IL MILANINO HA DETTO COSA VALE IL GENOA SENZA PIATEK

21 Gen 2019 by Giovanni Porcella, 91 Commenti »

Un piccolo Milan senza una marea di titolari batte il Genoa e lo inguaia. Non solo in classifica ma anche nell’intimo dell’anima. Infatti si è capito che senza Piatek venduto proprio ai rossoneri la squadra di Prandelli e prima di Ballardini e Juric vale pochissimo. Non a caso nelle ultime 11 partite i rossoblu’ ne hanno vinta la miseria di una. Piatek con i suoi 13 gol aveva nascosto tutta la pochezza di questa creatura. Pandev e soprattutto Favilli hanno deluso e a questo punto persino il reietto Lapadula servirebbe e questo dice tutto. Preziosi ormai non puo’ piu’ bloccare al polacco e allora perché non si era cautelato con un’altra punta? Non voglio fare drammi, ma io se fossi nella società mi preoccuperei un pochino. E anche a centrocampo due rinforzi, escluso Sturaro, servono come il pane visto che pure Hiljemark è ko e forse ha finito la stagione. Insomma oltre l’ipocrisia su una cessione di Piatek sempre smentita a gennaio, ed invece avvenuta nei fatti, il Genoa dà l’impressione di non essere pronta. Il mercato non è ancora chiuso confidiamo in qualche colpo di coda altrimenti il girone di ritorno sarà tutto in salita. Domenica c’è l’Empoli fuori, altro test senza bomber.

91 Commenti

  1. sandro pastorino says:

    SERIE B

  2. salve
    Furtarello in salsa rossonera ma di tutto questo possiamo solo ringraziare il “migliore” presidente del dopoguerra. Preziosi VATTENE
    Nonostante dodici tiri in porta contro tre del, milan e, di questi almeno quattro soli davanti al citofono, si è perso; questa partita ha dimostrato che, bastava avere un normale centravanti e chiudevi il primo tempo sul 3-0 senza rubare nulla, tutt’altro.
    Ancora “grazie” al migliore del dopoguerra …
    E, di nuovo grazie al “migliore” (è per caso parente di Togliatti ?) per aver potuto ammirare Dalmonte, strappato, a costo zero, al Cesena retrocesso e fallito.
    Sia chiaro non ho nulla contro questo povero ragazzo ma tutto ciò la dice lunga
    su come veniamo, costantemente, presi in giro
    Sono però ancor più deluso degli oltre 8000 presenti e di quei 1500, milanisti inclusi, che hanno acquistato il biglietto; questo mi brucia ancora più della sconfitta …
    un saluto
    Piero e famiglia

  3. LAURA1962 says:

    Ciao Giovanni, buonasera a tutti.
    A me sinceramente il primo tempo non e’ dispiaciuto. Secondo tempo meno brillante.
    Mi pare che Pandev non abbia fatto peggio di altri, anzi ha avuto anche qualche buona giocata.E Favilli quest’anno non ha praticamente mai giocato, per me non e’ giusto giudicarlo per il momento. Non parlerei dei singoli e soprattutto direi che i giocatori sono gli ultimi ad avere responsabilita’ ora, per me l’impegno non manca e non e’ mancato. Come non manca l’allenatore.
    Ma manca la societa’ che per l’ennesima volta ci ha preso per i fondelli. Speriamo che si rendano conto velocemente che si e’ presa una brutta china e la vendita ormai data per certa di Piatek rischiamo di pagarla amaramente.
    Resto inoltre dell’idea che, fino a prova contraria, la partita giocata senza buona parte dei tifosi e soprattutto senza la Nord sia stata un bel regalo servito su un piatto d’argento al Milan. Perche’ certe squadre, con tanti illustri tifosi, non possono rimanere indietro. Magari si sarebbe perso lo stesso? Puo’ darsi, ma sappiamo bene la grande spinta che puo’ dare la Nord quando una partita, come successo oggi nel secondo tempo, si mette in salita. Ci stiamo giocando la salvezza per l’ennesima volta in questi ultimi anni ma credo che interessi solo a noi Tifosi.
    Ho sentito parzialmente l’intervista a Perinetti su sky, se ho capito bene ha detto che e’ difficile trattenere un giocatore che ha praticamente gia’ deciso di andare, perche’poi magari rimane ma e’ scontento (il senso delle parole era questo) …..
    Solita solfa anche per Piatek. Al quale ovviamente auguro con tutto il cuore di avere una sfolgorante carriera e che ringrazio perche’ forse (e dico forse) i gol fatti con la nostra maglia contribuiranno (spero) alla nostra salvezza.
    Pero’ cosi’ e’ tutto veramente triste.
    Nonostante tutto sempre Forza Genoa e saluti RossoBlu a tutti.

  4. Marco says:

    se ne deve andare, non ci son più alti argomenti

  5. Paolo says:

    Altro che un pochino. Qui c’è da essere preoccupati tantissimo. Senza il polacco questa squadra non riesce a concretizzare quel poco che costruisce. E dietro le cose sono rimaste uguali. Stiamo assistendo ad un omicidio calcistico ed il colpevole è uno solo: Preziosi. Questa e’ solo la prima di una lunga serie di sconfitte che ci attendono, a cominciare da domenica. L’Empoli di Iachini (nemico giurato) sta già affilando le armi e pregusta la vittoria facile facile. Dare via l’unico che sa fare goal senza cautelarsi prima e’ la classica mossa suicida che porta solo ad un risultato: la B.
    Questo è l’ennesimo schiaffo in faccia alla tifoseria. Una mancanza di rispetto assoluta e imperdonabile. Attenzione: ho letto le dichiarazioni del post partita di Prandelli. Mi sa che ha già subodorato la gravità della situazione e sta mettendo le mani avanti. Fossi in lui, se a Empoli prendiamo una scoppola – e la prenderemo – mi dimetterei e lascerei il joker al proprio destino. Alla fine otterrà ciò che non gli è riuscito di fare in questi ultimi anni: riportare il Genoa in B dopo averlo spolpato. Poi lo venderà al miglior offerente, sempre che trovi uno che lo voglia. In caso contrario gli farà fare la fine di Saronno e Como.
    Ha fatto fare gli affari al diavolo? Che il diavolo se lo porti, ma veramente!!.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEE!!!!!!!!!

  6. Asa says:

    Assurdo. Ero purtroppo già pessimista con piatek ora sono praticamente certo che la B sai vicina e, a meno di un miracolo. inevitabile.
    L’unica cosa che mi conforta è che finalmente ci libereremo di questa folle società e potremo ritrovare la nostra dignità che abbiamo ormai perso da diversi anni. Tanta tristezza mi pervade perche bastava un po di buon senso e serietà e non saremmo in questa situazione voluta da manovre assurde non solo quest’anno… Saluti a tutti e forza Genoa.

  7. mauro boero says:

    Ciao Giovanni,

    L’unica vittoria con l’Atalanta e’ delle ultime 14 gare. Suicida allontanare Ballardini, pazzesco prendere Juric e ora vendere Piatek. Sono veramente preoccupato. Secondo me servono un centrale di difesa, un regista che corra e una punta, in pratica la spina dorsale della squadra….speriamo bene, sono preoccupatissimo.

    Forza Genoa

    Mauro

  8. paolo guidetti says:

    L’unico vero acquisto che farebbe bene al genoa è quello della società da parte di una persona sempliemente ‘seria’ e ragionevolvemente rispettosa del patrimonio di storia e identità che il Genoa rappresenta. Per il bene del Genoa tutti devono remare affinché questo personaggio sparisca.

