LAPADULA E IL BALZO ALL’ULTIMO RESPIRO

23 Dic 2017 by Giovanni Porcella, 14 Commenti »

Lapadula ha dimostrato di essere un giocatore da trincea. Il suo guizzo al 94′ che ha permesso al Genoa di prendere il rigore decisivo per battere tra sofferenze varie lo dimostra in pieno. Tre punti e balzo in classifica notevole. Ballardini ha preso 11 punti in sei gare. Non è stata una partita ben giocata dai rossoblu’, soprattutto la prima mezzora. Sono uscite ataviche problematiche strutturali del gruppo e poi fa pensare un Veloso in condizioni disastrose, un Rigoni involuto e in generale una squadra senza personalità quando deve imporre il gioco. Eppoi Pandev sbaglia gol veramente facili. Un palo e una traversa non bastano a far cambiare opinione. Meglio la ripresa piu’ caparbia ma restano i difetti. Altri gol buttati da parte di Pandev e pure di Lapadula e qualche grosso rischio rintuzzato da Perin e compagni, poi la liberazione con Lapadula che spiazza Belec e regala un Natale dignitoso ai rossoblu’. Prima vittoria in casa di questo campionato, va bene così ma c’è molto da lavorare. Auguri a tutti.

14 Commenti

  1. salve
    oggi salvo solo Spolli e Zukanovic, due autentici giganti, bene Perin l’unica volta che è stato impegnato mentre il resto … Rigoni irriconoscibile, Veloso inguardabile, Pandev pessimo …
    Rosi e Bertolacci che hanno ? guai fisici ?
    Pessimo e indisponente arbitraggio di Abisso, mi auguro di non incrociarlo mai più ..
    Auguro a tutti una serena Festa della Natività
    un saluto
    Piero e famiglia

  2. Enzo says:

    Va bene così, oggi non si può pretendere di più, troppa paura e troppi errori anche da chi non te li aspetti (vedi Pandev).
    Ora speriamo di prendere un punto a Torino e poi vediamo se questa squadra verrà rinfozata.
    BUON NATALE A TUTTI

  3. Claudio says:

    Il problema e’ che saremo ogni anno a dire le stesse cose : Come pensate che il Genoa possa risollevarsi se sappiamo che c’e’ un debito che va coperto? Si continueranno a vendere i migliori e ad allestire squadre al risparmio nella speranza di imbroccare qualche prestito o qualche svincolato dal passato illustre per rilanciarlo e naturalmente rivenderlo. Questa e’ la maniera di fare calcio di preziosi, tanto che mi viene il sospetto che il debito venga “tenuto sotto controllo” nel senso di “tenuto in vita”..in modo che giustifichi ogni anno le vacche magre che ci vengono propinate. Mi chiedo , Giovanni, se anche tu non ti sia annoiato ogni anno di dire : “Bisogna rimboccarsi le maniche e remare per il bene del Genoa”…Si, ok…abbiamo capito…ma la resa dei conti quando avverra’? Quando arrivera’ finalmente il momento in cui la misura sara’ colma e anche voi della stampa, insieme alla citta’ e alle istituzioni, avvierete un processo di allontanamento di preziosi? Perche’ SI PUO’ FARE…non raccontiamoci quella dell’uva…se una citta’ , le sue istituzioni, e la stampa, compatta…decide di fargli terra bruciata….se ne va.

