FARE QUADRATO

19 Feb 2012 by Giovanni Porcella, 90 Commenti »

“Stiamo pagando gli errori fatti a giugno”. Così, dalla Cina aveva parlato Enrico Preziosi prima della partita col Chievo che ha portatom la terza sconfitta di fila. Stavolta la Nord ha perso la pazienza e a fine gara c’è stato nun confronto tra tifoseria e un gruppo di giocatori. Il popopolo rossoblu’ vuole piu’ grinta perchè farsi picchiare in casa dal Chievo non è un bel segnale e giustamente ce chi l’ha colto subito. ma credo che questo momento delicato vada affrontato con la giusta calma. Insomma testa fredda e magari sì, cuore piu’ caldo. Occorre fare quadrato in vista del match importante di nuovo in casa col Parma di sabato prossimo. Quella è una gara da non sottovalutare e ovviamente da non sbagliare. Per questo serve l’appoggio convinto del pubblico. la classifica pernmetet ancora serenità, ma bisogna tornare a muoversi. “Fare al piu’ presto 40 punti” aveva detto Marino prima di questo match coi gialloblu’. Obiettivo peraltro ripetuto anche nel dopo gara. Forse il mister se lo sentiva che stavolta ad andare male era proprio una sfida al Ferraris dopo tre vittorie consecutive. Il problema è che il Chievo non ha dato spazi al Grifo come formazioni piu’ tecniche quali Lazio, Udinese e Napoli tutte battute, ma con Gilardino in campo era tutto sembrato piu’ facile. E l’assenza del Gila col Chievo s’è sentita eccome.  Non a caso Rossi e compagni tra Catania, Atalanta e Chievo non hanno segnato un gol. In piu’ mettiamoci un gruppo dove Kaladze continua  a faticare, Rossi sballottato da un ruolo all’altro rende sempre meno, Kucka non al meglio, Veloso idem, Jankovic stanco e potrei continuare su questa strada. I problemi ci sono, ma a 14 partite dal termine serve solo spingere il Genoa il prima possibile in sicurezza. Poi si guardera’ al futuro. Intanto Marino faccia la sua parte e i giocatori diano di piu’. Poi si potranno fare tutti i discorsi possibili su cio’ che poteva essere e non è stato.

90 Commenti

  1. paolo says:

    non dei giocatori di calcio, non un presidente e non un allenatore. dei cabarettisti. comici.

  2. Alex says:

    Il Genoa non paga gli errori fatti a giugno. Paga gli errori di una gestione che non fa programmazione, che rivolta come un calzino la squadra tutti gli anni e che non ha un progetto tecnico. E Preziosi lo sa benissimo, perchè tutto è tranne che uno sprovveduto. ma lui insisterà e continuerà a fare così perchè il Genoa è un giocattolo che gli piace troppo e che gli fa fare delle interessanti plusvalenze. L’unico Genoa con un senso ed in grado di produrre dei risultati in più stagioni è stato quello di Gasperini: dato di fatto incontestabile, almeno fino ad oggi. E ai detrattori del Gasp dico: non è che senza di lui abbiam fatto molto meglio…..anzi…

    • francesco says:

      le interessanti plusvalenze sarebbero i diciassette milioni di euro che ci ha rimesso l’anno scorso ?
      i commenti come i tuoi fanno veramente cadere le braccia

  3. paolo says:

    ciao giovanni, scrivo per la seconda volta al tuo sito dopo dopo domenica scorsa. arrivati a questo punto ritengo necessario da parte di chi è preposto un veloce confronto con tecnico e giocatori per evitare di trovarsi tra qualche domenica il lecce (che reputo la più pericolosa) a pochi punti da noi. E’ evidente e palese che la campagna acquisti di giugno sia stata completamente sbagliata, ma da chi? sarei curioso di saperlo. meno male che questa era la squadra più forte da quando è al Genoa!!!!!

  4. Enrico says:

    ma basta con sto quadrato!!!6-1 col napoli, bisogna fare quadrato ed essere vicini alla squadra..3-0 a cagliari,bisogna fare quadrato ed essere vicini alla squadra..5-3 a palermo,bisogna fare quadrato ed essere vicini alla squadra..4-0 a catania,bisogna fare quadrato ed essere vicini alla squadra..1-0 a bergamo,bisogna fare quadrato ed essere vicini alla squadra..presi in giro in casa dal chievo,bisogna fare quadrato ed essere vicini alla squadra..E BASTAAAA!!!!!!!NOI TIFOSI NON ABBIAMO NULLA DA DIMOSTRARE, LORO SONO GLI STRAPAGATI “PROFESSIONISTI” E SONO LORO CHE DEVONO DIMOSTRARE DI AVERE I C******I PER USCIRE FUORI DALLE SITUAZIONI, SONO NOSTRI DIPENDENTI, NOI CI METTIAMO PASSIONE E SOLDI (TROPPI) PER MANTENERE IL LORO SCHIFOSO SISTEMA. SAREBBE DA ASSEDIARE PEGLI, VEDI COME CORRONO.

  5. Davide says:

    Ciao Giovanni, scusa se te lo richiedo di nuovo, ma sarebbe importante se Primocanale invitasse Preziosi a Gradinata Nord e gli chiedesse che cosa ha in mente di fare per il futuro del Genoa. Se dovessimo perdere anche col Parma, lo spettro di ripetere l’impresa dei cugini dell’anno scorso diventerebbe più concreto, considerato che dietro ci sono squadre che hanno tante partite da recuperare e, soprattutto, sono più preparate psicologicamente alla bagarre salvezza. Comunque vada a finire la stagione, speriamo bene ovviamente, il trend di questi ultimi due anni è preoccupante: 4 allenatori in un anno (per ora) e una cinquantina di giocatori passati come se il Genoa fosse la hall di un’albergo. Se Preziosi non si rende conto (ma sarà poi vero?) che la politica dei baratti ha sfasciato questa squadra, sarà inevitabile ritornare dove ci ha preso. Come direbbe lo stesso Preziosi, il tempo è galantuomo…ahimé

  6. Paolo says:

    ‎…oggi guardavo gli ultimi minuti della partita ed improvvisamente ho avuto un flash:ho rivisto per alcuni secondi personaggi del passato che credevo di aver ormai rimosso:Busatta,Luppi,Bosetti,,Pecoraro,Pelliccia,Viviani che chiedeva:”di che colore e’ il cielo?”Rossobluuuuuu……ho pensato che non poteva essere vero,era solo la delusione…..poi ripenso che su 24 partite ne abbiamo perso 12…esattamente il 50%,che abbiamo la difesa piu’ battuta del campionato nonostante il miglior portiere,che non abbiamo uno schema consolidato,che in pochi anni avremo movimentato duecento giocatori,una decina di allenatori e che quello attuale non ci capisce niente,collaboratori a iosa,che ci siamo trovati dalla serie A alla serie C,che non abbiamo una parvenza di gioco,che qualunque squadra ci prende a pallonate,che abbiamo sbagliato preparazione,l’ennesima campagna acquisti,che la squadra non corre,non ha ne’ capo ne’ coda,non ha tenuta atletica,che incombono i nuvoloni del “solito” procuratore Palazzi per il “calcioscommesse” e,cosa piu’ grave,I TIFOSI COMINCIANO A FISCHIARE!……il mio bicchiere cominciavo a vederlo mezzo vuoto,pensavo che non sara’ facile….poi stasera ho visto una trasmissione dove l’ineffabile signor Vignolo magnificava ancora una volta le gesta del Presidente dicendo che non abbiamo mai visto una squadra cosi’ forte,che siamo in attivo,che abbiamo un ottimo settore giovanile e poi ha telefonato un tifoso dicendo che la zona salvezza non potra’ mai riguardarci,che tanti tifosi fanno solo del disfattismo,che il Lecce e’ “ben” a 9 punti(la prossima trasferta e’ proprio li…….)che e’ ora di finirla con i mugugni,che la squadra e’ piena di assenze,che quelli che fischiano sono degli imbecilli citando per finire il suo sermone i “soliti” Scerni,Mauro e Dalla Costa!Sinceramente mi sono rinfrancato un poco….a questo punto il mio bicchiere potrebbe considerarsi mezzo pieno?…..sinceramente non so nemmeno io….di sicuro noi Genoani “abbiamo visto cose che voi umani non potete nemmeno immaginare”e col dilemma del bicchiere cerchero’ di prendere sonno cercando di capire dove sta la verita’…..

