13 Ott
2019

CI PROVA SIR CLAUDIO

Da alcuni mesi la linea editoriale di Primocanale è fortemente critica nei confronti di Massimo Ferrero e della sua gestione della Sampdoria, della quale prima o poi sarà chiamato dai fatti a rendere conto, anche e soprattutto alla luce del mancato accordo con il Gruppo Vialli per la cessione della società. Un'occasione straordinaria per garantire alla Samp un futuro in mani, professionalmente e finanziariamente, sicure. Con le sue eleganti ma acuminate parole, pronunciate dal ritiro della Nazionale, colui che poteva essere il prossimo presidente della Sampdoria ha messo per ora e forse per sempre una pietra tombale sull'operazione a stelle strisce. Nonostante questo, la linea editoriale di Primocanale, spinta non certo da interessi personalistici ma dalla forte e fondata preoccupazione per il destino della Samp, nei confronti di Ferrero non muta.Tra ...
5 Ott
2019

MA IL PESCE PUZZA DALLA TESTA O DALLA CODA?

Mentre scrivo, dopo la sconfitta della Sampdoria a Verona (sesta su sette partite di campionato), Di Francesco è in bilico. Lo ha appena dichiarato il Viperetta: "Di calcio io non capisco niente, ci riuniremo tutti insieme e se ci saranno decisioni le comunicheremo". La frase suona da epitaffio e le ombre di Pioli e Iachini (con outsider Ranieri) si stagliano all'orizzonte del tecnico abruzzese, anche se non è ben chiaro chi siano i "tutti insieme" (Osti? Pecini, Romei? Desaparecidi da tempo). Difra, sia chiaro, personalmente non ho mai molto capito dove volesse andare a parare, tanti e tali sono stati dall'inizio della stagione e al di là dell'innegabile impoverimento tecnico i cambiamenti di sistema di gioco e di calciatori: ad oggi, per esempio, non mi è chiaro quale sia l'organizzazione tattica della Samp e chi siano i titolari e chi le riserve. Detto ciò e dato a Di Francesco quel che è di Di Francesco a livello di responsabilità, se sarà lui a pagare per tutti per lo sce...
28 Set
2019

POST MUTO

Giuro, non è una questione di mancanza di volontà di lavorare. Ma non vi va di scrivere niente, perché dovrei sparare sulla croce rossa e questa croce rossa è la mia, la nostra amata Sampdoria. Scrivete voi, vi leggerò con piacere. Io quello che avevo da dire l'ho detto, anche in tempi non sospetti e attirandomi qualche antipatia. Adesso tocca ad altri. Posso solo aggiungere che è una tristezza arrivare allo stadio e vedere che per l'attuale Sampdoria la principale preoccupazione è "minacciare", con tanto di volantino consegnato all'ingresso, chi magari fa una foto della Sud dalla tribuna stampa per metterla sul sito. E' l'era moderna, si dirà, sono i regolamenti. Tutto giusto, tutto vero. Tutto spaventoso. A voi. ...
26 Set
2019

SINCHE’ LA BARCA… AFFONDA

Giusto due cosette sulla sconfitta di Firenze, la quarta in cinque partite. Ok che Murillo non era da espellere, ok che se entra la traversa di Rigoni magari cambia qualcosa, ok, ok, ok... Ma se qui non si prende coscienza che questa è una stagione pasticciata, il rischio è enorme. Ribery, da solo, vale mezza Samp: assist e tre ammonizioni provocate. Non c'è qualità, non c'è organizzazione, non c'è gioco. Di Francesco è l'ultimo colpevole di quanto sta accadendo, ma qualunque allenatore, all'espulsione di Murillo, avrebbe subito reagito inserendo un difensore centrale. Non lui. Ed è arrivato il raddoppio di Chiesa. Non ce l'ho con Difra, che è sicuramente un ottimo allenatore, ma anche lui è ormai travolto dalla concatenazione degli eventi negativi, è evidente. Non gli hanno preso i giocatori adatti al suo modulo, allora ha provato ad adattarsi lui. Con rimedi peggiori del male. Che, in assoluto, peraltro ha solo un nome e un cognome. Massimo Ferrero. Nel senso che se il pe...
22 Set
2019

