BABY BOOM E IL VECCHIO PANDEV

28 Ago 2018 by Giovanni Porcella, 7 Commenti »

Sull’emozioni e la commozione abbiamo gia’ detto tutto. Ora proviamo a ritornare ad un briciolo di normalità anche se è durissima. Il Genoa parte bene grazie ai suoi giovani Piatek e Kouame che segnano all’esordio mostrando almeno finora che la società ha visto lungo puntando su questi ragazzi, soprattutto vista l’età l’ex del Cittadella. In attesa di altri riscontri bisogna pero’ sottolineare che Pandev resta il giocatore dalla qualità piu’ alta dei rossoblu’. Ballardini prima del match con l’Empoli aveva detto: Goran è il piu’ bravo di tutti, gli altri devono solo correre anche per lui. Così è stato. Uno-due e toscani all’angolo. Conferme da capitan Criscito, da Hiljemark, Biraschi e Romulo. Almeno per tutto il primo tempo ampia sufficienza complessiva. Ripresa invece troppo remissiva. Un po’ di calo fisico, un senso di smarrimento a centrocampo. Manca un regista. sandro è sempre ai box. Quindi occorre pensare a qualche soluzione. Pero’ il Genoa c’è. L’inizio è confortante.

7 Commenti

  1. Gian says:

    Si, ci siamo. Quest’anno diremo la nostra. Le sensazioni sono più che buone. Sempre Forza Genoa! E naturalmente un saluto a Giovanni.

  2. salve
    ero in montagna (erano anni che non perdevo la prima al Ferraris ma erano pure anni che non andavamo in vacanza ;-) ) e ho visto solo qualche spezzone grazie a nostro figlio e al suo cellulare … che dire ?
    Van bene i tre punti e le reti dei giovanotti … ho fiducia in Ballardini e nella sua intelligenza …
    un saluto
    Piero e famiglia

  3. Fabrydt says:

    Buongiorno a tutti,
    Primo tempo in cui siamo stati lucidi e cinici, secondo come da costume ci siamo abbassati troppo esaltando un Empoli che è davvero poca cosa. Con un altro avversario di caratura leggermente superiore non l’avremmo portata a casa, questo deve far riflettere l’allenatore. Marchetti presente e vociante come è giusto che sia Biraschi ottimo fino al 93esimo poi si è fatto sfuggire l’uomo, Spolli insolitamente in ambasce Zukanovic compitino svolto in pieno. Lazovic positivo come tutte le volte in cui si gioca con avversari di caratura inferiore, Romulo tanta corsa un po’ spaesato e con palloni persi sanguinosi fortunatamente senza conseguenze Hiljemark gagliardo e molto positivo, Criscito cervello esperienza e piedi due assist un presidio della fascia frustrante per gli avversari. Pandev solito grande giocatore bene fa Ballardini ad amministrarlo perché serve come il pane. Piatek eccezionale per movimenti in verticale, difesa della palla e smarcamento, Kouame rapidissimo tignoso finalmente anche cinico sotto porta, a volte dimentica la palla quando parte ma senz’altro positivo e con margini di miglioramento. Mazzitelli per il poco che si è visto un po’ troppo macchinoso. Gunter dimostra di essere un papabilissimo titolare, Bessa classe e dinamismo ma poco pratico. Penso che rientrati i lungodegenti la rosa sia da centroclassifica se Sandro avrà due gambe vista la sua qualità si può sperare ancora in qualcosa di meglio, se poi Romulo lo si porta in fascia dove secondo me ha le idee sicuramente più chiare e Favilli dovesse confermare quanto fatto intravedere in precampionato, qualche volo pindarico si potrebbe anche fare….. Chi ben comincia….

    FORZA VECCHIO BALORDO

  4. Francesco OreginaRossoblu says:

    Domenica ero allo stadio e vorrei dere un mio parere sulla serata.Per prima cosa,entrato allo stadio (Nord) mi aspettavo che qualcuno vendesse a scopo benefico le magliette che hanno indossato i calciatori di tutta la serie A,invece un banchetto della brigata vendeva solo roba da brigata e un’altro sciarpe e adesivi.Ad una ragazza ho chiesto se avevano quella maglietta e mi ha risposto che loro non lucravano su queste cose.Gli ho risposto che il ricavato lo avrebbero dato in beneficienza e naturalmente non ha commentato.Allora mi sono chiesto:Non è lucrare sul marchio Genoa vendendo sciarpe e adesivi?In gradinataè stato commuovente sia il minuto di silenzio che i 43′.Roba da pelle d’oca.E ora la partita.Primo tempo direi discreto con i gol di pregevole fattura.Il secondo tempo completamente inesistenti.Mi pare che il Real Madrid giochi in maglia bianca,ecco,l’Empoli sembrava il Real.Noi senza gioco,lanci sempre presi dagli avversari,ed era l’Empoli,figuriamoci quando giocheremo contro squadre di ben altra caratura.Cori:Ne ho sentiti tanti di cori da stadio ma brutti e senza senso come quelli di ieri sera non li ho mai sentiti.(Eccezion fatta per “Genova-Genova”)Concludendo posso solo sperare che sia stato solo il secondo tempo nagativo una parentesi.Il Genoa sviluppa gioco e crea occasioni solo se fa pressing a tutto campo.Gestire il gioco non è possibile con giocatori di basso livello tecnico.

  5. Andrea says:

    Meno male che tu vedi un Genoa che c’è………io dico che non c’è che il centrocampo è un disastro e che la squadra come l’anno scorso si limiterà a barricate e contropiede. Io dico che saremo sempre in fondo a lottare per non retrocedere.

    Ci vediamo a fine anno per vedere chi avrà avuto ragione. Squadra senza capo ne coda. Mercato da scellerati senza prospettiva. Si vede che non c’è strategia in questa società.

    Saluti a tutti i genoani.

  6. nicola says:

    Il regista è Sandro. Non essendo per sua fortuna ancora morto, sarà disponibile entro 20-25 giorni, cosa che -considerata la sosta- è più che buona. Una volta dentro Sandro, i due mediani titolari (Romulo e Hiljilemark) potranno tornare a fare il loro mestiere ai lati del playmaker, e vedrete che il centrocampo suonerà una musica molto bella. A quel punto non ci sarà bisogno di Pandev per creare gioco, e lo si potrà inserire a gare in corso, preservandolo e utilizzandolo per risolvere certe situazioni. Quest’anno abbiamo una rosa bilanciata e competitiva.

  7. giovanni says:

    Un mediano in piu,’centrocampo a 2 son dolori.

Lascia un commento

PRANDELLI CONVINCE, MA SERVONO INVESTIMENTI

In dieci minuti Prandelli ha capito dove è finito. L’arbitro Pasqua gli ha fatto il regalo di benvenuto mandando fuori

PERDENTI E CONTENTI

Di perdenti di successo l’Italia è piena. il Genoa purtroppo non fa eccezione. Juric sarà pure bravo, sarà pure sfigato

RAMMARICO ENORME

Dopo il pareggio nel derby al Genoa resta in mano solo una cosa: un enorme rammarico. Una vittoria accarezzata a

STAVOLTA NON RISCHIA SOLO JURIC

E’ un derby che pesa quello che dovrà affrontare il Genoa. Domenica sono tante le risposte che la squadra rossoblu’

Search

Archivio