BRACCINO CORTO

14 Mar 2021 by Giovanni Porcella, 8 Commenti »

Il Ko di Roma e il pareggio con qualche rimpianto nel finale con l’Udinese sono figli del calcolo. Il Genoa dopo una grande e meritata rincorsa sotto la gestione di Ballardini, ora sta facendo i suoi conti, ma ho paura che si sia fatto troppo in fretta a passare a questa fase. Con Sampdoria e Udinese due punti ci possono anche stare, ma forse si è persa l’occasione di sistemare le cose battendo un colpo. Ora Parma e Fiorentina. Una delle due va vinta per assorbire in seguito i viaggi in casa della Juve e del Milan. Poi ci saranno Benevento e Spezia al Ferraris. Io vedo il bicchiere mezzo pieno, credo che 38 punti possano essere sufficienti a rimanere in A, ma si deve osare di piu’. Il braccino corto di chi ha paura ora e’ dannoso. Con l’Udinese ci siamno illusi, poi abbiano sofferto e infine imprecato per il palo di Behrami e non solo. Super Pandev, ottimo rientro di Biraschi bene la capacita’ di fare gruppo. Ma in avanti abbiamo creato poco e Scamacca resta un po’ troppo ai margini. Ma Ballardini sa cosa fare.

8 Commenti

  1. PieroValleregia ha detto:

    buona domenica a tutti
    ritengo il pari di ieri sera giusto anche se dispiace per le due nitide occasioni non finalizzate nei minuti finali ma anche i friulani hanno avuto due (potenziali) possibilità con Pereyra di fare grossi danni.
    Su Roma sorvolo e, in finale aggiungo una cosa: non amo la tecnologia (men che meno nello sport) ma se ieri sera non ci fosse stato il var, il signore vestito da arbitro (che ricordava il “violinista” di altrimenti ci arrabbiamo), non avrebbe dato buona la rete di Pandev e probabilmente convalidato il primo goal udinese …
    Tra crociati e viola servono quattro punti
    un saluto
    Piero e famiglia

  2. giovanni ha detto:

    Mi spiace ma io vedo il bicchiere tutto vuoto. Il mister ha fatto miracoli trasformando una squadra che fuggiva davanti alla palla, ad una che raddoppia e anche triplica su ogni azione. L’attacco è solo Pandev sino alla sua pensione, almeno, gli altri decantati fenomeni acquistati dalla Juventus, stanno giocando come ragazzi da oratorio, la difesa lascia buchi che gli avversari sfruttano al meglio. La piaga degli annunci di mercato, da allora Scamacca e Rovella sembra che ritirino le gambe. L’unica soluzione è la rifondazione di società e squadra, con i rammendi giocheremo sempre al gatto e al topo e, prima o poi faremo la fine del sorcio
    Con ossequi.

  3. Albion ha detto:

    Secondo me il problema è che il Genoa difficilmente riesce a recuperare e/o ribaltare un risultato. Questo si preoccupa, una volta in svantaggio possiamo solo fare il compitino e basta, ovvero abbiamo giocato bene, tenuto testa ma stringi stringi zero punti o un pareggino. Quest’anno è spesso successo questo. A Parma, vero crocevia della stagione, occorre pure attaccare e possibilmente fare gol non aspettando di essere sotto .
    Come ho già scritto le squadre coinvolte nella retrocessione sono molte e tutte molto agguerrite, fare punti con quelle alla nostra portata vale doppio. Per questo mi frega il giusto delle parole di elogio che l’allenatore ha sempre nei confronti della squadra, a volte occorre vincere e basta, anche giocando male.

  4. bruno ha detto:

    Buonasera a tutti. Questo così detto momento di appannamento del Genoa, nn mi sembra tale. Abbiamo pareggiato un derby che sappiamo quanto sia difficile questa partita… Pareggiato col Torino ed abbiamo visto l Inter quanto ha sudato x portare via la vittoria con i granata . Inoltre perso appunto con l Inter che vincerà il campionato, nonché a Roma per 1 a 0. Con arbitraggio scandaloso. Ieri fatto 1 a 1 contro una squadra in questo momento molto forte…. Direi che ci sta tutto. Se ci preoccupiamo noi, cosa dovrebbero dire appunto Cagliari, Torino. Parma e fiorentina…. Squadre costruite per ben altri obbiettivi che nn la salvezza. Il fatto che x noi segnino quasi tutti i goals le punte nn la vedo una cosa negativa… Anzi! Sarebbe peggio il contrario… Mentre Pandev è solo una conferma che la classe di chi ha vinto molto nn è acqua. D’altronde anche dall altra parte vediamo Quagliarella cosa ha fatto in questi anni.

