CARO GENOA SVEGLIATI PURE

20 Nov 2016 by Giovanni Porcella, 52 Commenti »

E’ un Genoa che non correrà rischi di disastri ma dopo il brutto ko con la Lazio merita una riflessione severa quanto costruttiva. I rossoblu’ sono apparsi senz’anima, distante anni luce dalla squadra che convinceva ad inizio stagione. Cosa è successo? Juric dovrà capirlo e dare qualche risposta ma il nuovo corso deve passare con riflessioni profonde. Eppoi c’è l’infortunio a Pavoletti a preoccupare molto visto che il ciclo di ferro è appena e iniziato e per giunta molto male.
Nessunpo si sognava di rimanere nei primi posti della classifica ma il Genoa dopo aver vinto a Bologna, ha avuto la parentesi bella con il Milan ma ha perduto il derby, ha preso una sonora ripassata dall’Atalanta non ha vinto con l’Udinese e ha perduto secco con la Lazio. Il Genoa fatica a fare gol e ora ne prende piu’ di prima. Orban fa una gara bene e due male, il centrocampo va a rilento e gli esterni partono da lontanissimo. Bene Ocampos, due gol in due partite, ma è uno zuccherino che non lascia il palato dolce se si perde così. Non so se è questione fisica, se c’è lassismo o se è un problema tattico. Ma così ora non va, seppur la classifica sia in linea con tante squadre tebuto conto che c’è un match da recuperare ma dire che va tutto bene madama la marchesa non è un mantra utile a nessuno.

52 Commenti

  1. robertogrifo says:

    Il problema è che se Pavoletti gira a vuoto come oggi non ci sono alternative. E’ anche vero che comunque è sempre da solo in mezzo ai centrali difensivi avversari, senza un compagno vicino su cui appoggiarsi, ruolo che potrebbero ricoprire Ocampos oppure Ninkovic, gli unici in grado di creare scompliglio lì davanti.
    Ho l’impressione che juric pensasse d’aver trovato l’ assetto giusto e gli uomini su cui puntare. Ora con un Pavoletti incerto non riesce a trovare le contromosse giuste, magari azzardando anche qualche esclusione illustre.
    L’ espulsione di Orban e soprattutto quella di Veloso lo costringeranno a mischiare le carte e sovvertire qualche gerarchia e chissà che non ne esca qualcosa di buono.
    Certo che contro la Juve si dovrà tenere i ritmi e avere quella cattiveria messi in mostra in altre partite

  2. Rossaeblu says:

    Stato s rivendo un commento, poi mi e’ sparito , chiedo scusa se questo fosse una ripetizione.
    A me sembra che il Genoa sia perfettamente in linea con la squadra che ha e con il mr che ha . Stiamo ricominciando un ciclo quindi e’ normale che ci siano periodi di alti e bassi come ne 2007-08 primo anno di A. Il curriculum attuale di Juric e’ piu’ o meno come quello di Gasperini allora. E’ possibile, forse probabile , che anche lui diventera’ un buon allenatore e non una meteora . Non capisco pero’ come la Societa’ lo possa dare per certo come fosse un predestinato! Forse ci vuole far digerire il cambio , ma per ora Ivan deve mangiare ancora un po’ di panetti.
    Vorrei , se posso, rivolgermi al Presidente
    Caro Presidente non cianci piu’ , per favore, sull’ impossibilita’ per una squadra come il Genoa di arrivare a traguardi tipo Champion o Stella visto che dando una rosa con un bel po’ di buoni giovani ( magari tanti italiani ) e qualche giocatore di buon livello con QUEL tecnico (ormai maturo ) si poteva fare , eccome …guardi un po’ cosa sta facendo a Bergamo !
    Non poteva dargli un paio d’ anni di carta bianca , senza imbottirlo di strambe ed improbabili scommesse ( scovate da chissa’ chi ) pretendendo plusvalenze a ritmo serrato sbrogliando matasse nuove ogni 6 mesi ? Macche’ , si doveva stressarlo fino a farlo sclerare, per poi umiliarlo con un licenziamento gia’ certo mesi prima della fine del campionato !
    Sono stra- convinta che se Gasp fosse l’ allenatore del Torino quest’ anno vincerebbe lo scudetto . Cairo, Cairo che errore di valutazione …..
    Tornando a noi , Juric dovrebbe farcela a portarci in un porto sicuro , poi l’ anno prossimo ,piu’ esperto, dovrebbe darci delle soddisfazioni , sempre che il Presidente non cominci anche con lui la stessa tiritera di andirivieni continui ….

