BALLARDINI 2.0

7 Gen 2018 by Giovanni Porcella, 41 Commenti »

Il Genoa rimbalza alto. Con Ballardini praticamente 2 punti a partita, dunque un Ballardini 2.0. Per la verità è 1,8 punti a match quasi il rendimento quadruplo ottenuto da Juric che in 12 partita aveva messo insieme un misero 0,5. Senza gettare la croce addosso a Ivan, è giusto esaltare la classifica ottenuta dal Balla che da solo è balzato a quota 21. Sia chiaro che la salvezza è tutta da conquistare pero’ le prospettive oggi sono piu’ rosee. Difesa ordinata, il rilancio di Spolli, un Perin tornato a livelli internazionali, molta umiltà in generale hanno portato il sorriso tra i rossoblu’. Lo avevo gia’ scritto qualche settimana fa e lo ripeto: forse Preziosi non aveva fatto poi tanto una squadra orrenda se Ballardini oggi sta tenendo un passo da Europa. Insomma, ci sono anche giocatori validi in mezzo a qualche mediocrità che si vede. Ora vedremo alla fine del mercato cosa succederà, ma la barca sembra essersi raddrizzata e comincia ad andare. Guai pero’ ad abbassare la guardia e comunque è meglio sempre cercare altri obiettivi e far leva sulla voglia di gente come Galabinov, Pepito Rossi, Biraschi e altri ancora.

41 Commenti

  1. salve
    ieri ero allo stadio e, nonostante un primo tempo non certo esaltante e un inizio ripresa da fortino stiie Bir el Gobi, non ero preoccupato ne, tantomeno, impaurito.
    Poi è entrato il bulgaro che, non sarà Luca Toni e neppure Darione Hubner ma tiene la palla addosso e fa salire la squadra … difesa promossa in toto, Zukanovic ieri ha sudato più del dovuto ma ne è uscito bene, Biraschi un vero trattore, Perin ha il torto, enorme per questi tempi, di non avere Rajola come agente … un plauso a Lapadula, a Brlek, Rigoni ritrovato e pubblico compatto come ai vecchi tempi …
    Visti gli ultimi episodi (non utilizzo del VAR) allo Stadium, sarà una porcheria ma …
    mi aspetto “l’amico” Banti
    ah, Giacomelli ieri nettamente insufficente: due falli nostri, due gialli mentre gli altri han menato tutta la partita (in perfetto stile cappellino) e forse un giallo solo …
    un saluto
    Piero e famiglia

  2. mauro says:

    Ciao Giovanni,

    Altri ottimi punti ieri, anche se di gioco per ora non se ne vede ma subire 3 goals in 8 partite, di cui uno irregolare contro l’Atalanta, la dice lunga sulla concretezza della squadra.
    Paradossalmente il mister ha perso solo la gara in cui un po’ di gioco si era anche visto, ma va benissimo cosi’. Se solo Juric fosse tornato da Ferrara con un pareggio la salvezza sarebbe praticamente acquisita. Ora speriamo la societa’ trovi almeno un centrocampista di quantita’ e quaita’, un Matuzalem per indenderci.

    FORZA GENOA

    Mauro

  3. Finnrico says:

    Partita da 0-0, di quelle aperte fino alla fine, che puoi vincere o puoi perdere. Di quelle che, appunto, se sei genoano, di solito perdi. Ho smesso di guardare dopo il miracolo di Perin su Matri.
    E allora bene così, con la Dea Eupalla che stavolta si è travestita da Befana (ai miei bimbi i dolci li ha portati la notte tra il 5 e il 6, ma mi sa che il regalo più grande stavolta l’ha fatto al papà).

  4. Piero says:

    Mi piace pensare ad un’accoppiata Galabinov Rossi sulla falsariga di quella Skuravy Aguillera!!

    • nicola says:

      Concordo, anche a me piacerebbe un’accopiata Glabinov (Pellegri) + Pepito Rossi, con Lapadula ben imbullonato in panca e pronto soltanto alla bisogna…. :) Dobbiamo fare ancora un po di punti, e poi credo che Ballardini inizierà ad osare maggiormente, come del resto fece nel 2010-2011 finendo decimo.