OSSIGENO MA NON PER IL CONTESTATO FERRERO

Primo gol su azione, prima partita conclusa senza subire reti e primi tre punti in campionato per la Sampdoria di Eusebio Di Francesco, che ha meritato la vittoria contro un Torino messo alle corde sin dall’inizio. I blucerchiati schierati con tre difensori, pronti a diventare cinque per i ripiegamenti di De Paoli e Murru, sono parsi più solidi e tutta la squadra nel complesso più equilibrata. I due mediani Ekdal e Vieira hanno svolto un gran lavoro, Rigoni ha fatto il pendolo, peraltro non benissimo, tra centrocampo e attacco, Quagliarella e Gabbiadini vicini hanno avviato finalmente le prove di dialogo. Gran tifo da parte della Gradinata Sud e dei tifosi, che hanno raggiunto la quota ufficiale di 17.026 abbonati. Qualche decina meno dell’anno scorso, ma lo zoccolo duro regge. Molti anche i cori contro Ferrero, ma soltanto prima e dopo la gara. Il presidente era allo stadio e se ne è andato via leggermente prima del fischio finale. Pollice verso solo per le condizioni del Ferr...
14 Set
2019

LA FINE DI UN CICLO

La Sampdoria ha perso a Napoli la terza partita su tre, subendo in totale nove gol senza segnarne alcuno su azione. Di Francesco ha schierato tre formazioni diverse e al "San Paolo" ha pure radicalmente cambiato modulo, rispolverando persino Regini. Con gli stessi risultati, a parte qualche occasionale sussulto nel primo tempo dilapidato dal neo acquisto Rigoni. Un bilancio - al di là dello score e della situazione di classifica - raccapricciante per il modo in cui è maturato, ovvero al termine di operazioni complesse e confuse. E' la fine di un ciclo, quello targato Massimo Ferrero. Che ha pure avuto dei meriti, sebbene non si possa dimenticare che è scattato dai nastri di partenza della sua gestione con un doppio vantaggio: non ha pagato la società e si è ritrovato il pieno di benzina finanziaria nel motore. Lui, però, questa meravigliosa macchina blucerchiata, pur bistrattandone la carrozzeria con uscite e condotte spericolate e maldestre, l'ha condotta brillantemente attrave...
2 Set
2019

LIBERACI DAL MALE

Sette gol subiti, uno solo realizzato su calcio di rigore: è questo il bilancio delle prime due giornate di campionato per la Sampdoria di Eusebio Di Francesco, tristemente ultima in classifica per differenza reti. Dopo la disfatta casalinga contro la Lazio, ne è arrivata un'altra in trasferta contro il più modesto Sassuolo. E se a ciò aggiungiamo che con il Crotone in Coppa Italia era andata di lusso perché gli avversari avevano sprecato più volte il raddoppio, ecco che tre indizi costituiscono una prova: questa squadra è fortemente indebolita e non ha nemmeno più un'organizzazione a cui aggrapparsi, anzi, è proprio senza capo né coda. O senza equilibri, come ha detto l'allenatore, cioé colui che gli equilibri dovrebbe darli. Vero è che Difra sul mercato sino ad oggi è stato preso in giro (vediamo cosa succederà nell'ultimo giorno), ma è altrettanto vero che in queste prime due (tre con la Coppa Italia) uscite stagionali non si è visto proprio nulla di nulla. Quindi, ...
26 Ago
2019

