17 Mar
2020

UN CALCIO AL VIRUS

Europei rinviati al 2021 e dunque spazio per concludere i campionati nazionali e le coppe internazionali entro giugno. E' questa la ricetta studiata dall'Uefa ed avallata dalle varie Federazioni per dare una parvenza di regolarità alla stagione, che per completare questo programma dovrebbe poter ripartire non più tardi del 3 o del 10 maggio. Dipenderà dal virus, insomma. E' giusto che gli organismi che governano il calcio abbiano pensato ad un piano, poi se si riuscirà ad iniziarlo e a portarlo a termine è ovviamente tutto da verificare. In ogni caso non sarà un campionato regolare, basti pensare proprio al caso della Sampdoria. Thorsby ha detto che i contagiati sono nove, per fortuna non gravi ma in ogni caso usciranno debilitati da questa malattia e avranno non poche difficoltà a ritrovare la forma. La "rosa" purtroppo non è tale da far stare allegri. La Samp ha tredici giocatori su cui poter contare, gli altri fanno numero. In teoria le differenze potrebbero annullarsi se t...
9 Mar
2020

STOP AND GO

E adesso? E’ questo l’interrogativo che il mondo del calcio, dirigenti, calciatori, tifosi e giornalisti, si è posto al fischio finale delle partite dell’ultima giornata, che in realtà si conclude oggi con Sassuolo-Brescia. Sabato notte il Governo aveva emesso l’ormai famoso Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri con le prescrizioni sull’emergenza coronavirus in cui è scritto, tra le altre cose, che le partite si possono disputare regolarmente purché a porte chiuse. Da qui la decisione della Lega calcio di dare libero sfogo al campionato ma di non liberalizzare la trasmissione degli incontri sulle tv in chiaro. Nella mattinata di domenica, però, arriva la “minaccia” di sciopero da parte dell’Associazione calciatori e l’intemerata del Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, che smentendo il suo stesso Governo parla di “atto irresponsabile”. “Non condivido la scelta della Lega di serie A di giocare, l’emergenza sanitaria non finirà tra qual...
16 Feb
2020

DECADUTI

Dopo il consiglio di amministrazione, decade anche la squadra. E la Sampdoria si trova a vivere uno dei periodi più drammatici della sua storia recente: quart’ultima in classifica e con una società allo sbando. Lo testimonia il patetico tentativo dell’altoparlante del “Ferraris” di nobilitare il gol dell’1 a 5 di Gabbiadini, nel silenzio surreale dei tifosi blucerchiati. La Fiorentina ringrazia e porta a casa tre punti insperati, visto che pure i Viola, malgrado il successo rotondo, non sono parsi certo irresistibili. La Sampdoria ha fatto tutto da sola, a cominciare dal primo gol subìto all’ottavo minuto quando Milenkovic è salito indisturbato per 40 metri dopo un errore di Linetty, ha servito Vlahovic che sul traversone dalla destra ha trovato il piede del povero Thorsby. Dieci minuti dopo ci si è messa anche un pizzico di malasorte, sotto forma del rigore provocato da Ramirez con un tocco di braccio. Irrati non aveva visto nulla ed è intervenuto Aureliano al Var p...
8 Feb
2020

LA NEBBIA (DISSOLTA) AGLI IRTI COLLEY

La Sampdoria ha vinto una partita importantissima all'Olimpico contro il Torino, a cui non è bastato il cambio di allenatore per darsi una scossa. Ma il successo dei blucerchiati è stato netto e meritato, ben al di là delle difficoltà degli avversari. Già nel primo tempo l'occasione più nitida era capitata a Ramirez, imbeccato da Quagliarella e murato dall'ottimo intervento di Sirigu. Nella ripresa, però, la Samp ha rischiato di rovinare tutto a causa dell'errore di Colley, imbarazzante nello spianare la strada alla deviazione decisiva di Verdi proprio mentre Audero stava cercando di chiudere lo specchio della porta. Per fortuna la squadra di Ranieri non si è disunita, ha continuato a macinare gioco trascinata dal sontuoso Ramirez, a suo agio nel ruolo più congeniale di trequartista. La punizione del pareggio è stata un piccolo capolavoro, non era facile per la distanza ravvicinata, ma Gaston ha messo in campo tutta la sua classe e per Sirigu non c'è stato nulla da fare. Co...
3 Feb
2020

