PATATRAC

4 Apr 2019 by Giovanni Porcella, 60 Commenti »

La sconfitta con l’Inter ma soprattutto la vittoria dell’Empoli sul Napoli hanno cambiato le prospettive di salvezza. Ora il Genoa con tante altre squadre rischia. Non c’è tempo da perdere e soprattutto bisogna togliersi quell’immagine di facce stravolte viste all’ingresso dei rossoblu’ in campo contro i nerazzurri. Il poker subito dalla formazione di Spalletti è l’emblema della pochezza della squadra incapace di proporre gioco e di metterci grinta. La lite di Udine ha lasciato scorie? Possibile, ma con ancora un po’ di punti di vantaggio si puo’ reagire di fronte a questo patatrac. Anzi, si deve. L’Empoli avrà tre scontri diretti con Udinese, Spal e Bologna possibile che i giochi si facciano lì, ma l’esperienza insegna che ti devi aiutare da solo. La speranza che ha la dirigenza alle varie radio sparse per il mondo non parli piu’ di mercato per alimentare ulteriori tensioni dannose per tutte. Mantenere la categoria è fondamentale e purtroppo anche quest’anno siano qui a fare i conti per arrivare a 40 punti o giu’ di li’. I tifosi saranno fondamentali, da loro non manchera’ il sostegno ma da tuttom il Genoa ci si aspetta delle risposte concrete.

60 Commenti

  1. Giuse says:

    Il Genoa ha fatto fino qui 33punti in alcune partite per meriti e fortuna e non ha fatto punti nelle altre partite per demeriti e sfortuna esattamente come le altre squadre.
    Se questa squadra non sarà più in grado di fare punti e le squadre che la seguono riusciranno a farne è giusto che retroceda.
    Poi sarà la proprietà a decidere cosa fare.
    Sono convinto che se Sanabria avesse giocato nell’Inter avrebbe fatto una bella figura ma nel Genoa attuale avremmo bisogno non di giocatori rapidi che aspettano palloni precisi ma di attaccanti da combattimento, in realtà abbiano attaccanti troppo leggeri e i palloni lanciati non servono a niente se non hai la struttura fisica del combattete
    Abbiano cercato di giocare coperti e sfruttare le ripartenze rapide (stranamente con uno Sturaro schierato in avanti) ma sullo 0-0 i primi 3 contropiedi non hanno portato a nulla.
    Il muro a centrocampo era statico e non aiutava gli attaccanti e neppure la difesa.
    La difesa pecca di qualità e si è fatta infilare facilmente. In avanti non avendo esterni che siano capaci di creare superiorità o crossare degnamente era abbandonata a se stessa senza capacità di creare nulla.
    Ieri ho abbandonato lo stadio appena è stato segnato lo 0-4 ( non ricordo di aver mai abbandonato nella mia vita una partita in corso) e onestamente il Genoa di questo periodo somiglia tanto al Genoa di Spinelli che riuscì, risultando la squadra più lenta noiosa e incapace di segnare nel torneo, a retrocedere dopo lo spareggio con il Padova.
    Spero che Prandelli sia in grado di resuscitare questa squadra.

    • Asa says:

      Dalla tua analisi, che approvo, si nota che nessun reparto funzionava unica cosa in cui non sono d’accordo è il centrocampo, secondo me proprio non lo avevamo.

  2. PREVIATI STEFANO says:

    A Dicembre uno ha pensato “la squadra e’ gia’ salva, mi vendo il polacco , tanto …. “, ecco dove e’ la squadra adesso, in un mare di …….. tante grazie. Squadra gramma ….
    E grazie ai “fratelli” napoletani che ieri si sono fatti prendere a pallate dall’ Empoli ma domenica di sicuro faranno il partitone del riscatto ….. altro che gemellaggio, complimenti davvero.

    • salve
      da fonti più che sicure.il “gemellaggio” con i partenopei non esiste già da parecchio tempo … e, personalmente, son contento.
      Veniamo a ieri sera: ero in sud (sono abbonato) e insieme alle persone con le quali vediamo la partita, il commento (già dai primi minuti) era unanime: che schifo di partita, che noia, che “gioco” noioso, queste partite ti fanno capire perchè le nostre squadre nelle competizioni europee, escono regolarmente …
      Se si riesce a perdere, per giunta in casa, 0-4 da una squadra (o presunta tale) inguardabile come l’Inter, dobbiamo seriamente preoccuparci …
      Il problema, come spesso accade, è a monte e si chiama Preziosi … ha allestito (eufemismo) una compagine senza capo ne coda, piena di doppioni e, tecnicamente (esclusi Pandev e Criscito) miserevole …
      Pereira e Pezzella da manicomio … qualcuno a fianco a me rimpiangeva Scantamburlo, io e altri più vecchi, Manera, Secondini, Ogliari e Rossetti …
      Finito il campionato, getterò l’abbonamento nel bidone giallo (riciclo plastica) e tanti saluti …
      un saluto
      Piero e famiglia