  7. sergio says:

    La mia opinione è molto semplice. Abbiamo mandato via malesani dopo napoli e per il non gioco dimostrato nelle partite sia in casa che fuori. Benissimo. Abbiamo preso marino sono arrivati sculli biondini e gilardino è chiaro che la società ha fatto uno sforzo notevole dunque non ha colpe. Se i giocatori non hanno grinta non hanno senso tattico mi domando cosa ci stà a fare l’allenatore ? Mi spiace lo già detto via marino subito prima che sia troppo tardi .

  8. Paolo says:

    Come non essere d’accordo su tutto Giovanni.. Hai fotografato perfettamente il Genoa di quest’anno. Ormai pazienza: ha ragione il mister a pensare alla salvezza (suona meglio chiamarla 40 punti) e dimenticarsi la parte sinistra della classifica (o 50 punti) più dignitosa.
    Per essere un po sarcastici, dico che ieri si è sentita la mancanza di Lucas Pratto, ossia un giocatore in campo che ci mette impegno e ci prova e magari finisce per riuscirci davvero. Ieri poteva essere un’altro Genoa-Bologna, sofferta ma vinta con il merito dell’averci creduto.
    Non voglio sentire giustificazioni sulle assenze di titolari: sulla carta eravamo comunque superiori al Chievo.

  9. elio says:

    Ho letto diverse pagelle ai giocatori, qualcuna condivisibile, altre meno.
    Quandi si perde in casa da un Chievo operario e pedalatore, il voto per tutti non può essere che un bel 4.

  10. Stefano says:

    Altro che sostegno del pubblico Giovanni,ora ci siam stancati,non è il tifoso che deve trascinare sistematicamente la squadra,a volte deve essere il contrario.Son passati anni in cui ci andava bene tutto,adesso mi auguro che la musica cambi.Concludo parlando di Marino,ieri ha lasciato palacio di nuovo solo davanti e ha sbagliato TUTTI i cambi.Ha una media punti peggiore rispetto a Malesani !! Non stiamo pagando gli errori di giugno..ma anche quelli di gennaio (manca difensore e vice gila).ciao!

  11. Fabrydt says:

    Ciao Giovanni,
    il Genoa visto ieri non lascia spazio a nessuna considerazione diversa da quella di dovere fare 10/12 punti il prima possibile. Fare quadrato dici e mi sembra doveroso, mi lascia un po’ perplesso il dover notare similitudini con la stagione passata della squadra di Sampierdarena, partita con l’Europa e ritrovatasi con una retorcessione. Bisogna ritrovare la mentalità da provinciale tutta grinta e cuore, bisogna iniziare a correre di più degli avversari cosa che non ricordo sia capitata da inizio anno ad oggi, anche nelle partite vinte non si è visto il sacro fuoco nei ragazzi.
    Sabato arriva il Parma squadra in salute se togliamo l’ultima battuta d’arresto che rischia di consegnarci una squadra motivatissima domenica prossima con un piccolo di classe come Giovinco, il tipo di giocatore che più il Genoa patisce (vedi Maxi Moralez, Miccoli, Papu Gomez). Analizzando la gara di ieri magari la sconfitta è anche esagerata perchè il Chievo non ha fatto molto più del quasi niente fatto da noi, sono disposto anche a fare il Genoano calimero che può lamentare una trattenuta su Kaladze, ed un fuorigioco fischiatoci su fallo laterale, il che la dice tutta sulla qualità della quaterna, ma non sono argomenti granitici. La realtà è che non si deve sottovalutare i segnali di ripresa che arrivano dai fanalini di coda Lecce in primis e che si debba fare quanto possibile per tenerli a debita distanza, serve uno scossone forte, piangere sul Gila che manca non lo trovo neanche troppo giusto, la verità è che Palacio prima segnava anche quando era da solo a cantare e portare la croce, se il Trenza ha una pausa il Genoa è poca cosa. Mi sento di dare solo una colpa a Marino, i cambi di Jorquera e Ze Eduardo, penso che anche un cieco ormai debba avere capito che non portano a nulla, allora tanto vale giocarsi un ragazzotto della primavera, che ci metta il muso duro e la corsa e la spensieratezza di chi si affaccia al calcio che conta, oppure inserire Bellushi a dialogare da vicino con Palacio non provando neanche lontanamente a pensare che possa svolgere le mansioni di Kucka. Se dovessimo fallire anche con il Parma, potrebbe sopravvenire una certa ansia sia nella squadra che nella tifoseria che di solito non porta niente di buono.
    Si iniziano a sentire pareri di chi auspica l’arrivo di un terzo tecnico, cosa che sarebbe a mio avviso deleteria al massimo, (Cavasin è libero?).
    Io spero che sabato Marino abbia il coraggio di far giocare Improta con Palacio, hai visto mai, tanto il rischio che possa fare peggio di chi ha giocato ieri è veramente relativo.
    COMUNQUE ORA PIU’ CHE MAI FORZA VECCHIO BALORDO.

  12. joker says:

    NON E’ TEMPO DI PROCESSI

    si è parlato tanto di obiettivi e ora l’unico obiettivo sono i 40 punti, vanno bene anche vittorie non spettacolari e pareggi scialbi(impare dal chievo di ieri).

    quello che mi preoccupa di più è che si continua a parlare di fututo (ds, allenatori, giocatori futuri) e non del presente come se la stagione sia già finita!

    i giocatori sono sottotono ed è chiaro a tutti (soprattutto agli avversari). ogni domenica una rivoluzione tattica: mettere Rossi ogni partita in un ruolo diverso non va bene e ieri si è visto che non ha più il passo o la visione di gioco per essere esterno.

    sabato sarà un battaglia, uniti e fuori la voce!

  13. albe says:

    Secondo me c’è poco da commentare, dopo la stagione di Milito e compagnia, il Genoa non ha avuto più molto da dire in questo campionato. Tutto il rispetto per il presidente Preziosi e per la serie A di discreto livello che finora ci ha garantito, però all’inizio di ogni stagione guradiamoci in faccia tutti e parliamoci chiaro, non ci sono prgetti e non ci sono ambizioni, stare in serie A è l’unica (spero) garanzia con l’attuale presidente, e sarebbe giusto che anche la società fosse più chiara per non alimentare false illusioni e falsi sogni.

  14. ricky14 says:

    Son d’accordo Giovanni, ma intanto inizierei a mettere i giocatori giusti i n campo.
    Rossi in difesa, se non è al 100%, è impresentabile, abbiamo un buon terzino giovane che ha già esordito e non vedo perchè non possa giocare.
    Zé eduardo non sarà una punta centrale, ma se giochiamo con 2 punte può benissimo fare il supporto di Palacio, ricordiamo che l’Udinese gioca con Di Natale e Floro Flores, e nessuno dei due è una prima punta.
    Kaladze a parer mio ormai è bollito, abbiamo preso un difensore a gennaio perchè eravamo messi male dietro, quindi sarebbe giusto farlo giocare, tanto che a Bergamo è stato uno dei migliori!
    Chiudo con Alhassan, terzino titolare della nazionale ghanese, che noi non facciamo giocare per adattare Constant. Che non possa essere lui l’erede tanto agognato di Criscito?
    In più è giusto ripartire dalle motivazioni di gente come Sculli, Rossi e Frey che oggi a Pegli a mio parere si faranno sentire.

    P.S. Gli allenamenti sono sempre a porte chiuse a causa di lavori al Signorini? Ricordo che quando Marino aveva ricominciato a farli a porte aperte la squadra ne aveva beneficiato..!
    Grazie e FORZA RAGAZZI!!

  15. iperdrepi says:

    Ciao Giovanni,
    il genoa di ieri, per come giocava, per come arrancava, per come si vedeva che quella partita l’avrebbe persa tutta la vita… mi ha richiamato alla memoria il genoa che ho sempre conosciuto e che nel bene e nel male è sempre stato altalenante e modesto. Una donna bruttina ma circondata dall’affetto. Su e giù dalla serie B, bassa seria A, un anno nelle prime dieci, la fiammata della coppa UEFA poi giù all’inferno per risalire. Fino ad arrivare ad oggi. Mi è venuto in mente che non è cambiato tantissimo. Da quel Genoa li, di quando ero un ragazzino. Io non so che cosa ci vuole davvero per fare una squadra che abbia degli obbiettivi, forse oggi solo dei soldi. Siamo finiti in un limbo che discende da un’aspettativa mancata, di un rimpianto. Tutti, in cuor nostro soganvamo che il genoa diventasse la più bella di tutte. Ma il tempo passa e la bellezza non si inventa. Questa è la delusione più grande. Ed è l’errore di noi tifosi: sperare di essere diventati diversi da noi stessi. Siamo solo più lungimiranti, e infatti non ho dubbi che ci salveremo senza eccessivi patemi. Resteremo li dove con tanta sofferenza non soganvamo neppure noi di essere: nella parte sinistra della classifica che se la leggi tutta intera vuo dire prima della metà. Noi Volevamo la stella, è per questo che siamo tutti unpo’ più grigi. Un saluto.