  3. PieroValleregia says:

    salve
    una partita noiosa nel primo tempo che era da 0-0 se non fosse arrivata la rete casuale di Anderson, poi nella ripresa bene i primi dieci minuti e poi il nulla, esclusi Izzo e Laxalt, il resto impalpabile.
    Non credo di bestemmiare se affermo che, dopo l’1-1, con un minimo di occhio si poteva quanto meno pareggiare, invece siamo riusciti a prendere un rigore contro su azione di contropiede e il 3-1 da un rimpallo.
    Al Genoa mancano 7 punti, sei tra Pescara, Empoli e Udinese e uno nel derby (che non meritava di perdere), con quei sette punti fatti, potevi perdere con la Lazio serenamente…
    Domenica altra prova del nove, anche se la Lazio non mi è sembrata irresistibile, troppo brutto il Genoa, piuttosto…
    bene, buona serata
    saluti
    Piero e famiglia

  4. Enzo says:

    Hai detto tutto tu, e condivido, ho un solo rammarico, poteva essere un campionato interessante ma in realtà sarà uno dei tanti campionati anonimi del Genoai.
    Speriamo che arrivi presto sto recupero con la fiorentina così ci togliamo anche sto ultimo alibi (a settembre potevamo vincere, ora la vedo dura per un pareggio).

    • Giampaolo says:

      a me la cosa che lascia stupefatto e’ che ci si illuda che possa essere un campionato interessante……La dirigenza VUOLE un piatto meta’ classifica. PUNTO. Gli serve per poter giustificare il NON rinforzare (tanto la coppa non devi affrontarla), per vendere tranquillamente i pezzi pregiati quando sara’ opportuno, e non andare a contendere i posti che contano ad eventuali Grandi deluse che desiderino all’ultimo momento accontentarsi dell’Europa league…come probabilmente e’ sancito da accordi tra “amici”…….Tant’e’ vero che quando hai soffiato la Uefa all’Inter e poi eri senza licenza, e’ scoppiato un mezzo putiferio e con Gasp si e’ rotto qualcosa…..

      • Ste says:

        Gasp lo sapeva dal principio che non saremmo potuti andare in Europa lui (ha fatto bene) ha provato ad arrivarci, e riuscendoci, ha scoperto le carte..e Preziosi non la ha mandata giù.. far passare che il Gasp non sapesse nulla della licenza dai………. lo stai insultando……….

    • Ste says:

      concordo Enzo sul recupero…oggi faremmo fatica a pareggiare…

  5. massimo says:

    buongiorno, veloso sara’ anche un buon giocatore pero’ fino adesso gli ho visto fare passaggi orizzontali e passaggi indietro, si continua a giocare in 10.il genoa e’ una squadra che deve avere 11 giocatori che corrono non che passeggiano in campo e si nascondono dietro gli avversari.cosa ne pensate?

  6. stefano says:

    Per fortuna abbiamo fatto un pò di punti all’inizio altrimenti saremmo già li a guardarci dietro. Stimo Ivan ma avevo già preventivato che con un allenatore esordiente e una squadra comunque ridimensionata rispetto allo scorso anno, non avremmo potuto fare chissà quale campionato.
    Il dispiacere più grande rimane vedere che Preziosi si disinteressa di quello che può essere la passione di una grande tifoseria come la nostra e non ci fa mai fare un minimo salto di qualità… dobbiamo sempre accontentarci.

    • Ste says:

      i punti li abbiamo fatti perchè abbiamo avuto un calendario semplice all’inizio… ora che arrivano le squadre più forti escono fuori i problemi..ci eravamo illusi…

  7. Fulvio says:

    Credo che Juric abbia bisogno di farsi un po’ le ossa in serie A. Passare dal Crotone al Genoa sicuramente è stato un bel salto in un campionato difficile dove, a parte le outsider, le squadre sono abbastanza livellate. C’è anche da aggiungere che bisognerebbe far rifiatare alcuni giocatori e chiedersi anche il perché degli infortuni subiti da Pavoletti in questi ultimi mesi. Per concludere sono dell’idea che le voci di mercato non fanno bene all’ambiente (tifosi e società) e finiscono per ripercuotersi inevitabilmente su quelli che vanno in campo… Anche se sono dei professionisti che non dovrebbero dare peso a certe cose.

