro unico fuoriclasse. Cerchiamo di non rovinarcelo da soli.

  63. dorianoforever ha detto:

    Buon giorno capitano, avrei una curiosità da togliermi: Edoardo Garrone ti ha mai proposto un incarico all’interno della società ? Tutti i sampdoriani sarebbero ovviamente contentissimi … se capitasse questa possibilità, la accetteresti oppure preferisci occupartene come stai facendo adesso: da opinionista ?

    Domanda: Edoardo a cartellino giallo disse che aveva in mente un nuovo modello di sampdoria con la quale competere in futuro con le big nonostante i minori ricavi (quella di puntare sui giovani talenti). A che punto pensi sia la società? ci riuscirà secondo te oppure pensi sia difficile realizzare questo progetto?

    • Luca Pellegrini ha detto:

      caro doriano, posso solo dirti che ora sto bene dove sono, con una squadra di ragazzi e giornalisti affiatata come quella di primocanale. per il futuro societario a me le idee di Edoardo Garrone sembrano chiare, certo ci vorrà del tempo per realizzare tutto ma io ci credo

  64. francesca ha detto:

    Voglio spezzare una lancia in favore di Romero! Mi sembra davvero assurdo criticarlo, ragazzi, sì, è vero sabato ha fatto una bella papera, ma per me resta uno dei portieri più bravi della serie A. Ricordiamo che anche Buffon l’anno scorso ha fatto qualche stupidaggine. romero è uno che da carica, che esce dalla porta, che ti salva il risultato, non mi ricordo nessuno di meglio dopo Storari nei tempi recenti. Non so cosa vogliamo, e mi sembra decisamente troppo presto per invocare un sostituto ( e Berni decisamente è meglio che riamanga in panca!!).

  65. francesca ha detto:

    P.s. Secondo me poi Romero è rimasto un attimo distratto perchè sul fallo su Objang c’è stato un attimo di esitazione da parte di tutti, anche dei giocatori del Chievo, perchè si aspettavano il fischio dell’arbitro, e questo dalle immagini è palese!

  66. fabrizio perfumo ha detto:

    Sottoscrivo ogni parola dell’ultimo post di Sergio W. Inquadra bene le tematiche più importanti. Secondo me, ovviamente.

  67. Lidia Paola ha detto:

    Ho seguito la trasmissione ieri e vorrei fare alcuni commenti:

    Il modulo. Ieri sera Il giornalista al telefono asseriva che nessuna squadra ha mai vinto la Champions giocando con il modulo difesa a tre. Il Napoli gioca con il 3-5-2- e non mi pare che Mazzarri sia uno sprovveduto. Il calcio si e’ evoluto e non esistono piu’ le figure innovative alla Sacchi e Zeman.
    In Europa va molto di moda (e qui sorrido…) il 4-2-3-1 che faccio persino fatica a mettere giu.
    Il Genoa e’ disordinato ma la Samp e’ sin troppo ordinata e difensivista.
    Sul difensivista mi trovo abbastanza d’accordo, e’ evidente che Ferrara mira a non buscarle in primis ma sul fatto d’essere ordinata in campo dico “finalmente”! e non lo mettiamo in discussione!

    Su Romero la questione viene liquidata sulla base di supponenza od arrognaza che e’ poi lo stesso.
    La signora, dopo aver fatto scena muta per un’ora, esordisce con “si e’ montato la testa”.
    Le partite vanno guardate tutte, gli interventi vanno valutati tutti, dai rinvii alla spera in Dio, alle prese ceffate. Fermo restando che in taluni casi e’ risultato determinante, troppo spesso ribadisco c’e’ una calo di concentrazione, chiamiamola distrazione. Ma la famiglia sta a Genova?
    Grazie e stasera tutti a guardare la tv!

  68. ambarabaciccicoco ha detto:

    Ciao Luca ,
    mi piacerebbe capire cosa c’è nella testa di tanti troppi tifosi (per fortuna nn solo della Samp) e magari anche nella testa di alcuni giornalisti che per manifesta ignoranza calcistica già grave nel far cronaca si permettono di concionare di questo e quello (moduli ,preparazione atletica ) e nn si peritano di dare consigli anche in campo acquisti e cessioni. Il calcio è bello anche per questo ma un minimo di decenza mi pare sarebbe il minimo anche per evitare a posteriori brutte figure ( e qualcuno già a Primocanale ha fatto incetta di tapiri virtuali nello specifico…) .Ora leggo e sento giudizi tecnico tattici (mamma mia…) su Poulsen Estigarribia e De Silvestri senza peraltro tralasciare nella disquisizione Poli Pozzi Palombo e perfino Lopez e dando per scontato l’esito (naturalmente negativo) delle possibili trattative per Obiang e Soriano ( ovviamente irrimediabilmente persi alla causa.. Ma la cosa che più mi fa impazzire nell’ultimo periodo è la ormai consueta ritrita frase abbiamo giocato con dieci undicesimi dell’anno scorso..Ecco questa è davvero la più performante delle valutazione da parte di chi deve per forza far parte del regno di Adriano C. Forse nn sarà ( meglio nn è stato …) merito della Società aver fatto l’anno scorso una campagna acquistii di gennaio ottima nn solo per la B ma assolutamente dignitosa per la A? Insomma per favore più cronaca e meno critica ,soprattutto da chi di calcio per inesperienza e boria ne sa davvero poco.—-

  69. matteo 76 ha detto:

    La mia personale formazione:

    romero
    berardi gasta rossini/costa estig
    obiang

    soriano kristic
    (munari) (renan)

    maresca

    maxi eder

  70. matteo 76 ha detto:

    E’ venuta scritta male.

    comunque intendevo Obiang vertice basso, Soriano e Kristic,con Munari e Renan alternative, mediani e Maresca trequartista vertice alto con estig che parte basso facendosi tutta la fascia.