  9. Gallo says:

    Caro Giovanni la posizione del Presidente la potrei capire solo se questi non avesse promesso l’incedibilità a Gennaio.
    Ho pensato molto, cercando di capire perché non prendere 45 Milioni di Euro dal West Ham e prenderne “solo” 16 e gli altri a rate.
    Cosa serve fare un contratto per 5 anni se questo poi viene stracciato per un’offerta migliore?
    Esistono le clausole rescissorie che andrebbero messe nero su bianco, come ha fatto De Laurentis (arricchendosi lui e il Napoli)
    Ricordo che il Napoli è salito dalla serie B insieme a noi, e noi siamo quasi ogni anno a cercare di non andare in serie B, loro ogni anno cercano di prendere lo scudetto, due strade completamente differenti… com’è possibile?
    La cosa che veramente manca in questa società è la sua presenza, non parlano mai con i giornalisti, non parlano mai con i tifosi, non rispondono alle mille domande che gli si vorrebbero porre, non tolgono mai quel velo di “marcio” che si intuisce essere presente in questo Genoa.
    Non riescono a dare quel colpo di spugna che possa togliere il dubbio al tifoso, al giornalista che per bon ton non si permette di esternare quello che è il suo vero pensiero (come quello di quasi tutta la tifoseria)
    Il dubbio che il presidente è libro paga delle società maggiori, utilizzando il Genoa come società satellite è sempre più forte, e questo lo si vede da dove finiscono i giocatori.
    Il Torino ha 4 giocatori del Genoa, come possono rimanere a Torino e non a Genova? Eppure sono gli stessi che avevamo noi…cambia solo il presidente.
    Tutto quello che ha creato Preziosi, lo ha creato per gli altri e per se stesso,non per il Genoa.
    Questo è quello che in questi anni ha dimostrato, con le sue scelte e le sue bugie a tifosi e giornalisti.

    Giuro Giovanni, non sono incazzato sono veramente deluso e triste.

    Un Abbraccio e grazie di tutto.

  10. Andrea says:

    Non si può fare alcun commento visto la pochezza della squadra e soprattutto della società. Preziosi un uomo senza dignità, senza palle e sopratutto senza cervello. Si è contornato di una manica di imbecilli che mettono il ciucio dove il padrone vuole.

    Andremo in B come già detto all’inizio del campionato.

    PREZIOSI VATTENE NON FARTI PIU’ VEDERE A GENOVA…..BASTA FUORI DA UNA TERRA CHE NON TI VUOLE VIA DA QUI!

  11. PREVIATI STEFANO says:

    Davvero un “milanino”, ma e’ bastato …….
    Se non si segnano certe reti praticamente fatte comunque ……. ah, mancava il centravanti, ma da qui in avanti chi ci sara’ nel ruolo ? Forse, come diceva ieri sera Porcella tocchera’
    rispolverare Lapadula ……… a che punti si arriva per merito del padrone del vapore, impegnato solo a vendere per coprire chissa’ quali buchi creati da lui stesso ….

  12. Massimiliano says:

    L’unica speranza purtroppo da qui a fine stagione è che 3 squadre dietro facciamo peggio del Grifo…. chiunque arrivi ha comunque bisogno di integrarsi in una squadra in difficoltà con un altro allenatore che non mi pare abbia le idee molto chiare ” pur con tutte le attenuanti del caso”. Chi aveva capito realmente il vero valore di questa rosa era il Balla ( la matematica non sbaglia, guardare le medie punti). Tanti auguri a Prandelli….sarà in grado di lottare per salvarci?

  13. Letterio Sulfaro says:

    Ci sarà un giornalista a Genova interessato a sapere e far sapere che fine fanno tutte le plusvalenze realizzate dal Genoa in questi anni, con conseguente impoverimento sportivo, se la società continua ancora adesso avere un debito che di fatto la rende invendibile?
    Eliao

  14. albion says:

    Ormai pare superfluo fare commenti e persino poco originale sulle recenti vicende di calciomercato. Spero solamente che da qui alla fine della sessione invernale ci sia qualche segnale incoraggiante da parte della società, ovviamente non solo in uscita. Il rischio oggettivo è il farsi fagocitare per l’ennesima volta nella zona retrocessione. Ma siccome il genoa ci sguazza……magari riesce a non annegare anche questa volta.

  15. Fabrydt says:

    Ciao Giovanni,
    confida pure in un colpo di coda del mercato se vuoi ma in genere questo presidente li fa in uscita e senza il tempo di trovare sostituti come accaduto per Biava, io credo che ci sia la presunzione di potersi salvare comunque quindi credo che oltre a qualche fantasma e lungo degente non arriverà nessuno, invece per quanto concerne Kouamé, Romero e Biraschi incedibili come Piatek a gennaio tutto può ancora succedere.
    Se si busca ad Empoli si rischia l’avvitamento…. possiamo contare su Ballardini e Juric sotto contratto non c’è da preoccuparsi quindi. Ieri abbiamo dimostrato di avere una squadra che non segna neanche con le mani, che per assurdo talvolta si specchia nelle proprie trame senza badare al sodo, eccezion fatto per il tiro di Mimmo e di Veloso si è sempre voluto entrare in porta con il pallone per poi svenire al cospetto di Donnarumma…. dietro troppo fragili appena gli avversari spingono con una parvenza di decisione si incassa il gol. Poi lasciami dire che lo spettacolo ieri è stato indegno di una partita di serie A l’osservatorio può fregiarsi di aver compiuto la propria missione….. Complimenti vivissimi a loro e a chi per piaggeria non si mette mai di traverso, se fosse stato in casa il Milan dubito si sarebbe giocato di lunedì alle 15.00. Purtroppo quel che ci frega è la passione per i nostri colori, perché questo calcio meriterebbe di non essere seguito. Un bel crac con crollo dei fatturati non farebbe male a questa gente seduta su un trono di incompetenza e cupidigia.
    FORZA VECCHIO BALORDO

    • ALBE says:

      “Purtroppo quel che ci frega è la passione per i nostri colori, perché questo calcio meriterebbe di non essere seguito. Un bel crac con crollo dei fatturati non farebbe male a questa gente seduta su un trono di incompetenza e cupidigia”

      LASCIA CHE TI STRINGA LA MANO, E’ UNA FRASE CHE RACCHIUDE IL PENSIERO DI TANTISSIMI. BRAVO !

  16. Stefano 1971 says:

    Ma poi scusa giovanni ma siccome sento parlare di pjaca ma a cosa serve? Non è un centravanti!!!! Serve una punta vera (sempre se ci si vuole dalvare eh) ma soprattutto un centrale con la c maiuscola!!!! Siamo la seconda peggior difesa del campionato!!!! Con tutte queste reti subite si andrebbe in b anche se arrivasse cavani!!!

  17. francesco says:

    buongiorno Giovanni,
    che dire: Preziosi & Perinetti= 2 Pinocchi!!
    Siamo al 22 gennaio di una campagna acquisti che proclamata di mantenimento e rafforzamento, ha preso ben altra direzione.
    Acquistato un portiere del quale siamo ancora in attesa del transfer, e un mancino.
    Venduto il bomber col quale ci saremmo potuti salvare con un paio di domeniche d’anticipo, senza aver la minima idea su cui riparare per porre rimedio.
    Venduto Romero per il futuro, quasi venduto Kouhamé per il futuro, ma al presente ci stanno pensando?
    le prossime due partite diventano cruciali! E mi aspetterei anche, da coerente quale credo sia, che Prandelli rassegni le dimissioni in mancanza di concreti rinforzi.
    Basta bugie e prese per i fondelli! E come disse quando venne acclamato: Il tempo é galantuomo! Lo stiamo vedendo ora! Provi a vergognarsi se riesce.

  18. Peter Tosh says:

    Leggere post di Scotto su FB. Da rabbrividire, poi non si dica che non si sapeva.
    Buon Genoa per mezzora con diverse occasioni, poi il buio o quasi.
    Preziosi VATTENE non ci meriti.
    Perinetti ALTRETTANTO, ti sei dimostra solo un buon dipendente e nulla più.