  5. Ponente 74 ha detto:

    Ciao a tutti. Ottimo punto, anche se Zajc e Behrami nel recupero potevano regalarci la vittoria, contro una delle squadre più in forma del momento. Rimane il rammarico che tra le due, forse la partita da vincere era il derby ma spero che quei due punti persi non influiscano più di tanto su una salvezza tranquilla. Ma a Parma occoŕre fare risultato, senza assolutamente perderla, sperando che loro, col vitello in pancia, facciano degli errori e noi pronti ad approfittarne. Spero che ci sia da parte nostra un miglioramento della condizione fisica, ben consapevoli che nelle prossime due ci si gioca un bel pezzo di stagione, poi juve e Milan, poi le due fondamentali in casa contro Benevento e spezia. Credo comunque che con lo Zio siamo in più che buone mani.

  6. bruno ha detto:

    Buonasera a tutti…. Scusate ma pochi giorni fa si è detto come fosse un problema che la quasi totalità dei gol del Genoa sono stati realizzati solo dagli attaccanti…. Ora oggi leggo che il Genoa ha il problema atavico dell attacco e che dal tempo di Piatek esiste il problema che gli attaccanti nn segnano… Mah in sostanza io nn capisco….

    • Giovanni Porcella ha detto:

      Il significato è che da 4 anni abbiamo i numeri sui gol fatti da retrocessione. Un po’ per la mancanza di un boimber forte, fallimenti sono evidenti, ma anche perchè non abbiamo neppure un centrocampista da sei o sette reti a campionato. E se poi non facciamo giocare uno come scamacca…

  7. Paolo ha detto:

    Ciao a tutti. Del trittico Udinese, Parma e Fiorentina all’andata ne abbiamo pareggiata una e perse 2. Al ritorno, con lo zio Balla, siamo già a 4 punti e dobbiamo ancora affrontare i viola. La vittoria di stasera regala tranquillità a tutto l’ambiente e ci porta in una posizione di classifica più consona al valore di questo gruppo. Finalmente s’è svegliato Scamacca. Speriamo che sia l’inizio di una lunga serie di goal che consenta al Genoa di salvarsi con congruo anticipo e, soprattutto, sorpassare i cari cugini e metterseli dietro a fine campionato. Se penso a tutti i punti che avremmo potuto fare, se lo zio fosse arrivato prima, mi viene uno sciuppun de futta. Ora testa alla viola e pensiamo ad arrivare ai fatidici 40 punti al più presto, così nelle ultime partite potremo anche pensare a toglierci qualche soddisfazione. Che peccato che non possa esserci il pubblico. Sai che polveriera sarebbe il Ferraris? Speriamo che questo incubo finisca presto, perché non se ne può più. In tutti i sensi.
    Sempre Forza Vecchio Balordo.

Lascia un commento

SCAMACCA, L’ASSO CALATO DALL’ALTO NEL MOMENTO PIU’ BUIO

Il volto di Preziosi in tribuna al Tardini alla fine del primo tempo era lo spot della delusione. Un Genoa [&hellip

BRACCINO CORTO

Il Ko di Roma e il pareggio con qualche rimpianto nel finale con l’Udinese sono figli del calcolo. Il Genoa [&hellip

AVANTI PIANO ANCHE NEL DERBY, MA L’ATTACCO NON INCIDE PIU’

In un derby giocato a tratti di qui e di la, ma senza incidere il pareggio è parso facesse comodo [&hellip

GENOA VIRTUALE, ORA IL DERBY

Tutto da copione. Il Genoa va a Milano con la super Inter lanciata verso lo scudetto e perde 3-0. Poteva [&hellip

Follow Me!

Follow Me! Follow Me! Follow Me! Follow Me!

Search

Archivio