ONESTAMENTE ABBIAMO PERSO TUTTI

20 Feb 2017 by Giovanni Porcella, 89 Commenti »

Attaccare la società è normale, esattamente come mandare via Juric che aveva uno score da retrocessione sparata. Ma chi non è senza colpe in questa situazione? Preziosi ha sbagliato, nel senso che ha sopravvalutato la forza di Juric e quella della squadra soprattutto dopo la partenza di qualche giocatore importante. Io per primo, lo ammetto, seppur molto legato a Gasperini che ho sempre difeso, mi sono ricreduto su Juric, E chi puo’ dire onestamente che invece contestava il croato? Chi non si allineava finiva male nei commenti nei bar e nelle piazze virtuali. Tutti sul carro diceva qualcuno in società. Ripeto, io qualche cosa che non mi quadrava la vedevo, qualcosa ho scritto e detto, ma in quel momenti lì pensare alla salvezza era francamente da pazzi. C’è poi stata pure l’esplosione di Simeone e a questo punto era impossibile dare ragione a Preziosi. Poi col mercato io mi sono preoccupato, non per evitare la B, ma per la mancanza di ambizioni. E qui Preziosi ha sbagliato. Ha pensato alle plusvalenze senza guardare avanti. Questa la colpa che gli faccio oggi. Juric si è preoccupato e dopo essere stato zitto ha sbottato dopo Firenze e questo gli è costato caro. Ha sbagliato, semmai doveva parlare prima. Ma che fosse inesperto era da mettere in preventivo.
La squadra? Una delusione. Fragile, senza carisma e qualche giocatore davvero modestissimo. Senza risultati e con Perin e Veloso infortunati si sono dileguati tutti. Ho assistito ad un allenamento recentemente e sapete cosa mi ha colpito? Il silenzio che c’era in campo. Li ho avuto brutte sensazioni. Gasperini se non faceva giocare troppo Ntcham, se centellinava Lazovic, se Pandeva stava in panchina e pure Pinilla era dietro Matri beh, aveva ragione. Eccome se ne aveva. E allora anche noi giornalisti non siamo stati lungimiranti. E allo stesso modo si puo’ dire dei tifosi che in larga parte non hanno compreso cio’ che si stava perdendo. Io salgo sul carro dei colpevoli ma con Preziosi, Juric e la squadra ci siamo tutti perché anche se certe scelte non convincevano, non abbiamo fatto abbastanza per far cambiare idea ad una piazza che se ne è stata ritrovando una “pace sociale” che prima di Genoa-Inter che ci porto’ all’Europa poi perduta non c’era. Surreale.
I tifosi, quelli a Pescara hanno dato vita ad una protesta civile qualto efficace. Ecco, ora c’è bisogno di calma e sano realismo. Servono almeno 7 o otto punti nelle prossime 13 partite e se ci mettiamo in testa che in fondo abbiamo perso fin qui tutti la barca si raddrizza se invece si fa del populismo, che va tanto di moda, allora è bratta. Il Genoa prima di tutto.

89 Commenti

  1. Giuse says:

    Cosa dire dopo il disastro di Pescara.
    Si era capito che Juric aveva grossi problemi con lo spogliatoio e infatti aveva cercato con il ritorno di Palladino anche un amico, ma ha perso Ocampos l’unico giocatore che, molto ad intermittenza, creava qualcosa in attacco.
    Tra vendite e infortuni il Genoa ha perso 5 elementi di qualità del girone di andata.
    I sostituti non si sono integrati o non sembrano all’altezza e 2 non si sono mai visti in campo.
    Capisco le critiche alla dirigenza ma non bisogna neppure illudere la gente.
    Il Genoa ha un grande passato ma ora è semplicemente una società medio piccola e con l’attuale distribuzione del diritti televisivi non ha nessuna possibilità di vincere qualcosa (come del resto le altre 15 squadre che partecipano alla serie A).
    Il Genoa come quasi tutte le società di calcio italiane non produce utili ma solo perdite da ripianare o con denaro fresco o con la vendita dei giocatori migliori.
    Basta vedere i bilanci delle società di calcio.
    La Juve riesce a malapena ad avere un piccolo utile ma solo grazie alle grandi entrate della Coppa dei Campioni e alle plusvalenze del calcio mercato.
    Se ben ricordo il presidente della Roma ha appena immesso altri 80milioni di denaro fresco.
    Con la crisi attuale se il Genoa producesse effettivamente grandi utili ci sarebbero tantissimi pretendenti al suo acquisto (sfortunatamente c’è tanta gente che confonde le plusvalenze della vendita dei giocatori con gli utili).
    La proprietà del Genoa ha in passato speso molto ma ora non vuole o non può più immette altri soldi. La società che controlla il Genoa ha iniziato una politica di risanamento dei suoi conti e con l’ingresso nel suo capitale di un nuovo socio ha detto chiaramente che le controllate per i prossimi anni dovranno camminare con le proprie gambe.
    Per il Genoa è importantissimo mantenere la categoria perché se dovesse retrocedere non avrà denaro da investire per una nuova risalita ( la A garantisce circa 40milioni di fatturato la B circa 6).

    Personalmente ho sempre preferito Gasperini come allenatore sia nei momenti buoni che in quelli pessimi ma lo scorso anno si era capito che non era più gradito da parte di alcuni tifosi…
    Faccio tanti auguri a Mandorlini e spero che sia in grado di conquistare i punti per una salvezza tranquilla.

    No si cada nel ridicolo della contestazione continua che non porta a nulla o nelle proposte del tipo sono indegni di questa maglia quindi mettiamo la primavera.
    Dopo il 5-1 che hanno preso dai pari età dell’Atalanta sarebbero una vera garanzia di divertimento!

    • Michele76 says:

      Non sai quanto mi faccia male scriverlo ma i ciclisti lo scorso anno hanno fatto 2 mln di euro di utili.
      Quindi…se l’hanno fatto loro non vedo perchè non possiamo farlo noi!

      • Giuse says:

        Se non sbaglio sono in attivo solo perchè i Mondini/Garrone versano ancora soldi in società.

          • Daniele Genoa says:

            Garrone ha coperto lui tutti i buchi.
            Ha dato la società a zero in mano a Ferrero.
            I cugini come noi incassano 40Mln tra Tv e sponsor e ne spendono 45-50 tra Monte ingaggi e spese varie (in soldoni). Quindi ogni anno anche loro devono vendere almeno un pezzo da 90 per sopravvivere senza bisogno di soldi esterni che Ferrero non ha. Solo che loro vendono all estero a cifre vere. Noi vendiamo in Italia alle solite note con dilqzioni di pagamento assurde e a prezzi di saldo.
            Noi finché preziosi li aveva ce ne metteva anche dei suoi ora non ne ha più e dobbiamo auto finanziarci come appunto fanno i cugini.
            Il nostro problema é che ogni sessione di mercato noi incassano almeno 10Mln ma non si capisce dove vanno visto che siamo sempre coi debiti…che spieghi quanti sono sto debiti così che si possa sapere per quanto tempo dovremo ancora vendere. E poi che si venda a prezzi seri. A Bergamo vendono centrocampisti a 35 Mln…

        • Michele76 says:

          sbagli: questo era lo scorso anno…quest’anno si autofinanzia e non stiamo parlado di Juventus o Real

          • Giuse says:

            Le presidenze vanno giudicate solo dopo anni, non basta 1 anno buono. Fino a ieri la Samp è vissuta con i soldi immessi da Garrone e ora dovrà camminare con le proprie gambe.
            Bisogna tenere conto che fino ad oggi si iscrive al campionato solo perché è Garrone che garantisce con le fideiussione i debiti societari.