    • albe says:

      bel post, complimenti

    • PaoloSky says:

      La stella è nell’inno e basta. Ci vogliono un progetto adeguato e i finanziatori convinti. C’è anche la coppa Italia, è un obiettivo possibile, e di tutto rispetto.
      Anche Preziosi non accetta la situazione e il “fallimento” di questi ultimi due anni difficili, infatti ci sono degli importanti cambiamenti in vista che speriamo siano quelli della “svolta” da questa stasi e sofferenza.
      Da Preziosi vorrei un poco più di chiarezza: a cosa ambisce realmente? Vada in TV e lo dica.

  16. mirko says:

    Uno dei tanti problemi e’ la tenuta atletica……arriviamo sempre secondi sul pallone e non vinciamo mai un contrasto!! Ci vuole anche più cattiveria agonistica!!

  17. Casarzarossoblù says:

    mamma mia quanto è brutto questo genoa!

  18. Paolo1973 says:

    CARATTERE CARATTERE e ancora CARATTERE: di questo abbiamo bisogno!
    Il Prez. lontano e comunque da tempo ormai diventato TROPPO POLITICAMENTE CORRETTO, capozucca sulla porta, il figlio? Boh Chi l’ha visto?, stampa e tv che ci considerano pari a zero!!! dai ieri il chievo, il chievo porca miseria! ha picchiato, perso tempo e fatto ciò che ha voluto! arbitro che ti dà tutto contro: per noi nel dubbio è fallo di mano, per loro nel dubbio non lo è!!! Ed il tutto fatto quì a Genova!!! ma scherziamo????? Era da farsi espellere per proteste: quanto meno l’allenatore quando ha visto i SOLI 4 min di recupero CONCESSI!!!!!!!!!! Poi aggiungiamo una condizione fisica precaria (odio malesani più che un doriano) e la frittata è fatta. Sabato tutti uniti per far risultato, sennò son cazzi.

  19. Ale398 says:

    Queste tre partite …sulla carta alla nostra portata perchè giocate contro formazioni meno ambiziose e messe su in economia rispetto al Genoa …dovevano dirci a che cosa miravamo !!

    Bene da oggi sappiamo a che cosa guardare dobbiamo preoccuparci della trasferta di Lecce…perchè se perdiamo…a parte gli scontri diretti a loro favorevoli andiamo a -6 ho ben presente la storia dei cacirri dello scorso anno…vorrei evitarla.

    Veloso è un lusso per una squadra che lotta per salvarsi perchè ormai quello è il nostro obiettivo :-( anche se qualcuno si ostina a pensare positivo e a mio avviso sottovaluta il problema …io leggo una rassegnazione figlia di un gruppo impaurito e conscio dei propri mezzi scarsi..non mi piace per niente questa deriva….per niente !!

  20. maurizio says:

    infatti i problemi come al solito sono da ricercare nella campagna acquisti,sbagliato allenatore e troppi giocatori,ma adesso bisogna solo fare quadrato,il lecce e’ a solo 9 punti e noi dobbiamo andare a giocare proprio li’.per le varie contestazioni lasciamole a fine campionato.sosteniamo sempre e comunque questa squadra che a me sembra troppo fragile.

  21. Paolo says:

    Marino non ne puo’ nulla…..e’ normale non capirci nulla in una squadra dove la campagna acquisti estiva e’ stata sbagliata quasi per intero e dove chi l’ha preceduto non faceva una preparazione precampionato da 12 anni!Bagnoli diceva che nei momenti di crisi e’ opportuno “fare delle scelte”:scegliere i protagonisti e non cambiarli,scegliere un modulo di gioco,scegliere alcuni schemi da adottare….lui diceva che si poteva trovare il bandolo della matassa con un maggior sacrificio a livello agonistico e senza frizioni nello spogliatoio.Oggi alcuni telespettatori esprimevano il loro disappunto presso una nota emittente televisiva e la risposta dei conduttori era sempre la stessa: “Preziosi ha sbagliato,e allora….?”,Preziosi ha sbagliato,ma l’ha riconosciuto,e allora….?E ALLORA UN CAVOLO!!Nessuno dei due ha osato parlare del dopo….del cosa puo’ succedere per questi errori che TUTTI HANNO VISTO ED AMMESSO!!!Non esiste una legge per la quale ci viene assegnata la famosa “parte sinistra della classifica” per volonta’ divina,bisogna guadagnarsela e questo molti non l’hanno capito!Speriamo bene,speriamo di darci una mossa e di arrivare a quella tranquillita’ che tutti auspichiamo,di non fare a luglio l’ennesima rivoluzione e di trovare un minimo di continuita’ nella gestione della squadra…..FORZA GENOA!

    • francesco says:

      se non esiste una legge che ci garantisca la parte sinistra della classifica e , nonostante questo , con Preziosi l’abbiamo sempre raggiunta , vuol dire che questa società finora ha fatto benissimo .

  22. mauro boero says:

    Ciao Giovanni,

    Deprimente ieri. SI puo’ parlare di tattiche, uomini etc., ma se gli avversari corrono
    il doppio di te c’e’ poco da fare. Hai ragione, bisogna fare quadrato TUTTI. L’ho gia’ scritto, a me questa stagione ricorda maledettamente il 77/78 (e in piu’ ora si parla anche di un Sogliano….). Cosa devo dire, sabato saro’ a Genova ed a Marassi e faro’
    tifo sfegatato.

    FORZA GENOA SEMPRE

    Mauro

  23. Massimo54 says:

    Io quadrato lo faccio anche…ma qualcuno mi spiega perché siamo l’unica squadra di Serie A senza un centravanti di riserva? Il Chievo ieri in panchina aveva Moscardelli, noi uno vecchio, un giovane, uno qualunque è possibile che non ce l’abbiamo?

  24. eraldo says:

    Parole sante, Giovanni, fare quadrato.
    E su questo la tifoseria rossoblù è maestra. Certo, le polemiche sono dietro l’angolo, il malcontento è palpabile, ma ora pensiamo a salvare la baracca.
    Preziosi ha detto che si stanno pagando gli errori di giugno. E’ importante che il presidente non si nasconda dietro a circostanze particolari. Come sempre fà mea culpa.

    Però, e lo dice uno che ha sempre cercato di capirle i motivi legati principalmente ad avere un bilancio tranquillo in società, non è la prima volta che la nostra “penelope” rossoblù,si cosparge il capo di cenere, non è la prima volta che gli sento dire che ci sono stati degli errori e che su quelli verrà svolto un programma futuro per evitare di ripeterli.

    Purtroppo questo non è avvenuto. Personalmente non ne faccio nè un caso nazionale, nè un dramma, ci sono cose molto più delicate,tristi e importanti per le famiglie genovesi, che non una eventuale partecipazione all’E.L. però è altrettanto vero che esiste il calcio, esiste il Genoa e anche queste cose hanno il loro valore per noi tifosi.

    Anzi, a volte è proprio in momenti contingenti di crisi come questi, che ci si attacca ancora di più a quelle manifestazioni, certamente meno “importanti” socialmente, ma nelle quali metti tanta partecipazione e calore, che potrebbero in parte aiutarti a soperire a problemi più drammatici.

    Capire di aver sbagliato gli fà onore, però non vorrei che si parlasse in politichese, nel senso che poi, constatata la strategia di mercato non consona alla crescita., si continui sulla stessa strada.

    Da quattro anni ripeto che era capibile il comportamento di Enrico nel comprare e vendere in maniera che a molti sembrava irrazionale. Era il tempo che si doveva pensare a costruire una società solida e.non avendo. gli introiti delle pay tv come altre squadre, l’unica soluzione poteva o doveva essere il mercato.

    Ora. penso che la Società abbia una sua immagine importante, delle buone basi e una buona solidità economica. Oggi ritengo che non esista più il motivo nel continuare questi stravolgimenti di mercato.

    Ma non perchè i giocatori non si diano da fare perchè pensino di essere solo di passaggiuo, loro sono ottimamente pagati e devono fare il loro dovere sempre.
    Proprio per avere la possibilità di fare quei piccoli cambiamenti in un contesto importante, che permetta di fare un salto di qualità.