  8. Angelo poggio says:

    Carissimo Gio sarò lapidario. In trasmissione ho telefonato dicendo di dare via Pavoletti al Napoli e di prendere un mestierante da affiancare e far crescere Simeone. Mai capito i continui no a Borriello che sarebbe venuto a piedi.
    Punto secondo Juric era ed è ancora adesso una incognita.
    L’allenatore del Genoa è a Bergamo a godersi e a far godere i suoi trionfi.
    A questo punto l’unica partita che non ho capito è la schiacciante vittoria col Milan che aveva fatto sognare. Il Genoa è poca

  9. Angelo poggio says:

    Carissimo Gio sarò lapidario. In trasmissione ho telefonato dicendo di dare via Pavoletti al Napoli e di prendere un mestierante da affiancare e far crescere Simeone. Mai capito i continui no a Borriello che sarebbe venuto a piedi.
    Punto secondo Juric era ed è ancora adesso una incognita.
    L’allenatore del Genoa è a Bergamo a godersi e a far godere i suoi trionfi.
    A questo punto l’unica partita che non ho capito è la schiacciante vittoria col Milan che aveva fatto sognare. Il Genoa è poca cosa e la difesa inizia a prendere valanghe di gol.
    L’unica fortuna è che ci sono squadre che non arriveranno a 30 punti.

  10. Ste says:

    No, non va bene, già da due/tre partite. Non vedo più la squadra pressare come prima, quello che doveva essere il marchio di fabbrica di Juric.
    Ci eravamo illusi giocando contro le squadre più deboli del campionato (crotone, pescara, empoli, bologna) appena abbiamo incontrato qualche squadra decente fuori casa ci siamo sciolti come neve al sole.
    Peccato perchè ieri non ho visto una Lazio travolgente, ma semplicemente una squadra attenta (gol di Ocampos a parte) che appena premeva sull’acceleratore poteva segnare o segnava. Noi invece per fare un gol dobbiamo fare mille passaggi orizzontali al limite dell’area e poi perdiamo palla.
    Ieri salvo assolutamente la prova di Laxalt, motorino ineasuribile, unico pericolo per la difesa della Lazio.
    Tutti gli altri insufficienti per diversi motivi.
    Veloso, assist per Ocampos a parte, rallenta il gioco in un modo spaventoso.
    Ocampos, gol a parte, non salta mai l’uomo.
    Pavoletti, si troppo solo e non gli arriva una palla, ma non fa molto per andarsele a cercare.
    Edenilson, grosso passo indietro, non si propone come Laxalt.
    Orban, ma come faceva a giocare nel Valencia? Si vede che ha buoni mezzi, ma ogni partita ne combina almeno una colossale oltre 2-3 piccoli errori che portano rischi..il rigore è davvero la pubblicità della negligenza, non vedeva l’ora Felipe Anderson di farsi atterrare così. E poi l’espulsione devo capire ancora adesso cosa abbia combinato.
    Rigoni è diventato un pesce fuor d’acqua tutt’assieme..
    Simeone mi ripeto, giochiamo in 10 quando è in campo, deve fare esperienza in serie B o anche in Lega Pro, non ce lo possiamo permettere ora.

    Ora Juve in casa e Chievo ed Inter fuori… non la vedo rosea la situazione da qui a Natale.. Si vero che non dovremmo soffrire per la salvezza, però ogni anno non giocarsi mai niente, neanche l’ottavo posto che da diritto ad un calendario migliore per la coppa italia….

    Sempre Forza Genoa

  11. Ste says:

    Riprendo dal blog di Lino Marmorato (buoncalcioatutti.wordpress.com) 4 domande interessanti:

    1- perché non si è visto pressing alto, possesso, intensità come nelle pesanti sedute mattutine al Pio Signorini?
    2- Perché Juric con le assenze dei nazionali la scorsa settimana ha sempre giocato con Edenilson a sinistra e Lazovic a destra ha riproposto uomini e modulo come contro l’Udinese?
    3- perché tutto il lavoro sulle marcature preventive attraverso le partitine non si sono viste sia a Bergamo che contro la Lazio?
    4- Perché il principio generale di Juric andare molto sull’uomo per riconquistare subito il pallone chiudendo tutti i passaggi non permettendo il controllo agli avversari non è riuscito con Keita, Immobile e Felipe Anderson?

    Tu Giovanni che ne pensi? Juric è in confusione? Lo sono i giocatori? Abbiamo già il fiato corto?

  12. massimo says:

    se preziosi non rivoluzionava la squadra ogni 6 mesi,gasperini sarebbe ancora con noi,e noi potevamo essere al posto dell’atalanta ogni anno. speriamo che questa volta gli sia davvero servita la lezione.