  71. Gaia ha detto:

    Ciao Luca,
    Rientrata da Verona molto delusa della prestazione domenica, ora testa alta e ripartire.

  72. SimoSamp ha detto:

    Ciao Luca, condivido in toto il tuo post. Una brutta Samp, irriconoscibile e senza l’agonismo e la grinta mostrate fino alla gara col Napoli. Mi auguro che sia solo un incidente di percorso, ma è evidente a tutti che senza alcuni titolari chiave come Eder e Gasta andiamo in difficoltà perchè le riserve non si stanno dimostrando all’altezza.
    Ci serve come il pane un esterno d’attacco e mi auguro che nel mercato di Gennaio Sensibile ci metta una pezza, ma questo purtoppo si sapeva da tempo.
    La partita con il Monaco è forse l’occasione propizia per provare un modulo alternativo al 4-3-3 (o 4-5-1 in fase di non possesso), ma credo che il Mister sia orientato a insistere su questo schema. Tu che ne pensi? Sarà anche interessante vedere i giocatori che hanno giocato meno finora come De Silvestri e Renan.
    Un caro saluto e forza Samp!

  73. MadMick ha detto:

    Ciao Luca,
    il blog si sta spegnendo senza gli interventi di un moderatore che pubblichi i nostri post ma che aiuti anche il gruppo a discutere.
    Che fine hai fatto? 🙁

    • Luca Pellegrini ha detto:

      caro mad mik dammi tempo! come ho detto più volte cerco sempre di rispondere in tempi brevi, voi cercate di capire che siete tanti (cosa bellissima ma difficoltosa per me) e che non voglio scontentare nessuno. Un abbraccio!

  74. Crovo ha detto:

    Volevo fare un paio di considerazioni.

    La prima: la sconfitta di Verona per me è totalmente figlia di quella col Napoli.

    Tu Luca che sei stato un giocatore di altissimo livello mi confermerai che quando si è sfiorato un grande risultato che poteva dare una svolta alla stagione, spesso si ha un fisiologico calo di tensione nella partita successiva, vuoi per stanchezza, vuoi per mancanza di stimoli e vuoi per chiamiamola demoralizzazione.

    Mi ricorda molto quello che successe l’anno di Novellino, quello del quarto posto perso all’ultimo minuto contro l’Udinese.

    A marzo andammo a giocare a Milano, da terzi, contro il Milan secondo in classifica.

    Vincendo lo avremmo superato.

    Ebbene, come tutti sapete, dominammo ma perdemmo 1-0 (uscendo quasi tra gli applausi degli avversari..) a causa di un gol abbastanza casuale di Kaka, mentre Flachi e soprattutto sciagura Kutuzov si erano ripetutamente divorati l’impossibile…….

    Fu la fine dei sogni di gloria.

    E la domenica dopo perdemmo in casa contro un’ Atalanta già praticamente retrocessa…

    La seconda: non getterei la croce addosso a Romero.

    Secondo me il suo problema più grande non è aver la testa altrove (non voglio nemmeno pensarlo, con quello che lo paghiamo!) e neppure essere sovrappeso (ma dai!), ma avere una carenza di base nei “fondamentali” del ruolo che spesso lo espone a correre rischi inutili e ogni tanto gli fa fare anche qualche brutta figura.

    A mio parere dunque lui interpreta il ruolo a modo suo, in maniera stilisticamente appuntabile ma sicuramente EFFICACE.

    Lo definirei un Garella dei giorni nostri.

    Ricordo ai più giovani che quando Garella giocò da noi la gente lo derideva dicendo che non era un portiere da serie A..

    Ebbene, ando a Verona prima e a Napoli poi e vinse due storici scudetti mettendoci molto del suo…

    Che ne pensi Luca del mio accostamento?

    In ogni modo, sono arci convinto che la presenza al suo fianco, quotidianamente, di un fuoriclasse del ruolo come è stato Peruzzi lo renderà migliore ogni giorno che passa.

    Secondo me il materiale umano c’è sicuramente: lavorandoci migliorerà ancora di più.

  75. bisciagoal ha detto:

    Visto che per un po’ non si parlerà di calcio giocato vista la sosta ( le amichevoli perdonate ma non mi appassionano ) vorrei toccare due argomenti “spinosi” che spesso hanno spaccato la tifoseria per avere un commento da Luca e dagli amici del blog.

