RIECCO IL CUORE, MA CI VUOLE DI PIU’

4 Mar 2007 by Giovanni Porcella, 38 Commenti »

Lo splendido gol di De Rosa riporta il Genoa dove deve stare in attesa di un gioco migliore. Sì perchè contro il Lecce i rossoblu’ hanno nuovamente riscoperto il cuore ma non ancora le idee. La vittoria è strameritata, sia chiaro, pero’ in questo torneo difficilissimo in cui il Napoli piuttosto di niente vince grazie ad una papera di un portiere, la formazione di Gasperini deve ritrovare l’ispirazione offensiva che ha perduto col tempo. I nuovi arrivi Leon e Di Vaio pesano poco, soprattutto il secondo, e alla resa dei conti il bomber dinocolato che doveva stare in panca, leggi Gasparetto, diventa il colpo piu’ importante di mercato. Gasperini col Lecce ha cambiato tre volte la sua linea d’attacco, ha rimescolato le carte fino alla noia, ma c’è voluta un’invenzione di De Rosa per mettere in tasca tre punti fondamentali. Il tecnico aveva dichiarato dopo Piacenza di avere le idee chiare. Non è così. Poco male ma occorre prenderne atto. Insistere su Di Vaio forse non è piu’ il caso. Meglio affidarsi subito a Gasparetto e Greco ( se sta bene) con Rossi in appoggio, soprattutto in trasferta. Poi col tempo Di Vaio troverà la giusta condizione e Adailton tornerà, si spera, quello che tutti conoscono. La stagione è ancora lunga. Il secondo posto appare piuttosto distante ma la media inglese dice che non è così. Provarci fino in fondo è un dovere, giocandosi bene le proprie carte che per Gasperini non sono poche.

38 Commenti

  1. Patrizia says:

    Caro Giovanni bentornato da quel di Sanremo. Sono d’accordo con te al 99%. Soltanto su Leon non sarei così pessimista. A parte il rigore ed il gol sbagliato, che rimangono peccati gravi che avrebbero potuto compromettere una partita che si doveva vincere (e che poi si è vinta per merito di un difensore, sic), il Leon ha cambiato il ritmo della squadra e ha alzato il livello sulla fascia costringendo gli avversari a corse e ha falli sistematici. Per non parlare delle punizioni (vedi traversa) che il ragazzo sa tirare.
    Come ti ripeto invece non riesco a vedere in Di Vaio l’uomo giusto per questo attacco. Non capisco se è un problema di condizione, di integrazione o psicologico ma un giocatore della sua caratura dovrebbe “pesare” di più lì in mezzo e far paura con tiri micidiali. Sembra invece aver paura a tenere il pallone tra i piedi.
    Avanti tutta con Gasparetto che ha dato vitalità e grinta all’attacco. Ciao

  2. Jacopo says:

    Ciao Giovanni!
    …anke a me Di Vaio convince poco, infatti ieri mi faceva cascare le braccia. Sembra molto scolastico, si limita a qualche passaggio non riuscendo a farsi valere nei duelli uno contro uno e in + davanti non ha peso.
    Era un giocatore dal valore indiscusso però temo k sia un attaccante finito. E’ da 2 stagioni che fa maluccio e adesso sta continuando non bene. Inoltre pare abbia perso anke la sua famosa tecnica in quanto non l’ha ancora dimostrata. Non so se continuerei con lui però la società ha fatto un investimento importante: penso k se Gasperini creda k possa tornare quello di un tempo sia meglio ritentare ma se il mister vede k Di vaio è qst….bè meglio Gasparetto!

  3. nicola giussani says:

    giusto dare spazio a gasparetto ed anche a stellini, soprattutto in trasferta. Modestamente avevo caldeggiato l’inserimento del tanto vituperato Stellini quando nessuno ne faceva cenno. Evidentemente Gasperini l’ha pensata come me ed il capitano ha risposto da uomo vero quale è e professionista esemplare; inoltre conferisce maggiore fisicità e compattezza al reparto arretrato. Vista l’assenza di De Rosa, credo che per Arezzo il posto per lui sia assicurato. Non dimentichiamo quello che ha rappresentato Christian per il Genoa l’anno scorso: non dico che debba essere idolatrato come Rossi, ma un po’ più di considerazione nell’ambiente la merita.
    Dando un’occhiata al campionato, considero il Napoli una squadra più compatta e protetta della nostra, ma mi auguro che il Genoa possa esplodere in primavera anche se, secondo me, il Genoa, soprattutto ad inizio campionato, non ha raccolto tutti i punti che avrebbe meritato; penso a lecce, spezia (complimenti a Santoni) bari pescara. L’unica partita dove si è raccolto di più di quanto meritato è Treviso.
    Il problema, inutile girarci intorno, è stata la tenuta e compattezza difensiva anche se con i 3 punti a vittoria è più produttivo cercare la vittoria rischiando di perdere, piuttosto che accontentarsi dei pareggi.
    FORZA GENOA

  4. EMANUELE74 says:

    CIAO A TUTTI!!!2 parole su un genoa lecce che mi ha fatto innervosire parecchio..primo ha dimostrato(secondo me)la confusione totale che regna in squadra dopo il mercato,a mio avviso il GASPE avrebbe da dirne sulle scelte..ma per ora tace,LEON ricalca l’inutile acquisto di ILIEV della passata stagione o meglio o si prende a giugno e si cresce assieme o a gennaio non serve un tipo di giocatore con quelle caratteristiche,su DI VAIO sarebbe da chiedere a PASTORELLO se conosceva le sue condizioni!!Qui non si tratta di forma fisica,non e’ che era ricoverato a montecarlo!!…purtroppo molti giocatori una volta lasciata la juventus risultano spremuti!!ringraziamo i nostri esperti di mercato che hanno optato per MARCO DI VAIO,io stravedo per lui e sono felice che sia qui,ma non potevo sapere che fosse cosi’ ridotto!!Ringraziamo la sorte che alle 18:55 dell’ultimo giorno utile sia almeno arivato il buon GASPARETTO che almeno va dentro e se la batte un po’!!RESTIAMO COMUNQUE AGGRAPPATI AL TRENO GIUSTO..SPERIAMO IN UN’IMPENNATA IN TRASFERTA…

  5. dadde says:

    Dai, continuiamo con i disfattismi. Siamo a 5 punti dal Napoli (non dal Pescara!!!!!!!!) e siamo 3°. Non stiamo facendo bene, abbiamo avuto un momento di appannamento ma siamo 3°. Il Napoli continua a vincere o per 1 – 0 o grazie ad errori assurdi degli altri (thanks Santoni) e noi siamo lì, a 5 punti. Perdono 2 partite, noi le vinciamo e andiamo sopra di un punto. Ragazzi la situazione è buona, ficchiamocelo in testa, è buona. Abbiamo perso parecchie partite assurde (vedi Lecce e Spezia fra tutte) eppure siamo lì… Prendiamo qualche punticino in più in trasferta (questo è il vero problema…) e siamo lì.
    Però per cortesia, non facciamo i disfattisti!!!!

  6. enrico says:

    Torno indietro con la memoria e mi metto a fare un po di conti emulando il “grande Pirito” il genoa di Preziosi nel mercato di gennaio non ci ha mai preso.
    Non è polemica premetto, solo considerazione. Pensateci:
    - la buona, rivelatasi grandiosa, scelta di acquistare Milito, che però ingranerà solo a 3 mesi dalla fine del campionato per consacrarsi nel campionato successivo
    - nell’anno della A conquistata e tolta, con innesti quali Italiano e la cessione di Makinwa e poi Sartor & C.
    - l’anno scorso Iliev e Mamede e la cessione di Tedesco

    Nonostante investimenti e attività di mercato(perchè non siamo la samp), anche in un mercato complesso come quello invernale, non si riescono mai a comprare giocatori che compensino le mancanze e che rendano come sperato. E paradossalmente ci si deve rivolgere ai calciatori in rosa fin dal mercato estivo per sperare di ottenere la promozione. Perchè???

  7. Giuse010 says:

    Ciao Giovanni!!!
    Se non si soffre non si è il GENOA!!! Grande DE ROSA!!! Io tra un pò lo schiererei come attacante puro… Ha fatto un gol, altro che Ronaldo… Adesso speriamo che il mister abbia capito che in trasferta è inutile rischiare dall’inizio, ma vedere l’andamento della partita e comportarsi di conseguenza. Per quanto riguarda Di Vaio, bisogna dargli il tempo che ci vuole, lo so anche io speravo che fosse pronto da subito, va bé non fa niente. Anche perchè sono convinto che i primi due posti sono andati, a meno di grosse sorprese… Quindi bisogna lottare per i play off e farsi trovare pronti per le sfide decisive. Secondo me se il Genoa gioca da Genoa, siamo più forti delle squadre che ci seguono in questo momento! Quindi la promozione ce la possiamo giocare fino all’ultimo, sempre però i giocatori, il mister siano da Grifone, come quello visto Sabato contro il Lecce… Il rigore sbagliato poteva tagliare le gambe a chiunque, invece i rossoblù hanno abbassato la testa e si sono rimessi a giocare più forte di prima, con grande cuore, e il gol di mitico De Rosa ha premiato questa mentalità!!! Appunto mentalità… Con la giusta testa non ce ne per nessuno… Adesso speriamo che Gasperini abbia capito… Per Arezzo, credo che Gasparetto si meriti la maglia di titolare!!! Vicino a lui può giocare chiunque, e spero che rispetto alle ultime due trasferte giochiamo un pò più coperti, “rinunciando” alla terza punta… Cmq… FORZA GENOA SEMPRE!!!
    Ciao a tutti!

    GRAZIE GAETANO DE ROSA!!!

    Giuse010

  8. Luciano says:

    Troppo sofferta la vittoria (solito Genoa,nulla e’ scontato).
    Adesso si spera che ad Arezzo non ripetano prove INDEGNE tipo Rimini o Pescara

    PS:
    I rigori secondo me,vanno fatti tirare da Milanetto.
    Purtroppo non abbiamo il centravanti, o se c’e’ gioca in un altro ruolo e si chiama Gaetano De Rosa.

  9. Nicola says:

    Giovanni, sono d’accordo con la tua disamina, fatta eccezione per il discorso Greco, sul quale non capisco la posizione della stampa.
    Fate un gran parlare di Di Vaio (fuori forma certamente) e Leon (più avanti, ma da registrare meglio), i quali comunque qualche attenuante l’hanno, senza menzionare mai Greco che a mio (e non soltanto mio) parere è attualmente inguardabile.
    Io non so se abbia problemi fisici o cosa, fatto sta che senza dubbi è inesistente; sempre in terra, cocciuto nell’ 1 contro 1, impalpabile nelle conclusioni.
    E’ lui l’involuzione singola più clamorosa all’interno dell’involuzione di squadra, che si è verificata nel corso di questo campionato.
    Alle volte mi ricorda il peggior Francioso.
    Fossi io Gasperini, finchè non ritrova testa voglia e gambe, il campo lo vede col binocolo alla rovescia.
    Un saluto, e forza Genoa

  10. Corrado says:

    Ciao a tutti,ciao Giò finalmente…va bene che Sanremo è Sanremo ma non esageriamo, a essere abbandonati così si è rischiata una crisi di astinenza da grifhouse.
    Detto ciò volevo segnalare il comportamento veramente indecente di Papadopulo,il quale(così ho letto) dopo la partita ha preso a calci e pugni la porta degli spogliatoi,ha inveito verso Milanetto,ha dato a Criscito del montato di m….,per finire con l’asserire che il goal a loro annullato era regolare.Tutto questo quando invece proprio le persone come lui dovrebbero dare il buon esempio e far capire ed amare ancora di più il calcio e il mondo dello sport.
    Per quanto riguarda la partita sinceramente alla fine sono rimasto soddisfatto,sicuramente per i 3 punti,ma poi per lo spirito giusto con il quale sono scesi in campo i ragazzi,ho visto poi alcuni tipo,Fabiano,Greco giocare decisamente meglio e in ripresa anche dal punto di vista fisico.
    Certo il gioco non è ancora armonico e fluido,come un tempo,però intanto si è vinto e alla fine conta questo,oltre naturalmente ad avere Osvaldo anzichè Ronaldo davanti a Rubinho quando sì è ancora sullo 0-0.

  11. Tony says:

    Anche se, in queste ultime partite, il gioco del Genoa è alquanto migliorato, non si sono certo raggiunti i livelli dei primi inizi di stagione. A mio modesto parere, la principale causa di ciò è la mancanza di un giocatore che ha fatto convincere tutti di essere insostituibile : Sculli. Mi auguro tanto che la giustizia sportiva, in occasione del prossimo appello, si dimostri un po’ più “giusta” nei confronti del nostro giocatore in modo che egli possa subito tornare in squadra e dare quel “tocco in più” oltremodo necessario per centrare l’agognata promozione.

  12. laura says:

    Ciao Giovanni,sono d’accordo che la partita di sabato sia stata vinta con il cuore ma il cuore reggera’ sino a fine campionato?Raggiungeremo la tanto agognata meta?
    Secondo me Gasperini non ha ancora ben chiaro chi tra i tanti giocatori che ha a disposizione può formare il tridente più redditizio.Io lascerei perdere l’accanimento su DiVaio e punterei su Gasparetto che pare abbia più forza nel tiro,più energie da spendere.Leon per me è un uomo importante,rigore sbagliato a parte,porta via l’uomo e lo costringe al fallo(vedi Arrieta).Nota di merito per il bravo Stellini che accetta la panchina ma si fa trovare pronto nei momenti di bisogno.GRAZIE TANO sei l’essenza del tridente(nel senso che ci sei solo tu).Comunque niente di nuovo sotto la Lanterna la sofferenza è Rossoblù.

  13. giovanni.porcella says:

    CARISSIMI

    STASERA MIMMO CRISCITO SARA’ NOSTRO OSPITE. SE VOLETE CHE GLI FACCIA QUALCHE DOMANDA DA PARTE DI CHI FREQUENTA GRIFFHOUSE, SCRIVETE PURE….

    GRAZIE

    GIOVANNI

  14. Nicola says:

    Ciao Giovanni, vorrei che domandassi a Criscito (che lo conosce bene) le caratteristiche su Masiello e le sue impressioni sul suo inserimento e le sue potenzialità (sempre riferito a Masiello).
    A te invece domando: si sa qualcosa sull’ignobile faccenda degli orari per i due turni infrasettimanali?
    Fossi in voi porrei l’accento su questo vero e proprio scandalo, nonchè scippo perpetrato verso tifosi, abbonati e non.

  15. Maria says:

    caro Giovanni,
    saluta caramente Mimmo
    stasera,perchè è veramente
    un bravo ragazzo semplice e modesto!!!
    Deve mettercela tutta xchè
    l’anno prossimo lo vogliamo con noi!!!
    ciao a tutti e sempre FORZA GENOA!!!

  16. Tony says:

    Sono perfettamente d’accordo con Nicola; mi sembra sia giunto il momento che anche voi giornalisti vi facciate sentire presso chi conta su queste decisioni cervellotiche che l’Osservatorio ,settimana dopo settimana, prende in maniera veramente dispotica a danno delle Società, ma soprattutto dei tifosi.Ma come si può pensare di far disputare le partite al Martedì alle ore 15! Paura di incidenti se le stesse venissero giocate alle 20,30? Ma è ancora vigente il divieto delle trasferte “in massa” da parte dei tifosi avversari? Se si, non vedo dove stiano i timori.Ho la vaga impressione che, oltre a Sky, ci pensi l’Osservatorio ha far allontanare sempre più le persone dai campi di calcio!

  17. Ilaria says:

    Caro Giovanni, vorrei solo che dicessi a Mimmo che deve continuare così, così che faccia in modo da stare con noi anche l’anno prossimo.
    Digli anche che è un grande, e ci sta dando grandi soddisfazioni ed è pure un bel ragazzo!!!
    ciao
    Ilaria

  18. Patrizia says:

    Grazie Giovanni per questa bella opportunità.
    Chiederei a Mimmo, per quanto tempo ancora la difesa del Genoa dovrà farsi carico anche dell’attacco, visti i suoi gol e quelli di Gaetano, i quali ci hanno propiziato diverse e importantissime vittorie. (In una sorta di modulo “bizona” alla Oronzo Canà, tanto per confondere gli avversari…). Ciao

  19. Yle 73 says:

    Ormai credo che dobbiamo pensare ai play off, difficilmente Iuventus e Napoli cederanno il passo, vuoi per la fortuna, vuoi per qualche aiutino, mi pare che non diano segni di flessione.

  20. enrico says:

    1) Se rispondesse con sincerità, sarebbe bello sapere come ha vissuto la sua situazione di “cessione anticipata” in quel di Torino, senza troppa possibilità di scegliere.

    2) Vorrei inoltre apprendere attraverso Criscito, cosa avviene all’interno dello spogliatoio prima durante e dopo il calcio mercato invernale? Come è vissuto dai calciatori, cosa fanno (se viene fatto) per integrare i nuovi compagni e potendo scegliere, se preferirebbe non esistesse questo “mercato di riparazione”?

  21. davide says:

    Ragazzi, va bene che Di Vaio è un po’ fuori forma, ma non si può pretendere da lui che la metta dentro ad ogni partita. La sua media-gol, se contiamo la serie A (escludo l’anno di B con la salernitana perchè la B di adesso non vale quella B) e i campionati all’estero, è di circa 1 gol ogni 3 partite. Quest’anno è un po’ calato, poco piú di 1 gol ogni 5. L’altro nome del mercato di gennaio, Bojinov, l’anno scorso ha fatto 6 gol in 27 partite con la fiorentina. Se stesse giocando qui con queste prestazioni saremmo tutti a mugugnare.
    Io continuo a credere in Di Vaio.
    Addirittura mi sbilancio e pronostico una doppieta contro l’Arezzo.
    Vai marco!

  22. nicola giussani says:

    vorrei chiedere a mimmo se non pensa che con un uomo in più (stellini) la difesa sia più protetta, soprattutto in trasferta, considerando 2 fattori: il genoa ha preso troppi gol, il genoa è comunque prolifico in attacco.
    Un’altra considerazione: ho ancora gli occhi luccicanti se penso ad Adailton e Sculli di inizio stagione sulle fascie, ce la farà il Genoa senza il loro contributo (che ritengo sia stato determinante)?
    Grazie Nicola
    p.s. ho 42 anni anni, ritengo di essere ormai malato cronico di Genoa, segue tutto e comunque, spesso mi incazzo, sabato al rigore sbagliato di Leon mi sono detto che ero ormai saturo, che non ce la facevo più. . ma poi il . . . morbo non mi dà tregua. . .

  23. Barbara says:

    Ciao Giovanni, anche secondo me la vittoria è strameritata. In questo momento Di Vaio dovrebbe partire dalla panchina, e fare il tridente con Greco a sinistra, Gasparetto al centro e Leon a destra in casa, Botta, Gasparetto e Leon in trasferta.
    Grande De Rosa, che sembra sempre di più un vero attaccante.

  24. Corrado says:

    Caro Giò subito al buon Mimmo una raccomandazione,cioè quella di giocare sempre(vale per tutta la squadra)con lo spirito dell’ultima gara,che incarna quello che noi genoani vogliamo da loro la fierezza di portare la maglia a quarti rossoblu,quindi di difendere le nostre tradizioni quali prima squadra d’Italia con una storia unica.
    La domanda? ma lui lo sa che Torino è triste e c’è la nebbia? mentre a Genova abbiamo una maccaia che ti si attacca al cuore
    Salutoni e FORZA GENOA

  25. Patrizia says:

    Pensa caro Nicola Giussani che anch’ io al rigore sbagliato di Leon ho preso e mi sono alzata dal divano pronta a non tornare più, spergiurando che non avrei più guardato una partita, che ero stufa ,chequi -chelà – chesù – chegiù… e dopo due minuti urlavo come una pazza al gol di Gaetano…IO che ho pianto un’estate e avevo incubi notturni, sognando il Genoa in A e svegliandomi trovarlo in C 1….. ed ora qui a soffrire ogni partita quasi fino a star male.

  26. Federico84 says:

    Dalla “cattivissima” radiocronaca della Rai pensavo che avessimo fatto proprio schifo (han detto anche che bisognava cambiare mezza squadra per fare qualcosa…), invece abbiamo preso una traversa e avuto qualche altra occasione importante. Pur non avendo potuto essere allo stadio penso che non sia andata così male (risultato a parte!), ma occorre fare un salto di qualità.

  27. laura says:

    Buongiorno Giovanni,ieri sera ho seguito la trasmissione che aveva per ospite Mimmo Criscito e devo dire che mi ha dato l’impressione di essere il figlio che tutti ci augureremmo d’avere,il fidanzato ideale.Tutto questo non perchè è bello e avrà sicuramente un gran futuro ma perchè è serio,pulito,quasi spaesato davanti al tanto clamore che generano le sue prestazioni e il suo modo di giocare.Gli auguro di non cambiare,di non montarsi la testa perchè ,purtroppo,dalle stelle alle stalle è un attimo(Genoa docet).P.S. MImmo e prendilo sto’ diploma!!!!!!!!

  28. Corrado says:

    Carissimo Giò ieri ho visto Criscito a Gradinata Tv e mi ha dato l’impressione di essere un campione nella vita come lo è in campo nonostante l’età molto giovane.
    Finito di essere buono voglio essere un pò maleducato ed impertinente.
    Verso fine trasmissione apriti cielo ecco il consiglio da Nonna Papera preso dal Manuale delle Giovani Marmotte,di Luca Pellegrini che se ne esce col bel consiglio “prenditi un pezzo di carta”.
    Ora penso che Criscito sappia benissimo cosa fare e poi del resto quando Capello alla mattina lo chiamava per l’allenamento certo stava male dire”mister e la scuola?”.
    Il ragazzo è giovane si farà e un pezzo di carta anche lui prenderà,a parte gli scherzi come ben fa Claudio Onofri che parla quasi esclusivamente di calcio(in modo sublime) secondo me anche Pellegrini se si limitava a dare un consiglio meno extra calcistico forse era meglio,la tv del buon Samaritano lasciamola agli altri.
    Complimenti ancora all’ottimo Mimmo oramai….diplomato e bianconero

  29. giovanni.porcella says:

    simpaticissimo corrado

    bello questo post, davvero.

    grazie

    g.

  30. Corrado says:

    Grazie a te e Primocanale per esistere,e darci inoltre la possibilità di dire la nostra attraverso questo blog.
    Ciao e FORZA GENOA

  31. Nicola says:

    Ciao Giovanni, ho scritto anche ieri, scusa se mi ripeto.
    Sfogliando i giornali locali, scorrendo il vostro blog, guardando le tv locali sento un gran parlare dei sampdoriani a cui non vanno bene i demenziali spostamenti di orario da parte della Lega.
    Dicono che fanno schifo e che li danneggiano.
    Benissimo, tutto vero.
    Ma nelle redazioni si pensa che invece a noi genoani queste trovate -atte a non farci andare allo stadio- vadano bene?
    Se proprio non volete denunciare questo schifo nazionale attraverso i vs. organi -come invece sarebbe il caso- almeno per piacere riferite che la cosa non va bene nemmeno a noi.
    Fino a prova contraria chi rischia di vedere 2 partite fra le prossime 4 alle ore 15 di un giorno lavorativo, siamo noi, e non loro.
    Per i sampdoriani è stato montato un can can mediatico senza precedenti per una partita (quella con l’Atalanta), per noi acqua liscia sotto i ponti.
    Bisognerebbe per esempio che alcuni tuoi colleghi di fede opposta -visto che poi quand’ è il momento “buono”, del Genoa ne parlano, eccome- si esprimessero al plurale anche nel menzionare i disagi dei tifosi.
    Perchè non è detto che quando si pronuncia la B di blucerchiato lo si debba fare sempre per recriminare su qualcosa, mentre quando appare la G di Genoa, tutto deve andare bene.
    E casi ce ne sarebbero parecchi, a partire dal discorso inerente il prato, dove sembra giochino soltanto i calciatori della sampdoria.
    Perdona lo sfogo Giovanni, ma è un pò che questa cosa mi frulla dentro.
    Un caro saluto

  32. nicola giussani says:

    grazie a giovanni per aver posto la mia domanda a criscito, del resto me lo merito, seguo fedelmente le televisioni locali dai tempi di “panchina cabaret” di Sirianni, dai mitici derby serali di Tivuesse. Anche queste trasmissioni, oltre alla ormai trentennale frequentazione dello stadio, hanno contribuito a rendermi genoano, non essendolo di famiglia (nessun familiare interessato al calcio). Ora anche mio padre e mia madre, pur già di una certa età, seguono appassionatamente le vicende del grifone. Potenza del grifo.
    Grazie anche a Patrizia per essersi accomunata al mio “dolore” calcistico.

  33. ste71 says:

    Per Nicola.
    Sono doriano e non dovrei scrivere su questo blog, ma visto che un po’ ci hai tirato in causa…. Il motivo per cui si parla più delle nostre proteste che delle vostre sta nel fatto che….noi protestiamo, voi no.
    Se anche voi metteste in atto manifestazioni più ecclatanti(la cui utilità è tutta da dimostrare…intendiamoci…)contro questo skyfo di calcio, vi sarebbe dato più risalto.

  34. Nicola says:

    Per Ste71.
    E’ vero voi avete attuato contro l’Atalanta una forma di protesta che si è guadagnata la menzione, così come è stato stra-sottolineato il vostro sciopero del tifo di mezz’ora dopo i fatti di Catania.
    Lo stesso silenzio di mezz’ora che abbiamo attuato anche noi (partita col Modena) anche se nessuno l’ha enfatizzata alla stessa maniera, la giusta maniera.
    Siccome però non voglio entrare in polemica, ti dico soltanto che qualsiasi striscione o coro noi abbiamo effettuato per protestare, nell’ultimo anno e mezzo, ci sono state cioccate multe per una quantità di Euro, inferiore solamente a quella collezionata dal Napoli, i cui tifosi ad ogni partita casalinga -ad esempio- prendono d’assalto il commissariato di Polizia di Fuorigrotta.
    Questo per spegarti di come ultimamente ci siamo un pò stufati di funzionare da capro espiatorio dell’Italia calcistica, una specie di lavoro ai fianchi che ci ha tolto la voglia di alzare la voce.
    Il fatto di averci un pò mollato a livello collettivo, non significa però nè che ci vadano bene le idiozie contro cui tutti noi tifosi ci scagliamo (vedi orari partite) e questo emerge dai blog muri interventi telefonici ecc, nè che gli organi di stampa -almeno localmente- ci debbano un risalto inferiore a quello che danno a voi.
    E questo lo sostengo in relazione sia ai giornalisti di fede genoana, che a quelli della tua squadra, i quali ultimamente ho notato molto inclini a certe denuncie, tuttavia un pò…….a senso unico.
    Era solo una constatazione.