  19. paolo says:

    E allora che si passi dalle parole ai fatti.
    Basta andare allo stadio! Si copra la Nord con un immenso striscione con scritto a caratteri cubitali PREZIOSI VATTENE! Smettiamola con i sentimentalismi.
    E’ inutile protestare e incazzarsi se poi si continua ad andare allo stadio e si portano soldi ad una società indecente, foraggiando un presidente ed una dirigenza indegni di questi colori e di questa città.
    Sono bugiardi, traditori, avidi e pensano solo agli sporchi interessi propri e di chi li manovra.
    Del Genoa, della sua storia e dei suoi tifosi non gliene frega niente.
    Gallo ha il dubbio che siano a libro paga delle cosiddette grandi. Non è un dubbio. E’ una certezza. Guardate dove sono finiti in questi anni i giocatori migliori. Sempre alle stesse squadre. E quando giocano contro di noi segnano sempre. Il goal dell’ex ce lo becchiamo sempre.
    Piatek al Milan è un’assurdità. Non lo ha tenuto fino a giugno, quando avrebbe quasi sicuramente potuto venderlo all’estero per minimo 80 milioni, ma lo vende ora, a mercato invernale quasi finito e a rate ad una squadra che è in difficoltà economiche per il fair play finanziario (altra buffonata che viene costantemente aggirata) e che è stata venduta ad un cinese poi sparito nel nulla, per andare a finire in mano al fondo Elliot, dove, guarda caso, sono forti gli interessi del precedente proprietario. Il sospetto che abbia fatto rientrare in Italia con quell’operazione soldi che aveva nascosto in qualche paradiso fiscale è sempre più forte.
    Io, come ho detto altre volte, vivo a Milano e da più parti mi è giunta voce che dietro l’operazione Piatek ci sia Galliani. Se fosse così sarebbe la dimostrazione che l’ex cavaliere è ancora, sia pure occultamente, il padrone del Milan. E Preziosi è il suo servo.
    Non vi sto poi a raccontare gli sfottò che mi sono dovuto sorbire ieri sera dai milanisti.
    Non se ne può più di questa situazione. Se ne deve andare e basta.
    Lunedì ad Empoli avremo la conferma del destino che ci attende: la B.
    Guardate quelle che sono dietro. Lottano tutte col coltello tra i denti e cercano tutte di rafforzarsi. L’unica che non fa niente, anzi fa tutto il contrario di ciò che dovrebbe fare, è il Genoa.
    Lo vogliono mandare in B? Lo dicano apertamente e la smettano di recitare. Farebbero una figura migliore. Del resto la nostra squadra non è mai stata amata ai piani alti e dalle testate giornalistiche di tutti i generi (Giovanni, ovviamente voi siete fuori).
    Il Genoa deve essere sempre la vittima sacrificale di turno e tutti i commentatori, quando una grande non vince da tempo, quando deve incontrare il Genoa continuano a ripetere fino alla nausea che quella partita lì è da vincere per forza, che non può essere sbagliata e via dicendo.
    E’ uno schifo generale.
    Se poi gli facilitiamo il compito mettendo in campo una squadra di brocchi inguardabili, allora non stupiamoci se andiamo a finire in B. Alla fine ce la meriteremo.
    Povero Vecchio Balordo! Non riesco più a dirti Forza.
    Ma quello che non smetterò mai di urlare finché non se ne sarà andato è
    PREZIOSIIIIIIIIIII VATTENEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  20. Finnrico says:

    Mi viene il voltastomaco a parlare delle vicende societarie. Dico solo tre cose sulla partita di ieri:

    1) Non capisco sinceramente come si può pensare a una squadra titolare con Zukanovic stopper vicino a Romero.
    Finché si tratta di metterci una pezza, di una scelta di emergenza in corso di gara, vabbè, ma pensarla una soluzione strutturale è da matti (“al 99.99% la squadra di lunedì prossimo sarà quella di oggi”). Possibile che Lisandro Lopez e Günter siano peggio dell’attuale Zukanovic?

    2) Secondo me Biraschi era mezzo infortunato e abbiamo pagato sul gol. A parte la coscia fasciata, tutto il secondo tempo era in difficoltà sugli spostamenti laterali (vedi tentativo di Borini con rientro al centro prima del gol). Prandelli ha reagito tardi, avrebbe dovuto toglierlo prima.

    3) Ormai il trend del momento è dare addosso a Juric. Eppure mi ricordo un Genoa-Milan 3-0 di un paio d’anni fa (primo gol di Ninkovic, non di Maradona…), e in panchina c’era proprio un certo Juric. Credevo che tutti avessimo ormai capito che Juric è stato usato come foglia di fico, ma evidentemente mi sbagliavo. Io ribadisco che sinceramente non ho visto per ora niente di particolare nell’avvicendamento Juric-Prandelli, il film è sempre il solito.

  21. Paolo Tosi says:

    L’unica soluzione sarebbe che Prandelli avesse il coraggio di dimettersi lasciando quel bugiardo patentato in braghe di tela oppure che la Finanza decidesse di dare un’occhiata ….

  22. Luca de r says:

    Ciao Giovanni, scusa ma come sostenevano alcuni poco tempo fa…. Il male del genoa non erano i suoi tifosi….. PS avvisa Ballardini di tenersi pronto tu che avrai il numero…

  23. Gianni says:

    Sempre più convinto che dovresti passare ad altre cose non allo sport

  24. Gallo says:

    Giovanni perdonami,
    ma a voi come stampa, la società rifiuta di partecipare alle trasmissioni e quindi alle domande, oppure avete gettato la spugna perché avete già ricevuto 100 no consecutivi?

    Perché le domande sono molte, ma tante tante a partire dal bilancio sino al chiedere il motivo di dire A per fare B.

    Solo per sapere, così mi metto l’anima in pace… :)

    • Giovanni Porcella says:

      Grazie per la domanda questa e’ la verità: allora, noi abbiamo fatto il ritiro e poi c’è stata la tragedia del Ponte. Primocanale per la situazione drammatica in città e’ tornata a fare lo sport in pratica a ottobre. Quindi fin lì non abbiamo parlate bene o male di nessuno, semplicemente perché non facevano programmazione. Alla ripresa di Gradinata Nord ho inviato un messaggio al presidente ma non mi ha risposto. Io dunque non gli avevo fatto proprio niente e tra l’altro qualche partita la vincevamo. Nel mezzo c’erano le voci su un’altra tv e quindi ci ha escluso con poca correttezza e sicuramente facendo una cazzata di comunicazione enorme. Io con onestà ho fatto il mio lavoro andando oltre a questo. Perinetti è sempre stato disponibile con noi e dall’ufficio stampa non è mai mancata la collaborazione e il dialogo. certo di fronte a certe scelte da giornalista sono stato molto critico e le nostre trasmissioni sono all’insegna della preoccupazione a sto punto lasciando parlare molto i tifosi. Preziosi sa dove sono, in passato comprese che sono un interlocutore attendibile ma non sono io a dover fare un passo. Gli ascolti nostri sono molto alti e per questo significa che siamo apprezzati per la nostra onestà e che non abbiamo interessi in ballo. Se il Genoa fa e farà bene come mi auguro con tutto il cuore sarò il primo a dire bravi ma se ha vinto una partita su 12 e vende un giocatore che spergiurava non dovesse partire io faccio quello che tutti dovrebbero fare se ancora esiste questo mestiere. Ovviamente nei limiti della correttezza e della legge.

      • Gallo says:

        Grazie mille.
        A me è sempre sembrato che di rispetto tu non abbia mai mancato verso la società, certo sei stato critico, ma chi non lo sarebbe da un po di anni a questa parte.
        Se al presidente non aggrada chi con rispetto ed educazione pone domande scomode a cui rispondere, a mio avviso alimenta sempre di più il malcontento tra la tifoseria, essa che sia di Gradinata che di Distinti.

