ORA IL BENEVENTO, NON C’E’ NULLA DA AGGIUNGERE

17 Dic 2017 by Giovanni Porcella, 19 Commenti »

Missione compiuta. Il Genoa riparte da Firenze con un pareggio importante anche se il gioco dalla metà in campo su, si puo’ solo intravvedere. Ma la classifica è cio’ che conta e Ballardini in questo senso ha fatto il massimo: 8 punti in 5 partite da quando è arrivato lui al posto di Juric. L’unica cosa che ancora non gli è riuscita è vincere in casa e per questo bisogna attrezzarsi subito perché sabato arriva il Benevento e non bisogna aggiungere altro. servirà grinta, carattere, razionalità e il tifo della Nord. Tre punti finalmente davanti al proprio pubblico darebbero un senso pieno e ottimistico a cio’ che pezzo per pezzo hanno costruito i giocatori e Ballardini peraltro ancora imbattuto in trasferta. Insomma il Genoa non piace ancora agli esteti ma nel tempo di pane e basta non serve a nulla rimpiangere burro e marmellata. Contro i viola decente Brlek, convincente Migliore. ok i difensori mentre Veloso sbaglia secondo me un po’ troppo. Ma tutti si sacrificano e va dato atto a tutti di mettersi a disposizione del credo tattico dell’allenatore che giocoforza probabilmente va a “sporcare” certe peculiarità tecniche. Il Genoa fatica a costruire gioco offensivo e a tirare in porta. Ma al Ferraris si fa la stagione. La società sta lavorando per dare a Balla qualche rinforzo e poi Rossi sarà un jolly da calare quando si potrà. Intanto mercoledì c’è il viaggio a Torino con la Juve per la Coppa Italia che pare benvenuto quanto il mal di denti a ferragosto. Conta solo sabato col Benevento.

19 Commenti

  1. salve
    Giovanni scusa ma non sembra evidente un altro “regalo” di Juric e cioè la carente preparazione atletica ? il Genoa regge un po ma poi pare sulle gambe.
    E’ solo una mia impressione o concordi/concordate ? faranno qualche richiamo atletico nella sosta ?
    Condivido, benino Brlek, bene Migliore e anche Omeonga; si è capito perchè Rigoni andava in affanno nelle ultime due partite; se ha contratto la stessa influenza che ho avuto io, prima di manifestarsi in pieno ero mollo come lo stracchino …
    un saluto
    Piero e famiglia

  2. giovanni says:

    Se vi piace Migliore allora Bertolacci in regia fuori Veloso e Laxalt mezzo sinistro.

  3. Fabrydt says:

    Buongiorno a tutti,
    ciao Piero, spero che tu abbia ragione su Rigoni, ma con l’Atalanta ha sbagliato 3 ultimi passaggi che imputerei più ai piedi che all’influenza :-) .
    Firenze ci lascia un sorriso non importa in che modo si sia preso il punto conta solo averlo preso. Dici bene Giovanni conta solo il Benevento, sappiamo come gli anni passati appuntamenti di questo tipo (vedi Pescara) siano stati falliti. Ora non si può e non si deve. Credo che il Balla saprà far capire che i tre punti per marcarseli bisogna prima sudarseli sul campo anche perché se è vero che hanno 1 punto solo è vero anche che tranne rare volte sono quasi sempre stati in partita, anche ieri con la Spal.
    Bisogna girare a 20 minimo e questi 3 punti sono fondamentali.
    FORZA VECCHIO BALORDO

  4. francesco says:

    buongiorno, Balla ha inserito una marcia diversa da quando é arrivato.
    Meno male aggiungo. Peccato solo non aver preso punti con l’Atalanta e non era cosa impossibile. Amen, serviva un po’ di fortuna!
    Sabato per un solo risultato, in considerazione obbligata delle partite di ieri dove tutte hanno fatto il pieno. Ragazzi, fateci/fatevi un bel regalo di Natale!!
    DAGGHE ZENA!!