  4. bruno says:

    Giovanni….Buongiorno, è vero quello che dici. Ma ricorda il primo anno che è arrivato il Balla, più o meno all’inizio è stata così. Prendere una squadra allo sbando in queste condizioni dev’essere difficilissimo. E lui è un grandissimo perchè sà cosa e come fare. La partita di ieri a mio parere non era difficile….ma difficilissima. Inoltre come dici giustamente tu abbiamo alcuni giocatori fondamentali completamente fuori forma. Il mister sta facendo miracoli. Secondo me più avanti se riusciremo a portarci in una posizione di classifica più tranquilla, Ballardini come fece anni fà ci farà vedere, compatibilmente col materiale a disposizione anche del gioco migliore. Auguri anche a te e a tutti gli amici del Grif House!!!! brunob

  5. Rinaldo says:

    Vincere a tempo scaduto su rigore non capita spesso a noi, prendiamolo come buon auspicio per l’anno prossimo. Per Torino sono ottimista, facciamo meglio in trasferta poi il mercato deve portare un paio di centrocampisti di sostanza ed un attaccante di valore, sempre attendendo il passaggio di proprietà. Felice e sereno Natale a tutti!!!

  6. mauro says:

    Ciao Giovanni,

    11 punti in 6 partite con questa squadra sono un miracolo, sperando in un centravanti e un mediano dal primo gennaio.

    Buon Natale a te e a tutti i Genoani

    FORZA GENOA

    Mauro

  7. Paolo says:

    T Non ho visto la partita, ma ho visto il servizio a novantesimo minuto. Condivido in pieno tutte le perplessità e le preoccupazioni espresse nell’articolo. Vincere al novantaquattresimo su rigore contro una squadra già condannata alla B e’ deprimente. Non invidio affatto Ballardini. Deve trarre il massimo possibile da un gruppo di giocatori che hanno smarrito la personalità e che alla prima difficoltà vedono materializzarsi i vecchi fantasmi. E’ veramente un bravo allenatore, paziente, perseverante, che difficilmente sbaglia le mosse. Tutta un’altra cosa rispetto a Juric, che andava in bambola non appena la squadra cominciava a perdere colpi. Ma questo non basta. All’Epifania comincia il girone di ritorno e ritroveremo le prime della classe. O ci mettiamo a giocare come si deve o avremo sempre meno chance di salvarci, anche perché dietro non stanno a guardare. Sassuolo, Crotone, Cagliari e Spal giocano, lottano e mettono in difficoltà i loro avversari. Noi siamo timorosi e sbagliamo le giocate più semplici. Finora è andata bene, ma per quanto durerà? Occorrono rinforzi di qualità a centrocampo e in difesa. Solo se dietro ci sarà sicurezza e tranquillità gli attaccanti saranno in grado di giocare meno precipitosamente e ne metteranno dentro di più. Vedremo a gennaio cosa arriverà. Intanto speriamo che Lapadula cominci a segnare con maggiore frequenza; che Rossi non si faccia male e torni quello di una volta. E poi lo vogliamo far giocare Pellegri? Se non gioca non potrà mai esplodere, come succede all’estero. Ci vuole più coraggio. Comunque ora godiamoci un Natale tranquillo e speriamo in un anno meno ansiogeno di quello che sta per finire. Le coronarie dei tifosi non sono d’acciaio. Buon Natale a tutti i Genoani.

  8. Des10 says:

    Sino al mercato di gennaio l’unico proposito del Balla era quello di tirare fuori più punti in classifica dal materiale tecnico a disposizione. ..Alla luce di tutto ciò va bene così. Abbiamo 4 squadre dietro, 5 col Cagliari se consideriamo lo scontro diretto.Buon Natale a te Giovanni e a tutti i Genoani.

  9. … buongiorno e serena Festa della Natività a voi tutti,
    saluti Piero e famiglia

  10. Francesco origina rossoblu says:

    Ricambio gli auguri.Ormai lo sappiamo tutti.Pandev non è mai stato un goleador e invecchiando è peggiorato.Lapadula secondo me non raggiungerà mai la migliore condizione anche perché questo è il suo massimo.Veloso parte qualche rarissima occasione è sempre sotto la media è gioca solo perché marito della figlia del tizio.Gli altri si barcamenano nella mediocrità generale intanto lo stipendio lo prendono lo stesso.Tarabt è l unico con una certa tecnica ma spesso predica nel deserto.