        Peccato perché la comunicazione a mio modo di vedere è il migliore dei modi per non creare false aspettative e/o falsi pregiudizi.

        • Giovanni Porcella says:

          Il problema che in questa città non siamo in molti a muovere qualche legittima critica mista a preoccupazione e questo mi sorprende. Di sicuro sono stato sempre corretto e forse pago ancora la vicenda Gasperini in cui avevo strastrastraragione. Comunque le trasmissioni si fanno comunque

          • Gallo says:

            Perdonami, ma quando non si si fa servilismo puoi essere certo che il tuo lavoro lo fai come si deve :)

          • Giovanni Porcella says:

            Io sono abituato a guardare me stesso e a pensare ai miei errori. Solo così si cresce, mi hanno insegnato questo. E se si sbaglia lo si fa senza malanimo

      • PREVIATI STEFANO says:

        Porcella un vero professionista & signore, altri solo leccc..lo. Scusate il francesismo …..

      • Gianni says:

        Ma abbi pazienza….. Ti porti in studio come opinionisti uno che capisce di candele e pistoni ma nulla di calcio e poi speri che la Società vi risponda?

        • Giovanni Porcella says:

          E’ un tifoso del Genoa è li per quello non scende a parlare di calcio in senso tecnico e tattico.

          • Giovanni Porcella says:

            E ti assicuro cercare chi difende la società ci provo ma non ne trovo tanti e a volte ci provo io, per correttezza. Sai la tv si fa col contraddittorio altrimenti da quanto vedo fai zero

        • Alex says:

          Pernat è uno dei pochi che non ha peli sulla lingua. Teniamocelo stretto, anzi sosteniamolo a fare qualcosa in più, sono convinto che in termini di comunicazione ha molto da insegnare.

  25. Asa says:

    Guardate la prima pagina di tuttosport di oggi….la dice lunga su che dirigenza abbiamo…

  26. paolo says:

    Sono totalmente d’accordo.
    Se le Fiamme Gialle facessero una visitina nelle aziende del joker, secondo me troverebbero parecchie cosucce interessanti.
    Che bello se invece che a Dubai il sole lo prendesse a scacchi.
    PREZIOSI IN GALERAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!

  27. Stefano 1971 says:

    Ecco appunto è quello che dico io basta parlare degli allenatori!!! Ballardini è una gran persona ma ha avuto la fortuna di avere le squadre più scarse della serie a tutte ravvicinate ed in casa!!! E pur facendo anguscia con un po o forse tanta sorte favorevole le abbiamo portate a casa….. Ma è ovvio che quando giochi con squadre di spessore superiore le buschi!!!! L unica squadra di livello che aveva incontrato ballardini era stata la lazio e ne abbiamo presi 4 con piatek in campo!!!! Quindi non c entrano gli allenatori….. Siamo scarsissimi!!!!! E se viene guardiola insieme a conte e allegri etc etc si retrocede uguale!!!!! Abbiamo venduto perin laxalt e li abbiamo rimpiazzati come????? Ma chi l ha comprati lakicevic e compagnia cantanti???? E dalmonte???? Darei sta squadra in mano ad allegri poi vediamo quanti punti fa……..

  28. Gabriel says:

    Non riesco a capacitarmi della cessione di Piątek!!! Né per i tempi, né tanto meno per la squadra a cui viene ceduto!!! Al Milan, una squadra che forse ha più problemi di noi e che cercherà fino all’ultimo di pagare il meno possibile e proverà ad inserire delle contropartite tecniche desolanti come Bertolacci (imbarazzante)!!! Per l’anno volta viene fatta sì una plusvalenza, ma con un ricavo forse basso come nelle precedenti cessioni di giocatori importanti!!! Siamo l’unica squadra in serie A e forse in Europa, la quale svende i propri gioielli!!! Tutte le altre società si fanno rispettare e rispettano i propri sostenitori ed usano la filosofia del «se vuoi i miei giocatori, paghi e anche bene se no lo vendo a chi mi dà di più» il Genoa, grazie al suo presidente, passa per l’ultimo dei peggiori discount se non addirittura una barzelletta!!! Complimenti quindi al presidente per l’ennesima presa in giro e per un altro girone di ritorno tribolato!!!

    • Finnrico says:

      Complimenti a te per l’ogonek sotto la “a” del nostro – ahimè – ex bomber.
      Sono certi particolari che fanno la differenza… ;)

      (Quanto al contenuto del commento, d’accordo al 100%!)

  29. ALBE says:

    Obiettivamente non posso più comprendere chi difende ancora Preziosi con la solita solfa “ci tiene in serie A da 10/11/12 anni …” GNE GNE GNE.
    Con il livello attuale della serie A italiana ci terrebbe nella massima serie anche il Sig. Spinelli (1000 difetti ma uomo dignitoso), e forse anche il sig. Fossati buonanima. Altro che palle. Se il calcio moderno è questo, se i presidenti che possono interessarsi al Genoa sono questi, non ha più importanza in quale categoria giocheremo. Resteremo Genoani indipendentemente da tutto e tutti. Gioiremo per una vittoria e soffriremo per una sconfitta, non importa contro chi. GRIFONI sempre e comunque. Alla faccia di chi se ne frega e/o ci vuole male.

  30. Alan says:

    Preziosi tutto ha un limite! Riconosco i meriti passati ma ormai passi la mano; è diventata una sofferenza vederla al vertice societario.
    Il suo comportamente verrebbe definito ormai da Leonardo Sciascia nell’ultima categoria delle persone (quaquaraquà).

  31. Alex says:

    Ma come? Ci stupiamo della cessione di Piatek senza aver prima preso un sostituto? Ci ricordiamo quando cedemmo contemporaneamente (e senza motivi sensati) Matri e Pinilla restando per alcune giornate con Fetfatzidis centravanti? Io mi ricordo bene di quella mossa scellerata, dimostrazione che non solo questa dirigenza è incompetente, ma che sul piano sportivo è totalmente disinteressata alla squadra.
    Preziosi deve vendere e il prima possibile. Che qualcuno faccia una telefonata a Gallazzi, forse la trattativa a questo punto si può riaprire.

  32. Roby quezzi says:

    per la b non esiste rischio,una e’ gia’ retrocessa e la penultima quasi ma credo che,come al solito,tornera’ Ballardini a consolidare la salvezza ma io mi chiedo:ballardini avra’ un briciolo di pudore?Si e’ fatto cacciare 4 volte da zamparini e rpreso 4 volte,caccare da Preziosi tre volte e ripreso in continuazioone,ma un briciolo di dignita’ e’ orgoglio questi allenatori sanno che significh?Contano solo i soldi e si fanno trattare come pezze da piedi,un allenatore con gli attributi direbbe:”guardi Sigbnor Preziosi,alleni lei la squadra io rifito a costo di perdere lo stipendio perche’ non sono uno straccio”So gia’ che e’ utopia

  33. paolo says:

    Ballardini, se ha un minimo di dignità ed amor proprio, dopo che il joker lo ha definito coram populo scarso, lo manda a quel paese e rescinde il contratto.
    Prandelli, se non vuol perdere quel minimo di dignità che gli resta, dopo Empoli (sicura sconfitta) rassegna le dimissioni.
    Resta Juric, ma se fossi in lui scapperei a gambe levate.
    La squadra è allo sbando anche per questo maledetto mercato invernale che dovrebbe essere eliminato. Troppe voci e troppe notizie che girano sui giornali e in TV. I giocatori sono distratti e quelli che non sono oggetto del desiderio si deprimono, perché capiscono di essere scarsi.
    Giovanni, c’è poco da essere corretti con un personaggio simile.
    Bisogna dirgli chiaramente durante la trasmissione che è un voltafaccia, che prima dice una cosa e poi fa tutto il contrario, che fa gli interessi del Milan, della Juve, del Torino, della Roma, dell’Inter, ecc. e non quelli del Genoa, che non ha rispetto dei tifosi, di chi ha pagato l’abbonamento e di chi paga il biglietto la domenica.
    Fatevi promotori dello sciopero del tifo e dite chiaro alla tifoseria organizzata di disertare lo stadio lasciando la nord coperta da un immenso striscione che gli intimi di andarsene. Quell’uomo li è la rovina del Genoa e se andremo in B – e ci andremo filati come delle lippe – sarà solo colpa sua e dei suoi cari amici.
    Stavolta non basterà il culo di avere dietro 3 squadre più scarse di noi. Dietro, come ho scritto, si stanno organizzando e rinforzando e basteranno poche partite per trovarci al terzultimo posto.
    Voglio vedere quando ci schioderemo da quota venti. Se non faremo punti con Empoli, Sassuolo, Chievo, Frosinone e Bologna sarà la fine. E, purtroppo, finirà così.
    Grazie joker per il bel regalo che ci stai facendo. Visto che il diavolo ti piace tanto, spero tanto che tu finisca all’inferno.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  34. Bruno says:

    Per favore non si mettano in giro, non da voi, calciatori che guadagnano cinque milioni di euro. Siamo già abbastanza incavolati.
    Per salvarci perché scartare un Paloschi?

  35. Roby quezzi says:

    Paloschi potrebbe essere una idea,sono d’accordo con il signor Bruno,un giocatore valido e di ingaggio contenuto che verrebbe di corsa

  36. Francesco OreginaRossoblu says:

    PROPONGO DI SCRIVERE UNA BELLA LETTERA CON I NOMI DI TUTTI I TIFOSI E DI INVIARLA A QUELL’ESSERE INVITANDOLO A SPARIRE CEDENDO LA SOCIETA’.SPECIFICANDO CHE IL 100X100 DEI GENOANI LO ODIA.CHE NE DITE?NATURALMENTE I NOMI DOVRANNO ESSERE INVIATI CON EMAIL A COLUI CHE ORGANIZZA CLUB O TV PRIVATA CHE SIA.

  37. robertogrifo says:

    Come è stato possibile arrivare a tanto, cessione Piatek, classifica e futuro preoccupante contestazione giustamente a mille. Eppure la stagione sembrava partire col piede giusto con la conferma del buon Ballardini. E ora?
    Personalmente spero che i giocatori rimasti si rendano conto subito della gravità della situazione e che questo gli faccia tirar fuori il 110%. Anche qualche arrivo di qualità darebbe ai giocatori la senzazione che la società non sta smobilitando, tutt’altro.
    Vista la fragilità della squadra si rende necessario l’apporto, il sostegno di noi tutti. La società si merita invece, ad esser buoni, delle sonore pernacchie e un eterno vergognatevi…

  38. Andre72 says:

    Il dinamico duo preziosi e perinetti ci sta prendendo in giro, vergognosa l’operazione Piatek e vergognose le dichiarazioni post-accordo di perinetti; dopo l’esonero di Ballardini con sciagura Juric ora questa brillante cessione; ma l’obiettivo era un campionato tranquillo o provocare l’odio della tifoseria?

    PREZIOSI VATTENE !!!!!!!

  39. Giuse says:

    Caro Giovanni
    Sono un tifoso genoano della tua generazione cresciuto con poca serie A poche vittorie e tante sconfitte e umiliazioni.
    Lunedì naturalmente non sono andato al Ferraris ma dai commenti ho capito che è stata la solita partita tra una squadra povera di qualità (che corre si affanna ma non ottiene nulla) e una rimaneggiata ma con alcuni giocatori di qualità.
    Come dice un mio vicino dei distini sono partite dove vedi chiaramente la classica sfortuna dei giocatori mediocri che lottano per nulla.
    Questa squadra mi ricorda tanto il Genoa di Spinelli che riuscì a retrocedere nel 1994-95 dopo un’annata di media e media/bassa classifica con un finale sulle ginocchia e la beffa finale nello “sfortunato” spareggio con il Padova. Eravamo la squadra più lenta e noiosa del torneo con un difesa facilmente perforabile (aveva ceduto Petrescu che poi fece una buona carriera nel Chelsea e l’anno prima il compianto Fortunato, Panucci e Branco poi campione del mondo) un centrocampo lentissimo sulle spalle di un logoro Bortolazzi (senza più Eranio la soluzione era sempre la palla lunga alla spera in Dio ) e un attacco con uno Shuravy fisicamente debilitato che aveva perduto 2anni prima in suo compagno di goal Aguillera..
    Non parlo di tutti gli altri che erano stati ceduti
    In pratica sembra che il Genoa odierno assomigli tanto a quello di allora
    Spero che Perinetti riesca a far uscire dal suo capello magico un paio di conigli bianchi perché oggi la squadra e i tifosi sembra ormai rassegnati..
    Forse sono troppo pessimista e non vedo gli aspetti buoni di questa squadra ( e come diceva Gigi Simoni i genoani dimenticano presto le cose belle mentre per le cose brutte hanno la memoria da elefante “come Berni sul vicentino Paolo Rossi) ma mai come quest’anno temo la fine del ciclo della serie A.

  40. stefano ravegnani says:

    PLUSVALENZESE – MILAN 0 – 2

    Anche in serie D ma con un altro presidente, ridiamo dignità alla storia della società più antica d’italia

  41. PREVIATI STEFANO says:

    Sarebbe utile per la tifoseria sapere dal “padrone” tramite intervista ( non da sdraiati come si e’ gia’ visto , e non certo da parte di Porcella ) realmente come stanno le cose nei conti della Societa’, i motivi REALI di queste (s)vendite repentine, o e’ chiedere troppo al signore in questione ? Con questo andazzo fa la figura di un capo mafioso latitante di cui non si sa nulla da anni, che comunica tramite pizzini dati ai sodali … non si chiede niente altro che la verita’ …… e’ troppo ?

  42. Andrea says:

    Leggete bene cosa ha detto Sconcerti sia sulla Gazzetta dello Sport sia in TV e anche se non lo ho mai sopportato tanto perchè è fazioso, stavolta dice la verità.

    RISPETTO ci vuole rispetto per i tifosi rossoblu nessuno è mai stato trattato così nella storia del calcio da nessuna società. MAI NESSUNO.

    Ora PREZIOSI sta rischiando davvero grosso direttamente sulla sua pelle, ma in senso fisico, molti troppi tifosi non ce la fanno più a sopportarlo e qualcuno potrebbe anche dare di testa. Una persona così scellerata, che non ha alcun rispetto per i propri tifosi non si deve mai più fare vedere da queste parti.

    PREZIOSI VATTENE

  43. bruno says:

    Buongiorno a tutti, penso sarebbe il caso di chiedersi a questo punto a quanto serva ma soprattutto se serva a qualcosa continuare la solfa del PREZIOSI VATTENE…degli striscioni allo stadio e delle inutili contestazioni allo stesso. Sono anni che vanno avanti e non hanno portato a nulla. In questa città, non credo esistano solo i Mantovani o i Garrone e che purtroppo per noi siano entrambi dall’altra parte. Persone del loro livello o quasi ce ne devono essere anche dalla nostra parte! Impossibile non ce ne siano!!! Ebbene queste persone vanno individuate, e dei delegati competenti della nostra tifoseria devono incontrarli, devono essere ricevuti, ma soprattutto devono essere invitati ad intervenire e prendersi cura della società. Così come hanno fatto i sopracitati dall’altra parte. Le contestazioni fatte finora non servono a nulla. Preziosi ha comprato il Genoa quando nessuno lo ha voluto, e ne è proprietario. E’ una sua azienda. E di conseguenza agisce come gli pare. Ci sono persone nella nostra città con grossissime facoltà economiche genoani che da generazioni si accomodano GRATIS in tribuna con le tessere a vita. Ebbebene, essere Genoani così non basta più. Che vengano fuori e facciano ciò che DEVONO. Se il Genoa è un capitale storico della città hanno il DOVERE di farlo. Gridare allo stadio contro Preziosi, o scriverlo sui vari blog non serve a nulla.

