CON IL BALLA E’ UN ALTRO GENOA

19 Nov 2017 by Giovanni Porcella, 26 Commenti »

Visto a Crotone il Genoa mi è parso irriconoscibile rispetto agli ultimi mesi. Un altro Genoa quello del Balla. E’ presto per dirlo, lo so, ma la vittoria contro i calabresi ha una logica: pochi fronzoli, squadra corta e tatticamente ognunio sapeva cosa fare. E poi i cambi con raziocinio. tre punti per rendere meno drammatica la situazione. Non è poco. Il Genoa riparte sapendo che la strada è lunga ma forse se questo allenatore fosse arrivato un po’ prima chissà? Per carità i problemi restano, ma Perin e compagni sono apparsi meno spaesati, meno preoccupati. La sorpresa di Spolli e quella di Pandev sono state le note liete e questo significa che a livello mentale il gruppo ha risposto alle richieste di Ballardini: piu’ calore e passione non accontentarsi di prestazioni insipide. La partenza del nuovo corso è ok, ora la Roma senza paura.

26 Commenti

  1. salve
    non ho visto nè sentito nulla, ero a Imperia a seguire mio figlio, rugby U18 che giocava allo stesso orario, 12.30, del Genoa; che dire ?
    Ottimi i tre punti e adesso speriamo di poter quetare e risalire piano piano di posizioni.
    un saluto
    Piero e famiglia

  2. Rinaldo says:

    Ora abbiamo un allenatore, la differenza è tutta qui.

  3. LAURA1962 says:

    Tre punti importantissimi. Forza Genoa!
    Saluti rossoblu a tutti.

  4. Benny says:

    Partita stradominata!
    Non c’è altro da aggiungere…

  5. Finnrico says:

    Per una volta non commento la nostra partita, ma quella di altri: Benevento-Sassuolo, roba da ufficio inchieste.

    1. Cappellona del portiere che poi non contento finge di non riuscire a parare il confetto di Matri.
    2. Pareggio del tutto casuale, con due giallorossi che si buttano in fuorigioco per farlo invalidare e poi si sbracciano come per scusarsi, ma in realtà per attirare l’attenzione del quarto uomo, increduli.
    3. Manata di Costa al 90′ volontarissima e del tutto gratuita.
    4. E per finire: dato che quel belinone di Berardi la sbatte sulla traversa, ci si fa in quattro per spalancare la porta a Peluso.

    Insomma: se non se la sono venduta, una volta si sarebbe detto “mi faccio frate”…

    Finnrico

    • Ste says:

      concordo, partita allucinante che non pare limpidissima. Aggiungici pure espulsione gratuita di Letizia del Benevento.

  6. Fabrydt says:

    Buongiorno a tutti,
    si respira, a fatica ma si respira. Bene così non si può chiedere di più alla prima del Balla, si poteva chiudere le gara prima e sarebbe stato meglio perché un episodio sfavorevole imponderato può sempre capitare, anche se la gara era sempre in controllo.
    Peccato solo che quando facciamo 3 punti le altre si muovano (un rarità per entrambe le cose). Ora spero in un Genoa “brutto e cattivo” che strappi 1 punto in casa con la Roma… se poi si facesse gioco meglio ancora ma i voli pindarici hanno atterraggi catastrofici, spero in un Grifone che voli basso ma voli.
    Giusta l’esclusione di Omeonga che il mister non ha potuto vedere in allenamento e doveva gioco forza fondare la prestazione sulle certezze acquisite in settimana, spero tuttavia che posa essere preso in considerazione nelle prossime gare perché salvare il positivo che c’era ha una logica, cambiare per cambiare no.
    Agghiaccianti gli errori sotto porta di Rosi e Rigoni che dobbiamo comunque ringraziare per l’inserimento alla Tedesco sul gol, ma non per altro.
    FORZA VECCHIO BALORDO

  7. francesco says:

    bentornato BALLA! Fossi arrivato anche prima sarebbe stato ancora meglio!
    Strada ancora lunga e diffcile, ma non impossibile. Basta crederci. Pochi fronzoli e badare al sodo. Avanti così.

