Euroballa, ma ci sara’ da soffrire e se va via Scamacca serve un attaccante

24 Gen 2021 by Giovanni Porcella, 12 Commenti »

Ballardini mi hanno detto che prima della partita col Cagliari ha ripetuto un concetto: se non facciamo risultato vanifichiamo tutta la nostra rimonta. Missione compiute. Il successo sui sardi è fondamentale e porta lo score personale di Ballardini a 11 punti in 6 partite con una media da qualificazione in Champions. E’ chiaro che nessuno sogni di tenere un andamento simile per cui ora c’è da pensare al Crotone e al mercato. Col Cagliari buon inizio, padronanza del campo poi 20 minuti ai remi con tanta sofferenza. Anche nella ripresa stesso copione ma con pure due o tre occasioni enorme per chiudere il match. Questo ci dice che il bunker tiene, tre partite e un pezzo senza subire gol con Perin straordinario su Simeone, ma ci dice pure che a parte Destro fare gol è un problema. La società non si adagi dopo il colpo Strootman e il buon innesto di Onguene. Sì perché il fatto che Scamacca non giochi piu’ significa che è congelato e si vede chiaramente che la batteria offensiva ha perso un pezzo notevole. Lammers sarebbe l’ideale e Gaich ha un gran fisico, ma avventure sono rischiose. Girare a 18 punti è un segnale a tutti quelli che lottano per non retrocedere col Genoa, ma lo è anche per lo spogliatoio rossoblu’. Un chiaro segnale di risvgelio, di voglia di lottare e anche di stringere i denti. Prima dell’arrivo di Ballardini tutti avrebbero firmato per choudere l’andara a 15 o a 16 punti. Si è andati oltre con lo zio idealmente abbracciato con tutta la squadra prima della partita coi sardi a Genova Est dai tifosi. Un abbraccio che ha scaldato gli animi, ricambiato dai giocatori alla fine davantio alla Nord vuota ma che si è fatta sentire. Ora servono sei vittorie in 19 partite, non ci  vogliono errori in questa settimana di trattative e nessuno molli la presa credendo di fare una passeggiata. Personalmente le tre che andranno in B non me le immagino ancora. Ho qualche idea ma per ora me le tengo per me accontentandomi della svolta poderosa portata dal mister di Ravenna.

12 Commenti

  1. PieroValleregia ha detto:

    buonasera
    … vittoria meritata; migliori Criscito, Perin nel primo tempo e Radovanovic … bene Badelj, gran partita di Zappacosta.
    Il Cagliari escluso i due tiri nel primo tempo, non ha prodotto tiri in porta tanto che Perin nel secondo tempo è stato inoperoso a differenza di Cragno che ha fatto un paio di parate importanti . Le occasioni di Zajc, Zappacosta, Eldor e Pandev nel secondo tempo, non si devono sbagliare
    un saluto…
    Piero e famiglia

  2. Fabrydt ha detto:

    Buongiorno a tutti,
    Il Genoa funge un po’ da centro riattiva per i giocatori, Destro segna ma non solo, da fastidio alla ripresa del gioco avversario salta l’uomo conquista falli cosa francamente impensabile dopo le sporadiche apparizioni dello scorso anno. Radovanovic scopriamo che fino alla passata stagione ha giocato sempre fuori ruolo, un vero e proprio frangiflutti, le prende quasi tutte di testa le uncina in innumerevoli modi con il piedone e rilancia non sempre con precisione ma spesso riesce a mettere in moto le punte. Strootman conquista palle su palle e sa sempre cosa farne dopo, quando avrà i 90 minuti il Genoa farà un ulteriore step. Che Mimmo sia in netta ripresa lo testimonia il sempre minore ricorso a falli su falli, lui è così non ci sta ad essere superato e quando sta male fisicamente diventa falloso quando sta bene le prende tutte con tempismo e decisione, Zappacosta finalmente è risalito sulla moto, Badelj soffre ed imposta, ma la nota più lieta di ieri a mio avviso è la definitiva uscita dal tunnel da parte di Mattia Perin, un portiere che ha inciso nelle passate stagioni sotto l’ala del Grifone per non meno 8 punti, finalmente dopo un appannamento sembra essere ritornato sui suoi livelli.
    Se dobbiamo trovare un difetto a sbagliare così tante volte il raddoppio in circostanze meno fortunate si rischia di essere ripresi e superati, ed il Genoa non se lo può proprio permettere. Ora testa a Crotone senza voli pindarici ma con concretezza e sofferenza, vincere sarebbe ottimo ma non perdere sarà fondamentale.
    Per quanto concerne il mercato in uscita come al solito non nutro alcuna speranza mi limito a dire che sarebbe utile evitare di rinforzare squadre nella nostra stessa fascia ma si sa per altri conta solo la borsa.
    FORZA VECCHIO BALORDO