  13. Giampaolo says:

    Mi chiedo : cosa ci lamentiamo a fare? Ci avete detto che dobbiamo tenerci questa dirigenza perche’ non c’e’ nessuno di meglio..giusto? E allora i campionati son questi qui…di cosa stiamo parlando? Questo Genoa e’ costruito per galleggiare …con squadre come la Lazio ci giochi 10 volte e ci perdi 7…..poche balle…..Il Genoa di Preziosi e’ : Starsene in serie A per fare mercato e plusvalenze . PUNTO. Non c’e’ altro cui puntare….Non c’e’ intenzione di fare altro che non sia questo. Il punto e’ farselo andar bene oppure no. Io sto perdendo entusiasmo…un po’ perche’ non ho piu’ 20 anni…un po’ perche’ detto sinceramente mi annoia questo calcio com’e’ concepito oggi…E lo ribadirei anche se Domenica vincessimo con la Juve…perche’ sono episodi…la realta’ oggi e’ questa…Uno puo’ seguire o non seguire…ma l’entusiasmo sara’ destinato a scemare.

  14. Paolo1893 says:

    Ciao Giovanni,
    ho visto la partita, mi limito a due osservazioni:
    1) Difensori: Orban non può commettere un’ingenutà simile in area di rigore; ormai pare che non venga insegnato a marcare ma ad essere aggressivi ed a tenere quella cavolo di posizione e far gioco, capisco il calcio moderno ma un difensore prima di impostare e proporsi dovrebbe difendere, visto che se commette un errore in fare di marcatura è facile che gli avversari creino un’occasione da gol.
    L’errore di Orban lo posso accettare se commesso da Pavoletti come a Sassuolo ma da un difensore di 27 anni che ha giocato a certi livelli non lo accetto.

    2)Attacco: faccio solo la seguente considerazione, l’unica volta che abbiamo provato a giocare palla a terra senza il solito cross dalla tre quarti abbiamo segnato…sarà mica un caso ?

    3) Meno male che domenica abbiamo la Juve almeno le motivazioni e la concentrazione escono da sole. Per me nei momenti negativi se capita un avversario forte è meglio.

    Un abbraccio,
    Paolo

    • Paolo1893 says:

      Dienticavo un’altra considerazione,

      4) Andiamo troppe volte sotto, anche ad inizio campionato con Cagliari e Crotone siamo andati sotto, non sempre si riesce a recuperare. Questo se non sbaglio era un difetto anche del Crotone dello scorso anno solo che essendo un B le partite riusciva a rimontarle, in A è diverso non puoi permetterti d’andare sempre sotto. Siamo passati in vantaggio per primi contro Pescara, Bologna, Milan. Bisogna cercare di cambiare questo trend.

      Un abbraccio.
      Paolo

  15. roberto says:

    Ciao Giovanni, sono d’accordo con te. Non bisogna allarmarsi troppo pero e’ giusto capire cosa non va e credo che jurich sapra risolverla. Al derby ho avuto una sensazione strana mentre guardavo i giocatori e non mi e’ piaciuta molto. Mi e’ sembrato che si sentissero superiori e questo può essere un problema perché se perdono l’umiltà andiamo poco distanti. Bisogna essere determinati ma umili sapendo che il nostro obbiettivo e’ raggiungere la salvezza prima possibile per poi toglierci qualche soddisfazione.
    Forza genoa!!!

    • Giampaolo says:

      andare distanti? e intanto dove vuoi andare? Questi sono i dettami societari…galleggiare…e lo stan facendo…Teniamoci sta dirigenza ? Ok allora inutile lamentarsi….

    • Paolo1893 says:

      Hai scritto bene, a volte certi giocatori sembra che si credano superiori, come se tutto gli fosse dovuto e la cosa è molto pericolosa. Per una squadra come la nostra senza umiltà non si va da nessuna parte.
      Per fortuna quest’anno le ultime 4 fanno a chi fa meno e per me la quota salvezza è inferiore rispetto al solito.

      Ciao,
      Paolo

      • Giovanni Porcella says:

        Penso che per la salvezza non ci siano problemi, a meno che non le perda tutte. Credo che girare a 20 punti sia il minimo sindacale. Eppoi credo che la squadra ora giocherà piu’ determinata. E’ giusto mettere un po’ di pressione ai giocatori perché ho la sensazione che ultimamente fossero un pochino troppo tranquilli, in senso calcistico.