            La storia del Genoa è ampiamente conosciuta.
            Preziosi ha acquistato dal fallimento una medio-piccola società e probabilmente voleva portarla a livello delle prime 6 squadre italiane.
            Con le proprie forze era in grado di immettere solo qualche decina di milione ogni qualche anno ma era insufficiente per fare un salto di qualità allora l’idea era di finanziare la crescita della società con plusvalenze acquistando valorizzando e rivendendo ogni anno molti giocatori.
            Ma questo è una attività molto difficile se non impossibile.
            I giocatori difficilmente hanno carriere lineari e costanti devi aver la fortuna o l’abilità di prenderli nei momenti peggiori della carriera valorizzali e rivenderli.
            Immobile ha deluso a Genova mentre a Torino ogni volta che toccava la palla segnava.
            Acquafresca sembrava la nuova promessa del calcio italiano ma poi si è perso.
            Prima di arrivare a Genova Thiago Motta e Perotti erano stati giudicati da molti club come giocatori finiti.
            Ma gli esempi sono infiniti.
            Naturalmente a complicare il tutto c’è stata anche una grande crisi economica che ha messo in difficoltà la società di Preziosi.

            Per il momento la presidenza di Preziosi ha garantito 10 anni di A al Genoa cosa che non era successo da moltissimo tempo.
            Non si racconti la favola dalle serie A attuale a 20 squadre rispetto a quella di un tempo a 16 squadre.
            Quando la A era a 16 squadre i cartellini dei giocatori erano di proprietà delle società di calcio o accettavi di firmare per la società o restavi al minimo di stipendio (non esistevano gli svincolati) era la società che ti diceva in quale squadra dovevi giocare e infatti il Genoa vendeva regolarmente i propri giocatori migliori.
            Non solo non esistevano i soldi della tv e gli incassi del botteghino erano molto importanti.
            A quell’epoca il Genoa come incassi si piazzava regolarmente tra il 6 e 10 posto tra le società calcistiche indipendentemente dalla categoria in cui giocava, lo stadio era pieno con oltre 50000 posti ma i risultati sportivi erano assai scarsi.
            Le differenze economiche da medie e grandi erano ridotte, le grandi incassavano 4 e le medie 1 (ora siamo nell’ordine 10 a 1 ) e infatti talvolta riuscivano a vincere lo scudetto squadre medie come Cagliari,Torino Verona Bologna Fiorentina Lazio..e piazzarsi tra le prime 3 posizioni società come Vicenza Perugia Parma..
            All’epoca il Genoa giocava normalmente in B e nei rari campionati di A era quasi sempre nelle ultime posizioni (con Spinelli ricordo solo i due anni di Bagnoli e niente più).

            Personalmente vorrei una presidenza con maggiori disponibilità economiche.
            Ma non vedo per adesso alternative credibili.
            Lo scorso anno un finanziere sembrava interessato alla società di controllo del Genoa (non tanto alla società di calcio) per poi finire nel nulla.
            Dubito molto che ci sia un emiro, un Soros, un Bill Gates che acquisti il Genoa e lo trasformi, come è successo per il Manchester City, da squadra medio/piccola ad una grande spendendo centinaia di milioni di euro ogni anno a fondo perduto.
            Forse sarebbe meglio un presidente più simpatico, con maggiori qualità comunicative…
            A Genova non sembra che ci sia nessuno interessato

  2. carlo says:

    dev’esser successo un qualcosa nella testa dei calciatori perché la prima parte del campionato si sono comportati benino …

  3. PieroValleregia says:

    salve
    analisi molto lucida e precisa che condivido tranne le ultime due righe (populista è colui che va verso il popolo, quindi ben accetto, a differenza dell’elite radical chic globalista, lontana anni luce dal mondo reale perchè tronfia nei suoi pervertiti egoismi); fatta questa precisazione (che spero non venga censurata) scrivo solo una cosa: Juric non ha mai, ripeto MAI azzeccato una sostituzione che una e, con Pinilla al posto di Lazovic, ieri ha toccato il fondo…si può mandare in campo uno che è decente nei colpi di testa e far uscire l’unico in grado di crossare per lui ?
    Sul resto non saprei cosa dire, solo che la vedo molto triste, spero che Mandorlini, diversamente simpatico ma “cazzuto”, sappia prenderli a calci nel sedere…
    Da questo marasma, salvo solo Rigoni…
    saluti
    Piero e famiglia

  4. Francesco Oreginarossoblu says:

    Scusa Giovanni ma nell’abbiamo perso tutti non farei rientrare i tifosi.Cosa potevamo fare?Se contestiamo non va bene perchè occorre restare uniti.Se restiamo in silenzio non va bene perchè non facciamo sentire la nostra voce.Piuttosto voi gionalisti/opinionisti non avete mai attaccato seriamente la società.Paura di ritorsioni da parte del giocattolaio?Facile chiudere la stalla quando i buoi sono scappati.Non mi preoccupo tanto del presente ma del futuro.Mai nessuno ci ha detto come stanno veramente le cose all’interno della società.Probabilmente se la sapessimo sarebbe la fine dei tifosi della più antica società d’Italia.Concludo con IL GIOCATTOLAIO DEVE SPARIRE

    • Giovanni Porcella says:

      Sì, a me Preziosi non parla piu’ da quando ho fatto l’intervista (bellissima) a Gasperini. Pensa un po’….

      • Ludo says:

        E quell’intervista resterà una perla nella tua carriera di giornalista.
        Ha mostrato che in quella società c’era qualcuno di profondamente Genoano, uno di noi. E lo hanno fatto fuori. Ci credo che non può perdonartela, lo hai smascherato come nessuno mai. Dovrebbe vergognarsi e trovare il modo di sparire il più rapidamente possibile, insieme a tutto il suo staff, dalla F alla Z

      • Ste says:

        Visto che è così vendicativo, cominciate a smascherare i suoi giochetti.
        La mia paura è che questo punti al paracadute retrocessione per poi vendersi gli ultimi giocatori decenti e cedere a un prezzo di saldo la società in B. Perchè di compratori ad un prezzo di società di serie A non ne ha visto mezzo.

  5. mattia says:

    Se gli avessimo toccato il tempo anni fa probabilmente non saremmo in questa situazione.Invece dopo la vergogna della licenza uefa se l’è cavata con una assemblea farsa senza contraddittorio stile ceausescu. e invece 18.000 abbonati. Miglior presidente del dopo guerra godiamoci lo.

    • Ste says:

      chiedilo agli ultrà perchè sono diventati improvvisamente suoi amici e senza contradditorio

      • Daniele Genoa says:

        Davvero sta cosa mi ha sempre puzzato…probabilmente hanno trovato il nemico comune in Gasperini e quest anno speravano di metterglielo nello stoppino…. invece le cose sono andate come era ovvio a chiunque non avesse il paraocchi o altri interessi.
        Ringraziamo tutti per tornare a far notizia solo con proteste plateali e contestazioni.

        • Ste says:

          se domenica il bologna segna nei primi 20 minuti finisce come Genoa Siena

          • Daniele Genoa says:

            Se succede un altra cosa come Genoa Siena credo che dopo 20 anni non rifarò l abbonamento. Capisco tutto ma ste intimidazioni fasciste e volgari e cmq anche violente non esistono. Capisco tutto ma non quello. La violenza non è mai giustificata, interrompere una gara é violenza!!! Conosco molti che dopo Genoa Siena non sono più venuti perché nei distinti si sono cagati… io per puro caso non c ero e quindi non so dire le sensazioni, ma sinceramente non mi piacciono quel i atteggiamenti.

