NIENTE DI BELLO, C’E’ PUZZA DI BRUCIATO

17 Dic 2018 by Giovanni Porcella, 52 Commenti »

Torino, passi il mega recupero del primo tempo non giustificato, Spal e va beh l’espulsione assurda di Criscito, poi Roma, non saprei da che parte cominciare e finire ad insultare Di Bello. Ecco c’è puzza di bruciato. Oltre ai demeriti propri di una stagione che si sta complicando pericolosamente ecco arbitri e Var a dare la mazzata sul Genoa. La squadra con il terzo allenatore del campionato in tre mesi ha problemi enormi in difesa e a centrocampo e così si spiega che non vince da due mesi e mezzo. Il mea culpa della società è stato fatto e ora a gennaio bisogna comprare e comprare, seriamente senza se e senza ma. I calciatori a Roma hanno dato tutto, Prandelli ha preparato molto bene il match ma il secondo gol preso in contropiede al 44′ va visto e rivisto nelle segrete stanze del Signorini perché farsi infinocchiare così è inspiegabile. Ai giocatore poi va anche chiesto il perché non hanno protestato inseguendo il signor Di Bello che sarebbe stato costretto a fermare il gioco ed ammonire il primo che gli arrivava davanti alla faccia. Ma a questo punto i congiurati al Var avrebbero dovuto dirgli nell’auricolare “Vai un po’ a veder perché qui l’abbiamo fatta grossa e sporca”. Invece nulla, se è timidezza stiamo freschi se è rassegnazione forse è pure peggio. Ora l’Atalanta sabato al Ferraris , deve essere una bolgia perché attorno al Grifo c’è proprio puzza di bruciato fra errori propri e porcate esterne.

52 Commenti

  1. Francesco OreginaRossoblu ha detto:

    Inizierei con il dire che la società è inesistente.Anzichè andare in tv e raccontare le solite balle perchè non interviene dopo il furto di Roma?A lui il fattore sportivo non gliene frega niente.Deve solo vendere per incassare e basta.Di conseguenza anche gli scarsi giocatori seguono le orme della società.Chi non ha le palle non le trova certo in un campo di calcio.E’ stato fin troppo chiaro che la roma doveva vincere e così è stato.Naturalmente tutti tacciono e siamo diventati per l’ennesima volta lo zimbello d’italia.Inoltre chi ha visto un bel genoa o è abituato a vedere i dilettanti o di calcio non se ne capisce poco.Certo che la volontà ce l’anno messa ma le partite non si vincono con quella e quì ritorniamo alla società.Se metti insieme un’accozzaglia di finti calciatori che cosa ci si può aspettare?Naturalmente costano tutti poco e poco valgono.Giocare al calcio è tutt’altra cosa.Per finire insisto nel dire che L’UNICA NOSTRA SALVEZZA E’ CHE IL GIOCATTOLAIO SPARISCA

  2. paolo ha detto:

    Caro Giovanni,
    io l’avevo scritto tempo fa in un mio post.
    Il Genoa non è gradito ai piani alti, per cui se possono sfavorirlo in qualsiasi modo, lo fanno senza se e senza ma.
    Il campanello d’allarme doveva suonare fin da sabato scorso, quando la Roma ha pareggiato a Cagliari in 11 contro 9 al 95°.
    Era evidente che la partita contro il Genoa sarebbe diventata la partita della vita, da vincere a qualsiasi costo, anzitutto per salvare la panchina a Di Francesco.
    Eravamo le vittime designate e siccome sapevano benissimo che la Roma non ce l’avrebbe potuta fare da sola a vincere, allora è stato deciso l'”aiutino” arbitrale.
    Ma non gli è bastato. Hanno coinvolto anche gli addetti al VAR, che si son ben guardati dal richiamare Di Bello e dirgli di andare a rivedere l’azione al monitor.
    Se la scorsa settimana è stata una vergogna, questa volta la vergogna è stata doppia.
    Ora il joker dice di avere il dubbio che ci sia un complotto contro il Genoa. Ma và? Se n’è accorto solo adesso? Io l’avevo scritto che Nicchi è sempre stato anti Genoa, fin da quando arbitrava tanti anni fa. Ora manda ad arbitrarci i peggiori arbitri di A e non si limita a questo. Anche gli addetti al VAR sono scelti ad hoc.
    A questo punto, alla squadra scadente (i goal presi ieri, soprattutto il secondo, sono da polli ed imbarazzanti) si aggiunge la congiura arbitrale – parliamone apertamente, tanto hanno gettato la maschera – per cui la serie B è diventata una prospettiva più che reale.
    Possiamo ringraziare che le dirette concorrenti, a parte Chievo e Spal, hanno perso tutte ( manca il Bologna che gioca domani sera e speriamo che il Milan vinca), altrimenti saremmo qui a commentare una situazione tragica.
    La società deve svegliarsi e presentare degli esposti contro questi arbitri e, soprattutto, contro i vertici della CAN.
    C’è impreparazione e, purtroppo, anche malafede.
    Pasqua e Di Bello sono solo alcuni degli arbitri mediocri o incapaci che calcano il palcoscenico della serie A. Andrebbero cacciati via.
    Ma se la situazione è così, gran parte della colpa va ascritta, come diciamo dall’inizio del campionato, alla dirigenza imbelle ed al presidente.
    Adesso ci attendono 3 partite una peggio dell’altra: Atalanta in casa, e sappiamo tutti quanto Gasp ci tenga a vincere a Marassi. Cagliari fuori, e abbiamo visto Roma e Napoli quanto hanno sofferto. Fiorentina in casa, e Simeone ha ricominciato a segnare.
    Tutte squadre decisamente superiori al Genoa, anche il Cagliari, vista la grinta che ci mette ogni volta.
    Speravo che si potessero fare almeno 4 punti, ma se ne faremo 1 e chiuderemo il girone a 17 ( il numero che si addice al Genoa ) sarà già tanto.
    E comunque non illudiamoci sul mercato di gennaio.
    Giocatori buoni in giro non ce ne sono, Chi ce li ha se li tiene ben stretti o se li cede pretende un sacco di soldi. Stiamo attenti, piuttosto, a non veder partire qualche pezzo pregiato, vista la fame di soldi che ha il joker.
    Povero Prandelli!! Si sarà reso conto adesso in quale situazione s’è andato a cacciare?
    Nonostante tutto, sempre Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEEE!!!!

