CAMPIONATO FINITO?

4 Mar 2019 by Giovanni Porcella, 64 Commenti »

Lo 0-0 col Frosinone accompagnato dai fischi finali dei tifosi sa tanto di chiusura anticipata del campionato del Genoa. Se la svolta un minimo ambiziosa poteva arrivare facendo il pieno di punti con il Chievo e i ciociari, rispettivamente ultimi e penultimi della classifica, la montagna invece ha partorito il topolino con due pareggi in bianco che avvicinano la salvezza ma che tolgono l’illusione di altre mire. Prandelli, terzo allenatore della stagione, ha governato la barca nella tempesta del mercato e ha dato un ordine tattico evidente al gruppo. Se pero’ il bel gioco non arriva non è colpa sua perché è la squadra che ha lacune a centrocampo evidenti e questo da tempo. Per me è inutile criticare pure l’ex ct della Nazionale che fin qui ci ha messo esperienza e buon senso. Così come lo stesso Ballardini come ho sostenuto non aveva poi fatto così male anche se poteva contare su Piatek che, diciamo così, ora un po’ manca. Si deve lavorare per il futuro, ma come? Tra giocatori in prestito, quelli che verranno ceduti, quelli che non verranno riscattati e quelli che verranno bocciati di fatto c’è da rifare tutto o quasi. Intanto il mercato che non si ferma mai, deve andare di pari passo con un torneo che prevede ancora tre mesi d’impegno. Il timore è che vedendo la partita col Frosinone si tiri a campare fino a maggio. Dopo Parma arriverà la Juventus e poi in casa ecco le big come Inter e Roma, senza dimenticare il derby appuntamento che diventa fondamentale per dare dignità ad un’annata senza emozioni.

64 Commenti

  1. Filippo says:

    Caro Giovanni,

    Sono d’accordo con la tua analisi. La squadra partorita durante il calcio mercato invernale non è completa perché manca un regista e gli manca una punta come Piatek: Sanabria in prospettiva può diventare un buon giocatore ma il confronto secondo me al momento è nettamente a favore del polacco.
    Aggiungo una considerazione: manca ancora la partita di Parma, se vincessimo avremmo fatto 13 punti nelle prime 8 giornate del girone di ritorno, solo uno in più della gestione Ballardini ma con una squadra che ha rinunciato ad un gioco propositivo ed ha nuovamente messo un tir davanti alla porta per evitare di prenderle, esattamente come lo scorso anno fece Ballardini.
    Mi chiedo se questa cosa faccia riflettere i vertici societari sulle scelte, a mio parere folli, fatte quest’anno.

    Buona settimana!

    • Alex says:

      …cosa vuoi che riflettano i vertici! A loro NON INTERESSA NULLA del Genoa a livello sportivo. Ormai dovremmo averlo capito tutti, invece ragioniamo ancora su partite, tattiche, formazioni, etc…trascurando la drammaticità della conduzione societaria che non mostra un minimo d’amore verso i nostri colori.

  2. Fabrydt says:

    Buongiorno a tutti,
    solo una parola “anguscia”
    La striscia di risultati positivi non è sufficiente a far passare la rabbia per due partite in cui la squadra non è scesa in campo. Dice ben Giovanni le lacune ci sono, ma non sono neanche paragonabili a quelle messe in mostra nel torneo dal Chievo e dal Frosinone…. Quindi se Ballardini che all’andata ha fatto sei punti in queste due gare per Preziosi era un allenatore scarso, di Prandelli cosa si dovrebbe pensare? Il rispetto per lo spessore della persona certo non può mancare ma abbiamo rivisto lo stucchevole giro palla a ritroso da una fascia all’altra, una critica bisognerà pur muoverla anche a lui, nello specifico la sostituzione Kouame/Dalmonte a chi pensava potesse portare beneficio se non al Frosinone?
    A Parma l’alibi della striscia positiva sarà a forte rischio… poi a cosa si attaccherà per giustificare il non gioco messo in mostra nelle ultime gare?
    Non c’è neanche quella cattiveria agonistica che di solito contraddistingue squadre come la nostra, in superiorità numerica contro la penultima in classifica non penso sia da palati fini aspettarsi qualcosa di meglio o no?

