Presidente tocca a lei se crede ancora nella salvezza

13 Gen 2020 by Giovanni Porcella, 67 Commenti »

Non credo che l’effetto Nicola sia gia’ finito, ma insisto nel mio mantra: caro presidente Preziosi compri, nel senso di comprare con soldi, qualcuno. Se crede ancora nella salvezza si lasci andare. Un investimento oggi potrebbe essere piu’ redditizio di un risparmio di cui non si capisce  la strategia. A gennaio, è vero, è difficile fare colpi ma in passato lei li ha fatti e la barca era stata raddrizzata. Ecco non vorrei che si facessero troppi calcoli, il Genoa nella sua storia ha gia’ pagato il prezzo di queste “politiche” e non solo con lei presidente. C’è ancora un po’ di tempo ma non serve piu’ aspettare. La corsa mi pare su Lecce, Brescia e Spal (tre club che percepiscono molti meno soldi dalle tv rispetto a noi) va vinta, è un dovere. E’ la normalità non un’impresa. In 19 partite servono almeno 24 punti facendo punti negli scontri diretti, ma ora c’è la Roma e poi le trasferte di Firenze e Bergamo. Perdere terreno in questa fase sarebbe devastante. I nomi che girano accostati al Genoa non creano pruriti nella tifoseria già sufficientemente provata dalle ultime stagioni sofferte. Serve uno slancio vero presidente. Tocca a lei adesso come non  mai.

67 Commenti

  1. PieroValleregia ha detto:

    … dopo il primo tempo, lo ammetto, mi ero illuso: tenevamo botta benissimo, occasioni da rete in parità e, l’azione della rete del vantaggio molto bella, poi …
    Poi sostituiti Schoene e Pandev, notte fonda; noi fermi e loro a mille all’ora, rigore tanto stupido (fallo inutile, il loro giocatore non andava da nessuna parte) e poi solito regalo sul 2-1.
    Ma il Verona ha strameritato …
    un saluto
    Piero e famiglia

    • Gabriel ha detto:

      Signor Giovanni si sarà ricreduto ora su Juric??? Con una squadra di nostri scarti ha quasi il doppio dei nostri punti!!!

      • Giovanni Porcella ha detto:

        Guardi a me sti discorsi non li deve fare: intanto l’allenatore da tenere era Gasperini che ci ha portati in serie A e due volte in Europa e quando le cose andavano male ci ha salvati prima di Pasqua. Juric purtroppo per tre volte ha fallito e la società lo ha sostituito con altri allenatori che hanno fatto meglio. Juric pero’ assomiglia un po’ al Gasp in quanto a gioco e a Verona evidentemente ha trovato la chiave giusta. Sono contento per lui ma mi dispiace aver visto la sua esultanza scomposta, almeno quello che allena l’Atalanta aveva motivi in piu’ per farlo per come era stato trattato dopo gli ottimi risultati, il croato poteva stare piu’ calmo, ma evidentemente aveva i suoi motivi.

        • Marco ha detto:

          In effetti anche a parer mio quello che scrive lo approvo in toto.
          Saluti

        • Alessandro Gandolfo ha detto:

          Bravo Porcella, la chiave di tutto è Gasperson: preziosi (lei lo chiama presidente, io nemmeno signor e lo scrivo con la lettera minuscola) si intende di calcio e di affari come io mi intendo di astrologia. Per il calcio basti pensare al fatto di aver fatto scappare il Gasp, per gli affari… Da quando il Berlusca è invecchiato… Povero Genoa.

        • Gufy ha detto:

          L’errore fu allontanare Gasperini.
          Stiamo pagando (caro, molto caro) ancora questo errore, ne sono straconvinto!
          Prima di tutto non si caccia un fior di Allenatore come Gasp, bisogna proprio essere pazzi per trattarlo come è stato trattato.
          E ne paghiamo le conseguenze, non solo in termini di ricerca di un sostituto valido, ma, volendo anche tenerlo nascosto, stiamo patendo proprio la sua assenza, per come è avvenuta, per come si è creata, per tutto.
          Un conto è se se ne fosse voluto andare via lui, ce ne saremmo fatti una ragione, ma così no.
          Così pesa.
          E non si possono fare dei campionati con un fardello così pesante sulle spalle.
          Un pietoso dio sportivo voglia che un Emiro si accorga del Genoa, lo compri e riporti immediatamente qui Gasperini, anche a costo di acquistare anche l’Atalanta!

    • Gabriel ha detto:

      Signor Giovanni, si sarà ricreduto ora su Juric???

      • Giovanni Porcella ha detto:

        Non mi devo ricredere io che ho difeso Gasperini scusi…Juric sarà anche un buon tecnico ma purtroppo per 3 volte lo hanno esonerato con la squadra sempre sul fondo. quindi cosa sta dicendo. Ripeto Juric sarà anche bravo ma al Genoa non ha portato risultati. E ha esultato come se avesse vinto la Champions, come GASPERINI CHE INVECE ALMENO CI HA PORTATI IN A E DUE VOLTE IN EUROPA E ALTRE VOLTE A MARZO ERAVAMOP GIA’ SALVI.ERA QUELLO L’ALLENATORE DA TENERE PORCA L’OCA

        • Seb Genoanissimo ha detto:

          Senza dimenticare la valorizzazione del settore giovanile…

          • Gufy ha detto:

            Gasperini è secondo solo a Osvaldo Bagnoli in TUTTA la Storia del Genoa, dalla nascita ai giorni nostri.
            Ho detto tutto.
            Torna Gasp, abbiamo strabisogno di te!

  2. Mirko Montaldo ha detto:

    Ciao Giovanni,
    è ammirevole questo appello. Ma penso che cadrà nel vuoto, purtroppo.
    La stagione è compromessa e lo è stata dall’inizio con la scelta assurda di scegliere Andreazzoli. Poi Thiago Motta, ancora peggio. Non avere un centravanti. Errori su errori.
    Questa società Genoa è arrivata al capolinea. Nessuno parla, nessuno si espone. IL presidente latita, NIcola è un mezzo allenatore e la squadra non esiste calcisticamente. Ieri il Verona ci ha dato una giostra che sembrava il Real Madrid e in panca c’era Juric. I tifosi si arrabbiano con i nostri ex ma io li capisco perfettamente. Quando incontri una squadra nella quale la tua esperienza è stata fallimentare non vuoi solo vincere: vuoi stravincere. E’ umano, è ciò che tutti fanno per rispetto di se stessi. Inutile prendersela con Juric e Gasperini. SOno professionsisti e persone. E’ che lavorare al Genoa è diventato quasi impossibile, falliscono tutti sistematicamente.
    Per cui inutile comprare ancora altri giocatori. Chiunque venisse probabilmente fallirebbe. Oltretutto la rosa è già abnorme.
    Fine dei Giochi… (ovviamente qui ci andrebbe anche il resto del Brand, ma lo conosciamo.)