  16. andrea says:

    Giovanni so che quello di gasperini ormai è un ciclo chiuso, ma a juric manca esperienza non legge la partita come il sue predecessore e se la squadra gioca male è colpa sua. ha snaturato molti giocatori tipo rincon, laxalt e rigoni e edenilson non giocano nei loro ruoli naturali.
    vedere giocare il genoa è noioso ed è colpa del suo modulo un 3-6-1 o un 5-4-1. il 3-4-3 non si è neppure visto quest’anno. Oramai tutti ci hanno preso le misure e fare goal è un miracolo. Se si continua cosi altro che plusvalenze per il Presidente che deve sperare di vendere prima del prossimo ciclo di partire altrimenti il bilancio non lo quadra mica. ma in fondo un po se lo merita il Presidente aveva chi gli faceva fare delle super plusvalenze e la storia la sappiamo.
    La colpa è anche di Milanetto e Figlio preziosi che per i loro interessi tengono a libro paga giocatori vergognosi tipo Pandev, Gakpe, Cissoko ecc e continuano a fare esperimenti su giocatori.
    Chiudo con una provocazione ma se si intendono tanto di calcio perchè non hanno allestito una rosa omogenea con i giusti ricambi ???? in panchina non cè nessuno in grado di cambiare la partita e simeone si vedeva anche dai video che non è l’alternativa a Pavoletti perche solo noi siamo cosi disorganizzati ???
    sempre forza genoa

  17. Ste says:

    Qui non si pretende nè la Champions nè lo Scudetto, a me piacerebbe solo ogni anno avere una piccola ambizione che è quella di giocarmi qualche cosa fino alla fine dell’anno… un obiettivo.. la famosa “parte sinistra della classifica” non vuole dire niente e non porta nulla. Io mi porrei ogni anno come obiettivo l’ottavo posto, per partire in buona posizione l’anno successivo in Coppa Italia. Ma non riusciamo neanche in quello.

  18. francesco says:

    buongiorno Giovanni, sono d’accordo con Te. Probabilmente abbiamo pensato che una rondine facesse subito primavera, visti i primi risultati. Purtroppo così non è stato.
    La lezione di Bergamo, la pochezza della rosa ed il debutto del nuovo mister nel più ampio palcoscenico della “A”, stanno mettendo in evidenza le nostre carenze.
    Spero solo che il Prez. possa e voglia metter rimedio ad una situazione che di fatto a creato lui, intervenendo dove serve. Sulla rosa.
    sempre Forza Genoa

  19. alberto says:

    Faccio un discorso generale, anche se forse non è questa la tribuna giusta. Il campionato italiano mi ha stufato da tempo. A meno di miracoli:
    ad agosto sai già chi vincerà lo scudetto
    sai già chi lotterà per non retrocedere
    sai già chi lotterà per la Champion
    sai già che l’Europa League è bella ma è meglio non andarci (vedi Sassuolo).
    Mi rimaneva Gasperini.
    Non credo che la Dea rimanga lassù, ma se i risultati finali assomiglieranno a quelli attuali sarebbe bello sentir dire “Abbiamo sbagliato di brutto”. Non credevano che gli scarti non potessero giocare in A. Ogni tanto entra in campo Lazovic ma non sai mai se è lui o suo cugino; gli altri Boh!

    • Giampaolo says:

      per di piu’ in questo sistema calcio noioso e prevedibile, e’ inserito BENISSIMO il presidente del Genoa…e’ organico a questo sistema….dove e’ il maggiordomo di certi poteri forti di cui si mette al servizio, facendogli da trampolino di lancio per i calciatori e non “disturbando” in zone alte della classifica…..Credo che gran parte dello “scoglionamento” (passatemi il termine che pero’ rende l’idea) di molti tifosi genoani, ormai stufi , che allo stadio vanno ormai poco o niente (basta guardare le presenze ..i dati..) dipenda da questi due fattori collegati : calcio moderno + avere un presidente inserito nel sistema ma “cavalier servente”………quindi assenza di obiettivi e galleggiamento squallido.

    • Paolo1893 says:

      Se i risultati assomigliassero a quelli attuali non sono molto distanti rispetto allo scorso anno. L’anno scorso siamo arrivati 11-esimi, ora siamo 12-esimi eppure l’anno scorso oltre a Gssperini c’erano Ansaldi, Dzemaili, all’andata Perotti al ritorno Suso.
      A questo punto del campionato avevamo se non sbaglio gli stessi punti ma quest’anno dobbiamo recuperare una partita.
      Non mi sembra che rispetto allo scorso anno stiamo facendo molto peggio pur essendo indeboliti.
      Consideriamo che Juric è al primo anno di cadetteria, quindi come ha avuto difficoltà Gasperini è normale che le abbia Juric.
      Per quanto riguarda che il campionato si sa già in linea di massima come va a finire è vero, da Ottobre ci sono circa 10 squadre che non hanno molto da chiedere e purtroppo, a mio giudizio, che vale 1 c’è il rischio di scommesse e partite truccate.
      Almeno secondo me.
      Un saluto,
      Paolo