    Capitolo Cassano: a mio avviso può venire ad implorare a Bogliasco anche tutti i giorni, ma quello che è, ossia un matto, maleducato, ingestibile, voltafaccia ed ingrato, resta!!
    Non è bastato lo spettacolo indegno degli insulti a Garrone, a Milan prima dichiarazioni d’amore, baci alla maglia, ti ammali, ti assistono.amorevolmente, striscioni dei tifosi all’ospedale….poi all’improvviso sbatti la porta e te ne, e la settimana dopo baci la maglia dell’altra squadra cittadina…non dimenticate ( e lo ha detto Preziosi senza essere smentito), l’affare Cassano al Genoa era fattibile, ma non venne fatto solo per problemi di ordine pubblico!…altrro che attaccamento ai colori blucerchiati…Il prezzo che dovremmo pagare per vedere le sue giocate sarebbe troppo alto, spogliatoio spaccato, capricci, esternazioni continue, sbalzi di umore improvvisi, diverbi con allenatori, con dirigenti con presidenti…ora abbiamo bisogno di un po’ di serenita!!

    Capitolo Palombo: ho voluto bene ad Angelo come tutti voi, ma negli ultimi due anni troppe cose non quadrano, troppi dubbi mi vengono anche sul reale attaccamento dell’ex capitano ai colori.
    Retrocediamo ( anche per colpa sua ) e invece di portare la squadra sotto la curva a chiedere scusa ed essere nel caso anche fischiata, aspetta che tutti vadano negli spogliatoi, va da solo sotto la sud e si becca gli applausi…Gastaldello e soci, solo gli insulti una volta usciti dallo spogliatoio…addirittura gente tipo Maccarone subisce minacce pesanti….comportamente demagogico quello di palombo..non da capitano.

    Si viene poi a sapere che, a luglio Garrone ha in mano la proposta della Fiorentina per Palombo = 7 milioni, lui punta i piedi e rifiuta il trasferimento..Garrone è costretto a liberarsi di Poli…a Palombo viene chiesto di ridursi l’ingaggio ma rifiuta.
    Simultaneamente Gastaldello e il povero Maccarone si recano dal Presidente e per scusarsi per la retrocessione si autoriducono l’ingaggio.

    arriva l’inter, la samp torna in A ( tengo a sottolineare, non un messaggio di Palombo ai tifosi, non dico a società e compagni, per rallegrarsi per la promozione ) e arriviamo a questa stagione: Palombo fa le bizze, rifiuta almeno 5 proposte e chiede di essere reintegrato….ormai un estraneo nello spogliatoio, un ex giocatore diventato quasi pescatore professionista, e insiste a stare qui a dispetto dei santi….

    Ora mi chiedo, possiamo davvero credere alla sincertà di Palombo? o semplicemente valutare che vuole restare qui non per attaccamento ai colori ma unicamente perchè è legato da suoi interessi personali o magari perchè vuole fargliela “pagare” alla famiglia Garrone?

    • Fabiosamp ha detto:

      Belin biscia argomenti scottanti.
      Secondo me e sbagliata la premessa nel parlare di attaccamento alla maglia da parte dei giocatori,gli unici sono Totti e de rossi a Roma e viziano a Firenze per il semplice motivo che giocano nella loro città e nella squadra che tifano.
      Non sono d’accordo neanche sul fatto che le societa siano sempre vittime dei giocatori credo che spesso valga il contrario non nei casi palombo e Cassano ma in generale.
      Su Cassano dico solo che e il 100 giocatore che si scambiano le milanesi poi bisogna essere dentro alle questioni magari anche alla societa e andata bene fare l’ennesimo giochino di bilancio con i cugini.cassano era a bilancio a zero in pratica si sono trovati il pazzo a 7 milioni meno di quanto l’abbiamo pagato noi quando scaldava la panca a Firenze.
      Poi mi spieghi perche un flachi viene osannato in ogni occasione pur avendo,con il suo comportamento,danneggiato la societa e dato un esempio pessimo a tutto il mondo del calcio mentre Cassano viene sfanculato di continuo?se permetti tra le due cose ritengo piu grave quella di Ciccio ma non ho mai giudicato lui per questo e per lo stesso motivo non lo faccio per Cassano.
      Su palombo vale lo stesso discorso non lo giudico se ha agito anche con egoismo,si e sentito di fare così e di conseguenza non gioca piu ed ha perso enorme parte dell’affetto dei tifosi.ma siamo tutti sicuri di non aver mai agito nei nostri lavori per egoismo od oppurtinita?chi e senza peccato scagli la prima pietra.
      In conclusione penso che qui non ci siano,come ha detto qualcuno,vedove di Cassano e palombo ma solo gente come me che ha negli occhi Brema e anche se questi hanno sbagliato non si sentono di giudicarli e insultarli travestiti da educande( non mi riferisco a te biscia).