    La prima partita che ho visto al vecchio Ferraris era una partita di serie B. Li diventai il Genoano che sono ancora oggi. Il tifoso di una squadra sgangherata e fiera. Il calcio di oggi è cambiato e forse qualcuno vi cerca dentro cose che non ci sono più. Per questo retrocedere è certamente un salto nel buio. Ma per me il Genoa non conta mica in che serie gioca, conta che raccolga attorno a se il suo popolo di sognatori, sgangherati e fieri. Ne saremmo ancora capaci? Ne saranno capaci i ragazzi del 2020, che la serie B non l’hanno mai vista? Non sarà mica questa la vera paura di noi vecchi genoani?
    Per questo auspico che le condizioni che fanno permanere questa società cessino di essere e il Genoa torni libero.
    Io ci sarò, comunque.

    • Giovanni Porcella ha detto:

      Ciao, io ci provo non mi aspetto nulla ma le mie armi, si fa per dire, sono queste poche righe

      • Peter Tosh ha detto:

        Bravo, ma dovresti tentare almeno come avete fatto con Ferrero. Pressione continua, articoli contro per farlo andare via. Scrivere queste dieci righe (peraltro corrette) una volta ogni sei mesi serve a poco se non a nulla. Cominciate a fare vera campagna contro, come avete fatto come Primocanale contro Ferrero. Magari anche i super difensori dell’indifendibile apriranno gli occhi sullo sfacelo che ha creato.

        • Giovanni Porcella ha detto:

          Scusi, ma lei non é onesto nel senso che se avesse ogni tanto le ore, ore, ore, ore, di trasmissioni sportive dedicate al Genoa avrebbe capito che forse quste cose non le avrebbe scritte perché fuori luogo. Va bene tutto ma questa arroganza psicotica merita un attenta analisi di un buon psichiatra, ma forse ancora di piu’ di un libro di buone maniere. Ma lei dov’era quando io sono stato assalito verbalmente al Signorini o dove mi hanno tagliato ogni rapporto con la società? Non mi risulta che lei abbia mai scritto almeno qualcosa di solidale. E allora prima ci segua, poi si scusi e infine si presenti in un altra maniera, lasciano da parte la sicumera che sfocia in inaccettabile arroganza.

        • Gufy ha detto:

          Per me tu parli come se il Genoa fosse nostro, ma non lo è.
          È del Sig. Preziosi, che ci piaccia o no.
          Piuttosto sarebbe utile iniziare a contestargli le cose quando devono essere contestate, esempio l’atteggiamento che ha avuto nei confronti di Gasperini. Invece molti genoani hanno dato addosso addirittura all’allenatore, cose da pazzi, inconcepibili, mi chiedo chi è che faccia veramente il bene del Genoa, qui!

    • gianluca(CH) ha detto:

      “Il tifoso di una squadra sgangherata e fiera. Il calcio di oggi è cambiato e forse qualcuno vi cerca dentro cose che non ci sono più…. Ma per me il Genoa non conta mica in che serie gioca, conta che raccolga attorno a se il suo popolo di sognatori, sgangherati e fieri…Per questo auspico che le condizioni che fanno permanere questa società cessino di essere e il Genoa torni libero”
      Che bella descrizione di cio’ che sentiamo noi vecchi tifosi…
      Da sampdoriano all’estero ti posso dire che penso e provo, purtroppo, le stesse amare sensazioni per l’altra squadra della nostra amata città. Sostituisci pure Genoa con Samp. Forse, come tu dici, probabilmente il nostro vecchio calcio non esiste piu’…

    • Seb Genoanissimo ha detto:

      Siamo in due….

    • albe966 ha detto:

      Bravo Mirko, tristi, sgangherati e fieri. Anche io, cresciuto così e Genoano così. Un po’ di passione e fantasia in questo calcio arido, avido e abbruttito.

  3. Albion ha detto:

    Questo campionato rischia di diventare un’autentica agonia. Tre allenatori (al momento) con scarso successo sia tecnico che di personalità, un parco giocatori direi nel complesso piuttosto modesto. Inutile pensare che il mercato di gennaio possa di colpo stravolgere la rosa, non ci sono fenomeni in giro e non mi pare che la società abbia in animo di spendere soldi pesanti (ma neppure leggeri). Questi sono e su questi dobbiamo contare…come dire o succede un miracolo oppure la fine è già scritta.
    Non merita alcun commento la partita di ieri. Non dovevi a tutti i costi perdere.
    Invece pareva il Verona la squadra con la bava alla bocca.
    Possiamo ripete all’infinito l’invito ad andarsene al presidente ma di fatto non solo questo non si realizza, ma il silenzio societario e la sensazione di alcuna programmazione, rendono assordante questo silenzio………………

  4. Daniele ha detto:

    A Gennaio è molto difficile trovare giocatori di buon livello. Ancora più difficile trovare giocatori disponibili di venire al Genoa: abbiamo perso, da tempo, l’appeal che era un valore aggiunto.

    Il gioco ‘pane e salame che piace a tutti’ è troppo poco per questa Serie A: personalmente avrei ‘aspettato’ Motta ancora per qualche partita e con qualche giocatore che non ha avuto disponibile. Solo un gioco definito poteva (può?) coprire la scarsa qualità tecnica che abbiamo. E per un poco lo ha fatto.

  5. francesco ha detto:

    caro Giovanni, impeccabile come sempre.
    Rimane da capire cosa voglia fare il Proprietario. Secondo me poco, molto poco.
    Come sottolineato da alcuni Tuoi ospiti in trasmissione, mancava un attaccante. Eccoti Destro e quello credo che sarà.
    Ormai sono 3-4 anni che non ci mette più nulla ed i risultati sono questi: salvezza all’ultimo minuto, ma forse quest’anno non avremo neppure quella.
    Spero di sbagliarmi.
    un caro saluto

  6. Paolo ha detto:

    Ma Tu ci credi ancora, Giovanni, che Preziosi tirerà fuori un centesimo per comprare?
    Ti illudi ancora che il Genoa possa salvarsi con un allenatore così mediocre, come lo è tutta la squadra?
    Ma non vedi che sta già allestendo la squadra per la B dell’anno prossimo?
    Ormai il suo piano è evidente. Fa un po’ di mercato al risparmio, tanto per dare un po’ di fumo negli occhi a chi ci crede ancora, retrocede, si prende i 30 milioni del premio di consolazione, si vende al miglior prezzo possibile i pochi buoni che sono rimasti e poi, se ci va bene, vende a qualcun altro, e stavolta fregandosene se sia una persona seria o meno. L’importante per lui è intascarsi il più possibile e andarsene.
    Per salvarci dovremmo fare almeno 25 – 26 punti nel girone di ritorno.
    E Tu credi che con questi giocatori e questo allenatore ci riusciremo? Pia illusione!
    Ieri la squadra ha retto un tempo, poi è sparita, proprio quando era necessario tenere botta. Questo è indice di debolezza e di assenza di manico. Poche idee e ben confuse.
    Le prossime partite certificheranno il tracollo definitivo; Roma, Fiorentina, Atalanta, Cagliari e Bologna sono già praticamente certe dei 3 punti, perché sanno che quest’anno il vero materasso è il Genoa.
    Questa è la triste realtà a cui ci si deve, ahimè, rassegnare.
    Quindi, basta toni deferenti verso quell’individuo.
    D’ora in avanti deve essere contestazione dura e pura su tutti i fronti, finché non deciderà, finalmente, di togliere le tende.
    Sono stufo di essere deriso dai cugini, perché quell’essere immondo continua a fare i suoi sporchi affari, infischiandosene se il Genoa finisce in B.
    Quindi, caro Giovanni, è ora che voi giornalisti cominciate a scrivere sui giornali e a dire nelle trasmissioni che l’unico colpevole di tutto questo schifo è lui, che non gli crede più nessuno e che deve andarsene dal Genoa e da Genova.
    Se, invece, continuate ad illudere la gente scrivendo e dicendo che c’è ancora possibilità di salvarsi, soprattutto se verranno fatti gli acquisti giusti in questa sessione di mercato (cosa che non avverrà mai, perché non ha i soldi), fate solo il suo gioco diventandone complici. Mi spiace dire queste cose, ma vedo che c’è ancora troppa deferenza nei suoi confronti.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  7. Matteo ha detto:

    Ciao a tutti! Nonostante l’ennesimo cambio di panchina siamo punto e a capo e credo che se per caso dovessimo salvarci l anno prossimo saremo sempre qui a fare i soliti discorsi perche finche avremo questa dirigenza che prende calciatori per 6 mesi o calciatori di serie b o varie scommesse(tipo pinamonti e altri che non sto a citare perche si sanno) o calciatori ormai giunti al capolinea o calciatori da valorizzare per altre squadre( romero radu etc etc) e la stessa societa non ha un programma sportivo e una minima ambizione sportiva, tranne che accontentarsi solo di salvarsi e tante volte anche soffrendo parecchio, con che spirito possono scendere in campo i calciatori sapendo che tanto staranno al genoa forse una stagione Un presidente dimostra di fregarsene perche sono anni che non si vede allo stadio non facendo sentire la benche minima presenza alla squadra e ai tifosi e fa scelte scellerate e molto incomprensibili non puo essere chiamato presidente e nonostante si vanti di mantenere la serie A da anni non potra mai ricevere l affetto dei tifosi. Speriamo di salvarci ma la situazione è dura e se il verona coi nostri scarti ieri ci ha surclassato la dice lunga sul proseguo del campionato.
    Detto cio Forza Genoa

  8. giampiero spinelli ha detto:

    E’ ora di finirla con le molteplici, infinite ricostruzioni, analisi, richieste, critiche,sospiri e non so cos’altro. La vicenda storica di questa squadra è talmente assurda e paradossale che non vale la pena di seguirla più. Tutti gli articoli che scrivono i vari commentatori, in ispcie se richiedono soldi al sig. Preziosi, sono diventati fastidiosi oltre misura. Come si può spiegare, comprendere gli incomprensibili avvenimenti intorno a questa squadra di calcio ? Il sig. Juric che non mi piace affatto, per quest’anno, al Vernon sta realizzando ciò che al Genoa non ha neanche sfiorato, e con molti ex stipendiati dal Genoa (Preziosi). Molti giocatori finiti altrove nel tempo si sono mostrati più che validi, sopra a tutti Immobile. Tantissimi sono o sono stati nel libro paga e non hanno mai concluso alcunché ecc.
    C’è del marcio…nel Genoa ? Se fosse così smettetela con il ritornello ‘club più antico’ perché è divenuto stucchevole.
    Saluti.

  9. Seb Genoanissimo ha detto:

    Ciao Giovanni,
    Io purtroppo sono molto pessimista, 24 punti non crodo bastino, e col calendario casalingo che abbiamo la vedo durissima! Però la Roma è incerottata e magari un punto si può fare, e la Viola non è nelle migliori condizione percui un colpaccio…
    Comunque senza 3 giocatori veri la caduta in B è praticamente certa!
    Io non so cosa vuole fare il proprietario, ma il mercato, al momento è da retrocessione e per le prossime due settimane non sembra ci siano miglioramenti. Io sono molto pessimista
    Ho una domanda, nel caso di una retrocessione, col conseguente impatto negativo sui bilanci, siamo a rischio fallimento come con Dalla Costa?

  10. luca 64 ha detto:

    Ciao a Tutti, spero proprio che l|allenatore parli bello chiaro con la dirigenza e faccia le sue richieste. A quel punto se non gli garantiscono i giocatori da lui voluti, presenti le dimissioni e chi si è visto si è visto, evitando così di diventare un altra vittima del migliore di sempre. Personalmente non mi illudo al riguardo, in quanto fossimo una società alla quale il risultato sportivo è la prima cosa che interessa non saremmo certo a questi punti. Neanche ai tempi bui, quando Mantovani faceva quello che ha fatto, eravamo messi così male. Giovanni so che fai tutto il possibile, ma ti rinnovo quello che ti ho già scritto. Se ricapita di ricevere una telefonata in diretta dal migliore, attaccatelo nei limiti possibili ma senza pietà. Gasperini, valigetta, Cogoleto, Ballardini, Uefa, Piatek, Kouamè, Lerager, i due esterni più forti di Falque e Perotti, e così via. Forza Genoa Sempre!!!!!!!!!!

  11. bruno ha detto:

    Buonasera a tutti…ieri durante e dopo la partita mi sono sentito in dovere di complimentarmi con la società Verona per la squadra allestita, per i giocatori, per come sono preparati e per il loro tecnico. Poi però sono reso conto che il loro tecnico, e moltissimi giocatori sono scarti nostri, che sono dovuti scappare da Genova, alcuni fischiati ed insultati, come del resto molti altri nel passato, che poi sono andati a cercar gloria altrove. Ho visto una squadra allenata benissimo, veloce e che giocava a memoria, fatta di scarti…un lazovic un Veloso un Gunter irriconoscibili….A quel punto mi sono fatto un pò di domande……altra cosa,.vorrei far presente inoltre sempre con questo Gasperini, che il suo rapporto con la tifoseria non era certo dei migliori…lo striscione PARLA MENO E ALLENA DI PIU’ penso lo ricordiamo tutti…i problemi con la T.O. penso anche. Come del resto Ballardini che adesso tutti lo rivorrebbero, ma che prima quando era qua tutti si lamentavano del suo gioco speculativo, del non divertimento, e che ora lo rivorrebbero….addirittura qualcuno aveva avuto il coraggio di rimpiangere la B con onore al gioco del Balla. Ripeto, avrei voluto vedere Gasperini, pur riconoscendo le sue qualità, con Lapadula e Galabinov…mi associo comunque in tutto con quanto scritto da Giampiero Spinelli. Se andiamo ad invidiare Ferrero a quelli là siamo veramente alla frutta.

    • Gufy ha detto:

      Rispetto le tue opinioni, ma non le condivido.
      Gasperini è un Grandissimo Allenatore, ha fatto e sta facendo grandi cose.
      Quando era con noi mi sono sempre divertito e non ho mai sofferto.
      Lo striscione contro di lui è stato vergognoso, a dir poco.
      Così come l’atteggiamento di chi non lo ha difeso nei confronti del presidente e che non ha chiesto a gran voce che rimanesse.
      Questo conferma peraltro che molte delle sfortune che ci capitano non sono affatto tali: sono guai che ci andiamo a cercare da soli.
      P.S. Ballardini è osannato da una parte della tifoseria solo perché ha mostrato sentimenti antisampdoriani, ma anche questo è un atteggiamento inutile che non porta da nessuna parte

  12. gallo ha detto:

    Ciao Giovanni,
    parole da stampare e affiggere in tutta la città, purtroppo come dissi tempo fa la squadra è sua e noi che siamo sulla stessa barca non possiamo neppure remare, perché i remi non li abbiamo.
    Non ho idea di come poter cambiare la situazione se tra i marinai e il capitano non c’è dialogo, noi possiamo dire che stiamo affondando ma se nessuno ci ascolta la barca affonda.
    Oggi stesso fantasticando con un collega mi sono chiesto :
    “Perché prendere tutta sta gente a parametro Zero o in prestito?, prendine 1 Forte spendi 8 milioni fino a fine anno e chiudi l’annata, tipo Ibra… se gli dava 10 milioni sino a fine anno per me veniva :)”

    Ma ripeto, non ha dialogo non vuole sentire, non gli importa dei consigli e dei confronti se non portano dove lui ha deciso di andare.

    L’aspetto più strano di questo imprenditore è che non vede la sua gestione fallimentare e la sua famiglia (parlo di Fabrizio) non ha voce in capitolo… capisco che è invecchiato e quando si invecchia magari si diventa meno “sensibili”, ma a tutto c’è un limite, a meno che l’obiettivo come detto in un’altro post è quello di lasciare la A e vendere tutto il parco giocatori. Successivamente la società al 50% del valore.

    Saluti.

    • Paolo ha detto:

      Bravo. E’ proprio quello che vuole fare il migliore del dopoguerra.
      E chi s’illude che Nicola possa risollevare le sorti di questa squadra si metta l’anima in pace e si chieda perché nessuno, dopo l’esperienza dello scorso anno all’Udinese, lo ha più cercato o voluto, tranne adesso il joker.
      Più chiaro di così.
      PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  13. robertogrifo ha detto:

    Buonasera,

    Sinceramente a inizio campionato non mi sarei mai aspettato di trovarmi alla fine del girone d’andata in questa posizione.
    Ora salvarsi è un’ impresa, per conservare almeno la speranza, occorrono dei rinforzi di qualità, almeno uno per reparto, il che complica oltremodo il tutto.
    Detto questo però, cosa deve cambiare immediatamente è l’atteggiamento di alcuni giocatori, perché l’ intervento di Romero che ha provocato il rigore è inammissibile, spesso chi vince non è chi gioca meglio, ma chi sbaglia meno, Noi non possiamo permetterci il lusso di fare certi regali, tra l’altro il buon Romero ne aveva provocato tempo fa uno simile contro il Bologna mi pare.
    Mi auguro che le dichiarazioni dei giocatori e del mister non siano di facciata e che già domenica con la roma la squadra dia dimostrazione, con una prestazione convincente, di crederci nella salvezza.

  14. Finnrico ha detto:

    Caro Giovanni,

    hai centrato il punto. Qui la lotta retrocessione si sta riducendo a 4 squadre (anche se non escludo che Zamp e Sassuolo possano essere risucchiate nel vortice, ma mi sembra difficile). In teoria possiamo competere con le altre 3, ma servono investimenti.

    Finora quello che è arrivato non entusiasma: non possono entusiasmare giocatori venuti a spendere in riva al mare gli ultimi spiccioli di carriera, gente in cerca di rilancio dopo annate grame e convalescenti cronici che devono testare la propria idoneità sportiva.

    Ma se arrivassero anche Messi e Ronaldo, davvero cambierebbe qualcosa? Ho l’impressione che non ci sia il tempo per costruire una squadra, per allestire un progetto tecnico, per mettersi veramente a giocare a pallone, in questo clima pieno di scetticismo e mugugni (naturalmente del tutto legittimi e condivisibili).
    Ho paura che per salvarsi servirà davvero, letteralmente l’ennesimo miracolo sportivo.

    Ieri il Verona ha dimostrato che per mettere insieme una squadra decente e che giochi al calcio non servono fenomeni, ma idee chiare, spirito di sacrificio, dignità. E quelle sono cose che non si comprano.

    Nicola è un buon allenatore, non condivido assolutamente lo scetticismo con il quale è stato accolto. Mi auguro che abbia il tempo di trasmettere qualche concetto lineare alla sua banda e sappia indicare i giocatori giusti a una dirigenza in stato confusionale.

    Sono infine d’accordo, e l’ho scritto tante volte, con quanti vanno oltre l’annata sportiva in corso e guardano alla totale mancanza di un progetto sportivo da parte della nostra società. Lo scopo di un club dovrebbe essere mirare a ottenere risultati sportivi con le risorse disponibili, non a speculare sulla rosa per creare plusvalenze. Tutti i nodi, prima o poi, vengono al pettine. Questa è una mentalità da provinciali che non può che portarci alle serie provinciali.

    Che Dio ce la mandi buona.

  15. Alessandro Gandolfo ha detto:

    Bravo Porcella, la chiave di tutto è Gasperson: preziosi (lei lo chiama presidente, io nemmeno signor e lo scrivo con la lettera minuscola) si intende di calcio e di affari come io mi intendo di astrologia. Per il calcio basti pensare al fatto di aver fatto scappare il Gasp, per gli affari… Da quando il Berlusca è invecchiato… Povero Genoa.

  16. Gufy ha detto:

    Io rivoglio Gasperini.
    So che è impossibile, ma rivoglio il nostro allenatore.
    La storia di questi anni parla molto chiaro: senza di lui solo fatiche e sofferenze.

  17. Andre72 ha detto:

    Caro Giovanni, Juric a Genova come allenatore ha lasciato indubbiamente un pessimo ricordo, ma in tutta onesta’ bisogna ricordare che nella sua prima esperienza non aveva ottenuto risultati tanto diversi da quelli che sta ottenendo col Verona 23 punti in 17 giornate, poi si infortunarono Perin e Veloso e il nostro “amato” presidente a gennaio penso’ bene di vendersi : Rincon (Juve), Pavoletti (Napoli) e Ocampos (Milan) sostituendoli con Pinilla, Taarabt, Cataldi e Palladino, la squadra inizio ad inanellare una serie di sconfitte vergognose, ma il colpevole fu Juric?
    Alla fine il responsabile e’ sempre e solo uno, spero che il tuo appello abbia qualche effetto ma onestamente dubito che sino a quando ci sara’ lui vedremo nuovamente qualcosa di buono.

  18. Franco ha detto:

    Il Genoa è anche un po’ sfortunato. Bisogna dirlo. Il calcio fa parlare e tacere. Lo sappiamo tutti. Quando non si fanno punti ,come a Verona, il rammarico e’ tanto. Hanno sbagliato i due giocatori più forti. Peccato. C’è stata la gara di Torino, e questo ha affaticato la Squadra in un momento delicato. Io credo molto che la differenza la facciano gli Allenatori nel Calcio attuale. Il valore tecnico medio dei giocatori di tutte le Società è molto simile. L’Atalanta è un caso a parte perché c’è il forte contributo di tutti. Ma per esempio, Conte , Ranieri e anche D’aversa, stanno facendo molto bene con delle rose non eccelse, ciascuno al loro livello ovviamente. Penso quindi che moltissimo dipenderà da Nicola. La rosa del Genoa si equivale a quelle di 8/9 altre Squadre. Sono i giocatori che vanno stimolati e aiutati a crescere. Sta nell’abilità dell’Allenatore trovare le giuste alchimie per far rendere gli Atleti. L’Allenatore di Calcio è un mestiere affascinante che ti può dare grandi soddisfazioni. È l’individuo che decide, senza mediazioni con nessuno. Nelle sue personali decisioni ed intuizioni trova la misura e la soddisfazione delle sue azioni. Per cui Sinceri Auguri a Nicola di buon lavoro. Cordiali Saluti

  19. stefano ha detto:

    E’ un po che non scrivo qui ma ora mi sento di dover dire la mia perche’ leggo robe imbarazzanti.
    Cominciamo da Gasperini: e’ indubbiamente migliorato negli anni, resto comunque del parere che in certe situazioni sia stato troppo presuntuoso e integralista. Vorrei inoltre ricordare a tutti che ha fatto bene con giocatori che erano 1) adatti al suo gioco 2) di livello tecnico nettamente superiore.
    Un conto e’ proporre 3-4-3 spumeggiante quando hai i milito, i perotti e gli ilicic o gomez un conto e’ farlo con Galabinov o Lapadula. Adesso cosa pensate che potrebbe fare con Radovanovic e Pinamonti??
    Per il resto direi che quest’anno non ci salva neanche il padre eterno, facciano mea culpa tutti quelli che in questi anni hanno difeso Preziosi a spada tratta… E smettiamola con questi stucchevoli discorsi tipo “io ho 62 anni e ho visto il Genoa in C”… non me ne frega nulla siamo la storia del calcio dovremmo competere per l’Europa non essere lo zimbello di tutti. Il fatto che nella nostra storia siamo capitati in mano a presidenti ciofeche non vuol dire che possiamo ambire solo a lottare col Frosinone….
    Che vadano gli ultras a fare feroce contestazione come ai vecchi tempi, altro che timide richieste di vendita

    • Giovanni Porcella ha detto:

      Con Gasperini ti sei salvato a marzo con Danilo e Fabiano facendo segnare Borriello che nessuno voleva vedere nemmeno in cartolina, su siamo onesti.per favore

      • stefano ha detto:

        Ti do ragione anche se certi elementi di quella rosa averceli adesso sarebbe oro colato.
        il Borriello di allora ne faceva 10 di pinamonti e c’era gente tipo Konko che avercelo ora ci leccheremmo tutti le dita.

        In ogni caso il mio non voleva essere un attacco a Gasperini ma solo un parere personale, senza spina dorsale a livello societario puo’ venire qualunque allenatore che sempre arrancheremo.

        I miei commenti sono anche dettati da tanta frustrazione, vedere il Genoa ridotto cosi e’ davvero brutto e il 71 ci ha tolto ogni stimolo

    • Asa ha detto:

      Mettere in discussione GASPERINI è da folli e….ingrati.

      • stefano ha detto:

        Leggi il mio commento sopra, e’ solo una opinione personale.
        Inutile vivere di amarcord… bisogna pensare a come liberarsi di questa presidenza

        Poi non capisco perche’ non si possa avere in democrazia una opinione diversa dagli altri… allora quelli che dicono che ballardini fa pena perche’ (dicono loro) e’ l’anticalcio allora li dobbiamo pestare a sangue perche’ sono ingrati? (Io sono del parere contrario, vorrei ballardini tutta la vita, il mondo e’ bello perche’ e’vario)

        Quelli che piacciono a furor di popolo sono intoccabili e non si puo’ dire nulla?

        • Paolo ha detto:

          Puoi dire tutto quello che vuoi, ci mancherebbe altro. Nessuno è intoccabile e sottoscrivo gran parte di ciò che hai scritto. Ti chiedo solo di avere un po’ più di rispetto per chi ha i capelli bianchi (io ho 62 anni, anche se non ho scritto la frase che citi, ma so di chi è), perché di Genoa ne abbiamo visto tanto da quando abbiamo ricordi e ne abbiamo sopportate di cotte e di crude, ben più di te.
          E’ del tutto lecito, quindi, avere dei rimpianti ed essere incazzati neri con la “guida suprema”, perché i suoi continui errori (non so se voluti o meno) ci stanno condannando ad una retrocessione umiliante. Non si santifica nessuno, per carità, ma è umano avere dei rimpianti per un allenatore che ci ha regalato il più bel calcio di questi ultimi 30 anni e che potevamo ancora avere qui a Genova, se non fosse stato mandato via dal joker.
          Ballardini non è certamente alla sua altezza, ma ha sempre salvato il Genoa in anticipo e dignitosamente, nonostante il materiale umano messogli a disposizione. Inoltre s’è sempre dimostrato una persona seria e con la schiena dritta. L’episodio della sedia blucerchiata ne ha esaltato ancor di più la Genoanità. Dio solo sa quanto ho pregato perché tornasse a dicembre, ma non lo biasimo affatto per il rifiuto, visto come era stato trattato l’anno scorso. Per me ha fatto benissimo.
          Quindi, lasciaci i nostri rimpianti; le contestazioni dure e sacrosante vanno benissimo, ma se la T.O. non si dà una svegliata ed i media (cartacei, televisivi e radiofonici) non cominciano un fuoco di fila spietato ed assillante nei confronti dell’irpino, non cambierà mai nulla.
          Noi continueremo a lamentarci e a scrivere su questo blog il nostro disappunto, mentre quello continuerà con le sue nefandezze.
          Un caro saluto.
          PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

          • PieroValleregia ha detto:

            salve
            io di anni ne ho (quasi) 59 e di giocatori, allenatori e presidenti ne ho visti diversi; di allenatori, quelli che per il mio modesto e sindacabile “punto di vista”, meritano il nome scolpito all’ingresso del Pio XII/Signorini sono:
            Silvestri detto “Sandokan”, Simoni, Bagnoli, Gasperini e Ballardini.
            Scoglio lo ammiravo per una dote non comune: quella di, vedi il caso Malagò, di saper cavare sangue dalle rape …
            Nessuno dei citati ha moi potuto, nel Genoa godere di presidenti che abbiano mai sfornato idee o progetti a medio/lungo termine ma sempre e solo avventurieri che vivevano alla giornata …
            un saluto
            Piero e famiglia

  20. alberto ha detto:

    Avevo deciso di non scrivere e ieri avevo cancellato il post perchè si dicono sempre le stesse cose e ci si dà ragione da soli, ma i suoi commenti sopra, Porcella, li trovo assolutamente da applausi. Non applaudo quasi mai e non mi piacciono gli applausi automatici figli di una tv inguardabile.
    Per aggiungere su Gasperini, non rispettando io le opinioni senza senso su di lui, oggi è considerato uno dei migliori d’Europa, non lo dico io, e voleva rimanere qui se non fosse per il migliore del dopoguerra. Se fosse per la simpatia e per quello che dicono Conte e Mourinho sarebbero pensionati.
    Chi conosce bene Gasperini lo definisce genoano, certo non un malato come noi, anche Di Marzio recentemente gli ha chiesto: “E’ vero che il suo più grande rimpianto è quello di non aver potuto fare al Genoa ciò che sta facendo all’Atalanta?” e lui non ha negato.
    Porcella, scavategli la collinetta di supponenza che ha sotto i piedi, costringetelo a cambiare città o sport se vuole sentirsi definire un intenditore, qui si è bruciato ogni credibilità. Il suo modo di gestire la società, la tromba d’aria semestrale che si abbatte sul Genoa, porterà milioni in Svizzera (perlomeno perchè se no…non posso scrivere) ma non risultati sportivi.

  21. Filippo ha detto:

    Mi fa piacere leggere che molti ritengano la cacciata di Gasperini il momento cruciale della rovina, sportivamente parlando, di questa società. Spero che gli stessi che oggi affermano ciò non siano gli stessi che in quei momenti scrivevano su questo ed altri blog che Gasperini era da mandar via perchè non capiva niente di calcio. Ne ricordo parecchi purtroppo…sarebbe bello che qualcuno riconoscesse i propri errori.
    Detto questo, la squadra attuale non ha un senso: è composta da prestiti di altre squadre (Juve o Inter per esempio) che sono al Genoa solo per valorizzarsi e non gliene frega nulla della maglia. Altri con maggiore senso di appartenenza sono degli ex: mi piange il cuore dirlo, ma Criscito e Sturaro oggi, per la loro condizione fisica, non sono schierabili.
    Altri sanno di essere già stati venduti e quindi cosa può accadere a fine campionato non interessa, tanto saranno già in altri lidi.
    Nicola è una scelta più centrata delle precedenti, ma è stato preso con colpevole ritardo.
    La B anche con rinforzi sarà veramente difficile da evitare.

    • Paolo ha detto:

      Concordo. Aggiungo solo che se qualcuno è venuto per valorizzarsi si dovrebbe preoccupare, perché di questo passo a fine stagione si sarà svalutato del tutto.
      Quanto ai cavalli di ritorno o sono sbursi, per cui hanno deciso di tornare per prendersi ancora un po’ di soldi d’ingaggio per poi ritirarsi, oppure sono gente che se n’è andata illudendosi di spaccare il mondo in una delle cosiddette grandi per ritrovarsi a fare costantemente panchina. Facile proclamare il proprio amore per la maglia rossoblù quando non ti vuole più nessuno, dimenticando che quando si è andati via nel pieno della gioventù s’è professato amore incondizionato per altri colori, oltre che per il dio danaro.
      E i nomi che continuano a girare fanno pena.
      Prepariamoci al peggio.
      PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  22. francesco ha detto:

    Grazie Giovanni per i tuoi appelli alla proprietà e per esserti fatto portavoce di una tifoseria demoralizzata e depressa.
    Il mio Grifo sembra sempre più un pollo spennato, altro che rapace rampante.
    Spero soltanto che chi debba intendere, riceva il messaggio e operi di conseguenza, anche se onestamente ne dubito fortemente.
    Comunque grazie per darci voce.
    un abbraccio

  23. Finnrico ha detto:

    Il Genoa riscatta Pinamonti per 18 milioni di euro e poi lo gira in prestito alla SPAL.
    Ma che cacchio di notizia è? Ma come si fa a credere a una simile fesseria? Ma volete che il vecchio cacci fuori 18 milioni sull’unghia e poi vada pure a rinforzare (diciamo così) una diretta concorrente?
    Semmai andrà così: il Genoa riscatta Pinamonti a 18 milioni, l’Inter lo controriscatta a 19 e poi lo dà in prestito a qualcuno che lo fa giocare.
    Del resto sappiamo tutti che quei 18 milioni sono solo maquillage amministrativo, e che quel milione in più l’Inter te lo darà magari imprestandoti qualche ragazzino delle giovanili o in buoni del monopoli.
    Se il Prez avesse voglia di tirar fuori una cifra simile, andrebbe a ingaggiare prestiti secchi e giocatori svincolati? Suvvia…

  24. Stefano ha detto:

    Ribadisco un concetto che secondo me non è passato correttamente: la mia opinione NON è: Gasperini è cattivo, Gasperini non è bravo ad allenare

    La mia opinione è: siamo in una situazione gravissima non sa ora, DA ANNI quindi per me l’atteggiamento corretto non è quello di perdere tempo ed energie a crogiolarsi in fantasiosi amarcord della serie “oh mio dio se ci fosse stato Gasperini ora, avremmo vinto l’intercontinentale”, bensì quello di andare a fare il mazzo all’unico vero responsabile di tutto. Chiaro ora?

    Gasperini è il passato e non torna. Mettetevi il cuore in pace e pregate che qualcuno di decente si faccia avanti per comprare questa società perché è l’unica vera cosa importante, non azzannarsi su chi è meglio in panchina

    Se vogliamo finalmente uscire dall’etichetta di provinciale che vuole solo salvarsi dobbiamo cambiare innanzitutto mentalità

  25. bruno ha detto:

    Buonasera a tutti..hai ragione caro Paolo…ma più che il rispetto per i capelli bianchi come giustamente hai detto tu bisogna averne visto tante tifando per questa squadra. Gli appelli di adesso saranno sicuramente giusti, ma io li ritengo inutili, li avrei fatti 15/20 anni fa….per far muovere qualche “genovese”…ed impedire ad un foresto di comperare x modo di dire il Genoa x un pezzo di pane. E’ un ritornello…. lo so, però purtroppo è la realtà. Io non so quanto ancora interessi il Genoa a Preziosi…ma penso molto poco. Quindi è inutile continuare a dire nomi di calciatori o suggerimenti per la campagna acquisti. Se lui avesse di nuovo la voglia o forse le possibilità saprebbe benissimo come fare. Come del resto continuare ad evocare Gasperini quando non è più con noi da anni…non mi sembra che gli interisti i milanisti, o i Romanisti continuino a parlare di Mourino o del triplete, di Sacchi, Van Basten o i romanisti di Erikson o di Capello…si va avanti, le cose cambiano. Io dirò sempre che Gasperini è un buon allenatore, un gran maestro di calcio….ma reputarlo grandissimo, assolutamente non sono d ‘accordo. Allora i vari Klop, Guardiola, Mourino, gli stessi Conte, Sarri, Ancellotti.. quelli cosa sono!? degli Dei!? Quando si metterà , se mai sarà chiamato, a giocarsi le sue capacità con una grande squadra, sia in Italia che all’estero, e vincerà o lotterà, per qualcosa di veramente grande, come persino Ranieri ha fatto, si potrà definire, sempre a parer mio, un grande allenatore. Sarri che piaccia o no è comunque partito dall’ Empoli, per approdare a Napoli, Chelsea e Juve….non so se mi spiego. Ho letto anche x ultimo….siamo la storia del calcio, dovremmo lottare per le coppe europee……Chiedo solo…lascia perdere noi 60 enni…ma da quanto lo segui TU il Genoa!? La storia ci può stare…ma il resto…lasciamo perdere….

  26. Fabrydt ha detto:

    Buongiorno a tutti,
    le vedove di Gasperini si rassegnino non c’è resurrezione fino a che ci sarà questa proprietà. Dispiace non averlo, dispiace non poter avere per lo stesso motivo neanche Ballardini certo per motivi diametralmente opposti ossia la capacità di salvare la baracca non certo per spettacolarità di gioco. Nicola non è uno sprovveduto ed inciderà per quanto potrà ma nel secondo tempo di Verona la squadra non è scesa in campo oppure lo ha fatto con la consapevolezza di perdere.
    Romero non tornerà alla Juve ne ora ne mai, la Juve non se farà mai nulla di un giocatore che commette un fallo da rigore sulla linea di fondo. Verrò ceduto ad altre squadre ma non rientrerà mai alla base. La verità è che pur non combattendo si collezionano tonnellate di cartellini figli di incapacità che porta a fare fallo, ma per assurdo dietro a questi cartellini non c’è agonismo la squadra è rassegnata. Gli innesti che servono sono parecchi ma i cordono della borsa rimarranno ben chiusi e neanche il giusto ed accorato appello di Giovanni rimarrà inascoltato. Quest’anno penso che i giochi siano tristemente fatti. Come dice Giovanni Spal Lecce e Brescia prendono meno diritti televisivi ma è anche vero che sono garanzia di un paracadute corposo, l’anno scorso il Chievo ne avrebbe spolpato una buona porta. Quindi per Preziosi la B è una questione di ora o mai più. Quindi sarà ora!!! Fino a che si potrà spererò di avere torto marcio e sarò ben lieto di fare ammenda in questo blog con la felicità nel cuore.
    FORZA VECCHIO BALORDO

  27. luca de rossi ha detto:

    Ciao Giovanni,
    il tuo appello è condivisibile al 100%, ma è la parodia del Genoa……
    Per comprare i giocatori buoni a gennaio, primo ci vuole qualcuno che li venda (e il giocatore accetti…..), altrimenti dovresti impazzire e pagare 100 ciò che vale 50/60/70 e pagare un ingaggio fuori mercato al giocatore perche accetti……
    Gira la ruota…..ed è come il Genoa, per comprarlo ci vuole il proprietario che venda o devi trovare un pazzo che paghi 100 una società che vale 30…….
    Per cui al di la dei nomi anche quest’anno speriamo in qualche “amicizia” da metà girone di ritorno alla fine e in tre più scarse di noi……..

  28. eliao ha detto:

    Gentile dr. Porcella, tralascio ogni commento nel merito del Suo articolo perchè non farei altro che ripetere con le stesse parole (non ce ne sono più altre da dire del resto) ed in maniera ormai stucchevole (tanto non cambia nulla ed è forte il rischio di ritrovarci dove siamo stati presi – perchè la storia di questo Presidente dice questo nelle altre due esperienze sportive precedenti a questa) – concetti già espressi da quanti mi hanno preceduto. Viceversa vorrei dirLe che il Suo articolo è sì preciso e ficcante ma, a mio giudizio, incompleto. Non cerco consensi e mi dispiacerebbe se Lei si adombrasse per queste mie righe che Le vengono rivolte con il massimo rispetto per la Sua persona e per la Sua professionalità. Ma Lei, a differenza di me, rappresenta (direi anche degnamente per quanto ha sempre scritto sulla questione e per l’ostracismo che ne ha ricevuto dal “Palazzo” Genoa) il cd. “quarto potere”. Lei come altri Suoi colleghi giornalisti è in grado di “orientare” e rappresentare l’opinione pubblica visto che ogni giorno scrivete articoli sportivi sul Genoa e ogni giorno all’ora di pranzo dedicate una trasmissione alle squadre cittadine e ogni settimana fate trasmissioni sportive sul Grifone. E visto anche il seguito che ricevete quotidianamente al riguardo. Ecco in ragione di ciò, mi sarebbe piaciuto che Lei avesse concluso il Suo articolo con queste parole ” … Dopo di che sig. Presidente, a salvezza (speriamo) ottenuta, è tempo che Lei lasci la società e la venda ad altro imprenditore che, magari meno competente di Lei, meno facoltoso di Lei, in ragione di una seria programmazione organizzativa ed economica abbia però voglia di misurasi anche sul piano sportivo con gli altri competitori del campionato di serie A. La legge infatti Le da il diritto di gestire la società come meglio crede, la legge però non Le da il diritto di ferire oltre modo la Società che Lei rappresenta e che costituisce patrimonio sportivo e sociale di una città che, pur in crisi, solo per la Sua storia e per la passione dei suoi cittadini tifosi merita ben altro riconoscimento o comunque un futuro diverso da quello che Lei le sta proponendo da molti anni a questa parte. Se legittimamente non può più o se non ne ha più voglia passi infine la mano, tutti la ringrazierebbero per questo gesto di infinita generosità. Per usare le Sue stesse parole, sig. Presidente, quando sei martello batti, quando sei incudine statti. Oggi, dopo tutti questi anni e dopo tutti gli errori commessi, non bilanciati dagli indiscutibili meriti iniziali, che Le vanno certamente riconosciuti, dopo che a ragion veduta non si vede più alcun futuro sportivo valido per questa Società, Lei qui a Genova è incudine”.
    E come Lei, dr. Porcella, tutti gli altri giornalisti di questa città, esponenti del cd. quarto potere”, che hanno davvero a cuore le sorti di questa squadra che rappresenta indubbiamente una risorsa emotiva ed economica (il numero degli abbonati a livello nazionale è lì a testimoniarlo implacabilmente) dovrebbero martellare ogni giorno la Società su questo terreno, anche attraverso articoli diretti a conoscere e a far conoscere all’opinione pubblica le ragioni per cui con quasi 200 milioni di plusvalenze il Genoa sia ancora nella bratta e debba ricorrere a prestiti, giocatori bolsi o impresentabili per tentare di salvarsi anzi che affidarsi all’acquisto di giocatori abili da arruolare per il grave compito che ci aspetta. E Lei come altri Suoi colleghi avete certamente le competenze anche indirette (leggi professionisti amici che abbiano voglia di farlo) per approdare ad una verità quale essa sia. E se il rischio, per Lei ed i Suoi colleghi che ne avessero voglia, è quello di essere ostracizzati dalla Società, bè per quanto mi riguarda, non mi strapperei i capelli non ricevendo più notizie dalla Società, visto che ad oggi Voi giornalisti ricevete e doverosamente scrivete quello che vi viene raccontato. Ma in tutti questi anni il più delle volte sono solo bugie (Licenza Uefa, Piontek, Cogoleto, mai più un anno così sofferto, faremo una squadra che sia competitiva ecc.)
    Un caro saluto
    Eliao

    • Paolo ha detto:

      Tutto giusto quello che scrivi, ma il fatto è che Giovanni è l’unico che cerca di fare qualcosa (ed è stato messo alla porta al Signorini). E’ solo. Ha solo noi al suo fianco.
      Dove sono i giornalisti di Repubblica, Il Secolo XIX, La Stampa, ecc.?
      Perché la RAI, Mediaset, SKY non fanno delle belle inchieste sul joker e sul suo modo di gestire il club più antico d’Italia e su come l’ha ridotto?
      Forse, se si vedesse attaccato su tutti i fronti e da tutte le testate giornalistiche capirebbe che non è più aria e leverebbe le tende definitivamente dal Genoa e da Genova. Non basta che quando arriva a Genova debba avere la scorta. La scorta dovrebbe averla anche quando gira per il resto d’Italia e del mondo.
      Vorrei vedere se avesse ridotto così la Juve o l’Inter o il Milan, o il Napoli o la Roma.
      Sarebbe iniziato un linciaggio mediatico in grande stile e continuerebbe ad oltranza finché non se ne va, e i tifosi non lo farebbero uscire di casa.
      Ma se succede al Genoa, chi se ne frega.
      Questa, purtroppo, è la triste realtà.
      Un caro saluto. Giovanni non mollare, anzi, sii molto più cattivo.
      PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Asa ha detto:

      Standing ovation.

  29. massimiliano ha detto:

    Buon pomeriggio Giovanni
    ho letto finalmete che il popolo della Nord ha deciso di intraprendere una contestazione piu’ dura per far capire al signor Preziosi che deve alzare i tacchi e andarsene. Inutile sperare che faccia un mercato all’altezza del blasone che siamo . Il Genoa merita di piu’ e leggendo i nomi di mercato mi fanno accapponare la pelle. Spero che sia una contestazione durissima ma allo stesso tempo civile perchè ora ha veramente superato ogni limite questa società scandalosa. Cosa ne pensi te? Io spero che arrivi una persona che investa in infrastrutture (stadio ,campo di allenamento) e che riporti il Genoa nella posizione che merita ovvero parte sinistra della classifica . Il Genoa non ha meno di Atalanta Fiorentina Lazio . Meriterebbe per tifo e calore di stare stabilmente in zona Uefa .

  30. Asa ha detto:

    Standing ovation.

  31. Fabrydt ha detto:

    Buongiorno a tutti,
    la dirigenza ha individuato la panacea di tutti i mali : LA CESSIONE DI GHIGLIONE.
    Possiamo stare tranquilli.
    FORZA VECCHIO POVERO E BISTRATTATO BALORDO

  32. enrico ha detto:

    Caro Giovanni,
    per quando prevedi una nuova puntata con i tifosi in studio?? Dopo i comunicati usciti tra ieri e oggi direi che verrebbe una trasmissione interessante.

    Sempre forza Genoa!

    Enrico

  33. Asa ha detto:

    Come al solito fa la vittima……

  34. Asa ha detto:

    Uno raccoglie ciò che semina…….

  35. bruno ha detto:

    Buonasera a tutti….Paolo… A parte il secolo che va beh… Ma repubblica la stampa Mediaset o la RAI…. Cosa vuoi che gliene freghi del Genoa!?… Giovanni è stato messo alla porta del Signorini da colui al quale la città ha permesso di acquistare il Genoa!!! La città nn avrebbe dovuto permetterlo!!! Ma la realtà è che alla città del Genoa nn gliene è mai fregato nulla… Questa è la realtà…..

    • Paolo ha detto:

      E no, caro Bruno.
      A tutta la stampa nazionale dovrebbe interessare, perché qui si tratta della rovina della società che ha fatto nascere il calcio in Italia.
      Pensala come vuoi, ma io resto della mia idea.
      Gli avrei già mandato a casa le Iene, Striscia la Notizia, Staffelli col tapiro (fatto con lo sterco e non con materiale dorato, perché quell’individuo non merita altro) e chi più ne ha più ne metta.

  36. bruno ha detto:

    Ho letto che alcuni dicono che è stata fatta una protesta della stampa Sampdoriana nei confronti di Ferrero che da noi nn è stata fatta… A me nn sembra e cmq…. Il risultato quale è stato!!!???…. Zero… al loro presidente nn gliene frega una mazza e continua imperterrito a fare i cavoli suoi!….

  37. riccardo ha detto:

    Caro Giovanni , appare ormai chiaro che preziosi non abbia intenzione di mettere più un euro nel Genoa….appare altresì chiaro che è una VOLONTA’…non un impossibilità..vista la floridità delle sue aziende e delle sue reali risorse…..A questo punto la stampa TUTTA dovrebbe organizzare un fuoco di fila per difendere un bene DELLA CITTA’…..Perchè non puo’ essere accettabile che si tenga una squadra di calcio SOLO per fare i propri affari e traffici economici..magari perfettamente legali perchè sul filo della liceità…però ETICAMENTE schifosi..Perchè un conto è perseguire i propri interessi parallelamente al lato sportivo di un club che fa calcio. Un altro conto è USARE il Genoa solo per questioni finanziarie e di mercato. Questa è una cosa che dovreste denunciare IN QUESTI TERMINI….Il Genoa ha ricevuto qualche anno fa lo status di patrimonio dello sport italiano in virtù del fatto che ha portato il calcio (sport nazionale) in Italia. Eticamente è INACCETTABILE che la sua funzione sia diventata sistemare bilanci di amici , affari di amichetti e aziende con sede a Lugano. ORA BASTA!

  38. Paolo ha detto:

    Allora? Dopo lo schifo che ha fatto il Genoa stasera, c’è ancora qualcuno che crede ancora nella salvezza? Avete visto come gioca il Genoa e come giocano le dirette concorrenti? Loro hanno il sangue agli occhi e si battono fino alla morte. Il Genoa no. E’ una squadra senz’anima. E ora Nicola non ha più la scusante che è qui da pochi giorni. Ha fatto tutti gli esperimenti e ha messo in campo la squadra secondo il suo pensiero.
    Fratelli siamo messi malissimo. C’è modo e modo di retrocedere. Noi rischiamo seriamente di farlo senza alcuna dignità.
    Ora spero che la T. O. si scateni e non dia più tregua all’irpino. E spero tanto che ora pure i giornaloni comincino ad attaccarlo su tutti i fronti.
    Giovanni hai bisogno di alleati in questa battaglia. Convincili a scendere in campo al tuo fianco a viso aperto contro l’unico responsabile di questo sfacelo.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

All’ultimo affanno

All’ultimo affanno il Genoa trova un punto a Udine che vale piu’ per il morale che per la classifica. Il [&hellip

La ripartenza piu’ triste, senza emozioni

Un caro saluto a tutti. Eravamo rimasti alla vittoria sul Milan, poi si è spenta la luce e non solo [&hellip

Applausi e rimpianti

Restano non i punti al Genoa dopo il match perso con la Lazio, ma tanti applausi sì. i tifosi rossoblu’ [&hellip

NESSUNA ILLUSIONE, E’ ANCORA LUNGA LA PASSIONE

Detto che Soumaoro se continuerà di questo passo è un colpo notevole di Preziosi, detto che Masiello ha aggiunto esperienza [&hellip

Follow Me!

Follow Me! Follow Me! Follow Me! Follow Me!

Search

Archivio