  44. paolo says:

    Sanabria è un buon colpo, anche se non da le garanzie di Piatek. Vedremo come s’inserirà nella squadra.
    Ora ha preso 2 emeriti sconosciuti. un ungherese – tale Shafer – ed un terzino olandese – tale Ehizibuè – e sta cercando di prendere un centrocampista; i nomi che si fanno sono quelli di Radovanovic del Chievo ( che secondo me non viene, perché al Chievo c’è Di Carlo, altro gobbo blucerchiato ) ed un certo Lerager del Bordeaux, mai sentito.
    E poi continua a trattare Pjaca. La cosa mi preoccupa, perché Pjaca andrebbe a sovrapporsi a Kuamè. Questo vorrebbe dire che c’è il serio rischio che decida di cederlo subito e non a giugno.
    Comunque, come ogni anno, è sempre la solita storia. Sia a gennaio che a giugno c’è una rivoluzione. Per forza che gli allenatori non durano. Come hanno trovato la quadra ed hanno i giocatori giusti al posto giusto, questo arriva e gli scombina tutto, sempre che non decida di mandarli via prima per le sue fisime.
    Per quanto riguarda il Milan – autentica sciagura per il Genoa – gli auguro di cuore che gli si rompano un bel po’ di giocatori, soprattutto titolari, a mercato finito.
    Così voglio vedere come raggiungono la Champions.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  45. bruno says:

    Buongiorno a tutti….Giovanni scusa ma vorrei esprimere un mio parere sui servizi che fate riguardanti il Genoa. Curati da te sono una cosa quando li fa Michieli con tutto il rispetto di questo mondo per la sua grande professionalità hanno un significato differente. Sinceramente vedere l espressione dispiaciuta o anareggiata o di circostanza per fatti negativi

  46. bruno says:

    Mi è partito incompleto….dicevo fatti negativi tipo la vendita di Piatek mi scricchiola un pò….scusami…parere del tutto personale. Mi sembri molto più obbiettivo tu quando parli di Samp…..

  47. Roby quezzi says:

    Preziosi fara’ una rivoluzione ma la fara’ bene ed il Genoa non rischiera’ la B,Ormai la dimensione di Genoa e Samp e questa….solo salvezze tranquille e nulla piu’,chiunque si asetti qualcosa di piu’ e’ un folle con i numeri queste due squadre.Brutto a dirisi ma la verita’ e’ che Genova non ha piu’ nulla di “superbo” e non puo’ piu’ permettersi due squadre in serie A

    • Giovanni Porcella says:

      L’importante e’ che ci siano i conti a posto

      • alberto says:

        Mi dispiace, sarò l’unico a pensarlo ( o tra pochissimi), ma ormai non mi interessano nemmeno più i conti, non mi interessa la categoria. Come ha detto qualcuno, ripartiamo anche dal basso, va bene qualunque serie, piuttosto che vedere il Genoa e i suoi tifosi ridicolizzato da un imprenditore menefreghista senza scrupoli. Ridiamo al genoa e a noi Genoani una dignità.

  48. Finnrico says:

    Scusatemi se mi sto facendo prendere un po’ troppo da questo blog: prometto che interverrò meno in futuro.

    Non voglio però perdere l’occasione di augurare un IN BOCCA AL LUPO di cuore a Oskar Hiljemark (nell’improbabile caso che legga queste righe)..

    Il problema che è emerso non è roba da poco, e spiega anche il rendimento non sempre brillante di quest’anno e le tante sostituzioni in corso d’opera, molto strane per un settepolmoni come lui. Evidentemente giocava stringendo i denti, magari anche con qualche infiltrazione.

    Su di lui, lo ammetto, mi ero totalmente sbagliato: tre anni fa lo avevo malamente giudicato un ballerino, una fighetta. Un giocatore inadeguato ai valori di questa maglia.
    E invece ha dimostrato di essere uno tosto, che non molla mai, un vero genoano.

    GRAZIE, OSKAR: torna presto, ti aspettiamo!

    • LAURA1962 says:

      Mi unisco agli auguri di pronta guarigione per Hiljemark. A me e’ sempre piaciuto e il suo impegno non e’ mai mancato. Forza Oscar!

  49. paolo says:

    Il fatto che lui sia il padrone della società non vuol dire che è anche il nostro padrone.
    Quindi, siccome i tifosi contano e anche i loro soldi GLI fanno comodo (non ci sono solo gli abbonamenti allo stadio, ma anche quelli a Sky e Dazn), sarebbe bene che il signore che tu, Bruno, ti ostini a difendere contro tutto e tutti, cominciasse ad avere un po’ più di rispetto e pensasse di smetterla con le sue alzate d’ingegno e con i regali ai suoi soliti amici.
    Abbiamo tutti noi, compreso te, diritto o no ad assistere a campionati che non ci facciano stare sempre col cuore in gola? Abbiamo diritto o no di veder rispettare la nostra passione e l’amore che abbiamo per questi colori? Abbiamo diritto o no di veder rispettata la storia di questa squadra?
    E’ inutile che continui a dire che non c’è nessuno che voglia rilevarla da lui. Lo abbiamo capito bene, soprattutto perché è di tutta evidenza che lui non vuole vendere e tutto ciò che ha detto in proposito sono balle sesquipedali, come quelle che ha raccontato in occasione della riunione estiva di qualche anno fa al Porto Antico, quando fece pace con la tifoseria.
    Quindi continueremo a protestare in tutti i modi che ci sono consentiti e non ci stancheremo di farlo finché non se ne sarà andato.
    I cugini stanno ridendo a crepapelle e godono come dei ricci a vedere lo scempio che sta facendo da anni. Basta quest’umiliazione per scatenare la protesta (il disprezzo c’è da tempo immemorabile).
    Vai a parlarne bene ai tifosi di Saronno e Como e poi vedi se riesci ad uscire vivo dalla città.
    Non vado oltre, perché sono troppo imbufalito, oltre che amareggiato fino al midollo (gli sfottò dei milanisti mi danno un fastidio che non potete immaginare).
    Comunque vada, non mi stancherò di scrivere a caratteri cubitali
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  50. bruno says:

    Buonasera a tutti…sicuramente sono io che nn sono bravo a scrivere e di conseguenza nn mi faccio capire. Ma ho scritto 3 giorni fa che Preziosi è indifendibile per quello che fa e x come gestisce la società. Inoltre nn credo abbia bisogno di me per difendersi. Io dico solo che se uno ha il grano x investire nel calcio, ma il grano quello vero ma soprattutto intenzione di prendere la società nn si fà certo problemi x i debiti. Primo perchè tutte le società hanno debiti e poi perchè se è vero che si guadagna così tanto nn capisco perché come ho già scritto ieri nn c è nessun riccone genovese che si prenda a cuore la società. Se una ha soldi ma tanti soldi…e intenzioni serie Preziosi lo fà saltare in una settimana.

    • Fabrydt says:

      Caro Bruno,
      con tutto il rispetto se vuoi vendere una società con 78 milioni di debito che il compratore dovrà accollarsi e ne vuoi 100 cash in più, qualsiasi soggetto economico che abbia fatto il grano nella vita non sarà mai così coglione da comprarla. Hai scritto più volte che non fai il commercialista ma anche a te sarà sorto un dubbio se nonostante tutte le plusvalenze che fa la situazione debitoria rimane la stessa è più che chiaro questo presidente non può e non vuole vendere il Genoa perché gli sta risanando la Giochi Preziosi, e quando l’avrà fatto del tutto ci farà fallire come ha fatto con Como e Saronno. Posto che esista in giro un coglione granoso disposto a comprare il Genoa per 178 milioni di Euro e facesse un’offerta nero su bianco Preziosi non cederebbe lo stesso, sulla volontà di vendere ha mentito come ha fatto regolarmente su tutto il resto.

      Fallo per i blogger scrivi un bel “PREZIOSI VATTENE” anche tu :-) dai ce la puoi fare non è difficile su su, starai meglio tu e anche tutti gli altri

      Mi permetto di scherzare un po’…. scevro da ogni intenzione di offendere, la tua opinione è degna di rispetto come qualsiasi altra e cambiarla o meno sta solo a te.

      FORZA VECCHIO BALORDO

  51. Andrea says:

    Ma il problema è che i conti non sono a posto!!!! Caro Giovanni io non so come gestiscano la società questi scellerati di Manager da due soldi…….questo scempio deriva da 10 anni di porcate finanziarie fatte con la società e questo mercanteggiare continuo serve solo per taroccare i bilanci e andare avanti facendo soldi sulle spalle del grifone! Possibile che non riescano a chiudere mai un bilancio in attivo vi chiedete il perchè o no? Se una società è in crisi una sola cosa si deve fare tagliare i costi fissi e non lo hanno mai fatto……un motivo ci sarà non credete? Tutte le società private in crisi fanno così si tagliano i costi fissi per primi e si fa una politica progettuale seria sul parco giocatori, non si tengono a libro paga giocatori sconosciuti tanto per fare operazioni losche…..sapete quanti giocatori ha alle sue dipendenze il genoa oltre ai 25 che compongono la rosa??? Più del doppio……e non si sa neanche chi siano la maggior parte, un esempio Meggiorini è stato per anni un calciatore del Genoa senza che abbia mai visto Marassi e non si sa bene il perchè….anzi si basterebbe vedere sui bilanci degli anni scorsi i movimenti sul suo conto……ahhhhh che schifezza!!!

  52. Asa says:

    Con un operazione come quella di Sturaro venduto a 29 anni a 10 milioni e, ripreso dopo 4 anni rotto a1.5 milioni di prestito 8 di riscatto e addirittura 8 di bonus…per eventuali traguardi raggiunti…. (la salvezza?) I conti NON saranno mai a posto. Ne vi è una logica imprenditoriale

  53. Asa says:

    Scusate volevo dire venduto a 19 anni ovviamente

  54. Stefano 1971 says:

    Scusa giovanni ma la vicenda di belzebu??? (O come cavolo si chiama) ammesso e non concesso che sia un fenomeno a me pare che robe del genere succedano solo al genoa!!!! Davvero sembra una riedizione (mal riuscita) dell armata brancaleone!!!!!

  55. paolo says:

    Caro Bruno,
    Cosa vuoi che ti dica. Si vede che i ricconi genovesi sono tutti sampdoriani.
    Sono d’accordo con te che se uno ha i soldi, quelli veri, e se ha a cuore le sorti del Grifone, Preziosi lo spazza via in una settimana. Anzi, in due giorni, se ha intenzioni serie.
    C’è un piccolo problema, però. Ogni imprenditore che sia degno di chiamarsi tale e che sia veramente serio ( purtroppo oggi ce ne sono sempre meno, mentre aumentano i prenditori ) prima di tirare fuori i soldi vuole vederci chiaro e capire se ci sono situazioni che gli sono state tenute nascoste. Questo è un diritto sacrosanto di chiunque faccia impresa, rischiando in proprio.
    Ebbene, se nessuno s’è presentato finora a rilevare il Genoa o i pochi che si sono presentati sono scappati a gambe levate un motivo ci sarà.
    E questo motivo, lo sappiamo bene, ha un nome ed un cognome: Enrico Preziosi.
    Quello che ha appena scritto Andrea non è per nulla campato per aria e siamo in parecchi a sostenerlo da un sacco di tempo. Non c’è alcuna trasparenza sul bilancio societario. C’è un viavai di giocatori che fa paura. Non si capisce dove finiscano i soldi delle plusvalenze. Ci sono giri d’affari sempre con le solite società che vanno avanti da anni.
    Non si capisce perché la Finanza non abbia ancora acceso i riflettori sui bilanci del Genoa e della galassia Preziosi. Se andassero a spulciarli, credo che verrebbero alla luce degli altarini che manco ci immaginiamo e, forse, tante cose diverrebbero più chiare. Per tutti.
    Andrea ha fatto riferimento al parco giocatori enorme che ha a disposizione e che non si capisce a cosa serva. Ha fatto l’esempio di Meggiorini. Io aggiungo un altro nome: Acerbi. E’ stato per anni di proprietà del Genoa, ma non si capisce perché lo abbiano sempre mandato a giocare in prestito in altre squadre. Adesso vediamo tutti che razza di giocatore è e che campionato sta facendo nella Lazio ( ma anche nel Sassuolo non scherzava ).
    A parte questo, però, ciò che ha fatto infuriare tutti noi sono state le continue bugie che ha detto a più riprese su tante cose. Dai giocatori che non avrebbe venduto e poi ha dato via alla prima occasione, ai continui proclami sulla sua volontà di vendere il Genoa, puntualmente smentiti dai fatti. Dall’aver costretto a scappare il miglior allenatore che, insieme a Bagnoli, abbiamo avuto nel dopoguerra, al perdere l’Europa League conquistata sul campo per debiti non pagati in favore – e questa è stata l’umiliazione più cocente – degli odiati cugini.
    Quindi, capisco benissimo che nessuno di veramente serio si sia fatto avanti per rilevare la società.
    Scusa Bruno, se tu avessi i soldi, ma realmente tanti soldi, ti faresti avanti per rilevare il Genoa sapendo che dall’altra parte c’è un proprietario che definire losco è un eufemismo?
    Quindi, l’unico modo – lo ribadisco per l’ennesima volta – per costringerlo a vendere è quello di colpirlo in ciò a cui tiene maggiormente: il portafoglio.
    Voglio vedere cosa fa se la tifoseria in massa non rinnova l’abbonamento allo stadio, non compra più un biglietto e i gadgets, diserta le trasferte e, soprattutto, non rinnova gli abbonamenti alle pay tv, che sono quelle che gli garantiscono i maggiori introiti.
    E’ l’unica strada percorribile, dolorosa, ma efficace.
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  56. PREVIATI STEFANO says:

    Il fatto e’ che poi, mugugni su mugugni, ma allo stadio si va sempre …. e ci mancherebbe che quel figuro togliesse la voglia e la passione per andare alla partita, pero’ e’ su quello che gioca per continuare a tenersi la societa’ e fare i suoi strani rigiri di giocatori e/o denaro. Davvero bisognerebbe affidarsi alla Finanza per levarselo dai piedi, altra soluzione non si vede ….

  57. bruno says:

    Buonasera a tutti….sdrammatizziamo!….io lo dico anche PREZIOSI VATTENE!…😂😂😂 Ma poi mi chiedo…e adesso!?… riviviamo altri 60 anni in B!? Mentre loro tranquillamente se ne staranno in A come sempre!? Io credo che un Garrone o un Mantovani genoano uno come Preziosi se lo mettano in un cappuccino…il fatto è che nn ce ne sono. O se ne fottono del Genoa. Perche nessuno l ha comprato da Dalla Costa!? Quelle poche persone che si sono presentate secondo me nn potevano permettersi neanche una squadra di promozione. Per quanto riguarda i conti del Genoa penso che nn siano controllati più di tanto come nn lo sono quelli della maggior parte delle squadre, altrimenti la serie A chiuderebbe i battenti. Penso che presidenti o imprenditori di un certo livello nn ce ne siano più ed i veri imprenditori se ne stanno ben lontani dal calcio. Giovedi a gradinata nord si è parlato di Fossati e Spinelli come fossero stati i migliori presidenti della storia. Dimenticando che entrambi dopo averne fatte di tutti i colori sono quasi dovuti scappare dal Genoa e quasi sa Genova. Dopo anni ed anni di serie B E dopo aver smembrato più volte la squadra che avevano più o meno costruita.