    • ahfone ha detto:

      post intelligente da persona che analizza i fatti e non segue le correnti di pensiero degli “amici” dei giocatori. l’anno scorso non si sarebbe mai letto (non dico da parte tua visto che non ti ricordo…ma questo è un altro problema). forse questo spazio sta iniziando a maturare e svecchiarsi, magari non si leggeranno piu formazioni e moduli a cazzo come se si giocasse alla play e belinate varie. giusto x vostra conoscenza ferrara fa allenare tutti i giocatori sui fondamentali tecnici come controllo palla e passaggi testa e piede. roba da nagc. e parecchia tattica su come alzarsi e aggredire coi centrocampisti e come trovare la punta verticalizzando. tradotto significa che dovete mettervi il cuore in pace: si chiama 433. punto. poi possibile che nessuno ha letto le interviste pre-campionato? avessero voluto un modulo di gioco diverso avrebbero preso riquelme come “volante” per il 442 a rombo di sudamericana impostazione. sensibile e ferrara ci han pensato 2 giorni e poi han deciso di no. pensate di farlo con juan antonio???
      a gennaio si faranno fuori le zavorre e arriveranno gli esterni. bisogna solo tener duro e crescere fino ad allora

    • paolo1966 ha detto:

      Per vari motivi penso che quello che dovevano o potevano dare alla squadra lo hanno gia’ dato (e preso)

    • flex ha detto:

      Ciao biscia
      le amichevoli non appassionano nemmeno me.

      Cassano non è certamente un esempio di coerenza, ma nel caso che ci riguarda non è l’unico.
      mi riferisco a foto di abbracci e sorrisi, a dichiarazioni di distensione nei suoi confronti, di apertura relativamente a un suo eventuale ritorno, non si sa bene se come giocatore o (e qua mi scappa da ridere) in veste di dirigente. va bene che perdonare è divino, ma se penso all’atteggiamento tenuto all’epoca dei fatti, e non si parla di mille anni fa, senza entrare nel merito di chi avesse ragione o torto, mi sembra che qualcosa non quadra: o si è stati troppo rigidi prima o si è troppo morbidi ora.
      Per quel che mi riguarda, e parlo da tifoso e non da componente della famiglia garrone, tutti i difetti di cassano vengono abbondantemente superati da come gioca, da come fa giocare i suoi compagni e dalla goduria che ho provato vedendolo giocare. e cito la madre di tutte le partite: il derby del gol di maggio 😛

      Palombo
      io parlo per me e ti rispondo che credo alla sua sincerità
      aggiungo un paio di considerazioni: 1) il giorno della retrocessione lui è stato commovente e ha fatto quello che si sentiva di fare. tu dici per calcolo? secondo me no. in ogni caso se altri giocatori avessero voluto chiedere scusa potevano farlo, senza chiedere il permesso a nessuno, esattamente come ha fatto lui. in teoria un uomo decide di fare o non fare quello che vuole seguendo la propria coscienza, senza aspettare che altri lo istruiscano. e comunque, per dirla tutta, prima ancora di lui sotto la gradinata doveva venirci il presidente. 2) faccio fatica anche io a capire come mai sia rimasto da noi, ma se fosse solo per i soldi che motivo aveva di spalmarsi l’ingaggio per un periodo più lungo? 3) alcuni dicono che il motivo principale del problema sia stato un violento litigio con sensibile. io non so se sia vero, nel caso, dovendo scegliere fra palombo e sensibile non avrei il minimo dubbio da che parte stare.

      un abbraccio

    • amico cicciosestri ha detto:

      sottoscrivo ogni tua parola!!!

    • Stefano_1970 ha detto:

      @ bisciagol

      Del “virus” Palombo hai dimenticato un altro episodio chiave…
      L’hanno scorso quando c’è stata baruffa a Bogliasco il “capitano” ha mandato fuori i giovani a prendere sputi ed insulti mentre lui se ne è stato comodo nello spogliatoio fino alla fine.

  76. Emanuele ha detto:

    TUTTI A PARMA!!! 🙂

  77. katia ha detto:

    Ciao Capitano,

    non possiamo spendere ancora per avere 1-2 ali ricordiamoci che nn abbiamo venduto qs nessuno e abbiamo a centrocampo piu’ giocatori di Milan e Inter.
    Tornando al mercato estivo peccato per la cessione di Biabiany (nel 4-4-2) uno dei piu’ affidabili e il nn utilizzo di Renan che alla fine e’ costato 3 milioncini tondi tondi.
    Tutti a Parma e faccimao vedere che oltre ad essere la 5 tifoseria a livello di media spettatori in A siamo tra i pochi pure in trasferta,
    Grazie Edoardo per la sampdorianita’ che hai messo nella dirigenza il resto e’ aria fritta.
    globulo blucerchiato

  78. pie ha detto:

    Ciao,

    per me l’ obiettivo e non arrivare in Uefa poi dal 7 al 10 nn cambia molto,l’mportante e vedere una societa’ che punta su qs giovani di sicuro talento.
    Spero che Soriano rinnovi e piu’ considerazione del mister su Renan e Pozzi,
    Icardi lo vedo ancora acerbo lo darei in prestito in B invece come terzino dx visto che su De Silvestri nn abbimao l’ obbligo d’ acquisto preferisco vedere in campo il lottatore Berardi.
    Ammetto che su Belardi avevo criticato la societa’ invece tanto di cappello a Sensibile.
    Ad oggi rimane l’ incognita JA spero di ricredermi

  79. Adriano ha detto:

    Minnesota, USA
    Partita inaccettabile. Avevamo la possibilità di stare un palmo fuori dal gruppone, che se ne perdiamo un’altra ci ritroviamo risucchiati molto in basso, e l’abbiamo combinata proprio bella. La presunzione l’ha fatta da padrona.
    Romero ha giocato come il resto della squadra, da anguscia. Sarà, ma tutte le volte che lo vedo, poche dagli USA, non mi impressiona. Dei piedi poi meglio non parlarne.
    Comunque stavolta anche Ferrara ci ha messo del suo: con una squadra come il Chievo in grossa difficoltà di risultati, ma mettici il giovane Icardi e prova ad azzannarli alla gola! Maxi Lopez era troppo solo. Se non si osa con il Chievo con chi lo fai?
    Mi fà piacere vedere Luca nel blog. Mi ricordo ancora la prima volta che Luca sei venuto a Genova, d’estate, al Palasport con Colantuoni. Eri impettito come un manico di scopa … si dai avevi 16 anni. Però che bello tutti quegli anni alla Samp. Grazie capitano.