  5. paolo says:

    E’ vero. La squadra regge bene nel primo tempo, poi nel secondo arriva il calo fisico.
    Sicuramente la sosta farà bene, ma solo se i giocatori si dimostreranno responsabili e si metteranno subito a disposizione dell’allenatore e del suo staff per riacquistare una condizione atletica che consenta loro di reggere per tutti i 90 minuti.
    Se cominciano – soprattutto gli stranieri – ad andare a casa, magari oltre oceano, si perde tempo prezioso e non si recupera niente.
    La situazione è ancora molto complicata. Ieri è stato conquistato un punto molto prezioso su un campo difficile e sul quale vorrò vedere quanti riusciranno a fare risultato. Però le avversarie dirette per non retrocedere hanno vinto tutte.
    Sarò malpensante, ma non vi pare strano che Milan, Samp e Chievo ( il Benevento non fa più testo, ormai ) abbiano sfoderato contemporaneamente contro 3 nostre dirette concorrenti prestazioni a dir poco sotto tono, per non dire imbarazzanti, mentre quando giocano contro di noi fanno le partite della vita? E il Benevento, che una volta passato in vantaggio improvvisamente smette di giocare e fa errori inspiegabili in difesa? Ieri contro la Spal s’è quasi rivisto quanto successo col Sassuolo. Mah!!
    Certo, i nostri non brillano per niente, soprattutto in attacco, dove il goal latita sempre di più, ma se le altre concorrenti giocano contro squadre decisamente più forti e queste diventano all’improvviso arrendevoli, qualcosa non quadra.
    Comunque, come al solito, dovremo tirarci fuori da questa situazione solo con le nostre forze e cercare di arrivare alle ultime giornate di campionato con la salvezza già in tasca, in modo da non diventare vittime designate di qualche giochetto sporco che a fine campionato è facile che si verifichi ( ogni anno, infatti, nelle ultime giornate ci sono sempre dei risultati che lasciano molto perplessi per come sono maturati ).
    Ballardini è una persona seria e riuscirà a trovare le soluzioni giuste anche in attacco, soprattutto se Rossi tornerà quello che tutti noi abbiamo conosciuto, sperando che i guai fisici lo abbiano finalmente abbandonato. Lapadula ormai non lo considero più, perché si sta dimostrando sempre di più un bidone. Sarebbe meglio rispedirlo al mittente e dare spazio a Pellegri che è giovane e, soprattutto, genoano.
    Con 2 buoni innesti a centrocampo ed in difesa si potrà avere maggiore equilibrio e la squadra potrà finalmente sviluppare un gioco d’attacco maggiormente efficace. L’importante è che Preziosi non cominci a vendere i migliori per fare cassa, altrimenti vanifica gli sforzi fatti finora.
    Concordo sul fatto che il turno infrasettimanale di Coppa Italia non ci voleva proprio. Il calendario di questa manifestazione va rivisto ampiamente così come la formula. Speriamo solo che nessuno si faccia male.
    Ora, però, testa al Benevento e cerchiamo di portare a casa, finalmente, la prima vittoria casalinga di questo campionato.
    Forza caro vecchio Grifone!!

  6. PREVIATI STEFANO says:

    Se non fai 3 punti con i campani dove si vuole andare ? Ci vorrebbe uno che non sbagliasse gol gia’ fatti , vedi Atalanta ……

    • Giovanni Porcella says:

      Carissimi

      ho dato un po’ di numeri:

      Con Ballardini (5 partite) il Genoa ha fatto 8 punti (2 giocate in casa e 3 fuori) e sarebbe settimo in classifica. Chiaro? In queste 5 partite il Genoa ha segnato 4 gol e subiti 3. Il Napoli ne ha segnati 6 e subiti 3. Chiaro? E parliamo della squadra prima in classifica. Chiaro? Con tre gol subiti la difesa del Genoa viene solo dopo quella della Fiorentina (2) ed è al pari di Napoli e Juve. Chiaro? Ora il Benevento è visto come il Real Madrid. Dunque il Benevento non sbraca mai. Ha perso 1-0 con l’Atalanta, spesso in casa perde con un gol di scarto e sempre nel finale. Chiaro? Non c’è da pensare di aver gia’ vinto, ma il Genoa gioca in casa e non ha ancora vinto. Chiaro? Concludendo, se è chiaro, siamo terzultimi ma Bllardini ha gia’ dato una bella sterzata. Quindi turarsi il naso e fare i tifosi. Sabato si deve passare all’insasso dopo 5 partite di ricostruzione.

      • … approvo in toto e, aggiungo; fosse arrivato, Ballardini, la sosta prima della partita con il Cagliari, a quest’ora eravamo tra Udinese e Atalanta … con questi stessi giocatori …
        E’ stato fatto arrivare troppo tardi, il distacco era abissale, ci salveremo ma patiremo fino ad un mese dalla fine
        un saluto
        Piero e famiglia

  7. Asa says:

    Diciamo che diamo felici dei punti e della speranza di salvarci nonostante le partite siano davvero inguardabili.
    Ma da li a dimenticarsi che di tutto questo la colpa è di preziosi che è ancora li a tenerci sul fondo classifica…..nessuno parla più del presidente e dello sfacelo societario.
    Forse e vero che i genoani sono felici quando rischiano la B e allora ben ci sta.