  5. Domenico says:

    Ballardini sta facendo bene, la squadra è potenzialmente da centro classifica, con un difensore tipo Maksimovic ed un centrocampista tipo Giaccherini,con Pandev rifinitore e 2 attaccanti,uno fisico come Galabinov ed uno rapido che crea scompiglio come Lapadula,possiamo toglierci tante soddisfazioni. Forza Genoa buon anno a tutti

  6. Paolo says:

    Il livello della rosa è basso, lo si è visto anche ieri, il gioco latita, non perché non sia propositivo l’allenatore ma perché si vede chiaramente che i giocatori hanno difficoltà nei fondamentali. 1 ora prima di vedere un cross che si possa definire tale, e gol, fortunatamente. Giocatori adatti a una salvezza tranquilla sono pochi, comunque. L’attacco è assolutamente inadeguato, almeno per il momento, prova ne è il fatto che Pandev, con tutto il bene che gli voglio, è comunque sempre titolare. Vedremo se Lapadula si riprende e confidiamo in Rossi… Lapadula con il naso lasciato al portiere avversario ha voluto continuare a giocare. Molto bene questa volontà fa ben sperare, ma per ora il livello è stato basso. A centrocampo a parte i titolari e Omeonga c’è il vuoto. Speriamo sempre di non avere infortuni. Laxalt ha subito una involuzione preoccupante, non saltava l’uomo nemmeno prima ma faceva qualche cross e qualche movimento interessante. Visto il livello di gioco mostrato, non solo ieri, per conto mio bisogna tenere ben alta la guardia e rinforzare la rosa, perché San Perin ci ha regalato non pochi punti in queste partite… se ieri non faceva il miracolo su Matri sarebbe stata dura recuperare, come a Torino. Queste parate da fuoriclasse, qualche palo, qualche follia di giocatori avversari sono tutti punti che si hanno tolto dalla zona bollente, ma se non rinforziamo e girasse la ruota potremmo noi trovare davanti qualche palo e qualche distrazione difensiva che regala rigore e uomo in più… Con onestà e obiettività abbiamo 6 punti più della zona rossa ma si fa anche presto a perderli.

    • nicola says:

      Sabato Laxalt ha giocato bene, altro che balle…

    • Casarza Rossoblù says:

      Condivido al 100%, il livello globale della squadra è mediocre, eccezion fatta per la difesa che si sta dimostrando l’unico reparto veramente affidabile. Nonostante questo il primo obiettivo di mercato sembra essere un difensore…
      Speriamo in una pronta guarigione di san pepito e sulla voglia di rivalsa di lapadula e galabinov,con il loro recupero potremo proseguire il campionato con qualche preoccupazione in meno.
      Sul centrocampo preferisco non esprimermi, mi auguro solo di non veder più nessuno dei tre titolari la prossima stagione

  7. giovanni says:

    Si diamolo al Torino cosi’ poi lo rimpiangiamo come Rincon …Mazzarri sara’ mica scemo a volerlo??!!

  8. paolo says:

    Perfettamente d’accordo col mio omonimo. C’è poco da stare tranquilli. Ci sono ancora 18 partite da giocare e le prossime 5 per noi saranno terribili. Juve, Lazio e Chievo fuori; Udinese e Inter in casa. In 5 giornate incontriamo 3 delle prime 5. La difesa di ferro non basterà ad arginare gli attacchi stellari di cui dispongono queste 3 squadre.
    Poi sappiamo bene che quando non riescono a segnare, alla fine l’aiutino arriva sempre, soprattutto alla Juve ( il secondo goal col Toro docet. Il lupo perde il pelo, ma non il vizio ). Il Balla tutto questo sicuramente lo sa e, da buon pragmatico, saprà come mettere in campo la squadra, ma se dal mercato non arriveranno rinforzi adeguati a centrocampo e in difesa, alla fine, tra infortuni e squalifiche, rischieremo di trovarci in affanno, con quelle dietro che faranno di tutto per cercare di tirarci di nuovo dentro la zona bollente. Preziosi sa cosa deve fare e, soprattutto, non fare. Izzo viene dato ormai per venduto al Milan per Zapata e un pacco di milioni; Biraschi è richiesto dal Benevento e credo che dopo la prestazione di sabato qualcun altro si farà vivo. Ecco. Evitiamo di rinforzare i diretti avversari o i soliti noti ( al Milan, dopo l’era Galliani, non darei neppure uno spillo ).
    Quindi, benissimo quanto fatto finora ( all’arrivo di Ballardini nessuno avrebbe creduto di fare 15 punti in 8 partite ), ma teniamo un profilo basso e cerchiamo di rinforzarci adeguatamente, perché i campionati si decidono in primavera e se si arriva col fiato corto sono guai seri.
    Speriamo, infine, che arrivi finalmente una nuova proprietà che abbia intenzioni serie e, soprattutto, molta disponibilità economica. I Genoani meritano di vivere campionati più tranquilli e di togliersi parecchie soddisfazioni.
    Auguri di buon anno a tutti e sempre forza Vecchio Balordo!

  9. Andrea says:

    Ho visto la partita con la solita preoccupazione, basta poco per rientrare nei bassifondi per ora va bene ma non può essere che in due mesi di Balla non si veda gioco se non ripartenze e muraglia dietro, l’unica cosa buona è che la squadra è compatta e corta dietro ma quando abbiamo la palla nei piedi ci sono limiti tecnici enormi.

    Spero che arrivi un esterno destro e un centrocampista che sappia interdire ma anche giocare la palla.

    Io a centrocampo farei giocare Omeonga a destra al posto di Rosi in mezzo uno nuovo con Bertolacci e Laxalt poi Rossi dietro le punte Galabinov e Lapadula a svariare. Solo così con Pepito rifinitore a verticalizzare si può arrivare in porta e poi Rossi è uno che tira anche da fuori cosa che la squadra sembra avere dimenticato………

    • Casarza Rossoblù says:

      Non riesco a credere che Omeonga possa essere peggio di quei tre cadaveri che passeggiano a centrocampo,eppure non viene impiegato per più di 20′ ogni tre partite

  10. Paolo says:

    errore gravissimo continuare a cercar di voler convincere la gente che “preziosi non e’ poi cosi’ male….”…ed oltretutto e’ un tasto su cui improvvisamente si e’ deciso di battere e non capisco da dove arrivi “l’imbeccata” di far passare una linea filosocietaria…di fronte ad un evidente e progressivo indebolimento del Genoa anno dopo anno (compresa la cacciata del Gasp)…..

    • Giovanni Porcella says:

      Guarda a me del filosocietario (per questo neppure contestatore con paraocchi)proprio……io ho fatto un pezzo onesto perché bisogna essere onesti. Se si è criticato la società per una scelta di giocatori mediocri quando eravamo penultimi, ora che in 8 partita si sta tenendo una media da quinto posto è lecito perlomeno farsi qualche domanda. Senza con questo sottacere gli errori, pero’0 se ora Galabinov non si deve cedere vuol dire che si pensa che sia degno di stare in A. Fino a tre settimane fa anche qui si scriveva che era un paracarro portato da Preziosi. Basta mettersi d’accordo e trovare i giusti equilibri, secondo me anche perché ora viene il difficile e puo’ starci di nuovo qualche giro a vuoto.

      • Paolo says:

        dipende sempre cosa si vuole….siamo onesti Giovanni…ci si salva con certe rose perche’ la serie A e’ a 20 squadre e non ci sono piu’ i campioni che negli anni 80 e 90 giocavano tutti da noi…..ogni anno ci indeboliamo…se poi preziosi va ringraziato perche’ resta in serie A con questa serie A e con 46 milioni annui di diritti tv ( 7mo introito in Italia)…mi vien da ridere…allora al Chievo cosa sono ? dei geni?