  58. Jerry Staglieno says:

    Veramente il presidente della Samp attuale non e’ ne Genovese ne ricco,anzi..in coppia con Preziosi potrebbero interpretare il gatto e la volpe in un set cinematografico,come “maneggi” se la cavano benissimo entrambi.In passato e’ vero che Mantovani e Garrone erano molto ricchi

  59. bruno says:

    Buongiorno a tutti…allora i conti del Genoa avranno poca chiarezza e lati oscuri per persone nn del mestiere…e per comuni mortali come la maggior parte. Ma stiamo tranquilli che gente come Moratti Garrone tanto x fare dei nomi, hanno dei commercialisti nonchè contabili che in 2 giorni vanno a contare i peli del…..di Preziosi!!! Altro che lati oscuri o poca chiarezza!!!

  60. Paolo says:

    Bruno, i commercialisti lasciali stare. Non vanno certo a fare le pulci per scovare notizie di reato. È la finanza che deve rivoltare come un calzino le società di Preziosi.
    È poi, per favore, basta con la storia dei libri in tribunale di 13 anni fa. Lo abbiamo capito e la cosa ti attira solo il sarcasmo di chi scrive sul blog, e questo mi dispiace, perché sei un mio coetaneo che soffre come me da troppi anni per questi colori. Ora speriamo che domani sera non assistiamo all’ennesima debacle. La Spal ci ha già superati. Che vergogna! Giovanni, ma perché c’è scritto che ci sono 81 commenti e sono 59? PREZIOSI VATTENEEEEEEE!!!!!!!!!

  61. bruno says:

    Secondo TE è per quelli come me che continuiamo ad avere Preziosi!? Beh questa si che è una grande deduzione!!!….

  62. PREVIATI STEFANO says:

    Bah, i tuoi post ( Bruno ) proprio non li capisco: che c’ entra il commercialista di Moratti o chi per lui con la nebbia che avvolge conti della societa’ Genoa ? Quando gli sono stati chiesti per una eventuale cessione non pare che ci sia visto molto chiaro portando alla fuga del possibile acquirente quindi ….. ?

  63. paolo says:

    Guarda Bruno che io non ho dedotto niente e non mi sono permesso neanche di pensarlo ciò che hai scritto. Forse devi rileggere bene il mio post.
    Io ho semplicemente detto che non servono i commercialisti, ma la Guardia di Finanza per far emergere una volta per tutte la reale situazione dei conti non solo del Genoa, ma anche delle altre società della galassia Preziosi, legate tutte a doppio filo tra loro.
    Allora si capirebbero tante cose, in primis perché nessuno si fa avanti per rilevare la società.
    Inoltre ho scritto che ormai abbiamo capito tutti che 13 anni fa Preziosi s’è preso il Genoa per un tozzo di pane salvandolo dal fallimento.
    Ce lo ricordiamo bene, per cui non c’è bisogno di ripeterlo ogni volta. Il fatto è che adesso è lui che sta portando al fallimento la società, con tutti i giri mirabolanti di compravendite che sta conducendo ancora in questi giorni.
    Sta comprando a destra e sinistra. Nomi mai sentiti, ragazzini romeni o di altre nazionalità.
    Magari rappresentano un investimento per il futuro, ma se non si fa qualcosa per mettere una pezza al presente, temo che il futuro sarà alquanto grigio.
    Ora vedremo cosa sapranno fare Radovanovic e questo Lerager che ha prelevato dal Bordeaux, così come vedremo che apporto saprà dare Sanabria, che è sicuramente un ottimo giocatore, ma che si sta apprestando a confrontarsi con un’eredità pesantissima quale quella lasciatagli da Piatek.
    Poi, alla fine, vedremo quanto sarà rimasto in cassa e se, finalmente, si saranno incamerati soldi dalla vendita di sicure ciofeche quali Lapadula e Marchetti.
    Purtroppo è proprio vero che il lupo perde il pelo, ma non il vizio e noi ne abbiamo uno irpino al timone della società.
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  64. Stefano 1971 says:

    Ma scusate eh!!! Ma invece di portare nella sede del genoa la finanza non sarebbe il caso di pensare a salvarci??? Ma guardate che con spinelli abbiamo fatto 13 anni cinsecutivi di b!!!! Sembra che prima di preziosi siamo sempre stati in europa!!!! Io è dal 77 che vado a vedere il genoa e prima del famoso quarto posto (2 anni dopo il quarto posto siamo andati in b e ci siamo rimasti 13 anni!!!) ho visto più che altro della gran b…… Ma poi scusate ma come si fa a trattenere piatek me lo spiegate??? Qua guadagnava 500 mila la quasi 2 milioni in una squadra che a livello mediatico non c è paragone!!! Capisco la rabbia ma il calcio purtroppo è questo…..

  65. paolo says:

    Se ti piace continuare a farti prendere in giro con promesse non mantenute, girandole di allenatori e giocatori, affari fatti fare ai soliti amici e noi sempre a lottare per la salvezza mentre i cugini ci guardano dall’alto e ridono, accomodati pure.
    Alla maggior parte delle persone che scrivono sul blog, me compreso, e non solo questo non sta bene e lui se ne deve andare via.
    E vedremo se a fine stagione saremo ancora in A. Stasera avremo una prima risposta.
    Poi ci penserà la Corte Federale quando giudicherà lui per le offese all’arbitro della partita con la Roma e la società per responsabilità diretta.
    Buon divertimento.

  66. bruno says:

    Paolo….buonasera!…ma nn era rivolto a te!!!!….ma ad Asa che ha scritto che secondo lui Preziosi si trova dov è a causa di quelli come me!!!

  67. bruno says:

    Buonasera a tutti…l ho detto che nn sono bravo a scrivere e di conseguenza mal interpretato. Io ho tirato fuori i commercialisti o contabili, chiamateli come vi pare…per il semplice motivo che se una persona del calibro di Garrone o Moratti per fare degli esempi si presenta per comprare una società come il Genoa nn credo nn faccia controlli ma soprattutto nn li faccia fare al primo venuto, bensì a persobne con i controcoglioni che sono in grado di fare la TAC ai libri contabili del Genoa! Certo se si presentano dei nessuno senza soldi o con soldi virtuali sarà ben difficile fare chiarezza sulla gestione della società. Ma nn mi sembra un concetto difficile da capire.

  68. enrico says:

    allora si va in serie b? siete veramente ridicoli in questo torneo non siamo mai stati in zona retrocessione ieri sera abbiamo mortificato iachini peccato che qualcuno di questi pseudo genoani sperava di perdere mi dispiace ma il prossimo anno saremo ancora in serie A

Lascia un commento

LA RIVOLUZIONE DIFFICILE

Il mercato del Genoa è entrato nel vivo ma, sospendendo qualsiasi giudizio pur avvertendo vitalità, serve ancora molto per dare

ASPETTANDO GODOT, LE SCELTE DIFFICILI DI PREZIOSI

Al Genoa si respira un’aria di attesa e non solo per quanto riguarda il futuro della guida tecnica. A parte

IN SALVO TRA LE SOFFERENZE, PREZIOSI ORA COSA FARA’?

Per il Genoa una salvezza sul filo di lana tra indicibili sofferenze e con molta fortuna che si chiama Handanovic.

GENOA NEL BARATRO, A FIRENZE MATCH DRAMMATICO: MA FORSE BASTA UN PUNTO

Ora serve un miracolo al Genoa o quasi per restare in A. Ma se con la Fiorentina è un match

Search

Archivio