  6. Albion says:

    In tutta sincerità io sono genoano ma non mi sembra di aver perso nulla. Ogni anno è diverso dall’altro, citare sempre il precendete allenatore risulta stucchevole e comunque mi pare non porti granchè fortuna. iuric si è rivelato un onesto operaio del pallone quale era da calciatore, di sicuro in prospettiva con parecchia gavetta da fare. Vero nel calcio ci vuole anche fortuna ma lui in questa stagione, con un campionato già di per se deciso a metà anno riguardo le retrocessioni, avrebbe potuto scaltramente e anche in termini di sperimentazione, provare qualche schema diverso. Anche per giustificare un mercato di gennaio così effervescente. Non so chi sia questo nuovo tecnico, me lo ricordo falloso e incazzoso difensore, pochi successi significativi e molte urla. Se va bene così nessun problema, di mezzi allenatori ne abbiamo visti tanti ma ripeto, rispetto al titolo del giornalista, io onestamente non ho perso nulla, forse lo spettacolo si.

  7. Ste says:

    Esonero inevitabile dopo un periodo così brutto e una debacle così imbarazzante.
    Chissà se questo sia l’allenatore buono. La mia paura è la preparazione fisica (sono bolliti da Dicembre e questa è una grave colpa di Juric che segnalo da Dicembre) e quella mentale. Perchè se ricominciassero a giocare d’incanto sarebbero degli infami ma meglio cheniente. La mia paura è che questi siano sgonfi come un pallone bucato.
    Altra colpa di Juric non aver provato tutte le soluzioni possibili (Morosini e Beghetto nemmeno un minuto mi pare follia) ma fossilizzarsi su elementi scoppiati (Laxalt).
    E la pessima lettura delle partite in corso, cambi spesso sbagliati e senza un filo logico.
    Spero che la famigerata TO abbia il buon senso di non dare nessun appiglio a Preziosi e CO. e di NON CONTESTARE durante la partita la squadra, la maglia si incinta sempre fino alla fine, poi a fine partita si tirano le somme.
    Delusione, tristezza e un pizzico di rassegnazione.

  8. Davide Solimano says:

    Buon giorno Giovanni, la tua analisi è attenta come al solito, tuttavia, sono d’accordo con Francesco Oreginarossoblù: gli unici a non avere colpe di questa caduta libera sono proprio i tifosi e quelli che ieri erano a Pescara hanno fatto bene ad andarsene, perché non si meritavano di assistere ad uno scempio simile. Io sono uno di quelli a cui Gasperini non è mai piaciuto caratterialmente, tuttavia, devo fare pubblica ammenda: il vero valore aggiunto del Genoa era lui, non Preziosi. Ogni volta che Gasperini è andato via dal Genoa, la squadra ha sempre lottato per non retrocedere e qualcosa vorrà pur ben dire. Tuttavia, dare la colpa ad una parte dei tifosi per il divorzio Gasperini-Genoa mi sembra ingiusto: sappiamo benissimo che il rapporto tra Gasperini e la società si è incrinato dopo la mancata partecipazione all’Europa League per i noti problemi della licenza Uefa. Quindi, l’unico responsabile di questa crisi è Enrico Preziosi, che, dando per scontata la permanenza in Serie A, ha fatto un mercato di gennaio pessimo, ma, soprattutto, ha finito per bruciare un allenatore nuovo ed inesperto come Juric, su cui, tra l’altro, ha investito parecchio, con un contratto triennale, non dimentichiamolo, che finirà per pesare, non poco, sulla già complicata situazione contabile del Genoa. Adesso, tuttavia, tocca ai calciatori assumersi le proprie responsabilità ed aiutare il nuovo allenatore nel tentativo di raccimolare quei 5/6 punti che servono per arrivare alla salvezza. Poi, a bocce ferme, spero che ci sia un confronto civile e trasparente con Preziosi: noi tifosi genoani vogliamo chiarezza sul futuro del Genoa e Preziosi deve dare risposte precise e non vaghe. Non venire più allo stadio, non è il modo migliore per rispondere alle critiche: deve assumersi le sue responsabilità. Cordiali saluti.

    • Giovanni Porcella says:

      Non dico che i tifosi sono colpevoli di qualcosa, ma se un mese e mezzo fa dicevo certe cose io venifo fustigato su muri, muretti e muroni. Quindi anche certi tifosi sono in parte minima coinvolti in certi errori. E chiaro che società giocatori e tecnico hanno le colpe maggiori, ma onestamente tutti quanti quando era il momento di guardare piu’ in la abbiamo fatto finta di niente oppure sinceramente eravamo convinti che problemi non ce ne sarebbero stati.

  9. mauro boero says:

    Ciao Giovanni,

    Momento drammatico che e’ il culmine di due mesi da incubo. Detto che mandare via Gasperini e’ stata follia pura e chiestoci che cosa abbia di cosi’ insopportabile da essere odiato (!!!) da tutti in societa’ (pensiamo come se la stara’ ridendo ora, quarto in classifica con Masiello terzino…o magari no, penso lui ci voglia bene), bisogna guardare avanti. C’e’ da sperare che lo scrollone risulti in quelle 2/3 vittorie che ci dovrebbero permettere di portare a casa la ghirba. Di piu’ non c’e’ e sarebbe gia’ un mezzo miracolo visto dove siamo.

    FORZA GENOA

    Mauro

  10. CasarzaRossoblu says:

    La partita di ieri ha evidenziato definitivamente la spaccatura venutasi a creare fra juric e la squadra,su questo non ci piove. Perche’ ieri i giocatori hanno voluto rendere pubblica la loro scelta di mollare un allenatore che evidentemente aveva ormai perso il controllo di uno spogliatoio allo sfascio,privo di carisma e ricco probabilmente di teste calde e boicottatori. Dispiace veramente tanto per juric a livello umano,sono sicuro che lui tenga davvero al genoa come solo pochi altri dentro quello spogliatoio. Per quel che riguarda il suo operato devo mettere in risalto alcune pecche: una preparazione estiva piu’ che rivedibile(una squadra non puo’ correre solo 20′ minuti a partita),carenza di esperienza nel gestire i momenti/periodi piu’ delicati(comprensibile) e soprattutto troppa remissivita’/passivita’ nei confronti di una gestione societaria scellerata. Come detto da Giovanni non puoi fare delle uscite come nel post-partita di firenze,se aveva delle perplessita’ sul mercato DOVEVA esternarle per tempo e soprattutto parlandone a quattrocchi con il presidente. Sono veramente dispiaciuto di dover dire queste cose,perche’ nonostante tutto juric non puo’ essere accusato di essere il colpevole principale di questa bruttissima situazione. Pero’ dopo la partita di ieri chiunque fosse stato al suo posto,con quel briciolo di orgoglio rimasto,avrebbe rassegnato le dimissioni,soprattutto dopo aver assistito ad un vero e proprio ammutinamento.
    Ormai penso che tutti(o almeno la maggior parte) abbiano capito i veri intenti di preziosi.
    A questo di avere un allenatore non glie ne frega niente,vuole solamente uno yes-man che avvalli senza tante discussioni le sue scelte scellerate,al primo accenno di contestazione preferisce barricarsi dietro ad un silenzio stampa inquietante,non ammette mai le sue colpe e anzi preferisce arricchire il suo curriculum di ca***te affermando di aver rinforzato la squadra.
    Poi vabbe’ la ciliegina finale e’ il contratto di un anno mezzo a mandorlini,che potrebbe traquillamente ripercorrere il percorso intrapreso dal buon del neri,arrivato fra lo scetticismo generale e andatosene via dopo poco senza ripensamenti.
    Comunque,in ogni caso,domenica capiremo se era la squadra a remare contro l’allenatore o se siamo davvero alla frutta. E nonostante il loro comportamento sia stato SCHIFOSO VERGOGNOSO E INDECOROSO,mi auguro che si realizzi la prima condizione,perche’ altrimenti,amici genoani,ci sara’ veramente da patire.
    Forza Genoa,Sempre!