    FORZA VECCHIO BALORDO

    • Giovanni Porcella says:

      INVITO PER TUTTI

      GIOVEDI’ SERA FACCIAMO ALTRA TRASMISSIONE CON PUBBLICO: CHI HA PIACERE DI INTERVENIRE IN TERRAZZA A GRADINATA NORD PUO’ INVIARMI ADESIONE E CONTATTO ALLA MIA EMAIL: giovanni.porcella@primocanale.it

      GRAZIE

      • Giovanni Porcella says:

        INVITO PER TUTTI

        GIOVEDI’ SERA FACCIAMO ALTRA TRASMISSIONE CON PUBBLICO: CHI HA PIACERE DI INTERVENIRE IN TERRAZZA A GRADINATA NORD PUO’ INVIARMI ADESIONE E CONTATTO ALLA MIA EMAIL: giovanni.porcella@primocanale.it mailto:giovanni.porcella@primocanale.it

        GRAZIE

  3. Francesco OreginaRossoblu says:

    Tutto giusto Giovanni.Come si fa a vedere un bel gioco se hai giocatori con molti limiti?Chiaramente il valore è proporzionato al loro costo.Vorrei chiedere a quelli che lo ringraziano per i 12/13 anni in A se allo stadio si divertono.Come tutti gli anni ci salviamo grazie agli altri.A fine campionato venderà quel poco che è rimasto,terrà Pandev perchè non lo vuole più nessun ,Sturaro (18 milioni) che fa pena anche nella primavera,Lapadula (15 milioni) che non segna neanche a subbuteo e via via tutti gli altri mezzi giocatori buoni solo a completare la rosa,sperando che le neo promosse siano candidate alla retrocessione.Hai concluso dicendo …senza emozioni… Quel falso presidente ci ha tolto tutto,passione,gioia e emozioni.Se ne andrà solo quando o fallisce la fingiochi o vedrà che dal limone non esce più succo.IRPINO SPARISCI!!!

  4. Francesco OreginaRossoblu says:

    Belin che sfiga.Sarei intervenuto volentieri ma termino il servizio alle 21.45 (Macchinista Trenitalia).

  5. Francesco OreginaRossoblu says:

    Se come immagino la trasmissione sarà rovente specialmente contro quell’essere temo che Primocanale verrà respinta ai cancelli del Pio.

  6. robertogrifo says:

    Ieri la Squadra ci ha provato a vincere, purtroppo gioca sotto ritmo è lenta e prevedibile, Inoltre non c’è nessuno in grado di saltare l’avversario e creare quindi superiorità numerica.
    Secondo me ieri Prandelli ci ha messo del suo non schierando Rolon, l’unico che prova a verticalizzare e mettendo Kouame lontano dall’area avversaria. Ha però ragione quando dice che è inutile rimpiangere chi non c’è, gli uomini sono questi e dobbiamo quindi abituarci a prestazioni del genere, sperando in qualche miglioramento dei singoli. L’entrata in campo di Dalmonte da la giusta misura di come siamo messi.
    Spero che le squadre dietro di noi continuino a balbettare e che questa lenta agonia finisca presto.

  7. salve
    nonostante il brutto spettacolo credo meritassimo di vincere 2-0.
    Il Genoa è una squadra senza qualità, escluso Pandev (che ha 36 anni) e, a tratti (solo a tratti) Lazovic e Bessa, quindi, giocoforza con squadre che difendono in dieci e poi in nove dentro l’area piccola … sbatti contro un muro invalicabile; se pensate che Salomon, giocatore inguardabile, oggi sembrava un misto tra Sergio Ramos (le prendeva tutte di testa) e Busquets (mille sceneggiate e sempre in terra) …
    Ora Parma, Juventus, Udinese, Inter …
    un saluto
    Piero e famiglia

  8. albion says:

    Vado un po’ contro corrente e penso che un punto si marchi sempre. La verità è che belle partite del Genoa sotto le varie gestioni se ne sono viste pochissime. Ritengo e ribadisco che ci sono alcuni giocatori piuttosto modesti, il loro costante impiego la dice lunga sullo spessore dei rincalzi. Piuttosto mi chiedo dove siamo finite le punte di riserva Favilli e Lapadula, giusto per capire se potranno nel caso far rifiatare anche Kouame ieri in evidente difficoltà, oltre naturalmente a giustificare il loro lauto contratto.
    Per il resto se il campionato del genoa può ritenersi finito? Mancano ancora punti per la salvezza ma francamente chi si deve oggettivamente preoccupare sono le squadre sotto di noi. Lapalissiano.