  80. tano pell ha detto:

    ciao capitano.
    a me poulsen ha fatto un impressione imbarazzante non sembrava neppure un giocatore di calcio. ed il primo gol e’ al 80 per cento colpa sua. alla fine dopo il tanto decantato mercato estivo ci troviamo a giocare con un terzino che l anno scorso era la riserva di rispoli e non vedeva mai il campo, un altro terzino che e’ un centrale riadattato, un reparto offensivo ridotto all osso e dopo poche giornate siamo gia in emergenza.

  81. ivano 84 ha detto:

    Luca una domanda personale per te. Non so se potrai rispondermi. Non concepisco come allora Paolo Mantovani non ti confermo’ dopo la vittoria dello scudetto.Ho letto su internet a causa di screzi perche’ avevi il procuratore o causa dei tuoi infortuni.Dove sta la verita’?Credo che avessii tutto il diritto di partecipare alla cavalcata in Coppa Campioni visto che eri qui dal 1980.. ed eri stato il capitano dello scudetto.E’ vero che Eriksson premeva per il tuo ritorno?grazie mille ivano 84

  82. SAVIO ha detto:

    Ma Simon Poulsen non è quel tritafasciasinistra che abbiamo visto agli Europei ?
    Questo quando sarà in forma dovrebbe far fare un salto di qualità non credi Luca?

  83. SAVIO ha detto:

    E se Poulsen venisse considerato esterno alto di sinistra ? Se ne guadagnerebbe anche in contenimento quando la squadra deve difendere.

  84. aston ha detto:

    Tutto vero bisciagol.
    penso però che le responsabilità maggiori della situazione creatasi siano da addebitare al direttore Sensibile.
    Pur condividendo l’idea di cedere Palombo dopo la retrocessione l’approccio è stato completamente sbagliato. Si trattava di interrompere un rapporto con un giocatore che aveva , non sempre con profitto, ma sempre con la assima serietà vestito la nostra maglia negli ultimi dieci anni. Ed allora non si và , prima ancora di mettere piede a Genova, a raccontare ai giornalisti che occorreva guardarsi negli occhi e capire se Palombo fosse ancora adeguatamente motivato. Le motivazioni Palombo le ha sempre avute ed ha sempre dimostrato grande attaccamento alla maglia. L’argomento era quindi sbagliato ed anche offensivo. Il problema da discutere in privato era dato dal fatto che il rendimento non era più quello di un tempo e per una squadra in serie b e con il programma di puntare sui giovani, a malincuore, le strade avrebbero dovuto dividersi.
    Poi ci ha portato in A ma Sensibile di errori ne ha fatti una caterva e meno male che la proprietà ha messo mani pesantemente al portafoglio.
    Io credo che la vicenda Palombo debba trovare un epilogo diverso dalla situazione che si sta vivendo in questi giorni , sia per la storia della Smp sia per la storia di Angelo Palombo.
    a.

  85. Edoardo ha detto:

    Caro Luca, Caro Capitano,

    E’ estremamente difficile commentare un Tuo parere in quanto le Tue analisi Tecniche sono perfette come perfette erono le tue giocate, e noi giovani degli anni 80 abbiamo avuto il previlegio di ammirarle direttamente.
    Capisco benissimo che ormai salvo casi sporadici sia nel calcio come nel mondo del lavoro una persona possa essere attaccata alla maglia (questo riferito ad un calciatore) o ad una Società (riferito ad un semplice lavoratore).
    Ormai nel mondo del calcio sono tutti dei mercenari compreso allenatori, tecnici e Direttori sportivi (ex vedi Sensibile).
    Con Paolo Mantovani, Tu sai benissimo, certe persone non avrebbero nè lavorato che indossato la Nostra Gloriosa Maglia e non per niente personaggi come Luca Vialli, Roberto Mancini, Tu, e molti altri hanno rifiutato squadre più blasonate con contratti più sostanziosi per rimanere a Genova salvo che il Presidente decidesse in merito per il bene della Società.
    Dico tutto questo per arrivare al caso Palombo, gestito in modo direi infantile dal DS Sensibile e dalla Proprietà Garrone.
    Certo paragonare il Buon Angelo ai calciatori sopra menzionati non c’è gara ma nel Suo piccolo ha dimostrato più volte di essere attaccato alla Maglia e ai Nostri Colori prima del solito vile denaro.
    Ha rifiutando giustamente altre possibilità più vantaggiose pur di restare a Genova dopo che la Sampdoria gli aveva rinnovato 2 anni fà un contratto principesco.
    Almeno ieri sera amichevole “ricicola” potevano farlo giocare visto che ancora noi tifosi siamo legati a Lui, questo lo dico a prescindere dalla situazione interna creata.
    Certo alla fini la sceneggiata andrà a finire che dopo quasi 2 anni di inattività troverà una squadra di basso livello che possa utilizzarlo considerando il lungo periodo di inattività, almeno questo spero per Lui.
    La Sampdoria nel frattempo continua a pagare Palombo senza volerlo utilizzare mai.
    Complimenti questi sì che sono colpi di mercato caso Direttore Sportivo.