IMBARAZZANTE

Peggior esordio non poteva esserci, al di là della sconfitta. Nel pomeriggio l'ennesima sparata di Ferrero sulla trattativa con Vialli, che non è una vera e propria retromarcia ma ci assomiglia molto. Alla sera l'armata brancaleone di Di Francesco in balia della Lazio per tutta la partita. Il risultato è stato la logica conseguenza di una situazione grottesca, imbarazzante, figlia di una società in totale confusione e di un mercato sin qui completamente immobile (forse bisognerebbe scrivere Immobile, ma non c'è molto da scherzare). Stavolta non è, non può essere colpa di Giampaolo. Anzi, come ho sempre sostenuto, la sua organizzazione sopperiva a individualità non eccelse: con la Lazio, temo, abbiamo visto il vero Bereszinsky. Tanto per fare un nome e senza voler gettare la croce addosso a nessuno. Meno che meno a Di Francesco, forse un tantino presuntuoso (o iper coerente) nel voler portare avanti il suo sistema di gioco senza avere gli uomini adatti ma non per questo pro...
22 Ago
2019

I QUARANTA GIORNI PIU’ LUNGHI NELLA STORIA DELLA SAMPDORIA

Dopo mesi in cui Massimo Ferrero aveva bollato la trattativa con il Gruppo Vialli come una buffonata (“Gli state facendo fare una brutta figura”, aveva urlato in faccia ai giornalisti), oggi il Viperetta ha comunicato di avere firmato, attraverso Holding Max srl, una lettera di intenti con il Consorzio CalcioInvest LLC (guidato dall’ex “gemello” con gli investitori Jamie Dinan e Alex Knaster) in relazione all’acquisto di U.C. Sampdoria spa. La trattativa, insomma, non solo non è una “buffonata” ma esiste e proseguirà in esclusiva sino a settembre “con il fine auspicato di concludere l’operazione”. Ferrero chiude il suo sospirato comunicato elogiando Vialli, che in passato aveva persino cercato di mettere in cattiva luce additandolo grottescamente come un personaggio in cerca di pubblicità. Ora, per fortuna, anche per il Viperetta il sommo Gianluca è diventato “persona di grande spessore e indiscussa leggenda della storia blucerchiata”. Ma non è quest...
19 Ago
2019

BENE LA VITTORIA DI CROTONE, MA IL VIPERETTA “SCHERZA” CON IL FUOCO. E CON DIFRA

Vincere in trasferta a Crotone, di fronte a ottomila tifosi avversari - peraltro ben fronteggiati dai temerari omologhi blucerchiati – e dopo essere andata sotto di un gol, non era facile. La Sampdoria, però, c’è riuscita, superando il turno di Coppa Italia, guadagnandosi la sfida con il Cagliari a dicembre. E questo è un indubbio merito della squadra di Di Francesco. Il quale, tuttavia, con onestà intellettuale ha riconosciuto che la prestazione allo Scida non è stata del tutto convincente, anzi. La Samp ha vinto in virtù della maggiore qualità dei suoi attaccanti rispetto agli avversari ma ha subito a lungo l’iniziativa del Crotone. La retroguardia ha spesso ballato, il solo Murru è parso all’altezza della situazione mentre Bereszinsky e la coppia centrale Murillo-Colley sono parsi spaesati. A centrocampo è pesata la mancanza di Praet, mal sostituito da uno Jankto in versione giampaoliana. Luci ed ombre per Vieira, colpevole sul prima gol ma autore del sontuoso lanc...

CI PROVA SIR CLAUDIO

Da alcuni mesi la linea editoriale di Primocanale è fortemente critica nei confronti di Massimo Ferrero e della sua gestione della Sampdoria, della quale prima [&hellip

MA IL PESCE PUZZA DALLA TESTA O DALLA CODA?

Mentre scrivo, dopo la sconfitta della Sampdoria a Verona (sesta su sette partite di campionato), Di Francesco è in bilico. [&hellip

POST MUTO

Giuro, non è una questione di mancanza di volontà di lavorare. Ma non vi va di scrivere niente, perché dovrei [&hellip

SINCHE’ LA BARCA… AFFONDA

Giusto due cosette sulla sconfitta di Firenze, la quarta in cinque partite. Ok che Murillo non era da espellere, ok [&hellip

Search

Articoli recenti

Commenti recenti

Archivi

Categorie

Meta