    Oggi abbiamo un signore attacco, un portiere eccezzionale e un discreto centrocampo. Pecca la difesa ed è su quello che il presidente deve lavorare, ma senza andare a prendere giocatori datati che hanno fatto il loro tempo in società più grandi, (es Kivu”) A mio avviso deve sostituire giocatori come Mesto, Kaladze, Moretti, Bovo, e uno, due buoni giocatori a centrocampo.
    Tutto questo senza stravolgere l’ossatura, altrimenti sarebbe inutile avere Gila, Palacio,Frey ecc.
    E’ logico che si dovrà vendere qualche pezzo importante.
    Uno potrebbe essere Veloso che, anche se a me piace e da subito, avevo ritenuto la sua riconferma il miglior acquisto estivo, forse non ha dato prorio tutto quello che ci aspettavamo e che potrebbe dare vista la sua qualità.
    E’ un giocatore che ha mercato e può fare entrare nelle casse un bel pò di soldi, ma è anche un giocatore abbastanza sostituibile.

    POI SOTTO CON I GIOVANI.

    Eraldo

  25. PaoloSky says:

    Vi dirò che sospendere il tifo e sospendere addirittura tutto anche le emozioni vocali, come fosse a porte chiuse……sarebbe forse una prima italiana. Sarebbe il grido più forte…..ma solo sino all’atteso goal del vantaggio rossoblu. E allora si esultanza! e tifo alla grande come Marassi sa fare.
    Non sarebbe male…

  26. peccio says:

    ll tormento e l’ estasi, la dannazione e la beatificazione, il lato chiaro ed il lato oscuro. Tutto questo si chiama Genoa.
    Tutto questo, lasciatemelo dire, è il frutto di un albero malaticcio, cresciuto storto in partenza, che ha la capacità di saziare chi è di “bocca buona” e disgustare quelli che nel succo e nella polpa sentono solo l ‘amaro sapore della mediocrità.
    Perchè l’ albero è storto e malaticcio? Si chiederà qualcuno, la società è sana, paga gli ingaggi, compie campagne acquisti pseudo-faraoniche e ha fatto dell’ immagine del Grifone un marchio “Aziendale”, ben gestito, ben pubblicizzato.
    La risposta sta nella radice.
    Fin agli albori della gestione Preziosi.
    Troppi calciatori che vanno e vengono e di conseguenza troppi allenatori che si arrabattano con il materiale umano che mai hanno scelto e sempre hanno mestamente accettato.
    E allora avanti così con il tormento di 3 sconfitte consecutive e l’ estasi di una prestazione casalinga sontuosa contro una “Big”, con la beatificazione di campagne acquisti di Agosto da mille e una notte e la dannazione di mercati di riparazione post-natalizi rivoluzionari e vulcanici con l’ incognita di una zona retrocessione a portata di mano e con il lato chiaro della “Squadra più forte di sempre” al lato oscuro del “Ho sbagliato riparerò”.
    L’ epoca d’oro Gasperiniana, sempre che sia mai incominciata, è finita.
    L’ epoca d’ oro Preziosiana delle plus-valenze continua, nel bene o nel male.
    Chi assaggia il frutto potrà trovare ciò che vuole, sazietà o fiele ma di una cosa bisognerà fare attenzione, il fusto prima o poi si spezzerà con tutte le conseguenze del caso.
    Milton diceva “E’ meglio regnare all’ inferno che servire in paradiso”.
    Non so se avesse ragione, so solo che non vorrei rivedere quell’ albero bruciare nel caminetto in un inverno futuro.

  27. FAUSTO AMERI says:

    SOLTANTO LEGGENDO I TITOLI DEGLI ULTIMI QUATTRO ARTICOLI FIRMATI DAL SIG.PORCELLA CI SI ACCORGE CHE ANZITUTTO E’ GENOANO E CHE NE INCARNA ESATTAMENTE LO SPIRITO, ESALTAZIONE O DEPRESSIONE. A MIO GIUDIZIO I PUNTI CONQUISTATI SIN QUI DAL GENOA SONO ANCHE TANTI SE RAPPORTATI ALLE PRESTAZIONI E CONSIDERANDO IL TURBILLON DI GIOCATORI CHE SI SONO SUCCEDUTI DALLA SESSIONE ESTIVA A QUELLA INVERNALE. E DEL LORO NECESSARIO ‘ AMBIENTAMENTO, ADATTAMENTO ECC ECC… D’ALTRO CANTO IL PRESIDENTE PREZIOSI (CHE DIO LO PROTEGGA) HA FATTO DEL TRADING SUI CALCIATORI UNA PARTE IMPORTANTE DELLA SUA ATTIVITA’, DICIAMO HA DIVERSIFICATO IL SUO BUSINESS, BISOGNA PRENDERNE ATTO COSI COME BISOGNA PRENDERE ATTO CHE TALVOLTA UN ATLETA PUO’ SENTIRSI PRECARIO IN UNA SQUADRA DOVE MILITA PER SEI MESI AL MASSIMO, POSSA NON ESSERE QUINDI PARTICOLARMENTE ATTACCATO ALLA MAGLIETTA OPPURE IN ODORE DI TRASFERIMENTO A TEAM DI PRIMISSIMA FASCIA E CON LA TESTA INEVITABILMENTE ALTROVE.
    MORALE: C’E’ SOLO DA AUGURARSI CHE IN QUESTI CONTINUI E VORTICOSI CAMBI IL GENOA RESTI SEMPRE, E CON ONORE, NELLA MASSIMA SERIE.
    BACI.
    F.A.

  28. Ste says:

    Forza Genoa

  29. GRIFONE OVUNQUE says:

    Ricordiamoci che siamo soggetti a penalizzazioni per i nostri ex giocatori che si vendevano le partite quindi bisogna fare ben più di 40 punti per essere tranquilli!!!

    • Giovanni Porcella says:

      Senti, su questo puntio m’incavolo. I nostri giocatopri, scrivi. Intanto è un giocatore e ci aggiungo con tutto da verificare. Eppoi se a Cremona vano fino in fondo mim pare di capire che per esempio l’Atalnata se al Genoa tolgono 3 punti dove va a finire, in C2 direttamente. E il Lecce con Corvia. E il Novara che ha Bertani tra i suoi ex giocatori. E mi fermo qui che è meglio. Non facciamo del terrorismo, per piacere. Seguiamo con rispetto le inchiesete e chi ha sbagliato paghi pure, ma qui sembra che solo il Genao debba tremare, ma per cosa. Insomma, forse un po’ di obiettività ci vorrebbe e vedendo gli atti a Dainelli qualche parola di scusa andrebbe rivolta visto che non è tra gli indagati.

      • LAURA says:

        Hai perfettamente ragione, Gioovanni, concordo su tutto quello che dici.
        Per quanto si riferisce a Dainelli in particolare non ho mai creduto ad un suo coinvolgimento e spero che venga fuori da questo schifo a testa alta.
        FORZA GENOA SEMPRE!

      • ricky14 says:

        Bravo Giovanni digliene 4!
        Ma si sa, grifone ovunque appena può critica..

        • Giovanni Porcella says:

          In merito ai rilievi del Genoa su Marco Nappi come opinionista televisivo anche su questa rete vorrei dire in modo amichevole a Marco che, a mio avviso, ha sbagliato giudizio sul settore giovanile rossoblu’. Da tempo la penso su questo tema diversamente da lui pur rispettando educatamente il suo punto di vista. Nel contenuto le sue dichiarazioni non le condivido. Penso che il settore giovanile del Genoa abbia lavorato in modo piu’ che esemplare e i risultati sono sotto gli occhi di tutti da anni.-In realtà certe affermazioni Marco le ha comunque fatte su un inserto di un quotidiano e non su di noi. Ci tengo per onestà a sottolinearlo in modo forte. In passato qualcosa Marco aveva detto anche qui (in maniera molto piu’ sfumata), ma essendo in regime di dibattito in studio c’era anche chi, come me, dissentiva. Per il resto Nappi sta lavorando secondo me molto bene. Le critiche rivolte a Malesani che poi è stato esonerato dalla stessa società ne sono un esempio.
          Ma sarebbe anche onesto che al Genoa notassero o facessero notare, almeno qualche volta, che per esempio questa tv che sta assumendo i contorni dell’AntiCristo ed è facile capirne i motivi (cui prodest?) è stata l’unica a lanciare la squadra al Viareggio con un’intervista al tecnico Novelli. Inoltre mi pare che questa tv sia l’unica a volte a parlare di scuola calcio e che spesso Donatelli e Sbravati sono stati ospiti nelle nostre trasmissioni uscendone, mi pareva, sempre molto soddisfatti. Ma mai è stasto fatto notare. Capisco gli invidiosi, ma il resto no.