  3. albion ha detto:

    Non so se è davvero puzza di bruciato oppure si è spento solo un fiammifero. Credo che lo strumento del var e chi lo gestisce, dovrebbe essere utilizzato a prescindere dalle decisioni o non decisioni dell’arbitro. Il vero tema è che il Genoa doveva chiudere prima la partita stante un avversario in palese difficoltà. Mi sembra che la vera sudditanza sia stata dei nostri giocatori nei confronti dei più blasonati avversari, altrimenti sul campo non ci sarebbe stata partita. Piuttosto vedo carenze palesi in alcuni giocatori che probabilmente cresceranno (vedi il portiere e il centrale) ma che ad oggi o sino ad oggi, hanno palesato prestazioni ad intermittenza. Questo non è onestamente accettabile e sostenibile nel tempo, visto che la squadra deve salvarsi. Vorrei meno compitini e più malizia, più bava alla bocca che sguardi da bravi ragazzi. Per le catastrofi c’è tempo, per riordinare le fila un po’ meno.

  4. Peter Tosh ha detto:

    ma guarda che alla TO va bene cosi altro che bolgia..sono convinti che retrocedere sia salutare per far sparire preziosi….

    • PieroValleregia ha detto:

      … azzardo che, forse, o non conosce nessuno della TO o non va nella Nord per scrivere ciò che ho letto ma, ripeto, azzardo e mi tengo il beneficio del dubbio.
      Nessun tifoseria, men che meno la nostra, prega per perdere derby o per retrocedere
      un saluto
      Piero e famiglia

    • Asa ha detto:

      Lo sarebbe certamente. Una società sana con amore per i ns. Colori idee chiare progetto anche sportivo e si tornerebbe in A con dignità cosa che non abbiamo da anni.

  5. PieroValleregia ha detto:

    salve
    il Genoa ha commesso, ieri sera, diversi errori ma il “signor” Di Bello (parente di Abisso ? Genoa-Napoli, o di Pasqua, Genoa-SPAL ? o, di entrambi ?) ha pilotato la partita in una sola direzione …
    Mi gira davvero il belino
    Va anche detto che le cinque reti di ieri sera, son frutto di errori marchiani e di un livello davvero scadente del nostro calcio
    Ieri sera mi sono piaciuti Hiljemark, Lazovic, Bessa, BIraschi, Romero e Rolon una volta entrato; Romulo, Sandro decisamente deludenti
    un saluto
    Piero e famiglia

  6. PREVIATI STEFANO ha detto:

    Come previsto ….. una Rometta che vince grazie ad una “manona” da parte del gruppo ( ce li metto tutti …. ) arbitrale …. ‘cazzo serve la Var ? Semplice, ad avvantaggiare le solite note …. certo, cappella della difesa e gol mangiati non aiutano, il loro portiere ha fatto il possibile per prendere gol ma niente …. giusta la sottolineatura della mancata vibrante protesta dei giocatori sull’ evidente rigore ( se c’ era uno come Onofri gliene diceva tante da prendere 6 giornate ), invece tutti zitti o quasi , boh …. ed ora arriva Gasperson …..

  7. bruno ha detto:

    Buongiorno a tutti, vorrei far notare che a parte le solite polemiche con la società che in situazioni simili mi sembra servano a poco, lo svolgimento di un campionato condizionato in maniera vergognosa, e sotto gli occhi di tutti, infischiandosene altamente dei milioni di tifosi di tutta Italia. Sabato sera sono stati negati al Torino 2 rigori altrettanto lampanti quanto quello di Pandev di ieri sera. Eppure non mi sembra che le proteste della società granata abbiano fruttato qualcosa. Abbiamo visto l Inter battere l Udinese con un rigore che, si, probabilmente c’era, ma sono sicuro che a parti inverse non lo avrebbero concesso con tanta facilità. Ieri sera l’arbitro è stato un quarto d’ora al Var per trovare qualcosa che facesse annullare il gol di Lazovic. Poi abbiamo visto lo stesso arbitro con il suo gruppo di “fenomeni” non consultare il Var nemmeno per un secondo nell occasione del limpidissimo fallo su Pandev. E praticamente ogni domenica succedono episodi simili. Vediamo squadre costate 2 o 300 milioni di euro faticare contro squadra del valore infinitamente più basso. Fino a dover invocare il classico rigore, la classica espulsione, oppure un arbitraggio che pur senza episodi eclatanti spiani la strada alla vittoria. Io capisco che le squadre che investono centinaia di milioni di euro debbano andare avanti e stare nei primi posti in classifica, ma ora mi pare si stia veramente esagerando, prendendo per i fondelli milioni di tifosi che hanno solo il torto di non tifare per le prime quattro o cinque squadre del nostro campionato. Il calcio in Italia non può a parer mio andare avanti così. Il primo posto è fuori concorso già dalla prima giornata, ma è così purtroppo anche per i posti che portano alle coppe europee. Non so sinceramente per quanto tempo possa interessare ancora un campionato indirizzato da anni su questi canoni.