  11. maurigno says:

    Auguri a tutti
    Non scrivo sul blog da parecchio. Ho sbagliato tutte le previsioni , dal cambio di proprietà al cambio di passo della squadra al cambio di allenatore.
    Mi limito a riportare un fatto statistico. Questo girone di andata si conclude a Torino con la decima trasferta in 19 gare , le 9 in casa sono in realtà 8 + il derby.
    Al ritorno avremo 9 trasferte , in realtà 8 +il derby , e 10 in casa. Verranno a Marassi : Sassuolo Cagliari Crotone Spal Verona Udinese. Senza esagerare , con il passo di Ballardini e l’imperativo ” primo non prenderle” fare 19/20 punti nel girone di ritorno non mi sembra un’impresa titanica. Con Juric era tutto più difficile. Ballardini ha dato compattezza all’ambiente e la salvezza è alla portata.
    Mercato permettendo.

  12. PREVIATI STEFANO says:

    Un pianto totale, unica nota positiva i punti ma per il resto …….. mamma mia .
    Ora arrivano partite non semplici, e non bastera’ il ……. la fortuna.

  13. Andrea says:

    Auguri a tutti i genoani prima di tutto. Abbiamo assistito alla partita col Benevento con molto nervosismo perchè i tre punti erano troppo importanti. Ma ce l’abbiamo fatta. Come di incanto si aprono mille voci di mercato che invece in questo momento dalla società dovrebbero essere assolutamente messe a tacere per il bene della squadra e dell’ambiente e invece no……perchè quello scellerato di presidente non capisce niente…..non siamo neanche fuori col naso dalla merda in cui ci ha cacciato e già parlano di vendere Izzo…..poi non vuole che i genoani si incazzino!
    Ci vuole poco a capire che da quando Izzo è rientrato la difesa si è blindata un poco e anche Zukanovic ha preso fiducia……ma si mettiamo in giro voci e vendiamoci tutti tanto……sulla pelle del Genoa è lecito far di tutto! Io quell’essere non lo sopporto e nemmeno Perinetti che ha uno stile che dire da mercato delle acciughe è di poco…

    Poi Perin, anche quello già al Napoli, Laxalt all’Atalanta, Taarabt in inghilterra, basta solo che Rossi faccia numeri e ce lo siamo già venduti……

    Quei pochi che abbiamo sono già andati…….e con una squadra da salvare e un campionato a metà!!! Io mi chiedo se in società sono scemi o cosa…..

    SIamo veramanete messi male…..e di vendere quello scellerato non ne parla più…..pazzesco come ci prende in giro……ma arriverà anche per lui la divina vendetta cavolo se arriverà basta solo aspettare…….

  14. massimo says:

    mi puo’ spiegare perché dobbiamo ancora vedere in campo veloso ? da lui a detta di tutti si ci aspetterebbe la giocata superiore alla media ed invece uno cosi non giocherebbe neanche in seri B. un altro grazie a preziosi. a dimenticavo che adesso arriva il momento piu’ bello per il presidente e cioe’ il calciomercato per vendere ed incassare quel poco che ci ha lasciato in rosa.

Lascia un commento

BALLARDINI 2.0

Il Genoa rimbalza alto. Con Ballardini praticamente 2 punti a partita, dunque un Ballardini 2.0. Per la verità è 1,8

GENOA OK: IL BUNKER TIENE, MA DAVANTI C’E'…LAPALUDE

Va benissimo, lo ripeto, va benissimo. Ballardini ha capito tutto e a suon di risultati sta tirando fuori dai guai

LAPADULA E IL BALZO ALL’ULTIMO RESPIRO

Lapadula ha dimostrato di essere un giocatore da trincea. Il suo guizzo al 94′ che ha permesso al Genoa di

ORA IL BENEVENTO, NON C’E’ NULLA DA AGGIUNGERE

Missione compiuta. Il Genoa riparte da Firenze con un pareggio importante anche se il gioco dalla metà in campo su,

Search

Archivio