    • joker says:

      sempre che sia vero……. e nel caso la prossima stagione…..basta con sta storia.va a finire che celi tiriamo dietro sti punti di penalità!

  30. Casarza rossoblù says:

    comunque parlare di retrocessione è una grandissima boiata come è stato parlare di europa

    • Giovanni Porcella says:

      Beh, insomma. Sulla retrocessione sono anche d’accordo, su come era la classifica un mese fa e come è ora, bastavano due punti per essere lì. Non dioco di arr8ivarci, ma parlare di calcio almeno fino a marzo…non credi?

  31. Francesco Oregina rossoblu says:

    Carissimo Giovanni come saprai,dalle tue nozioni geometriche, il quadrato è formato da 4 lati uguali.Supponendo che un lato sono i tifosi,un lato sono i giornalisti,un lato è la squadra e l’ultimo è la società.I tifosi,i giornalisti e la squadra sono sempre presenti nel bene e nel male.Nel conto finale mi manca un lato.Mi puoi dire chi è?

  32. luca™ says:

    ballardini è stato allontanato “perchè è un allenatore anonimo e non offre emozioni”
    ecco, in quest’anno calcistico spero che il presidente e noi tifosi tutti le abbiamo ritrovate, un po’ come succedeva anni addietro: malesani scelto addirittura a marzo, tifosi attaccati alle griglie (e la mia memoria va sempre verso quell’indimenticabile genoa- monza 3-1 sotto l’era dalla costa), paura di retrocedere.

    spero che tutte queste emozioni ci facciano ritornare voglia di ricadere nell’anonimato

  33. RAFFI59 says:

    Ciao Giovanni, ieri sera ho segutito Gradinata Nord e condivido appieno ciò che sostiene Marco Nappi. Purtroppo questi calciatori vanno e vengono senza capire cosa significhi l’attaccamento a questa maglia. Non puoi in tre o quattro mesi trasmettergli tutto quello che noi proviamo quando scendiamo nel nostro tempio. Le vecchie glorie non esistono più ahime’ e il cuore romane pieno di amarezza e malinconia. Nella vita ci sono cose molto più importanti, è vero, ma per molti di noi il Genoa rappresenta una fede, e quando questa fede viene meno ,tutto ci confonde e ci sgomenta. Io sarò una delle prime che sabato sera calcherà il Ferraris e con tutta la voce che mi rimane inciterò per tutto l’incontro apprescindere, mai in 43 anni ho fischiato la squadra e mai lo farò. FORZA VECCHIO BALORDO VINCI PER NOI!!!

  34. francesco says:

    non sono le plusvalenze il problema , i soldi sono sempre stati reinvestiti nella società e fino all’anno scorso chi arrivava era del livello uguale o superiore di chi partiva .

    e non sono certo le rivoluzioni estive il problema , l’anno del quarto posto abbiamo cambiato 18 giocatori , DICIOTTO !!!
    più rivoluzione di quella …

    sono stupidaggini .

    semmai bisogna spendere bene questi soldi , comprando giocatori ITALIANI o stranieri già in italia !

    gente che sai già quanto ti può dare , gente già abituata al nostro calcio , pronta da subito .

    poi una o due scommesse straniere le puoi anche fare , ma , di base, il gruppo deve essere formato da gente PRONTA per il nostro campionato .

    tutto qua , niente di più niente di meno .

    tra l’altro la società è sempre riuscita a fare plusvalenze proprio quando è andata sul sicuro .
    ranocchia , bocchetti , papastatopulos, milito ,ferrari , ecc ecc .

    l’unica scommessa che aveva fatto l’anno di milito era stata thiago motta , ma solo per la questione del ginocchio ,perchè è uno dei più forti centrocampisti del mondo .

    ecco , io vorrei che il Prez tornasse alle origini , a investire sui destro e sugli acerbi , facendogli indossare la nostra maglia invece di farli girare , piuttosto che sui pratto e sui ze love .
    ne guadagnerebbe la società , ci guadagneremmo sicuramente anche noi .

    lasciamo che l’udinese , coi suoi mille osservatori per il mondo , faccia l’udinese, noi siamo il Genoa , facciamo il Genoa .
    bisogna saper ammettere che c’è qualcuno più bravo di te e non cercare di imitarlo , ma andare per la propria strada , che tra l’altro , era quella più giusta .

  35. Zappa74 says:

    E’ quantomeno umoristico leggere i post di tutti i bocconiani doc., ingegneri gestionali, acrobati della finanza mondiale, capitani di industria, che frequentano questo blog, i quali costantemente ci insegnano come si gestisce una società di calcio dal punto di vista finanziario.

    Ancora più umoristico è leggere i post delle decine di possessori di patentino di coverciano, ex calciatori di livello europeo, guru del calcio in genere, che ci delucidano gli sviluppi dei vari moduli tattici e si sostituiscono agli allenatori in carica, i quali, evidentemente, non riescono a capire quale male oscuro affligga il nostro beneamato Grifo.

    Addirittura esilarante è lo sfogliare i post di chi, con equilibrio e giusto spirito critico, riesce a sostituirsi degnamente alla Cassandra più in forma, prevedendo modi, tempi e addirittura attimi, in cui il Genoa sarà sparito, fallito, retrocesso, morto.

    Non fa ridere e, anzi, merita piena giustizia, chi invece con modestia, pacatezza, equilibrio, fa “outing” ed ammette che si era illuso che il nostro Genoa potesse diventare grande e conquistare la stella.

    Quei tifosi, che non fanno gestione finanziaria spicciola, che non si sentono allenatori, che non chiedono soldi ma li mettono casomai, scrivono solo di delusione dovuta ad una precedente esaltazione frutto del risorgimento, dopo anni di merda schietta, al rango che compete al Genoa. La serie A sicura e tranquilla. Molto comprensibile ed addirittura giusto.

    Quel tifoso, non fa paragoni con Udinese, Napoli etc…

    Quel tifoso, non guarda cosa ci mancherebbe per realizzare per l’utopia di diventare grandi, in un calcio che fa dei proventi televisivi l’unica vera fonte di sporavvivenza….

    Quel tifoso apprezza ciò che ha. E se lo tiene stretto. Quando perde col Chievo in casa gli girano i coglioni come mulini a vento, ma non si attacca alle plusvalenze, alle compravendite eccessive, al vento che tirava contro, al campo che fa schifo…

    Quel tifoso, va a Pegli e sprona la squadra. Come solo il vero tifoso sa fare.

    Quel tifoso, all’ annunncio dello speaker allo stadio “auguri presidente”, non avrebbe mai fischiato, coprendosi da solo di merda e piume, di fronte a tutto lo stadio genoano che applaude e a quei 4 tifosi del chievo…

    Riflettano gli altri tifosi, o cosiddetti tali.

    • andrea keru says:

      tutto giusto, condivido quasi tutto, peccato che spesso i tifosi( che a questo punto devono pretendere uno stipendio da “addetto ai lavori”) ci prendano mesi e mesi prima del presidente e/o direttori vari eo allenatori……e sai perchè?
      perchè a genova c’è una cultura e un attaccamento al Genoa e al calcio in generale che altrove non esiste….

      Così capita che spesso il male del Genoa lo identifichi immediatamente, o addirittura con mesi(anni) di anticipo…vuoi un paio di esempi freschi freschi?

      Qualunque tifoso genoano( e non un addetto) diceva che dopo juric bisognava prendere un altro giocatore con quelle caratteristiche…..ma da subito!”!! bene…quanti anni sono passati?2……..

      qualunque tifoso genoano ha sempre detto che non puoi prescindere dal gioco e che andava confermato ballardini ma che non ci stava ad avere il ruolo del cioccolataio in una squadra diventata il gioco delle plusvalenze nella quale la mancanza di continuità nella permanenza nella rosa di un buon numero di giocatori cardine ne mina la stabilità dentro e fuori lo spogliatoio + tutti i vari discorsi di amalgama ecc…..

      qualunque tifoso genoano avrebbe semplicemente ritoccato la rosa di giugno scorso con un biondini, una vera punta e un paio di difensori per render competitiva da subito la squadra…e invece arrivi a gennaio, da 2 anni a sta parte, con la solfa delle scuse..ci siamo sbagliati..paghiamo gli errori…bla bla bla…..( la classica martellata sui coglioni con la borsa del ghiaccio li pronta)

      qualunque tifoso genoano sa benissimo che non puoi prescindere dal vendere il pezzo pregiato, ma è altrettanto vero che poi lo devi rimpiazzare alla svelta e bene, e che da che mondo e mondo( qualunque sia il modulo) ci vuole un doppione per ogni ruolo…ovviamente non dello stesso livello altrimenti saresti una top team….ma quì vedo “32 attacanti esterni 8 fantasisti una sola punta un incontrista 3 terzini sx uno dx”

      ecc…ecc….

      come vedi sono ovvietà……ma come dice beppe grillo( doriano ma mi sta simpatico) IL PROBLEMA è che ALL’OVVIO NON CI PENSA MAI NESSUNO.
      e questi pagati fior di milioni di euro vengono a dire che hanno sbagliato…bla bla bla……per poi fare ESATTAMENTE QUELLO CHE IL CLASSICO TIFOSO DELA NORD PRECARIO O COMMERCIANTE SENZA NESSUN TITOLO NE QUALIFICA NEL SETTORE SAPEVA GIà DA ANNI/MESI……

      BEH QUESTO MI FA INCAZZARE….