CUORE SENZA TESTA

Un avvio di partita choccante da parte della Sampdoria, il Napoli ringrazia e segna subito con Milik ed Elmas, quasi increduli di avere trovato una strada così spianata verso la porta dello sconcertato Audero. Sembrava la partita fotocopia dell'Olimpico con la Lazio. E stavolta in casa. Un incubo. Poi, succede quello che non ti aspetti: una grande reazione da parte dei blucerchiati che, nonostante la direzione di gara a senso unico del signor La Penna, giungono meritatamente al pareggio. Prima accorcia le distanze Quagliarella, con una giocata sontuosa e mirabolante delle sue su un taglio di campo di Ekdal: il Napoli porta davvero bene al capitano. Poi, dopo un palo colpito da Ramirez, a cui era stato annullato anche un gol al Var, è Gabbiadini a centrare il 2-2 trasformando un calcio di rigore che hanno visto tutti, tranne l'arbitro. Nella circostanza Quagliarella si infortuna pure, ma non fosse stato per il Var non ci sarebbe stato neppure il penalty. Evviva, la Samp c'è, lotta a...
26 Gen
2020

POCA ROBA

La Sampdoria non va oltre lo 0-0 al “Ferraris” contro il Sassuolo nonostante settanta minuti di superiorità numerica, maturata al 25’ del primo tempo per la generosa espulsione di Peluso, colpevole di un fallo su Gabbiadini che probabilmente avrebbe meritato soltanto il cartellino giallo. Malgrado questo vantaggio, i blucerchiati hanno messo in campo poche idee e confuse. A vincere ci hanno provato, sino alla fine, ma senza risultati concreti. Le occasioni da rete sono state poche e sia Quagliarella che Gabbiadini hanno manifestato scarsa lucidità sotto porta. Anzi, la palla gol più nitida è capitata all’inizio del secondo tempo a Boga, che al termine di un’azione personale ha colpito un palo ad Audero battuto. Il Sassuolo, forte di un’organizzazione di gioco evidente e collaudata, ha retto bene l’urto leggero della Samp, dove il neo acquisto Tonelli ha esordito subito in difesa, Augello ha rimpiazzato l’influenzato Murru, Ramirez è rientrato dopo una lunga assenz...
18 Gen
2020

SAMPDORIA-BRESCIA AL CONTRARIO

Lazio-Sampdoria è durata una ventina di minuti, giusto il tempo per la retroguardia blucerchiata di regalare tre gol agli avversari e togliersi il pensiero della gita obbligata sulle sponde del Tevere. Ranieri alla vigilia aveva dichiarato: “Se i miei si rilassano, me li mangio vivi”. O aveva intuito qualcosa oppure non gli danno retta. Resta il fatto che pure lui non è riuscito a tenere alta la tensione di una squadra che a Roma ha scritto una delle pagine più brutte della sua storia moderna, sia per la pochezza tecnica ostentata che per la mancanza di impegno e concentrazione. Al 7° Immobile ha resistito facilmente alla doppia carica di Chabot e Bereszinsky e ha costretto Audero ad una respinta corta, su cui Colley si è addormentato invitando Caicedo in agguato e quasi incredulo a ribadire in rete da due passi. Al 16° è stato Murru a fermare di mano Lazzari in area provocando il rigore del raddoppio di Immobile dal dischetto, nonostante Audero avesse intuito la traiettori...
12 Gen
2020