  8. Francesco Oreginarossoblu says:

    Ma che cz dici?Siamo felici di soffrire per la salvezza?Concordo sul fatto che la nostra salvezza è che il rompigiocattoli sparisca.Per il resto puoi mettere il miglior allenatore al mondo ma se hai dei grammi non può fare miracoli e questi scarsi chi li ha presi?

  9. Francesco Oreginarossoblu says:

    Pare che ci siano altri 14 ml di debiti.Li avrà usati per fare i regali di Natale ai suoi amici di Dubay?

  10. Mirko says:

    Si però Dubay con la Y non si può leggere.

    • Giovanni Porcella says:

      Ragazzi, ieri piu’ che dignitosi. Vedre Allegri che mette Higuain e Chiellini perché si è spaventato di due ragazzini e un centravanti che la A non l’aveva mai vista veramente fa pensare

      • salve
        concordo Giovanni
        ieri sera mi son piaciuti (quasi) tutti e, se il centravanti che non ha mai visto la A,. continua così, io lo terrei. Stretto.
        Pur con alcune lacune mi son piaciuti molto Brlek e Cofie, Lamanna ormai totalmente ritrovato, unica nota stonata, Laxalt (un filino meglio nel secondo tempo).
        Sion bastati dieci minuti per farci capire che, Pepito Rossi, è di un’altra galassia :-)
        un saluto
        Piero e famiglia

  11. giovanni says:

    Infatti e’ l’unico che ha mercato se va’ all’Atalanta diventa il miglior sinistro del campionato…allora tutti a dire belin che forte. Gentiletti-Centurion-Lazovic etc questi si buoni e poi il centravanti che fenomeno, se uno e’ buono lo vedi dal mercato non dai discorsi.

  12. bruno says:

    Buongiorno a tutti…leggo che stiamo assistendo a partite inguardabili!?…A me non sembra proprio! anzi, vedo una squadra vera, organizzata, messa bene in campo da un grandissimo allenatore, nonchè dei giocatori che pur non essendo fenomeni, sono dignitosi giocatori di serie A. E leggo ancora che ci stiamo dimenticando del fatto che Preziosi è ancora li con i debiti a tenerci sul fondo della classifica. Ma la domanda è sempre la stessa….chi avrebbe dovuto toglierci da questa situazione? chi avrebbe dovuto portaci in testa alla classifica? Nelle coppe e magari darci la Stella?! Calabrò!?…Gallazzi con il gruppo Sri Group?….brunob

  13. Finnrico says:

    Io ho visto solo la prima mezz’ora (in streaming… si può dire?) e la squadra mi è piaciuta. È vero, ci sono alcuni giocatori che onestamente farebbero meglio a cambiare aria, ma anche seconde linee affidabili, da Biraschi a Cofie, da Omeonga a Galabinov.

    Sinceramente però quello che mi scoccia è vedere ogni anno la stessa formula della Coppa Italia, fatta spudoratamente a uso e consumo delle sette sorelle. Che goduria vedere il Torino far fuori la Roma! E magari fosse successo il colpaccio al Pordenone!
    Insomma: è proprio da pazzi sperare che la Lega, invece che favorire le grandi che fanno collezione di coppe e coppette, metta in piedi una competizione equilibrata e che conceda a tutte le squadre di giocarsela ad armi pari? Lo so, non ho detto niente di originale, però lasciatemi sfogare un po’…

Lascia un commento

PRANDELLI CONVINCE, MA SERVONO INVESTIMENTI

In dieci minuti Prandelli ha capito dove è finito. L’arbitro Pasqua gli ha fatto il regalo di benvenuto mandando fuori

PERDENTI E CONTENTI

Di perdenti di successo l’Italia è piena. il Genoa purtroppo non fa eccezione. Juric sarà pure bravo, sarà pure sfigato

RAMMARICO ENORME

Dopo il pareggio nel derby al Genoa resta in mano solo una cosa: un enorme rammarico. Una vittoria accarezzata a

STAVOLTA NON RISCHIA SOLO JURIC

E’ un derby che pesa quello che dovrà affrontare il Genoa. Domenica sono tante le risposte che la squadra rossoblu’

Search

Archivio