  11. LAURA1962 says:

    Buon pomeriggio a tutti.
    Sara’ la gioia provata al gol di Galabinov, che per me era inspiegabile fosse sparito dai radar, sara’ che Ballardini mi fa essere ottimista, sta di fatto che io una rosa cosi’ scarsa francamente non la vedo ora e nemmeno la vedevo prima. Forse mal assemblata ma non scarsa. E, sinceramente, il secondo tempo contro il Sassuolo, a parte i primi dieci minuti di difficolta’, a me non e’ dispiaciuto. E l’azione del gol per me e’ davvero bella.
    Saro’ un’incompetente o l’amore per il Grifone mi fodera gli occhi di prosciutto?
    Forza Genoa, sempre!

  12. bruno says:

    Buongiorno a tutti. Daccordissimo Giovanni su ciò che hai scritto. Ma ciò dimostra ancora una volta che Preziosi nonostante i suoi casini, nonostante i suoi intrecci e le plusvalenze, cose che comunque fanno oramai tutti, lui la squadra la mette sempre su. Certo, ogni anno deve rimediare a qualcosa. Gli ultimi 2 ciò che ha ceffato di più, sono gli allenatori, ma fortunatamente quest’anno dopo Juric ha optato per il migliore. Pertanto, io in disaccordo con quello striscione che era nella parte superiore della nord sabato, che citava PREZIOSI VATTENE… dico…finchè non si presenterà qualcuno che garantisca di più spero vivamente che Preziosi resti! E sinceramente credo che questo sia il pensiero dell’80% dei tifosi. E questo non significa essere un lecchino di Preziosi, sia chiaro…bensì volere il bene del Genoa. Personalmente non rimpiango nessun presidente avuto da 50 anni ed oltread oggi. Tantomeno sono rammaricato per coloro avrebbero dovuto o potuto prendere la società oggi e non l’anno fatto. Ma meno male!!! ci mancava!!!….brunob

  13. layos says:

    Giovanni prendi la classifica e cambiala con un pareggio del Genoa a Ferrara. Avremmo noi un punto in più e la SPAL due punti in meno. Saremmo a +8 sulla salvezza e in vantaggio negli scontri diretti con tutte le inseguitrici.
    Di fatto saremmo virtualmente già salvi.
    Quella sconfitta, di tante orribili partite che ci ha fatto ingoiare Juric, è stata quella che non dovevamo subire per nessun motivo. Ci sarebbe voluto amplissimo turn over con il Napoli (come saggiamente ha fatto Ballardini in coppa con la Juve prima della delicatissima partita con il Benevento) e poi giocare a Ferrara con il coltello tra i denti, come se fosse uno spareggio salvezza, da non perdere a nessun costo.
    Juric andava esonerato dopo la sconfitta in casa col Bologna, altra partita che sarebbe stata da vincere, ma tassativamente da non perdere. Ma forse ancora meglio non riconfermato dopo un girone di ritorno da mani nei capelli.

    • Giovanni Porcella says:

      ragionamento condivisibile, vero

    • Finnrico says:

      D’accordo, tutto vero.

      Però diciamo anche onestamente che a Ferrara abbiamo tenuto il pallino tutto il primo tempo, ci siamo divorati due gol clamorosi (vedi Rigoni a mezzo metro dalla linea di porta), Antenucci ha pescato il jolly con un tiro del piffero che è andato nell’angolo (male Perin) e le statistiche dicono 11 tiri contro 7 e 61% vs 39% di possesso di palla.
      Certo, è vero che se facevamo muro dietro negli ultimi 30 metri come adesso con Ballardini e ogni tanto sparacchiavamo qualche mela al porco in avanti magari alla fine si vinceva pure, perché la Spal è poca cosa davvero.

      L’errore di Juric probabilmente è stato di voler continuare sempre e comunque a conservare la fisionomia di gioco della squadra, senza rendersi conto che i conti non quadravano e che per andare avanti su quella strada ci voleva qualcosa di più sul piano tecnico e caratteriale.

    • salve
      mi permetto un piccolo fuori tema; Layos ho curiosato nel tuo blog e l’ho trovato interessante pur essendo io, di idee abbastanza diverse; spero che, come ho letto, tu non lo chiuda.
      ti faccio i complimenti e Forza Genoa
      un saluto
      Piero e famiglia

  14. Andrea says:

    Coi se e coi ma come diceva il grande Franco non si fa nulla…..attualmente dobbiamo solo vedere questa classifica che è comunque tanta manna se si pensa alle prime sei partite….ma tecnicamente la squadra è scarsa nella maggior parte degli elementi e non ci possono essere dubbi al riguardo. Non è che Preziosi ha messo su una squadra dignitosa è Ballardini che sta facendo il massimo con quello che ha e ha ragione Giovanni che qualche passaggio a vuoto ancora arriverà se non inseriscono 2 o 3 elementi con molto buon senso.

    Juric andava mandato via a fine anno concordo.

  15. Filippo says:

    Tutto vero e giusto, ma c’è da tenere in considerazione che il calendario affrontato da Ballardini è stato molto più agevole rispetto a quello del suo predecessore.
    Senza togliere i giusti meriti all’allenatore, adesso è il momento di capire se questa squadra può fare un salto di qualità.
    Se non fosse così ci dovremo conquistare comunque la salvezza nelle ultime giornate quando fare punti sarà sicuramente difficile…

  16. Fabrydt says:

    Buongiorno a tutti,
    i commenti di oggi sarebbero stati diametralmente opposti se Perin non avesse fatto il miracolo su Matri, quindi per onestà intellettuale pur gioendo per il risultato, non ho difficoltà a manifestare tutte le mie perplessità sulla prestazione.
    Si dice Ballardini azzecca i cambi? Si può tradurre anche con Ballardini sbaglia la formazione. Sia chiaro Gasp a parte il Balla è quanto di meglio potesse capitare al Genoa. Sgomita fa legna e fa quello che deve fare per risalire il Grifo in classifica, il bel gioco è di là da venire e nessuno lo pretende sia chiaro. Quello che lascia perplesso è l’insistenza su Rigoni (una sedia) quanto in panca c’è un moretto tutto dinamismo e tecnica come Omeonga. Finalmente il grido di dolore più volte da me espresso su Rosi, (io suggerivo Biraschi al posto di Izzo e l’innalzamento sulla fascia di quest’ultimo ma anche il contrario va bene) è stato ascoltato. Galabinov tutta la vita al posto di Lapadula, con dietro 2 fra Rossi (prima o poi avrà i 90 minuti perché è di un altro pianeta ed il non vederlo brucia) Pandev e Taraabt. A mio avviso se non si fa la cacchiata di cedere pedine importanti e si prende un boscaiolo a centrocampo non ci sono altri interventi da fare per chiudere fra il 12 ed il 16° posto.
    FORZA VECCHIO BALORDO

  17. alberto says:

    I soliti complimenti a Gasperini che in una settimana ha fatto due capolavori. Il solito Preziosi sei un genio! La vera prova provata che lui è il Calcio è Gasperini non i giocatori.
    Non è credibile che Lapadula verrà pagato 13 ML. Magari non sarà quello attuale, veramente solo buona volontà, ma che l’esborso possa essere superiore al secondo Milito….
    Ci marcia e ci campa.
    Grazie Ballardini, sta aggiustando i disastri del Genio in fatto di allenatori ma…ho visto i derby di Liverpool e Siviglia ed il calcio deve essere quello. La partita con il Sassuolo mi ha fatto rivalutare le dirette di Carling! Come si farà ad affermare che è il migliore allenatore…boh.

  18. Fabrydt says:

    Ciao Alberto,
    se il tuo commento si riferisce a quello che ho scritto io mi sembra fuori tema, ho affermato che Gasp a parte Ballardini è il meglio che poteva capitarci.
    Dall’elenco quindi esulano tutti quei buoni tecnici che col cavolo che verrebbero al Genoa, dove c’è il buffone con le porte girevoli.
    Mi sembra che nessuno qui sostenga che Ballardini sia il migliore allenatore al mondo ma solo quello che ci sta portando fuori dalle peste, che mi sembra un dato oggettivo. Che la partita con il Sassuolo abbia fatto angoscia mi sembra abbastanza palese e dai più me compreso palesato. Sempre che il tuo post sia riferito al mio naturalmente potresti avere ragione solo s lo avessi letto una riga sì e una no, perché io condivido praticamente tutto quello che hai scritto tu.
    FORZA VECCHIO BALORDO

  19. Pey says:

    Prima di tutto faccio outing: sono un ballardiniano 100%, sono uno di quelli il cui parere sulla partita e sui giocatori è condizionato dal risultato, sono (è il caso di precisarlo?) un devoto adepto della filosofia “Primo: non prenderle”.
    Detto questo, scrivo per fare alcune osservazioni, senza pretesa che siano la verità assoluta, anzi.
    1) Sarebbe da sciocchi non riconoscere che il nostro ex allenatore a Bergamo sta ottenendo ottimi risultati. Però a me sembra che il gioco che sta proponendo adesso non sia esattamente quello che faceva qui. Il motivo non lo so (ha fatto esperienza, qualcuno in società lo affianca e lo consiglia) però il Mesto della situazione nel tridente non lo vedo, non vedo un Ansaldi difensore centrale e un Izzo sulla fascia, non vedo il Papu Gomez ad arare la fascia, vedo tiri da lontano e turn-over ragionati e ragionevoli. Non vedo nemmeno un Olivera imposto come centravanti contro ogni evidenza ogni volta che sia possibile. E vedo anche che in questo modo arrivano i risultati. Molti di più di quelli che arrivavano a Genova (72 punti l’anno scorso contro i 68 dell’anno di Motta e Milito, senza contare i turni passati nelle Coppe). Sarà colpa dei tifosi?:-)
    2) Ho letto (Filippo) che il calendario di Ballardini è stato più facile. Non mi sembra, può darsi, ma siamo sempre a livello di opinioni: sicuramente non molto più facile da giustificare un’inversione di tendenza così marcata in fatto di punti. Abbiamo comunque giocato contro la Roma in casa, in trasferta a Firenze e Torino, e, classifica alla mano, il Verona vale la Spal, il Sassuolo più o meno il Chievo. Poi il Crotone non è l’Udinese di adesso, ma quella di inizio campionato per me la vale. Juric l’aveva detto a Firenze l’anno scorso : preferiva affondare con le sue idee che vincere snaturandosi. Lo rispetto, ma non condivido.

  20. Mirko says:

    Ciao a tutti.
    I risultati danno certamente ragione alle scelte di Ballardini anche se, a mio parere, giocare a pallone è un’altra cosa.
    Pazienza, diciamo che vedendo il Genoa non mi strappo certo i capelli, ne mi diverto tantissimo e francamente se non fossi tifoso, forse cambierei canale, molto meglio Cartoonito. Ma poi alla fine prevale sempre il tifoso sullo spettatore, Penso che nonstante il ciclo sia buono, l’equilibrio sia molto sottile e sarebbe bastato davvero poco in queste condizioni per perdere delle partite che invece poi si vinto.
    Occorre assolutamente rinforzare al squadra per provare a giocare un po’ di più e non solo spazzare stile terza categoria.
    Izzo e Laxalt li vendere tranquillamente, magari all’estero, soprattutto Laxalt (a che serve?) . Con una quindicina di milioni in più (minimo) penso che Preziosi un paio di giocatori decenti di categoria li possa prendere. Castan però anche no: mi sembra ormai irrecuperabile.
    Davanti ci sono troppi esterni e non ce n’è uno decente.
    Rigoni dimostra di essere quello che Juric aveva percepito, inutile e bolso, pure un po’ montato.
    Peraltro vedo molte note positive inattese: Biraschi (mi è sempre piaciuto) Migliore e Galabinov su tutti. Pandev invece lo considero una risorsa per il ruolo che copre e l’età che ha è ancora molto valido, ma se parte dall’inizio però non ha tutta la partita nelle gambe.
    Serve qualcuno che sappia segnare. Io sonderei gente tipo Babacar, magari in prestito (tanto a Firenze fa solo panca e per il gioco di Ballardini, cioè tutti dietro la linea della palla e ripartenze) è perfetto.
    Ma ripeto che a mio avviso: il gioco del calcio è un’altra roba.
    Di questo passo finirà che mi accontenterò di vedere il risultato finale, perchè guardare le partite non è il massimo dell’intrattenimento sportivo.

  21. alberto says:

    Mi riferivo a post anche alllegati all’articolo precedende del buon Porcella. Ma se scrivi in coda nessuno ti legge.
    Comunque riferito anche a chi telefona in trasmissioni tv o posta questo ballardinismo 100%, liberi di professarlo ma non lo capisco. Secondo me Gasperini ha prodotto anche al Genoa risultati eccezionali sia nella classifica che nello spettacolo, in una società molto più orientata sui conti, soprattutto non pubblici, che non l’Atalanta.
    Secondo me è difficilissimo fare ottimo calcio con Preziosi, tanto è vero che ci è riuscito solo Gasperini. Per Preziosi c’è un campionato apertura che finisce ad agosto e uno di chiusura che finisce a gennaio, tutto il resto è un mero dettaglio. Se fosse convegnente retrocederebbe.
    Comunque il calcio a livello massimo è, sempre secondo me, uno spettacolo. Il campionato italiano lo dimostra, non lo è, quindi retrocede inesorabilmente. Viva Sky che mi fa vedere degli spettacoli prima inaccessibili.

  22. Andrea says:

    Sapete l’ultima? Non si riesce nemmeno a vendere Laxalt per far rientrare Criscito…….ovviamente siamo talmente nella merda finanziariamente che chi è interessato a Laxalt offre meno della metà dei 15 milioni richiesti……e senza questi il Genoa non può permettersi di darne 2 allo Zenit per Criscito perchè se no lo perdono a parametro zero a Giugno…..

    I Russi chiedono 2 milioni almeno per non perdere tutto e noi non li abbiamo da poter spendere……ecco la situazione finanziaria in cui siamo…….ringraziamo il Presidente……lo prendono tutti per il culo nel mercato perchè sanno che ha l’acqua alla gola……ahahahah

    • Claudio says:

      hai ragione, la penso esattamente come te…perche’ e’ cosi’…eppure come vedi anche dal post di Giovanni , ma anche da come si vede sui giornali locali (eccetto Gessy Adamoli) e’ incominciata un incomprensibile campagna pro-preziosi. Improvvisamente son finiti gli striscioni, son finite le contestazioni…e stanno cercando mediaticamente di inculcarci l’idea che o ci teniamo lui..oppure ci aspettera’ solo di peggio….E’ il classico atteggiamento “Maniman” dei genovesi…adesso probabilmente o politicamente o per qualche indicazione dalle alte sfere il diktat e’ “smontare il malcontento e mettere in buona luce preziosi”….poi un giorno forse ci spiegheranno perche’…So solo che la cosa e’ alquanto irritante.

  23. bruno says:

    Buonasera a tutti vorrei esprimere il mio parere su ciò che hanno scritto Mirko e Alberto. Sottolineando che è solo il mio modesto pensiero. Per quanto riguarda Gasperini, sono daccordo in parte, in quanto che sia un grande allenatore non si discute. Però Gasperini ha allenato il Genoa in un periodo in cui il presidente Preziosi gli ha messo a disposizione fior fiore di giocatori, di cui sicuramente alcuni da ricostruire come ben sappiamo, ma molti altri campioni con i quali forse era più facile ottenere risultati che non con le rose giocatori degli ultimi 2 anni. Non credo che con giocatori come Orban Ntcham Gentiletti Lazovic oppure Cataldi Ninkovic ecc ecc Gasperini avrebbe ottenuto sia il gioco sia i risultati che ha ottenuto in quel periodo. Per quanto riguarda lo spettacolo, io dico questo. In 50 anni ed oltre che seguo il Genoa gli anni che ho visto spettacolo li contio sulle dita di 2 mani. E cioè gli anni di Bagnoli e giusto quelli di Gasperini. Per il resto disastri e drammi. Con un numero infinito di retrocessioni. Pertanto non sono abituato a vedere il grande calcio quando gioca il Grifo. Ed è a maggior ragione che apprezzo ancora di più il lavoro di Ballardini…perchè con il modesto materiale che ha a disposizione è riuscito a cambiare completamente volto e a dare una fisionomia ad una squadra spenta che stava naufragando verso la serie B. Creando una squadra che pur non avendo grossi giocatori, ha una sua personalità e giocatori rigenerati. Saluti brunob

  24. giovanni says:

    Mettersi nelle mani di un juric “con tutto il rispetto” e’ stato letale ha spantegato la rosa di alette a dir poco inconsistenti oltretutto a caro prezzo che disastro.Dicevano che era un presidente “tecnico” uno che se ne intendeva ma per l’amor didddddio.

  25. nicola says:

    Visto che sai tutte queste cose, mi dai anche qualche numero che me lo gioco al lotto ?

  26. Andrea says:

    23 è quello giusto se intendevi me…..giocatelo e vedrai che vinci ahahahah

  27. Rinaldo says:

    Martina, ex portiere del Genoa su Buffon, presunto tifoso del Genoa: ” non chiuderà la carriera al Genoa, un campione così quando smette deve farlo bene”.
    Un sentito Grazie al bresidende.

  28. alberto says:

    Ho sempre pensato che la rosa nn sia cosi scarsa come ho sentito e letto..mi sbagliero ma nn mi sembra cosi inferiore a quella della delegazione…nn facciamo gol, ma è conseguenza della disposizione, giusta al momento, della squadra..l’attacco è buono, ottimo se pepito torna al 70% purchè, magari in futuro, si giochi con 3 attaccanti (gala o lapa e pepito e staffetta taarab e pandev dietro..o magari lazo provato dal balla con il sassuolo in quella posizione); insomma un 4-3-1/2 con sarificio probabile di zuka, che a me piace, ma nn credo abbia gamba come terzino sx x questo schieramento. A centrocampo ne avremmo 6 x 3 posti..impossibile nn trovarne 3 che possano giocare insieme..certo se arrivasse uno simile a sturaro sarebbe perfetto..ma anche cosi a mio parere sarebbe una buona squadra..spero che il balla prima o poi la provi..sempre che riusciamo a toglierci da lì al piu presto..
    Albi

  29. Andrea says:

    Cosa vi avevo detto su Criscito…..tutto si avvera, lui vorrebbe tornare e si accontenta anche sullo stipendio il problema è che lo Zenit chiede qualche milione adesso non di più e quindi siccome non possiamo se ne andrà negli emirati arabi…..rova da pazzi perdere uno così per due milioni di euro…..società da ridere come il presidente tutti prestiti situazione finanziaria Genoa un disastro….

Lascia un commento

PRANDELLI CONVINCE, MA SERVONO INVESTIMENTI

In dieci minuti Prandelli ha capito dove è finito. L’arbitro Pasqua gli ha fatto il regalo di benvenuto mandando fuori

PERDENTI E CONTENTI

Di perdenti di successo l’Italia è piena. il Genoa purtroppo non fa eccezione. Juric sarà pure bravo, sarà pure sfigato

RAMMARICO ENORME

Dopo il pareggio nel derby al Genoa resta in mano solo una cosa: un enorme rammarico. Una vittoria accarezzata a

STAVOLTA NON RISCHIA SOLO JURIC

E’ un derby che pesa quello che dovrà affrontare il Genoa. Domenica sono tante le risposte che la squadra rossoblu’

Search

Archivio