  8. Paolo says:

    Non è con una vittoria che possiamo scacciare una crisi, esattamente come è stato per Cagliari-Genoa. Dare la colpa di tutto a Juric vuol dire chiudere gli occhi, e far finta di non vedere una rosa inadeguata. Rossettini, Lapadula, bertolacci e zukanovic erano i fiori all’occhiello di una campagna acquisti ridicola, il fatto che sia partito titolare Pandev, serio professionista, ce ne fossero nel calcio dei giovani strapagati, è un messaggio chiarissimo di sofferenza. E se anche, come speriamo tutti, a gennaio la situazione fosse più rosea, bisognerà intervenire pesantemente. Non dimentichiamoci che “grazie” a questa vittoria siamo ancora terz’ultimi a un punto dalla salvezza.
    Per il momento prendiamo questi punti e vediamo di farne anche alla prossima… e non diciamo la solita frase “non sono quelle le partite dove fare punti”. Alla fine tutti i punti fanno cumulo e basta farne uno più della terz’ultima… se per farlo bisogna pareggiare con la Roma… facciamo anche questo punto.

  9. Andrea says:

    E’ bastato vedere le partite scorse e mettere la squadra in campo con un pò di testa e i giocatori nel ruolo giusto. Finalmente squadra corta e aggressiva in difesa almeno questo, poi la davanti gente che sa giocare al pallone……è bastato il buon senso.

    Finalmente uno che ci capisce di calcio, non ci voleva molto a capire che Rossettini era un disastro come centrale, ora basterebbe capire che Zukanovic è il nostro punto debole dietro ma non abbiamo altri per sostituirlo…..speriamo ora che faccia morale ma almeno si vede la mano dell’allenatore…..e a proposito finalmente uno che fa le sostituzione che servono perchè sa leggere la partita in corso…..

    Forza vecchi balordo….

  10. Save12 says:

    Ci piace il Balla, alcune accortezze tattiche, squadra corta e alla ricerca degli inserimenti da dietro, vista l’assenza di una prima punta nel primo tempo. Ottima prestazione come sempre di Izzo che anticipa pure l’erba e di Spolli sempre puntuale a “spazzolare” l’area..meno bene Zukanovich, nel senso che facendo il terzo di sinistra nella difesa a 3 si ritrova spesso e volentieri marcato sul suo unico piede e quindi costretto al retropassaggio al portiere..per il resto un buon Bertolacci (speriamo sia meno altalenante con Balla) mentre Veloso si è visto più in difficoltà. Taarabt e Pandev superlativi! Continuiamo cosi e speriamo di strappare un punto a questa Roma, sempre più sorpresa per il suo rendimento costante su cui non avrei mai scommesso.
    W GENOA

    • Paolo says:

      Vero su Zukanovich che rispetto ad Izzo e Spolli è apparso più in difficoltà. Come attenuante si può dire che si trova più a suo agio terzino sinistro, secondo me il Balla cercherà di giocare a 4 e secondo me vedremo un altro Zukanovich. Il mio dubbio è chi gioca terzino destro.
      Paolo

  11. paolo says:

    La soddisfazione è lecita, ma la prudenza è d’obbligo.
    Sicuramente la squadra s’è espressa in maniera molto più concreta e con estrema praticità ( caratteristica che rispecchia fedelmente il carattere dell’allenatore ), ma prima che il Genoa riesca ad esprimere un gioco non solo efficace, ma anche divertente, ne deve passare di acqua sotto i ponti.
    Certo non ci voleva la Roma, soprattutto questa Roma, proprio adesso.
    Sarà durissima, perché ci troveremo di fronte non solo una squadra veramente forte e quadrata in tutti i reparti, ma, se domani sera dovesse avere la certezza matematica del passaggio del turno in Champions, pure euforica e col morale alle stelle.
    Anch’io sono molto sospettoso su certi risultati, soprattutto per come sono maturati (vedi Benevento, ma anche la Fiorentina non scherza). Questo significa che il Genoa quest’anno dovrà faticare molto più dello scorso anno per salvarsi, perché nulla gli verrà concesso ed ogni punto sarà sudato e conquistato con le unghie e coi denti.
    Comunque sono fiducioso, perché Ballardini è garanzia di serietà e competenza, un allenatore che non perde mai la calma e che sa leggere le partite.
    Juric sarà pure un bravo allenatore, ma, come avevo scritto prima della sosta, non è da serie A. Non è colpa sua. Deve fare esperienza ed imparare dagli errori commessi.
    Sicuramente a gennaio si dovrà intervenire sul mercato per trovare almeno un paio di elementi che consentano al Genoa di fare un salto di qualità in avanti e garantirsi una salvezza tranquilla. Non sarà facile, vista la scarsità di “merce” in circolazione.
    Può anche darsi che qualcuno che finora è stato messo in disparte finalmente rinasca e regali a noi tifosi delle belle soddisfazioni. Io lo spero vivamente, perché una cosa che non mi andava giù di Juric era il modo con cui metteva ai margini della rosa un giocatore, magari solo perché gli aveva risposto male in allenamento o perché era incorso in una giornata storta in cui non gliene andava bene una.
    Ora testa, gambe e cuore alla Roma e cerchiamo di portarci a casa almeno un punto ed andare in doppia cifra in classifica. Come ho scritto più sopra non sarà per niente facile, perché mai come quest’anno s’è vista una Roma così cinica e determinata (anche qui acquisti giusti ed allenatore stanno facendo la differenza), ma chi lo sa? La palla è pur sempre rotonda.
    Forza Genoa!! Per sempre.

  12. giovanni says:

    Ma che culo gli hanno presi a pallonate tutto il primo tempo e va’ a finire che erano 3-0 10 minuti e perdevano si stavano cagando addosso.

  13. lorenzo says:

    caro Porcella sento tutte le trasmissioni e dite tante cose sensate e meno sensate però non sento mai nessuno dire che x salvarsi è necessario uno che veda la porta e sia svelto, se no non ci salviamo. Questo qualcuno lo abbiamo in casa si chiama Pellegri e non entra MAI, e non diciamo balle ( è troppo giovane, non vogliamo bruciarlo eccc…) il ragazzo VA fatto giocare magari nel secondo tempo , ma caro Porcella neanche tu ne parli , se uno è buono che giochi. non vorrei che stia in panchina perchè non si faccia male perche già venduto o quasi.(ricordatevi quella palla a Galabinov che non è arrivato e la presa il portiere se cera Pellegri era gol).

  14. nicola says:

    Ci sarebbero mille cosa da dire, ma supponete per un momento che gli incapaci che hanno fatto lo scorso mercato (Preziosi e Juric?) avessero avuto un barlume di lucidità e competenza ed avessero preso – oltre ad un incontrista a centrocampo – Borriello (invece di Galabinov) e Palacio (invece di Ricci e\o Palladino): adesso con questo Taraabt e, ovviamente, Ballardini in panca potremmo, per assurdo, giocarci un posto in EL.
    Invece ci ritroviamo ogni domenica a preoccuparci e sperare che Spal, Crotone, Udinese, Verona, Cagliari e Sassuolo non facciano punti.
    Chissà come si divertono oggi quelli che erano infastiditi da un’anonima parte sinistra della classifica.
    E quanto si saranno annoiati gli esteti del bel gioco domenica contro il Crotone a sopportare una squadra messa in campo finalmente come si deve dopo mesi passati ad osservare il delizioso fraseggio tra i nostri difensori da sinistra a destra e viceversa, fino al puntuale gol avversario che chiudeva i giochi senza speranze di recupero.