      BUONA GIORNATA GRIFONI

      • Zappa74 says:

        Andrea sono d’accordo su molti tuoi punti. In effetti noi persone normali vediamo con anticipo alcune situazioni che poi si verificano puntualmente. Situazioni che apparentemente la società non vede. Io credo che invece le veda, a volte non può fare niente altre volte Preziosi sbaglia palesemente. Ma mi sembra davvero eccessivo crocifiggere la società per degli errori che ad oggi non ci hanno danneggiato eccessivamente. Ci hanno spezzato il sogno della stella, ma non ci hanno danneggiato.

    • claudio says:

      caro zappa74 il tuo servilismo nei confronti di una società che negli ultmi 3 anni ha solo fatto errori per poi rimediare nel convulso mercato di gennaio,per poi ricadere nel tunnel delle rivoluzioni estive,milascia molto perplesso…perchè non guardare a napoli e soprattutto udinese? ma ti pare che i pozzo abbiano più risorse dell intoccabile preziosi?no certo no ma di sicuro l udinese tiene almeno uno/due anni i suoi gioielli per poi venderli e ricostruire la rosa[tramite esperti di calcio],e non regalare alle milanesi i nostri migliori…..si lo so mi dirai ABBIAMO TENUTO PALACIO E KUCKA, abbiamo comprato GILARDINO ma in compenso sono andati via:MILITO MOTTA BOCHETTI CRISCITO RANOCCHIA BONUCCIèmai visto] FORO FORES BIAVA FERRARI CRESPO ACQUAFRESCA FLOCCARI , per non parlare del piotoso caso ballardini… un allenatore che per preziosi non garantiva continuità di programma[quale?mah] invece malesani prima marino poi garantiscono….meglio non lo dica!!! forse quello che deve riffettere sei tu

      • Zappa74 says:

        Claudio, Tu parli di mio servilismo nei confronti di questa società. Per quello che mi riguarda puoi anche pensare che io porti il giornale e le ciabatte a Preziosi.
        Mi baso su dati di fatto inconfutabili. Tutti i giocatori che hai citato nel tuo poco significativo post LI HA COMPRATI, TRATTATI, PAGATI E STIPENDIATI, il tuo nemico Preziosi e tu, come tutti noi d’altronde, giocatori così NON NE AVEVI MAI VISTI se non in altre squadre. 5 ANNI DI SERIE A DIGNITOSISSIMA, forse manco te li ricordi. E non vado oltre.

        Per quanto riguarda Udinese e Napoli non possono essere prese a paragone per i seguenti motivi:

        - Napoli: per appeal televisivo, numero di supporters in italia, blasone e capacità di raccolta pubblicitaria dovuta al bacino di utenza, è la quarta squadra d’italia superando roma e lazio ed al pari con l’inter, quindi riceve introiti annui che noi avremo in cent’anni. Per cui se Cavani, Lavezzi, Hamsik chiedono il raddoppio dell’ingaggio, lo ottengono e se ne stanno a Napoli. E De Laurentiiiiiiiiiiiiis se li gode tirando fuori ben pochi euri. Chiaro il concetto?

        - Udinese: se a genova sponda nostra, ti presenti ad inizio campionato con giocatori tipo Inler, Basta, Armero, Zapata, Cuadrado, Asamoah, Isla, Benatia etc…, quando ancora sono sconosciuti, probabilmente viene giù lo stadio. A Udine, se un giocatore sbaglia un’annata non lo fischiano, non gli scassano il cazzo come facciamo a Genova. A Udine, i “tifosi organizzati” non fanno campagne contro giocatori (Milanetto, Dainelli). A Udine l’ambiente è forse un pò più sereno. A Udine, Pozzo, vende Di Natale alla Juventus e lui rifiuta e rimane, ma fosse stato per Pozzo se ne sarebbe andato. e nessuno scrive Pozzo Vattene. Eppure che cazzo ha mai vinto l’Udinese?

        Quindi, nel ricordarti che io non sono servo di nessuno, ti invito a proporre dati oggettivi e non elucubrazioni mentali tipo: “abbiamo regalato i nostri alle milanesi”, che ogni giocatore che gli abbiamo venduto ce lo hanno strapagato (Kucka, Ranocchia, Milito, Tiago). Ti confondi con gli strisciati, forse.

        Rifletti meglio.

        • eraldo says:

          completamente d’accordo con te. Lo dico da decenni, ai genoani manca da sempre equilibrio, ma non manca mai l’ingratitudine.

          Detto questo è anche logico fare una critica costruttiva, non dare del leccaculo, servi o quant’altro come alcuni fanno di solito, e spronare la società a migliorarsi sempre più, cambiando ad esempio la strategia di mercato rendendola un pò meno….frizzante.
          eraldo

        • rafael says:

          chapeaux zappa! quoto punto per punto!!!!!

        • Riccardo C says:

          La solita miriade di inesattezze infarcite di aria fritta e retorica tanto al chilo.
          Vediamo.
          1)”I giocatori che abbiamo li ha comprati,pagati stipendiati Preziosi”
          Beh..anche Spinelli si è venduto i giocatori che aveva comprato tenuto e stipendiato lui e mi risulta anche Fossati.Solo che allora i giocatori bravi si tenevano almeno 2 anni e non 6 mesi… e all’epoca,quando si dava via un giocatore si diceva che ci si vendeva tutti.Oggi voi spiritosoni le chiamate plusvalenze.
          2)”giocatori cosi a Genova non li hai mai visti”..Vero.Gente come Pratto,Ribas,Zapater,Constant,Esposito,Caracciolo,Ze Eduardo in effetti non li a vevo mai visti.
          Però mi ricordo che sempre il miscio Spinelli aveva preso il capocannoniere dei mondiali 90,il terzino della nazionale Brasiliana oltre ai giocatori italiani migliori in circolazione dopo quelli del Doria.
          3)”Se presenti giocatori come Asamoah,Quadrado,Zapata..ecc.ecc.”
          Si perchè quest’anno chi ci hanno presentato?…una riga di sudamericani presi tanto al chilo con l’aggiunta di un paracarro come centravanti ed il capocannoniere della serie B francese..Me cojoni..Sono arrivati fischi e lazzi?..no 17000 abbonati.E qualcuno s’è lamentato.
          4)”A Udine se sbagli un’annata non ti fischiano”..ahahahah qui siamo a Zelig.L’Udinese fa 13000 spettatori a partita tanto che Pozzo vuole mettere i cartonati.Alla fine della partita col PAok salve di fischi su tutti per uno 0 a 0….il civile pubblico friulano non va alla partita nonostante la squadra sia terza in classifica.Complimentoni per il paragone.
          5)”i nostri giocatori li abbiamo venduti bene”..ecco ci mancava il tifoso commercialista.Li abbiamo venduti talmente bene(qualcuno anche prima di comprarlo)che nel giro di 3 anni siamo passati dalla zona champion’s alla quasi zona retrocessione.Mentre con i nostri “scarti” Milan e Inter vincevano coppe e scudetti.Ma forse ho inteso male io.Fatic,Meggiorini,Bolzoni,Acquafresca(valutato 15 milioni sic)sono tutti fenomeni incompresi.Destro ultima plusvalenza fattibile,nonchè predestinato,a Genova non lo vedremo mai,
          Glisso volutamente su Milanetto e aspetto sentenze varie,sperando che si siano sbagliati tutti.Magistratura compresa che infatti lo ha iscritto nel registro degli indagati.
          Enfin.Siamo tredicesimi in classifica.Tutte le chiacchere e le difese d’ufficio stanno a zero.
          Con una serie A a 18 squadre e 4 retrocessioni(ultimo anno in A di Spinelli)probabilmente avremmo rischiato la B anche l’anno scorso.Quest’anno se il tuo idolo fosse riuscito a sbolognare Palacio all’amico Moratti in cambio di Zarate ci saremmo in pieno.
          Fai una cortesia.Commenta per i cazzi tuoi e non fare morali.
          Che di moralisti da tastiera da 4 soldi mi sono sfrantucato gli zebedei.
          P.S. se vuoi contattarmi chiedi pure la mia mail a Giovanni.Magari t’è sfuggito qualcosa

          • Riccardo C says:

            P.S. mi scuso solo per le ultime 4 righe davvero fuori luogo.
            Il resto lo sottoscrivo in toto

          • claudio says:

            riccardo sei un grande,hai interpretato il pensiero di tanti tanti veri genoani e non di aziendalisti di turno pronti a schierarsi sempre dalla parte della società!grazie ancora per fortuna c’è ancora chi la pensa come te

          • Zappa74 says:

            Evidentemente la pensiamo in maniera diversa e questo argomento ci dividerà probabilmente sempre.
            Naturalmente nessuna morale da parte mia, ma se leggo un commento che non mi va, dico la mia.
            Se vuoi non te la dico la mia, sicuramente continuiamo a vivere bene entrambi e, certamente non mi frega una sega della tua mail per contattarti. A quale scopo, poi?
            vabbè, buona giornata.
            P.s.: fantastico il paragone con Spinelli.

