RAMMARICO ENORME

26 Nov 2018 by Giovanni Porcella, 57 Commenti »

Dopo il pareggio nel derby al Genoa resta in mano solo una cosa: un enorme rammarico. Una vittoria accarezzata a lungo che pero’ e’ rimasta tale. Lo spavento di una rotta definitiva dopo il gol a freddo di Quagliarella, la reazione che ha portato al rigore trasformato da Piatek e poi un monologo o quasi dalle parti di Audero sono le istantanee di una stracittadina vista dal periscopio rossoblu’. Il Grifone in classifica resta sott’acqua a quattro punti dalla zona retrocessione, ma questa partita ha detto che il gioco sta crescendo e che alcune indivualità, peraltro tutte giovani ci sono. Romero sempre piu’ autorevole, Biraschi sicuro, Kouamè di livello e il bomber polacco sempre nel vivo, con coraggio e qualità. Juric ha preparato al meglio il match che doveva sancire il suo futuro, dal pressing alto alle continue incursioni sulle fasce. Puo’ andare avanti col suo lavoro ma il Genoa non decolla anche quando i motori girano al massimo. L’unico appunto che si puo’ fare al tecnico croato è che quando ha escluso uno stravolto Lazovic ha inserito il soldatino Pererira lasciando in panchina Pandev. Forse lì gli è mancato il coraggio di fronte ad una balbettante Sampdoria che dopo quel cambio ha alzato di venti metri il baricentro e il pareggio è rimasto inevitabilmente inchiodato. Sono chiaramente considerazione col senno del poi. Di sicuro Juric non è fortunato se al termine delle sue sei partite ha totalizzato tre punti, una media dello 0,5. Quella dell’anno scorso.

57 Commenti

  1. francesco says:

    buongiorno Giovanni,
    appunto: i numeri!!
    Juric ce li ha sempre contro. Peccato col Milan per il gol preso nel recupero, peccato col Napoli per il gol preso su autorete dopo il diluvio, peccato ieri per il gioco ed il gol a freddo. Solito risultato che ti fa vedere qualcosa ma non rischiara mai l’orizzonte definitivamente.
    E continuerà così a meno che non sopravvenga un rovescio eclatante.
    Chi lo ha messo lì, prenda atto dei suoi numeri impietosi, e prenda una decisione sensata una volta tanto, e non di pancia come fatto con Ballardini.
    un saluto a tutti

    • Costantino Mundula says:

      Buonasera Giovanni , tutti scriviamo le varie sensazioni ( a volte anche banali e ripetitive) che viviamo da amatori storici del Genoa! Sarà l’impotenza di influire positivamente per farci lasciare una squadra con giocatori discreti per qualche anno, senza cambiare continuamente.
      Quello che non è facilmente comprensibile è quale sia lo spirito che guida Il presidente Preziosi.
      Sono d’accordo che forse attualmente non c’è migliore alternativa , però se lui non si comportasse sempre con l’orgoglio da ” meridionale ” noi avremmo forse ancora Gasperini o forse Ballardini.
      Cosa ne pensa ?

  2. Fabrydt says:

    Ciao Giovanni,
    Registriamo quanto di positivo mostrato dalla squadra consapevoli che mai come questa volta i due punti persi si siano fatti rimpiangere. Juric se avesse 1 centesimo del celeberrimo culo di Sacchi sarebbe a pari punti della Roma, speriamo che la fortuna giri anche per lui. La squadra ha fatto vedere buone trame, sul goal non si può certo dare colpa all’allenatore se su anda e rianda partito da un corner a difesa piazzata i ragazzi hanno lasciato Lazovic (per altro uno dei più propositivi) da solo in mezzo a due attaccanti.

    Non è certo questione di schemi, ma di scarsa attenzione dei singoli come il secondo gol del Napoli o il primo dell’Inter. Non si capisce come nonostante le capacità di Biraschi Romero e Criscito siano tutt’altro che trascurabili ancora non riescano ad avere la necessaria cattiveria in determinate situazioni. Gol a parte Radu ha fatto il Suoku per tutta la partita, mentra Audero ha fatto 3 interventi decisivi, E Veloso (anche lui meglio che nelle precedenti uscite) da calcio piazzato sia andato 2 volte vicino al bersaglio.

    Ora testa a Torino, trasferta difficile ma non impossibile, se aggredito anche il Toro ha dimostrato di andare in affanno. Se si evita l’errorino determinante una volta di Radu una Biraschi una di Crisito che ci fa partire ad handicap il Genoa Qualche occasioni è sempre stato in grado di crearla…. che ultimamente non si segni neanche con le mani è anche vero ma il trend prima o poi dovrà girare peggio sarebbe se non si creasse mai nulla.

    FORZA VECCHIO BALORDO

  3. paolo says:

    Il problema è che non si vince. Stiamo perdendo punti e sono importanti per la salvezza. La testardaggine di juric nel non mettere l’unico vero giocatore di talento cioè Pandev , ci porterà a lottare nelle acque melmose della possibile retrocessione.
    PORCELLA Sindaco

  4. Roberto says:

    Analisi puntuale e condivisibile. Il genoa con Juric non fa punti. Con Ballardini almeno si vincevano le partite.
    Porcella ieri sera mi sei piaciuto quando hai risposto al doriano che recriminava… noi non siamo sfortunati? roncaglia, izzo, bovo…

  5. Cristina says:

    Il genoa ha surclassato la sampdoria sia in campo che sugli spalti.. ELUCEFU dove lo hanno preso dall’enel?????

  6. davide says:

    Condivido il tuo articolo Giovanni, mi pongo una domanda: perché il presidente Preziosi ha esonerato Ballardini? Non faceva calcio champagne ma si vinceva e soprattutto Piatek segnava a raffica con Pandev. Ecco mi sono dato da solo la risposta. Secondo me, che non sono nessuno, Preziosi a gennaio venderà Piatek certo che se non segnasse più i tifosi sarebbero meno incavolati giusto?

  7. Claudio84 says:

    Porcella sei il migliore

  8. Griphons1969 says:

    Io sono più inca@@@to con questo pareggio peggio che se avessimo perso. Dopo i primi 10 minuti in cui ci fù l’unico tiro in porta della sampdoria con ovviamente, ovviamente per il loro proverbiale c@@o, abbiamo fatto noi la partita. In questo non mi piace juric perché non riesce a leggere la partita in corsa. Con una sampdoria così scarsa nel secondo tempo dovevi mettere pandev e cosi vincevi la partita. con gasperson avremmo vinto 3 a 1.

  9. PREVIATI STEFANO says:

    Ballardini ha battuto le 4 piu’ scarse, se si guarda la classifica, e con l ‘Empoli e’ andata di lusso, Juric con questo calendario tremendo poteva fare poco o nulla di piu’. Da domenica in avanti cambia discorso, ci sono da fare punti con squadre alla portata altrimenti ….

    • Giovanni Porcella says:

      Non sono proprio d’accordo. Udinese e sampdoria erano ampiamente alla portata e tra errorie sfortuna non sono arrivate due vittorie francamente possibili. Ballardini ha vinto 4 gare fondamentali che ci pernmettono di stare con la testa fuori dall’acqua, ma il tesoretto ce lo stiamo mangiando. Io non sputerei sopra a quelle vittorie, sono l’ossigeno.

    • alberto says:

      Purtroppo alla portata c’è solo spal e cagliari . . .

      • Asa says:

        Sinceramente ho visyo la Spal due tre volte e gioca di gran lunga meglio di noi e corrono 95 minuti. A breve la vedremo qui e se la sottovalutano saranno dolori….

        • salve
          frequento, perchè ho li diversi amici, un forum di tifosi spallini che, si lamentano dell’esatto opposto e cioè che la SPAL fa si, tanto possesso malla ma senza avanzare di centimetri; l’unico che macina chilometri è Lazzari mentre gli altri giocatori biancoazzurri, secondo quanto leggo, sono piuttosto statici o lenti.
          Ho visto la SPAL solo contro i nostri cugini e, oggettivamente, non meritavano di perdere.
          un saluto
          Piero e famiglia

  10. Simone74 says:

    A Genova c’è un metodo per far si che Juric vinca una partita.. la sperlingoja

  11. marco says:

    io penso che juric ha fatto bene negli ultimi 15 minuti a non inserire Pandev , erano giustamente in debito di ossigeno mi sembravano un po stanchi in quel caso era troppo rischioso si giocava la vita sportiva naturalmente ma dopo quella partita ha ragionato e per me ha fatto bene.

  12. Fabrizio says:

    Non è per difendere Juric, ma comunque ha anche sfortuna, perché tra Milan, Napoli, Udinese e soprattutto Sampdoria adesso potremmo avere tranquillamente 5/6 punti in più.
    In ogni caso il rammarico c’è e anche grande, perché vincendo sarebbe stato davvero tutto perfetto, dalla coreografia al risultato, però sono contento perché credo (spero) che potrà fare da “slancio” positivo per le prossime settimane fino a Natale.

    • Giovanni Porcella says:

      Juric deve andare in qualche battistero a fare il bagno…..di sicuto poteva avere fin qui piu’ punti ma quello che mi fa pensare è che l’anno scorso 12 partite 6 punti, quest’anno 6 partite tre punti, significa che siamo sempre a proiezioni finali di 19 punti a campionato, cioè serie B. E’ chiaro che è un’esagerazione e mi auguro che gli giri qualche volta meglio di come sta andando ora, ma proprio non riesce piu’ a vincere e nello sport questo si paga, diventa una sfida difficile.

    • Griphons1969 says:

      sono d’accordo con te Fabrizio, ma di quei punti persi un po’ di colpa Juric ce l’ha.

  13. Matilde says:

    Ciao Giovanni,
    condivido la tua analisi…..tutto si può dire su Juric ma non che sia fortunato!!!!! Il rammarico è indiscutibile, però ricordo che in passato, ci sono state partite dominate come quella di ieri sera, che finivano con una sconfitta! Fermo restando che i “veri” punti persi secondo me sono stati quelli con Parma e Udinese (indipendentemente da chi sedeva in panchina)….speriamo che il gioco visto ieri sera sia l’identità del Genoa a venire.. e non uno sprazzo solo perchè era il derby….Forza Genoa sempre!!!!!

  14. Angelo Poggio says:

    Mi chiedo se si può allontanare un allenatore per motivi di “sfiga”.
    Se la risposta fosse affermativa, non vedrei l’ora di vedere Juric lasciare la squadra.
    Essendo realista, al contrario, devo ammettere che, dal ciclo di fuoco, siamo usciti a testa alta, ad eccezione della gara con l’Inter. Mancano i punti, ma non latita il gioco. Un passo avanti lo abbiamo fatto: non abbiamo preso gol nel recupero. Giuro che me lo aspettavo. I tre minuti di recupero (2,52!) sono trascorsi senza patemi. E’ un passo avanti? Mi voglio consolare pensando alla tanto decantata samp che, nelle prime settimane era stata associata alle squadre antijuve! Sono veramente poca cosa. Sono Quagliarella dipendenti. Audero ha parato l’impossibile. Avessimo giocato come “loro”, juric sarebbe già a casa, mentre il “filosofo” Gianpaolo, resta l’indiscussa guida dei delegazionisti. Spero che cambi il vento. Una differenza tra Ballardini e Juric? La sorte.

    • Giovanni Porcella says:

      Si Angelo tutto vero. pero ora serve una vittoria, con la Spal diventa un appuntamento pesante, prima c’è il Toro, magari la scintilla si accende lì.

    • Griphons1969 says:

      ahhh finisci il tuo post parlando della sorte… allora vuol dire che pensi anche tu alla “sfiga”…

      • Angelo Poggio says:

        A questo punto ci credo eccome. Così come credo alla fortuna che accompagna certe squadre di cui non faccio il nome perché è troppo complicato

  15. Finnrico says:

    Io non vedo nulla di particolarmente nuovo.

    È sempre il Genoa del primo Juric, con i suoi pregi e i suoi difetti: pressing altissimo, marcature a uomo a tutto campo, grande intensità per 75 minuti.

    Ma ci sono anche sempre i soliti difetti:
    - strategie d’attacco monotematiche e prevedibili (avremo fatto 50 cross sul primo palo, cioè sulla testa del primo difensore della Zamp, mai un tiro dal limite, mai un’imbucata al centro);
    - assoluta inconsistenza sulle palle ferme;
    - ultimi 10-15 minuti con la bombola di ossigeno.

    Il salto di qualità ce lo può far fare solo la qualità dei giocatori, per cui secondo me dobbiamo assolutamente recuperare Medeiros e trovargli una collocazione in campo.

    Però sono fiducioso, ci salviamo senza patemi.

    Sono meno ottimista per Juric: secondo me alla prima occasione il presidente lo caccia, magari perché ha sputato il ciùngai sul pavimento dello spogliatoio o lo hanno fotografato con la cicca in bocca.

  16. laura says:

    Il Genoa meritava di vincere e sono d’accordo con ciò che hai scritto Giovanni.

  17. salve
    sinceramente non vedo cosa si possa imputare a Juric e alla squadra stasera;
    A parte i primi dieci minuti, il Genoa ha sempre avuto il pallino del gioco e ha creato diverse occasioni da rete sia reali che potenziali.
    A differenza di altre volte, vi è stato si un calo ma, solo a tratti e negli ultimi 10 minuti, tanto è vero che abbiamo chiuso in avanti.
    Certo anche io ho imprecato sui mille corner e cross fatti alla “pene di segugio” ma, alla fine della fiera, i tre punti li avevavo meritati.
    In effetti a Juric manca una vittoria e, per me, da quando è tornato ha cannato solo con Inter e Udinese nel secondo tempo.
    Nonostante questo continuo a preferire Ballardini, mano spettacolare ma più solido e concreto.
    Nelle prossime due partite, urgono quattro punti.
    Si è dominato sugli spalti (non è una novità) e in campo siano stati superiori;
    Doveri ha arbitrato molto bene con un unico appunto; mancata ammonizione di Saponara autore di un placcaggio a ribaltare su Criscito …
    un saluto
    Piero e famiglia

  18. paolo says:

    Secondo me c’è una differenza tra il derby di ieri sera e quelli degli scorsi anni con Juric in panchina: la Samp.
    Quella di quest’anno è decisamente inferiore a quella delle ultime 3 stagioni.
    Ieri sera si vedeva che era una squadra in palese difficoltà, senza uno schema di gioco preciso. Il Genoa meritava ampiamente la vittoria, perché ha messo in campo maggiori intensità e voglia di vincere. Solo un Audero in grande serata (possibile che contro di noi i portieri avversari si esaltino sempre?) ha impedito una sconfitta contro la quale nessuno avrebbe avuto qualcosa da ridire.
    Comunque sono d’accordo sia con Giovanni che con chi mi ha preceduto riguardo al tipo di gioco espresso dal Genoa. A parte alcuni giocatori, il resto è mediocrità.
    La sfortuna non c’entra. Ognuno è artefice del proprio destino. Se non riesci a tenere il risultato negli ultimi minuti della partita vuol dire che non hai la mentalità giusta e che ci sono delle lacune tecnico-tattiche. Certo, alcuni goal (vedi quello di Romagnoli) sono frutto di un puro caso (se ci riprova altre 20 volte la manda fuori o non la prende affatto), ma anche di errori di piazzamento della difesa o di uscita del portiere.
    Inoltre, la squadra sembra aver smarrito la via del goal. Ne fa uno, se va bene. Chiederne 2 è pura utopia.
    Juric avrà veramente tanto da lavorare, anche su se stesso, perché deve mettere da parte certe sue convinzioni, come quella di non far giocare Pandev alle spalle delle 2 punte.
    Ora si va a Torino e sarà veramente dura, perché Mazzarri preparerà la partita nei minimi dettagli pur di vincerla. Non per niente è un sampdoriano.
    Poi arriverà la Spal, che ci ha sempre fatto soffrire e che non è per niente da sottovalutare, nonostante gli ultimi risultati negativi.
    I punti persi malamente con Milan, Udinese, Napoli e Samp rischiano di rivelarsi assai pesanti quando si dovranno tirare le somme alla fine del campionato e dietro di noi non si danno per vinti.
    Sarà il solito campionato di enorme sofferenza e questo per colpa di un presidente che continua a voler fare di testa propria e che pensa solo a fare plusvalenze.
    Prima se ne andrà e meglio sarà per tutti.
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEE!!!!!

  19. mario48 says:

    Visto che dobbiamo lottare per la salvezza, spero che la Società a Gennaio effettui acquisti mirati nei ruoli palesemente scoperti e soprattutto acquisti giocatori SANI.
    Forza Genoa sempre

  20. Fabrydt says:

    Buongiorno,
    leggo i pareri di tutti ed in ciascuno c’è del vero, il calcio è così, chi più chi meno ci abbiamo giocato tutti, siamo tutti competenti, tutti critici etc. per questo motivo chi fa del calcio il suo mestiere ha un compito difficilissimo, non ha alcuna sicurezza ed il destino sempre appeso al filo dei risultati. Il Genoa come società abbiamo visto ampiamente è anche peggio, puoi fare risultati ed essere messo alla porta ugualmente, Gasperini e Ballardini docet. Ora non consideriamo il rendimento di Juric chi dice male chi dice bene tralasciamo tutto, soffermiamoci solo su un aspetto, quest’uomo sta lavorando nelle peggiori condizioni psicologiche possibili, ha una fiducia che si rinnova di partita in partita finché non prende una tranvata su qualche campo, già con il Torino potrebbe dover salutare la compagnia, è un uomo che la maglia l’ha sempre onorata ed anche come tecnico sta cercando di fare sicuramente del suo meglio, è notorio sia stato usato come vittima sacrificale sull’altare del calendario proibitivo per poi fare subentrare chi?
    TUDOR, VAN’T SHIP, LAMOUCHI? Un carenade o se preferite un Liverani qualsiasi? Tutti gli opinionisti che sostengono Preziosi in assenza di alternative non possono cercare di usare lo stesso metro anche con il tecnico? Non sono sicuramente l’avvocato di Juric anche io alcune cose faccio fatica a digerirle penso tuttavia di avere una certa onestà intellettuale che mi fa propendere per il fatto che la piazza nel giudizio di Juric sia influenzata dalle passate esperienze dalle quali magari anche lui avrà imparato qualcosa, credo allo stesso modo che qualsiasi tecnico avesse preso la squadra prima di un ciclo proibitivo del genere facendo gli stessi risultati, avrebbe ricevuto un elogio perché nonostante le sconfitte la squadra abbia fatto vedere gioco e Inter a parte sia uscita a testa alta da qualsiasi match. A mio avviso dovremmo sempre contestare chi crea queste situazioni inospitali per qualsivoglia tecnico vi possa far piacere occupasse la panchina del Grifone, il presidente con i suoi cacchio di tornelli davanti allo spogliatoio, qualcuno e riuscito a venderlo anche senza fargli fare il giro. Juric sicuramente tiene al Genoa, sicuramente ha una idea di gioco, sicuramente ha sfiga spero non eterna, credo che visto che la dirigenza non lo fa almeno la tifoseria dovrebbe sostenerlo, credo che con il sostegno della piazza almeno avrebbe una pressione di meno, e poi per coloro che proprio non lo sopportano proprio questo sostegno della piazza potrebbe essere la causa scatenante per un esonero ancor più sollecito visto che Preziosi fa sistematicamente il contrario di quello che auspica la tifoseria. Cosi tutti felici tutti contenti, arriverà un signor nessuno che farà i danni che farà per poi richiamare Ballardini a 7 giornate dalla fine…. In perfetto stile Preziosi. Magari con Juric non si andrà in Uefa (quindi per Preziosi in qualche maniera dovrebbe essere una garanzia) ma credo che la squadra possa salvarla con una certa tranquillità, ha una conoscenza dei giocatori e dell’ambiente che qualsiasi altro tecnico impiegherebbe più di qualche giornata ad avere.

    Questo è il motivo per cui al netto di ogni legittima perplessità credo che Juric vada sostenuto. Questo è il motivo per cui credo che Preziosi vada contestato. Poi naturalmente liberi tutti per carità.
    FORZA VECCHIO BALORDO

  21. Andrea says:

    Caro Giovanni, se non si vincono partite come queste vuol dire che siamo messi male, sinceramente ho visto degli avversari proprio scarsi, peggio di Empoli e Bologna tanto per capirsi e non siamo riusciti a vincere…..poniamoci delle domande e diamoci delle risposte.

    Questo tecnico non va bene per la serie A i numeri lo dicono ampiamente. Nulla c’è da dire di più.

    Rimane però la nostra sofferenza che sembra non interessare a nessuno e questo i fa enormemente inca@@are. Anche domenica abbiamo dato spettacolo come tifosi e ancora una volta ne usciamo umiliati non dalla squadra ma dalla società.

    Non ne possiamo più. Anche ieri Juric ha dimostrato che non ci capisce molto e che non è capace di leggere la partita in corso di svolgimento. Dopo un quarto d’ra del secondo tempo si vedeva che erano sulle gambe, aveva 3 cambi e non li ha fatti nei modi e nei tempi giusti……Pereira dentri non c’entrava nulla e Sandro era tardi…..e il terzo cambio perchè no? Ahhhhhh che schifezza….

    Saluti
    Forza Vecchio Balordo

  22. bruno says:

    Buongiorno a tutti….dal derby di domenica sera è emerso a parere mio, oltre a tutto quanto è stato già citato, una cosa molto importante. Una cosa che fa ben sperare per il proseguimento del campionato. La squadra….i giocatori, sono con Juric. Su questo non c’è dubbio. Dei calciatori che entrano in campo con la determinazione, la grinta, la corsa, l’atteggiamento giusto da derby, vuol dire che si battono per il Mister. Consapevoli che quella sarebbe stata sicuramente l’ultima spiaggia, hanno giocato, e per la maglia, e per il loro allenatore. Un’altra cosa certa è che di sicuro quest’uomo non è baciato dalla fortuna, come del resto non lo è mai stato nemmeno il Genoa, queste sembrano per chi non ha mai seguito la nostra squadra battute, ma non lo sono. Purtroppo è la realtà. Ma la squadra secondo me sta cominciando a giocare. Forte all’attacco buona in difese. Forse manca qualcosa a centrocampo, sia in copertura che in fase di ultimo passaggio. La mossa di Pandev domenica, avrebbe si portato qualche possibilità di portare a casa i 3 punti, ma anche il rischio di perdere la partita. Probabilmente Juric è cresciuto con Gasperini, ma qualcosa sta imparando anche da Ballardini. La squadra era stanca, si stava arretrando il baricentro e quindi ha preferito non rischiare. A me spiace solo che a prescindere da domenica sera, indubbiamente, Juric non vede Pandev. Era uno dei più in forma, fino a che è rimasto il Balla, e dall’arrivo di Juric è sparito .Mah misteri del calcio. Daltronde lo si sa…ogni allenatore ha le sue simpatie ed antipatie, ogni allenatore ha giocatori che vede ed altri no.

  23. LAURA1962 says:

    Buonasera a tutti.
    Premessa: adoravo Gasperini, ero felice di avere Ballardini e non avrei ripreso Juric visti i trascorsi.
    Fatta questa premessa, trovo davvero poco diciamo “simpatico” continuare a parlare della presunta sfortuna di Juric. Sui vari siti si legge di tutto e di piu’ su quest’uomo che ricordo e’ stato uno dei nostri giocatori piu’ amati.
    Al momento e’ il nostro allenatore e io vedendo la squadra giocare il derby in quel modo sono stata contenta anche per lui che e’ stato massacrato a parole da tanti in modo secondo me davvero eccessivo. E questo, per me, non ci fa onore per niente.
    Detto questo, non sono abbastanza esperta di calcio da pronunciarmi su dove andremo a finire continuando con Juric, sulla necessita’ o meno di cambiare di nuovo allenatore allenatore e via discorrendo.
    Io spero – e mi auguro sia cosi’ per tutti – che Ivan d’ora in avanti faccia non bene ma benissimo.
    Il derby non lo abbiamo vinto ma per me e’ stato stupendo. Le coreografie indimenticabili.
    Saluti rossoblù a tutti.

  24. paolo says:

    Tutti noi speriamo che Juric faccia bene e ci faccia dormire sonni più tranquilli, anche perché di allenatori buoni e alla portata delle finanze del Genoa in giro non ce n’è.
    Purtroppo ha il brutto difetto di non riuscire a leggere la partita.
    Probabilmente questo è dovuto anche al fatto che il materiale umano a disposizione è di scarso livello, a parte qualche eccezione che tutti conosciamo.
    Speriamo che il Genoa arrivi alla sosta di metà campionato con un bottino di punti rassicurante e che il Joker non si metta in testa di stravolgere nuovamente la squadra nel mercato invernale, ma si limiti soltanto a fare quei 2 o 3 innesti di qualità che noi tifosi auspichiamo da tempo.
    Dipende tutto da lui, ahimè!
    A noi non resta che continuare a sostenere la nostra squadra come e più di prima.
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEE!!!!

  25. Roberto says:

    Ormai il tesoretto dei punti è agli sgoccioli:non si può impostare un certo tipo di gioco senza gli uomini adatti.Averlo capito, è stato il merito di Ballardini che ha portato la precedente salvezza ed un discreto inizio di campionatoSulla sconfitta con il Parma,al momento pesante,qualcuno si sarà ricreduto,vista la posizione in class ed il fatto che anche il Toro,che prossimamente ci affetterà,ci ha perso.La critica si fonda sui risultati concreti:nessuno ipotizza di vincere fuori casa,ma a Marassi,con il tifo che abbiamo,bisogna vincere.La nostra media punti è da retrocessione e giocatori fondamentali oggi sono fuori squadra Spolli era un fenomeno nel gioco aereo e noi prendiamo gol ridicoli in area con Lazovic come marcatore,La nostra fisicità è zero ma Zukan è fuori,per non parlare di Pandev,uno dei pochi che sa giocare a Calcio Così è andarsele a cercare,perché con questi ci siamo salvati….Visto che altri più forti ,da noi non vengono.Non ho fiducia in questo ripescaggio tecnico e temo ,visti i risultati,una classifica preoccupante.Partite come il derby bisogna vincerle perché non sempre puoi fare pressing per 90′W Grande Gasp Sono genoano dai tempi di Frignani e Barison e mi dispiace che il Presidente cui va dato il merito in un modo o altro di aver tenuto la squadra in A,non si accorga che i tifosi sono stanchi di temere La retrocessione Il Genoa è un patrimonio che merita qualcosa di più

  26. giovanni says:

    Sara’ anche un gioco garibaldino ma troppo dispersivo il pari con l’Udinese?Ce lo siamo scordato?Piu’ o meno le partite dell’anno scorso tanto correre e poi un pari quando andava bene questi ritmi non li reggono fino alla fine li scoppia tutti.

  27. luca de rossi says:

    Ciao Giovanni e a tutti i genoani.
    Continuo a leggere o sentir parlare nelle varie tv di Juric sfortunato sfigato iellato……
    La domanda che pongo è…. quale sarebbe tutta questa sfiga….?
    Richiamato ad allenare il Genoa in serie A dopo i disastri precedenti, io la chiamo FORTUNA…..
    Il pareggio con la Juventus con un rimbalzo impossibile del pallone prima del cross, come si definisce…..?????
    Con l’Udinese non ricordo un episodio richiamabile a sfortuna….
    con il MIlan ricordo una papera del portiere….. cosa centrerebbe la sfortuna…… Inter non pervenuta….. Napoli un tiro in porta un gol….. la pioggia battente se è ritenuta sfiga…… bastava chiedere la sospensione dell’incontro sembra che il Napoli fosse propenso a ciò perchè non è stato fatto…..????
    Nel derby abbiamo incontrato un portiere di serie A che ha fatto normali parate da serie A…..
    Il problema di Juric è, come gli anni precedenti, che le partite durano 90 minuti e non 60…..
    Sarebbe l’ora di smetterla di parlare di sfiga, che guarda caso l’hanno sempre i perdenti nello sport…..

    • Giovanni Porcella says:

      In parte condivido, ma sul campo per mole di lavoro il Genoa in certe partite avrebbe meritato qualcosa di piu’. Poi è evidente che i problemi ci sono

  28. Massimiliano says:

    Buongiorno Giovanni, mi sembra che il la squadra esprima un discreto calcio ma che non abbia gli uomini a sufficienza per reggere certi ritmi per 95 min. La mia paura è di vedere evaporare tanti punti nei fine gara. Con la Spal sarà nuovamente un incontro decisivo, visto che da Torino verosimilmente torneremo con un pugno di mosche. Speriamo di arrivare a gennaio con una classifica decente e che Preziosi si decida ad investire su un allenatore di categoria, con tutto il rispetto per Juric, non per la persona ma per i numeri che purtroppo sono impietosi.

  29. paolo says:

    Come ho scritto, allenatori bravi e alla portata delle tasche del Genoa in giro non ce ne sono.
    Accontentiamoci di Juric (obtorto collo) e speriamo che finalmente abbia capito che il gioco che pratica sarà anche di buona qualità, ma è estremamente dispendioso.
    Domenica guardavo il derby con mio figlio che ad un certo punto mi ha detto: Il Genoa gioca bene e corrono come dei dannati, ma un ritmo così 90 minuti non lo reggono.
    Lo vediamo tutti noi che non siamo addetti ai lavori. Possibile che non se ne renda conto l’allenatore? Prima o poi qualcuno scoppia o si fa male sul serio e allora vorrò vedere chi ci mette.
    A Torino sarà durissima, perché il Toro ha fame di punti e ha un organico decisamente superiore al nostro. Poi ci saranno i soliti ex ( Falque, Izzo, Ansaldi ) e volete vedere che uno di loro ci rifilerà una pappina?
    Ci vorrà una prestazione super per uscire indenni dall’Olimpico.
    Pandev mi sa che non lo fa giocare più, se non qualche scampolo. Eppure è l’unico là in mezzo che sa come si gioca a calcio.
    Purtroppo siamo prigionieri della testardaggine: quella di un presidente che preferisco non definire per evitare querele e quella di un allenatore che, piuttosto che ammettere i propri errori, preferisce portare con se nel baratro la squadra.
    Spero tanto di essere smentito dal campo, solo per il bene che voglio a questi colori, ma non sono per nulla ottimista.
    E dopo avremo la Spal che, come ha scritto Asa molto efficacemente, sarà da prendere con le molle.
    Forza Vecchio Balordo.
    PREZIOSI VATTENEEEEE!!!!!

  30. Finnrico says:

    Giovanni, questa me la devi assolutamente raccontare. E non starmi a dire che non c’eri, che non sai, che non parli male dei colleghi ecc.

    Chi è il giornalista che Juric ha mandato a quel paese dopo la partita col Napoli?
    Quello, insomma, della domanda del cX#”zo? [che tale era - n.d.r.]

  31. Alex says:

    Una curiosità, visto che l’insoddisfazione nei confronti di Preziosi sta aumentando vertiginosamente: si può fare una ricerca per verificare che esiste effettivamente un advisor incaricato della vendita della scierà? No, perché se non esistesse sarebbe davvero molto grave. L’ho chiesto anche telefonicamente durante una delle puntate di Gradinata Nord in cui Giovanni non era presente ed i presenti mi hanno quasi preso per il c…o onestamente non è stato un bel comportamento, ma non ho voluto replicare per educazione.

    • Giovanni Porcella says:

      mi dispiace per la non risposta, v’era un Advisor poi non si è saputo piu’ nulla e mi pare che Preziosi non abbia piu’ parlato di cessione

      • Giando says:

        si, pero’ posso sapere perche’ nessuno di voi giornalisti lo inchioda su queste cose ? Alle volte sembra che qui a Genova abbiate paura che se ne vada..come se una certa Genova che conta avesse paura di doversi esporre in un futuro e quindi faccia di tutto per “tenersi” Preziosi e incoraggiare una stampa a lui benevola…..

        • Giovanni Porcella says:

          A me non parla dal 27 settembre scorso

          • Giovanni Porcella says:

            dello scorso anno

          • Giando says:

            eh ho capito, ragazzi..ma gli mandate qualcuno della redazione….e gli fate le stesse domande che vorrebbero fargli tutti..con questa scusa ..” ma con me non ci parla.”…..nessuno lo disturba…e voi state indirettamente al gioco. Li’ dev’essere l’emittente che prende una certa linea e “decide” di menarglielo…siamo seri… Ad esempio io in trasmissione non ho mai sentito denunciare questa cosa che lui parla con chi gli comoda…andrebbe fatto..

  32. Paolo says:

    E per te deve essere motivo d’orgoglio. Tra lui e Ferrero le genovesi hanno solo l’imbarazzo della scelta. È per questo che nessuno veramente serio si fa avanti. Voi vi fidereste di un personaggio simile? Uno che più vende e fa plusvalenze, più indebita la società? È una vergogna.

Lascia un commento

ASPETTANDO GODOT, LE SCELTE DIFFICILI DI PREZIOSI

Al Genoa si respira un’aria di attesa e non solo per quanto riguarda il futuro della guida tecnica. A parte

IN SALVO TRA LE SOFFERENZE, PREZIOSI ORA COSA FARA’?

Per il Genoa una salvezza sul filo di lana tra indicibili sofferenze e con molta fortuna che si chiama Handanovic.

GENOA NEL BARATRO, A FIRENZE MATCH DRAMMATICO: MA FORSE BASTA UN PUNTO

Ora serve un miracolo al Genoa o quasi per restare in A. Ma se con la Fiorentina è un match

DRAMMATICO FINALE, MA SERVE LA CONTEMPORANEITA’

Contro le scelte sbagliate della società, contro gli imbarazzanti show di altre squadre contro una guerra interna che è stata

Search

Archivio