  9. Franco says:

    Buongiorno Sig. Porcella. Complimenti per la sua competenza. Sono di Genova e mi ritengo uno sportivo. Simpatizzo per la Samp ma il Grifone non mi e’ estraneo. Da ragazzo ho conosciuto il grande Dottor. Sarosi ed ho ancora il ricordo di un incontro molto bello e unico. Ai quei tempi si poteva andare nella sede del Genoa in via Assarotti e chiedere di giocare nella squadra dei ragazzi !. La sua analisi, come si dice, non fa’ una grinza. I punti raccolti dalla squadra sono anche buoni, se si tiene conto delle traversie di mercato. Ma non si puo’ giocare senza una punta con fisico ed un giocatore di talento in rifinitura. Ora ci sono gare contro squadre di alta classifica che possono segnare gol facilmente. Come gia’ all’andata saranno partite molto difficili. Secondo me il Presidente Preziosi ha rischiato veramente molto vendendo Piatek ora. Non a caso volevano prendere Pjaca che e’ un giocatore che poteva aiutare Sanabria tra le linee. Comunque se faranno il torneo a 18 squadre diventera’ molto pericoloso vendere sempre i migliori. Il Genoa adesso se vende Romero e anche il portiere dell’Inter e’ una squadra veramente da rinforzare tutta insieme in una stagione. E anche per un’intenditore di calcio come Preziosi non sara’ uno scherzo. Detta tutta, vale anche per l’altro Presidente !. Grazie. Cordiali Saluti a tutti.

  10. Andrea says:

    Che tristezza vede la partita ieri…….squadra senza anima ne attributi, niente cuore e di gioco neanche a parlarne. E ormai il campionato è quasi finito, meno male che quelle sotto sono anche peggio.

    PREZIOSI VATTENE GENOVA NON TI VUOLE!

  11. francesco says:

    buongiorno Giovanni e a Tutti.
    Se a priori avessimo detto di fare 5 punti tra Lazio, Chievo e Frosinone, molti avrebbero sottoscritto. E così é stato. Forse con la Lazio abbiamo fatto due punti in più che puntualmente abbiamo lasciato nelle ultime due. Amen.
    Però, proprio per effetto della vittoria sulla Lazio, e per come era venuta, secondo me si sarebbe dovuto giocare con una “garra” diversa le due partite successive: col sangue agli occhi per chiudere i discorsi. E invece gambe molli, zero idee e zero tiri in porta.
    Mettere fieno in cascina in previsione del ciclo di ferro e per non correre il rischio di essere risucchiati in basso. E invece… sei genoano, vorrai mica vincere!
    Speriamo come ha detto Prandelli, che a Parma vedremo un Genoa diverso. Me lo auguro.

  12. Asa says:

    Che dire mi sono addormentato dalla noia sul divano. Si perché allo stadio non vado più, nonostante sia abbonato, simo a che ci sarà questa società.
    Pensare che potessimo ambire a qualcosa più di una salvezza lo trovo ridicolo. La squadra fa pena, l’allenatore è mediocre e la società inesistente. Ci salveremo e il prossimo anno sarà tutto uguale. Purtroppo

  13. Paolo says:

    Ciao, ritengo che gli allenatori di quest’ anno abbiano una piccolissima parte di responsabilità per le scandalose prestazioni, le squadre non le allestiscono gli allenatori e neppure i tifosi o i giornalisti ma chi comanda e i collaboratori. Ormai penso sia pacifico che anche il prossimo anno sarà la solita storia con rivoluzioni di vendite e acquisti fatte alla belin di cane, tanto per fare un Po di remescio. Se vogliamo che questo personaggio pensi di andarsene non dobbiamo più fare abbonamenti,qui nessuno chiede di vincere qualcosa ma almeno vedere un Po di calcio. Sono 3 anni se non 4 che a gennaio il nostro campionato è finito e ogni anno siamo a sperare che cambi qualcosa, ma puntualmente non cambia niente in meglio anzi…..ritengo che si meriti qualcosa di più.

    • Carlo says:

      dopo l’anno di Suso e Pavoletti con la licenza uefa mancante..la società si guarda bene dal rischiare annate simili….smonta tutto prima oppure parte male e recupera dopo….ma si guarda bene dall’avere una rosa minimamente ben costruita…serie A troppo facile …si rischierebbe di trovarsi a lottare per l’Uefa

    • Asa says:

      Quoto e sottoscrivo tutto cio che hai scritto.
      Aggiungo che poi vedo l’Atalanta giocare a calcio vero, vedo Gasp im panca e non posso non pensare che con un’altra dirigenza potevamo essere noi al loro posto. Come posso non incacxarmi come una bestia?

  14. Carlo says:

    se non fate qualcosa (si , anche voi della stampa….) perderemo la voglia di seguire il Genoa. Una piazza tradizionalista come questa non potrà a lungo farsi andare bene una gestione improntata SOLO al mercato come questa qui. Adesso basta.