      • mari says:

        ciao veramente quelli che regalano alle squadre milanesi sono i ciclisti, non vorrei ti fossi sbagliato di blog. qui abbiamo un presidente che quello che vende se lo fa pagare caro e compra compra compra poi non vedo tutti quegli errori che dici e cmq sbagliare è umano e se l’anno prox siamo ancora a vederli dall’alto vuol dire che sono 6 anni di serie A (è il nostro record di permanenza in a dal dopoguerra) perciò cerchiamo invece di non continuare a menarla al Presidente
        che compra sempre o che cambia sempre allenatore ma diamo una mano alla squadra che attraversa un momento difficile rimaniamo uniti in gruppo senza puntare il fucile al vicino. Sempre e solo GENOA

        • claudio says:

          io non mi sono sbagliato di blog semmai voi toglietevi la veste di “fediani” di preziosi e aprite gli occhi per voi basta guardare la samp dall alto io vorrei vincere qualcosa o almeno provarci ogni tanto,a guarda che 6 anni in a li abbiamo fatti anche con spinelli…poi….

      • ricky14 says:

        Sinceramente non mi strappo i capelli per aver ceduto Bonucci, Biava, Crespo, Acquafresca e Floccari. Gli altri a parte Milito e Motta quando sono arrivati erano degli sconosciuti e comunque non sono stati regalati ma venduti al giusto prezzo.
        Mettiti in testa che se vogliamo sopravvivere dobbiamo vendere, e comunque come dicevi anche tu non è che poi non arrivi nessuno, avresti mai detto che avremmo comprato Gilardino?
        Finiamola per favore ..

    • Casarza Rossoblu says:

      zappa74 mi ricordi uno zerbino

      • Zappa74 says:

        Chi legge i tuoi post capisce immediatamente tutto di te. Addio.

        • Casarza Rossoblu says:

          ma te non puoi permetterti di sentenziare su tutto e tutti,ogni tifoso hai suoi sfoghi,le sue idee(giuste o sbagliate che siano),sei l’esatto opposto di grifone ovunque,ma perlomeno lui non commenta mai i post di qualcuno e scrive ciò che gli frulla in testa.nessuno di noi è uno scenziato(nè tantomeno io),quindi non puoi pensare che le tue opinioni siano intoccabili.bon tutto qui.se vuoi dimmi che sono doriano,che non capisco niente di calcio,che sono quelli come me che danneggiano il genoa,però SMETTILA DI DARE DELL’INGORANTE A CHI HA UN’OPINIONE DIVERSA DALLA TUA!!!

          • Zappa74 says:

            SEI UN GRANDE!
            mi dai dello zerbino (perchè non la penso come te) e poi si scazzi se ti rispondo. E di ci a me che non comprendo chi ha un’idea diversa dalla mia…. fantastico…
            Claudio mi da del servile (perchè non la penso come lui) e io, educatamente, rispondo.
            Pensavo che un blog servisse proprio per discutere, non solo per postare qualcosa le idee dei singoli.
            P.s.: a chi avrei dato dell’ignorante?

  36. Ste says:

    Giovanni si dice che la partita col Parma possa essere spostata a domenica causa rizollatura, ci sono conferme?
    grazie

    • Giovanni Porcella says:

      Se seguivi primocanalesèport avrai visto che le notizie nostyre in fondo erano altre e che non ci siamo sbagliati. Avevamo Anzalone in redazione, impossibile sbagliarsi. ciao

      • Ste says:

        purtroppo il digitale terrestre non funziona a casa mia e non riesco a vedere nè primocanale nè primocanalesport :) grazie per la risposta, bene così

  37. LAURA says:

    Ciao Giovanni.
    Ho seguito Liguria in diretta sport e fra le varie telefonate c’e’ stata quella di un tifoso che chiedeva al Dr. Sirianni dove sarebbe adesso il Genoa, secondo lui, se non avesse avuto “tutta quella fortuna” che lo ha baciato dall’ inizio del campionato ad oggi.
    Sinceramente questa cosa non si puo’ piu’ sentire. Vorrei ricordare che il Genoa tutto quello che ha ottenuto nella sua lunga e gloriosa Storia se lo e’ sempre sudato e meritato. A noi non ha mai regalato niente nessuno ed anche questo e’ uno dei motivi per cui io sono ORGOGLIOSA di tifare e di amare i nostri bellissimi colori.
    Noi tifosi dobbiamo valorizzare il nostro Genoa, non evidenziarne sempre i difetti e quello che non va. Abbiamo tanto di cui essere fieri e sono sicura che arriveranno anche grandi soddisfazioni, bisogna avere pazienza ed a noi quella non manca di sicuro.
    Ottimista per sabato.
    GRAZIE GRIFONE PER LE EMOZIONI CHE, NEL BENE E NEL MALE, MI FAI PROVARE.

    • Giovanni Porcella says:

      Beh, avrai sentito che Sirianni e il sottoscritto hanno reagito, nella tua direzione. Diciamolo pero’, perchè non sembra che stiamo sempre zitti. Ciao

  38. eraldo says:

    Zappa 74 condivido il tuo ultimo post.

    Certamente capisco anche chi dice, ma senza trovare per forza il colpevole bastardo da mettere sul rogo, che con un mercato più equilibrato, meno frenetico, potremmo avere un Genoa più razionale.

    Se vogliamo sensibilizzare il presidente ad essere un pò meno pirotecnico, lo dobbiamo fare senza offese e critiche troppo feroci.

    Non dimentichiamoci che il Genoa è il suo, dei tifosi è a livello di fede e affetto, ma oggi purtroppo, più di ieri, conta solo questo maledetto denaro, e quel denaro ce lo mette Preziosi.

    Sproniamolo per farci crescere, non obbligiamolo a lasciarci al nostro destino, Morirebbe il Grifo
    Eraldo

  39. Zappa74 says:

    Parole sante le Tue…
    Io chiedo solo a Preziosi di non vendere: Palacio, Gilardino, Frey, Veloso, Granqvist. Per il resto mi va bene tutto, perchè sono consapevole che il vil danaro ce lo mette lui.
    E fino ad oggi ne ha messo davvero tanto.

  40. Simone says:

    Io guardo Gradinata Nord perche mi fà vedere in diretta le varie conferenze stampa sia dei giocatori che dell’allenatore, guardo Gradinata Nord perche mi fà vedere le feste dei club, perche mi fà vedere le trasferte organizzate dall’ACG con i bambini, guardo Gradinata Nord perche è fatta bene e dà delle notizie, guardo gradinata Nord perche c’è Giovanni porcella che è un serio professionista è un giornalista che fà il suo mestiere 24h su 24h e non come secondo mestiere,che nonostante una malattia seria non molla per amore della sua professione e del Genoa, guardo gradinata Nord perche ci sono delle bellissime interviste, guardo gradinata Nord perche mi fà conoscere tutto del settore giovanile e mi fà conoscere i tecnici che lo guidano, ecco mi piacerebbe da tifoso che il Genoa scrivesse anche di tutto questo.. Ricordardiamoci tutti che c’è sempre una domanda che risolve tutto: a chi giova?
    Giovanni grazie del lavoro che svolgi e di come lo svolgi, peccato che non “offri cene”…

    FORZA GENOA!!

  41. Claudio says:

    riguardo a nappi
    perche non hanno scritto che quelle “belinate” le ha scritte sul secolo xix e non le ha dette su IC?
    PORCELLA tieni duro che l’invidia di certo omuncoli è proprio brutta! Tu sei una persona onesta e un giornalista serio.
    Claudio

  42. Lauretta69 says:

    X zappa
    ma lo sai che scrivi perfettamente bene? Sembri proprio un giornalista.

  43. Casarza Rossoblu says:

    con il parma ce la facciamo a metterne dentro 11? quest’anno abbiamo parecchia sfiga con gli inforntuni

  44. rafael says:

    Caro Giovanni,
    purtroppo quando si parla di genoa non si riesce mai a fare un discorso lineare ed obbiettivo, e questo vale sia per i tifosi sia per i giornalisti sia per ex giocatori etc….
    Purtroppo si segue quella logica della comunicazione che impone di spararla piu grossa per attirare un po di attenzione e pepare la discussione, ed allora vediamo ex giocatori buttarsi su improbabili ragionamenti di mercato e marketing aziendale, tifosi e giornalisti che analizzano costi ricavi e plusvalenze di una società di calcio in maniera piu che semplicistica (e sono stato estremamente buono) e soprattutto si estraniano da un contesto che è quello mondiale che stiamo vivendo.
    Bagnoli diceva “il terzino deve fare il terzino” e forse a parer mio il tifoso dve fare il tifoso, il giornalista il giornalista e l’ex giocatore l’ex giocatore….
    Altrimenti si finisce per essere come que telecronisti delle grandi reti….che invece di fare i cronisti (raccontare un avvenimento) fanno i tifosi dello share e del bacino d’utenza…

    saluti

    • Giovanni Porcella says:

      Lasciamo perdere sta pagina vergognosa. Forse per Nappi, ma non solo. Intanto perchè non scrivere il nome del giornale invece di farlo passare come cosa detta in tv? Comunque col Genoa ho parlato a lungo perchè voglio che sta cosa assuma i connotati che merita.

  45. Paolo says:

    Si Giovanni devo proprio darti ragione e condividere il pensiero di Simone che ha scritto i vari motivi per cui molte persone guardano la tua trasmissione. Boh io mi chiedo veramente perche ci si senta di replicare a Marco Nappi che benche sia stato NON condivisibile ciò che ha scritto sul secolo è sempre meno grave dello scherzo del primo Aprile fatto su un’altra emittente qualche anno fà dalle due signore della Tv, dove oltre a prendere per i fondelli la Storia del Genoa si erano presi in giro i tifosi e il suo Presidente Preziosi, era si il primo di Aprile dove ogni scherzo vale ma allora perche non lo fecero per la loro squadra che è notoriamente la sampdoria? Li non ci fu nessuna replica, e forse i tifosi, alcuni, non se ne ricordano neanche, chissà perche?

  46. Ste says:

    Beh bisogna dire che Nappi ultimamente è sempre caustico a prescindere col Genoa, si vede lontano un miglio che è prevenuto ed ha il dente avvelenato con Preziosi per non meglio precisati motivi.

    • Giovanni Porcella says:

      Non replico perchè sono davvero stanco. Quello che dovevo dire al Genoa l’ho detto su una vicenda che tra l’altro è nata su un giornale e non qui. Mi dispiace solo che qualcuno abbia girato la frittata. Evidentemente se Nappi è in malafede, ci sono decine di persone che contro di noi fanno altrettanto. E sai cosa mi dispiace che il mio blog è usato contro di noi. Possibile che da anni non ne facciamo una giusta? Dai non è credibile. Possibile che si fa un comunicato su Nappi e non sul giornale che prima DI Cesena-GENOA aveva scritto che se si perdeva saltava malesani? ma se Nappi criticava giustamente credo maLESANI è PE5RCHè CE L’ALEVA SU CON pREZIOSI? a ME VIENE DA RIDERE SE LA GENTE NON VEDE E NON CAPISCE, PARLO DEI TIFOSI INDIPENDENTI E NON MANOVRATI DA QUALCUN O CHE MAGARI VORREBBE ESSERE QUI, UCCIDEREBBE PURE PER ESSERE QUI, TE LO GARANTISCO. Per me quello è stato terrorismo e se fosse stato detto qui apriti cielo. Meravigliosa la selta del famoso scherzo, penoso, del primo dì’aprile su una tv qualche anno fa: una presa per il culo solenne verso la storia e i tifosi del Genoa. Memorabilee akllo stesso tempo vergognosa persa in giro. Roba da pattoni. Chi l’ha vista non se la dimeticherà più. Giurio il primo d’aprile prossimo faccio altrettanto, ma mi sa che non finisce alla stessa maniera. Allora avete, hai, visto un comunicato? No, figuriamoci, non hanno visto, non hanno sentito e di conseguenza non hanno parlato, come le tre scimmiette. Sob! Su Nappi, mi è stato detto così, sull’onda di internet è stato fatto un comunicato. Mi fanno meno paura le sconfitte, giuro. Poi su Nappi quando io non sono d’accordo intervengo sempre e pure Sirianni spesso gli ha risposto. Qui c’è dibattito, per fortuna. Poi non siamo perfetti, cazzate ne diciamo molte. Evidentemente siamo gli unici passibili di gogna. Ora mi fermo che è meglio.

      • Ste says:

        No Giovanni, della storia nata in questi giorni su un giornale e fatta passare come fosse su primocanale ne so poco e nel caso mi sembra una grossa mancanza nei vostri confronti. Io parlavo in generale di Nappi, come l’ho molto apprezzato da giocatore, meno lo apprezzo da opinionista. Ho spesso l’impressione, che abbia lui ragione o torto, che i suoi commenti partono sempre dal “bicchiere mezzo vuoto”, tutto qui.
        Per quel che riguarda il vostro lavoro non ho mai nascosto che facciate un ottimo lavoro per Genova e la Liguria, in questo caso a livello di sport, e la stima per voi è sempre molta.
        Ciao

  47. Francesco Oregina rossoblu says:

    E se Nappi dicesse veramente ciò che pensa senza peli sulla lingua?Spesso la verità offende chi non la vuol e sentire.Ormai sapete la mia opinione su preziosi e sarò uno dei pochi che,spero di no,cerca di vedere un pò più lontano.Abbiamo esultato sul pareggio con il parma come se fosse il gol decisivo di una finale di champion e abbiamo subito dimenticato il nocciolo del problema.Abbiamo dimenticato come abbiamo giocato per 80 minuti e solamente i 10 finali ci hanno gettato il fumo negli occhi.Abbiamo una squadra inesistente dove nessuno ha voglia di correre e di sacrificarsi:Forse non prendono lo stipendio?Sabato ero nella nord e nessuno ha osato dire una parola sulla società,però il malumore si sentiva eccome.Guardiamo un pò al futuro prossimo avendo negli occhi la squadra che abbiamo.Lecce,Juve,Roma e qui mi fermo.Ok che dovrebbe rientrare Gilardino e un pò più di peso in avanti ce l’abbiamo però il centrocampo…la difesa…mamma mia che pena.Qualcuno di voi mi può spiegare perchè ha preso in difesa quel gigante e ha giocato qualche minuto a Bergamo e non si è più visto?Per favore non ditemi che è rotto o non è pronto altrimenti ritorno ad attaccare il giocattolaio.Ragazzi ricordatevi come le merde sono retrocesse.Società inesistente,”figuriamoci se non facciamo 6 punti”,”ci sono squadre peggiori”,e dove sono finiti?Almeno loro hanno contestato il “braccino corto”.Daccordo non sarà servito a niente ma almeno si sono fatti sentire.Mi auguro che non accadda ma il tifo organizzato cosa aspetta?Quando saremo matematicamente in … ?

  48. Francesco Oregina rossoblu says:

    Per Giovanni:Tempo fa ti ho scritto che per fare quadrato mancava un lato (società) e mi hai risposto che faremo un triangolo.Ma,scusa,con solo due lati che figura si può fare?Naturalmente l’altro lato mancante è la squadra.

Lascia un commento

SOLUZIONE UTILE A TUTTI

Bookmark on Delicious Digg this post Recommend on Facebook Share on FriendFeed Tumblr it Tweet about it

BENE, MA SERVE CONTINUITA’

Bookmark on Delicious Digg this post Recommend on Facebook Share on FriendFeed Tumblr it Tweet about it

BENTORNATI A GRIFHOUSE

Scusate il ritardo. Torniamo alla viglia di una partita che non ha bisogno di presentazioni. Il derby e’ qui e

SETTE VITE

IL prossimo sarà il settimo anno consecutivo del Genoa in serie A. Piccolo, o grande,  record eguagliato. In fondo in

Search

Archivio