    Gradirei da Te Luca un breve commento in metito

    Un Grande estimatore da sempre
    Edoardo

    • Daniele da Rapallo ha detto:

      Concordo con te, e mi permetto di darti un mio parere sul caso Palombo.
      Come piu’ volte ribadito in trasmissione, sul caso Palombo c’e’ sotto qualcosa che la societa’ non vuole e forse non puo’ dire.
      Forse anche lo stesso Luca ed i giornalisti o gli addetti ai lavori sanno che cosa sia questo “qualcosa” ma non lo possono dire.
      Personalmente ho dei sospetti sul famoso derby col goal di Boselli.
      Oppure, semplicemente, il giocatore si e’ involuto calcisticamente e psicologicamente tanto da non rientrare piu’ nei piani della societa’ che per altro sembrerebbe imputargli grosse responsabilita’ per la retrocessione; nel caso non sarei molto d’accordo pur da esterno.
      Certo e’ che mi piacerebbe che la curiosita’ di noi tifosi fosse un giorno placata da qualcuno che finalmente sveli questo mistero di un giocatore pagato 800000 euro per 5 anni a scaldare la panchina. Che sia diventato brocco tutto in un colpo ? Che gli sia partita la brocca ? Che si voglia vendicare di qualcosa ?

    • Luca Pellegrini ha detto:

      ciao edo, come ho già detto più volte il caso Palombo è delicato e difficile da leggere con correttezza nella sua totalità.

      io in merito ho sempre portato il mio esempio: anni fa alla Samp io feci scelte diverse e mi rimisi in gioco in altri contesti. questo comunque non vuol dire che non rispetti quanto fatto da Angelo e ancor di più non vuol dire cancellare tutto quanto di buono lui ha fatto per i nostri colori.

      saluti

  86. Davide ha detto:

    Non capisco tutte queste critiche verso la società per la questione Palombo. Sono stati molto chiari con lui e secondo me anche corretti. Non rientrava più nei piani, aveva un ingaggio troppo alto per la serie B l’anno scorso e ha avuto un rendimento molto basso da un paio d’anni. A sentire i tifosi sembra che l’abbiano imbavagliato e spedito nel Sahara, invece l’hanno mandato in una grande squadra in A per potersi rilanciare, oltretutto senza guadagnarci un euro. Quest’anno poi son stati chiari fin da subito, gli hanno fatto capire che non avrebbe giocato ed erano disposti a regalarlo. Lui si è impuntato ed ha voluto restare per forza, ora ne paga le conseguenze, non giocherà mai. Personalmente io in campo non ne potevo più di vederlo, rallentava il gioco in modo disarmante e si ostinava a battere calci piazzati quando non era assolutamente capace a farlo. Poi se volete avere gli occhi foderati di prosciutto e non rendervi conto che stava facendo schifo da 2 anni esattamente come Maccarone e tutti gli altri solo perchè si chiama Angelo Palombo ed è stato qui 10 anni son problemi vostri. Io penso che in campo fosse diventato un problema e visto che nessun allenatore ha avuto il coraggio di metterlo in panchina ha fatto bene Sensibile a toglierlo di squadra. Da parte sua poi lui cosa avrebbe fatto l’anno scorso per meritarsi la riconferma? In campo si è fatto umiliare da sconosciuti come Scozzarella, Gabionetta e altri della B, invece di piagnucolare e lamentarsi in privato con i suoi amici poteva cercare di migliorare il suo rendimento. Poi sinceramente a me non ha mai entusiasmato, anzi nel suo “regno” da capitano ricordo un sacco di partite perse dalla Sampdoria senza lottare tra cui diversi derby. E non tiratemi fuori il quarto posto perchè quello ha un solo padre: Gigi Delneri. Altrimenti con un altro mister, non dico che saremmo andati in B già quell’anno, ma sarebbe stata una stagione anonima

  87. alberto ha detto:

    Per scrivere ho aspettato che la rabbia ” sbollisse” dopo la sconfitta con il Chievo. Premetto che abbiamo giocato malissimo e a tratti la squadra mi ha ricordato quella di Atzori. La rabbia non deriva pertanto dalla sconfitta, perche’ l’errore del portiere ci puo’ stare, e quando si gioca cosi’ non si puo’ memmeno recriminare troppo. Pero’dopo le partite con Torino, Roma e Napoli questa e’ la quarta dove subiamo un torto arbitrale (l’azione da cui e’ nato il gol andava fermata per fallo su Objang). Per altro spero che serva come lezione e specie a Marassi i nostri giocatori non interrompano l’azione quando un avversario e’ a terra!

  88. flex ha detto:

    Ciao a tutti
    la meno ancora un attimo sul caso Palombo.