    • Giovanni Porcella ha detto:

      clap clap, sono d’accordo. In piu’ aggiungo che gli squadroni italiani quando vanno all’estero senza arbitro compiacenti fanno figure penose. per forza

  8. Stefano 1971 ha detto:

    Che dire hai detto tutto tu giovanni…… L unica mia paura è che a parte lo scandalo del rigore su pandev (il var è gestito da persone e non serve a niente) la mia paura è che non troveremo più un altro olsen sulla nostra strada e cmq prendiamo troppi gol!!!! Che dire…… Magari a gennaio arriveranno queste famose ali più forti di perotti e falque che aveva annunciato il nostro amato presidente!!!!!

  9. Fabrydt ha detto:

    Buongiorno a tutti,
    Il rigore non dato è un fatto, non farà neanche rumore ne parliamo noi a Genova ma già ad Arenzano gli echi si spegneranno, un torto arbitrale fatto al Genoa non ha mai avuto, non ha e non avrà mai alcuna risonanza. Possiamo lavorare solo su noi stessi il Genoa prendeva gol con Ballardini ha continuato con Juric e con Prandelli nulla sembra sia cambiato. Prendiamo gol a difesa schierata ed in contropiede con la stessa facilità. Fazio tira liberamente dal dischetto del rigore, Klujvert percorre praterie senza che nessuno lo racchetti Cristante riceve una torre a centro area libero come una farfalla. Prandelli tatticamente la partita l’aveva anche preparata bene per carità ma nessun allenatore potrà mai porre rimedio alla sequela di errori individuali che non risparmiano alcun nostro difensore, Radu Marchetti Biraschi Romero Criscito Zukanovic Romulo Lazovic Gunther Spolli Sandro ognuno di loro da inizio campionato ad oggi ha fatto almeno un errore marchiano che è costato un gol o due ciascuno. A questo non riuscirà a porre rimedio alcun allenatore, poi certo gli arbitri non ci aiutano ma non lo facevano neanche quando si finiva dalla parte sinistra della classifica eppure fino a 4 anni fa ci finivamo. I nostri lamenti sono sempre stati inascoltati, non ho memoria alcuna di un Genoa che contasse qualcosa nel palazzo o voi si? Quindi non facciamo l’errore di cavalcare l’onda dei torti arbitrali ragioniamo sul fatto che questa difesa vada puntellata con un portiere di serie A al posto di una scommessa, per quanto forte fra i pali è chiaro a tutti che Radu non metterà mai il naso fuori dall’area piccola. Uno schermo a centrocampo che da quando è partito Rincon non si vede all’orizzonte e qualche difensore di esperienza….. ma per farlo dovremmo avere una società cosa che non mi risulta…. il loro solo pensiero sembra essere a chi vendere Piatek e Kouame.
    FORZA VECCHIO BALORDO

    • Giovanni Porcella ha detto:

      condivisibile tutto, infatti la societa’ a gennaio deve spendere altrimenti rischiamo. 80 giorni senza vittoria significhera’ ben qualcosa, o no? Ancora peggio nel momento in cui pure gli arbitri tolgono qualcosa a questa squadra fragile

  10. PREVIATI STEFANO ha detto:

    Totti ieri sera non si e’ visto lamentarsi in TV…… strano no ? Pagliaccio …..

  11. Maino ha detto:

    Fatta la legge trovato l’inganno.E’ la triste storia del nostro Paese.Il calcio non è esente anzi.Non ci vogliono nuovi prodigi tecnologici ma semplicemente l’intervento della Magistratura ed un reale spirito sportivo che animi i frequentatori di stadi ed appassionati di uno sport che è ormai nel Bel Paese a livello di barzelletta!Zero credibilità.
    Buone Feste a tutti!

  12. paolo ha detto:

    Non si scopre niente di nuovo.
    E’ così da sempre.
    Ci siamo dimenticati calciopoli e gli scudetti rubati dalla Juve? E’ storia recente, ma era già così dagli anni settanta. Poteva esserci l’eccezione come il Verona, ma poi tornavano a vincere le solite, anche con l’aiuto degli arbitri.
    I primi 6/7 posti “devono” essere sempre appannaggio di Juve, Inter, Napoli, Roma. Lazio, Milan, Fiorentina. Se arriva l’outsider che vince perché gioca meglio e rovina i piani delle solite note, subito gli mandano l’arbitro incapace o corrotto che inventa rigori contro o espelle senza motivo o provoca a tal punto che i giocatori della squadra presa di mira perdono la pazienza e si fanno espellere per insulti e frasi cosiddette irriguardose. Così, oltre alla beffa, c’è anche il danno di lunghe squalifiche che decimano la squadra e ne frenano la corsa.
    Ieri sera credo si sia passato veramente il limite, perché l’arbitro non s’è accontentato di utilizzare il VAR per trovare il pelo nell’uovo ed avere così la scusa per annullare il goal di Lazovic, ma s’è guardato bene dal verificare di persona il video dell’azione fallosa su Pandev al 94°, supportato in questo dai suoi colleghi addetti al VAR.
    Un comportamento “associativo” che fa nascere dubbi anche al più incallito sostenitore della classe arbitrale.
    L’ho già detto e ripetuto. La Roma doveva vincere e basta. Come non importa.
    Francamente non so se i tifosi della Roma siano contenti di aver ottenuto la vittoria in questo modo. La squadra è stata aspramente contestata e sanno benissimo che non è più quella che l’anno scorso ha sfiorato la clamorosa qualificazione alla finale di Champions, tant’è che hanno già detto che se continuano così agli ottavi manco se scende in campo la dea bendata in persona riescono a passare il turno.
    Una cosa è certa. Noi tifosi del Vecchio Grifone continuiamo a subire delusioni cocenti non solo per le scelleratezze di un presidente e di una dirigenza che prima se ne vanno e meglio è, ma dobbiamo anche sopportare situazioni umilianti a causa di comportamenti volutamente penalizzanti da parte di una classe arbitrale impreparata e decisamente schierata con i più forti.
    Se vedono che i loro protetti non riescono a segnare neanche se s’inginocchiano a pregare tutti i santi del paradiso, s’inventano il rigorino che risolve la situazione oppure espellono chi da più fastidio, perché gioca troppo bene ed è, quindi, pericoloso.
    Purtroppo così è sempre stato e così sempre sarà, finché continueranno a comandare i soliti noti.
    Hai ragione Giovanni. In Italia fanno il bello ed il cattivo tempo, ma come escono dai patri confini prendono sonore sberle sui denti, perché all’estero non sono nessuno.
    E questo, lo vediamo tutti i giorni, accade non solo nel calcio.
    Ribadisco. Sarà grasso che cola se faremo uno, massimo due punti nelle prossime 3 partite e speriamo che le dirette concorrenti per non retrocedere non vincano.
    Comunque, il grosso della colpa della situazione in cui si trova il Genoa va attribuito alla dirigenza e, soprattutto, ad un presidente che pensa solo a comprare a poco e rivendere a molto, salvo beccarsi anche dei rantegosi di cui poi non riesce a liberarsi, perché non li vuole nessuno.
    Fratelli, siamo messi veramente molto male. Speriamo che il vento giri presto, perché se continua così anche quel poco di morale che è rimasto alla squadra svanisce, e allora la caduta nel baratro della B sarà inevitabile.
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEEE!!!!!!!

  13. Giando ha detto:

    con questa gente pero’ poi..non bisogna lavorarci..non che gli impacchetti Perotti e glielo metti sull’aereo……ora vediamo se saremo capaci di trattare giocatori solo con chi se lo merita, oppure se la mangiatoia comune fa comodo e ci lamentiamo per onor di firma ma poi beviamo dalle stesse mammelle…..

  14. Stefano 1971 ha detto:

    E poi sento ancora gente che quando queste squadre giocano le coppe dicono eh ma in fondo sono squadre italiane…… Col cazzo!!!! Quando gli fanno dei torti in europa godo come un riccio!!!

  15. Andrea ha detto:

    Arbitraggi e furti a parte, che fanno parte della storia tartassata del Genoa, questa è una squadra con qualche buon prospetto ma anche con tanti bidoni. Il problema sta tutto lì. Bene l’avere finalmente un allenatore vero sulla panchina, ma Prandelli può poco se Zukanovic dopo 10 minuti fa un fallo stupido a centrocampo e si prende il giallo, se è talmente tanto scarso che viene sistematicamente saltato e concede punizioni a destra e a manca… Prandelli può poco se Lazovic fa 2 cose buone e otto sbagliate. Prandelli può poco se Sandro è come un birillo in mezzo al campo. Prandelli può poco se Romulo sbaglia decine di passaggi. Prandelli può poco se Veloso non è in grado di mettere una palla che non picchi sulle natiche degli avversari. Prandelli può poco se Radu non mette il naso fuori dall’area piccola e prende almeno un gol a partita evitabilissimo. Prandelli può poco se Rolon fa mezza discreta partita con la Spal e poi in quella dopo torna nella sua dimensione di mediocrità. Prandelli può poco se Lisandro Lopez non gioca con nessun allenatore e può ancora meno se quelli che non vedono mai il campo non lo vedono per una ragione.

    Prandelli è un signore, afferma che la base è buona e ci si può lavorare… che è un chiaro messaggio per dire: “Signori, io sono venuto perché mi avete promesso investimenti già da gennaio, e qui dal centrocampo in giù servono come il pane”.

    Ricordo che Prandelli non esita a dare le dimissioni e a rinunciare ai soldi se si sente prese in giro, Valencia insegna.

    Ma Prandelli è anche l’ultima rete di salvataggio per qualcuno.

    A buon intenditor…….

    • Giovanni Porcella ha detto:

      Volevo dire a tutti che da quando è stato esonerato Ballardini nelle 8 partite che ne sono seguite il Genoa ha fatto 4 punti. E’ ultima.