      • PREVIATI STEFANO says:

        Mah, a me risulta che tutte le volte cori pro l’ una e l’ altra da parte delle curve …. se non e’ gemellaggio cosa e’ ? Sempre a dire “i fratelli del Napoli …..” e poi fanno certi bei regali a chi e’ invischiato in zona retrocessione …. mi raccomando domenica sera fate i cori ale’ Napoli, non dimenticatevi ……

  3. Asa says:

    I tifosi sarebbe ora facessero una dura e onesta contestazione. Altro che chiedere aiuto ai tifosi che sono anni che continuano a tifare e vedere dello schifo in campo e fuori. Sarebbe ora di cambiare rotta e contestare scelte assurde. Tutti colpevoli calciatori che anche se sono davvero scarsissimi non ci mettono nemmeno impegno. Allenatore vergognoso del resto arriva da ben 3 esoneri e ha ampiamente dimostrato di non capirci nulla. Oggi dichiara che giocheranno per la maglia, a mio avviso non sanno nemmeno cosa sia la nostra maglia lui e i suoi brocchi. Forse meritiamo la B per il campo e perché questa società merita davvero di andarci. Inizio a pensare che sarebbe la soluzione migliore per ripartire con altra società e va bene chiunque piuttosto che questa. Vanno bene russi americani italiani sceicchi e via dicendo tanto oggi siamo solo degli scappati di casa.

    • albe says:

      Martina Gorin Romano Testoni Gentile ClaudioSala Briaschi Iachini, ecc. ecc., ne ho visti di Genoa dove non c’erano fenomeni, ma PERSONE SERIE, non questi 4 burattini ignobili che mi tocca tifare oggi . . .

  4. albion says:

    Direi che l’aggettivo giusto è squadra imbarazzante. Alla faccia dell’orgoglio e reazione paventato alla vigilia. Qui sembra di giocare a bocce alla domenica pomeriggio. E credo che non bastino i tifosi così come spesso richiamato per fare la differenza. In campo ci vanno 11/14 professionisti nell’ingaggio e basta. Dico spesso nei miei interventi che per la salvezza occorre guardare le altre squadre, qui a furia di guardarle rischiamo di rimanere fermi immobili e con gli stessi punti…il calendario nostro non è dei più comodi.
    Qui non si tratta di Preziosi vattene, qui si tratta di raggiungere la salvezza vero mago Prandelli? Fai tirare fuori i coglioni se ne sei capace. grazie.

  5. Carlo says:

    l’irpino indegno se ne deve andare……continuiamo a NON capire…continuate a NON capire che bisogna spingerlo via.

  6. Carlo says:

    Giovanni , una provocazione : e se mantenere la categoria fosse proprio quel galleggiamento che serve a preziosi per restare e continuare il loop infinito? E se il lavacro finale fosse invece proprio cadere per poi risorgere con altra proprieta’, accettando il declassamento pur di liberarsi di lui?

  7. enrico says:

    Caro Giovanni,
    brutto bruttissimo segno – come tanti altri me ne sono andato dopo il 3-0 di Perisic. Si è dato per scontato che battendo la Juve ci si fosse praticamente salvati . Mi preoccupa e non poco l’atteggiamento della squadra dopo la sosta e le scelte quantomeno azzardate di Prandelli in queste due partite, in piena confusione tattica (ieri incomprensibile mettere 4 mediani dalle stesse caratteristiche , quando in panchina avevi comunque lazovic a disposizione da inserire sulla fascia e dopo l’espulsione di Romero sostituire Sanabria con Biraschi per restare a 4 dietro).

    Gambe in spalla perchè a Napoli non ti regalerà niente nessuno (Ancelotti era furibondo ieri) e poi arriva la Samp… concordo che ci vorranno almeno 6 punti e finire a 39 per salvarti.

    Ps: dimenticavo stasera Forza Gasp!

  8. Franco says:

    Ciao. Il Pubblico Genoano e tutti i genovesi non si meritano un Genoa cosi’. 3 allenatori con una rosa non eccelsa , cambiata e rivoltata non sono certo una garanzia per un buon campionato. In piu’ senza Piatek !. E’ certamente stato un errore della dirigenza pensare di risolvere la situazione cambiando gli allenatori. Oltretutto il mercato invernale viene fatto, appunto, come intervento riparatorio, in fretta, con tutto quello che ne consegue. Senza dubbio tutto il Genoa e il suo Pubblico faranno un blocco comune per affrontare le ultime gare di campionato con grinta e determinazione. Ma questa volta la Societa’ non puo’ piu’ sbagliare. Deve trarne le giuste considerazioni e costruire un Genoa solido e forte impostato per durare alcuni anni e non essere smembrato ogni 6 mesi. Si puo’ fare, anche facendo quadrare i conti, come e’ giusto che sia. Cordiali Saluti.

  9. luca 64 says:

    La partita di ieri sera è solo l’ultima dimostrazione della pochezza di questa squadra. Pochezza che secondo me rispecchia in modo fedele la conduzione societaria, il comportamento sconcertante tenuto da Radu a fine partita ne è la dimostrazione lampante. Speriamo di raspare qualche punto con le buone o con le cattive ( anche se la cattiveria questa squadra mi sembra non sappia cosa sia) e di cavarcela pure questa volta. Siamo desolanti. Forza Genoa Sempre

    • Finnrico says:

      Scusa l’ignoranza, Luca64: cosa ha fatto Radu di sconcertante a fine partita?
      Io ho visto il match in streaming, confesso di aver seguito il secondo tempo sonnecchiando, solo per onor di firma, ma non mi sono accorto di niente.

      Per il resto, preferisco non commentare: credo però che a fine stagione bisognerà tirare le somme anche sulla conduzione tecnica.

      • luca 64 says:

        Invece di venire sotto la Nord come quasi tutti i suoi compagni, si è fermato a ridere con i giocatori avversari (che al limite ci può stare, conoscendoli) e poi è andato sotto la gabbia a salutare i tifosi nerazzurri …..

        • Asa says:

          Nessuno ha rispetto per noi.

        • Finnrico says:

          Grazie della precisazione.

          È evidente che a fine stagione tornerà all’Inter, a dimostrazione che la formula dei 12 milioni con diritto di recompra è una burletta per mascherare il prestito gratuito.

  10. paolo says:

    Qualcuno la settimana scorsa, rispondendo ad un mio post, aveva scritto che l’Inter era nel casino e che i 3 punti erano assicurati.
    Ieri sera è stato servito.
    Il Genoa ha dimostrato ancora una volta, se ce ne fosse stato bisogno, quanto sia scarso e quanto sia inferiore alle dirette concorrenti le quali, come un lupo che fiuta la preda, hanno capito benissimo come stanno le cose e stanno spingendo forsennatamente sull’acceleratore.
    Presto verremo superati e finiremo al terzultimo posto.
    Prandelli non sa più che pesci prendere. Lo ha dimostrato nella conferenza stampa di ieri sera, dicendo che adesso bisogna lottare per la maglia.
    Non ha un’idea di come rivitalizzare la squadra, non ha un progetto tecnico, non offre una speranza. Pensavo fosse migliore come allenatore e che fosse stato solo molto sfortunato.
    Ho paura di essermi sbagliato.
    Comunque sia, la responsabilità principale sappiamo benissimo di chi è.
    Non si vende a gennaio il miglior attaccante che hai, perché devi correre in soccorso del Milan che perde Higuain. Infatti vediamo adesso quanto gliene fotte al Milan di noi.
    Con Piatek a quest’ora avremmo avuto sicuramente quei 4/5 punti in più che ci avrebbero dato maggiore tranquillità, anche se non ancora sufficienti a garantire la salvezza matematica. Infatti, l’asticella s’è alzata pericolosamente e non so se basteranno i 40 punti.
    Di sicuro noi, continuando così non ci arriveremo mai.
    Deve stare attento Prandelli. Se a Napoli prenderà un’altra imbarcata – e le probabilità sono parecchio alte – rischierà di essere esonerato pure lui.
    Il puzzone, piuttosto che ammettere le proprie responsabilità preferisce infierire sull’unico con cui può prendersela.
    Poi chi ci metterà non si sa, ma tanto, anche se non ci fosse nessuno in panchina non cambierebbe niente.
    Che schifo! Noi tifosi siamo sempre più umiliati e vilipesi dal comportamento di quell’essere immondo e della sua schiera di lacchè.
    Se andare in B – come succederà di sicuro se continuano su questa strada – significherà liberarsi definitivamente di lui e di tutti i suoi sgherri, ben venga.
    Meglio ricominciare daccapo con una nuova dirigenza, più seria e veramente attaccata ai colori sociali, piuttosto che continuare a vedere stravolgere ogni sei mesi la rosa della squadra per finire sempre a lottare per non retrocedere e continuare ad essere sommersi dai debiti.
    Poi qualcuno non sarà d’accordo con quanto scrivo e continuerà a preferire Preziosi e i suoi sgherri. Non m’interessa. Vorrei però vedere se chi ancora ha il coraggio di sostenerlo sarebbe dalla sua parte anche in serie B.
    Spero tanto di essere smentito sul campo, ma ho dei seri dubbi che ciò avverrà.
    Forza Fratelli Genoani. Prepariamoci al peggio.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • PREVIATI STEFANO says:

      Ero stato io …… errare e’ umano, ma con la juve ci avevo praticamente preso ( anche se avevo detto pareggio …..); certo non ci si aspettava un’ esibizione del genere, da rimborso biglietti ……. comunque non si stia a guardare certi risultati delle piccole, strani, perche’ tra Lazio e Juve qui a Marassi …… quindi occhio.

  11. Walter says:

    È una squadra creata secondo le logiche di mercato della società e non dell’allenatore di turno. Prandelli può fare poco e a volte nemmeno quello perché sembra in chiara difficoltà (vedi Udine).

  12. alberto says:

    Favilli, Kouamé, Piatek, Radovanovic, Spinelli, Jandrei, Sandro, Romero, Sturaro, Jagiello, Schafer, Mazzitelli, Dalmonte,Lakicevic, Gunter, Criscito, Romulo, Pezzella, Radu, Sanabria, Lisandro Lopez, Rolon,Lerager, Veloso. Se ci sono errori sono dovuti alla confusione preziosiana. 6 su 25 (24%) si possono dire a vario titolo azzeccati ad oggi dopo un campionato e due campagne acquisti. In qualsiasi società di capitali un amministratore che azzecca una percentuale di investimenti così bassa dovrebbe mettere il super attac al fondo dei pantaloni . E non è che nel 2017-18 o 2016-17 le cose siano andate meglio. Non aveva neanche scoperto il fenomeno per pareggiare la parte economica. L’ultimo campionato decente è stato quello con Gasperini perché è lui bravo e lo sta confermando all’Atalanta.
    12 punti meno della Samp e la cosa non è certo finita lì (giustamente perché la differenza di organico e manageriale è evidente).
    Lotteremo sino alla fine, visto il calendario, con Spal ed Empoli che hanno un DNA da B/C. Con Cagliari, Parma, Sassuolo, Udinese e Bologna che da qualche anno sono decadute (come noi d’altronde).
    Tre allenatori di cui nessuno ha fatto una bella figura, uno dei quali ha pedigree notevole. Ma Prez ha sempre detto che ha fatto una squadra forte.
    Con i se e i ma non si dimostra nulla ma mi piace notare che se il Genoa non avesse preso 4 punti alla Juve oggi sarebbe con l’acqua alla gola,forse alle orecchie visto il calendario. Non mi vengano a dire che la programmazione, se ne esiste una, della squadra prevede una cosa del genere. Diciamo casuale?

    Fatti.

  13. francesco says:

    buongiorno Giovanni, anche quest’anno il solito finale di stagione inglorioso e vergognoso di un’annata che era iniziata ben diversamente. Ma ormai lo sappiamo: se un allenatore ha il placet dei tifosi, VIA! vedi Gasperini e Ballardini.
    Squadra che non ha saputo capitalizzare il match-ball Juventus (compreso nel pacchetto Sturaro) annullato dalle vittorie di ieri sera dell’Empoli sul Napoli e del Bologna a San Siro con l’Inter qualche settimana fa. Con l’Inter ci sta di perdere, un abisso la differenza tecnica tra le squadre, ma non 0-4 a casa nostra. Si butti il cuore oltre l’ostacolo e si cominci a lottare col coltello tra i denti ed a mostrare gli attributi. Chi non li ha o non se la sente,STIA FUORI!
    Si facciano quanto prima i 7 punti che probabilmente daranno la tranquillità a 40!
    E incominciamo a LOTTARE da Napoli. Chissà mai che San Gennaro una volta tanto…
    un cordiale saluto a tutti

  14. Paolo says:

    Penso che i tifosi ne abbiano piene le tasche di queste partite e di questi risultati, ormai da più anni la società è inesistente e questi sono gli effetti, la programmazione non è mai esistita si viaggia sempre a vista con conseguenze disastrose. Questo è il terzo anno consecutivo che ci guardiamo dietro, le squadre assemblate sia a giugno che a gennaio sono di una mediocrità spaventosa, la società è composta da mestieranti e incapaci e finiamola di tirare fuori i 12 anni di À, tanta gente non va più allo stadio o non guarda neppure la partita in tv credo che in tanti anni di Genoa non si sia mai vista un apatia così. Tanti tifosi non si riconoscono in questo Genoa. Un uomo solo è riuscito a frantumare un nome glorioso.

  15. Mario says:

    Caro Giovanni concordo ma io mi sono stufato, basta dopo una vita non rinnovero’ più l’abbonamento con questo presidente, ciaoo

  16. Baby 1963 says:

    ……. Squadra inesistente….. allenatore nel pallone…. rischiamo di copiare i cugini quando hanno venduto Cassano e Pazzini!!! Non ho parole, sono rimasto basito! Neanche la forza di protestare!! Mai successo in cinquant’anni di stadio! Cari amici…. Speriamo in Dio!!

    • Giovanni Porcella says:

      Rischiamo. L’unica cosa che l’Empoli ha tre scontri diretti con Udinese Spal e Bologna

  17. Paolo says:

    Sono anni,quasi 4, che guardiamo cosa fanno quelle dietro…..bastaaaaaaa quel personaggio ci ha fatto perdere tutto, in primis la dignità sportiva del club più antico d’Italia.

  18. robertogrifo says:

    Ieri sera non abbiamo solo perso la partita, abbiamo perso anche la dignità. Nel primo tempo l’Inter ha fatto segnare il 75% di possesso palla, basta questo dato per capire che razza di prestazione hanno sfoderato i giocatori.
    Ora dobbiamo guardare dietro di noi con molta attenzione, con Chievo e Frosinone siamo riusciti a non fare neanche un tiro in porta, eppure qualcuno è riuscito a trovare nei due punti racimolati qualcosa di positivo, invece rappresentano benissimo la pochezza della rosa e la difficoltà dell’allenatore a trovare la quadra del cerchio. Dopo ieri sera ho anche qualche dubbio che tutti i giocatori lo seguino ed inizio anche a dubitare sul suo operato.
    L’ unico artefice di questa ennesima sofferenza è il proprietario della società a cui mi piacerebbe chiedere s’è ancora soddisfatto e contento dell’operazione Piatek. Si meriterebbe uno stadio vuoto con un solo striscione esposto con scritto preziosi vattene.

    P. S. La p è volutamente minuscola…

  19. robertogrifo says:

    Sono convinto che se dovessimo perdere malamente anche a Napoli, Prandelli rischia d’ essere esonerato. Il dubbio a quel punto è chi al posto di lui, Ballardini non credo, preziosi dovrebbe metter da parte il suo orgoglio, facendo tra l’altro una pessima fugura, Juric credo sia improponibile, per cui chi….

  20. Gabriel says:

    Non riesco ancora a capire, dopo 24 ore, la formazione mandata in campo da Prandelli….. un 4-4-2 senza esterni di centrocampo, che senso ha??? Per non parlare poi della sostituzione Sanabria – Biraschi…tra l’altro quando è entrato come se dovesse fare un favore a qualcuno…manco fosse Cannavaro…..

  21. Paolo says:

    L’unica squadra di testa che ha fatto il proprio dovere e’ stata l’Atalanta. Le altre, a parte la Juve, hanno fatto schifo. Non mi piace quest’andazzo. Tornino a fare le grandi anche con le nostre concorrenti. Grazie Gasp.
    Comunque resta il triste fatto che il Genoa s’è involuto e sta pericolosamente scivolando nel baratro. O Prandelli trova il bandolo della matassa o faremo tutti una brutta fine, lui per primo.
    Il joker non aspetta che una vittima sacrificale.
    Ma se si va in B la vittima sarà lui, perché a Genova non ci dovrà mettere più piede e dovrà per forza mollare la gallina dalle uova d’oro.
    Forza Vecchio Balordo. Rialzati.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!

  22. Mauro says:

    Siamo alle solite si lotta anche quezt’anno per la salvezza…il mercato di gennaio dovrebbero cancellarlo perche il Genoa s’indebolusce anziche rinforzarsi…

  23. Fabrydt says:

    Seconda formazione insensata messa in campo da Prandelli, errare è umano perseverare è diabolico. Poi fa i complimenti a Spalletti che ha fatto fare all’Inter la partita perfetta? l’avrebbe fatta anche il Chievo contro il Genoa di mercoledì.
    Pandev dal primo minuto quando è scoppiato caso mai lo togli. Affidarsi a gregari e soldatini non ci farà fare il salto di qualità ma quello giù dal baratro. Prandelli va fermato!!!
    La bagarre per non retrocedere non è il suo campo di azione ed è confusamente spaesato.
    A Prandelli piacciono Pereira Radovanovic, per raddrizzare la baracca fa entrare Mazzitelli?. Ho atteso un po’ di partite per il rispetto dell’uomo e del professionista che ha sempre dimostrato di essere ed anche dell’acume tattico che ha dimostrato in passato.

    La verità è che facendo la formazione tonda la partita non può uscire quadrata, se con i cambi acuisci i problemi anziché tamponarli il risultato è deteriore. Prandelli è un ottimo allenatore per società che hanno un progetto, per il Genoa non va bene, non è in grado di trovarsi ad ogni sessione di mercato che ci sarà con 26 carneadi da assemblare dandogli un gioco, è un allenatore che viaggia su certezze, non è in grado di navigare a vista come il Genoa sta facendo da 5 anni a questa parte.

    Il Genoa era a 30 quando ero in trasmissione a Gradinata Nord dove si era posto il problema sul futuro del Genoa cosa si voleva per il prossimo anno, io ho risposto in modo banale dicendo facciamo prima 6 punti poi di futuro si parlerà se si vuole, anche se si sa perfettamente cosa succederà si venderanno quelli che si potranno vendere, si spererà in qualche acquisto imbroccato da rivendere già a gennaio per poi completare le cessioni a giugno e via andare.

    Era poi così banale preoccuparsi della stagione in corso? Ora mi sembra che tanto Giovanni quanto alcuni blogger si pongano il problema.

    Di punti ne abbiamo fatti solo 3 ed altri 3, che bisogna vedere se e contro chi riusciremo a farli, visti i risultati a sensazione delle altre rischiano di non bastare. Pur stimando Prandelli non credo sia l’uomo giusto per gestire questa situazione l’unica nostra possibilità per evitare l’avvitamento sarà riuscire a vincere il derby in cui come al solito Giampaolo si affiderà al suo gerontobomber Quagliarella, Prandelli lascerà Pandev in panchina…..
    Ballardini subito!!!!!!

    FORZA VECCHIO BALORDO

  24. albe says:

    Il proprietario mandò via Ballardini, perchè non dava un bel gioco alla squadra. BUGIARDO, e allora visti i risultati, anche INCOMPETENTE !!!!! VATTENE !!!!

  25. Rene' says:

    Magari si vince il derby e tutto passa…la Samp con montella arrivo’ in una situazione simile al derby dopo 7 sconfitte e vinse salvando la panca dell’areoplanino..potrebbe succedere il contrRio questa volta..il derby va alla swuadra che sembra inferiore slla vigilia

    • Asa says:

      A beh allora se vinciamo il derby tutto a posto.
      Ci scordiamo delle umiliazioni continue. Ci scordiamo dello schifo di qurst’anno e degli scorsi. Ci scordiamo di non avere nulla in cui sperare se non la salvezza. Ci scordiamo di non avere un presidente. Ci scordiamo di non avere un allenatore. Ci scordiamo di non avere calciatori da serie A. Ci scordiamo di avere sempre meno voglia di questo Genoa.

  26. Paolo says:

    CIAO Giovanni, oggi il dg ha detto che la cessione del polacco non conta se siamo in questa situazione….. Se questo personaggio si permette di dire una cosa del genere, o è scemo oppure prende per il culo tutti i tifosi. E se fa affermazioni del genere è perché sia i tifosi che una parte della classe giornalistica, gli permettono di farlo. Dopo tutta la m….che stiamo mangiando da anni fanno anche gli spiritosi. Complimenti

  27. Massimiliano says:

    Buongiorno, personalmente alla sostituzione di Sanabria me ne sono andato….purtroppo ho paura di avere ragione quando dico da tempo che Prandelli è sempre stato sopravvalutato e al momento è in grande confusione. È in grado di lottare per salvarci? D’ altronde arriva da tre esoneri….comunque in campo vanno i giocatori e Piateck l’ha venduto il giocattolaio!

  28. PREVIATI STEFANO says:

    Ma c’ e’ uno in conferenza stampa che e’ capace di dire in faccia a certi soggetti ” Lo sapete che con queste dichiarazioni prendete per i fondelli i vs tifosi ? ” …… c’ e’ uno oppure tutti buoni solo a reggere il microfono e raccogliere queste parole a dir poco offensive ?

    • Carlo says:

      la realta’ è che la stampa oggi in Italia è asservita a 360°…nel caso del calcio le testate sia nazionali che locali fanno cio’ che gli viene detto di fare. Preziosi ad esempio è funzionale agli affari delle big…per cui lo tengono a Genova…e Genova per paura che arrivi di peggio se lo tiene…Mentre la Sampdoria che è piu’ “libera” puo’ essere indirizzata meglio……

    • Asa says:

      No nessuno ha tante palle.

      • Giovanni Porcella says:

        E chi ce l’ha non puo’ parlare con nessuno, tipo me

        • Asa says:

          Di te sappiamo. Sei l’unico che ha combattuto mettendoci la faccia. Io te ne sarò sempre grato.

        • Carlo says:

          ma sai Giovanni…aldila’ delle interviste…parliamoci chiaro…se uno vuol fare una trasmissione di condanna alla presidenza, chiama ospiti che la pensano cosi’…tipo Pernat , Adamoli, Edo Bozano….e fa un bel processo……solo che bisogna vedere l’editore se te lo fa fare…:-D

  29. luca 64 says:

    Oggi ennesima intervista del ds dove dopo a parere mio, aver straparlato sull’esaurimento di un fantomatico “bonus salvezza” è tornato dopo un po’ di tempo che non lo faceva sulla cessione del polacco. La frase rilasciata è stata “la cessione di Piatek non c’entra con lo stato attuale della squadra, anche all’andata a questo punto del calendario stava segnando poco”. Ora o ha deciso su un input arrivato dall’alto di provocare e prendere per il naso la tifoseria, oppure questa persona ha bisogno di essere seguito e aiutato da qualche specialista che gli stia vicino e lo segua passo passo. Non so proprio più cosa pensare. Forza Genoa Sempre

    • Asa says:

      Per me ne lui ne altri rapptesentano il Genoa. Non leggo ne ascolto nulla si ciò che dicono. Li ritengo solo degli inutili.

  30. paolo says:

    Io è da sempre che dico che questa è una squadra mediocre, fatta di scarti degli altri e priva di qualsiasi costrutto. Ed è da sempre che scrivo che se questo è il gioco del Genoa non ci salveremo. In più mancano grinta e voglia di fare risultato a tutti i costi.
    E’ da un pezzo che scrivo che il calendario che abbiamo ci penalizza rispetto alle altre concorrenti per non retrocedere, che comunque hanno un gioco e si battono con le unghie e coi denti.
    Ed è da sempre che scrivo che il joker è l’unico responsabile di questo schifo cui stiamo assistendo e che gli dico vattene a caratteri cubitali.
    Eravamo in pochi a pensarla così. Ci davano dei gufi e dei pessimisti cosmici. Dicevano che comunque la società sa quello che fa e che ci sono altre squadre peggiori della nostra.
    Ebbene, dove sono finite quelle persone? Dopo le ultime “brillantissime” esibizioni, soprattutto quella di mercoledì scorso, cos’hanno da dire? E dopo le scellerate e sconcertanti dichiarazioni rilasciate da Perinetti & c. c’è ancora qualcuno che osa difendere questo presidente e questa dirigenza?
    Si è detto di smetterla di parlare di Piatek, perché tanto ormai era andato e non si poteva trattenerlo. Ma chi ha detto e scritto queste cose tifa Genoa o per qualche altra squadra? Io ne parlo, eccome, perché il polacco era l’unico che la metteva dentro e che ci avrebbe potuto tirare fuori dalle secche della zona retrocessione. Invece bisognava aiutare il povero Milan e darglielo a quattro soldi.
    Non parliamo poi di tutte le balle che hanno raccontato nelle varie interviste il joker e i suoi sgherri, e qualcuno ci ha pure creduto.
    E nessun giornalista ha avuto il coraggio di controbattere dicendo loro chiaramente che la realtà è ben diversa.
    Signori giornalisti, SVEGLIATEVI! La prossima volta che questi individui si presenteranno davanti ai microfoni dite loro chiaramente che la smettano di raccontare balle, che ammettano di aver sbagliato tutto e che diano le dimissioni.
    I tifosi, quelli che pagano abbonamenti e biglietti allo stadio o abbonamenti alle pay tv, sono stufi di essere presi per i fondelli.
    E ribadisco il mio appello a tutti i tifosi: se resterà questo presidente non rinnovate più gli abbonamenti, non andate più allo stadio e non seguite la squadra nel ritiro estivo.
    Solo così, forse, capirà che è giunto il momento di vendere la società e togliersi dai piedi non solo dal Genoa, ma dalla Liguria intera.
    Mi spiace, ma se ci salveremo sarà solo per un puro caso, perché la squadra è ormai allo sbando e Prandelli non sa più che pesci prendere.
    Prepariamoci al peggio.
    PREZIOSIIIIIII VATTENEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  31. Rene' says:

    Ragazzi inutile menarselo Genova coi suoi 600000 abitanti non si può più permettere due squadre in Serie A A medio alto livello l’unica soluzione è la fusione che piaccia o no l’unica soluzione è la fusione una unica grande squadra con 30 mila abbonati che possa competere per le posizioni alte come la Fiorentina è il Napoli

    • Franco says:

      Rene’ scusami. Guarda solo l’Atalanta !. C’entra solo la buona gestione economico/tecnica. Se ce’ quella, forse e’ ancora meglio di anni fa’ quando contavano gli incassi dello stadio. Ora non e’ piu’ cosi’. Contano di piu’ i soldi che danno televisioni e lega. Oltre al mercato dei giocatori. Storia da mantenere a Genova. Genoa e Samp. Per sempre !. Ciao.

    • Asa says:

      Infatti l’Atalanta…..

    • Carlo says:

      balle…Manchester è grande come Genova

  32. albi says:

    Mercoledi dopo il secondo gol sono uscito dal campo..mai successo prima..e ho subito pensato che quest anno nei premi ci finiamo..poi a mente fredda indosso anche io i panni dell allenatore come decine di milioni di italiani. In questa squadra devono giocare sempre, se in condizione ovvio, e sino a quando ne hanno, quelli con il maggior tasso tecnico e personalità..criscito sturaro pandev e veloso..si proprio lui..il genero..quello lento..l unico però che sa far girar palla..che sa verticalizzare..che se ha qualcuno intorno che si muove come nel derby nel mezzo, sa dirigere.Con 4 centrocampisti i 2 ai lati devono essere esterni..o almeno saperci giocare..come cazzo si fa a giocare con 4 mediani nel mezzo..e te credo che nn ripartiamo mai..potremmo avere anche il polacco davanti, che messi così nn cambierebbe nulla. Ora smetto di fare l allenatore, che nn ne sono capace..ma Prandelli..mettici un po chi cazzo vuoi in campo..ma vedi di arrivare almeno alla pari con l empoli alla fine..partendo da + 5 nn mi sembra un impresa impossibile.

  33. Enzo says:

    Ciao Giovanni, ti voglio riepilogare i risultati dal Bologna ad oggi con le mie ottimistiche previsioni e i risultati effettivi
    Bologna 1 Fatti 1
    Lazio 1 Fatti 3
    Chievo 3 Fatti 1
    Frosinone 3 Fatti 1
    Parma 1 Fatti 0
    Juventus 0 Fatti 3
    Udinese 1 Fatti 0
    Inter 0 Fatti 0
    Come vedi dalla previsione manca solo un punto, ma la vera preoccupazione sono i gol, in 8 partite 6 gol (4 tra Lazio e Juve) perciò in sei partite due gol.
    Sono veramente pochi.

  34. luca de rossi says:

    Ciao Giovanni,
    due cose al volo….
    1) Rendersi conto oggi che questa è una squadra da lotta retrocessione, vuol dire prima essersi tappati gli occhi, ringraziamo il polacco e la formula Ballardini se siamo vicini al traguardo e in vantaggio scontri diretti su Empoli e Bologna
    2) La classifica andrà guardata dopo il derby visto che tutte le squadre in lotta con noi si affronteranno tra di loro.
    Vittoria saremo salvi, pareggio situazione all’incirca simile a oggi, sconfitta psicodramma con contestazione e probabile cambio allenatore (Ballardini quartus….!!!!!).
    PS da Milano danno Perinetti con un piede fuori dalla porta della sede…. forse x questo le sue dichiarazioni senza senso

  35. Paolo says:

    Giovanni, oggi in conferenza stampa il mister ha detto che è rimasto sorpreso dalla negatività che sente nell’ aria….allora visto che come giornalista hai la possibilità di avvicinarlo sicuramente più spesso di noi tifosi, spiega al mister il perché di quest’ aria che anche tu conosci molto bene da anni. Grazie

Lascia un commento

LA COLPA NON E’ DEI TIFOSI, ANZI SERVONO COME IL PANE

Lo stadio vuoto fa male, il Genoa che è poca roba senza la sua gente è anche peggio. La squadra

TROPPI ERRORI SENZA MEA CULPA E LA PAURA DELLA SQUADRA

Un altro derby perso. Un altro anno in apnea a caccia di punticini salvezza. Perche’ il Genoa è arrivato a

ORA IL DERBY SENZA PAURA

Il pareggio col Napoli ha mostrato un altro Genoa, ha fatto vedere una squadra. Finalmente grinta, finalmente un gruppo unito.

PATATRAC

La sconfitta con l’Inter ma soprattutto la vittoria dell’Empoli sul Napoli hanno cambiato le prospettive di salvezza. Ora il Genoa

Search

Archivio