  20. Luca Di Donna says:

    Caro Giovanni, questo Genoa non mi ha ancora divertito, io non sono uno di quelli che contestano per contestare tutto e tutti, ma Juric e la squadra non mi hanno ancora emozionato. Lo so, sono un inguaribile nostalgico di Gasperini, con lui si poteva perdere, ma era facile divertirsi, in ogni circostanza. La politica del “primo non prenderle” non ha mai pagato, tanto meno nel caso del Genoa, baciato dalla “sfiga”. Anche ieri dopo il pareggio abbiamo preso un rigore incredibile con Orban che ancora oggi mi deve spiegare perchè ha fatto quell’ entrata, e un assist al bacio per il giocatore della Lazio su un rimpallo degno di Fantozzi! Sarà un’ annata difficile, speriamo che le ultime quattro continuino così, altrimenti dovremo rimboccarci le maniche e schiarirci la voce per sostenere una squadra che mi pare avere pochissimo carattere. Forza Genoa comunque!!

  21. Daniele Genoa says:

    Mah…alla fine della Fiera hai giocato bene le prime partite e neanxhe tutte intere (crotone esempio)…poi hai sempre fatto fatica…fin dalla gara col pescara si vedeva che eravamo in affanno a creare un occasione da gol…infatti neppure tiriamo in porta…
    Mah il problema é che non vedi la grinta e la voglia…ed è grave!
    Fa abbastanza passare la voglia…però la squadra e il mister vanno sostenuti, inutile pensare ad altro. Per divertirsi guarderemo altre partite, noi cerchiamo di salvarci.
    Certo è che i giocatori valutati ora SI sanno svalutando in fretta….e addio plusvalenze…e il Genoa ci campa su quelle…

  22. BRUNO says:

    GuardIiamo l’Atalanta e traiamone le dovute conckusioni: chi si era dimenticato subito del Genoa degli anni di Gasperini …. faccia ammenda e ringrazi Preziosi e il suo essere permaloso!

    • Giampaolo says:

      ma non e’ semplicemente permaloso…fosse per quello sarebbe solo da ridere….invece lui l’ha licenziato perche’ lo ha sputtanato andando in Uefa quando le direttive societarie sono di NON andarci……facendolo rimanere col cerino della NON licenza in mano…e svelando quello che avevamo capito quasi tutti..che questa societa’ e’ gestita per galleggiare , far plusvalenze e preparare i giocatori per altri palcoscenici…..solo che non si puo’ dire…..;-D

  23. massimo says:

    di bene in meglio,come al solito noi genoani siamo forunati…. pavoletti fermo almeno 3 settimane se non di piu’ come dicono. ma il problema risale da 2 anni a questa parte, ed e’ che non abbiamo una prima punta di riserva. e non parliamo di un ex giocatore come pandev che per altro non puo’ fare la prima punta, o di un ragazzino come Simeone ancora immaturo per la serie a. vediamo cosa fara’ preziosi a gennaio ?

  24. bruno says:

    Buongiorno a tutti, io sinceramente andrei più cauto con le critiche, sia ai giocatori, alla società e tantomeno a Juric. Tutto sommato la classifica è forse meglio dell’anno passato, e fino a qualche domenica fa eravamo tutti contenti dell’andamento della squadra. Il mister lo si sapeva, è un esordiente, e pertanto ha bisogno di imparare e di fare esperienza, si è fatto l’anno scorso una promozione dalla B alla A, quindi ha dimostrato di non essere uno sprovveduto. Certo non credo gli faccia bene sentir tirare sempre in ballo Gasperini. Il quale peraltro la sua gavetta l’ha fatta qua. Gasperini oramai è acqua passata, non stiamo col fiato sul collo a mister Juric, lasciamolo lavorare tranquillo, e se Gasperini fa bene a Bergamo, meglio per lui. E ricordiamo però che lontano da Genova è la prima volta che ottiene buoni risultati. A fine campionato tireremo le somme. Per quanto riguarda la società mi sembra abbia fatto ciò che la tifoseria ha chiesto, non vendendo i migliori e tantomeno smembrando la squadra come gli anni passati. Abbiamo più di 10 nazionali in squadra, di cui 3 nella nazionale italiana. Aver tenuto giocatori come Izzo, Rincon, Pavoletti e Perin è a parer mio tanta roba. A gennaio, come ogni anno la società saprà sicuramente apportare dei ritocchi essenziali per il prosieguo del campionato. Mi sembra che oramai dopo tanti anni sia Preziosi, Milanetto, che Fabrizio meritino un po’ di fiducia. Saluti e forza GRIFO!!!