  3. Albion ha detto:

    Condivido le considerazioni espresse da Giovanni Porcella riguardo la partita di ieri, aggiungo solamente il fatto che rispetto a prima ,sei anche un pelino fortunato. Qualche tempo fa Perin i palloni li raccoglieva in fondo alla rete senza neppure buttarsi, oggi no. La lotta per non retrocedere sarà avvincente perché, secondo me, coinvolgerà molte squadre. Quindi non bisogna mollare e credo che il Genoa non lo farà.
    Dal mercato mi aspetto una bella punta di quelle pronte e potenti. E se capitasse anche un centrocampista esperto in grado di fare le 2 fasi. D’accordo su cedere Sturaro, Lerager e altri che mi piacerebbe se ne andassero ma non li voglio nominare…..
    Avanti tutta.

  4. Giulio ha detto:

    Ciao Giovanni
    Volevo solo dire che oltre ai sopracitati,merita una menzione anche Strootman!
    Finché il fiato lo sorregge a me sembra un giocatore di un’altra categoria…
    Ora testa al Crotone,perché potremmo fare un bel salto verso un campionato più tranquillo

  5. Filippo ha detto:

    Il pullman davanti alla porta tiene ed è una buona notizia.
    Il rischio è che quest’anno la quota salvezza potrebbe essere alta. Tante squadre in pochi punti e molte con rose attrezzate per altri tipi di campionati (vedi Cagliari e Toro). Quindi non possiamo stare tranquilli se non portiamo a casa più di 20 punti nel girone di ritorno.

  6. Paolo ha detto:

    Finalmente Vi ritrovo!
    Ciao Giovanni e bentornato. Pensavo che avessi interrotto definitivamente i contatti a causa di questa dannata situazione in cui ci troviamo tutti quanti, ma vedo che hai ripreso da un paio di settimane e questo mi tranquillizza e mi fa un enorme piacere.
    Un caro saluto anche ai Fratelli del blog che vedo tutti presenti e più combattivi che mai.
    Che dire. Sono d’accordo con la tua analisi e con ciò che è stato scritto fin qui. Una volta tanto il joker ha fatto un atto d’umiltà e s’è deciso ad affidare nuovamente il nostro amato Grifone alle sapienti cure dello zio Balla, e gli effetti si sono visti immediatamente.
    La difesa non è più un colabrodo, il centrocampo fa filtro e l’attacco bene o male almeno una la butta dentro.
    Certo, non possiamo pretendere di vedere chissà quale gioco, ma sono sulla stessa linea di Bruno (a proposito: ben trovato anche a te amico carissimo) quando nel suo commento al post di 2 settimane fa ha scritto che non ci dobbiamo aspettare il bel gioco da Ballardini. La sua impostazione è questa e la conosciamo bene. Del resto, quando si tratta di tirare fuori una squadra dalle secche del fondo classifica non si deve andare tanto per il sottile. Poco o nessuno spazio ai fronzoli, difesa di ferro e sfruttare ogni minima occasione che ti si presenta.
    Pertanto, quando ci troveremo in una posizione più tranquilla di quella attuale, anch’io sono dell’idea che nessuno dovrà permettersi di contestare l’allenatore perchè non si vede il bel gioco. Ormai nel calcio di oggi contano solo i risultati e se vengono attraverso il bel gioco bene, altrimenti vengano come vengano. L’importante è che arrivino.
    Comunque non facciamoci illusioni. Siamo appena a metà campionato e le partite sono tante. L’importante è non sbagliare negli scontri diretti, a cominciare da quello di domenica prossima a Crotone. In questo girone abbiamo vinto con Crotone, Spezia, Bologna e Cagliari, ma abbiamo perso con Torino , Parma e Udinese.
    I punti da fare, sulla carta, sono 22 per raggiungere la quota salvezza standard di 40, ma, secondo me, questo Genoa ha i mezzi e gli uomini per farne ben di più.
    L’importante è che in quest’ultima settimana di mercato Preziosi non dia via alcuni giocatori che possono tornare sempre utili alla causa (vedi Ghiglione e Lerager) e che trovi ancora un altro esterno che possa costituire una valida alternativa a Zappacosta, nonché una punta qualora vada via Scamacca. Però, se resta, quest’ultimo sarà una pedina importantissima per l’attacco, perché i numeri li ha e una volta libero dai pensieri del mercato sono sicuro che il Balla gli darà modo di metterli in mostra. Strootman un gran colpo. Se starà bene fisicamente è una garanzia in mezzo al campo. Non dimentichiamoci come giocava nella Roma di Garcia prima di rompersi il crociato. Era un’iradiddio ed era inamovibile.
    Avrei ancora tante cose da dire, ma mi fermo qui.
    Scusate se sono stato un po’ logorroico, ma mi siete mancati tutti e sono veramente felice che siate tornati.
    Giovanni, mi raccomando! Se dovessi interrompere nuovamente le trasmissioni avvisaci e non farci stare più in pensiero.
    Un grande abbraccio a tutti quanti e a presto.
    SEMPRE FORZA VECCHIO BALORDO.