  11. emiliano says:

    sto percorrendo pensieri fantacalcistici se alimento l’idea che Preziosi non accoglierebbe l’idea della retrocessione con estremo disagio ????
    La delirante normativa FIGC prevede il “paracadute” da 35 milioni di euro per la retrocedente che perde la categoria unitamente a due neopromosse (in questo caso pescara e crotone….l’anno scorso carpi e frosinone insieme al “beneficiario” verona)….
    Zamparini son due anni che ci prova e quest’anno sembra (spero!) riuscirci; nel caso di retrocessione, quindi, l’introito sarebbe pari a quello della permanenza nella massima serie (piu’ i diritti televisivi)….quindi il “bagno di sangue” sarebbe estremamente contenuto ed il vantaggio sarebbe un notevole abbattimento di costi ed ingaggi di giocatori che non vedono l’ora di emigrare da qualche altra parte, liberando cosi’ dall’impegno economico il giocattolaio.
    A questo si aggiungano le sicure plusvalenze inerenti le cessioni dei vari Perin, Izzo, Laxalt, Simeone che in B , giustamente, non vorranno rimanere (non concordo sulla possibile obiezione “in B tocchera’ svenderli” perche’ tanto il discount prosegue da svariati anni)…ed ecco che un dramma sportivo per noi tifosi diventerebbe una normale operazione di mercato per Preziosi…
    Insomma faremmo quello che ha fatto il verona….ripartire dalla B dopo aver praticamente azzerato i debiti di bilancio ed abbattuto ovviamente il monte ingaggi.
    Giustifico (si fa per dire) questa solita avventata gestione societaria solo pensando al fatto che il grande MANOVRATORE sa che cadra’, comunque, in piedi !!!! non trovo altre plausibili spiegazioni alla leggerezza con cui viene gestito questo monopoli.
    un saluto

    • Giuse says:

      Che io sappia il paracadute è di
      25subito +15 in caso di mancata promozione.

      Stranamente Garrone non ha definito la retrocessione un gran affare…
      Se la retrocessione è un grande affare per quest’anno dobbiamo metterci il cuore in pace perché sarà molto difficile strappare l’affare a Palermo, Crotone e Pescara infatti non possiamo più raggiungerle a loro basta non fare punti..

  12. Massimo54 says:

    Ricordo la sconfitta casalinga contro l’Udinese di Zico per 5 a 0. So che il record di gol presi dal Genoa è di un Genoa – Milan degli anni ’50 (finì 8 a 0) Ma i 5 di ieri, presi dalla squadra ultima in classifica e che non aveva mai vinto e con un ridicolo autogol al quarto minuto per facilitare la goleada (ma Orban da dove è uscito?) sarà difficile scordarli. Mi sento umiliato, non trovo un altro termine. Adesso tocca a loro cancellare l’umiliazione.

    • Giovanni Porcella says:

      Di recente ci fu un o-5 con l’Inter di Mourinho, insomma uno squadrone, e il 6-1 a Napoli quando salto’ Malesani

      • Paolo1893 says:

        Ricordo anche un 5-2 a Milano contro l’inter passammo in vantaggio con Palacio e dopo 5 gol dell’inter Boselli fece il secondo gol. Era l’a stagiono 2010-2011.

        Comunque il Pescara ci fece una cinquina in coppa Italia 1987-88 ma eravamo in B e nel Pescara giocava un certo Leo Junior e credo Giampiero Gasperini In porta da noi un certo Guazzi.

        Ciao,
        Paolo

  13. LAURA1962 says:

    E’ un momento davvero difficile, esonero di Juric inevitabile anche se umanamente sono molto dispiaciuta. Gli auguro di potersi presto riscattare.
    La squadra, dopo la non-prestazione di ieri, mi ha profondamente delusa. Ho letto di tutto, molti pensano che i giocatori abbiano remato contro Juric. Spero non sia andata cosi.
    Adesso il Mister e’ Mandorlini, lo conosco poco, speriamo che ci dia una mano a fare quei benedetti punti che mancano alla salvezza matematica e che, se c’e’ qualcuno che si deve prendere qualche strigliata, abbia la personalita’ per farsi rispettare.
    Ho fiducia nella maturita’ della tifoseria e nell’amore viscerale che tutti ci lega al Grifone: restiamo uniti e sosteniamo la squadra per il bene del Genoa, che a quanto pare sta a cuore soltanto a noi.
    FORZA GRIFONE!

  14. Marco says:

    Spiace dirlo, ma Juric era ormai una zavorra inutile.

    D’accordo, la società è assente, inesistente, senza programmi sportivi ed obiettivi che non siano le plusvalenze a favore della Fingiochi (Bruno, non sono d’accordo con il tuo post: se il Genoa è l’unica medio-piccola che non ha mai i conti a posto nonostante gli introiti dei diritti tv e lega siano più o meno sufficienti a coprire i costi di gestione attuali e le ripetute cessioni ad ogni sessione di mercato, beh, qualcosa non torna…).

    Ma pur con tutte le numerosissime colpe di questa deplorevole ed indegna società che ci sta togliendo l’orgoglio e la passione, dobbiamo essere onesti: Juric negli ultimi due mesi ha continuato a tagliarsi le balle per far dispetto alla moglie.

    Scelte tattiche (o meglio, scelta tattica visto che non ha saputo inventarsi niente di diverso dal suo mono-schema) scellerate, mai una soluzione diversa, mai una formazione cambiata, giocatori mai utilizzati…di sicuro è stato coerente, ma a questo punto andava esonerato prima.

    E che dire dei giocatori: vergogna. Chiunque abbia calcato qualche campo da calcio aveva già capito che la squadra giocava contro Juric. Questo non è accettabile da parte di professionisti lautamente retribuiti. Uno scempio come ieri deve essere lavato sputando sangue per le restanti partite e può essere cancellato (mio personalissimo parere) non solo cogliendo 4 punti nelle prossime due partite e cogliendo una salvezza ancora alla portata, ma disputando il match della vita nel derby di ritorno. Con una vittoria, parte dell’imbarazzante e vergognosa figura di ieri potrà essere (temporaneamente( accantonata. Ma a fine anno auspico una resa dei conti per cui chi ha insozzato la gloriosa maglia a quarti rosso-blù non si ripresenti in ritiro.

    Poi, Mandorlini: a me non interessa ciò che fece 15 anni fa o quali siano le sue idee politiche e sociali. A me interessa che ricompatti lo spogliatoio e ci aiuti a conseguire l’obiettivo minimo della stagione che è la salvezza. Penso possa dare una scossa, ma parto fiducioso che sia difficile se non impossibile fare peggio di Juric in questi ultimi due mesi. Spero quindi vivamente che incontri il sostegno e la fiducia dell’ambiente (tutto) per portare energie positive in un contesto già oltremodo dramamtico.

    Ultimo capitolo: La Nord. Mi auguro che la tifoseria rimanga compatta a sostegno della squadra nonostante la debacle di ieri perché ora più che mai abbiamo bisogno di tornare quelli di una volta. Quelli che nonostante Gasperini, Preziosi, Fabrizio, Milanetto, Pinuccio etc. etc. facevano tremare le gambe agli avversari e buttare il cuore oltre l’ostacolo ai nostri giocatori. Occorre remare tutti dalla stessa parte ora come non mai negli ultimi anni e confido nella maturità della Nord per far sì che ciò avvenga già a partire da domenica.

    Perché la società potrà anche mancarci di rispetto e cercare di rubarci i sogni, la passione e la dignità, ma (come diceva il sempre compianto Prof.) noi siamo il Genoa, non il Roccapepe.