  35. ste71 says:

    Nemmeno io volevo essere polemico, però credimi che se si vuole fare effetto sui media (unico modo purtroppo per farsi sentire a livello nazionale) bisogna manifestare in modo ecclatante. Di striscioni ne abbiamo fatti a bizzeffe anche noi (sinceramente non so dirti la quantità di multe comminate…) ma non sono mai serviti a niente. Ma il problema sta proprio qui: quante tifoserie sono disposte a rinunciare di vedere giocare la propria squadra per una causa (più o meno importante…problemi in italia ce n’è sicuramente di peggiori…) ? Tantèvero che come avrai notato non tutta la nostra tifoseria ha aderito all’iniziativa.
    Quindi alla fine penso che l’importante sia che se ne parli. Poco o tanto ma che se ne parli.
    Ma è solo una mia opinione.

  36. Nicola says:

    Sono d’accordo con te, e resto anche dell’idea che i media ci devono dare una grossa mano.

  37. ferdi says:

    Giovanni,

    con tutta la stima, e non è per dire, che ho per la tua/vostra (Michieli anche è bravissimo) professionalità, possibile che ancora non abbiate compreso che la costruzione di uno stadio nuovo è una macchina messa in moto da alcuni anni ormai in nome del quale un’amministrazione pubblica si è mossa ventre a terra e che l’assegnazione degli europei 2012 non erano/sono per il Ferraris ma per lo stadio nuovo “privato”?

    Speriamo che gli europei non vengano attribuiti all’Italia e, in sottordine, che non vengano davvero attribuiti a Genova.

    L’Amministrazione avrebbe fatto miglior figura ad indignarsi non ora, che, solo per il momento, Genoa è fuori dagli elenchi ufficiali, ma quando il Genoa fu preso per i capelli, calpestato, sbattuto in C a disprezzo della città intera non solo senza uno straccio di prova, ma con umiliazioni del presidente da parte di giudici un pò “gogliardi” e con sentenze scritte in avanti.

    Invece silenzio. E adesso parlano di cause legali. Come definirli?

  38. dadde says:

    Secondo me – e chiedo scusa a Nicola e a Ste71 se mi intrometto – bisognerebbe unire le forze tra Genoani e Sampdoriani in qualcosa di rumoroso ma di assolutamente pacifico… Che sò… Partire dallo Stadio con un corteo in un orario particolare… Tipo ore 15… Pensando solo agli abbonati nostri e vostri arriviamo a circa 30/35.000 abbonati, fossimo almeno 5.000 per le vie di Genova farebbe molto ma molto clamore. E magari ci si potrebbe unire anche una protestina per la mancata assegnazione a Genova di Euro 2012 così – magari – vi prenderebbero parte anche le istituzioni…

Lascia un commento

LA VITTORIA DI PREZIOSI

Di Gasperini, converrete con me, non c’è bisogna che io aggiunga ulteriori e stucchevoli concetti che conoscete. Ho sollevato il

QUA LA MANO AMICI, CON LA JUVE RIPRENDIAMOCI IL FERRARIS

Col Chievo una vittoria in rimonta firmata Matri-Pinilla. Gasperini valutera’ con calma se farli giocare piu’ spesso assieme senza dimenticare

DAI, RICOMINCIAMO

La botta è stata, ed è ancora ora durissima. Fa male vedere Genova cosi’. Una vittima, tanti sfollati, fango ovunque,

LA RIVINCITA (MERITATA) DEL GASP

Perso il derby, il Genoa si va a riprendere i tre punti a Parma. Ma vado subito al nocciolo perché

Search

Archivio