  25. robertogrifo says:

    Credo che con l’ infortunio di Pavoletti con conseguente stop di almeno venti giorni, obbligherà Juric a cercare nuove soluzioni li davanti che non siano o soliti cross a questo punto inutili. A mio modo di vedere siamo obbligati a mettere contemporaneamente Ocampos sulla fascia e Ninkovic più accentrato, gli unici a oggi in grado di scompigliare le difese avversarie, e Simeone come unica punta.

    • Giovanni Porcella says:

      Un 4-4-1-1 che dite?

      • Giampaolo says:

        ma magari……oppure un 4-3-3……..ma figurati se mette la difesa a 4…….

      • Ste says:

        Io invece giocherei con un 3-4-2-1
        Perin – Izzo Burdisso Munoz (Gentiletti) – Edenilson Rincon Rigoni Laxalt – Ocampos Ninkovic – Simeone

        Purtroppo non c’è un sostituto all’altezza di Pavoletti, spero che a Gennaio un Pinilla/Paloschi arrivi a darci una mano.

        Forza Genoa

        • Giampaolo says:

          io ragazzi, qui lo dico e qui lo nego…..dopo l’esperienza Gaperini , che ci ha gratificato e divertito…avrei comunque sinceramente cambiato rotta…con allenatore di impostazione diversa….basta con sta difesa a 3 per cui poi mi metti la davanti una punta e mezza…oppure ali che in realta’ son mediani…Ma le vedete le altre squadre? Giocano quasi tutte a 4 dietro e il tridente la’ davanti e’ un tridente VERO…..non ali tattiche…e medianacci….

          • Daniele_Genoa says:

            Beh, la storia insegna che non conta il numero di attaccant in campo ma l’atteggiamento della squadra.
            E questa squadra gioca a trazione posteriore…difesa e contropiede. Non è un caso che abbiamo fatto le prestazioni migliori con le squadre che ti schiacciano, mentre se proviamo a fare la gara fatichiamo, perchè la palla gira troppo lentamente.
            Non credo sia un problema di modulo o una o due punte. La squadra è numericamente scarna come già l’anno scorso. Infati basta che manchi Pavoletti o Ocampos (l’anno scorso tra Pavoletti e Perotti hanno saltato una marea di gare e infatti eravamo un po in difficoltà a dicembre) per qualche giornaa che si fa fatica. NOn ci sono ricambi adeguati. E ripeto, è stato un errore pensare che Gakpe, Pandev, Lazovic non li vedesse il mister precedente…semplicemente sono dei mediocri e un bollito

  26. CasarzaRossoblu says:

    Sconfitta evitabile ma meritata,contro una lazio non proprio incontenibile ma comunque quarta in classifica, a testimonianza del fatto che questo campionato dal secondo posto in giu’ si dimostri equilibratissimo e povero di squadre in grado di inanellare una serie di quattro-cinque vittorie di fila(escluso il caso atalanta),facendo crescere il rammarico per una stagione che avrebbe potuto regalare qualche soddisfazione.
    La partita di domenica ha messo in mostra la lacuna piu’ grossa di questo genoa,anche piu’ della poco qualita’ offensiva: quando il genoa gioca senza “garra” diventa una squadra modesta, il pressing sistematico e asfissiante DEVE essere una costante per un squadra che deve mascherare alcune carenze non troppo nascoste.
    In questi casi diventa un lusso( o forse un suicidio tattico?) schierare un giocatore alla veloso,soprattutto in un centrocampo a due con un rincon ( che fra genoa e nazionale avra’ giocato 50 partite nell’ultimo anno e mezzo e quindi comprensibilmente “bollito” a livello di tenuta fisica). La cosa piu’ sensata sarebbe riportare rigoni nel mezzo,togliendo cosi da un ruolo a lui scomodo,per portare un po’ piu’ di densita’ ad un reparto in evidente difficolta’.
    Basti pensare allo scorso campionato,quando un centrocampo con appunto rigoni,dzemaili e ricon non mancava quel giusto mix di corsa,intensita’ ed inserimenti.
    Al tutto aggiungiamo una buone dose di sfiga che ha voluto portarci via pavoletti per 4/5 partite e il gioco e’ fatto.
    Stringiamo i denti e proviamo a non ritrovarci a gennaio in una zona morta della classifica,perche’ l’ambiente-genoa vive fondalmentalmente di entusiasmo e quando questo viene a mancare…la squadra ne risente automaticamente.
    Noto con piacere che le ultime quattro fanno a gara a chi fa meno punti,quindi in questo senso possiamo ritenerci piu’ che tranquilli.
    Quindi rimbocchiamoci le manichine e tiriamo fuori tanta tanta GARRA!!!
    Forza genoa,sempre!