      • Andrea ha detto:

        E volevo anche dire che l’esonero di Ballardini è anche colpa dei tifosi: è ora di smetterla di fare i palati fini, quei tempi (brevi) sono passati. A noi servono allenatori che fanno i punti: Ballardini ne ha fatti 12, ma ho sentito una moltitudine di tifosi, dopo la sconfitta con il Parma (tra l’altro sfortunata, visto che hanno fatto tre tiri in porta e due gol sono per gentile concessione di Radu) dire che l’esonero “ci stava” perché si giocava male. Si gioca male perché, tranne 3 o 4, questi giocatori sono scarsi scarsi scarsi.
        Preziosi, non appena ha visto le prime crepe tra i suoi sostenitori, ci si è infilato. Non aspettava altro.

  16. Edi pernigotti ha detto:

    Ciao Giovanni, volevo solo ricordarti (perché mi sembra nessuno lo abbia scritto) che il 26 settembre 2016 Genoa_pescara, dopo pochi minuti tal zampano sulla linea con la mano evitò un gol fatto e l’arbitro irrati lasciò correre. Sai chi era il giudice di porta sotto la sud davanti a dove ero messo io? A due metri dalla porta ha visto benissimo ma non ha chiamato il collega più importante. Bene era proprio il signor chiffi. Questo precedente fa’ pensare

  17. francesco ha detto:

    buonasera, prendere il 2° goal rincorrendo l’avversario per 50mt. é da polli, magari lo runsi un po’ e lo spingi, gli fai fallo, non lo lasci tirare. Ma Romulo rientrava da squalifica e quindi … lascialo andare illeso. Anche Radu comunque, mah…
    Su Ballardini la penso come Te, Giovanni: esonerato per un capriccio di Preziosi! E basta!
    Ho fiducia in Prandelli, ma poi parlano i risultati, gli stessi che hanno condannato Juric.
    Un salto alla Guardia comunque lo farei.
    Mercato da fare con oculatezza non vuol dire farlo al risparmio: individuare i possibili obiettivi e portarli a casa, senza se e senza ma. Senza palleggiarselo troppo, che frittate quest’anno – mandandando via Ballardini – ne ha già fatte!!
    un cordiale saluto

  18. Angelo Poggio ha detto:

    Ciao Giovanni. Non è timidezza, è consapevolezza e rassegnazione di non poter fare punti all’olimpico. Anche in vantaggio, ero sicuro di perdere e, vista la pochezza dell’avversario, solo l’arbitro e il var potevano rovinarvi. Intanto ormai la società non conta più nulla. Poi avrebbe tirato il rigore piatek e avrebbe staccato CR.7 : impossibile Con gli sponsor che premono. Non ci siamo. Dopo tanti anni pensavo di vedere un campionato tranquillo, ma al Genoa questo non è possibile.

  19. robertogrifo ha detto:

    Ieri sera quello che ha combinato il pacchetto arbitrale è inenarrabile, un vero scempio.
    Certo Noi ci abbiamo messo del nostro, vedere Zukanovic rincorrere l’ avversario senza riuscire ad intervenire e privo anche dell’opzione fallo perché già ammonito, mi ha messo tenerezza. Altrettanto grave l’errore di Romulo che ha dato l’avvio all’azione sopradetta o il colpevole ritardo di Romero nell’ andare a raddoppiare sull’avversario. Per non parlare dell’errore di Pandev sottoporta. Ora per fortuna è arrivato un allenatore, anche se a mio modo di vedere anche lui ieri non è esente da colpe nell’occasione della tardiva sostituzione di Sandro. Preziosi a quanto si legge s’è impegnato a non vendere a gennaio Piatek e Kuoame’ e contemporaneamente a rinforzare la squadra in modo da non dover tribolare fino all’ultima giornata.
    Non credo che questa rosa sia composta da bidoni o che sia così scarsa, ma male assortita questo sì. A centrocampo manca un titolare dai piedi buoni e sulla fascia un esterno degno di questo nome.
    Questi rinforzi li considero fondamentali, a maggior ragione dopo il trattamento arbitrale subito ieri sera, trattamento che potrebbe ripetersi visto che la società ha alzato la voce puntando il dito diretramente sugli arbitri.
    Non è vero che ieri sera nessuno ha protestato, Pandev stesso ha chiesto all’arbitro di andare a vedere al Var, si è sentito rispondere che non era necessario, aveva già visto lui…. 😁 😁

  20. Gran Amedeo ha detto:

    Ci sono poteri forti che ci fanno torti ma ce ne siamo accorti!
    Occhi aperti, vigiliamo attentamente!!!

  21. Massimiliano ha detto:

    Buona sera, cronaca di una morte annunciata….la Roma doveva vincere a tutti i costi altrimenti ci sarebbero stati problemi di ordine pubblico. Per il resto la squadra ancora una volta è stata costruita male, ci sono giocatori che non sono in grado di giocare in A. Speremmu ben!

  22. Andrea ha detto:

    Anche quando c’era Gasperini ogni domenica eravamo in 10….ora é a L’Atalanta e non mi sembra che ogni domenica siano sempre in 10…..e la guardo sempre perché gioca ilun bel calcio e Gasperini mi é rimasto nel cuore…. Vi faccio una domanda ma se continuano a perseguitare il nostro amato grifone… Secondo voi qualé il nostro problema?