    Saluti (rossoblù) da Lugano

  15. Rinaldo says:

    Un saluto Rossoblù a tutti, circa la società mi sono ampiamente espresso, sul nuovo mister mi riservo di vederlo all’opera mentre voglio sottolineare la coerenza, la signorilità e il rispetto di Enrico Nicolini verso tutta la Genova sportiva. Uomo e valori d’altri tempi, gli stringo virtualmente la mano.

  16. Enrico says:

    Stento a commentare, sono basito.

    L’unica cosa che mi dispiace è che, pur sapendo che con Zeman sarebbe risorto, ho lasciato in panca nella mia squadra di Fantacalcio Caprari, fidando in un sussulto d’orgoglio dei nostri…

    Enrico

  17. albikoetxea says:

    10 campionati di serie A: 7 con Gasperini ottimi (non si è mai giocato per la retrocessione, anzi….) gli altri 3 (senza di lui) incasinati compreso questo. pazienza la prima volta , ma lasciarselo scappare un’altra volta è proprio da scemi=presidente e suo staff. tra l’altro gli ha fatto fare un sacco di pesanti plusvalenze. voleva risparmiare perché gasp costava di più come ingaggio? bene, ora ne deve pagare 2….è proprio scemo!

  18. robertogrifo says:

    Juric sicuramente ha delle responsabilità, ma tutto passa in secondo piano di fronte alle responsabilità della società. Ci deve essere un’altro modo per coniugare l’ esigenze di bilancio con il gioco del calcio e il rispetto per noi tifosi.
    A proposito di rispetto, la prestazione della squadra a Pescara è stata oltremodo offensiva e irrispettosa.

    • Ste says:

      la società ha grandissime colpe sul mercato, ma i giocatori sono complici avendo giocato contro l’allenatore, anzi il treinador lo chiamano loro..

  19. PieroValleregia says:

    salve
    la speranza è una sola: se è vero che, a detta di un cronista di una radio locale, durante gli allenamenit settimanali i giocatori andavano a mille e correvano sempre, questo significa che non è un problema fisico, quindi si sono ammutinati e noi non sapremo mai perchè.
    Domenica lo sapremo, io sarò allo stadio ( mi e vi auguro che non ci siano assurdi e inutili picchetti, la squadra si incita 90′ e poi, se mai, si fischia)…se andranno a mille, avremo la conferma del fatto che remavano contro.
    Se non tutti, gran parte… se invece sono cotti, allora sarà notte fonda
    saluti
    Piero e famiglia
    ps: ieri sera, durante derby in terrazza un ospite (doriano) si è lamentato che si parlava solo del Genoa…belin sono invidiosi pure delle nostre crisi :-)

  20. massimogenoa1893 says:

    Ma non vi sembra che preziosi sia diventato pure arrogante e sembra proprio che lo fa apposta a dividere continuamente la tifoseria in tutti i sensi ? Ma sta specie di presidente non vi sembra che oramai la corda si é spezzata gia da troppo tempo ? Ma riconoscenza ne ha sto presidente ? Gli sono state perdonate cose assurde nei vari anni che una paziente e splendida tifoseria come la nostra ha saputo tenere …in altre città importanti sarebbe durato manco un anno e lo prendevano a calci nel sedere….ci ha fatto stare bene ok tante grazie …ma se il pesce puzza dalla testa …quella testa é sola la sua…noi non ne possiamo niente e ripeto non ci meritavamo tutto questo ….

  21. Bruno says:

    Buonasera Giovanni e buonasera a tutti. Il mio pensiero a differenza della maggiorparte é che la colpa di questa situazione nn sia ne della società, ne dei tifosi e nemmeno dei giocatori. La società ha dichiarato più volte e da anni gli obbiettivi, che sono: salvazza e possibilmente come più volte è accaduto parte sinistra. Per quanto riguarda i tifosi, io personalmente colpe nn ne vedo. Il tifoso può fare solo il tifoso. Come del resto i giocatori. Se sono modesti o di basso valore fanno ciò che possono. Inutile chiedere miracoli. A parer mio le vere colpe di questa situazione sono delle persone che potrebbero/dovrebbero intervenire e che non lo hanno mai fatto. Ma non ora. SEMPRE! E mi riferisco alle persone importanti, facoltose genovesi che si sono guardati bene di dare una mano prendendo la società e gestendola come un grosso capitale della città. La samp dal dopoguerra ci è sempre stata davanti perchè ha sempre avuto dirigenti più seri e capaci dei nostri, che invece hanno sfruttato la presidenza del Genoa per affermarsi in tuttaltre attività. Anche attualmente mi auguro che nessuno creda che ciò che accade dall altra parte sia farina del sacco del viperetta! Poi che loro abbiano la fortuna che chiunque si sieda su quella panchina o indossi quella maglia azzecchi sempre l annata magica, quello è un dato di fatto…da sempre. Resta il fatto che non si è mai capito il perche ma la gente che conta veramente e di fede genoana nn si si è mai degnata di scendere in campo per aiutare la nostra squadra.

  22. Bruno says:

    Non dimentichiamo mai che quando stavamo per fallire è dovuto intervenire uno da Avellino! Perche da Genova nn si è mosso nessuno perche a nessuno importava qualcosa!

  23. Caro Giovanni hai tutte le ragioni del mondo, purtroppo siamo tutti complici di questa disfatta, molti di noi hanno continuato ad avere fiducia nella società che ci ha palesemente preso per i fondelli, personalmente io ho abdicato dopo la mancata qualificazione all’Europa League non rinnovando più l’abbonamento dopo 40 anni di presenze. Non voletemene ma non me la sono più sentita di assistere passivamente al degrado che in questi ultimi due anni ci ha condotto a raccogliere la peggior umiliazione della nostra storia, neanche la resa delle magliette in Genoa Siena mi aveva fatto così male, credetemi.La cosa che mi ha fatto inc…..di più è stato il comportamento di quegli undici somari che da Genoa Palermo hanno iniziato a non giocare remando contro il povero Juric che pensava di continuare il sogno iniziato da calciatore. Sostengo da un bel po’ che lo stesso Juric ha sbagliato tutto quello che poteva ma quegli ingrati avrebbero dovuto dargli una mano anzichè trattarlo come una pezza da piedi. Il joker per l’ennesima volta ha trovato” l’imbecille ” di turno su cui far cadere la colpa delle sue scelte scellerate, chissà cosa si immaginava, adesso si ritrova con un pugno di mosche in mano e tanto ci vorrà prima di essere riaccreditato.Immagino che il Gasp l’avesse avvertito di quanto poteva succedergli ma forse da bonaccione avrà pensato di potercela fare ” mera illusione”. Ho saputo che l’ ACG sta mettendo in giro delle brutte “voci” , se qualcuno di loro mi sta leggendo lo pregherei di avvertire i propri soci di starsene zitti perchè se riusciamo a salvarci grazie a quelli che stanno sotto di noi non vorrei retrocedere per altri motivi e loro sanno a cosa alludo. Chiunque andrà allo stadio domenica è pregato di non combinare casini se non è meglio che se ne stia a casa come faccio io. GRAZIE

  24. giovanni says:

    dispiace un po’ ma si doveva cambiare da tempo squadra apatica allenatore in stato confusionale “interviste diceva che non sapeva cosa stava succedendo??!!” ma scherziamo siamo in serie A mai sentito una cosa cosi’ non ha valorizzato nessuno vedeva correre e diceva che si giocava bene troppo infantile nei giudizi insomma la dirigenza ha strasbagliato di calcio ne sanno veramente poco.2 errori madornali scegliere pandev invece che Borriello e mandare via GASPERINI tutto li’,Si meriterebbero la B.