I MERITI DELL’AGGIUSTATORE

Con la rotonda vittoria sul Brescia, la Sampdoria sotto la guida di Claudio Ranieri ha raccolto 16 punti in dodici partite, con una proiezione di 25 nel girone di ritorno, ovvero 44 totali. Un trend da salvezza tranquilla. L'aggiustatore, come è stato definito, aveva preso la squadra ultima in classifica alla settima giornata con appena 3 punti in classifica. Al giro di boa del campionato i punti sono 19, globalmente pochi ma sufficienti per sperare, specie alla luce del cammino portato avanti con sir Claudio in panchina. A confortare di più, oltre ai numeri, è il piglio della Samp: dinamica, combattiva, caratterialmente solida, come hanno attestato il pareggio di Milano e il successo sul Brescia. La formazione dell'avulso Balotelli era persino passata in vantaggio con Chanchellor, sugli sviluppi di un calcio d'angolo e complice la svista dell'intera retroguardia. La Sampdoria, flagellata dalle assenze, soprattutto in difesa dove è stato rispolverato il desaparecido Regini, non si...
6 Gen
2020

ALLA FACCIA DI IBRA

La Sampdoria ha conquistato un meritatissimo punto a San Siro contro il Milan del (ri)debuttante Ibrahimovic e al termine di una settimana in cui la ridicola grancassa mediatica milanese etc etc aveva suonato a favore dei rossoneri, relegando i blucerchiati al ruolo di vittima sacrificale. Così non è andata e, anzi, la Samp avrebbe persino meritato di vincere se fosse stata capace di capitalizzare le occasioni create. Comunque il risultato alla fine è giusto. Nonostante il doppio infortunio Ramirez/De Paoli e un ambiente già pronto a celebrare Ibra e i suoi miracoli, Ranieri e la squadra hanno fatto blocco, difendendosi con le unghie e con i denti e rilanciando persino con efficacia sino agli ultimi undici metri. La differenza l'ha fatta Donnarumma ma anche il vituperato Audero è stato preciso ed efficace. Un bel pari, che muove la classifica e infonde fiducia in vista dello "spareggio" con il Brescia, dove l'allenatore però dovrà contare i resti (Colley in squalifica, Ramirez ...
18 Dic
2019

FINALE DOLCEAMARO

Dopo la dolce vittoria nel derby, per la Sampdoria è arrivata l'amara sconfitta con la Juventus. Amara perché la squadra di Ranieri - considerato l'enorme divario tecnico con gli avversari - non ha demeritato ed un eventuale pareggio non avrebbe fatto gridare allo scandalo. La Samp semmai ha pagato a caro prezzo qualche errore individuale - di Murru ed Audero in particolare - oltre allo strapotere di Cristiano Ronaldo, due spanne, è il caso di dirlo, sopra a tutti gli altri. Ranieri aveva schierato una formazione prudente, con Ramirez in appoggio alla sorpresa Caprari. Sarri aveva risposto con il tridente delle stelle Dybala-Higuain-Ronaldo. E proprio la rete di Dybala al volo dopo diciotto minuti di partita aveva lasciato presagire il peggio per la Sampdoria. Invece i blucerchiati avevano saputo reagire sino a trovare il pareggio con Caprari, dopo che Ramirez e De Paoli avevano a loro volta sfruttato una leggerezza di Alex Sandro in uscita. L'1-1 alla fine del primo tempo sembrava...

UN CALCIO AL VIRUS

Europei rinviati al 2021 e dunque spazio per concludere i campionati nazionali e le coppe internazionali entro giugno. E’ questa [&hellip

STOP AND GO

E adesso? E’ questo l’interrogativo che il mondo del calcio, dirigenti, calciatori, tifosi e giornalisti, si è posto al fischio [&hellip

DECADUTI

Dopo il consiglio di amministrazione, decade anche la squadra. E la Sampdoria si trova a vivere uno dei periodi più [&hellip

LA NEBBIA (DISSOLTA) AGLI IRTI COLLEY

La Sampdoria ha vinto una partita importantissima all’Olimpico contro il Torino, a cui non è bastato il cambio di allenatore [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta