IL MOMENTO DELLA VERITA’

11 Nov 2006 by Giovanni Porcella, 64 Commenti »

Il momento è di quelli difficili, inutile girarci intorno. La squadra è stanca, Rossi non puo’ rifiatare ed è costretto a giocare con le infiltrazioni, lo stesso Milanetto fa gli straordinari, in difesa non puo’ permettersi di lasciare fuori De Rosa e Bega se non sono guai, in piu’ manca un centravanti di ruolo, è evidente. Ma questo Genoa a piccoli passi avanza ed il gruppo da quadrato. Il pari con l’Albinoleffe, terzo della serie, potrà far storcere la bocca ai soliti inguaribili sognatori o a chi ripete la solita solfa: “dodici anni che siamo in B….” eppure è un risultato positivo. Verissimo, il Genoa non è piu’ quello di settembre ed ottobre, ma un po’ di flessione era anche logico attendersela. Insomma è il momento di non prendere fischi per fiaschi nei giudizi e neppure lucciole per lanterne con troppa criticità. Piedi per terra, realismo e guardare avanti sempre con umiltà. Sabato c’è lo Spezia, dovremo giocare in casa come fanno altre squadre, oppure avranno al meglio gli snob, i pessimisti, i mugugnoni di professione? Tocca alla Nord fare la sua parte. Lo dicevo, c’è bisogno prima o poi della Gradinata e adesso bisogna capire se questo ambiente è carneo o pesce, prima ancora delal squadra che in undici partite ha perso solo due volte.

64 Commenti

  1. serena says:

    ciao giovanni oggi l ho seguita grazie a voi non sono potuta andare a bergamo causa lavoro. il mio ragazzo era la ed è ancora in viaggio. dice che abbiamo giocato male, il genoa di oggi non sembra neanche la fotocopia del genoa delle scorse settimane.Come mai? non voglio pensare che siano già stanchi dopo così poche giornate…altresì voglio credere che sia solo il fatto di una sicurezza di essere primi altrimenti forse c è da preoccuparsi? io voglio pensare che il genoa vero sia quello visto fino a tre settimane fa e spero che sabato diano prova di questo e soprattutto spero di vedere uno stadio tutto rossoblu a tifare come non mai e non il tifo “snob” visto e sentito fino ad ora!

  2. claudio says:

    Cosa si, può dire? Di questi tre pareggi ci abbiamo messo del nostro,sia per quanto riguarda gli errori difensivi che per la “strategia” del far rifiatare la squadra.
    Le nostre avversarie hanno visto come Gasperini fa giocare il Genoa e allora giù con un pressing asfissiante che non riesce a far ragionare i nostri.(questo per me è il nodo della questione)
    Lungi da me voler criticare,ne Gasperini e ne i giocatori,ma nei momenti topici,quando i nostri avversari vanno a mille,non si potrebbe attuare una alternativa al vero gioco del Genoa? il Genoa,quando è pressato nella sua tre quarti,e oggi è quasi accaduto per tutto il secondo tempo,è mai possibile non riuscire a prendere il pallone ed in coppia con un compagno di squadra (la famosa catena di Bagnoli) tentare di portarlo nell’area o a fondo campo nella parte degli avversari,una volta non ci riusciremo ma poi differenziando tra la fascia destra e sinistra qualcosa riusciremo pure a fare.
    Saluti.

  3. Giorgio says:

    Caro Giovanni,
    vi seguo con una certa frequenza da Parigi e grazie al sito dell’ACG riesco anche a vedermi, seppure con un po di ritardo, i gol del mio amato Genoa.
    Sono sempre d’accordo con le tue tesi e penso anche che quest’anno Primocanale abbia fatto un decisivo salto di qualità.
    Detto questo, credo che il Genoa di quest’anno sia una gran buona squadra e se torneremo a giocare come abbiamo fatto a ottobre, beh, alla fine del campionato diremmo che quel pareggio contro l’Albinoleffe non è stato poi così malvagio.
    E’ pero necessario che a partire dalla partita contro un, permettimi di dire, modesto Spezia la squadra ponga più attenzione in difesa, perchè gira che ti gira è quello il nostro punto debole, o no?
    Ho come l’impressione che bene o male prima o poi la buttiamo dentro però in queste ultime partite ce la buttano dentro anche gli altri. Ti ricordo un classico detto calcistico “i campionati si vincono con le difese forti” e con le vittorie per 1-0, non proprio un risultato da Genoa!
    E che la Nord torni a gioire!
    SARO SEMPRE CON TE, NON TI LASCERO MAI…GRANDE GENOA!

    Giorgio

  4. corrado says:

    Ciao Giovanni, ho visto in casa la partita su sky e sono contento del punto messo in saccoccia. Ricordiamoci che l’Albinoleffe non perde da ben 10 partite e in casa fino a ieri non aveva subito goal…che non siamo lucidi come inizio stagione mi sembra evidente, ma manteniamo sempre una logica di gioco eppoi, a parte la Juventus, non penso che siamo un’ammazza-campionato. Per la gente che mogugna nel fatto che siamo 12 anni che siamo in B ma cosa vuol dire? Ricordiamoci dove eravamo l’anno scorso, arrivare a i play off mi sembrerebbe già un buon traguardo. Saluti Corrado

  5. antonio says:

    io o una mia idea sulle scuadre vincenti:
    qundo si gioca male si vince uno a zero strappando il risultato con i denti e con la classe dei singoli. e quando si gioca “al calcio” non ce ne deve essere per nessuno ,per ora il genoa mi sembra che di queste caratteristiche ne abbia solo una

  6. giaggia says:

    Giovanni sono perfettamente d’accordo con te. E’ il momento che il tifo faccia la sua parte, come lo ha sempre fatto in passato. La Nord ha sempre avuto il pregio di tirar fuori il meglio di sè proprio quando le cose giravano male o quando la squadra si trovava in difficoltà. Ieri non sono andato a Bergamo, ma ho guardato la partita da casa e devo dire che qualche segno di ripresa dal punto di vista del tifo si è sentito eccome. Adesso non poteva capitarci partita migliore di quella con lo Spezia, capace di fare quadrato intorno alla squadra e di creare un ambiente caldo, data la rivalità tra le due squadre. Ora è il momento di fare la nostra parte, il campionato si vince tutti insieme. Domenica sarò al solito posto nella mia Nord e mi piacerebbe far capire ai soliti mugugnoni, che siamo secondi in serie B dopo due mesi che guardiamo tutti dall’alto verso il basso. Due anni fa saremmo stati tutti euforici, altro che storie…forza ragazzi.

  7. Corrado says:

    Caro Giovanni concordo con te nel momento di difficoltà,per fare buoni campionati occorre avere poche squalifiche e non essere assediati dagli infortuni,come invece sta capitando a noi,anche se tutto sommato la classifica resta ancora buona(3 pareggi di seguito avrebbero potuta minarla).Per quanto riguarda la gradinata non sono d’accordo,nel senso che un bel tifo fa colore ed é bello da vedere(i nostri bellissimi derby meriterebbero un premio alla coreografia),ma se la squadra gioca bene oppure male dipende da ben altre cose.I tifosi per me sono parte importante dello stadio ma non della partita,io quando sento parlare dell’importanza del tifo penso che sia solo per fare un pò di “teatro”.Le belle stagioni non nascono casualmente ma con acqisti mirati e strategie che puntano sul futuro.Quindi dico diamo alla Nord ciò che é giusto,ma non il potere di vincere le partite quelle sono favole per chi ci vuole credere.Detto questo saluto tutti con affetto e il mitico grido “FORZA GENOA”.

  8. diego.milito says:

    Ciao Giovanni,

    sono d’accordo con te. Quello con l’Albinoleffe è un buon punto, ci mancavano De Rosa e Bega e molti erano acciaccati.

    Però è un peccato aver buttato via 2 punti in questo modo (con un gol regalato).

    Complimenti anche a Barasso che ieri ha davvero giocato bene, facendo quel miracolo nel primo tempo!

    Ora sotto con lo Spezia: ci servono i 3 punti!!!

  9. enrico says:

    Dai Giovanni, basta con sta Nord.
    Sabato a Bergamo c’era tanto silenzio allo stadio, per via dei pochi tifosi dell’Albinoleffe presenti, che Mondonico sentiva e discuteva per i commenti “bisbigliati” in tribuna. Eppure i bergamaschi sono a pochi punti da noi.
    Un’altra curiosità: il Catania in serie A, ha collezionato 4 vittorie su un campo neutro e un silenzio imbarazzante.
    Scindiamo il tifo (che cmq quando c’è è un bel vedere) dal rendimento della squadra.

    Il Genoa è in un ottima posizione di classifica, ci mancherebbe, ma non è certo per via dei risultati inanellati da un mese a questa parte. Sono convinto che il vero genoa sia quello visto di recente, del resto con il modulo che adotta, non ha 11 giocatori in grado di reggere. Ha fatto una partenza grandiosa e ora si è perso. La squadra passeggia – Milanetto su tutti – ed è indisponente perchè non cinica, cercano l’eurogoal o niente. E se ci preoccupavamo per l’attacco ora è la difesa che è imbarazzante (anche quella titolare).

    Comunque il destino non tradisce e Sabato c’è la gara con lo Spezia. Sarà il campo a smentire chi la vede come me, e ovvio, spero d’essere fortemente smentito.

  10. PIERO says:

    Caro Giovanni. E’ inutile girarci intorno. Questi non sono momenti difficili.Dopo quelli che abbiamo passato.Sono momenti che afvvengono normalmente in un campionato.Prendi esempio dal tuo amico Michieli per il quale momenti difficili per altra squadra non esistono.Ed a lui lui non gli passa nemmeno per la mente di girarci intorno.

  11. emanuele says:

    ciao a tutti,2 parole sul momento della squadra..reputo il genoa un gruppo da 4-5 posto,e’ ovvio che se giocasse tutto l’anno come a settembe-ottobre non avrebbe problemi ma tutti noi sappiamo che fisicamente sarebbe impossibile,quindi il termine usato”gruppo”vuole indicare,a mio parere,la mancanza in rosa di parecchi giocatori “decisivi”..in questo momento di elementi trascinanti vedo solo ROSSI,ADAILTON,DE ROSA,BEGA..troppo pochi per vincere un campionato.Gli altri sono ottimi elementi,giovani finalmente promettenti,ma non ancora pronti per prendere in mano la situazione.Per concludere penso che resteremo sempre nel”gruppone”..ma saremo sempre condizionati da alti e bassi,se saremo pronti troveremo durante la stagione delle svolte,stara’ a noi non sbagliarle.Certo se a gennaio arrivassero un bomber(tipo stellone..)un difensore alla de rosa e un centrocampista da A..cambia tutto!complimenti ad ogni modo a GASPERINI per il gioco dato alla squadra in poco tempo ed ai ragazzi per il gruppo che hanno creato SOLO GENOA E BASTAAAAA!!!!

  12. Marco says:

    Dopo un letta veloce ai commenti, sono daccordissimo con l’analisi della giustezza del risultato, avendo seguito la partita in televisione, per quanto espresso nel secondo tempo dai nostri ragazzi era da aspettrsi il goal della squadra di casa; inoltre vista la situazione rosa sarebbe da vedere e, qui sono fiducioso pre quanto riguarda il personale preposto all’interno della società, la necessità di aggiungere qualche pedina di peso per far si che in tutti i ruoli si abbia un’alternativa efettiva senza dover arrangiare destri a fare i sinistri o viceversa. Comunque un grazie di cuore per quello che fino ad oggi ci hanno fatto vedere Gasperini e la sua Truppa e che spero continueranno a farci vedere, in fin dei conti per ora abbiamo perso solo 2 partite e come diceva mio nonno 1 lo conti 0 no, naturalmente ciò non deve essere un alibi, ma solamente un constatazione riferita al momento visto la dificoltà a giocare come abbiamo fatto nei mesi precedenti. Sbato abbiamo lo Spezia e non parlatemi di derby perchè non lo è lo sarebbe con la Samp o qualsiasi altra squadra cittadina, ma non con loro od altre realtà regionali, dillo al tuo collega di Spezia e sono sicuro che anche senza Criscito squalificato e Bega fuori combattimento ci prenderemo i 3 punti.
    FORZA GENOA

  13. Paola says:

    Caro Giovanni, la cosa che più mi ha fatto male della partita con l’Albinoleffe non sono tanto i due punti persi o il terzo pareggio consecutivo; ci sono pareggi e pareggi, così come ci sono sconfitte e sconfitte: le partite di Modena e Lecce sono state entrambe perse dal Grifo ma in modo completamente diverso! Ieri non si è più visto il gioco palla a terra che conosciamo, non si è visto un tiro in porta oltre a quello di Milanetto da fuori area, Greco sembrava inesistente, tra Sculli e Fabiano non sembrava esserci più la complicità di prima…Aggiungiamo tutte le attenuanti che vogliamo: gli infortuni, le assenze, la difesa pasticciona, il consueto calo di novembre delle squadre di Gasperini…Certo, se basta che manchino due giocatori in difesa per non essere più quelli di sempre, allora è meglio correre ai ripari: difficile avere la rosa al completo durante tutto l’arco della stagione! Comunque resto fiduciosa,siamo all’inizio del campionato, abbiamo tempo per schiarirci le idee, ricomporci e rimediare agli errori…sempre Forza Genoa!!!!!!

  14. Silvio says:

    ora basta coi brontoloni. Vorrei ricordare che i campionati di B si vincono pareggiando fuori e vincendo in casa.

    A noi mancano due punti delle sconfitte di lecce e modena + due punti del pareggio in casa col crotone…

    direi non male per una squadra senza punte (non me ne voglia Greco ma si è ritrovato a far la prima punta per caso… e fino ad ora lo sta facendo egregiamente) e con molti giocatori nuovi e soprattutto giovani.

    Con l’Albinoleffe abbiamo rischiato di prendere gol solo su tiri da lontano e su palle inattive.

    Se proprio dovessi muovere una critica suggerirei al “Gaspe” di preparare meglio la difesa sulle palle inattive.

    Per il resto continuiamo a rimanere nei primi 4-5 posti e col ritorno di Figueroa puntiamo al secondo!!!!

    SEMPRE FORZA GENOA!!!

  15. patrizia says:

    ieri pomeriggio ho ritrovato il nostro fratello Cosmi nel programa della Ventura e ho avuto un moto di malinconia…un pò per l’annata secondo me indimenticabile e irripetibile per il valore singolo di ogni giocatore, un po perchè quella – e ne sono convinta – era PROPRIO la stagione giusta per arrivare alla serie A… e lo stesso serse ha espresso un sincero rimpianto per la piazza genoana, per il clima, per i tifosi, per la citta stessa in cui dice si trovava così bene…
    ciò mi ha fatto riflettere sugli errori commessi allora: troppi pareggi qualche sconfitta di troppo soprattutto nel girone di ritorno e ci è sfuggita una tranquilla meta per un soffio. Non vorrei che anche quest’anno i numerosi pareggi e la stanchezza potessero giocarci un tiro beffardo!! ( e due anni fa non c’era la Juve non c’era il Napoli, il Bologna e via discorrendo). Salutoni a tutti i miei fratelli genoani e un abbraccio a Giova.

  16. nicola giussani says:

    sono pienamente d’accordo sul richiamo alla nord ed in generale all’ambiente volto ad una visione più ottimistica di quello che ci sta succedendo. la verità è che, se per una volta lasciassimo perdere la categoria in cui giochiamo ed il risultato ad ogni costo, ci renderemmo conto che abbiamo una società solida, un presidente che ha creato una fondazione a nostro nome, una squadra che gioca al calcio come non si vedeva da tempo ed in definitiva CI SI DIVERTE.
    Vorrei anche aggiungere che la Nord ruggente, spontanea ed all’inglese di questi tempi non mi dispiace per niente.
    Un saluto a tutti gli amici genoani ed abbasso spezia! Nicola

  17. Ruben says:

    Ai momenti difficili siamo abituati,fin dal 7 Settembre 1893.
    E se oggi,13 Novembre 2006,siamo ancora qui,significa che i momenti difficili li abbiamo superati tutti.
    Contro tutto e contro tutti.
    Lo scorso anno passato prevalentemente in periferia e nelle aule dei tribunali,lo dimostra con certezza.
    Questo è un momento difficile che viviamo da secondi in classifica.
    Anzi,se guardiamo la media inglese,da primi in solitudine.
    Se qualcuno pensava che avremmo giocato 42 partite al ritmo di Genoa Cesena,pensava male,malissimo.
    Il problema,caro Giovanni,è sempre lo stesso e tu lo sai bene.
    Il problema del Genoa è l’ambiente.
    E quando parlo di ambiente sai a che cosa mi riferisco.
    Ne abbiamo discusso la scorsa settimana.
    E parlo del famoso impact…IL NOVEMBRE NERO DI GASPERINI…
    Ad esempio.
    E dei commenti similari.
    Questa settimana non si parla d’altro che di un fantomatico derby.
    Ma quale derby?
    E si getta benzine sul fuoco,in particolare dalle redazioni territoriali che non perdono occasione,a volte anche per bocca di alcuni dirigenti,per esacerbare gli animi.
    Vedi Giovanni,chi afferma che da 12 anni non vediamo la serie A,non lo dice perchè vorrebbe vedere il Genoa vincere tutte le partite 4 a 0.
    Lo dice perchè realmente non ne può più.
    Ma ti sei dimenticato che cosa abbiamo passato lo scorso anno?
    Beh, io Lumezzane,Giulianova e San Marino non li dimentico.
    Come non dimentico processi e penalizzazioni.
    Non ne posso più e allora divento, come tutti noi, irascibile.
    Ci vuole la vostra collaborazione per fare in modo che non ci siano tensioni e che tutto fili liscio,perchè quest’anno abbiamo squadra e potenziale per salire,anche senza play off.
    La Gradinata Nord lasciatela perdere.
    O meglio,lasciate che chi ha il carisma per governarla serenamente nell’interesse del Genoa,possa farlo senza problemi, preghiere o richieste.
    Voi occupatevi di fare il vostro mestiere e in questo momento guardate il Genoa con un pochino in più di benevolenza,lasciate stare i momenti diffficili,scrivete e parlate con ottimismo e non con disfattismo.
    E soprattutto,se si osanna una squadra,l’altra,che in 22 partite di campionato ne ha vinte 2 con ultima e penultima in classifica,noi che siamo secondi e stimo giocando un ottimo calcio,meriteremmo,come sempre,più rispetto da parte di tutti.
    Se cominciate voi da Genova,potrebbe essere costruttivo e utile,ma,,purtroppo,vedo che al minimo segnale di bassa marea,accadono sempre le stesse cose.
    Mi sembra già di sentirvi in questa settimana…
    Partita difficile,Genoa in crisi,lo Spezia rilanciato dalla vittoria e con 10.000 tifosi al seguito(si…10.000…forse diviso 6…)tenta il colpaccio…Greco è stanco, Milanetto è vecchio, Rosssi non regge il ritmo, la difesa colabrodo Barasso è scarso…
    Ecco dove siamo diversi dagli altri.
    Gli altri,quando hanno una squadra seconda in classifica che,nonostante infortuni a catena e squalifiche è li a giocarsela,se la tengono stretta,noi a Genova non vediamo l’ora che il Genoa vada male,perchè il Genoa fa notizia,perchè sul Genoa si può dire e scrivere ognoi genere di bufala…noi non abbiamo Direttori Generali che chiamano per lamentarsi…
    E se ci vogliamo aggiungere che agli abbonati è stata regalata una valigetta….
    VAI GRIFO SBRANA…E NON TI CURAR DI LORO…
    Grazie dello spazio Giovanni,un bello spaccato della nostra realtà.

  18. marco says:

    IO NON SONO D’ACCORDO CON CHI DICE CHE IL PAREGGIO A BERGAMO SIA UN RISULTATO NEGATIVO O MEGLIO IL TERZO PAREGGIO CONSECUTIVO UN SEGNALE DI CRISI. BISOGNA RICORDARSI SEMPRE CHE SEI A UN PUNTO DAL PIACENZA -1 IN MEDIA INGLESE MENTRE NOI SIAMO A 0 E SCORDARCI COMPLETAMENTE DEL CAMPIONATO DELLA SIG.RA VERGOGNA. SPERO VIVAMENTE CHE DA DOMENICA CI SIA DI NUOVO IL 12 UOMO PER FAVORE RAGIONIAMO E UNITI SI PUO’ SPERARE DI FARE UN’IMPRESA NATURALMENTE RELATIVA AL CAMPIONATO. MARCO

  19. Matteo says:

    CON RIFERIMENTO AL MESSAGGIO N° 10 di PIERO

    …e già, caro Giovanni, non prendere spunto dalla razionalità, l’intelligenza e la lungimiranza dei tifosi dell’Altra squadra tipo Michieli che, il cervello provano ad usarlo;
    Per esempio facciamo come al solito che a Luglio siamo già in serie A pensando se l’obbiettivo prossimo sarà uefa oppure champions e poi dopo tre pareggi si cercano 3/4 acquisti (perchè Tizio non và e Caio è stanco)…e poi la nord ? che problemone ? da non dormirci la notte ! e che dire di Figueroa ? sarà davvero tifoso genoano dalla nascita (con tatuaggio tipo Carparelli) o si è solo innamorato dei colori appena li ha visti ? e poi ancora…Adailton continurà a segnare con regolarità (15 rigori l’anno è la media al genoa) oppure scopriremo il perchè sono 10 anni che è in italia, ed ha sempre giocato in B…
    Sono queste le vere questioni, caro Giovanni, che un vero vecchio balordo grifone dal DNA rossoblù genovese nato a Castelletto col genoa nel cuore, l’adesivo sul casco e la bandiera alla finestra, deve affrontare durante la sua lunghissima, quasi infinita, attesa di tornare ove gli compete ovvero da dove manca da oramai 88 anni !!!
    Se mai non ne avessimo creiamoci dei problemi…non saremmo genoani altrimenti…

    p.s. vai moderatore, come al solito, pensaci tu !!!

  20. Federico says:

    “Il poco si conta, è il niente che non si conta!” Questa sottospecie di proverbio fa al caso nostro, perchè se è vero che siamo stati meno lucidi di inizio stagione e abbiamo perso qualche punto, è altrettanto vero che in ogni caso l’idea di gioco c’è, è viva, e su questo dobbiamo puntare fino alla fine della stagione.
    Scordiamoci un campionato di vertice perchè c’è la Juventus, e ci sono altre buone squadre che possono arrivare seconde, ma il Genoa è stato costruito con la sapiente unione di giocatori esperti e giovani, il tutto condito da un bravo allenatore e un presidente che quando c’è da investire non si tira certo indietro. Abbiamo anche noi le nostre buone possibilità, e vedrete che presto arriverà anche la vittoria!

  21. ZAZZA says:

    secondo me voi girnalisti genovesi che tanto ve la tirate da genoani mi fate un pò ridere perchè il doria perde mille partite e vince con un asquadra non alla frutta ma di più e scrivete tutti grande prova dei ragazzi di Novellino il Grande Genoa pareggia tre partite di cui due fuori casa e una in casa
    ma soprattuto quella fuori casa a Verona e un a a Bergamo dove l’abinoleffe non subiva gol da 300 e passa minuti e si parla subito di novembre nero di Gasperini e crisi di Gioco ma pensate di più con il vostro cervello e fatevi meno condizionare da personoggi maffi. Per chi non lo sapesse i campionati di B si vincono pareggiando fuori e vincendo in casa.

  22. michela says:

    non posso che dare ragione a quello che ho letto sul tuo post…. Io spero che sabato contro lo spezia ci sia la gradinata di un tempo…. e smettiamo di lamentarci e cito il titolo di un libro di Faletti: Niente di vero tranne gli occhi… e quello che ho visto coi miei occhi è stato un bel gioco e organizzazione della squadra … FORZA GENOA

  23. fabrizio says:

    a me manca Diego Milito….. questo Genoa con lui sarebbe PERFETTO …. Scusa Giovanni ma se il Genoa tornasse nella Sua serie ( non la nomino per sacramanzia) potrebbe tornare??? Vorrei dare un’idea per la trasmissione di Sirianni: il Genoa è peccato? Come la lussuria o la gola, o il peccato lo provoca… l’Invidia??? Scusate il tono evidentemente scherzoso…. Complimenti per il blog e per il nome … è carino GRIFFHOUSE… molto british

  24. leone says:

    Non dobbiamo mollare…. questo non è un momento di crisi ma solo un campanello d’allarme che servirà a vedere dove sono gli errori e porvi rimedio. Ma ci ricordiamo l’anno scorso quando si commentavano i processi , le leggi, bilanci etc senza parlare delle manifestazioni di piazza??? Decisamente meglio oggi e sentire Onofri che parla di tattica, Cesari che “commenta” gli arbitri . DAI GENOA… che ce la faremo….

  25. vittoria says:

    scusa Porcella ma il mio pensiero và al presidente Preziosi che a mio modesto parere stà lavorando bene… Anche scegliendo i suoi collaboratori come Gaucci e il figlio Fabrizio.. e poi come disse Lorenzo de’Medici.. del doman non v’è certezza, chi vuol esser lieto sia. FORZA GENOA

  26. patrizia says:

    vola grifoneeee volaaaaaa!!!!!!!

  27. adriana says:

    Per caso e curiosità ho letto il blog di Marco Rocca… avrei voluto scrivere a lui per la cabala ma noi Genoani della cabala (scusa la ripetizione) non frega niente…. Bisognerebbe spiegare agli spezzini cosa vuol dire e da dove proviene la parola “derby” ecco fatto: termine inglese che si usava per le gare di ippica della STESSA CITTA’ e che gli inglesi hanno in seguito usato per il calcio. Quindi non è per snobismo che non vogliamo usare quella parola con loro è palese che Genova non è la spezia!!!! Certo che per noi è una partita importante ed è l’occasione per riunirci ma è solo questo e non altro… una partita importante… E poi ,forse loro non ci sono abituati, noi le coreografie importanti le abbiamo sempre fatte è semplicemente la nostra storia… Ma loro che abitano a la spezia la sanno la storia della loro città e del perchè del loro notorio “brutto carattere”???????? Aspettiamo il risultato della partita e come sempre VINCA IL MIGLIORE…
    P.S.
    Noi siamo 2° in classifica… loro???

  28. giovanni.porcella says:

    Carissima Adriana
    Intanto grazie per avermi scritto e insieme a te saluto le tante donne genoane che intervengono a Grifhouse. Siete davvero tante e simpatiche. Detto questo voglio prendere spunto del tuo post per chiarire una volta per tutte che Genoa-Spezia non è un derby. Con questo penso che nessuno si debba offendere. Tra Milan-Brescia o Inter-Atalanta mi risulta che siano in pochi a parlare di derby. Tra Bari e Lecce o Napoli e Salernitana invece sì, semplicemente perchè quelle città non hanno due squadre che si scontrano a livello professionistico e allora c’è l’interesse di tutti a crearselo un derby, ma regionale. Insomma la verità è questa senza che nessuno si scandalizzi. Il derby a Genova è uno solo. Co0n questo lo Spezia va rispettato fino in fondo, ma non nell’ottica di un derby.

  29. serena says:

    grande Ruben intervento perfetto e condivisibile…quello che ha scritto è tutto ciò che io penso…noi pareggiamo 3 partite e siamo in crisi, periodo nero, novembre nero di gasperini ecc., l altra squadra ha vinto con l ultima in classifica grande prova dei ragazzi…!!!ma per favore…vedrai che domenica a torino si ridimensionano un attimo…comunque tutti quanti cerchiamo di portare intorno al genoa solo ottimismo e non quell aria disfattista che ho visto domenica sera nel vostro programma…grazie…era inevitabile non vedere il genoa giocare 42 partite come con il cesena..tutti ci speravamo…ma dal dire che siamo in crisi…ce ne passa…!ricordiamoci che cmq anche se è uno sport per loro è pur sempre un lavoro e come tutti i lavori si possono avere momenti di stanchezza che poi passano..sabato tutti allo stadio a tifare e smettiamolo di lamentarci e ricordiamoci che…”l ottimismo è il sale della vita”…devo dire che spesso mi riguardo il tuo urlo e riesce a distanza di tanto tempo a farmi scendere una lacrima e s rivivere tutte quelle emozioni che abbiamo vissuto tutti insieme…

  30. federico says:

    GRANDE GENOA…. E spero che l’Ottavio rimanga per tutto il campionato… solo tutti uniti riusciremo a vincerlo!!!! Contro chi giochiamo sabato???

  31. roberta says:

    L’Invidia è una brutta bestia… e mi rivolgo agli spezzini… Noi genoani non siamo snob (figuriamoci) e spocchiosi… Abbiamo una storia e nessuno ce la può cancellare ma invidiare sì.. ed è meglio essere invidiati che compatiti.. FORZA GENOA

  32. lorenzo says:

    ma basta con queste storie… spezzini non rosicate troppo… e non create questo clima perchè il Genoano così dà il meglio…. Einstein diceva: solo due cose sono infinite, l’universo e la stupidità umana e non sono sicuro della prima.Un ciao da Lorenzo doriano

  33. Nicola says:

    Ciao Giovanni, ho letto un po tutti gli interventi a questo tuo nuovo spunto.
    Direi che dissento alla grande da Enrico (il vero Genoa è questo lo dice solo lui, se aspetta smentite posso dargliene una adesso io in diretta: ma cosa stai dicendo???), mentre NON si può NON essere d’accordo con Ruben.
    Non voglio ripetere cose che lui ha già detto prima, ma -fermo stante che quando tu Giovanni sostieni che il Genoa ha bisogno del tifo dici una cosa giusta quanto ovvia- vorrei soltanto riportare una mia impressione.
    Ultima di centinaia, maturate negli anni.
    Ho sentito con le mie orecchie i tuoi colleghi Russo e Michieli (che mi è pure simpatico), fare un’understatement sulla attuale situazione sampdoria, al cui confronto le veline ai tempi del duce sono robetta.
    Si sentono toni trionfalistici e supersoddisfatti per 2 vittorie (coppa Italia col Palermo (presi a pallonate per un tempo) e col Chievo (squadra da media serie B), quando la sampdoria nell’anno solare ha una media vergognosa.
    Allora a me, a noi, non interessa niente della sampdoria, e se i suoi tifosi sono contenti, buon per loro, ma NON tollero più di leggere sentire vedere toni da allarme rosso quando noi, DA SECONDI IN CLASSIFICA, pareggiamo 3 partite di fila, in un contesto giornalistico che -al contrario tiene bassa ogni turbativa in casa sampdoria, e cerca al contrario il pelo nell’uovo appena si parla di genoa.
    Sono stufo io, come quasi tutti i genoani, meno probabilmente quelli che la pensano come Enrico, il quale probabilmente gode a sentire parlare di problemi, sempre, e a prescindere.
    Ti saluto con simpatia.

  34. serena says:

    caro nicola io forse la penso come preziosi ma sono anch io stufa di sentir parlare della crisi del genoa..forse l unica squadra in crisi ora è l altra…ma nessuno lo dice…e poi non penso che preziosi “goda a sentir parlare di problemi sempre e a prescindere” .cerchiamo di essere per una volta tutti dalla stessa parte solo per il bene del genoa.

  35. Silvio says:

    Ma spezia non è in Toscana???

    ;-)

  36. serena says:

    per nicola: forse non parlavi di enrico il nostro cioè preziosi???se è così chiedo scusa…ciao da serena

  37. Federico says:

    La rivalità fra Genoa e Spezia deriva dal fatto che loro sono gemellati con la Sampdoria. Lo sappiamo tutti come funzionano i gemellaggi, e l’unico vero motivo di questi veleni (insopportabili) è proprio il legame con i ciclisti. Anche loro quando giocano con il Napoli o il Toro si insultano, ma il fatto che Spezia faccia parte della Liguria rende tutto più fastidioso. Il resto, è aria fritta!

  38. pietro says:

    Prendo spunto dall’ottimo intervento di Ruben, e pongo a Giovanni una domanda. Una domanda che, per essere chiari, non vuole riferirsi particolarmente alle contingenze attuali, ma vuole avere un carattere molto più generale.
    La domanda, che cerco di sintetizzare al massimo, è questa: perché storicamente, tradizionalmente, da sempre a che io mi ricordi (e ho oramai 47 anni), al Genoa uno starnuto è, a livello giornalistico, descritto come una bufera di vento e pioggia, e al contrario alla Sampdoria una alluvione viene descritta come una leggera perdita dal tubo del w.c.?
    Perché? Da cosa dipende questa tradizione?
    Caro Giovanni, tu sei un giornalista genovese e quindi immagino che saprai rispondere.
    Se puoi, fallo sinceramente.
    Grazie.

  39. patrizia says:

    Spezia, come dice il Sig Pirito è in Lunigiana. Quindi niente derby, niente straregionale… solo partita di routine contro una squadra attenta a non retrocedere. Mittico GENOA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  40. pietro says:

    Aggiungo una considerazione al mio intervento di prima, perché penso possa essere esemplificativa del concetto che volevo esprimere.
    Quello che ci è capitato l’estate scorsa (a prescindere perché e per colpa di chi) è stato indubbiamente, quello sì, calcisticamente parlando, un autentico dramma, un autentico disastro che ha messo a serissimo rischio la nostra stessa sopravvivenza.
    I toni usati dai media genovesi per parlarne sono ovviamente stati assai gravi ed allarmati, ma, paradossalmente, non più di tanto rispetto agli “starnuti” di cui parlavo prima.
    Voglio dire: se un osservatore proveniente dal pianeta Marte e del tutto digiuno di calcio e di Genoa avesse visto i toni usati l’estate scorsa e quelli usati in occasione dell’attuale “novembre nero di Gasperini”, tutto sommato non vi avrebbe notato una grande differenza e avrebbe finito probabilmente per pensare che si trattava di due problemi più o meno di analoga gravità.

  41. giovanni.porcella says:

    Caro Pietro
    Sono in parte d’accordo con te. Nel senso che l’opinione pubblica nei confronti del Genoa puo’ avere anche un senso critico maggiore anche operchè da dodici anni mi pare che per noi le cose non vadano per nulla bene. Ora il vento pero’ mi pare un po’ cambiato malgrado la mazzata di due anni fa. Il problema è che spesso, e da questo blog l’ho fatto subito notare, sono i nostri tifosi ad avere atteggiameti disfattisti. Dopo la gara col Crotone, la stampa in genere ha usato toni piuttosto soft, mentre le telefonate giunte nelle tv e i vari sms testimoniavano un pessimismo difficile da gestire. Il “novembre nero” era solo un dato statistico persino confermato ieri da Gasperini in collegamento col Genoa Club le due Torri di Recco. Se poi questa crisetta passerà siamo tutti contenti anche perchè la classifica è di tutto rispetto. Credo che questo campionato sia davvero molto difficile e che un piazzamento persino nei play-off possa considerarsi positivo. Pero’ ho fiducioa nel lavoro della dirigenza e del tecnico e quindi sono ottimista. Per i paragoni con l’altra sponda io mi attengo ai fatti: primocanale non è stata tenera con la Samp e Novellino è stato messo in forte discussione dopo al sconfitta di Cagliari a cuii è seguita quella di Palermo. Forse interessandoti solo del Genoa qualche commento sui cugini ti è sfuggito, ma ti assicuro che non ci sono stati molti sconti. Se poi è arrivato il successo col Chievo e la loro classifica è migliorata di molto questo fa sì che i giudizi cambino anche perchè c’è la serie A e purtroppo per noi la serie B. Ed è quello che noi dobbiamo guardare e basta. E’ troppo importante tornare dove ci compete giocare. A patto che le regole del gioco siano oneste e non ci sia qualcuno che il Genoa in A proprio non ce lo voglia vedere. Ma non penso che ci sia questo problema.
    un saluto a tutti

  42. roberta says:

    Guarda Giovanni sono d’accordo con te a me è sembrato che tutto quello che ci è successo fosse sì gravissimo ( e se la COLPA c’è è giusto pagare) ma che le giuste pene siano state applicate solo a noi, perchè sì che alla juve hanno tolto 2 scudetti e hanno dato la retrocessione in B, ma le loro colpe erano assai piu’ gravi perchè , se non ricordo male, l’accusa era di aver falsato parecchi campionati!!!!! Mi viene in mente una frase di Giolitti che diceva: Il DIRITTO PER GLI AMICI VA’ INTERPRETATO PER I NEMICI VA’ APPLICATO. E purtroppo il ns PRESIDENTE ( giustamente) non è tanto amico del palazzo….

  43. Stefano says:

    Ciao Giovanni,mi chiamo Stefano e seguo spesso le vostre trasmissioni,soprattutto quella delle 13 visto che alla sera vado a scuola.Ho recentemente visto un programma sulle morti sospette dei giocatori della Fiorentina e di altre squadre,ma soprattutto dei viola,al che mi e’ venuta sponatnea una considerazione che mi appresto a sottoporti:che effetto hanno a lungo andare le continue infiltrazioni che subiscono i giocatori che devono essere recuperati? si sente dire sui giornali che hanno degli effetti miracolosi per rimettere in sesto i giocatori per la partita,ma siamo cosi’ sicuri che non avranno della conseguenze deleterie a gioco lungo? il gioco vale veramente la candela? Grazie

    Stefano

  44. Nicola says:

    Per Serena: ovviamente NON mi riferivo al Presidente Preziosi, ma ad un Enrico che ha scritto ieri, e leggi qualche commento più in su.

  45. dobro says:

    Giovanni scrive:”A patto che le regole del gioco siano oneste e non ci sia qualcuno che il Genoa in A proprio non ce lo voglia vedere. Ma non penso che ci sia questo problema.”

    caro giovanni,permettimi di sorridere…qui a Genova ci sono un sacco di persone,alcune delle quali molto piccole,che il Genoa in A non ce lo vogliono per niente,quindi il problema c’è eccome!
    ma saremo più forti anche di loro!

  46. GIANNI says:

    Mi permetto sommessamente di intervenire non per aizzare (non è nel mio costume) ma solo per dialogare. Leggo e sento da più parti che Spezia non è in Liguria, bensì in Lunigiana, se non in Toscana.
    La geografia la fanno gli uomini spostando un pò più in la o qua confini e dunque a parte le scemenze di carattere amministrativo, io credo che si debba conoscere un pò di storia.
    Basterebbe leggersi le cronache di Tito Livio o di qualche altro scrittore latino per capire che i romani ebbero le più cocenti sconfitte e la più grossa difficoltà in battaglia proprio affrontando i liguri (i cosiddetti liguri-apuani), insomma i primi rudi abitanti di queste terre. Livio non fa menzione nè di Genova, nè tanto meno di Spezia, ma di questi valorosi guerrieri abitanti nell’attuale zona di confine tra la Liguria e la Toscana.
    Questo per la precisione. Poi se vogliamo continuiamo pure a sfotterci…. cari cugini” piemontesi.

    FORZA SPEZIA

  47. alessandro says:

    buon giorno Giovanni e buon giorno a tutti.
    Il solo fatto che scrivi: “….A patto che le regole del gioco siano oneste e non ci sia qualcuno che il Genoa in A proprio non ce lo voglia vedere.” sta a significare che questa ipotesi, con raziocinio e giustificata da eventi, anche se sbolognata come poco credibile, è stata ed è messa sul tavolo delle opzioni.

    Sarebbe bene approfondire questo argomento una volta per tutte. Cosa ne pensi di organizzare un argomento-blog?

    Continuate con il buon lavoro

  48. patrizia says:

    buongiorno! ieri ho visto ad Arenzano aggregato alla Primavera grifoncini, il cinesino, sul campo sintetico N. Gambino. L’impressione che ho ricevuto è stata davvero molto positiva. Veloce, grintoso, motivato e buon giocoliere. Quante sorprese dal lontano oriente! sarebbe interessante seguire i sui progressi, coltivarlo e poi eventualmente calarlo come asso in un fututro prossimo. In effetti è molto giovane..sedici anni . Ma se già è in mezzo a noi un motivo ci sarà. Salutoni

  49. lmichela says:

    Scusa giovanni se uso il tuo blog per rispondere a Rocca…. Sul suo nuovo post scrive delle cose assurde tipo: vessazioni passate dai loro tifosi per i biglietti, il fatto che il Genoa ha delle pressioni, etc… Vorrei dire che se non ci sono tanti biglietti a loro disposizione è perche, mi dispiace per loro, abbiamo circa 19.000 abbonati ( quasi quanto gli abitanti di Spezia) l’ansia di vincere la devono avere anche loro perchè se no li condanerremo al ritorno nella LORO serie ( la C ) e le vessazioni????? Ma non si ricordano di come ci hanno trattato a Spezia l’anno scorso??? Tu stesso hai raccontato di aver fatto la telecronaca con addosso la gente che ti tirava di tutto e messo nei distinti insieme ai tifosi correndo dei rischi???? Ma finitela di fare le vittime se siete in serie B come noi venite a giocare la vostra partita senza fomentare casini…. E un’ultima cosa, non mettete bandiere della sampdoria e fate i tifosi della vostra squadra….

  50. Mirko says:

    Caro Giovanni, vai sul muro del gruppo
    bullone (www.gruppobullone.it) leggiti tutti gli insulti rivolti verso di te Pirito e Sirianni(lasciando perdere noi genoani) e poi capirai perche’ un certo Milo Campagni non vi apprezza… fossi l’editore eliminerei le apparizioni di chi fomenta le piazze per una partita normale… noi aspettiamo la juve altro che discorsi!!!!

  51. Nicola says:

    Per Michela: noto che in questi giorni di avvicinamento alla partita con lo Spezia le più battagliere e velenose qui sul blog sono le ragazze, e anche tu non fai certo eccezione.
    La foga ti ha fatto persino scrivere che abbiamo 19.000 abbonati !!!!
    Magari…….

  52. pietro says:

    Caro Giovanni,
    tu, rispondendomi, tra l’altro scrivi: “A patto che le regole del gioco siano oneste e non ci sia qualcuno che il Genoa in A proprio non ce lo voglia vedere. Ma non penso che ci sia questo problema”.
    Scusami, ma perché hai questo dubbio?
    In effetti, il solo fatto che ne dubiti, sia pure per escluderlo, implica già che una ipotesi (non palesemente assurda)in tal senso ci sia.
    Ma non eravamo noi tifosi ad essere un pò paranoici al riguardo?
    E poi chi sarebbe questo (sia pure molto ipotetico) “qualcuno” che potrebbe non gradire il Genoa in A?
    E dove risiede? Forse proprio a Genova?

  53. giovanni.porcella says:

    Caro Pietro: i dubbi sono legittimi e vengono a tutti quando si vedono le sentenze di calciopoli. Il Genoa ha sbagliato? Diciamo di si? Bene, serie C con penalizzazione e vessazioni varie. Le altre hanno manipolato due campionati? Bene, qualche punto di penalizzazione nella setssa categoria d’appartenenza e di conseguenza due schiaffoni alla Juventus che poi diventano schaiffi e basta tanto per riordinare le cose. Di qui la mia risposta: spero che in campo in B si giochi con regole oneste dove il Genoa puo’ dire la sua perchè se si ritorna al “gattopardo” allora mi vengono i brividi. Per il resto sono solo illazioni e congetture che non partono da alcuna prova. E quindi sono incommentabili per chi fa il mio lavoro. Capisco che un tifoso possa esprimersi liberamente.

  54. Federico says:

    Ragazzi quella di sabato è un derby regionale, quindi di minore importanza rispetto a un derby cittadino, ma è sempre una partita da vincere a tutti i costi, perchè l’anno scorso a La Spezia le banconote false in panchina non dovevano metterle. Questo fatto (peraltro ignorato dai media, l’avessimo mai fatto noi…) dimostrerà pure la loro piccola dimensione, ma a me non interessa, perchè credo che si possa vincere solo mettendosi alla pari con gli avversari. Per questo motivo auspico un’accoglienza in stile Genoa-Salernitana nei play-off: niente snobbismo e tanta voglia di vincere.

  55. Griffin5 says:

    COncordo con te! FORZA GENOA!!!!!

  56. Donbaky says:

    Per rispondere in parte all’ultimo post,credo che non ci sarà nessuna forma di snobbismo nei confronti della squadra dello Spezia.
    Non credo sia da noi…almeno io la penso cosi.
    E credo che oramai con tutto quello che si è detto sarà difficile che i ragazzi abbiamo un calo di concentrazione…in fondo in campo vanno loro. E se tanto mi da tanto chi gioca per questi colori (Rosso e Blu)sente e avverte la stessa tensione e carica che sentiamo noi.
    Poi ci può essere il giocatore più compassato ma credo che nel momento in cui avvertiranno la voglia di vincere da noi emanata sarà un’altra musica e l’adrenalina comincerà a salire.
    Voglia di vincere e essere sempre carichi come “sveglie”…
    io lo sono da sabato scorso appena finita la partita di bergamo…..

    anzi,forse lo sono da sempre!!!

    saluti
    don

  57. Donbaky says:

    Mio post delle 18,30:

    P.S. …E quindi da stasera vado in ritiro pure io(un giorno prima ebbene si!!!) :-)

    risaluti
    Don

  58. serena says:

    caro giovanni la curiosità si sa è femmina quindi sono andata a leggere il sito dello spezia e soprattutto il muro..ho letto solo cose offensive contro di noi e questo può passare ma anche contro di voi..dovrebbero solo che ringraziare primocanale che parla di loro e da così tanto spazio…povero pirito considerato un c……e e rimbambito!!!ho letto che hanno intenzione di venire a genova anche senza biglietto..speriamo non succeda niente visto che abbiamo già il campo diffidato..il fatto che ci saranno molti sampdoriani e parmensi non me ne può fregar di meno…almeno finalmente quest anno vedranno giocare a calcio visto che loro soprattutto i sampdoriani di calcio giocato ne vedono poco quest anno….vorrei sabato vedere uno stadio tipo genoa-salernitana…che emozioni…!!!baci a tutti e SOLO GENOA

  59. marco.rocca says:

    Cara Michela
    1) le mie considerazioni sui biglietti riguardano il fatto che ci sia una sola ricevitoria abilitata all’emissione dei ticket in Lottomatica (di chi sia la colpa è a questo punto trascurabile, ma è comunque uno schifo!).

    2) Alla Spezia vivono circa 90mila persone: 5.386 di queste sono abbonate per la loro squadra. lo sai che in proporzione non è una brutta cifra? fai due conti e sappimi dire.

    3) Giovanni non è stato trattato peggio di quanto non sia capitato a me all’andata (a fine match mi sono sciroppato qualche centinaio di gesti dell’ombrello e contumelie varie, che ho accettato col sorriso sulle labbra, esattamente come Giovanni). L’unica differenza (e qui hai ragione, sta nella collocazione delle postazioni giornalistiche).

    4) I casini li stai fomentando tu, con affermazioni miopi ed errate.

    5) ti saluto

    4) Quanto all’eventuale retrocessione in C, credimi, lo Spezia può farcela persino lasciando 3 punti al Ferraris.
    la storia dirà.

  60. Grifone86 says:

    Purtroppo abbiamo perso 5 punti in tre partite fondamentali per avere un po piu di tranquillita!! Bisogna stare tranquilli e cercare di fare almeno 7 punti nelle prossime tre partite(spezia,bologna,juve) FORZA RAGAZZIIII!!!!!!!

  61. claudio says:

    Caro Giovanni,

    ti copio incollo la prima parte dello scritto dell’11 nov . la seconda parte riguardava nello specifico la partita contro l’Albinoleffe.
    “Cosa si, può dire? Di questi tre pareggi ci abbiamo messo del nostro,sia per quanto riguarda gli errori difensivi che per la “strategia” del far rifiatare la squadra.
    Le nostre avversarie hanno visto come Gasperini fa giocare il Genoa e allora giù con un pressing asfissiante che non riesce a far ragionare i nostri.(questo per me è il nodo della questione).”
    Oggi leggendo l’articolo di mastro Onofri su repubblica identifica le mie stesse impressioni.
    Questo lo sto dicendo dalla partita pareggiata contro il Verona vista in TV.
    Ti faccio notare questo perché il giorno del pareggio contro l’Albinoleffe ti ho inviato un messaggio in TV in cui indicavo che Gasperini deve cambiare “sistema” di gioco, Tu non hai condiviso il mio messaggio.
    Il cambiare “sistema” significa trovare varianti e questo l’indicavo nel mio messaggio.
    Non voglio promuovere critiche a nessuno,ne a te e ne a Gasperini.

    Saluti

    Claudio.

  62. Donbaky says:

    Scusami tanto Giovanni,però andare a fare la prima domanda a Gasperini dicendo che lo spezia ha fatto una grande partita mi sembra troppo.
    Non per niente ti ha risposto ,come al solito a modo,dicendo che lo spezia ha fatto la “sua” partita cioe,aggiungo io,la solita partita a calci perchè se la metteva sul gioco era del gatto.
    Merito a loro comunque e peccato per le 6/7 occasioni sciupateda noi di cui 2/3 neutralizzate da santoni.

    P.S: se avessimo vinto noi in questo modo ci avreste comunque discusso dicendo che non abbiamo gioco etc. etc.
    e…anda !!!!!!!

    saluti cordiali
    Don

  63. alessandro says:

    Buon giorno Giovanni.
    Se i tifosi posono esprimersi liberamente, perchè non inserisci un argomento a proposito del complotto? Tu non ne parli, noi tifosi sì. Saluti.

  64. nylon tote bag

    Pros and cons of nylon tote bag.

Lascia un commento

LA RIVOLUZIONE DIFFICILE

Il mercato del Genoa è entrato nel vivo ma, sospendendo qualsiasi giudizio pur avvertendo vitalità, serve ancora molto per dare

ASPETTANDO GODOT, LE SCELTE DIFFICILI DI PREZIOSI

Al Genoa si respira un’aria di attesa e non solo per quanto riguarda il futuro della guida tecnica. A parte

IN SALVO TRA LE SOFFERENZE, PREZIOSI ORA COSA FARA’?

Per il Genoa una salvezza sul filo di lana tra indicibili sofferenze e con molta fortuna che si chiama Handanovic.

GENOA NEL BARATRO, A FIRENZE MATCH DRAMMATICO: MA FORSE BASTA UN PUNTO

Ora serve un miracolo al Genoa o quasi per restare in A. Ma se con la Fiorentina è un match

Search

Archivio