  23. PREVIATI STEFANO ha detto:

    Be’, fatelo notare al “presidente” ……

  24. Asa ha detto:

    Buongiorno a tutti, vorrei dire che il rigore è certamente sacrosanto e il torto ricevuto pure.
    Però, siamo riusciti a prendere 3 goal da una Roma imbarazzante e senza punte e un goal ce lo ha regalato il loro portiere.
    Prima di gridare contro la Var la società dovrebbe fare una grande autocritica visto che siamo al terzo allenatore e non è nemmeno finito il girone di andata e la metà della rosa è decisamente scarsa e sa serie B. E non si vince e convince da immemorabile tempo.
    Temo che buscheremo anche con Gasperini e la sua Atalanta domenica e la vedo dura pure a Cagliari, putroppo questa squadra è decisamente poca cosa. Vedremo…

  25. Finnrico ha detto:

    Ballardini era scarso, Juric sfigato, a Prandelli gli danno addosso per fargli pagare la figuraccia in nazionale…

    … meno male che si è dimesso Mourinho e ora torna sul mercato… 😉

  26. bruno ha detto:

    Buongiorno a tutti,….. si tutto vero, è da moltissimo che non si vince e che nelle ultime 8 partite abbiamo fatto 2 punti, però vorrei anche ricordare che abbiamo incontrato Juve Milan Inter Napoli e Roma, che per quanto possano essere in crisi hanno una rosa di giocatori che noi non ce li possiamo nemmeno sognare. E le ultime partite più abbordabili le abbiamo affrontate in 10 contro 11. Quello che è successo a Roma poi è assurdo. Io vorrei sapere il calendario come è stato fatto! Come si possono affrontare le prime 6 squadre del campionato tutte di seguito! Per quanto riguarda Ballardini vorrei rammentare che mentre a fine campionato scorso, 10 tifosi su 10 compreso il sottoscritto volevano la riconferma del tecnico, nel giro di qualche mese, sicuramente con giuste motivazioni, la stessa percentuale ne voleva l’esonero. Accusandolo di essere un tecnico solo da salvezza, da ingaggiare a campionato in corso, ed incapace di dare un gioco alla squadra. A mio modesto parere Ballardini era da esonerare, purtroppo, io avevo molta fiducia in lui, ma l’errore più grande con la stessa ammissione di Prez è stata non prendere subito Prandelli, bensì dare fiducia ad un allenatore che si è dimostrato non all’altezza come Juric.

  27. paolo ha detto:

    Io, invece, Ballardini l’ho sempre sostenuto anche quando ha perso col Parma, perché comunque era ed è una garanzia di salvezza per una squadra sconclusionata come la nostra.
    Non per niente, le uniche vittorie ottenute fino ad oggi sono avvenute sotto la sua gestione. Dopo è stata solo desolazione.
    Se ci fosse stato fin dall’inizio Prandelli non so se sarebbe andata meglio, ma col materiale umano messogli a disposizione dalla società dubito fortemente che avrebbe potuto ottenere risultati lusinghieri.
    Le responsabilità del joker sono innegabili e sotto gli occhi di tutti. E’ indifendibile ed è perfettamente inutile che si nasconda dietro gli arbitraggi sfavorevoli ( che indubbiamente ci sono stati e, come ho scritto, sono stati assolutamente vergognosi e, secondo me, dolosi ) o la presunta incapacità di questo o quell’allenatore.
    Ormai il rapporto con la tifoseria è irrimediabilmente e definitivamente rotto e si spera che tolga il disturbo il prima possibile.
    Prandelli molto presto si renderà conto della cazzata che ha fatto ad accettare la panchina del Genoa e se ne andrà sponte sua, come ha fatto in Spagna.
    Adesso prepariamoci a sconfitte in serie, perché il Genoa sarà la vittima sacrificale di tutti ed il bersaglio preferito della classe arbitrale.
    L’Atalanta del Gasp non avrà bisogno dell’aiuto arbitrale. Basta che giochi come sa fare e con la difesa di burro che ci ritroviamo sarà un gioco da ragazzi uscire dal Ferraris con una vittoria rotonda. Il Cagliari metterà il coltello tra i denti e ci aggredirà dal primo all’ultimo minuto, e perderemo. La Fiorentina sta crescendo e verrà a Marassi a prendersi comodamente i 3 punti. Idem farà il Milan alla prima di ritorno, così come l’Empoli in casa propria, aizzato a dovere dall’odiato Jachini. E poi arriverà il Sassuolo a darci un’altra bella mazzata in testa. Tralascio il seguito, tanto si sa già come andrà a finire. Il fatto che abbiamo incontrato in tempi estremamente ravvicinati le squadre più forti non conta niente. Tutti le devono affrontare prima o dopo. Quel che importa è come si affrontano gli avversari e con quali giocatori. Se hai gente mediocre vai poco lontano.
    A gennaio non aspettiamoci grandi cose dal mercato, perché, a meno di colpi di culo come quello di Piatek, giocatori buoni alla portata delle asfittiche tasche del Genoa in giro non ce ne sono e semmai ce ne fosse qualcuno, si guarderebbe bene dal venire a sputtanarsi in un ambiente ormai in disarmo e fatto di giocatori demotivati, oltre che brocchi.
    In più adesso ci si sono messi anche gli arbitri e questo è un pessimo segnale, perché vuol dire che le altre squadre hanno messo nel mirino il Genoa per fare punti facili e mandare in B una squadra che non è mai entrata nelle grazie dell’establishment calcistico. Inoltre la lega di A si toglierebbe dai piedi un figuro del calibro di Preziosi (senza nulla togliere in proposito agli altri presidenti che, però, sanno gestire molto meglio i propri club).
    Mi spiace, ma sono estremamente pessimista sul futuro di questa povera squadra, che non merita di essere trattata in questo modo, così come la tifoseria, non fosse altro per la sua storia e per la passione.
    Spero tanto di essere smentito, ma spesso, ahimè, ci azzecco.
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEEE!!!!!

  28. bruno ha detto:

    Pessimista!? No appena un pò…fortunatamente sono anni che sento queste cose ed in un modo o nell altro ci siamo salvati. A volte anche discretamente. Anzi dirò di più in questi anni ho visto finire male squadre con presidenti che sembrava avessero scoperto il calcio. Preziosi vattene!….ok….per far posto a chi!? Magari torna Scerni o Dalla Costa o Massimo Mauro….o uno sceicco….

  29. PREVIATI STEFANO ha detto:

    Allegria …….

  30. alberto ha detto:

    So che non mi leggerà nessuno, è mercoledì. E’ tanto che non intervengo e l’ultima volta ho chiesto di poter interdire dalla presidenza il Nostro per evidenti motivi. Aveva appena riassunto Juric!
    La mia è una voce fuori dal coro. Se pensate che gli arbitri siano in mala fede non guardate più il calcio| Diventerebbe una specie di wrestling.
    La Premiere è il più bel campionato mondiale e i suoi arbitri sono tra i più scarsi al mondo.
    Di Bello ha sbagliato considerando la spinta non grave ma era in buona posizione ed il protocollo VAR prevede che lo stesso non intervenga. In più al VAR c’era un ragazzo giovane e l’arbitro era internazionale. L’anno scorso il VAR era stato più equo, è stato cambiato ma non in meglio, credo che lo sappiano.
    Ora da lì a dire che non deve più arbitrare! E’ Preziosi che non deve più “presiedere”, con tutto quello che ha combinato e che continua a combinare!
    Cairo ha il problema della differenza di livello con la Juve, ma può essere giustificato da chi ragiona senza “tifare”. Però gli è utile condividere con gli arbitri le ragioni del gap Juve. Preziosi vuole condividere le colpe ma non è altrettanto giustificato.
    Visto che è la settimana giusta, il Genoa ha avuto risultati buoni, a volte ottimi, solo con Gasperini e Preziosi l’ha pagato per andarsene. Senza Gasp si è solo salvato a fatica, a volte più e a volte meno.
    I guai del Genoa sono gli arbitri? Ma di cosa stiamo parlando?

  31. PieroValleregia ha detto:

    salve
    una cosa prò va rimarcata, nessun giocatore che abbia circondato l’arbitro come, invece al loro tempo facevano i vari Manera, Onofri, Gorin e Spalazzi che non sarebbero stati con le mani in mano; per non parlare di Romano e Gentile che si presero 4 e 5 giornate di squalifica perchè dopo un derby nel quale furono insultati per 90′ e passa, andarono sotto la sud dove, letteralmente, si menarono il belino davanti ai doriani … altri tempi
    Il o la VAR mi sta facendo rimpiangere i vari Lo Bello, Michelotti, Gonella, Panzino, Barbaresco, Agnolin, Casarin che, almeno avervano antipatie dichiarate e sapevi regolarti … Lo Bello padre odiava il Milan e Rivera, Panzino e Barbaresco, il Genoa
    Ricordo una volta, eravamo a Catanzaro con tutta la famiglia, mio padre accellera di brutto con la 124 aziendale con mia madre che gli dice: ma che fai ? e lui: non lo vedi ? quello è Panzino, ora lo ammazzzo 🙂
    un saluto
    Piero e famiglia

  32. Piero ha detto:

    Ho un dubbio tecnico: nell’azione del goal annullato, il pallone arriva a Lazovic da una giocata di un giocatore avversario. Quindi il fuorigioco di Piatek, ammesso che ci fosse, era di un’azione precedente. Può la VAR intervenire in un caso del genere?

  33. Stefano 1971 ha detto:

    Io ti ho letto alberto e di una cosa sono sicuro…… Se quel fallo lo avesse fatto romero su florenzi e non veniva dato il rigore hai una vaga idea del casino che scoppiava???? Poi scusa cosa c entra che gli arbitri in premiere sono scarsi??? Un conto è essere scarsi un conto è essere in malafede!!! E di bello se ha detto a pandev che ha visto è in malafede tutta la vita!!!

  34. paolo ha detto:

    Bruno lo abbiamo capito che Scerni, Dalla Costa e Mauro erano peggio di Preziosi.
    Li abbiamo ben impressi nella memoria.
    Tuttavia, Preziosi ha raggiunto il record dei record di antipatia tra i tifosi, combinandone una più di Bertoldo e dimostrando che a lui interessano solo le plusvalenze.
    E adesso, dopo la sparata che ha fatto contro gli arbitri, aspettiamoci delle direzioni di gara a senso unico e punitive.
    Prima se ne va e meglio è.
    Ad ogni buon conto ribadisco che in queste ultime partite è del tutto evidente che alcuni arbitri hanno fatto errori esclusivamente a favore dei nostri avversari e la ripetitività giustifica il sospetto che ci sia sotto qualcosa di più della semplice casualità.
    A Roma, poi, si sapeva che eravamo la vittima sacrificale e che alla prima occasione saremmo stati penalizzati. Bastava leggere i giornali e sentire le trasmissioni sportive.
    Quanto al pessimismo, confermo quanto ho già scritto, soprattutto alla luce dei “grandi acquisti” che si prospettano per gennaio.
    Un portiere brasiliano sconosciuto e Barreca, che al Monaco fa il panchinaro.
    E queste dovrebbero essere le soluzioni? Ma per favore!!! Siamo seri!!!
    Comunque, domenica non ci sarà bisogno dell’arbitraggio contrario. L’Atalanta non ne ha bisogno, perché ha una squadra nettamente superiore alla nostra e, soprattutto, un allenatore con la A maiuscola, che quel fenomeno di presidente che abbiamo, con la sua saccenza e la sua protervia è riuscito a far scappare per ben 2 volte, e finché ci sarà lui non metterà più piede a Genova, se non da avversario e per prendersi i 3 punti.
    Povero Prandelli! Non lo invidio per niente. Ha tra le mani una squadra più che mediocre con solo qualche singolo di livello. Spera che il mercato di gennaio gli porti qualcosa di meglio, ma s’illude.
    Per di più, all’inizio del girone di ritorno c’è la concreta possibilità che partiamo dal terz’ultimo posto, visto che il Bologna è solo 4 punti dietro e noi le prossime 3 partite le perderemo quasi sicuramente.
    Questa, amici miei, è la triste e vera realtà di fronte alla quale ci troviamo. Non volerla vedere non allevierà certo la sofferenza per ciò che accadrà.
    L’ho già scritto. Spero tanto di essere smentito dai fatti, ma non mi faccio illusioni.
    Comunque sia, sempre Forza Vecchio Balordo e soprattutto
    PREZIOSIIIIII VATTENEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!

  35. Luca de r ha detto:

    Alibi alibi sempre alibi prima Ballardini che non dava gioco poi Juric sfigato ora il palazzo e gli arbitri…… Leggetevi l intervista di sabato di Preziosi a Dotto sul Corriere dello sport e si capiranno tante cose….. Piena di inesattezze temporali e fantasie…… Una x tutte Iachini non preso dopo il Balla in quanto inviso alla tifoseria xche sampdoriano…… Ma che stai a dire inviso x quello che combino a Piacenza a quel tempo Iachini neanche saoeva che maglia aveva la Samp……. Poi dice che Lapdula non è un gran giocatore….. proprio lui che lo mena da tre anni con sto fenomeno…… Speremmu ben……

    • PieroValleregia ha detto:

      … più che a Piacenza, a Ravenna anni prima …
      da agonista quale era, si trasformò in un assatanato spaccatore di tutto (Torrente, se non ricordo male, uscì in barella dopo pochi minuti “grazie” ad un suo intervento) …
      la cosa sembrò sospetta … alquanto; ma, è meglio non rivangare
      un saluto
      Piero e famiglia

  36. paolo ha detto:

    Jandrei.
    Belin che colpo! Il top dei portieri.
    L’unico punto a suo favore, per ora, è che è stato formato dallo stesso preparatore che ha lanciato Allisson. Per il resto è un mistero.
    Adesso vediamo quali altri fenomeni andrà a pescare in giro per il mondo.
    L’unica cosa che spero è che faccia lo scambio con la Fiorentina tra Thereau e Lapadula, così ci leviamo definitivamente quel pacco che ci ha rifilato il suo grande amico Galliani, ma temo che i gigliati preferiranno dirottarlo al Nizza per prendere Balotelli ( tanti auguri ).
    Poveri noi!
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSIIIII VATTENEEEEEEE!!!!!!!

  37. Finnrico ha detto:

    Giovanni, per qualche ragione ho provato due volte a commentare, ma quando clicco “Lascia un commento” il sistema mi riporta all’inizio della pagina. Spero sia solo un problema tecnico.

    • Giovanni Porcella ha detto:

      provo a informarmi ma non ho avuto altre segnalazioni. Spero si risolva tutto e che tu possa commentare liberamente. Grazie

  38. alberto ha detto:

    Stefano, episodi nella Premier dove pensi che l’arbitro sia o cieco o in malafede se ne vedono tutte le settimane. Però ha avuto una possibilità anche il Leicester. Qui non ha una possibilità neanche l’Inter! E gli arbitri sono molto meglio. E’ altro che non funziona. Alla maggioranza dei presidenti va bene così. I loro interessi sono economici (quelli non scritti nei bilanci) e non sportivi. Sono sempre gli stessi che governano la seria A da decenni e dicono di rimetterci. Gli arbitri sono stati tra i primi al mondo a sottomettersi alla VAR.

Lascia un commento a Angelo Poggio

LA RIVOLUZIONE DIFFICILE

Il mercato del Genoa è entrato nel vivo ma, sospendendo qualsiasi giudizio pur avvertendo vitalità, serve ancora molto per dare [&hellip

ASPETTANDO GODOT, LE SCELTE DIFFICILI DI PREZIOSI

Al Genoa si respira un’aria di attesa e non solo per quanto riguarda il futuro della guida tecnica. A parte [&hellip

IN SALVO TRA LE SOFFERENZE, PREZIOSI ORA COSA FARA’?

Per il Genoa una salvezza sul filo di lana tra indicibili sofferenze e con molta fortuna che si chiama Handanovic. [&hellip

GENOA NEL BARATRO, A FIRENZE MATCH DRAMMATICO: MA FORSE BASTA UN PUNTO

Ora serve un miracolo al Genoa o quasi per restare in A. Ma se con la Fiorentina è un match [&hellip

Follow Me!

Follow Me! Follow Me! Follow Me! Follow Me!

Search

Archivio