  7. Paolo ha detto:

    Che bello ritrovarvi!
    Ciao Giovanni e bentornato!
    Temevo che avessi interrotto il blog, visto il periodo drammatico che stiamo vivendo, ma, per fortuna, non è così e ne sono felice.
    Ma parliamo del nostro Genoa.
    Per fortuna il joker ha fatto un passo indietro e s’è riaffidato all’unica persona in grado di portare fuori la squadra dalle secche della bassa classifica. I risultati sono sotto gli occhi di tutti.
    Concordo con quanto detto fin qui, ma soprattutto con quanto scritto da Bruno (a proposito, ben ritrovato amico carissimo) 2 settimane fa. Quando il Balla avrà messo in sicurezza la classifica nessuno storca il naso per il gioco. Quando si lotta per non retrocedere non si va tanto per il sottile. Difesa di ferro, centrocampo che copre e attacco che la butta dentro non appena si presenta l’occasione. Bisogna fare almeno 22 punti per arrivare a quota 40 e non sappiamo se basteranno. Le squadre invischiate quest’anno sono più forti di quelle degli anni scorsi e non credo che il Torino e il Parma staranno fermi nei bassifondi per molto.
    Ottimo il colpo di Strootman. Se torna quello che era sarà un vero pilastro per il centrocampo. A Roma se lo ricordano molto bene.
    Ora bisogna trovare un esterno che sia una valida alternativa a Zappacosta e un attaccante nel caso vada via Scamacca. Io spero che resti, perché il ragazzo ha i numeri e una volta finito il mercato invernale state tranquilli che il Balla lo getterà nella mischia al momento opportuno e saprà fornire il suo contributo. Spero che non venda Ghiglione (Lerager ormai è andato da Nicola), altrimenti le alternative sulla fascia saranno veramente un rebus.
    Il girone di ritorno sta per iniziare e domenica incontreremo una diretta concorrente. Ormai non si può più sbagliare, soprattutto contro le altre pericolanti. Gli scontri diretti saranno decisivi. Abbiamo vinto con Crotone, Bologna, Spezia e Cagliari, mentre abbiamo perso con Torino, Udinese e Parma. Dobbiamo vincerle tutte e poi fare 3 o 4 pareggi ed è fatta. Non sarà per nulla semplice, ma abbiamo un allenatore che sa il fatto suo e sono fiducioso.
    Poi si penserà anche al bel gioco, anche se gli uomini per averlo ci sono già. Vedremo.
    Scusatemi se mi sono dilungato, ma sono troppo contento di avervi ritrovati.
    Un grande abbraccio a tutti e sempre
    FORZA VECCHIO BALORDO.

