NON SI PUO’ GIOCARE SENZA ATTACCANTI

31 Mar 2019 by Giovanni Porcella, 46 Commenti »

Prandelli è un signore e un buon allenatore. Ma a Udine ha sbagliato. Giocare senza attaccanti non è possibile e non ho compreso la scelta di affidarsi a Kouame’ e a Sturaro come ispiratore. Certo il gol di Okaka dopo qiattro minuti ha fatto saltare il banco ma il Genoa ha scelto di fare beneficenza rinunciando a schierare subito Lapadula visto che Sanabria era arrivato da 24 ore e Pandev non era al meglio. Poi non comprendo perché Biraschi non giochi piu’, è uno che ha carattere, cosa che non ha Pereira giustamente redarguito da Zukanovic, episodio che ha scatenato tensioni. Liti e agitazione negli spogliatoi del Friuli, poi caso rientrato a Pegli dopo un faccia faccia collettivo, ma spia di qualche insofferenza. Cose che nel calcio succedono per carità, ma che non vanno sottovalutate. Ora in questo finale servono energie positive e un po’ di silenzio sul mercato da parte magari degli stessi dirigenti. Ma che peccato dimenticare gia’ il colpo con la Juve.

46 Commenti

  1. Grifo1893 says:

    Purtroppo quanto successo conferma clamorosamente che con la Juve si è trattato di un “gentile omaggio”..non abbiamo una trama.. Cross a casaccio TUTTI SBAGLIATI.. Con palla a terra sbagliamo 4 passaggi su 5..vi invito a guardare la classifica senza il tiro della speranza di Criscito contro la Lazio e l omaggio della Juventus..fortunatamente ogni anno ne troviamo 3 più scarse quindi da quel punto di vista sono sereno

  2. Paolo says:

    Siamo tornati alla solita normalità. L’avevo detto che non credevo alle metamorfosi improvvise e la partita di ieri lo ha confermato. In più Prandelli ci ha messo del suo schierando una squadra senza attaccanti di ruolo, incomprensibile. L’Udinese e’ poca cosa e s’è visto. Solo che il Genoa ha esaltato i loro contropiedisti rischiando di prendere l’imbarcata. Concordo con te Giovanni su Pereira. Inguardabile. La Juve e’ stata un episodio. Le partite da vincere sono quelle con le dirette concorrenti. Invece le stiamo perdendo. E meno male che la Juve e’ riuscita a battere l’Empoli.
    Ora Inter in casa e Napoli fuori. Poi il derby. La vedo molto dura. Ormai partite facili non ce ne sono più. Dopo il derby avremo in casa Cagliari, Torino e Roma; Spal Atalanta e Fiorentina fuori. Sarà una sofferenza unica.
    E non è un bel segnale la lite negli spogliatoi. Vuol dire che c’è nervosismo e qualche giocatore teme il calendario difficile e la rimonta di chi ora e’ dietro.
    Prandelli dovrà essere molto bravo a gestire il gruppo e, soprattutto, a non commettere più gli errori fatti ieri. Non lo invidio.
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEE!!!!!!!!!!!

  3. Carlo says:

    la colpa di ciò che succede al Genoa è anche degli stessi genoani e in parte della stampa che si occupa di Genoa….prendete la gestione Ferrero al Doria e la situazione sia sportiva che di bilancio………poi guardate quella del Genoa….Eppure come dico da tempo la Genova “doriana” e la stampa soffiano nelle vele di un cambio societario..perche’ nell’immaginario collettivo la Sampdoria deve ambire…deve competere……Mentre evidentemente il Genoa deve , per paura di tornare ai fasti della serie B, accontentarsi di questo filibustiere e dei suoi maneggi. Grazie.