    A questi punti è inutile fare troppa filosofia: se non viene convocato nemmeno per un’amichevole allora è palese la volontà di emarginarlo.
    Io posso capire che il giocatore non rientri più nei piani della società, posso anche capire (facendo un pò più di fatica) che si preferisca tenerlo senza farlo giocare e spalmargli l’ingaggio per un periodo più lungo, operazione che può piacere a un commercialista ma che ripugna a un uomo di sport, ma che non venga convocato nemmeno per un’amichevole mi sembra davvero un’esagerazione. Va bene che parliamo di professionisti, di stipendi spropositati, ma questo non giustifica la mancanza di almeno un minimo di delicatezza: c’è modo e modo per fare le cose, anche le più sgradevoli. Un atteggiamento così rigido sarebbe stato comprensibile nel caso in cui società e giocatore non avessero trovato un accordo, ma alla luce del rinnovo del contratto mi sembra davvero di pessimo gusto.
    In un caso più o meno simile ricordo che flachi aveva davanti perfino quel ridicolo giocatore giapponese, ma per fortuna (sua e nostra) gli era stata concessa la possibilità di dimostrare chi era, possibile che per palombo non si sia riusciti a trovare nemmeno una mezz’oretta in un’amichevole dove hanno giocato tutti?

  89. Lidia Paola ha detto:

    Ma Davide, chi ti credi di essere,… Gesu’ Cristo?

    Dal momento in cui il D.S. pronunciava queste parole:

    “Il contratto di Palombo credo che sia stato una questione puramente economico-finanziaria. Angelo ha dato questa disponibilità, questa apertura ed è l’ennesima dimostrazione di grandissimo amore da parte sua nei confronti di questa società. La società ha accettato, ha scelto strategicamente e politicamente di estendere il rapporto con Angelo nella speranza che sia la scelta giusta per tutti.
    Per quanto riguarda la gestione tecnica di Angelo, è da quando è finito il campionato scorso che andiamo ripetendo che non c’è niente contro Angelo dal punto di vista personale o tecnico-individuale. (!)” ,

    Sensibile diventava responsabile della sue affermazioni ed io gradirei che tutta la dialettica esternata improntata sulla classe e trasparenza trovasse riscontro nei fatti.

    Perche’ ritengo sia veramente indegno non vedere Angelo sedere neppure in panca nell’amichevole con il Monaco. Visto che lo si paga, visto che gli e’ stato prolungato il contratto, visto che lo ritengo ancora valido per fare almeno la riserva, voglio che Angelo abbia la SUA occasione. Aspetto di vederlo entrare come in passato accadeva sul prato di Marassi, valutero’ con obiettivita’ la sua prestazione e se ci sara’ il “riscatto” ebbene, ben venga!

    Vuole riconquistare il posto in squadra? Se ne dia la possibilita’, Tutto questo sa di castigo e vendetta e non fa onore ne’ al D.S. tantomeno alla Societa’ che scuce pure dei soldi.

    E noi tifosi? Qualcuno dira’ che sono una vedova di Paolmbo, aggiungo che lo sono anche di Cassano, ma il mondo e’ bello perche’ ci sta di tutto: dalle vedove ai detentori della verita’.

  90. Dado ha detto:

    Sul discorso di Palombo vorrei fare una domanda a Luca Pellegrini.

    Ormai è quasi un anno che non rilascia dichiarazioni… Sicuramente tra lui e la società di cose ne sono successe.

    Ma secondo te Luca, prima o poi Angelo Palombo dirà la sua verità su quanto è successo dalla retrocessione in poi tra lui e la Sampdoria?

    • Luca Pellegrini ha detto:

      caro dado, non saprei cosa rispondere davvero.

      io mi attengo a quelli che sono i fatti: per ora lui ha scelto di giocarsi le sue carte qui e sta lavorando per questo.

      quando e se andrà via dalla Samp magari parlerà anche pubblicamente per spiegare precisamente la sua posizione.

      un abbraccio

  91. Dado ha detto:

    Parlando di calcio…

    Mi auguro che in queste due settimane mister Ferrara abbia lavorato per creare delle basi per poter cambiare modulo in caso di necessità. La coperta è troppo corta e il 433 ( o meglio 451) non è applicabile in certe situazioni e si è visto bene a Verona dove sono stati letteralmente snaturati dei giocatori pur di non cambiare modulo.
    Per me questo è un limite del seppur ottimo Ferrara fino a questo momento, che se superato potrebbe ulteriormento consacrarlo… Del resto la bravura di un allenatore non è solo nell’insegnare il suo gioco e i suoi schemi ai giocatori, ma anche saper adattare il modulo al tipo di giocatori che ti ritrovi.

    A proposito di coperta corta… Pozzi fuori un mese.