  27. Michele76 says:

    Onestamente io non penso che la squadra sia messa così male.
    Con qualche innesto a gennaio penso che potremmo ancora dire la nostra in un campionato così mediocre.
    A chi poi non piace la dirigenza è liberissimo di proporre il genoa a grandi magnati cinesi, russi o arabi…nel frattempo questo è il meglio che possiamo avere.

    L’unica cosa che ora mi brucia è che i cugini ci abbiano sorpassato…ma aspettiamo il recupero prima di disperarci.

  28. Paolo says:

    Bravo bravo presidente ..finalmente sei riuscito a far perdere l entusiasmo definitivamente al popolo genoano…il nostro mister che nn andava d accordo in società e che era talmente scemo da non far giocare Lazovic,Ntcham,Cofie,Gapke(e infatti con Juric stanno facendo la stessa fine) aveva l ardire di farci divertire sempre….di andarcela a giocare ovunque..di non dichiararsi mai battuto in partenza con nessun avversario…d insegnare calcio e rivalutare i leasing semestrali…di fare plusvalenzare alla grande xche oltre all aspetto calcistico-formativo era un gran motivatore di atleti(ricordo che Perin..il primo Perin l aveva ripreso per i capelli e rimesso in pista lui)…di mettere Mandragora(chiiiii?) su un POGBA in piena ascesa(alla disposizione in campo delle squadre ho pensato fosse fuori come un poggiolo..ma questo era il suo bello)…ha avuto la forza condita da un godimento interiore senza fine di arrivare spesso davanti a quelli lì la(lo dichiarava come obiettivo! Nn come questo che a fine gara a Roma ha nicchiato di fronte alla punzecchiatura del giornalista RAI sull argomento)..che lo pativano come bestie altro che piangerini…ha dato lustro con la sua presenza e il suo modo di parlare e di sapere al tifoso e al nostro Genoa…e in ultimo ebbene si era diventato un vero genoano con tutto il nostro modo d essere nei confronti della squadra del nostro cuore e da sempre dei nostri nonni e papà….in virtù e in funzione di tutto questo ti chiederei una gentilezza dal profondo del cuore..levati dal belino in fretta xche tu del tifoso genoano innamorato della sua squadra e di chi alla squadra da e ha dato tutto se stesso non hai capito niente e figurati se potrai mai capirlo dopo 10 anni di presidenza…prenditi un Bologna qualsiasi tanto X te è’ la stessa cosa….Paolo

  29. Alberto says:

    “Dire che va tutto bene madama la marchesa non è un mantra utile a nessuno”, sono d’accordissimo caro Giovanni, ma anche continuare a ripetere “E’ un Genoa che non correrà rischi di disastri ” mi sembra un tantino superficiale. Riparliamone alla fine del girone di andata. Con stima.

  30. Bruno says:

    Buonasera….leggo che questo presidente ha fatto passare l entusiasmo ai tifosi….dopo 10 anni consecutivi di serie A cosa che x 50 nn abbiamo sognato altro…allora mi chiedo….quale dei presidenti del prima Preziosi ce lo aveva fatto venire? Quale di quei presidenti dovremmo rimpiangere. Oppure quale dei magnati petrolieri in coda a pegli x prendere il Genoa dovremmo sperare che ci compri!? Io sinceramente con i tempi che corrono a parte la juventus che fa campionato a se, nn mi sembra ci siano queste dirigenze da invidiare. E per quanto mi riguarda se nn viene di meglio spero che questo, pur con tutti i suoi difetti si stufi più tardi possibile. Buona serata…

  31. massimo says:

    ma non solo bisogna tenere pavoletti, ma e’ necessario avere anche un alternativa a lui, e l’importante che non sia un ex giocatore e fuori ruolo come pandev, o un giovane inesperto come Simeone. cosa ne pensate ?

  32. Giovanni Porcella says:

    La speranza è che sia sereno

Lascia un commento

IL GENOA SI DOVRA’ SALVARE, PER QUESTO BISOGNA MUOVERSI

Banca Lazaard ha il mandato a vendere il Genoa ma per ora ha avuto solo alcune manifestazioni di interesse ma

TUTTO CAMBI PURCHE’ NULLA CAMBI

Andare avanti con Enrico Preziosi non mi pare che alla fine della fiera sia un dramma. Se guardiamo ai risultati

PREZIOSI, CELLINO E IL SILENZIO

Enrico Preziosi è pronto ad andare avanti. Come nel 2012. Anche allora aveva messo di fatto in vendita la società,

IL GENOA RESTA IN A, PREZIOSI E’ INAFFONDABILE

Una domenica da Genoa vale una salvezza difficile che permette ai rossoblu’ di rimanere in A e di guardare al

Search

Archivio