Genoa sfortunato, senza Kouame perde gol e milioni

16 Nov 2019 by Giovanni Porcella, 34 Commenti »

Il Genoa perde il suo capocannoniere e quello che è il giocatore con il piu’ alto valore di mercato che ha on rosa. Lo stop fino alla fine della stagione di Christian Kouame’ si capisce che per la squadra rossoblu’ è un disastro. Il giocatore era con la sua nazionale, la Costa d’Avorio, e stava giocando la Copp d’Africa under 23 contro il Sudafrica quando si è infortunato ad un quarto d’ora dalla fine. Il legamento crociato del ginocchio destro si è rotto. Le pallide illusioni che fosse il collaterale ad essersi spezzato è durato nemmeno una giornata. Gli esami svolti a Genova non lasciano dubbi. Kouame verrà operato a Villa Stuart e per il recupero devono passare sei mesi. Il campionato finisce a fine di maggio, quindi Thiago Motta non potrà piu’ contare sul talento della giovane punta che fin qui aveva segnato cinque gol, piu’ di tutti i suoi compagni. E’ una perdita grave nel giorno in cui pero’ il Grifone nell’amichevole peraltro persa col Monaco ha ritrovato Gumus autore di una rete nell’amichevole svolta proprio nel Principato. Ok anche per Criscito e sorrisi per Sturaro che a fine mese potrebbe rientrare del tutto. In piena bagarre nella lotta salvezza il Genoa dovrà puntare su Gumus e su Pandev per trovare i gol che mancheranno senza Kouame’ mentre la società dovrà cambiare strategia di mercato se è vero che l’ivoriano piaceva soprattutto all’Inter. Rossoblu’ sfortunati non c’è che dire e ora Preziosi dovrà scovare qualche altro emergente per rimpiazzare un pedina che stava stupendo tutti. Impresa che non sarà facile.

34 Commenti

  1. Vittorio ha detto:

    Carissimo Giovanni adesso mi sembra che sarebbe l’ora che le big che ci hanno portato via sempre tutti i migliori quando e come gli comodavaci dessero una mano a gennaio con qualche prestito di valore che tengono in panchina ma mi rendo conto che sono solo squali e ci spero poco ma il problema principale secondo me è che ci giochiamo il campionato nei prossimi scontri diretti e a gennaio sia tardi per risalire cosa ne pensi grazie buona serata

    • piccardo ha detto:

      No, non è che sono solo squali…è che noi abbiamo una presidenza collusa che si è venduta totalmente . Vedi altre squadre così dipendenti dalle big? Vendono ma si sanno anche fare i loro affari e sono solide autonomamente..Non come noi presieduti da sto saltimbanco….

  2. grifo75 ha detto:

    Mi spiace per il ragazzo..ma questa si chiama NEMESI. A Kouamè auguro di riprendersi ed avere una carriera luminosa, ma il concetto che tutto sia per preziosi monetizzabile, anche la dignità..mi fa dire : ben ti sta. Adesso che invece di incassare dovrai spendere…. te ne andrai finalmente a fare i tuoi mercatini a migliaia di km da qui?? VATTENE

  3. Asa ha detto:

    Ma cosa stai dicendo? Lo aveva già venduto al Cristal Palace per circa 25 milioni. Motta non lo avrebbe avuto in ogni caso. Stiamo andando in B e questo vendeva il migliore che abbiamo ci rendiamo conto della gravita della cosa o facciamo finta di nulla? Speriamo di scendere in B e che la società venga venduta. Chiunque sarà meglio.

  4. robertogrifo ha detto:

    Non ci voleva, il suo infortunio complica non poco la situazione anche perché il mercato di gennaio è lontano.
    Per fortuna Motta ha da subito coinvolto quei giocatori che fino al suo arrivo erano ai margini della rosa, ora un loro contributo è fondamentale per il destino del Genoa….

  5. Paolo ha detto:

    E’ proprio vero che la sfortuna ci vede benissimo.
    L’unico buono che abbiamo, anche se a volte è un po’ confusionario, si rompe di brutto e non lo rivedremo in campo se non nelle ultime partite di campionato, forse addirittura nel prossimo ritiro precampionato.
    L’unica nota positiva è che i piani del joker per gennaio sono saltati. Ora sono proprio curioso di vedere come si muoverà nel mercato di riparazione.
    Certo li davanti siamo proprio messi male. Pinamonti non segna neanche a pregarlo in ginocchio e Favilli come rientra si fa subito male. Non vorrei essere nei panni di Thiago Motta.

  6. Seb Genoanissimo ha detto:

    Buon lunedì a tutti. Mi dispiace veramente tanto per Kouamè a cui auguro di tornare in campo più forte di prima!
    Per quanto riguarda gli interessi del proprietario, onestamente, ho lo stesso atteggiamento che ha lui quando si vende i migliori fottendosene altamente dei tofisi, specialmente, degli abbonati…. che pagano…! Gli abbonati che non pagano sono peggio di lui….
    Se guardiamo il reparto offensivo, con la “riscoperta” di Agudelo e Gumus credo che si possa arrivare al mercato di gennaio. Però, come hanno detto gli ospiti in trasmissione ieri sera, ci vuole almeno un attaccante pronto e COMPRATO già nella prima settimana di gennaio, non nei saldi di fine sessione….

  7. Fabrydt ha detto:

    Il problema vero è che alla notizia dell’infortunio di Kouame la banca ha bloccato la carta di credito del Prez.
    In bocca al lupo Christian per una pronta guarigione il Genoa ha bisogno del tuo sorriso prima ancora che dei tuoi gol.
    FORZA VECCHIO BALORDO

  8. Paolo ha detto:

    Adesso pare che abbia preso questo Tankovic per circa 2 mln.
    Francamente è la prima volta che lo sento nominare. Speriamo non sia una ciofeca. Si parla anche di Ben Arfa, ma sono solo voci. Comunque sia il migliore del dopoguerra non si smentisce mai.
    Secondo me lo aveva già preso in vista della vendita di Kuame al Crystal Palace. Però il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi e ora deve pensare a comprare più che a vendere.
    Adesso il papabile per le plusvalenze è Agudelo, sempre che si confermi. Ora testa a Ferrara. Sarà durissima. Poi ne avremo altre 4 che ci diranno come sarà il cammino nel girone di ritorno.
    In ogni caso sarà una sofferenza enorme fino alla fine.
    Tutto, come sempre, per colpa di quell’essere immondo.
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!

  9. Albion ha detto:

    Mi spiace per il ragazzo, certamente non un fuoriclasse ma senz’altro utile alla nostra causa. Si ha così tanto timore che i migliori se ne vadano a gennaio, che la sfortuna in questo caso ha giocato d’anticipo….credo comunque che un bomber vero alla fine sia ciò che più manca al Genoa, il parco attaccanti attuale è piuttosto sottile ( in termini di gol), non certo di peso corporeo.
    Che dire, intanto quelli che abbiamo sono lì, a gennaio prenderei un mestierante d’area di rigore piuttosto che uno sconosciuto di belle speranze, giusto le speranze di poter rimanere nel massimo campionato.

  10. Finnrico ha detto:

    Mah, Kouamé ha 21 anni, a quell’età Ibrahimovic giocava nel Malmoe. Non sarà un campione, ma potrebbe diventarlo. L’infortunio, però, lascia inquieti: il ginocchio non te lo rifanno nuovo, ci mettono una pezza.

    Tankovic non è un bomber, è un’ala sinistra destro di piede, mi pare che assomigli molto a Gumus. Potrebbe anche servire, ma mi pare che davanti avremmo bisogno anche di altro.

  11. alberto ha detto:

    Come ha già detto qualcuno, non avrebbe superato il 6 gennaio da rossoblu. Mi dispiace per lui, difficilmente si torna come prima dopo un crociato anteriore.
    Una riflessione sulla sostituzione di Capozucca. Cambiano i giocatori, cambiano gli allenatori, cambiano i direttori sportivi, il Genoa rimane sempre ben al di sotto della sua classifica virtuale data dal fatturato. Ma davvero qualcuno pensa che sostituendo ipoteticamente i tifosi con quelli della Lazio, o del Milan, o del Torino, ecc., si potrebbe migliorare? Io sono sicuro che con Percassi (non con il proprietario del City!) si andrebbe molto meglio perchè capisce veramente di calcio.

  12. luca 64 ha detto:

    Ciao a Tutti, purtroppo questo infortunio non ci voleva proprio ma è anche vero che durante una stagione queste sono cose da mettere in conto e possono succedere. Assenza grave specialmente in una squadra che fatica a segnare e il Ragazzo al momento era l’unico a fare goal con buona regolarità. Sono curioso di vedere cosa si inventerà il proprietario per rimediare a questa tegola. Ma soprattutto più che a questa situazione mi preoccupa di più la questione centravanti vero punto dolente di questa squadra. Pinamonti pur sbattendosi e impegnandosi allo stremo per ora in area mi sembra abbia combinato ben poco e questo è un lusso che non possiamo permetterci. Quello della mancanza di un centravanti vero,forte fisicamente, come si dice ora da sportellate è secondo me il vero buco enorme di questa squadra, l’unico con queste caratteristiche Favilli sappiamo tutti come è messo. E tutto questo alla fine è solo colpa della conduzione societaria, perché se il risultato sportivo per una società di calcio è l’ultima cosa che conta non si va da nessuna parte. Speriamo bene. Forza Genoa Sempre

  13. Asa ha detto:

    Stankovic….. e siamo a posto altra speranza di plusvalenza….uni checha fatto 14 gol in 28 partire in svezia….un fenomeno……che schifo….e questo sicera pure venduto kouame con una squadra prossima alla B… Che schifo…..

  14. bruno ha detto:

    Buonasera a tutti…vorrei far presente a chi continua a sperare di andare in serie B …a parlare di fallimenti da più di 10 anni, o simili, che se ha nostalgia di serie B c’è comunque lo Spezia o l’Entella….Io sinceramente come penso il 90% dei tifosi, di serie B me ne sono ciucciato più di 50 anni…e finchè si può non ne vorrei più sentir parlare. Poi come si presenterà di sicuro qualche sceicco o qualche petroliere vedremo. L’importante è crederci….

    • Seb Genoanissimo ha detto:

      Caro Bruno, concordo con te su un punto, l’equazione serie b = cambio società in positivo non è assolutamente certa anzi….
      Però io faccio parte di quel 90% di TIFOSI che credono che quest’anno la retrocessione sia molto molto molto molto vicina, e il responsabile ha solo un nome Enrico Preziosi, grazie alle sue strategia (un parolone onestamente per lui) basata solo sulla plusvalenza ad ogni costo!
      E come il 90% di TIFOSI io sono stufo di essere lo zerbino di tre squadre, Ora, non pretendo certo di lottare per lo scudetto o i primissimi posti – non ho mica l’anello al naso – ma essere costantemente dietro a Uninese, Sassuolo, Cagliari, Bologna, SAMP e spesso anche neopromosse non lo accetto. Specialmente in un campionato a 20 squadre, con entrate sicure di minimo 35 mln dalle televisioni e soprattutto 18.000 (appssionati) abbonati che non mollano mai. Come il 90% dei TIFOSI non riesco proprio a concepire come ci possa essere qualcuno che definisce questo figuro alla presidenza il migliore del dopoguerra….

  15. Alex ha detto:

    Giovanni buongiorno, mi permetto di scrivere qui perchè non so esattamente a quale recapito della vostra redazione scrivere. Ho letto che state seguendo le vicende della ristrutturazione del palasport, ho letto e sentito la rivolta dei commercianti in merito al tipo di riutilizzo dell’impianto. Beh credo che si stia trascurando anche il malcontento profondo che è esploso in rete quando il presidente del CONi liguria si è “vantato” di aver richiesto un palazzetto da 5000 spettatori, mentro il progetto dell’azienda di Brescia ne prevederebbe 3000! Ebbene, fatti un giro in rete e scoprirari che la gente è inviperita, in quanto è palese che 5000 è una capienza ridicola, peraltro la metà di quella già oggi ottenibile nell’impianto (10000). Chi verrebbe mai a cantare in un impianto così piccolo? Anche in questo caso rischiamo un Fiumara-bis inteso come palazzetto. A chi posso scrivere per inviare una mia relazione? La questione capienza è fondamentale, il CONI sta per commettere un autogol clamoroso. Grazie

  16. Gabriel ha detto:

    Signor Giovanni, il presidente non deve puntare su un altro emergente, ma su un “usato sicuro”!!! Con tutto il rispetto, ma pensare che sia Kuoame il migliore dei nostri attaccanti, qualcosa deve far riflettere!!!

  17. Dnarossoblu ha detto:

    Per il Genoa è un disastro. Per il povero kouamé ancora peggio. Spero si rimetta al meglio. Noi siamo solo un gioco così come le cose che vende Preziosi. Noi tifosi non meritiamo la B ma..quanti anni sono che rischiamo? Troppi sempre x colpa sua. Ritorno di Piątek? Stiamo pre in mezzo alla nebbia. Sarò impopolare e finiremo in B ma…chi di Genoa ferisce, di Genoa perisce. Non ci merita. Guardate se milito o palacio o de maio si sono comportati così…

  18. bruno ha detto:

    Buonasera a tutti… Caro Seb anch io la penso in parte come te… Ma le squadre di seconda fascia come siamo noi vanno a cicli… Il Bologna il Cagliari… È vero ora stanno andando meglio, ma 5 anni fa erano in serie B. La Samp negli ultimi 10 anni è retrocessa 2 volte… L udinese sono diversi anni che più o meno fa come noi. Ma sinceramente… Tu se preziosi cedesse chi pensi che verrebbe al suo posto!? Un Ferrero un Calabro o anche un cosiddetto gruppo Vialli… O un miliardario!? Che ci faccia vincere qualcosa!?….

    • Giovanni Porcella ha detto:

      No ero in festa ma non c’è malafede. Sai a volte si cerca di rendere il tutto interessante,

    • Seb Genoanissimo ha detto:

      Ciao Bruno, mi permetto qualche piccola rettifica; il Genoa purtroppo la seconda fascia non la vede da almeno 3 anni visto che siamo costantemente in zona retrocessione! E la Samp negli unltimi 10 anni è retrocessa solo una volta con il tocco di Boselli!
      Ma il punto principale e sul quale credo concorderemo è che l’anno scorso a 5 minuti dalla fine eravamo in B e ad oggi, siamo messi molto peggio e per me la colpa è al 99,99999% del magnate di Avellino!
      Poi concordo con te che di sceicchi o petrolieri pronti a comprare il Genoa non ce ne sono. Però, ultimamente vedo che la Fiorentina ha cambiato società, Bologna e Cagliari pure. Quindi mi chiedo, non sarà forse anche Preziosi che ci mette del suo? Circa 12 mesi fa tutti i giornalisti e opinionisti erano concordi nel dire che , con Piatek, Kouamè e Romero (+ quello che poteva entrare da Radu e Salcedo) c’erano in cassa quasi 100 mln potenziali e che se gestiti bene poteva ridurre drasticamente il Rosso di bilancio e farci riartire. Come è finità? Che il bilancio è sempre dello stesso colore, la B è sempre più vicina e per tutta risposta il MIGLIORE DEL DOPOGUERRA aveva già impachettato Kouamè per il miglior offerente…. Poi la dea Bendata gli rotto le uova nel paniere….

  19. Finnrico ha detto:

    Scusa, Giovanni, ma l’hai ideato tu questo titolo?

    “Motta prepara l’operazione Spal, a Ferrara per la prima vittoria esterna stagionale”

    Sarò un inguaribile superstizioso, ma non l’avete ancora capito che predicare vittoria ci porta una sfiga nera? Basso profilo, please, altrimenti torniamo con le ossa rotte 😉

  20. paolo ha detto:

    E’ inutile fare tante discussioni. Ormai le chiacchiere stanno a zero.
    Siamo prigionieri del joker e dei suoi diabolici giochetti che hanno un solo scopo: fare plusvalenze.
    Adesso è dato quasi per certo lo scambio alla pari a gennaio Pinamonti – Politano, cioè un giocatore giovane ed integro in cambio di uno che viene da un grave infortunio ed è fuori dal progetto tecnico di Conte, quindi col morale sotto i tacchi.
    Questa è l’ennesima dimostrazione della sudditanza dell’irpino nei confronti delle solite cosiddette grandi (solo in Italia).
    Non ha mai pensato di vendere, anche perché sa benissimo che la situazione patrimoniale della società, nonostante tutti i soldi ricavati in questi anni di presidenza vendendo i pezzi pregiati, è in un rosso spaventoso.
    E’ per questo che nessuno serio e facoltoso si fa avanti. Sa che un minuto dopo la firma del contratto d’acquisto si ritroverebbe delle amarissime sorprese.
    Sono anni che rischiamo di finire in B e lo scorso campionato l’abbiamo sfangata solo negli ultimi minuti dell’ultima partita.
    Aveva detto coram populo che avrebbe allestito una squadra in grado di non fargli più passare i momenti terribili sofferti a Firenze in quella domenica di maggio.
    Invece, come al solito, ha fatto una promessa da marinaio, con tutto il rispetto per i marinai, che fanno un mestiere durissimo.
    Mettiamoci l’anima in pace. prima o poi finiremo miseramente in B o, peggio, falliti.
    Forse sarà un bene, perché quando Preziosi si renderà conto che non ci sarà più nulla da spremere, mollerà finalmente la presa e venderà il Genoa, sempre che trovi qualcuno disposto a rilevarlo.
    Andrà in mano ad un altro Dalla Costa? Può darsi. Spero tanto di no, ma se succedesse significherebbe fallimento sicuro e ricominciare dalla D.
    Forse, allora lo prenderebbe qualcuno serio che, libero dal fardello del passato, potrebbe mettere in piedi un progetto serio per risollevare le sorti di questo club, tanto glorioso quanto sfortunato.
    Di sicuro ci sarebbe, comunque, l’ennesima umiliazione inflitta alla tifoseria che era e resterà sempre l’unico, vero, grande patrimonio del Genoa.
    Datemi pure del pessimista cosmico, ma mi pare che i fatti parlino da soli ed il responsabile di tutto questo sappiamo tutti molto bene chi è.
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  21. Asa ha detto:

    Tranquillo che Politano non è scemo. Al genoa che va on B non viene. Lo vuole l’Atalanta…..

  22. Paolo ha detto:

    Ciao Giovanni,ieri sera a gradinata Nord hai detto che l’ambiente ti sembra un po anestetizzato…..beh direi che con quello che sta succedendo da almeno 3 anni sia il minimo. E malgrado siamo anestetizzati sono stati fatti quasi 19.000 abbonati. La gente spera sempre in qualcosa di diverso ma poi inevitabilmente la cruda realtà ti fa capire che finché ci sarà questo figuro non cambierà mai nulla. Ma perché non commentate mai il fatto che il proprietario del Genoa non viene mai allo stadio? Penso sia vergognoso e non mi si venga a dire che lo fa per evitare tensioni…..al limite si prenderà qualche vaffa meritato e finisce lì. Ormai siamo una società in coma profondo, si viaggia a vista in attesa della morte.

    • Asa ha detto:

      Parole sante le tue. Sottoscrivo. Qui purtroppo oltre alla rassegnazione dei tifosi ormai abituati a questo schifo c’è pure quella delle emittenti televisive giornalisti pseudocommentatori ed esperti di calcio che ben si guardano dall’attaccare la società. Porcella in passato lo ha fatto lo ricordiamo tutti ma ora anche lui mi sembra spento. Pazienza, aspettiamo la B sperando che serva x toglierci l’indesiderato di torno per sempre.

  23. Paolo ha detto:

    “Edenilson, Roncaglia, Sturaro, Iago Falque e Bertolacci. Cinque giocatori che non ci sono più e si vede. Anzi si sente. Il Genoa con i problemi economici che ha deve sempre vendere e non sempre poi i campionati prendono le pieghe gradite. E sullo sfondo si parla di mercato di riparazione. Ma quella di gennaio è una chiamata di riserva che difficilmente senza investimenti (impossibili?), diventa decisiva e risolutoria. Inutile illudersi, inutile battere la grancassa delle belle gioie di corte. Il Genoa deve ritrovare la sua dimensione di sofferenza perchè se non c’è stato fin qui un euro tirare fuori il coniglio dal cilindro è compito duro.” Ciao Giovanni, questa era una parte di un tuo articolo scritto su primo canale sport nel dicembre del 2015, quindi 4 anni fa. Da allora non è assolutamente cambiato nulla da parte di chi gestisce questa baracca, anzi ogni campionato sempre peggio. Malgrado tutto i tifosi rispondono sempre presente fino ad arrivare ai quasi 19.000 abbonati di quest’anno, numeri che certe piazze più blasonate di noi si sognano. Abbiamo un personaggio al comando che nn va allo stadio da mesi e penso sia l’unico caso in Italia, e non racconti le cazzate che nn va per evitare problemi, lui non va perché non gli frega un c….. del Genoa e soprattutto dei tifosi. Voi che potete fate sentire a tutti che siamo stufi di questo elemento prima di trovarci in un punto di non ritorno.

  24. Asa ha detto:

    Le critiche le censuri vero….

  25. riccardo ha detto:

    Giovanni volevo farti una domanda e mi piacerebbe avere una tua risposta : Come mai non si parla più di advisor, di Assietta e di stato attuale dei “lavori” per la cessione del Genoa? Sembra quasi che da parte anche di voi giornalisti non ci sia quella voglia di pungolare, di tornar sull’argomento, di far capire facendo le domande giuste , che la piazza si aspetta che il Genoa venga ceduto…..Sembra quasi che la cosa sia stata buttata in pasto alla gente quando la contestazione era ai massimi…e poi sia stata lasciata cadere nel vuoto, anche dalla stampa stessa…come se ci fosse un accordo non scritto con la proprietà , di non andare a fare giornalismo “fastidioso” e lasciare che le cose stiano come sono. Perchè? Grazie.

  26. Paolo ha detto:

    E adesso chi ha ancora il coraggio di dire qualcosa in difesa di questa società? Sconfitta casalinga dolorosissima, che certifica l’assoluta mediocrità della squadra e del suo allenatore. Continua a cambiare formazione facendo scelte incomprensibili e non c’è un’idea di gioco. Ad un Torino dimesso e poco incisivo e’ bastato un goal a un quarto d’ora dalla fine per far sparire dal campo una squadra spuntata e senza nerbo.
    È di tutta evidenza che Brescia e Genoa sono le prime due serie candidate alla B ed è giusto così, perché sono quelle che giocano peggio e che sono senza una guida tecnica all’altezza della serie A. E la colpa di tutto questo schifo sappiamo benissimo di chi è. E’ inutile nominarlo.
    Giovanni, cosa aspetti a scatenare una vera e propria guerra mediatica contro questo personaggio che ci sta umiliando a ripetizione?
    BASTA STAMPA SILENZIOSA E INDULGENTE CON QUELL’ESSERE!!!!
    Dovete attaccarlo a testa bassa e non dargli tregua. Dovete dirgli apertis verbis che non ha più nessuno dalla sua parte, che deve vendere e non mettere mai più piede a Genova ed in Liguria.
    Lo stadio va desertificato e nessuno deve più andare in trasferta.
    Basta abbonamenti, basta acquisto di gadgets e di tutto ciò che possa portare soldi nelle tasche del joker.
    Ha finito di fare scommesse a spese della nostra dignità e della nostra storia.
    A forza di foraggiare i suoi amici di Juve, Milan, Inter, Roma e compagnia cantando ci ha portati nel baratro e merita solo di essere sbattuto via da Genova a calci.
    Adesso che fa? Caccia via Motta? E chi ci mette? Richiama Andreazzoli, tanto e’ ancora a libro paga? Nicola, scartato da tutti? Ballardini non lo prendo nemmeno in considerazione, tanto da quello lì non vedremo mai un atto di umiltà.
    Il mercato di gennaio non cambierà le cose e sarà serie B.
    Spero solo che retrocedendo riusciamo finalmente a liberarci di lui.
    E che non mi si venga a parlare di Dalla Costa, Scerni e così via.
    Il ciclo di Preziosi e’ finito. Avanti un altro. Se sarà meglio o peggio non possiamo saperlo.
    Io so soltanto che sono stufo di essere preso per il culo, perché tifo per una squadra materasso, perché questo è ormai diventato il Genoa.
    Povero Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEE!!!!!!!!!!

  27. Fabrydt ha detto:

    Buongiorno a tutti,
    va tutto bene i ragazzi lavorano dovevamo vincere con il Torino, non ci sono problemi per la salvezza.
    Questo è l’universo parallelo in cui vive il tecnico, la realtà è che siamo a 10 punti. 5 di Andreazzoli e 5 di Thiago Motta, basta cambiare altre sei volte il tecnico e raggiungeremo quota 40. La verità è che per vincere bisogna segnare non creare solo i presupposti, bisogno non prendere gol e non nascondersi dietro al fatto che un episodio ci condanna, su calcio d’angolo con tutti gli effettivi schierati perdere la marcatura è grottesco.
    Si può anche far partire l’azione da Radu seguendo la moda del momento il problema è che dopo che l’azione è partita il pallone torna sistematicamente al portiere.
    Non discuto che il gioco ed il lavoro di Thiago Motta possa portare a risultati nel medio e lungo termine, ma ci sarà abbastanza tempo perché questo serva a qualcosa?
    Ora ci vuole un tecnico sparagnino, che dia certezze ai giocatori ne scelga 10 di movimento da far giocare assieme per affinarne l’intesa in modo che si ritrovino in campo a memoria. Sulla sinistra si prenda una decisione, Criscito non è il Criscito che conosciamo ma per piede tempismo rimane il male minore, Pajac scende e si dimentica il pallone non copre e crossa da 0 a 0, Barreca fa la fase offensiva benino ma ha lacune pericolose in quella difensiva. a destra abbiamo Ankersen e Ghiglione dovendo giocare coperti schieramoli assieme, con Ghiglione sulla linea dei centrocampisti. Decidiamo chi è il nostro regista se Radovanovic il cui essere di poco sopra alle aspettative non eguaglia uno Schone un po al di sotto delle sue, Sturaro mettiamolo a far legna sul centro destra perché a sinistra serve come un impacco su una gamba di legno. Facciamo giocare Agudelo dove veramente può incidere. Il calcio non è complicato basta fare giocare ognuno nel proprio ruolo e chiedere a tutti il massimo impegno facciamo partire dalle propria area le squadre che hanno una proprietà di palleggio che glielo consente se i nostri non vanno oltre il terzo passaggio riuscito consecutivo scegliere questo schema equivale a portarsi il nemico in casa. Una squadra come la nostra con i mezzi che ha deve per forza pensare a coprirsi e ripartire con la massima velocità possibile. Il Torino di sabato era veramente poca cosa e noi gli abbiamo consegnato punti e tranquillità.
    In tutto ciò la ns. dirigenza sta pensando comunque alle plusvalenze che potrà fare a gennaio, stronca Capozucca il migliore per fare le nozze con i fichi secchi e prende Marrocu l’ennesimo che dopo che avrà capito che non avrà ne soldi ne poteri migrerà presto verso al tri lidi.
    Poi ci sono i tifosi….. con sempre meno voglia di sostenere una squadra che fa solo uno stucchevole giro palla nella propria area di rigore…. il buon Juric almeno lo faceva a centrocampo.
    FORZA VECCHIO BALORDO

Lascia un commento

A QUESTO GENOA SERVE L’ALTA TENSIONE

Sì, ci si deve preoccupare caro mister Thiago Motta, eccome se conviene guardare in faccia la realtà. Non sono d’accordo [&hellip

Genoa sfortunato, senza Kouame perde gol e milioni

Il Genoa perde il suo capocannoniere e quello che è il giocatore con il piu’ alto valore di mercato che [&hellip

PUNTO DI FORZA

Quello di Napoli è stato un punto conquistato con la forza. Se si voleva infatti una risposta dalla squadra e [&hellip

Fare qualche punto e poi intervenire sul mercato

Serve equilibrio a questo Genoa senza troppe pretese se non quella di raggiungere al salvezza che invece ora pare un’impresa. [&hellip

Follow Me!

Follow Me! Follow Me! Follow Me! Follow Me!

Search

Archivio