  8. Paolo1893 ha detto:

    Ciao Giovanni, ben ritrovato. Partita vinta di forza e di squadra per la serie tutti per uno uno per tutti.
    Grazie a Strottman anche Badelj trova beneficio. Buona anche la prestazione di Zajc. Ci vorrebbe maggio cinismo sottobporta di Eldor. Se andasse via Lersger come sembra sarebbe buono rimpiazzarlo con Lemina vista l’elettricità di quest’ultimo.A Crotone si va per vincere ma comunque non perdere. Il campionato é molto difficile, almeno uns tra le più bladonare per me va giu.
    Avanti così.
    Forza Genoa
    Paolo

  9. Gufy ha detto:

    Mah, la partita col Cagliari la vedo in modo pessimistico: troppi gol sbagliati, innanzitutto. E non sono stati sbagliati perché il portiere ha fatto il miracolo, sono stati gol mangiati di brutto. E se questo lo fai con squadre tipo alta classifica, non ti perdonano.
    E poi un po’ di fortuna a ns. favore, in gol sùbito e il Cagliari un po’ appannato.
    Concordo che la migliore notizia, invece, è stata la prestazione di Mattia Perin (che, a mio avviso, si è rovinato la carriera proprio lasciando il Genoa, non avrebbe dovuto farlo!) se continua così può aspirare a un posto in alto, ma deve giocare, non può stare in panchina dietro Sczeczny (comunque sono decisioni sue…).
    Fatto malissimo a cedere Sturaro.
    Ballardini si conferma uomo da mari tempestosi, come ho sempre detto: uno specializzato in incasinamenti. Che dobbiamo ringraziare perché quest’anno si stava mettendo proprio male.
    Però io preferisco Gasperini, lo scrivo bene e in chiaro.

  10. Finnrico ha detto:

    Sabato, 31.1.2021

    Caro Giovanni,

    lasciami dire una cosa: il mercato è aperto da un mese, è scandaloso che noi si debba stare appesi a un filo fino all’ultimo secondo, aspettando che la Giuve si decida se prendere Scamacca o no. Non vorrei che si restasse con il cerino spento in mano. Sono giochetti che non fanno bene a nessuno, né alle società né ai ragazzi coinvolti in queste manfrine.

    Che il prescelto per sostituire Scamacca sia Niang, Cutrone o Pentolino, dovrà pur fare le visite mediche e completare le pratiche di rito, no? E se poi salta fuori un intoppo? Almeno l’anno scorso la Primavera aveva un centravanti semi-pronto come Bianchi per coprire eventuali buchi, quest’anno gli attaccanti che abbiamo mi sembrano ancora un po’ acerbi. Speriamo bene.

  11. Fabio Alabastro ha detto:

    Ciao a tutti, un saluto particolare al padrone di casa.
    Caro Giovanni, mi sono accorto solo poco tempo fa che hai ripreso la tua rubrica di GrifHouse. Spero continui perché è bello e avvincente confrontarsi con chi ha il Genoa nel cuore, anche se al momento non ci sono troppi partecipanti, ma si può ricominciare piano piano e sicuramente aumenteranno di numero…
    Contento del momento positivo, facciamo gli scongiuri, non dico niente, per ora.

  12. Ponente 74 ha detto:

    Ciao a tutti, un saluto particolare al padrone di casa.
    Caro Giovanni, mi sono accorto solo poco tempo fa che hai ripreso la tua rubrica di GrifHouse. Spero continui perché è bello e avvincente confrontarsi con chi ha il Genoa nel cuore, anche se al momento non ci sono troppi partecipanti, ma si può ricominciare piano piano e sicuramente aumenteranno di numero…
    Contento del momento positivo, facciamo gli scongiuri, non dico niente, per ora.

Lascia un commento

GENOA VIRTUALE, ORA IL DERBY

Tutto da copione. Il Genoa va a Milano con la super Inter lanciata verso lo scudetto e perde 3-0. Poteva [&hellip

Genoa mai domo, ma stanco. Ora il Balla deve pescare in panchina

Avanti cosi. Il Genoa non molla mai e col Verona l’ha dimostrato ancora una volta. Sette partite di fila senza [&hellip

OCCHIO AL VERONA, MA QUESTO GENOA ISPIRA FIDUCIA

Stavolta il Verona non sarà in infradito. Tutta un’altra musica con la squadra di Juric rispetto al finale della stagione [&hellip

Euroballa, ma ci sara’ da soffrire e se va via Scamacca serve un attaccante

Ballardini mi hanno detto che prima della partita col Cagliari ha ripetuto un concetto: se non facciamo risultato vanifichiamo tutta [&hellip

Follow Me!

Follow Me! Follow Me! Follow Me! Follow Me!

Search

Archivio