    Per domenica nessuna illusione, la Roma è in questo momento la squadra più in forma del campionato: conserviamo energie, caviglie e concentrazione per quella successiva.

    Sempre forza GENOA

  15. robertogrifo says:

    Finalmente abbiamo un allenatore, giocatori che sanno cosa fare e che hanno giocato da squadra.
    Sentire poi Ballardini dire che Lapadula non è ancora pronto e sapere che ha giocato 94 minuti nel derby, una pugnalata al cuore.

    • Save12 says:

      Hai davvero ragione..lo vedevamo noi dagli spalti che Lapadula sembrava menomato..ci voleva il Balla a confermarlo..parole sante!

  16. PREVIATI STEFANO says:

    Anche io, mi avessero chiamato, non potevo fare peggio di Juric quindi le colpe stanno sempre al primo piano della dirigenza, o presunta tale .

  17. bruno says:

    Buonasera a tutti. Si tutto vero, domenica è stata proprio una boccata di ossigeno indispensabile. Ma sinceramente io in Ballardini ho una fiducia enorme. E se fosse arrivato prima dopo la Spal ad esempio, probabilmente ora saremmo messi sicuramente meglio. Purtroppo come da tradizione Genoa domenica non ci aspetta una partita abbordabile, bensì la Roma. L’unica cosa che mi auguro che si giochi la partita con le proprie forze. Dimostrando come sarebbe logico la sua superiorità sul campo, senza aiuti da arbitri, VAR eccetera eccetera.

  18. Bruno says:

    Buongiorno sono andato sulla chatt degli altri a vedere il tizio tal piernotto che mi ha detto che a noi va male dal 46. Certamente nn mi sarei permesso di intervenire per una questione di educazione in uno spazio dedicato a loro. Ma soprattutto dopo aver letto, chiamiamoli, i suoi interventi, mi sono reso conto che nn ne valeva la pena.

  19. alberto says:

    Credo che tutti sappiano della scritta in cielo in “Fantozzi contro tutti” ebbene ad ogni trionfo di Gasperini appare in cielo la scritta “Preziosi è un genio”.

  20. Paolo says:

    Mi sembra che si stia un po’ dimenticando il discorso cessione societaria…Vedo che striscioni non se ne fanno piu’..iniziative non se ne fanno piu’…anche la stampa (escluso il buon Adamoli che e’ l’unico ad aver capito che e’ li’ che bisogna battere perche’ il futuro dipende da quello) sembra aver dimenticato che NIENTE, nel futuro del Genoa, potra’ prescindere dalla cessione e dall’allontanamento dell’attuale presidente… si puo’ perdere la serie A…ma non la dignita’.

  21. Francesco OreginaRossoblu says:

    Erano,sono e saranno sempre inferiori anche se andassero in champion

  22. giovanni says:

    Pellegri a sempre giocato col modulo a una punta mi piacerebbe vederlo adesso col 3-5-2 con uno vicino “taarabt”

Lascia un commento

EFFETTO BALLARDINI

Perin ha ricordato Juric, ma onestamente il Genoa con Ballardini è un’altra cosa. Sta meglio in campo, non cerca avventure,

SENSO TATTICO + SACRIFICIO= 4 PUNTI

Ripeto, il gol se il Genoa deve prenderlo, facciamoglielo fare daglio avversari senza regalare praterie e tremebonde uscite dall’area palla

CON IL BALLA E’ UN ALTRO GENOA

Visto a Crotone il Genoa mi è parso irriconoscibile rispetto agli ultimi mesi. Un altro Genoa quello del Balla. E’

MAI COSI’ GIU’

La sconfitta con la Sampdoria segna uno dei punti piu’ bassi degli ultimi anni del Genoa. Premetto che se la

Search

Archivio