  25. PREVIATI STEFANO says:

    Pero’ domenica non si passi sopra alla vergogna vista 2 giorni fa ….. quelli che sono scesi ( si fa per dire ) in campo devono capire che hanno fatto una cosa vergognosa, vigliacca se contro l’ allenatore. ….. per non parlare di quella specie di Presidente e di quell’ individuo di cognome Milanetto …..

    • CasarzaRossoblu says:

      E’ quello che mi auguro succeda. Prima ovviamente tutti dovranno cercare di dare il massimo per cercare di ottenere una vittoria ASSOLUTAMENTE vitale,perche’ non bisogna raccontarsi delle musse ragazzi,se non si vince una partita fra bologna ed empoli quando pensiamo di fare dei punti? Dopodiche’,a partita conclusa e indifferentemente dal risultato ottenuto,far capire alla squadra che con il pescara e’ stata inscenata una vera e propria vigliaccata nei confronti dell’allenatore. Senza scordarsi,ovviamente, “una dedica speciale” anche per mr.plusvalenza.

    • Ste says:

      Bravo omonimo!! I giocatori hanno voluto l’esonero di Juric per motivi a noi sconosciuti… ora si rimetteranno a giocare come se niente fosse ma saranno da applaudire o no?

      • Mirko says:

        Sembra che nessuno sappia come funzionano i giochi nello sport che piu’ di tutti prende in giro chi lo mantiene.
        Soprattutto i giornalisti e soprattutto quelli di loro che vivono solo di queste fotocopiate parole.
        Se ad una squadra che puo’ giocarsi la UEFA dai come obiettivo una salvezza vinta a Novembre e gli chiudi cosi i rubinetti degli “extra” pecuniari, e’ ovvio che detta squadra te la fara’ pagare accontentandoti a due giornate dalla fine del campionato. Forse.

  26. Paolo1893 says:

    Ciao a tutti.
    Personalmente credevo molto in Juric e continua a pensare che è meglio di quello che si è visto.
    La colpa della società, o meglio la principale (perchè è oggettivo che ce ne siano molte) è stato non sverlo “prottetto” con un Direttore Sportivo che vedesse e controllasse cosa stava siccedendo al campo d’allenamento.
    All’inizio è partito bene, forse meglio di quello che ci si aspettava, ma essendo prima o poi i momenti bui arrivano, ed è li che ci doveva essere una persona di riferimento al campo in modo costante.
    Purtroppo questo è un discorso trito e ritrito perchè tanto Prezioni non ha mai gradito una persona del genere, altrimenti l’anno scorso avrebbe confermato Sean Sogliano che in quel ruolo è uno dei migliori d’Italia.
    La squadra ha fatto capire in modo palese che era contro Juric perchè non giriamoci intorno ma è stato cosi, i motivi non si sanno ma gli ultimi 2 mesi sono sotto gli occhi di tutti soprattutto per gli errori individuali che prima non venivano commessi.
    Ora speriamo in Mandorlini che a mio giudizio tra quelli disponibili è il meglio che si potesse trovare.
    Anche in funzione della prossima stagione.
    Un abbraccio,
    Paolo

  27. Asa says:

    Domenica secondo me bisogna contestate pteziosi e farlo sino alla fine.
    Dibbiamo dire basta. Con la scusa del bene del genoa siamo sempre li con le solite storie presidentepadrone, mercatocomoulsivi, zero brogetti, zero obiettivi sepour minimi.
    Preziosi deve essete messo in condizione di vendere

  28. alberto says:

    Ripetersi all’infinito su chi era veramente il Campione nel Genoa non serve a nulla.
    La mia missione è quella di far cessare le botte di Genio del Calcio a Preziosi.
    Dicono che abbia pensato anche solo per un attimo a Stramaccioni!
    Ma Strama ha il coraggio di voler imporre il suo staff quando viene ingaggiato? Ma dai? Ma neanche se venisse chiamato dal Ligorna (mi scusino in quella rispettabile Società, è solo un esempio).
    Perchè non lo ingaggia a vita Moratti per allenare i suoi nipoti nel giardino di casa e ce lo toglie dalla vista e dal pericolo di ingaggio?

  29. LAURA1962 says:

    Io spero che si stia tutti belli calmi, cerchiamo di portare in fondo questo campionato e la permanenza in A, poi si facciano pure tutte le proteste (civili e non violente) che si vogliono fare ma adesso noi tifosi con il nostro atteggiamento possiamo fare la differenza, dare una enorme mano al nostro Genoa oppure aiutarlo a cadere nel baratro. Pensiamoci bene.
    Stiamo uniti e tifiamo per i nostri colori.

    • CasarzaRossoblu says:

      Io penso che sia giusto sostenere e tifare durante i 90 minuti perche’ comunque bisogna cercare di spronare in tutti i modi la squadra a portare a casa delle vittorie. Al tempo stesso, prima e dopo la partita,sono straconvinto che sia obbligatorio contestare tutti quelle figure che hanno contribuito a far affondare una nave e il suo capitano,oltre ad aver preso per i fondelli tutti noi tifosi. Senza compiere chissa’ quali gesti ecclatanti,ma gia’ non mi dispiacerebbe vedere uno stadio tappezzato di striscioni contenenti messaggi molto eloquenti verso questi personaggi,ma che so gia’ non verrebbero mai fatti entrare…Detto questo, primo obbiettivo:contribuire a portare punti in cascina. In secondo luogo,invece, fare capire a quello che non vuol venire piu’ allo stadio che ormai ha perso credibilita’ con (spero) tutti

    • Asa says:

      pensi davvero che ai calciatori freghi qualcosa dei tifosi?
      Pensi davvero che se tifiamo allora giocano bene altrimenti no?
      Per favore apriamo gli occhioo capisco il bene del genoa ci mancherebbe ma siamo certi che il bene sia far finta di nulla e non il contrario?
      Io lascerei lo stadio vuoto x dare un segnale forte alla società e ai calciatori.
      Che se la sbrighino da soli sta volta.

      • PieroValleregia says:

        salve
        io opterei invece per riempirlo, lo stadio ma per stare zitti tutti i 90′; anche se si dovesse vincere 4-0, non esultare neanche alle reti (eventuali)…
        saluti
        Piero e famiglia

  30. emiliano says:

    se domenica riusciremo ad interrompere questa striscia negativa (almeno non perdendo) con una prestazione di volonta’ e carattere (quindi metto il risultato in subordine), come si potra’ pensare di accogliere la squadra sotto la gradinata per tributare l’applauso ?
    Siamo nel paradosso secondo il quale piu’ positivo sara’ il risultato (se sara’ tale) e piu’ montera’ lo sconcerto per il manifesto mancato impegno a Pescara …..
    mi immagino un genoa-bologna 3-0 ed una sala stampa che dovra’ domandare (senza poter avere una risposta sensata) a cosa si debba un cambio repentino di atteggiamento da parte della squadra; qualunque sara’ il risultato , a fine partita (e solo dopo aver incitato i giocatori tutti per 90 minuti) sarebbe opportuno girare le spalle ed andarsene a casa senza battere ciglio !!!
    E poi si ricomincera’ da zero dalla domenica seguente senza rancori controproducenti di alcun genere…..

  31. giovanni says:

    E comque il prossimo anno sara’ B.

  32. Grifo69 says:

    La cosa principale ormai e’ mandare via Preziosi….spero che finalmente voi della stampa vi siate accorti che cercare di ingraziarselo per ottenere interviste e poter esser ricevuti al Pio, e’ solo utilitaristico per voi giornalisti..che potete fare il vostro lavoro, ma e’ un lavoro “a meta’”….Fate la solita intervistina dove lui ripete cio’ che dice sempre..non fate mai domande scomode….e lui continua a fare il bello e il cattivo tempo. MANDARE VIA PREZIOSI e’ un lavoro grosso…un lavoro che deve fare tutta la citta’…tutte le sue componenti…e la stampa e’ fondamentale per farlo entrare realmente nell’ordine delle idee che siccome e’ rimasto SOLO…deve andarsene. Deve essere una guerra. Punto e basta. Fate anche voi cortesemente il vostro dovere. Grazie.