    • Asa says:

      Concordo in pieno

      • Carlo says:

        questi “hanno deciso” che dobbiamo tenerci preziosi e che va bene cosi’….e se tanto mi da tanto per non essere disturbato ed attaccato giudiziariamente ha “promesso” di starsene defilato , di non competere e a Genova di starsene dietro al doria che è dei Garrone e che in citta’ “decidono loro”……

  4. albi says:

    A mio parere Sturaro non lo ha fatto giocare dove sa perchè non da ancora garanzie di tenuta.. lo ha messo lì perche ha cmq necessità di farlo giocare, La speranza era che potesse dare una mano essendo cmq protetto dagli altri nel mezzo..e magari sostituirlo nel secondo tempo. .poi è saltato tutto subito. Magari dico una belinata, ma èl unica spiegazione che mi do’…Prandelli sa perfettamente che quello nn è certo il suo ruolo.

  5. Paolo says:

    Che Prandelli sia un signore nulla da dire,sul fatto che sia un buon allenatore beh ieri uno della sua esperienza non può mettere in campo una formazione così e rinunciare a giocare. Ma perché tanti,compresi alcuni giornalisti si ostinano a fare discorsi tecnici su questa rosa? Non è più semplice dire che questa squadra è mediocre e non ha affatto qualità? D’altronde questo è il terzo anno,se non il quarto che vediamo questi spettacoli vergognosi, e dopo un numero elevato di allenatori che si sono succeduti se i risultati sono sempre gli stessi vuol dire che i giocatori presi sono mediocri se non scarsi, quindi la responsabili è solo ed esclusivamente della dirigenza

  6. luca 64 says:

    Ciao a Tutti, la mossa di Sturaro a Udine mi ha ricordato quella di Veloso sulla fascia con l’Entella . Non è neanche una scusa valida a parere mio il fatto del goal subito dopo quattro minuti per giustificare una partita giocata in quel modo, contro una squadra molto modesta. L’episodio accaduto nell’intervallo se fine a se stesso rientra nelle dinamiche che ci sono in ogni spogliatoio, altrimenti è una cosa da non sottovalutare per niente. Sicuramente avessimo una dirigenza normale sarei più tranquillo ,ma visto che non è così speriamo di arrivare alla fine di questo ennesimo e esaltante campionato di serie a regalatoci dall’intenditore, senza tanti patemi. Per l’episodio accaduto su Wikipedia , il vero imbrattatore della Nostra Storia non è colui che lo ha fatto ma la persona che ora è presidente. Forza Genoa Sempre

  7. robertogrifo says:

    Prandelli in conferenza stampa dichiara di voler provare a vincere, poi manda in campo una formazione senza attaccanti e s’ inventa Sturaro, un mediano, trequartista. Perché, boh non riesco a trovarci un senso.
    Partita incommentabile, salvo solamente Radu e Lapadula, l’unico sceso in campo con la voglia di dimostrare qualcosa.

  8. Franco says:

    Ciao. Prandelli e’ un buon allenatore, ma con la rosa che ha fa’ quello che puo’. Anche Ballardini era bravo secondo me, ed in piu’ aveva Piatek….quindi…la Squadra e’ stata costruita fin dall’inizio senza un giocatore di classe superiore che potesse creare gioco, senza un centrale sicuro, e si aspettavano molto di piu’ da Lapa e Favilli. Questo come minimo. Non si sapra’ mai se Balla abbia contribuito a fare la Squadra. E anche Lui, come Prandelli, alla fine hanno dovuto giocare con una rosa incompleta, per un verso o per l’altro. A me Balla piaceva molto, e’ stato un’allenatore un po’ “sfortunato”, calcisticamente parlando s’intende. Spero che abbia ancora una buona occasione. Era un Signore. Cordiali Saluti.

    • PREVIATI STEFANO says:

      Ballardini senza il polacco faceva la meta’ dei punti ….. fate un po’ i calcoli ……

  9. bruno says:

    Buonasera a tutti…. Giustissima la tua analisi della partita… Prandelli ha fatto errori. Dopo 5 minuti ci poteva stare il triplice fischio perché era praticamente finita. Kouamè nn può supportare da solo l attacco… Nn è una prima punta, messo in coppia con con un centravanti sarebbe stata un altra cosa. Biraschi un errore tenerlo fuori! Pedro Pereira è persino irritante per la sua lentezza il suo atteggiamento in campo e la sua estraneità al gioco della squadra. Cosa lo mettano a fare nn lo capisco. Sturaro lontano da una forma accettabile, e Lazovic a parer mio è eterno incompiuto… Inconcludente ed incapace di far male. Nn capisco come un atleta di poco più di 20 anni come Sanabria perché è tornato da un viaggio nn possa essere impiegato. L unica cosa nella non concordo è solo Lapadula… Io purtroppo quel giocatore non lo vedo proprio. Per me è la punta più scarsa di sempre. Cmq una partita ci può stare… Prandelli è cmq un ottimo allenatore e meno male che via Juric è stato preso lui.

  10. Marco says:

    direi che ormai del campionato del Genoa e di cosa fa e disfa la società, frega sempre meno ai più.
    Non vado più allo stadio e nemmeno guardo gli spettacoli indecenti alla televisione. Il fegato ne guadagna.
    Preziosi stravattene. Perinetti dimettiti ieri.
    I Genoani non vi meritano.

  11. Peter Tosh says:

    Biraschi non gioca piu perché si é lamentato del giocare terzino. Al che Prandelli gli preferisce Pereira

  12. salve
    concordo con quanto scritto da Giovanni; aggiungo solo che, pur giocando male il loro portiere ha fatto due miracoli, abbiamo colpito una traversa, finalmente abbiamo tirato da fuori e Kouame si è divorato due reti mentre l’Udinese ha segnato su due azioni di contropiede.
    Tutto ciò non giustifica la sconfitta ed il modo in cui è maturata …
    Salvo solo Zukanovic e Radovanovic …
    un saluto
    Piero e famiglia

  13. francesco says:

    buongiorno Giovanni,
    non puoi giocare le partite per fare 0-0, perché prima o dopo il goal lo prendi.
    Detto in altro modo, sono d’accordo con Te.
    E comunque, come l’anno scorso, dopo la vittoria con l’Inter, anche quest’anno con la Juve, troppi elogi, anche meritati, ma poi arriva subito la sconfitta, che ti riporta sulla terra. La squadra dimostra di avere pochi attributi fuori casa, perché raccoglie davvero pochi punti. Spero solo di evitare la lenta agonia degli ultimi anni con una sequela di sconfitte. Che vedano di fare i punti che portano a 40 quanto prima, per evitare di trovarsi invischiati in fondo nelle ultime partite, che poi sappiamo tutti come vanno a finire ….
    un saluto a tutti

  14. Fabrydt says:

    Buongiorno a tutti,
    Il Genoa ogni qualvolta è chiamato a confermarsi fallisce miseramente, al di là della pochezza mostrata in campo non si capisce come Prandelli abbia scelto quella formazione smaccatamente autolesionistica. Il goal a freddo può avere influito negativamente ma non giustifica il nulla di Udine. Le partite da 6 punti andrebbero affrontate con maggiore serietà e determinazione sia da parte dei giocatori che da parte dell’allenatore.
    Che dire meno male che mercoledì arriva l’Inter….. fosse la Spal ci sarebbe da preoccuparsi.

    FORZA VECCHIO BALORDO

    • paolo says:

      Io non sottovaluterei l’Inter. E’ una delle squadre più bastarde che ci siano, soprattutto in trasferta. Ieri hanno perso malamente in casa con la Lazio. Mercoledì arriveranno a Genova sicuramente per vincere, anche perché un’atra sconfitta metterebbe a rischio il loro terzo posto.
      Quindi, Prandelli stavolta dovrà studiarsi bene la partita che lo attende e non rifare le scelte sbagliate che ha fatto sabato. Ha fatto sembrare quelli dell’Udinese dei fenomeni. Comunque, da qui alla fine sarà un patema d’animo assoluto, a meno che non riescano a inanellare due o tre vittorie di fila e sempre che quelli che stanno dietro mollino la presa. Dobbiamo arrivare alle ultime 2 o 3 partite già sicuri matematicamente della salvezza, altrimenti rischieremo seriamente di vederci penalizzare da risultati strani, che ogni fine stagione puntualmente si verificano.
      In ogni caso, se avessimo avuto bisogno di ulteriori conferme, il Genoa s’è dimostrato una squadra mediocre, con giocatori mediocri, una dirigenza mediocre e servile, un presidente a dir poco vergognoso.
      Stia attento Prandelli. Poco fa ho letto su Tuttomercato. web che il joker ha dichiarato che andrà a Pegli a parlare con i giocatori e con il tecnico, perché partite così non si possono perdere.
      Quando le cose non vanno per il verso giusto, lui comincia sempre così. Fa come gli squali. La prende alla larga e poi comincia a girare intorno a cerchi sempre più stretti.
      Se l’allenatore non otterrà velocemente la salvezza, state tranquilli che finirà per pagarne le conseguenze, anche se non dipende certo da lui lo scarso materiale umano che ha a disposizione.
      Speriamo che ce la faccia, perché Prandelli è comunque una brava persona e mi dispiacerebbe vederlo esonerare per colpe che non ha. Ma non sarà per niente facile. Le 9 partite che rimangono sono tutte difficili e senza attaccanti di ruolo validi, come ci troviamo adesso, si andrà poco lontano, per non parlare di giocatori improponibili come Pereira. Mercoledì non ci sarà Criscito per squalifica. Mi auguro che metta Biraschi, che non si capisce perché non lo faccia giocare.
      Speriamo bene e che un po’ di fortuna assista questo povero Grifone.
      Forza Vecchio Balordo.
      PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      • PREVIATI STEFANO says:

        Con l’ Inter, completamente in “Casino” , 3 punti sicuri .

        • Paolo says:

          S’è visto. 3 punti sicuri e facili per l’Inter. E domenica a Napoli, senza mezza difesa e con la squadra in totale confusione, altra imbarcata. Le altre dietro stanno arrivando. Ora la B non è più uno spauracchio, ma una realtà sempre più concreta.
          Grazie Preziosi. Ci stai regalando l’ennesima umiliazione.
          VATTENEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      • Asa says:

        L’inter Che ieri sera ha perso, ha schiacciato x 30,40 minuti la Lazio in area. A noi ne fanno 3 senza fatica.
        Un altro allenatore non lo prende tranquilli figurarsi se ne paga addirittura 4

        • alberto says:

          Infatti ce ne hanno fatti 4 . Se nel secondo tempo avessero voluto, arrivavano a 7 senza problemi. Quanta tristezza.

  15. Filippo says:

    Giovanni,
    Biraschi non gioca perché a quel che dice Prandelli predilige la 3 e nella 4 si sente centrale. Quindi è un’alternativa a Romero e Zukanovic piuttosto che di Pereira.
    A proposito di quest’ultimo a fine primo tempo lo avrei anch’io a farsi la doccia: inconsistente e timido.
    Non abbiamo mai visto giocare Lakicevic che è un terzino destro: ma è veramente così scarso?

  16. walter roggerone says:

    La seguo con interesse, attenzione e stima.
    La Sua analisi è perfetta e ampiamente condivisibile.
    Aggiungo solo che Lapadula, inutile e deludente fino ad oggi, potrebbe anche essere provato (magari solo per una futura vendita).
    Cordiali saluti,
    Walter

  17. Paolo says:

    In merito a quello che ha scritto Carlo,stamattina sulla Repubblica c’e un articolo sulla Samp dove il giornalista scrive chiaramente che sarebbe meglio che Ferrero vendesse…..ma come mai la stessa frase non viene scritta per quello che riguarda il Genoa??

    • Giuse says:

      Viperetta non è un santo ( esattamente come Preziosi) ma gli oligarchi russi sono persone molto discutibili (quasi tutte con legami con i sevizi segreti russi e con ricchezze diciamo ottenute in molto non molto chiaro) hanno già truffato varie aziende italiane ed europee e operano sempre da paradisi fiscali, se non sei pagato in contanti e subito in caso di pagamenti dilazionati rischi una fregatura.
      Le società non hanno vere sedi ma sedi fittizie (sembrano le residenze fittizie comunali per mandare le ingiunzioni ai senza dimora) quindi rischi molto, non tratti certamente con la Erg con la sua sedel e la sua credibilità o con qualche altra vera società italiana.
      In ogni caso nessuno è obbligato a vendere una proprietà anche se è una socità di calcio.
      Nelle trattative di vendita il venditore cerca di ottenere il massimo del valore, l’acquirente offre il minimo, saranno i rapporti di forza esistenti a determinare l’eventuale prezzo di vendita.
      La vendita sarà vicino al prezzo massimo se il venditore non ha necessità a vendere e l’acquirente vuole acquistare,oppure il prezzo sarà vicino al prezzo minimo se il venditore deve vendere
      Si parla di reciproca soddisfazioni delle parti, ma in ogni caso la vendita sarà dilazionate se ti fidi dell’acquirente oppure sarà in contante.
      A certi livelli ( milioni di euro) non esistono dilettati o sprovveduti…

    • Carlo says:

      è quello che da tempo chiedo a Giovanni Porcella……sembra che ci sia un tacita condivisione della genoanità tutta..stampa compresa, NEL TENERSI preziosi…ai tempi di Gallazzi sembrava un po’ rotto questo muro di omerta’…poi ci si è messo pure Spinelli (che prima come uomo Carige tirava la volata a Gallazzi) a dire “meglio tenersi preziosi”….Mi piacerebbe capire cosa è successo…sembra che se la facciano tutti nelle braghe innanzi a preziosi……

      • Carlo says:

        quello che intendo dire è che la cosa a me pare “sporca”….sembra che quest’uomo sia riuscito non so bene come a tacitare il dissenso e la critica nei suoi confronti……

        • guise says:

          Forse perchè non ci sono offerte per il Genoa?
          Personalmente sarei contento che Preziosi vendesse ad un grande imprenditore italiano o straniero ( ma non ha personaggi strani da paradisi fiscali) ma non credo che il Genoa sia appetibile.

        • guise says:

          Forse perchè non ci sono offerte per il Genoa?
          Personalmente sarei contento che Preziosi vendesse ad un grande imprenditore italiano o straniero ( ma non a personaggi strani da paradisi fiscali) ma non credo che il Genoa sia appetibile.

          • Carlo says:

            ma se non è appetibile lo è per i debiti fatti da chi? e sei sicuro che quel signore voglia cedere e non invece tenersi il giocattolo “imberta-soldi” ?

  18. Umberto says:

    Concordo totalmente con le valutazioni di Giovanni Porcella. Seguo il Genoa dalla Toscana, sono un genoano esterno. Lasciatemi dire che io in questo campionato ho visto giocare discretamente il Genoa sono nelle 5/6 partite con Juric, peraltro molto sfortunato negli episodi (Napoli, Milan e altri) e per aver affrontato un striscia di calendario molto complcata

  19. bruno says:

    Buongiorno a tutti….Paolo, Fabrydt…come volevasi dimostrare! quello che avevamo detto si è puntualmente verificato. Ogni qualvolta il Genoa deve anche solo che riconfermarsi, senza cercare paroloni impegnativi…fallisce. Ma questo fatto è sempre stato nella nostra storia. Non credo Preziosi sia così poco furbo da giocarsi una persona come Prandelli, certo il materiale è quello che è, ma le altre squadre che si giocano la salvezza o la fascia centrale della classifica sono più o meno a nostro livello. L’Inter altro che sottovalutare!!!….quelli ci fanno neri…però se Sanabria si riprende il centro dell’attacco e Kouamè gioca da seconda punta il rendimento sarà si spera migliore che a Udine. E Biraschi sicuramente da subito! Rispetto a Pedro Pereira a più grinta, più partecipazione al gioco e una spinta sulla fascia molto valida che può dare molto fastidio all’Inter.

    • Paolo says:

      Mah! Vedremo domani sera. Speriamo che Prandelli azzecchi le mosse. Di sicuro, mancando Criscito, sarà costretto a schierare Biraschi. Davanti il ritorno di Sanabria e’ d’obbligo. Bisogna vedere se con al fianco Kuame’ o in un tridente con al centro Lapadula. Di sicuro occorrerà alzare la diga a centrocampo per spezzare sul nascere le loro ripartenze. A Udine sono state letali e l’Inter ha ottimi contropiedisti. Pandev, almeno nel secondo tempo, e’ d’obbligo. Quando vede nerazzurro diventa una furia. Comunque l’Inter e’ pericolosissima, soprattutto ora che deve difendere il terzo posto. Speriamo che continui la sua crisi fino a domani sera. Poi faccia ciò che vuole.
      Comunque resta il fatto che sono scarsi. Una delle squadre più scarse viste in questi ultimi anni. E la colpa sappiamo tutti di chi è.
      Forza Vecchio Balordo.
      PREZIOSI VATTENEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!

  20. Antonino Magri says:

    Kouame sopravvalutato squadra senza attributi e Prandelli ci mette del suo, proverei con lapadula pandev e se possibile vedere almeno una volta in tutto senza kouame.non c’è nessuno che faccia salire la squadra d’ come giocare contro un muro. La vedo male. Come tutti gli anni. Speriamo bene non c’è Altea possibilità san.culo e noi purtroppo ne abbiamo poco.

  21. Finnrico says:

    Mi collego ora al blog e vedo molti commenti sensati, con i quali sono assolutamente d’accordo. Aggiungo anch’io, però, alcune osservazioni.

    PEREIRA. A me piace, è giovane (1998), dinamico e fisicamente forte. Corre, è generoso e non si risparmia mai. Però nella fase difensiva non è migliorato niente dall’inizio dell’anno e in quella offensiva sbaglia 4 cross su 5. La mia sensazione è che Prandelli, e la società, lo stia valutando, per capire se vale la pena di riscattarlo o no.

    Non credo che BIRASCHI abbia protestato e non voglia giocare terzino. Che sia più adatto alla difesa a 3 se ne sono accorti tutti, ma di sicuro si può adattare anche alla difesa a 4. Il problema è che nelle ultime prestazioni aveva palesato un netto calo di forza, e secondo me, se si può dire, soffre di pubalgia o di qualche altro acciacco. Anch’io spero di poterlo rivedere in campo, fisicamente recuperato e motivato come sempre.

    LAKICEVIC: la società gli paga il contratto, vorrei almeno vedere che faccia ha. Possibile che sia così impresentabile?

    Credo anch’io che a STURARO si sia voluto dare minutaggio in un ruolo non chiave del centrocampo. Può certo fare l’incursore, ma non il trequartista.

    Per il resto, una nota statistica: secondo la Gazzetta abbiamo fatto 37 cross (!). Se ricordo bene, ne abbiamo indirizzato in porta solo due, entrambi con capocciate di LAPADULA. Sono stupefatto dalla scarsità di inserimenti aerei di LERAGER: sui cross da sinistra di Criscito dovrebbe arrivarci sempre lui, come avrebbero fatto il vecchio Kucka o addirittura Rigoni.

    Chiudo con un dato positivo: finalmente abbiamo iniziato a fare qualche tiro da fuori (RADOVANOVIC). Ora speriamo di aggiustare un po’ la mira.

  22. Francesco OreginaRossoblu says:

    Che pena infinita.Ridicoli dal primo all’ultimo.Ci sono pochi discorsi da fare.Prandelli l’ha voluta perdere.A questo punto non so se sono molto ma molto grammi o se ne fregano di tutto e di tutti.Penso siano ambedue le cose.Sicuramente non si possono vedere dentro lo spogliatoio e l’ultima lite lo dimostra.Senza contare quante altre non ne siamo a conoscenza.Sbagliare passaggi elementarissimi in serie A significa solo volerli sbagliare perchè odi tutti i tuoi compagni.Temevo che la partita contro la juve fosse un fuoco di paglia e così è stato.E chi ha messo insieme questa accozzaglia di pseudo atleti?Quell’essere che deve soltanto sparire dalla nostra vista.

  23. albion says:

    abbiamo rivitalizzato l’orso Okaka magari riusciamo a resuscitare anche il becco Icardi, siamo maestri in questo. Per il resto alti e bassi, non so proprio cosa dire. La lite tra giocatori dimostra che forse il mister non ha proprio del tutto in mano lo spogliatoio. Cmq aggrappiamoci agli altri per la solita nostra salvezza.

    • Franco says:

      Ciao. Contro l’Inter e’ una gara ad alta intensita’ mentale. I milanesi sono sempre “sull’orlo di una crisi di nervi”. Si sa’. Hanno parecchi problemi di varia natura. Spalletti ha le sue gatte da pelare. Il Grifone, in casa, non deve aver paura e rischiare qualcosa in attacco. Non permettere loro troppo possesso palla. Se gioca Icardi si prende delle bordate di fischi che possano incidere sulla prestazione. Hanno tirato avanti con la sua storia troppo a lungo. Adesso la vedo dura per loro. Prandelli potrebbe far giocare Kouame’ largo sulle fasce con Sanabria in rifinitura alle spalle di Lapadula. Se vanno in velocita’ la difesa interista balla. Vedremo cosa si inventa il Mister. Cordiali Saluti.

  24. Maino says:

    Prandelli è solo un gentiluomo ed al giorno d’oggi non è poco,soprattutto nel calcio.Dopodichè non mi esprimo su altri aspetti,appunto perchè si tratta di una persona a modo,vera.Non lo merita umanamente.
    Con l’Inter goal di LaPaura!!! ;-)
    Chi non muore si rivede….

    FORZA GENOA SEMPRE!!!

  25. paolo says:

    Ci sono già giornaloni sportivi, radio e tv che continuano a scrivere e dire che l’Inter stasera deve vincere per allungare in classifica sulle dirette concorrenti.
    Quindi il messaggio ad arbitro e addetti al VAR è stato mandato chiaramente.
    Il Genoa deve essere la vittima sacrificale, quindi se l’Inter non riesce a segnare su azione, il rigorino è d’obbligo, per non parlare di mancate concessioni di rigori o di annullamenti di goal validi al Genoa.
    Mi auguro tanto che non sia così e che stasera il Grifone sfoderi una prestazione tutta cuore e grinta.
    Abbiamo più bisogno noi dei tre punti. Loro li facciano dalla prossima partita.
    Comunque è triste e vergognoso che il calcio debba essere asservito alle esigenze e ai voleri delle solite cosiddette grandi.
    FORZA VECCHIO BALORDO! FALLI NERI!

  26. albe says:

    Non c’è stato bisogno di nessun aiutino…. purtroppo.

Lascia un commento a Maino

GENOA NEL BARATRO, A FIRENZE MATCH DRAMMATICO: MA FORSE BASTA UN PUNTO

Ora serve un miracolo al Genoa o quasi per restare in A. Ma se con la Fiorentina è un match

DRAMMATICO FINALE, MA SERVE LA CONTEMPORANEITA’

Contro le scelte sbagliate della società, contro gli imbarazzanti show di altre squadre contro una guerra interna che è stata

INFERNO, PARADISO, PURGATORIO

Ora il Genoa si mangia le mani per l’occasione gettata al vento su rigore da Sanabria. Eppure il pareggio con

LAPAGOL REGALA SPERANZA

Ha esultando mimando di togliersi un po’ di polvere dalle braccia. Lapadula ha segnato un gol importantissimo con la Spal

Search

Archivio