    • Giovanni Porcella says:

      Io come sai solo per avre criticato certe scelte mi sono sentito dire…meglio tacere. Ma bisogna sempre capire le ragioni di tutto e quindi continuero’ a lavorare seriamente ma senza prendere di mira nessuno per partito preso.

      • Carlo says:

        no Giovanni , qui non si tratta di prendere di mira…si tratta di tenere la barra dritta con una linea editoriale di critica. Lo vogliono capire questi signori che questa politica non piace ai genoani? E’ spersonalizzante, e’ svilente…va bene per i suoi affari, ma non ha comprato una pizzeria…una squadra di calcio come il Genoa risponde a certe tradizioni..ad una Storia……Non puo’ pulircisi il didietro…Bisogna impedirglielo. Se necessario dire : “Ok..fai calcio cosi’? Grazie per il tempo dedicatoci a adesso lo vai a fare altrove….”

      • Asa says:

        Qui non si prende di mira qualcuno per partito preso ma ma oer diecimila ragioni uma piu valida dell’altra.

        • Carlo says:

          le questioni tecniche , tattiche e di campo stanno a ZERO…qui tutto è conseguenza di una dirigenza di cialtroni. E bisogna avere il coraggio di chiamarli per quello che sono. CIALTRONI.

  15. Jack Quinto says:

    che dire..spettacolo imbarazzante e desolante! credo che il simbolo della partita (o della stagione) sia il ‘povero’ Dalmonte che sbatte sul difensore vanificando un potenziale buon contropiede.
    salvo Romero per l’eleganza con cui ha chiuso quel paio di sortite offensive del frosinone, il resto è stato davvero uno spettacolo degno di un san desiderio o ligorna – con rispetto per chi ci gioca e non prende migliaia di euro all’anno.

  16. Gianni says:

    Tu in pensione mai?

  17. luca 64 says:

    Ciao a Tutti, direi solita nostra partita come purtroppo tante altre che ormai vediamo costantemente. Non abbiamo nessuno escluso Lazovic (una domenica su sei) che giochi sulle fasce e salti l’uomo, facciamo girare la palla con una lentezza esasperante, davanti Kouamè ha un periodaccio e Sanabria combina di conseguenza poco, siamo proprio brutti. Questo è solo il risultato dell’ennesima mirabolante campagna di Gennaio dell’ILLUMINATO. A proposito chissà quale giorno della settimana sarà scelto per rimarcare ancora una volta la bontà dell’operazione Piatek? Da quando è stata fatta o lui o uno dei suoi dipendenti hanno sempre cercato di ricordarcelo premurosamente. Forza Genoa Sempre||||

  18. paolo says:

    Facciamo due conti.
    Le giornate che mancano alla fine sono 12; i punti in palio 36; la terzultima, il Bologna è a quota 18.
    Le prossime 6 giornate ci vedranno impegnati con Parma, Udinese e Napoli fuori casa e con Juventus e Inter in casa; poi ci sarà il derby.
    Giocando così come abbiamo visto giocare in queste ultime 2 partite quanti punti credete che riusciremo a portare a casa?
    Io dico che andrà di lusso se ne faremo 2.
    Poi avremo da affrontare la Roma, il Cagliari e il Torino a Marassi, l’Atalanta, la Spal e la Fiorentina fuori casa. Forse ne racimoleremo altri 4 o 5. E forse saranno sufficienti a salvarci per il rotto della cuffia.
    Ditemi pure che sono un pessimista o un disfattista, ma leggendo i commenti non so chi lo sia di più.
    Direi piuttosto che siamo ormai tutti estremamente realisti, a parte qualche rara mosca bianca che continua a credere che in questa squadra e, soprattutto, in questa società ci sia qualcosa di buono.
    Non ho visto la partita, ma ho letto i commenti e visto gli highlights e m’è bastato.
    Sentire a 90° minuto che il peggiore in campo è stato Kuamé dice tutto e l’allenatore non è immune da colpe.
    Non subiamo goal da 2 partite, ma ricordiamoci che giocavamo contro le ultime 2 della classifica e non siamo stati capaci di mettere dentro una palla che fosse una.
    Con un attacco così asfittico, contro squadre che segnano a raffica come quelle che ci attendono nei prossimi turni, cosa crediamo di poter ottenere?
    E’ una squadra spenta, senza nerbo, priva di idee e di mordente.
    Il grand’uomo diceva che Ballardini era scarso. E allora cosa deve dire di Juric prima e di Prandelli ora.
    Che si vada a vedere come gioca l’Atalanta e si mangi le mani, i piedi e quant’altro.
    Aveva in casa un fior di allenatore, amatissimo dalla piazza, che sapeva preparare e sapeva mettere in campo la squadra nel migliore dei modi e lo ha fatto scappare.
    Ora, invece, si vedono soltanto mediocrità e rassegnazione; la prima nei giocatori, la seconda nella tifoseria.
    Francamente, stare in A per finire sempre a lottare per non retrocedere e sperare che siano ogni volta 3 o 4 squadre che facciano peggio di noi, mi pare veramente squallido e dimostrativo dell’assenza di un minimo barlume di dignità.
    Lasciamo stare il primato cittadino. Quello ormai è e resterà una chimera finché ci saranno questo presidente e questa dirigenza.
    E per favore, i soliti, per fortuna pochi, sostenitori del joker non mi vengano più a ripetere la solita solfa che preferiscono stare in A in questo modo, piuttosto che andare in B, oppure che è meglio lui di Scerni, Dalla Costa, Fossati e c.
    Io ho vissuto quelle epoche e non le rimpiango, ma questo è un trafficante di giocatori, uno che vede solo le plusvalenze e che delle speranze e delle aspirazioni dei tifosi se ne sbatte altamente. Continua a dire che il Genoa non può aspirare a traguardi europei e che si deve accontentare al massimo di arrivare nella parte sinistra della classifica, ma al massimo tra il settimo ed il decimo posto.
    Ora s’è inventato la favola che i giocatori validi non si possono vendere a cifre consistenti come fanno le cosiddette grandi, che oltre certi limiti non si può andare e che solo le grandi possono spuntare cifre dai 60 – 70 milioni in su.
    Ma dove sta scritto? Chi crede di poter prendere per il naso? La verità è che lui è diventato il fornitore quasi ufficiale di Milan, Juve, Napoli, ecc. Scopre i talenti in giro per il mondo, li compra a poco e poi li rivende subito per un valore inferiore a quello a cui lo avrebbero venduto tutte le altre squadre.
    Non fa gli interessi del Genoa, ma solo i propri e quelli dei propri amici, e non sappiamo cosa realmente si nasconde nei libri contabili. Solo in pochi lo sanno ed è per questo che nessuno veramente serio e ben intenzionato si fa avanti. Rischierebbe di ritrovarsi per le mani un’autentica bomba ad orologeria.
    Povero Genoa! In che mani è finito!
    Spero tanto di essere smentito dal campo, ma sono io il primo a non crederci.
    Forza vecchio Balordo, nonostante tutto.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  19. Stefano 1971 says:

    No giovanni a sto giro non sono d accordo…… Sono mesi che sento dire che il problema del genoa era juric ( che ha giocato il derby domindolo ha pareggiato a torino con la juve ha perso al minuto 95 col milan e perso col napoli al novantesimo su autorete di biraschi) ora questo che è stato incensato come il mourinho de no atri non riesce a fare un tiro in porta con chievo e frosinone??? (In dieci tra l altro) ma il tempo è galantuomo e vediamo quanti punti farà il vate bresciano con le squadre che hai citato (le stesse che ha incontrato juric)

  20. bruno says:

    Buonasera a tutti vorrei rispondere a Francesco di oregina. Caro Francesco se io fossi andato allo stadio solo quando mi divertivo penso che in oltre 50 anni di tifo rossoblu le mie presenze a marassi sarebbero state veramente poche. E cioe i 3 anni buoni di Spinelli ed i primi 5/6 di serie A di questa gestione. Ma ahimè vado allo stadio e tifo Genoa perchè cel ho nel sangue e nel cuore. Tutti gli altri anni anche se affrontati a testa alta sono stati veramente poca roba. A proposito io me ne sono andato in pensione…. Ma siamo colleghi. Anch io macchinista di Trenitalia. A principe della passeggeri. Ero sul turno eurostar….Che adesso i colleghi mi hanno detto che nn c è più. Buona serata…

    • Carlo says:

      un conto è avere dirigenze “poveracce” che non reggono economicamente…un conto è avere questo che ci prende per il c……e svilisce tutto cio’ che e’ GENOA

  21. Alberto says:

    Io credo che preziosi e soci Siano colpevoli senza nessuna attenuanti di uccidere la passione per il gioco del calcio e naturalmente del Genoa che ci è stata tramandata dai padri vedo sempre meno gente allo stadio in particolare giovani che tristezza

  22. Franco says:

    Signori scusatemi, ma leggo e sento leggittimi pareri un po’ critici sugli ultime tre allenatori del Genoa. Quindi anche su Prandelli. A mio modo di vedere i tecnici in questione sono tutti ottimi professionisti. Certo ognuno di loro ha i suoi propri modi di vedere il calcio, ma tutti hanno avuto e hanno delle difficolta’ che derivano dal dover lavorare con rose di calciatori non stabili, almeno per un certo tempo, e sopratutto probabilnente con giocatori non tutti scelti da loro (la maggior parte), il che rende veramente difficile costruire una squadra fatta secondo le proprie convinzioni tecnico-tattiche. Non dimentichiamoci mai che ,da molto tempo ormai, le rose vengono fatte in primis dai Dirigenti delle societa’; secondo parametri ,prima di tutto, economici-amministrativi. Morale : lasciamo lavorare in modo tranquillo il Sig.Prandelli. Che e’ senza ombra di dubbio un ottimo allenatore. Saluti notturni.

    • Carlo says:

      le questioni di campo stanno a zero …tutto è conseguenza di una dirigenza di cialtroni e di finti programmi da cialtroni.

  23. Giovanni Folicaldi says:

    Ciao Giovanni.
    Purtroppo fin che avremo questa dirigenza non ci potremo toglierci nessuna soddisfazione. Al proprietario interessa solo far plusvalenze del risultato sportivo non gli interesss niente. Penso che l’ unica cosa che possiamo fare è dichiarargli “guerra” tutti assie tifosi, giornalisti televisioni e carta stampata. Tirare fuori tutti i dati della sua gestione e smarronarlo. Un caro saluto. Gianni
    Gianni

    • Carlo says:

      bravissimo…quello che ripeto a Giovanni da tempo su questo spazio …ci vuole un moto di popolo….anzi un moto di tutto l’ambiente che circonda il Genoa…….deve prendere un indirizzo tipo “Quand’eè che te ne vai?”…….mi piacerebbe oltretutto che si insistesse sull’advisor…sul valore del Genoa…su quanto vuole ricavarci….son tutte cose che DEVE DIRE….DOVETE FARGLIELE DIRE certe cose……

  24. PREVIATI STEFANO says:

    Sono in TOTALE accordo con il sig. Porcella riguardo l’ ennesimo schiaffo dato a Genova con il posticipo a lunedi’ 15 Aprile del Derby . E’ ora di finirla con questi insulti alla citta’, ai tifosi. alle squadre ….. ma proprio non contiamo nulla ? Le Societa’ devono farsi sentire ed impedire questo ennesimo scempio ai ns danni ; in Spagna, come scritto dal moderatore, stop ai posticipi del lunedi’ …… e qui invece sempre pecoroni dietro agli schifosi soldi delle TV ? E’ davvero uno schifo …… se la cosa fosse davvero definitiva allora la risposta dovrebbe essere eclatante, stadio vuoto , tutti fuori, e basta abbonamenti alle TV.
    Sono davvero imbufalito …..

  25. Asa says:

    Prandelli è un mediocre e sono di manica larga. In nazionalr ha fatto pena e nei club ricordo che è stato esonerato negli ultimi 3 ingaggi quindi che sia un ottimo allenatore non ha supporto nei fatti.

  26. Asa says:

    Poi concordo che allena una maniva di brocchi da paura e che la società è inesistente.

  27. Massimo says:

    Tutti avete detto tutto…..
    Se non mi è sfuggito qualcosa, vorrei solo aggiungere una cosa: se penso che al posto dell’Atalanta potremmo esserci noi ( e ci siamo già stati ), mi viene un misto di infinita incazzatura e profondissimo scoramento….

  28. paolo says:

    Ormai non c’è più niente da dire.
    C’è solo da attendere i risultati delle prossime partite e sperare di non assistere ad un deprimente tiro al piccione. Avremo contro gli attacchi migliori del campionato e sarà un miracolo se riusciremo a racimolare 2/3 punti nelle prossime 6 partite.
    Con una squadra così mediocre, in cui i pochi buoni vengono trascinati nel baratro dal deserto che li circonda, sarebbe veramente grasso che cola.
    Veramente tanti complimenti al presidente e alla sua dirigenza. Sono riusciti nell’impresa di costruire una squadra che gioca un calcio tra i più brutti e improduttivi della serie A, deprimendo la tifoseria e creando un ambiente di sfiducia che non ha pari.
    Questa è la dimostrazione del rispetto che questi signori hanno per il club più antico d’Italia e per la città che ha avuto il privilegio di introdurre per prima nel territorio nazionale il gioco del calcio.
    E’ proprio vero. Di fronte al dio denaro tutto passa in secondo piano e tutto viene messo sotto la suola delle scarpe.
    Che si vergognino e che se ne vadano per sempre dalla Liguria.
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  29. Luca de r says:

    Ciao Giovanni ennesima puntata di “oggi le comiche” protaginusta questa volta il DS Donatelli che ai soliti giornalisti (che naturalmente pongono domande incalzanti……!!!!!) dichiara di Genoa sfortunato fischi ingiusti squadra rafforzata a gnnaio e udite udite filotto positivo da 5 partite, che gente ingrata i genoani……. Donatelli la dignita la vergogna udite udite e il silenzio sai cosa sono……

  30. Asa says:

    Ho detto anche questo…. ma hai assolutamente ragione.

  31. alberto says:

    Ormai sono un appassionato di Atalanta. Anche la scorsa settimana uno spettacolo. Basterebbero l’ambizione sportiva, non cambiare sette titolari due volte all’anno e Gasperini allenatore rompic…Mica un emiro.

    Prandelli è un ottimo allenatore ma deve rilanciarsi dopo aver inseguito troppo il denaro quindi porta a casa i sei mesi con la “squadra forte” detta da Preziosi più volte. Penso che proverà a giocare a calcio verso la fine, x amalgama e sicurezza di salvezza.

    Che con Preziosi devi solo dire si e far quadrare i conti credo l’abbia già capito. Appena arriva una proposta da società seria penso prenderà il volo.

  32. bruno says:

    Buonasera a tutti… Sto leggendo come spesso accade pareri negativi e denigratori nei confronti di Prandelli… Addirittura un mediocre. E le solite lodi nei confronti di Gasperini. Ma mi chiedo… Se è mediocre Prandelli che nella sua carriera ha allenato la nazionale facendo una finale europea persa con la Spagna allora squadra più forte del mondo… Ha allenato Fiorentina Roma ed altre squadre… Mi chiedo ma Gasperini che grande carriera ha fatto!?… Due piazzamenti Uefa col Genoa, ma il primo con una squadra che poteva ambire ad un piazzamento Champions visto i giocatori che aveva… Ed il secondo purtroppo andato male con una squadra che aveva cmq solo come attaccanti pavoletti niang Borriello e se nn sbaglio da gennaio suso. Vorrei ricordare inoltre che la seconda volta che preziosi è andato a richiamarlo Gasperini nn è che l ha strappato ad una grande tipo Juve Milan Roma ecc… Bensì a Mediaset premium con già una cuffia in testa pronto a diventare un commentatore tv. Questo perché nn lo aveva chiamato più nessuno. Ora sta facendo un buon lavoro All Atalanta. Vedremo cmq quanto è se durerà. Però prima di definire grande allenatore guardiamo le carriere…. Tipo I vari conte Ancelotti capello e ci metto anche Ranieri. Per nn parlare dei vari guardiola mourino e company. Nn credo che con galabinov e lapadula o favilli Gasperini avrebbe ottenuto grossi risultati.

  33. Francesco OreginaRossoblu says:

    Per Bruno:Tra poco andrò in pensione anche io (quota 100).Non si dovrebbe più andare allo stadio per dare un segnale a quel tizio e poi francamente mi sono rotto di uscire sempre incazzato.Seguo sempre il Genoa ma non allo stadio.E poi è dimostrato che anche con lo stadio pieno lo “spettacolo” non cambia.Ho sentito che il tizio sta trattando il Palermo….Dio lo volesse…E’ la volta che farà sprofondare la Sicilia.

  34. bruno says:

    Bene Francesco…. Goditela! Cmq se vai in pensione significa che anche tu di primo pelo nn sei. Quindi anche prima di lui.. Anzi soprattutto prima di lui grandi soddisfazioni dal grifo nn ne hai avute…. Buona pensione…..

  35. bruno says:

    Io ho cominciato ad andare allo stadio con fossati…. Poi un anno di C conTongiani… Poi di nuovo fossati.. Poi Spinelli Scerni Massimo Mauro e Dalla Costa. Se sono sempre andato allo stadio quasi sempre in B con quei presidenti, ho idea che continuerò ad andare con questo. Almeno finché staremo in serie A.

    • Carlo says:

      Bruno..però perdonami..non vi entra in testa che non è la stessa cosa ? Il calcio di oggi ti da 45 milioni l’anno di diritti tv..sei la decima forza del campionato..ti vendi giocatori per 200 milioni di plusvalenze in 10 anni…..la serie A è depauperata ..con 20 squadre e le solite piccole squadre “ascensore” non retrocederai MAI….specie se lecchiamo il didietro alle big……….Non è un merito quello che sta facendo..ci sta facendo credere quello che non è……ci vuole un segnale per dirgli : VATTENE.

  36. paolo says:

    Dio solo sa quali siano i mastruzzi che combina il joker. Ho letto un lungo articolo riguardante il suo coinvolgimento nell’acquisto del Palermo e mi sono chiesto se sia completamente pazzo o se abbia in mente qualche altro machiavellismo, vista la pesantissima situazione debitoria dei rosanero.
    Siccome, ahimè, lo conosciamo bene, la seconda ipotesi è la più plausibile.
    Speriamo solo che non vada a rimetterci il Genoa.
    Riguardo al passato, sia quello piacevole (poco) sia quello triste (molto), è inutile pensarci. ormai quel che è fatto è fatto e non si torna più indietro.
    Pensiamo, invece, a quello che ci attende. Abbiamo davanti 12 partite tutte toste ed alcune proibitive. Prandelli penserà sicuramente a mettere il tir davanti alla porta. Poi, a salvezza certa, cercherà di far giocare meglio la squadra. Se ricordate bene, lo aveva fatto l’anno scorso anche il Balla, ma con risultati deludenti, perché il materiale a disposizione era mediocre. E quest’anno è ancora peggio.
    Quindi accontentiamoci di raggiungere quanto prima la salvezza. Poi l’anno prossimo si vedrà.
    Che tristezza!
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  37. luca 64 says:

    Ciao Giovanni ancora grazie per l’ospitalità. Forza Genoa Sempre

  38. alberto says:

    Il fatto di avere preso più punti con la Lazio che con Chievo e Frosinone insieme, la dice molto lunga sulla estrema casualità con cui questa squadra si salverà, se si salverà. Ringraziamo sentitamente chi ha inventato il campionato a 20 squadre. Per ora…

  39. Fabrydt says:

    Buongiorno Giovanni,
    ancora grazie per l’invito ed un saluto agli altri blogger che erano presenti
    FORZA VECCHIO BALORDO

  40. Carlo says:

    perdonami Giovanni ti faccio una domanda : Ma quei tre personaggi del “Genoa Club Preziosi” che c’erano ieri in trasmissione sono persone reali, oppure figuranti pagati dal legale rappresentante del Genoa ? Perche’ mi chiedo come sia possibile che esistano (a meno che non siano PAGATI) dei personaggi cosi’ “alla Emilio Fede” (che infatti era lautamente pagato)….Non si puo’ essere cosi’ PER DAVVERO e soprattutto GRATIS……è ridicolo…..

    • Giovanni Porcella says:

      No, sono un gruppo di persone che sta con Preziosi. Fanno attività in questo senso. Li ho invitati perché volevano anche dire certe cose e io in trasmissioni ho dato giustamente spazio anche a loro. Poi ognuno tira le somme che vuole.

      • Carlo says:

        ma siamo sicuri che non siano dei provocatori ? Perche’ obiettivamente OGGI come si fa ancora a stare con preziosi?

  41. Paolo says:

    Ciao Giovanni, ieri sera mi sono divertito ed è stato piacevole partecipare dal vivo.

  42. bruno says:

    Buongiorno a tutti… Si Carlo… Ci entra in testa che il calcio è cambiato… Che danno più soldi… Che ci sono le plusvalenze… Che il campionato è a 20 squadre… Ma ti dico in tutta sincerità… Chissenefrega!!!!… Io vado allo stadio a vedere il Genoa… X tifare per gioire o incazzarmi x i miei colori. E di tutte quelle cose x dire altro nn mi interessa. Problemi c’è ne sono già tanti…. Ci manca che me li faccia anche allo stadio. Per carità…. Rispetto x ogni punto di vista… Ci mancherebbe… X me il calcio resta cmq uno spettacolo e basta.

Lascia un commento

GENOA NEL BARATRO, A FIRENZE MATCH DRAMMATICO: MA FORSE BASTA UN PUNTO

Ora serve un miracolo al Genoa o quasi per restare in A. Ma se con la Fiorentina è un match

DRAMMATICO FINALE, MA SERVE LA CONTEMPORANEITA’

Contro le scelte sbagliate della società, contro gli imbarazzanti show di altre squadre contro una guerra interna che è stata

INFERNO, PARADISO, PURGATORIO

Ora il Genoa si mangia le mani per l’occasione gettata al vento su rigore da Sanabria. Eppure il pareggio con

LAPAGOL REGALA SPERANZA

Ha esultando mimando di togliersi un po’ di polvere dalle braccia. Lapadula ha segnato un gol importantissimo con la Spal

Search

Archivio