  33. albikoetxea says:

    ora basta ,se ne deve andare !!! è così complicato trovare uno che gestisca la società tipo chievo(praticamente senza tifosi..) o atalanta o udinese? non si chiede poi la luna anche se in rapporto il numero di tifosi del Genoa è superiore e si potrebbe pretendere di più. questo si sta mangiando tutto , con tutte le cessioni che ha fatto e guadagnato non è riuscito nemmeno a ottenere l’iscrizione uefa! non gliene frega un cazzo del Genoa se no si sarebbe sbattuto a trovare un acquirente.

  34. Francesco Oreginarossoblu says:

    Lo sostengo ormai da anni.Quel infido personaggio deve sparire.Contestare a fine campionato?Assurdo.Bisogna fargli capire che non lo vogliamo più ora e non quando non avremmo più visibilità.

  35. Filippo says:

    una domanda: ma quelli che hanno messo lo striscione “ando vai se gasp non ce l’hai” oggi sono gli stessi che meno di un anno fa contro l’Udinese fecero comparire striscioni in gradinata contro lo stesso allenatore?…spero e mi auguro di no.

  36. PREVIATI STEFANO says:

    La situazione e’ “grave” e non lo permette ma bisognerebbe lasciare la gradinata vuota almeno 15 minuti all’ inizio per far capire a quei mercenari che quel che hanno imbastito domenica non sara’ dimenticato …….

  37. Andrea says:

    Domenica tutti allo stadio a tifare GENOA, poi il resto lo sistemiamo dopo la salvezza con una protesta feroce! Via il burattinaio incapace!!!

  38. Francesco Oreginarossoblu says:

    Sapete il vero motivo del licenziamento del Gasp?Forse Giovanni lo sa.

  39. filippo says:

    a prescindere dalle colpe evidenti di qualcuno.. vorrei mettere in evidenza le assurdita’ di queste ultime partite :
    un portiere (lamanna) che non farebbero giocare neanche in 3a categoria .. che non esce mai (meno male..) e quando lo fa e’ assolutamente un danno
    una masnada di scappati di casa come giocatori che da perfetti conigli si ribellano al proprio allenatore facendo figure barbine da categorie inenarrabili…
    alcuni difensori impresentabili (orban-gentiletti )
    un laxalt che ha smesso di correre …
    un centrocampo a 2 con due onesti pedatori ma con il buon Veloso farebbero la loro porca figura ..
    un tarabt che se dimagrisse sarebbe fior di giocatore
    un pinilla che scarso non e’ .. ma borriello tutta la vita
    pandev ex giocatore
    dei giovani davvero interessanti che nessuno considera..
    simeone l’unico che si sbatte sempre e mi spiace deludervi … ma e’ piu’ forte di pavo
    mandorlini non commento perche’ ero a ravenna .. ha allenato lo spezia .. ma mi aspetto almeno che li prenda a calci e li faccia giocare degnamente …
    e comunque sempre Forza grifone

  40. Andrea says:

    Il vero motivo è che Gasp dopo tanti anni di lavoro e avermesso le pezze a tutte le scelleratezze finanziarie del Preziosi ha chiesto un pò di continuità di vendere un solo pezzo grosso da novanta all’anno (a giugno e non sempre) e di prendere dei giovani forti in giro da far crescere, con un innesto quando possibile di un giocatore di valore che potesse dare equilibrio e personalità e far crescere i giovani da rivendere con raziocinio. Insomma ha chiesto programmazione e strategia e ovviamente ha fatto dei nomi.

    Ma in tutto questo il figlio Fabrizio incapace e permaloso si è offeso perchè le strategie vuole farle lui e ha avuto pesanti discussini con Gasp fino a mandarlo via….perchè non in sintonia con la linea di mercantinaggio che lui e il padre vogliono tenere, cioè appena si ha uno vendibile bene…venderlo subito per la paura di non poterlo poi più vendere a certe cifre (cedi Kucka con cui lo hanno preso nel sedere!!!)

  41. Francesco Oreginarossoblu says:

    Ieri sera ho visto una trasmissione sportiva su una nota 📺 genovese condotta da un noto giornalista di fede rossoblu.Mai una critica al burattinaio.La colpa è di tutti e mai del giocattolaio.Quanta sudditanza.

  42. PREVIATI STEFANO says:

    Visto l’ appello delle varie componenti della Nord, con richiesta di disertare lo stadio per dare un segnale forte a societa’ e giocatori/mercenari. Approvo.

  43. Rinaldo says:

    Questa volta pienamente d’accordo con il comunicato della Gradinata Nord.

  44. Ste says:

    Comunicato della TO aberrante. Senza logica, tempistica sbagliata. Altra cappella dopo quella dello scorso anno con Gasperini…
    Basterebbero 15 minuti di sciopero del tifo…invece no… e chissà se chi non la pensa come loro potrà entrare in Gradinata Nord liberamente, io ho i miei dubbi che la Speloncia al solito farà la voce grossa..e non solo la voce..

  45. maurigno says:

    Come scrivevo una settimana fa : speriamo di fare un punto. Questa squadra non può fare di più. Vale anche per il Bologna. Un punto va benissimo. Questi ragazzi non ce la fanno. Non ci sono con la testa. Hanno fatto mezz’ora con la Juventus assolutamente fantastica . Poi più niente. Andrò a tifare Genoa anche domenica prossima. Anche se la sedicente “gradinata nord” invita a boicottare Marassi.
    Poi basta. Dall’anno prossimo vado alla Sud. Non ne ho più voglia di contestatori incappucciati e capotifosi che mi spiegano cosa fanno i “verigenoani”.
    In risposta al tuo post : ho perso anche io. Tradito da squadra allenatore giocatori dirigenti . Certo che ho perso. Quella mezz’ora mi ha illuso.Ha ingannato me i miei amici.
    Siamo delusi, non arrabbiati.

  46. enrico says:

    domenica io vado allo stadio e non saranno dei delinquenti a non farmi andare forza genoa

  47. giovanni says:

    ma il paracadute in caso retrocessione dicono sia di 25ml??!! e allora non capite?vende 3-4 giocatori fa na’ barca di soldi beghetto morosini biraschi hanno un loro perché.

  48. massimogenoa1893 says:

    Gasperini aveva litigato pesantemente con il figlio di preziosi …per le solite marmellate che il jocker gli combinava…..stanco di certe situazioni ha scelto altre strade ….comunque di sta feccia di società…che comprende padre ,figlio e quel disgraziato di milanetto non se ne può piu …ormai penso sia chiaro ….mettano in vendita la società …portino i libri in tribunale e che se ne vadano …..

  49. Paolo says:

    …allora d accordo su tutto quanto scritto dalla TO…il presidente se ne deve andare..lo dico da mesi….i giocatori devono essere abbandonati a se stessi xche è’ STRAVERO che domenica hanno infangato la maglia del Genoa e chi per decenni (nonni,papà’,etc) l ha avuta nel profondo del proprio cuore..ma a questo punto visto che si pretende chiarezza nel modus operandi, che si vuole il bene del Genoa a 360 gradi voglio che qualcuno di loro o te Giovanni dica cosa è ‘ VERAMENTE successo l anno scorso xche è’ dalla contestazione a Gasperini che è partita la discesa verso gl inferi in cui siamo precipitati…e inoltre visto che siamo al redde rationem perché quest estate c è ‘ stato un incontro senza contraddittorio? xche ‘ a sto punto è’ bene precisare che chi nn appartiene alla TO nn è’ proprio un coglione che nn vede lontano più del suo naso…Paolo

  50. LAURA1962 says:

    Nel rispetto delle opinioni di tutti, penso che non entrare allo stadio domenica sia la cosa peggiore che si possa fare. Ripeto, secondo me dobbiamo sostenere i nostri colori fino al raggiungimento della salvezza. Non entrare allo stadio, lanciare cori offensivi e quant’altro sono cose che non condivido. Chiedere a Preziosi di andarsene non mi sembra tanto una buona idea, visto che non mi pare ci sia alternativa al momento. Cerchiamo di stare calmi, anche se non e’ facile. Forza Genoa.