    • Stefano_1970 ha detto:

      @ Dado

      Statisticamente parlando Pozzi è un giocatore convocato per la sola metà delle partite a calendario. Il resto è sempre infermeria. Come tanti altri ero contento se fossero riusciti a tenerlo come “riserva di lusso”, perchè oggettivamente, la stagione intera non l’ha mai retta. Purtroppo ora dopo i bagliori iniziali stiamo comprendendo che tra il gioco di Maxi Lopez, quello degli esterni alti, la velocità dei mediani ed i piedi degli esterni bassi….beh…forse forse Pozzi un suo perchè lo avrebbe. Pazientiamo… ed auguriamoci che Gennaio Garrone regali alla tifoseria qualcosa in più di Corazza…

  92. aston ha detto:

    Per Davide.
    Le mie osservazioni non sono relative al rendimento del giocatore per il quale non ho mai stravisto: un buon mediano reinventatosi regista a sproposito. E credo che il rapporto costo / qualità del gioco fosse assolutamente sproporzionato anche prima della crisi.
    non si tratta di questo.
    la critica è relativa alla gestione della vicenda nell’interesse del giocatore ma soprattutto della società.
    talmente mal gestita che palombo è a tutt’oggi un costo : tenerlo così ai margini è perseverare nell’errore. Proprio nell’ottica di cercare una differente collocazione sarebbe meglio cambiare politica.
    a.

  93. ahfone ha detto:

    palombo è l’unico giocatore in CIG volontaria a 800000 euro all’anno. è semplicemente indifendibile.

  94. dorianoforever ha detto:

    buon giorno capitano…. vorrei un tuo parere sulle parole pronunciate dal DS Sensibile “vorrei una sampdoria stabilmente nelle prime 8 posizioni”?

    Io le interpreto così: che vuol creare una squadra che quando va male deve arrivare ottava, è esatto secondo te?

  95. SAVIO ha detto:

    Vorrei vedere questa formazione:
    ROMERO
    DE SILVESTRI – GASTALDELLO – COSTA – POULSEN
    OBIANG – MARESCA – POLI
    ESTIGARIBBIA – MAXI LOPEZ – EDER

    dove risalta l’azzardo sui laterali difensivi considerando lo stato di forma attuale.
    Almeno a salvezza acquisita però li proporrei.

  96. SAVIO ha detto:

    L’ultima frase era una provocazione…

  97. Davide ha detto:

    Non mi reputo gesù cristo, anzi, semmai sembra che chi parla male di Palombo offenda Gesù Cristo. Le sue possibilità le ha avute, non si tratta di una o 2 partite giocate male si tratta di 2 anni in cui in campo è stato un peso. L’anno della retrocessione, toltogli Cassano davanti che andava a prendersi i suoi lanci impossibili nel vuoto non è più stato in grado di combinare niente. Non è stato nemmeno capace di caricare la squadra come dovrebbe fare un capitano. Ha avuto tutto l’anno seguente per riscattarsi, in B poteva tranquillamente farlo invece ha fatto schifo insieme a tutti i suoi compagni. E tolto lui di squadra abbiamo finalmente ricominciato a veder giocare a calcio. Adesso non capisco tutta questa necessità di vederlo per forza in campo. Non vedo motivo di togliere quelli che ci sono per far giocare lui e nelle amichevoli Ferrara ha fatto bene a provare tutti quelli che pensa possano tornargli utili. Lui evidentemente non lo è. Poi un’altra cosa che non capisco, i Garrone hanno fatto bene per 8 anni, ne hanno sbagliato uno e si son presi bordate di critiche e insulti e nonostante abbiano rimediato a suon di palanche continuano a non essere apprezzati da parte della tifoseria. Palombo è stato un discreto giocatore per 8 anni poi negli utlimi 2 ha fatto schifo al pari di altri suoi compagni e non ha contribuito a rimediare alla retrocessione però sembra intoccabile.Cos’è? Santo?

  98. aston ha detto:

    No! non è santo. Ripeto a me pare che la maniera per gestire l’affair Palombo non sia stata utile in primis alla samp. Libero comunque di pensarla diversamente. Ci mancherebbe.
    a.

  99. matteo84 ha detto:

    capitano vorrei farti una domanda:
    inece di rinnovare la comproprietà con il parma , non sarebbe stato meglio riprendere Biabiany???
    trovo che in una formazione come questa il giocatore avrebbe potuto esprimersi meglio di come sta facendo nel parma e credo inoltre che se ci fosse stato con napoli e chievo viste le emergenze in avanti che abbiamo dovuto affrontare dovute alle assenze di Maxi prima ed Eder poi e alle prestazioni altalenanti di Estigarribia, forse uno come Biabiany ci avrebbe permesso di portare punti nelle ultime 2 partite e avrebbe garantito quasi sempre una prestazione superiore del nostro attacco…..il quale purtroppo deve fare affidamento su un ala che non è un ala come Kristcic non appena ci viene a mancare uno dei 3 in attacco….tu cosa ne pensi capitano????

SE TRE INDIZI FANNO UNA PROVA…

Se tre indizi fanno una prova, dopo le vittorie con Fiorentina e Lazio, la Sampdoria ha confermato a Bergamo di [&hellip

PERFETTI

Paradossalmente c’è “poco” da dire sulla rotonda vittoria della Sampdoria contro la Lazio, perché la squadra di Ranieri è stata [&hellip

RINASCIMENTO

Avete ragione, state già pensando che ho esagerato nel titolo. Ed è vero. Ma l’ho fatto consapevolmente. Dopo tanto soffrire [&hellip

DI MALE IN PEGGIO

“Non mi è piaciuto quasi niente, sembravamo una squadra sparring partner, pavida, non ho visto voglia di lottare”. Parole di Claudio [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta