LAPAGOL REGALA SPERANZA

28 Apr 2019 by Giovanni Porcella, 60 Commenti »

Ha esultando mimando di togliersi un po’ di polvere dalle braccia. Lapadula ha segnato un gol importantissimo con la Spal che regala finalmente un mezzo sorriso all’ambiente e un po’ di speranza. Lui è l’unica vera prima punta di ruolo rimasta al Genoa dopo il prematuro addio a Piatek. Sanabria non lo è un bomber e Favilli e’ un lungodegente. Funziona il tridente con Pandev, Kouame e appunto Lapadula che cambia il match con la Spal. Arriva un risultato di pareggio in rimonta con Lapa che segna il primo gol del campionato e interrompe un digiuno della squadra di 280′. Si è tolto la povere di dosso, anche la naftalina in cui era finito. Per carità, nulla di meritevole visto i nulla di questa stagione rossoblu’ ma occorre tapparsi il naso e salvare il salvabile cioe’ la categoria. Poi ognuno farà le sue valutazioni dopo un anno davvero disastroso che ancora ora non garantisce la salvezza anche se è un pochino piu’ vicina, ma senza illudersi. Le insidie ci sono ancora, basta guardare il calendario non solo del Grifone.

60 Commenti

  1. salve
    facciamo veramente schifo; ero sicuro che non finissimo in undici, visto anche i poco lusinghieri precedenti.
    A parte i primi venti minuti dove, traversa a parte, sembravamo l’ombra di una squadra, poi più nulla ma nulla cosmico.
    Alla rete del pareggio non ho minimamente esultato tanto ero ( e sono ) nauseato dallo schifo messo in mostra.
    La Spal mi ha dato la netta impressione di non forzare e poi, dopo il salvataggio sulla linea di Romero su vaccata di quel citofono che abbiamo in porta, la partita è morta.
    Criscito è ormai all’ammazzacaffè …
    Macerie macerie macerie; mi duole ammetterlo ma meriteremmo la B …
    un saluto
    Piero e famiglia

    • Asa says:

      Concordo con te su tutto e soprattutto sul non riuscire nemmeno ad esultare al pareggio. Come ci hanno ridotto. Che tristezza.

  2. luca 64 says:

    Ciao a Tutti, punto importantissimo come importante è il goal segnato dall’unico centravanti di ruolo rimastoci in organico. Come hai scritto Tu Giovanni e come penso personalmente da un po’ di tempo bisogna solo tapparsi il naso e sperare che questo ennesimo campionato, regalatoci dal più grande presidente dell’interspazio si concluda velocemente senza amare sorprese. Il derby Toscano di Domenica prossima sarà indicativo al riguardo. Pur non avendomi convinto in certe situazioni penso che l’allenatore potrebbe essere un buon puntello per il futuro. Purtroppo il punto dolente è sempre la proprietà e la situazione che ha creato attorno alla squadra. Da troppo tempo va avanti in questo modo e ciò non credo sia più possibile, basta. Forza Genoa Sempre

  3. Paolo says:

    Concordo in pieno Giovanni. Punto di platino.
    Finalmente la fortuna ci ha fatto un sorriso. Il goal di Lapadula, riconosciamolo, e’ stato un colpo di fortuna, perché è scivolato sul piede d’appoggio e ha calciato di sinistro facendo prendere alla palla una parabola imprendibile per Viviano.
    Poi, per fortuna che Romero e’ stato bravo a rinviare sulla linea il colpo di testa di Kurtic sull’ennesima papera in uscita di Radu.
    Lapadula e’ scarso, ma almeno s’impegna fino alla morte e solo per questo va lodato.
    Per il resto è stata una partita di basso livello. La Spal m’è sembrata timorosa, imballata, cane se avesse paura di compromettere il buon cammino fatto in queste ultime giornate.
    Il Genoa era compatto, ma quando si trattava di costruire gioco lo faceva sempre coi soliti lanci lunghi a scavalcare il centrocampo. Pandev predica nel deserto.
    Di positivo c’è stato che finalmente non abbiamo beccato il solito goal dell’ex.
    Ora ci aspettano 4 finali, da giocare veramente col coltello tra i denti. L’Empoli dovrà incontrare Fiorentina e Torino in casa, Samp e Inter fuori.
    Sulla carta dovremmo farcela, ma fino a che non avremo la matematica a darci ragione dovremo soffrire terribilmente.
    Tra l’altro la Samp sta praticamente rinunciando all’Europa League e temo che contro l’Empoli non s’impegneranno più di tanto.
    Comunque noi dovremo far leva sulle nostre sole forze, senza guardare gli altri.
    Grazie joker per quest’ennesimo finale di campionato al cardiopalmo che ci hai regalato.
    Trova alla svelta un compratore serio e va via per sempre dalla Liguria.
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. Guido says:

    Un saluto a tutti i Genoani. È il colmo, siamo qui a festeggiare un punticino che fa classifica, nella speranza di salvare la categoria. Diciamo che anche quest’anno ci vada bene, e poi? Cosa cambierà? Nulla. I migliori rimasti sono già venduti, dovremo sperare nell’arrivo di altri che, se saremo fortunati ed avremo trovato dei giocatori, a gennaio saranno venduti. Sopravviveremo di giocatori in prestito con varie modalità.
    Mi domando che futuro abbiamo?

  5. Fabrydt says:

    Buongiorno a tutti,
    prendiamo il punto e lasciamo stare il resto, Prandelli, che si è infilato in questa situazione non giocando le partite con Chievo e Frosinone non rimarrà, cosa francamente del tutto indolore, anche di questo la colpa verrà addossata ai tifosi capro espiatorio per qualsiasi male del Genoa, anche della mancata vendita della società pensate un po’. La tifoseria era tre anni che di questi tempi faceva comunicati dicendo che ci si stringeva attorno alla squadra per il bene del Grifone ma poi avrebbe chiesto conto in merito alla futura programmazione, Preziosi i conti purtroppo li fa solo con il suo commercialista a Dubai quindi se quest’anno la tifoseria assumerà un posizione oltranzista niente da dire. Io con la Roma entrerò indipendentemente dalla linea che adotterà la T.O. per il semplice fatto che non riesco a farne a meno, già non esserci con il Torino per ferie mi è costato parecchio. Rimane il fatto che se il Genoa a 4 giornate dalla fine si deve attaccare a Lapadula che solo per puro culo non ha sbagliato l’ennesimo gol per voler segnare in semirovesciata (derby docet) dà la dimensione di quanto questa squadra sia a carte poche.
    FORZA VECCHIO BALORDO

  6. Franco says:

    Vita dura per i goleador… Lapa al Genoa e’ l’unico che poteva fare qualche gol… ma forse c’ha messo anche del suo per stare fuori. Piatek out nel Milan !!. Sic ! e StraSic !!. Ma Gattuso con tutti gli scarsi che giocano nel Milan mette fuori Piatek !. Incredibile. Povero calcio. Prandelli le prova tutte poveretto !. Non so’ come sia la situazione, ma ora Lapa dovrebbe giocare. Sulla carta finale duretto. Ma l’Empoli e’ a 7 punti !!. Le squadre Genovesi avranno nuovi proprietari ?. Tra non molto lo sapremo. Speriamo per un nuovo ciclo senza inutili tensioni , e sopratutto che esprima due compagini all’altezza dei loro appassionati pubblici. Cordiali Saluti.

  7. Asa says:

    Bene il punticino trovato per caso e fortunosamente per strada. Per il resto tanto tanto schifo. Disgustosi tutto dal non gioco alla squadra allenatore società. Spero che la contestazione duri ad oltranza oltre la fine del campionato, nel ritiro estivo e all’inizio del prossimo calvario sino a che arriverà la liberazione….

  8. PREVIATI STEFANO says:

    Come avevo gia’ scritto, grazie all’ Empoli la questione salvezza era gia’ archiviata senza dover richiamare il mago di Ravenna.

  9. francesco says:

    buongiorno Giovanni, anche quest’anno il convento passa questo vitto, e dobbiamo accontentarci. Un punto raggranellato con un po’ di fortuna, ma altrettanto vero che forse col Torino non si meritava di perdere. Secondo me saranno fondamentali le prossime due partite. L’Empoli, dopo aver perso i due scontri diretti, portato a tentare il tutto per tutto, potrebbe fare 6 punti tra Fiorentina (quasi certi) e Zamp (quasi certo il dispetto!) quindi sarà vitale non farsi superare in classifica.
    La squadra deve aver coraggio e lottare e personalmente, son contento di aver “ritrovato” Lapadula, che farei giocare centravanti con vicino Pandev/Sanabria.
    Coraggio dunque e foga agonistica di qui alla fine.
    Un cordiale saluto a tutti

  10. Carlo says:

    bisogna mandare via preziosi con OGNI mezzo….e bisogna già cominciare a pensarci adesso perchè la storia che prima dobbiamo salvarci non regge…ogni anno con lui sarà la stessa stroria e contestare DOPO….ma dopo quando ? a Ferragosto dalla spiaggia ? basta abbonamenti, basta stadio , basta sky e io dico anche basta giornali e basta trasmissioni …deve incazzarsi anche la stampa locale per mancanza di ascolti..cosi’ forse si muove…

  11. Finnrico says:

    Fa male riconoscerlo, ma non abbiamo in realtà nessuna arma per “licenziare” il presidente.

    I tifosi non vanno allo stadio? E chi se ne importa, tanto i veri utili arrivano dai diritti televisivi e dalle cosiddette plusvalenze.

    La squadra retrocederà? Non sarà certo per colpa dei tifosi, e tanto c’è il paracadute per le retrocesse.

    Si vuol creare un clima di insulti e minacce? A parte il fatto che a tutto c’è un limite, che lo si voglia o no, cosa cambia? Non verrà allo stadio o verrà con la scorta.

    Il “danno” che i tifosi possono creare al presidente per obbligarlo ad andarsene è infinitamente minore rispetto al danno che il presidente può dare alla società, ai suoi bilanci, alla sua storia, fino al limite del fallimento e della mancata iscrizione al campionato di pertinenza.

    Sinceramente spero solo che il messaggio della tifoseria giunga a destinazione e che il presidente si decida veramente a trovare un acquirente serio e a passare la mano, perché da questa situazione rischiamo di uscire tutti con le ossa rotte.

    Sulla partita di domani stendo un velo pietoso. Dico solo: attenzione a speculare sul calendario, l’Empoli farà molti più punti di quelli che ci si immagina.

    • Finnrico says:

      …sulla partita di IERI (non di domani). Scusate…

    • Giovanni Porcella says:

      Posso dire che una contestazione civile puo’ servire a far capire alla dirigenza che i tifosi chiedono di piu’. E se questo dovesse arrivare sarebbe comunque grazie a chi si è impegnato ad alzare. Se dovesse arrivare una proposta d’acquisto si cercherà di capire che tipo di offerta sarà e se scatterà uan volontà di cambiare, ma se non ci fosse nulla di allettante Preziosi dovrà prendere atto che potra’ rimanere solo se raggiungerà determinati obiettivi minimi senza vendere dopo due mesi i giocatori e magari ogni tanto considerare la tifoseria tutta e magari anche un po’ l’opinione pubblica compresa la stampa quella critica ma mai cattiva che lo consiglia per il verso giusto e senza secondi fini

    • PREVIATI STEFANO says:

      Ma dove ? Dai, campionato – orrido – finito . Ora via il padrone del vapore …..

      • Finnrico says:

        Spero che tu abbia ragione, perché temo seriamente che se va bene chiuderemo a 38-39 punti. La Zamp di sicuro si scansa e Montella è cresciuto a Empoli…

    • Asa says:

      Quindi secondo te meglio restare pecore e mettersi a novanta?

  12. Davide says:

    Buongiorno a tutti,

    Contentissimo per il gol di Lapadula, una buona iniezioni di fiducia per lui e per noi in questa rincorsa alla salvezza ( della quale il Presidentissimo Enrico Preziosi , una volta ottenuta, si dirà averne avuto la certezza già a Gennaio ). Ora è il momento di pensare a giovedì sera. Sarebbe auspicabile la presenza di esponenti importanti della società civile genovese che abbiano il coraggio di metterci la faccia a tutela del Genoa. Sia a garanzia della bontà della assemblea pubblica, sia affinché la città e le famiglie industriali di Genova vengano stimolate a muoversi realmente e concretamente a tutela di uno dei patrimoni della nostra Regione.

    Con rinnovata stima

    Davide

  13. robertogrifo says:

    Ieri il punto conquistato è l’unica nota positiva in quanto ci avvicina alla salvezza che va comunque ancora conquistata.
    Per il resto regna l’ incertezza più totale. Personalmente non credo che il proprietario cederà la società neanche se la contestazione dovesse inasprirsi, ma cercherà di recuperare terreno magari con un muovo allenatore e un mercato estivo importante. A questo punto la palla passerebbe nuovamente a noi tifosi, aprendo un nuovo scenario…

  14. giuse says:

    Pari giusto, anche se nel primo tempo il tiro andato sulla traversa poteva essere goal.
    La squadra è questa. Incompleta con giocatori fuori ruolo ma volenterosa. In ogni caso Lapadula è uno che combatte e cerca di segnare.
    P.S.
    Secondo me la scarsa appetibilità della società Genoa oltre al debito (la cui consistenza non è molto diversa da tante altre società di A) è la mancanza di una struttura societaria che consenta una programmazione di lungo periodo.
    Senza delle fondamenta solide è impensabile avere risultati sportivi costanti. Nessuna proprietà dagli anni 70 si è mai preoccupata di costruire una società moderna di calcio da serie A. Solo nei primi anni di Preziosi sotto la supervisione di Gasperini si era iniziata a dare una piccola struttura alla società (mi riferisco alla modernizzazione di Pegli e alla nascita della cantera) ma poi tutto si è fermano prima del vero salto di qualità che sarebbe stato il centro di Cogoleto

  15. PREVIATI STEFANO says:

    Intendevo per Post 11.

  16. Ponente74 says:

    A me sembra che Prandelli abbia provato davvero tutte le pozioni possibili e immaginabili col materiale a disposizione come neanche Herry Potter avrebbe saputo fare. Non c’è un solo giocatore che riesca a saltare l’uomo, tranne a volte Pandev, non ci sono quasi mai tre-quattro passaggi di fila precisi per andare in porta… cosa ci fa un allenatore… la caratura dei giocatori mi sembra quella che purtroppo si vede. Mi fa impazzire Romero quando da solo parte a fare pressing da solo su due-tre-quattro avversari con una grinta che mi chiedo: e gli altri? Però mi sa che Prandelli sia già stanco del Genoa e di tutta la situazione negativa che aleggia, eppure a dicembre si parlava di progetto futuro con lui, e ci poteva stare. Che tristezza! Però ora c’è bisogno di tre pullman davanti alla porta e il tutto per tutto contro il Cagliari e non vuoi che magari Kouame’ prima o poi non la butti dentro…

  17. Guido says:

    Facciamo un’analisi dei giocatori.
    Radu, ha dei limiti, soprattutto nelle uscite alte, vedo dei margini di miglioramento vista la giovane età.
    Romero, non dico nulla, è già venduto …. l’unico giocatore buono
    Criscito l’ho sempre ritenuto un giocatore da sufficienza e niente di più
    Zucanovich e Biraghi mediocri
    Rolon appena superiore alla mediocrità
    Radovanovic lento macchinoso modesto
    Veloso idem come sopra
    Lerager appena superiore alla mediocrità
    Mazzitelli, questo sconosciuto.
    Lazovich altalenante
    Pereira insufficiente
    Kouamé sufficiente
    Pandev l’unico giocatore con i piedi buoni … peccato non abbia 5 anni di meno
    Favilli questo sconosciuto…
    Lapadula mediocre
    …………. altri della panchina non mi esprimo ……
    Una squadra incapace di accelerazioni improvvise, di cambi di gioco, di sovrapposizioni, di saltare l’uomo…..
    Giochiamo compassato, toccando la palla 5-6 volte prima di passarla, diamo il tempo agli avversari di riposizionarsi e di pressare.
    Tirando le somme se ci salviamo la prossima stagione la dobbiamo affrontare con l’ennesima rivoluzione “preziosiana” ……
    Che tristezza, che schifo!

  18. Paolo says:

    Una domanda a Roberto Grifo. Come uomo, che credibilità ha Preziosi Enrico da 1 a 10?

  19. Francesco OreginaRossoblu says:

    LA CONTESTAZIONE DEVE CONTINUARE SINO ALLA FINE.LEGGO CHE E’ STANCO.STANCO DI GUADAGNARE SULLE NOSTRE SPALLE.P…..SPARISCI.

  20. robertogrifo says:

    Credibilità vicina allo zero, per questo son convinto che cercherà di riguadagnarne un po’ con delle chiacchiere e con una campagna acquisti degna di questo nome….io in tutti i casi l’abbonamento non lo rinnovo e se vuol farmi ricredere bisogna che il suo operato a lungo termine torni ad essere quello del presidente non del proprietario… Per troppe volte ci ha mancato di rispetto…

  21. Asa says:

    Io l’abbinamento non lo faccio sino a che non cambia la società. Anche se farà e non ci credo, un mercato ottimo non vado più sino a che c’è lui.

  22. Paolo says:

    Fiorentina in crisi nera e guidata dal traditore Montella; poi Samp ormai demotivata che non aspetta altro per poterci fare del male. L’Inter all’ultima sarà ormai sicura del terzo posto, per cui giocherà per onor di firma. Resta solo il Toro alla penultima che lotterà per un posto in Europa.
    Questo il cammino dell’Empoli. Se non vince le prossime 2 allora possiamo farcela.
    Noi con Roma e Atalanta lanciatissime sarà un miracolo se riusciremo a strappare un punticino. Poi speriamo di riuscire a battere il Cagliari, ormai tranquillo.
    E speriamo che l’Udinese continui a perdere.
    Mamma mia, come siamo ridotti per colpa di quell’essere inqualificabile!
    Non se ne può più.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  23. Paolo says:

    Ciao a tutti, caro Giovanni non mi intendo di numeri ne tanto meno di bilanci ma da quello che ho letto e da quello che ha detto Zarbano,anche il prossimo anno sarà un campionato in apnea. Ormai è certo che per sopravvivere (Non vivere) sperando di salvarsi sia economicamente che dal punto di vista sportivo, il nostro amato presidente DEVE vendere sia a giugno che a gennaio, e la cosa più pericolosa che, come ho letto su un articolo, il margine di errore diventa sempre più piccolo. Ora, visto l andazzo degli ultimi 3 anni dove sono stati commessi errori di ogni tipo,soprattutto a livello economico e gestionale, ritengo che la situazione possa solo che peggiorare. In più, tranne Piontek e Romero però già venduti, sono stati acquistati giocatori che oltre a non valere nulla economicamente, non sono serviti neppure per l economia della squadra. Spero che i tifosi, gli ultimi rimasti a sostegno del figuro, e tutti gli altri, capiscano che il bene del Genoa sarà quando questo andrà via.

  24. PREVIATI STEFANO says:

    Ancora ? Dai, campionato strafinito ……

  25. PREVIATI STEFANO says:

    Mazzoleni …… vediamo se ancora una volta si dimostrera’ scarso e prono alle grandi ….

    :0(

  26. Asa says:

    Si potrebbe essere già finito il problema è che il prossimo sarà nauseante come questo.

  27. bruno says:

    Buonasera a tutti…credo sia inutile sperare in un cambiamento di questa dirigenza, che si faccia contestazione, chiaramente civile, o che non la si faccia la politica di Preziosi, e/o della società sarà sempre questa. E lo dice uno che ha sempre cercato di vedere il bicchiere mezzo pieno. Abbiamo vissuto 5/6 anni belli almeno per quanto mi riguarda, appena venuti in A…. dopodichè è iniziato questo ciclo, che penso non cambierà. Come ho già detto altre volte Genova è una città piccola…non arriva a 600 mila abitanti, di cui almeno la metà anziani. Non vi sono grosse imprese, quelle che c’erano se ne sono andate altrove, e la caduta del ponte ha dato secondo me il colpo di grazia. Non credo proprio che grossi imprenditori italiani, e tanto meno stranieri abbiano intenzione di investire a Genova magari partendo dal calcio, non credo questa città possa far gola ad alcuno. Inoltre se torniamo indietro di 50/60 Genova non ha mai avuto 2 squadre stabilmente in serie A. Bensì una più o meno fissa e l’altra quasi sempre in serie B. E purtroppo quella fissa in serie B siamo sempre stati noi. Purtroppo a parere mio, Genova 2 squadre in serie A è un lusso che non può permettersi, e la logica dovrebbe essere il Genoa con la sua anzianità, la storia e anche se oramai è preistoria, il suo blasone, la prima squadra della città. Dovrebbe avere la parte importante dell’imprenditoria schierata con i nostri colori, ed invece purtroppo, e chissà perchè, ciò non è mai accaduto. Anzi, l’opposto. La parte importante di Genova, i grossi nomi e con mezzi economici tutti sempre per loro. Le famiglie importanti e che contano veramente sono sempre state blucerchiate. Oramai spero anch’io che Preziosi molli…ha fatto veramente il suo tempo, tantomeno credo che nemmeno lui nonostante i lauti guadagni ne abbia più voglia, ma io non mi faccio nessuna illusione, non credo che possa arrivare qualcuno in grado di regalarci qualche piccola e strameritata soddisfazione, arriverà sicuramente uno come quelli che abbiamo sempre avuto, personaggi che si serviranno del Genoa per ottenere i loro traguardi extracalcistici, e per regalare a noi il nulla…come purtroppo la storia parla.

  28. Pino says:

    Sig. Porcella, sigg. Genoani, mi permettete un piccolo mio pensiero sulla vicenda? Sono Doriano, vivo lontano da Genova (Sigh!). ma non posso continuare ad assistere a questo vostro stressante fine campionato che poteva essere, secondo me, evitato. Vedere i “Cugini” incavolati, giustamente, contro il Presidente, mi fa pensare che se fossi uno di loro, forse sarei stato uno in prima linea. Quella gente HA RAGIONE. Si sente presa in giro. Perchè le azioni che ha perpetrato il loro N. 1 nei loro confronti, non hanno scusanti. Sanno di arrogante presa di posizione. E tutto a danno della Squadra. Cosa c’entrava mandar via un allenatore come Ballardini quando la squadra aveva una buonissima media punti? E questo fu il primo errore (più che errore, mi è sembrata una sciocchezza). Il secondo fu quello di vendere il Polacco, che se quando lo ha venduto ha preso cento, se aspettava la fine del campionato (oltre che a far marciare il Genoa ad una buona media) lo avrebbe venduto a duecento. Guadagnando ancor di più per il bilancio, che a suo dire è sempre rosso.- E quello lì è un industriale, mica un peracottaro. e questi conti se li è fatti sicuramente. Se lo ha venduto è stato proprio per fare del male al Genoa. Seconda sciocchezza. Poi ha voluto ottenere, secondo me, lo scollamento della tifoseria sugli spalti, con questa protesta che fa il male solo della Squadra, rischiando, speriamo mai, di fare fare l’ignominioso tracollo dei nostri nel 2010. Penso che l’allontanamento della tifoseria superincavolata, E’ PROPRIO QUELLO CHE VOLEVA, addossandole la colpa dell’eventuale crollo morale dei giocatori per la scarsa partecipazione e le conseguenti sconfitte. Questa è una sua furbata. Non cadete in questo tranello. Cercate di tenere la barca dritta, e poi, A BOCCE FERME, decidete sul da farsi, anche con le misure più estreme.
    Vi spiegherete perchè di questo mio tempo speso a commentare. Ho amici Genoani con i quali dividiamo il tempo libero, si fa per funghi, si va a cena insieme, e altro. Ci si sfotte magari un pò, ma mai scadendo da certi valori linguistici. Ma abbiamo una cosa in comune, e l’abbiamo solo noi Genovesi : IL DERBY PIU’ BELLO E CIVILE D’ITALIA. Gli altri derbies non saranno mai uguali al nostro.
    Perchè volete creare la possibilità che l’anno prossimo ciò possa non accadere a causa di un personaggio che merita solo l’indifferenza? Che è il peggior disprezzo?
    Genova è come Siena con le sue Contrade durante i Palii. Quella gente vive per il Palio. E noi viviamo per il Derby. A Genova è Derby tutto l’anno. Si trepida per quella settimana.
    Preziosi se ne andrà. Fate in modo che non lo faccia con l’ennesima pugnalata.Un mese passa presto.Vedrete che vista la mal parata in qualche modo risolverà di andarsene. Oddio, adesso non mi fate la predica su Ferrero, abbiamo già ingoiato per troppo tempo vergogne inaudite per causa sua (Ci deridono anche all’estero) e anche noi speriamo che quel signorino faccia le valige, Grazie di avermi letto, e al prossimo derby! E che vinca il migliore. Ancora grazie.

  29. robertogrifo says:

    Un proprietario in grande difficoltà quello che stasera è intervenuto a Gradinata Nord. Ha ribadito che i conti sono migliorati e che la società è sana, che il primo responsabile dell’attuale situazione è lui ma che la cessione di Piatek e la prossima di Romero sono necessarie e inevitabili per mantenere la categoria. Ha ribadito che la società è in vendita ma che non ci sono acquirenti.. A precisa domanda del buon Cesari che gli chiedeva di promettere il suo impegno per rilanciare la squadra, ha risposto che promesse non ne fa. Nulla quindi che già non si sapesse e che purtroppo non fa che confermare che nel prossimo futuro l’andazzo sarà lo stesso. La contestazione civile ma ferma mi sembra inevitabile e doverosa, il mio augurio è che la campagna abbonamenti del prossimo anno sia un clamoroso flop in modo da dimostrargli che questo suo modo di gestire la società, senza alcun rispetto per i tifosi non è più accettabile. Non è ammissibile che a inizio campionato si sappia gia che il massimo che si potrà aspirare è una salvezza tranquilla, io voglio almeno poter sperare in qualcosa di meglio, almeno sino a marzo…. sarebbe già un bel passo avanti visto che ora a dicembre i giochi sono già fatti…

  30. Francesco OreginaRossoblu says:

    Ho ascoltato attentamente l’intervento di quel personaggio a Gradinata Nord e mai come ora ho notato una sua palese difficoltà.Il fatto che non ha promesso nulla la dice lunga.Insisteva sul bilancio e sui tifosi “delinquenti”,continuava a ripetere che ha sbagliato ma con i suoi errori ci porterà in b.Il fatto che lo ha ammesso mi fa incazzare ancora di più e significa che i suoi errori sono sempre stati calcolati e continuerà a farli.Scommettiamo che se retrocediamo l’acquirente lo trova subito?Immagino che se ci sono viscidi che gli riportano quello che si dice in trasmissione ce ne siano anche in Grifhouse.Per l’ennesima volta ha dimostrato che dei tifosi non gliene frega niente.Giustissime le contestazioni ma non porteranno a niente di buono.Giovanni hai sottolineato più volte che l’abbandono dei tifosi è un fatto gravissimo e lui che ha detto?Bilancio e delinquenti.Non lo sopporto più!!!

  31. Francesco OreginaRossoblu says:

    Graziano mi è sembrato molto deciso nei suoi interventi ma nonostante tutto lui con tutta calma ripeteva …errori…bilancio…delinquenti.Ma siamo sicuri che non sia stato un disco registrato?

  32. Davide Parodi says:

    Gentile Giovanni,

    complimenti per la trasmissione di ieri sera. Con un ritmo incalzante e un serrato botta e risposta tra Preziosi e Cesari che ricorderemo per molto tempo. Preziosi paga una pessima gestione della comunicazione verso i tifosi del Genoa, dei quali si può comprendere la rabbia crescente, e per questo la sua credibilità purtroppo non è elevata. Quanto meno ha smesso di fare promesse come da lui stesso affermato, salvo poi prendersi ufficialmente l’impegno di estinguere in maniera definitiva il debito con l’ erario entro Dicembre 2019. A questo punto sarebbe bello capire quali sarebbero i possibili nuovi scenari: un “rilancio” che riavvicini la prestazione sportiva della squadra a quella dei tanto rimpianti primi anni da sogno nella serie A ( con un tecnico capace e ambizioso alla altezza dell’ ex Gasperini e talenti puri per i quali , pur con tutti i suoi difetti, il Presidente ha sempre dimostrato di avere fiuto ) o un mero vivacchiare nel centro classifica?
    Reputo difficile, almeno per il momento , immaginare un Genoa senza Preziosi e un Preziosi senza Genoa.
    Chiosa finale. Sono molto contento del collegamento in diretta che la vostra Emittente è riuscita a realizzare presso la Sala Chiamata del Porto certificando il clima di civiltà e libertà con cui si è svolto il dibattito. Apprezzabili tutte le proposte della TO ma non condivisibile, a mio parere, la scelta di disertare gli spalti in queste ultime giornate di campionato. La squadra sta faticando, per non dire che i nostri calciatori sembrano 11 morti che camminano, e lasciarla sola sarebbe la scelta peggiore da farsi. Una scelta tafazziana.

    Cordiali saluti

  33. Gallo says:

    Giovanni ciao, ho potuto vedere solo ora il video della registrazione di gradinata nord di stasera.
    Volevo chiederti una cosa, ma perché al presidente non si chiede mai una volta perché non dice la verità?
    Ma non la verità su una particolare cosa, ma su tutti gli argomenti che tocca.
    Ripeto io (e penso molti altri) avremmo apprezzato di più la sincerità che tutte le bugie che ci sono state raccontate…
    Una semplice domanda da porgli : “Perché presidente ha detto all’intera tifoseria che Piatek non lo avrebbe mai venduto a Gennaio per poi fare il contrario?” e questa è solo l’ultima…
    Inutile dire ci metto la faccia se quella faccia non ha un valore…
    Una volta sola domandategli perché dire tante bugie anziché verità anche scomode…

    Ti ringrazio per il servizio, piuttosto sarebbe bello poter rivedere le puntate intere per chi ogni tanto se le perde come me :)

    Notte.

  34. Francesco OreginaRossoblu says:

    Altra cosa.Il bilancio è ok?Bene e allora perchè vende Romero alla juve?Non deve solo sparire da Genova ma dall’universo.

  35. luca 64 says:

    Ciao a tutti, ieri sera ho assistito all’intervento del più grande intenditore dell’universo e penso solo di avere perso tempo inutilmente. Mi sembra infatti che non abbia detto niente di diverso da quello che dice da anni e anni passando da un ” mi prendo le mie colpe, ho chiesto scusa per la licenza uefa, l’ingaggio di Toni è stato un disastro” e via su questo piano. Ha pure affermato con forza che il bilancio è migliorato e praticamente siamo quasi a posto, debiti con l’erario a parte. Non gli ho mai sentito spiegare però come sia stato possibile arrivare a avere questi debiti, con tutte le campagne acquisti/vendite fatte in questi anni. Personalmente ritengo abbia perso qualsiasi credibilità da parecchio tempo. Per quanto riguarda l’assemblea dei tifosi ritengo sia giusto a questi punti, andare fino in fondo con la decisione di disertare lo stadio, mentre non sono d’accordo sul fatto di rinnovare l’abbonamento il prossimo anno, mi sembra proprio un controsenso.Ora più che mai Forza Genoa Sempre

  36. Fabrydt says:

    Buongiorno a tutti,
    è stata una settimana importante per il Genoa, approvazione di bilancio, assemblea della tifoseria, Preziosi che si degna di conferire con Primocanale etc…
    Mi spiace ma sentire Preziosi parlare che nel suo vocabolario equivale a mentire non rapisce minimamente il mio interesse quindi mi astengo dal commentarne l’intervento dovrei ribadire cose che risulterebbero trite e ritrite, Più interessante è stata la seduta di bilancio anch’essa non scevra da mistificazioni, mi rendo conto di essere un sofista ma presentare un bilancio in utile di un milioncino prima delle tasse che diventa quindi in perdita di quasi 4 milioncini e presentare come un risultato positivo la diminuzione del debito nei confronti con l’erario alla soglia dei 58 milioni è un puro esercizio di equilibrismo amministrativo per non dover rendere conto di come il tipo di gestione adottato dalla società non spieghi minimamente come la stessa possa ancora essere sotto di più di 60 milioni di Euro. Ora lo slogan “13 anni di A” sembra essere stato soppiantato da “la società ha i conti in ordine” se il primo slogan quantomeno portava in se una tautologia incontrovertibile, il secondo è fuorviante, ed unicamente volto a far passare il messaggio la società è sana e se nessuno la vuole i motivi sono altri, insinuando in questo un’improbabile responsabilità della tifoseria. VERGOGNA!!!
    La società non ha i conti in ordine quindi un eventuale acquirente dovrebbe sobbarcarsi un debito di più di 60 milioni (Preziosi al suo insediamento se ne accollo 27 non pagando un Euro per l’acquisto) e pagare una cifra d’acquisto vicina a 100 milioni. Anche un salumiere venderebbe volentieri il suoi prodotti a 100 Euro all’etto ma è più che chiaro che nessuno li comprerebbe. Se non si trova un acquirente è solo perché anche dalla vendita della squadra Preziosi vuole guadagnare. Questo e solo questo è il messaggio che deve passare, i media locali e non che propinano altro siano etichettati come conniventi. Per quanto concerne l’assemblea dei tifosi concordo in pieno con la risoluzione adottata, ne comprendo i motivi tuttavia conto di esercitare il mio insindacabile diritto ad entrare allo stadio, per partecipare al rito laico come faccio da 46 anni a questa parte perché non voglio dare in alcun modo ad un uomo tutt’altro che galantuomo il potere di privarmene. Io vado a vedere il GENOA sia che il proprietario sia Lucifero o l’Arcangelo Gabriele, I proprietari sono di passaggio il Genoa rimane, e finché la salute me lo consente io rimarrò al suo fianco. Questo non potrà mai rendermi un Preziosiano ne tantomeno un sottoscrittore della lettera aperta inviata dalla tifoseria inneggiante presente a Genoa Torino. In estate sottoscriverò l’abbonamento ed andrò a Neustift perché nessuno ha il potere di tenermi lontano dal Grifone!!! La mia posizione è sicuramente criticabile e capisco i post di segno contrario, li ritengo altrettanto rappresentativi del forte dissenso nei confronti della proprietà e li sottoscrivo tutti, se riuscite a non andare allo stadio a non rinnovare l’abbonamento fate sicuramente bene a farlo, io semplicemente non ci riesco perché non voglio in alcun modo che il mio agire venga pilotato da un faccendiere, che prima (vendendo) o poi (l’anagrafe non è un opinione) dalle balle ci si dovrà pur levare, sia per lui (con immotivato altruismo) che per noi spero si concretizzi la prima e più immediata speranza, diversamente prima o poi mi accontenterò di vedere realizzata la seconda.
    FORZA VECCHIO BALORDO

    • Giovanni Porcella says:

      Lui ieri ha detto che i debiti sono a 28 milioni, ti riferisco quanto detto. Io avevo capito a 39 ma forse mi sono sbagliato. Ciao

      • Peter Tosh says:

        si ma ha anche detto che ha preso il Genoa nel 2007 (e non 2003) con debiti a 27 milioni…quindi nulla è cambiato in 15 anni…VATTENE IPOCRITA.

      • Carlo says:

        Giovanni , le tv, i giornali..voi stessi che vi occupate di Genoa…dovete prendere la palla al balzo..incalzare…ha detto che fa vedere i conti? Andiamoci e vediamo….ha detto di portare un compratore? Andiamo GIORNALISTICAMENTE a scovare chi si puo’ esser fatto vivo in questi ultimi anni e cerchiamo di capire :
        A) Se è ancora interessato
        B)Perchè non si è concluso…

        Insomma facciamo qualcosa di concreto come stampa..come Genova….per metterlo in un imbuto mediatico che lo costringa a gettare la maschera.

    • Caro Fabrizio buona giornata e buon fine settimana
      leggo sempre con piacere i tuoi scritti perchè, primo: non sono mai banali; secondo, spesso mi trovo in sintonia almeno al 90% e poi perchè, particolare non trascurabile in questi tempi bui (non solo per motivi sportivi), scrivi in perfetto e godibile italiano.
      Anche io entrerò allo stadio da abbonato (se pur di sud) ma, a campionato finito e finchè Preziosi sarà il massimo dirigente del Genoa CFC 1893, il sottoscritto non metterà più piede al Ferraris, abbonamenti a sky non ne ho mai fatti (detesto, per non dire odio, Murdoch) e in Austria non ho intenzione di andare pur amando la montagna.
      Ho iniziato ad andare al campo già dentro la pancia di mia mamma per proseguire con braghe corte e sandali ad occhiali, con i jeans a tubo ( o a sigaretta), con il bomber e poi con dei comodi pantaloni in velluto a coste piccole.
      Adesso però basta !!!
      Rispetto la tua scelta cha capisco e non mi sogno di criticare ma, il mio personale Big Ben, ha detto stop !
      un caro saluto
      Piero e famiglia

      • Fabrydt says:

        Ciao Piero,
        grazie mille anche io leggo i tuoi con lo stesso spirito, capisco e rispetto la tua scelta che è largamente condivisa. io non per snobismo ma per convinzioni sono sempre stato un po’ fuori dal coro, Preziosi non lo volevo dal principio ci si può turare il naso in considerazione della situazione contestuale in cui versava il grifone ed accettarlo, quello che per me è inaccettabile che dopo Genoa – Venezia gli stessi che oggi fanno comunicati e stanno fuori dallo stadio erano un gruppo inneggiante nei confronti del guru dei gormiti, identificando in Carraro (che certo non difendo) come responsabile unico della retrocessione in C. Ero estremamente impopolare su questo blog, sono stato insultato a più riprese per le feroci critiche alla proprietà, con il tempo ho trovato qualche consenso fino ad arrivare ai giorni nostri dove praticamente la maggior parte critica Preziosi. Sono sempre andato allo stadio ho sempre fatto l’abbonamento e sono sempre andato a Neustift in questi anni, soffrendo e contestando per quanto potevo. Quindi sono contento della presa di coscienza della TO e del fatto che sia largamente condivisa, ma per me non è cambiato nulla il punto di non ritorno che per la maggior parte dei tifosi è stato superato solo ora per me era stato superato 13 anni fa, quindi continuo a comportarmi come mi sono comportato in questo lasso di tempo.
        Un saluto a te e famiglia
        FORZA VECCHIO BALORDO

  37. Paolo says:

    Ieri sera, dato che sto trascorrendo qualche giorno di vacanza a casa di mia sorella a Diano Marina, sono riuscito a vedere la trasmissione, sia pure con tutti i problemi di ricezione del decoder.
    Mi congratulo con te, Giovanni, e con Cesari per come avete condotto la telefonata con il grand’uomo. Che dire. Non ho parole.
    Concordo con chi mi ha preceduto che si capiva lontano un miglio che non sapeva cosa rispondere e che era in difficoltà.
    Questo dimostra ancora una volta, se ce ne fosse ancora bisogno, quanto sia in malafede.
    Non bisogna credere a nulla di ciò che dice. Non è vero che vuole vendere. Non lo e’ mai stato.
    A lui interessa solo tenersi il Genoa per lucrare diritti tv e plusvalenze.
    Se poi ogni anno si lotta per non retrocedere, mettendo a rischio le coronarie di noi tifosi, chi se ne frega.
    Penso che dopo ieri sera, anche chi aveva ancora qualche dubbio adesso avrà sicuramente le idee più chiare.
    Ormai non si può più tornare indietro. Contestazione a tutto campo e senza pietà finché non molla la presa e se ne va.
    Grazie per l’ottimo servizio reso al popolo genoano, Giovanni. Continua così.
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  38. Paolo says:

    Andatevi a leggere l articolo di Tuttomercato, sul bilancio del Genoa.. Da mettersi le mani nei capelli. Sarebbe bello Giovanni, che quando possibile, facessi Gradinata Nord con il pubblico, invitando ovviamente alcuni del club intitolato al proprietario. Ricordo quando il signore presente, le altre due erano signore, che parlava di programmazione…. Voglio vedere cosa dicono adesso. Penso che ormai sia tardi per fare qualcosa, ma questo ci lascia con le braghe in mano e ci saluta. E qui scusa se lo dico alcune colpe sono della classe giornalistica che ha spesso sostenuto questo personaggio

    • Carlo says:

      lo dico da tempo…colpa anche dei giornali e delle tv

      • Giovanni Porcella says:

        Un cazzo, non tutte, so io le tonnellate di merda che mi sono preso

        • Carlo says:

          Giovanni…io perdonami, non voglio lanciare accuse a caso…ma sinceramente VI seguo e TI seguo SEMPRE….non mi pare di aver mai visto a Genova fare trasmissioni di VERA e pesante accusa…si cerca sempre un po’ di blandire…..perdonami…

  39. Ponente74 says:

    Condivido molte delle cose dette da Fabry, in primis che alla fine sarà il Presidente a decidere se, quando, come e a chi vendere, forse é stufo di tenere il Genoa e forse vuole dare una ripulita al bilancio per incassare qualche milione in più per lui dalla cessione. In alternativa non c’è che da aspettare i limiti anagrafici. Capisco anche l’estrema delusione della TO e non solo. Però io senza il Genoa non so stare e che presidente sia Preziosi o un altro qualunque non mi importa. Sarò masochista ma più vedo il Genoa in difficoltà più mi ci affeziono, più sento che devo andare e soffrire con i giocatori, l’allenatore, gli altri genoani che entrano e anche con quelli che non entrano (vorrei passare lì da loro e comunque esprimere loro la mia solidarietà). Ma io entrerò non perché sono preziosiano ma perché per me il Genoa è al di sopra di tutto e tutti e ogni volta che vedo quel campo, e mi costa (parto alle 12 da casa e tornerò quasi a mezzanotte con la mia compagna che mi guarda con sguardo rassegnato e quasi commosso) mi tornano in mente i racconti di mio zio che lì ha visto De Pra’ e Barbieri giocare e allenarsi, mio nonno che ha visto vincere gli ultimi scudetti, e pure me da liceale che ho visto tante partite in coppa Uefa e il mitico capitano. Quindi io entrerò e sventolero’ la mia bandiera del Genoa (forse sarà l’unica, scusatemi) per dire a quei ragazzi che indossano la maglia rossoblu che io ci sono, soffriro’ con loro, anche se dovesse andare male la partita, e mi farò bastare quel Genoa Genoa urlato ognitanto insieme agli altri presenti. Un abbraccio a tutti i genoani!

  40. Francesco OreginaRossoblu says:

    E’ incredibile e inconcepibile che chieda ai tifosi di cercare un’acquirente.Questo ormai non ragiona più.Qualcuno lo fermi!!!

  41. Paolo says:

    Porca puzzola!!
    Una volta tanto che ci danno un rigore, per di più al 95, lo andiamo a sbagliare.
    Ma perché lo ha fatto battere a Sanabria?
    Comunque punto di platino.
    La speranza resta viva.
    Forza Vecchio Balordo.
    Manca veramente poco.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

LA RIVOLUZIONE DIFFICILE

Il mercato del Genoa è entrato nel vivo ma, sospendendo qualsiasi giudizio pur avvertendo vitalità, serve ancora molto per dare

ASPETTANDO GODOT, LE SCELTE DIFFICILI DI PREZIOSI

Al Genoa si respira un’aria di attesa e non solo per quanto riguarda il futuro della guida tecnica. A parte

IN SALVO TRA LE SOFFERENZE, PREZIOSI ORA COSA FARA’?

Per il Genoa una salvezza sul filo di lana tra indicibili sofferenze e con molta fortuna che si chiama Handanovic.

GENOA NEL BARATRO, A FIRENZE MATCH DRAMMATICO: MA FORSE BASTA UN PUNTO

Ora serve un miracolo al Genoa o quasi per restare in A. Ma se con la Fiorentina è un match

Search

Archivio