  51. Bruno says:

    Bella puntata di gradinata nord dal club Bonilauri. Complimenti! Mi sembra che durante la trasmissione sia emersa l intenzione di buonaparte della tifoseria di nn abbandonare la squadra e di entrare e tifare. Intenzione con la quale personalmente sono daccordo. In questo momento occorre fare i punti che ci diano la matematica certezza di restare in serie A ed i tifosi devono aiutare la squadra. Per contestare vi sarà tempo dopo, a salvezza acquisita. Senza contare che tutti questi dissidi contestazioni e spaccature interne non fanno che aumentare il godimento dell altra parte della città che sta pregando che succeda a noi ciò che successe a loro qualche anno fa. Mi pare inoltre che durante la puntata si sia evidenziato il fatto che molti tifosi sono consapevoli del fatto che se Preziosi abbandonasse senza alcun compratore, perche di compratori nn c è nemmeno l ombra per il Genoa sarebbe la fine. Chi ha già vissuto questa esperienza sa benissimo di cosa parlo. Per sempre vicini al Genoa…

  52. alberto says:

    Chiedere che Preziosi si dimetta o che venda è decisamente tempo sprecato.
    Le dimissioni dalla presidenza del proprietario al 99% è solo un atto formale e vendere una società che ha debiti superiori al suo valore è … una pretesa folle?
    Non so quanto sia fattibile ma approfittando del momento di debolezza societario e avvalendosi di una evidente superiorità gasperiniana dovrebbe essere rinnovata la sopravvivenza della Fondazione con un ruolo amplificato, di controllo societario obbligatorio e vincolante. Una tutela societaria da parte del popolo al fine di verificare come sono impiegate le plusvalenze e che livello abbia raggiunto il risanamento.

    Ho recentemente scoperto che il Gasp viena chiamato “Merda” su muri e muretti. Ma perchè? Perchè ha fatto nomi e cognomi? E viene considerato una calamità tecnico sportiva. E questi fanno editti, picchetti, sarebbero loro il Genoa?

  53. Andrea says:

    DOMENICA TUTTI ALLO STADIO A TIFARE E URLARE COME MAI NELLA VITA PER FAR CAPIRE COSA VOGLIONO DIRE PER OI QUESTI COLORI!!

    MAI E POI MAI ABBANDONARLI ORA SAREBBE UN SUICIDIO SE SI PERDE DOMENICA SIAMO LA PRIMA CONCAUSA DI UNA POSSIBILE RETROCESSIONE SPERO CHE LA NORD LO CAPISCA!!!

    POI FINITA LA PARTITA FEROCE CONTESTAZIONE AL BURATTINAIO!!!!

    • LAURA1962 says:

      Concordo pienamente, qui non si tratta di star fuori per dare un segnale a Preziosi o ai giocatori, qui di tratta di mettere in difficolta’ il GENOA, i nostri colori, che io non identifico certo con il presidente o con la squadra.
      Quello che doveva arrivare a presidente e giocatori (ammesso che qualcosa a loro importi) e’ gia’ arrivato. Non diamoci la zappa sui piedi da soli.
      FORZA GENOA!

  54. PieroValleregia says:

    salve
    nonostante il mal di schiena, nonostante il cielo plumbeo, nonostante il fatto che potrei vedermi la partita seduto sul divano di mio suocero con coperta e gatto sulle ginocchia, nonostante Preziosi, nonostante il figlio di Preziosi, nonostante Milanetto, nonostante Via Armenia 5r, nonostante la (sedicente) Brigata Speloncia, nonostante io abiti sui colli di Serra Riccò (Valleregia), domenica SARO’ ALLO STADIO , con mio figlio … disertare non è da me;
    se un uomo non è disposto a lottare e a morire per le proprie idee, o non vale niente lui, o non valgono nulla le sue idee (cit Ezra Pound)
    saluti
    Piero e famiglia

  55. massimo says:

    juric e noi genoani abbiamo pagato e pagheremo sempre il super mercato che fa preziosi ogni sei mesi. non sempre gli va di fortuna di trovare giocatori fermi, fuori rosa o giovani che poi esplodono. e poi basta sentire promesse che poi non mantiene mai.

  56. PREVIATI STEFANO says:

    Comunque contestazione dura o meno non ci siano “pattoni” tra tifosi, spero non si arrivi
    a cio’ ……

  57. Grifo69 says:

    e’ giusto abbandonare a se stessi un presidente ridicolo e inesistente e una manica di professionisti da poco…non rappresentano il Genoa…che se lo salvi lui il Genoa, con quelche valigetta o con qualche giocatore venduto in anticipo in cambio di punti salvezza..nel suo stile da bandito. PREZIOSI VATTENE, meglio la B della tua gestione.

  58. fabio54 says:

    Bellissima puntata di GN ieri sera al bonilauri anche se a me piace vedere lo studio a Primocanale. Tutti dobbiamo fare dei mea culpa e in primis chi pensa solo a se stesso e non al Genoa. parlo di tutti noi tifosi e di una parte che dando ascolto a chi aveva un certo interesse che la voce si spargesse in tutto l’ambiente della tifoseria, a “vomitato” minchiate sul contratto di gasperini e sono iniziati i problemi.

  59. carlo says:

    io non voglio più farmi prendere “in giro” da quella sottospecie di uomo (preziosi) che si è rivelato negli anni sempre più buffone e quaqquaraquà (uomo di pezza)

  60. Francesco Oreginarossoblu says:

    E allora riempiamo lo stadio cosi prenderanno per il culo 25 mila anziché 1000.Lo hanno sempre dimostrato.Tifo per 90 minuti e sempre lo stesso risultato.Saremo sempre tifosi dei ns colori ma non di chi li indossa.Per massimo.Gasp non aveva litigato ma se ne è andato o meglio licenziato per altri motivi.Se volete posso anche dirvelo.

  61. Francesco Oreginarossoblu says:

    Scusa Giovanni,ma il Genoa è vicino a noi?Perché dobbiamo sempre ingoiare fiele e in cambio nemmeno un cucchiaino di zucchero?Siamo sempre stati vicini ma arriva un momento in cui il vaso trabocca.

Lascia un commento

PUO’ ESSERE LA SVOLTA

Il Genoa rinasce a Cagliari. Juric è piu’ saldo sulla panchina e finalmente arriva un po’ di serenità attorno ai

PREZIOSI CONTINUA CON JURIC

Oddo o Ballardini? Il dopo Juric sembrava scritto ma l’ultima parola ovviamente spetta al presidente del Genoa Enrico Preziosi che

PREZIOSI AL COMANDO, VA RISPETTATO

Ognuno puo’ pensarla come vuole. Gallazzi dove comprare? Preziosi doveva cedere? Sri Group senza soldi? La proprietà rossoblu’ ha sbagliato?

IL GENOA E’ VIVO, COL BOLOGNA CON RABBIA

La sconfitta con l’Inter fa incavolare. Non meritava di perdere il Genoa a Milano. Juric ha scelton il 3-5-1-1 e

Search

Archivio